NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica"

Transcript

1 PIANO OPERATIVO COMUNALE Adottato con Delibera di C.C. N. 22 del 15 marzo 2011 Approvato con Delibera di C.C. N. 78 del 27 settembre 2012 COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI -CESENA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica I VARIANTE al PSC-POC per aggiornamento aree di danno dello stabilimento a Rischio di Incidente Lampogas Adottata con Delibera di C.C. N. 60 del 30/07/2013 Approvata con Delibera di C.C. N. 13 del 21/03/2014 II VARIANTE al POC per localizzazione di parcheggio pubblico nel centro storico del Capoluogo Adottata con Delibera di C.C. N. 34 del 07/05/2014 Approvata con Delibera di C.C. N... del../../.. Variante al P.O.C. predisposta ai sensi dell art. 34 della L.R. 20/2000 ADOTTATO : Delibera di C.C. N... del../../.. APPROVATO : Delibera di C.C. N... del../../.. PUBBLICATO: BUR Emilia Romagna N. del / / IL SINDACO Nevio Zaccarelli IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Claudia Lapenna IL SEGRETARIO COMUNALE Giancarlo Infante IL CAPO V SETTORE EDILIZIA E URBANISTICA Tecla Mambelli

2 Comune di Bertinoro P.O.C. Norme 2

3 Articolo Elaborati costitutivi del POC 1. Costituiscono elaborati della variante al Piano Operativo Comunale: a. Relazione descrittiva- Documento programmatico per la qualità urbana - Dimensionamento del Piano; b. Norme Tecniche di Attuazione Estratto degli articoli oggetto di modifica; c. Relazione di fattibilità economico-finanziaria e Agenda di attuazione del Piano; d. Schede di attuazione degli ambiti attivati da POC modificate; e. Schede di attuazione degli ambiti attivati da POC nuove; f. Proposte di Accordo con i privati ai sensi art. 18 LR 20/2000 estratto delle proposte oggetto di modifica; g. Schede A10.3-A10.4 di riarticolazione urbana modificate dal POC; h. Schede A10.3-A10.4 di riarticolazione urbana disciplinate da RUE e confermate dal POC; i. Schede A PUA confermati o modificati dal POC; j. Appendice al Censimento degli edifici in territorio rurale allegato al RUE; k. Planimetria generale di progetto (TAV.P1-P2-P3); l. Sistema delle dotazioni territoriali esistenti e di progetto (TAV. DT1- DT2- DT3); m. Sistema del verde (TAV.V1-V2 V3); n. Programma delle Opere Pubbliche ed elenco integrativo delle Opere Pubbliche da realizzare in sede di POC; o. Piano del Commercio estratto delle parti oggetto di modifica; p. Abaco degli elementi per l attuazione della Rete ecologica; q. Piano particellare di esproprio estratto delle parti oggetto di modifica; r. Valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale Relazione - estratto delle parti oggetto di modifica; s. Valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale Elaborati cartografici; t. Indagini geologiche - Relazione geologica u. Indagini geologiche - Aree in studio (Tav. 1:10.000) v. Indagini geologiche - 3a. Schede geologiche w. Indagini geologiche 3b. Schede geologiche x. Indagini geologiche 3c. Schede geologiche y. Indagini geologiche e integrazioni : z. Area studio BERT_2 aa. Area studio BERT_3 bb. Area studio BERT_4 cc. Area studio CAP_1 dd. Area studio FT_2 ee. Area studio FT_3 Comune di Bertinoro P.O.C. Norme 3

4 ff. Area studio OSP_2 gg. Area studio PAN_3 hh. Area studio PAN_7 ii. Area studio SMN_1 jj. Area studio SMN_2 kk. ll. y. Elaborato Tecnico Rischio di Incidente Rilevante Articolo Rapporti con il RUE 1. Gli ambiti consolidati A10 disciplinati da RUE mediante specifiche schede di attuazione denominate A10.3 e A10.4 di riarticolazione urbana vengono disciplinate rispettivamente dalle schede A10.3 e A10.4 modificate o confermate da POC fino al loro recepimento nel RUE. Per le schede A10.3, A10.4, A10.5, A13.3 e le schede di POC modificate e aggiunte con la presente variante si applica la definizione di SUL di cui al punto n. 17 dell Allegato A di cui all Atto di Coordinamento regionale approvato con Deliberazione dell Assemblea legislativa n. 279 del 04/02/2010 e come specificato all art. A.3.7 dell Appendice Definizioni alle NTA del RUE come di seguito definita, cui far riferimento nelle relative schede. Per gli accordi art. 18 approvati con il primo POC vale invece la seguente definizione di SUL: Superficie Utile Lorda (SUL) 1. La Superficie Utile Lorda (SUL) degli edifici computata al 100% è costituita dalla somma delle superfici lorde di tutti i piani fuori terra dell unità edilizia comprensive dei muri perimetrali (conteggiati di larghezza pari a 30 cm anche se eccedenti) e di quelli interni, esclusi: a) i porticati o gallerie con servitù di uso pubblico; b) i vani tecnici praticabili, comprensivi dei muri esterni, contenenti impianti dell'edificio: ad esempio i vani ascensore e montacarichi, le centrali termiche, elettriche e di condizionamento, i cavedi per illuminazione e/o il passaggio degli impianti, i corpi tecnici esterni e le scale antincendio; c) i sottotetti tecnici, ossia i vani sottotetto di coperture con inclinazione non inferiore al 28% con altezza massima utile interna non superiore a m 1,80 al colmo, accessibili anche tramite scala fissa areati e illuminati da un unica apertura anche in falda di dimensione non superiore a 1.00 mq. d) le terrazze scoperte e le altane in legno; e) i balconi, le logge e i porticati al piano terreno all interno della sagoma del fabbricato complessivamente fino ad un massimo del 20% dell intera Sul; f) i locali di servizio posti nei piani seminterrati, purchè realizzati in sagoma, aventi altezza libera interna netta non superiore a 2,40 mt; g) i locali completamente interrati senza limite di altezza libera interna netta di fabbricati fuori terra, con eventuali bocche di lupo non accessibili di larghezza max 50 cm, comprese le rampe coperte inclinate di accesso; h) per le sole aree potenzialmente esondabili, così come individuate nel Piano stralcio per il Rischio Idrogeologico, redatto ai sensi della Legge 183/89, e riportate nella tavola di progetto del Piano, potranno essere esclusi dal calcolo della SUL i locali posti al P.T. del fabbricato, da adibirsi ad autorimessa e servizi, aventi altezza interna libera netta non superiore a mt. 2,40 purchè gli stessi siano collocati all interno della sagoma netta del fabbricato medesimo. i) Pergolati come definiti all art. A j) Gazebo come definiti all art. A Comune di Bertinoro P.O.C. Norme 4

5 k) Pergole come definite all art.a.3.24 l) Box per custodia di animali domestici di altezza ultile interna al colmo inferiore a mt 1,70 e superficie inferiore a mq 8,00, che in zona rurale complessivamente non superino 20 mq per lotto o area di pertinenza di un fabbricato; m) Le pensiline aggettanti per un massimo di 2 mt di profondità per funzioni residenziali, commerciali e terziarie e per un massimo di 4 mt per funzioni produttive; n) Il vano scale purchè interno al fabbricato o configurato come volume chiuso; o) Le scale esterne di accesso al piano rialzato, nonché le scale a terra purchè ottenute senza significative modifiche all orografia dei suoli rispetto allo stato pre-intervento. 2. La Superficie Utile Lorda (Sul) degli edifici computata al 60% è costituita da: a. scale esterne calcolate per ogni piano; a. logge, balconi e porticati eccedenti complessivamente il 20% della SUL del fabbricato; b. pensiline per la parte eccedente la profondità riportata al precedente comma 2 punto m). 3. La Superficie Utile Lorda (Sul) degli edifici computata al 40% è costituita dalle superfici, comprensive dei muri esterni, (conteggiati di larghezza pari a 30 cm anche se eccedenti) e di quelli interni, del sottotetto -a prescindere da eventuali partizioni interne- fino ad una altezza media ponderale di 2,40 mt, purchè ogni locale abbia un altezza massima all intradosso del solaio strutturale non superiore a 2,50 mt. Tale locale può essere raggiunto da scala fissa e illuminato con aperture in facciata o lucernai che garantiscano un rapporto di illuminazione pari o superiore a 1/12, previo parere favorevole della CQAP alla soluzione progettuale sulla disposizione in facciata e/o in copertura del sistema delle aperture, qualora tale parere sia richiesto dal Responsabile del procedimento. 4. Il calcolo della S.U.L. esistente é desumibile dalla superficie risultante dagli atti abilitativi rilasciati dal Comune, ovvero, in assenza di tale documentazione, da planimetria catastale, ovvero in assenza di accatastamento dell immobile da un dettagliato rilievo dello stato di fatto. 5. Per i fabbricati esistenti ed agibili alla data di adozione del R.U.E. nonché per i fabbricati autorizzati a seguito di domande complete delle eventuali integrazioni richieste presentate prima del 26 aprile 2007 con titolo abilitativo in corso di validità, sono esclusi dal conteggio della SUL i vani sottotetto con H media fino a 2,00 mt purchè non si modifichino le altezze di colmo e di gronda e le linee di pendenza delle falde, anche accessibili da scala fissa. E ammissibile recuperare locali sottotetto ad uso abitativo o servizi senza aumento della SUL autorizzata per gli edifici a destinazione residenziale con altezza del sottotetto autorizzata uguale o inferiore a 2,00 mt, anche mediante suddivisione degli spazi sottotetto come disposto dal Regolamento di Igiene, in locali a servizio o abitativi con altezza minima non inferiore a 2,00 mt e nel rispetto dei requisiti igienico-sanitari, accessibili anche da scala fissa. Tale intervento si configura come intervento di ristrutturazione edilizia da autorizzare con D.I.A. senza incremento di SUL, oneroso per la porzione di sottotetto con altezza minima superiore o uguale a 2,00 mt e altezza media non inferiore a 2,40 mt per locali di categoria S ovvero a 2,70 mt per locali di categoria A. 6. Per gli edifici esistenti è consentito l incremento del volume prodotto dagli aumenti di spessore di murature esterne, fino ad un massimo di 45 cm (parete finita). 7. Per i fabbricati esistenti la chiusura dei corpi scale esterni è esclusa dal conteggio della SUL, purchè l intervento si configuri come migliorativo rispetto allo stato attuale e correttamente inserito nel contesto dal punto di vista paesaggistico e urbano, previo parere favorevole della CQAP alla soluzione progettuale prospettata e ai materiali impiegati.non è scomputabile dalla SUL la scala antincendio esterna in un fabbricato già dotato di scala, a meno che non si dimostri la assoluta impossibilità di renderla antincendio, previo parere dei VVFF. Comune di Bertinoro P.O.C. Norme 5

6 2. Gli edifici del territorio rurale schedati dall Appendice al Censimento degli edifici in territorio rurale allegato al RUE sono disciplinati dal titolo IV delle NTA del RUE sulla base della categoria d intervento assegnata e dell uso ammissibile come riportati nella scheda del Censimento. In sede di Variante al RUE i fabbricati schedati verranno inseriti nel relativo Censimento. Articolo 2.4 eliminato Sistema insediativo storico edifici declassati nell Appendice al censimento degli edifici in territorio rurale allegato al RUE 1. Gli edifici individuati nell allegato al POC adottato Variazione alle schede di analisi ed indicazioni operative relative agli edifici del territorio rurale vengono stralciati dal PSC e vengono inseriti declassati in apposito elaborato denominato Appendice al Censimento degli edifici in territorio rurale allegato al RUE, in attesa che vengano inseriti nel RUE con specifica Variante. 2. Per gli edifici del territorio rurale schedati nell Appendice al Censimento degli edifici in territorio rurale allegato al RUE si applica transitoriamente fino all inserimento nel RUE, la disciplina prevista dal comma 2 dell art. 1.7 delle presenti NTA. Articolo Prescrizioni per la predisposizione degli strumenti attuativi 1 I Piani Urbanistici Attuativi sono redatti in base alle disposizioni del RUE (Documenti costitutivi dei Piani Urbanistici Attuativi PUA), secondo le procedure ivi contenute. 2 Per i PUA di iniziativa pubblica il Comune procede, dopo l adozione, al deposito presso la propria sede per sessanta giorni, dandone avviso su almeno un quotidiano a diffusione locale; per i PUA di iniziativa privata non si procede all adozione e gli stessi sono presentati per la pubblicazione nei modi stabiliti dal RUE. Trascorso il termine di sessanta giorni di pubblicazione, il Comune decide in merito alle osservazioni presentate ed approva il PUA ai sensi del comma 4 dell art. 35 della LR 20/ Ai PUA individuati dal POC non ancora approvati si applicano le definizioni contenute nell Appendice alle NTA del RUE vigente al momento dell approvazione del POC, come riportato nell art. 1.7 c.1. 4 Negli ambiti A13.3 a destinazione terziaria ricettiva è possibile realizzare pertinenze di servizio (piscina coperta, spogliatoi, servizi igienici, locali tecnici, zona benessere, ecc.) alle attività ricettive esistenti fino al 10% della SUL esistente, senza aumentare il numero di abitanti equivalenti. L intervento è realizzabile mediante permesso di costruire diretto, semprechè detti ambiti siano immediatamente limitrofi agli ambiti consolidati e direttamente serviti dalla rete infrastrutturale esistente. Dovranno essere realizzate e cedute o monetizzate le dotazioni territoriali dovute. Articolo 2.13 Stabilimenti a rischio di incidenti rilevanti - RIR 1. Nella planimetria di progetto P2 è individuato lo stabilimento a rischio di incidente rilevante Lampogas presente nel territori comunale con la relativa fascia di rispetto. 1. Nell Elaborato Tecnico Rischio di Incidente Rilevante allegato al POC approvato con D.C.C. n. 13 del 21/03/2014 è contenuta l analisi di compatibilità con le attività insediate e insediabili nonché la disciplina per lo stabilimento e per le attività che ricadono nella fascia di rispetto. 3. La fascia di rispetto e la normativa del POC in materia di rischio di incidente rilevante è prevalente rispetto a quella contenuta nel RUE. In sede di specifica Variante al RUE la cartografia relativa allo stabilimento con relative fasce di rispetto nonché le norme di attuazione dovranno essere modificate in congruenza con quelle del POC. Comune di Bertinoro P.O.C. Norme 6

PIANO OPERATIVO COMUNALE

PIANO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI -CESENA PIANO OPERATIVO COMUNALE Norme Tecniche di Attuazione P.O.C. predisposto ai sensi degli artt. 30 e 34 della L.R. 20/2000 ADOTTATO: Delibera di C.C. N. 22

Dettagli

P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO

P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE Art. 1 CONTENUTO DELLE NORME. Le presenti norme servono a regolamentare gli interventi edilizi all interno della zona inserita

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. valore della Sn, della somma delle superfici di cavedi, chiostrine, vani scala, vani ascensori e ballatoi 1

RELAZIONE TECNICA. valore della Sn, della somma delle superfici di cavedi, chiostrine, vani scala, vani ascensori e ballatoi 1 RELAZIONE TECNICA Sommario La Variante generale 2015 al Regolamento urbanistico... 1 Parametri comunali... 1 Adeguamento al parametro regionale... 2 Cessione diritti edificatori... 3 Disciplina del Trasferimento

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA COMUNE DI OLBIA Provin cia di Olbia - Te m pio OGGETTO: PROGETTO DI VARIANTE NON S OS TANZIALE AL COMPARTO DI ZONA AH OS PEDALIERA S ITA IN COMUNE DI OLBIA, LOCALITA' TANNAULE. ELABORATO: Norm e di Attu

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti AGGIORNAMENTO DEI CRITERI DI STIMA DEL VALORE COMMERCIALE DELLE AREE FABBRICABILI DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMU PER L ANNO 2013 E PRINCIPI PER L ACCERTAMENTO ANNI PRECEDENTI

Dettagli

Definizione degli indici e parametri.

Definizione degli indici e parametri. Estratto dal Regolamento Edilizio Tipo - articolo 13 - Regolamento Edilizio Tipo: Reg. 14 settembre 1989, n. 23 (1). Pubblicato nel B.U. Marche 14 settembre 1989, n. 100-bis. Regolamento Edilizio Tipo

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA DETERMINAZIONE SETTORE : 3 N 241 del Reg. Sett Data 19/11/2004 AREA TECNICO - MANUTENTIVA N 1501 del Reg. Gen. Al Responsabile Settore FINANZIARIO Al Segretario

Dettagli

Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014

Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014 Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014 DAL n 279/2010 Il 28 gennaio 2014 sono entrate in vigore le Definizioni tecniche

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55)

REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55) Comune di LAMPORECCHIO (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Definizione dei parametri urbanistici ed edilizi TESTO INTEGRATO

Dettagli

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Obiettivi : Semplificazione (100 pag. invece di 400) Adeguamento alle nuove Leggi Superamento difficoltà d interpretazione

Dettagli

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti :

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : 22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : - le tavole della proposta progettuale dovranno essere possibilmente su supporto cartaceo normale; - la relazione di fattibilità economica ed il preventivo

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA D AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI D URBANIZZAZIONE, VALORI MINIMI E CRITERI PER LA MONETIZZAZIONE DEGLI STANDARD IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente.

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. PREMESSO Che con D.C.C. n. 106 del 21.12.1993 modificata con DCC n.17 del 1997 si approvava

Dettagli

DEFINIZIONI TECNICHE UNIFORMI PER L URBANISTICA E L EDILIZIA

DEFINIZIONI TECNICHE UNIFORMI PER L URBANISTICA E L EDILIZIA Estratto della Deliberazione della Assemblea legislativa della regione Emilia- Romagna 4 febbraio 2010, n. 279 (Approvazione dell'atto di coordinamento sulle definizioni tecniche uniformi per l'urbanistica

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7 Caso 7 Stima del mercato rurale mediante il criterio del valore di trasformazione: valore di trasformazione di una corte colonica ubicata in un podere nella pianura Bolognese Indice 1. Conferimento dell

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEGLI ELABORATI ALLEGATI ALLA ISTANZA DI RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE E

Dettagli

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1 COMUNE DI FORLIMPOPOLI R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ai sensi degli artt. 29 e 33 della L.R.20/2000 VARIANTE N.1 GLI STRUMENTI DELLA PIANIFICAZIONE COMUNALE PSC (art. 28 Lr 20/2000) contiene

Dettagli

COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia

COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia RAMBLA SUL MARE" Via Bafile Maxim Via Trentin VARIANTE AL PRG VIGENTE - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL P.U.A. RAMBLA SUL MARE Committente F.lli SCHIAVON ed EREDI

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO 1.Lavoraresullacittàesistente 3.Immaginarenuoveretieconnessioni 2.Espandereilcentro REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ALLEGATI ALLA PARTE I: DEFINIZIONI DOCUMENTAZIONE ISTANZE recepimento art. 50 L.R. A.1

Dettagli

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI FOLIGNO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI Servizio Sportello Unico Edilizia Servizio Edilizia Via dei Molini, 20/a Corso Cavour, 89 MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

PIANO OPERATIVO COMUNALE

PIANO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI -CESENA PIANO OPERATIVO COMUNALE Piano particellare di esproprio I variante al P.O.C. per localizzazione di opera pubblica in variante al PSC ai sensi dell art. 12

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena PROTOCOLLO Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Dati della denuncia di inizio attività/permesso di costruire: (Legge

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CERVIA SERVIZIO URBANISTICA TEL. 0544 979151 FAX. 0544 914903

COMUNE DI CERVIA SERVIZIO URBANISTICA TEL. 0544 979151 FAX. 0544 914903 ALLEGATO A SETTORE: PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA SERVIZIO: URBANISTICA OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO, IN VARIANTE AL P.R.G., NEL CENTRO STORICO DI CERVIA - SOTTOSETTORE Aa1, PRESENTATO

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE - Norme Tecniche di Attuazione (estratto) Il Progettista Magrini Arch. Marco Con la collaborazione degli Uffici Comunali LUGLIO 2012 REGOLAMENTO URBANISTICO - Norme Tecniche

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR 7,72/2,,,ƒ '(),1,=,21, $UW±'HILQL]LRQHGLHOHPHQWLXUEDQLVWLFRHGLOL]L 1. 6XSHUILFLH7HUULWRULDOH: è la superficie di territorio comprendente la superficie fondiaria e le aree per l'urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Città di CANOSA. Quadro riepilogativo degli Interventi Edilizi di cui al. - D.P.R. n. 380/2001. Testo Unico dell'edilizia (T.U.E.)

Città di CANOSA. Quadro riepilogativo degli Interventi Edilizi di cui al. - D.P.R. n. 380/2001. Testo Unico dell'edilizia (T.U.E.) ALLEGATO A alla Deliberazione di C.C. n. 45 del 02.07.2013 Città di CANOSA Quadro riepilogativo degli Interventi Edilizi di cui al - D.P.R. n. 380/2001 Testo Unico dell'edilizia (T.U.E.) CC: contributo

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Adozione Piano di Lottizzazione della zona F4B2 PRUSST Via Ciccotti ed approvazione progetto preliminare strada di collegamento tra

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE 1 Nel novembre 2008 viene costituita la "Consulta Interassociativa dei Professionisti dell'immobiliare" inizialmente per rispondere

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale N. 00 del 00/00/014 Area: AREA TECNICA Oggetto: CONTRODEDUZIONE ALLE RISERVE FORMULATE DALLA GIUNTA PROVINCIALE E ALLE OSSERVAZIONI PERVENUTE E APPROVAZIONE DELLA VARIANTE

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA Comune di Jesi Sportello Unico Edilizia Incontro con i professionisti 26 maggio 2015 La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001 Unità Operativa D Pianificazione Urbanistica Assetto del Territorio Edilizia Privata CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI

Dettagli

Legge regionale 03/11/2009 n. 49

Legge regionale 03/11/2009 n. 49 Legge regionale 03/11/2009 n. 49 (Gazzetta regionale 04/11/2009 n. 19) Regione Liguria - Misure urgenti per il rilancio dell attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanisticoedilizio.(piano

Dettagli

Comune di Bollate. Piano delle Regole

Comune di Bollate. Piano delle Regole Comune di Bollate Provincia di Milano Piano di Governo del Territorio 2010 Piano delle Regole RP04 Norme Tecniche di Attuazione Giugno 2011 versione aggiornata a seguito delle controdeduzioni Il Sindaco:

Dettagli

PGT BRESCIA. Norme Tecniche di Attuazione (DP PS PR) Norme Tecniche di Attuazione (DP PS PR) PGT VIGENTE ADOZIONE VARIANTE

PGT BRESCIA. Norme Tecniche di Attuazione (DP PS PR) Norme Tecniche di Attuazione (DP PS PR) PGT VIGENTE ADOZIONE VARIANTE PGT BRESCIA PGT BRESCIA Norme Tecniche di Attuazione (DP PS PR) Norme Tecniche di Attuazione (DP PS PR) 1 PGT BRESCIA Norme Tecniche di Attuazione (DP PS PR) - Sommario PGT BRESCIA Norme Tecniche di Attuazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio)

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio) modello 5 Marca da Bollo Data di arrivo PG PR Allo Sportello Unico per l Edilizia Ufficio Ricezione Piazza Municipale, 21 Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art.

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

a cura di Giuliana Dima e Daniele Marini

a cura di Giuliana Dima e Daniele Marini Il recupero abitativo 27-08-1956 16:05 Pagina 15 PROGETTARE RECUPERO Compatibilità Reversibilità Rispetto dell autenticità Come e dove è possibile, Normativa Regionale, soluzione, costi Il Recupero abitativo

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

ALLEGATI. 1. Coefficienti di destinazione e di piano. Allegato 1

ALLEGATI. 1. Coefficienti di destinazione e di piano. Allegato 1 ALLEGATI Allegato 1 1. Coefficienti di destinazione e di piano Coeff. di piano per abitazioni plurifamiliari Piano Edifici con ascensore Edifici senza ascensore p. terreno e rialzato 0.97 p. primo 0.94

Dettagli

Versamento con ccp n. 17368283 intestato a Comune di San Maurizio d Opaglio Servizio Tesoreria.

Versamento con ccp n. 17368283 intestato a Comune di San Maurizio d Opaglio Servizio Tesoreria. Ufficio Tecnico Comune di San Maurizio d Opaglio Provincia di Novara Piazza I Maggio n. 4-28017 San Maurizio d Opaglio - Tel. 0322/967222 - Fax 0322/967247 e-mail: urbanistica@comune.sanmauriziodopaglio.no.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Il presente fascicolo ha lo scopo di dettare dei criteri applicativi generali, sulla base delle disposizioni di cui agli art.81 88 e 110-112

Dettagli

Volume Virtuale Art. 11 Regol. Reg. n. 6/1977 TOTALE. Superficie lorda complessiva. RESIDENZIALE Percentuale At IMPORTO TOTALE

Volume Virtuale Art. 11 Regol. Reg. n. 6/1977 TOTALE. Superficie lorda complessiva. RESIDENZIALE Percentuale At IMPORTO TOTALE SERVIZIO URBANISTICA -Sportello Unico Edilizia CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Pratica edilizia n Anno Richiedente Intervento: in via Oneri di Urbanizzazione: EDILIZIA RESIDENZIALE COMMERCIALE DIREZIONALE

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 SEZIONE I 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 novembre 2013, n. 64/R Regolamento di attuazione

Dettagli

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE Committente : CMRE s.r.l. via Farini n 11, BOLOGNA COSTRUZIONI EDILI

Dettagli

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova Sportello Unico per l Edilizia SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 16 DEL

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI

RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI Città di Cologno Monzese ALLEGATO C AREA PROGRAMMAZIONE TERRITORIO Servizio Demanio Patrimonio ed Espropri RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI ESTRATTO CATASTALE FOGLIO 1 -MAPPALE 401 2 ESTRATTO

Dettagli

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84 Tabella H Costi edilizi di riferimento per il calcolo sommario del costo di costruzione riferito ad interventi su edifici esistenti o di nuova edificazione 1 NUOVA EDIFICAZIONE u.m. valore Edilizia residenziale

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Comune di Pesaro Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 5 marzo 2012

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO D ARGILE. VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000)

COMUNE DI CASTELLO D ARGILE. VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000) COMUNE DI CASTELLO D ARGILE VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000) RELAZIONE ILLUSTRATIVA La Variante n. 8/2014 al RUE del Comune di Castello

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVED. FIRMA DIGITALE (senza IMPEGNO) N. atto D-18 / 804 del 31/07/2009 Codice identificativo 568679

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVED. FIRMA DIGITALE (senza IMPEGNO) N. atto D-18 / 804 del 31/07/2009 Codice identificativo 568679 COMUNE DI PISA TIPO ATTO PROVVED. FIRMA DIGITALE (senza IMPEGNO) N. atto D-18 / 804 del 31/07/2009 Codice identificativo 568679 PROPONENTE URBANISTICA OGGETTO APPROVAZIONE TESTO DEFINITIVO DELLE NORME

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

# '( "()*)$)! %+,"-).)$)/)!, 0)1)$)!, * " '( " + 0)1)$)!%) -).)$)/)!+ # ' 3) )456& 7 ))!, ' ))! ) 3) ) 4 ))! ' ))!, )

# '( ()*)$)! %+,-).)$)/)!, 0)1)$)!, *  '(  + 0)1)$)!%) -).)$)/)!+ # ' 3) )456& 7 ))!, ' ))! ) 3) ) 4 ))! ' ))!, ) ! # $!%#& # ( (*$! %+,-.$/!, 01$!, + Abcdefghi -.$/!, # * ( (*$!%+,-.$/! + 01$!% -.$/!+ # ( 2 ( 3 456& 7!,! #! 3 4!!, #!, #!, 8!#$$$ $%$ &$$ #$#( *#$* +#$$$ *,##$$ + + $$$!$$$ $$$$ & $$ #( - *## +$$$,#$$#

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Ufficio Provinciale di Milano

Ufficio Provinciale di Milano Il sistema di calcolo del valore normale e sue applicazioni Martino Brambilla Agenzia del Territorio Ufficio Provinciale di Milano Valore normale Valore normale Calcolo delle consistenze Calcolo delle

Dettagli

COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004

COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004 COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004 elab. PARAMETRI EDILIZI E METODI DI MISURAZIONE PROGETTAZIONE STUDIO DI PROGETTAZIONE URBANA E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ANDREA E DANIEL

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. 2 INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE.... 7 ART.1.FINALITÀ E CONTENUTI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO....

Dettagli

I NUOVI PARAMETRI URBANISTICO-EDILIZI

I NUOVI PARAMETRI URBANISTICO-EDILIZI I Quaderni del RUE Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Legge Regionale 30 luglio 2013, n. 15 Semplificazione della disciplina edilizia Deliberazione dell'assemblea

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi.

Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi. Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi. LEGENDA: BARRATO norme non più in vigore dell art. 11 del R.U. ROSSO

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata Prot. n. 117048 del 25.09.2012 Oggetto: - Risposte a quesiti sul piano casa e non solo. Modifica del punto 7 della precedente nota prot. 57027 del 18.05.2012

Dettagli

COMUNE di TREVISO. Piano Di Zona Per L'edilizia Economica E Popolare (Legge 18 Aprile 1962, N. 167)

COMUNE di TREVISO. Piano Di Zona Per L'edilizia Economica E Popolare (Legge 18 Aprile 1962, N. 167) COMUNE di TREVISO Piano Di Zona Per L'edilizia Economica E Popolare (Legge 18 Aprile 1962, N. 167) 2 Programma Pluriennale di Attuazione (P.P.A.) del P.E.E.P. Regolamento per la Realizzazione del Piano

Dettagli

a) Appendice 1 Glossario, che riporta il significato dei principali termini utilizzati nelle definizioni di sopraelevazione ed ampliamento;

a) Appendice 1 Glossario, che riporta il significato dei principali termini utilizzati nelle definizioni di sopraelevazione ed ampliamento; Allegato ATTO DI INDIRIZZO IN MERITO ALLA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI DI SOPRAELEVAZIONE, AMPLIAMENTO E DELLE STRUTTURE COMPENETRANTI, AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL PARAGRAFO 8.4.1 DELLE NTC-2008 E DELLA

Dettagli