Comune di Courmayeur FUNIVIE MONTE BIANCO S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Courmayeur FUNIVIE MONTE BIANCO S.p.A."

Transcript

1 RIF. Piazzale SCHEDA TECNICA /6 PREMESSA Le attività di progettazione del complesso delle nuove funivie del Monte Bianco sono state sviluppate in evoluzione a partire dal progetto di fattibilità, passando per il progetto preliminare, definitivo, definitivo in variante ed infine esecutivo. Il raggruppamento temporaneo di progettisti sta espletando l'incarico di Direzione dei Lavori; i lavori, iniziati nella primavera del 2011, sono in fase di realizzazione con previsione di ultimazione entro l'anno La progettazione esecutiva relativa alle opere per la realizzazione del complesso delle nuove funivie del Monte Bianco sono fisiologicamente legate alla configurazione dei nuovi impianti funiviari ed alle condizioni ambientali di contorno. La nuova funivia bifune a va e vieni funge da arroccamento per il Monte Bianco e il suo comprensorio, nonché da collegamento con la Francia e, tramite gli impianti in territorio francese, con la cittadina di Chamonix. Il tracciato globale risulta suddiviso in due tronchi, il primo Pontal d'entreves - Mont Frety con portata di 800 pers/ora e cabina da 80 posti e il secondo Mont Frety - Punta Helbronner con portata di 600 pers/ora e cabina da 75 posti. Per il primo tronco sono previste cabine a pianta circolare così come per il secondo tronco dove però tali cabine sono state previste di tipo rotante. L'impianto previsto per entrambi i tronchi è una funivia del tipo a doppie funi portanti, ancorate fisse in entrambe le stazioni, e con funi traenti sospese tra le stesse mediante cavallotti di linea. Per entrambi i tronchi è prevista la medesima configurazione e precisamente: funi portanti con l'ancoraggio in entrambe le stazioni; stazione tenditrice delle funi traente e di soccorso a monte e stazione motrice ubicata a valle. In generale progetto esecutivo dell'opera, partendo dai principi enunciati nel progetto preliminare e nel rispetto di quanto successivamente indicato nel progetto definitivo, ha coniugato un inserimento ambientale delle opere armonico e qualificante per il territorio, con l'accurata scelta di materiali e tecnologie costruttive appropriate alle caratteristiche orografiche dei luoghi in cui verranno realizzate le opere. Da quota 1300 m di Pontal d'entreves fino ai 3460 m della sommità di Punta Helbronner si configurano infatti situazioni ambientali assai diverse. Le condizioni geologiche, morfologiche e climatiche sono inoltre così mutevoli che diventano esse stesse veri vincoli della progettazione, al punto da fare apparire sostanzialmente differenti fra loro i rispettivi siti; a ciò bisogna aggiungere i limiti di accesso alle aree del Pavillon e di Punta Helbronner e le problematiche legate alla complessa cantierabilità delle stesse. I criteri principali cui il progetto ha assolto sono dunque i seguenti: - Assicurare la piena rispondenza degli edifici e degli impianti alle particolari esigenze legate alle condizioni climatiche dei luoghi; - Adottare tecnologie costruttive appropriate alle possibilità di cantierizzazione dei luoghi; - Ricercare la massima efficienza ed affidabilità degli impianti, anche nell'ottica di ridurre gli oneri di gestione e di manutenzione; - Assicurare la fruibilità di tutte le infrastrutture e dei servizi da parte di ogni tipologia di utenza anche con condizioni climatiche particolarmente avverse; - Valorizzare i siti oggetto di intervento per le peculiari caratteristiche paesaggistiche di ognuno, che vanno dal fondo valle dell'area di Pontal d'entreves, alla panoramicità e ampiezza dell'area del Pavillon, all'eccezionalità del contesto glaciale di Punta Helbronner. GLI IMPIANTI REALIZZAZIONE DELL'OPERA: INIZIO: FINE: nell'anno 2011 previsto nell'anno 2016 IMPORTO DEI LAVORI: VIb: Euro ,00 1g: Euro ,06 IXc: Euro ,19 Ic: Euro ,45 TORINO PROGETTISTI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO CAPOGRUPPO MANDATARIO: DIMENSIONE INGENIERIE s.r.l. MANDANTI: FUNIPLAN s.r.l. Dott. Arch. Carlo CILLARA ROSSI PROTEO s.r.l SI.ME.TE. s.r.l. STUDIO CORONA s.r.l. STUDIO CANCELLI ASSOCIATO Dott. Geol. Roby VUILLERMOZ Dott. Ing. Sergio RAVET Dott. For. Silvio DURANTE Dott. For. Paolo TERZOLO IIIb: Euro ,67 IIIc: Euro ,77 VIII: Euro ,30 VIIa Euro ,93

2 SCHEDA TECNICA /6 IL PRIMO TRONCO FUNIVIARIO batterie CARATTERISTICHE TECNICHE - 1 tronco Pontal d'entreves - Mont Frety gancio baricentrico uscita per soccorso gancio baricentrico - Portata oraria massima in ciascun senso 800 P/h - Lunghezza orizzontale m - Lunghezza inclinata m - Dislivello m - Pendenza media 57.1 % - Velocità con azionamento principale 9 m/s - Velocità con azionamento di riserva 4.5 m/s - Velocità con azionamento di recupero 1 m/s - Velocità con azionamento di soccorso 4 m/s - Massa vettura vuota con conducente 7200 kg - Carico utile (80 persone) 6400 kg - Massa vettura a pieno carico kg - Massa carrello di soccorso carico (10+1) 2500 kg - Capienza cabine 80+1 persone - Tiro nominale funi portanti a valle dan - Contrappeso fune traente 4x21500 kg - Contrappeso fune soccorso 4x6750 kg - Potenza azionamento principale 650 kw - Potenza azionamento riserva 325 kw - Potenza azionamento recupero 100 kw - Potenza azionamento soccorso 100 kw - Numero sostegni di linea 3 - Diametro funi portanti 64 mm - Diametro fune traente superiore 36 mm - Diametro fune traente inferiore 36 mm - Diametro fune soccorso 16 mm - Stazione motrice a valle - Tensionamento funi portanti ancorate - Tensionamento fune traente a monte - Tensionamento funi soccorso a monte

3 SCHEDA TECNICA /6 IL SECONDO TRONCO FUNIVIARIO Sezione A-A pavimento rotante comando EAG pavimento fisso panca per conducente panca per passeggeri batterie CARATTERISTICHE TECNICHE - 2 tronco Mont Frety - Punta Helbronner paranco a catena (40kN) uscita per soccorso serbatoio acqua gruppo comando rotazione - Portata oraria massima in ciascun senso 600 P/h - Lunghezza orizzontale m - Lunghezza inclinata m - Dislivello m - Pendenza media 55.6 % - Velocità con azionamento principale 9 m/s - Velocità con azionamento di riserva 4.5 m/s - Velocità con azionamento di recupero 1 m/s - Velocità con azionamento di soccorso 4 m/s - Massa vettura vuota con conducente 7400 kg - Carico utile (75 persone) 6000 kg - Massa vettura a pieno carico kg - Massa carrello di soccorso carico (10+1) 2500 kg - Capienza cabine 75+1 persone - Tiro nominale funi portanti a valle dan - Contrappeso fune traente 4x23000 kg - Contrappeso fune soccorso 4x6750 kg - Potenza azionamento principale 650 kw - Potenza azionamento riserva 325 kw - Potenza azionamento recupero 110 kw - Potenza azionamento soccorso 100 kw - Numero sostegni di linea 2 - Diametro funi portanti 64 mm - Diametro fune traente superiore 36 mm - Diametro fune traente inferiore 36 mm - Diametro fune soccorso 16 mm - Stazione motrice a valle - Tensionamento funi portanti ancorate - Tensionamento fune traente a monte - Tensionamento funi soccorso a monte

4 = SCHEDA TECNICA /6 Caratteristiche generali del sito L'ubicazione della stazione di valle della nuova funivia Pontal d'entreves-pavillon-punta Helbronner, trova spazio nell'area libera, immediatamente a valle dell'abitato di Entreves, circoscritta dalla strada Statale n 26 che ne avvolge il sedime. La zona è in parte soggetta al soffio della valanga del Toula che ne condiziona la fruibilità; in particolare la stazione è stata posizionata in maniera tale che le parti funiviarie scoperte non risultino interessate da tale azione. La forma della copertura e la posizione degli accessi sono stati anch'essi studiati in modo da minimizzare le pressioni indotte dal possibile soffio di valanga. La copertura presenta un profilo trasversale sinusoidale che si incurva dolcemente fino a ricoprire le funi nel punto di massima convessità; sul fianco occidentale del sito si auto-protegge dal vento e dal soffio di valanga adagiandosi al suolo; sul lato opposto la stazione si chiude con una superficie completamente vetrata che fa da tamponamento al piano imbarco ed agli spazi operativi sottostanti. AREA A VALLE PONTAL D'ENTREVES Assetto distributivo generale dell'area di Pontal e parcheggi Sotto l'aspetto distributivo l'intero intervento di valle è dotato di diversi servizi integrati al sistema di funzionalità meccanica e strutturale della stazione; il progetto si presenta dotato inoltre di infrastrutture viabili e di sosta, sviluppate principalmente attraverso un parcheggio interrato da 275 posti auto (di cui 9 per disabili e 36 su di un piano riservato), un parcheggio a raso per 50 posti auto + 1 per disabili collocato in posizione a sud-est rispetto al complesso e un parcheggio per 10 autobus. Potranno quindi essere presenti globalmente 326 posti auto e 10 per autobus. L'accesso all'area di Pontal avviene tramite una nuova rotatoria posta sulla statale del Monte Bianco che consente di distribuire i flussi viabilistici su tre direzioni a doppio senso; il ramo a est verso il traforo, quello a ovest in direzione Courmayeur e la deviazione a nord in direzione dell'area stazione-parcheggi. La zona di intervento prevede quindi un viale di accesso di circa 50 m diviso da aiuola spartitraffico, il cui asse di ritorno a ovest raccoglie i flussi in uscita dai parcheggi. L'area è infine caratterizzata da una seconda rotatoria interna funzionale alla mobilità dei mezzi pubblici che sostano a nord-est della stazione e di quelli privati nella direzione di accesso al parcheggio. A lavori completati, l'orografia del territorio resterà in grande misura immutata. Gli interventi di rinaturalizzazione del sito coinvolgono un'area di circa mq, con ampie zone verdi che fanno da cornice alla stazione, ripiantumate ed arredate a giardino soprattutto in prossimità dei percorsi pedonali. La coltre vegetativa di ricopertura dei parcheggi interrati a ovest della stazione assume un graduale progressivo innalzamento fino a lambire il bordo d'attacco occidentale della copertura dell'edificio, al punto da formare con questa un unico profilo omogeneo a difesa del soffio di valanga. Per meglio adagiarsi all'orografia locale il parcheggio multi-piano e il parcheggio a raso soprastante, si sviluppano su piani inclinati aventi una pendenza verso valle pari a circa il 3%. Per limitare inoltre onerose opere provvisionali e di contenimento dell'abbondante acqua presente negli strati superficiali del suolo, si è scelto di sviluppare il parcheggio interrato privilegiandone l'estensione superficiale piuttosto che lo sviluppo su più piani. Il parcheggio coperto è a sua volta suddiviso in due compartimenti ed è dotato nel suo complesso di due accessi collocati alle estremità opposte dell'area; il primo è posto sulla viabilità che retropassa la stazione funiviaria, mentre il secondo è ricavato dalla strada che dal piazzale della Val Veny si raccorda con la strada vicinale della Brenva. L'uscita si trova sull'area scoperta a sud-ovest della stazione, progettata anch'essa con un tramite a doppia corsia fino all'innesto in corsia unica verso la nuova rotatoria sulla statale. Il parcheggio è dotato di accessi e vie di esodo pedonali e di un percorso di collegamento diretto con la stazione, nella zona ovest in direzione degli ascensori. Principali caratteristiche tecniche La funivia presenta in questo sito l'argano motore e le relative apparecchiature di comando e controllo del primo tronco di funivia. Il trasporto in quota di materiali speciali, acqua e viveri, è organizzato con carico in benna dagli appositi spazi sottostanti il piano d'imbarco comodamente accessibili da veicoli anche di media grandezza. Un sistema a monorotaia con paranco e botola consente inoltre di trasportare agevolmente i materiali dal piano strada alla sala argani, durante le manutenzioni. Gli ambienti di lavoro interni alla stazione, sono caratterizzati da un impianto di trattamento aria e climatizzazione atto a soddisfare ampiamente i requisiti tecnico climatici e di aerazione degli spazi, previsti dalla normativa locale vigente. Gli spazi pubblici sono ventilati naturalmente. La stazione è dotata di ascensore idraulico che collega tutti i piani dell'edificio, progettato per il trasporto di 21 persone, 1600 kg, trasporto di cose e oggetti e garantisce pertanto appieno i requisiti di superamento delle barriere architettoniche Piazzale Al piano strada del corpo della stazione si trovano il foyer d'ingresso, le biglietterie ed un bar accessibile anche direttamente dall'esterno. Le biglietterie a loro volta separate dal foyer da un'ampia vetrata, sono annesse agli uffici della società, che si estendono poi all'intero piano terra; sempre allo stesso livello sono stati ricavati i servizi igienici e uno spazio di circa 60 mq adibito all'informazione turistica che verrà gestita dall'organizzazione Porta della Valle d'aosta. Il primo piano, accessibile mediante scale e ascensori, è caratterizzato da un ambiente che lascia filtrare la luce attraverso ampie vetrate e shed in copertura; esso è organizzato per soddisfare tutti i percorsi in andata e ritorno dei passeggeri ed ospita al centro il piano di imbarco della funivia. In posizione sopraelevata è collocato il pulpito di comando, mentre a ponente si trovano le scale e l'ascensore di collegamento con i parcheggi, alcuni alloggi e un locale adibito ad infermeria. A levante è presente un giardino pensile, anteprima del giardino botanico presente in quota. Le aree soprastanti sono costituite da coperture piane destinate in parte ad ospitare funzioni tecniche accessibili solo dal personale di servizio. Il primo livello interrato ospita diversi locali tecnici e magazzini, una officina a servizio della funivia e la sala argani che si approfondisce di un ulteriore livello.

5 SCHEDA TECNICA /6 Caratteristiche generali del sito Il complesso architettonico della nuova stazione intermedia in località "PAVILLON" è posizionato ad ovest dell'attuale stazione in modo tale da consentirne la realizzazione dell'opera mantenendo attiva e funzionale l'attuale linea funiviaria fino al Rifugio Torino, fino all'apertura del nuovo impianto. Il sedime sfrutta solo una parte degli spazi pianeggianti reperibili, condizionati dalla presenza del giardino botanico e dal mantenimento delle attuali infrastrutture, al punto che tale situazione ha richiesto una serie di scelte rigorose di impostazione del progetto architettonico mirate a soddisfare sia le esigenze tecnico-funiviarie che logistico-funzionali e di ricettività turistica del nuovo impianto. Le sezioni di progetto si adattano infatti al terreno attraverso lo sfalsamento di piani che consentono la distribuzione dei percorsi su più livelli, sia all'aperto che al coperto, in modo da lasciare sempre libere le visuali esterne. AREA INTERMEDIA PAVILLON Caratteristiche architettoniche della stazione L'alternanza delle superfici curve contrappone al dinamismo compositivo impresso alle forme architettoniche, il rigore della deviazione della linea nel punto di congiunzione dei due principali corpi della funivia, con coperture che assolvono al compito di accompagnare l'inclinazione delle funi nel loro percorso fino agli ancoraggi. Grandi superfici vetrate scandite da fini strutture oblique, completano i paramenti che racchiudono entrambe le sale di accumulo dei passeggeri, lasciando aperta la sola porzione alta della stazione del secondo tronco, sorretta da travi metalliche affusolate. Il contesto panoramico che si apre al visitatore attraverso le pareti vetrate fa da sfondo ad entrambi i versanti contrapposti della Val Veny e della Val Ferret, esaltando l'imponente salto di quota verso il grande massiccio sovrastante. A ovest, la struttura che racchiude gli spazi destinati all'accoglienza ed al ristoro del pubblico sembra uscire dal versante e lascia in vista la sua caratteristica copertura ad ala, sorretta da strutture in acciaio ad altezza variabile che danno origine ad una forma iperbolica, dal caratteristico disegno ad occhio che guarda permanentemente la grande catena occidentale del Monte Bianco. Nella stazione i percorsi sono studiati per evitare sovrapposizioni e ingorghi ai flussi turistici; dal piano imbarco di arrivo del primo tronco, al piano di imbarco del secondo, si accede con scale e ascensori. Dal piano di sbarco del secondo tronco i passeggeri non incrociano mai coloro che salgono e possono scendere direttamente alle aree commerciali sottostanti attraverso apposita scala dedicata o tramite gli ascensori. Dal piano di sbarco-imbarco a valle, è invece possibile raggiungere direttamente gli spazi commerciali e uno dei due ristoranti, nonché l'attuale stazione funiviaria ristrutturata a museo posta sul versante opposto. Il livello sottostante consente l'accesso al secondo ristorante con bar, a sua volta collegato autonomamente a quello soprastante tramite scalone a chiocciola; da qui si accede inoltre alla sala cinematografica posta più a sud tramite un percorso che sarà scenograficamente arredato e che fornisce ai visitatori informazioni con sistemi tradizionali e interattivi. La sala di proiezione, con caratteristiche polivalenti attualmente realizzata al rustico, avrà una possibile capienza di 97 posti e potrà essere successivamente attrezzata sia per le proiezioni di filmati multimediali sia per ospitare conferenze. Al piano inferiore in posizione defilata dai flussi turistici, sono ricavati i locali tecnici e un piccolo appartamento per il personale; nella parte più a sud sono situate le uscite dalla sala cinematografica, le uscite di sicurezza e i servizi igienici. Ristrutturazione dell'attuale stazione del Pavillon L'attuale stazione funiviaria è prevista recuperata integralmente e la realizzazione di un percorso museale a tema. La ristrutturazione, vede da una parte sensibilmente ridotta l'altezza complessiva dell'immobile con nuova copertura piana e dall'altra l'ampliamento a valle dello spazio tra le torri dei vecchi contrappesi sistemato con vetrata panoramica che volge sulle valli di Courmayeur. Una parte degli ambienti a est del vecchio edificio saranno destinati a locali tecnici mentre sul lato opposto è progettata una nuova scala con ascensore centrale che mette in comunicazione i piani dell'attuale stazione con quelli della nuova. Principali caratteristiche tecniche La funivia presenta in questo sito l'apparato di tensionamento e rinvio delle funi del primo tronco e l'apparato motore e sistema di controllo del secondo. Anche in questa stazione è presente un sistema di sollevamento e movimentazione, di calata in botola che consente di trasportare i materiali dal piano esterno a monte della stazione, alla sala argani, durante le manutenzioni. Tutti gli ambienti interni alla stazione, sono caratterizzati da un impianto di trattamento aria e climatizzazione atto a soddisfare ampiamente i requisiti tecnici di climatizzazione, areazioni e ricambio d'aria degli spazi, previsti dalla normativa sanitaria vigente. La stazione è dotata oltre che dell'ascensore in fregio al vecchio edificio, di una coppia di ascensori a fune che collegano tutti i piani dell'edificio, progettati per il trasporto rispettivamente di 12 persone (max.900 kg) e 17 persone (max.1300 kg) di materiali e persone. L'area cucine è a sua volta dotata di montavivande e montacarichi. Assetto distributivo generale dell'area Pavillon Il progetto prevede che le stazioni del primo e secondo tronco e le necessarie infrastrutture logistiche e di carattere turistico-ricettivo connesse all'impianto, siano fra loro integrate attraverso percorsi di collegamento delle varie zone. Il progetto verte in ogni caso a soddisfare i requisiti richiesti di ospitalità turistica, disponendo gli spazi a vocazione commerciale fra le due stazioni, così da permettere al pubblico di transitare al coperto in uno spazio confortevolmente servito. Gli spazi che assolvono alle funzioni di accoglimento di pubblico quali bar, ristoranti e sala multimediale, sono racchiusi all'interno di un volume curvilineo, che segue la morfologia del luogo e che è sagomato volumetricamente in modo tale da inserire meglio i locali di ricettività turistica all'interno dei flussi in transito. La distribuzione degli spazi in funzione della deviazione della linea funiviaria dà luogo a diversi salti di quota delle fondazioni dell'edificio, che impongono condizioni impegnative di riassetto geotecnico del suolo anche con interventi di riporto di materiali rocciosi, provenienti dagli scavi, soprattutto sul versante a sud-est, che tuttavia sono stati adeguatamente studiati per ottenere una riduzione dell'altezza dei fronti a vista e la ricomposizione dei terreni, volta ad un inserimento omogeneo dei manufatti nell'ambiente naturale. Sul versante orientale della stazione gli interventi di rinaturalizzazione riguardano alcuni movimenti di terra, che renderanno pressoché pianeggianti i percorsi verso il giardino botanico e verso la nuova stazione. La risistemazione ambientale comprende inoltre la ricostruzione del laghetto artificiale presente in sito, ed un nuovo accesso da monte all'attuale stazione del Pavillon.

6 G 224 G 165 G 165 G 165 G 282 PIANO DI SBARCO PIANO DI SBARCO grigliato metallico grigliato metallico PIANO DI SBARCO tornelli G 955 botola a pavimento ZONA DI ACCUMULO armadio quadri elettrici in acciaio inox scala metallica a pioli in acciaio zincato in acciaio inox VANO TECNICO locale funi proiezione ingombro carpenteria metallica strutturale E SOTTOSCALA TERRAZZA ESTERNA BAGNO DISABILI: dotato degli accessori prescritti dalla legge 13 / 89 e s.m.i sottogrado di cm 1. Pedata in gres superficie antisdrucciolo da quota a quota Scale in carpenteria metallica SOTTOSCALA panca con seduta in assi di larice su struttura metallica in acciaio zincato proiezione ingombro serbatoio gasolio da q.ta m a q.ta m, N.2 rampe da 11 alzate ciascuna: alzata cm15,5, pedata cm 30 con aggetto del grado rispetto al SCALA SC H=220 cm dislivello 4,20 m in 1 rampa da 20 alzate con alzata da 21,0 cm, pedata in grigliato metallico antisdrucciolo SBARCO ASCENSORI prosecuzione camino filtro base pozzo camino filtro base pozzo camino filtro quota DISIMPEGNO ALLOGGIO PERSONALE INFERMERIA H=255 cm G in acciaio inox H A$C06991DB3 H3 cucina modulare retro pannellata misure e specifiche tecniche a cura del fornitore grigliati esterni per manutenzione facciate rampa pendenza max. 8% ASCENSORI H2 H1 DISIMP. cavedio impianti cfr. esecutivo impiantistico prosecuzione camino tunnel e camino filtro base pozzo cavedio ventilazione locale tecnico ascensore DEPOSITO RIPOSTERIA SERVIZIO IG. CAMERA camino tunnel montavivande H4 H5 SCHEDA TECNICA /6 Caratteristiche generali del sito Il progetto è stato sviluppato nel rispetto della linea di confine che interseca la vetta a quota 3463 m s.l.m., pertanto l'intera nuova stazione e i relativi volumi ad essa connessi si sviluppano interamente su territorio italiano.la cresta di "Punta Helbronner", costituita da massa granitica intensamente fratturata, divide in modo deciso i versanti est ed ovest con pendici ripidissime, che ospitano sulla sommità l'attuale stazione italo-francese. Anche a sud la pendenza di quasi il 70% ha posto limiti rigorosi al nuovo progetto.oltre agli aspetti morfologici, intervengono inoltre complessi fattori di carattere ambientale per la determinazione delle scelte progettuali e dei materiali che conferiranno all'opera condizioni permanenti di staticità, sicurezza e di confort. Particolare attenzione è stata posta alle indagini di carattere geologico e geotecnico con verifica dei substrati rocciosi e della glaciazione permanente, in modo da evitare nella progettazione delle fondazioni di compromettere gli elementi naturali del sito. Le strutture sono infatti frutto di tecniche di consolidamento ambientalmente compatibili, efficaci e praticabili in quota. Dal punto di vista strutturale, l'elemento che garantisce il consolidamento del substrato roccioso e fornisce la massima sicurezza agli ancoraggi delle funi è costituito da un pozzo in c.a. con diametro interno di 5 m, scavato fino a circa 80 metri di profondità nella roccia alla quota del rifugio Torino Nuovo. Tale struttura, dotata di ascensori centrali e scala di emergenza, offre inoltre il collegamento necessario, fra il rifugio del C.A.I. e la nuova stazione in quota, che in seguito al nuovo progetto funiviario, eliminerà l'attuale fermata in prossimità del rifugio stesso. AREA A MONTE PUNTA HELBRONNER Caratteristiche funzionali La dimensione relativamente contenuta della stazione ha fatto si che ogni spazio fosse caratterizzato, oltre che da una propria funzione, da una componente panoramica ad esso dedicata, al punto da rendere a volte diversi gli ambienti proprio in relazione alle visuali predominanti del contesto paesaggistico. Affacciata a valle, sul versante a ponente si trova la straordinaria cupola panoramica rivolta sul Monte Bianco, punto di convergenza dell'intera struttura, attrezzata per le informazioni al pubblico con sistemi interattivi; più avanti è posizionata la sala panoramica del Toula, separata a nord dallo sperone roccioso dei 3463 m che si incunea nell'architettura fino a compenetrarsi all'interno dello spazio chiuso, facendo da sfondo alla sala stessa. A levante il progetto è caratterizzato da ambienti vetrati che si affacciano sul Dente del Gigante e sul massiccio delle Jorasses, mentre più a nord si può già osservare verso la Vallée Blanche, lo sfondo delle Aiguille du Midi. Ai piani sopraelevati si trovano il ristorante ed il bar che si affacciano rispettivamente da una parte, sulla catena del Monte Bianco e dall'altra, sulla catena delle Jorasses. I percorsi in andata e ritorno si svolgono nella galleria vetrata che fronteggia sull'intero panorama di entrambi i versanti. TERRAZZO La sala contrappesi e di rinvio delle funi dell'impianto ed i locali tecnici sono tutti situati nei livelli sottostanti in posizione non raggiungibile dal pubblico. Dal piano di imbarco, (quota 0,0-3449,24 s.l.m.) attraverso un percorso di scale che si snoda all'interno di una galleria vetrata, è possibile raggiungere i piani superiori. Al primo livello (quota +3,40), sono state previste le diverse sale panoramiche già precedentemente descritte, che vengono ad avere le connotazioni di un vero e proprio museo naturale della montagna realizzato attraverso l'uso di ampie superfici vetrate. Al livello soprastante (quota +7,00), è stato ricavato un ampio locale ospitante il ristorante ed il bar; salendo ancora un piano è possibile accedere tramite scale e ascensore alla terrazza scoperta a (quota+10,85). In posizione ancora più alta si arriva, mediante scale, al piano panoramico intermedio (quota +14,00) ed alla piattaforma circolare di sommità (quota+16,75), dove si può godere di una vista a 360 gradi. Tale piattaforma, di diametro pari a 14 m, potrà essere eventualmente utilizzata per l'atterraggio in emergenza di un elicottero di piccole dimensioni, ma esclusivamente a giudizio del pilota. I locali tecnici, la sala dei contrappesi e di rinvio delle funi, gli impianti tecnologici della stazione, sono tutti collocati ai piani fondi della stazione ai quali si accede a partire dal piano imbarco, con un percorso di scale tecniche passante per ben tre livelli interrati. Qui si trovano la zona dei gruppi elettrogeni, locali tecnici, la sala apparati radio elettrici, la zona di ancoraggio delle funi, depositi, magazzini e le vasche di riserva dell'acqua. Principali caratteristiche tecniche La funivia presenta in questo sito l'apparato di tensionamento e rinvio delle funi e di ancoraggio del secondo tronco. Tutti gli ambienti interni alla stazione, sono caratterizzati da un impianto di trattamento aria e climatizzazione atto a soddisfare ampiamente i requisiti tecnici di climatizzazione, areazioni e ricambio d'aria degli spazi, previsti dalla normativa sanitaria vigente. Gli ascensori interni al pozzo strutturale di collegamento tra la stazione ed il Rifugio Torino nuovo, sono a fune, collegano il piano imbarco con una parte dei locali tecnici sottostanti e consentono all'interno del lungo vano corsa una fermata ogni 10 mt di altezza per la sicurezza ed il trasporto dei passeggeri. Sono stati progettati per il trasporto di 13 persone cad, 1000 kg, trasporto di cose e oggetti. Dal piano d'imbarco parte un terzo ascensore che collega tutti i livelli pubblici della stazione; progettato per il trasporto di 8 persone cad, 630 kg, e consente di raggiungere anche la terrazza esterna a quota (+10,85). L'area di riscaldamento delle vivande, magazzini, celle frigo, è a sua volta dotata di montavivande che raggiunge il piano ristorante-bar. L'insieme degli impianti sopra descritti, garantisce appieno i requisiti pubblici di superamento delle barriere architettoniche. Caratteristiche architettoniche dalla stazione L'intero progetto si sostituisce sui vari versanti all'attuale struttura di cemento e mentre a sud si spinge con la stazione Italiana sul ripido pendio della Punta Helbronner, a nord arriva a posarsi fino allo sperone roccioso immediatamente a valle della stazione francese. L'avara disponibilità di spazio ha spinto le forme verso il vuoto delle pendici alla ricerca di spazi aggettanti, ed ha dotato il progetto di una molteplicità di soluzioni volumetriche simili a spigolose cuspidi rocciose, tese in ogni parte all'esterno fino a determinare l'equilibrio formale del manufatto. L'articolazione degli elementi realizzati con diversi materiali (cemento armato, acciaio, legno e vetro), in base alle differenti funzioni strutturali, fornisce agli spazi interni un originale contenuto ambientale in stretto rapporto con l'esterno. Più che un rifugio, lo spazio interno diviene luogo di contatto permanente con l'esterno, consapevolmente protetto dalla sola forza degli elementi costitutivi che non lo isolano da questo ma che vi infondono la certezza del riparo. La spigolosa natura delle forme esterne è infatti in stretta relazione con l'uso di materiali dalle elevate prestazioni, adatti all'impervio comportamento degli agenti esterni fino al punto di soddisfarne i requisiti termici e quelli acustici prodotti dal vento. Mentre le opere di fondazione sono tutte in cemento armato, le strutture ed i paramenti esterni sono di acciaio e si alternano a vetrate di forte spessore irrigidite da sistemi strutturali efficienti ed in grado di consentire sia forti dilatazioni termiche, sia sopportare la pressione del vento. Trovandosi ad una delle quota più elevate raggiungibili con funivia, la struttura è pensata per rispondere a diversi requisiti funzionali connessi con la sicurezza e alle condizioni dell'ambiente montano, soggetto a repentine mutazioni meteorologiche. Sono stati pertanto previsti confortevoli spazi di sosta e di attesa, aree di ristoro e sale panoramiche climatizzate e attrezzate per l'accoglienza dei turisti anche in caso di avverse condizioni climatiche. In posizione retrostante rispetto all'ampia area di accoglienza dei passeggeri provenienti dalla funivia, sono ricavati alcuni locali si servizio (un'area tecnica per il riscaldamento vivande, depositi, celle frigo, ecc.), i servizi igienici, una infermeria, alcuni locali tecnici e un alloggio per il personale; sempre da tale area è possibile raggiungere comodamente la zona degli ascensori, due dei quali conducono alla base del tunnel di collegamento al Rifugio Torino ed un terzo ascensore che, servendo tutti i piani superiori dell'edificio, giunge in sommità sul terrazzo esterno. Dallo stesso livello del piano imbarco è inoltre possibile accedere al percorso esterno di trasferimento oltre confine verso la stazione Francese ed accedere ai ghiacciai e, sci ai piedi, proseguire verso la grande discesa del Toula o giù per la Vallee Blanche, mentre sul lato a ponente, vi è per tutti la possibilità di raggiungere la splendida terrazza affacciata ad ovest sul grande Massiccio. SERVIZI IG. DONNE angolo cottura proiezione pensili SERVIZI IG. UOMINI LOCALE TECNICO SPOGLIATOIO PERSONALE LOCALE PREPARAZIONE VIVANDE LOCALE CELLE FRIGORIFERE

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins Tom Wright and Atkins Esterni e dettagli costruttivi L esterno della struttura è caratterizzato da tre elementi: la pianta triangolare; l esoscheletro in acciaio; la tenda in teflon. La sagoma è poi interrotta

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI I FATTORI DI RISCHIO E PER IL CALCOLO DEGLI INDICI ESPOSITIVI NIOSH E MAPO La rilevazione

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione 1 - LOGICA PROGETTUALE 1.1 - Lettura e socializzazione La vera forza di una biblioteca non dovrebbe stare nel raccogliere i libri, ma nell ospitare i lettori che li usano. E il suo involucro non dovrebbe

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI

RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI L obiettivo principale del progetto del nuovo Stadio Friuli è creare un impianto sportivo moderno, sicuro, sostenibile, in grado di offrire un esperienza unica per tutti

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli