C.I.R.S.D.I.G. Centro Interuniversitario per le ricerche sulla Sociologia del Diritto e delle Istituzioni Giuridiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.I.R.S.D.I.G. Centro Interuniversitario per le ricerche sulla Sociologia del Diritto e delle Istituzioni Giuridiche"

Transcript

1 Centro Interuniversitario per le ricerche sulla Sociologia del Diritto e delle Istituzioni Giuridiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Facoltà di Scienze Politiche L IMMIGRAZIONE ALBANESE SULLA STAMPA QUOTIDIANA Domenico Carzo Marco Centorrino Working Paper n. 6

2 Il Centro interuniversitario per le Ricerche sulla sociologia del diritto, dell informazione e delle istituzioni giuridiche (C.I.R.S.D.I.G.) con questi working papers intende proporre i risultati dei lavori svolti nell ambito delle ricerche sia metodologiche che applicative nel campo della sociologia del diritto, dell informazione e delle istituzioni giuridiche. Tale centro è stato costituito al fine di stimolare attività indirizzate alla formazione dei ricercatori ed anche per favorire lo scambio d informazioni e materiali nel quadro di collaborazioni con altri Istituti o Dipartimenti universitari, con Organismi di ricerca nazionali o internazionali. Copyright 1999

3 Finito di stampare nel novembre 1999 presso il Dipartimento di Studi Politici e Sociali V. Tomeo Facoltà di Scienze Politiche Università di Messina Via T. Cannizzaro, MESSINA

4 ABSTRACT L articolo presenta i risultati di una ricerca sul fenomeno dell immigrazione albanese in Italia e sulla relativa rappresentazione operata dai mass media nell arco di un mese. In particolare, verranno sovrapposti le categorie contenutistiche utilizzate dai maggiori giornali italiani ed i provvedimenti normativi emanati dal Governo per fronteggiare il fenomeno. La corrispondenza tra questi elementi verrà analizzata alla luce del modello dell agenda setting The paper presents the results of a research on Albanian immigration in Italy and its media representation in the period of one month. Specifically, categories used by major Italian newspapers, and legal decisions implemented by the government to rule the migratory phenomena will overlap. The corrispondence among these elements will be analysed through the Agenda Setting model.

5 INDICE 1. INTRODUZIONE p IL NEWS MAKING p LA RICERCA p. 12 L analisi quantitativa p. 12 L analisi qualitativa p LE CAUSE p GLI EFFETTI p. 24 Il problema normativo p. 25 Il problema sociale p. 28 Le conseguenze p CONCLUSIONI p. 36 APPENDICE p. 38 BIBLIOGRAFIA p. 40

6 L intero lavoro è stato ideato da entrambi gli autori. La stesura dei paragrafi va peraltro così attribuita Domenico Carzo i paragrafi: Le cause; Gli effetti; Conclusioni. Marco Centorrino i paragrafi: Introduzione; Il news making ; La ricerca. Domenico Carzo è professore associato di Sociologia giuridica, della devianza e mutamento sociale presso la Facoltà di Scienze Politiche dell Università di Messina Marco Centorrino è borsista presso la Facoltà di Scienze Politiche dell Università di Messina, nell ambito della cattedra di Sociologia dei processi culturali e comunicativi Gli autori ringraziano gli studenti del D.U.S.S. della Facoltà di Scienze Politiche dell Università di Messina per il contributo offerto al lavoro di ricerca.

7 1. Introduzione Il tema dell immigrazione, nell ultimo decennio, ha stimolato numerose analisi sociologiche, dedicate alla disamina dei diversi aspetti del fenomeno 1. Ma, nel 90, in un intervista rilasciata all Espresso e pubblicata il 21 gennaio, Laura Balbo, tra i fondatori del gruppo di studio Italia-Razzismo ed autrice di un quaderno dell Ais (Associazione Italiana Sociologia) intitolato L Italia di fronte al razzismo, dichiarava: Di temi come il razzismo o il confronto fra culture diverse, in Italia se ne sono occupati finora gli antropologi culturali. Tutt al più i sociologi hanno prodotto studi collegati al mercato del lavoro. Oggi mi sembra che tra gli studiosi interessati al problema degli stranieri ci sia un ritorno ai temi degli Anni Cinquanta, cioè degli anni dei flussi migratori dal Sud al Nord. E adesso come allora l attenzione si concentra sui problemi della casa, del lavoro, dell integrazione. Di nuovo si parla di soggetti emarginati e bisognosi d'assistenza, nel quadro di ricerche dettate dai buoni sentimenti o dall urgenza di risolvere problemi locali e settoriali. Manca una riflessione in termini più generali sulle trasformazioni in corso. E, sostanzialmente, dal 90 al 96 il quadro è rimasto immutato, se si eccettuano periodi in cui particolari episodi di cronaca riportava il dibattito all attenzione generale, ma solo per un periodo di tempo limitato. Dai primi mesi del, invece, il Paese se è ritrovato di fronte ad un aspetto della problematica che, fino a quel momento, era semi-sconosciuto: l immigrazione sotto forma di esodo, non più clandestina e sommersa, bensì sotto certi aspetti istituzionalizzata. Il flusso di profughi provenienti dall Albania 2 ha fatto saltare precedenti modelli, ponendo a nostro parere l esigenza di nuovi studi per esaminare una tematica assai complessa e sfaccettata. In questo lavoro cercheremo di compiere tale operazione, scegliendo come approccio al problema la sociologia delle comunicazioni, per osservare, innanzitutto, il comportamento dei mass media di fronte all evento. La scelta è legata al ruolo rivestito dai media nel processo di formazione dell agenda setting (nelle pagine successive parleremo pure di questo argomento) e, di conseguenza, i riflessi socio-giuridici che la rappresentazione del fenomeno comporta. In particolare, verrà studiato l atteggiamento dei mezzi di comunicazione di fronte all arrivo sulle coste italiane, nel, di migliaia di albanesi, per poi risalire alle implicazioni che tale atteggiamento ha comportato. Tutto ciò verrà fatto senza alcuna specifica ipotesi di partenza, secondo la teoria della grounded theory 3 (o 1 Per una rassegna bibliografica inerente le ricerche sull immigrazione in Italia fino all inizio degli Anni Novanta, si consulti Melchionda, Nell opera sono citati circa tremila titoli, che coprono il problema sotto ogni aspetto. Sullo stesso tema si vedano, tra gli altri, Procacci, 19; Perrone, 1995; Macioti e Pugliese, Ulteriori riferimenti bibliografici, soprattutto in relazione al problema della rappresentazione degli immigrati da parte dei mass media, possono essere trovati nelle pagine successive. 2 Per un approfondimento della situazione albanese si vedano, tra gli altri, Novelli, 19; Romano, 19; Perrone, Per un approfondimento su tale teoria si veda Bayley, 1995, p. 75:...è una teoria che è scoperta o generata dai dati; non è quindi astratta o avanzata provvisoriamente. Anche in questo caso possiamo definire tre fasi: i) si comincia a lavorare sul campo, senza ipotesi; ii) si descrive ciò che accade; iii) si formulano spiegazioni, sulla base dell osservazione, intorno alle ragioni per cui questo accade. Un valido contributo a tale teoria è rappresentato dall opera di Glaser e Strauss, 1967, p. 1: I libri precedenti sui metodi di ricerca sociale si sono concentrati principalmente sul modo in cui verificare le teorie. Ciò indica un eccessiva enfasi nella sociologia attuale, per la verifica delle teorie ed una conseguente sottovalutazione del passo prioritario che consiste nella scoperta dei concetti e delle ipotesi rilevanti per il tema su cui si desidera indagare 7

8 teoria emergente), attendendo di formulare le spiegazioni in base all osservazione. Il punto di partenza è rappresentato dallo studio dei tre maggiori quotidiani italiani ( Corriere della Sera, Repubblica e La Stampa ) nell arco di circa un mese. Prima di illustrare la ricerca, tuttavia, riteniamo opportuno definire cosa abbiamo raccolto ed analizzato: la notizia, cioè. 2. Il news making La prima risposta alla quale riteniamo di dovere rispondere è: cosa è una notizia? Citiamo, a tal proposito, le teorie di alcuni dei più noti studiosi di mass media: Per Fiske: [La notizia è]... effettiva informazione, che occorre osservare per essere in grado d'inserirsi nella società 4, mentre secondo Hall:... la notizia è un prodotto, una costruzione realizzata dall'uomo, una parte fondamentale del sistema di "produzione culturale"... le notizie vengono codificate e classificate; assegnate in differenti spazi e suddivise in termini di presentazione e significato 5. Differente l'opinione di Ericson: Le notizie ed altre "informazioni" sono conoscenza. Esse vanno interpretate nel contesto e possono assumere particolari significati. Così, potrebbero essere trasformate ed utilizzate in un altro contesto o riportate senza alterazioni. Ma, in ogni caso, qualunque sia il contesto in cui vengono collocate, esse restano conoscenza, visto che subiscono un'oggettivazione che dà loro un significato reale. Un significato utilizzato in azioni che possono avere rilevanza a livello sociale 6. Ericson, quindi, sostiene che l'informazione originaria è destinata a subire mutamenti, a seconda dell'interpretazione che viene data dal giornalista. Una metamorfosi che trasforma l'informazione in informazione reale. Per Fowler, invece:...la notizia scaturisce dalla società. Ciò che viene riportato non riflette l'importanza della notizia stessa, bensì rivela le operazioni ed i criteri di selezione. Dopo la scelta, poi, si verifica il processo di trasformazione, agevolato dai poteri dei mezzi di comunicazione 7. La teoria di Fowler, in sostanza, riunisce i due assunti precedenti: esistono sì dei criteri di classificazione, ma essi vengono dettati dalla società. Inoltre, c'è un secondo livello di manipolazione, controllato da giornalisti ed editori. Un ulteriore passo avanti viene fatto da McQuail, che introduce un nuovo elemento: il mercato. La notizia - argomenta McQuail - è anche condizionata dalla "pressione degli eventi" e dalla intensa competizione con altri media, che hanno una loro visione, abbastanza omogenea, dell'importanza degli avvenimenti quotidiani, dato che la notizia deve rispondere alle aspettative di lettori o ascoltatori 8. Possiamo ricavare, collegando quanto detto da Hall, Ericson, Fowler e McQuail, i termini più importanti della problematica: si parla di notizia come prodotto culturale e come prodotto scaturito da una rigorosa routine, legata a precise regole. Esiste, dunque, un vero e proprio processo di costruzione, nel quale interagiscono più fattori. Per il momento è questo il punto che ci interessa 4 Cfr. Fiske, 1987, p Cfr. Hall, 10, p Cfr. Ericson, 1987, p.11. 7Cfr. Fowler, 1991, p.2. 8Cfr. McQuail, 1993, p

9 maggiormente. Di conseguenza, trascuriamo altri aspetti connessi all argomento, come l eventualità di manipolazioni ed il marketing della notizia. Ritorniamo per un attimo, quindi, sulla teoria di Hall riguardante le notizie ed ampliamo la citazione: Giornalisti ed editori selezionano, tra la massa delle potenziali notizie, gli eventi che per quel giorno possono realmente diventare notizia. La scelta, così, deriva da conoscenze inerenti l'audience e la società, nonché da un codice professionale 9. Downs, invece, parla di un vero e proprio ciclo, esistente nella società americana (vd. grafico 1): Il ciclo comincia, magari dopo un evento drammatico, quando un articolo di tipo "investigativo" o delle clamorose rivelazioni, fanno improvvisamente conoscere alla gente una problematica, che sarebbe potuta passare inosservata per un lungo periodo 10. E questa un applicazione al mondo dell informazione della teoria economica della democrazia che il sociologo americano aveva illustrato negli Anni Cinquanta. Downs divide il ciclo in cinque fasi principali: la prima è quella che lui chiama pre-problem (esiste una situazione di disaccordo sociale, ma la grande massa non ne sa nulla. Solo gli esperti ne sono a conoscenza e sono allarmati). Nella seconda fase l Sos viene raccolto ed amplificato dai media. Questo crea euforia, agitazione ed allarmismo tra la gente. In questo momento, è presente anche il desiderio di trovare una soluzione immediata. E la fase successiva riguarda proprio la valutazione del prezzo che bisogna pagare (solitamente molto alto) per arrivare alla soluzione. C'è, poi, la fase del declino dell'interesse pubblico, che si può incanalare verso tre direzioni, che Downs descrive così: Quando la gente comprende quanto sarà difficile trovare una soluzione e quanto costerà eliminare la problematica, si verificano tre tipi di reazione...scoraggiamento...minaccia...noia 11. L'ultima fase viene definita post-problem e si verifica quando la problematica perde completamente d'interesse e viene sostituita da altre. Downs illustra per la prima volta la sua tesi parlando di articoli dedicati a disastri ambientali. Lo schema, tuttavia, sembra perfettamente adattabile anche a tematiche di tipo politico, come confermano gli studi di Edelman riguardanti i cicli tematici e la dimensione simbolica della politica 12. Naturalmente, quando dalle notizie ambientali ci spostiamo a quelle politiche, il pre-problem assume connotazioni diverse, legandosi all agenda (l ordine del giorno nel quale i partiti inseriscono le tematiche che vanno trattate in quel determinato momento; le tematiche, quindi, che devono essere portate all attenzione dell'opinione pubblica). Dopo avere sommariamente descritto i parametri con i quali avviene la costruzione di una notizia, abbiamo ora il quadro di una sorta di catena di montaggio. Sappiamo come la materia prima verrà lavorata, ma non sappiamo quale tipo di materia prima inseriremo nel nostro macchinario. Grafico 1: Il ciclo di Downs 9Cfr. Hall, 10, p Cfr. Lowe & Goyder, 1983, p Cr. Downs, 12, pp Cfr. Edelman,

10 Pre-Problem (il problema è noto solo a pochi esperti) L opinione pubblica conosce il problema (scandalo e mobilitazione) Viene sollecitata una soluzione (valutazione dei costi) Costi troppo alti: diminuisce l interesse (scoramento/minaccia/noia) La notizia scompare (viene sostituita da altre problematiche ed il ciclo si riavvia) Addentriamoci, allora, nella fase di selezione di una notizia e, per farlo, immaginiamo un campo di calcio, dentro al quale si muovono i giocatori 13. Essi perseguono determinati scopi (contenere l'iniziativa avversaria e cercare di passare in vantaggio) e seguono determinate regole e convenzioni, che sono in grado di governare tutti gli avvenimenti che possono susseguirsi nel corso di una partita. Gli spettatori, dal canto loro, sono concentrati nell'osservare gli sviluppi delle azioni. A questo punto, pensiamo ad una riserva che chiede di entrare in campo e di essere osservata, a sua volta, dagli spettatori. Come va eseguita la sostituzione? Per quanto il giocatore di riserva possa sbracciarsi, non raggiungerà il proprio scopo. Anzi, più insistenti saranno i suoi gesti, più fastidioso potrà risultare il suo comportamento. Egli, invece, dovrà seguire la prevista trafila. Prima di tutto, dovrà farsi riconoscere come un giocatore; in secondo luogo dovrà stabilire un contatto con l'arbitro (comunicandolo ai suoi collaboratori) e, infine, dovrà aspettare che un suo compagno di squadra esca dal rettangolo di gioco. Solo a quel punto, egli potrà partecipare alla gara e potrà proporsi all'attenzione del pubblico. Allo stesso modo, gli eventi, per quanto clamorosi possano essere, non trovano spazio sulle pagine dei giornali o nei notiziari esclusivamente perché essi si verificano. Anch essi seguono una trafila ed hanno bisogno di essere riconosciuti e di rispondere a determinati criteri. Galtung e Ruge, nel 13, cercarono di isolare e descrivere tali caratteristiche 14. Tentiamo di individuare le più importanti e di riagganciarci al tema della nostra ricerca: l esodo degli albanesi in Italia. 13Cfr. Hartley, Sul processo di selezione della notizia, tra gli altri, si veda anche Bechelloni, Cfr. Galtung e Ruge,

11 Frequenza: lo spazio temporale in cui si verifica un evento. Gli omicidi ed i fatti di cronaca in generale, ad esempio, avvengono in un tempo ristrettissimo e, se sono rilevanti, acquistano immediatamente significato. Per questo, trovano spazio. Dall'altra parte, le tendenze sociali o culturali acquistano significato in un periodo più lungo e, così, difficilmente trovano spazio tra gli argomenti all'ordine del giorno. Soglia : la misura di un evento. Esiste una soglia al di sotto della quale un evento non può essere riportato, ma esistono anche eventi ai quali, aggiungendo un significato, si può fare varcare tale soglia. Un valido esempio è rappresentato dai piccoli attentati estorsivi (macchine bruciate, colpi di pistola contro le saracinesche), i quali assumono un grande significato solo nei giorni immediatamente successivi ad avvenimenti clamorosi (l'uccisione o il suicidio di paladini dell'antiracket). Consonanza: il desiderio di un evento: se i media attendono che qualcosa accada... essa accadrà. Il caso studio classico fu individuato, nel 10, da Halloran 15 che analizzò i reportage della dimostrazione contro la guerra nel Vietnam, svoltasi a Grosvenor Square (Londra) nel Tutti gli articoli erano concentrati esclusivamente su ciò che si attendeva: gli scontri, la violenza. Ciò, nonostante si fossero verificati solo sporadici, stupidi episodi. I reportage, tuttavia, s'incentrarono esclusivamente su quell'argomento, trascurando i significati della manifestazione. Un esempio più recente di questo fenomeno è la manifestazione organizzata dagli squatter, a Torino, il 4 aprile 98. Anche in quel caso i cronisti (che, tra l altro, erano stati oggetto di aggressioni nei giorni precedenti) si comportarono così come avevano fatto i loro colleghi inglesi trent anni prima. Continuità: in questo caso possiamo richiamare il ciclo di Downs: una notizia che sta percorrendo il suo itinerario, ha la precedenza su altre, fino a quando, naturalmente, non arriverà nella sua fase discendente. Quanto detto fino a questo punto ci serve, tra l altro, per spiegare un primo aspetto della ricerca: l osservazione è stata concentrata nel mese di marzo 19. Rapportando al ciclo di Downs quanto è accaduto in quei giorni, possiamo dire che la notizia si trovava tra la prima e la seconda fase. Stava, cioè, uscendo da una nicchia per essere portata all attenzione dell opinione pubblica. Riteniamo che sia un passaggio fondamentale, visto che è il momento in cui i mass media hanno una maggiore libertà d azione. Sono, cioè, solo parzialmente condizionati dall incalzare degli eventi e possono scegliere con maggiore discrezione quella che Galtung e Ruge hanno definito soglia. Il 5 marzo, infatti, arrivano in Puglia i primi profughi ufficiali : due piloti di Mig decollati da Tirana. Solo a fine mese, però, il caso scoppierà definitivamente, quando una nave della Marina italiana (il 28 marzo) entra in collisione con un imbarcazione carica di albanesi, nel canale di Otranto, e l incidente provoca decine di morti, nonché una svolta nel dibattito politico (segnata anche dal famoso pianto di Berlusconi, in visita ad un campo d accoglienza a Brindisi). 3. La ricerca 15Cfr. Halloran, Elliot e Murdock,

12 Motivata la selezione dell arco di tempo in cui abbiamo concentrato lo studio, passiamo a descriverne le modalità. I giornali, innanzitutto, sono stati misurati nella loro interezza. Quindi, è stata calcolata la superficie della pubblicità. Ottenuto lo spazio disponibile netto, è stata ricavata la percentuale dei cm 2 occupata da ciascun articolo (comprensiva di titoli, fotografie e testo) rispetto allo stesso spazio disponibile. L operazione ha riguardato il periodo che va da 5 al 29 marzo 16. Tale fase ci ha consentito di trarre delle prime considerazioni di tipo quantitativo. Successivamente, sono stati copiati su computer i titoli di tutti gli articoli misurati e si è proceduto ad un analisi qualitativa, grazie ad un programma di analisi testuale. Chiaramente, in questo caso, abbiamo ottenuto solo un quadro parziale, visto che per completezza avremmo dovuto analizzare l intero contenuto degli articoli. Tuttavia, le risorse a nostra disposizione non hanno consentito tale operazione e, comunque, riteniamo di avere ottenuto un panorama sufficiente per arrivare a tracciare delle soddisfacenti conclusioni. L analisi quantitativa L utilizzo del termine analisi quantitativa, che in fase di redazione dell articolo ci era apparso quasi naturale, ad una più attenta lettura ha fatto sorgere dei dubbi, che riteniamo utile chiarire. La prima volta che si parlò di analisi quantitativa dei giornali, infatti, fu negli Stati Uniti, ad inizio secolo 17. L autore del primo studio che utilizzò tale tecnica fu G.J. Speed, il quale si poneva la domanda retorica: i giornali danno le notizie? 18. Il problema, in effetti, può apparire ancora oggi attuale, ma si discosta dai fini iniziali della nostra ricerca. E, nel corso degli anni, anche se il metodo introdotto da Speed fu sviluppato 19, l analisi quantitativa è sempre rimasta ancorata alla semantica quantitativa 20. Gli studi più recenti, come quello condotto dal seminario di ricerca Mediamonitor e dal gruppo Osservatorio in merito alla campagna elettorale del 94 21, tendono - a nostro avviso - ad aggiornare ulteriormente il metodo scoperto da Speed, integrandolo con passaggi di tipo qualitativo, in modo da offrire un quadro omogeneo del comportamento dei media di fronte ad un determinato evento. Il nostro problema, però, ha aspetti differenti: prima di indagare su come i tre giornali analizzati abbiano riportato quanto stava accadendo, abbiamo cercato di scoprire come i tre giornali si siano comportati nel periodo preso in esame. Per individuare questo dato, abbiamo dovuto momentaneamente abbandonare ogni investigazione di tipo semantico, concentrandoci esclusivamente sulla misurazione di quegli articoli che, in modo inconfutabile, si occupavano di quanto stava accadendo in Albania e delle conseguenze che quei fatti comportavano per l Italia. Pure in questo caso i dati ottenuti devono essere considerati grezzi, visto che per raffinare l analisi sarebbe stato necessario introdurre ulteriori variabili, come la posizione degli articoli pubblicati (prima pagina o pagine interne, apertura o taglio basso, ecc.). Pur tuttavia, i risultati hanno confortato la nostra scelta: i dati sono sì grezzi, ma - secondo noi - risultano abbastanza chiari da 16 Lo studio è stato limitato ai giorni feriali. 17 Cfr. Krippendorf, Cfr. Speed, In merito si vedano, tra gli altri, Street, 1909; Fenton, 1910; White, 1924; Berelson & Lazarsfeld, Per una panoramica completa sulle opere di questi autori si rimanda a De Lillo, Sull argomento cfr. Losito, Cfr. Montanari,

13 permettere di tracciare un bilancio obiettivo e, se comparato con un osservazione empirica, anche abbastanza realistico e veritiero. Per riassumere le conclusioni di questa fase del nostro studio, proponiamo tre grafici, relativi a ciascuno dei quotidiani analizzati. Sull asse delle ascisse sono stati inseriti i giorni, mentre su quella delle ordinate la percentuale dedicata agli articoli, rispetto allo spazio disponibile ( al netto, quindi, delle inserzioni pubblicitarie). Il quarto grafico, infine, propone una comparazione tra i quotidiani. Corriere della Sera 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0%

14 14 La Repubblica 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% La Stampa 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% 14% 16% 18%

15 Comparazione tra i tre quotidiani 18% 16% 14% 12% 10% 8% La Stampa Corsera Repubblica 6% 4% 2% 0% Già da una prima osservazione si nota come la tendenza delle tre testate segua un andamento comune. Solo in certi periodi fa eccezione La Stampa, che sembra seguire con un giorno di ritardo il trend degli altri due quotidiani. E, in effetti, anticipando di un giorno la data degli articoli pubblicati dal giornale. Proprio in quel periodo, tra l altro, La Stampa aveva perso il suo direttore, Ezio Mauro, passato a dirigere La Repubblica. Ma, occorre ricordare che i nostri numeri potrebbero essere influenzati da altre variabili, come la distribuzione della pubblicità: non è escluso che nel lasso di tempo esaminato Corriere e Repubblica abbiano avuto con un giorno d anticipo, o un giorno di ritardo, la dotazione pubblicitaria de La Stampa. Riteniamo, in ogni caso, che in futuro l argomento potrebbe essere approfondito ed ampliato con ulteriori ricerche. A questo punto, si può ricavare una prima ipotesi: i tre giornali si comportano in maniera analoga o no? Su questo è stata anche operata una prima verifica empirica, che ci ha offerto una risposta affermativa alla domanda. Tuttavia, ritenendo utile un controllo ulteriore e più rigoroso, ci pare opportuno introdurre un altro dato: il numero degli articoli dedicati al tema Albania dai tre quotidiani, giorno per giorno. In termini statistici, considerando ogni testata come una variabile (x, y, z), si può indagare sull esistenza di un rapporto di correlazione (cioè, se esiste una propensione di x, y e z a variare insieme). Sinteticamente, possiamo dire che, osservando il numero degli articoli riguardanti l Albania e pubblicati da ciascun quotidiano, si è ottenuta una matrice di correlazione, in cui ogni lettera indica un giornale (r= Repubblica; c=corriere della Sera; s=stampa): Rrr Rcr Rsr Rrc Rcc Rsc Rrs Rcs Rss 15

16 Il determinante di tale matrice è stato assunto come indice: si tratta di un numero, variabile tra 0 e 1, che più si avvicina allo 0, più soddisfa la nostra ipotesi. In particolare, si può parlare di rapporto di correlazione se il nostro indice ricade tra 0 e 0,40. Ebbene, il determinante ottenuto è pari a circa 0,32. Da questo possiamo dedurre che esiste una correlazione (con una percentuale vicina al 70%), cioè che i tre giornali nel periodo esaminato hanno mantenuto lo stesso comportamento - in termini di numero degli articoli - verso le notizie inerenti l Albania. L analisi qualitativa Chiarito un primo punto (cioè la correlazione tra il comportamento delle tre testate), abbiamo indagato sul come venivano presentate le notizie. Ma, anche in questo caso, prima di illustrare i risultati della ricerca, riteniamo utile una breve premessa. L analisi del contenuto qualitativa, più giovane rispetto alla tecnica quantitativa, venne introdotta da Violette Morin 22, la quale lavorò su unità d informazione, grazie alle quali scomponeva il messaggio: Vanno classificati come unità tutti i fatti ed i commenti man mano che essi si presentano durante la lettura, cioè via via che formano... un informazione suscettibile di entrare in una categoria definibile 23. Già nel 1955, tuttavia, il primo convegno americano sulla content analysis, svoltosi all Università dell Illinois (noto come Allerton House conference), aveva messo in evidenza l esigenza di esplorare nuove frontiere, per selezionare approcci più idonei al fine d individuare le intenzioni di chi comunica. Negli Anni Sessanta, poi, un ulteriore impulso era arrivato dall introduzione dell analisi computazionale, che permette una più agile gestione dei testi. Ma, chi ha avuto modo di utilizzare uno di questi software 24 avrà riscontrato, tra gli altri, due fattori che riteniamo determinanti: la difficoltà di gestire dati, legati a parole o frasi non più collegate ad un contesto; le opportunità di ricerca offerte da tali programmi. Analizziamo i due punti: per quanto riguarda la gestione dei dati, si può comprendere come sia arduo attenersi rigidamente alle linee metodologiche tracciate in passato (quella della Morin, ad esempio, proposta nelle righe precedenti). A questo, però, fa da contraltare il secondo punto, visto che la gran mole di dati che si possono ottenere offrono, nel corso dello studio, molteplici spunti. E, proprio in tale direzione ci siamo mossi, puntando ad un analisi empirica per definire delle tematiche su cui potere successivamente riflettere. Naturalmente, non ci siamo mossi completamente nel vuoto, ma abbiamo tenuta presente la tendenza evidenziata dallo studio quantitativo. Come già anticipato, il materiale analizzato è costituito dai titoli dei vari articoli riguardanti l Albania, pubblicati dalle tre testate nel periodo studiato. Il software usato è il Data Base Testuale (DBT), messo a punto dall Istituto di linguistica computazionale del CNR 25. In questi casi, solitamente, la prima operazione da compiere è la ricerca delle frequenze, ma trovandoci già di fronte ad un quadro quantitativo abbastanza completo ed avendo come obiettivo quello di verificare come i giornali abbiano 22Per un approfondimento sull argomento si veda De Lillo, op. cit.. 23Cfr. V. Morin, 1961, pp Per un approfondimento sulle potenzialità dei programmi attualmente disponibili, si vedano Tesch, 1990 e 1991, e R. F. Weber, In quest ultima opera, all argomento è dedicata un appendice, riportata in lingua originale nell edizione italiana. 25 Sulle possibilità offerte dal DBT si veda Losito,

17 presentato l evento, abbiamo scelto di utilizzare la generazione di concordanze. Questa funzione permette d individuare i contesti in cui si trovano le parole chiave selezionate. Così facendo, si può accoppiare un immagine ad ogni frequenza del termine scelto. In sostanza, è una sorta di mutuazione della tecnica applicata da Yakobson e Lasswell, i quali, introducendo il simbolo-chiave come unità di classificazione, studiarono gli slogan sul Primo Maggio coniati in Unione Sovietica tra il 1918 ed il Ovviamente, la selezione delle nostre unità d informazione (o, per coniare un nuovo termine, immagini chiave ) derivanti dal contesto in cui è usata la parola chiave è soggettiva, ma riteniamo di avere fatto scelte obiettive, che permettono di replicare facilmente lo studio. Per quanto riguarda le parole chiave, riteniamo che la scelta debba ricadere sui soggetti dell argomento oggetto dell indagine. Ad esempio, se vogliamo capire come i giornali hanno rappresentato l esodo verso l Italia, dobbiamo utilizzare come KWIC (key word in context) i termini albanesi e profughi. Illustriamo la procedura seguita per il primo giornale analizzato, il Corriere della sera. Dal termine albanesi, utilizzato nei titoli del Corsera dal 5 al 29 maggio 19, abbiamo ottenuto le seguenti immagini chiave : sans papier speranze e fuga dal caos sono ronde padane caso malavita italiana ladri di bambini espulsi carretta del mare collisione Le immagini chiave sono distribuite secondo un ordine cronologico, che ci consente di ricostruire un micro-testo, aiutandoci, nelle situazioni ambigue, con i titoli originali: Gli albanesi sono i nostri sans papier. Arrivano per fuggire dal caos, pieni di speranza e sono diecimila. Si organizzano le ronde padane per evitare l arrivo di profughi al Nord. Siamo di fronte, ormai, ad un caso. Potrebbe esserci la malavita italiana dietro gli sbarchi e si teme per gli albanesi ladri di bambini. Cominciano le prime espulsioni. Si verifica una collisione tra la nave della Marina ed una carretta del mare. L identica procedura è stata eseguita per il termine profughi, che ci ha fornito le seguenti immagini chiave : Sbarco dal cielo Intercettati 26 Cfr. Yakobson & Lasswell,

18 Cominciano ad arrivare in Puglia Bisogna rimpatriarli Arrivano nuovi profughi il dramma è sfruttato dai criminali i profughi sono centinaia arrivano a Monopoli e la città si divide è un dramma la Puglia è alle corde allarme in Puglia tra i profughi ci sono bambini l Italia è divisa si pensa al rimpatrio alcuni profughi si gettano in mare dal relitto incagliato si propone un decreto a tempo emergenza nazionale crisi cala l afflusso per il maltempo tentato rapimento di una bimba allarme turismo salvata una barca scoperto rifugio clandestino e rimpatriati alcuni albanesi profughi respinti ronde della Lega appello da Tirana: aiutateli affonda una nave strage Anche in questo caso abbiamo costruito un micro-testo che, alla fine, abbiamo unito (sempre rispettando l ordine cronologico) al precedente. In tal modo abbiamo ottenuto un ulteriore testo, il quale, da una prima osservazione, si presta ad una suddivisione in tre parti: a) I primi profughi sbarcano dal cielo. Gli albanesi sono i nostri sans papier. Altri cominciano ad arrivare in Puglia e qualcuno viene intercettato: bisogna rimpatriarli. Arrivano pieni di speranza, per fuggire dal caos. Ne arrivano sempre di più e la città di Monopoli (una di quelle dove vengono ospitati gli albanesi) si divide. La Puglia è alle corde, scatta l allarme. Tra i profughi ci sono anche dei bambini. L Italia è divisa. Si pensa al rimpatrio ed intanto alcuni profughi sono costretti a gettarsi in mare dopo che una vecchia imbarcazione s incaglia a Durazzo, da dove stava salpando alla volta delle coste pugliesi. b) Si pensa ad un decreto a tempo per fronteggiare la crisi. Il maltempo rallenta l afflusso. Si verifica il tentato rapimento di una bambina. Potrebbe esserci la malavita italiana dietro gli sbarchi e si teme per gli albanesi ladri di bambini. Si registrano le prime espulsioni. C è allarme per il turismo. Scoperto un rifugio clandestino di profughi, che vengono rimpatriati. Altri loro connazionali vengono respinti. La Lega organizza ronde anti-albanesi. Ormai siamo di fronte ad un caso. Appello delle autorità da Tirana: aiutateli. c) Si verifica una collisione in mare aperto in seguito all intervento di una nave della Marina militare italiana, affonda una carretta del mare che trasportava albanesi: è una strage. Analizzando le tre parti del testo, attraverso altre parole chiave, possiamo individuare la linea di tendenza tenuta dal Corriere verso i fatti che si susseguivano. In una prima fase, il Corriere ha alternato immagini negative (sans papier, necessità di rimpatrio, la Puglia è alle corde), ad immagini positive, lì dove il termine è interpretato come la sottolineatura dell aspetto umano della vicenda 18

19 (arrivano pieni di speranza, tra i profughi ci sono anche bambini, alcuni albanesi devono gettarsi in mare perché una vecchia nave s incaglia). In generale, viene presentato il quadro di un Paese diviso tra timori e solidarietà. In una seconda fase, invece, c è un cambio di tendenza con una prevalenza di immagini negative (tentato rapimento di una bambina, coinvolgimento della malavita italiana, allarme per il turismo, rifugio clandestino, ronde della Lega). Solo da Tirana c è chi chiede di aiutare i profughi. La fase finale lascia spazio alla cronaca, con la collisione in mare aperto e la strage. Successivamente, abbiamo ripetuto la ricerca sugli altri due quotidiani. Evitando di ripetere i vari passaggi, cerchiamo di riassumere le immagini chiave in una tabella e riportiamo, di seguito, i testi costruiti grazie alle immagini chiave stesse : REPUBBLICA LA STAMPA Albanesi Profughi Albanesi Profughi Sono decine Sbarco Porte chiuse Arrivi a Torino Vi aiuteremo Via chi crea problemi Migliaia a bordo di Albanesi aggrappati ad vecchie navi un relitto incagliato. Campi profughi già Ci sono anche persone pieni non dabbene Troppi profughi nei Serpeggia la rivolta in campi Puglia Tensione a Brindisi Blocco navale Esplode la rabbia dei Ospitalità per gli onesti profughi Annegano, ma l esodo Primi squilli di rivolta continua Una nave rischia di Blocco delle coste affondare Strage in mare Albergatori in rivolta Collisione Espulsioni Proposta accoglienza temporanea Profughi segnalano albanesi sospetti Alcuni albanesi fuggono dai campi Flotta contro i profughi Profughi? No grazie Se ne vanno tra paure e rancore Al Nord Comuni rifiutano profughi Sta crescendo l ondata anti-profughi Sono invasori Nave speronata Ci sono albanesi armati Scappano dall inferno Sbarcano a centinaia Sono una marea Schedati a migliaia Emigranti e non fuggiaschi Tensione per le città che li ospitano Espulsioni Ci sono persone sospette Espulsione immediata degli albanesi pericolosi Blocco navale Ronde in Padania Coro di no Buttiamoli a mare Collisione Morti Leggi da applicare Bisogna accoglierli Ondata in Puglia Allarme Emergenza Allarme criminalità Permesso di soggiorno di 2 mesi Accolti per piegare il Nord Tre mesi d emergenza Rimpatri Spese LA REPUBBLICA a) I profughi sono decine e tra di loro ci sono albanesi armati. Porte chiuse nei loro confronti, 19

20 ma nel contempo c è chi si dichiara disponibile ad aiutarli. Gli albanesi scappano dall inferno, ma sono emigranti, non fuggiaschi. Ora sono migliaia, a bordo di vecchie navi ed i campi sono già pieni. Esplode la rabbia nei campi, c è tensione a Brindisi. Primi squilli di rivolta. Cominciano le fughe dai campi. Una nave rischia di affondare. b) Si decide il blocco navale: flotta schierata contro i profughi. Ci sono albanesi sospetti segnalati dagli stessi profughi. Allarme lanciato dagli albergatori. Cominciano le espulsioni e si parla di accoglienza solo temporanea Al Nord dicono: Albanesi? No grazie ed in Padania si organizzano delle ronde. I rimpatri avvengono in un atmosfera di paura e rancore. I Comuni rifiutano i profughi e cresce l ondata anti-profughi. Sono degli invasori. Coro di no contro gli albanesi e c è chi dice: Buttiamoli a mare. c) Una nave viene speronata: morte. LA STAMPA a) Sbarcano gli albanesi. Gli arrivi coinvolgono anche Torino. Bisogna applicare le leggi. Bisogna accoglierli. Via chi crea problemi, ci sono anche persone non dabbene. Ondata di arrivi in Puglia: emergenza ed allarme. In Puglia serpeggia la rivolta. Alcuni albanesi restano aggrappati ad un relitto incagliato. b) Blocco navale ed ospitalità solo per gli onesti. Continua l esodo, nonostante gli annegamenti: blocco delle coste. Allarme criminalità. C è chi propone un permesso di soggiorno temporanea, ma c è anche chi dice Sono stati accolti per piegare il Nord. Cominciano i rimpatri, che comportano delle spese. Ci attendono tre mesi d emergenza. c) C è una collisione: strage in mare. Anche in questi casi possiamo ricavare la linea di tendenza delle due testate. Tra l altro, molte immagini sono coincidenti tra loro e ciò non deriva da un difetto d osservazione: un unico metro di giudizio potrebbe indurre ad interpretare le immagini chiave secondo un preciso schema mentale, che non permette di individuare differenze. In tanti casi c è, bensì, un uniformità semantica, testimoniata dall utilizzo delle stesse parole da parte dei differenti quotidiani. Tornando ai nostri due testi ed esaminandoli nel dettaglio, si può notare come anche La Repubblica e La Stampa in una prima fase abbiano un atteggiamento abbastanza bilanciato. La Repubblica parla di albanesi armati, porte chiuse, ma scrive anche: sono emigranti e non fuggiaschi, parla di disponibilità ad aiutarli. La Stampa aggiunge una connotazione più localista, che rispecchia la natura del giornale, riportando la notizia di arrivi a Torino. Ma, per il resto, ripropone il duplice atteggiamento di timore (bisogna rispettare le leggi) e solidarietà (bisogna accoglierli), osservato pure nella disamina del Corriere della Sera. A metà mese (possiamo ricavare la data in dall incidente nel porto di Durazzo, riportato dalle tre testate e con il quale si chiudono le fasi a) dei nostri testi) c è il cambiamento di rotta. Dai titoli de La Repubblica si nota come i profughi diventino invasori e come i Comuni li rifiutino: Albanesi? No grazie, Buttiamoli a mare. Lo stesso discorso vale per La Stampa: allarme criminalità, costi per i rimpatri, Sono stati accolti per piegare il Nord. Insomma, il Paese non è più diviso tra sentimenti di paura e comprensione, bensì tra aree che respingono il problema. Infine, la fase c) segna un ulteriore svolta, con la collisione e la conseguente strage in mare. Rifacendoci al ciclo Downs, c è un definitivo passaggio dal pre-problem al secondo gradino del modello. Ad una simile conclusione era pervenuta anche D.L. Zinn, autrice di una ricerca con un taglio più antropologico rispetto alla nostra svolta in Puglia in occasione del primo sbarco di profughi, nel 91: Inizialmente, gli albanesi sono stati dipinti come fratelli dell Adriatico e nobili selvaggi, portatori di 20

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 A cura di: Flavio Necchi, Paolo Mariani, Biancamaria Zavanella, Paolo Pavanati Elaborazioni

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici

20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici Le Guide Pratiche 20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici Giulia Rota Nodari per SOS-Wordpress.it Indice dei contenuti: Premessa...3

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE FRONTESPIZIO INDICE ABSTRACT DI CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

anno I, n.2, 2011 Recensioni

anno I, n.2, 2011 Recensioni L. Salamone, La disciplina giuridica dell'immigrazione clandestina via mare, nel diritto interno, europeo ed internazionale, Torino, Giappichelli 2011, pp. XXVI-406 Come è noto, gli arrivi irregolari per

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

LA CITTA Gioco di simulazione

LA CITTA Gioco di simulazione LA CITTA Gioco di simulazione Il gioco di simulazione La città propone ai partecipanti di affrontare il tema della legalità riportandolo a vissuti vicini al loro quotidiano e analizzandolo dalla prospettiva

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE SISTEMI OPERATIVI QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE Venezia, settembre 1997 INDICE SINTESI DEI CONTENUTI 0 PREMESSA 1 IL PORTO DI CHIOGGIA OGGI E DOMANI 1.1 LE INFRASTRUTTURE E LE

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA 1. L identificazione del sito: dati generali Per capire chi proponga i contenuti di un sito è bene, all inizio del lavoro di analisi, chiarire chi ha prodotto i materiali

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

Amnistia-indulto, sondaggi a confronto

Amnistia-indulto, sondaggi a confronto Amnistia-indulto, sondaggi a confronto Dopo il messaggio del Capo dello stato Giorgio Napolitano alle Camere si è acceso il dibattito sull amnistia e sui provvedimenti di clemenza. Gli istituti di ricerca

Dettagli

Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE

Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. 1.FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE 1) Comprendere l importanza della lingua straniera come strumento

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Da Lampedusa alla coscienza europea. Dopo il naufragio di Lampedusa avvenuto il 3 ottobre 2013, dove persero la vita circa 366 migranti, il governo italiano

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE SEMINARIO FORMATIVO LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE dedicato al personale del Dipartimento della Protezione Civile e delle altre componenti del Sistema Nazionale Linee

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Che cosa si impara nel capitolo 2

Che cosa si impara nel capitolo 2 Che cosa si impara nel capitolo 2 Si può valutare e confrontare il contenuto, ad esempio di tre diversi settimanali, riducendo gli aspetti qualitativi a valori numerici: quante pagine sono dedicate alla

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF Giovedì 29 settembre 2011, ore 14.30-18.00 Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore, 3- Milano Saluto del Presidente dell Ordine degli Avvocati di

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi LA NARRAZIONE EMOTIVA AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi NARRAZIONE EMOTIVA E RACCONTO DELLA STORIA ADOTTIVA Narrazione emotiva (Vadilonga e coll., 2010) come approccio al racconto delle

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

E = Cp/Cr (dal momento che tutti gli altri valori sono comuni alle due formule)

E = Cp/Cr (dal momento che tutti gli altri valori sono comuni alle due formule) LE FORMULE ED I DIAGRAMMI Come abbiamo visto, la possibilità di variare la velocità di un veleggiatore è legata indissolubilmente all'angolo di incidenza: perchè? Perchè è proprio l'angolo di incidenza

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre 1. Il 7 dicembre l OCSE ha presentato i risultati di PISA 2009. Nello stesso giorno

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi,

PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi, PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi, XIV EDIZIONE Promossa da ANMIL Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro OKAY! Attività

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA

Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA Questo report omaggio è un estratto dal libro "La Borsa dal 1897 al 2030 Clicca qui per acquistarlo Introduzione Non potevamo iniziare queste pagine,

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera 08/0/000 CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera Prof. E. Larcan - Ing. F. Ballio collaborazione dell'ing. Sara Marcante Sulla base dell'esperienza didattica nell'ambito dei

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

PARTE 1 PRINCIPI FONDAMENTALI

PARTE 1 PRINCIPI FONDAMENTALI Ai sensi delle recenti normative in materia di navigazione web e privacy, a decorrere dal 1 gennaio 2014, Pazzo per il Mare.it si è dotato di un regolamento che prevede i Termini e le Condizioni per l

Dettagli

GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI

GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI S7 TARGET Attività adatta per un gruppo di 25-30 persone frequentanti la Scuola Secondaria di Primo o Secondo grado o gruppi di persone con età comunque superiore ai 13 anni.

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa)

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) Competenze europee: 1. LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA: che

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione CARTA DI TORINO 2008 Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione Il testo è stato redatto dal Consiglio dell Ordine dei Giornalisti del Piemonte e dal Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli