ALLEGATO A al Decreto n.2176 del 5 marzo Requisiti per l ammissibilità dei Progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A al Decreto n.2176 del 5 marzo 2008. Requisiti per l ammissibilità dei Progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione"

Transcript

1 ALLEGATO A al Decreto n.2176 del 5 marzo 2008 Requisiti per l ammissibilità dei Progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione

2 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 196/1997: Norme in materia di promozione dell occupazione - art.17 lett. f) riordino della formazione professionale che prevede l adozione di misure idonee a favorire la ristrutturazione degli enti di formazione; Legge Regionale 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia ; Legge Regionale 6 agosto 2007, n. 19 Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia ; D.g.r. 21 dicembre 2007 n che prevede procedure e requisiti per l accreditamento degli operatori pubblici e privati; Legge 28 dicembre 2001, n. 448, art. 52, comma 19 e 58, che prevede l assegnazione di risorse per il concorso al finanziamento di interventi finalizzati alla ristrutturazione degli enti di formazione; D.g.r. n. VII/7836 del 25 gennaio 2002 Attuazione del decreto MLPS 30 maggio 2001 n.173 Definizione delle priorità strategiche per la ristrutturazione degli enti di formazione ed in particolare le priorità strategiche 1 Investimenti e 2 Incentivi all esodo di personale a tempo indeterminato in esubero strutturale, riferite ad interventi finalizzati alla ristrutturazione degli enti di formazione per il conseguimento dei requisiti per l accreditamento delle strutture formative; D.d.g. n del 6 giugno 2002 con il quale sono stati approvati i progetti di ristrutturazione degli enti di formazione e i relativi contributi finanziari, di cui alla d.g.r. n.vii/7836/2002 e D.M. MPLS n. 173/01; Decisione della Commissione C(2005) del 2 marzo 2005 relativa all applicazione degli artt.87 e 88 del Trattato degli aiuto di Stato ( De Minimis ), nell ambito della quale si evince il principio secondo il quale i contributi concessi agli enti di formazione, se riferiti esclusivamente alle attività sociali dell ente beneficiario e risultanti da contabilità separata, non sono classificabili quali aiuti di stato; Decreto direttoriale MLPS n.95/v/2006 del 4 maggio 2006 che assegna alla Regione Lombardia l importo complessivo di Euro ,10 per interventi in materia di formazione professionale, e più precisamente per la ristrutturazione degli enti di formazione; 2. REQUISITI SOGGETTIVI Gli enti di formazione devono essere in possesso dei seguenti requisiti: abbiano come fine statutario la formazione professionale; non perseguano scopi di lucro; siano titolari di accreditamento Area SF3; abbiano realizzato e rendicontato almeno una prima annualità di un percorso sperimentale nell a.f. 2003/2004 sul Dispositivo regionale n.99 - Multimisura Obbligo Formativo - percorsi triennali sperimentali. Abbiano realizzato un progetto contenente la priorità Investimenti prevista dalla citata dgr. n. 7836/02, approvato e finanziato con decreto direttoriale 6 giugno 2002 n.10587; 3. PROGETTI AMMISSIBILI Ciascun progetto deve contenere una o più delle seguenti azioni: 1. Investimenti infrastrutturali riferiti all informatizzazione indicata nelle proposte progettuali (costruzione banche dati in rating, strumenti informatici, certificazione della qualità); 2. Investimenti strutturali (adeguamento della struttura logistica alle norme previste dall accreditamento); 3. Investimenti strumentali (miglioramento del livello tecnologico, delle attrezzature e loro modernizzazione); 4. Richiesta di riconoscimento di oneri sostenuti per: 2

3 indebitamento per anticipazioni finanziarie risanamento finanziario dell ente certificazione di qualità 5. Investimenti in formazione, finalizzata all adeguamento delle competenze del personale. Le azioni ammissibili possono riferirsi ad una o più delle sedi operative dell Ente. Le attività progettuali devono concludersi entro e non oltre il 31 dicembre FINANZIAMENTO DELLE AZIONI Alle azioni previste ai punti 1, 2, 3 e 4 è assegnato un finanziamento complessivo di Euro ,80, attribuito sulla base dei seguenti criteri: Euro ,50 - in quota parte uguale tra tutti gli operatori ammessi; Euro ,30 - assegnato agli operatori ammessi in rapporto al numero di prime annualità avviate nell anno formativo 2003/2004 di un percorso sperimentale sul Dispositivo regionale n Multimisura Obbligo Formativo - percorsi triennali sperimentali ; Possono essere riconosciute le spese relative alle azioni 1, 2, 3 e 4 riferite al periodo dal 31 maggio 2001 (giorno successivo all approvazione del decreto MLPS n. 173/01) al 31 dicembre 2008 (data di conclusione dei progetti) e che non siano state oggetto di altro finanziamento pubblico ovvero di richiesta di finanziamento su altre attività e/o progetti. All azione prevista al punto 5 è assegnato un finanziamento complessivo di Euro ,30, suddiviso tra tutti gli operatori ammessi, in ragione del numero del personale dipendente a tempo indeterminato, al quale viene applicato il CCNL della formazione professionale, risultante alla data di presentazione del progetto. 5. PRESENTAZIONE DEI PROGETTI I progetti devono essere presentati, pena l inammissibilità, entro le ore del quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione del presente atto sul sito: Qualora la scadenza coincida con: il venerdì, il termine è anticipato alle ore 12.00; giorni pre-festivi e/o festivi, il termine è protratto al primo giorno lavorativo successivo. I progetti dovranno essere presentati utilizzando esclusivamente il formulario on-line predisposto sul sito Internet dalla Regione Lombardia all indirizzo: La relativa domanda di finanziamento in forma cartacea, elaborata e stampata con la procedura resa disponibile on-line, deve ugualmente pervenire entro i termini di scadenza sopra indicati al Protocollo Federato della Regione Lombardia, presso una delle sedi elencate nell allegato 1. La stessa deve chiaramente indicare all esterno della busta la seguente dicitura: Proposte di PROGETTI RISTRUTTURAZIONE ENTI DI FORMAZIONE Anno 2008 I progetti ammessi a finanziamento saranno approvati con apposito decreto della Direzione Generale Istruzione, formazione e Lavoro, che sarà pubblicato sul BURL e sul sito: 3

4 6. EROGAZIONE DEI FINANZIAMENTI L erogazione del finanziamento sarà effettuata con cadenza trimestrale, previa presentazione da parte dell operatore di dichiarazione intermedia di spesa, corredata dell elenco della documentazione (fatture quietanzate, partite a bilancio, ecc.) comprovante le spese sostenute e riferite alle azioni ammissibili al finanziamento sopraindicate. Regione Lombardia si riserva la facoltà di effettuare controlli e visite ispettive, anche senza preavviso, in ogni fase dell attività finanziata. 7. MONITORAGGIO Regione Lombardia, ai fini del previsto monitoraggio quali/quantitativo, acquisirà dagli operatori ammessi al finanziamento tutte le informazioni necessarie, anche in relazione alle verifiche delle performance, secondo quanto indicato nella d.g.r del 21/12/07 e nel d.d.g. 9026/07. Gli esiti serviranno anche a fornire elementi ai fini del rating per la proposizione di un sistema premiale, nelle more dell attivazione del Valutatore Indipendente di cui all art. 27 della legge regionale n. 19/

5 ALL. 1 INDIRIZZI PROTOCOLLO REGIONALE Sedi del Protocollo Federato ove è possibile presentare le domande di finanziamento Protocollo Generale della Regione Lombardia: - Via Pirelli, Milano - Via Taramelli, Milano Telefono Sedi Territoriali della Regione: - Bergamo, Via XX Settembre 18/A BG - Tel Brescia, Via Dalmazia, 92/94 C BS - Tel Como, Via Einaudi, 1 angolo Via Benzi CO - Tel Cremona, Via Dante, CR - Tel Lecco, C.so Promessi Sposi, LC - Tel Legnano, Via Felice Cavallotti, 11/ MI Tel Lodi, Via Haussman, 7/ LO - Tel Mantova, Corso Vittorio Emanuele, MN - Tel Monza, Piazza Cambiaghi,3 CAP Pavia, Via Cesare Battisti, PV - Tel Sondrio, Via Del Gesù, SO - Tel Varese, Viale Belforte, VA - Tel Gli orari di apertura al pubblico delle sedi sopraccitate sono i seguenti: dal lunedì al giovedì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e dalle ore 14,30 alle ore 16,30 venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 5

6 ALL. 2 INFORMATIVA TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA (art.13 del D. Lgs. n.196 del 30 giugno 2003, "Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali ) Il DLGS n.196 del 2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo il decreto indicato, tale trattamento sarà improntato ai principi dell art.11 e in particolare quelli di correttezza, liceità, pertinenza e trasparenza e sarà effettuato tutelando la riservatezza e i diritti delle persone e degli altri soggetti coinvolti. Ai sensi dell art.13 del predetto decreto, forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare: 1. ha le seguenti finalità: - procedere alla valutazione di merito della domanda di finanziamento - svolgere tutte le attività di gestione e monitoraggio di competenza regionale nella fase realizzativa del progetto 2. sarà effettuato con modalità manuale ed informatica 3. i dati potranno essere eventualmente trattati anche da soggetti esterni che svolgono attività di assistenza tecnica per Regione Lombardia Si informa che il mancato conferimento dei dati comporta l impossibilità di procedere alla valutazione di merito della domanda di finanziamento e quindi l inammissibilità della domanda stessa. Il titolare del trattamento è la Giunta regionale della Lombardia, nella persona del Presidente, con sede in Via Fabio Filzi, 22, Milano. Il Responsabile del trattamento è il Direttore Generale della Direzione Istruzione Formazione e Lavoro, via Cardano 10, cap Milano. Gli interessati potranno rivolgersi al Responsabile del trattamento per far valere i propri diritti così come previsti dall art.7 del DLGS n.196 del

AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA SPERIMENTALE LAUREE IN APPRENDISTATO PERIODO 2011-2014

AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA SPERIMENTALE LAUREE IN APPRENDISTATO PERIODO 2011-2014 ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA SPERIMENTALE LAUREE IN APPRENDISTATO PERIODO 2011-2014 1. Obiettivi e principi dell intervento Il presente avviso è finalizzato a sostenere

Dettagli

DISPOSITIVO CORSI DI PERFEZIONAMENTO E MASTER UNIVERSITARI

DISPOSITIVO CORSI DI PERFEZIONAMENTO E MASTER UNIVERSITARI INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COFINANZIABILI CON IL FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO 3 ANNO 2004 DISPOSITIVO CORSI DI PERFEZIONAMENTO E MASTER UNIVERSITARI Direttiva e riferimenti normativi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FORMAZIONE, ISTRUZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE FORMAZIONE, ISTRUZIONE E LAVORO DISPOSIZIONI PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI RELATIVI ALLA SECONDA FASE A SPORTELLO APERTO DEL FONDO SOCIALE EUROPEO - OB. 3 ANNO 2000-2001. MISURA D1 SVILUPPO DELLA FORMAZIONE CONTINUA DELLA FLESSIBILITA

Dettagli

Di seguito si rendono disponibili informazioni utili per la presentazione delle domande di riconoscimento e delle richiesta di finanziamento.

Di seguito si rendono disponibili informazioni utili per la presentazione delle domande di riconoscimento e delle richiesta di finanziamento. MODALITA OPERATIVE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI RICONOSCIMENTO DEGLI ESERCIZI STORICI E PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO SUL BANDO INNOVARE NELLA TRADIZIONE ANNO 2010. Il bando Innovare nella tradizione:

Dettagli

Modalità operative di applicazione del buono-scuola 2004 L.r. 5 gennaio 2000, n. 1, art. 4, comma 121, lettera e). IL DIRETTORE GENERALE

Modalità operative di applicazione del buono-scuola 2004 L.r. 5 gennaio 2000, n. 1, art. 4, comma 121, lettera e). IL DIRETTORE GENERALE Modalità operative di applicazione del buono-scuola 2004 L.r. 5 gennaio 2000, n. 1, art. 4, comma 121, lettera e). IL DIRETTORE GENERALE VISTA la l.r. 5 gennaio 2000, n.1 avente ad oggetto: Riordino del

Dettagli

Modalità operative di applicazione del buono-scuola 2003 Lr. 5 gennaio 2000, n. 1, art. 4, comma 121, lettera e). IL DIRETTORE GENERALE

Modalità operative di applicazione del buono-scuola 2003 Lr. 5 gennaio 2000, n. 1, art. 4, comma 121, lettera e). IL DIRETTORE GENERALE Modalità operative di applicazione del buono-scuola 2003 Lr. 5 gennaio 2000, n. 1, art. 4, comma 121, lettera e). IL DIRETTORE GENERALE VISTA la l.r. 5 gennaio 2000, n.1 avente ad oggetto: Riordino del

Dettagli

C max = 6.200 + 5.000/P, dove: C max è il costo massimo ammissibile in /kw p. P è la potenza nominale dell impianto in kw p.

C max = 6.200 + 5.000/P, dove: C max è il costo massimo ammissibile in /kw p. P è la potenza nominale dell impianto in kw p. Bando per la concessione di contributi in conto capitale per l installazione di pannelli fotovoltaici di potenza non inferiore a 5 kw p sulle scuole pubbliche e paritarie della Regione Lombardia, in attuazione

Dettagli

Allegato 1. Decreto direttoriale del MLPS n. 40/Cont/V/2007 del 7 maggio

Allegato 1. Decreto direttoriale del MLPS n. 40/Cont/V/2007 del 7 maggio Dispositivo per il finanziamento di PROGETTI QUADRO LEGGE 236/93 ANNO 2008 Legge 236/93, art. 9, comma 3º Decreto direttoriale del MLPS n. 40/Cont/V/2007 del 7 maggio 2007 SOMMARIO 1. Riferimenti normativi

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione ALLEGATO A AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione 1. IL CONTESTO NORMATIVO La politica d'inserimento lavorativo e sostegno all occupazione

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI AL SERVIZIO DI IMMOBILI DI PROPRIETA PUBBLICA

REGIONE LOMBARDIA BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI AL SERVIZIO DI IMMOBILI DI PROPRIETA PUBBLICA REGIONE LOMBARDIA BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI AL SERVIZIO DI IMMOBILI DI PROPRIETA PUBBLICA 1 INDICE FINALITA... 3 1. RISORSE FINANZIARIE... 3 2. ENTITA DEL CONTRIBUTO... 3 3.

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

%$1'2 3(5 / $66(*1$=,21( ( / (52*$=,21( ', &2175,%87, $ )21'2 3(5'872 3(5 /$ 5($/,==$=,21( ',,03,$17, 62/$5, 3(5 862 7(50,&2 &ULWHULH3URFHGXUH

%$1'2 3(5 / $66(*1$=,21( ( / (52*$=,21( ', &2175,%87, $ )21'2 3(5'872 3(5 /$ 5($/,==$=,21( ',,03,$17, 62/$5, 3(5 862 7(50,&2 &ULWHULH3URFHGXUH %$1'2 3(5 / $66(*1$=,21( ( / (52*$=,21( ', &2175,%87, $ )21'2 3(5'872 3(5 /$ 5($/,==$=,21( ',,03,$17, 62/$5, 3(5 862 7(50,&2 &ULWHULH3URFHGXUH *HQHUDOLWj Sono aperti i termini per la presentazione delle

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO REGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO - LOMBARDIA

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO REGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO - LOMBARDIA FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO REGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO - LOMBARDIA GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. CARTA SCONTO METANO/GPL Regione Lombardia ha varato un piano di incentivazione

Dettagli

Le risorse finanziarie messe a disposizione per l erogazione dei contributo di cui trattasi sono pari a 3.000.000.

Le risorse finanziarie messe a disposizione per l erogazione dei contributo di cui trattasi sono pari a 3.000.000. Bando per la concessione di contributi in conto capitale per l installazione di sistemi di contabilizzazione diretta o indiretta della quantità di calore consumata in abbinamento a sistemi di termoregolazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO N.

Dettagli

Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione

Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione Allegato al decreto n. del Allegato A Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione Criteri per l attuazione delle azioni di cui alla l.r. n. 21/2003 art. 5 lettera a) Intervento

Dettagli

RICHIESTA DI ADESIONE AL BANDO PER I VENDITORI DI AUTOVEICOLI (sostitutiva dell'atto di notorietà art. 47 DPR 28.12.2000 n. 445)

RICHIESTA DI ADESIONE AL BANDO PER I VENDITORI DI AUTOVEICOLI (sostitutiva dell'atto di notorietà art. 47 DPR 28.12.2000 n. 445) BANDO DI ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA SOSTITUZIONE DI MEZZI INQUINANTI CON VEICOLI A MINORE IMPATTO ALLEGATO 3 Modulistica per l adesione al bando dei venditori di autovetture e degli installatori di

Dettagli

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it Bando Start Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa www.start.lombardia.it Finalità dell intervento Promuovere e sostenere la diffusione di cultura imprenditoriale per

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - LUNEDÌ, 12 APRILE 2010

BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - LUNEDÌ, 12 APRILE 2010 REPUBBLICA ITALIANA Anno XL - N. 80 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. in L. 27/02/2004 - n. 46 - Filiale di Varese BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - LUNEDÌ,

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DI MASTER E DOTTORATI DI RICERCA RIVOLTI AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL ART. 5 DEL DLGS 167/2011 O DELL ART. 50 DEL DLGS 276/03

SPERIMENTAZIONE DI MASTER E DOTTORATI DI RICERCA RIVOLTI AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL ART. 5 DEL DLGS 167/2011 O DELL ART. 50 DEL DLGS 276/03 Allegato- A SPERIMENTAZIONE DI MASTER E DOTTORATI DI RICERCA RIVOLTI AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL ART. 5 DEL DLGS 167/2011 O DELL ART. 50 DEL DLGS 276/03 PERIODO 2010-2013 OBIETTIVI E PRINCIPI

Dettagli

Allegato A al Decreto del 23/10/2014, n. 9804 del dirigente (ad interim) della Struttura Organizzazione ed Economico

Allegato A al Decreto del 23/10/2014, n. 9804 del dirigente (ad interim) della Struttura Organizzazione ed Economico Allegato A al Decreto del 23/10/2014, n. 9804 del dirigente (ad interim) della Struttura Organizzazione ed Economico Presidenza Direzione Centrale Organizzazione, Personale e Sistema informativo Struttura

Dettagli

PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE ALLEGATO 2 PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE I. QUADRO DI RIFERIMENTO Il presente avviso è finalizzato alla promozione

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

RICHIESTA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO (artt. 46 e 47 DPR 28.12.2000 n. 445)

RICHIESTA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO (artt. 46 e 47 DPR 28.12.2000 n. 445) BANDO DI ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI DISPOSITIVI ANTIPARTICOLATO SU MEZZI D OPERA A MOTORE AD ACCENSIONE SPONTANEA (DIESEL) UTILIZZATI IN AMBITO DI CANTIERE (DGR 30 novembre 2011 n.

Dettagli

Informativa ex art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 "Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali"

Informativa ex art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali Informativa ex art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 "Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali" In adempimento agli obblighi di cui all'art. 13 del D.Lgs.

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sanita@pec.regione.lombardia.it Tel 02 6765.1 Protocollo H1.2015.0006048 del 24/02/2015

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA

Dettagli

10. Modalità di valutazione delle domande e redazione della graduatoria

10. Modalità di valutazione delle domande e redazione della graduatoria BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO SUL FONDO DI ROTAZIONE PER PROGETTI DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA- ex art. 5 l.r. 30.7.2008 n. 21 Indice 1. Finalità 2. Risorse disponibili 3.

Dettagli

Ogni soggetto può presentare una sola domanda di contributo relativa ad una sola delle fattispecie previste.

Ogni soggetto può presentare una sola domanda di contributo relativa ad una sola delle fattispecie previste. ALLEGATO A BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LE ATTIVITA DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E CULTURALE DELLE VESTIGIA E DELLE MEMORIE RISORGIMENTALI PRESENTI NEL TERRITORIO REGIONALE -

Dettagli

Come è noto, con la d.g.r. 4 maggio 2007 n. VIII/4642 e successiva modifica con d.g.r. 4 marzo 2009 IL DIRIGENTE ANNA PAVAN

Come è noto, con la d.g.r. 4 maggio 2007 n. VIII/4642 e successiva modifica con d.g.r. 4 marzo 2009 IL DIRIGENTE ANNA PAVAN Giunta Regionale DIREZIONE GENERALE SANITA' GOVERNO DELLA PREVENZIONE, TUTELA SANITARIA, PIANO SICUREZZA LUOGHI DI LAVORO E EMERGENZE SANITARIE PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE E IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONI

Dettagli

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE GOVERNO DEI DATI, DELLE STRATEGIE E PIANI DEL SISTEMA SANITARIO FARMACEUTICA, PROTESICA E DISPOSITIVI MEDICI Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

Contributi a favore dei Consorzi per l internazionalizzazione: rendicontazione anno 2013

Contributi a favore dei Consorzi per l internazionalizzazione: rendicontazione anno 2013 Contributi a favore dei Consorzi per l internazionalizzazione: rendicontazione anno 2013 Contributi a favore dei Consorzi per l internazionalizzazione per lo svolgimento di attività promozionali anno 2014

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006 REGIONE CAMPANIA - AGC 6 Ricerca Scientifica, Statistica, Sistemi Informativi ed Informatica - POR 2000-2006 - Misura 3.22 azione

Dettagli

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA IL METODO ANALISI DI ALCUNE DELLE PRINCIPALI MISURE AGEVOLATIVE LOMBARDE PER LE PMI INDUSTRIALI MISURE AGEVOLATIVE ANALIZZATE METODOLOGIA ANALISI ECONOMICO

Dettagli

BANDO PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA: contributi per spese di gestione anno educativo 2008/2009

BANDO PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA: contributi per spese di gestione anno educativo 2008/2009 ALLEGATO A Regione Toscana Direzione Generale Politiche formative, beni e attività culturali Area di Coordinamento Orientamento, istruzione, formazione e lavoro Settore Infanzia e diritto agli studi BANDO

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

Allegato A) INDICE. Allegati

Allegato A) INDICE. Allegati Allegato A) PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI A VALENZA REGIONALE DA PARTE DEGLI ENTI ISCRITTI ALLA SEZIONE SPECIALE DELL ALBO REGIONALE DEGLI ENTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME

PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME 152 NOTA DI LETTURA La Parte Seconda della V Relazione al Parlamento si compone principalmente delle informazioni

Dettagli

Risorse messe a bando Per il 2010 le risorse finanziarie messe a bando ammontano a euro 1.000.000,00.

Risorse messe a bando Per il 2010 le risorse finanziarie messe a bando ammontano a euro 1.000.000,00. BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE REGIONALE - ANNO FINANZIARIO 2010. (l.r. 26 febbraio 1993, n.9 Interventi per attività di promozione educativa e

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia. Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale

I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia. Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale Fruitori dei titoli sociali Buoni Voucher 2003 2004 10.501 12.155 860 2050 Regione Lombardia

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO ACCEDO-NIZZA 1) DEFINIZIONE

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni PROVINCIA DI MILANO La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per l attuazione

Dettagli

Guida agli interventi regionali per agevolare l accesso al credito per le imprese artigiane

Guida agli interventi regionali per agevolare l accesso al credito per le imprese artigiane Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane Guida agli interventi regionali per agevolare l accesso al credito per le imprese artigiane Regione Lombardia Direzione Generale

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 263 82279 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 14 dicembre 2012, n. 2796 Applicazione della misura "investimenti" per la viticoltura

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 543 29/01/2013 Identificativo Atto n. 36 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE MODALITA DI EROGAZIONE DEL FONDO CRESCO IN ATTUAZIONE

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005

DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005 DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005 Direttive e riferimenti normativi - Programma triennale della formazione 2002-2005 della Regione Lombardia

Dettagli

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1 INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COFINANZIABILI CON IL FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO 3 ANNO 2002 DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013

DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013 DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 Comune di Venzone Provincia di Udine Piazza Municipio, n 1 Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE E SCHEMA GUIDA DI ASSEVERAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE E SCHEMA GUIDA DI ASSEVERAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Bando INNOVAZIONE ED EFFICIENZA ENERGETICA per l'assegnazione di contributi per l'acquisto di macchinari/attrezzature/apparecchiature di cui alla dgr. n. VIII/11236 del 10 febbraio 2010 LINEE GUIDA DI

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO

DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE ALLA PROVINCIA DI VARESE DI PROGETTI DA FINANZIARE CON LE RISORSE PROVENIENTI DALLA REGIONE LOMBARDIA - ANNO 2002/2003. DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

- avere attivato corsi di laurea triennale in Scienze Motorie da almeno tre anni.

- avere attivato corsi di laurea triennale in Scienze Motorie da almeno tre anni. INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI PER LA SELEZIONE DI UNA FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE PER IL CONCORSO ALLA REALIZZAZIONE E VALUTAZIONE DEL PROGETTO A SCUOLA DI SPORT LOMBARDIA IN GIOCO II

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio per il Volontariato Asti e Alessandria, nel perseguire l obiettivo di sostenere e

Dettagli

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA Linee guida per LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA 1. Quadro normativo di riferimento Le azioni previste dalle presenti linee guida

Dettagli

All.1) ZONA SOCIALE N. 4

All.1) ZONA SOCIALE N. 4 All.1) ZONA SOCIALE N. 4 AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELL ARTICOLO 7 DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 16 FEBBRAIO 2010 (Disciplina dei servizi e degli interventi a favore della famiglia) CONCERNENTE INTERVENTI

Dettagli

BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d)

BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d) BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d) Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999 e s.m.i; - D.lgs. n. 181/2000,

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

e) all utilizzo di adeguati strumenti di comunicazione plurilingue, anche realizzati per via telematica.

e) all utilizzo di adeguati strumenti di comunicazione plurilingue, anche realizzati per via telematica. BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE AI CENTRI DI AGGREGAZIONE E PER LA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento

Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento ALLEGATO C Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento INDICE 1. Finalità 2. Tipologie di intervento 3. Soggetti beneficiari 4.

Dettagli

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo

Dettagli

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE VETERINARIA. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE VETERINARIA. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE VETERINARIA Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sanita@pec.regione.lombardia.it Tel 02 6765.1 Protocollo H1.2015.0012934

Dettagli

Le risorse finanziarie messe a disposizione per l erogazione dei contributo di cui trattasi è pari a 3.230.000.

Le risorse finanziarie messe a disposizione per l erogazione dei contributo di cui trattasi è pari a 3.230.000. Bando per la concessione di contributi in conto capitale per l installazione di sistemi di contabilizzazione diretta o indiretta della quantità di calore consumata in impianti termici centralizzati e abbinamento

Dettagli

ASILI NIDO E MICRONIDI AZIENDALI

ASILI NIDO E MICRONIDI AZIENDALI ASILI NIDO E MICRONIDI AZIENDALI FINANZIAMENTI REGIONALI DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE VII/12454 del 21.03.2003 Sintesi a cura della Direzione di Progetto Spazio Privati Comune di Milano - Direzione Centrale

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014 128 Bollettino Ufficiale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.u.o. 26 febbraio 2014 - n. 1541 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI Largo C. Felice, 72 09124 Cagliari tel. 070/605121 - sito web: http//www.ca.camcom.it INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 DOTI Inserimento Lavorativo DOTI Autoimprenditorialità AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE,

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ SERVIZIO POLITICHE DI BENESSERE SOCIALE E PARI OPPORTUNITÀ UFFICIO POLITICHE PER LE PERSONE,LE

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio Centro Solidarietà e Sussidiarietà

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014 Avviso pubblico e Regolamento per la concessione di contributi a parziale concorso delle spese di organizzazione di viaggi in provincia di Napoli in periodi di bassa e media stagione Annualità 2014 Delibera

Dettagli

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e Quali sono i possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda di ammissione presentata per il Bando? I possibili motivi che possono

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N.215 21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

Allegato A 3. Richiesta di ammissione al finanziamento

Allegato A 3. Richiesta di ammissione al finanziamento Criteri per la selezione e il finanziamento di progetti per la realizzazione di attività di formazione finalizzate all attuazione di protocolli di intesa in materia di procedure conciliative per la risoluzione

Dettagli

Dispositivo regionale per la sperimentazione di percorsi formativi nella via alta dell apprendistato (seconda fase) Allegato 1

Dispositivo regionale per la sperimentazione di percorsi formativi nella via alta dell apprendistato (seconda fase) Allegato 1 Dispositivo regionale per la sperimentazione di percorsi formativi nella via alta dell apprendistato (seconda fase) Allegato 1 Scheda riassuntiva OGGETTO Dispositivo pubblico per percorsi di alta formazione

Dettagli