QUADERNI DELL'ISTITUTO DI STORIA DELL' ARCHITETTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNI DELL'ISTITUTO DI STORIA DELL' ARCHITETTURA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA "LA SAPIENZA QUADERNI DELL'ISTITUTO DI STORIA DELL' ARCHITETTURA DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARCHITETTURA, RESTAURO E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI NUOVA SERIE, FASCICOLI ( ) L'ARCHITETTURA DELLA BASILICA DI SAN PIETRO STORIA E COSTRUZIONE ATTI DEL CONVEGNO INTERNAZIONALE DI STUDI ROMA, CASTEL S. ANGELO, 7-10 NOVEMBRE 1995 A CURA DI GIANFRANCO SPAGNESI BONSIGNORI EDITORE 1997

2 O Copyright 1997 by Bonsignori Editore s.r 1. Viale dei Quattro Venti, Roma ISBN ISSN Direttore: Gianfranco Spagnesi. Direttore responsabile: Francesco Paolo Fiore. Consiglio scientifico: Sandro Benedetti, Corrado Bozzoni, Arnaldo Bruschi, Giovanni Carbonara, Paolo Fancelli, Francesco Paolo Fiore, Vittorio Franchetti Pardo, Gaetano Miarelli Mariani, Stefano Ray, Hilda Selem Arangio Ruiz, Giorgio Simoncini, Gianfranco Spagnesi, Claudio Tiberi. Comitato direttivo: Sandro Benedetti, Corrado Bozzoni, Arnaldo Bruschi, Giovanni Carbonara, Alessandro Curuni, Mario Dal Mas, Gabriella Esposito Quaroni, Paolo Fancelli, Francesco Paolo Fiore, Vittorio Franchetti Pardo, Antonino Gallo Curcio, Fausta Gualdi Sabatini, Romano Jodice, Gaetano Miarelli Mariani, Anna Maria Orazi, Stefano Ray, Paolo Rocchi, Hilda Selem Arangio Ruiz, Maria Piera Sette, Giorgio Simoncini, Gianfranco Spagnesi, Claudio Tiben, Giorgio Torraca, Valter Vannelli, Alberto White. Redazione: Maurizio Caperna (coordinatore), Flavia Cantatore. Grafca e impaginazione: Fabiola Cinque Per la corrispondenza: Dipartimento di Storia dell'architettura e Conservazione dei Beni Architettonici, Piazza Borghese Roma Tel. O fax). Autorizzazione del Tribunale di Roma n del I1 presente fascicolo è stampato con il parziale contributo del C.N.R. e dell'università di Roma "La Sapienza" Informazioni su abbonamenti e distribuzione: Bonsignori Editore, Viale dei Quattro Venti 47 - Roma - Tel. O Finito di stampare nel mese di ottobre 1997 dalla Grafica Ripoli - via Paterno - Villa Adriana - Tivoli --

3 Fig. 1 - S Pzetro, la facczata dz Maderno parzzalmente nascosta dal bracczo destro del cdwnato bernznzano venendo da porta Angelzca. :. - CARLO MADERNO IN S. PIETRO: NOTE SUL PROLUNGAMENTO DELLA BASILICA VATICANA -i di PIERO SPAGNESI Un cenno alle fonti per avviare il discorso, soprattutto perché il S. Pietro di Maderno è ancora sconosciuto. Howard Hibbard ha dimostrato ampiamente la necessità di analizzare i documenti dell'immane cantiere di Paolo V; ma da allora quei documenti non hanno più ricevuto attenzioni, possibili solo con analisi sistematiche che travalicavano gli scopi di questo lavoro (l). E il tema meriterebbe anche altri tipi di indagine, possibili solo con un rilievo architettonico della fabbrica (2). Per quanto mi riguarda, darò solo un cenno delle potenzialità di questi documenti e della realtà costruita, ai fini di storia architettonica della basilica nel primo trentennio del Seicento. A chi entrasse nell'ovato berniniano da Porta Angelica, percorrendone l'asse trasversale guardando il Gianicolo, alla fine del XVII secolo la facciata di S. Pietro appariva quasi nascosta dal basso colonnato tuscanico in curva, che ne esaltava il valore di parete altissima (3) Vig. I). Questa direzione trasversa - secondaria rispetto all'asse ponte S. Angelo-basilica, ma pensata anche per allineare le due fontane con i giardini in pendio della Villa Barberini e col Gianicolo - realizzava un'idea del tempo di Paolo V (4) e allo stesso tempo contri- buiva a risolvere la mancanza di corrispondenza tra l'asse mediano della facciata e la cupola e l'obelisco sistini con l'evitarlo a priori: un argomento particolarmente sentito già nel pontificato Borghese se, come narrano le cronache, davanti alla facciata appena finita, non centrata con la lanterna della cupola e con l'obelisco, furono manifestate forti perplessità (5). Nel 1605 le intenzioni nell'ambiente della Congregazione della Fabbrica erano di concludere la pianta centrale michelangiolesca col realizzarne il quarto braccio a est (6). Consapevole di questi desideri, Maderno rappresentò nel

4 Fig. 2 - La pianta del progetto di Maderno per il completamento di S. Pie- Fig. 3 - Matteo Greuter, la pianta del progetto definitivo di Maderno tro forse presentata al concorso del ; a tratto continuo e a tratteg- per il prolungamento di S. Pietro, 1613; a tratto continuo e a tratteggio gli assi principali della composizione (Firenze, Uffizi 264 Ar, da H. gio gli assi principali della composizione (da H. Hibbard, Carlo Hibbard, Carlo Maderno..., 1971, fig. 54). Maderno..., 1971, fig. 59~). disegno Uffizi 264 Ar - forse il suo primo progetto noto per la fabbrica petriana (7) - un organismo giustapposto a quello esistente, con spazi alternativi piuttosto che complementari, articolati esternamente in forma scalare a restringersi via via dal fondo della chiesa verso la facciata (fig. 2). Nel progetto erano comprese anche due grandi cappelle rettangolari distinte dal resto dal frapporsi di una sorta di atrii interni. Gli spazi erano inoltre organizzati su due assi ortogonali di valore quasi paritetico. In particolare, quello trasversale era concluso da cappelle a fondo piatto fiancheggiate da coppie di cappelle a pianta circolare negli angoli in posizione di secondo piano. In corrispondenza dell'asse la distanza tra i pilastri delle navate era maggiore di quelle dei vani adiacenti, per giunta in parte schermati da coppie di colonne nel loro spessore. Una facciata con un atrio per tutta la lunghezza del piano terra concludeva la fabbrica verso la piazza, introducendo un ulteriore asse trasversale. I1 disegno non sembra dare particolari indicazioni per eventuali campanili, e le due scale a chiocciola nel mezzo del prolungamento non sono sufficenti neppure a formulare ipotesi sulla loro possibile consistenza. Già da questo primo momento le scelte di Maderno erano sostanzialmente estranee alle consuetudini figurali degli architetti romani, al tempo fortemente intrisi di michelangiolismo: consuetudini cui l'architetto ticinese non aderirà mai (8), tanto che, anche nella soluzione realizzata, il prolungamento della basilica fu configurato con esiti che si potrebbero definire soprattutto lombardi. Non è un caso se tutte le proposte dell'architetto provocarono sempre il forte disappunto di quanti, come il cardinale Maffeo Barberini, veneravano il celeberrimo fiorentino, figura ormai mitica (9). Tornando ai progetti e alla fabbrica, anche nella medaglia di fondazione del prolungamento del 1608 la facciata è priva di campanili: anche qui essa è infatti raffigurata più stretta della navata retrostante e sempre di larghezza minore delle grandi cappelle rettangolari ai lati del quarto braccio davanti aile cappelle Clementina e Gregoriana (10). E neppure il disegno a Londra nella collezione Talman, riconosciuto relativo a un. momento posteriore, forse l'inizio del 1609 (Il), documenta idee più tarde per i campanili (12), giacché forse raffigura ancora una volta solo le cupole della Clementina e della Gregoriana, arretrate rispetto alla facciata e vicine alla cupola grande, piuttosto che torri campanarie avanzate. Del resto, anche un'ultima soluzione per la facciata (in una lunetta nei Palazzi Vaticani affrescata da Giovanni Battista Ricci nel 1611), nonostante sia stato indicato il suo possibile legame con i progetti precedenti (13), non credo sia per il momento riconducibile a una successione di eventi chiara: in conclusione, le vicende dell'ideazione del prolungamento di S. Pietro hanno ancora molti lati oscuri; non fa meraviglia se, quando fu decisa la realizzazione dell'insieme, ancora non esistevano scelte definitive per i campanili. A prescindere dai pochi dati superstiti sulla sequenza dei progetti, il testimo-

5 ne migliore delle scelte finali è l'edificio. Dopo gli esiti del concorso del 1605, l'interruzione del quarto braccio e l'abbandono dello schema a croce greca in favore di quello a croce latina furono determinanti, in Maderno, per dare prevalenza all'asse longitudinale della fabbrica fig. 3). Così, la soluzione di continuità tra crociera e prolungamento - scomparso l'arco trionfale al fondo dell'abside est che era nel disegno Uffizi 264 Ar (fig. 2) - fu affidata a soluzioni altre, ma sempre tali da lasciar distinguere il vecchio e il nuovo. Fu impiegato un risalto tra volte a botte della crociera e della navata, la sua continuazione sulle pareti verticali e, a terra, una differenza di quota tra il pavimento vecchio (più alto) e nuovo (più basso e di materiale diverso) (14) (fig. 4). Inoltre, altezza e larghezza della parte aggiunta furono incrementate di una piccola quantità forse anche per realizzare quasi una riduzione prospettica della preesistenza -al fondo lungo l'asse longitudinale. Benché in maniera meno significativa di quella vista nel disegno Uffizi 264 Ar, per l'ampliamento fu individuato un asse trasverso normale alla sua metà, con due cappelle, atte a realizzare nuovamente una dilatazione trasversa dello spazio per via del loro approfondimento fino alle pareti d'ambito (fig. 3). E mentre tutti gli interassi dei pilastri tra le navate erano mantenuti uguali, solo le cappelle negli angoli erano meno profonde di quelle sull'asse trasversale: davanti a quelle anteriori erano pilastri in funzione di schermi che quasi ne nascondevano l'interno; e analoghi pilastri nella stessa posizione lasciavano appena intravedere la vastità degli interni delle cappelle del Coro e della Sagrestia verso la cupola. Nel prospetto fatto incidere da Matteo Greuter per Paolo V nel 1613, Maderno raffigurò quella che forse è la facciata definitiva del prolungamento con i campanili d'angolo (15) (fig. 5). Dicevo prima di gusti lombardi nell'opera dell'architetto ticinese. A differenza delle proposte di quanti in seguito si cimentarono sul tema dei campanili di S. Pietro, Maderno propose qui due edicole esili, svettanti dalla possente fascia dell'attico e intimamente legate all'ordine architettonico sottostante. Impiegò lo stesso schema utilizzato in S. Susanna (16), realizzandolo con colonne giganti quasi libere dalla parete articolata in sette piani verticali sempre più sporgenti dai bordi verso il centro; al sommo una trabeazione, con un frontone sui quattro piedritti centrali. Inoltre, riprendendo le fattezze del rivestimento michelangiolesco, egli pose ai due estremi paraste sporgenti che preludevano alle colonne a tutto tondo e prolungavano a terra le semicolonne d'angolo delle edicole campanarie. Queste avevano il compito di contenere, per così dire, l'espandersi della dimensione orizzontale della facciata sottolineando proprio la scomposizione in piani verticali (17) senza però entrare in competizione con essa: le altezze sommate della serliana timpanata e della sovrastante lanterna fino alla croce terminale di ogni edicola erano infatti quasi uguali a quella di tutto l'ordine gigante compreso l'attico (18). E sembra di vedere analoghi modi lombardi nelle fattezze del ciborio sulla tomba di S. Pietro, oggi noto solo in disegni (19), e nelle lanterne delle cupolette ovali ai lati della navata maggiore, forse ancora quelle del tempo di Paolo V Cfig 6). Dal tamburo della cupola grande, queste svettano dalla copertura che ne nasconde quasi completamente le calotte, e sono testimonianza di uno spirito molto diverso da quello che guidava Giacomo Della Porta oltre cinquant'anni prima per modellare i volu- Fig. 4 - S. Pietro, sezione longitudinale (da F. Buonanni, Numismata ~ontificum..., Roma 1696;pubbl. in H. tlibbard, Carlo Maderno..., 1971, 65b). hzg. TAR1 LA 7- SC'fCI"C'0llb.t PEtlf-I ììlizvf.a7lc JIA il?!t,% CI-U AC"I'l T 4 86 P \ i i? PAt'LJ 1*

6 RAPPRfSlXLAT.A CON 1.F S\'E hll c\'nf l>l\ul.r, Ul<!III avgflabd(n*1ti in F-\MOI1JSIYO i-,<< P," <,,.%O I.I",X<i,,?.i.#\!I" 9 % 7 UViI,,...~ <,%>i \ PARTE fatm %A CUE COYTfEh Ul <ahlo UAIIIPII Fig. 5 - Matteo Greuter, la facciata con campanili del progetto definitivo di Maderno per il prolungamento dis. Pietro, 1613 (da H. Hibbard, Carlo Maderno..., 1971,fig. 54). mi sodi delle cupole della Clementina e della Gregoriana. La stessa esaltazione di altezze è anche negli interni del prolungamento dove, se l'orizzontalità è comunque marcata dalla gigantesca volta a botte Vig.?), è anche vero che la maggiore dimensione in elevato rispetto alle preesistenze è segnalata con forza proprio dal risalto in corrispondenza della crociera, dalla differenza di quota tra pavimenti e soprattutto dal ritmo più serrato di tutte le superfici verticali, ottenuto con la riduzione del muro tra le due lesene di ogni pilastro a una striscia molto sottile Vig. 4). Ma gli esiti diversi da quelli michelangiolisti nell'opera dell'architetto ticinese (20) e proprio la sua tendenza a usare proporzioni slanciate e giustapposizioni di parti (piuttosto che superfici, spazi e volumi scolpiti in profondità) sono testimoniati indirettamente anche dal fatto che, appena finita la facciata nel 1613, all'interno della Congregazione della Fabbrica esisteva già l'idea di modificarla: in un bando di concorso redatto in un momento imprecisato, forse di poco successivo a quella data, c'è infatti la volontà di realizzare un'invenzione per aumentare la larghezza delle aperture al piano terra verso la piazza, delle finestre del mezzanino e di quelle della Loggia delle Benedizioni, sentite troppo alte e non confacenti - è detto esplicitamente - a quello che appariva un muro possente articolato da semicolonne gigantesche (2 1) Vig. 5). L'andamento della fabbrica, seguito attraverso la contabilità dei lavori, e qualche nota veduta indirizzano verso altri temi. Un disegno a Wolfenbuttel, del 1611 circa, dà un'immagine della basilica a tre anni dall'awio del cantiere, con la facciata costruita fino al colmo degli archi del piano terra all'altezza delle finestre dei mezzanini. È significativo che internamente, tra le murature grezze del fronte est della crociera e la facciata in costruzione, non sia visibile nulla del prolungamento (22). Ciò non è casuale, e sembrerebbe che il procedere degli avvenimenti fosse il seguente (23). Dopo la decisione di Paolo V di completare la demolizione della basilica paleocristiana e annessi (quadriportico, campanile, Dataria apostolica, etc.) e di estendere la navata nuova oltre la facciata vecchia, il prolungamento fu impostato a partire dal portico per proseguire verso l'interno in direzione della cupola Cfig. 7). Ho già detto che la realizzazione del quarto braccio della crociera tra la fine del 1606 e l'inizio del 1607 fu sospesa e che fu abbattuto quanto appena fatto; poi, alla fine di settembre del 1607, furono awiate le demolizioni in corrispondenza della facciata nuova (24), e all'inizio di novembre del 1609 il getto delle fondazioni di collegamento tra questa e il lato nord della crociera (25). Ma ciò avvenne solo dopo la demolizione di tutti i resti della basilica di Costantino, mentre proseguiva la costruzione degli spiccati della facciata (26). Maderno inviò a Paolo V la pianta e il prospetto della basilica completata nel 1613 pgg. 3, 5), mentre venivano innalzate le centine della grande volta al piano terra del portico e le fondazioni dei muri perimetrali verso la Clementina e la Gregoriana non erano ancora completate. Di lì a poco furono eseguiti gli archi trionfali delle cappelle e stavano per essere awiate le cupolette ovali sulle navate minori e l'armatura della volta a botte sulla navata grande. E tra il 1615 e il 1618 fu costruita anche la Confessione sotto la cupola, forse già progettata nel (27): Alla morte-di Paolo V nel 1621 non esisteva il coronamento dei due estremi della facciata a causa dei problemi alle fondazioni d'angolo (28) Cfig. 7). Proprio il procedere del cantiere dalla facciata verso la cupola fu all'origine delle note e complesse vicende della sospensione dei lavori ai campanili,< soprattutto degli smottamenti che causarono la demolizione di quello di Gianlorenzo Bernini (29). Tutto ciò avvenne perché, così come già detto da Carlo Fontana nel 1694, vista la consistenza del terreno, l'inclinazione da nord verso sud del banco di marne plioceniche vaticane dove poggiava la facciata di Maderno causava l'inevitabile scivolamento verso valle dell'acqua della falda tra le marne in questione e gli strati sovrastanti, per via del suo raccogliersi in un compluvio proprio sotto il campanile sud (30) (fig. 8). La situazione era aggravata dal fatto che qui erano anche i resti del cosiddetto circo di Nerone, in terra ma comunque tale da costituire un punto di discontinuità notevole nella resistenza delle terre di fondazione (3 I). Tutti questi fatti furono d'importanza capitale per l'andamento della fabbrica già al tempo di Maderno; tanto che, quando fu decisa la costruzione dei

7 campanili, i lavori furono awiati sul solo lato nord, fonte di problemi assai minori (32) Cfig. 7). Per concludere, un ultimo spunto di ricerca. Ho detto che l'opera di Carlo Maderno in S. Pietro è in parte ancora sconosciuta (33). Un esempio per tutti: la rotonda di S. Andrea, poi chiesa della Madonna della Febbre, così com'è rappresentata da Francesco Cancellieri prima della sua demolizione per lasciare spazio alla sagrestia settecentesca di Carlo Marchionni, era forse anch'essa opera dell'architetto ticinese (34) (fig. 9). Sempre dalle contabilità apprendiamo infatti che, quando furono awiate le demolizioni dell'antica basilica nel 1608, Maderno fece asportare dalla rotonda ordini architettonici con cornici, capitelli e basi (35). Anche senza indicarne la posizione esatta, i documenti affermano che essi erano intorno alle cappelle affacciate sul vano centrale (36). È possibile, così, che oltre alle fat-. sezze esterne dell'edificio, visto che le demolizioni riguardarono anche fabbricati sovrapposti all'estradosso della copertura, anche le interne, con la cupola a ombrello dalle nervature su mensole, forse non erano lavoro imperiale del I1 secolo d.c. ma creazione austera del primo decennio del Seicento. NOTE (l) Sui lavori in S. Pietro al tempo di Paolo V ( ) è sempre fondamentale H. HTBBARD, Carlo Maderno and Roman Architecture , London 1971, pp , , conla precedente bibl. che richiamerò solo per casi particolari. Inoltre, v. H. EGGER, Carlo Madernos Projekt fur den Vorplatz von San Pietro in Vaticano, (~Romische Forschungen herausgegeben von der Biblioteca Hertziana», VI), Leipzig 1928; N. CAFLISCH, Carlo Maderno, Munchen 1934: C. SCACCIA SCARAFONI. Prime critiche e proposte di modificazioni alla parte della basilica vaticana costruita dal Maderno, in «Roma», 6, 1941, pp ; U. DONATI, Carlo Maderno architetto ticinese a Roma, Lugano 1957; A. MUNOZ, Il primo architetto barocco: Carlo Maderno, in «L'Urbe», 20, 1957, pp. 1-10; C. GALASSI PALUZZI, LA basilica dis. Pietro, Bologna 1975; A. S<:HIAVO, Sull'opera di Carlo Maderno in San Pietro, in «Lunario romano», X, 1981, pp ; M. BELTRAMME, Ilprogetto di Carlo Maderno per la fachta e la piazza di San Pietro in Roma, in «Storia dell'arte», 56, 1986, pp ; A. ANDANTI, Un disegno rainaldiano per la fachta di S. Pietro ( ), in Architettura e prospettiva tra inediti e rari, Firenze 1987, pp ; Tesorivaticani 2000 anni di arte e di cultura in Vaticano e in Italia, catalogo della mostra di Roma, a cura di G. Morello, Milano 1993, pp ,171. Non ho potuto utilizzare, perché questo lavoro era ormai in bozza, A. SPERANDTO, Note d'archivio circa il controllo della stabilità della facciata di S. Pietro in Vaticano, in «Palladio», ns. 17,1996, pp (2) Sulle fonti d'archivio per la storia della basilica - oltre a H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp , per una panoramica delle risorse disponibili - v. J. A. F. ORBAAN, Der Abbruch Alt-Sankt-Peters , Berlin 1919; ID., Documentisul Barocco a Roma, Roma 1920, ad indicem; E. FRANCIA, , Storia della costruzione del nuovo S. Pietro, Roma 1977; M. BASSO, I privilegi e le consuetudini della Reverenda Fabbrica di San Pietro in Vaticano, Roma 1988; E. FRANCIA, Storia della costruzione del nuovo S. Pietro da Michelangelo a Bernini, Roma Gli 89 volumi della contabilità principale dei lavori di Carlo Maderno in S. Pietro dal 1603 al 1629 (tra l'altro utilizzati solo in pane da Hibbard) sono nell'iirchivio della Fabbrica di S. Pietro in Vaticano (d'ora in poi AFSP), 1" piano, serie ga Armadi, voll A questi vanno aggiunti gli analoghi documenti nell'afsp: 1" piano, serie la, vol. 368 (spese del cantiere per gli anni 1605,1608,1635); 1" piano, serie 4", vol. 13 (Libro dei mandzti di pagamento per gli operai del 1610). Per i memoriali della Congregazione della Fabbrica dal 1603 al 1629, AFSP, 1" piano, serie 10", vol. 7 ( ); 1" piano, serie la, vol. 544 ( ); 1" piano, serie 2", voll. 62, ( ); 1" piano, serie 2", voll. 8 ( ), 9 (1619), 10 ( ), (1622), 13 (1623), 14 (1624), (1625), 17 (16161, 18 ( ), 19 (1628),20(1629); ibidem, 2" piano, serie l", voll. 108 ( ),109( ). Ringrazio S.E.R. monsignor Virgilio Noè, presidente della Congregazione della Fabbrica di San Pietro, per avermi concesso di accedere all'archivio. I1 rilievo architettonico della basilica è in via di completamento a cura di una equipe guidata dal prof. Giuseppe Rocchi della Facoltà di Architettura dell'università degli Studi di Firenze. (3) Su questa possibile direzione di percorrenza della piazza berniniana, C. FONTANA, Templum Vaticanum et ipsius origo cum aedificiis maxime conspicuis antiquitus, et recens ibidem constitutir, Roma 1694, pp Suiia direzione principale di percezione della basilica sull'asse longitudinale, e su ponte S. Angelo come luogo migliore per ottenerla, ibidem, p. Fig. 6 - S Pzetro, zl prolungamento dz Maderno e le alte lanterne dez cupolznz ovalz delle navate lateralz dal tamburo della cupola grande

8 Fig. 7 - S. Pietro, riepilogo delle fasi costruttive della fabbrica di Maderno (elaborazione del disegno dell'ufficio Tecnico della Fabbrica di S. Pietro pubbl. in La Basilica di S. Pietrb a cura di C. Pietrangeli, Romd 1989, pp ). 1) tomba di S. Pietro, 2) baldacchino e altare della Confessione, 3) Confessio~e, 4) cappella. 5) cappella Gregorianà, 6) cappella di S. Michele, 7) cappella della Madonna della Colonna, 8) cappella del Coro, 9) cappella della Sacresti4 l C$ campanzle+ord, l l) campanqe~ud; il tratto nero continuo indica il perimetro della basilica costantiniana, il tratto epunto i suoi alliaeamenti rispetts al prolungamento di Maderno; l& righe larghe inclinate verso destra la crociera iniziata da Bramante nel 1506 e proseguita fino a Giacomo della Porta (t1602), il quadrettato diagonale fitto la facciata di Maderno ( ), le righe diagonali fitte verso sinistra i muri perimetrali del prolungamento ( l), il quadrettato diagonale largo le navate e le cupolette ovali ( , le righe diagonali larghe verso sinistra il. campanile nord ( ), il tratteggio largo verso sinistra il campanile sud ( ), il tratteggio fitto verso destra la Confessione ( ) Per l'idea di Fontana di demolire la cosiddetta spina di Borgo Vecchio per ottenere tale percezione, ibidem, pp , Sul fatto che tale idea fosse già nel progetto di Maderno per la facciata di S. Pietro, A. ROCA DE AMICIS, Maderno a S. Pietro e la ricezione di Michelangelo nel primo Sezcento, in questo volume. (4) La notizia è in un awiso del 22 marzo 1608: <&'intende per cosa certa che Nostro Signore habbia pensiero di fare una nuova strada dda piazza di San Pietro, o più tosto dalla guglia, verso la porta delli Cavalli Leggieri et perfino sopra Santo Honofrio verso la vigna de signori Lanti, che sarà di molta ricreatione per andare a spasso, massime quando vi sarà condotta l'acqua di Bracciano" (BAV, Urb. lat. 1076, C. 206~1, pubbl. in J. A. F. ORBAAN, Documenti, cit., pp ). E forse legato a questa notizia il disegno di Orazio Torriani per una nuova strada da ponte Sisto alla mostra dell'acqua Paola (in BAV, Archivio del Capitolo di S. Pietro in Vaticano, arm. 981, con il tracciato della strada che traversava piazza S. Pietro da nord a sud, e proseguiva a intersecare i'altra strada più nota desiderata da Paolo V da Ponte Sisto al Gianicolo: v. L. SPEZZAFERRO - M. TAFURI, Via Giulia, Roma 1973, p. 519 epassim; A. ROCA DE AMICIS, Studi SU Città e Architettura nella Roma di Paolo VBorghese, in «Bollettino del Centro di Studi per la Storia deil'architettura», 31, 1984, pp. 14,20 nota 15. (5) Cfr. C. FONTANA, Templum, cit., pp. 202, Per un riassunto delle opinioni negative dei contemporanei sulla facciata di Maderno, E. FRAN- CIA, Storia (1989), cit., pp , con bibl. (6) Per la cronologia dell'intero cantiere del pro- lungamento dal 1605 al 1622, H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp ; inoltre cfr. C. FONTANA, Templum, cit., pp (7) H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp passim, e , fig. 50. (8) Cfr. A. ROCA DE AMICIS, Maderno, cit., in questo volume. (9) H. HIBBARD, Carlo Mademo, cit., pp (10) La medaglia del 1608 di Paolo Sanquirico è nella Biblioteca Apostolica Vaticana (d'ora in poi BAV), Medagliere (pubbl. in H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., fig. 51a; Tesori vaticani, cit., pp. 122, 171). (11) Londra, Victoria and Albert Museum, E 321/1937, Talman Collection, 92-D-46 (pubbl. in H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., fig. 52b). (12) Ibidem, p (13) Sui progetti della facciata e dei campanili di Maderno, oltre a ibidem, pp , v. anche CH. THOENES, Studien zur Geschzchte des Peterspkztzes, in «Zeitschrift fur Kunstgeschichte», 26, 1963, pp ; H. THELEN, Francesco Borromini, Die Handzeichnungen, vol. I, Graz (14) I1 pavimento attuale della basilica in marmi policromi su un unico livello, che sostituiva il precedente in mattoni - quest'dtimo nella sola navata nuova e con un gradino in corrispondenza della giunzione con la vecchia - fu realizzato da Bernini per Innocenzo X Pamphilj per il giubileo del 1650 insieme a nuove decorazioni della navata; su tutto ciò da ultimo v. M. CAPERNA, Materiali e colore nell'ordine architettonico interno della basilica di S. Pietro da Michelangelo a Bernini, in questo volume. In part. sul cantiere della navata di Maderno, H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp. 72, ; E. FRANCIA, Storza (1989), cit., p. 109 ss. (15) Potrebbe riferirsi già a questi campanili la decisione di Paolo V del 5 settembre 1612: «Domenica il Pontefice I...] se ne passò a San Pietro, [...l dando ordine di principiare li due campanili disegnati: una di qua et l'altra di là daiia facciata, che nella parte inferiore se li potrà passar sotto et faranno parere la facciata più larga et più proporzionata alla grandezza del tempio vecchio, fatto secondo l'architettura di Michelangelo Bonaroti» (BAV, Urb. lat. 1080, C. 549v, pubbl. in J. A. F. ORBAAN, Documenti, cit., p. 205); cfr. E. FRANCLA, StoM (1989), cit., p (16) H. HIBBARD, Carlo Mademo, cit., pp (17) Ma per un diverso giudizio dei contemporanei sugli scopi figurativi dei campanili, v. la nota * (18) Nonostante la stessa bipartizione in verticale, il progetto di campanili di Martino Ferrabosco, per esempio, seguirà modi diversi, con pareti articolate da angoli smussati, paraste e pesanti semicolonne, a dare corpo a un senso di plasticità altrimenti assente nelle gracili edicole di Maderno. Cfr. A. Mu~oz, Martino Ferrabosco architetto, in «Vita d'arte», 7, 1911, pp ; G. BELTFAMI, Martino Fewabosco architetto, in «L'Arte», 29, 1926, pp Una veduta del progetto di Ferrabosco per la piazza e per i campanili di S. Pietro nella BAV (Cicognara.X.3690) ha soluzioni parzialmente diverse da quelle nell'analoga veduta a Berlino, (Kunstbibliotek, 3840) e nella pianta a Firenze (Uffizi 263A): v. Tesorz vaticani, cit., pp. 66, 101. (19) Cfr. H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp e figg. 71c, 72a-d, 73a-h. (20) Sul contributo degli architetti lombardi deli'dtimo quindicennio del Cinquecento - soprattutto Domenico Fontana, zio di Maderno, e Flaminio Ponzio - al primo Barocco romano, v. G. DE ANGE- LIS D'OSSAT, La vicenda architettonica del Manierismo, in Atti del XW Congresso di Storza dell'architettura, Padova 1972, pp , ora in ID., Realtà dell'architettura. Apporti alla sua storia, , a cura di L. Marcucci e D. Imperi, Roma 1982,II, pp , in part. pp. 1041, 1045, 1051; R. WITTKOWER, Arte e Architettura in Italia, ,

9 S.. s CL a 2 r r w v-mu,wo 'ww Jytc~w il Tempia W.,.%.., - Fig. 8 - Carlo Fontana, la facciata di S. Pietro e la stratigrafia del terreno sottostante, La retta GG indica il limite obliquo superiore delle marne vaticane; le lettere D-E i resti del circo neroniano; le K il saggio a pozzo di Maderno per indagare la consistenza del terreno in corrispondenza delle fondazioni del campanile sud; le F i pali di sottofondazione della facciata fino al banco delle marne (da C. Fontana, Templum , fig. a p. 255).

10 Fig. 9 - Rotonda di S.-Andrea, poi cb.ziesa di S. Maria della Febbre, sezione verso ovest (da F. Cancellieri, De secretariis,basiiicae Vaticanae veteris ac'&vae, Roma 1786, 111, tau. V, pubbl. in F. Castagnoli, I1 Vaticano, 1992, tau. XXIX, fig. 50). Torino 1972, pp ; A. ROCA DE AMICIS, Studi, cit., pp , 49, 65-66; G. SPAGNESI, Pellegrino Tibaldi e la cultura architettonica romana tra Cinque e Seicento, in «Arte Lombarda», 94-95, 1990, pp , in part. p. 88. (21) Istruttione per gli architetti che haveranno a inventare la mutatione dell'ornato della facnata di S. Pietro, s.d. ma post 1613 (AFSP, 1" piano, serie la, v01 13, n. 1); è possibile, ma da verificare, che questo bando sia all'origine di alcuni progetti degli ultimi anni del pontificato Borghese per la trasformazione della facciata di S. Pietro in chiave michelangiolista: su di essi e sulla loro datazione, A. ROCA DE AMICIS, Maderno, cit., in questo volume; cfr. inoltre C. FON- TANA, Templum, cit., pp (22) Wolfenbuttel, Herzog August Bibliotek, cod. Guelf: 136 Extrav., f. 27r (pubbl. in H. HIBBARD, Carlo Madeno, cit., fig. 53b); per il pagamento di venti scudi a Giuseppe Ciseri «da buon conto del tetto che fa nella piazza di S. Pietro vicino da guglia per semtio di scalpellini» - a sinistra nel disegno - v. AFSP, 1" piano, serie 4", vol. 13,29 aprile (23) Per la cronologia del cantiere della facciata, H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp ; per le trasformazioni successive, cfr. AFSP, 2" piano, serie 10", vol. 18, ff (Facciata, descrizzone dei rifacimentz da farsi secondo Carlo Marcbionni, 1771). (24) I1 contratto per la demolizione della Dataria Apostolica è del luglio-settembre 1607 (AFSP, 1" piano, serie 8a Armadi, vol. 183, ff. 58v-66; ibidem, serie la, voi. 368, ff , (25) H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp , 180. (26) I capitolati per gli scalpellini «nella parte che si fa di nuovo per di fuora quanto tiene la facciata» sono del gennaio 1611 (AFSP, 1" piano, serie la, vol. 13, n. 3). L'appalto per i travertini della facciata era stato concesso 1'8 maggio 1609 a Giovanni t : Bellucci e Matteo Pellegrini, che nel 1613 presentarono i primi conti (AFSP, 1" piano, serie la, vol. 17, n. 36; 1" piano, serie 8 Armadi, vol. 185, f. 56, vol. 193, f. 2, vol. 195, f. 8). La prima colonna del portico viene innalzata 1'1 ottobre 1610 (AFSP, 1" piano, serie 8 Armadi, vol. 195, ff. 98v-102, 103v-108). (27) È noto che prima e durante il cantiere del prolungamento dal 1605 al 1613, oltre a lavori vari nel coro e negli altri bracci della crociera, Maderno aveva eseguito sistemazioni dell'interno della chiesa, tra le quali nel 1606 il baldacchino sull'altare maggiore (H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp , (28) Prima di tutto questo vi fu forse un momento in cui si pensò di rendere definitivo il collegamento tra la basilica costantiniana e la crociera michelangiolesca: v. L. RICE, La coesistenza delle due basiliche, in questo volume. Al convegno la Rice riferì di lavori cospicui nella navata costantiniana eseguiti mentre Maderno elaborava i disegni per il prolungamento che li avrebbe cancellati di lì a poco. Ma l'asse longitudinale della basilica costantiniana aveva andamento diverso da quello della navata nuova di almeno un grado verso nord (fig. 7). Considerato, come ricordavo prima, lo scalpore causato dalla facciata fuori asse rispetto a cupola e obelisco, non è da credere possibile una soluzione che avrebbe reso ancora maggiore la divergenza soprattutto agli occhi di quanti, come il pontefice, la sua cerchia - e, per esempio, Carlo Fontana - erano, per mentalità, alla ricerca di allineamenti perfetti. È forse possibile spiegare la discrepanza tra i due fatti col ritenere che Paolo V sia stato il depositario principale - se non l'unico - delle proposte di Maderno, in modo indipendente dalla curia senza interrompere la vita quotidiana della basilica; e col supporre che, mentre Maderno elaborava le sue idee, altri spingessero in direzioni diverse, non necessariamente coincidenti con quelle desiderate dal pontefice. È esemplare di un modo di procedere simile a questo (che vedeva in papa Alessandro VI1 il vero progettista delle decorazioni interne di S. Pietro disegnate da Bernini), quanto illustrato al convegno da E. Sladek (La collezione dei disegni di Alessandro VII, C;ommo Artefice" e storiografo di S. Pietro, sempre in questo volume). (29) Sul campanile di Bernini, C. FONTANA, Templum, cit., pp , , Per un riassunto della vicenda, con la precedente bibl., F. QUINTERIO, Campanili della basilica dis. Pietro a Roma, , in F. BORSI, Bernini architetto, Milano 1980, pp Sempre sul campanile sud realizzato, v. anche AFSP, 2" piano, serie 11 Armadi, vol. 72, ff (Campanile demolito. Elenco degli enti e delle persone alle quali sono stati venduti i travertini e i marmi, 23 marzo settembre 1662). (30) GIO. DE ANGELIS D'OSSAT, La geologia del monte Vaticano, Città del Vaticano 1953, p. 21 e tav. VI; cfr. C. FONTANA, Templum, cit., pp , , , (31) Sui resti del circo neroniano, v. da ultimo F. CASTAGNOLI, Il Vaticano nell'antichità, Città del Vaticano 1992, p. 65 ss. (32) Sui continui ritrovamenti d'acqua nello scavo delle fondazioni della facciata e del prolungamento e sui tentativi di prosciugarla, C. FONTANA, Templum, cit., p. 289; E. FRANCIA, Storia (19891, cit., pp. 112, 122, 131, 137 e passim. I capitolati per l'appalto dei lavori degli spiccati dei campanili sono del 3 dicembre 1616 (AFSP, 1" piano, serie la, vol. 18, n. 1). I1 12 gennaio 1613 Giorgio Staffetta fu pagato per lo scavo delle fondazioni del campanile nord verso il Palazzo Apostolico (AFSP, 1" piano, serie 4", voi. 20, ff. 100, 13,27, 107). Per le contabilità del cantiere del campanile sud dal 1618 al 1621, v. AFSP, 1" piano, serie 8 Armadi, voll ; 1" piano, serie la, voi. 18, nn. 2, 10, 20, 21, 24-33, aprile 1622 la Congregazione della Fabbrica emise il bando per i lavori di scalpellino per le facciate laterali dei campanili!afsp, 2" piano, serie 11 Armadi, vol. 250, f. 221). E testimone dell'inaffidabilità del terreno nella zona anche la supplica al papa del 18 febbraio 1619 dell'arciconfraternita del Campo Santo Teutonico, che ricorda come lo scavo delle fondazioni del campanile sud avesse provocato lesioni nella volta e nelle mura della chiesa della nazione tedesca (AFSP, 1" piano, serie 2", voi. 9, f. 496). (33) Sulla Confessione di Maderno, realizza$* nel oltre a C. FONTANA, Templum, cit., p. 95, v. H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp , Misure e stime di questi lavori sono nell'afsp, 1" piano, serie la, vol. 3, nn ; 1" piano, serie 4", vol. 21, f. 579 ss. (34) F. CASTAGNOLI, Il Vaticano, cit., p. 65 ss. (35) 1608, settembre 18: «Misura della cappella della madonna della febre et chase che stavano sopra alle cappelle di muri et conci buttati a basso da mastro Bartolomeo da Castrona e mastro Bartolomeo Lucchese compagni per fare il fondamento della facciata nuova di S. Pietro, misurato da me Cosimo Ghetti soprastante della suddetta fabrica [...l» (AFSP, 1" piano, serie l", vol. 368, ff. 261r-264~). (36) Ibidem, f. 2630: «Per colonne n. 10 che stavano intorno alle cappelle della chiesa con sua basa e chapitello e cimasetta sopra et piedistalli, scudi 10s. Un avviso del 27 marzo 1610 informa poi dell'esistenza nella rotonda di altri manufatti antichi rimossi da Maderno: «Li 6 quadri di pittura chiaroscuro grandi, messi in opera in dette essequie [di Giovanni Battista Borghese in S. Maria Maggiore], sono stati portati al palazzo di Borghese, ove è stato portato anco un bellissimo pilo o sia sepoltura di marmo d'imperatori, come si crede, trovato già sotto la cappella della Febre in San Pietro» (BAV. Urb. lat. 1078, pubbl. in J.A.F. ORBAAN, Dommenti, pp ,

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

La cupola sbagliata di Michelangelo

La cupola sbagliata di Michelangelo La cupola sbagliata di Michelangelo Repubblica 15 maggio 2008 pagina 50 sezione: CULTURA La «sì bella e terribil machina», la cupola di San Pietro secondo le parole di Giorgio Vasari che decantò il progetto

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO

LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO Come sempre, prima delle uscite didattiche relative al progetto Roma in tasca, le maestre Nina e Ornella ci parlano della

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

Durante la grande persecuzione contro i cristiani di Nerone del 64 d.c., che ebbe come scenario il circo di

Durante la grande persecuzione contro i cristiani di Nerone del 64 d.c., che ebbe come scenario il circo di LA BASILICA DI SAN PIETRO Durante la grande persecuzione contro i cristiani di Nerone del 64 d.c., che ebbe come scenario il circo di Caligola, San Pietro subì il martirio, crocifisso e deposto in Vaticano,

Dettagli

Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014

Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014 Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014 Arte in Italia tra Quattrocento e Settecento Nel secondo semestre, il 17 ottobre 2013, avrà inizio il Corso di Storia dell Arte Moderna, (12 CFU), indirizzato

Dettagli

Roma. Visita guidata a. A Roma con Agoal. all udienza generale di Papa Francesco. dal 28 al 30 Ottobre 2014. www.agoal.it.

Roma. Visita guidata a. A Roma con Agoal. all udienza generale di Papa Francesco. dal 28 al 30 Ottobre 2014. www.agoal.it. A Roma con Agoal Visita guidata a Roma dal 28 al 30 Ottobre 2014 Roma, cuore della cristianità cattolica, e unica città al mondo a ospitare al proprio interno uno stato straniero, è la città con la più

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

LA CAPPELLA PAOLINA. Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato

LA CAPPELLA PAOLINA. Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato LA CAPPELLA PAOLINA Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato L avventura dei restauri interni alla Cappella Paolina, voluta dal Pontefice Paolo III Farnese e denominata

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche La Veranda La sala interna della Veranda dispone solitamente di 13 tavoli che possono ospitare da due a dodici persone con possibili diverse sistemazioni a Vostra scelta. Potete scegliere il tavolo a voi

Dettagli

Cinquecento Michelangelo Scultura

Cinquecento Michelangelo Scultura Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, Pietà, 1497-1499. Marmo, altezza 174 cm, larghezza 195 cm. Roma, Basilica di San Pietro. 1 Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, David, 1501-1504.

Dettagli

A Venezia, tutta rivolta al mare e all Oriente, dove estendeva sempre più la sua potenza, l architettura nei secoli XI e XII rispecchiò vivamente le

A Venezia, tutta rivolta al mare e all Oriente, dove estendeva sempre più la sua potenza, l architettura nei secoli XI e XII rispecchiò vivamente le Dagli episodi ravennati e dal loro confronto con l architettura a Costantinopoli è emerso che mentre l occidente romano nell ultima tappa della sua evoluzione, Ravenna, ha portato coerentemente fino alle

Dettagli

BERNINI E BORROMINI. Rivalità e Trionfo del Barocco

BERNINI E BORROMINI. Rivalità e Trionfo del Barocco BERNINI E BORROMINI Rivalità e Trionfo del Barocco Introduzione BERNINI BORROMINI Nascita: Napoli/1598 Figlio di scultore (Pietro Bernini) Impara l arte dal padre Grande talento artistico Personalità estroversa

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

Basilica di San Pietro

Basilica di San Pietro INDICE 1. Basilica di San Pietro 2. Roma del Caravaggio 3. MAXXI Museo 4. Castel Romano Designer Outlet 5. Roma sotterranea 6. Roma Imperiale 7. Musei Vaticani& Cappella Sistina 8. Ostia Antica 9. Palazzo

Dettagli

Percorsi bibliografici

Percorsi bibliografici Percorsi bibliografici nelle collezioni della Biblioteca del Senato Biblioteca del Senato Giovanni Spadolini 2003 Il Palazzo e la Galleria Doria Pamphilj 2013 10ANNI DI APERTURA AL PUBBLICO Il Palazzo

Dettagli

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante Esempi di restauro architettonico Francesco Morante L Arco di Tito L Arco di Tito è uno dei primi e più famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. L arco era stato costruito nel

Dettagli

6. Duomo. 7. Ospedale degli Innocenti. 8. Sacrestia Vecchia e S. Lorenzo. 9. Santa Croce Cappella Pazzi. 10. Rotonda di S. Maria degli Angeli

6. Duomo. 7. Ospedale degli Innocenti. 8. Sacrestia Vecchia e S. Lorenzo. 9. Santa Croce Cappella Pazzi. 10. Rotonda di S. Maria degli Angeli 6. Duomo 7. Ospedale degli Innocenti 8. Sacrestia Vecchia e S. Lorenzo 9. Santa Croce Cappella Pazzi 10. Rotonda di S. Maria degli Angeli 11. S. Spirito 12. Palazzo Pitti 17. Progetto di palazzo Medici

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

La Corsia delle Donne dell Ospedale del SS. Salvatore iuxta Lateranum

La Corsia delle Donne dell Ospedale del SS. Salvatore iuxta Lateranum Serie "I quaderni storici" n. 3 Ultimo aggiornamento aprile 2015 U.O.C. Impianti Tecnologici La Corsia delle Donne dell Ospedale del SS. Salvatore iuxta Lateranum di CINZIA MARTINI (Storico dell'arte,

Dettagli

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia VISTE ESTERNE Prima del restauro - Prospetto Ovest Dopo il restauro - Prospetto Ovest Prima del restauro - Prospetto Sud Sagrestia Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia Prima del restauro - Ingresso

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Lot 201: Paolo V. Paolo V. Sommo Pontefice 1605-1621. Camillo Borghese di Roma. Completamento della Cappella Paolina del... Estimate: 500 CHF Lot unsold Lot 202: Paolo V. Paolo V. Sommo Pontefice 1605-1621.

Dettagli

L ARCHITETTURA PALEOCRISTIANA E BIZANTINA

L ARCHITETTURA PALEOCRISTIANA E BIZANTINA L ARCHITETTURA PALEOCRISTIANA E BIZANTINA L architettura paleocristiana e bizantina Per architettura paleocristiana si intende l architettura dei primi edifici religiosi dell era cristiana. Essa si sviluppa

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

I disegni in pianta, sezione e prospetto

I disegni in pianta, sezione e prospetto I disegni in pianta, sezione e prospetto Alcuni disegni tratti da: M. Canciani, I disegni di progetto costruzioni, tipi e analisi, cap.1 il processo geometrico Città Studi edizioni, Novara 2009, ISBN 978-88-251-7331-4

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

I COLLI DI ROMA - I. L AVENTINO DAL RINASCIMENTO A OGGI ARTE E ARCHITETTURA a cura di Mario Bevilacqua e Daniela Gallavotti Cavallero

I COLLI DI ROMA - I. L AVENTINO DAL RINASCIMENTO A OGGI ARTE E ARCHITETTURA a cura di Mario Bevilacqua e Daniela Gallavotti Cavallero I COLLI DI ROMA - I L AVENTINO DAL RINASCIMENTO A OGGI ARTE E ARCHITETTURA a cura di Mario Bevilacqua e Daniela Gallavotti Cavallero CLAUDE LORRAIN. Veduta ideale dell Aventino. Disegno (1656). Londra,

Dettagli

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE SETTORE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA SERVIZIO BENI MONUMENTALI Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE 1) Localizzazione I locali ex Bazzi occupano parte del piano

Dettagli

E8. Il rilievo materico e del degrado

E8. Il rilievo materico e del degrado Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in ingegneria Edile A.A. 2014/2015 E8. Il rilievo materico e del degrado Corso Integrato di CONOSCENZA DEL COSRUITO STORICO Modulo di FONDAMENTI DI RESTAURO

Dettagli

FOTO DEL LAZIO. "Colosseo", in origine conosciuto col nome di "Anfiteatro Flavio" (foto miste).

FOTO DEL LAZIO. Colosseo, in origine conosciuto col nome di Anfiteatro Flavio (foto miste). FOTO DEL LAZIO Roma: come allora, ancora "caput mundi"... (parte I delle foto) Pini alla fermata della metropolitana "Anagnina" (nella prima foto) / "Piazza della Repubblica" (nella seconda foto) / "Teatro

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE ANCO MARZIO, ROMA INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO STORIA DELL ARTE

LICEO CLASSICO STATALE ANCO MARZIO, ROMA INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO STORIA DELL ARTE INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO Arte dell età paleocristiana: - catacombe di Roma: struttura, temi della pittura, sarcofagi - schema della basilica a Roma (S. Pietro) e Ravenna (S. Apollinare, S.

Dettagli

R O M A Archeologica, Cristiana, Barocca

R O M A Archeologica, Cristiana, Barocca Associazione culturale Bareggese Via Don Biella 2 Bareggio (MI) P. IVA : 07178300963 www.numtuccinsema.it L associazione culturale Bareggese P r o p o n e T o u r d i c i n q u e g i o r n i R O M A Archeologica,

Dettagli

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma.

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. ROMA IMPERIALE Incontro dei partecipanti con le guide davanti all ingresso principale del Colosseo -13.00

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Sergio LAGOMARSINO Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni,dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Genova sergio.lagomarsino@unige.it

Dettagli

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Adele Mormino Lina Bellanca Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Cantieri oggetto di applicazione del programma SICAR: Albergo dei Poveri Arsenale della Real Marina

Dettagli

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso Cattedrale de Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Address: Piazza dell Obradoiro City: Santiago de Compostela Region: Galizia Country: Spagna

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

Associazione Culturale. I Gatti del Foro

Associazione Culturale. I Gatti del Foro Associazione Culturale I Gatti del Foro L Associazione I Gatti del Foro propone alle scuole medie inferiori una serie di visite guidate concepite per gli alunni delle classi 1ª, 2ª e 3ª. L intento è quello

Dettagli

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it G.C.M. (Gruppo Camperisti Malnate) Associazione di promozione sociale - Piazza Fratelli Rosselli Malnate C.F. 95069620128 Sito Email www.gruppocamperistimalnate.it gruppocamperistimalnate@gmail.com FIRENZE

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura 2009 ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO TOR VERGATA ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO DELL AREA

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

UN PERCORSO TRA SENSORIALITÀ E FRAMMENTI

UN PERCORSO TRA SENSORIALITÀ E FRAMMENTI UN PERCORSO TRA SENSORIALITÀ E FRAMMENTI La passeggiata si svolge, attraverso i rioni di Campo Marzio, Colonna e Pigna, nel cuore barocco di Roma. Il punto di partenza è la piazza di San Lorenzo in Lucina.

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

Breve storia del corsivo

Breve storia del corsivo Breve storia del corsivo A cura di Monica Dengo Il modello di scrittura spiegato nell articolo Come imparare a scrivere meglio, ha origine nelle scritture del Rinascimento. Queste ultime si possono sommariamente

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI CLASSE TERZA TURISMO Libro di testo: Itinerario nell arte vol. 1, a cura di Cricco e Di Teodoro. 1) Il problema della creazione artistica. La definizione di arte. 2) Il mondo primitivo e le prime manifestazione

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

ITINERARIO 5 1) Sepolcro a dado

ITINERARIO 5  1) Sepolcro a dado ITINERARIO 5 L ingresso all area archeologica è sul lato destro di via dell Arco di Travertino, a poca distanza dalla via Appia Nuova; nel parco è visibile un tratto di ca 450 metri dell antica via Latina,

Dettagli

51 ristrutturazione delle scritte sotto l'altare della Madonna del Rosario, e che alcuni affreschi della chiesa cinquecentesca furono lasciati dietro il nuovo altare maggiore: ancora oggi, dietro l'altare

Dettagli

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE 1 PREMESSA Nella elaborazione del presente piano Cimiteriale, redatto ai sensi dell articolo 6 del Regolamento Regionale n.6 in data 09.11.2004

Dettagli

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA Restauro e ripristino con miglioramento sismico Responsabile unico del procedimento: Progetto architettonico: Progetto strutturale: Arch. Rossella Cadignani

Dettagli

Offerta in ITALIANO. Italia. Arte e Cultura BRONZINO ARTE ARTE ARTE. by TuscanyAll. firenze

Offerta in ITALIANO. Italia. Arte e Cultura BRONZINO ARTE ARTE ARTE. by TuscanyAll. firenze Arte e Cultura Italia BASSA STAGIONE 2010/2011 Luoghi da scoprire, appuntamenti con la cultura, vernissage... cosa vedere a Firenze in Autunno Roma: Musei Vaticani e Cappella Sistina Siena e il Chianti

Dettagli

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte IL GOTICO L Inghilterra Cattedrale di Ely, le volte GOTICO INGLESE L Inghilterra aveva stretti contatti con la Normandia poichè era stata conquistata dai Normanni nel 1081 Attraverso questa via arrivò

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

Centro tedesco-giapponese ad Amburgo

Centro tedesco-giapponese ad Amburgo Progetti Igor Maglica von gerkan, marg und partner Centro tedesco-giapponese ad Amburgo Planivolumetrico. Nella pagina a fianco: l edificio giapponese. Vista del fronte sud con il ponte storico in primo

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

BIOGRAFIA GIORGIO TORRACA

BIOGRAFIA GIORGIO TORRACA BIOGRAFIA GIORGIO TORRACA Padova 11/9/1927 Roma 25/09/2010 Laurea in Chimica, Università di Roma, Ottobre 1950 Master of Science, Case Institute of Technology, Cleveland, Ohio Giugno 1953 Lavoro di ricerca

Dettagli

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo.

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. 1 Descrizione morfologica e tipologica Villa de Bellat è posizionata all interno di una vasta area agricola, situata in destra

Dettagli

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE Per ogni superficie trasparente presente sulle facciate degli edifici è possibile costruire una maschera

Dettagli

C1 2 C2 C3 S2 1 5 CPT1 9 S1 3 C4 8 CPT2 6 4 7 PIANTA DI RIFERIMENTO INDAGINI 1) Basilica 2) Edificio del Palladio 3) Edificio di A. Selva 4) Edificio di epoche diverse 5) Edificio di epoche diverse 6)

Dettagli

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas Via P. Togliatti n 14 09099 URAS (OR) Cell. 3492973068 OGGETTO: LAVORI DI COSTRUZIONE LOCULI CIMITERIALI -progetto definitivo-esecutivo- COMMITTENTE: COMUNE DI URAS ELABORATO: 1) Relazione Tecnica Illustrativa

Dettagli

Istituto alberghiero Belliard, Parigi

Istituto alberghiero Belliard, Parigi Progetti Elisabetta Pieri bret & trividic Istituto alberghiero Belliard, Parigi Nella pagina a fianco: corte interna: il lato sud. FOTOGRAFIE J. P. Monthiers La sede dell istituto alberghiero Belliard

Dettagli

KAPPAZETA AKTIV CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI

KAPPAZETA AKTIV CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI 2013 Consolidamento fondazioni di un edificio di culto sito nel Comune di ROCCABIANCA (PR). KAPPAZETA S.P.A. ha consolidato e stabilizzato con la collaborazione dell Impresa Bolsi le fondazioni della Chiesa

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

Cattedrale 1976-1991. Vieste (Foggia) Consolidamento di una colonna della navata. Pianta della chiesa con indicazione delle varie fasi costruttive.

Cattedrale 1976-1991. Vieste (Foggia) Consolidamento di una colonna della navata. Pianta della chiesa con indicazione delle varie fasi costruttive. Cattedrale 1976-1991 Vieste (Foggia) Consolidamento di una colonna della navata. Introduzione Il centro storico di Vieste, la città più orientale del Gargano, è situato sul dosso roccioso che domina l

Dettagli

BERNINI E LA NUOVA ROMA. Pearson Italia

BERNINI E LA NUOVA ROMA. Pearson Italia L'artista dei papi Autoritratto, olio su tela, 53x43 cm, 1638 ca. Roma, Galleria Borghese. Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 - Roma 1680), è considerato già alla sua epoca l'architetto, lo scultore e il

Dettagli