Dramma COPERTINA ,37 MILIARDI 0,03 MILIARDI. Elaborazione di «Panorama» su dati Agipronews e Aams. 12 dicembre 2012 Panorama 73

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dramma COPERTINA 2003 0,37 MILIARDI 0,03 MILIARDI. Elaborazione di «Panorama» su dati Agipronews e Aams. 12 dicembre 2012 Panorama 73"

Transcript

1 2003 0,37 MILIARDI 0,03 MILIARDI 2011 Raccolta (in euro) Incassi fiscali (in euro) Vincere è facile, soprattutto la prima volta. Ma poi inizia il calvario dei debiti e della dipendenza dal gioco. L azzardo di Stato in 10 anni ha centuplicato la raccolta. E ora diventa una malattia. Da curare. Dramma Illustrazioni Stefano Carrara Elaborazione di «Panorama» su dati Agipronews e Aams. 12 dicembre 2012 Panorama 73 Bw 73_80_pa51_SLOTA.indd 73 04/12/

2 di Gianluca Ferraris numero di slot machine attive in Italia (erano 60 mila nel 2007). otò sorride dal fondo di uno schermo piatto e coloratissimo. Fiori, frutta, stelline e cornucopie non ci sono più, ora per azzeccare la combinazione giusta devi mettere in fila tre principi della risata. Il vecchio però non sembra avere troppa voglia di ridere. Sta appeso a un trespolo nero e sudicio in un angolo buio, lontano ma non troppo dal viavai adrenalinico di clienti di un bar del centro di Genova. E sta cercando di comprarsi un sogno a buon mercato. Preme un bottone luminoso alla sua destra e resta in sonnolenta attesa. Preme ancora qualche tasto. Solleva la testa. La scuote. Infila una moneta da 1 euro. E poi un altra, un altra, un altra ancora. Messi in fila, i vecchi come lui e le monete come le sue valgono quasi 44 miliardi l anno: esattamente la stessa cifra, per dare un ordine di grandezza, di cui la Grecia avrà bisogno entro fine 2012 per non fallire. Qui, invece, di fallire proprio non se ne parla: il settore è in salute, se è vero che le slot da sole raccolgono oltre la metà dei soldi destinati dagli italiani al gioco d azzardo. Azzardo di Stato, beninteso, visto che dietro ogni apparecchio ci sono una concessione pubblica, un sistema di controllo centralizzato e soprattutto 4 miliardi annui di gettito fiscale, senza contare quelli incassati per le licenze. Il resto della torta è diviso tra gli operatori, i locali dove sono installate le slot e naturalmente le vincite: il 77 per cento della raccolta ritorna nelle tasche degli scommettitori. Hai esperienza di dipendenza dal gioco d azzardo? Raccontalo sulla pagina Facebook di Panorama. Antonio, 35 anni, ex caposala in un ristorante, oggi è senza lavoro. «Quello che ti rovina è vincere. La prima vincita. I giocatori patologici cominciano tutti così. Io non faccio eccezione. Ero un ragazzo tranquillo, avevo una compagna, una laurea, un buon lavoro come caposala in un ristorante. Quando lei è rimasta incinta, sette anni fa, ho cominciato a giocare al gratta e vinci. Pensavo: sto per diventare padre. Volevo fare il colpaccio, comprarmi la casa, sistemarmi. Lavoravo tanto, fino a mezzanotte. Invece di tornare subito a casa, cominciai a passare dalle sale bingo, per giocare alle slot. Le macchinette hanno un potere ipnotico, schiacci quei tasti, il tempo vola, poi la macchina comincia a pagare e tu non riesci più a staccarti. Dicono: è un vizio. No, è una malattia, peggio di un tumore: ti distruggi, fai male a chi ti circonda. Io prendevo lo stipendio e lo giocavo tutto, subito. Chiedi i soldi agli amici, poi ai non amici. E cominci a raccontare bugie, fino a quando non distingui più la realtà dalla fantasia. Non ti importa più nulla di niente, non riesci neppure più a lavorare: la testa è sempre lì, al gioco. E ai soldi: a quelli che devi restituire, a quelli che devi procurarti per giocare ancora. È durato quattro anni. Mia moglie si è allontanata, gli amici li ho tenuti io alla larga. Ero pieno di debiti, non ricordavo neppure più a chi e quanti soldi dovevo. Tre anni fa ho lasciato il lavoro: non c ero più con la testa. Ma ho avuto la forza di fermarmi, seguo un programma terapeutico della Siipac. Ora devo ricostruire la mia vita. E vedo con pena, nelle sale, minorenni e anziani che la loro vita, col gioco, la stanno distruggendo. Bisogna proteggerli, curarli». 74 Panorama 12 dicembre 2012 Bw 73_80_pa51_SLOTA.indd 74 04/12/

3 Quelli che si sono giocati una vita alle slot Dalla prima vincita ai debiti: cinque storie di persone che provano a rifarsi un esistenza. Curandosi. Valerio, 19 anni. «A 13 anni ho lasciato la scuola e ho cominciato a spacciare. I miei lavoravano, stavano fuori tutto il giorno, io facevo quello che volevo. Spacciavo in un bar del mio paese, c erano le macchinette là dentro. Al primo sguardo, non mi sono neanche piaciute. Ma un giorno ho sentito i soldi cadere e mi sono fatto l idea che si potesse vincere. Così ho cominciato a giocare. All inizio, 10, 20 euro. Poi più forte, sempre più forte. Avevo la mia macchinetta preferita, mi piacevano i suoni, le animazioni. Se le slot fossero in bianco e nero, non so quanti ci starebbero dietro. E invece, a Milano, a Monza, a Pavia, i miei coetanei giocano, e giocano forte. Per me era diventata una catena: giocavo per avere i soldi per la coca e la coca mi spronava a giocare. Giocavo cercando l impossibile: sognavo, con 1 euro, di tirarne giù Non dormivo più, non mangiavo più, non so neanche quanti soldi ci ho buttato. A 17 anni ho pensato che non ce la facevo più a fare quella vita. Sono entrato in comunità, alla Casa del giovane di Pavia. Ora le macchinette non mi fanno né caldo né freddo». Patrizia, 39 anni, impiegata. «L azzardo mi è sempre piaciuto. Da bambina, la tombola mi annoiava, andavo pazza per il 7 e mezzo. Da adulta mi piaceva organizzare weekend con tappa al casinò, sempre in compagnia. Alle macchinette non mi mettevo: un gioco troppo solitario per tentarmi. Finché una sera, nella città in cui vivo, sono entrata con amici in una sala bingo e mi sono seduta a una videolottery. C era un atmosfera speciale: le luci, i colori, l aperitivo offerto. Ci sono tornata, ed ero sola. È cominciato così, cinque anni fa. Ed è stato un vortice senza ritorno. All uscita dal lavoro, andavo a nascondermi nella sala bingo. Entravo alle 6 del pomeriggio, uscivo alle 2 del mattino. Non sentivo fame, sonno, stanchezza. Smettevo di giocare perché chiudevano, o perché non avevo più un euro. E ogni volta, appena mi alzavo, mi cadeva addosso il disprezzo di me: per i soldi sprecati, per il tempo buttato. Tornavo a casa disperata. Il giorno dopo ero di nuovo lì. È un richiamo ipnotico, non puoi sottrarti. Non puoi parlarne con nessuno: troppa vergogna. Mi sono giocata tutti i miei risparmi e anche di più. Inseguivo la vincita, sperando sempre di rifarmi. Un paio di anni fa ho trovato la forza di sfogarmi con un amica. «Fatti aiutare» mi ha consigliato. Ho cominciato una psicoterapia. Oggi dico: mi sono fermata prima di commettere gesti pericolosi. Ma la dipendenza dalle macchinette è un mostro difficile da combattere. Ho salvato il mio lavoro, questo sì. Faccio sacrifici e vado avanti. Ma sono a rischio e lo so». Giovanni, 70 anni, militare in pensione. Quattro anni fa comincia a soffrire della sindrome delle gambe senza riposo: la notte non riesce a dormire, deve alzarsi, camminare per casa. È un tormento. Il medico gli prescrive un farmaco adottato per i disturbi da morbo di Parkinson. La medicina funziona, torna la quiete notturna, torna il riposo. Ma Giovanni, che in vita sua ha messo piede una volta soltanto in un casinò e non ci è più tornato, comincia a giocare alle slot machine. Davanti alla macchinetta perde la nozione del tempo. La sua pensione, poco più di euro al mese, svanisce. Giovanni si gioca i soldi per le spese del condominio, poi una macchina, poi chiede un prestito a una finanziaria. Con la moglie, con la figlia, comincia a mentire. «Mi hanno rubato la bicicletta, vado a cercarla» annuncia una domenica mattina. E sparisce. Ore dopo, risponde alla figlia sul telefonino con voce ubriaca: è davanti alla slot, come in estasi. La figlia legge il bugiardino del farmaco: tra le controindicazioni figura il gioco d azzardo patologico. Il medico prova a cambiare il farmaco: non funziona. Tornano le notti inquiete, i dolori. Ma il vecchio farmaco significa precipitare nell inferno delle slot. «Voglio uscirne» dice Giovanni alla figlia. Tornano dal medico, che prescrive lo stesso principio attivo in un nuovo farmaco. Chiedono l aiuto di uno psicologo, Simone Feder, specializzato in dipendenze. Faticosamente, a settant anni, pieno di debiti, Giovanni prova a ricostruirsi una vita. Renzo, 52 anni, geometra. «Oggi sono 508 giorni che non gioco. Li conto uno per uno. Io non bevo, non fumo, mai toccata la droga. Fino ai 38 anni sono stato quel che si dice «un giocatore sociale»: poker con gli amici, qualche puntata ai cavalli, niente di più. Un giorno, in una sala corse, ho visto una macchinetta: ho giocato, ho vinto, è cominciata così. Avevo una bella famiglia, due figlie, un ottimo stipendio come direttore di cantiere. Ho perso tutto: lavoro, soldi, serenità. Non so come succede, ti siedi, metti i soldi, pigi i pulsanti, si accendono le luci ed esiste solo la slot. Sono entrato come in una nebbia, ho fatto cose fuori dal mondo: ho venduto l oro di famiglia, sono arrivato a rubare in casa di mio cognato. E mia moglie mi ha buttato fuori. Ho capito che, se andavo avanti, mi sarei ammazzato. Su internet ho cercato i Giocatori anonimi: siamo tutti ex, nessuno giudica nessuno. Contiamo i giorni da quando abbiamo smesso di giocare. Arrivati a un anno, facciamo una gran festa». (Bianca Stancanelli) 12 dicembre 2012 Panorama 75 Bw 73_80_pa51_SLOTA.indd 75 04/12/

4 euro La spesa pro capite degli italiani adulti per il gioco d azzardo; 79,9 miliardi di euro la raccolta annua complessiva per giochi e scommesse. «Forse abbiamo esagerato» Francesco Ginestra, presidente Assosnai, teme gli effetti negativi del boom. Con il clima da caccia alle streghe che ha investito negli ultimi mesi il mondo delle slot, da Francesco Ginestra, presidente dell Assosnai (l associazione che raggruppa le agenzie di scommesse) e memoria storica dell azzardo italiano, ti aspetteresti una difesa d ufficio del settore. Invece lui, come al solito, ti spiazza: «Penso che sia ora di metterci un freno» dice a Panorama. Strano che la richiesta arrivi da un grosso imprenditore del comparto... Siamo in molti a condividere la necessità di una regolamentazione più stretta. Un giocatore che si indebita non è un buon cliente, e alla lunga compromette il business. Già vediamo le prime crepe. In che senso? Le slot valgono quasi 38 miliardi l anno. L offerta di giochi e scommesse è ormai così smisurata da superare la domanda. Se continuiamo a puntare su una comunicazione fatta solo di vincite facili la gente alla lunga si stuferà di giocare. Senza dimenticare l allarme patologie: oggi le tentazioni sono troppe e ovunque. Un boom dovuto all attivismo dei suoi associati... Abbiamo esagerato. Ma siamo ancora in tempo per evitare che il fenomeno degeneri. Come? Da tempo facciamo prevenzione e cofinanziamo progetti che combattono le ludopatie. Abbiamo proposto al governo di contingentare le licenze, vietare gli spot nelle fasce diurne e rendere obbligatori i software per impedire l accesso ai minorenni o limitare gli importi giocati, sia online che alle slot. Strumenti che esistono già da anni senza che nessuno li adotti. (G.F.) Non in quelle del vecchio che il cronista ha appena incrociato, evidentemente. «Ogni giorno si gioca 20 di questi caffè» sussurra il barista porgendone uno. «E non vince mai. Quelli come lui sono i peggiori: spendono poco ma costantemente, come se avessero in testa un algoritmo che prima o poi li condurrà alla vittoria». È un classico, come le richieste di credito e gli insulti indirizzati al titolare quando l algoritmo non regge. Cioè quasi sempre. «Non mi fa certo piacere vedere la gente ridursi così» dice il gestore allargando le braccia. «Ma i 500 euro che mi arrivano dalle slot sono l unica entrata certa del bar». Cambio di set. Ora siamo alla periferia est di Milano, in una sala slot. Anzi, in un «club esclusivo con intrattenimento e buffet», come recita l insegna. Ma potremmo essere anche in una tabaccheria di Palermo, in una lavanderia a gettone di Bari, all aeroporto di Fiumicino o in un area di sosta sull Autobrennero. Le macchinette puoi trovarle ovunque, ormai: tra il 2002 e il 2003, quando lo Stato ne impose la legalizzazione per contenere il fenomeno del gioco clandestino e limitarne gli effetti deleteri, erano 14 mila. Cinque anni fa, 60 mila. Oggi l Italia è a quota 424 mila apparecchi. Dietro uno di questi c è una signora grassoccia, ben vestita, sulla quarantina. «Sono venuta per l aperitivo gratis» confida, ma intanto ficca dentro un bel po di monete. Vince 5 euro, li rigioca, perde, rivince, perde di nuovo, alla fine il conto è in pari. L aperitivo gratis c è davvero, insieme ad altre banali tecniche di marketing: hostess che si offrono di cambiare le banconote al posto tuo, in mo- Massimo Sestini 76 Panorama 12 dicembre 2012 Bw 73_80_pa51_SLOTA.indd 76 04/12/

5 do da non farti abbandonare la postazione di gioco nemmeno per un istante, sala fumatori, naturalmente fornita di apparecchi, persino tessere fedeltà. Ci sono anche gli avvertimenti: i cartelloni «Gioca responsabile» affollano le pareti, qui come in tutte le sale. Sui tavolini i dépliant reclamizzano un numero verde contro la dipendenza e un questionario dovrebbe farti capire se ti attacchi a quei pulsanti per svago o se è il caso di rivolgerti a uno psicologo. L indicazione del telefono amico compare anche nella schermata iniziale di quasi tutte le slot machine che il cronista ha provato, assieme a un testo che dovrebbe sfatare le convinzioni del giocatore incallito indicando le reali possibilità di vincita. Non fai in tempo a memorizzare né l uno né l altro che già ti ritrovi nel vivo della puntata. Premi qualche bottone a casaccio e l euro si moltiplica per 10. Il cinquantenne con le gote rosse al fianco sibila un «vaffanculo» prima di lanciarsi in una filippica su macchinette truccate e non. In realtà i numeri dicono che la truffa, in questo settore, è ormai passata di moda: dopo anni di Far West a base di software modificati e apparecchi scollegati dalla rete (in modo che il cervellone dei Monopoli di La guerra del sindaco Alessandro Cattaneo, primo cittadino di Pavia, contro le sale da gioco. Per sua fortuna la battaglia contro le slot machine è iniziata in estate. Altrimenti qualcuno oggi potrebbe rinfacciare ad Alessandro Cattaneo, sindaco di Pavia e vicepresidente Anci, di utilizzare la clava del populismo per spingere la sua candidatura formattatrice alle primarie del Pdl. «Non è così» puntualizza con Panorama «una campagna come questa deve necessariamente partire dai sindaci, che sono i primi a misurarsi con le conseguenze devastanti della ludopatia». Quanto devastanti? La mia città è quella con la più alta spesa pro capite in gioco d azzardo: euro a testa, quasi il doppio della media nazionale, che già mi sembra alta. E i cinque casi di compulsività registrati dalla Asl pavese nel 2010 oggi sono diventati 700. Serviva un segnale. Come vi siete mossi? Abbiamo approvato, a larghissima maggioranza, un regolamento comunale che prevede obblighi più stringenti per le sale di nuova apertura: dovranno sorgere ad almeno 500 metri di distanza da luoghi sensibili e a 100 metri dagli incroci. Nei locali è diventato obbligatorio il sistema di sorveglianza con telecamere per tenere lontani i minorenni. Nei circoli e in altri luoghi di proprietà pubblica è vietato installare apparecchi con vincite in denaro. Basterà? È difficile fare di più: i miei colleghi di altre città che hanno provato a fermare il rilascio di nuove licenze o a imporre alle sale orari di apertura più ridotti sono stati quasi sempre bocciati dalle sentenze dei tar. Il problema è che gli enti locali hanno pochissima voce in capitolo. (G.F.) mila le slot machine installate in 294 sale di Roma. Stato non intercettasse né gli importi da tassare né una restituzione di vincite più bassa del dovuto), le slot di nuova generazione hanno tagliato le gambe al gioco nero: gli apparecchi irregolari sequestrati dalla Guardia di finanza quest anno sono stati poche decine. Non che questo abbia comportato un alleggerimento delle interferenze da parte della criminalità organizzata, come è logico in un settore dove la crescita è impetuosa e i contanti si muovono veloci: secondo il Rapporto Azzardopoli, pubblicato quest anno dall associazione Libera, i ricavi delle mafie su questo fronte ammonterebbero a quasi 10 miliardi di euro, perlopiù accumulati reinvestendo capitali sporchi in imprese regolari. Senza contare l indotto dell usura, su cui al cronista apre gli occhi il gestore quando va a cambiare la vincita (che da 10 euro si era già ridotta, dopo pochi altri clic, a 5): «Tu sei furbo, incassi e te ne vai. Di solito, invece, quelli che vincono alla prima giocata diventano prede per gli strozzini. Tornano a spendersi fino all ultimo spicciolo in cerca del brivido della prima volta. Proprio come i tossicodipendenti». Ecco il paragone chiave: quello con le dipendenze (vedere le testimonianze a pagina 74). Oggi i ludopatici, i giocatori compulsivi che per un brivido in più saltano la cena o fanno fuori i buoni postali della moglie sono circa 700 mila. Una platea cresciuta del 700 per cento negli ultimi anni, secondo il Sert, e trasversalissima: pensionati e disoccupati vanno per la maggiore, un quarto sono le donne, ma ci sono anche i minorenni che 78 Panorama 12 dicembre 2012 Bw 73_80_pa51_SLOTA.indd 78 04/12/

6 Ma non fatene una malattia Le proposte di Massimo Passamonti, presidente di Sistema Gioco Italia. «Siamo disponibili a discutere con lo Stato nuove norme fiscali e di ordine pubblico, siamo persino favorevoli a una tassa di scopo che finanzi la lotta alle ludopatie. Purché non si continuino a demonizzare aziende serie che hanno investito miliardi di euro». Per Massimo Passamonti, presidente di Sistema Gioco Italia, l associazione confindustriale che riunisce gli operatori della filiera, la questione è tutta qui. Intanto stanno per arrivare altre licenze di gioco... Ricordo che per le ultime concessioni lo Stato ha incassato 850 milioni di euro. Per le nuove le previsioni sono di altri 20. I concessionari devono essere messi nelle condizioni di operare serenamente. I ludopatici sono ormai 700 mila, secondo il Sert. Il settore è cresciuto troppo? La ludopatia va affrontata servendosi di numeri scientificamente fondati, ma in ogni caso il fenomeno va contrastato e prevenuto, recuperando la dimensione ludica e sociale del comparto. Finanzieremo un osservatorio sul gioco problematico, in collaborazione con l Aams, associazione autonoma dei Monopoli di Stato, e le altre associazioni. E vogliamo ragionare con il governo di aliquote, in modo da trovare spazio per una tassazione di scopo per progetti di utilità sociale. Potrebbero essere gestiti dai comuni, che sono i terminali più sensibili ed esposti. Recentemente i ministri Balduzzi, Riccardi e Cancellieri hanno attaccato anche gli spot. Qual è la vostra posizione? La pubblicità permette di distinguere l offerta di gioco legale da quello illegale. Anche per questo motivo le nuove regole per una comunicazione più responsabile sono le benvenute. (G.F.) Aumento dei giocatori compulsivi negli ultimi 10 anni. Erano 10 mila nel 2003, oggi sono più di 700 mila (stime Sert). in teoria non dovrebbero giocare (a Milano ci sono in cura un bambino di 8 anni, uno di 11, un ragazzino di 13, e due di 17), i lavoratori che passano prima e dopo l ufficio, gli insospettabili come l ex capogruppo Idv in Regione Lazio Vincenzo Maruccio, che in una sala sulla via Flaminia a Roma ha lasciato 100 mila euro. Sono fantasmi, perché la ludopatia ha iniziato solo questa estate il percorso che la porterà a essere riconosciuta pienamente come malattia dal Servizio sanitario nazionale e finora a combatterla c è stata soprattutto la buona volontà delle associazioni, dei sindaci più battaglieri e di qualche singolo. Come le due bariste di Cremona e San Giuseppe Vesuviano, o il circolo Arci di Empoli, che hanno rinunciato agli incassi facili delle macchinette per non fare a pugni con la propria coscienza, o il giudice di Bergamo che ha suggerito al questore di destinare a lavori d ufficio due poliziotti accusati di giocare mentre erano in pattuglia, per tenerli lontani dalle tentazioni. Gli operatori del settore contestano la portata del fenomeno, che in effetti ha ancora contorni statistici incerti. Eppure, in una settimana d inchiesta Panorama non ha mai trovato una sala slot vuota. Nemmeno nell ultima tappa del viaggio, in provincia di Pavia, in uno dei pochi locali aperti 24 ore al giorno. Sono quasi le 3 di mattina di un lunedì piovoso, ma ci sono sei persone intente a giocare: un gruppo di giovanissimi slavi, ai quali nessuno chiede la carta d identità, e l immancabile anziano che ha l aria di essersi giocato già una bella fetta di pensione. In 20 minuti si alza tre volte per cambiare banconote: qualche volta vince, spesso perde, e dopo un po rimane senza un soldo. «Niente» sussurra dopo un po, voltandosi in cerca di quella silenziosa complicità che si instaura tra perdenti. Il regolamento della casa spiega che intrattenersi senza scommettere o, peggio, osservando e commentando le giocate altrui, è vietatissimo. Il gestore, un ragazzo sulla trentina, si sbottona un po : «Quanti ne ho visti così. Quando non c è il titolare cerco di dissuaderne qualcuno, non tanto per la pietà, ma perché questo è un tipo di cliente che non ci interessa. Porta più guai che soldi, e non posso allontanarlo senza chiamare la polizia, visto che questo è un pubblico esercizio». Fa una smorfia. Le forze dell ordine qui dentro non sono graditissime, almeno in divisa. «Fuori servizio, invece, sono tra i migliori clienti. Giocano, perdono, ma non fanno storie». L anziano, intanto, si umilia fino a chiedere in prestito 1 euro agli slavi, che adesso stanno improvvisando una spaghettata notturna. «Vinco e ve ne restituisco 2» assicura con gli occhi che brillano, quando loro sghignazzanti gli lanciano una moneta. Il gestore fa finta di non vedere, ma un istante dopo mette alla porta uno dei ragazzi, che provava a ingolosire l uomo offrendogli una banconota da 10 euro in cambio del suo cellulare. Fossimo al cinema Totò direbbe: «Ma mi faccia il piacere». Qui, invece, il principe De Curtis, diventato icona del gioco d azzardo, si limita a sorridere da uno schermo piatto. 80 Panorama 12 dicembre 2012 Bw 73_80_pa51_SLOTA.indd 80 04/12/

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli