2.4.1 ATTIVITA SVOLTA PRESSO I COMUNI DI TODI E SPOLETO (PG)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.4.1 ATTIVITA SVOLTA PRESSO I COMUNI DI TODI E SPOLETO (PG)"

Transcript

1 2.4.1 ATTIVITA SVOLTA PRESSO I COMUNI DI TODI E SPOLETO (PG) L'INCONTRO TRA DIDATTICA E ATTIVITA' TECNICA APPLICATA NELLA FORMAZIONE SUL CAMPO DELLE SQUADRE 9, 10,11. Tutor : Arch. Franca Ferranti esperto GNDT Le squadre assegnatemi, già dalla fine del corso propedeutico svoltosi nella sede di Castelnuovo di Porto, erano composte da: Squadra 9: geometri A. Restani L. Gini Squadra 10: geometri F. Martinelli- L. Mastini- U. Moretti Squadra 11: geometri P. Benedetti- F. Segoni La prima fase del progetto L'attività da svolgere nella prima fase del progetto concerneva nel controllo e completamento delle schede di sopralluogo effettuate da tecnici nei paesi colpiti dal terremoto del 26/09/1997 per conto della Regione Umbria. L'inizio operativo era stato concordato per tutte le squadre impegnate il 20/07/1998, la nostra sede iniziale fu Todi, dimostratasi di non felice scelta poiché non essendo stato il territorio in questione direttamente coinvolto nell evento sismico, il lavoro da svolgere era in realtà insufficiente per tutte le squadre (circa sette) che lì erano state dislocate. Perciò, a fronte di una contestazione da parte dei tecnici impegnati, la sede fu definitivamente spostata dal responsabile regionale del progetto presso il Comune di Spoleto. Le località oggetto dei sopralluoghi erano state individuate nei territori comunali di Preci, Cerreto di Spoleto e Campello sul Clitunno, dove il materiale a nostra disposizione era di circa 2000 schede redatte. Operativamente i sopralluoghi sono iniziati nel mese di settembre, dopo aver avuto con le squadre un incontro mirato alla determinazione dal punto di vista teorico nonché all'organizzazione da quello pratico del lavoro da svolgere. Ciascuna scheda, di cui un esempio allego più avanti, consisteva in una schedatura relativa alle zone colpite dal sisma con l'individuazione catastale degli immobili colpiti, i loro proprietari, il loro stato di conservazione e lo stato del danno, ciò che ci veniva richiesto era il loro completamento per quanto riguardava i dati metrici, e quindi le squadre dovevano compiere dei rilievi esterni cercando a grandi linee di dare una consistenza a livello di superficie dei vari immobili. Le squadre, dopo aver acquisito e collazionato la cartografia esistente del luogo fornita dall'ufficio tecnico del Comune, per poter meglio operare in questo contesto si sono dislocate dapprima nelle frazioni per poi riunirsi a Preci. 71

2 STRALCIO DI CARTOGRAFIA RELATIVA AL TERRITORIO COMUNALE DI PRECI Preci si trova nella parte est della Regione ed è stata già fortemente colpita dal terremoto verificatesi una ventina d anni fa nella Valnerina, nel nostro caso però non è stata colpita dalla prima scossa del settembre '97 con epicentro a Colfiorito, ma piuttosto da quella verificatasi a Sellano nell'aprile '98. Il suo territorio è piuttosto ampio con piccolissime frazioni sparse intorno al paese principale; dal punto di vista ambientale si trova in una zona montagnosa, a tratti impervia, ricca di boschi e vegetazione. Le frazioni interessate dai sopralluoghi sono state : Montebufo, Fiano, Abeto, Todiano, Poggio di Croce, Civitella, Collazzoni, Villa del Guado, Roccanolfi, Montaglioni, Piedivalle, Acquaro, Valle, Collescille, Corone, Castelvecchio, Saccovescio, Castelvecchio, Cervara, Collarcio, Colli Cordella, Borgo Preci. Ho voluto seguire le squadre personalmente nei primi sopralluoghi così da poter dar loro, in modo più incisivo, indicazioni sulla metodologia operativa da seguire, consistente nel realizzare, prima dell'inserimento dei dati nella scheda, per ciascun edificio una schematizzazione planimetrica. 72

3 FAC-SIMILE DI SCHEDA DA COMPLETARE 73

4 Riguardo all aspetto motivazionale da poter trasmettere alle squadre ho cercato in questa prima fase del lavoro, dopo il momento di sbandamento iniziale, di creare un contatto piuttosto stretto ed amicale con tutti i tecnici avendo cura di accogliere le loro richieste e di risolvere i problemi che si venivano mano a mano a creare cercando soprattutto di responsabilizzarli sulla qualità e la quantità del lavoro da svolgere, e difatti abbiamo avuto a tale proposito incontri settimanali sul posto per un continuo report e controllo del lavoro fino a quel momento realizzato. La conclusione di questa prima fase era stata individuata dai Responsabili del progetto per la fine del mese di novembre '98, per cui ha riguardato alla fine solo il completamento delle circa 968 schede relative al territorio di Preci. La seconda fase del progetto In seguito nell'incontro che si è tenuto successivamente a Foligno tra tutti i soggetti coinvolti nel progetto, G.N.D.T., Protezione Civile, Prefettura Di Perugia, Regione Umbria, Tutors, Squadre, ci è stata comunicata che la seconda fase doveva vertere esclusivamente sulla schedatura di vulnerabilità in una zona però del tutto differente da quella osservata nella prima fase. Specificatamente l'attività da svolgere era : - Schedatura di I e II livello per il rilevamento dell esposizione e della vulnerabilità degli edifici in tre frazioni del Comune di Spoleto : San Giacomo di Spoleto, Eggi, Poreta. Operativamente, sin dall'inizio di questa seconda fase il 23/02/1999, si è deciso di concentrare il lavoro delle squadre soltanto su San Giacomo, la più grande delle tre. Questo è consistito, dapprima, nella compilazione di una scheda di I livello per il censimento degli edifici interessati dall evento sismico. La scheda, che qui di seguito si riporta, doveva riportare una serie di dati legati all'individuazione, la tipologia, la consistenza e la struttura di edifici recanti medesime caratteristiche. Per cui sulla base del materiale cartografico e di schede di danno fatte redigere dall Amministrazione Comunale di Spoleto, le squadre si sono dislocate nella frazione ed hanno iniziato ad acquisire questi dati ed è in relazione a questo che come tutor, riuniti tutti i tecnici durante i primi sopralluoghi, ho cercato di spiegare sia teoricamente che praticamente come andavano analizzati ed inseriti correttamente nella scheda. FAC-SIMILE FRONTE SCHEDA DI VULNERABILITA' DI I LIVELLO 74

5 STRALCIO DI PLANIMETRIA CATASTALE RELATIVA A SAN GIACOMO DI SPOLETO Sulla base di ciò, a conclusione dei sopralluoghi le squadre hanno riorganizzato tutte le informazioni prese ed hanno compilato puntualmente le schede, che sono risultate essere circa duecento. Il passo successivo era quello di procedere al rilevamento del campione su di un numero di edifici estrapolati da questa schedatura, che presentando una serie di parametri uguali, diventavano particolarmente rappresentativi per studiarne il livello di vulnerabilità relativamente alla seconda scheda. A questo punto abbiamo avuto una prima collaborazione con le squadre dei geologi che parallelamente operavano sullo stesso territorio al fine di poter trovare una sovrapposizione tra il nostro lavoro mirante all individuazione nella cartografia della campionatura per la vulnerabilità ed il loro lavoro mirante alla formazione di una carta geologica della zona. Essendo però ormai agli sgoccioli il tempo per quanto riguardava la fine del Progetto stesso (22/06/1999), e non potendo compiere più approfonditi sopralluoghi per acquisire i dati necessari per compilare la scheda di II livello, abbiamo terminato consegnando la schedatura di censimento ed il relativo campione. Considerazioni finali Come si è potuto notare dall'esposizione del lavoro svolto, la discrepanza tra le due fasi non ha permesso una linearità in quello che era uno degli scopi del Progetto stesso, e cioè la formazione teorica e pratica delle squadre impegnate sul campo. Come ho cercato di spiegare i tecnici si sono sentiti spesso demotivati nello svolgimento dell'attività non riuscendone spesso a capirne il fine, anche se il lavoro di sopralluogo della prima fase è stato in qualche modo propedeutico a quello effettuato nella seconda. Poiché, anche in questa bisognava compiere un rilievo degli edifici seppure in modo più analitico, l'esperienza precedentemente fatta ha certamente giovato ad una maggiore comprensione dei dati richiesti e speditezza nel reperirli. In conclusione come tutor devo comunque giudicare positivo l'incontro professionale e umano con i tecnici ed auspicarne la possibilità di un proseguimento attraverso altre esperienze progettuali. 75

6 L esperienza professionale e formativa dei geologi: il caso delle squadre 15 e 23. Tutor: Geol. Daniela Di Bucci - SSN L esperienza professionale Le squadre n. 15 e 23 erano formate ciascuna da un solo geologo. In particolare, la squadra n. 15 era costituita dalla Dott.ssa M. Teresa Barba, la squadra n. 23 dal Dott. Umberto Imerigo. Ho svolto il ruolo di tutor per queste due squadre a partire dal Dicembre L'inizio della mia attività è coinciso con la conclusione della prima fase del Progetto e con l'inizio della seconda, per la quale è stato possibile definire un programma non solo in coordinamento con i colleghi tutor geologi ma anche con i tecnici; per me in particolare, con l'arch. F. Ferranti, che seguiva le squadre di tecnici operanti nelle stesse località di mia competenza. Le attività da me seguite come tutor hanno riguardato tre località del Comune di Spoleto, e cioè: Poreta, S. Giacomo ed Eggi. Il programma di lavoro, coordinato e di supporto alle attività di stima della vulnerabilità condotte dai colleghi tecnici, ha seguito delle linee generali stabilite in accordo tra i colleghi tutor geologi. Esse prevedevano di operare una raccolta di tutte le relazioni geologiche disponibili presso il Comune, specie quelle realizzate in seguito al sisma del , cui avrebbe dovuto essere associata anche una carta delle zone suscettibili di amplificazioni o instabilità dinamiche locali. A tale raccolta di materiale avrebbe fatto seguito una verifica dei dati, completata da sopralluoghi di terreno. In caso di mancanza o di insufficienza dei dati, si sarebbe provveduto a un rilevamento ex novo o a completamento delle aree mancanti, eseguito secondo le indicazioni del "Manuale per il rilevamento e l'identificazione delle zone suscettibili di amplificazioni o instabilità dinamiche locali", approntato da SSN e GNDT per lo scorso terremoto umbro-marchigiano. Lo scopo era quello di giungere alla stesura di carte delle zone suscettibili di amplificazioni o instabilità dinamiche locali (ove possibile corredate da valori dei coefficienti di amplificazione ricavati, indirettamente, dalle tabelle presenti nei suddetti manuali); esse avrebbero permesso ai colleghi tecnici una più corretta scelta degli edifici su cui effettuare studi di vulnerabilità, tenendo debitamente conto degli effetti di sito. Reperimento dei dati Per Poreta e S. Giacomo sono state reperite e in parte completate le relazioni geologiche disponibili presso il Comune; si tratta di quelle realizzate in seguito al sisma del , cui è associata anche una carta delle zone suscettibili di amplificazioni o instabilità dinamiche locali. Per la prima di queste località, i dati in possesso del Comune erano già del tutto sufficienti; per la seconda località, invece, si è reso necessario un significativo lavoro di integrazione. Per Eggi, infine, verificato che l'incarico dato ai liberi professionisti dalla Regione copriva una porzione del territorio non coincidente con il centro abitato, si è provveduto a un rilevamento ex novo di questo (completo di relazione e carte), eseguito secondo le indicazioni del "Manuale" sopra citato (Fig. 1). In questa parte del lavoro l attività di tutoraggio è stata svolta anche direttamente sul terreno, al fine di verificare insieme alle squadre alcuni aspetti geologici e morfologici dubbi e di 76

7 fornire indicazioni di dettaglio sulle tecniche più appropriate per la restituzione cartografica dei dati rilevati. Fig. 1 (Esempio di prodotto realizzato nell ambito delle attività di microzonazione speditiva ) Risultati Le indagini di microzonazione speditiva di Poreta, S. Giacomo ed Eggi, nel Comune di Spoleto, hanno permesso di effettuare un confronto tra queste località. Per quanto concerne Poreta ed Eggi, l assetto geologico (in particolare: litotipi presenti, rapporti geometrici tra questi, morfologia) di queste località suggerisce una certa variabilità dei fattori di amplificazione attesi nel territorio esaminato; il quadro è inoltre reso più complesso dalla presenza di zone suscettibili di instabilità locali. Per contro, l assetto geologico della località S. Giacomo appare sostanzialmente omogeneo; ciò permette di correlare variazioni nell entità di eventuali danni soprattutto alle caratteristiche delle strutture edilizie, escludendo, almeno ad una prima analisi, forti variazioni di amplificazione locale all interno dell area edificata. S. Giacomo è risultata, di conseguenza, la località più indicata, tra le tre analizzate, per lo svolgimento delle attività delle squadre di tecnici, che su questa hanno concentrato, di conseguenza, le analisi di dettaglio di propria competenza. 77

8 L esperienza formativa e di aggiornamento Il Progetto Eme-Rico prevedeva anche un'attività di formazione-aggiornamento. Questa è stata sviluppata nell ambito dei temi del progetto, dei compiti delle squadre e degli interessi professionali espressi da queste; in particolare: si è lavorato sui temi della microzonazione sia speditiva che di dettaglio, dei piani di emergenza di protezione civile, del rischio sismico. La microzonazione sismica è stata affrontata attraverso lo studio e il commento del materiale bibliografico di base (il "Manuale per il rilevamento e l'identificazione delle zone suscettibili di amplificazioni o instabilità dinamiche locali", messo a punto da GNDT, SSN e Regioni Umbria e Marche per coordinare le attività geologiche che hanno fatto seguito al terremoto del ; Faccioli E ed., 1986; ISSMFE, 1993; AFPS Ed., 1995). Quanto acuisito in questa fase ha trovato immediata applicazione nell esperienza professionale sopra descritta. Il tema dei Piani di Protezione Civile e delle linee guida esistenti per una loro corretta realizzazione è stato affrontato approfonditamente su richiesta delle squadre. L'argomento è stato sviluppato sulla base del testo del "Metodo Augustus", che contiene le linee guida fornite in materia dalla Protezione Civile. I concetti di base sul rischio sismico sono stati introdotti nel quadro di una visita alla mostra dal titolo: "Quando la Terra trema Il rischio sismico e la convivenza con il terremoto", realizzata a Roma dal Servizio Sismico Nazionale in occasione della "IX Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica" (iniziativa M.U.R.S.T.). L itinerario era stato realizzato grazie all integrazione di diverse professionalità che, in vari campi, si occupano di tematiche correlate al problema sismico. A partire dal contesto geologico generale in cui i terremoti si collocano, erano affrontati i temi della pericolosità, vulnerabilità ed esposizione fino a giungere al concetto di rischio sismico. Veniva illustrato il modo in cui il problema terremoto è trattato dal punto di vista normativo ed era, inoltre, affrontato il tema dell emergenza sismica. L iniziativa di questa visita, a cui le squadre hanno aderito con interesse, ha permesso, nell ottica del progetto Eme. Rico., di sottolineare l importanza di alcune relazioni tra aspetti geologici e ingegneristici, nonché la possibilità di osservare attraverso modelli meccanici e numerici la dinamica di un edificio e di analizzare la frequenza di risonanza di questo in relazione a quella del sottostante terreno. Conclusioni L esperienza professionale e formativa effettuata nell ambito del Progetto Eme-Rico merita qualche riga di commento. In generale, per le squadre di geologi da me seguite, i tratti di maggior rilievo sono stati: da una parte, la possibilità, di approfondire sia dal punto di vista teorico che pratico le conoscenze sul rischio sismico e la microzonazione e di sperimentare l immediata ricaduta applicativa di questo approfondimento; dall altra, la possibilità di confrontarsi con la necessità di coordinare la propria attività, sia in fase progettuale che realizzativa, con quella di squadre afferenti ad altre discipline tecniche. Ciò ha non solo arricchito il loro bagaglio culturale, ma ha anche ampliato lo spettro della propria professionalità con competenze spendibili soprattutto nelle realtà lavorative locali. In questo senso, la valenza del lavoro svolto può essere senz altro considerata positiva. 78

9 Per quanto riguarda più in particolare la professionalità e l'approccio al Progetto mostrato dalle squadre di cui ero tutor, esse hanno mostrato un aumento progressivo della motivazione al procedere delle attività. Il loro interesse e la disponibilità per il lavoro sono apparsi strettamente correlati alla possibilità di individuarne con sufficiente chiarezza gli obiettivi e le connessioni con le attività tecniche parallele. Chiaramente lo stato di precariato, il basso numero di ore di lavoro all'interno del Progetto (e la conseguente modica remunerazione), le difficoltà logistiche (mancanza di computer, difficoltà nei rimborsi per le spese di missione, ecc.) non hanno costituito, di certo, elementi di motivazione e spinte all'intraprendenza. Tuttavia, il programma di lavoro è stato eseguito interamente, gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti e il livello professionale è da considerarsi senz'altro accettabile. Infine, sono da sottolineare le richieste di spiegazioni e di aggiornamento giunte dalle squadre. Il fatto che tra gli obiettivi della partecipazione al Progetto ci fosse, per questi geologi, anche l'arricchimento culturale geologico e la formazione in nuovi campi, induce delle riflessioni positive sulla loro professionalità, nel quadro di potenzialità esistenti anche se ancora non del tutto espresse. Riferimenti bibliografici AFPS Ed. (1995) - Guidelines for seismic zonation studies. English version of: Bard P. Y., Czitrom G., Durville J. L., Godefroy P., Meneroud J. P., Mouroux P. & Pecker A. - Guide métodologique pour la réalisation d'études de microzonage sismique. ISSMFE (1993) - Manual for Zonation on Seismic Geotechnical Hazards. Prepared by the Technical Committee for Earthquake Geotechnical Engineering, TC4, of the International Society for Soil Mechanics and Foundation Engineering. Japanese Society of Soil Mechanics and Foundation Engineering Eds, 149 p. Faccioli E ed. (1986) - Elementi per una guida alle indagini di Microzonazione Sismica. CNR, P. F. G., monografie finali, vol. 7. Quaderni de "La ricerca scientifica", 114, 249 p. Galanti E. (1997) - Il metodo Augustus. DPC informa. Anno II, n.4, maggio-giugno

2.4.2 ATTIVITÀ SVOLTA PRESSO I COMUNI DI TODI, MONTEFALCO, FOLIGNO E SPOLETO

2.4.2 ATTIVITÀ SVOLTA PRESSO I COMUNI DI TODI, MONTEFALCO, FOLIGNO E SPOLETO 2.4.2 ATTIVITÀ SVOLTA PRESSO I COMUNI DI TODI, MONTEFALCO, FOLIGNO E SPOLETO Tutors: Arch. Roberto Reale esperto GNDT Geol. Paolo Paccara esperto GNDT Premessa La presente relazione contiene la descrizione

Dettagli

CAPITOLO I IL PROGETTO

CAPITOLO I IL PROGETTO CONTENUTI DEL PROGETTO CAPITOLO I IL PROGETTO 1.1 - CONTENUTI DEL PROGETTO Dott.ssa Daniela Ferranti Dipartimento Protezione Civile Sig. Mauro Chilante Gruppo Nazionale Difesa Terremoti - L Aquila Arch.

Dettagli

2.3.3 ATTIVITA SVOLTA PREVALENTEMENTE PRESSO GLI UFFICI DECENTRATI DELLA REGIONE A MUCCIA (MC), ASCOLI PICENO ED ANCONA.

2.3.3 ATTIVITA SVOLTA PREVALENTEMENTE PRESSO GLI UFFICI DECENTRATI DELLA REGIONE A MUCCIA (MC), ASCOLI PICENO ED ANCONA. 2.3.3 ATTIVITA SVOLTA PREVALENTEMENTE PRESSO GLI UFFICI DECENTRATI DELLA REGIONE A MUCCIA (MC), ASCOLI PICENO ED ANCONA. Tutors: Arch. Gianluca Canofeni - esperto GNDT Geol. Giorgio Coppola esperto GNDT

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

RISCHIO SISMICO Convegno nazionale Ordine Geologi San Benedetto del Tronto 11-12 settembre 2014

RISCHIO SISMICO Convegno nazionale Ordine Geologi San Benedetto del Tronto 11-12 settembre 2014 LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO E DELLA POPOLAZIONE DAL RISCHIO SISMICO Convegno nazionale Ordine Geologi San Benedetto del Tronto 11-12 settembre 2014 Un esempio di Analisi della Condizione Limite per

Dettagli

Il supporto dei Geologi nell emergenza sismica: Esperienza emiliana di Geo-Pro-Civ. Relatore Dott. Geol. Riccardo Triches

Il supporto dei Geologi nell emergenza sismica: Esperienza emiliana di Geo-Pro-Civ. Relatore Dott. Geol. Riccardo Triches Il supporto dei Geologi nell emergenza sismica: Esperienza emiliana di Geo-Pro-Civ Relatore Dott. Geol. Riccardo Triches Chi siamo GEO-PRO-CIV: Associazione Geologi Emilia-Romagna per la Protezione Civile,

Dettagli

La gestione del rischio sismico in Italia

La gestione del rischio sismico in Italia La gestione del rischio sismico in Italia Mauro Dolce Direttore Generale, Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di

Dettagli

IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Il Documento di Valutazione dei Rischi

IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Il Documento di Valutazione dei Rischi DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Il Documento di Valutazione dei Rischi Ing. Daniela Malvolti Reggio

Dettagli

RELAZIONE DI ANALISI

RELAZIONE DI ANALISI CITTA DI VENTIMIGLIA Prov. di Imperia P. Iva/C.f. 00247210081 Piazza della Libertà, 3 18039 Ventimiglia (IM) Tel. 0184 2801 - Fax 0184-352581 PEC comune.ventimiglia@legalmail.it PIANO DEL COLORE DEL CENTRO

Dettagli

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI Arch. Walter Baricchi Il sisma 2012 in Emilia. Il 20 maggio 2012 una vastissima area compresa tra

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE partecipativo della val di bisenzio Conoscere il rischio per vivere in sicurezza

IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE partecipativo della val di bisenzio Conoscere il rischio per vivere in sicurezza IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE partecipativo della val di bisenzio Conoscere il rischio per vivere in sicurezza GIORNATA INFORMATIVA PER I RESIDENTI DEL COMUNE DI VERNIO 17 giugno 2015 REPORT Il terzo incontro

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

La Commissione, nominata con decreto rettorale n. 3115 del 31.10.2003, e composta dai Signori:

La Commissione, nominata con decreto rettorale n. 3115 del 31.10.2003, e composta dai Signori: Procedura di valutazione comparativa per la copertura di n. 1 posto di Ricercatore universitario presso l Università degli Studi di Genova, Facoltà di Ingegneria, settore scientifico disciplinareicar/09-

Dettagli

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio 1 Il Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio. Gisella Capponi, Direttore dell Istituto Superiore per la Conservazione ed il

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 D D PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

Dettagli

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni Decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554 Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni (G.U. n.

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

Progetto Strategico RISKNAT

Progetto Strategico RISKNAT Progetto Strategico RISKNAT Attività B 7.1 C 7.1 Analisi multirischio sul territorio piemontese. Ricadute operative di Protezione Civile. Postfazione Postfazione Le evoluzioni metodologiche e di gestione

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

GALLERIA DELLE ESPERIENZE. Controllo di Gestione: Best Practices NOTA INTEGRATIVA

GALLERIA DELLE ESPERIENZE. Controllo di Gestione: Best Practices NOTA INTEGRATIVA NOTA INTEGRATIVA GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices La nota integrativa è stata qui inserita nell'intento di fornire indicazioni più articolate riguardo le singole poste dei

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 D D PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

LA GESTIONE DELLE DEMOLIZIONI IN EMERGENZA: PREMESSA

LA GESTIONE DELLE DEMOLIZIONI IN EMERGENZA: PREMESSA Ennio Aquilino Procedura operativa I cambiamenti tra le generazioni dei pompieri LA GESTIONE DELLE DEMOLIZIONI IN EMERGENZA: PREMESSA 21 settembre 1997, 31 ottobre 2002, due date ben note al personale

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

LA PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE DELLA SCUOLA : LICEO SCIENTIFICO STATALE FRANCESCO D ASSISI DI ROMA.

LA PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE DELLA SCUOLA : LICEO SCIENTIFICO STATALE FRANCESCO D ASSISI DI ROMA. Coordinatori : prof. Massimo Giovannetti arch. Silvia Quattrocchi arch. Nicoletta Salvi MODULO ARCHITETTONICO LA PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE DELLA SCUOLA : LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

Associazione Nazionale Geometri Per la Protezione Civile

Associazione Nazionale Geometri Per la Protezione Civile ATTIVITA DEL GEOMETRA NELLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA AeDES.: FABBRICATO con esito di agibilità E C.O.C. VIGARANO MAINARDA (FE) Sisma 2012 EMILIA ROMAGNA Geom. Michele Levorato Geom. Pietro Tracco PADOVA,

Dettagli

I questionari degli operatori Report di analisi

I questionari degli operatori Report di analisi I questionari degli operatori Report di analisi Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Scambio interregionale fra le Regioni Toscana, Marche e Umbria Regione

Dettagli

Sistema qualità IC 16 Verona

Sistema qualità IC 16 Verona Sistema qualità IC 16 Verona Formazione 2012-2013 Report dei questionari di gradimento somministrati al Collegio dei Docenti del 21/06/2013 Studio 06 Giugno 2013 Anno Scolastico 2012-2013 Introduzione

Dettagli

Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma

Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma Valerio Baiocchi (*), Donatella Dominici (**), Rachele Ferlito (***), Francesca Giannone (*), Massimo Guarascio (****), Maria Zucconi (*, ****) (*)Area Geodesia

Dettagli

Consulenza tecnica all atto di trasferimento

Consulenza tecnica all atto di trasferimento Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica P08 Estimo e attività peritale Consulenza tecnica all atto di trasferimento Sommario Il presente documento

Dettagli

Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto

Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto Dr. Luigi Barbero Distretto di Cuneo Borgo San Dalmazzo CARD Piemonte Ma, che cos è il Distretto?

Dettagli

Bilancio del patrimonio culturale danneggiato

Bilancio del patrimonio culturale danneggiato Bilancio del patrimonio culturale danneggiato Al 31/08 sono state raccolte nelle banche dati oltre 3172 segnalazioni e attività (es. schede di sopralluogo speditivo, attivazione recuperi, interventi di

Dettagli

PERIZIA DI STIMA DELL IMMOBILE SITO IN DESENZANO DEL GARDA (Bs)

PERIZIA DI STIMA DELL IMMOBILE SITO IN DESENZANO DEL GARDA (Bs) TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE Concordato Preventivo Story Loris spa in liquidazione - n 4 / 2010 Giudice Delegato: Dott. Carlo Bianchetti Commissario Giudiziale: Adelmo Predari Commissario

Dettagli

LUCIANO GAVIN FORMAZIONE

LUCIANO GAVIN FORMAZIONE LUCIANO GAVIN FORMAZIONE Ha conseguito il diploma di maturità tecnica per geometri presso l I.T. Girardi di Cittadella (Padova) con il punteggio di 56/60. Ha conseguito la Laurea presso la Facoltà di Scienze

Dettagli

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici

La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici 1. Introduzione Il D.Lgs. 81/08 (s.m.i.), che disciplina la sicurezza nei luoghi di lavoro prescrive la valutazione di tutti

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici Appalti Pubblici La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici L articolo analizza nel dettaglio, per gli appalti di lavori pubblici stipulati a corpo, le modalità per la contabilizzazione

Dettagli

Beatrice Benesperi acquisizione delle informazioni restituzione delle informazioni implementazione aggiornamento delle informazioni

Beatrice Benesperi acquisizione delle informazioni restituzione delle informazioni implementazione aggiornamento delle informazioni Beatrice Benesperi In quest'intervento parlerò della seconda fase del lavoro, cioè della conoscenza dello stato di fatto dei luoghi. Dopo la costituzione del laboratorio comunale per accessibilità si passa

Dettagli

PIANO D AMBITO. Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI

PIANO D AMBITO. Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Sommario 1 Introduzione... 2 2 Piano

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 38 del 7 settembre 2005 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Prevenzione Formazione ed Informazione

Prevenzione Formazione ed Informazione Il Rischio Sismico Prevenzione Formazione ed Informazione Giuseppe Licata Esperto in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento. Laureando in Scienze Geologiche, curriculum rischi geologici Il

Dettagli

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE e L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE I problemi legati alla manutenzione e all adeguamento del patrimonio edilizio d interesse storico ed artistico sono da alcuni anni oggetto di crescente interesse e studio.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Si chiede di iniziare dal punto 3 dell ordine del giorno. I Consiglieri sono d accordo. Illustra l Assessore Diegoli. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: - rientra tra gli obiettivi dell Amministrazione

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione Relazione Illustrativa delle Attività svolte nell'anno 2012 e di quelle Preventive del 2013

OGGETTO: Trasmissione Relazione Illustrativa delle Attività svolte nell'anno 2012 e di quelle Preventive del 2013 Raccomandata Al COMUNE DI SPOLETO Direzione Istruzione, Coesione Sociale, Salute e Sport Ufficio per le Politiche per la Salute Via Cerquiglia, 182/a 06049 SPOLETO - PG OGGETTO: Trasmissione Relazione

Dettagli

Stage 6. "Esplorare nuovi Spazi"

Stage 6. Esplorare nuovi Spazi Stage 6. "Esplorare nuovi Spazi" Gli obiettivi Nella prima sezione del questionario si è chiesto ai partecipanti di esprimere un giudizio riguardo il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto

Dettagli

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Attività 2004 1 SISTEMA INFORMATIVO CONSILIARE E BANCA DATI ARIANNA Sono

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 104 DEL 05/11/2015

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 104 DEL 05/11/2015 OGGETTO: SISMA 2012 - APPROVAZIONE DELLA DELIMITAZIONE DELLE ZFU - ZONE FRANCHE URBANE DEL TERRITORIO COMUNALE AI SENSI DEL D.L. 19 GIUGNO 2015, N. 78 E SS.MM.II. La Giunta Comunale Premesso che a seguito

Dettagli

CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA

CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-PESCARA Con il patrocinio di ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA GIUGNO 2011 Parco Paglia

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2009 EXECUTIVE SUMMARY L undicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si articola in due parti

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni. 14 Maggio 2012. A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine

RASSEGNA STAMPA. Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni. 14 Maggio 2012. A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine RASSEGNA STAMPA Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni 14 Maggio 2012 A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine di CNA Forlì Cesena febbraio 2012 CNA Associazione Provinciale

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 Il Comune di Bologna si è dotato da molti anni di un sistema di pianificazione e controllo che è stato progressivamente perfezionato e ampliato,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa

Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa REPORT Febbraio 2012 Analisi conoscitiva preliminare morfologia urbana percorsi e spazi pubblici stato di danno rilievo speditivo degli aggregati lessico

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 D D PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Redazione piano del colore

Redazione piano del colore Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E12 Edilizia, urbanistica e ambiente Redazione piano del colore Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da Antinquinamento, anno V N. 3, settembre 1998, Tecniche Nuove) Una traccia che mostra come sia possibile

Dettagli

GN IT - Rapporti di valutazione

GN IT - Rapporti di valutazione Le linee guida RICS La presente è una linea guida esplicativa. Laddove si forniscono raccomandazioni per specifiche attività professionali, queste devono essere intese come buona prassi, vale a dire come

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ministero per i Beni e le Attività Culturali GRUPPO DI LAVORO PER LA SALVAGUARDIA E LA PREVENZIONE DEI BENI CULTURALI DAI RISCHI

Dettagli

PROGETTAZIONE E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

PROGETTAZIONE E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ORGANIZZATO E PROMOSSO DA: www.consorzioferrararicerche.it www.unife.it/centro/architetturaenergia www.unife.it/dipartimento/architettura CON IL PATROCINIO DI: www.collegiogeometri.fe.it IN COLLABORAZIONE

Dettagli

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Come certificare la sicurezza e la sostenibilità del patrimonio immobiliare favorendo lo sviluppo economico BEN 7 MILIONI DI EDIFICI IN ITALIA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 D D PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

Dettagli

Rischi catastrofali. Prendendo spunto dalla recente pubblicazione del Natural Hazard Risk Atlas 2014 di

Rischi catastrofali. Prendendo spunto dalla recente pubblicazione del Natural Hazard Risk Atlas 2014 di Rischi catastrofali Prendendo spunto dalla recente pubblicazione del Natural Hazard Risk Atlas 2014 di che indica l Italia come l ottavo paese al mondo ed il primo in Europa per rischiosità in tema di

Dettagli

I principali riferimenti normativi

I principali riferimenti normativi I principali riferimenti normativi Delibera dell Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna n. 112 del 2 Maggio 2007 Indirizzi per gli studi di microzonazione sismica in Emilia Romagna per la pianificazione

Dettagli

Stage 7. "Esorcizzare le Paure"

Stage 7. Esorcizzare le Paure Stage 7. "Esorcizzare le Paure" Gli obiettivi Nella prima sezione del questionario si è chiesto ai partecipanti di esprimere un giudizio riguardo il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7 RELAZIONE INTEGRATIVA PAG 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 NOTE INTEGRATIVE SUL RETICOLO IDRAULICO MINORE...3 2.1 Generalità...3 2.2 Fossi della Piana di San Giovanni...4 2.3 Fosso della Concia e Fosso Carpani...5

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

SCHEDA INTERVISTA CATASTO

SCHEDA INTERVISTA CATASTO SCHEDA INTERVISTA CATASTO Comune di ATTENZIONE: rilevare la volontà dell Ente e non l opinione dell intervistato D1. IL COMUNE È ORIENTATO ALL ASSUNZIONE DIRETTA DELLE FUNZIONI CATASTALI? (a) SI, in forma

Dettagli

Where the next major earthquake in the Italian peninsula?

Where the next major earthquake in the Italian peninsula? Where the next major earthquake in the Italian peninsula? E. Mantovani 1, M. Viti 1, N. Cenni 2, D. Babbucci 1, C. Tamburelli 1, A. Vannucchi 1 (1) Dip.to di Scienze Fisiche, della Terra e dell Ambiente

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

MoVimento 5 Stelle Municipio X. Dissesto idrogeologico

MoVimento 5 Stelle Municipio X. Dissesto idrogeologico MoVimento 5 Stelle Municipio X Dissesto idrogeologico Tavolo Ambiente Municipio X Attività svolta nel 2013-2014 Premesse: Lo strumento pianificatorio dei Piani di Bacino è stato introdotto nel nostro ordinamento

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DEGLI STUDI E INDAGINI DI MICROZONAZIONE SISMICA E ANALISI DELLA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) ANNUALITA' 2012 (III

PROGRAMMA REGIONALE DEGLI STUDI E INDAGINI DI MICROZONAZIONE SISMICA E ANALISI DELLA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) ANNUALITA' 2012 (III PROGRAMMA REGIONALE DEGLI STUDI E INDAGINI DI MICROZONAZIONE SISMICA E ANALISI DELLA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) ANNUALITA' 2012 (III Annualità) DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE INGEGNERI/ARCHITETTI

Dettagli

Cerimonia di inaugurazione dell Anno Accademico 2013-2014 dell'università degli Studi di Parma. Parma, 6 Dicembre 2013. Intervento

Cerimonia di inaugurazione dell Anno Accademico 2013-2014 dell'università degli Studi di Parma. Parma, 6 Dicembre 2013. Intervento Cerimonia di inaugurazione dell Anno Accademico 2013-2014 dell'università degli Studi di Parma Parma, 6 Dicembre 2013 Intervento Dott.ssa Antonella Fusari Presidente del Consiglio del Personale Tecnico

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli