1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PIANO DI SVILUPPO RURALE REGOLAMENTO CE 1257/1999 MISURA 9.6 Gestione delle risorse idriche in agricoltura Regolamento CE 445/02 lettera q PARTE I ADEMPIMENTI TECNICI 1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura 1. OBIETTIVI DELLA MISURA - Ottimizzazione della gestione delle risorse idriche in agricoltura attraverso la valorizzazione delle acque superficiali e la riduzione delle inefficienze di distribuzione e dei consumi, per limitare i fenomeni di degrado delle acque superficiali e sotterranee e dei terreni agricoli. - Aumento dell efficienza di distribuzione potrà realizzarsi attraverso interventi che rispondano alle seguenti finalità: - riduzione delle perdite delle reti; - riduzione dell evaporato; - riduzione delle infiltrazioni e delle percolazioni; - aumento dell uniformità distributiva degli impianti di irrigazione; - adozione di tecniche di adacquamento che riducano l impegno di risorse idriche a parità di produttività delle coltivazioni. 2. DESCRIZIONE DELLA MISURA Con questa misura vengono finanziati interventi pubblici e collettivi per la riconversione di sistemi di approvvigionamento idrico e la ristrutturazione di opere di derivazione, accumulo e distribuzione idrica a livello interaziendale al fine di gestire in modo ottimale le risorse idriche diminuendone il consumo e contrastando così fenomeni di degrado ambientale a carico dei terreni agricoli e delle acque superficiali e profonde 1

2 3. Enti pubblici e Limitazione ed esclusione dagli interventi Per quanto riguarda l eligibilità delle spese relative ad investimenti, la presente misura acquisisce le disposizioni di attuazione del regolamento del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale, sul Regolamento Ce n. 1257/99, sul Piano di Sviluppo Rurale della Toscana, nei Piani Locali di Sviluppo Rurale approvati e le ulteriori modifiche ed integrazioni a quanto sopra riportato. Tutti i programmi/progetti presentati dovranno riguardare interventi che rispondano al requisito dell immediata canteriabilità, cioè dovranno essere state acquisite tutte le necessarie autorizzazioni all esecuzione dei lavori. Al momento dell emissione del nulla-osta da parte dell Ente locale competente, gli Enti beneficiari dovranno essere in possesso di progetti esecutivi di intervento regolarmente approvati. 4. DISPOSIZIONI TECNICHE DEFINIZIONE DEI PROGRAMMI DEGLI INTERVENTI PUBBLICI Sulla base della deliberazione G.R. n del e successive modifiche ed integrazioni, gli Enti locali competenti che hanno previsto nei piani Locali di Sviluppo Rurale di attivare risorse per il finanziamento degli interventi previsti dalla misura 9.6 procedono alla formazione del programma per l assegnazione delle risorse disponibili sulla base di una ricognizione delle esigenze progettuali proprie e degli altri Enti pubblici in qualità di attuatori degli interventi e come possibili beneficiari, ricadenti sul territorio di competenza dell Ente locale competente. Limitatamente all annualità FEOGA 2003 sono eligibili le spese sostenute dai beneficiari previsti dalla misura dalla data di pubblicazione delle presenti direttive sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. A tal fine, gli Enti competenti predisporrano un apposito programma degli interventi, da approvare con le modalità riportate nella tabella 1 delle presenti direttive. I programmi degli Enti locali competenti vengono, una volta approvati dall Ente medesimo, inviati alla Regione Toscana per il successivo atto di approvazione. Tali programmi vanno articolati per annualità secondo la dotazione finanziaria che gli Enti locali competenti hanno stabilito di collocare sulla misura. Su questa base finanziaria sarà composto il programma degli interventi. Per la definizione dei programmi ciascun Ente locale competente provvederà a: 2

3 - dare informazione agli altri Enti pubblici della propria zona di competenza sulle azioni ammissibili e sugli interventi previsti; - individuare i progetti di propria competenza; - effettuare una ricognizione sulle esigenze territoriali e di progettualità, attraverso la raccolta di domande di adesione al programma e dei progetti di massima indicati sulla base delle schede di progetto; - raccogliere le schede di progetto, sia relative ai propri progetti che quelle degli altri Enti pubblici; - redigere una graduatoria fra i vari progetti ammissibili secondo criteri di priorità stabiliti dai propri Piani Locali di Sviluppo Rurale; - trasmettere il programma alla Regione Toscana congiuntamente alle modalità con il quale tale programma è stato redatto. APPROVAZIONE DEI PROGRAMMI TERRITORIALI DI INTERVENTO L Ente locale competente invia alla Regione Toscana il programma degli interventi pubblici per la misura 9.6 con la relativa graduatoria e articolazione finanziaria, unitamente alla deliberazione di approvazione del programma e copia delle schede. Quanto sopra deve essere inviato alla Regione Toscana prima della presentazione delle domande ad ARTEA ed ordinariamente entro il 30 Settembre di ogni annualità. Limitatamente all anno 2003, i programmi vengono presentati dagli Enti locali competenti entro 15 giorni dalla pubblicazione delle presenti Direttive sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. Entro il 15 Gennaio 2003 giorni il competente Dirigente della Giunta Regionale responsabile della misura, con proprio decreto, verificata la congruenza degli interventi proposti con le previsioni finanziarie indicate dagli Enti locali competenti nel proprio Piano Locale di Sviluppo Rurale, approva i programmi degli Enti e ne autorizza l attuazione comunicandola, tramite pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana, agli Enti stessi. La Regione Toscana invia copia del predetto decreto all'artea per la presentazione delle domande entro il

4 Tabella 1 Tempistica presentazione programmi Fasi del procedimento della presentazione dei programmi Soggetti Provvedimento a rilevanza esterna Termini per l annuali tà FEOGA 2003 Termini annualità successive 1. Ricevimento delle domande di adesione al programma biennale e raccolta schede di progetto dei singoli Enti Ente locale competente In caso di esito negativo dichiarazione di non ricevibilità del programma medesimo (domanda di adesione al programma) 15 gg. Dalla pubblicazione delle Direttive sul B.U.R.T. Entro il 31 Agosto di ogni annualità 2. Verifica del progetto di massima e dei requisiti generali Ente locale competente 31 Dicembre 2002 Entro il 30 Settembre di ogni annualità 2.1 Adempimenti progetti non conformi Ente locale competente Comunicazione contenente motivazioni progetti non conformi 2.1 Adempimenti progetti conformi Ente locale competente - Predisposizione graduatoria dei progetti conformi e redazione programma biennale degli interventi - Invio del programma alla Regione Toscana 4

5 3. Approvazione programmi di intervento Regione Toscana - Decreto dirigenziale di approvazione programma regionale 15 Gennaio 2003 Entro il 31 Ottobre di ogni annualità - Comunicazione tramite pubblicazione sul B.U.R.T. ai soggetti pubblici interessati 4.Presentazione domande ad Artea Entro il 31 Gennaio 2003 Entro il 30 Novembre di ogni annualità DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER GLI ENTI Il meccanismo di funzionamento del FEOGA Garanzia non prevede trasferimenti finanziari di fondi ma soltanto il pagamento di premi e contributi e dei relativi anticipi ove previsti. L Ente beneficiario dovrà quindi istituire, al momento dell approvazione del programma uno specifico capitolo di competenza, in cui sarà indicata la dotazione finanziaria pari all assegnazione finanziaria prevista per l attuazione della parte di programma degli interventi ammessi. Per eventuali necessità di cassa che dovessero presentarsi prima del ricevimento dell anticipo da parte dell Organismo pagatore l Ente beneficiario provvederà con proprie risorse. Per le opere realizzate con la presente Misura del Reg. CE 1257/99 va predisposta, da parte degli Enti beneficiari del contributo, apposita contabilità per la rendicontazione delle spese sostenute. 5.TIPOLOGIE DI INTERVENTO E SPECIFICHE TECNICHE AZIONE 9.6 GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE IN AGRICOLTURA 1. OBIETTIVO 5

6 Ottimizzazione della gestione delle risorse idriche in agricoltura attraverso la valorizzazione delle acque superficiali, la riduzione delle inefficienze di distribuzione, il contenimento dei consumi e la promozione del riutilizzo di risorse idriche alternative, per limitare i fenomeni di degrado delle acque superficiali e sotterranee e dei terreni agricoli. L aumento dell efficienza di distribuzione potrà realizzarsi attraverso interventi che rispondano alle seguenti finalità: - riduzione delle perdite delle reti; - riduzione dell evaporato; - riduzione delle infiltrazioni e delle percolazioni TIPOLOGIE DI INTERVENTO E SPECIFICHE TECNICHE AZIONE 1 - CONSORTILI REALIZZAZIONE DI NUOVE STRUTTURE IRRIGUE Questa azione ammette la realizzazione di nuove strutture irrigue (impianti irrigui collettivi ad alta efficienza, vasche di accumulo, reti di distribuzione) finalizzate alla valorizzazione delle risorse idriche superficiali. Gli interventi ammessi a contributo devono prevedere almeno una delle seguenti azioni : - Costruzione di reti di distribuzione irrigua; - Realizzazione di vasche di accumulo; - Installazione di sistemi di misura dei prelievi irrigui. Specifica Costruzione di reti di distribuzione irrigua Costruzione di nuove reti di distribuzione irrigua intubate per l adduzione collettiva di acque superficiali, comprensive delle necessarie stazioni di pompaggio e di filtrazione. Le nuove realizzazioni dovranno rispondere ai più avanzati criteri di efficienza distributiva. 6

7 - comprensori irrigui costieri. Specifica Realizzazione di vasche di accumulo Costruzione di vasche di accumulo interaziendali per la raccolta di acque superficiali da destinare all utilizzo irriguo in conformità alle norme vigenti che regolamentano la realizzazione di invasi e vasche di accumulo. - comprensori irrigui costieri. Specifica Installazione di sistemi di misura dei prelievi irrigui 7

8 Introduzione di sistemi di misura (contatori) per il rilievo dei volumi irrigui distribuiti agli utenti degli impianti consortili e la loro verifica in relazione all indirizzo colturale attuato. - comprensori irrigui costieri. AZIONE 2. ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI IRRIGUI CONSORTILI Questa azione prevede un contributo per la realizzazione di interventi di adeguamento e di ristrutturazione degli impianti irrigui consortili o interaziendali a gestione mista pubblico-privata, finalizzati alla riduzione degli sprechi derivanti da un condizione di obsolescenza delle strutture. Gli interventi devono perseguire almeno una delle seguenti finalità: - miglioramento dell efficienza di distribuzione degli impianti consortili, attraverso la riduzione delle perdite delle linee distributrici e delle vasche di accumulo; - miglioramento dell uniformità di distribuzione degli impianti irrigui; - razionalizzazione dei volumi di acqua erogati alle colture per unità di superficie. Gli interventi ammessi a contributo devono prevedere almeno una delle seguenti azioni : - adeguamento delle reti consortili; - adeguamento delle vasche di accumulo; - adeguamento dei sistemi di misura dei volumi irrigui distribuiti dall impianto consortile. Specifica Adeguamento delle reti irrigue consortili 8

9 Sono ammessi a finanziamento i seguenti interventi di ammodernamento e di ristrutturazione delle reti di trasporto e di distribuzione consortili finalizzati al miglioramento dell efficienza distributiva che prevedano : - Manutenzione straordinaria delle condotte; - Manutenzione straordinaria dei canali di distribuzione; - Intubamento degli impianti di distribuzione a cielo aperto; - Manutenzione straordinaria delle stazioni di pompaggio e degli impianti di filtrazione. - comprensori irrigui costieri. Specifica Adeguamento delle vasche di accumulo e dei piccoli invasi Sono ammessi a finanziamento gli interventi realizzati sulle vasche di accumulo riguardanti: - opere di manutenzione straordinaria finalizzate al ripristino dell impermeabilità; - opere di messa in sicurezza; - opere di rimodellamento per il miglioramento della capacità di raccolta e di distribuzione delle acque irrigue. - comprensori irrigui costieri. 9

10 Specifica 2.3 Adeguamento dei sistemi di misura dei prelievi irrigui Sostituzione di sistemi di misura (contatori) obsoleti o inaffidabili, per il rilievo dei volumi irrigui distribuiti agli utenti degli impianti consortili e la loro verifica in relazione all indirizzo colturale attuato. - comprensori irrigui costieri. AZIONE 3 OPERE IRRIGUE CONSORTILI PER IL RIUTILIZZO DI ACQUE REFLUE RECUPERATE Questa azione ammette la realizzazione di nuove strutture irrigue collettive ( vasche di accumulo, reti di distribuzione o impianti irrigui collettivi ad alta efficienza) o l adeguamento di strutture irrigue collettive preesistenti da destinare all utilizzo irriguo di acque reflue depurate e ulteriormente affinate, da eseguire in conformità con le norme tecniche emanate in materia. Gli interventi ammessi a contributo devono prevedere almeno una delle seguenti azioni : 10

11 - Costruzione di reti per la distribuzione irrigua; - Realizzazione di vasche di accumulo; - Adeguamento delle reti consortili di distribuzione e delle vasche di accumulo Specifica Costruzione di reti di distribuzione irrigua Costruzione delle strutture di distribuzione per il trasporto delle acque reflue recuperate destinate all impiego irriguo, dall impianto di depurazione alle vasche di stoccaggio o di equalizzazione e da queste ai punti di prelievo, secondo le modalità tecniche eventualmente previste dalla normativa vigente per il riutilizzo delle acque reflue depurate. - comprensori irrigui costieri; Specifica Realizzazione di vasche di accumulo Costruzione delle strutture per lo stoccaggio o l equalizzazione delle acque reflue depurate recuperate a fini irrigui, secondo le modalità tecniche eventualmente previste dalla normativa vigente per il riutilizzo delle acque reflue, in conformità alle norme relative alla costruzione degli invasi. 11

12 - comprensori irrigui costieri; Specifica Adeguamento delle reti consortili di distribuzione e delle vasche di accumulo Sono ammessi interventi a favore della ristrutturazione di reti irrigue di distribuzione consortili e di vasche di accumulo, per rendere idonei impianti irrigui preesistenti alle norme tecniche fissate per l impiego irriguo di acque reflue depurate: - manutenzione straordinaria delle condotte; - manutenzione straordinaria delle stazioni di pompaggio e degli impianti di filtrazione; - intubamento degli impianti di distribuzione a cielo aperto; - esecuzione di opere di rimodellamento, impermeabilizzazione e copertura delle vasche di accumulo necessarie per l adeguamento delle strutture al contenimento di acque reflue recuperate. - comprensori irrigui costieri; 12

13 4. REGIME DI AIUTO L aiuto prevede un contributo pubblico in conto capitale, pari al 100% massimo dell investimento eligibile. L importo massimo ammissibile è di A titolo di anticipo può essere erogato un importo pari al 20% dell investimento, previa presentazione di apposita fidejussione in favore dell Organismo Pagatore o di dichiarazione dell Ente pubblico conforme a quanto disposto dal Regolamento CE n. 445/02 Clausola compromissoria "Ogni controversia relativa al rapporto in essere fra A.R.T.E.A. e beneficiario, ed in particolare quelle relative alla validità, esecuzione e risoluzione del rapporto stesso, verrà risolta mediante arbitrato rituale in conformità alle procedure di cui al Decreto Dirigenziale n del (B.U.R.T n. 28 suppl. n. 120), che le parti dichiarano di conoscere ed accettare, ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 806 e seguenti. Codice di procedura civile.. La sede e la segreteria della procedura di conciliazione e del giudizio arbitrale è presso la Giunta regionale, Area semplificazione delle procedure amministrative in agricoltura. Il giudizio arbitrale può essere preceduto dal tentativo di conciliazione, obbligatorio per le controversie di valore inferiore a diecimila euro. La relativa procedura è attivata mediante apposita domanda di conciliazione. 13

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO AGRICOLTURA SOSTENIBILE

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO AGRICOLTURA SOSTENIBILE REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO AGRICOLTURA SOSTENIBILE. Dirigente Responsabile: Dionisio Nota Decreto N 6316 del 18 Novembre 2002 Pubblicità/Pubblicazione:

Dettagli

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA Provincia di Pistoia Dipartimento Pianificazione Territoriale,

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 REGOLAMENTO (CE) 1698/2005

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 REGOLAMENTO (CE) 1698/2005 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 REGOLAMENTO (CE) 1698/2005 Allegato 1 al decreto dirigenziale n. 2089/2009 BANDO MISURA 125 A MIGLIORAMENTO E SVILUPPO

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

Le reti di imprese e. della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI

Le reti di imprese e. della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI Le reti di imprese e Il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI Rialto, 21 aprile 2016 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL CONTRATTO DI RETE: NECESSARI Presenza di più imprenditori

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Articolo 20 lettera b) punto v e sottosezione 2, Articolo

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE

IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE Introduzione In occasione delle celebrazioni del 22 marzo della Giornata Mondiale dell Acqua 1 si sono affrontati diversi aspetti relativi alle risorse

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 APERTURA TERMINI 2014 Prossime aperture regionali 1 Gli Obiettivi generali Promuovere lo sviluppo delle aree rurali COMPETITIVITA AGROAMBIENTE DIVERSIFICAZIONE

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

Disposizioni attuative del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013

Disposizioni attuative del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Regione Marche (Allegato A) Disposizioni attuative del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Reg. (CE) n. 1698/2005 Progetti integrati Accordi agroambientali d area per la tutela delle acque Accordi agroambientali

Dettagli

RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI

RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI 1) Che differenza c è fra bonifica idraulica e bonifica intergale e quando si è introdotto per la prima volta il concetto di bonifica integrale? Con il termine bonifica si

Dettagli

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 Criteri per la concessione dei contributi previsti dalla l.r. 70 del 19.11.2009 (Interventi di sostegno

Dettagli

1. Premessa 2. Presentazione delle domande di contributo

1. Premessa 2. Presentazione delle domande di contributo Allegato A Bando pubblico Aiuto di stato finalizzato all attivazione di un qualificato sistema di infrastrutture aziendali a sostegno del settore florovivaistico Annualità 2004 Area di intervento Provincia

Dettagli

Comune di Castel Maggiore

Comune di Castel Maggiore Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE ED AGRIFIDI BOLOGNA PER LA GESTIONE DI UN FONDO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 La Regione del Veneto offre alle aziende agricole Venete che vogliono fare investimenti utili per ammodernare la

Dettagli

Piano di Azione PROPOSTA

Piano di Azione PROPOSTA Piano di Azione PROPOSTA N GRUPPO AZIONE/RACCOMANDAZIONE A1 PREDISPORRE ED ATTUARE UN PIANO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE Spiegare cos è la tariffa, come si calcola, e cosa paga ; capire quando e perché

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole ed Alimentari Dipartimento Regionale Interventi Strutturali

Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole ed Alimentari Dipartimento Regionale Interventi Strutturali REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole ed Alimentari Dipartimento Regionale Interventi Strutturali Disposizioni Attuative Parte Specifica Allegato A REG. CE

Dettagli

Deliberazione di Giunta regionale n. 231 del 06 marzo 2009

Deliberazione di Giunta regionale n. 231 del 06 marzo 2009 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Deliberazione di Giunta regionale n. 231 del 06 marzo 2009 Regolamento (CE) n. 1698/2995: Programma regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013. Avvio

Dettagli

Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013

Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013 Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Gruppo

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Biogas Leachate Recovery. Progetto Life+ 2009

Biogas Leachate Recovery. Progetto Life+ 2009 S.p.A. www.gaia.at.it Biogas Leachate Recovery Progetto Life+ 2009 PROGETTO BIOLEAR : costruzione, coltivazione, chiusura e recupero ambientale della discarica Progetto BioLeaR: idea, obiettivi e risultati

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana Stefania Nuvoli Gestione e Tutela delle Risorse Idriche In Agricoltura Regione Toscana USO SOSTENIBILE

Dettagli

14AF.2015/D.00639 30/6/2015

14AF.2015/D.00639 30/6/2015 DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI UFFICIO PRODUZIONI VEGETALI E SILVICOLTURA PRODUTTIVA 14AF 14AF.2015/D.00639 30/6/2015 P.S.R. BASILICATA 2007/2013 - Bando Misura 227 "Sostegno agli investimenti

Dettagli

Indirizzi alla Cassa conguaglio per il settore elettrico per l attuazione di progetti a vantaggio dei consumatori

Indirizzi alla Cassa conguaglio per il settore elettrico per l attuazione di progetti a vantaggio dei consumatori Indirizzi alla Cassa conguaglio per il settore elettrico per l attuazione di progetti a vantaggio dei consumatori Le proposte in merito ai progetti a vantaggio dei consumatori formulate dall Autorità con

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 LEGGE REGIONALE 27 aprile 2012, n. 17 Disposizioni in materia di risorse idriche. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 BANDO PUBBLICO MISURA 125 azione

Dettagli

2. L inquadramento normativo e i requisiti dell acqua

2. L inquadramento normativo e i requisiti dell acqua 1. Premessa Nell area industriale dello spezzino si presentano condizioni ottimali per sviluppare un processo di recupero e riutilizzo delle acque reflue depurate, dal momento che l impianto di trattamento

Dettagli

SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO

SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO OGGETTO: REGOLAMENTO PER REALIZZAZIONE INTERVENTI IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 35/97 (artt. 3 e 12) E DELLA LEGGE 97/94 RIGUARDANTI OPERE DI MANUTENZIONE AMBIENTALE E

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIRETTIVA REGIONALE RIUTILIZZO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIRETTIVA REGIONALE RIUTILIZZO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE DIRETTIVA REGIONALE RIUTILIZZO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE Indice Capo I... 3 Disposizioni generali... 3 Art. 1...3 (Finalità)... 3 Art. 2...3 (Indirizzi per il riutilizzo delle acque reflue recuperate)...

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE TOSCANA PER IL PERIODO 2007/13

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE TOSCANA PER IL PERIODO 2007/13 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE TOSCANA PER IL PERIODO 2007/13 settembre 2007 Il presente lavoro rappresenta una sintesi del prossimo Piano di Sviluppo Rurale: si rimanda al Bando completo per

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura. Sezione II Descrizione della misura. Ciclo Integrato dell acqua. I.1. Fondo Strutturale interessato FESR

Sezione I Identificazione della misura. Sezione II Descrizione della misura. Ciclo Integrato dell acqua. I.1. Fondo Strutturale interessato FESR Misura 1.1 Ciclo Integrato dell acqua Sezione I Identificazione della misura I.1. Fondo Strutturale interessato FESR I.2. Asse prioritario di riferimento Asse I - Risorse naturali I.3. Settori classificazione

Dettagli

La D.G.R. n. 12-1641 del 29/06/2015 ha stabilito, tra l altro, che:

La D.G.R. n. 12-1641 del 29/06/2015 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU28S1 16/07/2015 Codice A17050 D.D. 8 luglio 2015, n. 416 D.G.R. n. 12-1641 del 29/6/2015. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

Titolo dell aiuto. Premessa. Descrizione dell'aiuto

Titolo dell aiuto. Premessa. Descrizione dell'aiuto Titolo dell aiuto Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento genetico delle specie e razze di interesse zootecnico, tramite il sostegno alle attività di tenuta dei

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE

REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE BENEFICIARI Imprese e società con i seguenti requisiti: 1. impresa individuale, titolare di partita IVA, iscritta

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016

BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016 BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016 Accordi con soggetti privati o altre PA Determina dirigenziale 20 Ottobre 2015, n. 2670 Convenzioni regolanti i rapporti con le organizzazioni di volontariato

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 45 del 15/04/2014 Oggetto: Reg. CE n. 1234/07

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che:

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU41S1 09/10/2014 Codice DB1116 D.D. 7 ottobre 2014, n. 848 D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1020/DB1120 del 24.11.2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1020/DB1120 del 24.11.2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1020/DB1120 del 24.11.2014 Oggetto: PSR 2007-2013 - Misura 114 del PSR 2007-2013: Utilizzo dei servizi di consulenza in agricoltura: periodo di transizione 2014-2015 Presa

Dettagli

12782 27/12/2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA. Identificativo Atto n. 825

12782 27/12/2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA. Identificativo Atto n. 825 12782 27/12/2013 Identificativo Atto n. 825 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013. MISURA 111 SOTTOMISURA A FORMAZIONE : APPROVAZIONE ELENCHI DELLE DOMANDE AMMESSE A FINANZIAMENTO

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Prot. Generale N. 0057913 / 2014 Atto N. 2416 OGGETTO: Autorizzazione Unica Ambientale

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

Art.1 (Finalità) Art. 2 (Piani di razionalizzazione degli spazi ad uso ufficio)

Art.1 (Finalità) Art. 2 (Piani di razionalizzazione degli spazi ad uso ufficio) Consiglio Regionale Adeguamento delle procedure per la razionalizzazione del patrimonio pubblico e la riduzione dei costi per le locazioni passive all ordinamento della Regione Abruzzo nel rispetto dei

Dettagli

INFORMA. Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

INFORMA. Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

Allegato A sottomisura 4.1 Supporto agli investimenti nelle aziende agricole, focus area 2.a.

Allegato A sottomisura 4.1 Supporto agli investimenti nelle aziende agricole, focus area 2.a. Allegato A sottomisura 4.1 Supporto agli investimenti nelle aziende agricole, focus area 2.a. Programma di sviluppo rurale 2014-2020 Bando a graduatoria per la presentazione di domande di sostegno semplificate

Dettagli

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL. 1 AL DECRETO N..DEL INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL'ATTIVAZIONE DEL PERCORSO VOLTO ALLA DEFINIZIONE DEGLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 OGGETTO: PSR PUGLIA 2007\2013 ASSE IV LEADER - MISURA 313 AZIONE INVESTIMENTI FUNZIONALI ALLA CREAZIONE DI CENTRI

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI AZIONE 6.5.D PROGETTI PILOTA LOCALI LEGALITÀ BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE DEI PROGETTI PILOTA LOCALI

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI BANDO PREDISPOSTO CON I SEGUENTI ATTI: D.G.P. n. 532 del 25 maggio 2009 Programma di meccanizzazione agricola (ex art. 10 L.R. 12 del 25/05/2008) Concorso negli interessi su prestiti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 33 del 01/04/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

applicabili ai trattamenti effettuati dai soggetti pubblici;

applicabili ai trattamenti effettuati dai soggetti pubblici; 6374 sarà trasmesso in copia conforme all originale alla Segreteria della Giunta Regionale; sarà disponibile nel sito ufficiale della regione Puglia: www.regione.puglia.it; sarà trasmesso in copia all

Dettagli

Prot. n. 51 Reg. n. 51 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

Prot. n. 51 Reg. n. 51 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Prot. n. 51 Reg. n. 51 Strembo, 24 marzo 2014 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Oggetto: Liquidazione al Comune di Darè della quota a carico dell Ente Parco in merito ai lavori di ristrutturazione dell immobile

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DETERMINAZIONE N. G08345 DEL 6 LUGLIO 2015 OGGETTO: Reg. (UE) n. 1308/2013 e s.s. m.m. e i.i. e Reg. (CE) n.555/2008 e s.s. m.m. e i.i. Programma Nazionale di Sostegno del settore vitivinicolo. DGR n.

Dettagli

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Oggetto: Regolamento (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e ss. mm. ii. Programma Nazionale di Sostegno (PNS) Settore Vitivinicolo. DM del MIPAAF n. 15938

Dettagli

Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio

Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Regolamento per la concessione ai Comuni di contributi per la predisposizione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SSR/05/113691) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la direttiva 91/271/CEE, concernente il trattamento delle acque reflue urbane; - il D.Lgs. 11 maggio 1999, n. 152 "Disposizioni

Dettagli

CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO

CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO E MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa L efficienza nell uso dell acqua potabile Gli interventi possibili nel settore civile Obiettivi PTUA 3 Le misure per la programmazione e l uso delle risorsa idrica a scala regionale dovrà essere finalizzata

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XLIII N. 285 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 147 DEL 08/03/2012 OGGETTO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013, ASSE 1 - MISURA 111 AZIONE 1 "FORMAZIONE

Dettagli

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Descrizione In breve La misura è finalizzata a favorire l occupazione e il ricambio generazionale nel settore agricolo.

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali Sottomisura 4.1. Sostegno a investimenti nelle aziende agricole Tipo di operazione 4.1.2 Investimenti in aziende

Dettagli

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA Workshop Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche ACCADUEO 2014 Bologna Gianfranco Giannerini - INEA Il progetto MIPAAF

Dettagli

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO 1 INDICE 1. INQUADRAMENTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 1.1 RICOGNIZIONE... 7 1.2 LIVELLI DI SERVIZIO... 9 1.3 AREE CRITICHE E PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.2 Miglioramento della gestione

Dettagli

(imbottigliamento e vendita) dell'acqua

(imbottigliamento e vendita) dell'acqua 18 N. 1 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 05-01-2012 Parte I DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 dicembre 2011, n. 380. Società "CUTOLO MICHELE E FIGLI s.r.l.". Revoca delle

Dettagli

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 RISORSE IDRICHE: finalità e attività da svolgere 5 linee: Programmazione investimenti irrigui; Condizionalità Ex ante; Integrazione e sinergie con

Dettagli

1. Premessa... 2. 2. Glossario... 2. 3. Art. 5, comma 2, lett c) e d)... 4. 4. Art. 5, comma 4... 6. 5. Art. 5, comma 4-bis... 7

1. Premessa... 2. 2. Glossario... 2. 3. Art. 5, comma 2, lett c) e d)... 4. 4. Art. 5, comma 4... 6. 5. Art. 5, comma 4-bis... 7 Allegato alla Delib.G.R. n. 3/29 del 31.1.2014 Direttive per la rendicontazione dei contributi erogati ai sensi della L.R. 6 maggio 2008, n. 6, art. 5, comma 2, lett. c) e d), art. 5, comma 4 e comma 4-bis.

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011 LEGGE REGIONALE n. 31 del 9 NOVEMBRE 2001 Compiti Erogazione di aiuti comunitari, nazionali e regionali Domanda Unica PSR Aiuti

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224 Servizio di monitoraggio dei corpi idrici sotterranei (P.O. FESR 2007/2013 - Asse II Linea di intervento 2.1.) - Azione 2.1.4.). Approvazione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA LA PROVINCIA DI FORLI -CESENA L ASSOCIAZIONE DI PRODUTTORI

Dettagli

IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009

IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009 IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009 ARPA - Sezione Provinciale di Bologna Servizio Territoriale Unita Operativa IPPC Novembre 2010 Attività di controllo programmata 2009 svolta

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Area di Coordinamento Politiche Sociali di Tutela, Legalità,

Dettagli

Bando per la selezione e il finanziamento di programmi di stage ed esperienze formative in alternanza in contesti lavorativi internazionali

Bando per la selezione e il finanziamento di programmi di stage ed esperienze formative in alternanza in contesti lavorativi internazionali INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE PER LA PROMOZIONE DELLA COOPERAZIONE CON LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E UNIVERSITARIE, E POTENZIAMENTO DELL ORIENTAMENTO NEI SETTORI TECNICO-SCIENTIFICI

Dettagli

Il Ministro della Difesa

Il Ministro della Difesa Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106 il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; il r.d. 23 maggio 1924 n.827, che

Dettagli

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni in Agricoltura PIANO DI SVILUPPO RURALE PARTE II ADEMPIMENTI PROCEDURALI

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni in Agricoltura PIANO DI SVILUPPO RURALE PARTE II ADEMPIMENTI PROCEDURALI Allegato A) A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni in Agricoltura PIANO DI SVILUPPO RURALE PARTE II ADEMPIMENTI PROCEDURALI Misura 1 Investimenti nelle azienda agricole SOMMARIO PARTE II ADEMPIMENTI

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

RIFORMA DEI CONSORZI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE TITOLO I CONSORZI

RIFORMA DEI CONSORZI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE TITOLO I CONSORZI Page 1 of 8 RIFORMA DEI CONSORZI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE TITOLO I CONSORZI Art. 1 Finalità 1) La Regione Abruzzo con la presente proposta di legge disciplina l'assetto, le funzioni e la gestione dei

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 18 aprile 2012, n. 8

REGOLAMENTO REGIONALE 18 aprile 2012, n. 8 12410 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 58 del 20-04-2012 REGOLAMENTO REGIONALE 18 aprile 2012, n. 8 Norme e misure per il riutilizzo delle acque reflue depurate Dl.gs. n.152/2006, art. 99,

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli