ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE J. F. Kennedy di CUSANO MUTRI Via Orticelli, Cusano Mutri-BN Tel:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE J. F. Kennedy di CUSANO MUTRI Via Orticelli, 26-82033 Cusano Mutri-BN Tel: 0824 862064-e-mail: bnic81400x@istruzione."

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE J. F. Kennedy di CUSANO MUTRI Via Orticelli, Cusano Mutri-BN Tel: «KENNEDY» news La scuola... in prima pagina Anno 4 - Numero 2 Aprile 2011 Sommario Scuola Secondaria di I grado Ricordare... pag. 2 per non Dimenticare Riflessioni sul Mondo pag. 6 Trimestrale dell I. C. di Cusano Mutri (BN) Giovani e Adulti del Territorio pag. 8 Coesione territoriale, nazionale, europea a scuola: un valore, un obiettivo da realizzare PON: moderno strumento per l ampliamento delle competenze di base "L' Italiano in prima pagina" è il percorso formativo programmato nell'ambito delle attività progettuali PON, nato per dare voce agli alunni, per promuovere la creatività, per favorire una partecipazione responsabile alla vita del nostro Istituto. L iniziativa, accolta con entusiasmo, intende proseguire l attività giornalistica svolta dall Istituto nel corso degli ultimi anni (questa è la quarta edizione!!!). Dallo scorso anno è nata, tra l altro, una collaborazione con il quotidiiano Il Sannio, che divulga, a livello provinciale, il nostro trimestrale come inserto speciale. Il Kennedy News, carta d identità della scuola, vanta ottimi risultati e riconoscimenti prestigiosi: il prossimo 4 maggio sarà premiato all VIII Concorso Fare il giornale nelle scuole dell Ordine Nazionale dei Giornalisti. Il corso, attualmente in atto, ha attribuito un valore aggiunto al giornale, che quest anno si arricchisce della presenza di due esperti e due tutor che, parallelamente, guideranno due sottoredazioni: quella della Scuola Secondaria e quella della Scuola Primaria. La prima parte del percorso formativo della Scuola Secondaria ha avuto lo scopo di approfondire il concetto di testo informativo e testo argomentativo: un articolo di cronaca deve seguire la regola inglese delle cinque W, secondo la quale l'apertura deve rispondere a cinque domande: who (chi), what (che cosa), when (quando), where (dove), why (perché); un testo argomentativo, di contro, affronta un problema, esprime un'opinione attraverso un commento, una recensione, un editoriale. Nella seconda parte del corso, gli alunni hanno appreso la struttura di un giornale, partendo dalla prima pagina, che ne rappresenta il biglietto da visita, in cui gli articoli non vengono situati a caso, ma vengono attribuiti loro degli spazi ben precisi: la testata, l'editoriale, l'articolo di spalla e l'articolo di fondo. Contribuiscono alla buona riuscita del giornale anche le abilità grafiche; per questo sono importanti la scelta delle immagini, dei colori e l'uso delle foto come riflessione e rinforzo del testo scritto. Fondamentale, quindi, è stato l'uso ricorrente dei mezzi informatici e multimediali; l'utilizzo del computer per la digitazione degli articoli, dello scanner e della fotocamera per l acquisizione di immagini significative, di internet per ricerche e approfondimenti, di software specifici per l'impaginazione hanno infatti costituito un supporto privilegiato al lavoro dell intera redazione. La costruzione di un giornale rappresenta una delle attività scolastiche più avvincenti e coinvolgenti, grazie alle enormi potenzialità formative che mette in campo. Gli alunni, infatti, diventano protagonisti di un insieme di attività fortemente motivanti con un denominatore comune: la scrittura assume un reale significato comunicativo. E non solo! Condividere scelte, confrontarsi su tematiche di interesse comune, stimolare la riflessione, raccontare e raccontarsi, esprimere idee rappresentano quella metafinalità che è alla base dell'educazione alla convivenza democratica, nucleo fondante di qualunque intenzione educativa. Il nostro giornale deve essere interprete della collettività scolastica: dare una visione d'insieme delle molteplici attività svolte dalla scuola. In tale ottica, questa iniziativa progettuale offre un moderno strumento didattico per lo svilppo delle conoscenze e per la completa formazione degli alunni. Le docenti L italiano...in prima pagina 2 Scuola Secondaria di I Grado "Cari lettori di "Kennedy news " Ciao a tutti!!! Siamo la redazione del gruppo PON "L'italiano in prima pagina 2" e stiamo lavorando al nostro Giornale Scolastico "Kennedy news". Molti di noi avevano già preso parte alla realizzazione di articoli, interviste, illustrazioni nelle rispettive classi, ma non avremmo mai pensato di far parte di una redazione giornalistica vera e propria Essa è composta da 22 ragazzi, provenienti da tutte le classi della scuola secondaria di I grado. Il nostro primo giorno del corso è stato bellissimo, speciale e divertente perché abbiamo provato l'emozione di essere "veri giornalisti" e perché al primo incontro è venuta a salutarci la dott.ssa Caraccio, Dirigente Scolastico del nostro Istituto e Direttore del Giornale, che ci ha augurato un proficuo e fruttuoso lavoro! Tra le pagine di questo numero troverete, come sempre, tantissimi articoli interessanti e approfondimenti su diverse tematiche; notizie interne al nostro istituto come progetti, visite guidate, manifestazioni e quanto altro realizziamo per arricchire la nostra offerta formativa. Oltre alle notizie interne, non mancano mai riflessioni e considerazioni su ciò che accade intorno a noi. In particolare, in questo numero nasce anche una nuova rubrica dal titolo Scienze e dintorni che tratterà argomenti e curiosità relativi all'ambito scientifico e non solo Siamo "gasati" nell'intraprendere questa entusiasmante e formativa avventura e ci auguriamo che il nostro impegno possa aiutarci a crescere e a trasmettere l IDENTITA' del nostro Istituto. A questo punto non rimane che augurare a tutti BUONA LETTURA!!! I ragazzi della redazione Cassella Antonio Maria, Cassella Nico, Civitillo Donato, Crocco Giuseppina, Di Biase Concetta, Di Biase Giulia, Florio Pasquale, Guerriero Sarah, Iuliani Antonella, Maturo Domenico, Nocera Alessia,Orsino Giovanna, Parente Benedetta, Perfetto Eleonora, Petrillo Sonia, Raccio Concetta, Ronca Gaia, Russo Antonella, Torrillo Arianna, Torrillo Giovanna, Varrone Andrea, Vitelli Adriana Pagine 4 e 5 Pag. 3 SPORT A SCUOLA Campioni Provinciali Pag Provincia di Benevento Pag. 5 Vice campioni Regionali Campionati sportivi studenteschi

2 Pagina 2 "Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie". 19 marzo 2011 "Insieme, verità e giustizia in terra di luce" E lo slogan che ha accomunato, in tutta Italia manifestazioni, marce, seminari di approfondimento organizzati per la commemorazione delle vittime della mafia. In Campania tutte le scuole sono rimaste chiuse, in memoria di Don Peppe Diana, assassinato dalla camorra nel 1994 nella sua chiesa di Casal di Principe, nel giorno del suo onomastico. Il coraggioso parroco si trovò ad operare in quei territori spesso definiti "terra Ricordare...per non Dimenticare Scuola secondaria di Cusano Mutri Telese Terme 21 marzo Cinema Modernissimo Per amore del Mio Popolo non tacerò E il titolo della rappresentazione teatrale a cui, noi ragazzi delle classi seconde e terze della scuola secondaria, abbiamo assistito per ricordare la figura di Don Peppe Diana e quanti, come lui, hanno perso la vita in nome della giustizia e della legalità. Ricordare con il cuore 27 gennaio: Giornata della Memoria Il 27 gennaio è l'anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz da parte dei soldati sovietici, che nel 1945 abbattevano i cancelli d ingresso, liberando i prigionieri sopravvissuti allo sterminio del campo nazista. Le truppe liberatrici entrando nel campo scoprirono e svelarono al mondo intero il più atroce orrore della storia dell'umanità: la Shoah. Shoah è un vocabolo ebraico che significa catastrofe, distruzione. Esso è sempre più utilizzato per definire ciò che accadde agli ebrei d' Europa dalla metà degli anni Trenta al 1945 e particolarmente nel quadriennio finale. Ricordarsi di quelle vittime serve a mantenere memoria delle loro esistenze e del perché esse vennero troncate. Mentre qualcuno attraversava l'orrore, c'erano milioni di persone che voltavano altrove lo sguardo. Ora, in forma certamente meno estrema e meno drammatica, alcune scene si vanno ripetendo nella nostra civiltà. Non ci accorgiamo della crudeltà che accompagna le espulsioni o le vite violente nelle periferie delle nostre città: c'è un lato brutale, nella nostra quotidianità, che abbiamo deciso di espellere dallo sguardo, così come qualcuno fece nel nostro passato. La memoria di questo nefasto trascorso deve essere "vissuto" per aiutarci a vivere il presente e a costruire il nostro futuro, un futuro fatto di parole, confronti, solidarietà, altruismo, non di silenzi, scontri, razzismo, egoismo... In occasione del "Giorno della Memoria" cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, vissuti in particolare nelle scuole su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, devono essere "assimilati" soprattutto da noi ragazzi in modo da conservare nel futuro dell'italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia del nostro Paese e dell' Europa, affinché simili eventi non possano mai più accadere. Per NOI "avere memoria" non significa soltanto ascoltare una testimonianza o vedere immagini mostruose. Significa rielaborare tutto questo dentro di noi, nel proprio cuore, assumendolo nei nostri codici culturali ed affettivi. Fumo e Cenere Gli anni passano e il dolore si assottiglia Il tempo scorre e piu' non si pensa Per noi oggi è un ricordo lontano Per i sopravvissuti e le famiglie è come se fosse ieri Poco tocca i nostri cuori Ci si ferma a pensare, in modo indifferente, ma poi tutto passa E il ricordo si dissolve insieme alle parole. Eroi di coraggio, noi vi onoriamo Per la forza, l'innocenza, la dignità, Lavoratori fino allo sfinimento Morti di dolore, freddo e fame Polverizzati in fumo e cenere Bambini, giovani, adulti e anziani Ognuno di voi è nel nostro ricordo E ognuno di noi vi celebrerà per tutta la vita In nome della pace e della vostra innocenza. Monica Di Biase Classe III A di nessuno", in cui la fugacità e l'imprevedibilità della vita sono più forti che negli altri luoghi, perché l'esistenza delle persone è fortemente condizionata. Ricordiamo tutte le vittime della criminalità organizzata attraverso le parole di don Peppino: La camorra oggi è una forma di terrorismo che incute paura, impone le sue leggi e tenta di diventare componente endemica nella società campana. I camorristi impongono con la violenza, armi in pugno, regole inaccettabili: estorsioni che hanno visto le nostre zone diventare sempre più aree sussidiate, assistite senza alcuna autonoma capacità di sviluppo; tangenti sui lavori edili, che scoraggerebbero l'imprenditore più temerario; traffici illeciti per Giorgio Napolitano: "Foibe, la memoria va coltivata" Tra il 1943 e il 1947 i soldati guidati dal maresciallo Tito hanno causato una sanguinosa e orribile strage che vide la morte di migliaia di partigiani. La vicenda delle foibe Istriane rappresenta un momento particolare e piuttosto ignoto della storia italiana, "rivalutato" solo negli ultimi anni, al pari di altre tragiche vicende, come l'eccidio nazista. " L'essenziale è non restare ostaggi del passato. In ciascun paese si ha il dovere di coltivare le proprie memorie, ma finalmente possiamo guardare avanti, far progredire una prospettiva di feconda collaborazione sulle sponde dell'adriatico". Con queste parole il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha invitato a festeggiare il Giorno del Ricordo. Noi alunni abbiamo potuto, così, ripercorrere la tragedia di migliaia e migliaia di famiglie, i cui cari furono imprigionati, uccisi, gettati nelle foibe. Fu la vicenda collettiva dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati L'orrore Istriano trova le sue origine alla fine della grande guerra quando, in seguito alla vittoria, l'italia assunse il controllo di tutta la zona istriana, provocando malcontento nella popolazione locale. La nuova amministrazione italiana era molto più rigida di quella austroungarica precedente, che aveva già molta esperienza nell'amministrazione di territori comprendenti più etnie, come lo era quello istriano. La direzione italiana, inoltre, si stava dimostrando intollerante verso gli usi e i costumi slavi, tanto da vietare anche l'uso della stessa lingua. Ad aggravare la situazione ci fu anche il fatto che gli italiani segnarono il completo decadimento della zona Triestina, fonte di grandi risorse per l'economia locale, che già risentiva della grave crisi del l'acquisto e lo spaccio delle sostanze stupefacenti il cui uso produce schiere di giovani emarginati, e manovalanza a disposizione delle organizzazioni criminali; scontri tra diverse fazioni che si abbattono come veri flagelli devastatori sulle famiglie delle nostre zone; esempi negativi per tutta la fascia adolescenziale della popolazione, veri e propri laboratori di violenza e del crimine organizzato. E' oramai chiaro che il disfacimento delle istituzioni civili ha consentito l'infiltrazione del potere camorristico a tutti i livelli. La Camorra riempie un vuoto di potere dello Stato che nelle amministrazioni periferiche è caratterizzato da corruzione, lungaggini e favoritismi. La Camorra rappresenta uno Stato deviante parallelo rispetto a quello ufficiale, privo però di burocrazia e d'intermediari che sono la piaga dello Stato legale" Tutto ciò ebbe gravi conseguenze sulla popolazione istriana che, sentendosi occupata, iniziò a sviluppare una vera e propria resistenza. Il fenomeno delle foibe iniziò nell'autunno del 43, dopo l'armistizio,quando i partigiani slavi perseguitarono e uccisero migliaia di cittadini italiani, considerati nemici del popolo. Le foibe, tuttavia, toccarono la massima intensità durante l'occupazione jugoslava di Trieste: l'esercito del generale Tito, dittatore jugoslavo, raggiunse la città il primo maggio 1945, dando inizio ad una brutale carneficina che coinvolse militari e civili italiani, ma anche cittadini sloveni e croati. Il massacro finì solo nel giugno 45 quando fu tracciata la linea di demarcazione Morgan che restituita agli italiani i territori appartenuti alla penisola. Almeno persone, sono state torturate e uccise a Trieste e nell'istria: chi moriva per primo era fortunato, perché non soffriva; cadendo, infatti, a 256 metri di profondità e anche di più, c'era chi si rompeva un braccio, il femore o altre parti del corpo. Era una morte lenta e sofferente Nelle foibe, voragini naturali disseminate sull'altopiano del Carso, nessuno sa quante persone siano state veramente uccise. Finora sono state recuperate circa mille salme e chissà quante altre ancora ce ne siano nelle profondità più estreme che non sono state perlustrate del tutto! E' questa una pagina dimenticata nella storia dell'italia e spesso "trascurata" anche a Trieste: da chi l' ha vissuta con il desiderio di cancellare il ricordo di un incubo; e da chi, più giovane, non ha potuto sentirne parlarne in televisione e sui libri di storia. È, invece una pagina da non dimenticare, un evento tragico ma che non dobbiamo tacere, assumendoci la responsabilità di ristabilire la verità, raccontando, ricordando e cercando di capire. E' quello che noi ragazzi abbiamo fatto!

3 Pagina 3 Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha concesso una speciale targa commemorativa per il 150 anniversario della istituzione della Provincia di Benevento al Presidente della Provincia Aniello Cimitile. 800 anni di storia La storia della nascita della provincia, che ha preceduto di pochi mesi quella dell'unità d'italia, ha il suo inizio molti secoli addietro. Bisogna, infatti, risalire a quasi 1000 anni fa e precisamente al In quell'anno il territorio del Principato longobardo di Benevento venne diviso dalle lotte tra le grandi potenze di quell'epoca: Normanni e Stato della Chiesa. L'ex capitale, la Maloeis della Magna Grecia e dei Sanniti, e la Maleventum dei Romani dopo la disfatta delle Forche Caudine, identificata. in seguito alla vittoria su Pirro Beneventum, divenne una enclave, cioè un'isola dello Stato Pontificio: a comandare era il Papa-re, che non era soltanto una guida spirituale, ma possedeva anche il cosiddetto "potere temporale". Intorno all'enclave esisteva un'altra organizzazione statuale, legata ai passati splendori della "longobardia minore" che per secoli non accettò mai quella singolare condizione istituzionale e tento' di sovvertire le disposizioni del Papa-re e cacciare il suo delegato, il Rettore. I beneventani per "liberare" la città dall'autorità pontificia tentarono numerose azioni rivoltose come quella del 1848, fino all'avventurosa spedizione dei Mille del Anche i patrioti beneventani e sanniti, infatti, sognavano non solo di costruire un'italia unita, ma di restituire a Benevento quella antica dignità, perduta dal E così mentre Garibaldi stava per portare il suo attacco mortale al Regno delle due Sicilie, ai patrioti sanniti fu promesso che, se avessero cacciato il rettore, prima dell'arrivo di Garibaldi, Benevento sarebbe divenuta capoluogo di Provincia. Così il 2 settembre 1860, circa duecento sanniti entrarono nella città: prima abbatterono lo Stemma dei Borbone e ammainarono la bandiera dello Stato Pontificio; successivamente un notaio, Salvatore Rampone convinse il Rettore, che non oppose alcuna resistenza, a capitolare. Rampone venne subito proclamato, in nome del re Vittorio Emanuele, Presidente del Governo Provvisorio. Il neo-presidente condusse le trattative a Napoli per l'istituzione della Provincia, il cui territorio fu individuato tracciando un cerchio con un compasso su una cartina. Un mese dopo, il pro-dittatore Giorgio Pallavicino decretò la proclamazione della Provincia di Benevento e il 15 maggio 1861, venne confermato e ratificato il decreto: l'antico Ducato di Benevento è dichiarato Provincia del Regno Italiano. Personaggi risorgimentali durante la sfilata Briganti 150 Provincia di Benevento Illustrazione dell'evento storico accaduto il 3 settembre 1860, quando trecento garibaldini, provenienti da Vitulano, dopo aver trascorso la notte a Torrepalazzo, nei pressi di Benevento, guidati dal maggiore De Marco, giunsero a Porta Calore, accolti dal popolo in festa, con a capo Salvatore Rampone e la banda musicale, tra lo sbandieramento del tricolore italiano. Copertina del libro realiizato dagli alinni della classe II A Disegno realizzato da Alessio Iannicola Cusano Mutri: l'istituto Kennedy celebra i 150 Anni della nascita dell'italia e della Provincia con il patrocinio della Rocca dei Rettori I festeggiamenti a suffragio del 150 anniversario dell Unità d Italia si sono concretizzati in una serie di iniziative ed eventi che hanno visto protagonisti Enti ed Istituzioni. L esigenza di creare uno spunto ed una riflessione comune sui temi e sulle vicende che hanno determinato la nascita e l evoluzione storica della Nazione Italia, ha visto la Provincia di Benevento deliberare un bando di concorso riservato al mondo della scuola: I 150 anni della Provincia, protagonisti e istituzioni, fatti e idee. L Istituto Kennedy di Cusano Mutri-Pietraroja, guidato dal Dirigente Scolastico,ha approntato un progetto ben articolato e multidisciplinare che gli è valso il 2 posto nella graduatoria finale e il relativo contributo finanziario a supporto degli eventi programmati. Il risultato ottenuto non sarebbe stato possibile senza la sapiente guida ed il brillante intuito della nostra Dirigente, la quale è riuscita a far incontrare due culture, quella della scuola e dell extra scuola, senza sovrapporle, ma facendole diventare una nuova realtà infondendo nella comunità il senso e lo spirito di una scuola nuova all altezza dei nostri tempi. Il progetto, coordinato per i diversi ordini di scuola dalle docenti Maria Giuseppina Orsino e Concetta Mazzarelli, si è rivelato un importante momento formativo per i giovani studenti che hanno potuto approfondire la storia e conoscere gli avvenimenti e i protagonisti che hanno contribuito alla nascita della Provincia di Benevento. La cerimonia d inaugurazione si è svolta sabato 22 gennaio nella chiesa dei Santissimi Apostoli Pietro e Paolo di Cusano Mutri. Il 26 gennaio presso l istituto comprensivo Kennedy di Cusano Mutri, si è tenuta una interessante conferenza dal titolo I cattolici nel Risorgimento Italiano, moderata dal presidente dell Associazione Fra Carlo, prof. Marco Fetto e condotta da Padre Domenico Tirone. Decisamente utile ed educativo l incontro tra i rappresentanti della Polizia Stradale di Benevento, nella persona del S.Commissario Dott. Antonio De Bellis, ed i ragazzi della scuola secondaria. Il convegno, oltre ad evidenziare l evoluzione delle strade dall Unità d Italia ad oggi, si è rivelato un proficuo momento di riflessione sul rispetto delle norme che regolano la circolazione stradale e l esigenza di condotte equilibrate e prudenti. La manifestazione conclusiva si è svolta il 9 febbraio ed è stata particolarmente ricca e variegata. Gli alunni dei tre ordini di scuola hanno dato sfoggio alla loro creatività ed allo spirito di iniziativa allestendo una serie di eventi che hanno incontrato il compiacimento dei numerosi partecipanti. Dalla mostra fotografica Evoluzione della donna, all allestimento di disegni e cartelloni tematici, alla sfilata che ha riproposto l Unità d Italia attraverso gli antichi costumi e gioielli, le acconciature dell epoca e i personaggi storici risorgimentali. Una finestra sulla storia, una scelta didattica decisamente felice che ha consentito di coinvolgere i ragazzi nella sapiente ricostruzione scenografica dei momenti più significativi dell Unità d Italia. Ognuno di loro si è sentito investito dalla responsabilità di un evento che ha raccolto numerosissimi spettatori e, accompagnati dalle note del grande musicista Ennio Morricone, tutti i ragazzi hanno evidenziato il proprio talento artistico. Questa è la vittoria più bella: per la scuola che insegna ed innova il tradizionale percorso formativo, per i genitori pronti ad incoraggiare ed assistere i propri figli nelle loro attività educative e per la comunità che in massa ha partecipato allo spettacolo dei suoi valenti ragazzi. Un connubio che vogliamo ricordare così; come la stretta di mano tra Giuseppe Garibaldi e Vittorio Emanuele II in quel di Teano, scena che i ragazzi hanno eccellentemente interpretato; gesto simbolico e rappresentativo delle migliori virtù che hanno permesso la nascita della nostra Patria. L associazione musicale Giuseppe Mastrillo, infine, ha eseguito un concerto con le più famose musiche patriottiche, accompagnate dal soprano Nadia Perfetto. Non è stata trascurata neanche la parte gastronomica attraverso la degustazione di prodotti tipici locali nell ambito del richiamo alla tradizioni e agli usi delle nostre terre. Anche le Istituzioni hanno preso parte alla cerimonia conclusiva con gli interventi dei Sindaci di Cusano Mutri e Pietraroja, Frongillo e Di Furia, e del Consigliere Provinciale Lucio Rubano che ha portato il saluto ed il plauso della Provincia, ente promotore, e del Suo Presidente Aniello Cimitile. Il progetto realizzato dall Istituto Kennedy, inoltre, ha dato vita ad un opuscolo in cui è stata proposta la sceneggiatura di un famoso fatto storico relativo al fenomeno brigantaggio avvenuto presso la Grotta delle Fate a Pietraroja che si concluse con la fucilazione di cinque briganti. Il progetto, così come auspicato dall istituzione Provinciale, è stato senz altro in grado di evidenziare efficacemente gli aspetti rilevanti della nostra storia, dell intenso processo unificatore, e gli eventi che hanno determinato la nascita della Provincia di Benevento. L Italia, il Tricolore, il senso della Patria, Mazzini, Cavour, Garibaldi, l Inno di Mameli, Salvatore Rampone, Carlo Torre rappresenteranno per tanti ragazzi Cusanesi l orgoglio e la fierezza di far parte del glorioso Popolo Sannita. Il Dirigente Scolastico a conclusione del progetto ringrazia la Provincia di Benevento e tutti coloro che hanno fornito il proprio contributo alla buona riuscita dell evento. Le docenti referenti

4 Pagina 4 Unità d Italia 17 marzo: Festa nazionale per I 150 anni dell'unità d'italia La vacanza dà valore alla ricorrenza! Dopo giorni di polemiche e discussioni, sopraggiunge la decisione del Consiglio dei Ministri, sin dall'inizio auspicata dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano: scuole e uffici chiusi per celebrare in maniera solenne una festa di tutti. Il 17 marzo è stato un giorno di festa e le aule sono rimaste chiuse. Ma alunni, docenti e dirigenti già da tempo hanno iniziato ad elaborare idee, a mettere a punto progetti, ad organizzare manifestazioni celebrative. La celebrazione del 150 anniversario della fondazione dello Stato nazionale, infatti, ci ha "suggerito" numerose considerazioni, ricerche, che ci hanno portato ad approfondire la nostra storia e a "recuperare" vicende, episodi storici e civili, profili umani dei protagonisti, che hanno accompagnato la nascita, l'esistenza, le tappe gloriose e ingloriose del nostro Stato e che hanno fatto "percepire" a noi, generazioni contemporanee, il significato profondo dell'identità nazionale e l'amore per la nostra patria. Essa, inoltre, ha rappresentato un'importante opportunità educativa per riflettere sui valori e sugli ideali che hanno dato vita alla nazione, nella quale la scuola ha avuto un ruolo educativo da protagonista per l'unità del Paese e per la crescita dei futuri cittadini, grazie alla funzione di "collante culturale", che ha rappresentato e tuttora rappresenta. A tutti gli uomini e le donne che hanno dato la morte per la nostra vita! A MARGINE DEL DISCORSO DI VITTORIO EMANUELE II AL 1 PARLAMENTO ITALIANO Il 18 febbraio 1861 a Torino, splendidamente addobbata, si svolse la prima seduta del nascente Parlamento italiano. I parlamentari entrarono a Palazzo Carignano, accompagnati dalla banda della Guardia Nazionale che intonava l'inno di Mameli in piazza Castello. Arrivò anche il Re Vittorio Emanuele II sfilando fra una folla osannante, appena trattenuta dai cordoni della Guardia Nazionale. A Palazzo Carignano fu ricevuto dalle deputazioni del Senato e della Camera; i parlamentari si alzarono in piedi gridando: Viva il Re d'italia!. Vittorio Emanuele salì al trono con passo solenne. Alla sua destra s'accomodarono i principi; a sinistra sedettero i diplomatici di Prussia, Gran Bretagna, Francia, Turchia, Svezia e Belgio; intorno si schierarono i ministri e Cavour. Il Re prese la parola, leggendo un discorso che Cavour e Ricasoli avevano esaminato il giorno prima: "Signori Senatori, Signori Deputati, libera ed unita quasi tutta, per mirabile aiuto della Divina Provvidenza, per la concorde volontà dei popoli, e per lo splendido valore degli eserciti, l'italia confida nella virtù e nella sapienza vostra. A voi si appartiene di darle istituti comuni e stabile assetto. Nello attribuire le maggiori libertà amministrative a popoli che ebbero consuetudini ed ordini diversi veglierete perché l'unità politica, sospiro di tanti secoli, non possa mai essere menomata." Con questo discorso inaugurale, intriso di patriottismo, entrava formalmente in funzione il primo Parlamento Nazionale che avrebbe, di lì a poco, proclamato l'unità d'italia. In tale discorso il re esprimeva tutta la sua gratitudine allo splendido valore degli eserciti, alla Divina Provvidenza e alla volontà e forza di coraggio dei popoli per aver ottenuto un'italia libera e unita e si compiace di manifestare al Primo Parlamento d'italia la gioia che è presente nel suo animo di re e di soldato Italiano per quello che si sta realizzando. L'Italia così costituita sarà garanzia di ordine e di pace. Il 21 febbraio con la promulgazione della legge sul re ("Il re Vittorio Emanuele II assume per sé e i suoi successori il titolo di re d'italia"), Cavour proclamò Vittorio Emanuele "Re d''italia" e attraverso quella legge si comunicò ufficialmente al mondo che esisteva un Paese chiamato Italia. Il 17 marzo 1861 si ebbe finalmente la proclamazione dell'unificazione d'italia. Tutti noi, cittadiniitaliani, dovremmo essere fieri e orgogliosi di appartenere alla nostra Italia, senza rinnegare le nostre radici, ed emozionarci sempre dinanzi alla la nostra bandiera simbolo di libertà e pace, costata ai patrioti sacrifici e sangue. E in questo 150^ anniversario dell'unità, abbiamo il dovere di ricordare tutti i protagonisti di queste bellissime pagine di storia con onore e riconoscenza. E quel Parlamento, nato 150 anni fa, deve corroborare, ancora oggi, forti significati simbolici, storici e civili. Valente Milena e Petrillo Michela Classe III A 1 Parlamento Italiano 8 marzo 2011: Festa della donna Le "eroine" protagoniste NON dimenticate dell'unità d'italia La storia del Risorgimento italiano, a prima vista, ha una connotazione prettamente maschile. I nomi sono noti: Garibaldi, Mazzini, Cavour, Vittorio Emanuele II, D'Azeglio, Bixio e Borrani, La Bandiera dipinta, 1859 tantissimi altri. In realtà esiste anche un ramo femminile della storia risorgimentale, costituito da donne coraggiose, energiche, silenziose che hanno contribuito ad indicare, sostenere, realizzare il progetto indipendentista e unitario italiano. Si tratta di donne di tutti i ceti sociali: nobili, intellettuali, borghesi, popolane, carbonare, mazziniane e liberali che hanno offerto un contributo non indifferente alla costruzione dell'italia unita. Accanto alle due figure più ricorrenti, quali l'eroica Anita Garibaldi e la controversa Contessa di Castiglione, al secolo virginia Oldoini, ritroviamo donne intente a ricamare bandiere tricolori e camicie rosse, ma pronte anche a salire sulle barricate come a Milano, a soccorrere i feriti o a prendere le armi come Rose Montmasson, moglie di Francesco Crispi, unica donna che partì da Quarto con i Mille, oppure Antonia Masanello, la garibaldina che fu scoperta donna, quando in battaglia le volò via il cappello che le nascondeva i capelli. Vi troviamo, inoltre nobili e intellettuali, come Margaret Fuller, insegnante e traduttrice che si impegnò nell'apertura di scuole per bambini mendicanti, Angelica Palli Bartolommei scrittrice animatrice dei salotti politici, Cristina Trivulzo Belgiojoso, editrice e giornalista, impegnata in prima fila durante le Cinque Giornate di Milano, Sara Nathan, banchiera e stretta collaboratrice di Mazzini, e tante altre. Molte furono le donne del popolo uccise: levatrici, ricamatrici, modiste, come Peppa la cannoniera, che aveva combattuto nella rivolta di Catania nel 1860 e Guditta Tavani Arquati, uccisa per difendere alcuni patrioti, dagli zuavi del papa nel 1867, e tante altre. Il contesto della restaurazione post-napoleonica contribuì a "soffocare" le istanze femminili che si erano sviluppate durante l'illuminismo e la rivoluzione francese, ristabilendo, così' nel corso dell'800, un'organizzazione familiare di stampo patriarcale e relegando le donna unicamente al ruolo di madre e moglie. Pertanto, le donne vivevano in una condizione di inferiorità e i loro sforzi per la patria erano ripagati solo con la protezione della quale gli uomini credevano che queste avessero bisogno; alcune donne (pochissime!) sono "entrate" nei libri di storia nel ruolo di madre o compagna di personaggi maschili, le cui virtù sono state esaltate in funzione di quelle dell'eroe. Invece, le donne presenti nel primo Ottocento, mostrano una prodigiosa varietà di atteggiamenti, di scelte libere, coraggiose, fatte di rinunce, di attese, di dolore Molte persero i loro beni, la libertà, i figli, la loro stessa vita, ma sia che esse hanno aperto i loro salotti al nuovo spirito libertario o le loro case agli esuli, sia se hanno svolto altri ruoli come prodigarsi come infermiere, fondatrici di scuole, asili per gli orfani, sia che combattevano accanto agli uomini, sia se aspettavano nelle loro case, cucendo bandiere tricolore, hanno colto il senso concreto e profondo delle situazioni politiche e sociali che accadevano, anche quelle più difficili Esse hanno consegnato alla storia e al futuro dell'italia un patrimonio di valori morali e civili che ha caratterizzato il faticoso percorso dell'unità. A loro va il nostro ricordo di ammirazione in questo giorno dedicato a tutte le donne!

5 Pagina 5 Unità d Italia Lavoro realizzato dalla classe II B L I M I francobolli hanno dato sempre un contributo importante alla ricostruzione degli eventi più significativi della storia del nostro Paese UNITI... anche nello sport Campionati provinciali e regionali Ora puntiamo più in alto verso le gare NAZIONALI!!! BRILLANTI RISULTATI DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO Le squadre delle "Cadette" e dei" Cadetti" vincono i Campionati Provinciali di corsa campestre e le Gare Provinciali di pallavolo maschile Gli alunni dell'istituto Comprensivo di Cusano Mutri ottengono risultati particolarmente positivi nel corso della fase finale dei Campionati Sportivi Studenteschi di corsa campestre, tenutisi a Benevento il giorno 2 gennaio A confermare ciò i lusinghieri risultati che gli alunni, guidati dal prof. Giuseppe Francesco Mastrillo, hanno conseguito nelle varie categorie. Nella categoria "ragazze" Cassella Flaminia, in virtù di un ritmo di gara molto alto e di un atteggiamento particolarmente risoluto, si è qualificata al primo posto aggiudicandosi il titolo di campionessa provinciale. L'intera squadra inoltre, otteneva il terzo posto generale grazie al contributo determinante della stessa Cassella Flaminia e di Cassella Marianna, e del piazzamento di altre due compagne di squadra: Cassella Gabriella e Croce Raffaella. Nella categoria "cadette" Varrone Debora si è classificata al secondo posto e Angela Cassella al terzo. In questa categoria hanno conseguito ottimi risultati anche altre due compagne di squadra: Giovanna Torrillo e Giovanna Orsino, piazzatesi rispettivamente al quarto e sesto posto. Tali risultati individuali hanno permesso all'intera squadra di aggiudicarsi il primo posto ed il titolo di "campionesse provinciali" catg. Cadette. Altrettanti importanti sono stati i risultati nella catg. "Cadetti ", nella quale Federico Maturo, con una condotta di gara determinata e caparbia, ha conquistato il secondo posto del podio. Inoltre, in virtù dell'ottimo piazzamento di Liberato Ronca (quarto) e dei buoni piazzamenti di Petrillo Vittorio e di Luigi Napolitano, la squadra si è classificata al primo posto aggiudicandosi il titolo di "campioni provinciali". Onorevole è stato inoltre il comportamento della squadra della categoria "ragazzi " composta dagli alunni: Amato Carlo, Di Muzio Roberto, Iassogna Alex e Maturo Domenico. Nel torneo di pallavolo, disputato a Benevento il 19 marzo, i risultati sono stati altrettanto soddisfacenti. La squadra femminile ha vinto tutte le partite della fase eliminatoria. Nella gara finale, anche se la squadra ha dato il meglio di sé, si è aggiudicata, con grande rammarico dele ragazze, il secondo posto provinciale. Prestigioso è stato il risultato della squadra maschile di pallavolo, che dopo aver vinto tutte le partite della fase eliminatoria, ha dominato la finale, aggiudicandosi il titolo di campioni provinciali. Ci aspettano a maggio i campionati regionali... Per questi alti e pregevoli risultati, il Dirigente Scolastico ha espresso la sua piena soddisfazione per l'impegno e la tenacia profusi, esprimendo un particolare ringraziamento ai docenti che hanno collaborato alla buona riuscita delle competizioni sportive. Campioni Provinciali corsa campestre Pallavolo: campionato provinciale maschile e femminile 1 e 2 classificati Castello di Limatola Sala Garibaldi In gita a Limatola L esperienza che noi alunni della scuola secondaria di primo grado abbiamo vissuto il 1 marzo a Limatola, è stata davvero suggestiva! Ci siamo recati in visita al Castello, che domina l'antico feudo di Terra di Lavoro. Il viaggio è stato divertente ed emozionante perché nel pullman abbiamo scherzato e giocato tutti insieme. Arrivati a destinazione abbiamo da subito notato la bellezza di questo maniero, che ci è apparso maestoso. La prima particolarità che abbiamo vissuto è stata la salita in ascensore, necessaria per accedere al castello. Ci ha accolto una guida, di nome Angela, che ci ha accompagnato per tutto il percorso con pazienza e chiarezza nelle spiegazioni. Abbiamo ammirato le bellissime stanze, i cortili, il terrazzo da cui abbiamo apprezzato il paesaggio, la cappella, nella quale in una teca è custodita una bellissima raffigurazione della Madonna, opera di Francesco Da Tolentino. In un'altra sala, al piano superiore, il soffitto a volta è affrescato con dipinti sacri: sono ritratti la Madonna, le sacre scritture, il crocifisso, e ai lati le quattro stagioni. La nostra guida ci ha spiegato il significato degli affreschi: la fede è immanente, essa è una certezza in tutte le stagioni e in ogni momento della vita umana. Per ricordare la posizione strategica del castello nella battaglia del Volturno e negli eventi militari di cui il territorio fu teatro, il mastio dedica una stanza a Giuseppe Garibaldi. E qui che si è sofermata la nostra attenzione! La bellissima "sala Garibaldi" ispirata all'unità d'italia, ospita immagini e dipinti, che abbelliscono le pareti della sala tutt'intorno. In ogni immagine, arricchita da una spiegazione, prevale la figura di Garibaldi, testimonianza della posizione rilevante che occupò nel Risorgimento, e dei Mille uomini che lo accompagnarono nelle sue imprese. Nel giardino che circonda il castello ci ha molto colpito una piccola tomba, appartenuta ad un cane, Miss Castello, probabilmente amatissimo dai suoi proprietari, la famiglia Gambacorta. Alla fine della meravigliosa "esplorazione" siamo stati accompagnati in un sala dove intorno ad un grande tavolo ci siamo seduti e abbiamo dipinto con dei rudimentali attrezzi, realizzando veri e propri capolavori, che abbiamo appeso in classe, in ricordo di questa irripetibile esperienza!

6 Pagina 6 Riflessioni sul Mondo Guerra ed Emigrazione Il desiderio di libertà e di autonomia a cui aspirano, da tempo, i popoli del Mediterraneo soggiogati da governi dittatoriali, ha coinvolto anche il popolo libico. Mentre in Tunisia e in Egitto, però, la ribellione ha portato ad una risoluzione positiva, in Libia il Presidente Gheddafi ha reagito alle proteste sparando sulla La storia folla e provocando migliaia di morti. Questa situazione, ancora in evoluzione, spinge molti profughi ad abbandonare il proprio Paese alla ricerca di pace e sicurezza o, addirittura, per trovare una nuova "dimora". L'Italia, anche per la posizione geografica, è "punto di raccolta" di numerosi profughi e, notizie degli ultimi giorni, ci dicono che,oltre alle regioni meridionali la Toscana, la città di Verona e altre ancora si sono preparati ad accogliere questo flusso migratorio. Noi speriamo vivamente che l'italia, con l'aiuto anche di altri Paesi, riesca a gestire al meglio l'emergenza immigrati. Auspichiamo, inoltre, che tutti coloro che hanno vissuto per anni sotto regimi dittatoriali possano vivere in modo più dignitoso in un Paese che garantisca tutti quei principi di libertà e di uguaglianza che sono alla base di uno Stato democratico. Riflessioni... " così sul barcone dei disperati ho fatto nascere mio figlio" Palermo 28 marzo 2011 Sta bene ma è ancora ricoverato all'ospedale "Cervello" di Palermo il piccolo Yeabsera, il bimbo nato nella notte tra venerdì e sabato su un barcone di immigrati nel Canale di Sicilia. Yeabsera, che in italiano vuol dire "dono di Dio" dorme beato nella sua culletta termo riscaldata dell'ospedale dove viene monitorato 24 ore su 24. Il neonato è diventato la mascotte del reparto neonatale dell'ospedale; le infermiere e molte mamme lo vanno a coccolare e qualcuna di loro lascia anche una tutina o un paio di scarpette in regalo. Anche la madre di Yeabsera, eritrea, Fekerte, 26 anni, è ricoverata e accudita da una suora eritrea che le fa anche da traduttrice. Il marito della donna, Asfaw, non si allontana mai dal reparto. E' lì, accanto alla moglie, che non vuole abbandonare per un istante. I tre, madre padre e bambino, verranno adesso ospitati, quando il piccolo sarà dimesso, in una comunità comboiana. I popoli sotto dittatura anelano alla libertà; se manca tale anelito, cessa il senso della personalità, il desiderio del progresso, il valore dell'iniziativa. I popoli che tendono a progredire, si affermano nella libertà e per la libertà." Luigi Sturzo La libertà è al fondamento delle moderne nazioni. Essa è inalienabile per ogni uomo ed ognuno deve cercare di preservarla, senza invadere quella degli altri. Oggi vediamo il mondo così: come un insieme di nazioni fondate sul diritto dei popoli di scegliere i loro presidenti o monarchi secondo un sistema di elezioni democratiche a suffragio universale, anche se in alcuni paesi ancora esiste qualche regime autoritario. La libertà, in tutte le sue sfaccettature (libertà di culto, di parola, di associazione) è sempre stata considerata come qualcosa a cui aspirare e che si poteva ottenere solamente grazie alla forza. Non esistevano quelle democrazie nelle quali oggi viviamo, ma la maggior parte dei popoli erano sottoposte a monarchie assolute, in cui i tre poteri governativi erano in mano ad una sola persona, che poteva decidere di tutto su tutti, emanando leggi contro coloro i quali non accettavo il proprio modo di pensare o cercavano un cambiamento istituzionale. Non si era liberi, non esistevano cittadini, ma sudditi sottomessi ai capricci di una persona. Purtroppo oggi, in molti parti del mondo è ancora cosi'. Ci sembra banale che tutti possano votare, possano esprimere la propria opinione o professare il proprio culto, eppure ci sono ancora oggi Stati, a noi vicini, in cui questo è ancora lontano da realizzare, come nel nord Africa, in cui ultimamente sono esplose delle insurrezioni contro i regimi autoritari che li caratterizzano. Secondo noi, è indispensabile avere libertà e democrazia perché siamo tutti uguali e dobbiamo rispettarci senza tener conto delle diversità di religione, di di razza, di condizione sociale. Purtroppo, in molti paesi c'è una " persona " che impedisce una vita felice a milioni di persone, solo perché ha il potere di amministrare e si sente superiore agli altri. Il mondo sta peggiorando, ma molto dipende anche da ognuno di noi e dalla nostra capacita' di indignarci e poi di impegnarci affinche' il messaggio di democrazia arrivi ovunque. Perché non essere tutti uniti, liberi di creare un mondo migliore? Classe III A Ultime da Fukushima In mare tonnellate di acqua radioattiva: i tecnici della centrale hanno iniziato a riversare nell'oceano tonnellate di acqua radioattiva accumulata nei reattori della centrale di Fukushima. Lo iodio radioattivo trovato nell'acqua marina è 7,5 milioni di volte superiore al limite legale. Radiazioni superiori alla norma: Radiazioni superiori alla norma sono state rilevate appena fuori dal raggio di 30 km dalla centrale nucleare di Fukushima; le autorità avevano disposto l'evacuazione di circa 80 mila persone nel raggio di 20 km dalla centrale di Fukushima. Test radiazioni nelle scuole: I tecnici giapponesi hanno iniziato una campagna di monitoraggio estesa a fra scuole e asili per verificare i livelli di radiazioni negli edifici. Cosa è successo... Il Giappone, grande potenza economica e leader nel campo tecnologico, è stato messo in ginocchio dalla tragedia apocalittica degli ultimi giorni. L'11 marzo scorso il sismografo ha registrato un terremoto di intensità devastante, pari al 9 grado della scala Richter, il settimo nella storia del pianeta e il primo in Giappone che ha investito Tokyo alle locali, mentre in Italia erano le prime ore dell'alba. I grattacieli hanno oscillato sotto le scosse sismiche e la popolazione si è data alla fuga in cerca di riparo; lo tsunami che ne è scaturito ha devastato le città costiere nord-orientali: diecimila vittime, migliaia di dispersi e sfollati. Danni sono stati arrecati alla centrale nucleare di Fukushima, fenomeno che desta grande preoccupazione per le radiazioni te nell'aria, nell'acqua e sulla vegetazione. Conoscere... per capire LA CENTRALE NUCLEARE Una centrale nucleare è un impianto industriale atto alla produzione di energia elettrica attraverso il vapore, come una centrale a carbone o a gas. Ma, a differenza di un impianto convenzionale, non brucia nessun combustibile; per produrre il vapore sfrutta invece la grande quantità di energia liberata dalla fissione (scissione) del nucleo di particolari atomi, in genere uranio: un nucleo di uranio, colpito da un neutrone si spezza in due frammenti radioattivi, di massa circa uguale, liberando un certo numero di neutroni e sprigionando una grande quantità di energia. Grazie ai neutroni liberati, il processo di fissione può autosostenersi creando una reazione a catena, in modo programmato e controllato. Tali reazioni di fissione avvengono nel cosiddetto "reattore nucleare", che rappresenta l'elemento fondamentale di una centrale nucleare. I principali componenti di un reattore nucleare sono: Nocciolo: È la parte centrale del reattore, quella che contiene il combustibile e nella quale avvengono le reazioni di fissione nucleare. Il combustibile è generalmente formato da piccole pastiglie di ossido di uranio arricchito, impilate a formare cilindri (barre) lunghi circa 4 metri e con un diametro di circa un centimetro. Le barrette sono avvolte in guaine metalliche (in acciaio o in lega di zirconio) che permettono il passaggio di calore, ma bloccano gli elementi radioattivi prodotti dalla fissione. Moderatore: È un materiale (grafite o acqua) posto nel reattore che ha la capacità di rallentare i neutroni prodotti dalla fissione, in modo che abbiamo la velocità più adatta per far proseguire la reazione a catena Refrigerante: È un liquido (quasi sempre acqua) che ha la funzione di raffreddare il nocciolo e trasportare all'esterno il calore in esso generato. Barre di controllo: Sono barre realizzate in opportuni materiali che servono per controllare il numero delle reazioni di fissione nel nocciolo e di conseguenza la potenza del reattore. Paradossalmente, i problemi di una centrale nascono dalle sue enormi potenzialità. La difficoltà, infatti, risiede proprio nella gestione di una così alta quantità di energia a disposizione; sono quindi necessari vari sistemi di controllo e refrigeranti, così da mantenere una temperatura accettabile all'interno del nocciolo, che all'incirca dovrebbe aggirarsi delle barre e la conseguente emissione di scorie radioattive. intorno ai 400 C. Se ciò non accade, si possono raggiungere migliaia di gradi, provocando la liquefazione delle barre e la conseguente emissione di scorie radioattive.

7 Pagina 7 Scienze e dintorni... CAMPIONI DI MIMETISMO Focus REGINA SI DIVENTA. GRAZIE AD UN TAM TAM La vespa sovrana sceglie l'erede tamburellando sul nido con le antenne. Le vespe cartonaie le troviamo anche frequentemente da noi in Italia. Il nido di questi insetti è formato di celle esagonali. Le aperture delle celle sono in genere rivolte obliquamente verso il basso, in modo che all'interno non possa raccogliersi acqua piovana. È la regina l'alfa della gerarchia ed è lei che depone le uova. Dei famosi ricercatori hanno dedicato numerosi anni allo studio di questi animali sociali e alla fine hanno scoperto che le regine Polistes usano le loro antenne per tamburellare sulle pareti delle celle contenenti la "futura regina". Ed è attraverso questo segnale che le regine indirizzano lo sviluppo delle larve ed è così che viene "eletta" la regina. Scoop! sai chi è il campione di mimetismo??? Il camaleonte, lo sanno tutti. Sbagliato! I camaleonti cambiano il colore della loro pelle, è vero, ma non sono veloci come si crede, impiegano vari minuti; non lo fanno solo per nascondersi, ma anche per comunicare il loro stato d'animo. Anche le seppie sono in genere molto abili, ma il vero asso è il polpo mimetico: oltre a cambiare colore a una velocità impressionante per spaventare il predatore, può imitare la forma e i movimenti di 15 creature marine diverse. Uno straordinario caso di mimetismo è poi anche quello delle farfalle della specie Biston betularia, dal colore identico alla corteccia delle betulle sulle quali si posano: visto che l'inquinamento ha sporcato i tronchi degli alberi rendendoli più scuri, anche queste falene si sono annerite! FORMICHE INTELLIGENTI Le formiche sono in grado di trovare nuove strade per raggiungere il cibo quando un ostacolo sbarra il loro percorso più breve. Una ricerca ha infatti considerato 12 colonie di formiche argentine, dando loro un'ora di tempo per trovare il cibo, ma sbarrando le strade più brevi. Gli insetti hanno aperto un nuovo sentiero che è stato utilizzato dall'86% di essi: si suppone pertanto che abbiano una bussola interna che li conduce a trovare nuovi percorsi. IL GHIACCIO DIVENTA UN ARTISTA Il freddo dei mesi scorsi non ha colpito solo l'italia, ma anche molti altri paesi. In Ohio, ad esempio, il ghiaccio è stato un vero artista Già le temperature sottozero hanno aiutato vento e spruzzi d'acqua ghiacciata a creare una sorta di opera d'arte ricoprendo un faro sul lago di Erie: uno spettacolo insolito e decisamente bello da osservare, ma non altrettanto utile per i naviganti, poiché la scultura ha praticamente coperto la luce del faro, punto di riferimento della navigazione!! SCOPERTO UN NUOVO SISTEMA SOLARE... A DUE PASSI DA NOI Nell'universo, a 2000 anni luce dalla terra, esiste un altro sistema solare, formato da un astro, simile al nostro sole, con 6 pianeti intorno. Il sistema è stato battezzato keplero11, in onore di kepler, il telescopio spaziale della NASA, mandato in orbita nel 2009, con la missione di "dare la caccia " a nuovi pianeti. Sembra che i pianeti, avvolti da gas leggeri, possano avere acqua allo stato liquido. La temperatura è però elevatissima, essendo i pianeti molto vicini alla stella madre, ma ciò non esclude che possano essere presenti forme di vita diverse dalla nostra. operta sensazionale, che fa sognare ed esaltare gli astronauti e gli scienziati, gli appassionati di ricerca e di vita extraterrestre di tutto il mondo! ARDI: L ANELLO MANCANTE! IL PIANETA DAI RICCIOLI D'ORO Un gruppo di ricercatori californiani, cacciatori di pianeti abitabili, ha annunciato la scoperta di un nuovo pianeta: Zarmina's World, lontano da noi circa 20 anni luce.mostra sempre la medesima faccia al sole, quindi da una parte è sempre giorno, dall'altra sempre notte. Le temperature possono variare dai 160 gradi sopra lo 0 fino ai 25 sotto. Ma, nella parte sempre illuminata, la temperatura è di tipo estivo. Un pianeta è considerato abitabile quando si trova alla giusta distanza dal suo sole, non troppo vicino altrimenti avrebbe una temperatura infuocata, non troppo lontano perché sarebbe un corpo gelido. La distanza deve dunque permettere la presenza di acqua corrente e liquida. Questo nuovo pianeta fa parte della categoria "pianeti dai riccioli d'oro", nomignolo che deriva dalla fiaba Riccioli d'oro e i tre orsetti. La favola racconta di una bambina che sceglie un oggetto in mezzo a tre diversi. La bambina ignora quello troppo grande e quello troppo piccolo, ma sceglie quello che semplicemente " è giusto". In questo modo, "un pianeta dai riccioli d'oro" è quello che non si trova né troppo vicino, né troppo lontano da una stella, e quindi è abitabile. Ovviamente non dobbiamo per forza aspettarci che su quel pianeta ci siano omini verdi con le antenne e dischi volanti, però è molto probabile che ci possano essere batteri e alghe. Dopo 17 anni di studi è stato rivelato il più antico e completo scheletro di un potenziale antenato umano, chiamato Ardipithecus ramidus e noto come "Ardi". Esso è considerato l'ultimo antenato comune fra noi e gli scimpanzé, ovvero il cosiddetto "anello mancante". Probabilmente vissuto 4,4 milioni di anni fa, è oggi solo uno scheletro fossile, ma in gran forma! Dita, cranio, braccia, gambe, denti, mandibola, bacino lo scheletro di Ardi è quasi completo e, studiando le sue ossa, gli esperti hanno potuto disegnare un identikit accurato: era una femmina, pesava circa 50 kg, aveva un cervello piccolo e, a giudicare dai denti, era ghiotta di frutta e noci; bacino, ossa degli arti e alluce, inoltre, suggeriscono che sul terreno camminava in piedi, ma le piaceva anche stare sugli alberi.

8 Pagina 8 Centro Territoriale Permanente VINCENTE LA FORMULA DEI CORSI "BREVI" MODULARI 9 corsi tematici Grande partecipazione di corsisti al femminile Silvio Salvatore Pellicanò, docente di lingua tedesca Era da tempo che desideravo seguire un corso per sommelier e il territorio finora non aveva offerto questa possibilità. Anche il corso di "Cultura della birra, per un uso consapevole", con l'apporto del sig. Mario D'Addio, è stato molto interessante e mi ha dato modo di comprendere e di vedere con i miei occhi qual è il processo di produzione della birra. Le conoscenze acquisite mi permettono ora di scegliere bene i vini e le birre da abbinare ai miei pasti e la lezione sulle tabelle alcolemiche, mi hanno chiarito ulteriormente la quantità "giusta" di alcolici da bere quando si esce con gli amici e ci si vuole divertire in modo sano. L'Istituto Comprensivo "J. F. Kennedy", con viva soddisfazione del dirigente scolastico, ha avviato il percorso progettuale dal titolo "Diritti Umani: dal disagio al ben-essere", nell'ambito dell'iniziativa PON C3 "Le(g)ali al Sud. Si tratta di un percorso scaturito da un'attenta analisi dei bisogni e mirato ad agire sui processi educativi e formativi al fine di promuovere e consentire "la partecipazione consapevole e responsabile alla vita sociale". La premessa teorica da cui parte l'iniziativa progettuale considera il disagio individuale, sempre più avvertito dai ragazzi in età pre-adolescenziale e adolescenziale, strettamente legato all'incapacità o impossibilità di vivere ed esperire appieno relazioni positive e produttive nel loro ambiente di vita. Le iniziative creeranno occasioni di "apprendimento in situazione" offrendo anche incontri con testimoni importanti e significativi della nostra società impegnati nella trasmissione del concetto di legalità e di rispetto delle regole. La metodologia basata Giovani e Adulti del Territorio Carodio Scarpato, organizzatore di manifestazioni della Proloco di Cusano Mutri Sono un pensionato a cui piace tenersi in attività e ho trovato interessantissimi tutti i corsi che avete organizzato sul nostro territorio, che ha bisogno di sempre nuove iniziative culturali. Guai se mancassero, sono il sale della società civile. Ho notato con piacere che il cineforum sulla musica classica ha avuto una partecipazione numerosa di corsisti. E poi il prof. Domenico Palmieri, di Cusano Mutri, in qualità di esperto, ha arricchito questo percorso musicale con spunti e riflessioni interessanti. Carmela Perretti, studentessa di economia bancaria, produttrice di vini Il corso di someliere è stato molto interessante, l'ambiente "Le(g)ali al Sud: un progetto per la legalità in ogni scuola" "Diritti Umani: dal disagio al ben-essere" Il percorso proposto dall'i.c. "J. F. Kennedy" di Cusano Mutri sul "Learning by doing", apprendere facendo, prevede, infatti, l'esposizione dei ragazzi a situazioni reali e significative attraverso la condivisione di attività pratiche che riguardano il vasto settore della solidarietà sociale e dell'intervento per promuovere la legalità. Il percorso si prefigge di offrire attività interessanti in modo da consentire ai ragazzi di sviluppare una consapevole coscienza civica, di riflettere sul contesto comunicativo, ambientale, culturale e sociale con modalità innovative, al fine di favorire l'apertura della scuola alle sollecitazioni del territorio attraverso modalità di apprendimento informale. Il modulo è articolato in 3 fasi con l'apporto interno dei docentitutor...dell'istituto Comprensivo e l'intervento specifico degli esperti degli Enti Partner, prof.ssa Amalia Martone - Ufficio Famiglia della Diocesi di Telese - Cerreto - Sant'Agata de' Goti e dott. Antonio Giaccio - Comune di Cusano Mutri. Una prima fase più teorica prevede il coinvolgimento attivo degli alunni che diventano protagonisti del sapere; Con il corso di sommelier si è concluso un percorso più ampio dedicato ad un pubblico adulto, avente come obiettivo la diffusione di un sapere multidisciplinare. I corsi sono iniziati il 3 novembre 2010 e sono terminati il 2 febbraio L'organico del Centro Territoriale Permanente, animato dal desiderio di rinnovare il sapere del territorio in cui opera, ha attivato, all'inizio dell'anno scolastico, nove corsi tematici orientati a sensibilizzare l'utenza alle tematiche di maggiore riscontro pratico e interesse. Gli argomenti hanno spaziato dal tema della prevenzione in campo medico, con la profes- La parola ai corsisti... sionalità della dott.ssa Carolina Tammaro, a quelli di più pratico utilizzo quali i percorsi di restauro, botanica ed enologia; questi due ultimi arricchiti dalle competenze professionali degli esperti sig. Mario Orsino e dal sommelier sig. Franco Gerardo. Anche l'opera lirica, apparentemente appannaggio di un pubblico di nicchia, ha invece fortemente interessato i partecipanti, dimostrando come, anche approcci nuovi alla didattica, possano essere invece fonte di gradimento e di stimolo a nuove conoscenze. I corsi di lingua italiana, di lingua inglese e di informatica, hanno raccolto numerosi consensi, anche da una fetta di partecipanti fortemente competenti in materia. La buona riuscita di tale percorso si è realizzata anche grazie a figure esperte nei rispettivi campi trattati, che con la loro partecipazione "gratuita" hanno volentieri messo a disposizione dei corsisti il alquanto familiare; l'accoglienza eccellente. Molte sono le cose che mi hanno colpito, in particolare la strumentazione, come i termometri per la giusta temperatura di servizio del vino e il taste-vin per l'esame organolettico dei vini. Pasquale Colella, perito agrario specializzato in viticultura ed enologia Il corso è stato interessantissimo poiché,oltre ad approfondire le mie radici, mi ha dato la possibilità di ampliare il mio bagaglio culturale in campo viticolo-enologico, attraverso la spiegazione dei vari aspetti tecnici che è importante conoscere sia per chi fa del sommelier una professione, sia per chi se ne vuole dilettare. Ringrazio la dirigente e i docenti dell'istituto per la gentile accoglienza. una seconda fase basata sull'esperienza vissuta in situazione grazie agli enti partner vedrà gli alunni coinvolti in attività pratiche, per far sì che l'apprendimento attraverso il fare li possa rendere sempre più consapevoli delle norme che regolano la vita quotidiana; una fase conclusiva con il dibattitoconfronto tra scuola e territorio con la partecipazione dell'esperto di chiara fama, dott. Pasquale Andria, Presidente del Tribunale dei Minori di Salerno. In quest'ottica saranno privilegiate 'lezioni' in ambienti informali come la Comunità Nuovi Orizzonti di Piglio, l'istituto Minorile di Airola ed il Comune di Cusano Mutri. I 22 alunni delle classi II della Scuola Secondaria di I grado hanno iniziato questa esperienza con curiosità, impegno ed entusiasmo; il loro coinvolgimento è già un segnale positivo per il trasferimento dell'esperienza ad un gruppo più ampio. loro bagaglio culturale, in un contesto interattivo e di vivace scambio di opinioni, di suggerimenti e consigli pratici. Le visite esterne alla birreria di Alvignano e alla bottega del sig. Emidio Santagata a Civitella hanno, inoltre, dato l'opportunità ai corsisti di vedere da vicino la realtà produttiva del territorio. In ogni caso, i veri protagonisti di questo percorso didattico-pratico sono stati i corsisti, che con la loro costante presenza e la loro vivacità intellettuale hanno animato questa iniziativa. Un ringraziamento particolare va al Dirigente Scolastico dott.ssa Giovanna Caraccio, che ha permesso la realizzazione del progetto, sempre sensibile allo sviluppo delle potenzialità del territorio. Momenti didattici Gli alunni delle terze alle prese con un importante scelta di vita Conoscere se stessi per progettare il proprio futuro Cosa vuol dire orientare? Orientare significa mettere l'individuo nella condizione di prendere coscienza di sé e di far fronte, per l'adeguamento dei suoi studi e della sua professione, alle mutevoli esigenze della vita. Noi alunni delle terze, durante i mesi di gennaio e febbraio, siamo stati invitati a riflettere su un argomento molto importante, la scelta fondamentale che segnerà il nostro futuro. Il nostro orientatore, Silvio Di Santo, ci ha spiegato, con parole semplici ma incisive, il significato dell'orientamento e quanto esso possa essere determinante per la nostra vita. Inoltre abbiamo svolto un test riguardante i nostri principali interessi, e in questo modo ci siamo interrogati sulle nostre esigenze e sulle personali aspettative. Durante il percorso formativo abbiamo avuto modo di confrontarci con docenti e allievi dei vari istituti d'istruzione secondaria presenti sul territorio: il Liceo classico di Cerreto Sannita, l'istituto industriale, l'istituto tecnico-commerciale di Cerreto, il Turistico di Faicchio, i Licei classico e scientifico di Telese Terme, l'istituto agrario di Piedimonte e quello di Benevento, l'alberghiero di Castelvenere. I docenti ci hanno illustrato i percorsi didattici dei rispettivi istituti, attraverso presentazioni in Power Point, mostrato immagini e video delle aule, dei laboratori e delle strutture scolastiche. Molti di noi si sono sentiti in difficoltà nello scegliere la scuola più adatta, soprattutto per il timore di affrontare la novità, nuovi amici, nuovi insegnanti e una nuova scuola... Sicuramente, ora, tutti noi siamo fiduciosi che la scelta scolastica che abbiamo fatto ci renda sereni e ci regali gratificazioni professionali e personali. REDAZIONE Dirigente Scolastico dott.ssa Giovanna Caraccio Docente Esperto prof.ssa Maria Luisa D Aiello Docente Tutor prof.ssa Dolores Palmieri Gli alunni del PON L italiano...in prima pagina 2 Siamo su Internet!

9 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE J. F. Kennedy di CUSANO MUTRI Via Orticelli, Cusano Mutri-BN Tel: «KENNEDY» news Dalla Scuola Primaria e dell Infanzia Anno 4 - Numero 1 Gennaio 2011 Sommario: Il contributo rosa 10 La tragedia delle foibe 10 Sentieri di grazia 11 Fuga dall Africa 12 Un PON dedicato alla primaria Noi in prima pagina L obiettivo è fare il giornalino scolastico Piccoli redattori crescono. Un giornale per la Scuola, ma soprattutto un periodico che rappresenta un viaggio nel mondo della comunicazione. In tutto, noi che frequentiamo il PON siamo sedici e le lezioni si tengono presso la scuola Media di Cusano Mutri, ogni venerdì dalle ore 16 alle ore 19 per un totale di 50 ore. L italiano in prima pagina è il nome del Corso che, appunto, si è occupato della realizzazione delle pagine di questo giornale. Il nostro team, siamo ragazzi che frequentano la classe quarta primaria, è strutturato secondo una ulteriore divisione in gruppi, ciascuno dei quali si occupa di un argomento di volta in volta stabilito durante le riunioni di redazione. Già, perché nel nostro PON si opera esattamente come fa una vera redazione di giornale e ognuno di noi ha un compito specifico; in questo percorso siamo guidati dalla Maestra Michelina Venditto, che è la nostra Tutor, e dal Professore Carlo Iovino, che invece è l Esperto. Nelle prime lezioni abbiamo affrontato una prova d ingresso e abbiamo cominciato a familiarizzare con il giornalismo, imparando a conoscere la struttura di un giornale (articolo di fondo, di taglio centrale, di taglio basso, poi ancora l occhiello, il catenaccio) e le tecniche e i segreti per realizzare articoli efficaci. Anche con questo articolo, ad esempio, abbiamo dato un saggio della nostra bravura con i titoli, poiché abbiamo preferito al semplice titolo freddo un titolo caldo ; abbiamo giocato col nome del nostro Pon e ci siamo permessi di sostituire L Italiano con noi stessi, perché siamo orgogliosi di sentirci in prima pagina. Il nome del nostro periodico è ed ha una particolarità, che il lettore certamente conosce: è pubblicato come inserto nel quotidiano IL SANNIO. Le tematiche che abbiamo affrontato su questo numero sono state diverse: dalla Giornata della Memoria e del Ricordo, ai PON attuati dalla nostra scuola, dalle Feste del carnevale e della donna ai temi di attualità come la difficile situazione dell Africa Settentrionale, dal nostro caro paese all Unità d Italia fino a toccare argomenti come il festival di Sanremo. LA REDAZIONE Le OLIMPIADI della lingua italiana emozioni e paure prima delle prove Quest anno le classi quinte del nostro Istituto hanno partecipato per il terzo anno consecutivo alle Olimpiadi della lingua italiana, organizzate presso l IISS F. D Ovidio di Larino e a me è toccato rappresentare la mia classe. All inizio non ero preoccupato, ero quasi certo che sarebbe toccato a me e ne ero contento perché volevo capire se veramente ero così bravo da superare quelle prove. Continua a pag. 14 GENITORI E NONNI IN SCENA a pag. 14 Il festival della canzone Amici 12 Attualità e scuola 14 Cronaca tra i banchi 15 Paese che vai Notizie di rilievo: 1 - Le donne e l Unità d Italia pagine 10 e La tragedia del Giappone pag. 13 Nell ambito del progetto I 150 anni della provincia Manifestazioni in tutti i plessi per l Unità d Italia Siamo a 150 buon compleanno Italia! Quest anno ricorre il 150 anniversario dell Unità d Italia come Stato; tante sono le iniziative, gli eventi e gli incontri in cui si presentano pubblicità, slogan per celebrarne la ricorrenza ma noi vogliamo parlarne iniziando dalla storia. Un tempo l Italia, precisamente nel 1859, era divisa in vari stati: il Regno di Sardegna, il Regno delle Due Sicilie, lo Stato Pontificio, il Regno Lombardo-Veneto, il Granducato di Toscana, i ducati di Parma e Modena. Da sempre, però, gli Italiani avevano desiderato di non essere più dominati da potenze straniere e di unificare la penisola italiana. Così, con il pensare di Giuseppe Mazzini, l agire di Cavour e il combattere di Giuseppe Garibaldi, il 17 marzo 1861 il parlamento di Torino finalmente proclamò il Regno d Italia con a capo il Re Vittorio Emanuele II di Savoia. Solo con la prima guerra mondiale, tuttavia, l Italia completò l unione dei territori che geograficamente le appartenevano. Infatti, se confrontiamo una carta geografica del 1918 con una attuale, ci accorgiamo che esse sono identiche. Per l importante ricorrenza, nel nostro Istituto Comprensivo, è stato portato avanti un percorso didattico sui temi relativi al Risorgimento e a ciò che è avvenuto dopo, nell ambito del progetto I 150 anni della provincia. Protagonisti e istituzioni, fatti e idee. Far riflettere gli alunni, attraverso il recupero della memoria storica, su ciò che siamo stati e su ciò che siamo oggi, come ha scritto la nostra Dirigente in una circolare mandata ai nostri maestri, è stato l obiettivo del percorso che in ogni plesso è terminato con una performance. Le varie manifestazioni si sono tenute dal quattro al nove febbraio durante le quali noi alunni abbiamo presentato canti, poesie, letture e cartelloni che ci hanno visto impegnati soprattutto nel mese di gennaio. Abbiamo, così, scoperto e imparato tante cose sulla nostra bella Italia e sulla sua storia. Gli alunni del PON

10 Pagina 10 L ITALIA E L'Italia è il luogo dove vivo, un territorio variegato che possiede le Alpi con il monte Bianco e gli Appennini che attraversano tutta l'italia, ha due vulcani, l'etna e il Vesuvio, ha isole grandi e piccole molto visitate, un fiume chiamato Po', ma deve la sua eleganza alla sua forma di stivale, allungata nel Mar Mediterraneo il quale circondandola prende nomi diversi. L'Italia è arte, conosciuta per i molti monumenti e sculture che si trovano sul suo territorio: il Colosseo a Roma, il Maschio Angioino a Napoli, la Torre di Pisa, La Mole Antonelliana a Torino, Piazza San Marco a Venezia, le Nuraghe in Sardegna, i trulli di Alberobello e non possiamo dimenticare la Basilica di San Pietro con la sua meravigliosa piazza; l'italia è conosciuta per i poeti come Dante famoso in tutto il mondo per la "Divina Commedia", per Carlo Lorenzini che ha scritto e pubblicato nel 1861 la storia di Pinocchio (anche il nostro burattino compie 150 anni). L'Italia è il buon cibo: sono molto noti la pizza, gli spaghetti, le orecchiette, insomma tutta la L ITALIA e le DONNE pasta italiana è la migliore nel mondo. L'Italia è la mia nazione. I suoi simboli sono il Tricolore, nato nel 1946 e, secondo me, non c'è nel mondo una bandiera più bella e significativa; il canto degli Italiani, l'inno di Mameli scritto da Goffredo Mameli; l Italia turrita,...lo stemma composto da rami d'ulivo e di Quercia, dalla Stella e dalla Ruota. L'Ulivo rappresenta la volontà di pace della Nazione, la Stella indica la tradizionale rappresentazione simbolica dell'italia dal 1800, la Quercia simboleggia la forza e la dignità del Popolo italiano, la Ruota è il simbolo del lavoro su cui è fondata la Repubblica. L'Italia è nata come stato unitario il 17 Marzo 1861 ed è diventata la nazione di oggi grazie a tanti personaggi storici che si sono adoperati per renderla unita come Giuseppe Garibaldi, condottiero dei Mille; Giuseppe Mazzini, che fondò associazioni come la Giovine Italia e la Giovane Europa;Camillo Benso conte di Cavour che fu un abile politico e collaborò con Vittorio Emanuele II. L'Italia è stata la patria di grandi uomini come Cristoforo Colombo che arrivò per primo in America, Amerigo Vespucci che invece diede il nome alla nuova Terra, Giuseppe Verdi che è stato l autore di grandi opere come la Traviata e l Aida, e poi ancora Rita Levi Montalcini, brava e famosa scienziata che ha ricevuto il premio Nobel (adesso ha l'età di 102 anni) e Galileo Galilei che intuì che la Terra girava intorno al Sole. L'Italia è stata fonte di ispirazione per musicisti e poeti; partendo dall'inno di Mameli tanti hanno scritto musica e parole per la Patria, come Toto Cotugno e Mino Reitano. L'Italia è oggi una Repubblica libera, democratica, fondata sul lavoro, come recita il primo articolo della nostra Costituzione, con a capo il Presidente Giorgio Napolitano che ha il compito di rappresentarla nel mondo. L'Italia è la mia Patria. Domenico e Roberto V Pietraroja IL CONTRIBUTO ROSA ALL UNITA D ITALIA Nella Puglia dell Ottocento, una donna con forza di uomini cento, diresse l ospedale del Gesù e salvò tante vite curandole sempre più. Insieme a lei donne ignote curarono i feriti che, grazie a loro, sono poi guariti. Il suo nome è De Pace Antonietta e possiamo pensarla come una donna perfetta. Enrichetta Caracciolo combatté per l Italia unita; di origine napoletana dal monastero uscita, visse in clandestinità finché non fu libera la città. Nella Benevento ottocentesca molte donne divennero brigantesse, contadine ignoranti, si unirono alla bande per fornir loro viveri, vestiti ed armi. Pronte a cavalcare, a sparare, perfino a comandare; Filomena Pennacchio c è da ricordare, intrepida combattente, armata fino ai denti. Nei salotti le nobildonne, istruite e dotte, conversavano coi giovani intellettuali per prepararli a governare. Donna sempre all erta, Maria Pacifico, di Benevento cittadina, fu staffetta garibaldina. Le sorelle Palmieri cucirono e issarono la Bandiera Tricolore che sventolò sulla Rocca dei Rettori. Classi IV e V di Pietraroja Quest anno, nel 150 dell Unità d Italia, abbiamo voluto guardare anche la festa dell 8 marzo con occhi femminili e ci siamo chiesti quante donne hanno contribuito a tale evento silenziosamente, spesso senza essere menzionate sui libri di storia; donne che hanno fatto parte del Risorgimento invisibile come quelle che hanno diretto gli ospedali, fondato gli asili, istruito le popolane, sfilato con i volontari, cucito la prima bandiera, scritto saggi ed articoli o solo parlato per formare i giovani. Ci siamo chiesti anche: quante donne, nel corso dei secoli, hanno contribuito alla ricchezza delle nazioni con il loro semplice lavoro di casalinghe o quello fuori casa di operaie? E a loro che vogliamo dedicare gli scritti di queste pagine. Tragedia delle foibe la storia di Norma Cossetto Il 10 Febbraio è "la Giornata del Ricordo" istituita per ricordare le migliaia di italiani che finirono nelle foibe. Quest'anno ci siamo soffermati a conoscere la storia della giovane donna Norma Cossetto, alla cui memoria è stata conferita la medaglia d'oro al Merito civile La storia di Norma non è nuova, ma deve essere ricordata per non dimenticare quello che accadde. Dimenticare Norma e tantissimi altri sarebbe vergognoso, mentre, ricordarla significa amare la sua memoria e quella di tutti i suoi compagni di sventura. In quel periodo vagava in bicicletta per i comuni dell'istria per acquisire il materiale per la sua tesi di laurea. Ma nel settembre del 1943 un gruppo di partigiani di Tito entrarono in casa Cossetto razziando ogni cosa. Il giorno successivo prelevarono Norma e la condussero nell'ex caserma dei carabinieri, dove le promisero libertà e mansioni direttive se avesse tradito i suoi ideali. Norma rifiutò e venne rinchiusa nella ex caserma della guardia di finanza a Parendo. Dopo alcuni giorni, venne trasferita e trasportata con un camion nella scuola di Antignana. In seguito fu violentata da 17 criminali e gettata nella foiba. Nell ottobre del 1943, a S. Domenica tornarono i tedeschi i quali catturarono alcuni partigiani che raccontarono la tragica fine di Norma. Nel mese di dicembre i vigili del fuoco recuperarono la sua salma. La salma di Norma fu composta nella piccola cappella mortuaria del cimitero di Castellier. Dei suoi aguzzini ne furono presi solo 6, furono arrestati e costretti a passare l'ultima notte della loro vita nella cappella mortuaria del locale cimitero per vegliare la salma. Negli anni successivi Norma verrà ricordata da alcuni comuni, con la intitolazione di alcune vie, le verrà concessa una laurea Honoris causa dalla Università di Pavia. Questa storia mi ha molto emozionato perché la ragazza non aveva fatto niente di male, il suo unico peccato era quello di essere italiana e di avere degli ideali. Il sacrificio di tante persone è servito per tutti noi perché oggi liberamente possiamo essere orgogliosi di essere ITALIANI. Melissa Amato cl. V

11 Una mimosa per... L ITALIA E LE DONNE Pagina 11 Quest anno l 8 Marzo nel nostro plesso è passato un po inosservato perchè la ricorrenza è caduta nel giorno di Carnevale, festa molto amata da noi bambini, ma vogliamo lo stesso offrire il dono della mimosa a tutte le mamme, che in ogni angolo della terra, vegliano e accompagnano i loro figli, in un amore perenne. alle tante donne che in questi mesi stanno uscendo in strada in Tunisia e in Egitto, per chiedere il ripristino di una democrazia creata insieme, dal basso con mani di libertà e di giustizia, costruendo un futuro di speranza. alle mamme giovani che sanno affrontare anche una maternità inattesa, con quella gioia che ritrovano sempre nel cuore. alle vecchie ragazze, a quelle donne che nella tarda età continuano a sperare, a credere, a impegnarsi per la famiglia e per la società. Queste vecchie ragazze non si scoraggiano, si prodigano per non interrompere quel filo rosso che lega una generazione all altra e che costituisce l ossatura di tutta la nostra civiltà (Sanno diventare vere compagne di giochi dei nipoti, oppure infermiere attente e amorose per i genitori molto vecchi, sofferenti e poco presenti, riuscendo ad interpretare le loro esigenze). Ammirevole è il modo in cui, dopo il termine dell attività produttiva e riproduttiva, le donne riescono a veleggiare verso la vecchiaia a piccoli passi, senza traumi, cambiando il loro modo di guardare alla vita e modificando il loro sguardo man mano che si modifica quello degli altri nei loro confronti. Una vita fatta di affetti e, insieme, di interessi, curiosità e amicizie, alla ricerca di un equilibrio fisico e mentale, garanzia di adattamento al mondo che si trasforma. alle piccole donne che nella vita di tutti i giorni conducono e vincono, con coraggio, grandi battaglie. alle nostre donne: la dirigente Giovanna Caraccio, nostra fan, sempre pronta a stimolarci per nuove e belle iniziative, orgogliosa delle nostre belle imprese, le maestre, che sotto l apparente severità nascondono un cuore di mamma, tenero, dolce, accomodante, le alunne di San Felice affinchè diventino brave donne, capaci di migliorare la nostra società. Alunni di San Felice SENTIERI DI GRAZIA E DI SANTITA La vita di una religiosa Sabato 5 marzo, a scuola sono venute alcune suore insieme al nostro parroco don Paolo che ci hanno parlato della figura di Suor Maria Serafina, al secolo Clotilde Micheli, e in classe hanno proiettato un fumetto sulla sua vita fatta di grazia e di santità. Suor Maria Serafina era nata a Imer dove era cresciuta dedicandosi ad aiutare la madre e pregando sempre l Angelo Custode. A tre anni ricevette la Cresima, età insolita, ma motivata dal fatto che il suo paese era difficile da raggiungere, perciò il Vescovo vi ci si recava di rado, quasi ogni dieci anni, e amministrava in quell occasione il sacramento della Cresima a grandi e piccini. Quando il 24 Aprile ricevette la Prima Comunione, Clotilde raccontava di essere molto contenta, si sentiva molto vicino a Gesù e cominciò a trascorrere tanti momenti in chiesa per adorare Gesù Eucarestia. Diventata grande incontrò un giovane che le chiese di sposarlo, ma lei rifiutò e un giorno, mentre era in preghiera, le apparve l immagine del giovane che, a causa del suo rifiuto, voleva buttarsi in un burrone. Lei, però, con la sua fervente preghiera riuscì a fermarlo. Il 2 agosto 1867, mentre pregava nella chiesa della sua parrocchia, le apparve la Vergine Maria che le chiese di fondare un Istituto di suore, le suore degli Angeli. Suor Maria Serafina cominciò a viaggiare molto per trovare il momento e il luogo adatto per fondare l istituto; dopo tanto peregrinare riuscì a fondare insieme a cinque sorelle l Istituto delle Suore degli Angeli, Adoratrici d e l l a Santissima Trinità. Alla fine arrivò a Faicchio dove oggi riposano le sue spoglie mortali. Il progetto di questa suora era quello di curare gli ammalati, di occuparsi delle persone senza casa e di insegnare nelle scuole. Infatti, successivamente, le Suore degli Angeli hanno fondato vari istituti e sono presenti con le loro opere in Italia, in Brasile, in Indonesia, nel Benin. Una delle suore ci ha raccontato che suor Maria Serafina prima di morire disse che sarebbe stata ricordata solo dopo 100 anni. E stato proprio così perché quest anno ricorre il centenario della sua morte e il 28 Maggio prossimo sarà fatta beata. Mi piacerebbe proprio partecipare alla cerimonia di beatificazione e mi sono ricordato che da una ricerca fatta a scuola le suore degli Angeli sono state per diversi anni anche a Pietraroja.. Domenico B. e Domenico D. B. 100 anni fa la strage nella fabbrica di cotone Sono passati cento anni dall incendio che distrusse la fabbrica di cotone di New York dove morirono 129 donne adulte, ma anche delle ragazzine, che protestavano per le condizioni di lavoro a cui dovevano sottostare. Tra le donne bruciate vive ci furono anche donne italiane, costrette a lavorare moltissime ore in condizioni disumane. I nomi delle donne che morirono in quella circostanza non appaiono sui libri di storia ma hanno provocato tanta sofferenza nei cuori dei loro familiari, perché ci sono stati bambini rimasti senza le mamme, mariti senza le mogli e genitori senza le figlie. Dopo questo tragico evento le condizioni di vita sul posto di lavoro sono migliorate sempre di più, nel corso degli anni sono state fatte tantissime leggi per tutelare i lavoratori. Anche nella nostra scuola ci sono cartelli riguardanti la sicurezza sul lavoro, noi spesso facciamo le prove di evacuazione, conosciamo molte regole di sicurezza e mettiamo in atto molte delle conoscenze acquisite. In ricordo di quella tragedia venne proposto l otto marzo come giornata di lotta internazionale dell emancipazione femminile. Da grande mi piacerebbe avere una piccola fabbrica e, se ci riuscirò, cercherò di salvaguardare la sicurezza dei miei operai, mi impegnerò a farli lavorare le giuste ore e cercherò sempre un colloquio con loro (Domenico IV). Da grande io, invece, farò la parrucchiera o l estetista e mi preoccuperò di organizzare un ambiente idoneo dove lavorare con serenità (Antonella IV). La donna ERA... la donna E Dallo studio della storia ho imparato che le donne della preistoria si occupavano dei figli e della raccolta di erbe, bacche e frutti; le donne Ebree filavano, tessevano la lana e il lino; le donne di Sparta invece passavano molto tempo fuori casa perché oltre ai bambini anche loro, come gli uomini, si dedicavano alla ginnastica (come la lotta, la corsa), mentre quelle di Atene trascorrevano le giornate nelle loro stanze ad occuparsi dei figli, aiutate dalle schiave, e verso i 14 anni dovevano sposare un uomo scelto dalla famiglia. Le donne romane più ricche indossavano gioielli, fatti sulla base del modello etrusco e greco, ma non potevano ricoprire cariche politiche né potevano insegnare; le donne romane povere tessevano e si occupavano dei bambini insieme alle schiave. La figura della donna inizia piano piano a cambiare e già all inizio del Rinascimento comincia ad essere importante in campo politico e culturale. Nell età Moderna ci sono figure di donna che vanno ricordate. Anita Garibaldi viene ricordata come il simbolo della donna combattiva sempre al fianco del suo uomo. Maria Montessori è ricordata per le sue opere con cui ha cercato di dare alla donna la possibilità di poter studiare e seguire le sue passioni. Non è da dimenticare Rita Levi Montalcini, la prima donna italiana a vincere il Premio Nobel e a sciogliere culturalmente la donna italiana. Una svolta si è avuta il 2 giugno del 1946 quando il popolo italiano fu chiamato a votare per scegliere tra la Monarchia e la Repubblica e, per la prima volta, furono chiamate al voto anche le donne. Così entrarono a pieno nella vita dello Stato anche se continueranno per anni a lottare per altri diritti che forse ancora oggi non sono riconosciuti o, se lo sono, vengono ignorati. Annaluisa cl. V

12 Pagina 12 Il tunnel senza uscita di Daniel Daniel, un ragazzo di ventuno anni, dopo che aveva provocato un incidente stradale, era scomparso senza lasciare nessuna traccia lasciando la sua famiglia con il fiato sospeso e molto preoccupata. Daniel pensava che l altro autista coinvolto fosse morto o avesse riportato ferite gravi. La televisione e i giornali avevano dato subito la notizia e anche la mamma del giovane aveva esortato chiunque lo avesse visto a dare informazioni alla polizia o ai carabinieri. Il ragazzo era stato ripreso dalle telecamere di un bar di Ivrea, dove era rimasto per molti giorni, ma nessuno aveva pensato che lui, nell incidente, aveva riportato ferite molto più gravi di quelle fsiche, cioè quelle della paura. Le forze dell ordine avevano iniziato subito le ricerche ma solo dopo dieci giorni era stato trovato dai poliziotti, guidati dal fiuto dei cani addestrati, accanto ad un fiumiciattolo, in un bosco, morto per assideramento. Il ventunenne Daniel rimarrà sempre nel cuore dei suoi genitori e di tutte le persone che gli volevano bene. Leonardo - Luigi - Michele HO VISTO IN TV Il dramma di YARA Yara, una ragazza di Brembate di Sopra in provincia di Bergamo, era una bravissima ginnasta ed inoltre prendeva ottimi voti a scuola. Aveva tredici anni, era alta, con capelli e occhi castani, portava come molte ragazze della sua età un apparecchio metallico a stelline per i denti. Il 26 novembre, uscita dalla palestra di Brembate, scomparve nel nulla, senza che nessuno la vedesse. Yara indossava una felpa di Hello Kitty, jeans e giubbotto nero. La mamma Maura, preoccupata perché la figlia tardava a rientrare a casa, provò a chiamarla sul cellulare ma non ebbe risposta; allora i genitori cominciarono a preoccuparsi seriamente. Le ricerche della ragazza iniziarono con le unità cinofile, poliziotti, carabinieri, volontari della protezione civile, senza sosta. All inizio, a causa di una traduzione sbagliata fatta da un interprete disattento, fu arrestato un marocchino di nome Mohammed Fikri. Il 28 dicembre la famiglia Gambirasio chiese il silenzio stampa in quanto giornali, TV, radio...commentavano continuamente l accaduto. Il 26 febbraio un appassionato di aereomodellismo ritrovò il corpo senza vita di Yara, subito esaminato dal medico legale e poi riconosciuto dai genitori all obitorio di Milano. Successivamente fu eseguita l autopsia per vedere se Yara fosse stata violentata o direttamente assassinata. I cittadini bergamaschi sono stati sempre vicini alla famiglia Gambirasio e non sono mancati messaggi come, ad esempio, Yara, torna presto lungo le strade della città. Quando poi è stato ritrovato il corpo della ragazzina essi hanno cominciato a recarsi come in pellegrinaggio nel luogo del ritrovamento portando fiori, perché Yara era un fiore che ancora doveva aprirsi alla vita. Antonella - Gemma - Silvia Uno sguardo ai nostri vicini Fuga dalle coste africane Alcuni abitanti dell Egitto, della Libia e della Tunisia stanno facendo la fila sulle loro spiagge per imbarcarsi sulle navi che li porteranno al di là del mar Mediterraneo, sulle coste dell Italia e precisamente a Lampedusa, una piccola isola siciliana. Dapprima gli abitanti di Lampedusa non hanno ben accolto gli ospiti perché sull isola non vi erano campi di accoglienza, le persone da accogliere erano troppo numerose e si temeva che tra queste potevano esservi delinquenti e malintenzionati. Invece si trattava soltanto di persone esasperate che scappavano dalle loro nazioni a causa dei governi dittatoriali. In particolare, in Libia molto forti sono state le proteste contro il colonnello Gheddafi, che governa il Paese. Si cominciano a temere anche possibili interventi militari perché gli Stati Uniti stanno mandando delle navi da guerra nel Mediterraneo. Il presidente americano Obama ha detto che Gheddafi deve lasciare subito il potere se vuole fare una cosa buona per il suo popolo. Da parte sua, il nostro presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha detto che è necessario che la Libia rispetti i diritti umani e che questa Nazione sia riammessa nel Consiglio dell ONU da cui al momento è stata sospesa. Mara Alyssa Giaccio - Domenico Di Gennaro La scomparsa delle gemelle In Svizzera, precisamente nella città di Losanna, sono scomparse due gemelline di nome Livia e Alessia, di sei anni. Ancora non si sa dove sono e nemmeno se sono vive o morte; nel frattempo le indagini proseguono. Non si sa dove il padre le abbia lasciate ma si sa solo che lui si è buttato sotto un treno, a Cerignola (Puglia). Gli investigatori durante le indagini hanno trovato solo degli stivali infangati di Matthias Shepp, il padre delle gemelline, stivali che lui non indossava mai a detta dei suoi conoscenti, e una scarpa di Livia. I carabinieri credono che il padre abbia causato questa tragedia perché voleva togliere a Irina Lucidi, sua ex moglie, le due bambine, cioè la cosa più importante che aveva. Irina spera che le due gemelline siano vive e porta sempre con sé un orso e una pecora, i pupazzetti preferiti rispettivamente di Livia e di Alessia. Marica - Dominique - Melania Terremoto e poi tsunami: il Giappone in ginocchio. L evento catastrofico si è registrato lo scorso mese di marzo e a tanti ha riportato alla memoria la tragedia di qualche anno fa quando un onda gigantesca sconvolse la vita di molti popoli del Sud-Est asiatico. Il sisma, di magnitudo 8.9, questa volta ha riguardato, in particolare, l area Nord-orientale del Paese del Sol Levante, anche se gli effetti sono stati registrati anche nella capitale Tokyo, distante ben 380 chilometri. Dalle prime analisi è risultato che l epicentro del terremoto è situato a 130 chilometri dalla costa, nel mare, e a 24 chilometri di profondità; per questo motivo, subito dopo, si è generato anche uno tsunami, una onda anomala che in alcune aree ha superato i dieci metri di altezza. Da subito sono scattati i soccorsi e sono stati interrotti i collegamenti sia aerei che ferroviari. Infatti, tra le varie vittime, anche un treno, che viaggiava tra le località di Sendai e Ishinomaki, inghiottito completamente dal mare, e una nave da crociera. Molte persone, inoltre, sono tornate a casa a piedi, come hanno mostrato le immagini televisive che riprendevano l evento, perché anche le strade sono state invase da fango e macerie. Sono state colpite anche delle centrali nucleari, come quella di Fukushima: in esse si sono verificati incendi e si teme la fuga di gas pericolosi. L onda più alta, di oltre 10 metri, ha colpito le coste di Sendai, mentre un altro triste record ha riguardato Soma, dove un onda di sette metri è stata così forte da spingersi per ben cinque chilometri all interno della città. L allarme, poi, è stato dato subito in tutti i Paesi bagnati dall Oceano Pacifico, compresa l Australia e alcuni Stati del Sud-America, malgrado fossero molto lontani dall epicentro. Al momento del terremoto si trovavano in tournee in Giappone i 311 componenti del Maggio Musicale Fiorentino, tutti italiani, giunti lì per una serie di esibizioni inserite nell ambito dei festeggiamenti per i 150 anni dell Unità d Italia. Il Presidente Giorgio Napolitano ha contattato subito l imperatore del Giappone Akihito per offrire solidarietà; il messaggio del Capo dello Stato italiano recitava: L Italia si stringe attorno al popolo giapponese in questo drammatico momento. La Redazione

13 61 Festival della canzone italiana Vecchioni conquista Sanremo UNA FESTA IN TV... Stamattina, Venerdì 18 alle ore 11.00, dal Teatro Regio di Torino, che nel passato è stata la prima capitale dell Italia, è stata trasmessa una manifestazione per il compleanno dell Italia. C erano tanti Sindaci con la fascia tricolore, il Presidente della provincia di Torino con la fascia blu, il Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, e tantissime persone. Cl. Prima Pietraroja HO VISTO IN TV Alla fine l ha spuntata Roberto Vecchioni. È stato proprio il cantautore milanese, che orgogliosamente ha ricordato le sue origini napoletane sul palco del Teatro Ariston, a trionfare nella edizione n. 61 del festival più famoso della canzone italiana. Il titolo della canzone vincente (con 52 preferenze ha ottenuto anche il premio della critica intitolato alla compianta Mia Martini) è Chiamami ancora amore e l artista l ha dedicata alla moglie. Intervistato a caldo ha dichiarato di sperare che finiscano le liti e i contrasti tra gli italiani. La manifestazione si è svolta nei giorni compresi tra il 16 ed il 19 febbraio scorsi. Nell ordine, Vecchioni ha preceduto i Modà con Emma (la vincitrice dell ultima edizione di Amici ) e Al Bano che si è classificato terzo dopo un inizio da brividi. Infatti il meccanismo della gara prevedeva due eliminazioni per le prime due serate e ne avevano fatto le spese Patty Pravo, Anna Oxa, Anna Tatangelo e proprio il cantante pugliese; tuttavia, grazie al televoto, erano poi rientrati in gioco sia Al Bano che Anna Tatangelo. Nella serata delle semifinali, invece, uscivano definitivamente dalla gara Tricarico con il brano patriottico dedicato alla bandiera italiana dal titolo Tre colori e Max Pezzali, che cantava la canzone Il mio secondo tempo. Molto elogiato alla fine il presentatore Gianni Morandi, le bellissime Elisabetta Canalis e Belen Rodriguez e i simpaticissimi Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, mitici conduttori de Le iene. Un po delusa per l esito del Festival Emma (con i Modà); la cantante, divenuta famosa grazie al successo nell ultima edizione del programma di Maria De Filippi, sperava con la canzone Arriverà di ripercorrere la strada già percorsa, negli ultimi due anni, da Marco Carta e Valerio Scanu, vincenti a Sanremo dopo essere passati per la scuola di Amici. Nella categoria Nuove proposte, invece, ha ottenuto uno straripante successo Raphael Gualazzi che ha vinto anche i premi Radio-Tv della sala-stampa, della critica Mia Martini e il Leone d argento. Prima di lui l impresa era stata realizzata solo da Fabrizio Moro e da Arisa. Un programma per tutti AMICI: scuola-spettacolo La domenica sera, su Canale 5, viene trasmesso un programma televisivo che si chiama Amici, condotto da Maria De Filippi. Quella di quest anno è stata la decima edizione. In pratica il programma è strutturato come una vera e propria scuola di spettacolo e gli studenti sono divisi in due squadre, la bianca e la blu, che si sfidano tra loro. Durante il giorno i ragazzi studiano per molte ore frequentando le lezioni di varie materie: danza, canto, musica, dizione e Pagina 13 Menzione particolare per gli ospiti: Monica Bellucci, Robert De Niro, poi Roberto Benigni e i Take That. In particolare Benigni, nella serata del 17 febbraio, ha tenuto una lezione sulle parole dell Inno Nazionale di Goffredo Mameli, che ha poi intonato senza musica, con grande trasporto. Infine, da ricordare che c è stata una gara nella gara: tutti i cantanti si sono sfidati per beneficenza cantando brani storici della canzone italiana. Il Cd che raccoglie queste canzoni è stato venduto e l incasso è stato devoluto in beneficenza. Per la cronaca, questa gara l ha vinta Al Bano cantando Va pensiero. La redazione recitazione; l insegnamento è effettuato da professori a volte molto severi. Durante le sfide si svolgono i duetti di canto, nei quali gli studenti si esibiscono con cantanti famosi come è successo a Virginio che ha cantato, insieme a Roberto Vecchioni, la canzone Chiamami ancora amore vittoriosa al festival di Sanremo. Durante il percorso ci sono dei momenti tristi: quando ci sono le eliminazioni, ad esempio, il ragazzo o la ragazza che deve abbandonare la scuola resta deluso e a volte piange. I ragazzi che sono giunti in finale quest anno sono stati Virginio, Giulia, Denny, Annalisa e Vito (nella foto). La vittoria ha baciato nella categoria del ballo Denny e in quella del canto Virginio. Amici è la scuola-spettacolo che ha conquistato la simpatia di tutti, giovani, bambini e adulti. A noi piace perchè gli studenti mostrano che hanno voglia di imparare e di fare sempre meglio. Domenico D.B. - Errico La serie A verso lo sprint finale Un tris d assi per il campionato di serie A. Chi vincerà il tricolore tra Milan, Inter e Napoli? I rossoneri di Allegri, dopo trenta giornate, guidano la classifica, ma con solo due punti di vantaggio sull Inter che da dicembre è stata affidata al brasiliano Leonardo. Ma nessuno deve sottovalutare nemmeno il Napoli, distante tre punti dalla vetta, che spera di rivivere i bei momenti dell era di Diego Armando Maradona. Indubbiamente le due squadre milanesi sembrano più forti, ma nel calcio mai dire mai... Il Milan conta su Ibrahimovic e Pato, oltre che su tanti altri campioni; l Inter ha Eto o, il più grande attaccante africano di ogni tempo, ed è l unica squadra che ancora disputa un torneo europeo, cioè la Champion s League. I tifosi napoletani sognano grazie ai gol di Matador Cavani, ai dribbling del Pocho Lavezzi e agli assist di Hamsik che a Napoli tutti chiamano Marekiaro, camuffando il suo nome. Forse però le vere sorprese sono la Lazio, quinta in classifica, e la super Udinese, che non perde da dicembre. Fin qui, invece, hanno deluso altre squadre: la Juventus, ad esempio, a causa anche dei tanti infortuni tra cui quello di Quagliarella; la Roma, che però è ancora in corsa per conquistare un posto in Champion s league; la Sampadoria, che ha venduto i suoi gioielli Pazzini e Cassano; il Parma, che sta lottando per non retrocedere in serie B; il Palermo che, contro l Udinese, ha subito la sconfitta più pesante della sua storia perdendo addirittura per 7-0! Invece il Bari sembra destinato alla serie B, dove rischiano di finire anche Brescia e Lecce. Adesso noi sportivi e amanti del calcio dovremo stare tutti incollati alla televisione e seguire le imprese dei nostri eroi del pallone, con le dita incrociate, sperando che i nostri sogni di tifosi possano diventare presto realtà. La Redazione

14 Continua da pag. 1 Le OLIMPIADI della lingua italiana Il giorno della prova sono arrivato prima di tutti, avevo intenzione di sedermi vicino a un maschio ma poi quando sono arrivati gli altri alunni ho notato che erano tutte femmine. Quando abbiamo incominciato a dare le risposte ai quesiti ero un po teso, poi piano piano mi sono tranquillizzato; le domande non erano difficili ma si dovevano leggere con molta attenzione altrimenti non si capiva la richiesta. Alla fine della prova tirai un sospiro di sollievo, però, quella era solo una simulazione e, quindi, forse era abbastanza facile. Il giorno della vera prova pensavo che le cose sarebbero state molto più difficili ma mi sbagliavo. Anche in quell occasione erano state facili; sperai di aver risposto bene a tutte le domande, ricontrollai tutte le risposte e terminai la prova cliccando sulla parola Salva. Eh, sì, le olimpiadi della grammatica si svolgono via mail. Sono stato molto contento quando è giunta a scuola la notizia che la nostra scuola aveva superato la prova. Adesso non ci resta che prepararci alla prova successiva che si terrà a larino (Isernia) nel mese di maggio. Sono ottimista. Roberto V Pietraroja Divertitevi con noi: è CARNEVALE! Tutti sanno che il Carnevale è il ATTUALITA e SCUOLA GENITORI E NONNI IN SCENA PER I PON Non solo under 14 tra i protagonisti dei PON a Cusano Mutri. Ci sono anche nonni e genitori che partecipano assiduamente ai corsi pomeridiani e lo fanno nelle vesti di attori attraverso il PON Leggere, scrivere, recitare che vede partecipare adulti di età compresa tra i 20 e i 70 anni, tutti dotati di straordinario spirito di iniziativa ed invidiabile voglia di apprendere. Il corso è stato articolato in tre momenti, come vuole il suo titolo : il momento della lettura, dedicato a brani arcinoti della tradizione classica e moderna; il momento della riscrittura e della creazione di uno o più copioni tratti dagli argomenti e dalle opere studiate; il momento dell interpretazione, in forma recitata, dei copioni realizzati. L oggetto di trattazione spazia dal teatro greco, con la tragedia di Euripide intitolata Alcesti, al romanzo di Luigi Pirandello intitolato Il fu Mattia Pascal, dalla Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso all opera di Brecht periodo dell anno che va dall Epifania alla Quaresima. Secondo alcuni, il periodo carnevalesco deriva dalle feste anticamente celebrate in onore del dio Bacco, dio del vino; altri invece sostengono che esso è un residuo dei Saturnali, allegre feste con le quali i Romani usavano ricordare i tempi felici dell abbondanza che regnava sulla terra quando era signore il dio Saturno. Quello che a noi piace è il fatto che il Carnevale è un periodo di allegria durante il quale la gente desidera liberarsi per qualche giorno dalle noie della vita. Come spesso vediamo in televisione, in tutti i paesi del mondo si organizzano balli in maschera, sfilate con i carri; ugualmente nel nostro paese, come in quelli vicini, il martedì grasso vengono fatte delle rappresentazioni che riguardano i contrasti sempre esistiti tra ricco e povero, i 12 mesi le Quattro Stagioni o semplici scenette per divertire il pubblico presente. Non mancano momenti in cui si assaggiano le ricette tradizionali che riguardano gli struffoli, le chiacchiere, le castagnole e le zeppole. Anche a scuola in questo periodo c è più buonumore perché tra le tante attività le maestre programmano addobbi colorati, giochi come : L uovo ucciso, L uovo appeso, L uovo affogato, la rottura della pignatta e canti divertenti e qualche volta ci permettono di buttare coriandoli e stelle filanti. Quest anno i giochi sono riusciti perfettamente facendoci divertire tantissimo e vi ha preso parte anche la nostra Preside che è riuscita a rompere una pignatta piena di coriandoli. Per noi scolari è anche un momento per conoscere più a fondo le maschere italiane perché, come tutti sappiamo, ognuna di esse rappresenta una regione o una città con caratteristiche proprie (la nostra regione, per chi non lo sapesse, è rappresentata da Pulcinella). E in questo contesto che la Pro loco cusanese, in collaborazione con il Forum dei giovani, ha indetto un concorso dal titolo La maschera cusanese, per stimolare la fantasia dei concittadini attraverso l ideazione di una maschera che rappresenti il sentimento di appartenenza al proprio paese. Quindi, forza con la fantasia, buon Carnevale a tutti e attenti agli scherzi! Domenico D. G.,Luigi, Michele Pagina 14 Il cerchio di gesso di Augusta, passando attraverso il mito di Orfeo ed Euridice e il teatro di Shakespeare con Romeo e Giulietta. I brani sono stati dapprima letti nei loro passaggi essenziali, poi analizzati dal punto di vista stilistico; è seguita una disamina sulla psicologia dei protagonisti, per cogliere i significati profondi nascosti dietro alle loro azioni. Partendo da questo lavoro, la seconda parte del corso è stata dedicata alla stesura, da parte dei corsisti, di un paio di copioni dai quali è stato poi ricavato il copione definitivo sul quale è d obbligo mantenere ancora il top secret visto che sarà oggetto della rappresentazione finale prevista per giugno. Guidati da Carlo Iovino, in qualità di esperto, e da Maria Immacolata Sasso, in qualità di tutor, i corsisti, nella terza ed ultima parte del corso, oltre che nelle prove, sono attualmente impegnati anche nella realizzazione di scenografie, oggetti di scena e vestiti necessari per la messa in opera del prodotto. La Redazione Crescere Felix Il 13 gennaio 2011 presso la sala del comune di Cusano Mutri si è tenuto un convegno nell ambito del progetto Crescere Felix per informare e sensibilizzare genitori, docenti e operatori sull importanza di una corretta alimentazione e un corretto stile di vita, alla base della salute di ogni persona. Infatti, da un indagine condotta dal Ministero della Salute sul 90% delle scuole primarie italiane, è emerso che molti bambini sono in soprappeso a causa di una alimentazione non sempre corretta ed equilibrata associata al poco movimento fisico dovuto al grande uso di computer, videogiochi e consolle che vede fermi e in posizione scorretta le giovani generazioni per troppe ore al giorno. Al convegno, organizzato dal nostro Istituto Comprensivo, sono intervenuti la Dirigente Scolastica Giovanna Caraccio, la dottoressa Ersilia Palombi (nutrizionista), la dottoressa Elena Fossi (epidemiologa), la dottoressa Giovanna Ragozzino, i sindaci di Cusano Mutri e Pietraroja. Tra il pubblico i docenti dell istituto tra cui la referente del progetto maestra Liliana Pascale che ha illustrato il percorso in atto nella nostra scuola. Per sensibilizzare noi alunni, infatti, ed educarci alla cultura del benessere e della salute il progetto Crescere Felix quest anno prevede attività da svolgere nell ambito del laboratorio scientifico per tutte le classi mentre per le classi Prime, Seconde e Terze dei plessi di San Felice e Capoluogo anche in alcune ore extracurricolari. Un momento particolare, in tutti i plessi dell istituto, è stato quello del primo marzo quando abbiamo fatto colazione a scuola: latte, pane e marmellata sono stati gli alimenti principali ed è stato bello mangiare tutti insieme. Subito dopo, però, ci siamo divertiti con i giochi del passato (campana, giochi con la palla, ), giochi ormai non più conosciuti ma, ci hanno detto le nostre maestre, importanti per tante motivazioni: la coordinazione oculo-manuale, l equilibrio, la memorizzazione di movimenti in sequenza, e che dobbiamo riscoprire. La Redazione

15 Pagina 15 CRONACA...TRA I BANCHI SCUOLA DELL INFANZIA La figura del soldato garibaldino Il percorso svolto nel nostro plesso, scuola dell infanzia di Cusano capoluogo, oltre a far conoscere la figura del soldato Garibaldino attraverso la visione di immagini, l ascolto della canzone inno di Garibaldi, ha favorito il raggiungimento delle finalità della scuola dell Infanzia in particolare la costruzione dell identità. Gli alunni sono stati sollecitati a prendere coscienza di se stessi prima come membri di una piccola socie- tà :la famiglia poi di società sempre più grandi ed eterogenee: la scuola, la chiesa, il Paese. Varie le attività che hanno visto coinvolti i nostri piccoli alunni: attività motorie in particolare per la preparazione della Marcia dei Garibaldini, grafiche sia come espressione del proprio pensiero e vissuto e come traccia dell esperienza, manipolative con la creazione della torta di compleanno della provincia. Inoltre tutti gli alunni, nell ambito del progetto, hanno avuto un incontro con la dott.ssa Maria Giovanna De Lucia responsabile per la Slow Food Valle Telesina, la quale in modo semplice ed efficace ha illustrato com è cambiata l alimentazione nel corso del tempo e quanto sia importante ritrovare e riscoprirei piatti genuini e semplici della nostra tradizione. Giocando con l inglese Un esperienza di assaggio La prima esperienza nella scuola dell infanzia de la colazione a scuola è stata apprezzata da tutti gli alunni che hanno avuto modo di condividere nell ambito scolastico un momento prettamente famigliare ; nello stesso tempo hanno potuto apprezzare una colazione forse più semplice (latte, pane e marmellata) ma sicuramente più genuina rispetto alle solite merendine e biscottini vari, a cui sempre più spesso si ricorre in tante frettolose famiglie dei nostri piccoli alunni. Continua l esperienza dell insegnamento della lingua inglese per i bambini dell ultimo anno di frequenza della scuola dell infanzia. Avvalendosi della curiosità verbale tipica dell età, dello stimolo alla socializzazione e della massima plasticità cerebrale proprie di questa età, essa fornisce ai bambini un numero maggiore di stimoli linguistici. E stata offerta agli alunni la possibilità di vivere il primo incontro con la lingua inglese mediante modalità volte a promuovere la creatività in situazioni ludiche e a favorire tale tipo di alfabetizzazione in continuità e progressività. L introduzione della lingua inglese non si configura come un insegnamento precoce, ma come una sensibilizzazione del bambino verso un codice linguistico diverso dal proprio, il quale in seguito porterà ad un apprendimento attivo. Nella foto Mister Corrà durante una lezione Per la festa del 19 marzo non poteva mancare in classe un momento didattico per parlare della figura del proprio papà e dedicargli semplici e affettuosi versi. Il mio papà Quando vedo il mio papà sento amore a volontà. Se lo abbraccio forte forte mi regala baci e torte. Tutto il mondo è insieme a me quando a casa lui è. Se, a volte, sono triste i suoi baci di gusto sono l'antidoto giusto. Alessandra cl. III Un dono per papà Papà, per me sei importante, più di un diamante! Di sera ti guardo e di notte sogno il tuo sguardo. Vorrei donarti tante cose belle: magari un cielo pieno di stelle. Vorrei donarti un paradiso, ma posso donarti solo un sorriso. Ciò che faccio per te, lo faccio con il cuore, ma soprattutto con tanto amore. Nicole Maria cl.iii LA NUTRIZIONISTA NELLA SCUOLA PRIMARIA Il giorno tre Febbraio 2011 sono andata a scuola come al solito, ma mi aspettava una giornata diversa. Infatti, a scuola è venuta la dottoressa Ersilia Palombi, nutrizionista dell ASL di Benevento per parlarci della corretta alimentazione e dell importanza del movimento. Tutti insieme noi alunni della scuola Primaria ci siamo riuniti nel salone per visionare un DVD Esplorando il corpo umano. Il video parlava dell apparato circolatorio. Si è creato subito un clima di grande interesse perché il filmato trattava temi importanti, ma reso simpatico e divertente da personaggi animati. La dottoressa con grande bravura ci ha guidato in un magnifico viaggio immaginario nel corpo umano da cui abbiamo imparato paroline nuove come: neurotrasmettitori, globuli rossi, piastrine.. Il nostro interesse è stato elevato e le curiosità infinite anche da parte dei più piccoli. La dottoressa ha risposto a tutte le nostre domande in modo semplice e pratico in questo modo abbiamo capito che è necessario non solo alimentarsi in maniera sana, ma anche incrementare l attività fisica e ridurre la sedentarietà, offrendo a noi bambini occasioni per essere attivi in casa, a scuola e nel tempo libero. Gli alunni di San Felice

16 Pagina 16 Vivo in uno dei borghi più belli d Italia Abito con la mia famiglia in uno dei borghi più belli d Italia e sono contenta di viverci. Il luogo è Cusano Mutri, un paese che si trova in provincia di Benevento ad un altitudine dai 475 ai 500 m. Si può raggiungere da Cerreto Sannita e da Pietraroja attraverso le strade provinciali che partono rispettivamente da Telese Terme e da Morcone. La sua principale caratteristica è che le case sono arroccate l una sull altra con stradine strette, molte scalinate fatte di pietra su cui si possono vedere anche impronte di conchiglie. Nel centro storico ci sono chiese e chiesette tra cui quelle dei SS. AA. Pietro e Paolo, S. Nicola e S. Giovanni. Dai nostri nonni abbiamo saputo che tanto tempo fa le due parrocchie litigavano per decidere quale fosse la più importante. Alla fine i Cusanesi decisero che era più bella quella dedicata a San Nicola, patrono della nostra cittadina. Il mio paese ha più di abitanti e per questo ci sono molti negozi di ogni tipo. Il mio paese è anche sagra, quella dei prodotti tipici che si tiene in primavera e quella famosa del fungo porcino che si svolge nel mese di settembre. In queste occasioni il centro storico si trasforma e soprattutto piazza Orticelli si riempie di casette di legno, tende, tavoli e panche. Dovunque vedi stand gastronomici da cui proviene il profumo delle pietanze cucinate; vedi bancarelle piene di dolci, rustici, miele, funghi, formaggi locali e tante altre cose. Quello che più mi piace è che vicoli e vicoletti si animano, sono pieni di gente che chiacchiera, bimbi che giocano, persone che si fermano a chiedere informazioni o che gustano i prodotti locali. Lo stesso avviene il giorno dell Infiorata, organizzata per il Corpus Domini, quando con fiori, foglie e semi si preparano tappeti per le strade e nelle chiese. Tante persone infatti affollano le strade di Cusano per ammirare ciò che i Cusanesi hanno preparato con tanta pazienza e fervore. Nilde e Concetta PAESE CHE VAI Verso la Quaresima! Nel mio paese non si celebra un Carnevale famoso, spettacolare, ma è un periodo che a Cusano viene vissuto anche religiosamente con le Quarantore : quaranta ore di preghiere a Gesù Sacramentato esposto solennemente. Le Quarantore iniziano quattro settimane prima dell ultimo giorno di Carnevale, nella chiesa di Santa Maria con la celebrazione della Santa Messa. Durante le Quarantore la chiesa viene addobbata con tanti fiori; al tempo dei nonni, invece, veniva addobbata con numerose candele e con qualche fiore che portavano dalle campagne. Le altre Quarantore poi vengono svolte nelle chiese di San Giuseppe, di San Giovanni e di San Pietro. Le Quarantore vengono celebrate dal giovedì alla domenica in ogni chiesa. L ultimo ciclo di Quarantore, nella chiesa di San Pietro inizia il sabato. Esse si concludono con la celebrazione dei vespri, che una volta venivano cantati in latino dalle congreghe, con la processione e con la benedizione solenne. Ci auguriamo che tutte queste manifestazioni religiose vengano sempre rivissute per poterle tramandare ai posteri evitando così di farle scomparire. Gli alunni di San Felice LA NOSTRA PASQUA Il precetto pasquale di quest anno è stato sicuramente più bello e significativo perchè impreziosito dalla presenza del nostro vescovo Mons. Michele De Rosa, che ha presieduto la celebrazione eucaristica nella chiesa di San Giovanni Battista. Nell omelia, Sua Eccellenza ci ha esortati a ritrovare sempre maggiori motivazioni per lo studio e per la costruzione di relazioni fondate sul rispetto reciproco e sulla cooperazione. L Istituto Comprensivo, attraverso la Redazione, augura a tutti i lettori e ai loro familiari una Pasqua vissuta alla luce dei valori più autentici. Auguri! Concorso Il piccolo Carabiniere In ogni città, in ogni paese, nelle strade, i carabinieri sono sempre delle presenze assicuranti. La gente ama e stima i carabinieri perchè vede in loro la garanzia di un vivere ordinato e sereno e riconosce nelloro lavoro la difesa continua del diritto di tutti a sentirsi sicuri. Uomini efficienti, preparati che affrontano ogni problema con determinazione. Per non dimenticare mai l importantisimo ruolo che svolgono i Carabinieri è stato organizzato il progetto Piccolo Carabiniere, al quale il nostro Istituto è stato lieto di partecipare. Esso ha previsto il coinvolgimento di tutti i giovani studenti in elaborati scritti per la Scuola Secondaria di 1 grado e in disegni per la primaria, elaborati che esaminavano la figura del Carabiniere con problematiche di volta in volta attuali. Il giorno 10 marzo 2011, presso la sede dell I.C.Kennedy, sono stati premiati 12 alunni della scuola primaria e 7 della scuola secondaria. Alla premiazione sono stati presenti il Dirigente Scolasticodott.ssa Caraccio, gli Ufficiali dell Arma, i rappresentanti delle testate giornalistiche locali, alcuni insegnanti e i genitori degli alunni vincitori. Noi alunni abbiamo rappresentato l argomento il Carabiniere e la tutela ambientale al fine di sensibilizzare alla problematica di un ambiente più curato e sano. I nostri disegni rappresentavano il problema ecologico nell ambiente naturale. L ambiente è tutto quel mondo che è a contatto con l organismo, che lo condiziona, lo influenza e che è trasformato a sua volta dall uomo. Il disegno di Ivan, invece, rappresentava l arrivo di barconi carichi di immigrati venuti in Italia a cecare lavoro e serenità. All arrivo i carabinieri hanno dato loro accoglienza, aiuto e soccorso. Il nostro Dirigente si è complimentato con noi ragazzi per l ottimo lavoro che abbiamo svolto ed ha sottolineato che è stato molto difficile scegliere tra le creazioni più belle e significative perchè ognuna esprimeva emozioni e sentimenti diversi. Alla fine della cerimonia tutti si sono congratulati e noi ci siamo sentiti orgogliosi e felici di aver partecipato a questo progetto voluto dalla nostra Dirigente Scolastica in collaborazione con il Comandante dei Carabinieri della Stazione di Cusano Mutri. Alunni classi IV-V Cusano Cap. e San Felice In classe il problema dei rifiuti e del loro riciclo Questo rifiuto dove lo metto? Molto spesso, quando faccio merenda, chiedo alla maestra: Questo rifiuto dove lo metto?. La maestra mi risponde che devo fare attenzione al colore della busta in cui lo devo buttare perché solo così può essere riciclato. E per questo che i Comuni, tra cui il nostro, ha organizzato la raccolta dei rifiuti e tutti i cittadini devono osservare alcune regole. Nel sacco multimateriale di colore giallo dobbiamo mettere gli oggetti di plastica, di legno, di carta, di alluminio, di cuoio, di polistirolo, di stoffa ed ogni lunedì metterlo davanti alla porta di casa fino alle ore nove. Ogni lunedì, infatti, l operatore ecologico raccoglie i sacchi gialli porta a porta e li trasporta in un centro di raccolta. Attenzione, però, ogni rifiuto inserito deve essere pulito; in caso di lattine o brik vanno risciacquati. Stai attento a non introdurre, quindi, liquidi, avanzi alimentari, oli, vernici, altrimenti hai fatto fatica sprecata. Il colore giallo tienilo a mente anche per la raccolta del vetro. In punti stabiliti del tuo paese ci sono i contenitori, proprio di colore giallo, per la raccolta del vetro. Noi, grandi e piccoli, produciamo tanti rifiuti che non sono fatti di materiali naturali e se li buttiamo di qua e di là sporchiamo ed inquiniamo l ambiente in cui viviamo. Se ricicliamo i rifiuti certamente aiuteremo il nostro pianeta Terra. Classe II Pietraroja REDAZIONE Dirigente Scolastico dott.ssa Giovanna Caraccio Docente Esperto prof. Carlo Iovino Docente Tutor ins. Michelina Venditto Gli alunni del PON L italiano...in prima pagina Siamo su Internet!

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO. In memoria delle vittime delle Foibe

10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO. In memoria delle vittime delle Foibe 10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO In memoria delle vittime delle Foibe 10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO In memoria delle vittime delle Foibe Informazione, film e fiction, approfondimenti e testimonianze

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Presentazione. Prof. Martino Mattei

Presentazione. Prof. Martino Mattei Presentazione Il 60 anniversario dell entrata in vigore della Costituzione Italiana è stata l occasione, nella scuola, per riflettere sul ruolo da assumere nel processo finalizzato all educazione del senso

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Largo Dino Buzzati. Progetto d Istituto Giornata della Memoria e del Ricordo

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Largo Dino Buzzati. Progetto d Istituto Giornata della Memoria e del Ricordo ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Largo Dino Buzzati Progetto d Istituto Giornata della Memoria e del Ricordo Vedrai che è bello vivere Chi s'aggrappa al nido non sa che cos'è il mondo, non sa quello che tutti

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta)

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) FIABA ONLUS FIABA si propone di abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

RELAZIONE VISITA AL MUSEO DELLA MEMORIA DI ASSISI

RELAZIONE VISITA AL MUSEO DELLA MEMORIA DI ASSISI RELAZIONE VISITA AL MUSEO DELLA MEMORIA DI ASSISI Il giorno 01/02/13 noi alunni della classe 3 A della scuola sec. di 1 grado Frate Francesco, siamo andati a visitare il Museo della Memoria di Assisi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PREMESSA: Il collegio docenti è composto da quattro insegnanti e la coordinatrice e si riunisce una volta al mese circa. Una cosa molto importante

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro I giovani non sono otri da riempire ma lampade da accendere Igino Petrone Federazione Maestri del lavoro d Italia Consolato Regionale del Molise Il Progetto Pianeta Giovani in tutto il suo percorso, è

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi,

Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi, Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi, come avete appena sentito negli interventi che mi hanno preceduto, nella veste di Ministro dell Istruzione ho voluto che

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Stampato in proprio dicembre 2008 Una lettera catechesi del cardinale Tettamanzi per gustare la gioia del Natale e raccontare la straordinaria

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

PERCORSI DI LEGALITÀ...PER DARE SENSO AL FUTURO

PERCORSI DI LEGALITÀ...PER DARE SENSO AL FUTURO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Francavilla di Sicilia Via Napoli, 2 Francavilla di Sicilia(Me) Telefono 0942 981230 c.f.96005620834 c.u.ufal7m

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014 Al Papa il 10 maggio ho portato la mia gratitudine per i 35 anni di insegnamento all Istituto San Giuseppe Andare dal Papa

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Scuola dell infanzia Pariani Malcesine Responsabile del progetto insegnante De Santis Maria Pia Premessa La scuola è un laboratorio di vita

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia PAROLE VERBI amore armi assenza libertà crudeltà disperazione dolore egoismo fame fascisti guerra incoscienza innocenti

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

1 Incontro Missionarietà nel Battesimo IL REGALO PIÙ GRANDE

1 Incontro Missionarietà nel Battesimo IL REGALO PIÙ GRANDE 1 Incontro Missionarietà nel Battesimo (rivisitazione incontro pag. 69) I ragazzi si scoprono amati e custoditi da Dio e si interrogano su come essere autentici dell amore salvifico del Padre; riconoscono

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Relazione: una giornata a Torino.

Relazione: una giornata a Torino. Relazione: una giornata a Torino. Martedì 2 febbraio 2016 noi alunni della classe 2 A del Liceo Economico Sociale Lagrangia di Vercelli siamo andati in quel che è il capoluogo della nostra regione, per

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF)

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Scuola dell Infanzia paritaria Clemente e Marina Benecchi PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Via Rabaglia, 32 43058 Coenzo Sorbolo (PR) 348 0388008 scuolabenecchi@gmail.com BREVE STORIA DELLA SCUOLA DELL

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli