IMMAGINI DI GUERRA O GUERRA DI IMMAGINI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMMAGINI DI GUERRA O GUERRA DI IMMAGINI?"

Transcript

1 REPORTAGE IMMAGINI DI GUERRA O GUERRA DI IMMAGINI? Sopra: gli avieri Eric Robinson e Stephen Bancher con il sergente Michael Hawkins caricano un missile AIM-9 (base Nato di Aviano, Italia): ph. by Senior Airman Jeffery Allen/U.S. Air Force photo). In basso a sinistra: immagine del dipartimento della difesa americano, trasmessa dalla CNN, che mostra due Mig-29 iugoslavi bersaglio (e sotto la mira) di un F-16 C6. In basso a destra: un F-16 CJ sgancia un missile AIM-120 (air intercept missile): U.S. Air Force photo.

2 Impossibile continuare a parlare di fotogiornalismo senza soffermarsi sugli eventi di guerra che ci hanno travolto e sulle immagini che ne sono derivate. Lo faccio nell'ambito di questa serie di articoli perché ritengo che l'analisi dei metodi utilizzati dalla stampa internazionale per illustrare fotograficamente il conflitto contenga degli aspetti interessanti per chi intende operare nel settore del fotogiornalismo. Purtroppo esigenze di spazio e di tempi di consegna mi impongono di prendere in esame solo la prima parte del conflitto (fino al 15 aprile circa) costringendomi a fornire un quadro della situazione probabilmente incompleto e sicuramente scollegato dalla stretta attualità. Fa niente, le considerazioni che ne derivano credo possano risultare comunque interessanti. Dico subito che è impensabile affrontare questa analisi senza entrare nel merito dei fatti (d'altronde questo vale per tutti gli argomenti da trattare fotograficamente: compito principale del fotogiornalista infatti non è solo quello di essere informato, ma anche quello di tenersi aggiornato e di approfondire le notizie). Aggiungo però che è altrettanto impensabile riportare la cronaca di guerra sulle pagine di questa rivista, soprattutto per ovvi motivi si spazio. Darò quindi per scontata, da parte vostra, l'indispensabile conoscenza degli eventi: senza di essa non solo è inutile continuare a leggere, ma è perfino inutile pensare di voler fare il fotoreporter (essere e tenersi informati deve anche essere una vostra passione, altrimenti cambiate mestiere: senza l'interesse per l'informazione non riuscirete a trovare tutte le energie necessarie per superare le innumerevoli difficoltà che incontrerete). Profughi kosovari: foto tratte dalla rivista Internazionale (foto M. Sciacca). Heather Velasquez mostra a suo figlio Skyler (di 13 mesi) suo padre, sul monitor. Usa il servizio videophone al centro di supporto per famiglie della R.A.F. di Lakenheath (R.A.F. Lakenheath family support center) per contattare suo marito sgt. Roselio Velasquez, in forza alla base nato di Aviano (ph. By tech. Sgt. Ann Bennett/U.S. Air Force photo). Profughi kosovari: foto tratte dalla rivista Panorama.

3 Copertine di settimanali italiani dedicate ai profughi. Due copertine del settimanale serbo Nin dedicate alla guerra. La guerra invisibile Da un punto di vista giornalistico una cosa è certa: almeno in questa prima fase, la completezza dell'informazione su questo drammatico conflitto è messa in discussione dalla mancanza di immagini. Ci sono pochi documenti visivi che descrivono la guerra vera e propria e non ci sono storie raccontate per immagini, se non quelle che riguardano il dramma dei profughi kosovari. Queste ultime sono infatti le fotografie che tutti ricordiamo a proposito di questo terribile evento. Giornalisti, fotografi, cameramen si sono occupati prevalentemente di loro. Infatti le decine di copertine o di servizi e le centinaia di foto raffiguranti i profughi, i loro volti, le loro sofferenze sono documenti dolorosi ma doverosi, traumatici ma inevitabili, drammatici ma assolutamente indispensabili ai fini di una corretta informazione. Ma tutti gli altri aspetti della guerra, dove sono? Numerosi sono stati gli episodi che rivelano le difficoltà dei mezzi di informazione nel reperire e verificare i documenti visivi di cui necessitano. La trasmissione televisiva Moby Dick è addirittura arrivata a chiedere di "segnalare o inviare" immagini sulla guerra; il settimanale Panorama ha pubblicato le fotografie di cadaveri di cittadini kosovari, massacrati da miliziani serbi, definendole inedite quando invece le stesse non solo erano già state pubblicate dal giornale albanese Koha Ditore e dalla rivista italiana L'Espresso, ma sono anche visibili da più di un anno sul sito Internet del Kosovo Crisis Center; la trasmissione radiofonica Zapping ha dedicato una puntata ai problemi che i cronisti incontrano come corrispondenti di guerra, e potrei andare avanti con altri esempi. Molti dunque parlano della difficoltà di Copertina del settimanale economico inglese The Economist. informare e delle problematiche condizioni in cui si è costretti a svolgere il lavoro di giornalisti, specialmente all'interno di un avvenimento bellico, ma pochi sono coloro che si avventurano sul terreno della spiegazione o dell'analisi e ancora meno sono quelli che cercano di descrivere queste difficoltà e di individuarne le cause. Per quanto riguarda le immagini poi il discorso si fa preoccupante. Immagini di guerra Fino al momento in cui scrivo (metà aprile 99) le prime pagine di quotidiani e periodici europei sono occupate quasi esclusivamente da immagini di profughi kosovari; nelle pagine interne il numero di immagini che li riguardano è enormemente maggiore di quello raffigurante gli altri aspetti della guerra. Molte anche le foto relative alle forze armate della Nato (armi e militari). Alcuni periodici pubblicano le fo-

4 Immagine dei numerosi fotoreporter intorno all'aereo Nato abbattuto, protagonista della copertina precedente. Copertina della rivista serba Politicka. Immagini tratte da quotidiani italiani raffiguranti militari insieme ai bambini profughi. to dei massacri che i serbi hanno perpetrato contro i cittadini di etnia albanese. Poche le immagini provenienti dalla Serbia. Le copertine e le pagine interne delle poche testate serbe che sono riuscito a guardare sono invece prevalentemente occupate da foto di incendi, esplosioni, bombe, macerie, simboli di bersagli, frammenti di aerei nemici abbattuti. Quasi inesistente la documentazione del dramma dei profughi. Nascosti gli orrori della pulizia etnica. Insomma una bella differenza, non c'è che dire! Una differenza che però rivela un'unica ispirazione: quella dell'utilizzo della fotografia a fini propagandistici. Purtroppo da entrambe le parti. Questo è il dato più evidente e preoccupante che si può cogliere: durante una guerra l'informazione libera ed autonoma è messa in serio pericolo (forse inevitabilmente, ma non è certo questa la sede per discuterne). Guerra di immagini in Occidente Fotografi ed agenzie fotografiche sono sempre andati e sempre andranno non solo dove è necessario documentare un evento, ma soprattutto dove è possibile realizzare immagini che abbiano un mercato, che siano vendibili. In Occidente, in questa prima fase della guerra, la fetta maggiore di mercato è occupata da testate che vogliono foto drammatiche e commoventi, immagini capaci di impressionare l'opinione pubblica, di dimostrare le crudeltà subite dai kosovari, di distogliere l'attenzione dalle tragiche conseguenze dell'intervento militare. Insomma, per farla breve, immagini che riescano a creare consenso intorno all'intervento militare (in questa sede ovviamente non voglio minimamente entrare nel merito dell'atteggiamento, mi limito soltanto a registrarlo e ad analizzarlo). Ecco quindi perché la maggior parte di giornalisti e fotoreporter si occupa dei profughi e si accalca nei vari campi di accoglienza. La rivista inglese The Economist ha avuto il coraggio di titolare la sua immagine di copertina, raffigurante la disperazione di un vecchio kosovaro, "Vittime dei Serbi o della Nato?". Tra coloro che potrebbero fornire una risposta a questo interrogativo ci sono i fotoreporter: ma ad essi si preferisce dare come possibilità di guadagno, e quindi di lavoro, la documentazione di uno degli aspetti (effetti?) della guerra presentandolo poi al pubblico esclusivamente come una causa. Pochissimi parlano delle vere ragioni di questo conflitto, moltissimi sono impegnati ad indirizzare giornalisti, fotografi e cameramen verso la testimonianza di ciò che è necessario a formare consenso intorno ad esso. Guerra di immagini in Serbia Qualcosa di peggiore avviene in Serbia. La possibilità di documentare visivamente gli effetti di un intervento militare di questa portata fornirebbe delle informazioni utili a descrivere il quadro della situazione. Ma la dittatura lo impedisce. E lo fa con modalità violente. Purtroppo infatti quello serbo è un regime che sta compiendo una vera e propria pulizia etnica (le immagini dei profughi kosovari ne costituiscono talvolta il trofeo, talvolta la prova da occultare) e non ha interesse a mostrare la sua debolezza con immagini di distruzione (né al suo popolo né agli avversari). Durante la precedente guerra nella ex-jugoslavia (come ci dice Marco Guidi nel libro "La sconfitta dei media") quel regime si è reso responsabile di "oltre 40 vittime tra giornalisti, cameramen, tecnici e fotografi: un numero maggiore di quello delle vittime tra le fila dell'informazione nelle più lunghe guerre del Vietnam ed Afghanistan". Nel corso del solo 1997 (come ci dice nel

5 Sopra: volantino affisso a Belgrado che vorrebbe essere un necrologio di Bill Clinton, con data di nascita, data di morte, la sua foto, ed una svastica che vorrebbe definirlo (AFP photo/the age). Copertina della rivista statunitense The Nation. Copertina del settimanale italiano L'Espresso. A destra: prima pagina del quotidiano italiano La Repubblica del 12/4/99. suo rapporto annuale l'associazione internazionale Reporters Sans Frontière) sono stati arrestati ed interrogati 9 giornalisti, aggrediti e percossi 11, minacciati e perseguitati 5, sono state esercitate pressioni giuridiche, economiche o amministrative nei confronti di molte testate di opposizione, infine sono stati posti ostacoli alla circolazione nazionale e internazionale di informazioni tramite azioni dirette anche verso cine-foto-operatori. La Serbia è insomma un paese che ha avuto tutte le intenzioni e nessuna remora nell'eliminare giornalisti e fotografi dal suo territorio (talvolta perfino fisicamente, come purtroppo tragicamente dimostrato dall'uccisione di Slavko Curuvija, direttore e fondatore del quotidiano indipendente "Dnevni Telegraf", avvenuta l'11 Aprile 1999). La guerra nascosta Ma nonostante ciò questa è soprattutto una guerra di immagini. Quello che conta non è il valore informativo delle fotografie, men che meno il loro valore estetico; ciò che è veramente importante è la loro funzionalità ad un utilizzo propagandistico, diverso a seconda dei contendenti. Ad esempio, se da un lato sulle testate occidentali, tra le poche foto dei militari impegnati nel conflitto, vengono messe in evidenza quelle con soldati insieme a bambini profughi (soldato con biberon che allatta un bambino: La Repubblica del 7/4/99 pag. 9; soldato con un bambino sulle spalle: Il Corriere della Sera del 14/4/99 pag. 9; soldato che gioca con un bambino: La Repubblica del 14/4/99 pag. 9, ecc. ecc.), dall'altro le copertine dei settimanali serbi sono dedicate a bambini che danzano sopra il relitto dell'unico aereo Nato abbattuto (esibito come trofeo, con tanto di civili che ci danzano sopra a disposizione dei fotografi). Se da una parte il giornale italiano L'Espresso esce con il titolo di copertina "Hitlerosevic" riferito al presidente serbo Milosevic, dall'altra giornali e volantini associano il presidente degli Stati Uniti, Clinton, ad una svastica. Quando i quotidiani europei titolano a tutta pagina "Fosse comuni in Kosovo" (basandosi su dichiarazioni del portavoce Nato che parla di fotografie che le individuano quando invece queste fotografie sono assolutamente inutili a tal fine: tanto che nessuno ha più sentito parlare di queste fosse), quelli serbi continuano ad ignorare il dramma dei profughi e a negare la pulizia etnica. Sono tutti casi in cui i due contendenti utilizzano la fotografia a fini propagandistici, ognuno ovviamente tirando l'acqua al proprio mulino. Questa è soprattutto una guerra di immagini: immagini da far vedere solo se servono a scopi ben precisi, immagini da didascalizzare o titolare opportunamente, presunte immagini, montaggi e collage di immagini. Ma soprattutto immagini da nascondere (completamente o sotto didascalie e titoli che ne impongono il significato). Dove sono infatti le foto della vita quotidiana tra le macerie di città distrutte? Oppure quelle realizzate all'interno dei rifugi? O le immagini dei militari serbi in Kosovo? O quelle della vita nelle basi Nato? Oppure quelle delle vittime dei bombardamenti? O dei missili sganciati? O dei

6 Manifestazione anti-nato a Belgrado. Manifestazione a favore dell'intervento militare della Nato. Montaggi grafici tratti da vari siti Internet di testate occidentali e serbe. Sopra: Pristina bombardata. A destra: vita sotto le bombe, tra le macerie, a Belgrado. militanti dell'uck? Per questo tipo di foto esiste pochissimo spazio: sia di esecuzione, che di diffusione. Almeno in questa prima fase del conflitto, almeno fino al momento in cui sto scrivendo. Come pensare di entrare da fotografi in un paese in cui i giornalisti occidentali vengono come minimo cacciati e minacciati perché considerati di parte? Perché d'altra parte rischiare tempo, denaro, energie e talvolta la vita, per realizzare immagini che poche testate pubblicherebbero? Le parole dell'inviato del Tg1 a Belgrado, Ennio Remondino, sono esplicative al riguardo: "I trucchi dell'informazione sono da tutte e due le parti e noi giornalisti siamo in mezzo"; e la scritta sul sito Internet della radio serba indipendente B92 le conferma: "Non credete a nessuno, neanche a noi". La guerra visibile Eppure le immagini esistono. E noi ve le proponiamo a corredo di questo articolo. Dove sono? Dove erano? Ovviamente sui numerosi siti Internet dedicati alla guerra. Ancora una volta la rete si rivela la principale fonte di informazione. E badate bene non sto parlando di immagini rese pubbliche da strane associazioni o da poco attendibili personaggi: queste sono foto visibili su siti facilmente accessibili, segnalati sui newsgroups dedicati all'evento (it.eventi.guerrakosovo) e molto frequentati (ad esempio quello della U.S. Air Force, quello della rivista australiana The Age, quelli di testate o istituzioni serbe, albanesi, kosovare, ecc. ecc.). Certo non esistono servizi completi realizzati da un solo autore, non esistono storie raccontate per immagini, ma ci sono comunque fotografie che nel loro insieme costituiscono un valido documento per sapere cosa sia veramente questa guerra. Sono immagini che proprio per questo, ed oltre a questo, la dicono lunga su cosa significhi fare il fotogiornalista oggi. Quale fotogiornalismo per quale guerra? Sicuramente un fotografo che vuole essere un corrispondente di guerra deve fare i conti con difficoltà di vario genere, non sempre semplici da superare. Prima di tutto difficoltà pratiche che riguardano le modalità di attuazione dei conflitti contemporanei: poche truppe di terra, bombardamenti chirurgici, computer, armamenti fantascientifici, ecc. Insomma, utilizzando un luogo comune, si potrebbe dire che le guerre non si fanno più come una volta. C'è poi il grosso problema della censura militare: sicuramente derivante dall'esperienza americana nel Vietnam (dove gli Stati Uniti hanno perso una guerra anche a causa delle crude ed impietose immagini che

7 Il ponte "Sloboda" (ponte della libertà) che collega Novi Sad con Sremska Kamenica, distrutto da un attacco Nato (AFP photo/the age). Cinecittà: foto dell'allestimento della scenografia per il set dello spot TIM (tratto dal settimanale italiano Il Venerdì di Repubblica). arrivarono dai luoghi degli scontri), messa a punto nella più recente guerra del Golfo (dove i giornalisti sono stati blindati in luoghi e tempi decisi dai militari americani) e violentemente utilizzata dai Serbi nella guerra della ex-yugoslavia (come già detto in precedenza); questa è forse la più grossa difficoltà oggettiva per la realizzazione di immagini giornalisticamente valide. Vi è infine il problema più sottile ma talvolta insormontabile della propaganda, e cioè della ricerca del consenso da parte della classe politica dominante: anch'esso sicuramente definibile come censura, assume forme e modalità differenti a seconda che ci troviamo in dittatura o invece in una situazione più democratica. Nel primo caso la creazione del consenso viene ottenuta con la violenza. Nel secondo caso lo si fa tentando di impedire la diffusione a largo raggio di certe notizie o di certe immagini e facendole arrivare poco alla volta (in modo da creare un consenso iniziale poi difficile da cambiare: com'è noto pochi sono coloro che cambiano idea nel corso del tempo!). In entrambi i casi il fotogiornalista può essere pericoloso per il potere costituito (tant'è vero che ultimamente si è creato un clima tale intorno ad esso che presenta come sciacalli tutti coloro che hanno una macchina fotografica al collo) perché potrebbe vedere e far vedere le cose come stanno, potrebbe essere destabilizzante. Fare il fotografo è difficile non solo operativamente (per evidenti difficoltà oggettive) ma anche perché la fotocamera potrebbe essere una pacifica arma da utilizzare contro ogni forma di censura imposta da ogni tipo di potere. Questo è sicuramente il fascino ed al tempo stesso il limite di questa professione: sapere di poter fare un mestiere utile alla scoperta o alla diffusione della verità, qualunque essa sia, consapevoli però - per un motivo o per l'altro, giusto o sbagliato che sia - di quanto questa verità sia talvolta difficile da far uscire allo scoperto. È il caso di questa guerra, dove i fotografi si sono trovati soffocati da due tipi di propaganda. Come già detto, se questo sia inevitabile o meno non è questione da discutere in questa sede. Io mi limito a proporvi un'ultima immagine. Non è una foto di guerra; è una ripresa della costruzione di una scenografia allestita a Cinecittà per la realizzazione di uno spot pubblicitario che sicuramente avrete visto in televisione. È una fotografia che fa riflettere perché è come minimo imbarazzante vedere un paese che prima costruisce finti ponti per scopi pubblicitari, e poi va latrove a distruggere quelli veri. Leonardo Brogioni

8 ESERCITAZIONE Il lavoro di questo mese è di Chiara Castello intitolato Un giorno con me e presumibilmente realizzato per l esercitazione n. 1. Diciamo subito che le inquadrature sono molto standard, non contengono particolari intuizioni compositive, sono semplici e quasi banali foto documentative che rivelano una certa paura nel lasciare libero lo sguardo, nell osare visivamente; e fin qui niente di male perché non si può pretendere molto da chi vuole e deve imparare; inoltre lo scopo dell esercizio era un altro, quello di raccontare una storia. Da questo punto di vista c è da dire che il racconto per immagini è ben svolto, la sequenza cronologica di una giornata tipo è perfettamente comprensibile, dall inizio alla fine; la scelta delle situazioni riprese dimostra una buona capacità di selezione dei momenti emblematici; anche i diversi tipi di luce, che raccontano le diverse atmosfere all interno di uno stesso giorno, sono ben sfruttati. Si nota insomma un valido lavoro di progettazione. Però, e qui veniamo al dunque, la stessa autrice ci rivela che il lavoro è stato realizzato non solo con una macchina fotografica compatta, ma addirittura con un cavalletto, con un cavo flessibile e con una pellicola professionale: disattendendo completamente le già scarse indicazioni date nella spiegazione dell esercizio. E su questo dobbiamo dire molte cose: 1) Innanzitutto riconosciamo l onestà di chi ha voluto agire con correttezza rivelandoci esattamente le modalità di esecuzione dell esercizio senza tentare di ingannarci. 2) Se seguite un corso, comunque, dovete fidarvi delle indicazioni che vi vengono date perché esse sono il frutto di un preciso programma didattico creato apposta per condurvi passo dopo passo ad una conoscenza della fotografia che potrete applicare ai vostri specifici interessi. E già difficile raggiungere dei risultati in questo modo, figuriamoci se vi mettete a saltare dei passaggi! 3) Le macchine fotografiche cosiddette compatte sono apparecchi, forse, esternamente simili alle usa e getta ma internamente assai più raffinate, con molte funzioni computerizzate ed in grado di correggere automaticamente eventuali condizioni di ripresa estreme. Fossero uguali non si spiegherebbe come mai una compatta può arrivare a costare più di mezzo milione di lire mentre una usa e getta la si trova a meno di quindicimila lire! Con una fotocamera usa e getta inoltre non potete usare né cavalletto, né cavo sensibile, né pellicola professionale, ma dovete adattare l intero lavoro al particolare strumento a disposizione, cosa che vi costringe ad una cura maniacale della fase di progettazione. Proprio quello che volevamo! Usare un tale tipo di apparecchio è una difficoltà in più non una facilitazione. Non potete farne neppure una questione economica, giacché se volete dedicarvi alla fotografia dovete mettere in conto l investimento di un po di soldi e quelli necessari per l acquisto di una macchina usa e getta sono gli stessi che servono per una pellicola profes-

9 sionale. Nei primi due articoli di questa serie abbiamo speso molte parole per spiegare i motivi che ci hanno spinto a farvi utilizzare una macchina del genere, a questo punto vi preghiamo di andarli a rileggere. In conclusione: se Chiara avesse usato una usa e getta il risultato della sua esercitazione sicuramente non sarebbe stato lo stesso, soprattutto sarebbe stato il frutto di uno sforzo molto più intenso e molto più mirato, perché le limitazioni di uno strumento così spartano avrebbero avuto delle evidenti ripercussioni sulla progettazione dell intero lavoro. ESERCITAZIONE n.1 Pensate, realizzate e spedite una serie di fotografie che raccontino la giornata tipo di un componente della vostra famiglia o del nucleo in cui vivete. Utilizzate solo una macchina fotografica usa e getta senza flash. ESERCITAZIONE n. 2 Come la precedente, ma usate una macchina fotografica usa e getta dotata di flash. ESERCITAZIONE n. 3 Pensate, realizzate una serie di fotografie che raccontino la giornata tipo di un vostro conoscente, che non sia né un componente della vostra famiglia né un appartenente al nucleo in cui vivete. Utilizzate la vostra macchina fotografica abituale, la luce ambiente, quanti rulli volete ma un solo tipo di pellicola ed inserendo obbligatoriamente nella storia le seguenti immagini: 1) una fotografia in cui la luce sia l elemento più evidente 2) una fotografia in cui il/i soggetto/i sia/siano su un unico piano 3) una fotografia con più piani ben evidenziati 4) una fotografia con un solo soggetto principale 5) una fotografia con più di due soggetti protagonisti 6) una fotografia con un punto di vista dal basso 7) una fotografia con un punto di vista ad altezza d uomo 8) una fotografia con un punto di vista dall alto 9) una fotografia con senso di staticità 10) una fotografia con senso di dinamicità ESERCITAZIONE n. 4 Progettate e realizzate un servizio che descriva l attività lavorativa di una persona che non conoscete. Utilizzate la vostra macchina fotografica abituale. 1) scegliete tra l utilizzo della luce ambiente e quello del flash abbinato alla luce ambiente 2) scegliete tra l uso del bianco e nero e l uso del colore 3) usate quanti rulli volete purché siano negativi e dello stesso tipo di pellicola 4) fate sviluppare il materiale sensibile da un laboratorio professionale richiedendo anche il provino (a contatto o in striscia) di ogni rullo 5) scegliete e fate stampare 10 foto formato 18x24 Inviare a: Progresso Fotografico Scuola di Reportage Viale Piceno 14, Milano Nome via CAP... Città... PV... N...Fotografie ESERCITAZIONE N... Le fotografie saranno restituite solo a coloro che ne fanno richiesta. Desidero la restituzione delle fotografie ed allego L in francobolli Non desidero la restituzione delle fotografie

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

LA GUERRA NEI BALCANI. Le cause recenti

LA GUERRA NEI BALCANI. Le cause recenti LA GUERRA NEI BALCANI Le cause recenti Le responsabilità dello sfacelo della Repubblica federativa jugoslava sono di molti compresi ovviamente i governanti di ciascuna repubblica sorta dalla sua dissoluzione.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE Qualche appunto sul perché è importante, in questo inverno della politica, raccontare storie Giovanna Cosenza e Annamaria Testa Quando su NeU e Dis.amb.iguando abbiamo

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati?

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati? ESPERTI RIFERME SERRATURE ITALIA - 20090 FIZZONASCO (MI) - V.LE UMBRIA 2 TEL. 02/90724526 FAX 02/90725558 E-mail: info@ersi.it Web Site: www.ersi.it Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto?

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Email: cose da fare e cose da non fare

Email: cose da fare e cose da non fare OUCH! Marzo 2012 IN QUESTO NUMERO Auto-completamento Cc: / CCn: Liste di distribuzione Emozioni e privacy Email: cose da fare e cose da non fare L AUTORE DI QUESTO NUMERO Fred Kerby ha collaborato a questo

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli