IL CASO ITX. DIARIO DI BORDO I protagonisti. A cura del Team Crisis Itx

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CASO ITX. DIARIO DI BORDO I protagonisti. A cura del Team Crisis Itx"

Transcript

1 3. IL CASO ITX DIARIO DI BORDO I protagonisti A cura del Team Crisis Itx Direzione delle Relazioni Esterne di Tetra Pak Homina Comunicazione Relazioni Pubbliche

2

3 3. I PROTAGONISTI

4 Questo Diario di Bordo è una pubblicazione ad uso interno a cura del Team Crisis Itx. I dati e le informazioni riportati in queste pagine sono materiali di documentazione sottoposti al vincolo di riservatezza e non divulgabili senza l autorizzazione del Team. Ogni commento o richiesta di approfondimento rispetto a questo strumento di crisis management sarà altresì gradito.

5 Premessa 7 L Arpam 8 Le Asur di Ascoli e di San Benedetto 8 La Regione Marche 9 Il Corpo Forestale e la Procura di Ascoli Piceno 10 La Procura di Milano 11 Il Ministero della Salute 12 Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 14 Food Standard Agency 15 La Dg Sanco della Commissione europea 16 L Efsa 17 Nestlé 17 Milupa 19 Parmalat, Granarolo, Newlat 20 Tetra Pak 21 Le Associazioni dei consumatori 23 I media 25

6

7 PREMESSA Nel caso Itx sono stati coinvolti numerosi soggetti, dalle Autorità istituzionali e scientifiche ai media, dalle aziende alle Associazioni di consumatori. Questo è accaduto in parte a causa delle dimensioni di grande allarme mediatico assunte dalla vicenda. Tuttavia, a determinare il moltiplicarsi di pareri è stata soprattutto l assenza di una linea di condotta univoca e nello specifico di un autorità unica per la sicurezza alimentare in Italia, che potesse dare risposte definitive sulla vicenda. In conseguenza di ciò, ogni soggetto intervenuto nel merito del caso Itx ha espresso legittime motivazioni nel momento in cui è stato chiamato in causa. È venuto quindi a mancare un giudizio autorevole e super partes in grado di inquadrare alcuni concetti fondamentali: il livello di pericolosità della sostanza, la concentrazione delle tracce di Itx registrate dalle analisi delle Arpa, il confronto con i corrispettivi parametri europei in materia di sicurezza alimentare. È toccato quindi alla Procura di Milano, con la perizia tecnico-scientifica affidata al Professor Garattini, contribuire in maniera decisiva alla conclusione del caso. 7

8 Il caso Itx L ARPAM Tra i compiti dell Arpam, l Agenzia regionale per l ambiente della Regione Marche, c è quello di eseguire le analisi di routine sulla genuinità dei prodotti alimentari, così come previsto dal decreto legislativo 123/93. È in quest ambito che, nel luglio 2005, i laboratori dell ente eseguono i test sul campione di latte Nidina 2 di Nestlè. Adoperando la procedura analitica che serve a rilevare la presenza di idrocarburi policiclici aromatici, il chimico Ernesto Corradetti individua invece nel prodotto tracce di Isopropylthioxantone. È la prima volta che questa sostanza viene rinvenuta in un alimento durante i controlli sanitari. Dopo che il responsabile di laboratorio ha eseguito i test di conferma, il 30 agosto l Arpam invia l esito delle analisi all Asur 13 di Ascoli Piceno (sede territoriale dell agenzia sanitaria unica regionale), alla Nestlé e all assessorato alla Sanità della Regione Marche, come previsto dalla procedura. Da luglio a novembre giungono nei laboratori dell agenzia circa 12 campioni di latte liquido, di cui 10 inviati dalle Asur zone 13 e 12 di Ascoli e San Benedetto del Tronto e due, in ottobre, dal Corpo forestale dello Stato. Ogni qual volta i test riscontreranno la presenza di Itx negli alimenti, l Arpam seguirà questo iter, attivando la procedura di allerta. La seconda allerta partirà l 8 ottobre, e avrà come oggetto il latte di proseguimento Aptamil 2 di Milupa, la terza il 17 ottobre, protagonista ancora il latte Nestlé. Nelle settimane successive arriveranno nei laboratori dell Agenzia numerosi campioni alimentare da analizzare, e gli esami accerteranno altri casi di prodotti con tracce di Itx. Durante tutto questo periodo il chimico Ernesto Corradetti, sarà più volte interpellato dalla stampa sugli esiti delle analisi, ma seppure a domanda diretta, non rilascerà opinioni sulla tossicità dell Itx, né sull opportunità o meno di fermare la distribuzione degli alimenti potenzialmente inquinati 1. LE ASUR DI ASCOLI E DI SAN BENEDETTO Nel registro degli indagati della Procura di Ascoli, che indaga sulle ragioni del ritardo con cui la magistratura è stata informata delle contaminazioni, compaiono i nomi di due dirigenti dell Asur, l Agenzia sanitaria unica regionale. Si tratta di due funzionari dell Asur 12 di San Benedetto del Tronto, e dell Asur 13 di Ascoli Piceno, i quali, ricevuti di volta in volta i risultati che attestavano le contaminazioni, hanno omesso di informare immediatamente l autorità giudiziaria, come invece prescrive il decreto legislativo 123 del Agi, 28 novembre

9 I protagonisti Tra la notizia del primo latte inquinato e la prima informativa di reato, trascorrono infatti due mesi. L Asur 13 riceve i primi di settembre la documentazione che attesta la presenza di Itx nel prodotto Nidina 2, informa del fatto sia la Asl di Ancona che la Usl di Milano. Nell informativa il funzionario aggiunge anche una scheda tecnica sull argomento, nella quale alla voce natura del pericolo, inserisce l aggettivo tossicologico (ma l Istituto superiore di sanità negherà la presenza di dati tossicologici sull Itx il 4 ottobre). Ciononostante, il dirigente non ritiene necessario avvertire l autorità giudiziaria. La ragione di questa decisione, secondo quanto dichiarerà più tardi il funzionario al pubblico ministero Franco Ponticelli, sta nel fatto che l Itx non è classificato come sostanza tossica, dunque non c era un pericolo immediato per la salute pubblica, e la struttura si è mossa nel rispetto dei tempi e delle procedure 2.L Asur 13 resta dunque in attesa delle decisioni della Commissione europea, che sarebbe stata messa al corrente del problema di lì a qualche giorno, e, sempre secondo quanto sostenuto dai dirigenti, si occupa di verificare che la Nestlé ritiri i lotti identificati dai punti vendita (si tratta del primo richiamo aziendale di latte Nidina 2, avvenuto il 6 settembre). L 11 ottobre, quando all Asur 13 vengono recapitati i risultati di altre analisi sul latte Aptamil di Milupa, i funzionari seguono lo stesso iter, informando la Regione Marche e la Usl di Milano. La Regione però stabilisce di sua iniziativa di effettuare un sequestro cautelativo dei prodotti Milupa, e il Corpo forestale dello Stato avvia nuovi controlli. Ed è a questo punto che l Asur di Ascoli decide di inviare alla magistratura l informativa di reato relativa alle analisi su Nestlé. È il 2 novembre; il 12 dello stesso mese l Asur 13 trasmetterà un altra informativa relativa al latte Milupa. Analogo è il comportamento dell Asur 12 di san Benedetto del Tronto che, ricevuto il 17 ottobre l esito delle analisi su nuovi campioni di latte Nestlé dall Arpam, avvia un sequestro nella città di San Benedetto senza informare l autorità giudiziaria competente. L informativa alla Procura di Ascoli Piceno parte il 7 novembre, dopo l arrivo dei risultati su nuovi campioni di latte Nestlé prelevati il 26 ottobre. LA REGIONE MARCHE L assessorato alla Sanità della Regione Marche viene a conoscenza dell esistenza di un lotto Nestlé con tracce di Itx il 30 agosto, e ne informa a sua volta il ministero della Salute, come previsto dalla procedura. Riceve due nuove segnalazioni l 11 ottobre (relativa al latte liquido Aptamil di Milupa) e 2 Picus on line, 23 novembre

10 Il caso Itx il 17 ottobre (relativo a Lattemio e Nidina 2 di Nestlè), procedendo in maniera analoga. Nel frattempo la Commissione europea (nella riunione del 19 settembre con le aziende interessate) ha stabilito che non è necessario eseguire un ritiro dei prodotti coinvolti su scala nazionale, e le analisi dell Istituto superiore di sanità, in una nota del 4 ottobre, hanno negano la presenza di dati tossicologici precisi sull Itx, escludendo per contro rischi genotossici. Il 26 ottobre la Regione avvia comunque un sequestro cautelativo dei prodotti Milupa su tutto il territorio regionale. Un iniziativa presa in totale autonomia e a prescindere da quelle che erano le decisioni degli organi nazionali e comunitari. Come spiegherà in seguito il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca: Dopo due settimane di silenzi abbiamo agito, e il 26 ottobre abbiamo chiesto alle nostre Asur di fare sequestri cautelativi di Aptamil2 e abbiamo avvisato il ministero. Se poi l'itx non risulterà tossico pagheremo noi il conto alla Milupa 3. IL CORPO FORESTALE E LA PROCURA DI ASCOLI PICENO Quando a metà novembre scoppia l allarme Itx, gli agenti del corpo forestale di Ascoli Piceno sono su tutte le prime pagine dei giornali: sono gli autori di una serie di sequestri su scala nazionale che il pm Franco Ponticelli ha ordinato sui latti per l infanzia individuati. Dalle prime indiscrezioni, infatti, sembra che l inchiesta sia nata per caso in seguito a un controllo voluto proprio dalla Forestale, solo più tardi si scoprirà che le cose sono andate diversamente. Gli agenti entrano effettivamente sulla scena il 26 ottobre, giorno in cui la Regione Marche ordina alle Asur i primi sequestri su scala regionale. Quel giorno anche il Corpo forestale dello Stato avvia autonomamente analisi su 16 campioni di prodotti per l infanzia, e, ancora una volta di propria iniziativa, il giorno seguente effettua il sequestro di alcuni prodotti Nestlé in un supermercato di Comunanza, in provincia di Ascoli Piceno. Circa una settimana dopo, sulla base delle informative di reato giunte alla Procura di Ascoli e relative ai latti Nestlé contaminati, il pm di Ascoli Franco Ponticelli apre un fascicolo sul caso, e dispone il 9 novembre i primi cento sequestri giudiziari nella provincia di Ascoli Piceno, che riguardano cinque lotti dei prodotti Nestlé. Il compito di eseguire le ordinanze viene affidato al Corpo forestale. Trascorrono due giorni, e l 11 novembre il decreto di sequestro si estende a tutto il territorio nazionale. 3 Corriere della Sera, 24 novembre

11 I protagonisti Il documento porta la firma di Franco Ponticelli, che lo emette al fine di tutelare la pubblica incolumità dagli effetti nocivi determinati dalla presenza di Itx all interno di latte destinato all alimentazione degli infanti. Il pm ascolano ha infatti aperto un inchiesta, e ha iscritto nel registro degli indagati alcuni dirigenti della multinazionale dell infanzia, per violazione della legge 283/62 sulla genuinità degli alimenti: una serie di prodotti per l infanzia a marchio Nestlé mostrano tracce di un fissante chimico per l inchiostro, l Itx, la cui presenza non è prevista. Quanto alle cause che avrebbero provocato la presenza dell Itx, Ponticelli dichiara ai giornali: Il latte confezionato come prodotto originale è integro. L attenzione è rivolta su un fissatore d inchiostro dell etichetta esterna alla confezione che attraverserebbe l involucro cartaceo 4. È la prima ipotesi, errata, sulle ragioni della migrazione. Il magistrato dispone accertamenti sui meccanismi di produzione e stampigliatura dei contenitori Tetra Pak, ma indaga anche sui ritardi nella comunicazione alla magistratura delle analisi sul latte da parte dei due responsabili delle zone Asur 13 e 12 delle Marche. Secondo il pm, infatti, compito degli organi di tutela di salute pubblica, doveva essere quello di informare l autorità giudiziaria per avviare indagini su altri alimenti, che prevedibilmente presentavano analoga migrazione. Il 22 novembre si diffonde la notizia di una maxioperazione che ha portato al sequestro di 30 milioni di litri latte Nestlé. È uno dei sequestri alimentari più importanti mai avvenuti sul territorio italiano. Sulla base della seconda informativa a carico dei latti Milupa, il 25 novembre la Procura firma il decreto di sequestro su tutto il territorio nazionale di 4 prodotti Milupa con scadenze diverse fino al giugno Vengono iscritti così nel registro degli indagati anche i dirigenti Milupa. Il 15 dicembre l inchiesta viene trasferita per competenza territoriale a Milano, dove hanno luogo le sedi di Nestlé e Milupa. Nel documento che Ponticelli trasmette al collega milanese, sottolinea che appare indispensabile verificare l eventuale tossicità e pericolosità della migrazione del prodotto da Itx, mediante consulenza tecnica tossicologica, posto che non risultano dati scientifici univoci in proposito. Ad Ascoli resta il filone relativo al presunto ritardo nell allerta alimentare. LA PROCURA DI MILANO A Milano l incarico di portare avanti l inchiesta sull Itx viene assegnato al sostituto procuratore milanese Giulio Benedetti, che richiede al farmacologo prof. Silvio Garattini dell Istituto Mario Negri di effettuare la perizia tec- 4 Il Messaggero, edizione di Pesaro, 13 novembre

12 Il caso Itx nica sulla tossicità dell Itx. L esito della perizia viene inviato alla procura di Milano il 26 maggio: secondo l esperto, che ha analizzato le informazioni scientifiche esistenti e le analisi sui prodotti contaminati, la sostanza non è genotossica, e non è da considerarsi pericolosa in termini di tossicità nelle concentrazioni rilevate. Sulla base di questa valutazione, e di altre considerazioni giuridiche, Benedetti invia la richiesta di archiviazione al giudice per le indagini preliminari. Nelle motivazioni della richiesta, il procuratore si sofferma in particolare sul significato giuridico di nocività della sostanza alimentare, il perno su cui si regge l ipotesi di reato. Citando varie sentenze della Cassazione, il pm chiarisce che, perché una sostanza possa essere considerata nociva e la sua presenza possa dare luogo a un reato di pericolo per la salute pubblica, il pericolo cagionato dalla sostanza deve essere concreto e attuale. Per dimostrare l esistenza di un tale pericolo, dunque, la sostanza deve arrecare un danno effettivo, non è sufficiente la mera possibilità che questa possa provocare danni, legata a un differimento più o meno lungo dell immissione al consumo. Nel caso specifico, nota Benedetti, mancano quegli elementi obiettivi di rischio concreto. IL MINISTERO DELLA SALUTE Quando il 2 settembre 2005 la Direzione generale della sanità veterinaria e degli alimenti del ministero della Salute riceve dalla Regione Marche l informativa riguardante il primo lotto di latte Nestlé contaminato, attiva la procedura prevista in questi casi. Pochi giorni dopo, il 7 settembre, invia a Bruxelles l allerta comunitaria, che la Commissione europea accetta a titolo precauzionale. Da Roma, inoltre, parte anche la segnalazione alla Regione Lombardia (dove ha sede Nestlé Italia), a cui spetta il compito di allertare le altre regioni italiane. La procedura di allerta comunitaria sarà ripetuta nel corso dei mesi, ogni qual volta le analisi dell Arpa Marche rileveranno la presenza di Itx nei prodotti alimentari. Dopo l apertura dell inchiesta giudiziaria e i maxisequestri ordinati dalla Procura di Ascoli, il ministero finisce però nell occhio del ciclone, accusato, dalle Associazioni dei consumatori e da alcuni parlamentari dell Opposizione in Parlamento 5 di non avere provveduto direttamente al tempestivo ritiro dei pro- 5 Sulla ragione dei mancati ritiri, si registrano tra gli altri, il 24 novembre, l interpellanza urgente presentata alla commissione Affari sociale della Camera dai deputati Ds Renato Galeazzi, Grazia Labate, Marida Bolognesi, Luigi Giacco, Giuseppe Petrella, Livia Turco e Katia Zanotti; e l interrogazione orale presentata al Senato dai senatori Marina Magistrelli, Roberto Manzione ed Emanuela Baio Dossi della Margherita. 12

13 I protagonisti dotti contaminati, come previsto dalla legge in caso di prodotti pericolosi per la salute umana o animale, mettendo a repentaglio la salute dei cittadini. La linea adottata dal ministro Francesco Storace e dai funzionari del ministero è quella di dimostrare che la responsabilità dei sequestri cautelativi spettava alle singole Regioni e non all autorità centrale. E che, se ritardi ci sono stati, non sono imputabili al ministero ma piuttosto a tutti gli altri attori in gioco. Il giorno del maxisequestro, dall ufficio stampa parte così un comunicato in cui si puntualizza che: il problema è stato rinvenuto grazie ai controlli del sistema sanitario, e il ministero ha attivato l allerta europea; la Commissione europea ha richiesto il parere dell Efsa solo il 14 ottobre; il sequestro dei prodotti oggetto di allerta, stando alla legge, spetta alle Regioni; secondo le regole europee spetta in ogni caso alle aziende produttrici assicurare i requisiti di sicurezza dei prodotti in questione. In tutti i comunicati successivi, le interviste e gli interventi, Storace e i dirigenti del suo dicastero non faranno altro che sostenere questi cinque punti, tralasciando di sottolineare che invece il mancato ritiro dei prodotti dal mercato nazionale è diretta conseguenza del fatto che, in sede comunitaria, la Dg Sanco ha stabilito che non era necessario prendere provvedimenti straordinari. Le dichiarazioni del ministro provocano anche una risposta piccata dell assessore alla Sanità della Regione Marche, Almerino Mezzolani, che risponde a Storace rammentandogli, tra le altre cose, che con le sue parole si appropria di un risultato (vale a dire la scoperta della migrazione) della Regione Marche 6. D altronde, il 26 ottobre, è stata la Regione Marche, e non il ministero, ad avviare i primi ritiri delle confezioni Milupa, quando si è saputo che l azienda non aveva intenzione di togliere dal commercio il suo latte. In risposta alle domande dei consumatori, il Ministero attiva un numero verde per fornire informazioni sui prodotti ritirati, dove nei soli primi due giorni arrivano circa 2000 telefonate. La polemica però s infiamma quando il 23 novembre le agenzie di stampa riportano le affermazioni di Peter Brabeck, numero uno della Nestlé, il quale rivela l esistenza di un accordo tra la sua azienda, il ministero della Salute italiano e la Commissione europea. Che, secondo le rivelazioni di Brabeck, pur essendo a conoscenza del problema da luglio, avrebbero con- 6 La Stampa, 24 novembre

14 Il caso Itx sentito a Nestlé di smaltire le scorte di latte inquinato. Immediata è la reazione del titolare del dicastero, che annuncia querela nei confronti di Brabeck. L intenzione di sporgere denuncia viene confermata anche dopo le scuse immediate del dirigente, che smentisce le sue stesse dichiarazioni. Il 28 novembre un comunicato del Ministero della Salute riprende il pronunciamento provvisorio dell Efsa sulla non pericolosità dell Itx, e annuncia che i primi risultati delle analisi condotte su altri alimenti (succhi di frutta, ecc..) non mostrano la presenza di Itx. Due giorni dopo, il 30 novembre, al Ministero viene convocata ugualmente una riunione tra i responsabili sanitari delle Regioni e delle Province autonome, l Istituto Superiore di Sanità, gli istituti zooprofilattici sperimentali e il Comando carabinieri per la sanità (Nas). Viene predisposto un Piano nazionale di controllo per l Itx, che prevede una raffica di controlli su una serie di prodotti alimentari confezionati in cartoni Tetra Pak. Le tipologie degli alimenti verranno suddivise tra le diverse Arpa regionali, prelievi ed esami saranno invece effettuati dai Nas. A seguito della riunione Storace annuncia dunque nuovi controlli da parte dei Nas sulle confezioni Tetra Pak. E mentre la DG Sanco dirama una nota in cui conferma la non necessità di ritirare i prodotti, una nota stampa ministeriale rileva: Il fatto che l Unione europea non abbia ritenuto di intraprendere misure di ritiro dal mercato dei prodotti coinvolti non significa che non debbano esservi controlli. Ed è quello che il Ministero e le Regioni hanno deciso nella riunione di ieri. Nelle settimane seguenti alle Arpa italiane saranno affidati i controlli di oltre 800 campioni. Il primo dicembre il ministero della Salute bacchetta le aziende Nestlé e Tetra Pak, a seguito di una nota dell Efsa che invitava le due ditte a non spacciare per definitive le prime valutazioni scientifiche sull Itx (diffuse il 24 novembre). Il comunicato è molto duro: le aziende vengono accusate di pubblicità ingannevole. La faccenda però si chiude il 9 dicembre, con il pronunciamento definitivo dell Efsa che scagiona l Itx. Come monito per il futuro, il 24 gennaio il ministero emana una circolare relativa ai materiali e agli oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti. Nella circolare vengono richiamate le leggi sulla sicurezza alimentare, e in particolare vengono sottolineate le singole responsabilità tanto dei produttori di imballaggi quanto delle imprese alimentari. IL MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Il Ministero per le Politiche agricole e forestali inizia ad avere un ruolo attivo nella vicenda Itx solo il 23 novembre. Alla notizia del maxisequestro, 14

15 I protagonisti seguono infatti le dichiarazioni preoccupate del titolare del ministero, Gianni Alemanno, che subito commenta: Oltre a proseguire i controlli, bisognerà cercare subito quali danni possa causare, se usato per un tempo prolungato, il composto chimico che ha contaminato il latte e intervenire con le cure appropriate 7. Alemanno rileva, subito dopo, che il problema interessa non solo l Italia ma tutta Europa, e dichiara l urgenza di un azione a livello comunitario. Piuttosto duro è l atteggiamento del ministro nei confronti delle aziende coinvolte nello scandalo. In un altra intervista definisce l episodio del latte contaminato gravissimo, chiarendo che le responsabilità non sono in alcun modo attribuibili al ministero della Salute, bensì alle imprese produttrici, che avrebbero dovuto immediatamente operare il ritiro dei prodotti 8. Le dichiarazioni del ministro ricevono il plauso delle Associazioni dei consumatori, di cui Alemanno diventa in un certo senso il punto di riferimento. Difatti il primo dicembre la sede del ministero per le Politiche agricole è il teatro del primo incontro tra Tetra Pak e i rappresentanti dei consumatori. Dopo il tentativo di mediazione tra le parti, il ministro continua a seguire la linea dell intransigenza, e il 3 dicembre dice ai giornalisti: La cosa migliore è che tutti i produttori ritirino ogni tipo di prodotto che contiene l inchiostro Itx. Dobbiamo verificare che tutte le produzioni che utilizzano questo tipo di inchiostro non abbiano problemi 9. Trascorsi appena due giorni, Alemanno però si affretta a precisare che sulla vicenda Itx non c è da avere paura, fino al 6 dicembre, quando le agenzie battono questa dichiarazione: sull Itx si rischia di creare allarme mediatico, non bisogna creare panico ma serve un accordo tra consumatori e le imprese produttrici 10. Dopotutto, per l appunto, non c è nulla da temere. FOOD STANDARD AGENCY L allerta sui prodotti contaminati da Itx, com è noto, non ha interessato solo il nostro paese. La presenza di alimenti probabilmente inquinati è stata segnalata sui mercati di diversi stati membri. Tra questi la Gran Bretagna, dove il caso ha riguardato alcuni tipi di latte liquido a marchio Nutricia e Sma. Ma il problema, nel Regno Unito, si risolve definitivamente dopo il pronunciamento provvisorio dell Efsa, che il 24 novembre chiarisce che non esiste un pericolo immediato per la salute legato all assunzione degli ali- 7 Repubblica.it, 22 novembre Apcom, 23 novembre Ansa, 3 dicembre Adnkronos, 6 dicembre

16 Il caso Itx menti così inquinati. Il 26 novembre la Food standard agency britannica, l equivalente del nostro ministero della Salute, informa dei fatti l opinione pubblica, attraverso un secco comunicato stampa. La nota è rivolta ai genitori, ai quali l Fsa comunica sin dalle prime righe che nessuna azione è necessaria sui latti per l infanzia. Dopo avere riferito il parere dell Autorità alimentare europea, l Fsa aggiunge infine che sulla base della valutazione preliminare dell Efsa, resa nota a tutti gli stati membri il 24 novembre, la Food Standard Agency informa i genitori e i tutori che non ci sono motivi per modificare l alimentazione dei loro bambini. Il caso è chiuso. LA DG SANCO DELLA COMMISSIONE EUROPEA La Dg Sanco, la Direzione generale per la salute e la tutela dei consumatori in seno alla Commissione europea viene informata della prima migrazione dal ministero della Salute italiano l 8 settembre. Immediata la risposta: l Unione europea accetta l allerta a scopo precauzionale, perché non si possiedono informazioni sufficienti circa la tossicità della sostanza. Scattato dunque il rapid alert europeo, viene fissato per il 19 settembre un incontro tra Tetra Pak, Nestlé e rappresentanti della Direzione generale a Bruxelles. In questa sede, esaminati i primi dati tossicologici sulla sostanza forniti dalle aziende, e preso atto della decisione Tetra Pak a modificare la tecnica di stampa, la Commissione europea stabilisce che non è necessario disporre il ritiro dei prodotti coinvolti. La decisione è motivata dal fatto che non esistono indicazioni circa la pericolosità dell Itx e al rischio collegato alla sua assunzione nelle dosi riscontrate. Più tardi, in una intervista pubblicata sul settimanale Panorama Paola Testori Coggi, direttore per Sicurezza alimentare della Commissione europea spiegherà la decisione così: Sottolineo che se ci fosse stata un'indicazione di rischio per la salute la Commissione europea avrebbe preso immediatamente misure urgenti, come è stato fatto in altri casi recenti quali il colorante Sudan o la semicarbazide. La Commissione può intervenire se esiste un pericolo per la salute: ma in questo caso non abbiamo indicazioni di rischio per la salute. La responsabilità ricade sul produttore, che risponde ai consumatori per i requisiti del prodotto. 11 Il 14 ottobre, dopo l avvio dell allerta comunitaria sui prodotti Milupa, la Commissione europea investe del problema l Efsa, chiedendo un parere scientifico sulla tossicità dell Itx. 3 Corriere della Sera, 24 novembre

17 I protagonisti Il 30 novembre si riunisce a Bruxelles il Comitato europeo per la Salute della catena alimentare, a cui prendono parte i rappresentanti degli stati membri. Preso atto della valutazione tranquillizzante, seppur preliminare dell Efsa, e del fatto che Tetra Pak ha cambiato tecnologia di stampa, i membri del comitato concordano nel confermare le decisioni prese in precedenza. L esito dell incontro è riportato in un documento ufficiale della Dg Sanco che recita: Sulla base delle conoscenze oggi disponibili, il Comitato ha concordato che non vi sia alcuna necessità di intraprendere misure a livello comunitario come il ritiro dal mercato dei prodotti coinvolti. L EFSA Investita dalla Dg Sanco della richiesta di un parere scientifico sull Itx, l Autorità europea per la sicurezza alimentare rende pubblici gli esiti di una prima valutazione il 24 novembre. La nota si limita a specificare che, sulla base di dati molto limitati, la presenza di Itx è da considerarsi indesiderabile, ma non presenta un rischio per la salute ai livelli riportati. Rimanda a un opinione definiva per il marzo L Autorità mantiene per tutto il corso della vicenda una posizione di estrema cautela, e il primo dicembre invia una lettera a Tetra Pak e Nestlé, specificando che la dichiarazione di una settimana prima è ancora provvisoria, e pregando le aziende di non dare interpretazioni forzate. Il 9 dicembre parte da Parma il comunicato ufficiale sul parere definitivo del Comitato scientifico che si occupa di additivi alimentari e materiali che vengono a contatto con il cibo (l AFC Panel). Gli esperti confermano quanto preannunciato a fine novembre: sulla base degli studi disponibili sulla genotossicità, si dichiara che l Itx non ha un potenziale genotossico. Inoltre, i livelli di Itx riscontrati negli alimenti non costituiscono un pericolo per la salute. Per quanto riguarda altri aspetti, non sono disponibili ulteriori dati. NESTLÉ Porta il marchio Nestlé il primo campione di prodotto risultato positivo all Isopropylthioxantone. La Nestlé viene informata nella presenza di Itx ai primi di settembre 2005 dall Arpa Marche, e procede con il richiamo del lotto di prodotto inquinato. La stessa azienda, due giorni dopo, dà notizia della migrazione alla Tetra Pak, ditta produttrice del materiale di confezionamento. Entrambe le aziende incontrano i rappresentanti della Dg Sanco nella riunione del 19 settembre, incontro in cui si stabilisce che non sarà necessario ritirare dal mercato i prodotti coinvolti e che Tetra Pak, nel giro di due set- 17

18 Il caso Itx timane, attuerà la propria decisione di convertire la tecnologia di stampa all origine della migrazione sulle confezioni dei prodotti per bambini. Una nuova allerta su prodotti Nestlé scatta però il 17 ottobre, l azienda ne riceve segnalazione e il 21 ottobre avvia un nuovo ritiro. Il terzo richiamo da parte della multinazionale avviene quasi un mese dopo, il 17 novembre, questa volta si tratta di un ritiro di proporzioni enormi, che interessa tutte le confezioni stampate con la tecnica di stampa che utilizza l Itx. Nestlé lo annuncia alla stampa, ma il richiamo non ha l impatto comunicativo sperato: in quei giorni la Procura di Ascoli, informata dalle Asur, ha già avviato i sequestri giudiziari in tutta Italia sui lotti di latte Nestlè, la multinazionale figura come la responsabile della migrazione di milioni di litri di latte. C è in più un aggravante: Nestlé sapeva del problema già da settembre. I vertici dell azienda finiscono nel registro degli indagati della Procura di A- scoli Piceno. L azienda si difende attraverso stringati comunicati stampa, spiegando che ha sempre fatto tutto il necessario per tutelare i consumatori. D'altronde Nestlé può provare che, sin da settembre, ha sempre proceduto al richiamo non obbligatorio dei lotti di latte risultati positivi alle analisi, nonostante, per stessa ammissione delle autorità scientifiche, non esistesse alcuna evidenza che l Itx potesse nuocere alla salute pubblica. I nostri ricercatori, scrive l azienda il 22 novembre, in collaborazione con enti indipendenti, hanno immediatamente proceduto a una valutazione della sicurezza, giungendo alla conclusione che le tracce di Itx rilevate nel latte non costituivano rischio per la salute. Per la prima volta, il 18 novembre, la Nestlé chiama in causa Tetra Pak, individuandola come responsabile della vicenda. Accade nel corso della trasmissione Mi manda Raitre, durante la quale il conduttore legge un comunicato aziendale in cui sia la multinazionale svizzera, quanto Milupa, asseriscono che il problema della migrazione di Itx è causato dalla tecnica di confezionamento dei contenitori in Tetra Pak. A dimostrazione della sua attenzione verso i consumatori, Nestlé dichiara anche che gli stessi prodotti sono stati ritirati dall azienda anche in Francia, Spagna e Portogallo, attiva un numero verde gratuito, e dirama un comunicato in cui spiega come distinguere le confezioni di latte stampate con la nuova tecnologia. Ma agli occhi dell opinione pubblica la posizione dell azienda si complica quando vengono diffuse le dichiarazioni di Peter Brabeck. Il 22 novembre il presidente del colosso alimentare dichiara all agenzia Reuters che esiste una ragione ben precisa perché la sua azienda non ha provveduto al richiamo immediato di tutti i prodotti potenzialmente contaminati. Brabeck rac- 18

19 I protagonisti conta di avere stretto già da luglio un accordo con la Commissione europea e il ministero della Salute italiano, che si sarebbero impegnati a non prendere provvedimenti in merito, in modo da consentire alla ditta di smaltire i prodotti inquinati. Quasi la dimostrazione che sia le aziende quanto le autorità che dovrebbero tutelare la salute pubblica, abbiano anteposto gli interessi economici di una multinazionale a quelli dei cittadini. Il giorno seguente, dopo l annuncio di querela da parte del ministro Francesco Storace, Brabeck ritratta la sue dichiarazioni, nega la presenza di un accordo, e invia una lettera al ministro porgendogli scusa senza riserve. Ma ormai la questione è già diventata un caso politico. MILUPA L atteggiamento di Milupa, entrata in scena solo in un secondo momento rispetto a Nestlé, è molto differente rispetto a quello della multinazionale svizzera. Quando il 13 ottobre parte l allerta comunitaria su un lotto di latte di proseguimento Aptamil 2 risultato contaminato da Isopropylthioxantone, l azienda decide di non richiamare i prodotti dagli scaffali: dalla sua c è il pronunciamento della Dg Sanco, il 19 settembre ha decretato la non necessità di prendere provvedimenti straordinari. Inoltre da più parti (la stessa Dg Sanco, l Istituto superiore di sanità) viene confermato che che l Itx non sembra essere dannoso. Alla Asl di Milano che per competenza si rivolge a Milupa, l'azienda risponde in data 18 ottobre che l'itx non presenta un rischio per la salute e che, avendo saputo dell'allerta per la presenza di Itx in un prodotto della concorrenza, si impegna a non usare più questa sostanza. Di questo il ministero della Salute viene informato il 21 ottobre, ma è la Regione Marche, il 26 ottobre, a operare i primi sequestri del latte Aptamil. Il 24 novembre anche i dirigenti Milupa vengono iscritti nel registro degli indagati del pm Ponticelli, che ha ricevuto dall Asur 13 di Ascoli Piceno l informativa di reato relativa ai suoi prodotti, e ventiquattro ore dopo i lotti oggetto dell inchiesta vengono ritirati dai supermercati di tutta Italia per volere del magistrato. Anche in questo caso, l azienda risponde alle accuse con una nota scritta, diramata il 24 novembre. L azienda sostiene che quel giorno stesso ha ricevuto la prima comunicazione ufficiale dal Ministero della Sanità sul tema Itx, e ribadisce tuttavia la propria fondata convinzione che non sussista alcun reale rischio per la salute dei bambini. Le prove su cui basa questa convinzione sono qui di seguito riportate: l Itx non è presente nelle liste delle sostanze pericolose compilate dalle 19

20 Il caso Itx istituzioni nazionali e internazionali; sulla base di riscontri preliminari l EFSA (Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare) ha comunicato che l Itx non presenta rischi immediati per la salute; qualificati esperti internazionali in farmacologia e tossicologia interpellati da Milupa sono giunti alla conclusione che la eventuale presenza di tracce di Itx non costituisce ragioni di preoccupazione; l Istituto Superiore di Sanità ha oggi affermato che il rischio di effetti genotossici, in seguito ad ingestione di Itx, è assente o trascurabile. Milupa informa infine che dal mese di ottobre ha introdotto un nuovo packaging che utilizza una diversa tecnologia di stampa esente da Itx 12. PARMALAT, GRANAROLO, NEWLAT Il primo dicembre i giornali pubblicano una nuova notizia che getta nel panico i consumatori. Sembra che il Corpo forestale dello Stato, durante le operazioni di recupero ordinate dalla Procura di Ascoli, abbia intercettato in alcuni supermercati di Genova tre circolari inviate da Parmalat, Granarolo e Newlat (titolare dei marchi Giglio e Polenghi). In questi documenti i produttori chiedevano ai distributori di ritirare in via precauzionale, alcuni dei loro prodotti. Le circolari portano le date degli ultimi giorni di novembre, quando era chiaro a tutti che il problema della migrazione di Itx non interessava solo i marchi Milupa e Nestlè. Ma le aziende, per loro stessa ammissione, erano già a conoscenza del problema, perché a informarle era stata Tetra Pak, l azienda fornitrice del materiale da imballaggio. Allora perché gli alimenti interessati sono stati lasciati sugli scaffali? Una possibile risposta l ha fornita Andrea Borsari, direttore Assicurazione qualità della Granarolo in una intervista pubblicata l 8 dicembre 13. Il richiamo non è stato deciso a settembre perché l Efsa, e altri organi ufficiali avevano dichiarato che non sussisteva una situazione di emergenza, e non era necessario che le aziende interessate togliessero i propri prodotti dal commercio. La scelta di effettuare il ritiro è invece arrivata, dice il dirigente, nel momento in cui si è notato un grande disorientamento tra i consumatori e una grande confusione nell opinione pubblica. 12 Comunicato stampa Milupa, 24 novembre Il Salvagente, 8-15 dicembre

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO Approvato con verbale n. 108 Consiglio Comunale del 20 ottobre 2010 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI sul DIRITTO di

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli