Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Norme Tecniche di Attuazione Allegato C"

Transcript

1 (Aggiornamento ) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme Tecniche di Attuazione Allegato C Ai fini delle presenti norme si definiscono nuovi esercizi commerciali quelli ricavati mediante: - interventi di nuova costruzione, di ristrutturazione urbanistica, di demolizione/ricostruzione a parità di volume; - modifiche totali o parziali di destinazione d'uso nelle costruzioni esistenti. Le dotazioni di parcheggio per gli esercizi commerciali sono articolate in tre tipologie: - parcheggi pubblici (D.M. n 1444/68, art. 5:... a ogni 100 mq di superficie lorda di pavimento devono corrispondere 80 mq. di spazio, escluse le sedi viarie, di cui almeno la metà da adibire a parcheggio ) - dovuti per interventi di nuova costruzione, ristrutturazione urbanistica, demolizione/ricostruzione a parità di volume, nei casi e secondo le specifiche previsioni di ambito e/o di zona speciale. - parcheggi per la sosta stanziale (Legge n 1150/42 e s.m.i., art. 41 sexies: appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore ad 1 mq per ogni 10 mc di costruzione ) - dovuti esclusivamente per interventi di nuova costruzione, ristrutturazione urbanistica, demolizione/ricostruzione a parità di volume, e per interventi comportanti incremento di S.U.L.. I parcheggi per la sosta stanziale non sono dovuti per nuovi esercizi derivanti da semplice modifica della destinazione d uso di immobili esistenti, fatte salve le verifiche prescritte dalle singole norme di ambito e/o di zona speciale. Ai fini del calcolo delle superfici di parcheggio per la sosta stanziale, in tutti gli esercizi commerciali, indipendentemente dalla loro tipologia, verrà considerata un'altezza virtuale di 3,50 ml, ovvero l'altezza effettiva se inferiore. - parcheggi per la sosta di relazione (Delib. C.R.T. n 233/99, art. 10) - dovuti, per nuovi esercizi commerciali come sopra definiti, salvo quanto diversamente disposto dalle specifiche previsioni di ambito e/o di zona speciale. Le soglie dimensionali sono di volta in volta specificate nei successivi articoli. E ammessa la realizzazione di parcheggi interrati, se e in quanto compatibili con le condizioni idrogeologiche dell area interessata. Qualora le dotazioni di parcheggio previste dalle vigenti norme regionali e statali insistano in parcheggi coperti e/o in autorimesse pertinenziali (interrate o meno) con superficie superiore a 800 mq per piano, da realizzarsi nell ambito di piani attuativi o progetti unitari convenzionati, il limite di altezza di cui all art. 10 delle N.T.A. di P.R.G.C. può essere elevato a ml 3,00 misurati dal piano carrabile all intradosso strutturale del solaio di copertura. In relazione alla superficie minima di parcheggio per la sosta di relazione dovuta per esercizi commerciali di qualsivoglia tipologia, il numero dei posti auto effettivi non potrà essere inferiore a 1 posto auto ogni 25 mq di superficie di parcheggio. In tutti i parcheggi dovranno essere previsti appositi spazi, attrezzati con rastrelliere, per la sosta delle biciclette; tali spazi saranno dimensionati sulla base dei seguenti parametri: - parcheggi a servizio degli almeno 1 posto bici ogni posto auto - parcheggi a servizio di medie strutture di vendita: almeno 1 posto bici ogni 4 posti auto - parcheggi a servizio di grandi strutture di vendita: almeno 1 posto bici ogni 20 posti auto Le gallerie commerciali, intese come spazi pedonali coperti ed aperti al pubblico durante gli orari di vendita, sono escluse dal calcolo della S.U.L. e del volume. Non è consentito il cambio di destinazione d'uso ai fini commerciali di consistenze edilizie realizzate in deroga alle disposizioni del P.R.G.C. Ai fini urbanistici e regolamentari sono equiparati agli esercizi commerciali: - i pubblici esercizi; - le attività artigianali di servizio in funzione della residenza; - le attività private di servizio alla persona (quali palestre, centri fitness, attività di noleggio, etc.). 1

2 Per le attività di cui sopra saranno considerati superficie di vendita gli spazi effettivi destinati al pubblico, escludendo quindi le superfici destinate a magazzini, depositi, uffici e locali ad uso esclusivo degli addetti all attività. Sono fatte salve le disposizioni del vigente Piano per la razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti sul territorio comunale. ART. 2 - DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMMERCIALI: AMBITI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE E ZONE SPECIALI Ai fini delle vigenti norme statali e regionali in materia di disciplina delle attività commerciali in sede fissa il territorio comunale viene suddiviso in ambiti di programmazione commerciale e in zone speciali (tav. 7 della variante al P.R.G.C. denominata Disciplina urbanistica delle attività commerciali ). Gli ambiti di programmazione commerciale sono individuati in ragione delle caratteristiche ambientali, storico-culturali, morfologico-insediative, demografiche e infrastrutturali dei diversi contesti, nonché in funzione delle zone territoriali omogenee individuate dal P.R.G. vigente. Le "zone speciali" costituiscono specifici ambiti urbani o territoriali, ove, in virtù della complessità delle condizioni di stato e/o di progetto, l'insediamento di esercizi commerciali è subordinato alla preventiva approvazione di programmi direttori, piani attuativi, progetti unitari. Fatto salvo il rispetto delle disposizioni dettate dal P.R.G. vigente in merito alle destinazioni d uso e alle trasformazioni urbanistico-edilizie nelle zone territoriali omogenee e nelle aree di trasformazione, gli ambiti di programmazione commerciale e le zone speciali disciplinano: - la tipologia degli esercizi commerciali realizzabili, il relativo settore merceologico e le eventuali soglie dimensionali; - la dotazione dei parcheggi a servizio dei nuovi esercizi commerciali; - il rapporto tra gli esercizi commerciali e la viabilità di servizio. Le presenti disposizioni urbanistiche sono integrate dalle disposizioni relative alle modalità esecutive degli interventi, contenute nelle Norme Regolamentari per le attività commerciali. Dovranno altresì essere rispettati i Criteri per l organizzazione delle attività commerciali di cui all Appendice B dello Statuto del Territorio del vigente P.T.C.P. e, in particolare, gli indirizzi riguardanti la localizzazione dei punti vendita di maggiori dimensioni e le aggregazioni di punti vendita, per i quali si rende necessaria una precisa valutazione di impatto trasportistico e ambientale. Dovrà essere inoltre particolarmente curato l aspetto qualitativo nella progettazione architettonica delle nuove strutture commerciali, tenendo conto delle caratteristiche ambientali ed insediative dei luoghi. ART. 3 - DISPOSIZIONI RELATIVE AGLI AMBITI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE 3.1. Ambito A: Aree per attrezzature e impianti a carattere sovracomunale In questo ambito non è consentito l insediamento di esercizi commerciali Ambito B1: Aree cimiteriali e relative fasce di rispetto Vi sono ammessi chioschi per fiori, arredi funebri e affini, riconducibili alla tipologia degli esercizi di vicinato Ambito B2: Aree per servizi ed attrezzature pubbliche a carattere locale Vi è ammessa la realizzazione di esercizi commerciali di vicinato: - nel sottosuolo, quale ampliamento di esercizi commerciali esistenti e/o per la creazione di gallerie commerciali; - nel soprasuolo all interno di aree a verde pubblico, limitatamente a chioschi prefabbricati. A servizio delle strutture commerciali realizzate nel sottosuolo dovranno essere previste le seguenti dotazioni di parcheggio (le dotazioni sotto elencate non potranno in alcun modo essere reperite nel soprassuolo dei terreni interessati): 2

3 - parcheggi per la sosta di relazione, nella misura di 1,00 mq/mq di superficie di vendita, reperibili anche in aree limitrofe non gravate da standards pubblici o privati, purché se ne garantisca l uso pubblico nelle ore di apertura degli esercizi e purché tali aree siano poste ad una distanza idonea a garantire un rapido collegamento pedonale con gli esercizi stessi Ambito C: Edifici e tessuti urbani di interesse storico-culturale Vi è ammesso l insediamento di nuovi esercizi di vicinato con superficie di vendita inferiore a 150 mq, purché con interventi edilizi e merceologie coerenti con i caratteri storico-culturali degli edifici e dei tessuti urbani interessati. Nelle Norme Regolamentari per le attività commerciali è contenuto un elenco indicativo delle merceologie da considerarsi incompatibili con l Ambito C. Il dimensionamento degli spazi per la sosta veicolare, dovuti esclusivamente a servizio dei nuovi esercizi commerciali realizzati a seguito di interventi che comportino incrementi volumetrici e/o incrementi di S.U.L. alle costruzioni esistenti, sarà limitato a: movimentazione merci. Le dotazioni di parcheggio per la sosta stanziale potranno essere reperite anche in aree limitrofe pubbliche, con esclusione delle sedi viarie Ambito D1: Tessuti urbani consolidati dei borghi, dei quartieri a morfologia omogenea e degli insediamenti lineari lungo strada Vi è ammesso l insediamento di nuovi esercizi di vicinato. Sugli esercizi di vicinato già operanti nel settore merceologico alimentare sono consentiti interventi di ampliamento una tantum per una S.U.L. non superiore al 5% di quella esistente fermo restando un ampliamento consentito minimo di mq 8 di S.U.L.. Tali ampliamenti dovranno essere specificatamente finalizzati dal progetto a potenziare e qualificare le superfici destinate ai clienti e agli avventori. movimentazione merci. Le dotazioni di parcheggio per la sosta stanziale, la cui verifica non è dovuta nel presente ambito per i nuovi esercizi derivanti da semplice modifica della destinazione d uso di immobili esistenti, potranno essere reperite anche in aree limitrofe pubbliche, con esclusione delle sedi viarie. - parcheggi per la sosta di relazione, in presenza di esercizi di vicinato con superficie di vendita superiore a 150 mq ovvero realizzati a seguito di interventi di ristrutturazione urbanistica e/o di nuova edificazione: 1,00 mq/mq di superficie di vendita, reperibili anche in aree limitrofe non gravate da standards pubblici o privati, purché se ne garantisca l uso pubblico nelle ore di apertura degli esercizi e purché tali aree siano poste ad una distanza idonea a garantire un rapido collegamento pedonale con gli esercizi stessi Ambito D2: Tessuti urbani consolidati recenti Vi è ammesso l insediamento di nuovi esercizi di vicinato. Vi è altresì ammesso l insediamento di medie strutture, purché con superfici di vendita non superiori a 400 mq/esercizio. movimentazione merci. Le dotazioni di parcheggio per la sosta stanziale, la cui verifica non è dovuta nel presente ambito per i nuovi esercizi derivanti da semplice modifica della destinazione d uso di immobili esistenti, potranno essere reperite, per quanto riguarda gli esercizi di vicinato, anche in aree 3

4 limitrofe pubbliche, con esclusione delle sedi viarie. - parcheggi per la sosta di relazione, in presenza di esercizi commerciali realizzati a seguito di interventi di nuova edificazione, di ristrutturazione urbanistica, di demolizione/ricostruzione a parità di volume. Tali spazi potranno essere reperiti anche in aree limitrofe non gravate da standards pubblici o privati, purché se ne garantisca l uso pubblico nelle ore di apertura degli esercizi e purché tali aree siano poste ad una distanza idonea a garantire un rapido collegamento pedonale con gli esercizi stessi: 3.7. Ambito E1: Tessuti urbani a carattere industriale e artigianale, prossimi all Area commerciale di interesse regionale - loc. Pontignale (ex C.D.R.) Vi è ammesso l insediamento di nuovi esercizi di vicinato. Vi è altresì ammesso l insediamento di medie strutture, purché con superfici di vendita non superiori a 600 mq/esercizio/lotto urbanistico, nell ambito di progetti unitari convenzionati approvati dal Consiglio Comunale volti a garantire la riqualificazione urbana. Gli esercizi di vicinato e le medie strutture di vendita dovranno operare nel settore merceologico non alimentare, e non dovranno avere accesso diretto da Via Pisana. L insediamento di medie strutture in lotti urbanistici nei quali si prospetti una compresenza con unità immobiliari ad uso non commerciale (artigianale, industriale, o altro) è consentita solo a condizione che le strutture commerciali siano dotate di accesso e resede di pertinenza autonomo, e che sia al tempo stesso garantita per le unità immobiliari non commerciali piena accessibilità e funzionalità degli spazi destinati alla sosta ed alla manovra degli automezzi e dei veicoli in genere, fermo restando il rispetto degli standard dovuti per legge. movimentazione merci. La verifica della dotazione di parcheggi per la sosta stanziale è comunque prescritta anche per i nuovi esercizi derivanti da semplice modifica della destinazione d uso di immobili esistenti; I raccordi fra le medie strutture di vendita e la viabilità pubblica dovranno essere realizzati secondo i criteri 3.8 Ambito E2: Tessuti urbani a carattere industriale e artigianale Vi è ammesso l insediamento di nuovi esercizi di vicinato. Vi è altresì ammesso l insediamento di medie strutture con superfici di vendita non superiori a 800 mq/esercizio/lotto urbanistico. Nell ambito di piani attuativi è ammesso l insediamento di medie strutture con superfici di vendita non superiori a 1000 mq/esercizio, elevabili - limitatamente ai piani attuativi già approvati alla data di adozione delle presenti norme e che espressamente lo abbiano previsto - a 1500 mq/esercizio se la vendita interessa esclusivamente prodotti aziendali. Gli esercizi di vicinato potranno operare nel settore merceologico alimentare solo se regolati da un Piano Attuativo. Non sono consentite medie strutture di vendita del settore merceologico alimentare. 4

5 Gli esercizi di vicinato e le medie strutture di vendita non dovranno avere accesso diretto da Via Pisana. L insediamento di medie strutture in lotti urbanistici nei quali si prospetti una compresenza con unità immobiliari ad uso non commerciale (artigianale, industriale, o altro) è consentita solo a condizione che le strutture commerciali siano dotate di accesso e resede di pertinenza autonomo, e che sia al tempo stesso garantita per le unità immobiliari non commerciali piena accessibilità e funzionalità degli spazi destinati alla sosta ed alla manovra degli automezzi e dei veicoli in genere, fermo restando il rispetto degli standard dovuti per legge. movimentazione merci. La verifica della dotazione di parcheggi per la sosta stanziale è comunque prescritta anche per i nuovi esercizi derivanti da semplice modifica della destinazione d uso di immobili esistenti; I raccordi fra le medie strutture di vendita e la viabilità pubblica dovranno essere realizzati secondo i criteri 3.9. Ambito F: Territorio aperto Vi è ammesso l insediamento di nuovi esercizi di vicinato che operano nel settore merceologico alimentare, ovvero che commercializzano prodotti tipici delle attività agricole locali e/o dell artigianato locale. - parcheggi per la sosta di relazione, nella misura di 1,00 mq/mq di superficie di vendita. ART. 4 - DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE ZONE SPECIALI Nella redazione dei piani attuativi, dei progetti unitari, nonché dei progetti direttori relativi alle zone speciali di cui al presente articolo dovranno essere osservate le disposizioni del vigente P.T.C.P., ed in particolare quanto indicato nello Statuto del Territorio, Titolo III, par b) Criteri per la città esistente, nonché le Direttive I e II contenute nello Statuto del Territorio, Titolo II, par Criteri per la rete viaria anche al fine di garantire la creazione di porte urbane di qualità. Dovrà inoltre essere fatta particolare attenzione a garantire un adeguata accessibilità pedonale e ciclabile e un appropriato servizio di trasporto pubblico Aree per strutture commerciali (Aree COM art. 42 delle N.T.A.) Vi è ammesso l insediamento di esercizi di vicinato e/o pubblici esercizi, fino ad un massimo di mq 200 di superficie di vendita, e di medie strutture, fino ad un massimo di mq 800 di superficie di vendita, fino al raggiungimento di una superficie di vendita complessiva non superiore a 1000 mq/area. 5

6 I raccordi fra gli insediamenti commerciali e la viabilità pubblica dovranno essere realizzati secondo i criteri 4.2. Piazza Togliatti Vi è consentita la realizzazione di strutture commerciali costituite da esercizi di vicinato e da medie strutture con superficie di vendita non superiore a 400 mq/esercizio. Gli interventi sono realizzabili solo previa approvazione da parte del Consiglio Comunale di un progetto unitario convenzionato di riqualificazione complessiva della piazza. Le dotazioni di parcheggio di cui sopra potranno essere collocate anche in aree circostanti la piazza, secondo le indicazioni dei competenti uffici comunali Centro città / area C.N.R. / parcheggio scambiatore Vi è ammesso l insediamento degli esercizi di vicinato e delle medie strutture di vendita che saranno previste dallo specifico Programma Direttore in fase di elaborazione da parte della Amm./ne Comunale. Le soglie dimensionali di tali esercizi, così come la superficie di vendita totale, saranno definite dal suddetto Programma e dai correlati strumenti attuativi Stazione tranvia e aree connesse Vi è ammesso l insediamento di esercizi di vicinato e di medie strutture, operanti nel settore merceologico non alimentare, con superficie di vendita non superiore a 400 mq. 6

7 - parcheggi per la sosta di relazione, richiesti solo per le medie strutture di vendita nelle misure sotto specificate: 4.5. Strutture commerciali esistenti (individuate con la lettera C sulle tavole di P.R.G. art. 49 delle N.T.A.) Vi è consentito il consolidamento delle attività in atto, così come previsto e disciplinato dall art. 49 delle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. vigente. La media struttura di Via Aleardi non potrà superare i 2000 mq di superficie di vendita; la grande struttura di Via Monti/Via Parini non potrà superare i 5000 mq di superficie di vendita. In caso di dismissione delle attività in atto, in luogo delle strutture esistenti, potranno essere insediati esercizi di vicinato e/o medie strutture. Non è consentita la modifica di destinazione d uso delle strutture commerciali di cui trattasi. movimentazione merci. Le dotazioni di parcheggio per la sosta stanziale, la cui verifica non è dovuta nel presente ambito per i nuovi esercizi derivanti da semplice modifica della destinazione d uso degli immobili esistenti, potranno essere reperite, per quanto riguarda gli esercizi di vicinato, anche in aree limitrofe pubbliche, con esclusione delle sedi viarie. - parcheggi per la sosta di relazione, in presenza di esercizi commerciali realizzati a seguito di interventi di demolizione/ricostruzione a parità di volume. Tali spazi potranno essere reperiti anche in aree limitrofe non gravate da standards pubblici o privati, purché se ne garantisca l uso pubblico nelle ore di apertura degli esercizi e purché tali aree siano poste ad una distanza idonea a garantire un rapido collegamento pedonale con gli esercizi stessi: 1,00 mq/mq di superficie di vendita 4.6. Area commerciale di interesse regionale loc. Pontignale (ex C.D.R.) Vi è ammesso l insediamento di esercizi di vicinato, di medie strutture e di grandi strutture di vendita (anche nella forma di centro commerciale e/o di area commerciale integrata) nel rispetto dei parametri urbanistici contenuti nella Scheda C dell Allegato sub. B all art. 28 delle N.T.A. del P.R.G.C. vigente. grandi strutture: 1,50 mq/mq di superficie di vendita; 2,00 mq/mq di superficie di vendita. 7

8 In presenza di complementari aventi capacità di attrazione autonoma - quali punti di ristoro e/o luoghi di svago - le dotazioni di parcheggi per la sosta di relazione dovranno essere incrementati di un quantitativo pari a 1,5 mq/mq di tali superfici. I raccordi fra gli insediamenti commerciali e la viabilità pubblica dovranno essere realizzati secondo i criteri 4.7. Grioli Vi sono ammessi esercizi di vicinato e medie strutture con superficie di vendita non superiore a 600 mq/esercizio, fermo restando il rispetto delle previsioni del Programma Integrato di Intervento di Badia a Settimo / S.Colombano approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 73/99. 1,00 mq/mq di superficie di vendita e/o luoghi di svago. I raccordi fra le medie strutture di vendita e la viabilità pubblica dovranno essere realizzati secondo i criteri ART. 5 - AGGIORNAMENTI NORMATIVI L adeguamento delle presenti norme di settore a successive disposizioni statali o regionali in materia di disciplina urbanistica delle attività commerciali verrà effettuato con singola Deliberazione del Consiglio Comunale. 8

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

COMUNE DI PETROSINO PIANO DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE (L.R. 22 DICEMBRE 1999, N. 28 E NORME ATTUATIVE)

COMUNE DI PETROSINO PIANO DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE (L.R. 22 DICEMBRE 1999, N. 28 E NORME ATTUATIVE) 1 COMUNE DI PETROSINO PIANO DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE (L.R. 22 DICEMBRE 1999, N. 28 E NORME ATTUATIVE) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Adeguamento al Piano Comprensoriale n. 1

Dettagli

PRG COMUNE DI SAN BONIFACIO TAVOLA 2 NORME TECNICHE PROVINCIA DI VERONA

PRG COMUNE DI SAN BONIFACIO TAVOLA 2 NORME TECNICHE PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI VERONA PRG COMUNE DI SAN BONIFACIO VARIANTE PARZIALE N. 68 ALLA SECONDA VARIANTE GENERALE AL P.R.G. PER L ADEGUAMENTO ALLA L.R. N. 50 DEL 28.12.2012 DELLA ZONA A DI CENTRO STORICO E INDIVIDUAZIONE

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita.

Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita. Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita. (Istruzioni per la compilazione e descrizione delle procedure per il calcolo

Dettagli

ALLEGATO A COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d Argento al Valor Civile SERVIZIO URBANISTICA AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE E DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ADEGUAMENTO ISTAT GIUGNO 2006 DICEMBRE

Dettagli

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Adottata dal Consiglio Comunale il 8 Novembre 2012 COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Obiettivi : Semplificazione (100 pag. invece di 400) Adeguamento alle nuove Leggi Superamento difficoltà d interpretazione

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

CITTA DI PISTICCI COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

CITTA DI PISTICCI COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (Art. 8 D.Lgs. n. 114/98 ed art. 19

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

PIANO URBANISTICO COMMERCIALE

PIANO URBANISTICO COMMERCIALE PIA URBANISTICO COMMERCIALE RME DI ATTUAZIONE Definizioni SV Superficie di vendita Per superficie di vendita di un esercizio commerciale si intende, la misura dell'area o delle aree destinate alla vendita,

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Servizio SUAP ed Attività Economiche Assessorato al Commercio

COMUNE DI RAVENNA Servizio SUAP ed Attività Economiche Assessorato al Commercio COMUNE DI RAVENNA Servizio SUAP ed Attività Economiche Assessorato al Commercio CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO Approvato con Delibera

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 25/03/2009 1/8 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Questo regolamento, adottato nell

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna Pag. 1 di 10 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 16/12/2004

Dettagli

ALLEGATO B. Città di Seriate. Piano Regolatore generale. Norme tecniche attuative

ALLEGATO B. Città di Seriate. Piano Regolatore generale. Norme tecniche attuative ALLEGATO B Città di Seriate Provincia di Bergamo Piano Regolatore generale Variante urbanistica all art. 24 delle N.T.A. del P.R.G. vigente ai sensi dell art. 25 comma 8 nonies della legge regionale 12/2005

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Articolo originale. Articolo emendato

Articolo originale. Articolo emendato In seguito alla variante per l'area centrale del quartiere "Torri ex Gescal" Marx-Livorno viene inserita nelle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale vigente - in aggiunta all'invariato

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO

PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza Testo di confronto PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO Norme di Attuazione Variante 2009-2010 Adottato il 31/07/2009 Approvato il con delibera di C.C n..41

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Melegnano via Maestri 2-20077 (MI) Tel. 02.98115388 Fax 02.98115328 Unità Organizzativa Territorio e Attività Integrate TIT. 3.1.5 SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE

Dettagli

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova ATTO UNILATERALE D OBBLIGO TIPO PER LE ZONE OMOGENEE D Relativo all intervento di ristrutturazione urbanistica / ristrutturazione edilizia / demolizione / ampliamento / nuova costruzione dell immobile

Dettagli

166 mq x 110,10 /mq = 18.277,00 (diciottomiladuecentosettantasette/00)

166 mq x 110,10 /mq = 18.277,00 (diciottomiladuecentosettantasette/00) III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA TERRITORIO E AMBIENTE Allegato OGGETTO: Inquadramento urbanistico e stima di un area a Fellegara in Via del Cristo identificata al Catasto

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

Comune di Venezia. Progetto AEV DESE

Comune di Venezia. Progetto AEV DESE Comune di Venezia Progetto AEV DESE Relazione descrittiva delle opportunita di sviluppo immobiliare di un area destinata ad attrezzature economiche varie, ad uso industriale logistico - commerciale direzionale

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE

ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE Norme di Attuazione 1^Variante Generale al PGT approvato con D.C.C. n. 33 dl 23.07.2008 o la modifica della tipologia

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI PALESTRO (PROVINCIA DI PAVIA) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE N. rev. Data: Redatto Controllato Approvato Data 1 12.04.10 SG FL

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione Disposizioni di attuazione Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione settembre 2008 maggio 2009 aggiornato giugno 2009 Versione 19.05.2009

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

COMUNE DI BUDONI PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO

COMUNE DI BUDONI PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO COMUNE DI BUDONI PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO PIANO URBANISTICO COMUNALE IN ADEGUAMENTO AL P.P.R. ED AL P.A.I. PUC.3 PUC.3.2.1:NORME NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE CRITERI COMUNALI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

Committente: - TALME s.n.c. - AMPLIAMENTO CAPANNONE ARTIGIANALE

Committente: - TALME s.n.c. - AMPLIAMENTO CAPANNONE ARTIGIANALE Committente: - TALME s.n.c. - AMPLIAMENTO CAPANNONE ARTIGIANALE Relazione illustrativa Verifica indici e parametri urbanistici Determinazione contributo di costruzione Estratto NTA PGT vigente Estratto

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di Corsivo Blu = Aggiunte Barrato Rosso = Eliminazioni Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi 1. La variante generale ha come ambito di intervento il Piano Attuativo Unitario approvato con deliberazione

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

P R O G E T T O u r b a n i s t i c o (P.A.C.) Piano Attuativo Comunale L E T O R R I/bis

P R O G E T T O u r b a n i s t i c o (P.A.C.) Piano Attuativo Comunale L E T O R R I/bis Dott. Arch. Giuseppe Garbin STUDIO DI ARCHITETTURA E URBANISTICA 33052 Cervignano del Friuli (UDINE) Via Faidutti n. 4 Tel. Fax 0431/33971 E mail: giuseppegarbin@libero.it Regione Friuli Venezia Giulia

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del.

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PECETTO DI VALENZA Legge Regionale 5 dicembre 1977 n. 56 e successive modifiche ed integrazioni PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Approvato con D.G.R.

Dettagli

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA 1 Superficie Fondiaria relativa al lotto 2: mq. 1584,00 composto da Foglio 16 particella 925 di mq. 650 Foglio 16 particella

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

GENERALITA' E DEFINIZIONI

GENERALITA' E DEFINIZIONI INDICE GENERALITA E DEFINIZIONI Art. 1 Natura e contenuti del Piano pag. 1 Art. 2 Adempimenti preliminari e documentazione per la redazione del Piano pag. 2 Art. 3 Sfera di applicazione pag. 3 Art. 4 La

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP Piacenza, 10.06.2015 AL DIRIGENTE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE e SUPPORTO AMMINISTRATIVO AL RESPONSABILE SUEAP AGLI ISTRUTTORI TECNICI SUEAP OGGETTO: Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti AGGIORNAMENTO DEI CRITERI DI STIMA DEL VALORE COMMERCIALE DELLE AREE FABBRICABILI DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMU PER L ANNO 2013 E PRINCIPI PER L ACCERTAMENTO ANNI PRECEDENTI

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Ufficio Tecnico Settore Urbanistica DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 21.01.2010 1 DEI PARCHEGGI PRIVATI

Dettagli

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Comune di Sirolo (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 29.11.2010) CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO 1 STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO In attuazione del comma 2, lett. d) art. 6 della L.R. n. 14 del 30.07.2009 Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell attività edilizia e per il miglioramento della

Dettagli