II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE"

Transcript

1 II EDIZIONE, ANNO 2015 SCHEDE OPERE

2 1 FEDERICA BARBIERI DISORDINI Descrizione dell opera L opera è un installazione visiva composta da diversi elementi che interagiscono fra loro attraverso varie dimensioni. C è la volontà di esplorare un momento intimo ma universale, dentro il buio del presente si proietta la luce del passato. Un esplosione fa da maestra sullo sfondo, la memoria di un attentato. Da qui prende forma un flusso di parole, in evidenza la parola Disordini, che dà il titolo all opera. Le parole sono fluttuanti, si materializzano oggi come pensieri visivi, frammenti che ci fanno riportare alla luce ricordi; particelle di articoli che abbiamo letto ormai da tempo e che ci rimangono in mente, sono impressi, parti integranti di noi. È questo il punto di partenza, una piega segnata dal tempo, che si fora e si mostra in tutta la sua delicatezza, dando vita ad una fitta rete, dimostrando le vie infinite della comunicazione. La proiezione del giornale diventa l unica fonte di illuminazione della stanza, l unica luce grazie a cui riusciamo a vedere anche gli oggetti circostanti. Ieri che illumina oggi proiettato verso domani. La realizzazione si manifesta proprio nel momento della riflessione, dello scatto lento, quella pausa dove nasce un idea per il futuro. I fiori sono legati da una catena, ma comunque immersi nell acqua, simbolo della vita ma anche della memoria del passato nel presente, sono testimoni di un fatto compiuto, sono anche essi stessi i responsabili della nascita di questo pensiero. 80x100 cm Stampa digitale Pannello leger

3 2 PAOLO BINI UNTITLED Sulla possibilità di creare un osmosi tra gli storici quotidiani e la mia poetica compositiva, ho individuato, nelle strisce rette d informazione, una possibilità da percorre con la pittura. Ritagliando i giornali in numerose strisce di carta, le ho successivamente investite di colore. Aiutandomi con la carta gommata ho poi creato una forma di resistenza al tempo, per le fragili pagine. L opera, realizzata con ritagli di carta di giornale e scotch carta intelati, pone l attenzione sulla progressiva organizzazione dell immagine, a livello spaziale, ottenendo una profondità e una specifica riflessione sul formarsi delle forme, sui suoi tempi e modi specifici di produzione. Intendo dire che Untitled (2014) testimonia una aderenza al ritmo della contemporaneità, in cui l immagine si forma secondo l unità del pixel e il tempo scandito dallo scanner o dal plotter, secondo un succedersi di strisce colorate, che diventano traccia di nuovi percorsi interiori, mediante una composizione di matrice post informale. Courtesy: 80x100x3,5 cm Acrilico su ritagli di copie storiche de il Resto del Carlino e carta gommata applicata su tela Telaio in legno con tela di cotone Ph. Carlo Ferrara

4 3 LUCA CARNEVALI INFORMAZIONE L opera Informazione di dimensione 32x45cm è stata realizzata in una tecnica mista usando collage e acrilici su carta Fabriano Rosaspina. Lo sfondo dell immagine è formata da tanti frammenti delle pagine storiche del Resto Del Carlino come fossero parte della nostra memoria che spesso si ricorda pezzi di tutte le notizie che ci arrivano giornalmente. Siamo bombardati da immagini e news che ci arrivano da tutti i media per tutta la giornata. Informazioni per tutti i gusti: dalle previsioni meteo, ai risultati delle partite di calcio, all oroscopo, ai fatti di cronaca rosa o nera Ne arrivano talmente tante che ci servirebbe un ombrello per ripararci da questa pioggia mediatica di notizie più o meno vere. Negli anni sono variati i mezzi : dalla carta fino ad arrivare al telefonino ma non è variata la voglia di leggere quello che ci succede intorno. 32x45 cm Mista Fabriano Rosaspina

5 4 ROBERTA CAVALLARI (in arte ROBERTA ROSE CAVALLARI) FILOSOFIA DELLA RIVOLUZIONE Filosofia della rivoluzione nasce dall analisi di tre copie storiche del Resto del Carlino unitamente ad altri quotidiani raccolti nel tempo. Disegno e fotografia si fondono per narrare l azione compiuta dall artista che, discinta nella forma ma non nell anima, come una delle tante immagini femminili della pubblicità, legge e seleziona, sulla base di ciò che più la colpiva, ritagli e pagine di giornali. Ella sfoga poi, appendendole ad una parete, il senso di impotenza e repulsione vergandola con esclamazioni in rosso tempera. L azione si conclude con lo sguardo dell artista, che invita alla riflessione su come i fatti storici, narrati attraverso la stampa e il racconto giornalistico si ripetano nel tempo, come già Vico sosteneva nei suoi corsi e ricorsi Nonostante i mutamenti storici e dei mezzi di comunicazione, alcuni di questi articoli rivelano che il tempo presente è connesso al passato e che la percezione degli eventi è cambiata, ma i fatti si ripetono e concatenano. Oggi, sono le immagini, i canali di trasmissione dei contenuti, ed il loro impatto visivo e psicologico è differente rispetto alle parole. L opera è composta da quattro fotografie della suddetta performance (che ha dato vita ad un video), e da quattro disegni realizzati con tecnica mista e collages di parti delle copie storiche stesse, ispirati e composti da alcuni articoli rilevanti per l artista, in particolare: uno sulla rivoluzione in Siria, ed altri sullo sviluppo economico, tratti da una copia del Resto del Carlino del settembre ,5x100 cm Stampe digitali e disegni su carta Stampe digitali, carta, cornice e vetro

6 5 MICHELE D AGOSTINO COETANEI Gli alberi sono degli indicatori biologici senza uguali. I loro anelli di crescita ci svelano tutto quello che è successo nel loro ambiente e nel loro passato. Come il giornalismo l albero racconta, dona conoscenza e notizia. Ogni anno, in ogni albero, appaiono nuovi anelli di crescita. Ogni anello può dirci molto sugli avvenimenti che hanno segnato la vita dell'albero: siccità, piogge abbondanti, incendi, epidemie e malattie causate da insetti. Gli alberi sono la nostra memoria, e questo tronco di 62 anni abbattuto a causa di una tempesta ha la stessa età del numero il Resto del Carlino uscito 1953 con cui ho assemblato l opera intitolata Coetanei. I due elementi albero e giornale si fondono in un unico corpo ligneo dell età 62 anni. 75x77x8 cm Legno, policarbonato, rame, ferro e carta Legno

7 6 NEBOJSA DESPOTOVIC CATTIVO NON FECE NESSUN SEGNO L'opera nasce dalla riflessione sulla concezione della realtà e in particolare i diversi piani sui quali un artista percepisce realtà. Punto di partenza è il fatto che come persona e artista non seguo le notizie e non leggo i giornali che in qualche modo mi distanzia dal mondo attuale e legato alla politica, problemi sociali ecc... Dopo una lunga elaborazione dei numeri vecchi del Resto del Carlino ho trovato, per la mia visione e modo di elaborare il materiale e il contenuto artistico, impossibile ad utilizare le pagine dei giornali. Ho trovato sempre qualche implicazione politica e sociale e unici contenuti con i quali mi potevo servire erano le publicita con delle immagini grafiche oppure i testi che non hanno come contenuto un testo legato alle notizie. L'opera e dunque costruita con utilizzo di un testo trovato nel giornale che è un passo di un romanzo romantico da quale ho preso una piccola parte come spunto per creare una immagine che rappresenta una riflessione sul mondo dei sogni, miti e legende. Una immagine arcaica che si basa non sulla realtà quotidiana ma piuttosto alla parte del nostro bagaglio culturale che si presenta nela forma di archetipi. L'opera rappresenta in modo poetico la mia incapacita di creare dei contenuti con un tema politico o sociale e la mia paura dello stato della società contemporanea. Courtesy: 23,5x23,5 cm Acrilico e collage su carta Carta incorniciata Boccanera Gallery, Trento

8 7 LORENZO DI LUCIDO BABEL L opera è costituita da due elementi, un dipinto di 140 x 100 cm e una scultura, un piccolo oggetto collassato fatto con carta di quotidiano. Il dipinto è una superficie esposta più volte e costantemente ridipinta negli ultimi tre anni. Costituito quindi da una serie di pentimenti, di cancellature e ri dipinture. Alle fine esso è divenuto un immagine del muro del mio studio, una babele di immagini collassate l una sull altra senza una continuità discorsiva. Come sé sulla superficie ci fosse un surplus di informazioni linguistiche, strutturali, pittoriche. Un immagine che tiene a mente il fallimento, anzi di per se stessa fallimentare, in quanto costruita quasi casualmente, montando una sull altra immagini differenti e andando ad assemblare un collage pittorico. Come una stanza, nella quale ogni giorno si è portato e posato un oggetto, un luogo dell occupazione portato allo schiacciamento, al collasso. L oggetto scultura è una proppagine distaccata, altra, eppure strutturalmente simile nella poetica, una scultura ripiegata su se stessa, accartocciata, schiacciata che ancora porta con se messaggi, lettere, letture possibili. Entrambe poste l una sull altra riflettono il fallimento della comunicazione e allo stesso tempo la fondamentale importanza del ricordo e della dimenticanza, due poli sempre presenti nel mare odierno dell informazione. 140x100 cm più oggetto scultura Mista su tela e oggetto più tela e carta di giornale Tela

9 8 SIMONE FAZIO NATURA MORTA: VANITAS La carta stampata è la pelle di questi manufatti che vogliono imitare la realtà, tentando di sembrare, senza tuttavia essere veramente. Una visione ambigua e destabilizzante che vuole descrivere il tentativo della carta stampata di raccontarci, attraverso la notizia, gli accadimenti che creano il flusso della realtà sul nostro pianeta. Un flusso costante, continuo, infinito, di notizie che si rincorrono, si parlano addosso, si confermano e si smentiscono a vicenda, rendendo sempre più difficile trovare lo scarto tra realtà e finzione, proprio come accade in questa Vanitas di origami, che contrappone l ineluttabile caducità della vita, descritta dal cranio, al fugace eppur intenso vigore della Natura enucleato dai fiori scarlatti e dalla farfalla. Così come le notizie anche la vita rincorre se stessa, sul tapis roulant dell esistenza, non avendo sempre perfettamente chiaro il confine tra realtà e finzione, tra giusto e sbagliato, tra serio e faceto... Tentiamo di decodificare tutto questo attraverso l apprendimento, l informazione e l esperienza per trattenere una conoscenza che viene poi tramandata per creare identità e cultura, per renderci quello che siamo.. Il compito di un artista è quello di ricordare. Commento: 60x80 cm Pittura ad olio Tela di cotone

10 9 GIULIA GIANNERINI UN COLPO DI SCENA L'idea dell'opera nasce dalla voglia di parlare della situazione attuale partendo dai titoli del giornale. L'immagine di sfondo raffigura un albero, simbolo per eccellenza della carta, dalla quale appunto nascono i quotidiani, con i suoi rami, metafora invece della famiglia e delle diramazioni sociali. I titoli del giornale si sovrappongono all'immagine dell'albero rimanendo comunque chiaramente leggibili. Le parole che spiccano, prese dai giornali di svariati anni fa, sono legate a tematiche ancora attuali, che rimangono ben inquadrate nella situazione odierna dell'italia e del mondo: sono parole forti, d'impatto, alle quali si possono dare risvolti negativi e positivi allo stesso tempo. Emergono termini come CONDANNA, VIOLENZA, VITTIME, FALSO, ACCUSE, SCONFITTA, DRAMMA, RIBELLIONE, FALLIMENTO, DECADENZA, TRAGEDIA, ODIO, DISSENSO, SOTTOMISSIONE e ancora FAMIGLIA, PACE, IDEA, SOLUZIONE, DIRITTI, VERITÀ, GIUSTIZIA, IMPEGNO, VITTORIA, DIMOSTRAZIONE, ITALIANI, PUBBLICITÀ, MITO. Tramite queste parole si parla di fatti ben precisi, segnati nel tempo da date, da nomi, da luoghi, ma che si possono comunque collegare a situazioni comuni, ancora attuali, senza tempo e spazio, come per ricordarci quanto il mondo in realtà sia cambiato solo all'apparenza ma non nei suoi contenuti. Da qui anche il titolo dell'opera, Un colpo di scena, che è appunto uno dei titoli di giornale raffigurati nella foto, ma spiega poi il senso del lavoro stesso: in quasi 100 anni nulla è cambiato.. 97,4x97,4 cm Fotografia digitale su tela Telaio in legno

11 10 FEDERICO LANARO MANI Condivisione, ricerca, informazione, comunicazione, conoscenza: tutto questo è Internet, l invenzione più innovativa e, in un certo senso, rivoluzionaria, dell ultimo secolo. Internet ha cambiato la percezione della realtà globale, ha annullato le distanze, abolito virtualmente la barriera tra pubblico e privato e liberato nuove forme di espressione individuale e collettiva tramite i social network. Dall altra parte, però, c è una dimensione sociale da rivendicare, c è la realtà, ci sono i rapporti umani, c è la quotidianità concreta che si tocca al di là delle immagini proiettate dallo schermo di un computer, di un tablet o di uno smartphone; e l opera nasce proprio da qui, da un invito a sporcarsi le mani, sfogliando un giornale: oggetto fisico, immodificabile nei contenuti, fatto di carta e di inchiostro che rimane sulle dita, che lascia un segno. Stimolo reale alla discussione, il quotidiano rimane il simbolo dell opinione personale e di un dibattito che dalla parola scritta arriva alla cultura orale, che mantiene vivo un argomento e crea le condizioni per una partecipazione più sentita verso la notizia; le mani giovani, vecchie, maschili e femminili fanno parte idealmente di una tribù con le dita nere, alla ricerca insaziabile di confronto e condivisione. Courtesy: 100x84 cm Inchiostro su carta, giornali Carta (con cornice e attaccaglie) Studio d Arte Raffaelli, Trento

12 11 MONICA LASAGNI SEGNO. (IMPRONTA) L opera prende spunto dalle basi della comunicazione. In un epoca dove la comunicazione è colma e impregnata di elementi e rischia di diventare effimera perdendo il riconoscimento del proprio autentico valore, ci si pongono delle interrogazioni, sul senso delle cose e del rapporto che abbiamo con la loro stratificata varietà. La carta di giornale rimane immobile in un simolacro di una bocca spenta, che non emette suoni, sulla carta è visibilmente stampata la fine. E l incombente fine di un linguaggio, di una memoria che tende apparentemente a svanire. L impronta, in questo caso dei denti, è stabilizzata all interno di una teca cubica le cui estremità possono essere opposte o analoghe alle altre, è messa in mostra e conservata. Le forme sono cristallizzazioni del tempo e dello spazio e il gioco simbolico è metafora del rapporto tra l essere umano e il mondo. Quel che all apparenza può sembrare una finzione metaforica di un linguaggio muto, si trova invece avvolto da un districarsi di fili, da una tela di ragno confusa, fatta e disfatta, dove i fili bianchi vanno a prolungarsi portando con loro quel segno in continua evoluzione di una memoria indelebile, forte e distinta. Variabili Installazione Materiali: calco in gesso, fili di cotone, plexiglass e carta

13 12 VINCENZO MEROLA APOSTASIA DEL TEMPO CICLICO La necessità insopprimibile e connaturata al genere umano di conservare una memoria storica consapevole, di mettere in relazione il presente con il passato e di dare ordine agli eventi incasellandoli in una successione interpretabile con gli strumenti della logica è strettamente connessa alla ricerca di senso e alla proiezione della propria esistenza, in termini finalistici, verso una destinazione ultima. In assenza di una motivazione escatologica o teleologica, fatta propria la nichilistica ideologia dell eterno ritorno, la conoscenza del passato conserverebbe un utilità puramente pratica, per chi coltivasse ingenuamente l illusione di una presunta facoltà profetica della storia. Non è certo facile, oggi, immaginare un futuro compatibile con le proprie speranze e aspettative: la fiducia nelle magnifiche sorti e progressive purtroppo non si addice all epoca presente. La legittima ricerca della felicità diventa quindi sempre più affannosa, in particolar modo per chi non si accontenta di una risposta trascendente. Apostasia del tempo ciclico è una rappresentazione metaforica di questa inquietudine, della piccolezza degli insignificanti gesti quotidiani di fronte all immensità del tempo e, contemporaneamente, della caparbietà disperata con cui ogni essere umano reclama il proprio posto nell universo. 70x70x4 cm (3 elementi in cornici 30x30x4 cm e 1 elemento in cornice 30x21x4 cm) Collage Carta

14 13 VALENTINA MIORANDI GIORNI DOPO è il numero dei giorni intercorsi tra la pubblicazione di due articoli pubblicati da il Resto del Carlino. Il primo è stato pubblicato sulla copia cartacea il 27 settembre 1938 e riporta l' "attesissimo" discorso di Hitler. Il secondo articolo è stato postato on line il 16 novembre 2014 e riporta i soprusi verso il gatto Baz dovuti ai sui tratti che ricordano il Führer. Lo scatto fotografico impresso su carta di giornale del Resto del Carlino accosta i due articoli lasciando aperte riflessioni sulle trasformazioni sociali e mediatiche succedutesi in quel lasso di tempo. 43X43 cm Net image Carta di giornale

15 14 SILVIA PACI ETERE LUMINIFERO Penso che la comunicazione sia un incontro di informazioni, ma soprattutto di persone, poiché permette uno scambio di messaggi tra popoli diversi. Oggi la velocità di tali scambi porta ad unaconoscenza superficiale, condannando il soggetto a problemi di identità. Per questo rappresento tanti volti, indefiniti, in mutamento:l'uomo al centro della comunicazione, benché caotica ed alienante. Interrogandomi sui mezzi di comunicazione del passato ho pensato al telegrafo. Alla fine dell'800 Hertz provo sperimentalmente l esistenza della propagazione delle onde elettromagnetiche, l origine della comunicazione moderna. I fisici del tempo, incapaci di spiegare il fenomeno hertziano, ipotizzarono l esistenza di un supporto, l'etere luminifero, in grado di trasmettere le onde. Poco dopo Marconi riuscì a farle arrivare a grande distanza e ad ottenere il brevetto per il primo telegrafo senza fili, che trasmetteva dei messaggi attraverso il CodiceMorse, cioè impulsi che codificavano lettere. Sulla mia tela ci sono delle spirali di parole che rappresentano metaforicamente i messaggi trasportati dalle onde, attraverso l etere. Al centro della tela compare Adolf Hitler,suggerito da "Il resto del carlino" del Ho inserito Hitler quale esempio di come la manipolazione di una comunicazione onesta porti a forme di noncomunicazione, di propaganda e di abnegazione della propria identità. Hitler e un memento: la comunicazione non deve essere addottrinamento, ma partecipazione ed incontro. 100x100 cm Pittura ad olio Tela

16 15 MICHELE PARISI UN ORA PRIMA DELL ALBA...consiste in uno sguardo attraverso un vetro offuscato, una visione in cui ogni forma compare indefinita. Questo approccio alla visione testimonia la crisi dell immagine contemporanea che, vittima delle sue stesse armi chiarezza, velocità, riproducibilità, ubiquità, esposizione non riesce più a suscitare nulla se non l'indistinto e l'omologazione. Allora, riesumando qualcosa di vecchio e oscuro si cerca proprio l opposto: uno sguardo che tenda a una nuova verginità e a un rapporto autentico con l immagine. La sfida è proprio quella di fissare un immagine nel momento stesso in cui sta scomparendo o nel momento del suo farsi, sulla soglia tra presenza e assenza. Il nostro occhio diventa a sua volta otturatore, la nostra calotta cranica camera oscura, nell'attesa che dalla finestra penetri il mattino di una visione vera, ipotesi quanto mai idealista ma necessaria come punto a cui tendere. L'opera è stata realizzata in un primo momento impressionando mediante una camera ottica da me costruita e abitualmente impiegata per la realizzazione di immagini per la mia pittura, un paesaggio, in una lenta esposizione alla luce. L'immagine è stata in seguito realizzata in camera oscura, su carta velina e dipinta in studio mediante pigmenti tono su tono. Sia i medium fotografici che i pigmenti sono da me realizzati. Per l'esecuzione di quest'opera ho appositamente realizzato un pigmento utilizzando proprio le copie storiche del Resto del Carlino del 1929 e del Si ha in questo modo un'appropriazione mentale del medium impiegato con la genesi dell'opera: dalle fragili e gialle carte del Quotidiano alla fragile carta velina. Il senso di fragilità e preziosità dell'opera è accentuata dal fatto che la carta sarà esposta appesa mediante appositi chiodi che ne permettono l'esposizione aggettante la parete. L'acqua invece offre la raffigurazione sempre libera e sempre diversa di un paesaggio ideale, l'acqua è anche il veicolo con cui i giornali si sono trasformati in pigmento nella carta velina. 100X100 cm Gelatina fotosensibile, gomma arabica e pigmenti ottenuti da copie storiche de il Resto del Carlino del 1929 e del 1954 su carta velina Carta velina

17 16 COSTABILE PICCIRILLO DEL RESTO.. DEL RESTO è una piccola raccolta composta da ben sei illustrazioni che ho concepito ad hoc per l'edizione 2015 del Prima Pagina Art Prize. Due di essi vantano collaborazioni esterne, ossia la "lettera inviata al direttore" che apre la serie, e il disegno che la conclude, sono interpretati sotto la mia supervisione da mani insospettabili che hanno circa ottant'anni di differenza. Nel lavoro, si assiste alla rivalsa di notizie secondarie "pur sempre ricorrenti", annunci invisibili e racconti quasi dimenticati, accuratamente selezionati dai tre numeri storici del quotidiano "IL RESTO DEL CARLINO", ad ognuno di questi frammenti viene dedicato un numero speciale. In oltre, per chiunque volesse avere una copia, basterà inviare una mail al seguente indirizzo indicando il titolo della prima pagina che più vi ha colpito 6 fogli 29,7x42 cm, totale 93,1x88cm Mista Carta

18 17 ROSY ROX RESTO Resto descrive simbolicamente il passaggio del tempo attraverso la materia, la carta stampata; allude alla società nel suo divenire e a tutti i cambiamenti e le complessità che essa porta con se. L opera muovendosi attraverso il divenire della storia, attraverso frammenti di tempo, frammenti di notizie, crea un cortocircuito temporale, uno spazio sospeso tra passato presente e futuro. Uno spazio che metaforicamente sottolinea il processo di divenire della società dalla modernità solida a quella liquido moderna (Zygmunt Bauman). Attraverso frammenti di prime pagine, la creazione di uno spazio, una pagina di riflessione che ci pone interrogativi sul nostro presente. Uno spazio, che ci invita a un tempo di riflessione,di presa di senso nel mondo che muta. 70x90 cm Tecnica mista su carta Carta

19 18 LEANDER SCHWAZER LEANDER (in arte POST CONCEPTUAL) PRIMA PAGINA Leander Schwazer vuole sapere cos è un giornale e trova una risposta semplice per una domanda semplice: testi, colori e immagini. Lui separa due prime pagine di un giornale in testi e immagini e dipinge una terza con i colori essenziali: Ciano, Magenta, Giallo e Nero con Pantone Inchiostro da stampa gestuale però analitico: separato l una dall altra. Commento: 42x58 cm (x3) Carta e inchiostro di stampa su tela Cornice Newspaper divided: text, picture and color

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Passo N 1 dell argomento.!

Passo N 1 dell argomento.! Un diagramma Venn per aiutarvi a trarre le vostre proprie conclusioni Passo N 1 dell argomento. Nel diagramma Venn qui sotto, il cerchio contrassegnato denota l insieme di tutte le cose che in qualsiasi

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Guida di orientamento tra le tecnologie e le problematiche nel mondo della stampa su tessuti e supporti rigidi Sviluppo crescita cambiamento Il lavoro

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli