MASARYKOVA UNIVERZITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASARYKOVA UNIVERZITA"

Transcript

1 MASARYKOVA UNIVERZITA Filozofická fakulta Ústav románských jazyků a literatur Italský jazyk a literatura Lucie Reiglová Le specificità dell uso della punteggiatura nella lingua dei giornali Vedoucí diplomové práce: PhDr. Jan Pavlík

2 Prohlašuji, že jsem diplomovou práci vypracovala samostatně s využitím uvedených pramenů a literatury.... 2

3 Za odborné vedení diplomové práce, velmi cenné rady a připomínky děkuji PhDr. Janu Pavlíkovi. 3

4 Obsah 1 INTRODUZIONE I LINGUAGGI SETTORIALI IL PROBLEMA DI UNA DENOMINAZIONE LINGUISTICAMENTE CORRETTA LE CARATTERISTICHE DEI LINGUAGGI SPECIALI LINGUAGGI SPECIALI DAL PUNTO DI VISTA DI MANUALI TRADIZIONALI IL LINGUAGGIO GIORNALISTICO STUDIO DELLA TITOLISTICA DIFFERENZIAZIONE GENERALE DEI TITOLI TIPOLOGIA DEI TITOLI L ASPETTO DELLA MODALITÀ DEI TITOLI L ASPETTO DEI TITOLI DAL PUNTO DI VISTA DELLA LORO FUNZIONE COMUNICATIVA L ASPETTO MORFOSINTATTICO DEI TITOLI L ASPETTO TECNICO STRUTTURE MORFOSINTATTICHE DEI TITOLI STILE NOMINALE Avverbi Sintagmi nominali PUNTEGGIATURA L uso della punteggiatura dal punto di vista della sintassi TOPICALIZZAZIONE L uso della punteggiatura dal punto di vista dei costituenti frasali anteposti IL RUOLO DEI SEGNI DI INTERPUNZIONE CONCLUSIONE BIBLIOGRAFIA

5 1 Introduzione Il linguaggio dei giornali costituisce una materia ricchissima per lo studio del linguista; infatti, esso offre un numero infinito di argomenti che si prestano ad essere esaminati in dettaglio. La presente tesi si propone di studiare le specificità del linguaggio giornalistico dal punto di vista della sintassi e, più precisamente, le manifestazioni di tali specificità nella titolistica giornalistica, concentrando la attenzione specialmente sugli usi particolari della punteggiatura. Il lavoro è diviso in sei capitoli. Innanzi tutto, appoggiandoci sulle ricerche in merito, cercheremo di fare una sintesi descrittiva del fenomeno dei linguaggi speciali. La ricerca, spinta dal desiderio di assumere un punto di vista ponderato sulla problematica, è stata preceduta dallo studio delle osservazioni riguardanti la lingua e i vari linguaggi, fornite da commenti e studi provenienti da maggiori linguisti italiani, come per esempio Maurizio Dardano, Michele Cortelazzo o Giacomo Devoto. La maggior parte dei linguisti che si occupano dei linguaggi settoriali, prestano la loro attenzione soprattutto (o esclusivamente) al fenomeno del lessico settoriale presente nelle manifestazioni di tali linguaggi; il nostro obiettivo era di esaminare il livello sintattico. Siccome la nostra intenzione era, tra l altro, quella di dimostrare l importanza dei linguaggi speciali e la rilevanza del loro studio, ci siamo interessati anche del fatto se e in che modo modo vengano esplicate e descritte le specificità di tali linguaggi nelle opere per un pubblico non esperto in linguistica. Avendo trovato notevoli informazioni sulle lingue specialistiche nelle grammatiche tradizionali, abbiamo dimostrato la nostra ipotesi: i linguaggi speciali non costituiscono solo oggetto d interesse degli scienziati ma rappresentano un fenomeno vivo e brioso di cui esistenza sono cosienti tutti. In riferimento allo studio parallelo di due tipi di manuali si mostra utile constatare che, avendo esaminato diverse definizioni trovate nelle grammatiche scolastiche e negli studi linguistici, abbiamo troviamo, in entrambi i tipi, le stesse classificazioni basate sulla preferenza dello studio delle specialità lessicali. 2

6 Noi invece continuiamo a credere che sono proprio le particolarità della sintassi causate dall uso specifico dei segni d interpunzione che rappresentano, secondo noi, uno dei tratti distintivi più importanti del linguaggio giornalistico (e soprattutto della titolistica) che ci autorizzano a classificarlo tra i linguaggi settoriali. Elencati i tratti caratteristici delle lingue specialistiche, comuni a tutte le lingue (come per esempio il lessico adattato alle esigenze del dato orientamento tematico e una sintassi semplificata), verteremo sui tratti specifici proprio per il linguaggio giornalistico l argomento generale della presente tesi. In seguito, prima di entrare nei particolari del nostro studio, ci soffermeremo, nel quarto capitolo, sulla definizione dei titoli come tali, sulle loro differenze e divisioni, aggiungendo indicazioni sulle singole parti della titolatura e sul loro ruolo nel sistema compositivo dei titoli. La parte più rivelante del lavoro, il quinto capitolo, è volta ad evidenziare le specificità delle strutture morfosintattiche caratteristiche per lo stile dei titoli. Prima di studiare i segni d interpunzione ed i loro usi, presenteremo quattro figure sintattiche studiate prevalentemente come manifestazioni della lingua parlata che si possono, in molti casi, identificare con le anormalità sintattiche nei titoli. Poi continueremo con l esposizione di tutti i segni di punteggiatura confrontando i loro usi tipici con quelli che figurano nelle titolature. Nella seconda parte del quinto capitolo, nel nucleo del lavoro, affronteremo l argomento a cui in particolare è stata rivolta l attenzione nella nostra tesi, ossia all uso dei segni di punteggiatura nei titoli giornalistici ed alle anomalie sintattiche che ne risultano. Passando ad una ricerca più accurata, noteremo che i segni di punteggiatura (soprattutto la virgola ed i due punti) possiedono la capacità di sostituire alcuni costrutti della frase creando così frasi ellittiche, prive dunque di un elemento costitutivo; infatti tale elemento viene sostituito dalla punteggiatura. Attraverso queste pagine cerchiamo di presentare un esame approfondito del linguaggio giornalistico. Siccome i linguisti e gli autori di grammatiche preferiscono lo studio 3

7 del lessico specialistico, noi abbiamo optato per il campo sintattico (che rappresenta la seconda parte delle particolarità linguistiche). Parlando della sintassi, troviamo le più significative differenze dalla lingua standard nell ambito dei titoli giornalistici. Quello dei titoli è un mondo indipendente, autonomo rispetto agli articoli e tutelato dal privilegio di non dover rispettare tutte le regole grammaticali della lingua comune. Nonostante ciò molti tratti si ripetono e costituiscono così figure quasi caratteristico del suddetto fenomeno. Nei capitoli seguenti cercheremo di esporre e di esplicare i risultati raggiunti durante la nostra indagine, ponendo l accento soprattutto sul ruolo significativo della punteggiatura nel procedimento della differenziazione tra la lingua standard e le varietà dei linguaggi. 4

8 2 I linguaggi settoriali All inizio del nostro studio, puntato sulle particolarità del linguaggio giornalistico, è opportuno definire alcuni punti fermi da cui partire, per tanto si comincia con la presentazione delle caratteristiche dei linguaggi specialistici in generale. Per tracciare le circostanze della nascita di un importante ramo linguistico, facciamo una menzione sulle origini della ricerca dei linguaggi settoriali e in seguito continuiamo col presentare le caratteristiche dei linguaggi specialistici in generale. Secondo le fonti disponibili lo studio e l analisi delle lingue specialistiche risale all anno 1939, quando uscì il primo numero della rivista «Lingua nostra», la quale rappresentava una novità tra le riviste scientifiche nel campo della linguistica. Fino a quell anno gli studi sulla lingua italiana non erano strettamente orientati. Furono i linguisti Giacomo Devoto e Bruno Migliorini a fondare un periodico che trattava argomenti rigorosamente linguistici. E fu nella suddetta rivista dove vennero pubblicati articoli sui sottocodici scritti da molti linguisti italiani. Si conoscono attualmente molte riviste di questo genere ma il mensile in questione è riuscito a mantenersi il primato e a godere dello statuto di quella più antica e prestigiosa, che ha fatto da battistrada per tutte le altre. 1 Per sintetizzare gli aspetti comuni delle lingue speciali ci permettiamo di citare il linguista Michele Cortelazzo, il cui lavoro ha fornito la materia fondamentale ed essenziale per il presente lavoro. Egli caratterizza le lingue specialistiche come: «una varietà funzionale di una lingua naturale, dipendente da un settore di conoscenze o da una sfera di attività specialistici, utilizzata, nella sua interezza, da un gruppo di parlanti più ristretto della totalità dei parlanti la lingua di cui quella speciale è una varietà, per soddisfare i bisogni comunicativi (in primo luogo quelli referenziali) di quel settore specialistico; la lingua speciale è costituita a livello lessicale da una serie di corrispondenze aggiuntive rispetto a quelle generali e comuni della lìngua e a quello morfosintattico da un insieme di selezioni, ricorrenti con regolarità, all'interno di forme disponibili nella lingua.» 2 1 crf. site/d_page.asp?idpagina=40&section= 2 Cortelazzo M.A. Italienisch: Fachsprachen/Lingue speciali in Holtus G., Metzeltin M., Schmitt Ch., Lexikon der Romanistischen Linguistik (1988, 246) 5

9 Michele Cortelazzo ammette il fatto che nella sua definizione si sente grande affinità con quella di Gaetano Berruto. Possiamo affermare, dunque, che tutti gli studi si basano su informazioni e definizioni simili. Il fatto discordante riguarda la terminologia del fenomeno in questione; sono conosciute molte varietà dei nomi ed ogni linguista opta per un altro. 2.1 Il problema di una denominazione linguisticamente corretta I linguisti non sono unanimi sul termine che colga ed esprima in modo oggettivo la realtà linguistica dei linguaggi specialistici; esistono parallelamente molte varietà. Cortelazzo dichiara scetticamente (ma a giusta ragione) che le differenziazioni terminologiche non vengono accompagnate da una chiara differenziazione definitoria e negli studi (che sono pochi secondo lui) mancano definizioni esplicite delle caregorie usate; «Più spesso si fa implicito riferimento ad un idea intuitiva di lingua speciale». 3 Concentriamoci adesso all esposizione delle varietà di termini e cerchiamo di adottarne uno che corrisponda ai nostri scopi. Volendo stabilire un termine adatto per descrivere il presente oggetto dell interesse, si parte all inizio da tutti i nomi già esistenti, cercando di classificarli dal punto di vista della loro adeguatezza e capacità di tracciare le peculiarità della lingua dei giornali. Prima ci occupiamo del significato della espressione tedesca. Il tedesco ha stabilito, per denominare il fenomeno dei linguaggi che si distinguono per diversi tratti lessicali e morfosintattici, la parola «Fachsprachen». Tale espressione descrive ed aiuta a comprendere in molti casi il suo significato linguistico, ma non include le specificità di tutti i linguaggi specialistici. Nel caso che prendessimo la parola tedesca per un termine adeguato e caratterizzante la realtà linguistica, dovremmo sicuramente (e sbagliatamente), guardando il problema del linguaggio giornalistico e prendendo in considerazione la traduzione tedesca ad litteram, opporci alle definizioni che indicano la lingua dei giornali come una lingua specialistica. Il linguaggio giornalistico non racchiude espressioni appartenenti solamente ad un ramo di mestieri. Per 3 Cortelazzo M. A., Italienisch: Fachsprachen/lingue speciali in Holtus G., Metzeltin M., Schmitt Ch. (a cura di), Lexikon der Romanistischen Linguistik, vol. IV (Italienisch, Korsisch, Sardisch), Tübingen 1988, p

10 concludere questo ragionamento, però, si deve sostenere che «Fachsprachen» non è una denominazione idonea perché non è possibile applicarla a tutti i tipi di linguaggi conosciuti. La lingua dei giornali si ispira, infatti, ai termini dei linguaggi speciali (giuridico, economico, finanziario ecc.) di cui è composta, senza però appartenere a nessuno degli insiemi del lessico della lingua italiana, tracciati dagli scienziati come più significativi. Il lessico giornalistico, essendosi caratterizzato oltre che per i tecnicismi, anche per l uso di pseudotecnicismi, termini colti, arcaismi, latinismi, forestierismi, astrattismi, parole ambigue, neologismi originali, eufemismi, abbreviazioni, sigle ed acronimi, non rappresenta una lingua che possieda specialità di un mestiere, parole appartenenti solamente ad un settore; anzi, a questo punto bisogna notare che il linguaggio giornalistico deve essere capace di cogliere tutti i settori della vita umana ed adoperare svariati termini. In ogni caso si rivela ingiusto escludere il linguaggio giornalistico dalle lingue speciali perché infatti possiede molte specificità linguistiche (che saranno sviluppate nei seguenti capitoli) che lo rendono diverso dalla lingua comune. Una volta accenato al punto controverso tra la denominazione tedesca e la peculiarità del linguaggio giornalistico si procede alla presentazione di altri termini in merito alla denominazione del fenomeno dei linguaggi. Vari linguaggi che si distinguono per diversi tratti dalla lingua comune, possono assumere vari nomi: lingua speciale; lingua o linguaggio specialistico; lingua di mestiere; sottocodice (Dardano 1973, Berruto 1974); linguaggio tecnico; linguaggio speciale (soprattutto nelle sottospecificazioni linguaggio scientifico, linguaggio filosofico, linguaggio sportivo ecc., ma anche linguaggio giornalistico, linguaggio pubblicitario, linguaggio televisivo); linguaggio tecnico (ad es. Parisi 1962); linguaggio settoriale; tecnoletto; microlingua (Balboni 1982) ecc. 4 Più diffuso di tutti gli altri risulta il termine linguaggio settoriale proveniente da Gian Luigi Beccaria a cui si oppone Michele Cortelazzo sostenendo che lingua, rispetto a linguaggio, limita la considerazione al codice verbale (escludendo altri sistemi di codificazione ciò costituisce una denominazione più concreta rispetto a quella del linguaggio); per questo Cortelazzo ha scelto il nome di lingue speciali, sottolineando l avvicinamento di tale termine alle alternative nelle lingue straniere (special languages, 4 Ibid. 7

11 langues de spécialité) contrastato solamente dalle tedesche Fachsprachen. Da questa definizione nasce la necessità di distinguere lingue speciali in senso stretto e lingue speciali in senso lato le quali sono vicine al termine linguaggi settoriali. 5 Per dimostrare l ambiguità terminologica che nasce inevitabilmente con la problematica in questione e coinvolge tanto i linguisti perché nessuna definizione può essere in pieno oggettiva illustriamo l esempio con una citazione sul linguaggio amministrativo del linguista Giuseppe Siracusa: «Il linguaggio amministrativo viene definito come un linguaggio speciale ma sarebbe più opportuno definirlo linguaggio settoriale perché si caratterizza per un lessico appartenente alle altre sfere del sapere: giuridica, economica, finanziaria ecc.» 6 Anche se nel presente brano non si parla proprio del linguaggio giornalistico, si sente il problema del lievissimo margine tra un termine e l altro che dovrebbe includere tutti i tipi di specificità linguistica. Per quanto sia libera la terminologia dei linguaggi bisogna stabilire la differenza tra i sottocodici con un lessico particolare e gli altri termini come linguaggio settoriale ecc. che riteniamo diversi. Dardano sostiene che «sottocodice equivale a linguaggio settoriale» ma aggiunge che «la denominazione sottolinea il rapporto di subordinazione tra il sottocodice e il codice» 7. Grazie questa osservazione si è in grado di affermare che un sottocodice raffigura soltanto una varietà del codice e non possieda delle specialità sostanziali. Dardano, tra l altro, distingue anche i livelli delle lingue speciali, mettendo in rilievo l esistenza di grandi differenze: «I diversi linguaggi settoriali possiedono diversi gradi di specificità, si ritiene per esempio che il linguaggio politico sia meno specifico di quello della medicina.» 8 Comunque, il problema che ci siamo proposti sta nel risolvere la questione d impostazione di un iperonimo che corrisponda nel miglior modo alle funzioni e alle caratteristiche comuni. Siccome noi, nel presente lavoro, adoperiamo il termine linguaggio giornalistico, si presta idoneo scegliere il termine di linguaggi settoriali e linguaggi specialistici. 5 Dardano, M. Il linguaggio dei giornali italiani. Bari: Laterza Dardano, M. etrifone, P. Grammatica italiana con nozioni di linguistica. Bologna: Zanichelli, Ibid. 8

12 2.2 Le caratteristiche dei linguaggi speciali Il ruolo del protagonista che assume le caratteristiche generali di tutti i linguaggi specialistici viene spesso attribuito al linguaggio tecnico-scientifico: esso costituisce un accostamento di connotati comuni a tutti i sottocodici. Si mostra lecito affermare che i tratti distintivi tra la lingua standard e i linguaggi si concentrano proprio nel linguaggio tecnicoscientifico. Prendendo spunto dalle opinioni dei linguisti più diffuse e dalle informazioni più frequentemente presentate nelle grammatiche della lingua italiana, si possono definire, seppur in modo schematico, le principali qualità discriminanti dei linguaggi peculiari; si vedrà che una di tali caratteristiche, comune a tutte le lingue specialistiche, viene rappresentata dalle peculiarità del lessico. Tutti i linguaggi utilizzano, rispetto alla lingua comune, dei segni aggiuntivi 9 per poter denominare le realtà del loro settore. Per esempio, studiando le varie analisi del linguaggio tecnico-scientifico, considerato come un rappresentante tipico dei linguaggi settoriali, arriviamo alla conclusione che tale linguaggio deve rispondere all esigenza di denominare nuovi prodotti ed oggetti non percepibili e non denominabili da non specialisti (con termini specialistici, più analitici e monoreferenziali rispetto alla lingua standard). Per molti linguaggi anche per quello giornalistico sono tipiche le neoformazioni (spinte dal desiderio di denominare nuove realtà) di parole delle lingue standard; tali strutture nascono dal collegamento di svariati affissi (prefissi, suffissi e suffissoidi ). In tutti i linguaggi un ruolo importante viene provveduto dagli anglicismi, i prestiti dalla lingua inglese i quali vengono chiamati una volta forestierismi l altra internazionalismi; ciò dipende dal livello della loro divulgazione. Una delle caratteristiche molto importanti, un tratto caratteristico tra l altro del linguaggio giornalistico, sta nell uso di sigle e acronimi le cui parti sono non raramente formate proprio dalle espressioni inglesi. «[...] perplessità che ogni giorno prova il lettore trovando nelle colonne del giornale termini sempre nuovi e spesso di 9 9

13 oscuro significato, almeno al primo incontro.» 10. L autore 11 nello stesso tempo ammette che non è possibile afferrare tutto, perché: «Nessun linguaggio subisce trasformazioni così rapide quanto quello giornalistico.» e aggiunge che: «Un cenno a parte meritano le sigle. Quello delle sigle è un mondo mutevole a ogni battito d orologio e sconfinato come un oceano.» 12 Procedendo la rassegna delle specificità dei linguaggi, giungiamo al sistema della sintassi che può essere definito, nell ambito di tutti i linguaggi settoriali, con delle caratteristiche prevalentemente comuni ad ognuno di essi. Tra le principali qualità speciali riteniamo necessario menzionare il cambio dei sintagmi verbali in quelli nominali, la cosiddetta nominalizzazione. La sostituzione dei verbi, o il loro uso in forme incomplete, impedisce all espressione delle informazioni su tempi, modi e persone verbali. Si preferiscono le forme indicative, coordinate e impersonali. La sintassi segue l unico traguardo che sta nell economia del testo. L importanza dei verbi sta decrescendo e le proposizioni, che descrivono oggetti e fenomeni da un punto di vista impersonale e generalizzabile, sono intenzionalmente desoggettivizzate 13. Per quanto riguarda la struttura testuale, analizzando i due tipi di linguaggi specialistici linguaggio giornalistico (oggetto del nostro lavoro) e linguaggio tecnicoscientifico (considerato il più tipico rappresentante dei sottocodici) è indispensabile constatare la loro diversità.gli articoli giornalistici, data anche la loro lunghezza, non sono organizzati con troppa rigidità. A volte infatti coincidono con lo stile letterario 14 ma il loro ruolo principale è di rappresentare testi solamente informativi. Maria Luisa Altieri Biagi dice a proposito: «Articoli giornalistici che si limitino a riferire fatti ed avvenimenti (senza commentarli o interpretarli) sono informativi [...] Anche se alcuni testi giornalistici hanno registro narrativo, non possiedono una trama e si limitano sempre a portare delle informazioni» 15. L affermazione documenta il fatto che negli articoli giornalistici si possono 10 Fucci,F. Dizionario del linguggio giornalistico. Milano: Ceschina, F. Fucci: l autore del Dizionario del linguaggio giornalistico, cerca di dare esplicazioni di parole non conosciute a tutti, che vengono adoperate dai giornalisti. 12 Ibid Prendiamo in considerazione tutti gli articoli, non soltanto quelli di prima pagina e cronaca. 15 Altieri Biagi, M. L. La grammatica dal testo : grammatica italiana e testi per le scuole medie superiori. Milano: Mursia,

14 trovare difatti delle sfumature letterarie ma l autore nello stesso tempo aggiunge che i giornalisti non hanno a disposizione mezzi stilistici da poter paragonarsi con gli scrittori di narrativa. Continuando l analisi delle specificità del linguaggio in oggetto, si può menzionare altrettanto la persuasiva di alcuni articoli giornalistici; sia negli argomenti politici sia in quelli sportivi o anche culturali sentiamo spesso l opinione di chi scrive. I testi tecnico-scientifici, al contrario, non vengono mai considerati persuasivi ma argomentativi, perché le opinioni degli autori richiedono essere confermate proprio sulla argomentazione. Per poter concludere questo argomento si deve ammettere il fatto che anche in alcuni articoli giornalistici con l eccezione di quelli di prima pagina, considerati i maggiori rappresentanti dello stile giornalistico, bensì in vari commenti che «discutono e invitano alla discussione» 16 si possono trovare brani di tipo argomentativo, che però non parlano mai di argomenti basati sulle conoscenze, anzi sono affermazioni basate sulle proprie esperienze che variano di persona in persona e dunque rappresentano piuttosto un opinione. 2.3 Linguaggi speciali dal punto di vista di manuali tradizionali L educazione linguistica rappresenta un argomento notevolmente discusso ed i linguisti in collaborazione con i docenti d italiano cercano continualmente di innovare le pratiche didattiche e di migliorare il sistema dell apprendimento della lingua italiana. «Giova ricordare che proprio Chomsky ha espressamente avvertito che altro è una grammatica linguistica, cioè scientifica, e altro è una grammatica scolastica, redatta a fini pedagogici, per realizzare processi di apprendimento e di maturazione comunicativa.» 17 In relazione all opinione di Chomsky, partendo dalla sua definizione, possiamo giungere alle riflessioni sull importanza di linguaggi settoriali. La loro rilevanza in questo caso discende proprio dal fatto che le menzioni di essi si trovano in tutte le grammatiche, 16 Altieri Biaggi, M. L. La grammatica dal testo : grammatica italiana e testi per le scuole medie superiori. Milano: Mursia, Tommasino, W. in Progetto speciale lingue e linguaggi a cura di Marilena Nalesso Diana. IRRSAE-FVG, Friuli-Venezia Giulia, 1992, p

15 anche in quelle scolastiche ritenute «redatte ai fini pedagogici» e diverse da quelle scientifiche ciò sostiene la nostra opinione sull importanza dello studio di essi. È interessante accorgersi che proprio nella Grammatica italiana di Bruno Migliorini, uno dei fondatori della ricerca linguistica, non abbiamo trovato nessuna menzione sulle lingue speciali. Migliorini presenta in questa opera solamente le regole grammaticali, vari idiomi e nell appendice scarse informazioni sui versi, senza ricordare altro. Altri autori invece hanno un atteggiamento diverso. Umberto Panozzo e Domenico Greco definiscono il linguaggio specialistico in generale come: «[...] è la capacità, la facoltà di comunicare e rappresentare a sé stessi la propria realtà interiore ed esteriore.». Rispetto al linguaggio giornalistico gli autori avvertono dell abuso delle sigle e acronimi che non sono facilmente decifrabili per tutti e possono rendere il messaggio incomprensibile. Maria Luisa Altieri Biagi vede il termine di linguaggio in: «capacità di formulare e trasmettere ad altri il pensiero usando i suoni articolati dalla voce», la lingua: «è prodotto storico di quella capacità» e si serve della parola sottocodici per denominarlo. Prende lo spunto dalla lingua comune come rappresentante di un codice standard e tutto quello che sembra diverso dallo standard, sia definito un sottocodice. Elena Pugliese Giachino formula la definizione: «Linguaggio - complesso di suoni variamente combinati in modo da formare le parole.» con una caratteristica: «[...] frasi modellate, abbandono di certi nessi funzionali[...]», «[...] servono a snellire e a rendere più chiaro, più vivo e più spontaneo il discorso.» 18. Maurizio Dardano e Pietro Trifone sono autori del manuale più importante per la nostra ricerca, Grammatica italiana con nozioni di linguistica, che dedica sufficiente spazio all argomento della linguistica, alla definizione della lingua, al linguaggio ed anche dei linguaggi settoriali. L esplicazione delle varietà linguistiche comincia con il termine sottocodici che è caratterizzato come «varietà del codice che ai dati di base del codice 18 Giachino, E. Il sistema linguistico degli italiani : Nozioni di grammatica descrittiva e storica della lingua italiana. Torino: Edisco,

16 aggiungono dei dati particolari che si riferiscono ad un determinato settore di attività culturale e sociale». Abbiamo accennato prima che Dardano considera i sottocodici equivalenti ai linguaggi settoriali ma sottocodice dimostra secondo lui una più grande subordinanza al codice rispetto ai linguaggi. Per quanto riguarda lo stesso linguaggio giornalistico, esso viene ricordato in rapporto con lo stile nominale nei titoli dei giornali; gli autori sostengono allora la stessa opinione come noi, che la titolistica è considerata un tratto importantissimo del linguaggio giornalistico. Il sistema dei titoli, nel tentativo di attirare l attenzione del lettore e di risparmiare il posto, diventa il maggior rappresentatne delle specificità del linguaggio giornalistico.. 13

17 3 Il linguaggio giornalistico Nel capitolo precedente sono state interpretate le caratteristiche più generali delle lingue speciali sia dal punto della vista di linguistica scientifica sia da quello delle definizioni dei linguaggi, presenti in altri testi descrittivi. A questo punto risulta indispensabile limitare la nostra ricerca su di un tipo tra i linguaggi specialistici. Ci concentriamo sul linguaggio giornalistico che, pur essendo descritto come un linguaggio «debole» 19, merita di essere studiato; nel presente capitolo cerchiamo di dimostrare l importanza di tale studio e di dissipare i possibili dubbi in merito. Per riassumere che cosa si intende con il termine di linguaggio in generale presentiamo una, secondo noi, adeguata definizione (anche se ogni linguista chiama e descrive il fenomeno di codici specializzati in modo diverso) di Elena Pugliese Giachino. Ella descrive il fenomeno linguistico in questione come: «codici subordinati al codice generale della lingua, i quali però non prescindono dalle regole generali della lingua stessa, ma utilizzano una serie di elementi in più che non vengono adoperati nella comune conversazione.» 20 Quantunque il linguaggio giornalistico venga collocato spesso al margine di quello che tradizionalmente chiamiamo linguaggio speciale ed alcuni infine dubitano se sia giusto includerlo in questa definizione, la nostra opinione, fondata sulle definizioni linguistiche e sull indagine propria, conta la lingua dei giornali tra i rappresentanti dei linguaggi specialistici; comunque era già espresso nei capitoli precedenti che una volta studiate le definizioni sul linguaggio si può affermare con sicurezza che l appartenenza della lingua dei giornali tra i linguaggi speciali rappresenta un fatto indiscutibile. 19 Dardano in Grammatica italiana : con nozioni di linguistica. Bologna: Zanichelli, 1983 distingue tra lingue settoriali organizzate in tassonomie e campi nozionali forti (come la lingua della botanica, della zoologia, della chimica, della medicina) e quelle con organizzazione lessicale meno strutturata o debole (come il linguaggio marinaresco, quello burocratico e quello giuridico) 20 Giachino Pugliese, E. Il sistema linguistico degli italiani: Nozioni di grammatica descrittiva e storica della lingua italiana. Torino: Edisco,

18 Il linguaggio giornalistico si distingue dalla lingua comune in tutti i settori menzionati nei capitoli precedenti. Confrontando le specificità definite sopra con quelle della lingua dei giornali possiamo constatare che essa non possiede un lessico speciale che sia indecifrabile al vasto pubblico, cioè un lessico arricchito di parole sconosciute tipiche soltanto per il suddetto settore o termini tecnici. Anzi, la prosa giornalistica viene mutata da fonti esterne dal lessico di tutti i linguaggi settoriali ed aiuta così a diffondere i loro termini, ugualmente come gli anglicismi ricorrenti molto spesso in tutti i periodici; infatti essa può essere chiamata un linguaggio di riuso 21 oppure linguaggio riciclato, perché cumula in sé elementi di diversi tipi di lingua. Un altra specificità del lessico della stampa sta nel rispondere alle esigenze di una espressività superiore a quella abituale della lingua comune. La specialità che discosta il linguaggio dalla lingua comune e lo inserisce tra le lingue speciali considerando le varietà del lessico per un tratto «d obbligo» è il campo della sintassi. «Negli ultimi anni si è insistito sull impossibilità di ricondurre le lingue speciali al solo lessico «le lingue speciali senza l inclusione della sintassi non sarebbero delle lingue, ma solo un assemblaggio di termini». 22 Nell ambito della sintassi si realizza una grande semplificazione, e sono proprio lo stile nominale e quello ellittico ad essere considerati i tipici rappresentanti del linguaggio giornalistico. I mutamenti nel campo della sintassi vengono sviluppati in modo più dettagliato nei capitoli seguenti dove si parlerà del sistema dei titoli in cui s incontrano le modifiche più visibili. Lo stile nominale, in particolare nelle titolature, porta il duplice vantaggio 1) di essere più sintetico senza troppe descrizioni 2) e di economizzare lo spazio che nei giornali suole essere limitato. Volendo identificare una delle competenze giornalistiche più importanti (in base allo studio di alcuni testi prescrittivi), dobbiamo constatare che tale abilità sta nella capacità di descrivere. Gli autori degli articoli devono portare le notizie ed informare i lettori in modo 21 Dardano, M. e Puoti, A. Conseguenze testuali e rilevanza pragmatica di alcuni tipi di nominalizzazione presenti nella stampa e nel sommario dei telegiornali di oggi. Università di Roma Tre 22 Fluck 1980 in Dardano, M. Il linguaggio dei giornali italiani. Bari: Laterza

19 intelligente e colto avendo a disposizione uno spazio limitato per esprimersi liberamente; una delle qualità più difficili è sapere ben ordinare i fatti e presentarli in modo attraente. Se parliamo della capacità di scrivere e di descrivere conviene ammettere che questo è il compito (o almeno dovrebbe essere) di tutti gli scrittori; la differenza sta nella necessità di dover affrontare, dalla parte degli scrittori della stampa, la esigenza di economia del testo che causa una maggiore difficoltà nel creare gli articoli inclusi i titoli giornalistici di qualsiasi altra opera letteraria. Proprio in questa realtà si può trovare il punto di nascita di molte strutture prefabbricate o di clichés che caratterizzanno la lingua della stampa soprattutto dal punto di vista del lessico, perché con tutta l espressività che gli autori cercano di produrre, il compito della stampa è limitato ad informare in breve il lettore e risulta chiaro che nello stile giornalistico si manifesta la tendenza ad esprimersi in modo generalizzato. Per queste ragioni le parole chiave negli studi sul giornalismo sono soprattutto l automaticità ed il tentativo di evitarla. Il linguaggio della stampa si limita più o meno a due stili, quello informativo che porta le informazioni e quello saggistico che possiede una funzione apellativa o persuasiva; per quanto riguarda il lato impressionistico o belletristico, essi sono abbastanza emarginati, perché intralcerebbero il compito essenziale della stampa che viene rappresentato, oltre dal divertimento e l intrattenimento (che non si possono negare), soprattutto dalla volontà di fornire le notizie e spiegazioni. Il presente lavoro verte infatti sull analisi del piano sintattico del linguaggio giornalistico; sulla base della ricerca si è deciso di focalizzare l attenzione solamente sui titoli giornalistici sapendo che sono essi ad accumulare in sè stessi le maggiori particolarità morfosintattiche attribuite alla stampa in generale. Prima di eseguire lo studio della lingua dei giornali, era necessario fare una selezione dei quotidiani. È importante distinguere tra quotidiani a diffusione nazionale e locale: tale distinzione riguarda sia le modalità di diffusione, sia i contenuti. Il primo riporta notizie che riguardano o che sono di interesse per l intero paese, pur non trascurando, in poche apposite pagine, l informazione locale. Il secondo invece privilegia gli avvenimenti del luogo e riporta eventualmente fatti nazionali che hanno ricadute locali. Esite poi un ulteriore distinzione tra quotidiani specialistici, che trattano esclusivamente notizie di un particolare settore (come La 16

20 Gazzetta dello Sport) e quotidiani generalisti, che invece riportano notizie su vari settori della vita sociale come Corriere della Sera, La Repubblica. 23 Noi abbiamo optato per due testate a diffusione nazionale, particolarmente rappresentativi: Il Corriere della Sera e LaRepubblica. La maggior parte erano versioni cartacee, raccolte nel corso degli anni 2005 e Per approfondire ed aricchire i campioni, ma anche per paragonare il livello sintattico, ci hanno servito ancora altri numeri delle stesse testate trovati sull internet sulle pagine originali: «www.corriere.it» e «www.repubblica.it»

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B.

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Servizio Linguistico di Ateneo SeLdA L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Silvia Gilardoni Università Cattolica

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 In progress Febbraio 2007 Il salto tecnologico e la crisi dei media tradizionali I media sono in crisi? È una domanda più che

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli