Malattie Allergiche Epidemiologia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Malattie Allergiche Epidemiologia"

Transcript

1 Malattie Allergiche

2 Malattie Allergiche L allergia (dal greco: alterata reattività) è un tipo di reazione immunitaria messa in atto contro sostanze normalmente presenti nell ambiente (allergeni), che non sono nocive per la maggior parte della popolazione, ma sono in grado di provocare eventi morbosi in alcuni soggetti predisposti.

3

4 Malattie Allergiche Le malattie allergiche sono patologie determinate da una flogosi mediata da meccanismi immunologici, ad andamento acuto o cronico, che coinvolge la mucosa delle alte e basse vie respiratorie, meno frequentemente quella dell apparato gastroenterico, la cute e in rari casi, l apparato cardio-circolatorio

5 Malattie Allergiche Epidemiologia Numerosi studi epidemiologici indicano che negli ultimi due-tre decenni l incidenza di queste malattie è aumentata notevolmente nei paesi industrializzati ad elevato livello socio-economico.

6 Malattie Allergiche Tali malattie sono anche dette atopiche (dal greco: di difficile collocazione) e comprendono: - la rinite allergica - l asma - la dermatite atopica - l orticaria - l anafilassi - le manifestazioni gastroenteriche dovute ad allergia alimentare

7 Malattie Allergiche Etiologia Le malattie allergiche o atopiche sono indotte da un numeroso ed eterogeneo gruppo di molecole, ampiamente presenti nell ambiente e in grado di determinare, in soggetti geneticamente predisposti, reazioni immunitarie caratterizzate dalla sintesi di IgE specifiche, che si legano ai mastociti e basofili (degranulano istamina), dall attivazione di linfociti T e dal successivo reclutamento di eosinofili.

8 Malattie Allergiche Etiologia I principali allergeni sono rappresentati da pollini di piante erbacee (appartenenti, più frequentemente alle famiglie delle graminacee, urticacee, composite) o di alberi ad alto fusto (ad esempio olivo, betulla, quercia, cipresso etc.) e da acari presenti nelle polveri domestiche (dermatophagoides) o da altri acari minori. Il ruolo dei pollini come allergeni giustifica la stagionarietà della sintomatologia di alcune malattie allergiche per la coincidenza con l epoca della fioritura.

9 Malattie Allergiche Etiologia Altri allergeni, anche se meno frequentemente, sono in grado di indurre allergie. Tra questi: -micofiti (Alternaria tenuis, Aspergillus fumigatus, cladosporium, helminthosporium, candida, penicillum) -derivati animali (peli di cane, gatto, ratto, cavallo etc.) -alimenti (bianco e rosso d uovo, proteine del latte, merluzzo, pomodoro, fagiolo, pisello etc.) Inoltre reazioni allergiche immuno-mediate possono essere scatenate da molecole presenti nei veleni inoculati da punture di insetti.

10 Malattie Allergiche Cellule effettrici e Mediatori chimici Quando allergeni con più siti di legame o polivalenti reagiscono con IgE specifiche legate alla membrana di mastociti e basofili mediante i recettori Fcε-RI, si realizza un fenomeno di aggregazione di questi recettori con innesco della degranulazione (istamina) cellulare e liberazione di mediatori chimici sia preformati all interno dei granuli citoplasmatici che sintetizzati ex novo.

11 Malattie Allergiche La reazione allergica in senso stretto è mediata quasi esclusivamente dalla classe immunoglobulinica delle IgE. Questi anticorpi hanno alcune caratteristiche peculiari: sono presenti nel siero in una concentrazione estremamente bassa; vengono dette omocitotrope per la loro capacità di legarsi, mediante la regione corrispondente al frammento cristallizzabile (Fc), ad uno specifico recettore presente sui granulociti basofili circolanti o tissutali (mastociti).

12 Malattie Allergiche Una risposta immunitaria con importante produzione di IgE dipende dall impegno prevalente di linfociti Th2 rispetto a quello di linfociti Th1. Tutti sono esposti alle sostanze che più spesso provocano allergia. In soggetti allergici si ha una intensa produzione di anticorpi della classe IgE (atopia).

13 Malattie Allergiche La presenza di mastociti è il secondo fattore indispensabile perché si possa verificare una reazione allergica. Dopo stimolazione queste cellule sono in grado di liberare nell ambiente circostante numerose sostanze attive contenute preformate nei granuli (istamina) di cui sono ricche, nonché di produrre ex-novo mediatori derivati dall acido arachidonico.

14 Malattie Allergiche Mediatori chimici: la degranulazione dei mastociti dà luogo a un PROCESSO BIFASICO 1)REAZIONE DI TIPO IMMEDIATO. La liberazione dei mediatori preformati (istamina) o sintetizzati al momento della degranulazione provoca una reazione locale (generale nel corso dell anafilassi) entro pochi minuti. 2)REAZIONE DI TIPO RITARDATO (4-8H). L effetto pro-infiammatorio di alcuni tra questi mediatori provoca un afflusso di altre cellule (granulociti eosinofili, neutrofili, macrofagi) che induce una reazione più tardiva, entro 4-8 ore.

15 In che modo si diventa allergici ad un allergene (es, polline di graminacee)?

16 ESPOSIZIONE PRIMARIA (SENSIBILIZZAZIONE) 1) La prima volta che viene inalato un allergene, come per esempio un polline di graminacea, nell'organismo non compare alcun sintomo. 2) Il sistema immunitario rintraccia il polline e lo identifica come un pericoloso invasore.

17 3) Il sistema immunitario forma anticorpi IgE specifici per il polline. LINFOCITA B

18 4) Gli anticorpi IgE aderiscono alla superficie di alcune cellule nella mucosa nasale. Queste cellule sono i mastociti e i basofili.

19 5) I mastociti e i basofili risiedono insieme agli anticorpi IgE nella mucosa nasale. Gli anticorpi IgE sono pronti a reagire in caso di ulteriore contatto con il polline.

20 ESPOSIZIONE SUCCESSIVA 1) Durante il successivo contatto con l'allergene, per esempio un polline di graminacea, avviene che

21 2) gli anticorpi IgE presenti nel naso riconoscono il polline.

22 3) Gli anticorpi IgE adesi alla superficie dei mastociti e dei basofili si legano all allergene (il polline) e, così facendo, innescano una serie di reazioni che porta al rilascio di numerose molecole specifiche, tra cui l'istamina. L'istamina (principale mediatore della risposta infiammatoria all allergene) entra poi in contatto con le terminazioni nervose e causa starnuti e prurito. Entra inoltre in contatto con le ghiandole che producono muco, causando arrossamento e rigonfiamento delle mucose del naso e, di conseguenza, una congestione nasale.

23

24 4) Altre molecole fanno poi partire reazioni a catena che fanno proseguire la reazione allergica. Si tratta di una sorta di "effetto domino", che è all'origine della persistenza dei sintomi dell'allergia anche quando l'allergene non è più presente ormai da molto tempo. (eosinofili etcc)

25 Malattie Allergiche Anafilassi la reazione anafilattica è una grave risposta acuta, talora fatale, che si verifica entro pochi secondi o minuti dall esposizione ad un antigene specifico in un individuo già sensibilizzato. Può manifestarsi con lesioni cutanee (prurito, orticaria), disturbi respiratori a carico delle alte vie (edema della glottide, laringospasmo) o delle basse vie respiratorie (broncospasmo), collasso circolatorio.

26 Malattie Allergiche Anafilassi La maggior parte delle reazioni anafilattiche è causata dalla somministrazione di farmaci o agenti diagnostici per via parenterale; una minore percentuale di casi dipende dall assunzione di farmaci per via orale, da cibi o additivi alimentari, dalla puntura di insetti.

27 Malattie Allergiche Anafilassi Tipicamente le manifestazioni iniziano pochi secondi o minuti dopo l introduzione della sostanza anafilattogena nell organismo (più spesso per via iniettiva, più raramente per ingestione). Il paziente inizia ad avvertire un prurito generalizzato, più spesso al volto, parte superiore del torace, mani, ascelle, inguine. Segue un eritema diffuso con orticaria generalizzata (spesso con aspetto figurato) e talora angioedema.

28 Malattie Allergiche Anafilassi Compaiono quindi i disturbi respiratori riferibili sia alle alte che alle basse vie respiratorie: dispnea, senso di soffocamento, raucedine, stridore dovuto all edema della laringe, senso di costrizione toracica, sibili e gemiti dovuti al broncospasmo. Talora insorgono vomito, dolori addominali crampiformi, diarrea per spasmo della muscolatura gastroenetrica.

29 Malattie Allergiche Anafilassi I casi fatali sono dovuti a: a) insufficienza respiratoria acuta conseguente all edema della glottide o all ostruzione bronchiale b) collasso cardiovascolare anche in assenza di eccessivo interessamento respiratorio. In tali casi l intervallo tra l introduzione dell agente causale e la morte varia tra i 15 e i 120 minuti. I casi non fatali tendono a migliorare nell arco di ore. La sintomatologia clinica più grave, in corso di adeguata terapia, può iniziare a migliorare nell arco di alcuni minuti.

30 Malattie Allergiche Anafilassi La terapia si basa sulla somministrazione di farmaci capaci di antagonizzare gli effetti dei mediatori rilasciati nel corso della reazione anafilattica: il più importante è l adrenalina, di una certa utilità nel controllo delle manifestazioni cutanee sono gli antistaminici. Per il broncospasmo trovano impiego l aminofillina e gli steroidi

31 Introduzione asma

32 RIMODELLAMENTO DELLA PARETE DELLE VIE AEREE (ASMA) La situazione infiammatoria cronica delle vie aeree cara3eris4ca del paziente asma4co determina un alterazione della stru3ura della parete bronchiale, definita rimodellamento, determinata dalla successione dei seguen4 fenomeni: Flogosi cronica delle vie aeree Distruzione dell epitelio bronchiale Processi di riparazione dell epitelio bronchiale: inspessimento della membrana basale, infiltrazione di cellule infiammatorie, ipertrofia e alterazioni della muscolatura liscia, alterazioni delle stru3ure ghiandolari e della componente vascolare, alterazioni ed aumento della matrice extracellulare, edema dell avven4zia, aumento dello spessore della parete Rimodellamento bronchiale, che interessa sia la parte interna, con riduzione del lume, che esterna del bronco.

33 IPERREATTIVITÀ BRONCHIALE I FATTORI SCATENANTI LA BRONCOSTRUZIONE Nota: Per lo studio, fare riferimento al materiale informativo presente sul sito

34 ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI

35

36

37

38 Nell ambito delle reazioni avverse ad alimenti una prima distinzione fondamentale è quella tra reazioni tossiche e reazioni non tossiche. Le reazioni tossiche più frequenti sono: -la gastroenterite causata da tossine batteriche contenute in cibi avariati, o da batteri tossici. -la cosiddetta reazione sgombroide simile ad una reazione allergica causata dall istamina che si manifesta in caso di ingestione di proteine del pesce avariato per difetto di conservazione (tonno in scatola). -le reazioni da tossine naturali quali la muscarina dei funghi.

39 Le reazioni non tossiche agli alimenti dipendono dalla suscettibilità individuale e vengono a loro volta suddivise in reazioni immunologiche nelle quali è possibile dimostrare la presenza di anticorpi IgE o di cellule (linfociti T) specificamente dirette verso alimenti, ed in reazioni non immunologiche nelle quali non è coinvolto il sistema immunitario. Il termine di allergie alimentari viene comunemente utilizzato per le prime, mentre le seconde vengono definite intolleranze alimentari, a loro volta meglio caratterizzate a seconda del meccanismo che sta alla base.

40 Che cos è l allergia alimentare? L allergia è una malattia del sistema immunitario che normalmente ci difende dalle aggressioni esterne; le Allergie Alimentari si manifestano, nei soggetti predisposti, a seguito della perdita della tolleranza verso le proteine dell alimento, a sua volta ascrivibile alla perdita della funzione di barriera della mucosa intestinale: vengono prodotti anticorpi IgE specifici, si attivano complessi eventi cellulari con conseguente reazione infiammatoria.

41 Sintomi dell Allergia Alimentare A) REAZIONI CUTANEE (le più frequenti) - prurito - orticaria - angioedema (labbra, lingua, palpebre, mucose genitali, mani, piedi) B) REAZIONI GASTRO-INTESTINALI - sindrome orale-allergica: prurito e/o angioedema a livello della mucosa orale, lingua, labbra e glottide, con conseguente difficoltà a deglutire, cambiamento del tono di voce, difficoltà a respirare - dolori gastrici o addominali, nausea, vomito o diarrea di tipo episodico

42 C) REAZIONI RESPIRATORIE (più rare) Rinite (starnuti, naso che cola, prurito al naso) e congiuntivite asma (tosse, fischio, oppressione toracica) D) REAZIONI GENERALIZZATE Anafilassi: reazione immediata, che coinvolge diversi organi e apparati e può portare allo shock, anche mortale. In questi casi la reazione è tanto più grave quanto più è precoce la comparsa.

43 Come si presenta l allergia alimentare? I sintomi insorgono dopo pochi minuti dall assunzione dell alimento Le reazioni non dipendono dalla dose ingerita: possono essere sufficienti anche piccole dosi dell alimento in causa; in pazienti molto sensibili si possono avere reazioni gravissime anche a causa di piccole quantità di allergeni incidentalmente presenti nel cibo come contaminazioni ( allergeni nascosti ) o come ingredienti non dichiarati in etichetta in preparazioni alimentari commerciali.

44 Quali sono gli alimenti che possono provocare reazioni allergiche? Potenzialmente ogni alimento può indurre allergia. I soggetti allergici ai pollini sono più a rischio di allergia verso alimenti di origine vegetale (frutta, verdura, semi, legumi, cereali), mentre quelli allergici agli acari della polvere di casa o ai derivati epidermici del gatto o del cane sono più a rischio per alimenti di origine animale (soprattutto crostacei, molluschi, lumache).

45 Nei bambini l alimento più in causa è il latte, frequente è anche l allergia all uovo, al pomodoro, alle arachidi, al grano e ad altri cereali. Negli adulti è più frequente l allergia a frutta (mela, kiwi, banana, pesca ) verdura fresca (pomodoro, sedano, carota, patata, aglio, cipolla..) e ai semi (arachidi, nocciole, noci, semi di sesamo,ed altri..)

46 Diagnostica dell allergia alimentare q ESAMI DI PRIMO LIVELLO 1.1 raccolta dati anamnestici 1.2 prove allergologiche cutanee (prick test) q ESAMI DI SECONDO LIVELLO 2.1 esami di laboratorio a. ricerca IgE totali (PRIST) b. ricerca IgE specifiche (RAST o CAP) c. altri 2.2 test di provocazione orale

47 Prick-test

48

49

50

51 Dati anamnestici di rilievo per la diagnosi di allergia alimentare Esami di primo livello: raccolta dati anamnestici -manifestazione clinica presentata -tempo trascorso fra l assunzione dell alimento e comparsa dei sintomi -modalità d insorgenza e durata della sintomatologia -modalità di risoluzione della sintomatologia (spontanea o dopo terapia)

52 -tipologia e quantità di alimenti assunti nelle precedenti 24 ore l insorgenza del quadro clinico -rapporto con assunzione di farmaci (antidolorifci, antibiotici..) -rapporto con altre patologie (apparato gastroenterico etc..) -rapporto con attività fisica dopo il pasto -presenza o meno di sintomi analoghi in altre persone che hanno assunto lo stesso cibo.

53 Prove allergologiche cutanee Le prove allergologiche cutanee (eseguite con la tecnica del prick test) sono sensibili, specifiche, sicure, e consentono di indagare diversi alimenti. La tecnica del prick by prick, consiste nell effettuare il prick test dopo che l ago per effettuare il test cutaneo è passato attraverso l alimento fresco: questa tecnica aumenta la sensibilità del test cutaneo, consente di saggiare diversi alimenti, soprattutto quelli sospettati come causa della reazione allergica e quelli per i quali non esiste in commercio l estratto diagnostico.

54 E opportuno sottolineare che la positività del test cutaneo o sierologico per un alimento non significa che quell alimento provochi una reazione allergica una volta ingerito: positività sia ai test cutanei che sierologici possono dipendere da una reattività crociata fra proteine alimentari ed allergeni da inalazione e quindi dal riconoscimento da parte delle IgE di frazioni allergeniche condivise.

55

56 E di fondamentale importanza sottolineare che non è opportuno ricorrere, in un soggetto allergico ad esempio alle graminacee, all esclusione di tutti gli alimenti cross-reattivi in caso di sospetta allergia alimentare, e neppure di tutti quelli risultati positivi ai test di primo e secondo livello: laddove non vi è chiara correlazione con i dati clinici è opportuno ricorrere ai test di provocazione, ad eccezione dei casi di reazioni gravi, somministrando dosi crescenti dell alimento sotto controllo medico.

57 Aspetti terapeutici dell allergia alimentare La terapia dell allergia alimentare consiste nell esclusione dalla dieta dell alimento o degli alimenti in causa. Il miglioramento o la scomparsa dei sintomi a seguito dell esclusione di questi alimenti dalla dieta è la riprova migliore della corretta diagnosi. In rari casi di elevatissima sensibilità è stata effettuata una desensibilizzazione: viene somministrato al paziente l alimento in causa iniziando con quantità estremamente piccole ed aumentando gradualmente la dose.

58 E importante poi indicare a quali presidi farmacologici sia necessario ricorrere nell eventualità si ripresentino sintomi ed in particolare informare ed educare il paziente sulle indicazioni ed il corretto uso dell autoiniettore di adrenalina. Nelle reazioni gravi l unica terapia efficace e ad azione immediata è infatti l adrenalina, che non è solo un farmaco attivo sul sistema circolatorio ma bensì il più potente farmaco anti shock.

59 Cortisonici ed antistaminici agiscono troppo lentamente nei casi gravi. La preparazione per auto-somministrazione (autoiniettore di adrenalina) eroga per via intramuscolare in poche secondi una dose di adrenalina: i soggetti altamente allergici ad alimenti e quelli che hanno avuto episodi gravi (shock o edema della glottide o sintomi respiratori gravi), soprattutto se non chiariti dal punto di vista diagnostico,dovrebbero portarla sempre con sé.

60 TEST DI PROVOCAZIONE ORALE Il test di provocazione orale è considerato dalla letteratura come il test di riferimento per la diagnosi di allergia alimentare. Il test di provocazione può essere effettuato in aperto (è noto sia al paziente che al medico l alimento che viene somministrato), in singolo cieco (solo il medico conosce l alimento che viene somministrato, in genere sotto forma liofila ) o in doppio cieco con placebo (né il medico né il paziente sanno se e quando viene somministrato l alimento in causa e il placebo): quest ultimo è da considerare il gold standard della diagnostica delle allergie alimentari.

61 Il test in doppio cieco contro placebo si effettua in regime protetto, con a disposizione presidi per l urgenza medica, sotto stretto controllo medico, somministrando dosi crescenti dell alimento e/o del placebo; si esegue laddove i dati raccolti non consentono di identificare l alimento in grado di determinare i sintomi e laddove questi non siano gravi. Quando la positività degli esami allergologici cutanei o ematici correla con la storia clinica non è necessario ricorrere al test di provocazione.

62 LE INTOLLERANZE ALIMENTARI Il termine intolleranza alimentare viene spesso utilizzato in maniera impropria: sono poche le intolleranze alimentari per le quali è noto il meccanismo in grado di determinarle e che possono effettivamente avere un ruolo nel provocare alcuni sintomi.

63 Le intolleranze alimentari sono reazioni avverse ad alimenti non-immunomediate e si dividono in: 1)Intolleranze enzimatiche 2)Intolleranze farmacologiche 3)Intolleranze da meccanismi sconosciuti

64 Intolleranze alimentari enzimatiche La più frequente è l intolleranza al lattosio (meno frequenti sono quella al fruttosio, al sorbitolo, al trealosio, al sucrosio ed altre). Questa forma d intolleranza è causata dalla mancanza di lattasi (enzima in grado di consentire la scissione del lattosio,lo zucchero del latte), che può essere congenita (rara), con sviluppo in età adulta. Nella forma acquisita il difetto enzimatico può essere secondario ad altre patologie del tratto gastroenterico, quali le MICI.

65

66 Occorre sottolineare che la riduzione della produzione dell enzima lattasi è pressochè fisiologica con l età: si stima che in Italia il deficit di lattasi (che è un enzima inducibile) più o meno significativo interessi il 50% della popolazione; ciò accade in particolare in alcune regioni dove minore è l assunzione di latte vaccino per abitudini alimentari particolari. I sintomi dell intolleranza al latte per difetto di lattasi sono diarrea, crampi addominali, vomito ed insorgono a seguito dell assunzione di latte.

67 La diagnosi viene fatta con un test sul respiro (breath test), non invasivo, sicuro, che consente appunto di determinare se il paziente produce o 5 meno l enzima lattasi. Occorre sempre valutare se si tratta di un deficit secondario ad abitudini alimentari individuali

68

69 Intolleranze alimentari farmacologiche Sono correlate con una particolare suscettibilità di alcuni pazienti a sostanze, presenti in diversi alimenti, che possono indurre una sintomatologia varia con un meccanismo dose-dipendente. Queste sostanze sono l istamina (vino, spinaci, pomodori, alimenti in scatola, sardine, filetti d acciuga, formaggi stagionati, quali gorgonzola, gruviera, provolone), la tiramina (formaggi stagionati, vino, birra, lievito di birra, aringhe affumicate), la caffeina (caffè),

70 l alcool, la solanina (patate),la teobromina (tè,cioccolato), la triptamina (pomodori, prugne), la feniletilamina (cioccolato), la serotonina (banane, pomodori). I sintomi si manifestano soltanto in seguito ad un accumolo di queste molecole nell organismo. ciò significa che chi non tollera una determinata sostanza ma la assume ogni 4-5 giorni può non accusare nessuna alterazione e l intolleranza può non essere rilevata.

71 Nel caso, invece, di un ingestione ripetuta per diversi giorni della molecola incriminata, magari contenuta in alimenti diversi, si determina un accumolo che si traduce in sintomi simili a quelli dell allergia ed in altri più specifici. Sono stati proposti alcuni meccanismi d azione per questi tipi di reazioni, anche se molto resta da chiarire. E interessante ricordare a tale proposito che diete povere di istamina consigliate empiricamente a pazienti con orticaria cronica sono in grado di dare buoni risultati.

72 I sintomi più frequenti sono orticaria e/o Angioedema (gonfiore delle mucose), mentre sono rare le reazioni anfilattiche, cioè generalizzate e gravi. A carico dell apparato digerente si possono avere pesantezza di stomaco, dolori gastrici o addominali e diarrea, che possono essere confusi con la sindrome dell intestino irritabile. Si può anche avere emicrania legata essenzialmente alla presenza di tiramina o feniletilamina.

73 La tiramina può scatenare orticaria o emicrania nei soggetti che assumono inibitori delle MAO. Nell intolleranza all alcool possono essere implicati diversi meccanismi di azione tra cui la presenza di solfiti e l intolleranza al acido benzoico.

74 Intolleranze alimentari da meccanismi sconosciuti Per la maggior parte delle reazioni avverse provocate da additivi aggiunti agli alimenti e ai farmaci (conservanti, coloranti, aromi e molti altri) non è stato possibile dimostrare scientificamente un meccanismo immunologico (anticorpi o cellule specificamente diretti verso la molecola): si parla quindi di reazioni pseudo-allergiche, perché riproducono gli stessi sintomi di quelle veramente provocate dalle proteine alimentari.

75 Raramente gli additivi provocano reazioni gravi come lo shock anafilattico e l asma, ad eccezione dei solfiti. Più frequentemente sono stati sospettati di aggravare i sintomi in patologie croniche come l asma bronchiale (solfiti e monosodiogluatammati), la dermatite atopica e l orticaria cronica (tartrazina). Solfiti e parabeni sono contenuti anche in preparazioni farmaceutiche, soprattutto sciroppi, granulati e gocce.

76 Non esistono mezzi diagnostici per la diagnosi: l unico test attendibile è il test di provocazione cioè la somministrazione dell additivo sospettato, sempre che i sintomi siano scomparsi dopo apposita dieta di eliminazione.

77 Diagnosi di intolleranza alimentare Per confermare o escludere un intolleranza farmacologica o da additivi è necessario modificare la dieta, eliminando tutti gli alimenti che contengono le sostanze di cui sopra, per un periodo di 2-3 settimane. A volte è necessario seguire una dieta molto ristretta a base di pochi alimenti (dieta ipoallergenica): riso, tacchino, olio extravergine di oliva, insalata verde, pere sbucciate, acqua naturale o minerale, tè, zucchero di canna.

78 Qualora con questa dieta, si ottenga la scomparsa dei sintomi, sarà necessario reintrodurre un alimento alla volta, ognuno per almeno 3 giorni, tenendo un diario dei sintomi. Nei casi controversi è necessario effettuare un test di provocazione in doppio cieco con placebo.

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI?

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIA ALIMENTARE reazione anomala mediata dal sistema immunitario nei confronti di uno o più alimenti riconosciuti erroneamente come estranei INTOLLERANZA ALIMENTARE

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

L allergia L allergia è una reazione eccessiva del sistema immunitario verso una sostanza, detta allergene, che solitamente non dà alcun problema nella maggior parte della popolazione. L allergia può essere

Dettagli

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di SICUREZZA ALIMENTARE Tutte le risposte su allergie e intolleranze: il quiz dalla FSA inglese. A cura di Roberto Bernardini e di Iride dello Iacono del SIAIP Pubblicato da Redazione Il Fatto Alimentare

Dettagli

ALLERGIE. Dott Marco Binotti. AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale

ALLERGIE. Dott Marco Binotti. AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale ALLERGIE Dott Marco Binotti AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale Un problema non nuovo. L allergia è nota fin dai tempi piu remoti; il primo caso di cui si ha conoscenza

Dettagli

I bambini allergici a scuola

I bambini allergici a scuola I bambini allergici a scuola Qualche numero.. Le allergie alimentari interessano l 8% dei bambini nei primi 3 anni di vita, il 3-4% di quelli in età scolare, e rimangono persistenti nel 2% dopo i 10 anni.

Dettagli

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo 1 Categorie di reazioni ai cibi reazioni immunologiche mediate da anticorpi IgE

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica.

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. A Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. Allergia - Ipersensibilità dell'organismo verso una sostanza di origine

Dettagli

Intolleranze Alimentari

Intolleranze Alimentari Nell'ambito delle "reazioni avverse al cibo" è opportuno schematizzare quanto classificato dall'accademia Europea di Allergologia ed Immunologia Clinica. L'allergia alimentare è mediata immunologicamente

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI

sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI LE ALLERGIE RESPIRATORIE Cosa sono e come si manifestano LA REAZIONE ALLERGICA Le allergie sono una reazione eccessiva

Dettagli

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI: FACCIAMO CHIAREZZA

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI: FACCIAMO CHIAREZZA ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI: FACCIAMO CHIAREZZA Il cibo rappresenta, per tutti noi, allo stesso tempo fonte di piacere ed energia per la nostra vita quotidiana. Purtroppo è noto, fin dai tempi di

Dettagli

Che cosa sono le allergie?

Che cosa sono le allergie? Che cosa sono le allergie? IL SISTEMA DI DIFESA DELL ORGANISMO Il corpo umano è dotato di un sofisticato sistema di difesa che si è evoluto per proteggere l organismo da una serie di minacce, tra cui i

Dettagli

ALLERGIE IN PRIMAVERA LA RINITE ALLERGICA

ALLERGIE IN PRIMAVERA LA RINITE ALLERGICA Dipartimento di Area Medica per Intensità di Cure Resp. Dott. Livio Simioni La primavera è la stagione della rinascita ma anche delle allergie ALLERGIE IN PRIMAVERA LA RINITE ALLERGICA Dott. Pietro Tartaro

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne A.S. 2011/12 Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Seminario biomedico e chimico farmacologico e chimico sulla Dieta Mediterranea e i disordini alimentari 13 febbraio 2012

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

Allergia. Cosa sono e come si presentano. Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico

Allergia. Cosa sono e come si presentano. Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico Allergia Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico Cosa sono e come si presentano Le allergie sono una eccessiva reazione a sostanze che in

Dettagli

Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie

Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie Gli unici test rapidi a domicilio per allergie Test allergico generico (IgE) Test allergico alle uova Test intolleranza al glutine Test allergico

Dettagli

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali.

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. Renato Rossi Rete di Allergologia Regione Piemonte Rivarossa Team Alba (CN) Negli ultimi anni l impiego di tecniche di biologia molecolare ha

Dettagli

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili.

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. MED Utile nella protezione delle mucose nasali in caso di congestioni rino-faringee. Think Green. Live Green. Cos è l allergia. L allergia è un disturbo del sistema

Dettagli

Numero 9. Le allergie crociate: gli allergici a pollini o acari

Numero 9. Le allergie crociate: gli allergici a pollini o acari Numero 9. Le allergie crociate: gli allergici a pollini o acari devono guardarsi da alcuni alimenti L esperto informa che L inalazione di alcune sostanze, gli allergeni, contenuti nei pollini oppure negli

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

Dott.ssa Emanuela Graziano - Dietista

Dott.ssa Emanuela Graziano - Dietista LE REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Dott.ssa Emanuela Graziano - Dietista Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Corso di laurea in Assistenza Sanitaria (SNT/4) ANNO ACCADEMICO 2013-2014 Reazioni

Dettagli

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI?

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Per reazione avversa a farmaci si intende qualsiasi risposta non desiderata

Dettagli

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano Bianchi Annamaria, Caferri Monaldo, Candelotti Paolo, Carotti Giuliana, De Angelis Fiorella, De Colli Rosa, Filomeni Nazzareno, Franceschini

Dettagli

La "croce" delle allergie incrociate

La croce delle allergie incrociate newsletter n. 21-2010 La "croce" delle allergie incrociate Conosci il fastidioso prurito su lingua, labbra e in gola dopo un piacevole morso a una mela? Hai rilevato gonfiore a livello della mucosa orale

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006 Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri Dr. Grazia Manfredi 2006 A.R.I.A. Position Paper 2001 Allontanamento dell allergene indicato

Dettagli

Allergie e intolleranze alimentari: differenze, sintomi e i test per individuarle

Allergie e intolleranze alimentari: differenze, sintomi e i test per individuarle Allergie e intolleranze alimentari: differenze, sintomi e i test per individuarle La maggior parte delle persone non presenta problemi con la varietà di cibi a disposizione. C è una piccola percentuale

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Maria Luisa Eliana Luisi Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 12 Reazioni avverse agli alimenti A Reazioni

Dettagli

Le allergie e le intolleranze alimentari. 1. Introduzione

Le allergie e le intolleranze alimentari. 1. Introduzione Le allergie e le intolleranze alimentari 1. Introduzione La maggior parte delle persone può mangiare una grande varietà di cibi senza alcun problema. Per una piccola percentuale di individui, tuttavia,

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Allergie alimentari : si manifestano con reazione immediata (orticariaangioedema ) e produzione di IgE. Pseudo allergie : dovute a deficit enzimatici (lattosio,fruttosio,sorbitolo)

Dettagli

SHOCK ANAFILATTICO. P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA

SHOCK ANAFILATTICO. P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA SHOCK ANAFILATTICO P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA Lo shock anafilattico costituisce la più grave espressione clinica di una reazione anafilattica-anafilattoide ed è caratterizzato essenzialmente

Dettagli

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013 Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Prof. Massimo Triggiani Presidente Società Italiana di Allergologia

Dettagli

Master di II livello. Università Cattolica del Sacro Cuore. Malattie Allergiche Severe. Anno Accademico 2014 2015. Programma definitivo

Master di II livello. Università Cattolica del Sacro Cuore. Malattie Allergiche Severe. Anno Accademico 2014 2015. Programma definitivo Master di II livello Università Cattolica del Sacro Cuore Malattie Allergiche Severe (alimenti, farmaci, imenotteri, lattice, anafilassi ed asma grave) Anno Accademico 2014 2015 Programma definitivo 21

Dettagli

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione Position statment: diagnostica in vivo ed in vitro nell adulto delle allergie alimentari IgE mediate Position statment: in vivo and in vitro diagnosis of food allergy in adults D. Macc hia 1, S. Capr etti

Dettagli

In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive,

In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive, In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive, definite reazioni di ipersensibilità, sono mediate dagli anticorpi

Dettagli

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore Ministero della Salute Dipartimento sanità pubblica veterinaria, sicurezza alimentare organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Dettagli

ALLERGIE ALIMENTARI INTOLLERANZE ALIMENTARI CELIACHIA in età pediatrica

ALLERGIE ALIMENTARI INTOLLERANZE ALIMENTARI CELIACHIA in età pediatrica ALLERGIE ALIMENTARI INTOLLERANZE ALIMENTARI CELIACHIA in età pediatrica Dott.ssa Eleonora Tappi ambulatorio allergologia Ospedale S.Croce di Moncalieri (TO) REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI: IMMUNOLOGICHE

Dettagli

Le micotossine. L analisi consiste nella ricerca di IgG / IgA / IgM / IgE specifiche per Mycotssine, Muffe e Candida albicans nel nostro sangue.

Le micotossine. L analisi consiste nella ricerca di IgG / IgA / IgM / IgE specifiche per Mycotssine, Muffe e Candida albicans nel nostro sangue. Le micotossine Fin dal 1978 gli studi del Professor Truss evidenziarono come la trasformazione da spora a fungo della Candida Albicans (un micete normalmente presente nell'organismo della quasi totalita

Dettagli

1. L ALLERGIA ALIMENTARE

1. L ALLERGIA ALIMENTARE 1. L ALLERGIA ALIMENTARE 1.1 DEFINIZIONE Il Sottocomitato Europeo per le Reazioni Avverse agli Alimenti dell Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica ha proposto una classificazione delle

Dettagli

Allergie e intolleranze. Come puoi proteggerti.

Allergie e intolleranze. Come puoi proteggerti. 07 Periodico d informazione gratuito - N. 3 / 2013 di Inter-Med srl - C.so Vittorio Emanuele II, 45 33170 Pordenone - www.intermeditalia.com NEWS DAL MONDO DELL ALIMENTAZIONE Allergie e intolleranze. Come

Dettagli

06 - Le allergie alimentari: le cose da sapere.

06 - Le allergie alimentari: le cose da sapere. 06 - Le allergie alimentari: le cose da sapere. Indice dei contenuti Che cosa sono gli allergeni alimentari Cosa sono gli allergeni alimentari?... 1 Che cosa si sa effettivamente sugli allergeni alimentari?...

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

Rete Regionale Orizzontale per le Malattie Allergiche. Proposte per un Piano Sanitario Regionale

Rete Regionale Orizzontale per le Malattie Allergiche. Proposte per un Piano Sanitario Regionale 1 Rete Regionale Orizzontale per le Malattie Allergiche Proposte per un Piano Sanitario Regionale Premessa Un intervento mirato alla identificazione, per ogni particolare disciplina, dei percorsi e degli

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALLERGIE ALIMENTARI NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALLERGIE ALIMENTARI NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI L interazione tra predisposizione genetica e condizionamento ambientale ha fatto registrare nell ultimo decennio un incremento delle malattie allergiche a danno soprattutto di bambini e adolescenti, che

Dettagli

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI

LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI La differenza tra allergie e intolleranze alimentari L allergia è una reazione esagerata del sistema immunitario a sostanze ritenute pericolose per l organismo.

Dettagli

7. DISTURBI ALIMENTARI

7. DISTURBI ALIMENTARI 7. DISTURBI ALIMENTARI Introduzione La maggior parte degli individui può generalmente assumere una grande varietà di cibo senza alcun problema. Per un gruppo sempre maggiore di persone, tuttavia, determinati

Dettagli

Corso di formazione residenziale Cittadella 30-11-07 Camposampiero 14-12-07 ALLERGIE INTOLLERANZE

Corso di formazione residenziale Cittadella 30-11-07 Camposampiero 14-12-07 ALLERGIE INTOLLERANZE Corso di formazione residenziale Cittadella 30-11-07 Camposampiero 14-12-07 ALLERGIE INTOLLERANZE L allergia è una reazione avversa a molecole estranee all organismo mediata dal sistema immunitario. I

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Rinite allergica: quando, come e perché curarsi

Rinite allergica: quando, come e perché curarsi 1 / 8 2 / 8 La mucosa polvere manifesta rappresenta su dell infanzia. 6. rinite Nella e nasale allergica con peli popolazione il congestione quinto di a animali. seguito è definita disturbo pediatrica

Dettagli

IL SELF HELP PER UN AMBULATORIO DI QUALITÀ L ATTENDIBILITÀ DEI TEST RAPIDI

IL SELF HELP PER UN AMBULATORIO DI QUALITÀ L ATTENDIBILITÀ DEI TEST RAPIDI IL SELF HELP PER UN AMBULATORIO DI QUALITÀ L ATTENDIBILITÀ DEI TEST RAPIDI V corso di approfondimento professionale per il Pediatra 19-22 Novembre 2007 Dott. Anna Maria Montano Pdf Rm E Self help Il Self

Dettagli

Guida pratica per la famiglia

Guida pratica per la famiglia Desensibilizzazione Sublinguale Guida pratica per la famiglia Colpire l allergia all origine Sommario CHE COS'È L'ALLERGIA? COSA SONO GLI ALLERGENI E COME EVITARLI? COME TRATTARE LE ALLERGIE RESPIRATORIE?

Dettagli

Barriere al passaggio degli antigeni attraverso la mucosa intestinale

Barriere al passaggio degli antigeni attraverso la mucosa intestinale Reazioni avverse al cibo nel cane e nel gatto REAZIONI AVVERSE AL CIBO IMMUNOLOGICA NON IMMUNOLOGICA ANAFILASSI ALIMENTARE ALLERGIA ALIMENTARE INTOLLERANZA ALIMENTARE DISORDINE ALIMENTARE REAZIONE INTOSSICAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI SALVAVITA IN AMBITO SCOLASTICO. Procedure integrate per la gestione dell emergenza anafilassi a scuola

PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI SALVAVITA IN AMBITO SCOLASTICO. Procedure integrate per la gestione dell emergenza anafilassi a scuola PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI SALVAVITA IN AMBITO SCOLASTICO Procedure integrate per la gestione dell emergenza anafilassi a scuola Premesso che: gli studenti che frequentano le scuole

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

Riconoscere i sintomi dell'allergia ai pollini

Riconoscere i sintomi dell'allergia ai pollini ALLERGIE STAGIONALI É arrivata la primavera, la natura si risveglia, i microscopici granuli, contenuti negli stami dei fiori, cominciano a svolazzare numerosissimi per l aria, è il ciclo della natura che

Dettagli

Conosco l allergia. Definizione. Spontanee da foraggio Mazzolina, fleolo, paleo odoroso, loglio, fienarola

Conosco l allergia. Definizione. Spontanee da foraggio Mazzolina, fleolo, paleo odoroso, loglio, fienarola Mi informo... Conosco l allergia Definizione Le graminacee costituiscono una grande famiglia botanica che riunisce all incirca 12.000 specie di piante. Esistono numerose varietà di graminacee spontanee

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

TUTTO QUESTO E MOLTO ALTRO ALL INTERNO!

TUTTO QUESTO E MOLTO ALTRO ALL INTERNO! PRIMAVERA tempo di allergie all interno Le cause I farmaci 3 5 TUTTO QUESTO E MOLTO ALTRO ALL INTERNO! sommario MARZO 2007 - N. 3 - Anno 2 Il Mensile d informazione per la salute ed il benessere Rinite

Dettagli

Clinica Otorinolaringoiatrica (Dir. Prof. Francesco Meloni) RINITI CRONICHE. Le riniti croniche sono schematicamente riassumibili in:

Clinica Otorinolaringoiatrica (Dir. Prof. Francesco Meloni) RINITI CRONICHE. Le riniti croniche sono schematicamente riassumibili in: Università degli studi di sassari Clinica Otorinolaringoiatrica (Dir. Prof. Francesco Meloni) RINITI CRONICHE Le riniti croniche sono schematicamente riassumibili in: rinite ipertrofica rinite medicamentosa

Dettagli

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di reazioni allergiche nella popolazione mondiale. Nell

Dettagli

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo:

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: MEDICO: Nome: Indirizzo: Centro: Tel/Fax/E-mail: PAZIENTE: Nome: Data di nascita: Età: anni Peso: kg Altezza: cm Professione: Provenienza:

Dettagli

Mi informo... 12.2013 - STG089 - Gi&Gi Srl

Mi informo... 12.2013 - STG089 - Gi&Gi Srl 12.2013 - STG089 - Gi&Gi Srl Opuscolo_Allergia_Resp_10x21.qxd:- 19/12/13 17:07 Page 1 Mi informo... Opuscolo_Allergia_Resp_10x21.qxd:- 19/12/13 17:07 Page 2 Cos è l allergia? Definizione L allergia è una

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

Reazioni allergiche a farmaci

Reazioni allergiche a farmaci Reazioni allergiche a farmaci Il rapido e progressivo sviluppo negli ultimi anni di sempre nuovi farmaci per il trattamento delle diverse malattie, ed il loro maggior consumo e abuso ha portato come conseguenza

Dettagli

CAUSE DI MALNUTRIZIONE

CAUSE DI MALNUTRIZIONE CAUSE DI MALNUTRIZIONE INADEGUATO INTROITO DI NUTRIENTI DIFFICOLTA AD ALIMENTARSI Insufficiente introito di energia e proteine con gli alimenti MALNUTRIZIONE CORRELATA ALLA MALATTIA Malnutrizione: conseguenze

Dettagli

Che cos è la celiachia?

Che cos è la celiachia? Che cos è la celiachia? La celiachia è una malattia infiammatoria cronica dell intestino tenue, dovuta ad una intolleranza al glutine assunto attraverso la dieta. Il glutine è una proteina contenuta in

Dettagli

Allergie e intolleranze alimentari. Food allergy and intolerance

Allergie e intolleranze alimentari. Food allergy and intolerance Allergie e intolleranze alimentari Food allergy and intolerance Vivere con allergie e intolleranze alimentari senza correre rischi Le allergie e le intolleranze alimentari possono essere spiacevoli, complicare

Dettagli

aha! Centro Allergie Svizzera Scheibenstrasse 20 3014 Berna 22 info@aha.ch www.aha.ch

aha! Centro Allergie Svizzera Scheibenstrasse 20 3014 Berna 22 info@aha.ch www.aha.ch aha! Centro Allergie Svizzera Scheibenstrasse 20 3014 Berna 22 info@aha.ch www.aha.ch Allergia? aha.ch Grazie di cuore a tutti gli sponsor! Grazie agli sponsor, possiamo essere presenti in nove località

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE MEDICHE E FARMACEUTICHE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA. Presidente: Prof.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE MEDICHE E FARMACEUTICHE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA. Presidente: Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE MEDICHE E FARMACEUTICHE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA Presidente: Prof. Giovanni Adami TESI DI LAUREA Il ruolo del Dietista nella gestione integrata delle

Dettagli

IDI. Rassegna Stampa del 09/05/2015

IDI. Rassegna Stampa del 09/05/2015 IDI Rassegna Stampa del 09/05/2015 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

01 - Il trattamento per le allergie: le cose da sapere

01 - Il trattamento per le allergie: le cose da sapere 01 - Il trattamento per le allergie: le cose da sapere Indice dei contenuti Che cos'è effettivamente un'allergia? Che cos'è effettivamente un'allergia?... 1 Perchè è assolutamente necessario ricorrere

Dettagli

Allergia al veleno di insetti

Allergia al veleno di insetti Allergia al veleno di insetti Con l arrivo della stagione primaverile si intensificano le uscite e le attività ricreative all aperto e torna, puntualmente, a diffondersi la fobia per le punture d insetto.

Dettagli

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario con il contributo educazionale di indice Indice 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Cos è l angioedema ereditario (AEE)? 4 Come si manifesta? 6 Come viene diagnosticato?

Dettagli

ALLERGIA E INTOLLERANZA ALIMENTARE

ALLERGIA E INTOLLERANZA ALIMENTARE ALLERGIA E INTOLLERANZA ALIMENTARE Dr.ssa Grazia Manfredi Dr. Sergio Scarpa REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI OGNI RISPOSTA CLINICAMENTE ANOMALA ATTRIBUIBILE A: INGESTIONE, CONTATTO, INALAZIONE DI ALIMENTI

Dettagli

Gli obiettivi del terzo modulo possono essere così riassunti: Illustrare i segni associati alla rinite acuta, differenziandone le principali forme

Gli obiettivi del terzo modulo possono essere così riassunti: Illustrare i segni associati alla rinite acuta, differenziandone le principali forme 1 Gli obiettivi del terzo modulo possono essere così riassunti: Illustrare i segni associati alla rinite acuta, differenziandone le principali forme cliniche Descrivere le possibili complicanze che possono

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Istituto Giannina Gaslini Istituto Pediatrico di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Gerolamo Gaslini 5 16147 Genova Quarto

Istituto Giannina Gaslini Istituto Pediatrico di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Gerolamo Gaslini 5 16147 Genova Quarto Dermatite Atopica : verità e luoghi comuni Quante volte e sempre più frequentemente nell ambulatorio di dermatologia pediatrica ci sentiamo dire da genitori preoccupati: nostro figlio ha una dermatite

Dettagli

LE ALLERGIE IN CANI E GATTI. Che cos è un allergia?

LE ALLERGIE IN CANI E GATTI. Che cos è un allergia? LE ALLERGIE IN CANI E GATTI Che cos è un allergia? La scienza medica veterinaria ha compiuto negli ultimi decenni passi da gigante: ciò ha contribuito alla scoperta di numerose malattie un tempo sconosciute

Dettagli

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare.

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare. Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare Gianni Cadario Rete Regionale di Allergologia e Osservatorio Gravi Reazioni Allergiche

Dettagli

Le allergie respiratorie. Cosa sono, quali sono i sintomi e come possiamo curarle. Collana piùinforma

Le allergie respiratorie. Cosa sono, quali sono i sintomi e come possiamo curarle. Collana piùinforma Le allergie respiratorie. Cosa sono, quali sono i sintomi e come possiamo curarle. Collana piùinforma Prof. GIORGIO CIPRANDI Medico Chirurgo Nato a Milano il 24/10/1957. Laurea in Medicina e Chirurgia

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA RELAZIONE ALIMENTAZIONE-ALLERGIA

UNO SGUARDO ALLA RELAZIONE ALIMENTAZIONE-ALLERGIA UNO SGUARDO ALLA RELAZIONE ALIMENTAZIONE-ALLERGIA Non vi sono dubbi che negli ultimi anni le allergie in generale si siano diffuse come epidemie. Sempre più gente ne soffre. Purtroppo spesso accade che,

Dettagli

ALLERGI E, INTOLLE R A N Z E, VACCINA Z I O N I

ALLERGI E, INTOLLE R A N Z E, VACCINA Z I O N I ALLERGI E, INTOLLE R A N Z E, VACCINA Z I O N I 1 Le allergie sono una patologia frequente nella nostra generazione, in particolare nei bambini e nei giovani. Questo fenomeno, raro all inizio del secolo,

Dettagli

Le allergie: conoscerle per curarle

Le allergie: conoscerle per curarle Le allergie: conoscerle per curarle LE PATOLOGIE ALLERGICHE SONO IN GRADUALE E COSTANTE AUMENTO LE MANIFESTAZIONI PIÙ COMUNI SONO L ASMA BRONCHIALE (ESPRESSIONE CLINI- CA DI MALATTIA ALLERGICA CON COIN-

Dettagli

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI Collaborazione ASL Como- UOOML Desio - Centro di allergologia Ospedale S.Raffaele Milano Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL Como Direttore M.Rita

Dettagli

Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato

Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato PROGETTO ARIA ITALIA GESTIONE DELLA RINITE ALLERGICA E DEL SUO IMPATTO SULL ASMA ALLERGIC RHINITIS IMPACT ON AND ITS AST H MA TM Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato in collaborazione con

Dettagli

Basi biochimiche dell azione dei farmaci. Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014

Basi biochimiche dell azione dei farmaci. Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014 Basi biochimiche dell azione dei farmaci Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014 Celiachia Malattia autoimmune che coinvolge prevalentemente l intestino. Gluten Sensitivity Sindrome caratterizzata da molteplici

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

COMPLICANZE RESPIRATORIE

COMPLICANZE RESPIRATORIE ATELETTASIA: collasso di gruppi di alveoli che continuano ad essere vascolarizzati (ma non sono più ventilati! Quindi c è un alterazione degli scambi O2/CO2) Più l atelettasia dura nel tempo, più difficile

Dettagli

PROGETTO INDOOR SCHOOL

PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria degli scolari e degli adolescenti

Dettagli