ELEZIONI AMMINISTRATIVE PEDARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEZIONI AMMINISTRATIVE PEDARA"

Transcript

1 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO CANDIDATO SINDACO GAETANO PETRALIA LISTA 1

2 Il sottoscritto Gaetano Petralia, nato a Catania il 08 Agosto 1978, residente a Pedara (CT), in via Rua Sant'Antonio n 44, candidato alla carica di sindaco del Comune di Pedara, in vista delle elezioni che si terranno il 31 Maggio e 01 Giugno c.a., con il presente Programma Amministrativo vuole presentare alla cittadinanza gli obiettivi che intende perseguire al fine di migliorare la realtà amministrativa, sociale e culturale del Paese. Un impegno concreto al servizio del Paese Predisporre un programma che illustri in modo soddisfacente tutte le proposte di questa lista elettorale, oggi presentata ai propri cittadini per sottoscrivere con loro un patto di fiducia, destinato a cambiare profondamente il modo di governare il paese, necessita in primo luogo di una promessa di onestà, fiducia, serietà e preparazione, qualità fondamentali per guidare ed amministrare la comunità. Ed è proprio questa la direzione che aspira a creare un gruppo politico, il più possibile idoneo a svolgere un ruolo così importante per lo sviluppo e la crescita del paese. Abbiamo lavorato per uno scopo ben preciso: mettere insieme individui che abbiano il comune intento di collaborare in sintonia, di impegnarsi ad esclusivo beneficio dei propri concittadini, mettendo da parte interessi privati o la pretesa di ottenere privilegi personali, attraverso il ruolo politico raggiunto. Nello stilare il seguente programma politico abbiamo cercato di far sì che questo fosse il più dettagliato possibile, ma, nello stesso tempo, aperto alle proposte dei cittadini, affinché possa essere considerato completo, per venire incontro agli effettivi e reali bisogni della nostra comunità, poiché siamo ben consapevoli che, per governare in modo adeguato, bisogna coinvolgere in maniera attiva i membri della collettività, quali protagonisti dell azione politica stessa, visto che sono proprio loro a vivere in prima persona eventuali limiti, disagi, negligenze degli amministratori. La nostra lista elettorale prende le dovute distanze dalla logica del clientelismo fin troppo spesso caratterizzata da una politica impegnata ad operare ad esclusivo beneficio del raccomandato di turno, più che a garantire il benessere di tutti i cittadini. Tenendo fede, invece, a quel principio di solidarietà e uguaglianza che è alla base di ogni fondamento e ideologia politica, il nostro gruppo si prefigge, quale obiettivo primario, di predisporsi all ascolto dei propri elettori ricercando empatia e sensibilità, 2

3 che, unite ad una buona formazione e preparazione, sono le doti fondamentali per chi si assume la grande responsabilità di guidare un intera comunità. Siamo a conoscenza della distanza che si è accentuata, negli ultimi anni, tra politica e cittadinanza, e sappiamo che sempre più spesso questo divario è causato da una noncuranza tipica dell amministratore nell instaurare con i propri cittadini un dialogo chiaro ed assiduo, che ne soddisfi le esigenze o sopperisca alle eventuali mancanze da essi denunciate. Intendiamo quindi, colmare questo vuoto, instaurando una comunicazione costante, trasparente e dinamica con i cittadini che chiedono di essere sempre più informati e coinvolti nella gestione del nostro comune. Ben lontani dall essere al servizio di una fredda burocrazia dal linguaggio colmo di tecnicismi incapace di soddisfare le richieste e risolvere le problematiche dei membri della collettività, indifferente ai cittadini, percepita come ostile e nemica, intendiamo invece essere interpreti del cittadino e non rappresentanti di un sistema amministrativo che sprofonda nelle sue stesse lungaggini, trincerato dietro le mura del palazzo comunale, considerato come strumento di potere imposto anziché condiviso. Parlando con la gente di questa comunità ci si rende conto di quanto il Municipio venga sempre più considerato come un freddo ufficio istituzionale, dove il cittadino è un qualunque soggetto che vi accede con riverenza e rassegnazione, costretto a fare spesso anticamera, nella speranza di incontrare il rappresentante politico, da egli stesso eletto, che dovrebbe esaudire le sue esigenze e richieste, ma dal quale, tuttavia, si sente trattato come un numero, liquidato dopo un breve colloquio superficiale fatto di ipotetiche promesse affrettate ed infruttuose. Consapevoli del limite di quanto sopra descritto, con la nostra azione politica mireremo a migliorare i rapporti con i concittadini costruendo un reciproco dialogo dove il palazzo comunale sarà luogo di un'accoglienza idonea ad affrontare tutte le problematiche che scoraggiano e frustrano la comunità. In qualità di candidato sindaco intendo rendere tangibile il mio agire politico proponendo delle iniziative concrete che siano perfettamente compenetrate nella realtà del comune pedarese. Per questo motivo il programma politico qui presentato non si basa su obiettivi astratti, ben lontani dal nostro tessuto sociale, ma al contrario vuol essere un insieme di progetti, elaborati dopo attento studio ed accurata analisi, per rappresentare globalmente la comunità, i suoi effettivi bisogni e le idee dei gruppi economici e sociali della nostra Pedara. 3

4 TRASPARENZA COMUNICAZIONI SERVIZI Saranno utilizzate tutte le potenzialità dell'informatica per velocizzare le procedure, fornire accesso rapido e completo a tutte le informazioni al fine di poter snellire l'iter burocratico a vantaggio di un migliore servizio per i cittadini. L'obiettivo è quello di rendere più facile ed agevole l accesso ai documenti e l'espletamento delle pratiche necessarie nei diversi campi di attività, per i privati, le imprese, i professionisti, le associazioni e gli Enti Locali cosi da evitare sprechi di tempo e denaro, valorizzando le figure professionali e le risorse presenti all'interno dell'amministrazione e ottimizzando al contempo gli orari degli Uffici Comunali. collocare nelle zone periferiche dei cosiddetti Totem, ossia degli sportelli automatici informatizzati per reperire velocemente alcune certificazioni in via telematica, senza doversi recare presso gli Uffici Comunali; aggiornare costantemente il sito internet: pubblicazione delle attività svolte, rendicontazione sociale (linee programmatiche del sindaco, bilancio sociale, bilancio ambientale), indice di gradimento dei cittadini rispetto ai servizi resi; trasmettere sul web, in diretta streaming le riunioni del Consiglio Comunale; intervenire sulla comunicazione sociale ed istituzionale, semplificando l'operato dell Ufficio Relazioni con il Pubblico (tempi e certezza della risposta, orari flessibili) ed i servizi comunali legati allo Sportello Unico delle Attività Produttive; istituire l'ufficio Qualità per monitorare la soddisfazione che i cittadini hanno rispetto ai servizi pubblici; costituire e formare un team di professionisti interni al Comune per individuare delle strategie di accesso ai Fondi Nazionali ed Europei cosi da garantire nuovi introiti. 4

5 FAMIGLIA - SOCIALE - SOLIDARIETA La tutela della famiglia quale luogo primario di trasmissione dei valori morali e civili ed elemento fondamentale di coesione sociale e solidale nonché la protezione dei soggetti più deboli (infanzia, minori in difficoltà, donne, anziani, disabili, nuovi poveri ed emarginati) rappresentano i due obiettivi principali della politica sociale comunale. Il sostegno alle persone disabili e alle loro famiglie costituirà un preciso dovere della nostra Amministrazione facendo affidamento anche sull'insostituibile e preziosa collaborazione delle Associazioni di Volontariato. La ricerca delle nuove forme di povertà emergenti, causate dalla crisi economica degli ultimi anni, il sostegno alle famiglie, soprattutto quelle più numerose, sarà lo scopo principale prevedendo forme di incremento occupazionale e di ammortamento in caso di perdita di lavoro, compatibilmente con le disponibilità di bilancio. Altro obiettivo, il potenziamento dei servizi esistenti per una migliore distribuzione delle risorse. Non ultima, la tutela dei soggetti deboli come minori, donne ed anziani da ogni forma di violenza fisica e morale e da ogni tipo di sopruso. costituire una Consulta per i Diversamente Abili che faccia capo direttamente al Sindaco e a questi riferisca periodicamente sulla situazione del territorio riguardo alle barriere architettoniche e segnali le carenze riscontrate al fine di consentire all Amministrazione un monitoraggio capillare e un tempestivo intervento; creare uno sportello a tutela dei soggetti deboli, vittime di violenza fisica e morale, collegato ad una rete mirata di servizi anche sovracomunali; costituire la Consulta delle Pari Opportunità facente capo direttamente al Sindaco per riferire periodicamente sulla situazione reale esistente nel territorio, segnalando problematiche e carenze riscontrate al fine di permettere all Amministrazione un intervento tempestivo; 5

6 creare l area LiberaMente che ha il compito di gestire i servizi dedicati all accoglienza e alla socializzazione dei portatori di handicap, offrendo una serie di attività dislocate sul territorio, finalizzate alla prevenzione dell isolamento sociale e degli stati di emarginazione attraverso aggregazione, svago e tempo libero (gite, uscite e soggiorni estivi), per lo sviluppo delle abilità e delle autonomie personali. realizzare la card "Spesa Amica per poter accedere alle promozioni ed agli sconti offerti dai negozianti aderenti all'iniziativa. Spesa Amica si pone due importanti obiettivi: innanzitutto, mira a dare un incentivo alle famiglie a basso reddito, e altresì a ricostruire la dimensione di socialità che purtroppo si sta perdendo nei paesi per far rifiorire i piccoli negozi schiacciati dalle grandi strutture commerciali. È necessario valorizzare queste attività commerciali che altrimenti rischiano di morire: ritornando a fare la spesa sotto casa si ricostruisce il rapporto di amicizia tra i commercianti e i vicini acquirenti. Le attività commerciali saranno comunque libere di individuare anche altre categorie a cui offrire la card con le agevolazioni sui prodotti. 6

7 INFANZIA E MINORI Cittadini di oggi e di domani, i bambini ed i giovani saranno il fulcro primario dell Amministrazione che sosterrà le politiche per l infanzia e quelle giovanili, volte al miglioramento di ogni aspetto della vita dei minori e degli adolescenti: scolastico, culturale, sportivo e ricreativo. Sarà cura dell Amministrazione adeguare ed incrementare tutte le strutture scolastiche già presenti sul territorio per rendere più efficiente il servizio ai piccoli fruitori ed alle loro famiglie. Si cercherà di dare un'adeguata risposta alla crescente domanda di posti e di tempi di permanenza nelle scuole del nostro paese, dal nido alla media inferiore, potenziando e valorizzando le risorse umane ed il patrimonio immobiliare che già abbiamo. riorganizzare le aree gioco e dedicare nuovi spazi verdi per i giovanissimi cittadini, non perdendo di vista la sicurezza degli stessi; incentivare la collaborazione con l Oratorio ritenuto struttura di formazione per eccellenza dei ragazzi, a prescindere dal Credo religioso per la realizzare un comune progetto formativo anche con il prezioso contributo di anziani e volontari; potenziare e migliorare, infine, le iniziative laiche per dare a tutti le stesse opportunità di crescita e sviluppo al di là dalle opinioni politiche o religiose. 7

8 GIOVANI Una maggiore attenzione ai giovani, soggetti in continua evoluzione e mutamento, è ritenuta fondamentale per mantenere quel necessario collegamento tra presente e futuro onde evitare il più possibile il divario generazionale che, spesso, crea incomunicabilità e disagio. L Amministrazione vuole essere privilegiata interlocutrice dei nostri ragazzi, attenta alle loro esigenze ed alle loro richieste. realizzare uno Spazio Giovani quale luogo di aggregazione giovanile fornito di attrezzature sportive, culturali e ricreative dando primaria importanza all installazione di strumenti informatici per permettere a studenti e giovani lavoratori di studiare, accedere ad internet, discutere in gruppo; rafforzare l organismo di rappresentanza della consulta giovanile; promuovere progetti come tirocini retribuiti, percorsi formativi mirati alle future assunzioni, servizio civile regionale; supportare l imprenditoria giovanile per l apertura di attività commerciali o artigianali nell'ambito territorio comunale. 8

9 SICUREZZA Primo e fondamentale obiettivo dell'amministrazione Comunale è quello di garantire ai propri cittadini la sicurezza della collettività e del singolo contro qualsiasi forma di aggressione alla persona o al patrimonio pubblico e privato. L Amministrazione deve anche essere in grado di far fronte alle emergenze di qualsivoglia natura che si verificano sul proprio territorio garantendo interventi mirati e tempestivi. potenziare la collaborazione delle forze dell ordine presenti sul territorio per un controllo capillare e costante soprattutto nelle zone periferiche (Pedara Sud e Nord ossia "Tarderia") al fine di reprimere i continui furti nelle abitazioni; realizzare una nuova Caserma dei Carabinieri per la quale l Amministrazione si farà parte attiva affinché diventi operativa in una sede più idonea e rassicurante all'interno della nostra cittadina; installare nuovi sistemi di video-sorveglianza nei punti strategici sia come deterrente contro gli atti vandalici e delinquenziali, sia come supporto alle indagini delle forze dell ordine; attivare un'applicazione (app) per smartphone e tablet che permetta di informare tutti gli iscritti su eventuali casi di emergenza. La segnalazione di situazioni sospette tramite apposita applicazione condivisa in tempo reale con gli iscritti e le forze dell'ordine consentirà un loro intervento immediato per divenire uno strumento decisivo nel contrastare i furti nelle case; concedere sgravi fiscali per il titolare di un pubblico esercizio che decida volontariamente di NON installare o Disinstallare macchinette da gioco (Videopoker e Slot Machines) nel proprio locale. 9

10 ISTRUZIONE L istruzione è uno dei pilastri portanti della cultura collettiva ed individuale, l unico vero incrollabile potere dato a ciascun individuo per essere libero e consapevole. Il Sapere è un bene comune e per tale motivo il compito primario dell Amministrazione dev'essere il suo riconoscimento, la sua tutela ed il suo sostegno. Istituzione cardine è la scuola, interlocutore privilegiato dell Amministrazione. Questa sarà supportata considerevolmente mediante stanziamenti di risorse economiche, stabilite in sede di bilancio, affinché possano essere realizzati i futuri progetti per la piena attuazione degli obiettivi. mantenere le sedi scolastiche esistenti per salvaguardare la funzione della Scuola quale punto di riferimento socio-culturale dei vari plessi del territorio pedarese; completare la messa a norma dei locali scolastici con particolare riguardo all'abbattimento delle barriere architettoniche; dare maggiore spazio al consiglio comunale dei ragazzi; predisporre nuove borse di studio per studenti meritevoli; sostenere l organizzazione per gli scambi culturali con istituti scolastici europei; realizzare un'aula studio per studenti universitari; ampliare nuove aree comuni di Wi-Fi; predisporre spazi dedicati all arte alla musica e alla creatività; valorizzare la biblioteca comunale affidando il servizio di apertura ad associazioni culturali anche in orari extra lavorativi, in maniera tale che rappresenti un punto di studio, un centro di incontro e dibattito sull'approfondimento di temi di varia natura. 10

11 CULTURA La cultura è patrimonio fondamentale del nostro paese e della nostra comunità. Valorizzarla nel rispetto delle tradizioni e della storia locale, costituisce un sicuro strumento per promuovere l'intero territorio e diffonderne la conoscenza. promuovere e valorizzare il nostro patrimonio artistico culturale esistente ed emergente; attivare e potenziare la Pro Loco e l Ufficio Informazioni Turistiche, quali principali coordinatori delle risorse esistenti; sostenere le associazioni che organizzano manifestazioni culturali, sportive e religiose. SPORT Nel settore sportivo il Comune, riconoscendo l'elevata funzione educativa e sociale delle attività sportive, interverrà come soggetto promotore, regolatore e coordinatore per aumentare l adesione a varie discipline agonistiche che vede protagonisti concittadini di tutte le fasce di età. impegnarsi per prima cosa alla manutenzione degli impianti sportivi già esistenti migliorandone l efficienza; riqualificare il campo di Via Stella lasciato in uno stato di desolante trascuratezza; organizzare l'utilizzo del Campo di Via Etnea con la vigilanza di un custode, perché è un bene pubblico e non soltanto di pochi; favorire una maggiore interazione fra le associazioni sportive e gli istituti scolastici, incentivando quelle che concretamente sviluppano e promuovono le l attività sportive giovanili; incrementare le attività agonistiche e motorie per gli anziani attraverso la creazione di percorsi protetti ; 11

12 realizzare una vera pista ciclabile favorendo la sicurezza dei ciclisti per scoprire i benefici della passeggiata in bicicletta. Randagismo Al fine di ridurre il devastante fenomeno del randagismo nella nostra zona è necessario prendere le dovute precauzioni, richiedendo una collaborazione sinergica delle Associazioni Animaliste. adottare misure preventive contro l'abbandono; creare un area di sgambamento; controllare il randagismo attraverso anagrafe, vaccinazione, microchippazione ed incentivi all'adozione. Illuminazione Per poter dare un efficiente servizio pubblico d'illuminazione è necessario che l'amministrazione comunale possa sopperire con mezzi adeguati e in linea con le normative europee, svecchiando gli apparati esistenti e aumentando i punti luce del paese ove mancanti, soprattutto nelle zone periferiche. Installare un sistema di illuminazione pubblica all avanguardia, interamente realizzato con lampade a LED ad alto rendimento. Grazie a nuove tecnologie e avanzati software il lampione diventerà un nuovo supporto intelligente in grado di integrare ed attivare servizi di sorveglianza per migliorare la qualità della vita rendendo il paese più sicuro ed ecosostenibile. Quest'iniziativa prevede non solo la sostituzione di tutte le luci ma anche il rimpiazzo dei pali fatiscenti e pericolanti. Per la realizzazione del servizio si usufruirà di un project financing senza alcun aggravio delle spese correnti per l'amministrazione con un risparmio nel consumo elettrico e nella messa a norma e sicurezza. 12

13 AMBIENTE e RIFIUTI Vista l'importanza e centralità della tutela e della salvaguardia dell'ambiente, considerate pure le grandi aree periferiche (Pedara Sud e Tarderia) risorse già esistenti sul nostro territorio che abbracciano tutto il patrimonio naturalistico pedarese sensibilizzare i cittadini al rispetto ed alla tutela delle nostre bellezze naturali sia private che pubbliche; incentivare i cittadini alla pulizia e conservazione delle proprie aree verdi; redigere un dettagliato piano del verde che regolamenti gli interventi, la manutenzione, la programmazione, la gestione e la promozione quantitativa e qualitativa del "verde urbano"; aumentare e capillarizzare la pulizia delle strade, specialmente nelle zone periferiche, Pedara Sud e Tarderia, nelle aree circostanti gli istituti scolastici e nelle strutture sportive; incrementare la presenza di cestini per la differenziata integrandoli architettonicamente con le vie e l arredo urbano già esistente, sensibilizzando il paese al loro giusto e quotidiano utilizzo. La città è un bene comune ed avere strade sempre pulite è il primo gradino verso il miglioramento della qualità della vita di tutti; eliminare tutte le micro discariche abusive sparse nelle zone periferiche e vigilarle onde evitare la riformazione delle stesse; installare impianti fotovoltaici sopra le strutture pubbliche al fine di abbattere costi di energia elettrica ed inquinamento. Infatti, Pedara ha già aderito al PAES (Piano Azione Energia Sostenibile) come buon punto di partenza per continuare nella stessa direzione. 13

14 Metanizzazione I 12 Km di lavori di metanizzazione sono ormai completati da circa un anno, sebbene ad oggi le vie interessate (Martoglio, Sottomonte, delle Ginestre, Frastucheto, Etnea, parte bassa, Mangano, Boito, Donizetti, Verdi, Grasso, Rossini, Giusti, De Curtis, Fabrizi, Magnani, Ombra, Gramsci, D Annunzio, De Gasperi, Sciascia, De Felice, Petrarca, Mandre di Bonforte, del Giacinto, dei Gelsomini, Teocrito, Ungaretti, Capuana, dell Azalea, Musco e Vittorini) sono ancora prive di metano. completare in modo tempestivo l'iter burocratico per la messa in funzione della rete nelle vie sopracitate; puntare tramite i fondi europei e nazionali al completamento dei 10 km rimanenti; trovare un accordo con la rete di distribuzione dei paesi limitrofi (Tremestieri Etneo e Mascalucia) per fornire il servizio alle strade più periferiche del Comune. 14

15 Viabilità e Manutenzione Una buona viabilità e manutenzione del territorio garantisce la vivibilità di una città. Non dimentichiamo prima di tutto che la città è dei cittadini e come in tutte le città bisogna garantire un corretto bilanciamento tra manutenzione stradale e decoro urbano, risolvendo le esigenze del pedone, dell automobilista e dei commercianti. riprogettare la viabilità ripristinando il piano viario di Corso Ara di Giove sino a Via Altavilla; ampliare il numero di parcheggi anche con l'ausilio dei privati incrementando i posti per disabili e strisce rosa nella zona del centro storico; utilizzare dei servizi di parcheggio con aree controllate e autorizzate usufruendo di bus navetta per il raggiungimento del centro; combattere i parcheggiatori abusivi e gli ambulanti non autorizzati agli angoli delle strade; provvedere ad una manutenzione più accurata in particolare su Pedara Sud e Tarderia; predisporre un Front Office dove comunicare problemi relativi alla manutenzione della segnaletica stradale, verticale ed orizzontale illeggibile, divelta o da sostituire e delle strade come buche su carreggiata o marciapiedi, asfalto da ripristinare, caditoie mancanti, etc. con il conseguente ripristino entro 24H; installare nuove pensiline di attesa bus per proteggere viaggiatori e studenti dalle intemperie; ristrutturare l area giochi in piazza Don Bosco (accanto il Municipio) ed individuare e mantenere delle altre nelle zone periferiche; ripristinare e valorizzare l'unica strada Via Monte Po - che si affaccia su uno splendido panorama di aree boschive e collega al vulcano attivo più alto d'europa. 15

16 TURISMO Presupposto primario per il decollo economico nella nostra cittadina è l intesa dell intero tessuto sociale per realizzare un piano di sviluppo turistico adeguato al nostro territorio, rispettando l ambiente, sia dal punto di vista pubblico che privato con la programmazione ed attuazione di nuove politiche di riqualificazione urbana e territoriale in grado di reperire la previsione di nuovi flussi turistici. garantire la fruizione turistica, culturale e anche commerciale con lo sviluppo di un marketing territoriale; definire un piano per tutti i siti di interesse turistico-culturale uniformandone orari di apertura, prezzi, servizi e convenzioni con l'albergo, i B&B e i ristoratori presenti sul territorio per agevolare i turisti; valorizzare e salvaguardare l'ambiente naturalistico (Parco Angelo D'Arrigo, Percorso Naturale del Monte Troina) e storico-artistico (chiese, santuari e centro storico); promuovere e organizzare percorsi turistici con tour in bike, trekking e shuttle service attraverso l utilizzo dei comuni limitrofi per portare i turisti alla scoperta del vulcano Etna, patrimonio dell Umanità, la nostra più importante risorsa per l'economia; organizzare manifestazioni e spettacoli estivi tutelando il rispetto dei cittadini presenti sul territorio; valorizzare le feste patronali; incentivare e salvaguardare la continuità del Mercato del Contadino. 16

17 In virtù di quanto sopra detto il nostro principale interesse sarà quello di promuovere un diverso modo di fare politica, nella convinzione che qualunque nostra iniziativa debba avere come fulcro permanente il cittadino poiché è lui a dirigersi alle urne per compiere un dovere di primaria importanza ossia scegliere il candidato che più lo rappresenta al fine di migliorare la realtà civica in cui vive, opera e fa crescere i propri figli. L impegno di cui parliamo riguarda il concetto stesso di quotidianità alimentata dai princìpi della concretezza e della trasparenza. Convinti della necessità di dover rispettare e dare garanzia di adeguato sviluppo e promozione al paese, il patto che intendiamo stipulare con i nostri elettori prende in considerazione il ruolo centrale rappresentato dalla famiglia. E' ben noto che la nostra cittadina si sta sempre più espandendo grazie alla presenza di famiglie attive all'interno della rete sociale, nonostante le effettive mancanze, vissute attraverso l'esperienza diretta a causa dei loro rappresentanti politici che non riescono a garantire servizi di primaria necessità per il sostegno familiare, nel modo più soddisfacente possibile. Sentiamo l'esigenza di promuovere una politica concreta e dinamica atta ad instaurare un ampio canale di comunicazione tra i vari enti per creare un sistema interconnesso realmente efficiente, non isolato ma presente in ogni luogo di aggregazione sociale, culturale ed economica. Per raggiungere tale obiettivo siamo sempre più convinti del bisogno di cambiare l'approccio al dialogo, operando un radicale stravolgimento del modo di fare politica che miri a generare un vero mutamento dell obsoleta ideologia dei palazzi di potere ereditata da anni di sottomissione in cui il cittadino era considerato suddito dell amministratore. In virtù di quanto detto siamo certi, oggi più che mai, che il cittadino debba essere al centro degli obiettivi politici per la crescita personale e collettiva. Indispensabile punto di riferimento attivo per l'accoglienza e l'ascolto sarà proprio il Comune, che non dovrà essere più ritenuto un luogo dove sono esclusivamente i politici a prendere decisioni inerenti l amministrazione del paese, o iniziative senza consultare i propri elettori. Il Comune, al contrario, deve essere considerato un luogo familiare, sede privilegiata di uffici i cui funzionari saranno sempre disponibili ad ascoltare il pubblico e le diverse utenze con le loro richieste e proposte. 17

18 Nella stessa direzione proponiamo un cambiamento radicale riguardante proprio la Figura del politico, il quale deve presentarsi come il mediatore tra le distanti istituzioni e l anima degli elettori, avvicinando questi ultimi al difficile linguaggio amministrativo e burocratico. Egli non deve essere più considerato come il potente di turno, detentore di privilegi acquisiti attraverso la sua nomina, ma il depositario della fiducia del popolo, l interprete competente di leggi, spesso incomprensibili ai comuni cittadini, che egli è chiamato ad uniformare e adattare alla comunità in cui opera. Nel mio ruolo di candidato sindaco, per l'appunto, intendo essere il diretto portavoce del rinnovamento degli ideali politici stessi, partendo proprio dai loro contenuti e da come questi vengono comunicati al pubblico. In veste di primo cittadino intendo quindi, rappresentare la collettività e non l esclusivo interesse del potere di una coalizione politica. Il Candidato Sindaco Gaetano Petralia 18

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune Direzione Generale INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento. Principi generali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli