IL CASO ITX. DIARIO DI BORDO I protagonisti. A cura del Team Crisis Itx

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CASO ITX. DIARIO DI BORDO I protagonisti. A cura del Team Crisis Itx"

Transcript

1 3. IL CASO ITX DIARIO DI BORDO I protagonisti A cura del Team Crisis Itx Direzione delle Relazioni Esterne di Tetra Pak Homina Comunicazione Relazioni Pubbliche

2

3 3. I PROTAGONISTI

4 Questo Diario di Bordo è una pubblicazione ad uso interno a cura del Team Crisis Itx. I dati e le informazioni riportati in queste pagine sono materiali di documentazione sottoposti al vincolo di riservatezza e non divulgabili senza l autorizzazione del Team. Ogni commento o richiesta di approfondimento rispetto a questo strumento di crisis management sarà altresì gradito.

5 Premessa 7 L Arpam 8 Le Asur di Ascoli e di San Benedetto 8 La Regione Marche 9 Il Corpo Forestale e la Procura di Ascoli Piceno 10 La Procura di Milano 11 Il Ministero della Salute 12 Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 14 Food Standard Agency 15 La Dg Sanco della Commissione europea 16 L Efsa 17 Nestlé 17 Milupa 19 Parmalat, Granarolo, Newlat 20 Tetra Pak 21 Le Associazioni dei consumatori 23 I media 25

6

7 PREMESSA Nel caso Itx sono stati coinvolti numerosi soggetti, dalle Autorità istituzionali e scientifiche ai media, dalle aziende alle Associazioni di consumatori. Questo è accaduto in parte a causa delle dimensioni di grande allarme mediatico assunte dalla vicenda. Tuttavia, a determinare il moltiplicarsi di pareri è stata soprattutto l assenza di una linea di condotta univoca e nello specifico di un autorità unica per la sicurezza alimentare in Italia, che potesse dare risposte definitive sulla vicenda. In conseguenza di ciò, ogni soggetto intervenuto nel merito del caso Itx ha espresso legittime motivazioni nel momento in cui è stato chiamato in causa. È venuto quindi a mancare un giudizio autorevole e super partes in grado di inquadrare alcuni concetti fondamentali: il livello di pericolosità della sostanza, la concentrazione delle tracce di Itx registrate dalle analisi delle Arpa, il confronto con i corrispettivi parametri europei in materia di sicurezza alimentare. È toccato quindi alla Procura di Milano, con la perizia tecnico-scientifica affidata al Professor Garattini, contribuire in maniera decisiva alla conclusione del caso. 7

8 Il caso Itx L ARPAM Tra i compiti dell Arpam, l Agenzia regionale per l ambiente della Regione Marche, c è quello di eseguire le analisi di routine sulla genuinità dei prodotti alimentari, così come previsto dal decreto legislativo 123/93. È in quest ambito che, nel luglio 2005, i laboratori dell ente eseguono i test sul campione di latte Nidina 2 di Nestlè. Adoperando la procedura analitica che serve a rilevare la presenza di idrocarburi policiclici aromatici, il chimico Ernesto Corradetti individua invece nel prodotto tracce di Isopropylthioxantone. È la prima volta che questa sostanza viene rinvenuta in un alimento durante i controlli sanitari. Dopo che il responsabile di laboratorio ha eseguito i test di conferma, il 30 agosto l Arpam invia l esito delle analisi all Asur 13 di Ascoli Piceno (sede territoriale dell agenzia sanitaria unica regionale), alla Nestlé e all assessorato alla Sanità della Regione Marche, come previsto dalla procedura. Da luglio a novembre giungono nei laboratori dell agenzia circa 12 campioni di latte liquido, di cui 10 inviati dalle Asur zone 13 e 12 di Ascoli e San Benedetto del Tronto e due, in ottobre, dal Corpo forestale dello Stato. Ogni qual volta i test riscontreranno la presenza di Itx negli alimenti, l Arpam seguirà questo iter, attivando la procedura di allerta. La seconda allerta partirà l 8 ottobre, e avrà come oggetto il latte di proseguimento Aptamil 2 di Milupa, la terza il 17 ottobre, protagonista ancora il latte Nestlé. Nelle settimane successive arriveranno nei laboratori dell Agenzia numerosi campioni alimentare da analizzare, e gli esami accerteranno altri casi di prodotti con tracce di Itx. Durante tutto questo periodo il chimico Ernesto Corradetti, sarà più volte interpellato dalla stampa sugli esiti delle analisi, ma seppure a domanda diretta, non rilascerà opinioni sulla tossicità dell Itx, né sull opportunità o meno di fermare la distribuzione degli alimenti potenzialmente inquinati 1. LE ASUR DI ASCOLI E DI SAN BENEDETTO Nel registro degli indagati della Procura di Ascoli, che indaga sulle ragioni del ritardo con cui la magistratura è stata informata delle contaminazioni, compaiono i nomi di due dirigenti dell Asur, l Agenzia sanitaria unica regionale. Si tratta di due funzionari dell Asur 12 di San Benedetto del Tronto, e dell Asur 13 di Ascoli Piceno, i quali, ricevuti di volta in volta i risultati che attestavano le contaminazioni, hanno omesso di informare immediatamente l autorità giudiziaria, come invece prescrive il decreto legislativo 123 del Agi, 28 novembre

9 I protagonisti Tra la notizia del primo latte inquinato e la prima informativa di reato, trascorrono infatti due mesi. L Asur 13 riceve i primi di settembre la documentazione che attesta la presenza di Itx nel prodotto Nidina 2, informa del fatto sia la Asl di Ancona che la Usl di Milano. Nell informativa il funzionario aggiunge anche una scheda tecnica sull argomento, nella quale alla voce natura del pericolo, inserisce l aggettivo tossicologico (ma l Istituto superiore di sanità negherà la presenza di dati tossicologici sull Itx il 4 ottobre). Ciononostante, il dirigente non ritiene necessario avvertire l autorità giudiziaria. La ragione di questa decisione, secondo quanto dichiarerà più tardi il funzionario al pubblico ministero Franco Ponticelli, sta nel fatto che l Itx non è classificato come sostanza tossica, dunque non c era un pericolo immediato per la salute pubblica, e la struttura si è mossa nel rispetto dei tempi e delle procedure 2.L Asur 13 resta dunque in attesa delle decisioni della Commissione europea, che sarebbe stata messa al corrente del problema di lì a qualche giorno, e, sempre secondo quanto sostenuto dai dirigenti, si occupa di verificare che la Nestlé ritiri i lotti identificati dai punti vendita (si tratta del primo richiamo aziendale di latte Nidina 2, avvenuto il 6 settembre). L 11 ottobre, quando all Asur 13 vengono recapitati i risultati di altre analisi sul latte Aptamil di Milupa, i funzionari seguono lo stesso iter, informando la Regione Marche e la Usl di Milano. La Regione però stabilisce di sua iniziativa di effettuare un sequestro cautelativo dei prodotti Milupa, e il Corpo forestale dello Stato avvia nuovi controlli. Ed è a questo punto che l Asur di Ascoli decide di inviare alla magistratura l informativa di reato relativa alle analisi su Nestlé. È il 2 novembre; il 12 dello stesso mese l Asur 13 trasmetterà un altra informativa relativa al latte Milupa. Analogo è il comportamento dell Asur 12 di san Benedetto del Tronto che, ricevuto il 17 ottobre l esito delle analisi su nuovi campioni di latte Nestlé dall Arpam, avvia un sequestro nella città di San Benedetto senza informare l autorità giudiziaria competente. L informativa alla Procura di Ascoli Piceno parte il 7 novembre, dopo l arrivo dei risultati su nuovi campioni di latte Nestlé prelevati il 26 ottobre. LA REGIONE MARCHE L assessorato alla Sanità della Regione Marche viene a conoscenza dell esistenza di un lotto Nestlé con tracce di Itx il 30 agosto, e ne informa a sua volta il ministero della Salute, come previsto dalla procedura. Riceve due nuove segnalazioni l 11 ottobre (relativa al latte liquido Aptamil di Milupa) e 2 Picus on line, 23 novembre

10 Il caso Itx il 17 ottobre (relativo a Lattemio e Nidina 2 di Nestlè), procedendo in maniera analoga. Nel frattempo la Commissione europea (nella riunione del 19 settembre con le aziende interessate) ha stabilito che non è necessario eseguire un ritiro dei prodotti coinvolti su scala nazionale, e le analisi dell Istituto superiore di sanità, in una nota del 4 ottobre, hanno negano la presenza di dati tossicologici precisi sull Itx, escludendo per contro rischi genotossici. Il 26 ottobre la Regione avvia comunque un sequestro cautelativo dei prodotti Milupa su tutto il territorio regionale. Un iniziativa presa in totale autonomia e a prescindere da quelle che erano le decisioni degli organi nazionali e comunitari. Come spiegherà in seguito il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca: Dopo due settimane di silenzi abbiamo agito, e il 26 ottobre abbiamo chiesto alle nostre Asur di fare sequestri cautelativi di Aptamil2 e abbiamo avvisato il ministero. Se poi l'itx non risulterà tossico pagheremo noi il conto alla Milupa 3. IL CORPO FORESTALE E LA PROCURA DI ASCOLI PICENO Quando a metà novembre scoppia l allarme Itx, gli agenti del corpo forestale di Ascoli Piceno sono su tutte le prime pagine dei giornali: sono gli autori di una serie di sequestri su scala nazionale che il pm Franco Ponticelli ha ordinato sui latti per l infanzia individuati. Dalle prime indiscrezioni, infatti, sembra che l inchiesta sia nata per caso in seguito a un controllo voluto proprio dalla Forestale, solo più tardi si scoprirà che le cose sono andate diversamente. Gli agenti entrano effettivamente sulla scena il 26 ottobre, giorno in cui la Regione Marche ordina alle Asur i primi sequestri su scala regionale. Quel giorno anche il Corpo forestale dello Stato avvia autonomamente analisi su 16 campioni di prodotti per l infanzia, e, ancora una volta di propria iniziativa, il giorno seguente effettua il sequestro di alcuni prodotti Nestlé in un supermercato di Comunanza, in provincia di Ascoli Piceno. Circa una settimana dopo, sulla base delle informative di reato giunte alla Procura di Ascoli e relative ai latti Nestlé contaminati, il pm di Ascoli Franco Ponticelli apre un fascicolo sul caso, e dispone il 9 novembre i primi cento sequestri giudiziari nella provincia di Ascoli Piceno, che riguardano cinque lotti dei prodotti Nestlé. Il compito di eseguire le ordinanze viene affidato al Corpo forestale. Trascorrono due giorni, e l 11 novembre il decreto di sequestro si estende a tutto il territorio nazionale. 3 Corriere della Sera, 24 novembre

11 I protagonisti Il documento porta la firma di Franco Ponticelli, che lo emette al fine di tutelare la pubblica incolumità dagli effetti nocivi determinati dalla presenza di Itx all interno di latte destinato all alimentazione degli infanti. Il pm ascolano ha infatti aperto un inchiesta, e ha iscritto nel registro degli indagati alcuni dirigenti della multinazionale dell infanzia, per violazione della legge 283/62 sulla genuinità degli alimenti: una serie di prodotti per l infanzia a marchio Nestlé mostrano tracce di un fissante chimico per l inchiostro, l Itx, la cui presenza non è prevista. Quanto alle cause che avrebbero provocato la presenza dell Itx, Ponticelli dichiara ai giornali: Il latte confezionato come prodotto originale è integro. L attenzione è rivolta su un fissatore d inchiostro dell etichetta esterna alla confezione che attraverserebbe l involucro cartaceo 4. È la prima ipotesi, errata, sulle ragioni della migrazione. Il magistrato dispone accertamenti sui meccanismi di produzione e stampigliatura dei contenitori Tetra Pak, ma indaga anche sui ritardi nella comunicazione alla magistratura delle analisi sul latte da parte dei due responsabili delle zone Asur 13 e 12 delle Marche. Secondo il pm, infatti, compito degli organi di tutela di salute pubblica, doveva essere quello di informare l autorità giudiziaria per avviare indagini su altri alimenti, che prevedibilmente presentavano analoga migrazione. Il 22 novembre si diffonde la notizia di una maxioperazione che ha portato al sequestro di 30 milioni di litri latte Nestlé. È uno dei sequestri alimentari più importanti mai avvenuti sul territorio italiano. Sulla base della seconda informativa a carico dei latti Milupa, il 25 novembre la Procura firma il decreto di sequestro su tutto il territorio nazionale di 4 prodotti Milupa con scadenze diverse fino al giugno Vengono iscritti così nel registro degli indagati anche i dirigenti Milupa. Il 15 dicembre l inchiesta viene trasferita per competenza territoriale a Milano, dove hanno luogo le sedi di Nestlé e Milupa. Nel documento che Ponticelli trasmette al collega milanese, sottolinea che appare indispensabile verificare l eventuale tossicità e pericolosità della migrazione del prodotto da Itx, mediante consulenza tecnica tossicologica, posto che non risultano dati scientifici univoci in proposito. Ad Ascoli resta il filone relativo al presunto ritardo nell allerta alimentare. LA PROCURA DI MILANO A Milano l incarico di portare avanti l inchiesta sull Itx viene assegnato al sostituto procuratore milanese Giulio Benedetti, che richiede al farmacologo prof. Silvio Garattini dell Istituto Mario Negri di effettuare la perizia tec- 4 Il Messaggero, edizione di Pesaro, 13 novembre

12 Il caso Itx nica sulla tossicità dell Itx. L esito della perizia viene inviato alla procura di Milano il 26 maggio: secondo l esperto, che ha analizzato le informazioni scientifiche esistenti e le analisi sui prodotti contaminati, la sostanza non è genotossica, e non è da considerarsi pericolosa in termini di tossicità nelle concentrazioni rilevate. Sulla base di questa valutazione, e di altre considerazioni giuridiche, Benedetti invia la richiesta di archiviazione al giudice per le indagini preliminari. Nelle motivazioni della richiesta, il procuratore si sofferma in particolare sul significato giuridico di nocività della sostanza alimentare, il perno su cui si regge l ipotesi di reato. Citando varie sentenze della Cassazione, il pm chiarisce che, perché una sostanza possa essere considerata nociva e la sua presenza possa dare luogo a un reato di pericolo per la salute pubblica, il pericolo cagionato dalla sostanza deve essere concreto e attuale. Per dimostrare l esistenza di un tale pericolo, dunque, la sostanza deve arrecare un danno effettivo, non è sufficiente la mera possibilità che questa possa provocare danni, legata a un differimento più o meno lungo dell immissione al consumo. Nel caso specifico, nota Benedetti, mancano quegli elementi obiettivi di rischio concreto. IL MINISTERO DELLA SALUTE Quando il 2 settembre 2005 la Direzione generale della sanità veterinaria e degli alimenti del ministero della Salute riceve dalla Regione Marche l informativa riguardante il primo lotto di latte Nestlé contaminato, attiva la procedura prevista in questi casi. Pochi giorni dopo, il 7 settembre, invia a Bruxelles l allerta comunitaria, che la Commissione europea accetta a titolo precauzionale. Da Roma, inoltre, parte anche la segnalazione alla Regione Lombardia (dove ha sede Nestlé Italia), a cui spetta il compito di allertare le altre regioni italiane. La procedura di allerta comunitaria sarà ripetuta nel corso dei mesi, ogni qual volta le analisi dell Arpa Marche rileveranno la presenza di Itx nei prodotti alimentari. Dopo l apertura dell inchiesta giudiziaria e i maxisequestri ordinati dalla Procura di Ascoli, il ministero finisce però nell occhio del ciclone, accusato, dalle Associazioni dei consumatori e da alcuni parlamentari dell Opposizione in Parlamento 5 di non avere provveduto direttamente al tempestivo ritiro dei pro- 5 Sulla ragione dei mancati ritiri, si registrano tra gli altri, il 24 novembre, l interpellanza urgente presentata alla commissione Affari sociale della Camera dai deputati Ds Renato Galeazzi, Grazia Labate, Marida Bolognesi, Luigi Giacco, Giuseppe Petrella, Livia Turco e Katia Zanotti; e l interrogazione orale presentata al Senato dai senatori Marina Magistrelli, Roberto Manzione ed Emanuela Baio Dossi della Margherita. 12

13 I protagonisti dotti contaminati, come previsto dalla legge in caso di prodotti pericolosi per la salute umana o animale, mettendo a repentaglio la salute dei cittadini. La linea adottata dal ministro Francesco Storace e dai funzionari del ministero è quella di dimostrare che la responsabilità dei sequestri cautelativi spettava alle singole Regioni e non all autorità centrale. E che, se ritardi ci sono stati, non sono imputabili al ministero ma piuttosto a tutti gli altri attori in gioco. Il giorno del maxisequestro, dall ufficio stampa parte così un comunicato in cui si puntualizza che: il problema è stato rinvenuto grazie ai controlli del sistema sanitario, e il ministero ha attivato l allerta europea; la Commissione europea ha richiesto il parere dell Efsa solo il 14 ottobre; il sequestro dei prodotti oggetto di allerta, stando alla legge, spetta alle Regioni; secondo le regole europee spetta in ogni caso alle aziende produttrici assicurare i requisiti di sicurezza dei prodotti in questione. In tutti i comunicati successivi, le interviste e gli interventi, Storace e i dirigenti del suo dicastero non faranno altro che sostenere questi cinque punti, tralasciando di sottolineare che invece il mancato ritiro dei prodotti dal mercato nazionale è diretta conseguenza del fatto che, in sede comunitaria, la Dg Sanco ha stabilito che non era necessario prendere provvedimenti straordinari. Le dichiarazioni del ministro provocano anche una risposta piccata dell assessore alla Sanità della Regione Marche, Almerino Mezzolani, che risponde a Storace rammentandogli, tra le altre cose, che con le sue parole si appropria di un risultato (vale a dire la scoperta della migrazione) della Regione Marche 6. D altronde, il 26 ottobre, è stata la Regione Marche, e non il ministero, ad avviare i primi ritiri delle confezioni Milupa, quando si è saputo che l azienda non aveva intenzione di togliere dal commercio il suo latte. In risposta alle domande dei consumatori, il Ministero attiva un numero verde per fornire informazioni sui prodotti ritirati, dove nei soli primi due giorni arrivano circa 2000 telefonate. La polemica però s infiamma quando il 23 novembre le agenzie di stampa riportano le affermazioni di Peter Brabeck, numero uno della Nestlé, il quale rivela l esistenza di un accordo tra la sua azienda, il ministero della Salute italiano e la Commissione europea. Che, secondo le rivelazioni di Brabeck, pur essendo a conoscenza del problema da luglio, avrebbero con- 6 La Stampa, 24 novembre

14 Il caso Itx sentito a Nestlé di smaltire le scorte di latte inquinato. Immediata è la reazione del titolare del dicastero, che annuncia querela nei confronti di Brabeck. L intenzione di sporgere denuncia viene confermata anche dopo le scuse immediate del dirigente, che smentisce le sue stesse dichiarazioni. Il 28 novembre un comunicato del Ministero della Salute riprende il pronunciamento provvisorio dell Efsa sulla non pericolosità dell Itx, e annuncia che i primi risultati delle analisi condotte su altri alimenti (succhi di frutta, ecc..) non mostrano la presenza di Itx. Due giorni dopo, il 30 novembre, al Ministero viene convocata ugualmente una riunione tra i responsabili sanitari delle Regioni e delle Province autonome, l Istituto Superiore di Sanità, gli istituti zooprofilattici sperimentali e il Comando carabinieri per la sanità (Nas). Viene predisposto un Piano nazionale di controllo per l Itx, che prevede una raffica di controlli su una serie di prodotti alimentari confezionati in cartoni Tetra Pak. Le tipologie degli alimenti verranno suddivise tra le diverse Arpa regionali, prelievi ed esami saranno invece effettuati dai Nas. A seguito della riunione Storace annuncia dunque nuovi controlli da parte dei Nas sulle confezioni Tetra Pak. E mentre la DG Sanco dirama una nota in cui conferma la non necessità di ritirare i prodotti, una nota stampa ministeriale rileva: Il fatto che l Unione europea non abbia ritenuto di intraprendere misure di ritiro dal mercato dei prodotti coinvolti non significa che non debbano esservi controlli. Ed è quello che il Ministero e le Regioni hanno deciso nella riunione di ieri. Nelle settimane seguenti alle Arpa italiane saranno affidati i controlli di oltre 800 campioni. Il primo dicembre il ministero della Salute bacchetta le aziende Nestlé e Tetra Pak, a seguito di una nota dell Efsa che invitava le due ditte a non spacciare per definitive le prime valutazioni scientifiche sull Itx (diffuse il 24 novembre). Il comunicato è molto duro: le aziende vengono accusate di pubblicità ingannevole. La faccenda però si chiude il 9 dicembre, con il pronunciamento definitivo dell Efsa che scagiona l Itx. Come monito per il futuro, il 24 gennaio il ministero emana una circolare relativa ai materiali e agli oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti. Nella circolare vengono richiamate le leggi sulla sicurezza alimentare, e in particolare vengono sottolineate le singole responsabilità tanto dei produttori di imballaggi quanto delle imprese alimentari. IL MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Il Ministero per le Politiche agricole e forestali inizia ad avere un ruolo attivo nella vicenda Itx solo il 23 novembre. Alla notizia del maxisequestro, 14

15 I protagonisti seguono infatti le dichiarazioni preoccupate del titolare del ministero, Gianni Alemanno, che subito commenta: Oltre a proseguire i controlli, bisognerà cercare subito quali danni possa causare, se usato per un tempo prolungato, il composto chimico che ha contaminato il latte e intervenire con le cure appropriate 7. Alemanno rileva, subito dopo, che il problema interessa non solo l Italia ma tutta Europa, e dichiara l urgenza di un azione a livello comunitario. Piuttosto duro è l atteggiamento del ministro nei confronti delle aziende coinvolte nello scandalo. In un altra intervista definisce l episodio del latte contaminato gravissimo, chiarendo che le responsabilità non sono in alcun modo attribuibili al ministero della Salute, bensì alle imprese produttrici, che avrebbero dovuto immediatamente operare il ritiro dei prodotti 8. Le dichiarazioni del ministro ricevono il plauso delle Associazioni dei consumatori, di cui Alemanno diventa in un certo senso il punto di riferimento. Difatti il primo dicembre la sede del ministero per le Politiche agricole è il teatro del primo incontro tra Tetra Pak e i rappresentanti dei consumatori. Dopo il tentativo di mediazione tra le parti, il ministro continua a seguire la linea dell intransigenza, e il 3 dicembre dice ai giornalisti: La cosa migliore è che tutti i produttori ritirino ogni tipo di prodotto che contiene l inchiostro Itx. Dobbiamo verificare che tutte le produzioni che utilizzano questo tipo di inchiostro non abbiano problemi 9. Trascorsi appena due giorni, Alemanno però si affretta a precisare che sulla vicenda Itx non c è da avere paura, fino al 6 dicembre, quando le agenzie battono questa dichiarazione: sull Itx si rischia di creare allarme mediatico, non bisogna creare panico ma serve un accordo tra consumatori e le imprese produttrici 10. Dopotutto, per l appunto, non c è nulla da temere. FOOD STANDARD AGENCY L allerta sui prodotti contaminati da Itx, com è noto, non ha interessato solo il nostro paese. La presenza di alimenti probabilmente inquinati è stata segnalata sui mercati di diversi stati membri. Tra questi la Gran Bretagna, dove il caso ha riguardato alcuni tipi di latte liquido a marchio Nutricia e Sma. Ma il problema, nel Regno Unito, si risolve definitivamente dopo il pronunciamento provvisorio dell Efsa, che il 24 novembre chiarisce che non esiste un pericolo immediato per la salute legato all assunzione degli ali- 7 Repubblica.it, 22 novembre Apcom, 23 novembre Ansa, 3 dicembre Adnkronos, 6 dicembre

16 Il caso Itx menti così inquinati. Il 26 novembre la Food standard agency britannica, l equivalente del nostro ministero della Salute, informa dei fatti l opinione pubblica, attraverso un secco comunicato stampa. La nota è rivolta ai genitori, ai quali l Fsa comunica sin dalle prime righe che nessuna azione è necessaria sui latti per l infanzia. Dopo avere riferito il parere dell Autorità alimentare europea, l Fsa aggiunge infine che sulla base della valutazione preliminare dell Efsa, resa nota a tutti gli stati membri il 24 novembre, la Food Standard Agency informa i genitori e i tutori che non ci sono motivi per modificare l alimentazione dei loro bambini. Il caso è chiuso. LA DG SANCO DELLA COMMISSIONE EUROPEA La Dg Sanco, la Direzione generale per la salute e la tutela dei consumatori in seno alla Commissione europea viene informata della prima migrazione dal ministero della Salute italiano l 8 settembre. Immediata la risposta: l Unione europea accetta l allerta a scopo precauzionale, perché non si possiedono informazioni sufficienti circa la tossicità della sostanza. Scattato dunque il rapid alert europeo, viene fissato per il 19 settembre un incontro tra Tetra Pak, Nestlé e rappresentanti della Direzione generale a Bruxelles. In questa sede, esaminati i primi dati tossicologici sulla sostanza forniti dalle aziende, e preso atto della decisione Tetra Pak a modificare la tecnica di stampa, la Commissione europea stabilisce che non è necessario disporre il ritiro dei prodotti coinvolti. La decisione è motivata dal fatto che non esistono indicazioni circa la pericolosità dell Itx e al rischio collegato alla sua assunzione nelle dosi riscontrate. Più tardi, in una intervista pubblicata sul settimanale Panorama Paola Testori Coggi, direttore per Sicurezza alimentare della Commissione europea spiegherà la decisione così: Sottolineo che se ci fosse stata un'indicazione di rischio per la salute la Commissione europea avrebbe preso immediatamente misure urgenti, come è stato fatto in altri casi recenti quali il colorante Sudan o la semicarbazide. La Commissione può intervenire se esiste un pericolo per la salute: ma in questo caso non abbiamo indicazioni di rischio per la salute. La responsabilità ricade sul produttore, che risponde ai consumatori per i requisiti del prodotto. 11 Il 14 ottobre, dopo l avvio dell allerta comunitaria sui prodotti Milupa, la Commissione europea investe del problema l Efsa, chiedendo un parere scientifico sulla tossicità dell Itx. 3 Corriere della Sera, 24 novembre

17 I protagonisti Il 30 novembre si riunisce a Bruxelles il Comitato europeo per la Salute della catena alimentare, a cui prendono parte i rappresentanti degli stati membri. Preso atto della valutazione tranquillizzante, seppur preliminare dell Efsa, e del fatto che Tetra Pak ha cambiato tecnologia di stampa, i membri del comitato concordano nel confermare le decisioni prese in precedenza. L esito dell incontro è riportato in un documento ufficiale della Dg Sanco che recita: Sulla base delle conoscenze oggi disponibili, il Comitato ha concordato che non vi sia alcuna necessità di intraprendere misure a livello comunitario come il ritiro dal mercato dei prodotti coinvolti. L EFSA Investita dalla Dg Sanco della richiesta di un parere scientifico sull Itx, l Autorità europea per la sicurezza alimentare rende pubblici gli esiti di una prima valutazione il 24 novembre. La nota si limita a specificare che, sulla base di dati molto limitati, la presenza di Itx è da considerarsi indesiderabile, ma non presenta un rischio per la salute ai livelli riportati. Rimanda a un opinione definiva per il marzo L Autorità mantiene per tutto il corso della vicenda una posizione di estrema cautela, e il primo dicembre invia una lettera a Tetra Pak e Nestlé, specificando che la dichiarazione di una settimana prima è ancora provvisoria, e pregando le aziende di non dare interpretazioni forzate. Il 9 dicembre parte da Parma il comunicato ufficiale sul parere definitivo del Comitato scientifico che si occupa di additivi alimentari e materiali che vengono a contatto con il cibo (l AFC Panel). Gli esperti confermano quanto preannunciato a fine novembre: sulla base degli studi disponibili sulla genotossicità, si dichiara che l Itx non ha un potenziale genotossico. Inoltre, i livelli di Itx riscontrati negli alimenti non costituiscono un pericolo per la salute. Per quanto riguarda altri aspetti, non sono disponibili ulteriori dati. NESTLÉ Porta il marchio Nestlé il primo campione di prodotto risultato positivo all Isopropylthioxantone. La Nestlé viene informata nella presenza di Itx ai primi di settembre 2005 dall Arpa Marche, e procede con il richiamo del lotto di prodotto inquinato. La stessa azienda, due giorni dopo, dà notizia della migrazione alla Tetra Pak, ditta produttrice del materiale di confezionamento. Entrambe le aziende incontrano i rappresentanti della Dg Sanco nella riunione del 19 settembre, incontro in cui si stabilisce che non sarà necessario ritirare dal mercato i prodotti coinvolti e che Tetra Pak, nel giro di due set- 17

18 Il caso Itx timane, attuerà la propria decisione di convertire la tecnologia di stampa all origine della migrazione sulle confezioni dei prodotti per bambini. Una nuova allerta su prodotti Nestlé scatta però il 17 ottobre, l azienda ne riceve segnalazione e il 21 ottobre avvia un nuovo ritiro. Il terzo richiamo da parte della multinazionale avviene quasi un mese dopo, il 17 novembre, questa volta si tratta di un ritiro di proporzioni enormi, che interessa tutte le confezioni stampate con la tecnica di stampa che utilizza l Itx. Nestlé lo annuncia alla stampa, ma il richiamo non ha l impatto comunicativo sperato: in quei giorni la Procura di Ascoli, informata dalle Asur, ha già avviato i sequestri giudiziari in tutta Italia sui lotti di latte Nestlè, la multinazionale figura come la responsabile della migrazione di milioni di litri di latte. C è in più un aggravante: Nestlé sapeva del problema già da settembre. I vertici dell azienda finiscono nel registro degli indagati della Procura di A- scoli Piceno. L azienda si difende attraverso stringati comunicati stampa, spiegando che ha sempre fatto tutto il necessario per tutelare i consumatori. D'altronde Nestlé può provare che, sin da settembre, ha sempre proceduto al richiamo non obbligatorio dei lotti di latte risultati positivi alle analisi, nonostante, per stessa ammissione delle autorità scientifiche, non esistesse alcuna evidenza che l Itx potesse nuocere alla salute pubblica. I nostri ricercatori, scrive l azienda il 22 novembre, in collaborazione con enti indipendenti, hanno immediatamente proceduto a una valutazione della sicurezza, giungendo alla conclusione che le tracce di Itx rilevate nel latte non costituivano rischio per la salute. Per la prima volta, il 18 novembre, la Nestlé chiama in causa Tetra Pak, individuandola come responsabile della vicenda. Accade nel corso della trasmissione Mi manda Raitre, durante la quale il conduttore legge un comunicato aziendale in cui sia la multinazionale svizzera, quanto Milupa, asseriscono che il problema della migrazione di Itx è causato dalla tecnica di confezionamento dei contenitori in Tetra Pak. A dimostrazione della sua attenzione verso i consumatori, Nestlé dichiara anche che gli stessi prodotti sono stati ritirati dall azienda anche in Francia, Spagna e Portogallo, attiva un numero verde gratuito, e dirama un comunicato in cui spiega come distinguere le confezioni di latte stampate con la nuova tecnologia. Ma agli occhi dell opinione pubblica la posizione dell azienda si complica quando vengono diffuse le dichiarazioni di Peter Brabeck. Il 22 novembre il presidente del colosso alimentare dichiara all agenzia Reuters che esiste una ragione ben precisa perché la sua azienda non ha provveduto al richiamo immediato di tutti i prodotti potenzialmente contaminati. Brabeck rac- 18

19 I protagonisti conta di avere stretto già da luglio un accordo con la Commissione europea e il ministero della Salute italiano, che si sarebbero impegnati a non prendere provvedimenti in merito, in modo da consentire alla ditta di smaltire i prodotti inquinati. Quasi la dimostrazione che sia le aziende quanto le autorità che dovrebbero tutelare la salute pubblica, abbiano anteposto gli interessi economici di una multinazionale a quelli dei cittadini. Il giorno seguente, dopo l annuncio di querela da parte del ministro Francesco Storace, Brabeck ritratta la sue dichiarazioni, nega la presenza di un accordo, e invia una lettera al ministro porgendogli scusa senza riserve. Ma ormai la questione è già diventata un caso politico. MILUPA L atteggiamento di Milupa, entrata in scena solo in un secondo momento rispetto a Nestlé, è molto differente rispetto a quello della multinazionale svizzera. Quando il 13 ottobre parte l allerta comunitaria su un lotto di latte di proseguimento Aptamil 2 risultato contaminato da Isopropylthioxantone, l azienda decide di non richiamare i prodotti dagli scaffali: dalla sua c è il pronunciamento della Dg Sanco, il 19 settembre ha decretato la non necessità di prendere provvedimenti straordinari. Inoltre da più parti (la stessa Dg Sanco, l Istituto superiore di sanità) viene confermato che che l Itx non sembra essere dannoso. Alla Asl di Milano che per competenza si rivolge a Milupa, l'azienda risponde in data 18 ottobre che l'itx non presenta un rischio per la salute e che, avendo saputo dell'allerta per la presenza di Itx in un prodotto della concorrenza, si impegna a non usare più questa sostanza. Di questo il ministero della Salute viene informato il 21 ottobre, ma è la Regione Marche, il 26 ottobre, a operare i primi sequestri del latte Aptamil. Il 24 novembre anche i dirigenti Milupa vengono iscritti nel registro degli indagati del pm Ponticelli, che ha ricevuto dall Asur 13 di Ascoli Piceno l informativa di reato relativa ai suoi prodotti, e ventiquattro ore dopo i lotti oggetto dell inchiesta vengono ritirati dai supermercati di tutta Italia per volere del magistrato. Anche in questo caso, l azienda risponde alle accuse con una nota scritta, diramata il 24 novembre. L azienda sostiene che quel giorno stesso ha ricevuto la prima comunicazione ufficiale dal Ministero della Sanità sul tema Itx, e ribadisce tuttavia la propria fondata convinzione che non sussista alcun reale rischio per la salute dei bambini. Le prove su cui basa questa convinzione sono qui di seguito riportate: l Itx non è presente nelle liste delle sostanze pericolose compilate dalle 19

20 Il caso Itx istituzioni nazionali e internazionali; sulla base di riscontri preliminari l EFSA (Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare) ha comunicato che l Itx non presenta rischi immediati per la salute; qualificati esperti internazionali in farmacologia e tossicologia interpellati da Milupa sono giunti alla conclusione che la eventuale presenza di tracce di Itx non costituisce ragioni di preoccupazione; l Istituto Superiore di Sanità ha oggi affermato che il rischio di effetti genotossici, in seguito ad ingestione di Itx, è assente o trascurabile. Milupa informa infine che dal mese di ottobre ha introdotto un nuovo packaging che utilizza una diversa tecnologia di stampa esente da Itx 12. PARMALAT, GRANAROLO, NEWLAT Il primo dicembre i giornali pubblicano una nuova notizia che getta nel panico i consumatori. Sembra che il Corpo forestale dello Stato, durante le operazioni di recupero ordinate dalla Procura di Ascoli, abbia intercettato in alcuni supermercati di Genova tre circolari inviate da Parmalat, Granarolo e Newlat (titolare dei marchi Giglio e Polenghi). In questi documenti i produttori chiedevano ai distributori di ritirare in via precauzionale, alcuni dei loro prodotti. Le circolari portano le date degli ultimi giorni di novembre, quando era chiaro a tutti che il problema della migrazione di Itx non interessava solo i marchi Milupa e Nestlè. Ma le aziende, per loro stessa ammissione, erano già a conoscenza del problema, perché a informarle era stata Tetra Pak, l azienda fornitrice del materiale da imballaggio. Allora perché gli alimenti interessati sono stati lasciati sugli scaffali? Una possibile risposta l ha fornita Andrea Borsari, direttore Assicurazione qualità della Granarolo in una intervista pubblicata l 8 dicembre 13. Il richiamo non è stato deciso a settembre perché l Efsa, e altri organi ufficiali avevano dichiarato che non sussisteva una situazione di emergenza, e non era necessario che le aziende interessate togliessero i propri prodotti dal commercio. La scelta di effettuare il ritiro è invece arrivata, dice il dirigente, nel momento in cui si è notato un grande disorientamento tra i consumatori e una grande confusione nell opinione pubblica. 12 Comunicato stampa Milupa, 24 novembre Il Salvagente, 8-15 dicembre

IL CASO ITX. DIARIO DI BORDO Cronologia degli eventi. A cura del Team Crisis Itx

IL CASO ITX. DIARIO DI BORDO Cronologia degli eventi. A cura del Team Crisis Itx 1. IL CASO ITX DIARIO DI BORDO Cronologia degli eventi A cura del Team Crisis Itx Direzione delle Relazioni Esterne di Tetra Pak Homina Comunicazione Relazioni Pubbliche 1. CRONOLOGIA DEGLI EVENTI Questo

Dettagli

Analisi ponderata delle allerte alimentari degli ultimi anni

Analisi ponderata delle allerte alimentari degli ultimi anni Analisi ponderata delle allerte alimentari degli ultimi anni Dr. Stefano Bentley Università degli Studi di Parma Workshop"la gestione della qualità e della sicurezza nell'industria alimentare: aggiornamenti

Dettagli

Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA

Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA INDICE Premessa CAPO 1: UNITA DI CRISI 1.1 Unità di crisi della Regione Toscana

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

IL CASO ITX. DIARIO DI BORDO Cos è l Itx. A cura del Team Crisis Itx

IL CASO ITX. DIARIO DI BORDO Cos è l Itx. A cura del Team Crisis Itx 2. IL CASO ITX DIARIO DI BORDO Cos è l Itx A cura del Team Crisis Itx Direzione delle Relazioni Esterne di Tetra Pak Homina Comunicazione Relazioni Pubbliche 2. COS È L ITX Questo Diario di Bordo è una

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE 30.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 135/3 REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE del 29 maggio 2009 concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna

La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna Ai fini dell applicazione della nuova classificazione dei rifiuti, introdotta

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 6 FEBBRAIO 2008, N. 5804: le attività di cernita e adeguamento volumetrico della carta da macero e sostanze simili, poste in essere dalle ditte fornitrici

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NEL TERRITORIO DELLA ASL n.

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NEL TERRITORIO DELLA ASL n. Allegato alla Deliberazione n. 1459/C del 24/11/2010 PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NEL TERRITORIO DELLA ASL n. 7 DI CARBONIA INDICE

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

ASPETTI GIURIDICI DEL SISTEMA DI ALLERTA ROVIGO 28.5.2010

ASPETTI GIURIDICI DEL SISTEMA DI ALLERTA ROVIGO 28.5.2010 ASPETTI GIURIDICI DEL SISTEMA DI ALLERTA ROVIGO 28.5.2010 OCCORRE PARTIRE DA QUALI SONO LE CONDIZIONI ALLE QUALI SI ATTIVA IL SISTEMA DI ALLERTA L ART. 11 D.LGS. 123/1993 (ORA ABROGATO) posizionava il

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 22.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 339/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1210/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 relativo all autenticazione

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/6

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 1/6 MISSIONE IN SICILIA 29 SETTEMBRE 2009 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.53. PRESIDENTE. Buongiorno. La ringraziamo per la presenza e segnaliamo che dell audizione

Dettagli

VIGILANZA SUGLI INCIDENTI CON DISPOSITIVI MEDICI

VIGILANZA SUGLI INCIDENTI CON DISPOSITIVI MEDICI VIGILANZA SUGLI INCIDENTI CON DISPOSITIVI MEDICI L'articolo 11 del D.Lgs. 507 del 1992 (concernente i dispositivi medici impiantabili attivi) e gli articoli 9 e 10 del D.Lgs. 46 del 1997 (concernente tutti

Dettagli

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE n. 20/D Protocollo: 74 Roma, 13 maggio 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ufficio II Prot. n. 22280 pos.26 Al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali dell Università di Bologna Laboratorio LaRAS Via Fanin, 40 40127 BOLOGNA

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE

ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE Come si applica: ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE Ogni volta il Servizio Dipartimentale ASL disponga di informazioni relative alla presenza di un rischio grave per la salute umana, animale o per l ambiente, l

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2014 2/2014/E/EEL DECISIONE DEL RECLAMO PRESENTATO DA DE STERN 11 S.R.L. NEI CONFRONTI DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA

Dettagli

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Regione TOSCANA Il giorno 12 del mese di maggio 2013, si è riunita a Collesalvetti, alle ore 18.00 l Assemblea Soci APNEC Toscana per discutere i

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti

Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti n 25 del 05 luglio 2013 circolare n 451 del 02 luglio 2013 referente GRANDI/af Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti A scioglimento della riserva formulata nella

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA'

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' AREA DI COORDINAMENTO SANITA' SETTORE SANITA' PUBBLICA VETERINARIA. Dirigente Responsabile: Andrea Leto

Dettagli

Senato della Repubblica - Interrogazione a risposta immediata

Senato della Repubblica - Interrogazione a risposta immediata Senato della Repubblica - Interrogazione a risposta immediata Vaccini per prevenzione dell influenza A(H1N1): costo, criteri di scelta dell azienda farmaceutica e condizioni contrattuali 7 aprile 2010

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

un impianto di sicurezza

un impianto di sicurezza Impianti di sicurezza Vademecum per i collaudi Adalberto Biasiotti Le disposizioni legislative, gli allegati, le verifiche e le responsabilità. Ecco che cosa bisogna rispettare e quali sono le modalità

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA SPAZIO DI LEGALITA 1 La Prefettura, le Forze dell Ordine, la Polizia Municipale di Cremona, l ASL di Cremona - Dipartimento Dipendenze, i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei

Dettagli

REGOLAMENTO SITO INTERNET

REGOLAMENTO SITO INTERNET INDICE 1. Introduzione pag. 2 2. Responsabilità pag. 3 2.1 Amministratore del sito internet e Responsabile dell accessibilità pag. 3 2.2 Referente per la validazione pag. 4 2.3 Referente di Unità Operativa

Dettagli

Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992

Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992 Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992 Nota dell'ufficio Avvocatura della Diocesi di Milano Con la rinuncia da parte del Governo a richiedere alla

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI!

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI! FERIE NO! FERIE. SI! Veniamo a conoscenza che i Responsabili OGGI stanno obbligando le proprie risorse a pianificare entro fine anno il residuo ferie arretrato. Gli stessi Responsabili IERI hanno negato

Dettagli

COMUNE DI PISA TIPO ATTO ORDINANZE SINDACO. N. atto DN-16 / 38 del 15/03/2014 Codice identificativo 992084. PROPONENTE Ambiente - Emas OGGETTO

COMUNE DI PISA TIPO ATTO ORDINANZE SINDACO. N. atto DN-16 / 38 del 15/03/2014 Codice identificativo 992084. PROPONENTE Ambiente - Emas OGGETTO COMUNE DI PISA TIPO ATTO ORDINANZE SINDACO N. atto DN-16 / 38 del 15/03/2014 Codice identificativo 992084 PROPONENTE Ambiente - Emas OGGETTO INTERVENTO DI RIMOZIONE DELLE COPERTURE DI MANUFATTI IN AMIANTO

Dettagli

Conciliazione paritetica

Conciliazione paritetica Conciliazione paritetica Che cos è? La conciliazione paritetica è una procedura volontaria per risolvere bonariamente, con la mediazione dei conciliatori, una controversia che vede coinvolti gli utenti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

1. AGI giovedì 22 aprile 2010, 12.05.47 SALUTE: CIBI CONTAMINATI, 58% CASI DIRETTAMENTE AL CONSUMO

1. AGI giovedì 22 aprile 2010, 12.05.47 SALUTE: CIBI CONTAMINATI, 58% CASI DIRETTAMENTE AL CONSUMO 1. AGI giovedì 22 aprile 2010, 12.05.47 SALUTE: CIBI CONTAMINATI, 58% CASI DIRETTAMENTE AL CONSUMO SALUTE: CIBI CONTAMINATI, 58% CASI DIRETTAMENTE AL CONSUMO = (AGI) - Roma, 22 apr. - La maggior parte

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: V. Lonati Progetto Analisi di mercato valido per gli appelli di gennaio e febbraio 2015 1 Il problema L analista Ing. Ferrari lavora per l azienda RicerMer

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI PRESSO LA X COMMISSIONE INDUSTRIA DEL SENATO DELLA REPUBBLICA SUL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2009/138/CE (SOLVENCY

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 11-17 marzo 2002. Telecamere in discoteca. Multa per mancata informativa ai clienti. Sì ai consigli comunali in tv

Newsletter. Notiziario settimanale 11-17 marzo 2002. Telecamere in discoteca. Multa per mancata informativa ai clienti. Sì ai consigli comunali in tv Newsletter Notiziario settimanale Telecamere in discoteca. Multa per mancata informativa ai clienti Sì ai consigli comunali in tv Sorveglianza lavoratori Usa. Filtri per bloccare accesso ad Internet 1

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. XXII n. 21 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa dei senatori PONTONE e FLORINO COMUNICATA ALLA PRESIDENZA IL 17 OTTOBRE 2003 Istituzione di una Commissione

Dettagli

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci.

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci. VISION CRITICAL COMMUNICATIONS INC. REGOLE AZIENDALI SULLA PRIVACY DESCRIZIONE GENERALE Per noi della Vision Critical Communications Inc. ("VCCI"), il rispetto della privacy costituisce parte essenziale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva

Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva Un giorno in SENATO Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al Senato o alla Camera, di un progetto di legge;

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

Delibera n. 192/05 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Delibera n. 192/05 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera n. 192/05 Modifiche ed integrazioni al regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas di cui alla deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 L AUTORITÀ PER

Dettagli

Norme uniformi della CCI (Camera Commercio Internazionale) relative agli incassi

Norme uniformi della CCI (Camera Commercio Internazionale) relative agli incassi Appendice 5 Norme uniformi della CCI (Camera Commercio Internazionale) relative agli incassi Sommario Disposizioni generali e definizioni Ambito di applicazione delle norme (NUI 522) Art. 1 Definizione

Dettagli

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Struttura organizzativa: Direzione Amministrativa Processo di riferimento: Acquisizione Risorse

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

BUSINESS COACHING: COS E E COME FUNZIONA

BUSINESS COACHING: COS E E COME FUNZIONA BUSINESS COACHING: COS E E COME FUNZIONA Chiarimenti per applicare questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag. 1 Il

Dettagli

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO O INDETERMINATO CON CONTRATTO DI LAVORO PART-TIME O FULL TIME DI PERSONALE CON QUALIFICA DI IMPIEGATO

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . BULGARIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN BULGARIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti del diritto in tema di tutela del consumatore sono le seguenti: Legge del 9 dicembre 2005 e

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI A cura del Coordinatore Locale Donazione e Trapianti Asl 1 dott. Ezio Szorenyi I TRAPIANTI NON ESISTONO SENZA DONAZIONI Ad oggi non è possibile sostituire un

Dettagli

Informativa ordinaria n. 8/2014

Informativa ordinaria n. 8/2014 Informativa ordinaria n. 8/2014 Sommario Premessa 2 La proroga del 770 sposta il ravvedimento sulle ritenute fiscali 2 Rimborsi più rapidi dall Agenzia con accredito diretto sul conto corrente 2 Indagini

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. LE SERGIO BERLATO ALL ASSEMBLEA DELL AVEC Amburgo, 7 ottobre 2006

INTERVENTO DELL ON. LE SERGIO BERLATO ALL ASSEMBLEA DELL AVEC Amburgo, 7 ottobre 2006 www.sergioberlato.it INTERVENTO DELL ON. LE SERGIO BERLATO ALL ASSEMBLEA DELL AVEC Amburgo, 7 ottobre 2006 Quale membro della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale e della Commissione Ambiente, sanità

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 22 MAGGIO 2013 221/2013/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI PRONTO INTERVENTO GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA PROT.81790/U/31.07.2012 A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati A tutti i componenti del CIG A tutti i componenti del CdA Roma, martedì 31 luglio 2012

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRESSO GLI ENTI PRIVATI IN CONTROLLO PUBBLICO, A

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 6 REVOCA DI DECISIONI,

Dettagli