II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE"

Transcript

1 II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE

2 1 FEDERICA BARBIERI DISORDINI Descrizione dell opera L opera è un installazione visiva composta da diversi elementi che interagiscono fra loro attraverso varie dimensioni. C è la volontà di esplorare un momento intimo ma universale, dentro il buio del presente si proietta la luce del passato. Un esplosione fa da maestra sullo sfondo, la memoria di un attentato. Da qui prende forma un flusso di parole, in evidenza la parola Disordini, che dà il titolo all opera. Le parole sono fluttuanti, si materializzano oggi come pensieri visivi, frammenti che ci fanno riportare alla luce ricordi; particelle di articoli che abbiamo letto ormai da tempo e che ci rimangono in mente, sono impressi, parti integranti di noi. È questo il punto di partenza, una piega segnata dal tempo, che si fora e si mostra in tutta la sua delicatezza, dando vita ad una fitta rete, dimostrando le vie infinite della comunicazione. La proiezione del giornale diventa l unica fonte di illuminazione della stanza, l unica luce grazie a cui riusciamo a vedere anche gli oggetti circostanti. Ieri che illumina oggi proiettato verso domani. La realizzazione si manifesta proprio nel momento della riflessione, dello scatto lento, quella pausa dove nasce un idea per il futuro. I fiori sono legati da una catena, ma comunque immersi nell acqua, simbolo della vita ma anche della memoria del passato nel presente, sono testimoni di un fatto compiuto, sono anche essi stessi i responsabili della nascita di questo pensiero. 80x100 cm Stampa digitale Pannello leger

3 2 PAOLO BINI UNTITLED Sulla possibilità di creare un osmosi tra gli storici quotidiani e la mia poetica compositiva, ho individuato, nelle strisce rette d informazione, una possibilità da percorre con la pittura. Ritagliando i giornali in numerose strisce di carta, le ho successivamente investite di colore. Aiutandomi con la carta gommata ho poi creato una forma di resistenza al tempo, per le fragili pagine. L opera, realizzata con ritagli di carta di giornale e scotch carta intelati, pone l attenzione sulla progressiva organizzazione dell immagine, a livello spaziale, ottenendo una profondità e una specifica riflessione sul formarsi delle forme, sui suoi tempi e modi specifici di produzione. Intendo dire che Untitled (2014) testimonia una aderenza al ritmo della contemporaneità, in cui l immagine si forma secondo l unità del pixel e il tempo scandito dallo scanner o dal plotter, secondo un succedersi di strisce colorate, che diventano traccia di nuovi percorsi interiori, mediante una composizione di matrice post informale. Courtesy: 80x100x3,5 cm Acrilico su ritagli di copie storiche de il Resto del Carlino e carta gommata applicata su tela Telaio in legno con tela di cotone Ph. Carlo Ferrara

4 3 LUCA CARNEVALI INFORMAZIONE L opera Informazione di dimensione 32x45cm è stata realizzata in una tecnica mista usando collage e acrilici su carta Fabriano Rosaspina. Lo sfondo dell immagine è formata da tanti frammenti delle pagine storiche del Resto Del Carlino come fossero parte della nostra memoria che spesso si ricorda pezzi di tutte le notizie che ci arrivano giornalmente. Siamo bombardati da immagini e news che ci arrivano da tutti i media per tutta la giornata. Informazioni per tutti i gusti: dalle previsioni meteo, ai risultati delle partite di calcio, all oroscopo, ai fatti di cronaca rosa o nera Ne arrivano talmente tante che ci servirebbe un ombrello per ripararci da questa pioggia mediatica di notizie più o meno vere. Negli anni sono variati i mezzi : dalla carta fino ad arrivare al telefonino ma non è variata la voglia di leggere quello che ci succede intorno. 32x45 cm Mista Fabriano Rosaspina

5 4 ROBERTA CAVALLARI (in arte ROBERTA ROSE CAVALLARI) FILOSOFIA DELLA RIVOLUZIONE Filosofia della rivoluzione nasce dall analisi di tre copie storiche del Resto del Carlino unitamente ad altri quotidiani raccolti nel tempo. Disegno e fotografia si fondono per narrare l azione compiuta dall artista che, discinta nella forma ma non nell anima, come una delle tante immagini femminili della pubblicità, legge e seleziona, sulla base di ciò che più la colpiva, ritagli e pagine di giornali. Ella sfoga poi, appendendole ad una parete, il senso di impotenza e repulsione vergandola con esclamazioni in rosso tempera. L azione si conclude con lo sguardo dell artista, che invita alla riflessione su come i fatti storici, narrati attraverso la stampa e il racconto giornalistico si ripetano nel tempo, come già Vico sosteneva nei suoi corsi e ricorsi Nonostante i mutamenti storici e dei mezzi di comunicazione, alcuni di questi articoli rivelano che il tempo presente è connesso al passato e che la percezione degli eventi è cambiata, ma i fatti si ripetono e concatenano. Oggi, sono le immagini, i canali di trasmissione dei contenuti, ed il loro impatto visivo e psicologico è differente rispetto alle parole. L opera è composta da quattro fotografie della suddetta performance (che ha dato vita ad un video), e da quattro disegni realizzati con tecnica mista e collages di parti delle copie storiche stesse, ispirati e composti da alcuni articoli rilevanti per l artista, in particolare: uno sulla rivoluzione in Siria, ed altri sullo sviluppo economico, tratti da una copia del Resto del Carlino del settembre ,5x100 cm Stampe digitali e disegni su carta Stampe digitali, carta, cornice e vetro

6 5 MICHELE D AGOSTINO COETANEI Gli alberi sono degli indicatori biologici senza uguali. I loro anelli di crescita ci svelano tutto quello che è successo nel loro ambiente e nel loro passato. Come il giornalismo l albero racconta, dona conoscenza e notizia. Ogni anno, in ogni albero, appaiono nuovi anelli di crescita. Ogni anello può dirci molto sugli avvenimenti che hanno segnato la vita dell'albero: siccità, piogge abbondanti, incendi, epidemie e malattie causate da insetti. Gli alberi sono la nostra memoria, e questo tronco di 62 anni abbattuto a causa di una tempesta ha la stessa età del numero il Resto del Carlino uscito 1953 con cui ho assemblato l opera intitolata Coetanei. I due elementi albero e giornale si fondono in un unico corpo ligneo dell età 62 anni. 75x77x8 cm Legno, policarbonato, rame, ferro e carta Legno

7 6 NEBOJSA DESPOTOVIC CATTIVO NON FECE NESSUN SEGNO L'opera nasce dalla riflessione sulla concezione della realtà e in particolare i diversi piani sui quali un artista percepisce realtà. Punto di partenza è il fatto che come persona e artista non seguo le notizie e non leggo i giornali che in qualche modo mi distanzia dal mondo attuale e legato alla politica, problemi sociali ecc... Dopo una lunga elaborazione dei numeri vecchi del Resto del Carlino ho trovato, per la mia visione e modo di elaborare il materiale e il contenuto artistico, impossibile ad utilizare le pagine dei giornali. Ho trovato sempre qualche implicazione politica e sociale e unici contenuti con i quali mi potevo servire erano le publicita con delle immagini grafiche oppure i testi che non hanno come contenuto un testo legato alle notizie. L'opera e dunque costruita con utilizzo di un testo trovato nel giornale che è un passo di un romanzo romantico da quale ho preso una piccola parte come spunto per creare una immagine che rappresenta una riflessione sul mondo dei sogni, miti e legende. Una immagine arcaica che si basa non sulla realtà quotidiana ma piuttosto alla parte del nostro bagaglio culturale che si presenta nela forma di archetipi. L'opera rappresenta in modo poetico la mia incapacita di creare dei contenuti con un tema politico o sociale e la mia paura dello stato della società contemporanea. Courtesy: 23,5x23,5 cm Acrilico e collage su carta Carta incorniciata Boccanera Gallery, Trento

8 7 LORENZO DI LUCIDO BABEL L opera è costituita da due elementi, un dipinto di 140 x 100 cm e una scultura, un piccolo oggetto collassato fatto con carta di quotidiano. Il dipinto è una superficie esposta più volte e costantemente ridipinta negli ultimi tre anni. Costituito quindi da una serie di pentimenti, di cancellature e ri dipinture. Alle fine esso è divenuto un immagine del muro del mio studio, una babele di immagini collassate l una sull altra senza una continuità discorsiva. Come sé sulla superficie ci fosse un surplus di informazioni linguistiche, strutturali, pittoriche. Un immagine che tiene a mente il fallimento, anzi di per se stessa fallimentare, in quanto costruita quasi casualmente, montando una sull altra immagini differenti e andando ad assemblare un collage pittorico. Come una stanza, nella quale ogni giorno si è portato e posato un oggetto, un luogo dell occupazione portato allo schiacciamento, al collasso. L oggetto scultura è una proppagine distaccata, altra, eppure strutturalmente simile nella poetica, una scultura ripiegata su se stessa, accartocciata, schiacciata che ancora porta con se messaggi, lettere, letture possibili. Entrambe poste l una sull altra riflettono il fallimento della comunicazione e allo stesso tempo la fondamentale importanza del ricordo e della dimenticanza, due poli sempre presenti nel mare odierno dell informazione. 140x100 cm più oggetto scultura Mista su tela e oggetto più tela e carta di giornale Tela

9 8 SIMONE FAZIO NATURA MORTA: VANITAS La carta stampata è la pelle di questi manufatti che vogliono imitare la realtà, tentando di sembrare, senza tuttavia essere veramente. Una visione ambigua e destabilizzante che vuole descrivere il tentativo della carta stampata di raccontarci, attraverso la notizia, gli accadimenti che creano il flusso della realtà sul nostro pianeta. Un flusso costante, continuo, infinito, di notizie che si rincorrono, si parlano addosso, si confermano e si smentiscono a vicenda, rendendo sempre più difficile trovare lo scarto tra realtà e finzione, proprio come accade in questa Vanitas di origami, che contrappone l ineluttabile caducità della vita, descritta dal cranio, al fugace eppur intenso vigore della Natura enucleato dai fiori scarlatti e dalla farfalla. Così come le notizie anche la vita rincorre se stessa, sul tapis roulant dell esistenza, non avendo sempre perfettamente chiaro il confine tra realtà e finzione, tra giusto e sbagliato, tra serio e faceto... Tentiamo di decodificare tutto questo attraverso l apprendimento, l informazione e l esperienza per trattenere una conoscenza che viene poi tramandata per creare identità e cultura, per renderci quello che siamo.. Il compito di un artista è quello di ricordare. Commento: 60x80 cm Pittura ad olio Tela di cotone

10 9 GIULIA GIANNERINI UN COLPO DI SCENA L'idea dell'opera nasce dalla voglia di parlare della situazione attuale partendo dai titoli del giornale. L'immagine di sfondo raffigura un albero, simbolo per eccellenza della carta, dalla quale appunto nascono i quotidiani, con i suoi rami, metafora invece della famiglia e delle diramazioni sociali. I titoli del giornale si sovrappongono all'immagine dell'albero rimanendo comunque chiaramente leggibili. Le parole che spiccano, prese dai giornali di svariati anni fa, sono legate a tematiche ancora attuali, che rimangono ben inquadrate nella situazione odierna dell'italia e del mondo: sono parole forti, d'impatto, alle quali si possono dare risvolti negativi e positivi allo stesso tempo. Emergono termini come CONDANNA, VIOLENZA, VITTIME, FALSO, ACCUSE, SCONFITTA, DRAMMA, RIBELLIONE, FALLIMENTO, DECADENZA, TRAGEDIA, ODIO, DISSENSO, SOTTOMISSIONE e ancora FAMIGLIA, PACE, IDEA, SOLUZIONE, DIRITTI, VERITÀ, GIUSTIZIA, IMPEGNO, VITTORIA, DIMOSTRAZIONE, ITALIANI, PUBBLICITÀ, MITO. Tramite queste parole si parla di fatti ben precisi, segnati nel tempo da date, da nomi, da luoghi, ma che si possono comunque collegare a situazioni comuni, ancora attuali, senza tempo e spazio, come per ricordarci quanto il mondo in realtà sia cambiato solo all'apparenza ma non nei suoi contenuti. Da qui anche il titolo dell'opera, Un colpo di scena, che è appunto uno dei titoli di giornale raffigurati nella foto, ma spiega poi il senso del lavoro stesso: in quasi 100 anni nulla è cambiato.. 97,4x97,4 cm Fotografia digitale su tela Telaio in legno

11 10 FEDERICO LANARO MANI Condivisione, ricerca, informazione, comunicazione, conoscenza: tutto questo è Internet, l invenzione più innovativa e, in un certo senso, rivoluzionaria, dell ultimo secolo. Internet ha cambiato la percezione della realtà globale, ha annullato le distanze, abolito virtualmente la barriera tra pubblico e privato e liberato nuove forme di espressione individuale e collettiva tramite i social network. Dall altra parte, però, c è una dimensione sociale da rivendicare, c è la realtà, ci sono i rapporti umani, c è la quotidianità concreta che si tocca al di là delle immagini proiettate dallo schermo di un computer, di un tablet o di uno smartphone; e l opera nasce proprio da qui, da un invito a sporcarsi le mani, sfogliando un giornale: oggetto fisico, immodificabile nei contenuti, fatto di carta e di inchiostro che rimane sulle dita, che lascia un segno. Stimolo reale alla discussione, il quotidiano rimane il simbolo dell opinione personale e di un dibattito che dalla parola scritta arriva alla cultura orale, che mantiene vivo un argomento e crea le condizioni per una partecipazione più sentita verso la notizia; le mani giovani, vecchie, maschili e femminili fanno parte idealmente di una tribù con le dita nere, alla ricerca insaziabile di confronto e condivisione. Courtesy: 100x84 cm Inchiostro su carta, giornali Carta (con cornice e attaccaglie) Studio d Arte Raffaelli, Trento

12 11 MONICA LASAGNI SEGNO. (IMPRONTA) L opera prende spunto dalle basi della comunicazione. In un epoca dove la comunicazione è colma e impregnata di elementi e rischia di diventare effimera perdendo il riconoscimento del proprio autentico valore, ci si pongono delle interrogazioni, sul senso delle cose e del rapporto che abbiamo con la loro stratificata varietà. La carta di giornale rimane immobile in un simolacro di una bocca spenta, che non emette suoni, sulla carta è visibilmente stampata la fine. E l incombente fine di un linguaggio, di una memoria che tende apparentemente a svanire. L impronta, in questo caso dei denti, è stabilizzata all interno di una teca cubica le cui estremità possono essere opposte o analoghe alle altre, è messa in mostra e conservata. Le forme sono cristallizzazioni del tempo e dello spazio e il gioco simbolico è metafora del rapporto tra l essere umano e il mondo. Quel che all apparenza può sembrare una finzione metaforica di un linguaggio muto, si trova invece avvolto da un districarsi di fili, da una tela di ragno confusa, fatta e disfatta, dove i fili bianchi vanno a prolungarsi portando con loro quel segno in continua evoluzione di una memoria indelebile, forte e distinta. Variabili Installazione Materiali: calco in gesso, fili di cotone, plexiglass e carta

13 12 VINCENZO MEROLA APOSTASIA DEL TEMPO CICLICO La necessità insopprimibile e connaturata al genere umano di conservare una memoria storica consapevole, di mettere in relazione il presente con il passato e di dare ordine agli eventi incasellandoli in una successione interpretabile con gli strumenti della logica è strettamente connessa alla ricerca di senso e alla proiezione della propria esistenza, in termini finalistici, verso una destinazione ultima. In assenza di una motivazione escatologica o teleologica, fatta propria la nichilistica ideologia dell eterno ritorno, la conoscenza del passato conserverebbe un utilità puramente pratica, per chi coltivasse ingenuamente l illusione di una presunta facoltà profetica della storia. Non è certo facile, oggi, immaginare un futuro compatibile con le proprie speranze e aspettative: la fiducia nelle magnifiche sorti e progressive purtroppo non si addice all epoca presente. La legittima ricerca della felicità diventa quindi sempre più affannosa, in particolar modo per chi non si accontenta di una risposta trascendente. Apostasia del tempo ciclico è una rappresentazione metaforica di questa inquietudine, della piccolezza degli insignificanti gesti quotidiani di fronte all immensità del tempo e, contemporaneamente, della caparbietà disperata con cui ogni essere umano reclama il proprio posto nell universo. 70x70x4 cm (3 elementi in cornici 30x30x4 cm e 1 elemento in cornice 30x21x4 cm) Collage Carta

14 13 VALENTINA MIORANDI GIORNI DOPO è il numero dei giorni intercorsi tra la pubblicazione di due articoli pubblicati da il Resto del Carlino. Il primo è stato pubblicato sulla copia cartacea il 27 settembre 1938 e riporta l' "attesissimo" discorso di Hitler. Il secondo articolo è stato postato on line il 16 novembre 2014 e riporta i soprusi verso il gatto Baz dovuti ai sui tratti che ricordano il Führer. Lo scatto fotografico impresso su carta di giornale del Resto del Carlino accosta i due articoli lasciando aperte riflessioni sulle trasformazioni sociali e mediatiche succedutesi in quel lasso di tempo. 43X43 cm Net image Carta di giornale

15 14 SILVIA PACI ETERE LUMINIFERO Penso che la comunicazione sia un incontro di informazioni, ma soprattutto di persone, poiché permette uno scambio di messaggi tra popoli diversi. Oggi la velocità di tali scambi porta ad unaconoscenza superficiale, condannando il soggetto a problemi di identità. Per questo rappresento tanti volti, indefiniti, in mutamento:l'uomo al centro della comunicazione, benché caotica ed alienante. Interrogandomi sui mezzi di comunicazione del passato ho pensato al telegrafo. Alla fine dell'800 Hertz provo sperimentalmente l esistenza della propagazione delle onde elettromagnetiche, l origine della comunicazione moderna. I fisici del tempo, incapaci di spiegare il fenomeno hertziano, ipotizzarono l esistenza di un supporto, l'etere luminifero, in grado di trasmettere le onde. Poco dopo Marconi riuscì a farle arrivare a grande distanza e ad ottenere il brevetto per il primo telegrafo senza fili, che trasmetteva dei messaggi attraverso il CodiceMorse, cioè impulsi che codificavano lettere. Sulla mia tela ci sono delle spirali di parole che rappresentano metaforicamente i messaggi trasportati dalle onde, attraverso l etere. Al centro della tela compare Adolf Hitler,suggerito da "Il resto del carlino" del Ho inserito Hitler quale esempio di come la manipolazione di una comunicazione onesta porti a forme di noncomunicazione, di propaganda e di abnegazione della propria identità. Hitler e un memento: la comunicazione non deve essere addottrinamento, ma partecipazione ed incontro. 100x100 cm Pittura ad olio Tela

16 15 MICHELE PARISI UN ORA PRIMA DELL ALBA...consiste in uno sguardo attraverso un vetro offuscato, una visione in cui ogni forma compare indefinita. Questo approccio alla visione testimonia la crisi dell immagine contemporanea che, vittima delle sue stesse armi chiarezza, velocità, riproducibilità, ubiquità, esposizione non riesce più a suscitare nulla se non l'indistinto e l'omologazione. Allora, riesumando qualcosa di vecchio e oscuro si cerca proprio l opposto: uno sguardo che tenda a una nuova verginità e a un rapporto autentico con l immagine. La sfida è proprio quella di fissare un immagine nel momento stesso in cui sta scomparendo o nel momento del suo farsi, sulla soglia tra presenza e assenza. Il nostro occhio diventa a sua volta otturatore, la nostra calotta cranica camera oscura, nell'attesa che dalla finestra penetri il mattino di una visione vera, ipotesi quanto mai idealista ma necessaria come punto a cui tendere. L'opera è stata realizzata in un primo momento impressionando mediante una camera ottica da me costruita e abitualmente impiegata per la realizzazione di immagini per la mia pittura, un paesaggio, in una lenta esposizione alla luce. L'immagine è stata in seguito realizzata in camera oscura, su carta velina e dipinta in studio mediante pigmenti tono su tono. Sia i medium fotografici che i pigmenti sono da me realizzati. Per l'esecuzione di quest'opera ho appositamente realizzato un pigmento utilizzando proprio le copie storiche del Resto del Carlino del 1929 e del Si ha in questo modo un'appropriazione mentale del medium impiegato con la genesi dell'opera: dalle fragili e gialle carte del Quotidiano alla fragile carta velina. Il senso di fragilità e preziosità dell'opera è accentuata dal fatto che la carta sarà esposta appesa mediante appositi chiodi che ne permettono l'esposizione aggettante la parete. L'acqua invece offre la raffigurazione sempre libera e sempre diversa di un paesaggio ideale, l'acqua è anche il veicolo con cui i giornali si sono trasformati in pigmento nella carta velina. 100X100 cm Gelatina fotosensibile, gomma arabica e pigmenti ottenuti da copie storiche de il Resto del Carlino del 1929 e del 1954 su carta velina Carta velina

17 16 COSTABILE PICCIRILLO DEL RESTO.. DEL RESTO è una piccola raccolta composta da ben sei illustrazioni che ho concepito ad hoc per l'edizione 2015 del Prima Pagina Art Prize. Due di essi vantano collaborazioni esterne, ossia la "lettera inviata al direttore" che apre la serie, e il disegno che la conclude, sono interpretati sotto la mia supervisione da mani insospettabili che hanno circa ottant'anni di differenza. Nel lavoro, si assiste alla rivalsa di notizie secondarie "pur sempre ricorrenti", annunci invisibili e racconti quasi dimenticati, accuratamente selezionati dai tre numeri storici del quotidiano "IL RESTO DEL CARLINO", ad ognuno di questi frammenti viene dedicato un numero speciale. In oltre, per chiunque volesse avere una copia, basterà inviare una mail al seguente indirizzo indicando il titolo della prima pagina che più vi ha colpito 6 fogli 29,7x42 cm, totale 93,1x88cm Mista Carta

18 17 ROSY ROX RESTO Resto descrive simbolicamente il passaggio del tempo attraverso la materia, la carta stampata; allude alla società nel suo divenire e a tutti i cambiamenti e le complessità che essa porta con se. L opera muovendosi attraverso il divenire della storia, attraverso frammenti di tempo, frammenti di notizie, crea un cortocircuito temporale, uno spazio sospeso tra passato presente e futuro. Uno spazio che metaforicamente sottolinea il processo di divenire della società dalla modernità solida a quella liquido moderna (Zygmunt Bauman). Attraverso frammenti di prime pagine, la creazione di uno spazio, una pagina di riflessione che ci pone interrogativi sul nostro presente. Uno spazio, che ci invita a un tempo di riflessione,di presa di senso nel mondo che muta. 70x90 cm Tecnica mista su carta Carta

19 18 LEANDER SCHWAZER LEANDER (in arte POST CONCEPTUAL) PRIMA PAGINA Leander Schwazer vuole sapere cos è un giornale e trova una risposta semplice per una domanda semplice: testi, colori e immagini. Lui separa due prime pagine di un giornale in testi e immagini e dipinge una terza con i colori essenziali: Ciano, Magenta, Giallo e Nero con Pantone Inchiostro da stampa gestuale però analitico: separato l una dall altra. Commento: 42x58 cm (x3) Carta e inchiostro di stampa su tela Cornice Newspaper divided: text, picture and color

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Note sull allestimento per esporre : Il viaggio di Alicia. o se si preferisce : The trip of Alicia

Note sull allestimento per esporre : Il viaggio di Alicia. o se si preferisce : The trip of Alicia Note sull allestimento per esporre : Il viaggio di Alicia o se si preferisce : The trip of Alicia (Versione 4 del 25/nov/2008) La domanda fondamentale è : Is cyberspace really a place? Le relazioni, le

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO

TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO La composizione materica ad alto rilievo è una rielaborazione in chiave geometrica di un esplosione

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei

NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei A cosa serve, secondo te, la fotografia? Per una famiglia che ha passato le vacanze in un luogo, una fotografia può servire

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Pensieri di Reza Kathir

Pensieri di Reza Kathir REZA KATHIR UN PERCORSO Prima che l'uomo inventasse la parola viveva con le immagini, ma in nessun altra epoca come l'attuale l'essere umano ha pensato di essere padrone di ciò che si vede, potendolo fotografare.

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino A- Acquisizione di strumenti utili a sviluppare una lettura critica ed autonoma dello spazio; acquisizione

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Scuola Primaria Ferrarin Bellaria Igea Marina

Scuola Primaria Ferrarin Bellaria Igea Marina Scuola Primaria Ferrarin Bellaria Igea Marina Per l anno 2011 la scuola primaria Ferrarin di Bellaria ha scelto il laboratorio Eroi della mia fantasia per le seguenti classi: I A, I B, I C, III C, IV A,

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI 4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI Rafforzare l autonomia e la stima di sé, l identità. Rispettare e aiutare gli altri cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti. Rispettare

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Comprendente: UDA PIANO DI LAVORO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Comprendente: UDA PIANO DI LAVORO UNITÀ DI APPRENDIMENTO In cammino verso il sole promozione di sani e corretti stili di vita Comprendente: UDA PIANO DI LAVORO Pagina 1 di 8 + UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA DISCIPLINA ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esprimere sensazioni, emozioni, pensieri in modo spontaneo tecniche personali sia grafiche che manipolative. OSSERVARE E LEGGERE

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

GINO TAROZZI. Tra sogno e realtà

GINO TAROZZI. Tra sogno e realtà GINO TAROZZI Tra sogno e realtà Copertina: particolare dell opera Verso il tramonto sul Po Realizzazione grafica: Basile Vito for Virtualstudios Coordinamento editoriale: Deborah Petroni Rubens Fogacci

Dettagli

die Mauer il Muro 1961-2015 MOstra fotografica di Paolo BAlboni

die Mauer il Muro 1961-2015 MOstra fotografica di Paolo BAlboni die 1 9 6 1-2 0 1 5 Mauer il Muro 1961-2015 MOstra fotografica di Paolo BAlboni Die Mauer 1961-2015 A venticinque anni dalla sua caduta, il Muro di Berlino è oggi la più grande opera d arte collettiva

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA Albertina Chiodi Scuola Primaria - Classe I LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni

Dettagli

Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia

Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia Appunti di lettura di Marco Fantechi Interdisciplinarità dei linguaggi artistici Ormai qualsiasi tipo di linguaggio, qualsiasi forma di espressione, non è più qualcosa

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CASTELFRANCO EMILIA (MO) ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA DELL INFANZIA: PICASSO

CASTELFRANCO EMILIA (MO) ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA DELL INFANZIA: PICASSO CASTELFRANCO EMILIA (MO) ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA DELL INFANZIA: PICASSO PROGETTO ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI : GIOCHIAMO CON L ITALIANO Anno scolastico 2009 2010. Premessa. Data la

Dettagli

GALLERIASPAZIOFARINI6 2015 SPAZIOFARINI6_FOTOGRAFIA D'AUTORE

GALLERIASPAZIOFARINI6 2015 SPAZIOFARINI6_FOTOGRAFIA D'AUTORE GALLERIASPAZIOFARINI6 2015 SPAZIOFARINI6_FOTOGRAFIA D'AUTORE ALBUM - RICORDI IN CONSERVA di Studio PACE10 (Monica Scardecchia e Gianfranco Maggio). Anno 2011. Non si tratta soltanto di vecchie fotografie,

Dettagli

La linea...in movimento

La linea...in movimento La linea...in movimento Il percorso di arte e immagine riprende con la LINEA. Sarà però una linea dinamica ed emotiva, una linea che prenderà vita grazie alle emozioni suscitate dalla musica, una linea

Dettagli

Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio. Proverbio Africano

Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio. Proverbio Africano Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio. Proverbio Africano 1 MOTIVAZIONE Abbiamo pensato di proporre per i bambini medi un laboratorio di lettura animata utilizzando diversi libri. Questo

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo

Fate clic per aggiungere testo Fate clic per aggiungere testo UN PESCE IN CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Sandro Pertini Vernio Fate clic per PRATO aggiungere testo Scuola dell Infanzia Collocazione del percorso effettuato nel curricolo

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

SPETTACOLO del 10 novembre 2012

SPETTACOLO del 10 novembre 2012 SPETTACOLO del 10 novembre 2012 CONTRIBUTI DI : presso il teatro Studio Milano Zena Elisa, 4 A scientifico Cantaluppi Giulia, III A classico Scotto Davide, III A classico Gaddi Valentino, I A classico

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA HANNO PARTECIPATO AL CORSO DI FORMAZIONE TUTTE LE SCUOLE DELL INFANZIA PIMPA DI AQUILEIA Insegnante Titotto MICHIELI DI FIUMICELLO Insegnante Puntin (Che proporranno

Dettagli

Luogo: Sala delle Colonne, Fabbrica del Vapore, Milano Contatti: Paola Anziché (3490506707), Barbara Oteri (339-3283315)

Luogo: Sala delle Colonne, Fabbrica del Vapore, Milano Contatti: Paola Anziché (3490506707), Barbara Oteri (339-3283315) I REVERSIBILI /GIARDINI di Paola Anziché Un tavolo di lavori e pensieri in condivisione. Partiremo analizzando le pieghe e le geometrie che si nascondono dietro le forme degli origami e dei Pop Up, venendo

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA San Carlo Borromeo e H. C. Andersen A.S. 2012-2013 (Laboratorio di logico-matematica) Siamo nati per contare, abbiamo dei circuiti incorporati

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Picasso Guernica INIZIA IL PERCORSO

Picasso Guernica INIZIA IL PERCORSO Picasso Guernica Analizzare come, attraverso l espressività e il valore simbolico dell opera, Picasso riesca a creare un manifesto contro la guerra di forte impatto emotivo Confrontare messaggi di opere

Dettagli

WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA

WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA OGNI CITTA HA UN ANIMA 05-06 DICEMBRE 2015 a cura di Loredana Zelinotti Photographer INFORMAZIONI ESSENZIALI: Obiettivo del Workshop: mettere se stessi alla prova con sfide differenti

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali COS È Il tempo per noi nasce da una riflessione attorno alla crescente influenza che i nuovi strumenti di comunicazione hanno nella vita di ciascuno di noi, nel cambiamento di abitudini e comportamenti

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

IL PENSIERO COSTRUTTIVO. Gli 11 Presupposti del Successo. nel Coaching Neuroscientifico

IL PENSIERO COSTRUTTIVO. Gli 11 Presupposti del Successo. nel Coaching Neuroscientifico IL PENSIERO COSTRUTTIVO Gli 11 Presupposti del Successo nel Coaching Neuroscientifico Modulo 3 isis progettazione sas tutti i diritti riservati I PRESUPPOSTIDEL SUCCESSO / 1 IL PRESUPPOSTO MATRICE La legge

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura

IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura Unità n 7 : OBIETTIVI GENERALI : UNITA' DI APPRENDIMENTO IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura Scoprire e osservare le caratteristiche della stagione primaverile Apprezzare

Dettagli

Forma e colore con Kandinsky

Forma e colore con Kandinsky Forma e colore con Kandinsky Kandinsky : l arte entra nella scuola come verifica finale di un percorso su colore forma -dimensione L arte è piena di colori, il mondo è pieno di colori e noi ci viviamo

Dettagli