NOI Alcool, droghe, gioco dʼazzardo...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOI Alcool, droghe, gioco dʼazzardo..."

Transcript

1 PARLA CON NOI Alcool, droghe, gioco dʼazzardo... perché così fan tutti...per divertirsi...per non annoiarsi D I P E N D E N Z E : c o m e e d o v e c e r c a r e A I U T O DIPENDENZE

2 Parla Tante volte mi sono chiesta, e ancora mi chiedo, come mai molte persone, giovani e adulte, rinuncino a vivere la loro vita preferendo a questa uno spinello o una quantità smoderata di alcool, o il gioco d'azzardo. Evidentemente non hanno compreso quanto breve e preziosa sia la nostra esistenza e quanto sia importante assaporarla momento per momento. A volte però questo cammino di comprensione non può avvenire in solitaria, ma necessita della compagnia, quasi della guida, di altri, in una condivisione silenziosa e discreta, ma continua e competente. Anche la famiglia spesso non basta, perché l'amore di un genitore o la fiducia di un coniuge, talvolta induce a credere che tutto possa risolversi facilmente, e che si tratti soltanto di una debolezza passeggera e che la volontà riesca a prevalere sulla debolezza. Purtroppo, raramente è così. Le dipendenze sfiancano la volontà e la grinta cede il passo al bisogno incontrollabile di continuare sulla strada intrapresa, noncuranti di dove questa conduca e talvolta, finisca. Per questo è fondamentale aprire le porte all'aiuto di chi veramente può aiutare, senza vergogna o remore, con la fiducia di un bambino che non impone limiti alla spontaneità. L'opuscolo Parla con noi serve proprio a lanciare questo messaggio-invito: non abbiate paura di apparire deboli, perchè proprio in questo sta la vostra forza, quella forza che vi permetterà di superare questo momento di difficoltà. Parlatene e soprattutto rivolgetevi ai vostri medici di famiglia e ai Ser.T. (Servizi Tossicodipendenze) delle vostre aziende sanitarie. E a voi Familiari e Amici compagni di viaggio, unite le forze a quelle degli operatori, per vincere insieme, e insieme uscire dal tunnel delle dipendenze. In bocca al lupo e, naturalmente, vinca la volontà! Tiziana Virgili Presidente della Provincia di Rovigo 2

3 ascolta Ca!ssimo/a, che mi leggi, se sei arrivato a tenere fra le mani questo opuscolo ed ad aprirlo vuol dire che ti interessa. Chiunque tu sia, fermati e porgimi il tuo ascolto per un attimo. Se ti guardi bene dentro probabilmente si parla anche di te o di persone che tu conosci e ti sono vicine. In questo opuscolo si parla di dipendenze, di alcol, di droga, di gioco dʼazzardo. Ai ragazzi si parla di droga e alcol in tutti i modi. Le Istituzioni, le Associazioni e la Chiesa sono in prima linea per informarli, per sensibilizzarli nei confronti dellʼuso e del danno che le sostanze recano e, soprattutto, recheranno alla loro salute futura. Ma questo non basta per aiutare i nostri giovani ad allontanarsi dalle sostanze tossiche, e soprattutto non basta per aiutarli a trovare la forza di uscire dal labirinto in cui si sono persi. Ecco, questa volta proviamo ad entrare nel mondo degli adulti e specificatamente della famiglia, lanciando un messaggio di attenzione che è quello di prendere coscienza di ciò che accade attorno a noi. Parlare di droga e di alcol, soprattutto agli adulti e tra adulti, non è facile, si pensa sempre che sia un argomento che non ci tocca. Ma non è così e ce lo dicono i numeri che puoi leggere qualche pagina più in là. Dobbiamo prendere coscienza del fenomeno droga e alcol partendo dal presupposto che nessuno può ritenersi immune in quanto lʼuso continuo della droga e dellʼalcol si estende sempre di più, anche nella nostra tranquilla provincia. La soglia del primo approccio si abbassa progressivamente ed oggi, anche al di sotto dei 13 anni, i nostri ragazzi cominciano a far uso di sostanze stupefacenti ed alcool, anche senza appartenere ad una particolare o ristretta fascia culturale o socio-economica. Lʼallarme è alto, ogni giorno più alto. La persona in difficoltà da sola non ce la può fare, serve assolutamente lʼaiuto della Famiglia. Non è facile per una famiglia accorgersi in tempo che il proprio figlio, il proprio fratello, o il marito, la moglie, il nipote... ha iniziato a far uso di droga, di alcol o a giocare dʼazzardo. 3

4 E' ancora più difficile e doloroso poi accettare l'idea che questo sia avvenuto. Per disinformazione, per vergogna o per eccessivo senso di protezione passa purtroppo un lungo periodo prima che qualcuno della famiglia decida di chiedere aiuto fuori dalle mura domestiche. Molte famiglie non arrivano a chiederlo o lo chiedono in ritardo quando la situazione è diventata ingestibile, quando lʼuso e/o la dipendenza del loro familiare è francamente manifesta. Ormai è riconosciuto che il percorso di recupero della persona in difficoltà è incisivo e positivo se intrapreso - prima possibile - dalla famiglia e con la famiglia. L'obiettivo che ci poniamo con questa iniziativa è dare un forte messaggio alle famiglie che sanno di avere una persona vicina in difficoltà perché trovino la forza di andare oltre il silenzio e si rivolgano ai Servizi Pubblici e Privati, di contrasto alle dipendenze, che sono presenti sul territorio della Provincia di Rovigo. Nel ruolo di assessore ai servizi sociali e alla Famiglia della Provincia, sono onorata di presentare questo opuscolo, frutto di un lavoro dʼinsieme svolto dallʼassessorato Provinciale alle Politiche Sociali in collaborazione con i Dipartimenti-Servizi per le Dipendenze delle U.L.S.S. 18 e 19, con le ACAT, con la Comunità Terapeutica Solidarietà Delta e la Comunità di Accoglienza Porta Verta e con i Gruppi di Auto Mutuo Aiuto. Un opuscolo che vuole essere uno strumento importante di informazione teso a stimolare e accrescere le conoscenze del problema partendo da questo territorio e dalle competenze che in esso sono cresciute e si sono affermate, lavorando su una rete territoriale settoriale che vede nei Servizi per le Dipendenze e nelle Associazioni di Volontariato il riferimento più importante. Se vuoi essere di aiuto a chi ti chiede aiuto con la sua vita e con la sua emarginazione, accoglilo e non cercare di fare tutto da solo fatti aiutare da chi ti può aiutare. PARLA CON NOI Ti auguro ogni bene e serenità. famiglia L'Assessore provinciale alle Politiche Sociali e alla Famiglia Mantovani Marinella 4

5 Co sa si può fare? C o s a s t a s u c c e d e n d o? Chi può aiutarci? Cosa sta succedendo? Cosa si può fare? Chi può aiutarci? Il Direttore Servizio per le Dipendenze ULSS 18 Dott. Marcello Mazzo Può succedere ad ogni famiglia di attraversare momenti di difficoltà e di non riuscire a trovare risposte rispetto a quanto sta accadendo. E a volte succede che si faccia fatica a chiedere aiuto per paura di essere fraintesi, giudicati, per il pudore di dover raccontare le proprie storie e sofferenze a persone estranee. Questo accade particolarmente quando le difficoltà sono legate allʼuso di sostanze da parte di uno dei membri della nostra famiglia. Si tende allora a rimandare, a pensare che tutto si risolverà, che è Il Direttore Servizio per le Dipendenze ULSS 19 Dott. Andrea Finessi solo un momento di crisi passeggero, che il nostro familiare sta attraversando un momento di difficoltà personale ma che prima o poi passerà, che è tutta una questione di volontà 5

6 Col passare del tempo ci si accorge invece che i problemi diventano più difficili da gestire, le discussioni più frequenti, la sofferenza più grande e non si sa cosa fare! In queste situazioni, chi soffre non è solo la singola persona che usa sostanze o usa alcolici, o gioca dʼazzardo, ma è lʼintera famiglia, dal più piccolo al più grande. Dietro ogni persona che vive un problema c è una famiglia sofferente. A c c o g l i e r e c h i h a p r o b l e m i c o n l e s o s t a n z e s i g n i f i c a a c c o g l i e r e a n c h e l a sua famiglia. Inoltre, la famiglia è una risorsa preziosissima per accompagnare, sostenere e affiancare la persona in difficoltà e spesso è attraverso di essa che si trova la motivazione a chiedere aiuto. La famiglia è fonte di informazioni con cui condividere strategie, regole e obiettivi del processo di cambiamento. La sua presenza ed il suo coinvolgimento in tutte le fasi del percorso, sia ambulatoriale che comunitario, è una potente risorsa che aumenta le possibilità di esito positivo. Ogni nostro progetto di vita è un processo che si declina al plurale; coinvolgere le persone con cui siamo in relazione significa poter contare su importanti fonti di aiuto. PARLA CON NOI famiglia 6

7 Co sa si può fare? C o s a s t a s u c c e d e n d o? Chi può aiutarci? S T R U T T U R E E S E R V I Z I P U B B L I C I E P R I V A T I C H E S I O C C U P A N O D E I P R O B L E M I C O L L E G A T I A L L ʼ U S O E D I P E N D E N Z A D A A L C O O L - D R O G A - F U M O GIOCO DʼAZZARDO 7

8 I S E R V I Z I P E R L E D I P E N D E N Z E Sono servizi dellʼazienda U.L.S.S. che si occupano della prevenzione, cura e riabilitazione delle persone con problemi collegati allʼuso ed alla dipendenza da alcool, droga e gioco dʼazzardo. P o s s o n o r i v o l g e r s i a i S e r v i z i t u t t e l e p e r s o n e e / o i f a m i l i a r i d i p e r s o n e c o n p r o b l e m i c o l l e g a t i a l l u s o e d a l l a d i p e n d e n z a, s e n z a i m p e g n a t i v a del medico di famiglia, meglio se per appuntamento. I professionisti presenti sono Medici, Psicologi, Assistenti Sociali, Infermieri, Educatori ed Amministrativi. Gli operatori si occupano delle persone e dei problemi collegati allʼuso ed alla dipendenza attraverso programmi terapeutici che prevedono trattamenti farmacologici, di sostegno psicologico individuale, familiare e di gruppo, coinvolgendo, quando è possibile, i familiari. Predispongono ed effettuano inserimenti in Comunità Terapeutica, in Club degli Alcolisti in Trattamento ed in gruppi di auto-aiuto. Provvedono, quando è necessario, al supporto per lʼinserimento lavorativo e sociale. Gli operatori dei Servizi effettuano interventi di informazione e prevenzione nelle Scuole (dalle Elementari alle Superiori) negli ambienti di lavoro ed in altre realtà presenti nel territorio come Associazioni Sportive, Culturali, di Volontariato, Parrocchie, ecc.. I S e r v i z i p e r l e D i p e n d e n z e g a r a n t i s c o n o a l l a p r o p r i a u t e n z a l a riservatezza secondo le norme vigenti. 8

9 Chi può rivolgersi al servizio tutte le persone che hanno problematiche di dipendenza da sostanze legali e illegali e i loro familiari; coloro che non ritengono di avere una dipendenza, ma hanno problemi legati allʼuso di sostanze e i loro familiari (patente, problemi relazionali, familiari, sociali); i cittadini che richiedono una consulenza per problematiche di dipendenza; coloro che spendono più tempo e più denaro di quanto vorrebbero in comportamenti di gioco dʼazzardo (lotto, superenalotto, videopoker, gratta e vinci, ecc.); le strutture pubbliche o private che richiedono consulenza o collaborazione per problematiche inerenti la dipendenza; chiunque sia interessato ad avere maggiori informazioni su questi argomenti. Come si accede al servizio Lʼaccesso è diretto ed anonimo. Non è richiesta lʼimpegnativa del medico di famiglia e tutte le prestazioni sono gratuite. Lʼaccesso al Ser.T. può avvenire secondo varie modalità: volontaria; su invio delle Prefetture in riferimento agli art. 75 e art. 121 della Legge 309/90; su invio del Tribunale di Sorveglianza in base allʼart. 94 della Legge 309/90; su invio del Tribunale dei Minori nel caso un minore dʼetà abbia commesso reati connessi allʼuso di sostanze stupefacenti; su invio del Medico di Medicina Generale; su segnalazione di altri enti pubblici e associazioni del privato sociale 9

10 Ser.T Azienda ULSS 18 Ser.T Azienda ULSS 19 Sede Operativa di Rovigo V.le Gramsci, Rovigo Tel Fax Sede Operativa di Lendinara: Via Perolari, 42 Orari: Lunedì-Giovedì 7.30/17.30 Martedì- Mercoledì 7.30/15.30 Venerdì 7.30/14.30 Sabato 7.30/ Lendinara (Ro) Sede Operativa di Taglio di Po: Via Matteotti, Taglio di Po (RO) Tel Fax Orari: Lunedì - Mercoledì 8.30/ /19.30 Martedì 8.30/14.30 Giovedì 8.30/ /18.30 venerdì 8.30/15.00 Tel 0425/ Orari: Lunedì - Giovedì - Venerdì 8.00/14.30 Martedì 8.00/17.30 Mercoledì 8.00/

11 PARLA CON NOI D I P E N D E N Z E : C O M E E D O V E C E R C A R E A I U T O 11

12 L A C O M U N I T À T E R A P E U T I C A S O L I D A R I E T À D E L T A È una struttura, accreditata dalla Regione Veneto che ospita in forma residenziale le persone con problemi collegati allʼuso di alcol e droga per periodi variabili da 6 mesi ad 1 anno o 2 anni a seconda della necessità. Solitamente le persone accedono alle comunità attraverso il Servizio per le Dipendenze che prepara lʼinserimento e le segue nel tempo di permanenza. Si può accedere anche direttamente alla Comunità la quale poi si mette in contatto con il Servizio per le Dipendenze di residenza della persona per programmare in modo congiunto lʼinserimento. La permanenza in Comunità è sostenuta economicamente dal Servizio per le Dipendenze dellʼazienda ULSS di residenza. Gli operatori sono Educatori, Psicologi e Operatori di Comunità coadiuvati dalla presenza di volontari. Le attività allʼinterno della Comunità sono quelle relative alla cura della persona e dellʼambiente, attività di tipo terapeutico individuale e di gruppo ed attività lavorativa intesa come momento educativo e socializzante. La conclusione del programma terapeutico è sempre discussa e concordata con la persona e la sua famiglia, gli operatori della comunità e quelli del Servizio per le Dipendenze. COMUNITÀ TERAPEUTICA SOLIDARIETÀ DELTA Via Matteotti, n Porto Tolle (RO) Tel. e Fax C Prestazioni: Attiva programmi terapeutici residenziali e/o semiresidenziali Attiva programmi terapeutici brevi e mediolunghi Attiva momenti di sostegno psicologico individuale e di gruppo Propone attività educative - socializzanti 12

13 I L C E N T R O D I U R N O S O L I D A R I E T À D E L T A Eʼ una struttura che ospita persone con problemi di alcool e/o di droga, solitamente dal lunedì al venerdì. La loro permanenza presso il Centro Diurno è parte di un programma terapeutico elaborato dal Servizio per le Dipendenze. La Struttura offre: - Momenti educativi-socializzanti mediante attività strutturate che aiutano la persona a ritrovare le proprie abilità pratiche e relazionali - La struttura propone, per lʼobiettivo individuato, momenti di attività guidata da operatori e volontari in laboratori, quali momenti di apprendimento di abilità e propedeutici allʼattività lavorativa. - Sono previsti inoltre momenti di confronto di gruppo guidato da un operatore (Psicologo) La permanenza dura da 4-6 mesi ad 1 anno e può essere propedeutica ad un inserimento in Comunità Terapeutica o ad un inserimento lavorativo. Sede del CENTRO DIURNO Via Matteotti, n Porto Tolle (RO) Tel. e Fax Prestazioni : Programma educativo - socializzante I CL sostegno psicologico di gruppo 13

14 A C A T A S S O C I A Z I O N E C L U B A L C O L I S T I I N T R A T T A M E N T O ( C A T ) Il Club degli Alcolisti in Trattamento (CAT) è una comunità multifamiliare (minimo 2 - massimo 12 famiglie) costituita da persone e famiglie con problemi alcolcorrelati e complessi (uso di alcol combinato con vari disagi, come ad esempio lʼuso di sostanze, la sofferenza psichica, lʼazzardo, lʼemarginazione sociale in genere). Le famiglie si incontrano una volta alla settimana, per unʼora e mezza circa, alla presenza di un Servitore - Insegnante (operatore) formato e aggiornato nel metodo Ecologico - Sociale ideato dal Prof. Vladimir Hudolin, psichiatra croato, docente di psichiatria sociale e consulente OMS. Il Club è una porta aperta nella comunità locale per tutte le famiglie che soffrono a causa dei problemi alcolcorrelati, a cui si accede tramite un colloquio preliminare con il Servitore - Insegnante. In un clima accogliente, amicale, non giudicante, rispettoso dei tempi di cambiamento di ognuno, le famiglie, in completa riservatezza, condividono esperienze, difficoltà e conquiste di tutti i giorni, cercando insieme di superare paura e vergogna, per riacquistare la stima di se stessi e riallacciare relazioni affettive importanti. LʼAssociazione persegue le proprie finalità collaborando attivamente con tutte le Istituzioni Pubbliche e Private interessate ai problemi alcolcorrelati, in unʼottica di lavoro di rete; organizza pertanto la formazione e la sensibilizzazione delle famiglie del territorio attraverso le cosiddette Scuole Alcologiche Territoriali (S.A.T. Di 1, 2 e 3 modulo), moduli educativi rivolti sia alle famiglie dei Club che alle famiglie della comunità locale. I CAT sono organizzati a livello locale e provinciale (ACAT Polesine Occidentale, ACAT Medio Polesine e ACAT Basso Polesine), regionali (ARCAT), nazionali (AICAT) e mondiale (WACAT). Con la presenza di 540 Club nella sola Regione Veneto e circa 2050 Club sul territorio nazionale, lʼapproccio Ecologico - Sociale ai problemi alcolcorrelatie complessi, rappresenta il modella più diffuso e utilizzato. A.I.C.A.T. (Associazione Italiana dei Club degli Alcolisti in Trattamento): A.R.C.A.T. Veneto: W.A.C.A.T. (World Association of Clubs of Alcoholics in Treatment): 14

15 U.L.S.S 18 ACAT Polesine Occidentale, via Oberdan CASTELMASSA (RO) tel ACAT Medio Polesine, c/o Ser.T.- ULSS 18 Via Gramsci ROVIGO tel COMUNE CAT N. RIFERIMENTO NUMERO Badia Polesine, via Filippi Linda Castelmassa, via Oberdan Bruno Castelnuovo Bariano, sala Consiliare 659 Clelia Lendinara, Chiesa di San Biagio 76 Claudio Occhiobello, via Cavallotti Maria Trecenta, Torre Civica 265 Marina Rovigo, Casa Serena, via Bramante Lauro Rovigo, Casa Serena, via Bramante Annalisa Rovigo, Casa Serena, via Bramante Luca Rovigo, Casa Serena, via Bramante Luisanna Villadose, Biblioteca Comunale, via Paganini Gianfranco Ceregnano, punto Sanità, via Trieste Fulvianna

16 U.L.S.S. 19 A.C.A.T. Basso Polesine, P.zza Venezia Taglio di Po (RO) Tel COMUNE CAT N. RIFERIMENTO NUMERO Adria, Centro Anziani, piazza Casellati 630 Odina Adria, Centro Anziani, piazza Casellati 590 Marta Corbola, Pro Loco, piazza Martiri Chiara Papozze, Sede AUSER 419 Marta Pettorazza Grimani, Biblioteca Comunale, Via Roma Michele Porto Tolle, Sede AVIS Via Matteotti Caterina Porto Viro, c/o Coop. Venos Sitta, via Dante Alighieri 22/a 628 Guido Porto Viro, c/o Coop. Venos Sitta, via Dante Alighieri 22/a 348 Sabrina Porto Viro, c/o Coop. Venos Sitta, via Dante Alighieri 22/a 496 Dania Rosolina, Centro Civico, Corso del Popolo n Primo Taglio di Po, sede ACAT, Piazza Venezia,3 315 Paola Taglio di Po, sede ACAT, Piazza Venezia,3 566 Luigina

17 A L C O L I S T I A N O N I M I Alcolisti Anonimi (A.A.) è unʼassociazione di auto-aiuto che si occupa del recupero degli alcolisti attraverso il mutuo scambio di esperienze in gruppo. Agli incontri non sono presenti figure professionali, ma solo alcolisti in recupero. Il metodo di recupero si fonda sulla pratica dei 12 passi (principi da applicare nella vita di tutti i giorni) che aiutano a cambiare stile di vita e a ritrovare serenità e sobrietà. I gruppi sono aperti a chiunque pensa di avere un problema con lʼalcol e desidera smettere di bere. Non ci sono restrizioni di altro tipo, né sociali, né di etnia, di sesso o di religione. Come dice il nome stesso, lʼassociazione garantisce lʼanonimato, perciò in caso lo si voglia, si può evitare di rivelare la propria identità. Il metodo degli A.A. prevede anche gruppi per i familiari (Al-Anon e Alateen) che si incontrano separatamente dal gruppo degli alcolisti. LʼAssociazione è disponibile a collaborare con chiunque operi nel settore dellʼalcolismo, mantenendo comunque la propria autonomia finanziaria e di azione. ALCOLISTI ANONIMI Sede: Piazza della Libertà presso Centro Civico Bottrighe - Adria (RO) Tel Sede: presso le ex Scuole Elementari di Beverare San Martino di Venezze (RO) Tel

18 C O M U N I T À D I A C C O G L I E N Z A P O R T A V E R T A La Comunità di Accoglienza solitamente è una casa di pronta accoglienza di tipo residenziale che ospita 6-8 persone. Gli ospiti entrano in contatto con la comunità su indicazione dei Servizi delle U.L.S.S. e dei Comuni di provenienza o di altre agenzie socio-assistenziali, altri autonomamente. Lʼaccoglienza è concordata di volta in volta con la persona interessata e lʼinviante, stabilendo assieme il punto di arrivo e le modalità del percorso (ingresso in Comunità Terapeutica, reinserimento familiare ecc.). I volontari e gli operatori della comunità tengono aperta la porta dellʼaccoglienza con particolare attenzione alle esigenze e richieste che emergono dal territorio ove è inserita. Le modalità e i criteri dellʼospitalità si ispirano ai principi di solidarietà e fraternità, intendendo con ciò porsi al servizio dellʼuomo che è in difficoltà per esperienze di droga, carcere e prostituzione per condividere un cammino di superamento del problema. Il personale addetto è costituito prevalentemente da volontari e alcuni operatori. La Comunità stipula protocolli dʼintesa con le U.L.S.S. dal cui territorio provengono gli ospiti. La Comunità di Accoglienza Porta Verta è gestita dall Associazione Porta Verta, che ha iniziato la sua attività nel 1981 ed è composta a tutt oggi da un gruppo di volontari di 52 persone. Ha stipulato protocolli d intesa con l U.L.S.S. 18 di Rovigo e l U.L.S.S. 19 di Adria. Sede: Via Forlanini, Rovigo Tel Fax Internet: 18

19 GRUPPO DI AUTO-MUTUO AIUTO PER IL GIOCO DʼAZZARDO Perché vi sia gioco dʼazzardo occorre che il giocatore metta in palio una posta in denaro o in oggetti di valore e che il risultato del gioco stesso si basi sul caso. Rientrano pertanto in questa categoria non solo i giochi da Casinò, ma il lotto e tutte le sue varianti, Gratta&Vinci, le scommesse sportive, le slot-machine e tutti i giochi dʼazzardo on line. Il gioco dʼazzardo è unʼattività che di recente, in Italia così come negli altri paesi industrializzati, si è andata affermando tra giovani e adulti. Giocare dʼazzardo è diventata unʼattività largamente accettata, pubblicizzata e facilmente accessibile e che sempre più spesso va a configurarsi come una vera e propria dipendenza pur nellʼassenza dellʼuso di una sostanza. LʼO.M.S. ha definito il gioco dʼazzardo eccessivo un rilevante problema sociale, causa di grossi problemi nelle relazioni sociali e familiari (es. crisi economiche, perdita del lavoro e dello studio, separazioni o divorzi), di sconfinamento nellʼillegalità e nellʼusura (es. appropriazione indebita, falsificazione della firma altrui, furti), di costi sanitari legati a problemi di salute fisica e psichica (es. depressione, intentati suicidi, suicidi). I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto per il Gioco dʼazzardo sono formati da 7-8 famiglie che si incontrano una volta alla settimana, per unʼora e mezza alla presenza di un facilitatore formato e aggiornato; lavorano per il cambiamento dello stile di vita di tutti i membri, per affrontare e contenere le ricadute, nonché per il cambiamento della cultura generale nella comunità di appartenenza, ovvero per una migliore qualità della vita stessa. Sede dei Gruppi di Auto Mutuo Aiuto per l Azzardo: Piazza Venezia 3 (presso sede ACAT) Taglio di Po (RO) Tel Ivana :

20 A M B U L A T O R I O P E R S M E T T E R E D I F U M A R E ( C E N T R O A N T I F U M O ) Si tratta di un Ambulatorio dellʼazienda Sanitaria per il trattamento della dipendenza dal fumo di tabacco. I trattamenti sono solitamente: farmacologico e psicologico-comportamentale, effettuato a livello individuale o di gruppo.i professionisti presenti sono un medico, uno psicologo e un infermiere. Lʼaccesso allʼambulatorio è per appuntamento e con impegnativa del proprio Medico di famiglia. Azienda U.L.S.S. 18 di Rovigo Sede: presso SOC Pneumologia Ospedale Civile di Rovigo Rovigo Tel Per appuntamento telefonare dal Lunedì al Venerdì dalle alle ORARI: Lunedì Mercoledì Azienda U.L.S.S. 19 di Adria Sede: Via Matteotti, Taglio di Po presso Dipartimento per le Dipendenze Tel ORARI: Lunedì: Mercoledì: Venerdì:

21 La dipendenza in cifre O S S E R V A T O R I O P R O V I N C I A L E S U L D I S A G I O G I O V A N I L E D A T I D I F O N T E A Z I E N D A U L S S N. 1 8 E A Z I E N D A U L S S N. 1 9 S U L L E P E R S O N E C H E S I S O N O R I V O L T E A I S E R V I Z I P E R L E D I P E N D E N Z E 21

22 Parla persone con problemi collegati allʼuso di alcool, molto più consistente rispetto a quelle con problemi di droga. I grafici riportano la serie storica dal 2003 al 2009 delle persone in carico ai Servizi per le Dipendenze delle due Aziende U.L.S.S. di Rovigo e di Adria presenti nel territorio provinciale. Emerge un aumento considerevole delle Lʼincremento delle persone con problemi di alcool è sicuramente collegato ad un aumento dellʼuso problematico specialmente nei giovani, anche se non solo giovanissimi. Negli anni considerati dal 2003 al 2009, vi è un abbassamento progressivo dellʼetà di avvicinamento ai servizi. Lʼabbassamento dellʼetà di richiesta di aiuto è collegato allʼabbassamento dellʼetà di iniziazione allʼuso di bevande alcoliche, con tutti i problemi che questo comporta (incidenti stradali, incidenti sul lavoro, ritiro della patente, comportamenti aggressivi, ecc ) fra cui anche lʼaumento delle probabilità di sviluppare dipendenza. Eʼ accertato che iniziando in giovane età, oltre ai danni più gravi sullʼorganismo per lʼazione tossica dellʼalcool, vi è anche un aumento della probabilità di sviluppare dipendenza. Sempre rispetto allʼuso di alcool, il rapporto uomo-donna è sicuramente più alto per gli uomini, ma questo anche per la maggior difficoltà delle donne a riconoscere il problema e ad essere aiutate nellʼaffrontarlo. Serie storica degli utenti con problemi alcol - correlati in carico presso i Ser.T per Ulss e Totale (anni ) 22

23 Serie storica degli utenti tossicodipendenti in carico presso i Ser.T per Ulss e Totale (anni ) Sul versante droga, emerge una sostanziale stabilità nel numero, anche se in lieve crescita, delle persone in carico ai servizi, ma cambia lʼetà. Diventa più significativa quella dai 20 ai 30 anni. Il non aumento evidente del numero delle persone in carico e lʼincidenza maggiore nella fascia di età dai 20 ai 30 anni appare collegato al diverso modo dellʼuso delle droghe (poliuso) e al protrarsi del tempo per lo sviluppo dei problemi. Il poliuso è la modalità dʼuso delle droghe che si manifesta negli ultimi anni e consiste in un uso combinato, integrato ed alternato di più sostanze (cannabinoidi, cocaina, eroina, ecstasy, ecc., sempre combinato con lʼalcool). Questo uso, dà lʼillusione ai consumatori di r e n d e r l o c o m p a t i b i l e c o n u n v i v e r e relativamente normale. Apparentemente e per un certo tempo lo può sembrare, ma poi si manifestano problemi, sia sul versante personale che sociale. Si vedono meno di un tempo le forme di forte marginalità sociale collegati allʼuso di droga; oggi i consumatori sono più integrati nel contesto sociale, ma il rischio dellʼuso per le persone e per lʼambiente rimane sempre elevato. Alta deve rimanere lʼattenzione su questo problema soprattutto perché la sua apparente minor visibilità lo rende più sommerso e più difficile da affrontare, per cui più pericoloso. Un elemento comune ai due problemi alcool e droga è che lʼaumento delle persone che chiedono aiuto non è solo collegato ad un aumento delle persone che usano, ma anche alla minor difficoltà a chiedere aiuto. Questo è anche il frutto delle numerose campagne di sensibilizzazione, che si effettuano e che cercano di cambiare la cultura su questi problemi. noi Affrontarli significa mettersi nelle condizioni per superarli. 23

24 PARLA NOI CON in collaborazione con PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Sociali e alla Famiglia Realizzato con il contributo della Associazione Alcolisti in Trattamento con il patrocinio Regione del Veneto Alcolisti Anonimi Gruppi di Auto Mutuo Aiuto per il gioco dʼazzardo DIPENDENZE: c o m e e d o v e c e r c a r e A I U T O DIPENDENZE 24

Dipendenze patologiche

Dipendenze patologiche PROVINCIA DI RIMINI Assessorato Politiche Sociali Dipendenze patologiche Mini guida ai soggetti e ai servizi del territorio Dipendenze patologiche La presente pubblicazione nasce con l intento di dare

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013 DA PASSATEMPO A DIPENDENZA Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA Rovigo 8-Giugno 2013 LE DIMENSIONI DEL FENOMENO GIOCO D AZZARDO 1. In Italia il gioco d azzardo

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

Conclusioni del Corso di Sensibilizzazione all Approccio Ecologico Sociale ai Problemi Alcolcorrelati e Complessi (Metodologia Hudolin)

Conclusioni del Corso di Sensibilizzazione all Approccio Ecologico Sociale ai Problemi Alcolcorrelati e Complessi (Metodologia Hudolin) Conclusioni del Corso di Sensibilizzazione all Approccio Ecologico Sociale ai Problemi Alcolcorrelati e Complessi (Metodologia Hudolin) Alghero, 3-8 Maggio 2004 Dal 3.05.04 al 8.05.04 si è tenuto presso

Dettagli

Il progetto regionale sostanze legali

Il progetto regionale sostanze legali Lavori preparatori alla II Conferenza regionale sulla salute mentale Il Sistema Dipendenze patologiche si presenta Il progetto regionale sostanze legali Maurizio Laezza Bologna,27 febbraio 2007 Fumo di

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica

Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica Ferrara 24 settembre 2009 Andrea Noventa Responsabile Area-Prevenzione Ser.T1 Dipartimento delle

Dettagli

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin)

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Lunedì 12 settembre venerdì 16 settembre 2011 GLI ITALIANI

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga

Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga FINANZIAMENTI FINALIZZATI AL CONTRASTO DELLE DIPENDENZE ANNI 2003-2004 Nel corso del 2003, con Delibera

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Rovigo

Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Rovigo Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Rovigo ARCHIVIO DELLA PROVINCIA DI ROVIGO La parte più antica dell Archivio Storico è presso l Archivio di Stato di

Dettagli

Associazione dei Club Alcologici Territoriali (Metodo Hudolin) Basso Polesine. Dipartimento per le Dipendenze

Associazione dei Club Alcologici Territoriali (Metodo Hudolin) Basso Polesine. Dipartimento per le Dipendenze TIPOGRAFIA MEDICI SNC - ADRIA (Ro) - Tel. 0426.901000 Associazione dei Club Alcologici Territoriali (Metodo Hudolin) Basso Polesine Dipartimento per le Dipendenze Progetto realizzato con il contributo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME

REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Psichiatria Area Residenzialità REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME Gentile Signore/a, nel darle il benvenuto nella nostra comunità, desideriamo fornirle alcune informazioni utili

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO 1 N el corso degli ultimi anni il gioco d azzardo ha assunto un volume di enormi proporzioni sociali ed economiche. Pur essendo una pratica antica, è

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo

TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo Sono costituiti da persone e/o famiglie che condividono un problema e che si incontrano per assicurarsi reciproca assistenza e sostegno, per superare una situazione

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

COMUNE di VILLA DEL CONTE. Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con. Anno Scolastico 2015-2016

COMUNE di VILLA DEL CONTE. Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con. Anno Scolastico 2015-2016 COMUNE di VILLA DEL CONTE Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione in collaborazione con Invita tutti i bambini delle SCUOLE ELEMENTARI di Villa del Conte e di Abbazia Pisani ed i

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE

ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 ITALIA CLUB : BATTIPAGLIA e CAMPAGNA VALLE DEL SELE ISTITUTO COMPRENSIVO G. PALATUCCI Quadrivio di CAMPAGNA ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE Evento Educativo sulle droghe

Dettagli

Carta del Servizio di Consultorio Familiare

Carta del Servizio di Consultorio Familiare Carta del Servizio di Consultorio Familiare UOSD infanzia Adolescenza e Famiglia Azienda Ulss 18 Rovigo 1 Premessa La Carta del Servizio di Consultorio Familiare rappresenta un aggiornato e chiaro strumento

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

FORUM Regionale R/S ABRUZZO OGGI

FORUM Regionale R/S ABRUZZO OGGI Ho capito che la situazione dell altro è uguale alla mia: uscirne da soli è egoismo, insieme è POLITICA (Don Milani) Noi educhiamo i nostri ragazzi a sviluppare la propria individualità tanto nello spirito

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Cari Concittadini, presentiamo questo opuscolo che ha lo scopo di fornire a tutti voi una semplice e migliore conoscenza di alcuni servizi che l Amministrazione

Dettagli

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO PUNTO DI INCONTRO E SPAZIO DI ASCOLTO 1. Premessa 1.1 - Il percorso fatto nella scuola e nel rione Esquilino L Associazione Genitori Scuola Di Donato nasce

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultorio Familiare LA CASA di Erba CARTA DEI SERVIZI E lo strumento del quale il Consultorio si è dotato per rendere più facilmente visibili i servizi offerti a coloro che intendono

Dettagli

Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002

Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002 Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. Sede in Milano Capitale Sociale 17.609 BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002 ASPETTI GENERALI In relazione all art. 3 dello statuto si conferma che i criteri che hanno guidato

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 Premessa 1/2 Il titolo del Convegno recita: «Siamo indebitati perché non siamo

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

Area povertà ed emarginazione

Area povertà ed emarginazione Area povertà ed emarginazione Arcisolidarietà Ramatnal Onlus Rovigo Servizio di accoglienza notturna per senza fissa dimora Asilo notturno Arcobaleno. Presenza in orario mattutino (ore 6.00 8.00) per distribuzione

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A 1 R E G I O N E C A L A B R I A a cura di: Dott. Bernardo S. Grande Responsabile LVD supervisione e coordinamento Dott.ssa Tiziana Bevacqua Psicologa LVD dati e testo Dott.ssa

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

Azienda Ulss 18 Rovigo Viale Tre Martiri. UOSD Disabilità SIL Progettualità a favore delle persone con disabilità 18-64 anni

Azienda Ulss 18 Rovigo Viale Tre Martiri. UOSD Disabilità SIL Progettualità a favore delle persone con disabilità 18-64 anni FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VIA CREARI N. 18-37051 BOVOLONE (VR) Telefono 045 2220476 347-9496138 Fax 0442-330608 E-mail Nazionalità macoralice@tiscali.it

Dettagli

Attività di prevenzione 2002. Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico. Tematica

Attività di prevenzione 2002. Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico. Tematica 1 Attività di prevenzione 2002 Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico Tematica Introduzione: L Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.) stima che 400 milioni di persone siano

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008 SPISAL negli ambienti di Lavoro Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione negli Ambienti di Lavoro Sede centrale: Valeggio sul Mincio, via

Dettagli

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto (Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013 Presentazione del progetto LA CURA DELL INCONTRARSI: lo stare insieme di bambini e famiglie a Moglia e a Pegognaga per superare l ombra della calamità

Dettagli

Lorenzo Rampazzo Servizio Prevenzione e Cura delle Dipendenze, Direzione per i Servizi Sociali della Regione Veneto.

Lorenzo Rampazzo Servizio Prevenzione e Cura delle Dipendenze, Direzione per i Servizi Sociali della Regione Veneto. LA RETE ALCOLOGICA DELLA REGIONE VENETO NEL SISTEMA DELLE DIPENDENZE Lorenzo Rampazzo Servizio Prevenzione e Cura delle Dipendenze, Direzione per i Servizi Sociali della Regione Veneto. L abuso di alcol

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari PROGETTO ALZHEIMER Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari L ALZHEIMER E IL PROGETTO DI VERONA L assistenza agli anziani affetti da demenza tipo Alzheimer

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

U.O.S. TUTELA FAMIGLIA/CONSULTORI FAMILIARI

U.O.S. TUTELA FAMIGLIA/CONSULTORI FAMILIARI U.O.S. TUTELA FAMIGLIA/CONSULTORI FAMILIARI Responsabile: Dott.ssa Alessandra Paganella tutelafamiglia@aulsslegnago.it Sede Legnago - Via Gianella, 1 Palazzina della Sede Direzionale Segreteria Telefono

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto D Istruzione Superiore N. Miraglia Sezioni: I. P. S. S. C. T. N.Miraglia - LICEO GINNASIO N. Carlomagno e I.T.I.S. di LAURIA Via Cerse dello Speziale - 85045

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 di Maria Pia Bianchi 2 Il Sorriso - Telefono Giovani, è un centralino di ascolto ed aiuto telefonico rivolto alle nuove

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Allegato A) 1) OBIETTIVI E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI

Allegato A) 1) OBIETTIVI E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI Allegato A) Fondo lotta alla Droga Definizione dei requisiti, delle modalità e dei criteri per il finanziamento dei Piani territoriali di intervento per la lotta alla droga. Il presente atto fissa i requisiti,

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

Informazioni su NA SVILUPPO PROGRAMMA

Informazioni su NA SVILUPPO PROGRAMMA Informazioni su NA Narcotici Anonimi è un associazione internazionale di tossicodipendenti in recupero che conta più di 58.000 riunioni settimanali in 131 paesi del mondo. SVILUPPO Narcotici Anonimi ebbe

Dettagli

sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto!

sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto! IIS Alessandrini sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto! IPS Lombardini (sezione associata) Le proposte di a ttivita e stage delle associazioni che aderiscono al Punto Scuola Volontariato di

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Ragionata. Alcol e Droga Quale soluzione?

RASSEGNA STAMPA Ragionata. Alcol e Droga Quale soluzione? RASSEGNA STAMPA Ragionata Alcol e Droga Quale soluzione? -Sala Consiliare Comune di Ceprano- Frosinone, 11 aprile 2014 www.youarefuture.it Patrocini: In Breve Ciociaria Oggi - Articolo dell 11 aprile 2014.

Dettagli

RETE DI OFFERTE PER LE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE DIPENDENZE IN PROVINCIA DI VARESE

RETE DI OFFERTE PER LE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE DIPENDENZE IN PROVINCIA DI VARESE RETE DI OFFERTE PER LE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE DIPENDENZE IN PROVINCIA DI VARESE A cura dell Osservatorio Dipendenze, Dipartimento delle Dipendenze, ASL della provincia di Varese Aprile 2012 Rev 1.1

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI

CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI CENTRO DIURNO SOCIO-ASSISTENZIALE Di cosa si tratta E un servizio semiresidenziale nel quale sono previste attività socio-assistenziali e di supporto al servizio

Dettagli

Servizio di Psicologia dello sport

Servizio di Psicologia dello sport Servizio di Psicologia dello sport SCUOLE CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Ente Comitato Regionale Puglia, Federazione Italiana Giuoco Calcio, Lega Nazionale Dilettanti (Bari). Chi siamo Sportivamente

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile PROMOTORE, UNIVERSITA MEIER Medicina Integrata Europea e Ricerca E riconosciuta dal MIUR E iscritta

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S. Grandis C U N E O Istituto Professionale Statale Commerciale, Socio-Sanitario,Meccanico, Elettrico, Elettronico Istituto Tecnico per il Turismo Sezione Associata I.P.S.S.C.T.

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA

GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA 13 gennaio 2015 Hotel Cà Sagredo Venezia LIONS CLUB VENEZIA HOST GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA PANI ALESSANDRO Dir. Dipartimento Dipendenze Ulss 12 Veneziana DIPARTIMENTO

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Importanti consigli sul tema dei giochi d azzardo

Importanti consigli sul tema dei giochi d azzardo Sostegno ai giocatori interessati e ai loro familiari Per una consulenza professionale rivolgetevi a un centro specializzato per il gioco patologico o a un gruppo di auto-aiuto nelle vostre vicinanze.

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici Informazioni Accoglienza Condivisione Sostegno e...molto altro ancora! Via Giusti 12, Monza 039/2301658 volontari.asvap@gmail.com www.asvapbrianza.it

Dettagli

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Adolescenti, dipendenza da internet, gioco e possibili strategie preventive di scuola e famiglia Carlo Cenedese SerDAzienda ULSS 7 Regione

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

ALTER ONLUS COMUNITA' TERAPEUTICA RESIDENZIALE H12 PROGRAMMA. I Fase: osservazione, motivazione e diagnosi (durata max 3 mesi)

ALTER ONLUS COMUNITA' TERAPEUTICA RESIDENZIALE H12 PROGRAMMA. I Fase: osservazione, motivazione e diagnosi (durata max 3 mesi) PROGRAMMA Lo stile di vita che propone la comunità si basa sull'osservanza e l'adesione alle regole e alle norme che si riferiscono ai valori indispensabili al fine della conclusione di un adeguato percorso

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

2 of 14 Brochure Risorse Italiane. solo. non sei. Europea per questa pubblicazione. www.euregenas.eu

2 of 14 Brochure Risorse Italiane. solo. non sei. Europea per questa pubblicazione. www.euregenas.eu 2 of 14 Brochure Risorse Italiane Devi sapere che non sei solo Co finanziato dal Programma dell'ue per la salute Il Progetto Euregenas ha ottenuto i finanziamenti dell Unione Europea per il Programma di

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli