IMMAGINI DI GUERRA O GUERRA DI IMMAGINI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMMAGINI DI GUERRA O GUERRA DI IMMAGINI?"

Transcript

1 REPORTAGE IMMAGINI DI GUERRA O GUERRA DI IMMAGINI? Sopra: gli avieri Eric Robinson e Stephen Bancher con il sergente Michael Hawkins caricano un missile AIM-9 (base Nato di Aviano, Italia): ph. by Senior Airman Jeffery Allen/U.S. Air Force photo). In basso a sinistra: immagine del dipartimento della difesa americano, trasmessa dalla CNN, che mostra due Mig-29 iugoslavi bersaglio (e sotto la mira) di un F-16 C6. In basso a destra: un F-16 CJ sgancia un missile AIM-120 (air intercept missile): U.S. Air Force photo.

2 Impossibile continuare a parlare di fotogiornalismo senza soffermarsi sugli eventi di guerra che ci hanno travolto e sulle immagini che ne sono derivate. Lo faccio nell'ambito di questa serie di articoli perché ritengo che l'analisi dei metodi utilizzati dalla stampa internazionale per illustrare fotograficamente il conflitto contenga degli aspetti interessanti per chi intende operare nel settore del fotogiornalismo. Purtroppo esigenze di spazio e di tempi di consegna mi impongono di prendere in esame solo la prima parte del conflitto (fino al 15 aprile circa) costringendomi a fornire un quadro della situazione probabilmente incompleto e sicuramente scollegato dalla stretta attualità. Fa niente, le considerazioni che ne derivano credo possano risultare comunque interessanti. Dico subito che è impensabile affrontare questa analisi senza entrare nel merito dei fatti (d'altronde questo vale per tutti gli argomenti da trattare fotograficamente: compito principale del fotogiornalista infatti non è solo quello di essere informato, ma anche quello di tenersi aggiornato e di approfondire le notizie). Aggiungo però che è altrettanto impensabile riportare la cronaca di guerra sulle pagine di questa rivista, soprattutto per ovvi motivi si spazio. Darò quindi per scontata, da parte vostra, l'indispensabile conoscenza degli eventi: senza di essa non solo è inutile continuare a leggere, ma è perfino inutile pensare di voler fare il fotoreporter (essere e tenersi informati deve anche essere una vostra passione, altrimenti cambiate mestiere: senza l'interesse per l'informazione non riuscirete a trovare tutte le energie necessarie per superare le innumerevoli difficoltà che incontrerete). Profughi kosovari: foto tratte dalla rivista Internazionale (foto M. Sciacca). Heather Velasquez mostra a suo figlio Skyler (di 13 mesi) suo padre, sul monitor. Usa il servizio videophone al centro di supporto per famiglie della R.A.F. di Lakenheath (R.A.F. Lakenheath family support center) per contattare suo marito sgt. Roselio Velasquez, in forza alla base nato di Aviano (ph. By tech. Sgt. Ann Bennett/U.S. Air Force photo). Profughi kosovari: foto tratte dalla rivista Panorama.

3 Copertine di settimanali italiani dedicate ai profughi. Due copertine del settimanale serbo Nin dedicate alla guerra. La guerra invisibile Da un punto di vista giornalistico una cosa è certa: almeno in questa prima fase, la completezza dell'informazione su questo drammatico conflitto è messa in discussione dalla mancanza di immagini. Ci sono pochi documenti visivi che descrivono la guerra vera e propria e non ci sono storie raccontate per immagini, se non quelle che riguardano il dramma dei profughi kosovari. Queste ultime sono infatti le fotografie che tutti ricordiamo a proposito di questo terribile evento. Giornalisti, fotografi, cameramen si sono occupati prevalentemente di loro. Infatti le decine di copertine o di servizi e le centinaia di foto raffiguranti i profughi, i loro volti, le loro sofferenze sono documenti dolorosi ma doverosi, traumatici ma inevitabili, drammatici ma assolutamente indispensabili ai fini di una corretta informazione. Ma tutti gli altri aspetti della guerra, dove sono? Numerosi sono stati gli episodi che rivelano le difficoltà dei mezzi di informazione nel reperire e verificare i documenti visivi di cui necessitano. La trasmissione televisiva Moby Dick è addirittura arrivata a chiedere di "segnalare o inviare" immagini sulla guerra; il settimanale Panorama ha pubblicato le fotografie di cadaveri di cittadini kosovari, massacrati da miliziani serbi, definendole inedite quando invece le stesse non solo erano già state pubblicate dal giornale albanese Koha Ditore e dalla rivista italiana L'Espresso, ma sono anche visibili da più di un anno sul sito Internet del Kosovo Crisis Center; la trasmissione radiofonica Zapping ha dedicato una puntata ai problemi che i cronisti incontrano come corrispondenti di guerra, e potrei andare avanti con altri esempi. Molti dunque parlano della difficoltà di Copertina del settimanale economico inglese The Economist. informare e delle problematiche condizioni in cui si è costretti a svolgere il lavoro di giornalisti, specialmente all'interno di un avvenimento bellico, ma pochi sono coloro che si avventurano sul terreno della spiegazione o dell'analisi e ancora meno sono quelli che cercano di descrivere queste difficoltà e di individuarne le cause. Per quanto riguarda le immagini poi il discorso si fa preoccupante. Immagini di guerra Fino al momento in cui scrivo (metà aprile 99) le prime pagine di quotidiani e periodici europei sono occupate quasi esclusivamente da immagini di profughi kosovari; nelle pagine interne il numero di immagini che li riguardano è enormemente maggiore di quello raffigurante gli altri aspetti della guerra. Molte anche le foto relative alle forze armate della Nato (armi e militari). Alcuni periodici pubblicano le fo-

4 Immagine dei numerosi fotoreporter intorno all'aereo Nato abbattuto, protagonista della copertina precedente. Copertina della rivista serba Politicka. Immagini tratte da quotidiani italiani raffiguranti militari insieme ai bambini profughi. to dei massacri che i serbi hanno perpetrato contro i cittadini di etnia albanese. Poche le immagini provenienti dalla Serbia. Le copertine e le pagine interne delle poche testate serbe che sono riuscito a guardare sono invece prevalentemente occupate da foto di incendi, esplosioni, bombe, macerie, simboli di bersagli, frammenti di aerei nemici abbattuti. Quasi inesistente la documentazione del dramma dei profughi. Nascosti gli orrori della pulizia etnica. Insomma una bella differenza, non c'è che dire! Una differenza che però rivela un'unica ispirazione: quella dell'utilizzo della fotografia a fini propagandistici. Purtroppo da entrambe le parti. Questo è il dato più evidente e preoccupante che si può cogliere: durante una guerra l'informazione libera ed autonoma è messa in serio pericolo (forse inevitabilmente, ma non è certo questa la sede per discuterne). Guerra di immagini in Occidente Fotografi ed agenzie fotografiche sono sempre andati e sempre andranno non solo dove è necessario documentare un evento, ma soprattutto dove è possibile realizzare immagini che abbiano un mercato, che siano vendibili. In Occidente, in questa prima fase della guerra, la fetta maggiore di mercato è occupata da testate che vogliono foto drammatiche e commoventi, immagini capaci di impressionare l'opinione pubblica, di dimostrare le crudeltà subite dai kosovari, di distogliere l'attenzione dalle tragiche conseguenze dell'intervento militare. Insomma, per farla breve, immagini che riescano a creare consenso intorno all'intervento militare (in questa sede ovviamente non voglio minimamente entrare nel merito dell'atteggiamento, mi limito soltanto a registrarlo e ad analizzarlo). Ecco quindi perché la maggior parte di giornalisti e fotoreporter si occupa dei profughi e si accalca nei vari campi di accoglienza. La rivista inglese The Economist ha avuto il coraggio di titolare la sua immagine di copertina, raffigurante la disperazione di un vecchio kosovaro, "Vittime dei Serbi o della Nato?". Tra coloro che potrebbero fornire una risposta a questo interrogativo ci sono i fotoreporter: ma ad essi si preferisce dare come possibilità di guadagno, e quindi di lavoro, la documentazione di uno degli aspetti (effetti?) della guerra presentandolo poi al pubblico esclusivamente come una causa. Pochissimi parlano delle vere ragioni di questo conflitto, moltissimi sono impegnati ad indirizzare giornalisti, fotografi e cameramen verso la testimonianza di ciò che è necessario a formare consenso intorno ad esso. Guerra di immagini in Serbia Qualcosa di peggiore avviene in Serbia. La possibilità di documentare visivamente gli effetti di un intervento militare di questa portata fornirebbe delle informazioni utili a descrivere il quadro della situazione. Ma la dittatura lo impedisce. E lo fa con modalità violente. Purtroppo infatti quello serbo è un regime che sta compiendo una vera e propria pulizia etnica (le immagini dei profughi kosovari ne costituiscono talvolta il trofeo, talvolta la prova da occultare) e non ha interesse a mostrare la sua debolezza con immagini di distruzione (né al suo popolo né agli avversari). Durante la precedente guerra nella ex-jugoslavia (come ci dice Marco Guidi nel libro "La sconfitta dei media") quel regime si è reso responsabile di "oltre 40 vittime tra giornalisti, cameramen, tecnici e fotografi: un numero maggiore di quello delle vittime tra le fila dell'informazione nelle più lunghe guerre del Vietnam ed Afghanistan". Nel corso del solo 1997 (come ci dice nel

5 Sopra: volantino affisso a Belgrado che vorrebbe essere un necrologio di Bill Clinton, con data di nascita, data di morte, la sua foto, ed una svastica che vorrebbe definirlo (AFP photo/the age). Copertina della rivista statunitense The Nation. Copertina del settimanale italiano L'Espresso. A destra: prima pagina del quotidiano italiano La Repubblica del 12/4/99. suo rapporto annuale l'associazione internazionale Reporters Sans Frontière) sono stati arrestati ed interrogati 9 giornalisti, aggrediti e percossi 11, minacciati e perseguitati 5, sono state esercitate pressioni giuridiche, economiche o amministrative nei confronti di molte testate di opposizione, infine sono stati posti ostacoli alla circolazione nazionale e internazionale di informazioni tramite azioni dirette anche verso cine-foto-operatori. La Serbia è insomma un paese che ha avuto tutte le intenzioni e nessuna remora nell'eliminare giornalisti e fotografi dal suo territorio (talvolta perfino fisicamente, come purtroppo tragicamente dimostrato dall'uccisione di Slavko Curuvija, direttore e fondatore del quotidiano indipendente "Dnevni Telegraf", avvenuta l'11 Aprile 1999). La guerra nascosta Ma nonostante ciò questa è soprattutto una guerra di immagini. Quello che conta non è il valore informativo delle fotografie, men che meno il loro valore estetico; ciò che è veramente importante è la loro funzionalità ad un utilizzo propagandistico, diverso a seconda dei contendenti. Ad esempio, se da un lato sulle testate occidentali, tra le poche foto dei militari impegnati nel conflitto, vengono messe in evidenza quelle con soldati insieme a bambini profughi (soldato con biberon che allatta un bambino: La Repubblica del 7/4/99 pag. 9; soldato con un bambino sulle spalle: Il Corriere della Sera del 14/4/99 pag. 9; soldato che gioca con un bambino: La Repubblica del 14/4/99 pag. 9, ecc. ecc.), dall'altro le copertine dei settimanali serbi sono dedicate a bambini che danzano sopra il relitto dell'unico aereo Nato abbattuto (esibito come trofeo, con tanto di civili che ci danzano sopra a disposizione dei fotografi). Se da una parte il giornale italiano L'Espresso esce con il titolo di copertina "Hitlerosevic" riferito al presidente serbo Milosevic, dall'altra giornali e volantini associano il presidente degli Stati Uniti, Clinton, ad una svastica. Quando i quotidiani europei titolano a tutta pagina "Fosse comuni in Kosovo" (basandosi su dichiarazioni del portavoce Nato che parla di fotografie che le individuano quando invece queste fotografie sono assolutamente inutili a tal fine: tanto che nessuno ha più sentito parlare di queste fosse), quelli serbi continuano ad ignorare il dramma dei profughi e a negare la pulizia etnica. Sono tutti casi in cui i due contendenti utilizzano la fotografia a fini propagandistici, ognuno ovviamente tirando l'acqua al proprio mulino. Questa è soprattutto una guerra di immagini: immagini da far vedere solo se servono a scopi ben precisi, immagini da didascalizzare o titolare opportunamente, presunte immagini, montaggi e collage di immagini. Ma soprattutto immagini da nascondere (completamente o sotto didascalie e titoli che ne impongono il significato). Dove sono infatti le foto della vita quotidiana tra le macerie di città distrutte? Oppure quelle realizzate all'interno dei rifugi? O le immagini dei militari serbi in Kosovo? O quelle della vita nelle basi Nato? Oppure quelle delle vittime dei bombardamenti? O dei missili sganciati? O dei

6 Manifestazione anti-nato a Belgrado. Manifestazione a favore dell'intervento militare della Nato. Montaggi grafici tratti da vari siti Internet di testate occidentali e serbe. Sopra: Pristina bombardata. A destra: vita sotto le bombe, tra le macerie, a Belgrado. militanti dell'uck? Per questo tipo di foto esiste pochissimo spazio: sia di esecuzione, che di diffusione. Almeno in questa prima fase del conflitto, almeno fino al momento in cui sto scrivendo. Come pensare di entrare da fotografi in un paese in cui i giornalisti occidentali vengono come minimo cacciati e minacciati perché considerati di parte? Perché d'altra parte rischiare tempo, denaro, energie e talvolta la vita, per realizzare immagini che poche testate pubblicherebbero? Le parole dell'inviato del Tg1 a Belgrado, Ennio Remondino, sono esplicative al riguardo: "I trucchi dell'informazione sono da tutte e due le parti e noi giornalisti siamo in mezzo"; e la scritta sul sito Internet della radio serba indipendente B92 le conferma: "Non credete a nessuno, neanche a noi". La guerra visibile Eppure le immagini esistono. E noi ve le proponiamo a corredo di questo articolo. Dove sono? Dove erano? Ovviamente sui numerosi siti Internet dedicati alla guerra. Ancora una volta la rete si rivela la principale fonte di informazione. E badate bene non sto parlando di immagini rese pubbliche da strane associazioni o da poco attendibili personaggi: queste sono foto visibili su siti facilmente accessibili, segnalati sui newsgroups dedicati all'evento (it.eventi.guerrakosovo) e molto frequentati (ad esempio quello della U.S. Air Force, quello della rivista australiana The Age, quelli di testate o istituzioni serbe, albanesi, kosovare, ecc. ecc.). Certo non esistono servizi completi realizzati da un solo autore, non esistono storie raccontate per immagini, ma ci sono comunque fotografie che nel loro insieme costituiscono un valido documento per sapere cosa sia veramente questa guerra. Sono immagini che proprio per questo, ed oltre a questo, la dicono lunga su cosa significhi fare il fotogiornalista oggi. Quale fotogiornalismo per quale guerra? Sicuramente un fotografo che vuole essere un corrispondente di guerra deve fare i conti con difficoltà di vario genere, non sempre semplici da superare. Prima di tutto difficoltà pratiche che riguardano le modalità di attuazione dei conflitti contemporanei: poche truppe di terra, bombardamenti chirurgici, computer, armamenti fantascientifici, ecc. Insomma, utilizzando un luogo comune, si potrebbe dire che le guerre non si fanno più come una volta. C'è poi il grosso problema della censura militare: sicuramente derivante dall'esperienza americana nel Vietnam (dove gli Stati Uniti hanno perso una guerra anche a causa delle crude ed impietose immagini che

7 Il ponte "Sloboda" (ponte della libertà) che collega Novi Sad con Sremska Kamenica, distrutto da un attacco Nato (AFP photo/the age). Cinecittà: foto dell'allestimento della scenografia per il set dello spot TIM (tratto dal settimanale italiano Il Venerdì di Repubblica). arrivarono dai luoghi degli scontri), messa a punto nella più recente guerra del Golfo (dove i giornalisti sono stati blindati in luoghi e tempi decisi dai militari americani) e violentemente utilizzata dai Serbi nella guerra della ex-yugoslavia (come già detto in precedenza); questa è forse la più grossa difficoltà oggettiva per la realizzazione di immagini giornalisticamente valide. Vi è infine il problema più sottile ma talvolta insormontabile della propaganda, e cioè della ricerca del consenso da parte della classe politica dominante: anch'esso sicuramente definibile come censura, assume forme e modalità differenti a seconda che ci troviamo in dittatura o invece in una situazione più democratica. Nel primo caso la creazione del consenso viene ottenuta con la violenza. Nel secondo caso lo si fa tentando di impedire la diffusione a largo raggio di certe notizie o di certe immagini e facendole arrivare poco alla volta (in modo da creare un consenso iniziale poi difficile da cambiare: com'è noto pochi sono coloro che cambiano idea nel corso del tempo!). In entrambi i casi il fotogiornalista può essere pericoloso per il potere costituito (tant'è vero che ultimamente si è creato un clima tale intorno ad esso che presenta come sciacalli tutti coloro che hanno una macchina fotografica al collo) perché potrebbe vedere e far vedere le cose come stanno, potrebbe essere destabilizzante. Fare il fotografo è difficile non solo operativamente (per evidenti difficoltà oggettive) ma anche perché la fotocamera potrebbe essere una pacifica arma da utilizzare contro ogni forma di censura imposta da ogni tipo di potere. Questo è sicuramente il fascino ed al tempo stesso il limite di questa professione: sapere di poter fare un mestiere utile alla scoperta o alla diffusione della verità, qualunque essa sia, consapevoli però - per un motivo o per l'altro, giusto o sbagliato che sia - di quanto questa verità sia talvolta difficile da far uscire allo scoperto. È il caso di questa guerra, dove i fotografi si sono trovati soffocati da due tipi di propaganda. Come già detto, se questo sia inevitabile o meno non è questione da discutere in questa sede. Io mi limito a proporvi un'ultima immagine. Non è una foto di guerra; è una ripresa della costruzione di una scenografia allestita a Cinecittà per la realizzazione di uno spot pubblicitario che sicuramente avrete visto in televisione. È una fotografia che fa riflettere perché è come minimo imbarazzante vedere un paese che prima costruisce finti ponti per scopi pubblicitari, e poi va latrove a distruggere quelli veri. Leonardo Brogioni

8 ESERCITAZIONE Il lavoro di questo mese è di Chiara Castello intitolato Un giorno con me e presumibilmente realizzato per l esercitazione n. 1. Diciamo subito che le inquadrature sono molto standard, non contengono particolari intuizioni compositive, sono semplici e quasi banali foto documentative che rivelano una certa paura nel lasciare libero lo sguardo, nell osare visivamente; e fin qui niente di male perché non si può pretendere molto da chi vuole e deve imparare; inoltre lo scopo dell esercizio era un altro, quello di raccontare una storia. Da questo punto di vista c è da dire che il racconto per immagini è ben svolto, la sequenza cronologica di una giornata tipo è perfettamente comprensibile, dall inizio alla fine; la scelta delle situazioni riprese dimostra una buona capacità di selezione dei momenti emblematici; anche i diversi tipi di luce, che raccontano le diverse atmosfere all interno di uno stesso giorno, sono ben sfruttati. Si nota insomma un valido lavoro di progettazione. Però, e qui veniamo al dunque, la stessa autrice ci rivela che il lavoro è stato realizzato non solo con una macchina fotografica compatta, ma addirittura con un cavalletto, con un cavo flessibile e con una pellicola professionale: disattendendo completamente le già scarse indicazioni date nella spiegazione dell esercizio. E su questo dobbiamo dire molte cose: 1) Innanzitutto riconosciamo l onestà di chi ha voluto agire con correttezza rivelandoci esattamente le modalità di esecuzione dell esercizio senza tentare di ingannarci. 2) Se seguite un corso, comunque, dovete fidarvi delle indicazioni che vi vengono date perché esse sono il frutto di un preciso programma didattico creato apposta per condurvi passo dopo passo ad una conoscenza della fotografia che potrete applicare ai vostri specifici interessi. E già difficile raggiungere dei risultati in questo modo, figuriamoci se vi mettete a saltare dei passaggi! 3) Le macchine fotografiche cosiddette compatte sono apparecchi, forse, esternamente simili alle usa e getta ma internamente assai più raffinate, con molte funzioni computerizzate ed in grado di correggere automaticamente eventuali condizioni di ripresa estreme. Fossero uguali non si spiegherebbe come mai una compatta può arrivare a costare più di mezzo milione di lire mentre una usa e getta la si trova a meno di quindicimila lire! Con una fotocamera usa e getta inoltre non potete usare né cavalletto, né cavo sensibile, né pellicola professionale, ma dovete adattare l intero lavoro al particolare strumento a disposizione, cosa che vi costringe ad una cura maniacale della fase di progettazione. Proprio quello che volevamo! Usare un tale tipo di apparecchio è una difficoltà in più non una facilitazione. Non potete farne neppure una questione economica, giacché se volete dedicarvi alla fotografia dovete mettere in conto l investimento di un po di soldi e quelli necessari per l acquisto di una macchina usa e getta sono gli stessi che servono per una pellicola profes-

9 sionale. Nei primi due articoli di questa serie abbiamo speso molte parole per spiegare i motivi che ci hanno spinto a farvi utilizzare una macchina del genere, a questo punto vi preghiamo di andarli a rileggere. In conclusione: se Chiara avesse usato una usa e getta il risultato della sua esercitazione sicuramente non sarebbe stato lo stesso, soprattutto sarebbe stato il frutto di uno sforzo molto più intenso e molto più mirato, perché le limitazioni di uno strumento così spartano avrebbero avuto delle evidenti ripercussioni sulla progettazione dell intero lavoro. ESERCITAZIONE n.1 Pensate, realizzate e spedite una serie di fotografie che raccontino la giornata tipo di un componente della vostra famiglia o del nucleo in cui vivete. Utilizzate solo una macchina fotografica usa e getta senza flash. ESERCITAZIONE n. 2 Come la precedente, ma usate una macchina fotografica usa e getta dotata di flash. ESERCITAZIONE n. 3 Pensate, realizzate una serie di fotografie che raccontino la giornata tipo di un vostro conoscente, che non sia né un componente della vostra famiglia né un appartenente al nucleo in cui vivete. Utilizzate la vostra macchina fotografica abituale, la luce ambiente, quanti rulli volete ma un solo tipo di pellicola ed inserendo obbligatoriamente nella storia le seguenti immagini: 1) una fotografia in cui la luce sia l elemento più evidente 2) una fotografia in cui il/i soggetto/i sia/siano su un unico piano 3) una fotografia con più piani ben evidenziati 4) una fotografia con un solo soggetto principale 5) una fotografia con più di due soggetti protagonisti 6) una fotografia con un punto di vista dal basso 7) una fotografia con un punto di vista ad altezza d uomo 8) una fotografia con un punto di vista dall alto 9) una fotografia con senso di staticità 10) una fotografia con senso di dinamicità ESERCITAZIONE n. 4 Progettate e realizzate un servizio che descriva l attività lavorativa di una persona che non conoscete. Utilizzate la vostra macchina fotografica abituale. 1) scegliete tra l utilizzo della luce ambiente e quello del flash abbinato alla luce ambiente 2) scegliete tra l uso del bianco e nero e l uso del colore 3) usate quanti rulli volete purché siano negativi e dello stesso tipo di pellicola 4) fate sviluppare il materiale sensibile da un laboratorio professionale richiedendo anche il provino (a contatto o in striscia) di ogni rullo 5) scegliete e fate stampare 10 foto formato 18x24 Inviare a: Progresso Fotografico Scuola di Reportage Viale Piceno 14, Milano Nome via CAP... Città... PV... N...Fotografie ESERCITAZIONE N... Le fotografie saranno restituite solo a coloro che ne fanno richiesta. Desidero la restituzione delle fotografie ed allego L in francobolli Non desidero la restituzione delle fotografie

SCUOLA DI REPORTAGE. Le immagini sono tratte dal libro I bambini di Bombay di Dario Mitidieri

SCUOLA DI REPORTAGE. Le immagini sono tratte dal libro I bambini di Bombay di Dario Mitidieri SCUOLA DI REPORTAGE LE BASI DEL FOTOGIORNALISMO Fare fotogiornalismo significa saper fare approfondimento visivo, lasciando a mezzi come la televisione la gestione dell informazione pura e semplice. Ma

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Gallerie fotografiche: quotidiani on-line a confronto

Gallerie fotografiche: quotidiani on-line a confronto Reportage Gallerie fotografiche: quotidiani on-line a confronto I quotidiani on-line danno sempre più spazio alle immagini, ma grande è la differenza tra i quotidiani italiani e americani: questi ultimi

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Sky TG24 per le scuole

Sky TG24 per le scuole Partiamo da una considerazione: una ricerca europea ha evidenzato che in Italia è ancora debole la capacità di orientarsi e sviluppare senso critico nei confronti del mondo dell informazione. Avete una

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS

MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS Visto che le richieste in chat sono sempre maggiori ed è difficile riassumere in poche righe il sistema che utilizzo per fare risorse in poco tempo, ho pensato che

Dettagli

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Dopo aver visto negli altri capitoli le linee principali per fotografare correttamente i nostri modelli, cercherò di mostrare ora cosa non si

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO di Aurelio Alaimo I. I. S. Caduti della Direttissima - Castiglione dei Pepoli (Bologna) aurelio.alaimo@iperbole.bologna.it (critiche, osservazioni e commenti

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA a. Introduzione BAMBINI NON COMMERCIALI Il diritto a pensieri e spazi senza condizionamenti pubblicitari Le relazioni educative, all interno di una famiglia, per essere significative

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia Un imprenditore capisce il marketing? Pensare che un imprenditore non capisca il marketing e' come pensare che una madre

Dettagli

Informarsi. Raccogliere informazioni

Informarsi. Raccogliere informazioni Fase di lavoro 1 Informarsi Spieghi con parole sue a un collega oppure a un suo parente il compito che ha dovuto svolgere e che vuole descrivere nel suo rapporto È stato in grado di esprimersi in modo

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

La Guerra delle Arance

La Guerra delle Arance La Guerra delle Arance di Cesare Crespi Gioco di sensibilizzazione pubblicato dal gruppo Gli amici del Gufluccio. http://www.parrocchie.it/livorno/coteto/gruppogiochi/start.htm Foto di copertina: http://www.flickr.com/photos/fotoosvanrobin/3498947030/in/photostream/

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

Laboratorio di Paola Tonelli

Laboratorio di Paola Tonelli Laboratorio di Paola Tonelli dal libro: La Documentazione educativa di Paola Tonelli ed. ANICIA Roma In moltissime scuole italiane è ormai costume comune raccontare il proprio percorso, il proprio lavoro,

Dettagli

Sky TG24 per le scuole

Sky TG24 per le scuole Partiamo da una considerazione: una ricerca europea ha evidenzato che in Italia è ancora debole la capacità di orientarsi con senso critico nei confronti del mondo dell informazione. Secondo la ricerca,

Dettagli

Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade

Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade INTERVISTA OBIETTIVO: XF14mm F2.8R ESPOSIZ: 1/30 sec a F4, ISO 1600 Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade REGISTRATI!

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico LASER: pro e contro nel loro impiego tattico Si sa! E da ormai molti anni che questo simpatico accessorio la fa da padrone nei più diffusi e costosi film d azione o action movie per dirla all americana.

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Feed RSS: strumenti indispensabili per il reporter

Feed RSS: strumenti indispensabili per il reporter Reportage Feed RSS: strumenti indispensabili per il reporter Per un fotogiornalista il lavoro di progettazione del servizio e di documentazione è fondamentale. Internet mette a disposizione strumenti molto

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Giornalisti uccisi in guerra - Il prezzo per la verità di Rosa Schiano

Giornalisti uccisi in guerra - Il prezzo per la verità di Rosa Schiano Tra le vittime della recente guerra israeliana contro Gaza, denominata "Pillar of cloud" (14 novembre 2012-21 novembre 2012), vi sono anche tre giornalisti uccisi intenzionalmente e brutalmente in due

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Rilevazioni audiovisive

Rilevazioni audiovisive TRASCRIZIONE Nº 47 RADIO 3 SCIENZA ORE 11:30 DATA 14/11/2007 PIETRO GRECO (CONDUTTORE): E' dunque in discussione al Parlamento Europeo una proposta che è quella che gli esperti chiamano di pubblicità diretta

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Le domande rivolte a casa sono state le seguenti: conosci le tegnùe? cosa sono? dove sono? perché si chiamano così?

Le domande rivolte a casa sono state le seguenti: conosci le tegnùe? cosa sono? dove sono? perché si chiamano così? 4.1.2.3 Terza fase: cosa sono le tegnùe Dopo aver visto che con gli organismi che si trovano in spiaggia si era raggiunta, da parte di tutti, una buona familiarità, si è passati a chiedere cosa sapessero

Dettagli

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa 1 Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa I media sono il modo in cui vediamo la realtà, sono la nostra principale fonte di informazione; oltre a rilassarci

Dettagli

Il progetto è finanziato con i contributi dei donatori adottanti e con eventuali contribuzioni di enti privati e pubblici.

Il progetto è finanziato con i contributi dei donatori adottanti e con eventuali contribuzioni di enti privati e pubblici. Aggiornamento a fondo scheda al 31.12.2014 A.S.V.I. Onlus Via G.B. Carta, 36 20128 Milano 03 PROGETTO SUPPORTO SCOLASTICO Tel/Fax 02.2593971 e-mail asviitalia@gmail.com Progettato Attivato Stato Responsabile

Dettagli

Disabilità in Albania: una cultura da costruire

Disabilità in Albania: una cultura da costruire Disabilità in Albania: una cultura da costruire Autore: Alban Trungu Categoria : Albania Data : 8 gennaio 2011 La Comunità Internazionale di Capodarco è una ONG italiana impegnata in Albania nel campo

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Alex Lombardi MANUALE NBC ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Alex Lombardi MANUALE NBC INTRODUZIONE

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

TOUR ALLA SCOPERTA DELLO ZAINO SCOLASTICO

TOUR ALLA SCOPERTA DELLO ZAINO SCOLASTICO LEZIONE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Insegnante: Londei Fabiola anno scolastico 2012-2013 Ciao cari ragazzi e ragazze di quarta B e C, sono un vostro quotidiano osservatore, vi guardo tutte le mattine arrivare

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

FOTOGIORNALISMO fra passato e futuro

FOTOGIORNALISMO fra passato e futuro FOTOGIORNALISMO fra passato e futuro di Fabio MUZZI www.fabiomuzzi.it Pellicole 35 mm b/n, poi colore, maggiore sensibilità, multi-iso Corpi manuali, messa fuoco manuale, motorizzati, esposizione automatica,

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi,

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, le bombe su londra Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, distruzioni, convogli affondati in mare, grandi e piccole nazioni già occupate. Insomma, il massacro

Dettagli

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012 DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012 Carissimi Capi Reparto, anche quest anno siamo qui a proporvi una grande opportunità per le nostre squadriglie, una appassionante e irrinunciabile sfida sul piano della competenza

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

UnitÀ di apprendimento 9 RaCConti di StoRia: la PRiMa guerra Mondiale

UnitÀ di apprendimento 9 RaCConti di StoRia: la PRiMa guerra Mondiale 94 lezioni digitali UnitÀ di apprendimento 9 RaCConti di StoRia: la PRiMa guerra Mondiale tempi In aula: da 6 a 8 ore luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività è necessaria

Dettagli

F-35, la verità a scoppio ritardato

F-35, la verità a scoppio ritardato F-35, la verità a scoppio ritardato Giornalettismo Mazzetta Con un anno di ritardo emergono alle cronache i difetti già denunciati da tempo nel costosissimo programma del JSF di Lockheed Martin In questi

Dettagli

Sim: e non sai cosa compri. Inchiesta

Sim: e non sai cosa compri. Inchiesta Sim: e non sai cosa compri Poche informazioni, documenti incompleti e schede vendute spacchettate. Questo è ciò che attende chi entra in negozio per acquistare una carta telefonica. S iamo il paese dei

Dettagli

LA STRUTTURA DELLA PAGINA

LA STRUTTURA DELLA PAGINA LA STRUTTURA DELLA PAGINA Le pagine nascono in base al Timone. Uno schema con l indicazione dell ingombro (si chiama proprio così) della pubblicità che compare in tutte le pagine che compongono lo sfoglio

Dettagli

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Queste parole non sono parole. O non sono soltanto parole. O non sono inevitabilmente parole. Il lettore le considera

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice.

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice. Primo maggio, festa dei lavoratori, il Carrefour di Lucca rimane aperto. Abbiamo colto l occasione per intervistare una lavoratrice del supermercato e approfondire altri argomenti, tra cui la recente decisione

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Introduzione. Guarda il filmato:

Introduzione. Guarda il filmato: Introduzione. Guarda il filmato: Lo sfruttamento del lavoro minorile e il caso di Iqbal Masih http:///il-lavoro-minorile.htm Cosa dice l articolo 32 della convenzione ONU sui diritti dell infanzia? Quell

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Buone Feste e Felicissimo 2015

Buone Feste e Felicissimo 2015 Il Presidente e tutto il Consiglio di Amministrazione augurano a tutti i campeggiatori un felicissimo 2015 con la speranza di una vita serena per le vostre famiglie e per tutte le persone a voi care. L

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia

Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia Appunti di lettura di Marco Fantechi Interdisciplinarità dei linguaggi artistici Ormai qualsiasi tipo di linguaggio, qualsiasi forma di espressione, non è più qualcosa

Dettagli

Bombardamenti a Brindisi

Bombardamenti a Brindisi BRINDISINI LA MIA GENTE Bombardamenti a Brindisi Giovanni Membola Via Cittadella, e al fondo Via Santa Aloy, all alba del 8 novembre 1941 Cosimo Guercia Le abitazioni bombardate Roberto Guadalupi Bombardamenti

Dettagli

Software Specifico per la Gestione e la Bilanciatura della Linea di Assemblaggio

Software Specifico per la Gestione e la Bilanciatura della Linea di Assemblaggio Tempi & Metodi di Giorgio Andreani Servizi di Controllo e di Organizzazione dei Processi Produttivi Iscrizione al Registro delle Imprese CCIAA di Verona REA 357269 Partita Iva 03686020235 - Cod. Fisc.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E REGOLAMENTO INTRODUZIONE Anno Domini è un gioco di strategia e conquista. ambientato nel medioevo. Il miglior modo per imparare a giocare è quello di leggere attentamente il regolamento, passo dopo passo.

Dettagli

dicembre 2011 3,00 Identità nascoste. Nel carcere di Paliano si entra con un nome e si esce con un altro.

dicembre 2011 3,00 Identità nascoste. Nel carcere di Paliano si entra con un nome e si esce con un altro. dicembre 2011 3,00 Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento postale D. L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1 comma 1, LO/MI Roserio. 030 Identità nascoste. Nel carcere di Paliano si entra

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba

Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba ESPERIENZA dell AMBULATORIO FIOR DI LOTO Consultori familiari ASLTO1 e Associazione Verba Violenza e Disabilità Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba Violenza nella donna con disabilità

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

STORIA DELLA VIOLENZA. Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe

STORIA DELLA VIOLENZA. Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe STORIA DELLA VIOLENZA Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe Storia della violenza Analisi e utilizzo delle immagini come fonti storiche Nella lezione

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi.

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. L oggetto principale dello studio è stata l analisi della politica di aiuto umanitario dell

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Se una persona in formazione è vittima di violenza, cercate il dialogo, chiedetele della situazione e discutete insieme su come procedere.

Se una persona in formazione è vittima di violenza, cercate il dialogo, chiedetele della situazione e discutete insieme su come procedere. Promemoria 201 Violenza Se notate che una persona in formazione subisce o esercita una qualsiasi forma di violenza, sia fisica che psicologica, siete tenuti a prendere dei provvedimenti a norma di legge.

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 11 I nemici della coppia Sono molti e di diversa natura i problemi e le

Dettagli

La didattica dell'elettromagnetismo nelle Università italiane

La didattica dell'elettromagnetismo nelle Università italiane 68 QUADERNI DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI ELETTROMAGNETISMO, VOL. 1, N. 1 MAGGIO 2005 La didattica dell'elettromagnetismo nelle Università italiane Giuseppe Mazzarella 1 Nei primi mesi del 2003 la SIEm ha

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

Il triste primato Italiano in Europa per numero di giornalisti minacciati

Il triste primato Italiano in Europa per numero di giornalisti minacciati O2 OSSIGENO per l informazione Osservatorio FNSI-Ordine dei Giornalisti sui cronisti sotto scorta e le notizie oscurate con la violenza MAFIA & INFORMAZIONE Il triste primato Italiano in Europa per numero

Dettagli