II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE"

Transcript

1 II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE

2 1 FEDERICA BARBIERI DISORDINI Descrizione dell opera L opera è un installazione visiva composta da diversi elementi che interagiscono fra loro attraverso varie dimensioni. C è la volontà di esplorare un momento intimo ma universale, dentro il buio del presente si proietta la luce del passato. Un esplosione fa da maestra sullo sfondo, la memoria di un attentato. Da qui prende forma un flusso di parole, in evidenza la parola Disordini, che dà il titolo all opera. Le parole sono fluttuanti, si materializzano oggi come pensieri visivi, frammenti che ci fanno riportare alla luce ricordi; particelle di articoli che abbiamo letto ormai da tempo e che ci rimangono in mente, sono impressi, parti integranti di noi. È questo il punto di partenza, una piega segnata dal tempo, che si fora e si mostra in tutta la sua delicatezza, dando vita ad una fitta rete, dimostrando le vie infinite della comunicazione. La proiezione del giornale diventa l unica fonte di illuminazione della stanza, l unica luce grazie a cui riusciamo a vedere anche gli oggetti circostanti. Ieri che illumina oggi proiettato verso domani. La realizzazione si manifesta proprio nel momento della riflessione, dello scatto lento, quella pausa dove nasce un idea per il futuro. I fiori sono legati da una catena, ma comunque immersi nell acqua, simbolo della vita ma anche della memoria del passato nel presente, sono testimoni di un fatto compiuto, sono anche essi stessi i responsabili della nascita di questo pensiero. 80x100 cm Stampa digitale Pannello leger

3 2 PAOLO BINI UNTITLED Sulla possibilità di creare un osmosi tra gli storici quotidiani e la mia poetica compositiva, ho individuato, nelle strisce rette d informazione, una possibilità da percorre con la pittura. Ritagliando i giornali in numerose strisce di carta, le ho successivamente investite di colore. Aiutandomi con la carta gommata ho poi creato una forma di resistenza al tempo, per le fragili pagine. L opera, realizzata con ritagli di carta di giornale e scotch carta intelati, pone l attenzione sulla progressiva organizzazione dell immagine, a livello spaziale, ottenendo una profondità e una specifica riflessione sul formarsi delle forme, sui suoi tempi e modi specifici di produzione. Intendo dire che Untitled (2014) testimonia una aderenza al ritmo della contemporaneità, in cui l immagine si forma secondo l unità del pixel e il tempo scandito dallo scanner o dal plotter, secondo un succedersi di strisce colorate, che diventano traccia di nuovi percorsi interiori, mediante una composizione di matrice post informale. Courtesy: 80x100x3,5 cm Acrilico su ritagli di copie storiche de il Resto del Carlino e carta gommata applicata su tela Telaio in legno con tela di cotone Ph. Carlo Ferrara

4 3 LUCA CARNEVALI INFORMAZIONE L opera Informazione di dimensione 32x45cm è stata realizzata in una tecnica mista usando collage e acrilici su carta Fabriano Rosaspina. Lo sfondo dell immagine è formata da tanti frammenti delle pagine storiche del Resto Del Carlino come fossero parte della nostra memoria che spesso si ricorda pezzi di tutte le notizie che ci arrivano giornalmente. Siamo bombardati da immagini e news che ci arrivano da tutti i media per tutta la giornata. Informazioni per tutti i gusti: dalle previsioni meteo, ai risultati delle partite di calcio, all oroscopo, ai fatti di cronaca rosa o nera Ne arrivano talmente tante che ci servirebbe un ombrello per ripararci da questa pioggia mediatica di notizie più o meno vere. Negli anni sono variati i mezzi : dalla carta fino ad arrivare al telefonino ma non è variata la voglia di leggere quello che ci succede intorno. 32x45 cm Mista Fabriano Rosaspina

5 4 ROBERTA CAVALLARI (in arte ROBERTA ROSE CAVALLARI) FILOSOFIA DELLA RIVOLUZIONE Filosofia della rivoluzione nasce dall analisi di tre copie storiche del Resto del Carlino unitamente ad altri quotidiani raccolti nel tempo. Disegno e fotografia si fondono per narrare l azione compiuta dall artista che, discinta nella forma ma non nell anima, come una delle tante immagini femminili della pubblicità, legge e seleziona, sulla base di ciò che più la colpiva, ritagli e pagine di giornali. Ella sfoga poi, appendendole ad una parete, il senso di impotenza e repulsione vergandola con esclamazioni in rosso tempera. L azione si conclude con lo sguardo dell artista, che invita alla riflessione su come i fatti storici, narrati attraverso la stampa e il racconto giornalistico si ripetano nel tempo, come già Vico sosteneva nei suoi corsi e ricorsi Nonostante i mutamenti storici e dei mezzi di comunicazione, alcuni di questi articoli rivelano che il tempo presente è connesso al passato e che la percezione degli eventi è cambiata, ma i fatti si ripetono e concatenano. Oggi, sono le immagini, i canali di trasmissione dei contenuti, ed il loro impatto visivo e psicologico è differente rispetto alle parole. L opera è composta da quattro fotografie della suddetta performance (che ha dato vita ad un video), e da quattro disegni realizzati con tecnica mista e collages di parti delle copie storiche stesse, ispirati e composti da alcuni articoli rilevanti per l artista, in particolare: uno sulla rivoluzione in Siria, ed altri sullo sviluppo economico, tratti da una copia del Resto del Carlino del settembre ,5x100 cm Stampe digitali e disegni su carta Stampe digitali, carta, cornice e vetro

6 5 MICHELE D AGOSTINO COETANEI Gli alberi sono degli indicatori biologici senza uguali. I loro anelli di crescita ci svelano tutto quello che è successo nel loro ambiente e nel loro passato. Come il giornalismo l albero racconta, dona conoscenza e notizia. Ogni anno, in ogni albero, appaiono nuovi anelli di crescita. Ogni anello può dirci molto sugli avvenimenti che hanno segnato la vita dell'albero: siccità, piogge abbondanti, incendi, epidemie e malattie causate da insetti. Gli alberi sono la nostra memoria, e questo tronco di 62 anni abbattuto a causa di una tempesta ha la stessa età del numero il Resto del Carlino uscito 1953 con cui ho assemblato l opera intitolata Coetanei. I due elementi albero e giornale si fondono in un unico corpo ligneo dell età 62 anni. 75x77x8 cm Legno, policarbonato, rame, ferro e carta Legno

7 6 NEBOJSA DESPOTOVIC CATTIVO NON FECE NESSUN SEGNO L'opera nasce dalla riflessione sulla concezione della realtà e in particolare i diversi piani sui quali un artista percepisce realtà. Punto di partenza è il fatto che come persona e artista non seguo le notizie e non leggo i giornali che in qualche modo mi distanzia dal mondo attuale e legato alla politica, problemi sociali ecc... Dopo una lunga elaborazione dei numeri vecchi del Resto del Carlino ho trovato, per la mia visione e modo di elaborare il materiale e il contenuto artistico, impossibile ad utilizare le pagine dei giornali. Ho trovato sempre qualche implicazione politica e sociale e unici contenuti con i quali mi potevo servire erano le publicita con delle immagini grafiche oppure i testi che non hanno come contenuto un testo legato alle notizie. L'opera e dunque costruita con utilizzo di un testo trovato nel giornale che è un passo di un romanzo romantico da quale ho preso una piccola parte come spunto per creare una immagine che rappresenta una riflessione sul mondo dei sogni, miti e legende. Una immagine arcaica che si basa non sulla realtà quotidiana ma piuttosto alla parte del nostro bagaglio culturale che si presenta nela forma di archetipi. L'opera rappresenta in modo poetico la mia incapacita di creare dei contenuti con un tema politico o sociale e la mia paura dello stato della società contemporanea. Courtesy: 23,5x23,5 cm Acrilico e collage su carta Carta incorniciata Boccanera Gallery, Trento

8 7 LORENZO DI LUCIDO BABEL L opera è costituita da due elementi, un dipinto di 140 x 100 cm e una scultura, un piccolo oggetto collassato fatto con carta di quotidiano. Il dipinto è una superficie esposta più volte e costantemente ridipinta negli ultimi tre anni. Costituito quindi da una serie di pentimenti, di cancellature e ri dipinture. Alle fine esso è divenuto un immagine del muro del mio studio, una babele di immagini collassate l una sull altra senza una continuità discorsiva. Come sé sulla superficie ci fosse un surplus di informazioni linguistiche, strutturali, pittoriche. Un immagine che tiene a mente il fallimento, anzi di per se stessa fallimentare, in quanto costruita quasi casualmente, montando una sull altra immagini differenti e andando ad assemblare un collage pittorico. Come una stanza, nella quale ogni giorno si è portato e posato un oggetto, un luogo dell occupazione portato allo schiacciamento, al collasso. L oggetto scultura è una proppagine distaccata, altra, eppure strutturalmente simile nella poetica, una scultura ripiegata su se stessa, accartocciata, schiacciata che ancora porta con se messaggi, lettere, letture possibili. Entrambe poste l una sull altra riflettono il fallimento della comunicazione e allo stesso tempo la fondamentale importanza del ricordo e della dimenticanza, due poli sempre presenti nel mare odierno dell informazione. 140x100 cm più oggetto scultura Mista su tela e oggetto più tela e carta di giornale Tela

9 8 SIMONE FAZIO NATURA MORTA: VANITAS La carta stampata è la pelle di questi manufatti che vogliono imitare la realtà, tentando di sembrare, senza tuttavia essere veramente. Una visione ambigua e destabilizzante che vuole descrivere il tentativo della carta stampata di raccontarci, attraverso la notizia, gli accadimenti che creano il flusso della realtà sul nostro pianeta. Un flusso costante, continuo, infinito, di notizie che si rincorrono, si parlano addosso, si confermano e si smentiscono a vicenda, rendendo sempre più difficile trovare lo scarto tra realtà e finzione, proprio come accade in questa Vanitas di origami, che contrappone l ineluttabile caducità della vita, descritta dal cranio, al fugace eppur intenso vigore della Natura enucleato dai fiori scarlatti e dalla farfalla. Così come le notizie anche la vita rincorre se stessa, sul tapis roulant dell esistenza, non avendo sempre perfettamente chiaro il confine tra realtà e finzione, tra giusto e sbagliato, tra serio e faceto... Tentiamo di decodificare tutto questo attraverso l apprendimento, l informazione e l esperienza per trattenere una conoscenza che viene poi tramandata per creare identità e cultura, per renderci quello che siamo.. Il compito di un artista è quello di ricordare. Commento: 60x80 cm Pittura ad olio Tela di cotone

10 9 GIULIA GIANNERINI UN COLPO DI SCENA L'idea dell'opera nasce dalla voglia di parlare della situazione attuale partendo dai titoli del giornale. L'immagine di sfondo raffigura un albero, simbolo per eccellenza della carta, dalla quale appunto nascono i quotidiani, con i suoi rami, metafora invece della famiglia e delle diramazioni sociali. I titoli del giornale si sovrappongono all'immagine dell'albero rimanendo comunque chiaramente leggibili. Le parole che spiccano, prese dai giornali di svariati anni fa, sono legate a tematiche ancora attuali, che rimangono ben inquadrate nella situazione odierna dell'italia e del mondo: sono parole forti, d'impatto, alle quali si possono dare risvolti negativi e positivi allo stesso tempo. Emergono termini come CONDANNA, VIOLENZA, VITTIME, FALSO, ACCUSE, SCONFITTA, DRAMMA, RIBELLIONE, FALLIMENTO, DECADENZA, TRAGEDIA, ODIO, DISSENSO, SOTTOMISSIONE e ancora FAMIGLIA, PACE, IDEA, SOLUZIONE, DIRITTI, VERITÀ, GIUSTIZIA, IMPEGNO, VITTORIA, DIMOSTRAZIONE, ITALIANI, PUBBLICITÀ, MITO. Tramite queste parole si parla di fatti ben precisi, segnati nel tempo da date, da nomi, da luoghi, ma che si possono comunque collegare a situazioni comuni, ancora attuali, senza tempo e spazio, come per ricordarci quanto il mondo in realtà sia cambiato solo all'apparenza ma non nei suoi contenuti. Da qui anche il titolo dell'opera, Un colpo di scena, che è appunto uno dei titoli di giornale raffigurati nella foto, ma spiega poi il senso del lavoro stesso: in quasi 100 anni nulla è cambiato.. 97,4x97,4 cm Fotografia digitale su tela Telaio in legno

11 10 FEDERICO LANARO MANI Condivisione, ricerca, informazione, comunicazione, conoscenza: tutto questo è Internet, l invenzione più innovativa e, in un certo senso, rivoluzionaria, dell ultimo secolo. Internet ha cambiato la percezione della realtà globale, ha annullato le distanze, abolito virtualmente la barriera tra pubblico e privato e liberato nuove forme di espressione individuale e collettiva tramite i social network. Dall altra parte, però, c è una dimensione sociale da rivendicare, c è la realtà, ci sono i rapporti umani, c è la quotidianità concreta che si tocca al di là delle immagini proiettate dallo schermo di un computer, di un tablet o di uno smartphone; e l opera nasce proprio da qui, da un invito a sporcarsi le mani, sfogliando un giornale: oggetto fisico, immodificabile nei contenuti, fatto di carta e di inchiostro che rimane sulle dita, che lascia un segno. Stimolo reale alla discussione, il quotidiano rimane il simbolo dell opinione personale e di un dibattito che dalla parola scritta arriva alla cultura orale, che mantiene vivo un argomento e crea le condizioni per una partecipazione più sentita verso la notizia; le mani giovani, vecchie, maschili e femminili fanno parte idealmente di una tribù con le dita nere, alla ricerca insaziabile di confronto e condivisione. Courtesy: 100x84 cm Inchiostro su carta, giornali Carta (con cornice e attaccaglie) Studio d Arte Raffaelli, Trento

12 11 MONICA LASAGNI SEGNO. (IMPRONTA) L opera prende spunto dalle basi della comunicazione. In un epoca dove la comunicazione è colma e impregnata di elementi e rischia di diventare effimera perdendo il riconoscimento del proprio autentico valore, ci si pongono delle interrogazioni, sul senso delle cose e del rapporto che abbiamo con la loro stratificata varietà. La carta di giornale rimane immobile in un simolacro di una bocca spenta, che non emette suoni, sulla carta è visibilmente stampata la fine. E l incombente fine di un linguaggio, di una memoria che tende apparentemente a svanire. L impronta, in questo caso dei denti, è stabilizzata all interno di una teca cubica le cui estremità possono essere opposte o analoghe alle altre, è messa in mostra e conservata. Le forme sono cristallizzazioni del tempo e dello spazio e il gioco simbolico è metafora del rapporto tra l essere umano e il mondo. Quel che all apparenza può sembrare una finzione metaforica di un linguaggio muto, si trova invece avvolto da un districarsi di fili, da una tela di ragno confusa, fatta e disfatta, dove i fili bianchi vanno a prolungarsi portando con loro quel segno in continua evoluzione di una memoria indelebile, forte e distinta. Variabili Installazione Materiali: calco in gesso, fili di cotone, plexiglass e carta

13 12 VINCENZO MEROLA APOSTASIA DEL TEMPO CICLICO La necessità insopprimibile e connaturata al genere umano di conservare una memoria storica consapevole, di mettere in relazione il presente con il passato e di dare ordine agli eventi incasellandoli in una successione interpretabile con gli strumenti della logica è strettamente connessa alla ricerca di senso e alla proiezione della propria esistenza, in termini finalistici, verso una destinazione ultima. In assenza di una motivazione escatologica o teleologica, fatta propria la nichilistica ideologia dell eterno ritorno, la conoscenza del passato conserverebbe un utilità puramente pratica, per chi coltivasse ingenuamente l illusione di una presunta facoltà profetica della storia. Non è certo facile, oggi, immaginare un futuro compatibile con le proprie speranze e aspettative: la fiducia nelle magnifiche sorti e progressive purtroppo non si addice all epoca presente. La legittima ricerca della felicità diventa quindi sempre più affannosa, in particolar modo per chi non si accontenta di una risposta trascendente. Apostasia del tempo ciclico è una rappresentazione metaforica di questa inquietudine, della piccolezza degli insignificanti gesti quotidiani di fronte all immensità del tempo e, contemporaneamente, della caparbietà disperata con cui ogni essere umano reclama il proprio posto nell universo. 70x70x4 cm (3 elementi in cornici 30x30x4 cm e 1 elemento in cornice 30x21x4 cm) Collage Carta

14 13 VALENTINA MIORANDI GIORNI DOPO è il numero dei giorni intercorsi tra la pubblicazione di due articoli pubblicati da il Resto del Carlino. Il primo è stato pubblicato sulla copia cartacea il 27 settembre 1938 e riporta l' "attesissimo" discorso di Hitler. Il secondo articolo è stato postato on line il 16 novembre 2014 e riporta i soprusi verso il gatto Baz dovuti ai sui tratti che ricordano il Führer. Lo scatto fotografico impresso su carta di giornale del Resto del Carlino accosta i due articoli lasciando aperte riflessioni sulle trasformazioni sociali e mediatiche succedutesi in quel lasso di tempo. 43X43 cm Net image Carta di giornale

15 14 SILVIA PACI ETERE LUMINIFERO Penso che la comunicazione sia un incontro di informazioni, ma soprattutto di persone, poiché permette uno scambio di messaggi tra popoli diversi. Oggi la velocità di tali scambi porta ad unaconoscenza superficiale, condannando il soggetto a problemi di identità. Per questo rappresento tanti volti, indefiniti, in mutamento:l'uomo al centro della comunicazione, benché caotica ed alienante. Interrogandomi sui mezzi di comunicazione del passato ho pensato al telegrafo. Alla fine dell'800 Hertz provo sperimentalmente l esistenza della propagazione delle onde elettromagnetiche, l origine della comunicazione moderna. I fisici del tempo, incapaci di spiegare il fenomeno hertziano, ipotizzarono l esistenza di un supporto, l'etere luminifero, in grado di trasmettere le onde. Poco dopo Marconi riuscì a farle arrivare a grande distanza e ad ottenere il brevetto per il primo telegrafo senza fili, che trasmetteva dei messaggi attraverso il CodiceMorse, cioè impulsi che codificavano lettere. Sulla mia tela ci sono delle spirali di parole che rappresentano metaforicamente i messaggi trasportati dalle onde, attraverso l etere. Al centro della tela compare Adolf Hitler,suggerito da "Il resto del carlino" del Ho inserito Hitler quale esempio di come la manipolazione di una comunicazione onesta porti a forme di noncomunicazione, di propaganda e di abnegazione della propria identità. Hitler e un memento: la comunicazione non deve essere addottrinamento, ma partecipazione ed incontro. 100x100 cm Pittura ad olio Tela

16 15 MICHELE PARISI UN ORA PRIMA DELL ALBA...consiste in uno sguardo attraverso un vetro offuscato, una visione in cui ogni forma compare indefinita. Questo approccio alla visione testimonia la crisi dell immagine contemporanea che, vittima delle sue stesse armi chiarezza, velocità, riproducibilità, ubiquità, esposizione non riesce più a suscitare nulla se non l'indistinto e l'omologazione. Allora, riesumando qualcosa di vecchio e oscuro si cerca proprio l opposto: uno sguardo che tenda a una nuova verginità e a un rapporto autentico con l immagine. La sfida è proprio quella di fissare un immagine nel momento stesso in cui sta scomparendo o nel momento del suo farsi, sulla soglia tra presenza e assenza. Il nostro occhio diventa a sua volta otturatore, la nostra calotta cranica camera oscura, nell'attesa che dalla finestra penetri il mattino di una visione vera, ipotesi quanto mai idealista ma necessaria come punto a cui tendere. L'opera è stata realizzata in un primo momento impressionando mediante una camera ottica da me costruita e abitualmente impiegata per la realizzazione di immagini per la mia pittura, un paesaggio, in una lenta esposizione alla luce. L'immagine è stata in seguito realizzata in camera oscura, su carta velina e dipinta in studio mediante pigmenti tono su tono. Sia i medium fotografici che i pigmenti sono da me realizzati. Per l'esecuzione di quest'opera ho appositamente realizzato un pigmento utilizzando proprio le copie storiche del Resto del Carlino del 1929 e del Si ha in questo modo un'appropriazione mentale del medium impiegato con la genesi dell'opera: dalle fragili e gialle carte del Quotidiano alla fragile carta velina. Il senso di fragilità e preziosità dell'opera è accentuata dal fatto che la carta sarà esposta appesa mediante appositi chiodi che ne permettono l'esposizione aggettante la parete. L'acqua invece offre la raffigurazione sempre libera e sempre diversa di un paesaggio ideale, l'acqua è anche il veicolo con cui i giornali si sono trasformati in pigmento nella carta velina. 100X100 cm Gelatina fotosensibile, gomma arabica e pigmenti ottenuti da copie storiche de il Resto del Carlino del 1929 e del 1954 su carta velina Carta velina

17 16 COSTABILE PICCIRILLO DEL RESTO.. DEL RESTO è una piccola raccolta composta da ben sei illustrazioni che ho concepito ad hoc per l'edizione 2015 del Prima Pagina Art Prize. Due di essi vantano collaborazioni esterne, ossia la "lettera inviata al direttore" che apre la serie, e il disegno che la conclude, sono interpretati sotto la mia supervisione da mani insospettabili che hanno circa ottant'anni di differenza. Nel lavoro, si assiste alla rivalsa di notizie secondarie "pur sempre ricorrenti", annunci invisibili e racconti quasi dimenticati, accuratamente selezionati dai tre numeri storici del quotidiano "IL RESTO DEL CARLINO", ad ognuno di questi frammenti viene dedicato un numero speciale. In oltre, per chiunque volesse avere una copia, basterà inviare una mail al seguente indirizzo indicando il titolo della prima pagina che più vi ha colpito 6 fogli 29,7x42 cm, totale 93,1x88cm Mista Carta

18 17 ROSY ROX RESTO Resto descrive simbolicamente il passaggio del tempo attraverso la materia, la carta stampata; allude alla società nel suo divenire e a tutti i cambiamenti e le complessità che essa porta con se. L opera muovendosi attraverso il divenire della storia, attraverso frammenti di tempo, frammenti di notizie, crea un cortocircuito temporale, uno spazio sospeso tra passato presente e futuro. Uno spazio che metaforicamente sottolinea il processo di divenire della società dalla modernità solida a quella liquido moderna (Zygmunt Bauman). Attraverso frammenti di prime pagine, la creazione di uno spazio, una pagina di riflessione che ci pone interrogativi sul nostro presente. Uno spazio, che ci invita a un tempo di riflessione,di presa di senso nel mondo che muta. 70x90 cm Tecnica mista su carta Carta

19 18 LEANDER SCHWAZER LEANDER (in arte POST CONCEPTUAL) PRIMA PAGINA Leander Schwazer vuole sapere cos è un giornale e trova una risposta semplice per una domanda semplice: testi, colori e immagini. Lui separa due prime pagine di un giornale in testi e immagini e dipinge una terza con i colori essenziali: Ciano, Magenta, Giallo e Nero con Pantone Inchiostro da stampa gestuale però analitico: separato l una dall altra. Commento: 42x58 cm (x3) Carta e inchiostro di stampa su tela Cornice Newspaper divided: text, picture and color

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

GALLERIASPAZIOFARINI6 2015 SPAZIOFARINI6_FOTOGRAFIA D'AUTORE

GALLERIASPAZIOFARINI6 2015 SPAZIOFARINI6_FOTOGRAFIA D'AUTORE GALLERIASPAZIOFARINI6 2015 SPAZIOFARINI6_FOTOGRAFIA D'AUTORE ALBUM - RICORDI IN CONSERVA di Studio PACE10 (Monica Scardecchia e Gianfranco Maggio). Anno 2011. Non si tratta soltanto di vecchie fotografie,

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una scuola

Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una scuola Pagina1 Progettare una unità didattica per la LIM Autore: Tania Iommi Descrizione della situazione di partenza Descrizione del contesto Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una

Dettagli

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore Premessa La fotografia rappresenta il decisivo strumento per la produzione e la replicabilità tecnica delle immagini fisse. Tappa fondamentale per lo sviluppo del cinema (in cui la percezione del movimento

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Valigie d artista: la valigia di Mirò

Valigie d artista: la valigia di Mirò Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Unità di apprendimento grandi Valigie d artista: la valigia di Mirò ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA La volontà di proporre, nel gruppo d intersezione

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Biennale Educational 2015 In fila per l arte

Biennale Educational 2015 In fila per l arte La Biennale di Venezia 56. Esposizione Internazionale d Arte All the World s Futures curata da Okwui Enwezor Biennale Educational 2015 In fila per l arte LABORATORI PRATICO-CREATIVI Percorso e laboratorio

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

APPARATO PER LA GENERAZIONE DI UN QUADRO SINESTETICO (BREVETTO ENEA N 565) http://web.tiscali.it/malgius/

APPARATO PER LA GENERAZIONE DI UN QUADRO SINESTETICO (BREVETTO ENEA N 565) http://web.tiscali.it/malgius/ APPARATO PER LA GENERAZIONE DI UN QUADRO SINESTETICO (BREVETTO ENEA N 565) http://web.tiscali.it/malgius/ I potenziali impieghi ed applicazioni dell'invenzione sono molteplici nei Musei di Arte Contemporanea

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole elementari e medie alla lettura e alla comprensione del

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità S Novarese Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità Gli attacchi di panico sono in aumento, lo dicono le statistiche e ne riceviamo echi nei nostri studi. Anche altri fenomeni patologici

Dettagli

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino A- Acquisizione di strumenti utili a sviluppare una lettura critica ed autonoma dello spazio; acquisizione

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI 4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI Rafforzare l autonomia e la stima di sé, l identità. Rispettare e aiutare gli altri cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti. Rispettare

Dettagli

Documentazione delle attività di ruotine

Documentazione delle attività di ruotine Istituto Comprensivo Statale C. Tura- Pontelagoscuro- Ferrara Sezione infanzia statale G. Rossa Documentazione delle attività di ruotine La documentazione delle esperienze proposte è un aspetto molto importante

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO "Il gioco è universale e appartiene alla sanità il gioco è un esperienza sempre creativa; è un esperienza che si svolge nel continuum spazio-temporale,

Dettagli

Intervista. Romano Baratta

Intervista. Romano Baratta Intervista Romano Baratta di LINO CAIRO pubblicato: gennaio 2008 Cairo: Stavo dipingendo un giardino, di notte, nello studio, e a un certo punto ho sentito un venticello provenire dal dipinto che ha fatto

Dettagli

Sempre più spesso ci domandiamo quale debba essere l atteggiamento. dell arte contemporanea di fronte ai drammi del mondo attuale, se la pittura,

Sempre più spesso ci domandiamo quale debba essere l atteggiamento. dell arte contemporanea di fronte ai drammi del mondo attuale, se la pittura, A TUO RISCHIO E PERICOLO Lorenzo Canova A Ferdinando Baldi e Amedeo Canova, vittime antiche di un lavoro crudele Sempre più spesso ci domandiamo quale debba essere l atteggiamento dell arte contemporanea

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Scuola di Pittura e Disegno

Scuola di Pittura e Disegno CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA Viale Appio Claudio 289 (Metro A Giulio Agricola) Tel: 06.71546212 3462179491 www.erbasacra.com; erbasacra@erbasacra.com Scuola di Pittura e Disegno Docente: Arch. Carlo Floris

Dettagli

CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi

CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta Il corso è aperto a tutti, anche a chi non ha mai disegnato o dipinto. L'obiettivo di questo corso

Dettagli

Capitolo II. La Luce

Capitolo II. La Luce Capitolo II La Luce Che cos è la luce. Dato che la parole fotografia deriva dal greco photo grafia che significa disegnare con la luce, analizziamo innanzi tutto che cos è la luce. La luce è una forma

Dettagli

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini IO SONO COLORE Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò laboratori artistici con i bambini insegnante: Donatella Redaelli L uomo cammina per giornate tra gli alberi e le pietre.

Dettagli

Anno scolastico 2013-2014

Anno scolastico 2013-2014 OFFERTA DIDATTICA SCUOLE Anno scolastico 2013-2014 TECHNOTOWN offre al mondo della scuola - percorsi tematici della durata complessiva di circa 1 ora e 20 minuti, mirati alla scuola Primaria (classi III-V

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA

WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA OGNI CITTA HA UN ANIMA 05-06 DICEMBRE 2015 a cura di Loredana Zelinotti Photographer INFORMAZIONI ESSENZIALI: Obiettivo del Workshop: mettere se stessi alla prova con sfide differenti

Dettagli

LIVORNO IN CONTEMPORANEA E

LIVORNO IN CONTEMPORANEA E Percorsi didattici LIVORNO IN CONTEMPORANEA E un iniziativa realizzata con la collaborazione del Centro per l Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato nell ambito del progetto regionale: Cantiere Toscana

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di

L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di Belle Arti di Roma e i corsi di tecniche incisorie presso

Dettagli

Picasso Guernica INIZIA IL PERCORSO

Picasso Guernica INIZIA IL PERCORSO Picasso Guernica Analizzare come, attraverso l espressività e il valore simbolico dell opera, Picasso riesca a creare un manifesto contro la guerra di forte impatto emotivo Confrontare messaggi di opere

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

La linea...in movimento

La linea...in movimento La linea...in movimento Il percorso di arte e immagine riprende con la LINEA. Sarà però una linea dinamica ed emotiva, una linea che prenderà vita grazie alle emozioni suscitate dalla musica, una linea

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Progetto Co.r.re.l.a.re I servizi per l infanzia come luogo di integrazione L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Lodi 8 aprile 2013 Gabriella Lessana Cosa fare all inizio? Per

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - CENTRO ITALIANO PER LA FOTOGRAFIA PROGRAMMA DIDATTICO PER LE SCUOLE a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - CENTRO ITALIANO PER LA FOTOGRAFIA PROGRAMMA DIDATTICO PER LE SCUOLE a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - CENTRO ITALIANO PER LA FOTOGRAFIA PROGRAMMA DIDATTICO PER LE SCUOLE a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia apre al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE.

PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE. PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE. QUELLO CHE ACCADE IN QUESTO CONTESTO DIGITALE QUANDO DIVENTA UN PROBLEMA per i genitori? ERA DIGITALE

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

Bambini di 3 anni. Bambini di 4 e 5 anni

Bambini di 3 anni. Bambini di 4 e 5 anni I bambini della scuola dell infanzia del plesso di via Amantea hanno allestito una Mostra con i lavori realizzati con le attività laboratoriali in riferimento al progetto inserito nel POF nell anno scolastico

Dettagli

OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA

OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA 1 Expo Milano 2015 affronterà un tema d importanza fondamentale per il futuro dell umanità:

Dettagli

CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI. OBIETTIVI di apprendimento (al termine della classe quinta)

CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI. OBIETTIVI di apprendimento (al termine della classe quinta) CURRICOLO PER SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI 1. IMPARARE AD IMPARARE 1. Sperimenta una pluralità di esperienze, gestisce diverse possibilità espressive e sviluppa abilità

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

COACHING. Scopri il tuo potenziale e diventa protagonista della tua vita. Socia ICF Italia (Federazione Italiana Coach)

COACHING. Scopri il tuo potenziale e diventa protagonista della tua vita. Socia ICF Italia (Federazione Italiana Coach) Coaching emotion di COACHING Non lasciare che i tuoi ricordi siano più grandi dei tuoi sogni Doug Ivester Scopri il tuo potenziale e diventa protagonista della tua vita Coachingemotion di Raffaella Rognoni

Dettagli

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Mauro L. Evangelista Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Contributo in occasione della manifestazione Libri che prendono forma (Roma 17 marzo 2010, MiBAC - FNIPC) Il mio interesse nei confronti

Dettagli

PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda

PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda Promotore Azienda Sanitaria Locale di Oristano in collaborazione con l' Ufficio Scolastico

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento 1 Il progetto Il progetto ha coinvolto alunni e docenti dei plessi dei tre ordini scolastici dell Istituto

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Project management (parte III) Sistemi adattivi Complessi il cambiamento Tivoli, 2011 Mario Gentili mario.gentili@mariogentili.it Aspetti

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 - A proposito di social network! Osserviamo due esempi di pagine Facebook." Cercate di pensare a qual è la differenza principale tra queste due pagine." Esempio

Dettagli

GINO TAROZZI. Tra sogno e realtà

GINO TAROZZI. Tra sogno e realtà GINO TAROZZI Tra sogno e realtà Copertina: particolare dell opera Verso il tramonto sul Po Realizzazione grafica: Basile Vito for Virtualstudios Coordinamento editoriale: Deborah Petroni Rubens Fogacci

Dettagli

Daniele Marini. Rimediazione

Daniele Marini. Rimediazione Daniele Marini Rimediazione Rimediazione La rimediazione è la trasposizione di un contenuto particolare da un mezzo di comunicazione ad un altro Dalla tradizione orale alla scrittura, al graffito Dal graffito

Dettagli

il racconto in veste multimediale

il racconto in veste multimediale il racconto in veste multimediale PERCHÈ UN SISTEMA PER LA NARRAZIONE Nella moderna era della tecnologia digitale, il naturale bisogno dell uomo di raccontare e raccontarsi, dando voce al multiforme universo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

biettivo SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011

biettivo SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011 biettivo scuola SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011 Cari genitori, come vi avevamo anticipato a inizio anno scolastico i vostri bambini, nell ambito delle attività proposte

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA

LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA A cura di: Dott. G. Gualdi Dott.ssa F. Sacchi Dott.ssa M. Marcarini Prof.ssa M.A. Zanetti LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Brain and Behavioral Sciences

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE

Dettagli

In tutte le SEI installazioni, il terzo Mood sarà sempre dedicato alla DONNA, affrontando aspetti sempre diversi dell'affascinante mondo femminile.

In tutte le SEI installazioni, il terzo Mood sarà sempre dedicato alla DONNA, affrontando aspetti sempre diversi dell'affascinante mondo femminile. Da una idea di Diverso Event Design, con la collaborazione di Banca Nuova, all'interno degli spazi del Metropole Hotel di Taormina, è nato il progetto Arts Club, con SEI installazioni che ci raccontano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Progetto di formazione e laboratorio documentale destinato agli insegnanti e alle classi elementari, medie e superiori della Provincia di Como.

Dettagli

In Form of Art. Via Montesanto 52, Napoli Tel. 081.192.47.109 www.informofart.com info@informofart.com

In Form of Art. Via Montesanto 52, Napoli Tel. 081.192.47.109 www.informofart.com info@informofart.com IL RITRATTO In Form of Art Via Montesanto 52, Napoli Tel. 081.192.47.109 www.informofart.com info@informofart.com In Form of Art Situata nel cuore della Napoli antica, a pochi passi dai principali siti

Dettagli

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri Per l aula di meditazione che ha sede in via Piranesi 14 a Milano abbiamo commissionato all artista Antonello Ruggieri una installazione che favorisca gli stati meditativi che intendiamo coltivare; tale

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Aldo Moro Aldo Moro Fu cinque volte Presidente del Consiglio dei Ministri e presidente del Partito della Democrazia

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Collegio di Presidenza: Michele Marangi, Edo Polidori, Claudio Renzetti. Insegnanti di sostegno: Claudio Cippitelli, Pierfrancesco Pacoda.

Collegio di Presidenza: Michele Marangi, Edo Polidori, Claudio Renzetti. Insegnanti di sostegno: Claudio Cippitelli, Pierfrancesco Pacoda. Collegio di Presidenza: Michele Marangi, Edo Polidori, Claudio Renzetti. Insegnanti di sostegno: Claudio Cippitelli, Pierfrancesco Pacoda. Le bidelle: Claudia Bregli, Pamela Chiarini. LE ISCRIZIONI SONO

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

ATTIVITÁ LINGUISTICA

ATTIVITÁ LINGUISTICA RITRATTO RITRATTI Il VISO è un insieme di espressioni, di sentimenti e di indizi emotivi che si riflettono e si mescolano con quelli di chi osserva, spesso noi parliamo al viso senza aprire bocca e la

Dettagli

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Lo studio digitale Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Roberto Maragliano Università degli Studi Roma Tre r.maragliano@gmail.com Le tecnologie possono essere viste come veicoli.

Dettagli