Perché è importante la valutazione dei rischi?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perché è importante la valutazione dei rischi?"

Transcript

1 Intervista al sig. Jukka Takala, direttore dell'agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Bilbao, 28 aprile 2008 Cosa si intende per valutazione dei rischi? Jukka Takala: La valutazione dei rischi è la chiave di volta per prevenire gli infortuni e le malattie sul lavoro. Si tratta di un processo di valutazione sistematica dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori derivanti da pericoli presenti sul luogo di lavoro. Durante questo processo vengono presi in esame tutti gli aspetti del luogo di lavoro e dell attività lavorativa per stabilire cosa può provocare lesioni, se è possibile eliminare i pericoli (ossia i rischi di infortunio o i rischi per la salute a lungo termine) e, nel caso in cui ciò non sia possibile, quali misure di prevenzione o di protezione devono essere messe in atto. La valutazione dei rischi consente ai datori di lavoro di comprendere quali azioni è necessario intraprendere per eliminare o ridurre al minimo i rischi per i loro dipendenti. Costituisce il punto di partenza del processo di gestione della sicurezza e della salute. Perché è importante la valutazione dei rischi? JT: La valutazione dei rischi è la pietra miliare dell approccio europeo alla sicurezza e alla salute sul lavoro. Se il processo di valutazione dei rischi viene condotto in maniera inadeguata o se tale processo non viene realizzato affatto, è poco probabile che vengano individuate o che si mettano in atto le corrette misure preventive. A ciò si deve aggiungere che gli infortuni e le malattie rappresentano un costo. Generano un costo umano per i lavoratori e le loro famiglie: non si deve dimenticare che dietro alle statistiche vi sono persone reali, ciascuna con la propria storia; un costo per le organizzazioni: quando vi sono problemi sul lavoro, la produttività aziendale viene compromessa; un costo per i governi, perché gli infortuni e le malattie vanno a incidere enormemente sui sistemi di assistenza sanitaria. Un adeguata valutazione dei rischi, tuttavia, può apportare vantaggi all'impresa. Intervista a J. Takala Valutazione dei rischi Pagina 1 di 5

2 Le imprese possono tagliare i costi derivanti dagli infortuni e dalle malattie professionali, ridurre i tassi di congedi per malattia e le richieste di risarcimento e diminuire i tassi di rotazione del personale. Perché avete scelto come tema della campagna la valutazione dei rischi? JT: I dati e le statistiche sugli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dimostrano l impellenza di apportare miglioramenti. Ogni tre minuti e mezzo nell'ue qualcuno muore per cause legate all attività lavorativa. Ciò significa che ogni anno muoiono circa persone a causa di infortuni sul lavoro o di malattie professionali. Ogni quattro secondi e mezzo un lavoratore dell'ue è vittima di un incidente che lo costringe a restare a casa per almeno tre giorni lavorativi, per un totale di oltre 7 milioni all anno. È necessario apportare dei miglioramenti in particolare in tre aree: Le statistiche disponibili a livello di Stati membri mostrano che un numero molto significativo di imprese non effettua la valutazione dei rischi. È il caso soprattutto delle PMI, che costituiscono la maggioranza delle imprese. È importante anche migliorare la qualità delle valutazioni: devono cioè essere considerati tutti i rischi pertinenti, non solo quelli ovvi; le misure di prevenzione devono essere monitorate e la valutazione dev essere periodicamente sottoposta a revisione. Infine, si avverte l esigenza di un maggior scambio di risorse (come, per esempio, degli strumenti per la valutazione dei rischi) e di esperienze relative alle buone prassi. La campagna intende fornire ai datori di lavoro e ai lavoratori gli orientamenti, le informazioni e le risorse necessari per effettuare valutazioni dei rischi adeguate e mantenere sicuro il luogo di lavoro. La valutazione dei rischi non rappresenta un ulteriore costo a carico dell impresa? JT: Effettuare una valutazione dei rischi non è soltanto un obbligo o un onere per l impresa. Al contrario, questo processo permette di proteggere i lavoratori, da un lato, ma anche di ricavare dei benefici dal punto di vista economico, dall altro lato. Gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali rappresentano un costo ingente per le imprese e per la società. Quando gli ingranaggi di un organizzazione non funzionano a dovere, si hanno ripercussioni sulla produttività e si generano oneri sui sistemi di assistenza sanitaria. La creazione di condizioni di lavoro sicure consente alle imprese di ridurre i costi derivanti dagli infortuni e dalle malattie professionali. Un adeguata valutazione dei rischi contribuisce a ridurre i tassi di congedi per malattia, nonché i costi delle assicurazioni, grazie a un numero minore di richieste di risarcimento. I lavoratori più Intervista a J. Takala Valutazione dei rischi Pagina 2 di 5

3 motivati sono più produttivi ed efficienti e i tassi di rotazione del personale calano. Tutto ciò aiuta le imprese a diventare più competitive. Un ambiente di lavoro sano e sicuro è un bene per l azienda e, pertanto, vale la pena di investire in una valutazione dei rischi adeguata. Chi è responsabile della valutazione dei rischi? JT: Per legge, sono responsabili della valutazione dei rischi i datori di lavoro. Tuttavia, la valutazione dei rischi è un processo che interessa tutte le persone presenti sul luogo di lavoro, quindi non solo i datori di lavoro e gli esperti in materia. Chiunque può fornire un valido contributo e ha interesse a prevenire gli infortuni e le malattie. Le migliori valutazioni dei rischi nascono dalla collaborazione tra datori di lavoro e lavoratori, che vengono ampiamente coinvolti e consultati nel corso dell intero processo. Perché i datori di lavoro devono occuparsi della valutazione dei rischi? JT: A parte la responsabilità morale di garantire ai propri dipendenti un lavoro in condizioni sicure, i datori di lavoro sono obbligati per legge, a livello comunitario, a tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori. La direttiva quadro 89/391/CEE, recepita dagli ordinamenti nazionali di tutti gli Stati membri dell UE, impone ai datori di lavoro l obbligo legale di gestire la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro. Alcuni Stati membri hanno adottato requisiti ancora più rigorosi di tutela dei lavoratori da parte dei datori di lavoro. In quest ottica, i datori di lavoro sono tenuti a effettuare valutazioni dei rischi efficaci, nell ambito di un processo continuo di gestione dei rischi. Non è troppo chiedere alle imprese, e in particolare alle PMI, di intraprendere questo indaginoso processo? JT: La valutazione dei rischi può sembrare una grande sfida, soprattutto per le piccole imprese. Tuttavia, non è questa la giusta chiave d interpretazione. La valutazione dei rischi non è necessariamente complicata, burocratica o un compito destinato agli esperti in materia. Spesso è sufficiente adottare un approccio semplice, per fasi, e sono inoltre disponibili molte risorse e molti esempi di buona prassi che possono contribuire ad agevolare questo processo. I principi guida che occorre considerare durante l intero processo di valutazione dei rischi possono essere raggruppati in cinque fasi: Fase 1: Fase 2: Fase 3: Fase 4: Fase 5: Individuare i pericoli e i rischi Valutare e attribuire un ordine di priorità ai rischi Decidere l azione preventiva Intervenire con azioni concrete Controllo e riesame Intervista a J. Takala Valutazione dei rischi Pagina 3 di 5

4 L Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) promuove questo approccio in cinque fasi, anche se esistono altri metodi altrettanto efficaci, in particolare per situazioni e rischi più complessi. Infine, desidero precisare che la valutazione dei rischi può essere svolta dagli stessi datori di lavoro, dai lavoratori a tal fine designati dal datore di lavoro oppure da valutatori o servizi esterni. Molte imprese decidono di effettuare la valutazione dei rischi internamente e la campagna è per loro un valido strumento di aiuto in tal senso. Se le valutazioni dei rischi vengono condotte da esperti, è importante che costoro ricevano informazioni esaustive relative al luogo di lavoro specifico che dovranno valutare e che non dimentichino di coinvolgere nel processo anche i lavoratori. In ultima analisi, comunque, il responsabile della valutazione è sempre il datore di lavoro. Come fanno le imprese a capire come intervenire in base ai risultati emersi dalla valutazione dei rischi? JT: Quando devono decidere una strategia per eliminare o controllare i rischi emersi dalla valutazione, i datori di lavoro devono tenere presenti i principi generali in materia di prevenzione: evitare i rischi, eliminare i rischi all origine, sostituire gli oggetti pericolosi con oggetti non pericolosi o meno pericolosi, adattare l attività al singolo individuo, ecc. I datori di lavoro possono trovare suggerimenti su come controllare i rischi nelle specifiche tecniche relative ai prodotti, nella normativa nazionale, negli standard nazionali e nelle informazioni pubblicate dalle autorità nazionali. Cosa può offrire la campagna alle imprese interessate? JT: Sul sito web della campagna è disponibile un ampia gamma di materiale promozionale nelle 22 lingue dell UE. Il materiale comprende poster e opuscoli, fogli informativi, esempi di buona prassi, quiz, animazioni con Napo, il popolare personaggio dei cartoni animati, una rivista che fornisce informazioni tecniche e consigli su come organizzare e gestire le attività. Il sito inoltre dà accesso a strumenti di valutazione dei rischi come, per esempio, liste di controllo per settore e pericolo, per favorire con suggerimenti pratici il processo di valutazione dei rischi. Come possono le imprese partecipare alla campagna? JT: Con questa campagna dedicata alla valutazione dei rischi ( ) passiamo per la prima volta da un ciclo di campagne annuale a uno biennale. Questo ci consente, tra le altre cose, di aver più tempo per coinvolgere i partner che desiderano partecipare attivamente alla campagna. Nell arco di questi due anni verranno organizzati molti eventi in collaborazione con i paesi che detengono la presidenza dell UE e con i punti focali, che di norma coincidono con le autorità nazionali responsabili della sicurezza e della salute sul lavoro presenti in ogni Stato membro. Il clou della campagna è la Settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, che si tiene ogni anno nel corso della 43 a settimana di calendario (nel caso di questa campagna, il ottobre 2008 e il ottobre 2009). Intervista a J. Takala Valutazione dei rischi Pagina 4 di 5

5 A questi eventi possono partecipare tutte le persone e le imprese di ogni dimensione, che in alternativa possono organizzare esse stesse degli eventi. Tra le attività a cui è possibile partecipare si annoverano le manifestazioni ed esposizioni in materia di sicurezza, gli interventi di formazione, i seminari e i workshop, i concorsi per i migliori poster, i partenariati tra imprese e centri di istruzione e formazione, gli schemi di buon vicinato tra i grandi e piccoli datori di lavoro, l individuazione dei pericoli e le giornate di ispezione. La campagna prevede inoltre Premi per le buone prassi, conferiti alle imprese e alle organizzazioni che hanno contribuito in modo eccezionale alla promozione della valutazione dei rischi sul luogo di lavoro. Infine, è importante sottolineare che l Agenzia ha istituito una serie di canali e azioni per dare visibilità ai partner della campagna. Vi sono due livelli di partecipazione e di riconoscimento: chiunque partecipi attivamente a una delle attività della campagna può scaricare dal sito web un certificato di partecipazione (Certificate of Participation): basta semplicemente comunicare in che modo si è partecipato o in quale settore si è stati attivi; l offerta ai partner (Partner Offer) si spinge oltre e fornisce l opportunità di beneficiare di un ampia gamma di promozioni e di innalzare il proprio profilo nella comunità SSL, a livello europeo e nei media, attraverso l alta visibilità fornita dalla campagna per un luogo di lavoro sano. Questa offerta, tuttavia, è riservata a chi si impegna in modo sostanziale nella campagna e moltiplica i propri sforzi attraverso i membri della propria rete. Per avere ulteriori informazioni su come diventare partner ufficiale della campagna è utile consultare il nostro sito web: Intervista a J. Takala Valutazione dei rischi Pagina 5 di 5

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi

Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Ambienti di lavoro sani e sicuri Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi www.healthy-workplaces.eu Agenzia

Dettagli

Stress lavoro-correlato e Qualità della vita al lavoro: A CHE PUNTO SIAMO?

Stress lavoro-correlato e Qualità della vita al lavoro: A CHE PUNTO SIAMO? Stress lavoro-correlato e Qualità della vita al lavoro: A CHE PUNTO SIAMO? Chi e PSYA 2 Mission aziendale Psya Miglioramento della qualità della vita in azienda Prevenzione e grestione dello stress Miglioramento

Dettagli

IL GIUDIZIO DI IDONEITA NELLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI

IL GIUDIZIO DI IDONEITA NELLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI CAMPAGNA EUROPEA PER LA SICUREZZA PROMUOVIAMO LA CULTURA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: UN PERCORSO PER CONOSCERE CHI FA PREVENZIONE NEL TERRITORIO NOVARESE IL GIUDIZIO DI IDONEITA

Dettagli

Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work

Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work La Campagna Europea sulla gestione dello stress lavoro-correlato Graziano Frigeri EWHN European Secretary Safety and health

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Sviluppare una cultura della prevenzione sulla SSL in Europa

Sviluppare una cultura della prevenzione sulla SSL in Europa Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Sviluppare una cultura della prevenzione sulla SSL in Europa Sintesi della relazione annuale 2005 dell Agenzia ISSN 1725-7794 1. 2. 3. Sintesi della

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE

INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE QUADERNO DI LAVORO In-formazione in sicurezza? take it easy, il futuro è nelle tue mani PER TUTTI I MODULI INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE In-formazione in sicurezza? ''take it easy'', il futuro

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda.

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Ambienti di lavoro sani e sicuri Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi www.healthy-workplaces.eu INVITO

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA

POLITICA DELLA QUALITA 05.3 LE POLITICHE DEL GRUPPO GAVIO POLITICA DELLA QUALITA Fornire un servizio di trasporto che soddisfi pienamente richieste, esigenze ed aspettative dei Clienti; Fornire un servizio di trasporto conforme

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Il Processo di Valutazione dei Rischi nel Contesto Organizzativo delineato dal D.lgs.n 81/08 e smi

Il Processo di Valutazione dei Rischi nel Contesto Organizzativo delineato dal D.lgs.n 81/08 e smi DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE I^ Facoltà di Medicina e Chirurgia SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Il Processo di Valutazione dei Rischi nel Contesto Organizzativo delineato dal D.lgs.n

Dettagli

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale.

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

insieme e senza complicazioni Soluzione settoriale per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute Rispettare gli obblighi

insieme e senza complicazioni Soluzione settoriale per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute Rispettare gli obblighi Soluzione settoriale per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute nel settore delle automobili e dei veicoli a due ruote Amministrazione della Soluzione settoriale delle automobili e dei veicoli

Dettagli

Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo

Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo Roberta Nunin Professore associato di Diritto del lavoro Università di Trieste Il tema proposto quest anno alla nostra riflessione

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea

Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea Giovanni Bartoli Nell Unione europea la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro rappresentano argomenti tra i più

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR)

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR) ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR) Schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2014/27/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 febbraio 2014 che modifica le direttive

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

esperti di valutazione

esperti di valutazione focus Roger Messenger Vice-presidente ed ex Presidente di TEGoVA, presidente dello European Valuation Qualifications Board e partner presso Wilks Head & Eve LLP Michael MacBrien consulente per TEGoVA,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO PROPOSTA DI LEGGE: ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO, SCOLASTICO E FORMATIVO DEI FIGLI DELLE VITTIME D'INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Individuazione dei pericoli e pianificazione delle misure nelle piccole aziende

Individuazione dei pericoli e pianificazione delle misure nelle piccole aziende Individuazione dei pericoli e pianificazione delle misure nelle piccole aziende Questo opuscolo, rivolto principalmente alle piccole aziende, illustra come individuare i pericoli in azienda e come pianificare

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei PROGRAMMAZIONE 2014-202O Si sta aprendo il cantiere della programmazione dei Fondi europei 2014-2020. L Unione Europea ha già presentato una strategia generale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Di seguito alcune considerazioni su aspetti che riteniamo molto rilevanti.

Di seguito alcune considerazioni su aspetti che riteniamo molto rilevanti. 7 ottobre 2015 Spett. Commissione Industria Senato C.a. Sen. Massimo Mucchetti Oggetto: Osservazioni nella consultazione pubblica: Proposte per il potenziamento e la qualifica del meccanismo dei Certificati

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Corporate Health Management Prevenire, gestire, accompagnare. Professionalizzare la gestione della salute nella vostra impresa

Corporate Health Management Prevenire, gestire, accompagnare. Professionalizzare la gestione della salute nella vostra impresa Corporate Health Management Prevenire, gestire, accompagnare Professionalizzare la gestione della salute nella vostra impresa Corporate Health Management Vaudoise Una gestione professionale della salute

Dettagli

15.12.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 366/45

15.12.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 366/45 15.12.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 366/45 RELAZIONE sui conti annuali dell Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro relativi all esercizio 2010, corredata delle risposte

Dettagli

Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business.

Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business. Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business. Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work La Campagna Europea sulla gestione

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Leadership aziendale in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Leadership aziendale in materia di salute e sicurezza sul lavoro Ambienti di lavoro sani e sicuri Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi Leadership aziendale in materia di salute e sicurezza sul lavoro GUIDA PRATICA La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) Campagna di informazione rivolta al mondo scolastico sul tema della sicurezza nei

Dettagli

Rendere l Europa un posto più sicuro, sano e produttivo in cui lavorare

Rendere l Europa un posto più sicuro, sano e produttivo in cui lavorare Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Rendere l Europa un posto più sicuro, sano e produttivo in cui lavorare La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI)

DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI) DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI) Entrata in vigore: 1 maggio 2007 Servizio Qualità USI - Servizio Ricerca USI-SUPSI Page 1 Accertamento

Dettagli

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 1 L interesse europeo Negli ultimi anni, l interesse della Commissione europea per l inclusione sociale è cresciuto

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

DESIDERO ESPANDERE E ASSICURARE IL MIO FUTURO CON LA STAMPA DIGITALE

DESIDERO ESPANDERE E ASSICURARE IL MIO FUTURO CON LA STAMPA DIGITALE DESIDERO ESPANDERE E ASSICURARE IL MIO FUTURO CON LA STAMPA DIGITALE CENTRO STAMPA DI COMUNICAZIONE GRAFICA PRODUCTION PRINTING UN FUTURO BRILLANTE CON LA STAMPA DIGITALE Nel 2004 Konica Minolta è entrata

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE del

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione della safety: l evoluzione del quadro normativo dott. Matteo Rossi Benevento, 26 febbraio 2008 La sicurezza sul lavoro: fra sicurezza sociale e obiettivo aziendale

Dettagli

Magazzino Macchina Cantra. Operatore 2 con transpallet e caricamento manuale. Operatore 1 con carrello elevatore

Magazzino Macchina Cantra. Operatore 2 con transpallet e caricamento manuale. Operatore 1 con carrello elevatore SCHEMA TIPICO DI LAVORO PER IL CARICAMENTO DELLA MACCHINA TESTURIZZATRICE Magazzino Macchina Cantra Operatore 1 con carrello elevatore Operatore 2 con transpallet e caricamento manuale PROBLEMI TIPICI

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Questa scheda informativa offre indicazioni generali per le persone che gestiscono un azienda o un iniziativa imprenditoriale

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Premessa. Scopi e obiettivi

Premessa. Scopi e obiettivi Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2014-2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro correlato Procedure di selezione dei premi europei per le buone pratiche Premessa La campagna

Dettagli

L E G G E D I S T A B I L I T A 2 0 1 6 I B E R S AG L I D I C O N FA R T I G I A N AT O

L E G G E D I S T A B I L I T A 2 0 1 6 I B E R S AG L I D I C O N FA R T I G I A N AT O L E G G E D I S T A B I L I T A 2 0 1 6 I B E R S AG L I D I C O N FA R T I G I A N AT O I M PAT TO D E L L E M I S U R E P E R M P I REGIME FORFETTARIO 414 ECOBONUS 553 SUPER AMMORTAMENTI 310 FRANCHIGIA

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

1. Finalità e obiettivi. 2. Incontri fondamentali nel corso del progetto. 3. Pianificazione degli incontri

1. Finalità e obiettivi. 2. Incontri fondamentali nel corso del progetto. 3. Pianificazione degli incontri 41 1. Finalità e obiettivi L organizzazione di incontri produttivi è un elemento cruciale per il successo di un progetto. Di conseguenza, gli incontri sono una componente fondamentale della gestione del

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva in oggetto scaturisce dalla necessità di adeguamento dell ordinamento nazionale al contesto europeo in materia di

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Valutazione dei rischi

Valutazione dei rischi Valutazione dei rischi Prossima scadenza il 31 maggio L adempimento che interessa le aziende con meno di 10 dipendenti Argomento Novità Riferimenti Il D. Lgs. n. 81/2008, Testo Unico della salute e sicurezza

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

La Certificazione di qualità in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000

La Certificazione di qualità in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000 La Certificazione di qualità in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000 Giorgio Capoccia (Direttore e Responsabile Gruppo di Audit Agiqualitas) Corso USMI 07 Marzo 2006 Roma Gli argomenti dell intervento

Dettagli

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT New Energies & Demand Management Promotion of Renewable Energy Sources & Demand Management Brussels, 10 luglio 2001 PROGRAMMA EUROPEO GREEN

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

Il processo di certificazione di bilancio***

Il processo di certificazione di bilancio*** Corso di Analisi di bilancio. A. A. 2012/2012 Ricerca personale Il processo di certificazione di bilancio*** Caterina Cavallone Francesco Palermo Fabio Dimilta **Il Docente non interviene nell elaborazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

La qualità nella gestione dei partenariati strategici. Monitoraggio e valutazione dei progetti. Firenze, 26 novembre 2014

La qualità nella gestione dei partenariati strategici. Monitoraggio e valutazione dei progetti. Firenze, 26 novembre 2014 La qualità nella gestione dei partenariati strategici Monitoraggio e valutazione dei progetti Firenze, 26 novembre 2014 Monitoraggio vs. Valutazione Monitoraggio Controllo degli aspetti salienti del progetto

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 22 Gennaio 2015 Spett.le Stogit S.p.A. Piazza Santa Barbara 7 20097 San Donato Milanese (MI) Oggetto: Proposta di aggiornamento del Codice di Stoccaggio rif. n 25 - Recepimento Delibera AEEGSI

Dettagli

L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda

L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda Compito del superiore è quello di organizzare l azienda in modo da garantire la sicurezza e la tutela della salute. In

Dettagli