ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale"

Transcript

1 ASSICURAZIONI GENERALI Il sistema della gestione dei rischi Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale - ROMA, 10 giugno

2 INDICE Il modello ERM di Generali e punti di interazione con il modello IAI! La struttura del modello pag. 03! La Governance: politiche e linee guida.. pag. 07! L identificazione dei rischi.. pag. 13! La misurazione dei rischi. pag. 19! Il progetto integrazione rischi-controlli pag. 21 Il modello IAI: sintesi dell utilità per Assicurazioni Generali.. pag. 24 Assicurazioni Generali S.p.A. 2

3 La struttura del modello Assicurazioni Generali S.p.A. 3

4 BENEFICI DI UN RISK MANAGEMENT SISTEM! Un RMS è stato creato per generare early warnings Identificare-Valutare Monitorare Lo status e il possibile sviluppo di rischi potenziali, usando un medesimo approccio Garantire un link con al matrice rischi di Internal Audt Rischi nell ambito audit e valutazione del processo ERM Gestire I rischi identificati In modo appropriato e in accordo con: struttura Compagnia, disposizioni legali 2. tramite un RMS è possible 5. Creare un link con la biblioteca dei processi Descrizione dei processi e relativi rischi Produrre un avvertimento Preciso e tempestivo, in caso di peggioramento del rischio Garantire una reazione immediata Ridurre al minimo gli effetti negativi tramite misure adeguate Assicurazioni Generali S.p.A. 4

5 IL CONTESTO ESTERNO: LE NORME E GLI STAKEHOLDERS Contesto internazionale SOLVENCY II COSO ERM Contesto italiano Circolare ISVAP 577/D Codice di Autodisciplina Borsa Il mercato Analisti Stakeholders MODELLO ERM DI GRUPPO sistema di gestione coordinata del rischio e del rendimento che ha l obiettivo di creare strategie che permettano la massimizzazione della redditività del capitale impiegato nel rispetto dei vincoli posti dalla struttura di risk governance del Gruppo Assicurazioni Generali S.p.A. 5

6 SISTEMA DI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT DEL GRUPPO GENERALI Enterprise Risk Management ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IDENTIFICAZIONE E MISURAZIONE GOVERNANCE REPORTING PLUS ONE GESTIONE STRATEGICA DEI RISCHI Approccio integrato Asset & Liability Stress scenarios -VaR Indici di rischiosità Adeguatezza del capitale -normativa -rating - economica Modello interno - rischio di mercato - rischio investimenti - rischio di credito - rischio operativo - rischio assicurativo Comitato Rischi di Gruppo Funzioni di Risk Management indipendenti (risk observers) dalle funzioni operative (risk owners/risk takers) Limiti operativi: - formalizzati - gestiti individualmente Reportistica sulla gestione dei rischi Indici di valore aggiustati al rischio -RoEC Cultura del rischio: -conoscenza - mitigazione Approccio risk based: -pianificazione strategica - struttura del capitale - asset allocation - capital allocation Economic Economic Capital Capital & Solvency Solvency Methodology Methodology Politica Politica di di ERM ERM Linee Linee Guida Guida Assicurazioni Generali S.p.A. 6 MODELLO MODELLO DI DI ERM ERM

7 Il sistema della gestione dei rischi La Governance: politiche e linee guida Assicurazioni Generali S.p.A. 7

8 POLITICA DI ERM La Politica di ERM è un documento emanato dalla Capogruppo, nel quale sono descritte una serie di principi e di requisiti minimi cui tutte le Compagnie devono attenersi, in tema di governance, di criteri di assunzione dei rischi (attraverso apposite Linee Guida predisposte dalle diverse funzioni tecniche del Corporate Centre) e di reportistica. Tale documento ha l obiettivo di garantire una coerenza complessiva nell implementazione del modello di gestione dei rischi nell ambito del Gruppo e prevede che ciascuna compagnia predisponga: - Comitato Rischi - Manuale dei limiti operativi, sulla base delle Linee Guida -Riskreport annuale Assicurazioni Generali S.p.A. 8

9 POLITICA DI ERM LINEE GUIDA Linee guida Vita: sono rivolte alle compagnie del Gruppo che sottoscrivono polizze Vita di rischio. Sono una serie di principi comuni cui dovranno conformarsi le Compagnie del Gruppo e dettano i principi guida dei processi di sottoscrizione, riassicurazione e liquidazione. Sono definite dal Coordinamento, Controllo Tecnico e Riassicurazione Vita di Gruppo che opera presso il Corporate Centre,condivise dal Group Risk Committee ed approvate dagli Amministratori Delegati. Linee guida non Vita: sono rivolte alle compagnie del Gruppo che operano nei rami danni. Dettano i principi guida dei processi di sottoscrizione, riassicurazione e liquidazione. sono stabilite dal Coordinamento Tecnico e Riassicurazione Non-Vita di Gruppo condivise con il Group Risk Committee e approvate dagli Amministratori Delegati. Linee guida Finanza: stabiliscono principi comuni cui le Compagnie del Gruppo devono attenersi in materia di rischi di credito, rischi finanziari, investimenti alternativi e strategic asset allocation. Sono definite dal Servizio Finanza condivise con il Group Risk Committee e approvate dagli Amministratori Delegati. Linee guida nuovi prodotti: sono rivolte a tutte le Società del Gruppo che distribuiscono prodotti vita, non vita o prodotti di gestione del risparmio e di investimento. Sono una serie di indicazioni relative alle caratteristiche che un nuovo prodotto deve soddisfare prima di poter essere offerto al mercato. Sono determinate dall Enterprise Risk Management (ERM), condivise con il Group Risk Committee e approvate dagli Amministratori Delegati. Assicurazioni Generali S.p.A. 9

10 POLITICA DI ERM - COMITATO RISCHI E un Comitato presieduto dall Amministratore Delegato e/o Direttore Generale al quale partecipano i Responsabili delle principali funzioni aziendali. Si riunisce periodicamente almeno quattro volte l anno e in tali incontri si aggiorna e discute in merito alle seguenti tematiche: Profilo corrente del rischio: analisi del profilo attuale di rischio dell'azienda, ottenuta mediante l'analisi di dati, rilevanti ed aggiornati, che riguardano: " Solvibilità e capital allocation (Economic Balance Sheet): la Compagnia sottopone all esame ed alla condivisione del Comitato Rischi e successivamente all approvazione dell A.D. i risultati dell EBS " Allocazione degli attivi ed esposizioni finanziarie (azioni, duration, immobili, credito, investimenti alternativi, derivati, esposizioni valutarie e concentrazione degli investimenti) " Rischio ed esposizioni assicurative (sottoscrizione, liquidazione, riassicurazione) " Prodotti (pricing, garanzie, linee di business, business mix) Proposte strategiche sul rischio Le proposte avanzate nell ambito del Comitato Rischi, prima di diventare decisioni vincolanti per la Compagnia, necessitano dell approvazione dell Amministratore Delegato ovvero del Consiglio di Amministrazione. Assicurazioni Generali S.p.A. 10

11 POLITICA DI ERM - MANUALE DEI LIMITI OPERATIVI Per garantire uniformità nei criteri di assunzione dei principali rischi, la Capogruppo ha emanato delle LINEE GUIDA in coerenza delle quali le compagnie definiscono i propri Limiti Operativi, al fine di mantenere l esposizione al rischio entro limiti stabiliti. Il Manuale dei Limiti Operativi raccoglie l insieme delle regole e delle deleghe che governano i processi di sottoscrizione, riassicurazione e liquidazione sinistri, sviluppo nuovi prodotti e la gestione degli investimenti finanziari. In tale Manuale inoltre, viene fatta evidenza dei sistemi di controllo esistenti. Il Manuale dei Limiti Operativi deve essere sottoposto al Comitato Rischi ed approvato dall Amministratore Delegato. Assicurazioni Generali S.p.A. 11

12 GOVERNANCE LIVELLI DI RESPONSABILITÀ Il modello di ERM del Gruppo Generali è decentralizzato e basato su una logica bottom-up. Sono identificati tre diversi livelli di responsabilità: 1. LIVELLO DI GRUPPO reporting 2. LIVELLO DI PAESE reporting strategie strategie 3. LIVELLO DI COMPAGNIA IL CORPORATE CENTRE è responsabile: del controllo strategico (definizione degli obiettivi per ogni Paese in termini di solvibilità, RoEC ed esposizione al rischio); della gestione delle sinergie tra i diversi paesi con riferimento ai rischi (ad esempio per quanto concerne la Riassicurazione); della definizione e del monitoraggio delle Linee Guida e delle politiche di Gruppo per quanto attiene la gestione dei rischi. La REGIONAL HOLDING è responsabile a livello di Paese per: la traduzione degli obiettivi stabiliti dal Corporate Centre in strategie ed obiettivi di gestione del rischio per le singole Operating Units; l assistenza alle Operating Units nell applicazione delle strategie di gestione del rischio ed il monitoraggio dei risultati; lo sfruttamento delle sinergie tra le diverse Compagnie in termini di gestione del rischio. Le OPERATING UNITS (spesso coincidenti con singole entità giuridiche) sono responsabili: dell implementazione degli obiettivi stabiliti dalla Regional Holding del rispetto delle misure di contenimento del rischio; dell adozione delle Linee Guida e delle politiche stabilite a livello di Corporate Centre e di Regional Holding. Assicurazioni Generali S.p.A. 12

13 Identificazione dei rischi e integrazione con modello IAI Assicurazioni Generali S.p.A. 13

14 CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI Rischi dell attivo Rischi dell attivo Rischi del passivo Rischi del passivo Rischi operativi Rischi operativi Rischi strategici Rischi strategici - - Rischio Rischio di di mercato mercato - - Rischio Rischio degli degli investimenti investimenti diretti diretti - - Rischio Rischio di di credito credito - - Rischio Rischio di di concentrazione concentrazione - - Rischio Rischio di di liquidità liquidità - - Rischio Rischio di di valuta valuta -Rischio assicurativo Vita -Rischio assicurativo Danni Rischio pricing danni Rischio reserving danni -Frode interna -Frode esterna -Rapporti di impiego -Clienti e prodotti -Danni a beni materiali -Interruzione attività e disfunzione dei sistemi -Esecuzione e gestione dei processi -Legal & compliance Secondo Solvency II il rischio strategico è definito come il rischio derivante dall impatto presente o futuro sugli utili o sul capitale derivante da decisioni di business sfavorevoli, implementazione inappropriata delle decisioni o da una mancata reattività ai cambiamenti nel settore. = punti di contatto con il modello IAI attuale = punti parzialmente o totalmente non trattati dal modello IAI attuale Assicurazioni Generali S.p.A. 14

15 RISCHI DELL ATTIVO FOCUS SU PAESI EMERGENTI Rischio di mercato : è il rischio derivante dall impatto sulla solvibilità economica connessa alla diversa reattività degli attivi e passivi a movimenti del tasso di interesse o altri prezzi di mercato, tenuto conto della loro volatilità e correlazione Rischio degli investimenti diretti : è il rischio derivante dall acquisizione di partecipazioni nel capitale di società di diritto locale. Rappresenta il rischio di livello più elevato per il nostro Gruppo, nel caso di entrata in un paese ad economia emergente. Rischio di credito : è il rischio derivante dall impatto sulla solvibilità economica della compagnia di defaults o downgrades degli emittenti di strumenti di debito nei confronti dei quali la compagnia è esposta. E un rischio limitato, in quanto le disposizioni dell autorità di controllo italiana limitano fortemente le possibilità di investimento delle riserve tecniche, in attività finanziarie locali di paesi emergenti. Gli investimenti si limitano, quindi, al free capital Rischio di concentrazione: è il rischio derivante dall impatto sulla solvibilità economica della compagnia dovuto ad esposizioni rilevanti rispetto al capitale disponibile in singole controparti Rischio di liquidità: il rischio derivante dall incapacità dell'impresa di assicurazione a liquidare investimenti ed altre attività per regolare le proprie obbligazioni finanziarie quando queste ultime giungono a scadenza Rischio di valuta : è il rischio derivante dall impatto sulla solvibilità economica della compagnia dovuta a cambiamenti nei tassi di cambio qualora gli attivi e passivi siano espressi in una diversa unità monetaria. E compreso il rischio di blocco della convertibilità della moneta locale, più sensibile rispetto alla nostra attività. Assicurazioni Generali S.p.A. 15

16 Area d analisi IL COUNTRY E COUNTER PART RISK MODALITÀ OPERATIVE L oggetto riguarda l entrata, in qualità di venditore o produttore di prodotti assicurativi e/o altri servizi peculiari di Assicurazioni Generali, in un territorio dove, in quel momento, non c è presenza del Gruppo Generali. Di recente di solito la nuova entrata avviene su territori emergenti. Modalità d entrata - Normalmente avviene appoggiandosi ad un entit entità già esistente e con la quale si avviano operazioni d acquisizione, d fusione o joint venture o, più raramente, accordi di vendita di prodotti/servizi senza scambi a livello azionario. - Nel passato più prossimo, non si procede alla costituzione di una nuova società, in quanto la maggior parte dei mercati, a differenza del passato, sono oramai o maturi o, in ogni caso, caratterizzati da una concentrazione rilevante, nella quale poco spazio può trovare una new entry - Ultimamente, poi, è da tener presente che nella maggioranza dei casi, le modalità d entrata sia tramite acquisto e fusione hanno comportato un esborso finanziario limitato in termini di capitale sociale. Assicurazioni Generali S.p.A. 16

17 IL COUNTRY E COUNTER PART RISK MODALITÀ OPERATIVE Criteri d analisi dei rischi I criteri d analisi dei rischi ricoprono, in linea di massima, le seguenti aree: 1. macroindicatori politici, economici, finanziari, normativi e di vigilanza 2. analisi di solvibilità del settore 3. solvency e solidità finanziaria e economica dell azienda specifica 4. documentazione esaminata: a. documentazione degli analisti di mercato b. analisi delle società di rating c. analisi di istituti locali d. report di consulenti contattati ad hoc 5. processi di discussione, condivisione interna. Al fine di definire l ambito e i contenuti degli accordi da concludere, viene concordata una serie d incontri interni con le strutture preposte all esame di tutti gli aspetti concorrenti alla decisione stessa: giuridico, finanziario, tecnico assicurativo, strategico, organizzativo e di controllo in genere. Assicurazioni Generali S.p.A. 17

18 RISCHI OPERATIVI Frode Interna: è il rischio di perdite impreviste derivanti da azioni poste in essere intenzionalmente da almeno un soggetto interno volte a realizzare truffe e/o appropriazioni indebite e/o ad aggirare di leggi o regolamenti interni (con esclusione degli episodi di discriminazione). Frode Esterna : è il rischio di perdite impreviste derivanti da azioni poste in essere intenzionalmente esclusivamente da soggetti esterni volte a realizzare truffe e/o appropriazioni indebite e/o ad aggirare di leggi o regolamenti interni Rapporti di impiego: è il rischio di perdite impreviste derivanti da una gestione negligente delle risorse umane e da un ambente di lavoro inadeguato Clienti e prodotti: è il rischio di perdite derivanti da prodotti inadeguati, da un servizio al cliente povero o da una selezione dei clienti e monitoraggio delle esposizioni inadeguata Danni a beni materiali : è il rischio di danni a beni materiali o altre perdite impreviste derivanti da disastri naturali o da altri eventi esterni Interruzione attività e disfunzione dei sistemi: è il rischio di perdite impreviste derivanti dall'interruzione dell'attività o da un malfunzionamento dei sistemi Esecuzione e gestione dei processi: è il rischio di perdite impreviste derivanti da processi o operazioni progettati o eseguiti non correttamente, da modelli quantitativi inadeguati o da una carente gestione del business nelle relazioni con le controparti commerciali (fornitori, intermediari, e outsourcer) Legal & Compliance: è il rischio di perdite impreviste (sanzioni legali, regolamentari o perdite monetarie) risultanti da un comportamento involontario contrario alle leggi, regolamenti e norme amministrative* ovvero perdite derivanti da azioni legali. * Non riferito a regolamenti interni alla Compagnia Assicurazioni Generali S.p.A. 18

19 Il sistema della gestione dei rischi La misurazione dei rischi Assicurazioni Generali S.p.A. 19

20 MISURAZIONE DEI RISCHI METODOLOGIA DI MISURAZIONE DEI RISCHI: la metodologia di misurazione dei rischi è definita nel documento Economic Capital & Solvency Methodology, predisposto dalla funzione di Enterprise Risk Management in collaborazione con le strutture tecniche della Corporate Centre, per gli ambiti di propria competenza, e con il supporto e la revisione di qualificate società di consulenza internazionali. Il processo di valutazione dei rischi può essere sintetizzato come segue: INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO: vengono identificati i principali elementi a cui è attribuibile l incertezza relativa alle diverse classi dell attivo e del passivo. SELEZIONE DEGLI SCENARI : per ogni fattore di rischio vengono definiti i possibili scenari (ogni scenario rappresenta il valore che un fattore di rischio può assumere nell arco di un anno) e la loro probabilità di accadimento. Gli scenari vengono determinati in base alle serie storiche disponibili. VALUTAZIONE DEGLI SCENARI : per ognuno degli scenari selezionati viene calcolato il valore che le attività e le passività assumono in base alle ipotesi formulate. VALUTAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO : per ogni fattore di rischio viene individuato il worst case scenario. DETERMINAZIONE DELL ECONOMIC CAPITAL: i worst case scenario relativi ai diversi fattori di rischio vengono aggregati, tenuto conto delle correlazioni tra i diversi fattori, al fine di determinare l Economic Capital complessivo, cioè il capitale necessario a coprire le perdite derivanti dal verificarsi dei worst case scenario di tutti i fattori di rischio identificati, nell orizzonte temporale di un anno. Assicurazioni Generali S.p.A. 20

21 Progetto integrazione Rischi-Controlli Assicurazioni Generali S.p.A. 21

22 Progetto integrazione Rischi-Controlli MAPPATURA DEI RISCHI E DEI CONTROLLI,,, Gestione preventivi Proposta Generazione documenti attesi PTF Polizze (GOL) Inserire Dati preparare preventivo Dati preventivo inseriti CCV errore nell'effettuazi one... RISCHIO Ciascun singolo rischio viene rappresentato nel processo Gestione preventivi Proposta Gestione preventivi Generazione documenti attesi PTF Polizze (GOL) Motore di preventivazi one Controllare dati Calcolare premio Dati corretti CCV CCV area assunzioneliq... Dati errati Ciascun rischio è legato strutturalmente all attività dove si genera; E possibile legare il rischio con l attività o il processo di controllo che lo mitiga e lo presidia. Proposta PTF Polizze (GOL) Premio calcolato SYS SYS ATTIVITA che genera il rischio ATTIVITA DI CONTROLLO che mitiga e presidia il rischio Assicurazioni Generali S.p.A. 22

23 Progetto integrazione Rischi-Controlli LA PROTEZIONE DEL VALORE REVISIONE INTERNA DI GRUPPO PRESIDIO PRESIDIO SULLA SULLA QUALITA QUALITA ED ED ADEGUATEZZA ADEGUATEZZA DEI DEI CONTROLLI CONTROLLI BIBLIOTECA DEI PROCESSI PRESIDIO PRESIDIO SU SU IDENTIFICAZIONE, IDENTIFICAZIONE, GOVERNO GOVERNO E E QUANTIFICAZIONE QUANTIFICAZIONE DEI DEI RISCHI RISCHI PIANO DI AUDIT INTERVENTO DI AUDIT PROPOSTE MIGLIORATIVE Assicurazioni Generali S.p.A. 23

24 Il modello IAI Sintesi utilità per Assicurazioni Generali Assicurazioni Generali S.p.A. 24

25 MODELLO IAI SINTESI UTILITÀ PER ASSICURAZIONI GENERALI Aiming di diventare uno strumento per valutare il rischio di entrata in paesi emergenti con particolare interesse sui seguenti punti:! possibilità di accedere a una fonte attendibile in tempi brevi, nel caso di acquisizione di partecipazione in un paese non conosciuto! rischio specifico per l investitore Assicurazioni Generali - rischio degli investimenti diretti; le aree che sono di nostro interesse sono: # rischio paese indice generale # rischio paese indici di area (politico, economico, normativi e di vigilanza) # rischio paese - o indici specifici nell ambito dell area flessibilità del modello! Supporto nella valutazione di: rischi di mercato, del credito, di valuta, di frodi esterne! Rischio di mercato: reattività degli attivi e passivi a movimenti del tasso di interesse o altri prezzi di mercato, tenuto conto della loro volatilità e correlazione! Frode Esterna : è il rischio di perdite impreviste derivanti da azioni volte a realizzare truffe e/o appropriazioni indebite e/o ad aggirare di leggi o regolamenti interni! rischio di danni a beni materiali o altre perdite impreviste derivanti da disastri naturali o da altri eventi esterni! individuazione degli scenari economico-finanziari e del correlato worst case Assicurazioni Generali S.p.A. 25

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Riccardo Cesari (Università di Bologna e IVASS) Milano,SDA Bocconi, 10.7.2013 1 Crisi finanziaria e risk management

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Nel seguito sono presentati i servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Making the traveller s day better Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Milano, 2 Luglio 204 Group Enterprise Risk Management Contenuto del

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico LA GESTIONE DEI RISCHI OPERATIVI E DEGLI ALTRI RISCHI La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico Nicola d Auria TMF Compliance (Italy) 26 giugno 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

La gestione del rischio controparti

La gestione del rischio controparti Risk Assurance Services www.pwc.com/it La gestione del rischio controparti Un esigenza da presidiare per la tutela della reputazione e del valore aziendale La reputazione è un asset strategico da valorizzare,

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

FONDO IMMOBILIARE PER LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DI BENI PATRIMONIALI DEI BORGHI PIU BELLI D ITALIA. Dott. Roberto Giovannini

FONDO IMMOBILIARE PER LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DI BENI PATRIMONIALI DEI BORGHI PIU BELLI D ITALIA. Dott. Roberto Giovannini FONDO IMMOBILIARE PER LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DI BENI PATRIMONIALI DEI BORGHI PIU BELLI D ITALIA Dott. Roberto Giovannini Concentrare presso un unico soggetto attuatore le possibilità di sviluppo

Dettagli

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo 1 Indice Obiettivi dell intervento Nota Metodologica Quadro dell attuale sistema

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C.

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. _ Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. (Adottata ai sensi delle "Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

La Finanza PROTEGGITI DAL CONFLITTO D INTERESSE INDIPENDENTE N. 16 ANNO IV

La Finanza PROTEGGITI DAL CONFLITTO D INTERESSE INDIPENDENTE N. 16 ANNO IV INSERTO Speciale Risparmiatori La Finanza INDIPENDENTE N. 16 ANNO IV PROTEGGITI DAL CONFLITTO D INTERESSE Che cos è il conflitto di interesse Se ne sente parlare ogni giorno ma quali rischi comporta per

Dettagli

L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate

L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate Assonime, Borsa Italiana SpA, Emittenti Titoli SpA Il nuovo codice di autodisciplina delle Società quotate L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate Bruno Cova SVP & General Counsel

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

MANDATO INTERNAL AUDIT

MANDATO INTERNAL AUDIT INTERNAL AUDIT MANDATO INTERNAL AUDIT Il presente Mandato Internal Audit di Società, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi in data 30 ottobre 2012 e sentito il Collegio Sindacale e l

Dettagli

Codice dei principi di investimento

Codice dei principi di investimento Codice dei principi di investimento delibera CdA n. 31/2013 approvato il 14/03/2013 realizzato da funzione controllo del rischio con il supporto di Mercer Italia s.r.l. Via Antoniotto Usodimare, 31 00154

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1 Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assicurativa e previdenziale Pagina 1 PARTNERS DEL PROGETTO per attività di docenza ed organizzazione stage la più antica mutua assicuratrice italiana,

Dettagli

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009 Assicura: Convegno Solvency II Enterprise, il caso UGF Milano, 29 aprile 2009 Tassonomia e perimetro dei rischi nel Gruppo UGF Tipologia RISCHIO UGF Compagnie Banca SGR 1.3x 1.7x 580 1.300 26.2% UGF BANCA

Dettagli

Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore

Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore Workshop Milano,12 giugno 2012 Agenda Tendenze del mercato Wealth Risk Management Framework di riferimento Leve del cambiamento

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?!

fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?! Authorized and regulated by the Financial Conduct Authority fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?!

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni Tavolo Tecnico Interassociativo per la Tavolo Standardizzazione Tecnico Interassociativo dei Fondi per la standardizzazione dei fondi Comuni Presentazione delle LINEE GUIDA INTERASSOCIATIVE PER LA STANDARDIZZAZIONE

Dettagli

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica 14 ottobre 2013 REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione Modello operativo di verifica MARCO CHIESA 1 GLI OBIETTIVI DEL MODELLO PREMESSA Negli ultimi anni i più eclatanti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Comply or Explain La Road Map verso Solvency II in Italia Maria Alejandra Guglielmetti 30.01.2014 Comply or Explain?

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

GUIDA PER L INFORMAZIONE AL MERCATO

GUIDA PER L INFORMAZIONE AL MERCATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani)

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) Obiettivo: Illustrare, anche con dibattito e casi concreti, gli strumenti, le regole

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli