IL GIORNALE: DALLA LETTURA ALLA REALIZZAZIONE. Nucleo: Testo informativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GIORNALE: DALLA LETTURA ALLA REALIZZAZIONE. Nucleo: Testo informativo"

Transcript

1 IL GIORNALE: DALLA LETTURA ALLA REALIZZAZIONE Rita Anna Rosaria Pizzoleo Nucleo: Testo informativo Prerequisiti Conoscere elementi e funzioni della Comunicazione; conoscere le diverse tipologie testuali; saper individuare le informazioni esplicite ed implicite; saper distinguere i fatti dalle opinioni; saper operare inferenze. LA STRUTTURA GLI ARTICOLI LE NOTIZIE LA CRONACA Carta d identità I diversi generi Le fonti Le sue caratteristiche La Testata L intervista L obiettività Come si scrive La prima pagina Il Commento I titoli Le sezioni Le rubriche (Attività 1) (Attività 2) (Attività 3) (Attività 4) 1

2 INTRODUZIONE L idea di proporre la lettura del giornale ad alunni di Scuola Secondaria di Primo Grado rappresenta una vera e propria sfida nell era della tecnologia, che tende a monopolizzare ogni forma di conoscenza e ogni tipo di informazione. La pluralità delle fonti, la velocità con cui l informazione viene prodotta, veicolata e aggiornata, l essenzialità delle notizie sembrano fornire messaggi sempre più frammentati ed epidermici, da fast food giornalistico che non dà il tempo di assaporare il testo, lascia poco spazio alla riflessione, al confronto, all analisi critica della notizia, alla capacità di distinguere i fatti dalle opinioni, di andare oltre lo scritto. Sempre meno attratti dalla lettura in genere, i ragazzi di oggi sembrano non avere alcuna dimestichezza con il giornale: dalla difficoltà pratica di sfogliarlo a quella di scorrerne rapidamente titoli e sommari, alla difficoltà di leggere in maniera attenta e critica un articolo e di comprenderne il linguaggio, non sempre facilmente decifrabile, di coglierne tutte le informazioni, esplicite ed implicite, operando confronti e inferenze. Per combattere la concorrenza spietata degli altri mezzi di informazione, il giornale si è dovuto rinnovare, ha migliorato la veste grafica, arricchito i contenuti, dato più spazio a immagini e servizi utili per il cittadino ed è entrato in Internet. Ciò gli ha permesso di continuare ad essere competitivo rispetto agli altri mezzi d informazione, più completo e, per certi versi, insostituibile. Sul piano propriamente linguistico, non v è aspetto della lingua italiana che non possa essere trattato nell ambito di un laboratorio giornalistico: ortografia, morfologia, sintassi, lessico, stile, modelli testuali e processi cognitivi. Alternando input teorici ad attività laboratoriali, individuali e/o di gruppo, utilizzando i mezzi e gli strumenti a disposizione, giocando con le parole e stimolando l interesse, la curiosità e la creatività, si cercherà di guidare i ragazzi nel mondo poco conosciuto ma incredibilmente affascinante della carta stampata, aiutandoli a scoprire i segreti del giornale, questo straordinario mezzo di comunicazione inventato per leggere, comprendere e raccontare il mondo, ma anche per orientare il pensiero e le scelte dei lettori, ai quali offre occorre ricordarlo! - non la verità assoluta ma una interpretazione parziale della realtà. 2

3 (Attività 1) Scheda per lo studente Cognome Nome Data CARTA D IDENTITA In ogni quotidiano si trova un trafiletto, collocato in una delle pagine interne, a margine, scritto con caratteri piccoli, dal quale si possono ricavare diverse informazioni sul quotidiano che insieme costituiscono una sorta di Carta d identità del giornale. Nome (Testata) Chi lo ha fondato Chi lo Chi lo dirige Chi lo amministra Dove sono le sue sedi Quanto costa l abbonamento La tiratura del giorno LA TESTATA Lente d ingrandimento sulla testata. Quante e quali informazioni fornisce? 1) 2) 3) 4) 5) 3

4 6) 7) 8) Curiosità lessicale: Manchette - Significato Etimologia TESTATE A CONFRONTO TESTATA Città di edizione Copie a numero Lettori stimati Quotidiani economia Quotidiani sportivi 4

5 LA PRIMA PAGINA Parti e funzioni Non solo lessico Cercare sul vocabolario la definizione di ciascuno dei termini di seguito riportati. 1. Testata 2. Colofone 3. Manchette 4. Occhiello 5. Titolo 6. Sottotitolo 7. Articolo di apertura 8. Articolo di fondo 9. Articolo di taglio medio 10. Articolo di taglio basso 11. Articolo di spalla 12. Civetta 13. Didascalia 14. Sommario di articolo 15. Sommario 16. Finestrella 17. Fotografia Oltre la prima 1. Editoriale 2. Corsivo 3. Elzeviro 4. Recensione 5

6 Una parola tanti significati Ecco alcuni vocaboli, a volte anche curiosi; cercane il significato, in ambito giornalistico, evitando di farti imbrogliare dal vocabolario. Tamburino Coccodrillo Trafiletto Locandina Tipo Fuorisacco Giustezza Pastone Refuso Catenaccio Finestra Corpo Colonna Tiratura 6

7 Individuare sulla prima pagina di un quotidiano a tiratura nazionale i diversi elementi che la compongono. Dopo aver individuato le varie parti che compongono la prima pagina, scrivi i titoli degli articoli principali nello schema sottostante: Apertura Fondo Spalla Taglio medio 1 Civetta Taglio basso Vignetta Cerca l indirizzo Internet del giornale su cui stai lavorando e collegati con la prima pagina del quotidiano on-line; osservala e prova ad individuare differenze e analogie con quella pubblicata su carta. A quali notizie viene dato maggiore risalto? Vi sono immagini diverse? Preferisci leggere il giornale on-line o la carta stampata? Perché? La forza di un titolo I TITOLI 7

8 Freddo o caldo? Normale o con effetti speciali? Uno stesso fatto può essere presentato con diversi tipi di titolo. Ad esempio TITOLO FREDDO TITOLO CALDO Aumentano le malattie nella zona contaminata Si, qui l inquinamento uccide Settimana di scioperi per aerei,treni e scuola Stop a scuola e trasporti: in vacanza ma a piedi Finisce fuori strada un carico di pollame Strage sull asfalto ecatombe di galline I primi si limitano a presentare le notizie in modo neutro, con una forma puramente enunciativa. I secondi cercano di colpire il lettore suscitando in lui una reazione emotiva e sono piuttosto espliciti nel segnalare la posizione assunta dal giornale rispetto all argomento trattato. IL LINGUAGGIO DEI TITOLI Il titolo costituisce un testo caratterizzato da un linguaggio specifico e da regole ben precise. Un titolo deve essere breve ed efficace ( concentra in poco spazio il maggior numero possibile di informazioni, cercando di catturare l interesse del lettore). Spesso i titoli sono composti da frasi che sottintendono il soggetto (ellissi del soggetto) o il verbo (ellissi del verbo frase nominale), o composte da una coppia di parole-chiave (binomio). Per potenziarne l efficacia, si ricorre al linguaggio figurato. Si usano metafore o iperboli - stabilendo paragoni inaspettati (Cipollini Re Leone) - esagerando i particolari di un fatto (Inferno nel tunnel) Si usano modi di dire, frasi del linguaggio parlato, il discorso diretto, la forma interrogativa, i neologismi, i barbarismi, le abbreviazioni o le sigle Esempi: Frase nominale Ellissi del soggetto I bambini campioni di risparmio Clonavano le auto di lusso 8

9 Binomio Neologismo Barbarismo Abbreviazione o sigla Metafora Iperbole Discorso diretto Modo di dire Frase interrogativa Linguaggio parlato Italiani: poche letture e indigestione di TV Cyber poliziotti a New York Gli studenti investigatori incastrano la baby-gang No alle culture OGM, troppi rischi inutili L euro cade sotto i colpi del dollaro Strage di multe notturne nel quadrilatero romano Barrichello: Lo ammetto, Schumi è il più bravo Braccio di ferro sulla riforma della scuola Quale futuro per il Pirata? I piloti non mollano: aerei Lufthansa a terra Leggi i titoli di un quotidiano nazionale cercando di riconoscere una o più delle caratteristiche del linguaggio sopra indicate: Frase nominale Ellissi del soggetto Binomio Neologismo Barbarismo Abbreviazione o sigla Metafora Iperbole Discorso diretto Modo di dire Frase interrogativa Linguaggio parlato Attività Le rubriche I quotidiani hanno aumentato, nel tempo, la quantità di notizie e, di conseguenza, il numero delle pagine, al punto da dare l impressione, a chiunque lo sfogli, che sia veramente difficile, se non impossibile, leggerlo tutto in una sola giornata. In realtà, essendo una sorta di enciclopedia giornaliera, è impensabile che anche il lettore più attento e assiduo possa leggerlo da cima a fondo. L impostazione del giornale e la struttura delle singole parti che lo compongono permettono a chiunque di individuare rapidamente gli argomenti di maggiore interesse e di scorrere rapidamente tutto il resto, utilizzando tipi diversi di lettura, a seconda degli interessi e degli scopi. Occorre ricordare che il giornale non è un contenitore di notizie messe lì alla rinfusa, ma un insieme organizzato di informazioni, proposte secondo schemi e criteri che, sia pure con qualche piccola differenza, sono rispettati da quasi tutte le redazioni. Tutti i quotidiani si dividono in sezioni e rispettano, in linea di massima, lo stesso schema, partendo dalla prima pagina: 1. Politica interna o fatti particolarmente rilevanti 2. Cronaca estera 9

10 3. Cronaca italiana 4. Economia 5. Cultura 6. Spettacolo 7. Sport 8. Cronaca locale o cittadina (quotidiani locali e/o regionali) Il verificarsi di eventi particolarmente importanti o eccezionali può sovvertire quest ordine o modificare gli spazi solitamente riservati alle diverse rubriche. Nell individuazione rapida degli argomenti che più ci interessano, sono d aiuto le indicazioni che, sia pure con diciture leggermente differenti, i diversi quotidiani collocano sul bordo superiore della pagina. Proviamo a vedere di che cosa trattano le diverse sezioni: SEZIONI Politica interna ARGOMENTI Cronaca estera Cronaca italiana Economia Cultura Spettacolo Sport Cronaca locale Rubriche 10

11 SEZIONI Politica interna Cronaca estera Cronaca italiana Economia Cultura Spettacolo Sport Cronaca locale Rubriche ARGOMENTI Fatti politici (iniziative del Governo, interventi dell opposizione, nuove leggi, dibattiti e accordi, ecc Fatti accaduti all estero, in Europa e nel mondo eventi di vario genere, indagini poliziesche, delitti, incidenti, sciagure, fatti curiosi, scandali Notizie sulla situazione economica italiana ed europea, andamento delle borse e delle monete, iniziative e nuove prospettive delle aziende Informazioni e commenti su eventi culturali; libri, mostre, approfondimenti storici, filosofici, scientifici Cronaca di spettacoli di vario genere Notizie relative a tutti gli sport, commenti, interviste Notizie accadute in città, nella provincia, nella regione Appuntamenti fissi con i lettori che trattano temi di vario genere: previsioni del tempo, oroscopo, posta, annunci economici, ecc. 11

12 (Attività 2) Scheda per lo studente Cognome Nome Data L ARTICOLO DI CRONACA I colori della cronaca: Cronaca bianca Cronaca nera Cronaca giudiziaria Cronaca rosa Caratteristiche formali: breve servizio Come è fatto un articolo di cronaca: le 5W + H GLI ARTICOLI I diversi generi Struttura = testo narrativo, ovvero: Apertura (esordio) /Cappello/ Parte centrale /Corpo dell articolo/ Conclusione / Suggello/ Apertura o lead (attacco) Lead diretto : 5 W Chi? Who (Chi è il protagonista del fatto che si vuole raccontare?) Che cosa? What? (Che cosa è accaduto?) Dove? Where (Dove è accaduto il fatto?) Quando? When? (Quando è avvenuto?) Perché? Why? (Per quali cause è avvenuto?) Lead ritardato Solo alcuni dettagli Anticipazione della conclusione Omissione di alcuni dati fondamentali Inserimento di un flashback, aneddoto o brevi descrizioni per incuriosire Inserimento del Come? (How?) (Chiarisce iul modo in cui è avvenuto il fatto) 12

13 Attività: IO COMPRENDO a) Leggi tre articoli brevi, individua il settore della cronaca a cui appartengono e indica sul testo le parti di cui si compone l articolo b) Cerca nei tre articoli i dati fondamentali della notizia (5W) e riassumili secondo lo schema sottostante: 1) CHI? 2) CHE COSA? 3) DOVE? 4) QUANDO? 5) PERCHE? c) Indica quale tipo di lead (diretto o ritardato) viene usato nelle tre notizie Attività: GIOCO CON LE PAROLE Sfogliando un quotidiano è facile imbattersi in parole di origine straniera o prese in prestito dal latino, neologismi, acronimi, termini o espressioni appartenenti a linguaggi settoriali, di cui i giornalisti si servono per rendere più efficace e incisivo il messaggio. Proviamo a individuare i più frequenti: 1. Parole di origine straniera Blitz Choc Antidoping Blackout Leader Premier Staff Meeting Raid News Magazine Network Team Target Golpe 13

14 Kamikaze 2. Parole prese in prestito dal latino Deficit Plenum Quorum Referendum Ultimatum Raptus Lapsus Qui pro quo Una tantum I pezzi di parole Ex Extra Iper Ultra 3. Neologismi (si ottengono anche prendendo delle parole, spezzandole, ricombinandole, copiandole, italianizzandole se straniere per creare nuovi significati Griffato Standardizzato Dietrologia Formattare Bancomat No global Extracomunitari Paninoteca Supermarket Decisionista Biodegradabile Interattivo Maxi-processo Taggare Eurolandia Euroscettici Euromercato Europarlamento 4. Acronimi USA ONU ACI DVD CD-ROM TIR DNA NAS ASL AIDS 14

15 DOC VIP FBI CIA NATO ICI IMU 5. Linguaggi settoriali Politico Lottizzare Palazzo Uninominale Proporzionale Referendario Scorporo forchetta Ballottaggio Rimpasto Listone Lumbard Balena bianca Margherita Ulivo Fiamma Economico Condono tombale Crac Stagflazione Recessione Manovra Stangata fiscale Frenata Crollo Obbligazioni Spread Sportivo Dribblare Crossare Antidoping Corner Mister K.O. Uppercut Stanter Pit stop Servizio Schiacciata Giocare in casa Fischiare un fallo 15

16 Arrivare in tempo Mandare al tappeto Fare il battitore libero Primo round Attività Sfoglia un quotidiano e prova a individuare e classificare, seguendo lo schema proposto, le parole speciali o le locuzioni che incontri: Termine Codice o lingua Sinonimo comune Significato originale kamikaze giapponese Guerriero suicida Aviatori giapponesi che, alla fine della 2 guerra mondiale, si gettavano sul bersaglio Sdoganare politichese coinvolgere far passare la dogana manovra Significato figurato Tutti coloro che sacrificano volontariamente la propria vita per un ideale, cercando di fare il massimo danno al nemico, a volte compiendo atti di terrorismo Riportare in gioco chi, partiti o personaggi, per qualche ragione era rimasto ai margini 16

17 I DIVERSI GENERI Sono diversi i generi della cronaca e per questo gli articoli presenti nei giornali sono di vario tipo Cerchiamo di conoscerne i principali SERVIZIO: è un articolo ampio, accompagnato da dati e testimonianze, che eriguarda un fatto importante. ARTICOLO DI COLORE: testo prevalentemente descrittivo, nelle sezioni Costume, Cronaca, che tratta argomenti divertenti e leggeri come le abitudini degli italiani, le stravaganze della moda, curiosità che riguardano i personaggi famosi della politica o dello spettacolo. INCHIESTA: indagine su un fatto di cronaca o su un problema di pubblico interesse. Il giornalista deve raccogliere dati e testimonianze, comportandosi come un vero e proprio detective, per cercare di far luce su casi misteriosi, come crimini, stragi, fenomeni di corruzione, omicidi insoluti. A volte, inchieste coraggiose hanno provocato effetti imprevisti e tragici, come l assassinio del giornalista scomodo REPORTAGE: articolo che ha lo scopo di approfondire un evento descrivendo l ambiente in cui è avvenuto e le reazioni e gli stati d animo delle persone coinvolte più o meno direttamente; di solito scritto dagli inviati o dai corrispondenti dall estero e permette di conoscere una realtà, vicina o lontana, poco nota ai lettori. RESOCONTO: testo essenzialmente informativo, che riporta in sintesi i risultati di conferenze, dibattiti o ricerche su argomenti vari (politica, cronaca bianca, costume, ecc.). Sono frequenti i resoconti sulle ricerche statistiche che fotografano la società di oggi (abitudini alimentari, nuove tecnologie, impiego del tempo libero, ecc.) o quelli sui sondaggi di opinione. L INTERVISTA Come si fa un intervista? Da non confondere "l'intervista" con la "raccolta di dichiarazioni". Per esempio: Entrare nei negozi di Corso Vittorio Emanuele, a Poggiardo, per chiedere ai commercianti che ne pensano del traffico significa raccogliere dichiarazioni. Se uno degli stessi commercianti accetta di incontrare un giornalista per rispondere a una serie di domande articolate (inclusa se volete quella sul traffico), allora quella è un'intervista. L'intervista è un colloquio tra un giornalista e una persona che ha accettato l'incontro sapendo che le sue risposte saranno rese pubbliche. Non è importante che l'intervistato sia un personaggio famoso. Anche un perfetto sconosciuto può raccontare fatti, idee o vicende interessanti. Come si prepara un'intervista Siete voi a dover stimolare l'intervistato con le vostre domande quindi le cose da fare prima sono tre: 1) Raccogliere informazioni sugli argomenti che si intendono toccare. 2) Raccogliere informazioni sull'intervistato. 3) Preparare con cura una "scaletta" dell'intervista. 17

18 Consigli per la preparazione delle domande 1) Identificate l'argomento principale e preparate le domande su questo. 2) Fate domande brevi e precise (in modo da avere risposte brevi e precise). 3) Collegate idealmente le domande una all'altra. Le risposte, messe insieme, dovranno chiarire l'argomento scelto. Consigli per condurre l'intervista 1) Se una risposta suscita una nuova domanda fatela. Poi tornate alla vostra serie di domande. 2) Se una risposta contiene un argomento inaspettato ma interessante, seguitelo con le domande che vi vengono spontanee. Poi tornate alla vostra serie di domande. 3) Chiedete spesso perché. Specialmente se l'intervistato risponde con un si o con un no. 4) Se non capite una risposta la vostra formula sarà: Non ho capito. Può spiegarsi meglio per favore? Consigli per la scrittura 1) Riferite le vostre domande. Facilita la comprensione delle risposte. 2) Accorciate risposte troppo lunghe ma restate fedeli ai contenuti del colloquio. 3) Può essere interessante descrivere il colloquio: dove si svolge, in quali condizioni, chi è l'intervistato e quali sentimenti ha mostrato nel rispondere alle domande. Può essere utile anche una breve descrizione dell'intervistato. 4) Non mancate mai di riportare le vostre emozioni (brevissimamente). Se qualche risposta non vi convince ditelo (anche all'intervistato), se durante l'intervista avete provato qualcosa ditela. Può essere interessante per chi legge. IL COMMENTO Per capire più a fondo le diverse implicazioni di un fatto è opportuno evidenziare le varie opinioni che si possono avere su di esso. Le opinioni possono essere inserite all interno dello svolgimento o alla fine: basta che sia sempre ben chiaro che si tratta di un commento, di cui è necessario chiarire la fonte, cioè la persona che lo formula. Un testo giornalistico può esporre l opinione di chi scrive: è il caso di giornalisti prestigiosi i cui articoli si leggono proprio per sapere cosa l autore pensa su quel determinato argomento. L attitudine a vedere gli accadimenti da differenti punti di vista e di esprimere le proprie considerazioni e commenti personali dimostra senso critico e capacità di analisi. Se costruiamo un articolo su un evento storico, è necessario quindi riferire la fonte, cioè il documento da cui abbiamo tratto i diversi punti di vista critici e di cui si possono riportare le citazioni, che vanno sempre poste tra virgolette. 18

19 (Attività 3) Scheda per lo studente Cognome Nome Data LE NOTIZIE LE FONTI Nelle redazioni dei giornali arrivano ogni giorno centinaia di notizie, alcune attraverso i corrispondenti e gli inviati, altre, dalle agenzie di stampa e dagli uffici stampa. Il corrispondente è un giornalista che fornisce informazioni da una città differente da quella nella quale hanno sede la redazione centrale o le redazioni decentrate di un organo d'informazione. Spesso il corrispondente viene confuso con l'inviato: entrambi, infatti, trasmettono notizie da città diverse da quelle in cui ha sede il giornale, ma il secondo riceve uno specifico incarico temporaneo, dal direttore responsabile. L'inviato, inoltre, è un redattore, mentre il corrispondente non lo è. Le agenzie di stampa sono la principale fonte di informazione a cui attingono i quotidiani, le istituzioni o le imprese che vogliono essere informati in tempo reale su ciò che accade nel mondo. Queste agenzie specializzate si occupano di raccogliere notizie, immagini, filmati, voci e distribuirle, attraverso computer, fax, videoterminali, televisori, radio a coloro che sono abbonati a questo servizio. Godono di grande prestigio e sono considerate fonti attendibili perché la veridicità delle notizie che trasmettono viene verificata scrupolosamente. Attività: Tra le agenzie di stampa che esistono nel mondo (oltre 130), solo 4 hanno una rete di diffusione mondiale. Esegui una ricerca rapida su queste ultime, riportane il nome e la loro nazionalità. Qual è la principale Agenzia di Stampa Italiana? 19

20 Gli uffici stampa, che si occupano di diffondere determinate informazioni (comunicati stampa), sono presenti in quasi tutte le istituzioni pubbliche, le grandi aziende, le associazioni, i partiti politici, i sindacati e persino le piccole imprese. Le agenzie di stampa e gli uffici stampa sono fonti attive, cioè forniscono spontaneamente le notizie, ma i giornalisti possono contare anche sulle fonti passive, interrogando i protagonisti o i testimoni di un fatto, gli addetti ai lavori, come il personale di ospedali, commissariati, tribunali, i carabinieri e i vigili urbani, se si tratta di cronaca nera o giudiziaria; possono rivolgersi al Comune, all Università, ai Teatri, ecc. se si tratta di cronaca bianca o culturale Oggi anche Internet rappresenta una fonte inesauribile di notizie di ogni genere, da tutto il mondo, ventiquattr ore al giorno. Occorre ricordare, però, che l attendibilità di Internet non è paragonabile a quella delle agenzie. In compenso, Internet consente di collegarsi con siti specializzati su argomenti specifici (ambiente, cultura, sport, economia, ecc.) L OBIETTIVITA Una notizia non rappresenta mai la verità assoluta, ma l interpretazione che il quotidiano sul quale l abbiamo letta dà del fatto. Il titolo, le fotografie, il contenuto dell articolo rispecchiano un particolare punto di vista, che può essere più o meno obiettivo. Spesso, inoltre, le notizie non rispecchiano con obiettività i fatti accaduti, ma li distorcono, li manipolano, li deformano più o meno intenzionalmente, per varie ragioni ( l orientamento politicoideologico di alcuni giornali, il business, le opinioni personali del giornalista, ecc.) Attività: Un bravo giornalista, per essere obiettivo, deve separare i fatti dalle opinioni, cioè distinguere le informazioni, necessarie al lettore perché possa farsi un opinione personale di quanto accaduto, dal commento. Non sempre ciò accade: spesso fatti e opinioni vengono mescolati in modo più o meno esplicito. Immaginiamo che al seguente flash d agenzia facciano seguito due articoli, scritti da giornalisti di diverso orientamento: Agenzia AZ Roma, 19 marzo 2013 Un giovane rumeno è stato sorpreso a rubare confezioni di parmigiano al supermercato Il Gusto di via Nazionale. Alla polizia ha dichiarato di chiamarsi XY e di avere 12 anni. Farebbe parte di un organizzazione, nota agli inquirenti, che rivende merce rubata. Immaginiamo che due giornalisti scrivano ciascuno il proprio articolo, su giornali di diverso orientamento, dando rispettivamente i seguenti titoli: 20

21 1 giornale. Titolo 2 giornale. Titolo Extracomunitario rubava parmigiano Minorenne rumeno costretto a rubare Il primo mette l accento sul furto compiuto da un extracomunitario. Il secondo sullo sfruttamento del minore extracomunitario. Partendo dai diversi punti di vista forniti dai titoli, prova a ipotizzare i testi dei due articoli: Extracomunitario rubava parmigiano Minorenne rumeno costretto a rubare Prova ora a confrontare, su una stessa notizia, tre quotidiani di differente orientamento politico e compila la seguente tabella: Testata Notizia Titolo Foto Fatti riportati Opinioni espresse 21

22 (Attività 4) Scheda per lo studente Cognome Nome Data LA CRONACA Le sue caratteristiche Riprendendo le attività svolte nelle fasi precedenti, attraverso le quali abbiamo imparato a leggere un giornale, a riconoscere i vari tipi di articoli e a distinguere i fatti dalle opinioni, proviamo a fare sintesi di quanto appreso e passiamo dalla lettura alla produzione di un articolo di cronaca. Ricordiamo che gli articoli di cronaca sono dei testi di tipo informativo e trattano di argomenti attuali, recenti o accaduti nel periodo di tempo in cui vengono pubblicati. A seconda del contenuto, essi si suddividono in articoli di cronaca: -politica (relativi ad eventi o dibattiti politici) -giudiziaria (relativi a processi, indagini ecc.) -nera (relativi a delitti o violenze ecc.) -rosa (relativi a vicende sentimentali o gossip) -bianca (relativi a tematiche di interesse generale) Per scrivere un articolo di cronaca, a partire dai documenti a disposizione, bisogna identificare bene il fatto che si intende riportare nel proprio elaborato, distinguendo informazioni principali e secondarie. Per catturare l attenzione di chi legge è molto importante l attacco dell articolo (la parte iniziale), ovvero il lead. Al fine di comunicare al meglio la notizia principale, è necessario seguire le 5 regole fondamentali del giornalismo di informazione, tradizionalmente indicate con le 5W + 1H(secondo la terminologia anglosassone): 1. WHO (chi?): chi sono i personaggi coinvolti? 2. WHAT (che cosa?): che cosa è accaduto? 3. WHERE (dove?): dove si è svolto il fatto? 4. WHEN (quando?): quando si è verificato il fatto? 5. WHY (perché?): quali sono le cause che hanno provocato o favorito il fatto? + HOW (come?): come si sono svolti i fatti? 22

23 Come si scrive Non è facile scrivere un buon articolo di cronaca, ma esistono delle regole da seguire che possono aiutarci a diventare esperti giornalisti : 1. Scrivere frasi brevi, controllando la punteggiatura. 2. Scegliere parole di uso comune per facilitare la comprensione 3. Usare prevalentemente verbi all indicativo presente o passato pro 4. Rispettare l ordine di posizione di soggetto, predicato,complementi 5. Evitare ripetizioni, frasi fatte e luoghi comuni. 6. Esprimere una sola idea alla volta (una per ogni paragrafo) e assicurarsi che siano collegate tra loro in maniera logica. 7. In mancanza di un attacco originale, cominciare dalla parte centrale: le idee possono venire dopo o si può fare ricorso al lead diretto (v. pag. 11) 8. Inventare una conclusione a effetto, in mancanza della quale è preferibile terminare l articolo così com è, evitando di dire delle banalità. La formulazione del titolo A lavoro ultimato, si procede alla formulazione del titolo, composto di 3 parti: 1) titolo vero e proprio, spesso ad effetto, scritto con caratteri di dimensioni maggiori, che riporta la notizia principale; 2) occhiello, collocato sopra il titolo, in caratteri di dimensioni minori, che approfondisce la notizia esposta nel titolo; può anche non comparire. 3) catenaccio o sottotitolo, collocato sotto il titolo, anch esso scritto in caratteri più piccoli, che aggiunge ulteriori informazioni; può anche non comparire. Dopo la stesura del testo si procede alla correzione per controllare: Errori ortografici Raccolta informazioni Non essendo quasi mai testimone diretto dei fatti, il giornalista li racconta affidandosi, spesso, alla testimonianza indiretta; essa deve essere sempre riportata tra virgolette alte, dette anche doppi apici ( ), o virgolette caporali (). Vediamo alcuni tra gli errori più comuni che si commettono nella stesura di un articolo. Partiamo dalla cattiva abitudine di porre una virgola tra il soggetto e il verbo o tra il verbo e il complemento oggetto. L errore-orrore è insidioso soprattutto quando, tra questi due elementi, si frappongono altre parole: fate attenzione! Accenti e apostrofi Po (per poco) si scrive con l apostrofo e non con l accento perché si tratta di una parola tronca. La stessa regola vale per modo (mo ), casa (ca ), dei (de ), nonché per gli imperativi sta, fa, va, di, e da. Questi accenti sono sempre sbagliati: fà, quì, pò, blù, và, quà, sò, stà. È preferibile scrivere se stesso e non sé stesso (anche se oggi sono considerati entrambi corretti nella lingua italiana), ma è errato non accentare il se di sé stessi e sé stesse. 23

24 Spazi Fate attenzione a porre correttamente gli spazi in rapporto ai segni di punteggiatura. Tutti (compresi i punti di sospensione) vogliono uno spazio dopo mai prima!, ad eccezione del trattino, dei punti di omissione, delle parentesi e delle virgolette (che, se aperte, vogliono uno spazio prima ma non dopo). Congiuntivo Sebbene regge sempre il congiuntivo, come gli avverbi nonostante, malgrado, quantunque. I tempi dei verbi Si può scegliere il presente storico, presentando i fatti passati come se avvenissero nel presente, oppure il passato prossimo, passato remoto, imperfetto; si può fare ricorso anche al futuro, in riferimento ad avvenimenti già avvenuti, ma successivi al momento in cui ci si colloca idealmente. La completezza Una volta scritto l articolo è necessario procedere ad una revisione non solo morfosintattica ma anche testuale, per controllare la coesione, la coerenza e la completezza del testo prodotto. 24

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

LA STRUTTURA DELLA PAGINA

LA STRUTTURA DELLA PAGINA LA STRUTTURA DELLA PAGINA Le pagine nascono in base al Timone. Uno schema con l indicazione dell ingombro (si chiama proprio così) della pubblicità che compare in tutte le pagine che compongono lo sfoglio

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale

++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale ++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo

Dettagli

IL GIORNALE GIORNALE CARTACEO

IL GIORNALE GIORNALE CARTACEO IL GIORNALE Il Giornale è un mezzo di INFORMAZIONE che offre le ultime notizie dell Italia e del mondo. Può essere: cartaceo (quotidiano e periodico) radiofonico (radio-giornale) televisivo (tele-giornale)

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

Materiali: testi in adozione multimedia fotocopie fornite dall insegnante. Comprendere per agire in semplici situazioni note

Materiali: testi in adozione multimedia fotocopie fornite dall insegnante. Comprendere per agire in semplici situazioni note (1) ASCOLTO 01 e 03 Italiano Lingua Seconda classe II Scuola secondaria di primo grado Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado L alunno, l alunna sa (1)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

CHI SIAMO. www.telepaviaweb.tv. La tua finestra televisiva su Pavia e Provincia

CHI SIAMO. www.telepaviaweb.tv. La tua finestra televisiva su Pavia e Provincia CHI SIAMO Telepaviaweb.tv, la prima vetrina televisiva sul mondo della provincia di Pavia che grazie alle potenzialità della rete abbatte limiti e confini dei mezzi di comunicazione tradizionali. Telepaviaweb.tv

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza di profilo: Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua

Dettagli

MASTER DI GIORNALISMO. Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli

MASTER DI GIORNALISMO. Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli MASTER DI GIORNALISMO Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli MODULO I CORSO BASE DI GIORNALISMO (8 settimane) Il corso serve ad apprendere le

Dettagli

Vitamines 3 -- Programmazione per il terzo anno della scuola secondaria di primo grado

Vitamines 3 -- Programmazione per il terzo anno della scuola secondaria di primo grado Vitamines 3 -- Programmazione per il terzo anno della scuola secondaria di primo grado Obiettivi disciplinari Abilità Competenze Conoscenze Obiettivi educativi/comportamentali Indicazioni di carattere

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di formazione avanzata L ADDETTO STAMPA NELL ERA CROSSMEDIALE Programma formativo 2012 Indice 1. Obiettivi 2.

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Organizzare il discorso. Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011

Organizzare il discorso. Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011 Organizzare il discorso Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011 Scegliere le parole giuste Le parole hanno un peso: occorre scegliere con attenzione quelle

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica a cura di Chiara Di Benedetto, Elena Lombardo, Marianna Schiavon, Matteo Viale, con il coordinamento di Michele A. Cortelazzo Sii chiaro

Dettagli

MASTER IN GIORNALISMO D INCHIESTA

MASTER IN GIORNALISMO D INCHIESTA MASTER IN GIORNALISMO Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI GENERALI OBIETTIVI Individuare il

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione Lingua Straniera Francese a.s. 2015/2016 I docenti di Lingue Straniere cureranno l insegnamento attraverso un metodo funzionale-comunicativo,

Dettagli

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Progetto Educazione All'Immagine A.S. 2015-2016 Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Introduzione Obiettivi Il progetto che propongo si rivolge

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Calendario Corso L ADDETTO STAMPA NELL ERA CROSSMEDIALE Corso dedicato agli addetti stampa della Pubblica Amministrazione

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA Competenza chiave europea: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza specifica: LINGUE STRANIERE LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA L apprendimento della lingua inglese e di una seconda

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO PREMESSA L elevamento dell obbligo scolastico e la consapevolezza del superamento di un modello formativo unico e rigido che valga per tutti, impone un ripensamento delle

Dettagli

Parole e espressioni del testo

Parole e espressioni del testo Unità 7 Istruzione e scuola In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo sull iscrizione online nelle scuole italiane nuove parole ed espressioni l uso dei periodo ipotetico della realtà come

Dettagli

Manuale del perfetto Glass Reporter. ( Edizione Speciale )

Manuale del perfetto Glass Reporter. ( Edizione Speciale ) Manuale del perfetto Glass Reporter ( Edizione Speciale ) corredata da foto o filmati, articoli di tutti i ragazzi e interviste agli operai, ai presidenti e anche ai sindaci o assessori. Uno scoop se lo

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INGLESE Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE INGLESE Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE INGLESE Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara NUCLEI TEMATICI orale (ascolto) CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Comprendere

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE Sviluppare le abilità di base come l ascoltare, il parlare, il leggere e lo scrivere per maturare padronanza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N -

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - LINGUA ITALIANA: PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, 1.1 Prendere la parola negli scambi

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: Mi informo e conosco " DURATA: ottobre-novembre DESTINATARI : gli alunni della classe seconda DOCENTI COINVOLTI: tutti i docenti di classe OBIETTIVI FORMATIVI: osservare,

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE Nuclei fondanti Competenze Contenuti Abilità Metodologia e strumenti Ascolto Parlato Lettura Utilizzare

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

COMPETENZE DI BASE IN LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012

COMPETENZE DI BASE IN LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: DISCIPLINE CONCORRENTI: COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Fonti di legittimazione: TRAGUARDI ALLA FINE DEL PRIMO CICLO L alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali

Dettagli

IC T. CROCI PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA INGLESE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

IC T. CROCI PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA INGLESE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria INGLESE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria comprende brevi messaggi orali e scritti, relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice,

Dettagli

DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA. Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova

DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA. Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova Temi emersi dal laboratorio 2 Nel parlare di disturbi nella lettura

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO

ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO PROGETTO ASSISTITO A LIVELLO REGIONALE RETE CPIA SIRACUSA Tavolo tecnico Azione 8 ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO PERCORSO D ISTRUZIONE DI ALFABETIZZAZIONE PERCORSI D ISTRUZIONE DI 1

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016. Unità di apprendimento Il mondo in classe

Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016. Unità di apprendimento Il mondo in classe Unità di apprendimento Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016 Gruppo di lavoro: Troiano Rossella, Spinillo Maria Antonietta, Di Maggio Anna Maria, Michelangeli Maria Grazia, Mancini Anna,

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Guida pratica al Copywriting sul web

Guida pratica al Copywriting sul web Guida pratica al Copywriting sul web Introduzione Iniziamo subito dicendo che scrivere per il web e scrivere per la carta stampata sono due cose diverse. Il motivo è molto semplice: cambia il target a

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 013-14 SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE madrelingua COMPETENZE DISCIPLINARI Interagisce oralmente nella lingua italiana

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE INDICE Obiettivi Destinatari Metodologia didattica Coordinamento scientifico Programma Regolamento Obiettivi Valorizzare la comunicazione scritta,

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ MOTORIE E SPORTIVE Narrare esperienze personali ed i contenuti di brevi racconti rispettando l'ordine logico e cronologico. Acquisire le prime regole di lettura e scrittura.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Disciplina: SPAGNOLO TRAGUARDI COMPETENZE FINE SCUOLA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA'/CAPACITA CONOSCENZE L alunno comprende oralmente e per

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli