QUADERNI DELL'ISTITUTO DI STORIA DELL' ARCHITETTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNI DELL'ISTITUTO DI STORIA DELL' ARCHITETTURA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA "LA SAPIENZA QUADERNI DELL'ISTITUTO DI STORIA DELL' ARCHITETTURA DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARCHITETTURA, RESTAURO E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI NUOVA SERIE, FASCICOLI ( ) L'ARCHITETTURA DELLA BASILICA DI SAN PIETRO STORIA E COSTRUZIONE ATTI DEL CONVEGNO INTERNAZIONALE DI STUDI ROMA, CASTEL S. ANGELO, 7-10 NOVEMBRE 1995 A CURA DI GIANFRANCO SPAGNESI BONSIGNORI EDITORE 1997

2 O Copyright 1997 by Bonsignori Editore s.r 1. Viale dei Quattro Venti, Roma ISBN ISSN Direttore: Gianfranco Spagnesi. Direttore responsabile: Francesco Paolo Fiore. Consiglio scientifico: Sandro Benedetti, Corrado Bozzoni, Arnaldo Bruschi, Giovanni Carbonara, Paolo Fancelli, Francesco Paolo Fiore, Vittorio Franchetti Pardo, Gaetano Miarelli Mariani, Stefano Ray, Hilda Selem Arangio Ruiz, Giorgio Simoncini, Gianfranco Spagnesi, Claudio Tiberi. Comitato direttivo: Sandro Benedetti, Corrado Bozzoni, Arnaldo Bruschi, Giovanni Carbonara, Alessandro Curuni, Mario Dal Mas, Gabriella Esposito Quaroni, Paolo Fancelli, Francesco Paolo Fiore, Vittorio Franchetti Pardo, Antonino Gallo Curcio, Fausta Gualdi Sabatini, Romano Jodice, Gaetano Miarelli Mariani, Anna Maria Orazi, Stefano Ray, Paolo Rocchi, Hilda Selem Arangio Ruiz, Maria Piera Sette, Giorgio Simoncini, Gianfranco Spagnesi, Claudio Tiben, Giorgio Torraca, Valter Vannelli, Alberto White. Redazione: Maurizio Caperna (coordinatore), Flavia Cantatore. Grafca e impaginazione: Fabiola Cinque Per la corrispondenza: Dipartimento di Storia dell'architettura e Conservazione dei Beni Architettonici, Piazza Borghese Roma Tel. O fax). Autorizzazione del Tribunale di Roma n del I1 presente fascicolo è stampato con il parziale contributo del C.N.R. e dell'università di Roma "La Sapienza" Informazioni su abbonamenti e distribuzione: Bonsignori Editore, Viale dei Quattro Venti 47 - Roma - Tel. O Finito di stampare nel mese di ottobre 1997 dalla Grafica Ripoli - via Paterno - Villa Adriana - Tivoli --

3 Fig. 1 - S Pzetro, la facczata dz Maderno parzzalmente nascosta dal bracczo destro del cdwnato bernznzano venendo da porta Angelzca. :. - CARLO MADERNO IN S. PIETRO: NOTE SUL PROLUNGAMENTO DELLA BASILICA VATICANA -i di PIERO SPAGNESI Un cenno alle fonti per avviare il discorso, soprattutto perché il S. Pietro di Maderno è ancora sconosciuto. Howard Hibbard ha dimostrato ampiamente la necessità di analizzare i documenti dell'immane cantiere di Paolo V; ma da allora quei documenti non hanno più ricevuto attenzioni, possibili solo con analisi sistematiche che travalicavano gli scopi di questo lavoro (l). E il tema meriterebbe anche altri tipi di indagine, possibili solo con un rilievo architettonico della fabbrica (2). Per quanto mi riguarda, darò solo un cenno delle potenzialità di questi documenti e della realtà costruita, ai fini di storia architettonica della basilica nel primo trentennio del Seicento. A chi entrasse nell'ovato berniniano da Porta Angelica, percorrendone l'asse trasversale guardando il Gianicolo, alla fine del XVII secolo la facciata di S. Pietro appariva quasi nascosta dal basso colonnato tuscanico in curva, che ne esaltava il valore di parete altissima (3) Vig. I). Questa direzione trasversa - secondaria rispetto all'asse ponte S. Angelo-basilica, ma pensata anche per allineare le due fontane con i giardini in pendio della Villa Barberini e col Gianicolo - realizzava un'idea del tempo di Paolo V (4) e allo stesso tempo contri- buiva a risolvere la mancanza di corrispondenza tra l'asse mediano della facciata e la cupola e l'obelisco sistini con l'evitarlo a priori: un argomento particolarmente sentito già nel pontificato Borghese se, come narrano le cronache, davanti alla facciata appena finita, non centrata con la lanterna della cupola e con l'obelisco, furono manifestate forti perplessità (5). Nel 1605 le intenzioni nell'ambiente della Congregazione della Fabbrica erano di concludere la pianta centrale michelangiolesca col realizzarne il quarto braccio a est (6). Consapevole di questi desideri, Maderno rappresentò nel

4 Fig. 2 - La pianta del progetto di Maderno per il completamento di S. Pie- Fig. 3 - Matteo Greuter, la pianta del progetto definitivo di Maderno tro forse presentata al concorso del ; a tratto continuo e a tratteg- per il prolungamento di S. Pietro, 1613; a tratto continuo e a tratteggio gli assi principali della composizione (Firenze, Uffizi 264 Ar, da H. gio gli assi principali della composizione (da H. Hibbard, Carlo Hibbard, Carlo Maderno..., 1971, fig. 54). Maderno..., 1971, fig. 59~). disegno Uffizi 264 Ar - forse il suo primo progetto noto per la fabbrica petriana (7) - un organismo giustapposto a quello esistente, con spazi alternativi piuttosto che complementari, articolati esternamente in forma scalare a restringersi via via dal fondo della chiesa verso la facciata (fig. 2). Nel progetto erano comprese anche due grandi cappelle rettangolari distinte dal resto dal frapporsi di una sorta di atrii interni. Gli spazi erano inoltre organizzati su due assi ortogonali di valore quasi paritetico. In particolare, quello trasversale era concluso da cappelle a fondo piatto fiancheggiate da coppie di cappelle a pianta circolare negli angoli in posizione di secondo piano. In corrispondenza dell'asse la distanza tra i pilastri delle navate era maggiore di quelle dei vani adiacenti, per giunta in parte schermati da coppie di colonne nel loro spessore. Una facciata con un atrio per tutta la lunghezza del piano terra concludeva la fabbrica verso la piazza, introducendo un ulteriore asse trasversale. I1 disegno non sembra dare particolari indicazioni per eventuali campanili, e le due scale a chiocciola nel mezzo del prolungamento non sono sufficenti neppure a formulare ipotesi sulla loro possibile consistenza. Già da questo primo momento le scelte di Maderno erano sostanzialmente estranee alle consuetudini figurali degli architetti romani, al tempo fortemente intrisi di michelangiolismo: consuetudini cui l'architetto ticinese non aderirà mai (8), tanto che, anche nella soluzione realizzata, il prolungamento della basilica fu configurato con esiti che si potrebbero definire soprattutto lombardi. Non è un caso se tutte le proposte dell'architetto provocarono sempre il forte disappunto di quanti, come il cardinale Maffeo Barberini, veneravano il celeberrimo fiorentino, figura ormai mitica (9). Tornando ai progetti e alla fabbrica, anche nella medaglia di fondazione del prolungamento del 1608 la facciata è priva di campanili: anche qui essa è infatti raffigurata più stretta della navata retrostante e sempre di larghezza minore delle grandi cappelle rettangolari ai lati del quarto braccio davanti aile cappelle Clementina e Gregoriana (10). E neppure il disegno a Londra nella collezione Talman, riconosciuto relativo a un. momento posteriore, forse l'inizio del 1609 (Il), documenta idee più tarde per i campanili (12), giacché forse raffigura ancora una volta solo le cupole della Clementina e della Gregoriana, arretrate rispetto alla facciata e vicine alla cupola grande, piuttosto che torri campanarie avanzate. Del resto, anche un'ultima soluzione per la facciata (in una lunetta nei Palazzi Vaticani affrescata da Giovanni Battista Ricci nel 1611), nonostante sia stato indicato il suo possibile legame con i progetti precedenti (13), non credo sia per il momento riconducibile a una successione di eventi chiara: in conclusione, le vicende dell'ideazione del prolungamento di S. Pietro hanno ancora molti lati oscuri; non fa meraviglia se, quando fu decisa la realizzazione dell'insieme, ancora non esistevano scelte definitive per i campanili. A prescindere dai pochi dati superstiti sulla sequenza dei progetti, il testimo-

5 ne migliore delle scelte finali è l'edificio. Dopo gli esiti del concorso del 1605, l'interruzione del quarto braccio e l'abbandono dello schema a croce greca in favore di quello a croce latina furono determinanti, in Maderno, per dare prevalenza all'asse longitudinale della fabbrica fig. 3). Così, la soluzione di continuità tra crociera e prolungamento - scomparso l'arco trionfale al fondo dell'abside est che era nel disegno Uffizi 264 Ar (fig. 2) - fu affidata a soluzioni altre, ma sempre tali da lasciar distinguere il vecchio e il nuovo. Fu impiegato un risalto tra volte a botte della crociera e della navata, la sua continuazione sulle pareti verticali e, a terra, una differenza di quota tra il pavimento vecchio (più alto) e nuovo (più basso e di materiale diverso) (14) (fig. 4). Inoltre, altezza e larghezza della parte aggiunta furono incrementate di una piccola quantità forse anche per realizzare quasi una riduzione prospettica della preesistenza -al fondo lungo l'asse longitudinale. Benché in maniera meno significativa di quella vista nel disegno Uffizi 264 Ar, per l'ampliamento fu individuato un asse trasverso normale alla sua metà, con due cappelle, atte a realizzare nuovamente una dilatazione trasversa dello spazio per via del loro approfondimento fino alle pareti d'ambito (fig. 3). E mentre tutti gli interassi dei pilastri tra le navate erano mantenuti uguali, solo le cappelle negli angoli erano meno profonde di quelle sull'asse trasversale: davanti a quelle anteriori erano pilastri in funzione di schermi che quasi ne nascondevano l'interno; e analoghi pilastri nella stessa posizione lasciavano appena intravedere la vastità degli interni delle cappelle del Coro e della Sagrestia verso la cupola. Nel prospetto fatto incidere da Matteo Greuter per Paolo V nel 1613, Maderno raffigurò quella che forse è la facciata definitiva del prolungamento con i campanili d'angolo (15) (fig. 5). Dicevo prima di gusti lombardi nell'opera dell'architetto ticinese. A differenza delle proposte di quanti in seguito si cimentarono sul tema dei campanili di S. Pietro, Maderno propose qui due edicole esili, svettanti dalla possente fascia dell'attico e intimamente legate all'ordine architettonico sottostante. Impiegò lo stesso schema utilizzato in S. Susanna (16), realizzandolo con colonne giganti quasi libere dalla parete articolata in sette piani verticali sempre più sporgenti dai bordi verso il centro; al sommo una trabeazione, con un frontone sui quattro piedritti centrali. Inoltre, riprendendo le fattezze del rivestimento michelangiolesco, egli pose ai due estremi paraste sporgenti che preludevano alle colonne a tutto tondo e prolungavano a terra le semicolonne d'angolo delle edicole campanarie. Queste avevano il compito di contenere, per così dire, l'espandersi della dimensione orizzontale della facciata sottolineando proprio la scomposizione in piani verticali (17) senza però entrare in competizione con essa: le altezze sommate della serliana timpanata e della sovrastante lanterna fino alla croce terminale di ogni edicola erano infatti quasi uguali a quella di tutto l'ordine gigante compreso l'attico (18). E sembra di vedere analoghi modi lombardi nelle fattezze del ciborio sulla tomba di S. Pietro, oggi noto solo in disegni (19), e nelle lanterne delle cupolette ovali ai lati della navata maggiore, forse ancora quelle del tempo di Paolo V Cfig 6). Dal tamburo della cupola grande, queste svettano dalla copertura che ne nasconde quasi completamente le calotte, e sono testimonianza di uno spirito molto diverso da quello che guidava Giacomo Della Porta oltre cinquant'anni prima per modellare i volu- Fig. 4 - S. Pietro, sezione longitudinale (da F. Buonanni, Numismata ~ontificum..., Roma 1696;pubbl. in H. tlibbard, Carlo Maderno..., 1971, 65b). hzg. TAR1 LA 7- SC'fCI"C'0llb.t PEtlf-I ììlizvf.a7lc JIA il?!t,% CI-U AC"I'l T 4 86 P \ i i? PAt'LJ 1*

6 RAPPRfSlXLAT.A CON 1.F S\'E hll c\'nf l>l\ul.r, Ul<!III avgflabd(n*1ti in F-\MOI1JSIYO i-,<< P," <,,.%O I.I",X<i,,?.i.#\!I" 9 % 7 UViI,,...~ <,%>i \ PARTE fatm %A CUE COYTfEh Ul <ahlo UAIIIPII Fig. 5 - Matteo Greuter, la facciata con campanili del progetto definitivo di Maderno per il prolungamento dis. Pietro, 1613 (da H. Hibbard, Carlo Maderno..., 1971,fig. 54). mi sodi delle cupole della Clementina e della Gregoriana. La stessa esaltazione di altezze è anche negli interni del prolungamento dove, se l'orizzontalità è comunque marcata dalla gigantesca volta a botte Vig.?), è anche vero che la maggiore dimensione in elevato rispetto alle preesistenze è segnalata con forza proprio dal risalto in corrispondenza della crociera, dalla differenza di quota tra pavimenti e soprattutto dal ritmo più serrato di tutte le superfici verticali, ottenuto con la riduzione del muro tra le due lesene di ogni pilastro a una striscia molto sottile Vig. 4). Ma gli esiti diversi da quelli michelangiolisti nell'opera dell'architetto ticinese (20) e proprio la sua tendenza a usare proporzioni slanciate e giustapposizioni di parti (piuttosto che superfici, spazi e volumi scolpiti in profondità) sono testimoniati indirettamente anche dal fatto che, appena finita la facciata nel 1613, all'interno della Congregazione della Fabbrica esisteva già l'idea di modificarla: in un bando di concorso redatto in un momento imprecisato, forse di poco successivo a quella data, c'è infatti la volontà di realizzare un'invenzione per aumentare la larghezza delle aperture al piano terra verso la piazza, delle finestre del mezzanino e di quelle della Loggia delle Benedizioni, sentite troppo alte e non confacenti - è detto esplicitamente - a quello che appariva un muro possente articolato da semicolonne gigantesche (2 1) Vig. 5). L'andamento della fabbrica, seguito attraverso la contabilità dei lavori, e qualche nota veduta indirizzano verso altri temi. Un disegno a Wolfenbuttel, del 1611 circa, dà un'immagine della basilica a tre anni dall'awio del cantiere, con la facciata costruita fino al colmo degli archi del piano terra all'altezza delle finestre dei mezzanini. È significativo che internamente, tra le murature grezze del fronte est della crociera e la facciata in costruzione, non sia visibile nulla del prolungamento (22). Ciò non è casuale, e sembrerebbe che il procedere degli avvenimenti fosse il seguente (23). Dopo la decisione di Paolo V di completare la demolizione della basilica paleocristiana e annessi (quadriportico, campanile, Dataria apostolica, etc.) e di estendere la navata nuova oltre la facciata vecchia, il prolungamento fu impostato a partire dal portico per proseguire verso l'interno in direzione della cupola Cfig. 7). Ho già detto che la realizzazione del quarto braccio della crociera tra la fine del 1606 e l'inizio del 1607 fu sospesa e che fu abbattuto quanto appena fatto; poi, alla fine di settembre del 1607, furono awiate le demolizioni in corrispondenza della facciata nuova (24), e all'inizio di novembre del 1609 il getto delle fondazioni di collegamento tra questa e il lato nord della crociera (25). Ma ciò avvenne solo dopo la demolizione di tutti i resti della basilica di Costantino, mentre proseguiva la costruzione degli spiccati della facciata (26). Maderno inviò a Paolo V la pianta e il prospetto della basilica completata nel 1613 pgg. 3, 5), mentre venivano innalzate le centine della grande volta al piano terra del portico e le fondazioni dei muri perimetrali verso la Clementina e la Gregoriana non erano ancora completate. Di lì a poco furono eseguiti gli archi trionfali delle cappelle e stavano per essere awiate le cupolette ovali sulle navate minori e l'armatura della volta a botte sulla navata grande. E tra il 1615 e il 1618 fu costruita anche la Confessione sotto la cupola, forse già progettata nel (27): Alla morte-di Paolo V nel 1621 non esisteva il coronamento dei due estremi della facciata a causa dei problemi alle fondazioni d'angolo (28) Cfig. 7). Proprio il procedere del cantiere dalla facciata verso la cupola fu all'origine delle note e complesse vicende della sospensione dei lavori ai campanili,< soprattutto degli smottamenti che causarono la demolizione di quello di Gianlorenzo Bernini (29). Tutto ciò avvenne perché, così come già detto da Carlo Fontana nel 1694, vista la consistenza del terreno, l'inclinazione da nord verso sud del banco di marne plioceniche vaticane dove poggiava la facciata di Maderno causava l'inevitabile scivolamento verso valle dell'acqua della falda tra le marne in questione e gli strati sovrastanti, per via del suo raccogliersi in un compluvio proprio sotto il campanile sud (30) (fig. 8). La situazione era aggravata dal fatto che qui erano anche i resti del cosiddetto circo di Nerone, in terra ma comunque tale da costituire un punto di discontinuità notevole nella resistenza delle terre di fondazione (3 I). Tutti questi fatti furono d'importanza capitale per l'andamento della fabbrica già al tempo di Maderno; tanto che, quando fu decisa la costruzione dei

7 campanili, i lavori furono awiati sul solo lato nord, fonte di problemi assai minori (32) Cfig. 7). Per concludere, un ultimo spunto di ricerca. Ho detto che l'opera di Carlo Maderno in S. Pietro è in parte ancora sconosciuta (33). Un esempio per tutti: la rotonda di S. Andrea, poi chiesa della Madonna della Febbre, così com'è rappresentata da Francesco Cancellieri prima della sua demolizione per lasciare spazio alla sagrestia settecentesca di Carlo Marchionni, era forse anch'essa opera dell'architetto ticinese (34) (fig. 9). Sempre dalle contabilità apprendiamo infatti che, quando furono awiate le demolizioni dell'antica basilica nel 1608, Maderno fece asportare dalla rotonda ordini architettonici con cornici, capitelli e basi (35). Anche senza indicarne la posizione esatta, i documenti affermano che essi erano intorno alle cappelle affacciate sul vano centrale (36). È possibile, così, che oltre alle fat-. sezze esterne dell'edificio, visto che le demolizioni riguardarono anche fabbricati sovrapposti all'estradosso della copertura, anche le interne, con la cupola a ombrello dalle nervature su mensole, forse non erano lavoro imperiale del I1 secolo d.c. ma creazione austera del primo decennio del Seicento. NOTE (l) Sui lavori in S. Pietro al tempo di Paolo V ( ) è sempre fondamentale H. HTBBARD, Carlo Maderno and Roman Architecture , London 1971, pp , , conla precedente bibl. che richiamerò solo per casi particolari. Inoltre, v. H. EGGER, Carlo Madernos Projekt fur den Vorplatz von San Pietro in Vaticano, (~Romische Forschungen herausgegeben von der Biblioteca Hertziana», VI), Leipzig 1928; N. CAFLISCH, Carlo Maderno, Munchen 1934: C. SCACCIA SCARAFONI. Prime critiche e proposte di modificazioni alla parte della basilica vaticana costruita dal Maderno, in «Roma», 6, 1941, pp ; U. DONATI, Carlo Maderno architetto ticinese a Roma, Lugano 1957; A. MUNOZ, Il primo architetto barocco: Carlo Maderno, in «L'Urbe», 20, 1957, pp. 1-10; C. GALASSI PALUZZI, LA basilica dis. Pietro, Bologna 1975; A. S<:HIAVO, Sull'opera di Carlo Maderno in San Pietro, in «Lunario romano», X, 1981, pp ; M. BELTRAMME, Ilprogetto di Carlo Maderno per la fachta e la piazza di San Pietro in Roma, in «Storia dell'arte», 56, 1986, pp ; A. ANDANTI, Un disegno rainaldiano per la fachta di S. Pietro ( ), in Architettura e prospettiva tra inediti e rari, Firenze 1987, pp ; Tesorivaticani 2000 anni di arte e di cultura in Vaticano e in Italia, catalogo della mostra di Roma, a cura di G. Morello, Milano 1993, pp ,171. Non ho potuto utilizzare, perché questo lavoro era ormai in bozza, A. SPERANDTO, Note d'archivio circa il controllo della stabilità della facciata di S. Pietro in Vaticano, in «Palladio», ns. 17,1996, pp (2) Sulle fonti d'archivio per la storia della basilica - oltre a H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp , per una panoramica delle risorse disponibili - v. J. A. F. ORBAAN, Der Abbruch Alt-Sankt-Peters , Berlin 1919; ID., Documentisul Barocco a Roma, Roma 1920, ad indicem; E. FRANCIA, , Storia della costruzione del nuovo S. Pietro, Roma 1977; M. BASSO, I privilegi e le consuetudini della Reverenda Fabbrica di San Pietro in Vaticano, Roma 1988; E. FRANCIA, Storia della costruzione del nuovo S. Pietro da Michelangelo a Bernini, Roma Gli 89 volumi della contabilità principale dei lavori di Carlo Maderno in S. Pietro dal 1603 al 1629 (tra l'altro utilizzati solo in pane da Hibbard) sono nell'iirchivio della Fabbrica di S. Pietro in Vaticano (d'ora in poi AFSP), 1" piano, serie ga Armadi, voll A questi vanno aggiunti gli analoghi documenti nell'afsp: 1" piano, serie la, vol. 368 (spese del cantiere per gli anni 1605,1608,1635); 1" piano, serie 4", vol. 13 (Libro dei mandzti di pagamento per gli operai del 1610). Per i memoriali della Congregazione della Fabbrica dal 1603 al 1629, AFSP, 1" piano, serie 10", vol. 7 ( ); 1" piano, serie la, vol. 544 ( ); 1" piano, serie 2", voll. 62, ( ); 1" piano, serie 2", voll. 8 ( ), 9 (1619), 10 ( ), (1622), 13 (1623), 14 (1624), (1625), 17 (16161, 18 ( ), 19 (1628),20(1629); ibidem, 2" piano, serie l", voll. 108 ( ),109( ). Ringrazio S.E.R. monsignor Virgilio Noè, presidente della Congregazione della Fabbrica di San Pietro, per avermi concesso di accedere all'archivio. I1 rilievo architettonico della basilica è in via di completamento a cura di una equipe guidata dal prof. Giuseppe Rocchi della Facoltà di Architettura dell'università degli Studi di Firenze. (3) Su questa possibile direzione di percorrenza della piazza berniniana, C. FONTANA, Templum Vaticanum et ipsius origo cum aedificiis maxime conspicuis antiquitus, et recens ibidem constitutir, Roma 1694, pp Suiia direzione principale di percezione della basilica sull'asse longitudinale, e su ponte S. Angelo come luogo migliore per ottenerla, ibidem, p. Fig. 6 - S Pzetro, zl prolungamento dz Maderno e le alte lanterne dez cupolznz ovalz delle navate lateralz dal tamburo della cupola grande

8 Fig. 7 - S. Pietro, riepilogo delle fasi costruttive della fabbrica di Maderno (elaborazione del disegno dell'ufficio Tecnico della Fabbrica di S. Pietro pubbl. in La Basilica di S. Pietrb a cura di C. Pietrangeli, Romd 1989, pp ). 1) tomba di S. Pietro, 2) baldacchino e altare della Confessione, 3) Confessio~e, 4) cappella. 5) cappella Gregorianà, 6) cappella di S. Michele, 7) cappella della Madonna della Colonna, 8) cappella del Coro, 9) cappella della Sacresti4 l C$ campanzle+ord, l l) campanqe~ud; il tratto nero continuo indica il perimetro della basilica costantiniana, il tratto epunto i suoi alliaeamenti rispetts al prolungamento di Maderno; l& righe larghe inclinate verso destra la crociera iniziata da Bramante nel 1506 e proseguita fino a Giacomo della Porta (t1602), il quadrettato diagonale fitto la facciata di Maderno ( ), le righe diagonali fitte verso sinistra i muri perimetrali del prolungamento ( l), il quadrettato diagonale largo le navate e le cupolette ovali ( , le righe diagonali larghe verso sinistra il. campanile nord ( ), il tratteggio largo verso sinistra il campanile sud ( ), il tratteggio fitto verso destra la Confessione ( ) Per l'idea di Fontana di demolire la cosiddetta spina di Borgo Vecchio per ottenere tale percezione, ibidem, pp , Sul fatto che tale idea fosse già nel progetto di Maderno per la facciata di S. Pietro, A. ROCA DE AMICIS, Maderno a S. Pietro e la ricezione di Michelangelo nel primo Sezcento, in questo volume. (4) La notizia è in un awiso del 22 marzo 1608: <&'intende per cosa certa che Nostro Signore habbia pensiero di fare una nuova strada dda piazza di San Pietro, o più tosto dalla guglia, verso la porta delli Cavalli Leggieri et perfino sopra Santo Honofrio verso la vigna de signori Lanti, che sarà di molta ricreatione per andare a spasso, massime quando vi sarà condotta l'acqua di Bracciano" (BAV, Urb. lat. 1076, C. 206~1, pubbl. in J. A. F. ORBAAN, Documenti, cit., pp ). E forse legato a questa notizia il disegno di Orazio Torriani per una nuova strada da ponte Sisto alla mostra dell'acqua Paola (in BAV, Archivio del Capitolo di S. Pietro in Vaticano, arm. 981, con il tracciato della strada che traversava piazza S. Pietro da nord a sud, e proseguiva a intersecare i'altra strada più nota desiderata da Paolo V da Ponte Sisto al Gianicolo: v. L. SPEZZAFERRO - M. TAFURI, Via Giulia, Roma 1973, p. 519 epassim; A. ROCA DE AMICIS, Studi SU Città e Architettura nella Roma di Paolo VBorghese, in «Bollettino del Centro di Studi per la Storia deil'architettura», 31, 1984, pp. 14,20 nota 15. (5) Cfr. C. FONTANA, Templum, cit., pp. 202, Per un riassunto delle opinioni negative dei contemporanei sulla facciata di Maderno, E. FRAN- CIA, Storia (1989), cit., pp , con bibl. (6) Per la cronologia dell'intero cantiere del pro- lungamento dal 1605 al 1622, H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp ; inoltre cfr. C. FONTANA, Templum, cit., pp (7) H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp passim, e , fig. 50. (8) Cfr. A. ROCA DE AMICIS, Maderno, cit., in questo volume. (9) H. HIBBARD, Carlo Mademo, cit., pp (10) La medaglia del 1608 di Paolo Sanquirico è nella Biblioteca Apostolica Vaticana (d'ora in poi BAV), Medagliere (pubbl. in H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., fig. 51a; Tesori vaticani, cit., pp. 122, 171). (11) Londra, Victoria and Albert Museum, E 321/1937, Talman Collection, 92-D-46 (pubbl. in H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., fig. 52b). (12) Ibidem, p (13) Sui progetti della facciata e dei campanili di Maderno, oltre a ibidem, pp , v. anche CH. THOENES, Studien zur Geschzchte des Peterspkztzes, in «Zeitschrift fur Kunstgeschichte», 26, 1963, pp ; H. THELEN, Francesco Borromini, Die Handzeichnungen, vol. I, Graz (14) I1 pavimento attuale della basilica in marmi policromi su un unico livello, che sostituiva il precedente in mattoni - quest'dtimo nella sola navata nuova e con un gradino in corrispondenza della giunzione con la vecchia - fu realizzato da Bernini per Innocenzo X Pamphilj per il giubileo del 1650 insieme a nuove decorazioni della navata; su tutto ciò da ultimo v. M. CAPERNA, Materiali e colore nell'ordine architettonico interno della basilica di S. Pietro da Michelangelo a Bernini, in questo volume. In part. sul cantiere della navata di Maderno, H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp. 72, ; E. FRANCIA, Storza (1989), cit., p. 109 ss. (15) Potrebbe riferirsi già a questi campanili la decisione di Paolo V del 5 settembre 1612: «Domenica il Pontefice I...] se ne passò a San Pietro, [...l dando ordine di principiare li due campanili disegnati: una di qua et l'altra di là daiia facciata, che nella parte inferiore se li potrà passar sotto et faranno parere la facciata più larga et più proporzionata alla grandezza del tempio vecchio, fatto secondo l'architettura di Michelangelo Bonaroti» (BAV, Urb. lat. 1080, C. 549v, pubbl. in J. A. F. ORBAAN, Documenti, cit., p. 205); cfr. E. FRANCLA, StoM (1989), cit., p (16) H. HIBBARD, Carlo Mademo, cit., pp (17) Ma per un diverso giudizio dei contemporanei sugli scopi figurativi dei campanili, v. la nota * (18) Nonostante la stessa bipartizione in verticale, il progetto di campanili di Martino Ferrabosco, per esempio, seguirà modi diversi, con pareti articolate da angoli smussati, paraste e pesanti semicolonne, a dare corpo a un senso di plasticità altrimenti assente nelle gracili edicole di Maderno. Cfr. A. Mu~oz, Martino Ferrabosco architetto, in «Vita d'arte», 7, 1911, pp ; G. BELTFAMI, Martino Fewabosco architetto, in «L'Arte», 29, 1926, pp Una veduta del progetto di Ferrabosco per la piazza e per i campanili di S. Pietro nella BAV (Cicognara.X.3690) ha soluzioni parzialmente diverse da quelle nell'analoga veduta a Berlino, (Kunstbibliotek, 3840) e nella pianta a Firenze (Uffizi 263A): v. Tesorz vaticani, cit., pp. 66, 101. (19) Cfr. H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp e figg. 71c, 72a-d, 73a-h. (20) Sul contributo degli architetti lombardi deli'dtimo quindicennio del Cinquecento - soprattutto Domenico Fontana, zio di Maderno, e Flaminio Ponzio - al primo Barocco romano, v. G. DE ANGE- LIS D'OSSAT, La vicenda architettonica del Manierismo, in Atti del XW Congresso di Storza dell'architettura, Padova 1972, pp , ora in ID., Realtà dell'architettura. Apporti alla sua storia, , a cura di L. Marcucci e D. Imperi, Roma 1982,II, pp , in part. pp. 1041, 1045, 1051; R. WITTKOWER, Arte e Architettura in Italia, ,

9 S.. s CL a 2 r r w v-mu,wo 'ww Jytc~w il Tempia W.,.%.., - Fig. 8 - Carlo Fontana, la facciata di S. Pietro e la stratigrafia del terreno sottostante, La retta GG indica il limite obliquo superiore delle marne vaticane; le lettere D-E i resti del circo neroniano; le K il saggio a pozzo di Maderno per indagare la consistenza del terreno in corrispondenza delle fondazioni del campanile sud; le F i pali di sottofondazione della facciata fino al banco delle marne (da C. Fontana, Templum , fig. a p. 255).

10 Fig. 9 - Rotonda di S.-Andrea, poi cb.ziesa di S. Maria della Febbre, sezione verso ovest (da F. Cancellieri, De secretariis,basiiicae Vaticanae veteris ac'&vae, Roma 1786, 111, tau. V, pubbl. in F. Castagnoli, I1 Vaticano, 1992, tau. XXIX, fig. 50). Torino 1972, pp ; A. ROCA DE AMICIS, Studi, cit., pp , 49, 65-66; G. SPAGNESI, Pellegrino Tibaldi e la cultura architettonica romana tra Cinque e Seicento, in «Arte Lombarda», 94-95, 1990, pp , in part. p. 88. (21) Istruttione per gli architetti che haveranno a inventare la mutatione dell'ornato della facnata di S. Pietro, s.d. ma post 1613 (AFSP, 1" piano, serie la, v01 13, n. 1); è possibile, ma da verificare, che questo bando sia all'origine di alcuni progetti degli ultimi anni del pontificato Borghese per la trasformazione della facciata di S. Pietro in chiave michelangiolista: su di essi e sulla loro datazione, A. ROCA DE AMICIS, Maderno, cit., in questo volume; cfr. inoltre C. FON- TANA, Templum, cit., pp (22) Wolfenbuttel, Herzog August Bibliotek, cod. Guelf: 136 Extrav., f. 27r (pubbl. in H. HIBBARD, Carlo Madeno, cit., fig. 53b); per il pagamento di venti scudi a Giuseppe Ciseri «da buon conto del tetto che fa nella piazza di S. Pietro vicino da guglia per semtio di scalpellini» - a sinistra nel disegno - v. AFSP, 1" piano, serie 4", vol. 13,29 aprile (23) Per la cronologia del cantiere della facciata, H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp ; per le trasformazioni successive, cfr. AFSP, 2" piano, serie 10", vol. 18, ff (Facciata, descrizzone dei rifacimentz da farsi secondo Carlo Marcbionni, 1771). (24) I1 contratto per la demolizione della Dataria Apostolica è del luglio-settembre 1607 (AFSP, 1" piano, serie 8a Armadi, vol. 183, ff. 58v-66; ibidem, serie la, voi. 368, ff , (25) H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp , 180. (26) I capitolati per gli scalpellini «nella parte che si fa di nuovo per di fuora quanto tiene la facciata» sono del gennaio 1611 (AFSP, 1" piano, serie la, vol. 13, n. 3). L'appalto per i travertini della facciata era stato concesso 1'8 maggio 1609 a Giovanni t : Bellucci e Matteo Pellegrini, che nel 1613 presentarono i primi conti (AFSP, 1" piano, serie la, vol. 17, n. 36; 1" piano, serie 8 Armadi, vol. 185, f. 56, vol. 193, f. 2, vol. 195, f. 8). La prima colonna del portico viene innalzata 1'1 ottobre 1610 (AFSP, 1" piano, serie 8 Armadi, vol. 195, ff. 98v-102, 103v-108). (27) È noto che prima e durante il cantiere del prolungamento dal 1605 al 1613, oltre a lavori vari nel coro e negli altri bracci della crociera, Maderno aveva eseguito sistemazioni dell'interno della chiesa, tra le quali nel 1606 il baldacchino sull'altare maggiore (H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp , (28) Prima di tutto questo vi fu forse un momento in cui si pensò di rendere definitivo il collegamento tra la basilica costantiniana e la crociera michelangiolesca: v. L. RICE, La coesistenza delle due basiliche, in questo volume. Al convegno la Rice riferì di lavori cospicui nella navata costantiniana eseguiti mentre Maderno elaborava i disegni per il prolungamento che li avrebbe cancellati di lì a poco. Ma l'asse longitudinale della basilica costantiniana aveva andamento diverso da quello della navata nuova di almeno un grado verso nord (fig. 7). Considerato, come ricordavo prima, lo scalpore causato dalla facciata fuori asse rispetto a cupola e obelisco, non è da credere possibile una soluzione che avrebbe reso ancora maggiore la divergenza soprattutto agli occhi di quanti, come il pontefice, la sua cerchia - e, per esempio, Carlo Fontana - erano, per mentalità, alla ricerca di allineamenti perfetti. È forse possibile spiegare la discrepanza tra i due fatti col ritenere che Paolo V sia stato il depositario principale - se non l'unico - delle proposte di Maderno, in modo indipendente dalla curia senza interrompere la vita quotidiana della basilica; e col supporre che, mentre Maderno elaborava le sue idee, altri spingessero in direzioni diverse, non necessariamente coincidenti con quelle desiderate dal pontefice. È esemplare di un modo di procedere simile a questo (che vedeva in papa Alessandro VI1 il vero progettista delle decorazioni interne di S. Pietro disegnate da Bernini), quanto illustrato al convegno da E. Sladek (La collezione dei disegni di Alessandro VII, C;ommo Artefice" e storiografo di S. Pietro, sempre in questo volume). (29) Sul campanile di Bernini, C. FONTANA, Templum, cit., pp , , Per un riassunto della vicenda, con la precedente bibl., F. QUINTERIO, Campanili della basilica dis. Pietro a Roma, , in F. BORSI, Bernini architetto, Milano 1980, pp Sempre sul campanile sud realizzato, v. anche AFSP, 2" piano, serie 11 Armadi, vol. 72, ff (Campanile demolito. Elenco degli enti e delle persone alle quali sono stati venduti i travertini e i marmi, 23 marzo settembre 1662). (30) GIO. DE ANGELIS D'OSSAT, La geologia del monte Vaticano, Città del Vaticano 1953, p. 21 e tav. VI; cfr. C. FONTANA, Templum, cit., pp , , , (31) Sui resti del circo neroniano, v. da ultimo F. CASTAGNOLI, Il Vaticano nell'antichità, Città del Vaticano 1992, p. 65 ss. (32) Sui continui ritrovamenti d'acqua nello scavo delle fondazioni della facciata e del prolungamento e sui tentativi di prosciugarla, C. FONTANA, Templum, cit., p. 289; E. FRANCIA, Storia (19891, cit., pp. 112, 122, 131, 137 e passim. I capitolati per l'appalto dei lavori degli spiccati dei campanili sono del 3 dicembre 1616 (AFSP, 1" piano, serie la, vol. 18, n. 1). I1 12 gennaio 1613 Giorgio Staffetta fu pagato per lo scavo delle fondazioni del campanile nord verso il Palazzo Apostolico (AFSP, 1" piano, serie 4", voi. 20, ff. 100, 13,27, 107). Per le contabilità del cantiere del campanile sud dal 1618 al 1621, v. AFSP, 1" piano, serie 8 Armadi, voll ; 1" piano, serie la, voi. 18, nn. 2, 10, 20, 21, 24-33, aprile 1622 la Congregazione della Fabbrica emise il bando per i lavori di scalpellino per le facciate laterali dei campanili!afsp, 2" piano, serie 11 Armadi, vol. 250, f. 221). E testimone dell'inaffidabilità del terreno nella zona anche la supplica al papa del 18 febbraio 1619 dell'arciconfraternita del Campo Santo Teutonico, che ricorda come lo scavo delle fondazioni del campanile sud avesse provocato lesioni nella volta e nelle mura della chiesa della nazione tedesca (AFSP, 1" piano, serie 2", voi. 9, f. 496). (33) Sulla Confessione di Maderno, realizza$* nel oltre a C. FONTANA, Templum, cit., p. 95, v. H. HIBBARD, Carlo Maderno, cit., pp , Misure e stime di questi lavori sono nell'afsp, 1" piano, serie la, vol. 3, nn ; 1" piano, serie 4", vol. 21, f. 579 ss. (34) F. CASTAGNOLI, Il Vaticano, cit., p. 65 ss. (35) 1608, settembre 18: «Misura della cappella della madonna della febre et chase che stavano sopra alle cappelle di muri et conci buttati a basso da mastro Bartolomeo da Castrona e mastro Bartolomeo Lucchese compagni per fare il fondamento della facciata nuova di S. Pietro, misurato da me Cosimo Ghetti soprastante della suddetta fabrica [...l» (AFSP, 1" piano, serie l", vol. 368, ff. 261r-264~). (36) Ibidem, f. 2630: «Per colonne n. 10 che stavano intorno alle cappelle della chiesa con sua basa e chapitello e cimasetta sopra et piedistalli, scudi 10s. Un avviso del 27 marzo 1610 informa poi dell'esistenza nella rotonda di altri manufatti antichi rimossi da Maderno: «Li 6 quadri di pittura chiaroscuro grandi, messi in opera in dette essequie [di Giovanni Battista Borghese in S. Maria Maggiore], sono stati portati al palazzo di Borghese, ove è stato portato anco un bellissimo pilo o sia sepoltura di marmo d'imperatori, come si crede, trovato già sotto la cappella della Febre in San Pietro» (BAV. Urb. lat. 1078, pubbl. in J.A.F. ORBAAN, Dommenti, pp ,

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1. Fu anco suo creato. L'eredita di Baldasssarre Peruzzi in Antonio Maria Lari e nel figlio Sallustio, Roma, Dedalo Libri, 2002.

1. Fu anco suo creato. L'eredita di Baldasssarre Peruzzi in Antonio Maria Lari e nel figlio Sallustio, Roma, Dedalo Libri, 2002. PUBBLICAZIONI: A. LIBRI: 1. Fu anco suo creato. L'eredita di Baldasssarre Peruzzi in Antonio Maria Lari e nel figlio Sallustio, Roma, Dedalo Libri, 2002. 2. L'architettura a Bologna nel Rinascimento (1460-1550):

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

LA CAPPELLA SISTINA VENTI ANNI DOPO

LA CAPPELLA SISTINA VENTI ANNI DOPO ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI MICHELANGELO BUONARROTI 1564-201 LA CAPPELLA SISTINA VENTI ANNI DOPO NUOVO RESPIRO NUOVA LUCE 30-31 ottobre 2014 auditorium conciliazione via della conciliazione, 4 roma 1994

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Tegola portoghese in cotto AA OMEGA 10. Tegole e coppi in cotto. IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE.

Tegola portoghese in cotto AA OMEGA 10. Tegole e coppi in cotto. IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE. Tegola portoghese in cotto AA IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE. Tegola di punta nella gamma Imerys-copertura, la sua onda molto pronunciata offre un compromesso ideale per i clienti alla ricerca

Dettagli

Archivio Opera Piero Manzoni. Le Linee di Piero Manzoni

Archivio Opera Piero Manzoni. Le Linee di Piero Manzoni Stefano Cappelli Le Linee di Piero Manzoni L'opera nascosta Molti lavori di Piero Manzoni esigono il nascondimento dell opera d arte. E il caso delle Linee, che l artista realizzò in esemplari di diversa

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

L ape nell arte di Bernini

L ape nell arte di Bernini di Renzo Barbattini e Giuseppe Bergamini L ape nell arte di Bernini Si deve al genio di Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 - Roma 1680), mirabile interprete della nuova concezione estetica barocca, la realizzazione

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa.

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa. COPYRIGHT TutiicontenutidelepaginecostituentiilpresentedocumentosonoCopyright 2008.Tutiidiritiriservati. Icontenutiqualiadesempio,cartografie,testi,graficiicone,sonodiesclusivaproprietàdiGeoplans.r.l.esonoprotetidaleleggiitalianeedinternazionalisuldiritod

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Rapporti e Proporzioni

Rapporti e Proporzioni Rapporti e Proporzioni (a cura Prof.ssa R. Limiroli) Rapporto tra numeri Il rapporto diretto tra due numeri a e b, il secondo dei quali diverso da zero, si indica con Ricorda a e b sono i termini del rapporto

Dettagli

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli