COMUNE DI CAPO D ORLANDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CAPO D ORLANDO"

Transcript

1 COMUNE DI CAPO D ORLANDO REGOLAMENTO DI EDILIZIA CIMITERIALE Approvato con delibera C.C. n. 28 del 30/07/2007 Art. 1 Premesse Il Comune di Capo D Orlando di recente ha provveduto a realizzare le opere di urbanizzazione dell ampliamento del Cimitero Comunale, approvato con Decreto Assessoriale n 618/97. Successivamente alla realizzazione di tali opere, l Ente ha provveduto a dotarsi di Regolamento per le Concessioni Cimiteriali approvato con Delibera del Commissario Straordinario n 25 del , assunti i poteri del Consiglio Comunale, e successivamente integrato e modificato con Delibera di Consiglio Comunale n 17 del 16 novembre Per consentire agli Uffici preposti di dare piena attuazione a quanto previsto dall Art. 15 di detto Regolamento si rende necessario predisporre idonee norme che regolano le tipologie edilizie e i criteri di costruzione da parte dei concessionari di aree. Nel redigere il presente Regolamento si sono tenute presente le norme contenute nel Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R. n 285 del 10 settembre 1990 e della circolare esplicativa del Ministero della Sanità n 24 del 24 giugno Art. 2 Previsioni Progettuali Le norme del presente regolamento si attuano limitatamente alle nuove costruzioni previste nell ampliamento del cimitero Lato Est, e non anche alle altre parti del vecchio cimitero. La nuova area cimiteriale è stata suddivisa in undici campi identificati con le seguenti lettere e con le relative destinazioni: Campo A campo per la costruzione di sepolture private a tumulazione individuale; Campo B campo per la costruzione di sepolture private a tumulazione per famiglie o collettività; Campo C campo per la costruzione di sepolture private a tumulazione individuale; Campo D campo per la costruzione di sepolture private a tumulazione, individuale, per famiglie o collettività; Campo E campo per la costruzione di sepolture private a tumulazione per famiglie o collettività, Cappelle a 8 posti;

2 Campo F campo per la costruzione di sepolture private a tumulazione per famiglie o collettività, Cappelle a 8 posti; Campo G campo per la costruzione di sepolture private a tumulazione per famiglie o collettività, Cappelle a 12 posti; Campo H campo per la costruzione di sepolture private a tumulazione per famiglie o collettività, Cappelle a 12 posti; Campo I campo per la costruzione di sepolture a tumulazione individuale, Loculi a Buco ed a Specchio; Campo L campo per la costruzione di sepolture a tumulazione individuale, Loculi a Buco ed a Specchio; Campo M campo per la costruzione di sepolture a tumulazione individuale, Loculi a Buco ed a Specchio; Campo N campo per la costruzione di sepolture a tumulazione individuale, Loculi a Buco ed a Specchio; Oltre ai sopradetti campi è prevista un area adibita a servizi, secondo quanto previsto dagli art. 64, art. 65 e art. 66 del Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990, n 285, nella quale sono ubicati le previsioni di: Camera Mortuaria Sala Osservazione Sala Autopsia Sala Medico Ufficio Custode Nei campi A, B, C, D, E, F, G, H, ove sono ubicate le aree da concedere ai privati secondo quanto previsto nel Regolamento approvato con Delibera di C.C. n 17/2006, per la costruzione dei relativi manufatti ci si deve attenere alle prescrizioni contenute nelle presente norme. Per quanto attiene invece i campi I, L, M, N, oltre agli spazi previsti negli altri campi soggetti a costruzione di Loculi, gli stessi verranno di volta in volta progettati da tecnici incaricati dalla Amministrazione Comunale, secondo le direttive loro impartite e le modalità costruttive previste dalle norme in vigore e conformemente a quanto già realizzato nell adiacente cimitero.

3 Per quanto attiene quindi la realizzazione di manufatti nelle aree concesse ai privati, sono state previste le seguenti tipologie costruttive: 1) Tombe basse singole; 2) Tombe basse doppie; 3) Tombe basse sovrapposte a quattro o sei posti 4) Cappelle private a otto posti; 5) Cappelle private a dodici posti; La realizzazione dei sopradetti manufatti deve essere realizzata secondo gli allineamenti planialtimetrici previste nelle tavole progettuali allegate alle presenti norme e secondo le tipologie costruttive che tengono conto dell ingombro delimitato nei medesimi elaborati. Si prevede altresì l utilizzo di manufatti prefabbricati nella realizzazione delle sopradette tipologie di sepoltura, ove la stessa si ritiene più conveniente sia per le modalità costruttive che per quelle economiche, sempre che le stesse vengano realizzate nei limiti d ingombro prefissate. Per ottemperare a quanto previsto dall art. 54 comma 2 del D.P.R. n 285/1990 e nel contempo facilitare la lettura del presente regolamento sono state redatti degli elaborati grafici consistenti nelle seguenti tavole: Tav. n 1 Planimetria Generale; Tav. n 2 Planimetria Lotto A C Tav. n 3 Planimetria Lotto B D Tav. n 4 Planimetria Lotto E G Tav. n 5 Planimetria Lotto F H Tav. n 6 Tipologia Costruttiva Tav. n 7 Tipologia Costruttiva A norma del predetto 2 comma art. 54 D.P.R. n 285/1990 tali elaborati planimetrici vanno aggiornati ogni 5 anni o quando siano creati nuovi cimiteri o siano soppressi quelli vecchi o quando a quelli esistenti siano state apportate modifiche ed ampliamenti. Art. 3 Tombe Basse Singole

4 Questa tipologia di sepoltura è prevista la realizzazione sia nel Campo A che nel Campo C oltre alla fila del campo D numerata dal n 31 al n 41. Le sepolture a tombe basse singole vanno realizzate secondo il sistema costruttivo illustrato nella tav. n 6 Tipologie Costruttive e realizzate secondo gli allineamenti planimetrici previsti nella tav. n 2, che al momento dell inizio dei lavori, il tecnico responsabile dell area cimiteriale, avrà cura di delimitare a richiesta del concessionario dell area. Le strutture portanti della tomba saranno composte da una idonea piastra di fondazione in c.a., su cui poggeranno le pareti laterali dello spessore di cm. 30 composte da mattoni pieni o in alternativa con blocchi di sabbia e cemento semipieni aventi le stesse caratteristiche portanti del muro a mattoni pieni. Su tali muri laterali verrà realizzata una solettina dello spessore minimo di cm. 10 composta da elementi in laterizio con sovrastante caldana di conglomerato cementizio. In alternativa alla muratura portante laterale in mattoni pieni o in blocchi di sabbia e cemento semipieni è possibile utilizzare delle paretine in conglomerato cementizio armato dello spessore minimo di cm. 15, tale da realizzare un maggior spazio interno a parità di area concessa Su tale opera a sua volta verrà disposto il copritomba e la lapide in marmo o granito secondo le caratteristiche di cui al successivo art. 6 e a scelta del concessionario la tomba può esser completata con elementi decorativi sacri che devono essere indicati negli elaborati progettuali allegati alla richiesta di Autorizzazione per la costruzione della tomba. Art. 4 Tombe Basse Doppia Questa tipologia di sepoltura è prevista la realizzazione sia nel Campo A che nel Campo C qualora il concessionario dell Area sarà composto da due unità (per es. marito e moglie, ect.) Le sepolture a tombe basse doppie vanno realizzate secondo il sistema costruttivo illustrato nella tav. n 6 Tipologie Costruttive e realizzate secondo gli allineamenti planimetrici previsti nella tav. n 2, che al momento dell inizio dei lavori, il tecnico responsabile dell area cimiteriale, avrà cura di delimitare a richiesta del concessionario dell area. Le strutture portanti della tomba saranno composte da una idonea piastra di fondazione in c.a., su cui poggeranno le pareti laterali dello spessore di cm. 30 composte da mattoni pieni o in alternativa con blocchi di sabbia e cemento semipieni aventi le stesse caratteristiche portanti del muro a mattoni pieni. In alternativa alla muratura portante laterale in mattoni pieni o in blocchi di sabbia e cemento semipieni è possibile utilizzare delle paretine in conglomerato cementizio armato dello spessore minimo di cm. 15, tale da realizzare un maggior spazio interno a parità di area concessa

5 Su tali muri laterali verrà realizzata una solettina dello spessore minimo di cm. 12 in cemento armato su cui verrà praticata un idonea apertura centrale aventi una luce minima di cm. 110 * 230, che permetterà sia la tumulazione che l eventuale estumulazione in maniera singola ed autonoma. I due alloggiamenti a loro volta saranno singolarmente sigillati con un idonea fila di mattoni pieni ad una testa. Su tale opera a sua volta verrà disposto il copritomba e la lapide, in marmo o granito secondo le caratteristiche di cui al successivo art. 6 e a scelta del concessionario la tomba può esser completata con elementi decorativi sacri che devono essere indicati negli elaborati progettuali allegati alla richiesta di Autorizzazione per la costruzione della tomba. Art. 5 Tombe Sovrapposta Doppia Questa tipologia di sepoltura è prevista la realizzazione sia nel Campo B che nel Campo D per consentire un migliore utilizzazione degli spazi nel caso di sepolture multiple. Le sepolture a tombe sovrapposta doppie vanno realizzate secondo il sistema costruttivo illustrato nella tav. n 6 Tipologie Costruttive e realizzate secondo gli allineamenti planimetrici previsti nella tav. n 3, che al momento dell inizio dei lavori, il tecnico responsabile dell area cimiteriale, avrà cura di delimitare a richiesta del concessionario dell area. Le strutture portanti della tomba saranno composte da una idonea piastra di fondazione in c.a., su cui poggeranno le pareti laterali dello spessore di cm. 30 composte da mattoni pieni o in alternativa con blocchi di sabbia e cemento semipieni aventi le stesse caratteristiche portanti del muro a mattoni pieni. In alternativa alla muratura portante laterale in mattoni pieni o in blocchi di sabbia e cemento semipieni è possibile utilizzare delle paretine in conglomerato cementizio armato dello spessore minimo di cm. 15, tale da realizzare un maggior spazio interno a parità di area concessa Su tali muri laterali verrà realizzata una solettina dello spessore minimo di cm. 12 in cemento armato su cui verrà praticata un idonea apertura centrale aventi una luce minima di cm. 110 * 230, che permetterà sia la tumulazione che l eventuale estumulazione in maniera singola ed autonoma. I quattro alloggiamenti a loro volta saranno singolarmente sigillati con un idonea fila di mattoni pieni ad una testa. Su tale opera a sua volta verrà disposto il copritomba e la lapide, in marmo o granito secondo le caratteristiche di cui al successivo art. 6 e a scelta del concessionario la tomba può esser completata con elementi decorativi sacri che devono essere indicati negli elaborati progettuali allegati alla richiesta di Autorizzazione per la costruzione della tomba. Art. 6 Copritomba e lapidi Per ottenere un aspetto uniforme dei campi di tumulazione in cui verranno edificate le tombe su aree concesse ai privati, gli stessi, durante la fase di progettazione della tomba dovranno indicare in relazione le

6 specifiche dei marmi e/o dei graniti che verranno utilizzati per la realizzazione dei copritomba e delle sovrastante lapide. In ogni caso dovranno essere usati materiali lapidei di colore chiaro, non essendo consentito assolutamente l utilizzo di graniti o marmi cromaticamente carichi e neri. La sporgenza dei copritomba rispetto alle murature esterne deve essere ridotta al minimo indispensabile, solamente per garantire l antigocciolamento ed in ogni caso deve essere allineata con le altre tombe limitrofe e che lo spazio rimanente tra due tombe limitrofe non sia inferiore a cm. 55. Le lapidi soprastanti al copritomba non devono superare l altezza complessiva dal piano campagna di mt. 1,60, le stesse hanno lo scopo di abbellire architettonicamente il monumento funereo in maniera sobria e consona al decoro a cui sono adibite. Art. 7 Cappelle a otto posti Tali tipi di manufatti cimiteriali sono previsti da realizzarsi nei settori E ed F. Gli edifici dovranno essere realizzati secondo il sistema costruttivo illustrato nella tav. n 7 - Tipologie Costruttive e realizzate secondo gli allineamenti planimetrici previsti nella tav. n 4 e tav. n 5 e che al momento dell inizio dei lavori, il tecnico responsabile dell area cimiteriale, avrà cura di delimitare a richiesta del concessionario dell area. La tipologia costruttiva di tali manufatti può essere scelta dal concessionario dell area su cui dovrà sorgere l immobile, nel rispetto delle seguenti previsioni: a) Devono essere rispettati le misure dell involucro plani-altimetrico dell edificio, nei limiti delle misure riportate nella tav. 7 tipologie costruttive allegate al presente regolamento; b) I materiali e le dimensioni utilizzati nella realizzazione delle strutture portanti devono essere conformi sia alle norme di igiene mortuaria contenute nel D.P.R. n 285/1990, che alle norme inerenti il rispetto della staticità sismica secondo quanto previsto dalle norme dettate dalla Legge n 64/74 e s.m.i.; c) Devono essere rispettati gli allineamenti previsti in ogni singolo comparto del campo di appartenenza, secondo lo schema riportato nell allegata tav. 1 Planimetria Generale; Gli elementi di decoro esterno del manufatto devono rispettare le scelte di essere consone alla destinazione a cui sono adibiti ed in ogni caso dovranno essere usati materiali lapidei di colore chiaro, non essendo consentito assolutamente l utilizzo di graniti o marmi cromaticamente carichi e neri.

7 Le scelte progettuali inerenti sia la tipologia costruttiva che gli elementi di decoro vanno specificatamente dettagliati in una opportuna relazione tecnica allegata al progetto di richiesta della preliminare autorizzazione edilizia. Art. 8 Cappelle a dodici posti Tali tipi di manufatti cimiteriali sono previsti da realizzarsi nei settori G ed H. Gli edifici dovranno essere realizzati secondo il sistema costruttivo illustrato nella tav. n 7 Tipologie Costruttive e realizzate secondo gli allineamenti planimetrici previsti nella tav. n 4 tav. n 5 e che al momento dell inizio dei lavori, il tecnico responsabile dell area cimiteriale, avrà cura di delimitare a richiesta del concessionario dell area. La tipologia costruttiva di tali manufatti può essere scelta dal concessionario dell area su cui dovrà sorgere l immobile, nel rispetto delle seguenti previsioni: a) Devono essere rispettati le misure dell involucro plani-altimetrico dell edificio, nei limiti delle misure riportate nella tav. 7 tipologie costruttive allegate al presente regolamento; b) I materiali e le dimensioni utilizzati nella realizzazione delle strutture portanti devono essere conformi sia alle norme di igiene mortuaria contenute nel D.P.R. n 285/1990, che alle norme inerenti il rispetto della staticità sismica secondo quanto previsto dalle norme dettate dalla Legge n 64/74 e s.m.i.; c) Devono essere rispettati gli allineamenti previsti in ogni singolo comparto del campo di appartenenza, secondo lo schema riportato nell allegata tav. 1 Planimetria Generale; Gli elementi di decoro esterno del manufatto devono rispettare le scelte di essere consone alla destinazione a cui sono adibiti ed in ogni caso dovranno essere usati materiali lapidei di colore chiaro, non essendo consentito assolutamente l utilizzo di graniti o marmi cromaticamente carichi e neri. Le scelte progettuali inerenti sia la tipologia costruttiva che gli elementi di decoro vanno specificatamente dettagliati in una opportuna relazione tecnica allegata al progetto di richiesta della preliminare autorizzazione edilizia. Art. 9 Loculi a Buco e a Specchio Tali manufatti sono realizzati su progetto redatto a cura e spese dell Amministrazione Comunale e sono di norma costruiti dal Comune e quindi dati in concessione secondo le norme stabilite nel Regolamento per le Concessioni Cimiteriali approvato con Delibera del Commissario Straordinario n 25 del , e integrato e modificato con Delibera di Consiglio Comunale n 17 del 16 novembre Le aree su cui devono insistere tali tipi di manufatti possono essere concesse a Confraternite, Associazioni, Società, le quali

8 provvederanno a loro cura e spese a realizzare tali tipi di manufatti, secondo gli allineamenti e le caratteristiche costruttive previste nei progetti redatti dai tecnici incaricati dall Amministrazione Comunale. I progettisti incaricati dall Amministrazione Comunale per la realizzazione dei manufatti in cui verranno allocate i Loculi di tipo a Buco e/o a Specchio sia per adulti che per bambini, devono attenersi alle norme previste nel Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R. n 285 del 10 settembre 1990 e della circolare esplicativa del Ministero della Sanità n 24 del 24 giugno 1993, ed inoltre devono rispettare sia gli allineamenti che le dimensioni plani-volumetriche dei manufatti già realizzati. Eventuali deroghe a tali tipi di manufatti sia come tipologia edilizia, sia per quanto attiene la loro altezza, che le loro dimensioni in pianta, nonché i tipi di manufatti da realizzare, devono essere preventivamente autorizzate dall Amministrazione Comunale con preciso atto di indirizzo durante il conferimento dell incarico di progettazione. Le Confraternite, le Associazioni e le Società, assegnatarie di Aree su cui dovranno edificare i manufatti per la realizzazione dei loculi, dovranno attenersi scrupolosamente alle prescrizioni progettuali sia per le dimensioni dei loculi, sia per le tipologie costruttive dei manufatti, nonché delle rifiniture previste per tali tipi di sepoltura. Nella realizzazione di tale opere i progettisti incaricati dalle Confraternite, le Associazioni e le società, dovranno altresì tenere conto, nella fase progettuale, della tipologia delle rifiniture da utilizzare per decorare tali tipi di manufatti, per cui nella scelta dei rifasci in marmo per i loculi, sia a specchio che a buco, si dovranno utilizzare marmo bianco di Carrara o similare. A loro volta i privati, a cui verrà concesso l uso del Loculo per il loro congiunto defunto, nella scelta della lapide si dovrà uniformare con la stessa tipologia di marmo con cui verranno realizzati i rifasci. Conseguentemente le Associazioni, le Confraternite e le Società si dovranno attenere alle stesse norme per la scelta delle rifiniture dei loculi che gli stessi dovranno erigere. Art. 10 Altri Manufatti Per quanto attiene la costruzione di altri manufatti, necessari secondo quanto previsto dal Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R. n 285 del 10 settembre 1990 e della circolare esplicativa del Ministero della Sanità n 24 del 24 giugno 1993, Camera Mortuaria, Sala Osservazione, Sala Autopsia, Sala Medico, Ufficio Custode ed eventualmente altri manufatti di carattere Monumentale che l Amministrazione vorrebbe erigere per dare decoro all Area in questione, gli stessi verranno di volta in volta progettati dai tecnici incaricati, su precise disposizioni impartite dall Amministrazione Comunale durante la fase preliminare dell incarico. Art. 11 Norme Finali

9 Il Presente regolamento è redatto per garantire un corretto utilizzo delle aree dell ampliamento del Cimitero lato Est concesse ai privati per la realizzazione di tombe e cappelle e loculi. Per cui il concessionario della relativa, area a norma di detto regolamento dovrà provvedere a presentare per la relativa approvazione presso l Ufficio Urbanistica del Comune di Capo D Orlando, un idoneo progetto inerente l intervento da realizzare in triplice copia e nei tempi previsti dalle norme sul rilascio delle Autorizzazioni Edilizie dovrà ottenere prima dell inizio dei lavori la relativa Autorizzazione per quanto concerne la realizzazione delle tombe, mentre per quanto attiene la costruzione delle cappelle dovrà munirsi anche del preventivo nulla osta da parte dell ufficio del Genio Civile di Messina ai sensi della Legge n 64/74 e s.m.i.. Le scadenze temporali per la realizzazione dei manufatti, regolamentate dall Art. 15 dal Regolamento per le Concessioni Cimiteriali approvato con Delibera del Commissario Straordinario n 25 del , cosi come integrato e modificato con Delibera di Consiglio Comunale n 17 del 16 novembre 2006, decorrono dalla notifica della Concessione Edilizia, con ultimazione dei lavori entro tre anni dal loro inizio. Gli elaborati del progetto dovranno contenere sia gli elementi grafici essenziali all individuazione dell area in cui viene realizzato il manufatto e le caratteristiche tecniche costruttive, correlati con idonei particolari costruttivi per i decori e le eventuali soluzioni architettoniche che si intendono realizzare. Inoltre dovrà essere redatta una idonea relazione tecnica contenente tutti gli elementi necessari all individuazione dei materiali e delle soluzioni progettuali che si intendono realizzare. Le Norme del Presente Regolamento hanno effetto sia per coloro a cui sono state già concesse le aree per edificare le tombe basse, sovrapposte o cappelle, sia per coloro a cui devono essere ancora concesse tali Aree. Per quanto concerne le Confraternite, le Associazioni e le Società a cui vengono concesse le aree per l edificazione dei Loculi a Buco e/o a specchio, le stessi nonostante siano obbligati a erigere tali manufatti secondo gli schemi e le dimensioni dei progetti redatti dai tecnici incaricati dall Amministrazione Comunale, a loro volta dovranno ulteriormente redigere il Progetto Esecutivo e lo stesso è soggetto alle stesse approvazione tecniche amministrative di cui al comma 2 del presente articolo comprensivo di relativo nulla osta igienico-sanitario, nonché dell Autorizzazione dell Ufficio del Genio Civile di Messina ai sensi della Legge n 64/74 e s.m.i..

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali INDICE CAPO I - TITOLI ABILITATIVI Art. 1 - Segnalazione Certificata di Inizio Attività Art. 2 - Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata Art. 3 - Comunicazione di Inizio Lavori Art. 4 - Imprese autorizzate

Dettagli

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004)

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) (titolo XV regolamento comunale Polizia Mortuaria) Approvato con deliberazione di

Dettagli

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE IL TECNICO ESTENSORE IL SINDACO IL SEGRETARIO COMUNALE IN ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Comune di GENIVOLTA Provincia di Cremona Allegato n. : B Titolo : 1 NORME TECNICHE DI

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali NORME DI ATTUAZIONE Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali Sulle sepolture dei campi comuni (concessione gratuita per 10 anni, come previsto nella normativa) il Comune provvede a proprie

Dettagli

COMUNE DI CASTEL VISCARDO

COMUNE DI CASTEL VISCARDO COMUNE DI CASTEL VISCARDO Provincia di Terni UFFICIO TECNICO Piazza IV NOVEMBRE, 11 Castel viscardo (TR) Telefono 0763/361010 Fax 0763/361621 Partita IVA 00364930552 utc@comune.castelviscardo.tr.it Lavori

Dettagli

Comune di Casalmorano

Comune di Casalmorano Comune di Casalmorano Provincia di Cremona 26020 CASALMORANO (CR) Via Roma, 13 Tel.0374/374080 Fax.0374/374037 Cod. Fisc. 00314350190 Email: commune.casalmorano@pec.regione.lombardia.it CAPPELLA CIMITERIALE

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna C O M U N E D I M O N T E V E G L I O NORME PER L'APPOSIZIONE DI LAPIDI E DEI CIPPI FUNEBRI PRESSO I CIMITERI COMUNALI approvate con deliberazione della giunta comunale n. 77 dell 11.11.2010 I riferimenti

Dettagli

COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino

COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino PIANO REGOLATORE CIMITERIALE 1^ VARIANTE Marzo 2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Progettista: Ing. Viviana Peruzzo Responsabile del Procedimento: arch. Walter Dassetto

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari

COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari Prot.1293/2015 Olmedo, li 26.02.2015 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CAPPELLE FUNERARIE E TOMBE A TERRA NEL CIMITERO DI OLMEDO In attuazione della deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI CIMITERI DI DOLO - ARINO - SAMBRUSON APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERA N. 123 DEL 18.12.1995 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI CAMPORANCO

COMUNE DI CAMPORANCO COMUNE DI CAMPORANCO Provincia di Caltanissetta REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI COMUNALI Approvato con Deliberazione di C. C. n. 88 del 29/12/1998 successive modifiche ed integrazioni apportate

Dettagli

RENDE NOTO. Prot. n. 12617 del 24.10.2014

RENDE NOTO. Prot. n. 12617 del 24.10.2014 Piazza Roma, 365 0823 759511 759523 0823 759517 C.F. 80004570612 - P. IVA 01299510618 Prot. n. 12617 del 24.10.2014 Sito web : http//www.comunesantamariaavico.it e-mail : gennaro.isoletti@comunesantamariaavico.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Prot. 15557 87023, Diamante, li 27/10/2014

Prot. 15557 87023, Diamante, li 27/10/2014 COMUNE DI DIAMANTE (Provincia di Cosenza) SETTORE URBANISTICA- DEMANIO - PATRIMONIO Via Pietro Mancini, 10-87023 Diamante (CS) - Telefono 0985/042347-042333-042348-042277- Fax 0985/81539 Posta certificata

Dettagli

CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale

CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale Marca da bollo da 16,00 CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale LAVORI DI EDILIZIA CIMITERIALE DENUNCIA

Dettagli

COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S.

COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S. COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S. PIETRO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 57 del 29.09.2004

Dettagli

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI COMUNE DI NICOLOSI Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI Indice: A) RELAZIONE ILLUSTRATIVA: pag: 3 1. Inquadramento

Dettagli

AVVISO DI CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI TOMBE DI FAMIGLIA NEL CIMITERO COMUNALE DI URGNANO

AVVISO DI CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI TOMBE DI FAMIGLIA NEL CIMITERO COMUNALE DI URGNANO AVVISO DI CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI TOMBE DI FAMIGLIA NEL CIMITERO COMUNALE DI URGNANO (Allegato alla Determinazione del Responsabile dell Area Lavori Pubblici n. 21 del 01.03.2012) Il

Dettagli

30 ANNI NON RINNOVABILI 30 ANNI NON RINNOVABILI

30 ANNI NON RINNOVABILI 30 ANNI NON RINNOVABILI TABELLA: A DEFUNTI RESIDENTI (o precedentemente residenti da almeno DIECI anni nel Comune di Fivizzano che si siano trasferiti in altro comuneda neno di SEI mesi) O VIVENTI RESIDENTI. (DELIBERA N 5 DEL

Dettagli

PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE...

PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE... INDICE PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE... 4 INTERVENTO PROGETTUALE PROPOSTA DI PROJECT FINANCING...

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE

DISPOSIZIONI APPLICATIVE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/5 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria DISPOSIZIONI APPLICATIVE REQUISITI DELLA CASA FUNERARIA (Art. 2, comma 2,

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO progetto esecutivo per la realizzazione di n 40 loculi e 16 ossarietti collettivi comunali nel nuovo cimitero di Isola delle Femmine - Codice CIG 5740306A5B

Dettagli

4.5 Polizia mortuaria, bb. 19 (1947-1971)

4.5 Polizia mortuaria, bb. 19 (1947-1971) 4.5 Polizia mortuaria, bb. 19 (1947-1971) 4.5.1 Personale del cimitero; esumazione e tumulazione di salme, b. 1 (1954-1959) Busta 2 (1954 1959) 20. Approvazione lavori di manutenzione e alberatura del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Delibera C.C. n 59 del 28/11/2008 modificato con Delibera C.C. n 45 del 11/09/2012 e modificato con Delibera C.C. n

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI RENDE NOTO. Consiglio Comunale n. 36 del 29.12.2010;

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI RENDE NOTO. Consiglio Comunale n. 36 del 29.12.2010; COMUNE DI PREDORE - P R O V I N C I A D I B E R G A M O - BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI UNA CAPPELLA GENTILIZIA PRESSO IL CIMITERO DI PREDORE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI VISTO il

Dettagli

COMUNE DI TELGATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TELGATE PROVINCIA DI BERGAMO Telgate, lì 10 febbraio 2010 Prot. n. 1146 ASTA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE NOVANTANOVENNALE DI n. 2 (DUE) AREE CIMITERIALI PER LA COSTRUZIONE DI CAPPELLE PRIVATE DI FAMIGLIA BANDO DI GARA

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO. - Provincia di Piacenza - CIMITERO POSTO IN FRAZIONE DI SAN GIULIANO SCHEMA ATTO DI CONCESSIONE-CONTRATTO

COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO. - Provincia di Piacenza - CIMITERO POSTO IN FRAZIONE DI SAN GIULIANO SCHEMA ATTO DI CONCESSIONE-CONTRATTO REPERTORIO N. COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO - Provincia di Piacenza - CIMITERO POSTO IN FRAZIONE DI SAN GIULIANO SCHEMA ATTO DI CONCESSIONE-CONTRATTO CIMITERIALE LOTTO NUOVE CAPPELLE DI FAMIGLIA Nell

Dettagli

REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO

REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO (con Prime indicazioni per la stesura dei piani di sicurezza) INDICE Premessa pag. 2 Inquadramento urbanistico 2 Requisiti del progetto e descrizione dell intervento: 2 Valutazione

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

ICMQ I N D I C E. Premessa... pag. 2. Batteria di loculi a sistema costruttivo strutturale... pag. 4. Batteria loculi... pag. 6

ICMQ I N D I C E. Premessa... pag. 2. Batteria di loculi a sistema costruttivo strutturale... pag. 4. Batteria loculi... pag. 6 I N D I E Premessa... pag. atteria di loculi a sistema costruttivo strutturale... pag. atteria loculi... pag. 6 oculo singolo... pag. 8 assetta per ossario... pag. atteria ossari... pag. astre di chiusura

Dettagli

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. COMUNE DI CISERANO Provincia di Bergamo. Norme Tecniche di Attuazione

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. COMUNE DI CISERANO Provincia di Bergamo. Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CISERANO Provincia di Bergamo PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Norme Tecniche di Attuazione PROGETTAZIONE: ATI Engineering S.r.l. Progettista e direttore tecnico: Dott. Cosimo Caputo - Pianificatore

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE 1 PREMESSA Nella elaborazione del presente piano Cimiteriale, redatto ai sensi dell articolo 6 del Regolamento Regionale n.6 in data 09.11.2004

Dettagli

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali SERVIZI CIMITERIALI - CONCESSIONE CIMITERIALE DI SEPOLTURA INDIVIDUALE I servizi cimiteriali si occupano di tutti gli

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

NUOVO CIMITERO DI MANZANO

NUOVO CIMITERO DI MANZANO COMUNE DI MANZANO Provincia di Udine Area Tecnica Servizio Urbanistica Edilizia Privata tel.+39 0432/938.332 - fax +39 0432/938.351 e-mail: urbanistica@comune.manzano.ud.it PEC: comune.manzano@certgov.fvg.it

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI (Approvazione originaria Deliberazione del Consiglio Comunale n 76 del 30/05/2000) (Testo coordinato con le modifiche approvate

Dettagli

Regolamento e tariffe del cimitero comunale

Regolamento e tariffe del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Arzo Regolamento e tariffe del cimitero comunale I. SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Sono di competenza del Municipio la sorveglianza e la manutenzione del cimitero. Art.

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Progettisti: Geom. Giuseppe Pugliese Geom. Fabio Reho INTRODUZIONE Il progetto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE

REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. 563 del 16.12.1974 e successivamente modificato con deliberazioni C.C.114 DEL 30.05.1991 e C.C. 28 del

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas Via P. Togliatti n 14 09099 URAS (OR) Cell. 3492973068 OGGETTO: LAVORI DI COSTRUZIONE LOCULI CIMITERIALI -progetto definitivo-esecutivo- COMMITTENTE: COMUNE DI URAS ELABORATO: 1) Relazione Tecnica Illustrativa

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI

CITTA' DI CASTROVILLARI CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI EDICOLE PRIVATE NEL CIMITERO DI CASTROVILLARI. Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.8 del 23 Marzo 2007

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (PROVINCIA DI GROSSETO) CONVENZIONE PER CONCESSIONE LOCULO/POSTO A TERRA CIMITERIALE Repertorio n. L anno duemila questo giorno

COMUNE DI ORBETELLO (PROVINCIA DI GROSSETO) CONVENZIONE PER CONCESSIONE LOCULO/POSTO A TERRA CIMITERIALE Repertorio n. L anno duemila questo giorno COMUNE DI ORBETELLO (PROVINCIA DI GROSSETO) CONVENZIONE PER CONCESSIONE LOCULO/POSTO A TERRA CIMITERIALE Repertorio n. L anno duemila questo giorno del mese di in Orbetello, nella sede del Comune ubicata

Dettagli

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi COPIA DELL'ORIGINALE IN PRIMA BATTUTA DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 6 DEL 01/04/2015 OGGETTO: Approvazione progetto di aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DEL NUOVO CIMITERO

REGOLAMENTO ORGANICO DEL NUOVO CIMITERO REGOLAMENTO ORGANICO DEL NUOVO CIMITERO Capo primo Amministrazione e sorveglianza Art. 1 Art. 2 Il Cimitero, proprietà comunale, è amministrato dal Municipio con la collaborazione dei dicasteri competenti,

Dettagli

COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI

COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI (approvato con deliberazione consiliare n. 36 del 29.05.2008) 1 Indice

Dettagli

C O M U NE D I P E D A R A

C O M U NE D I P E D A R A C O M U NE D I P E D A R A PROVINCIA DI CATANIA N. di Repertorio C.F. 81002570877 SCHEMA DI CONTRATTO DI CESSIONE DI MQ. 30 DI SUOLO CIMITERIALE AL SIG. PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CAPPELLA MONUMENTALE

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M.

CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. COPIA Imp./Acc. 315 del 16/04/2015 N. 69 reg. Delib. CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: ASSEGNAZIONE AREA PER COSTRUZIONE CAPPELLA DI

Dettagli

Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria

Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 982 del 17 giugno 2014 pag. 1/5 Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria Le presenti disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI SAN PIETRO IN GUARANO (Prov. di COSENZA) IV SETTORE - SERVIZI CIMITERIALI Largo Municipio n 1 87047 San Pietro in Guarano (CS) Tel./Fax 0984.4725.24/44 E-mail: servizicimiteriali@comune.sanpietroinguarano.cs.it

Dettagli

Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo

Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo Testo integrato con delibere del

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Progetto di demolizione e ricostruzione di immobile da adibire ad uffici comunali in via Solferino.

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Progetto di demolizione e ricostruzione di immobile da adibire ad uffici comunali in via Solferino. RELAZIONE TECNICA Oggetto: Progetto di demolizione e ricostruzione di immobile da adibire ad uffici comunali in via Solferino. PREMESSA L Amministrazione Comunale di Peschici, nell intento di procedere

Dettagli

SOCIETA CONCESSIONARIA CAMPI ELISI Società consortile a responsabilità limitata

SOCIETA CONCESSIONARIA CAMPI ELISI Società consortile a responsabilità limitata -~ COMUNE DI NAPOLI?6j2olf Ij,2.t..3/, ~ SOCIETA CONCESSIONARIA CAMPI ELISI Società consortile a responsabilità limitata BANDO PER ASSEGNAZIONE LOCULI E SUOLI PER SEPOLTURE PRIVATE CIMITERO DI CHIAIANO

Dettagli

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI MELICUCCA Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it Sommario STUDIO DI FATTIBILITA PROJECT FINANCING INTERVENTO INSERITO NEL BILANCIO 2010-2012 REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL

Dettagli

COMUNE DI VEGGIANO provincia di Padova UFFICIO TECNICO Area Edilizia - Urbanistica

COMUNE DI VEGGIANO provincia di Padova UFFICIO TECNICO Area Edilizia - Urbanistica DA COMPILARSI A CURA DEL DICHIARANTE COMUNE DI VEGGIANO provincia di Padova UFFICIO TECNICO Area Edilizia - Urbanistica 35030 VEGGIANO - Piazza F. Alberti n. 1 - Codice Fiscale 80010290288 - Partita IVA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI Adottato con Delibera di Consiglio Comunale N 60 del 30 luglio 2008 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina i

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n, 19 del 27 aprile 2001 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale. Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale. Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005 Comune di Follonica per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005 REGOLAMENTO SOMMARIO SOMMARIO Articolo 1 Oggetto dell attività 1 Articolo

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

PROCEDIMENTO/PROCESSO DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO/ITER AMMINISTRATIVO

PROCEDIMENTO/PROCESSO DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO/ITER AMMINISTRATIVO Attraverso la stipulazione di un contratto viene gestita la concessione di loculi, ossari e tombe di famiglia presso il cimitero comunale. Il richiedente, presentandosi presso l'ufficio Tecnico LL.PP Servizio

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del COMUNE DI LIVORNO N del Repertorio CONVENZIONE ACCESSIVA alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del Cimitero Comunale La Cigna sul V.le Monumentale. L anno e questo di

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO. (Prov. di Sondrio) Via S.Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) Cod.Fisc.e Part.IVA : 00098990146 - tel. 0342/606211 - fax 0342/614530

CITTÀ DI MORBEGNO. (Prov. di Sondrio) Via S.Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) Cod.Fisc.e Part.IVA : 00098990146 - tel. 0342/606211 - fax 0342/614530 CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S.Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) Cod.Fisc.e Part.IVA : 00098990146 - tel. 0342/606211 - fax 0342/614530 Prot. 6259-XI-4 BANDO DI ASTA PUBBLICA PER LA ASSEGNAZIONE

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PER SEPOLTURE PRIVATE. Art. 1

CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PER SEPOLTURE PRIVATE. Art. 1 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PER SEPOLTURE PRIVATE Art. 1 La concessione di aree per sepolture private è data in ogni tempo, secondo la disponibilità, previo

Dettagli

I L CO NSIGL IO CO MUNAL E

I L CO NSIGL IO CO MUNAL E Pag. 1 I L CO NSIGL IO CO MUNAL E Premesso che: - con deliberazione giuntale n. 607 del 27 dicembre 2010 è stato deciso di dar corso alla redazione della progettazione preliminare/definitiva finalizzata

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE 1 Disciplina generale per la concessione di aree e loculi cimiteriali C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE DISCIPLINA GENERALE PER LA CONCESSIONE DI AREE E LOCULI CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore ai Servizi Cimiteriali, prof. Paolo Cascavilla:

Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore ai Servizi Cimiteriali, prof. Paolo Cascavilla: OGGETTO: Loculi della Tomba C della zona di ampliamento cimiteriale assegnati per l immediato seppellimento Stipula atti di concessione. Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore

Dettagli

COMUNE DI MONTORFANO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI MONTORFANO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI MONTORFANO PROVINCIA DI COMO PIANO CIMITERIALE NORME TECNICHE D ATTUAZIONE DEL PIANO CIMITERIALE PROGETTISTA: DOTT. ARCH. ALDO REDAELLI OTTOBRE 2012 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. PREMESSA 1.2.

Dettagli

Norme Tecniche Generali

Norme Tecniche Generali Norme Tecniche Generali Art. 1 Disposizioni generali pag. 3 1.1 Oggetto pag. 3 1.2 Modalità di applicazione pag. 3 1.3 Ambito di applicazione pag. 3 1.4 Riferimenti normativi pag. 4 Art. 2 Esecutività

Dettagli

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale.

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Comune di Bracciano Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Tariffe relative ai diritti sui servizi a domanda individuale e sulle operazioni da effettuare nei cimiteri comunali;

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO. D e t e r m i n a z i o n e S i n d a c a l e

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO. D e t e r m i n a z i o n e S i n d a c a l e MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) D e t e r m i n a z i o n e S i n d a c a l e Nr. 15 del 10/04/2012 OGGETTO: Modifica canoni, tariffe e diritti relativi alle aree cimiteriali Anno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01.01.2013 atto CC 45/2012

REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01.01.2013 atto CC 45/2012 CF e PI 00259290518 http://wwwcivichianait REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01012013 atto CC 45/2012 TITOLO I POLIZIA MORTUARIA - PRESCRIZIONI D'IGIENE SEPOLTURE E LAPIDI Art 1 Art 2 Art

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ORIGINALE COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 75 Del 19/10/2015 Oggetto: MODALITA' DI CONCESSIONE LOCULI CIMITERIALI, CELLETTE OSSARIO

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI:

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI: COMUNE DI ESPORLATU PROVINCIA DI SASSARI UFFICIO TECNICO Esporlatu,li 02/10/2008 Prot. 2030 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI: N. 8 TOMBE DI FAMIGLIA TIPOLOGIA b1 (Tipologia Doppia alternata ) N. 4 TOMBE DI

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO PIANO REGOLATORE CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO PIANO REGOLATORE CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO _ PIANO REGOLATORE CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (Approvato con deliberazione di C.C. n. -- del --.--.----) Sommario ART.1 - APPLICAZIONE DEL PIANO...

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE ART. 18 DEL D.P.R. 207/2010 A) DESCRIZIONE GENERALE L intervento afferisce la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria al servizio del piano

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI \\cluster\settore4\p_paoli\cimitero38\garaservizicimiteriali\2011 nuova gara\determina approvazione disciplinare\elenco

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino

COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino Indirizzo: Piazza del Popolo, 1-83040 Montemarano (AV) telefono: 0827/63012 U.T.C. 0827/63204 fax: 0827/63252 e-mail: utc.montemarano@virgilio.it P.I. 00286500640

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria

Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria CAPO IV TRASPORTO DEI CADAVERI ART. 24 1. Il trasporto di un cadavere, di resti mortali o

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E CONSEGUENTE ADOZIONE DELLA VARIANTE N. 86 AL P.R.G.C. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: -

Dettagli

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI Allegato 1 DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI a) Domanda in bollo al Sindaco del Comune in cui si trova la salma da

Dettagli

COMUNE DI GIORNICO REGOLAMENTO DEL CIMITERO. Giornico, ottobre 1996/ dicembre 1998

COMUNE DI GIORNICO REGOLAMENTO DEL CIMITERO. Giornico, ottobre 1996/ dicembre 1998 1 COMUNE DI GIORNICO REGOLAMENTO DEL CIMITERO Giornico, ottobre 1996/ dicembre 1998 2 INDICE A. Norme generali Art. 1 Basi legali pag. 3 Art. 2 Competenze pag. 3 B. Inumazioni Art. 3 Diritto all inumazione

Dettagli

Viale Calvario. Viale "S"

Viale Calvario. Viale S 1 Viale Calvario Viale "S" NUCLEO 9 (lotto Z) capo 1 definizioni art.1 delimitazione del nucleo Il nucleo 9 (lotto Z) si compone delle seguenti 5 cappelle gentilizie: 1Z, 2Z, 3Z, 4Z, 5Z. art.2 - tipologie

Dettagli

1. Dati del dichiarante In quale delle seguenti situazioni ci si trova?

1. Dati del dichiarante In quale delle seguenti situazioni ci si trova? Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo

COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo NORME TECNICHE D ATTUAZIONE ART. 1 OGGETTO DELLE PRESENTI NORME Le presenti norme tecniche di attuazione costituiscono parte integrante del piano attuativo

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di Nuchis

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di Nuchis RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE Decreto Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 o Legge 22 aprile 1941 n. 633 Comune Località Classe Vincolo Tipo Vincolo N Tutela MODENA MONUMENTALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli