INTRODUZIONE PRINCIPALI RISULTATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE PRINCIPALI RISULTATI"

Transcript

1 COMUNE DI MESSINA AREA COORDINAMENTO SVILUPPO ECONOMICO 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN SICILIA A CURA DEL DIPARTIMENTO DI STATISTICA APRILE 2013 Redatto nell ambito dello Stage Formativo dallo studente RUSSO STEFANO del Corso di Laurea Magistrale in Statistica e Tecniche Decisionali 1

2 INTRODUZIONE I censimenti economici hanno l obiettivo principale di fornire un quadro esaustivo e territorialmente dettagliato delle dimensioni e della struttura del sistema economico nazionale. Il Censimento generale dell agricoltura è stato effettuato con riferimento alla data del 24 Ottobre Esso è il sesto svolto in Italia ed ha avuto luogo in un periodo complesso per l agricoltura italiana influenzata fortemente dalla crisi economica, dalla volatilità dei prezzi dei beni agricoli, dai mutamenti nella politica agricola Comunitaria nonché dalle nuove sfide legate alla sostenibilità ambientale. In questo report verranno presentati alcuni aspetti inerenti le Province ed il Comune di Messina, per una trattazione più dettagliata si consiglia la consultazione dei siti dell Istituto Nazionale di statistica alla sezione dedicata al 6 Censimento dell Agricoltura (url: e della Regione Siciliana (url: PRINCIPALI RISULTATI Secondo i dati definitivi rilevati dall Istat tra il 7 Dicembre 2010 ed il 28 Febbraio 2011 riguardanti il 6 Censimento dell Agricoltura, si evince come in Sicilia le aziende agricole attive siano , con una quota del 13,6% rispetto all ammontare complessivo nazionale di aziende. Confrontando i dati su base regionale attraverso il diagramma a barre, la Sicilia risulta essere seconda soltanto alla Puglia, la quale detiene il primato con aziende agricole attive. Se si considera la media regionale di aziende attive appare evidente quanto la produzione agricola sia prevalentemente concentrata nelle due regioni meridionali (figura 1). 2

3 Veneto Valle d'aosta Umbria Trentino Alto Adige / Sud Tirol Toscana Sardegna Puglia Piemonte Molise Marche Lombardia Liguria Lazio Friuli-Venezia Giulia Emilia Romagna Campania Calabria Basilicata Abruzzo Sicilia Figura 1 Distribuzione del numero di unità agricole per Regione. - Fonte: Istat Esaminando il confronto tra aree statistico-territoriali, si noti come il 17% del totale del numero di aziende agricole appartenga alla la circoscrizione Isole, di cui fanno parte Sicilia e Sardegna. Tale valore assume una certa rilevanza se aggiungiamo la quota relativa all area Sud, ottenendo così il dato percentuale riferito alla macro-regione regione economica Mezzogiorno che si attesta al 60% rispetto al totale nazionale. La percentuale conferma il tradizionale orientamento dell economia del Mezzogiorno al settore primario. In figura 2 si riporta il diagramma a torta inerente il numero di aziende espresso in percentuale, per area territoriale. 3

4 Numero Aziende (%) per Area Nord--ovest 9% Isole 17% Sud 43% Centro 16% Nord-est Nord 15% Figura 2 Classificazione del numero di Aziende agricole per area statistico territoriale. - Fonte: Istat Il confronto dei dati tra le diverse province siciliane mostra che la la struttura giuridica prevalente delle aziende dislocate nel territorio messinese risulta essere quella individuale con una percentuale del 98,4%, in linea con le altre Province e con la media siciliana (98,2%). La figura 3 sintetizza la ripartizione percentuale del numero di unità agricole su base provinciale. Il valore più elevato si è registrato nella Provincia di Palermo, Palermo dove le aziende agricole ammontano a unità. N. Aziende (%) per Provincia 20,0% 15,4% 13,0% 11,9% 8,2% 7,9% 10,0% 13,3% 17,7% 5,8% 6,7% 0,0% Figura 3 Classificazione % del numero di Aziende per Provincia. Fonte: Istat In riferimento alla Provincia di Messina, effettuando un confronto temporale tra i dati rilevati nell ultimo Censimento e quelli relativi al 5 Censimento dell Agricoltura effettuato nel 2000 (fonti Istat), Istat è riscontrabile un decremento generale del 54,8% del numero totale delle aziende, aziende fenomeno che ha interessato particolarmente le 4

5 aziende con estensione inferiore a 10 ettari, le quali costituiscono l 87% del totale siciliano. Viceversa le aziende con estensione superiore a 10 ettari (il 13%) aumentano sia in numero che in superficie. La tabella 1 mostra nel dettaglio le distribuzioni di frequenza riferite ad ogni singola provincia. Tabella 1 Distribuzioni assolute e % delle classi di superficie agricola utilizzata per Provincia. Fonte: Istat Classe di superficie agricola utilizzata (ettari) Trapani Palermo Messina Agrigento Caltanissetta Enna Catania Ragusa Siracusa Sicilia Sicilia (%) ,3% 0,01-0, ,6% 1-1, ,4% 2-2, ,8% 3-4, ,8% 5-9, ,7% 10-19, ,6% 20-29, ,6% 30-49, ,1% 50-99, ,4% 100 e più ,6% totale totale (%) 13,3% 17,7% 11,9% 15,4% 8,2% 7,9% 13,0% 5,8% 6,7% - 100,0% La riduzione del numero complessivo delle aziende risulta essere in contrapposizione agli incrementi della SAU (Superficie Agricola Utilizzata, variazione del 12.2%) e della SAT (Superficie Aziendale Totale, variazione del 5,0%). La diminuzione del numero delle aziende va presumibilmente imputata agli effetti negativi della crisi, peraltro tale contrazione delle aziende è coerente con la tendenza nazionale. L incremento relativo dell indicatore SAU ha raggiunto il suo valore massimo nella Provincia di Messina, che, tra l altro, assieme alla Provincia di Catania, ha fatto registrare un picco in riferimento all incremento della dimensione media aziendale. Nel dettaglio, limitando l analisi al solo Comune di Messina, le aziende agricole attive risultano essere 1279 (primo Comune della Provincia per numero di aziende, con il 4,9% rispetto al dato provinciale), delle quali 1261 hanno struttura giuridica di tipo individuale (98,6%). Nel diagramma a barre di figura 4 è riportata la distribuzione di frequenza in riferimento ai dieci Comuni più popolosi della Provincia di Messina. 5

6 Tabella 2 Numerosità di unità agricole per Comune della Provincia di Messina. Fonte: Istat Ripartizione del numero di aziende per Comune della Provincia di Messina Territorio Totale Territorio Totale Territorio Totale Acquedolci 383 Itala 65 Roccalumera 106 Alcara li Fusi 463 Leni 54 Roccavaldina 54 Alì 147 Letojanni 22 Roccella Valdemone 154 Alì Terme 80 Librizzi 277 Rodì Milici 387 Antillo 119 Limina 71 Rometta 199 Barcellona Pozzo di Gotto 1102 Lipari 93 San Filippo del Mela 171 Basicò 92 Longi 72 San Fratello 578 Brolo 81 Malfa 37 San Marco d'alunzio 397 Capizzi 156 Malvagna 22 San Pier Niceto 342 Capo d'orlando 366 Mandanici 141 San Piero Patti 537 Capri Leone 128 Mazzarrà Sant'Andrea 114 San Salvatore di Fitalia 369 Caronia 1029 Merì 47 San Teodoro 47 Casalvecchio Siculo 212 Messina 1279 Santa Domenica Vittoria 84 Castel di Lucio 148 Milazzo 320 Santa Lucia del Mela 467 Castell'Umberto 206 Militello Rosmarino 329 Santa Marina Salina 17 Castelmola 92 Mirto 179 Santa Teresa di Riva 180 Castroreale 346 Mistretta 463 Sant'Agata di Militello 713 Cesarò 536 Moio Alcantara 121 Sant'Alessio Siculo 86 Condrò 112 Monforte San Giorgio 285 Sant'Angelo di Brolo 471 Falcone 150 Mongiuffi Melia 68 Santo Stefano di Camastra 298 Ficarra 363 Montagnareale 158 Saponara 155 Fiumedinisi 233 Montalbano Elicona 435 Savoca 158 Floresta 64 Motta Camastra 142 Scaletta Zanclea 55 Fondachelli-Fantina 178 Motta d'affermo 195 Sinagra 463 Forza d'agrò 88 Naso 784 Spadafora 138 Francavilla di Sicilia 275 Nizza di Sicilia 61 Taormina 111 Frazzanò 128 Novara di Sicilia 224 Terme Vigliatore 371 Furci Siculo 169 Oliveri 28 Torregrotta 74 Furnari 248 Pace del Mela 215 Torrenova 210 Gaggi 77 Pagliara 109 Tortorici 815 Galati Mamertino 274 Patti 513 Tripi 243 Gallodoro 12 Pettineo 343 Tusa 585 Giardini-Naxos 28 Piraino 360 Ucria 200 Gioiosa Marea 486 Raccuja 192 Valdina 30 Graniti 145 Reitano 156 Venetico 37 Gualtieri Sicaminò 136 Roccafiorita 5 Villafranca Tirrena 33 6

7 Numero di unità agricole per Comune della Provincia di Messina S. Teresa di Riva Giardini Naxos Taormina Lipari Capo D'Orlando S. Agata Militello San Piero Patti Milazzo Barcellona Pozzo di Gotto Messina Figura 4 Classificazione del numero di unità agricole in riferimento al Comune della Provincia di Messina Fonte: Istat Dall indagine emerge una prevalenza significativa delle unità agricole con <10 ettari di superficie agricola utilizzata (97,2% rispetto al totale), tali aziende potrebbero subire un decremento in futuro in accordo alle osservazioni su scala regionale. Il 97,5% delle aziende agricole appartenenti al Comune di Messina sono a conduzione diretta del coltivatore, inoltre il 50,2% delle stesse appartiene alla classe di dimensione economia 0,01 < 1999,99 (figure 5 e 6). Tabella 3 Distribuzioni assolute e % del numero di aziende attive rispetto al tipo di conduzione ed alla classe di dimensione economica. Fonte: Istat Comune di Messina n. aziende % Tipo di conduzione Conduzione diretta del coltivatore Conduzione con salariati Altra forma di conduzione Totale Classe di dimensione economica 0 0, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,6% 30 2,3% 1 0,1% ,0% 2 0,2% ,2% ,3% ,1% 107 8,4% 52 4,1% 41 3,2% 18 1,4% 13 1,0% 2 0,2% 7

8 500000,00 e più Totale 0 0,0% ,0% Classificazione del numero di aziende % rispetto al tipo di conduzione 97,6% 2,3% 0,1% Conduzione diretta del coltivatore Conduzione con salariati Altra forma di conduzione Figura 5 Distribuzione % della variabile tipo di conduzione con riferimento al Comune di Messina. Fonte: Istat 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% 0,2% Classificazione del numero di aziende per classe di dimensione economica (Comune di Messina) 50,2% 16,3% 15,1% 8,4% 4,1% 3,2% 1,4% 1,0% 0,2% 0,0% Figura 6 Distribuzione % del numero di aziende per classe di dimensione economica nell ambito del Comune di Messina Fonte: Istat 8

Distretto di TAORMINA

Distretto di TAORMINA = Continuità assistenziale ordinari e/o turistici (Guardie Mediche) - = Punto Territoriale di Emergenza (118) Distretto di TAORMINA Taormina Piazza S. Francesco 0942/625419 335.7662980 Antillo Via Roma,

Dettagli

IL SOLARE FOTOVOLTAICO NELLA PROVINCIA DI MESSINA Rapporto 2012

IL SOLARE FOTOVOLTAICO NELLA PROVINCIA DI MESSINA Rapporto 2012 UFFICIO DIRIGENZIALE Politiche energetiche e tutela dell ambiente Unità Operativa Politiche Energetiche PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Via Lucania, 2-98 Messina - 9 77925 IL SOLARE FOTOVOLTAICO NELLA PROVINCIA

Dettagli

(Fig. 1) COMUNI ZONA JONICA COMUNI ZONA TIRRENICA COMUNI AREA AD ELEVATO RISCHIO DI CRISI AMBIENTALE COMUNI ZONA MONTANA COMUNE DI MESSINA

(Fig. 1) COMUNI ZONA JONICA COMUNI ZONA TIRRENICA COMUNI AREA AD ELEVATO RISCHIO DI CRISI AMBIENTALE COMUNI ZONA MONTANA COMUNE DI MESSINA (Fig. 1) COMUNI ZONA TIRRENICA COMUNI ZONA JONICA COMUNI AREA AD ELEVATO RISCHIO DI CRISI AMBIENTALE COMUNI ZONA MONTANA COMUNI ISOLE EOLIE COMUNE DI MESSINA Tab. 1 COMUNI RICADENTI NELL AREA AD ELEVATO

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNE INTERNE NEBRODI NORD-OCCIDENTALI Comuni di: CAPIZZI, CASTEL DI LUCIO, CESARO`, MISTRETTA, SAN TEODORO NEBRODI NORD-OCCIDENTALI Comuni di: ALCARA LI

Dettagli

MEMM022ZE7 DISTRETTO 022

MEMM022ZE7 DISTRETTO 022 MEMM000VC6 PROVINCIA DI MESSINA MEMM000XC4 DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE (NON ESPRIMIBILE DAL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO) MEMM022ZE7 DISTRETTO 022 MEMMC568F9 COMUNE DI CESARO' MEMM805018

Dettagli

MEEE022ZB1 DISTRETTO 022

MEEE022ZB1 DISTRETTO 022 MEEE000VZ8 PROVINCIA DI MESSINA MEEE022ZB1 DISTRETTO 022 MEEEC568C1 COMUNE DI CESARO' MEEE80503B CESARO' (ASSOC. I. C. MEIC805007) PIAZZA S. CALOGERO CENTRO MEEE805019 CESARO' II (ASSOC. I. C. MEIC805007)

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA V DIPARTIMENTO AMBIENTE 1 UFFICIO: TUTELA ARIA-SUOLO - ENERGIA 1 UNITA OPERATIVA COMPLESSA Regolamento per l esercizio, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Dettagli

Il Piano d Azione Locale della Città di Messina

Il Piano d Azione Locale della Città di Messina Il Piano d Azione Locale della Città di Messina Stustinable Food in Urban Communities Sindaco della Città di Messina Renato Accorinti Coordinamento Politico Assessore allo Sviluppo Economico: Guido Signorino

Dettagli

Elenco enti destinatari allegato alla nota prot. 2015/20189/DR-Sicilia del 17/12/2015

Elenco enti destinatari allegato alla nota prot. 2015/20189/DR-Sicilia del 17/12/2015 Elenco enti destinatari allegato alla nota prot. 2015/20189/DR-Sicilia del 17/12/2015 Abruzzo e Molise dre_abruzzomolise@pce.agenziademanio.it Calabria dre_calabria@pce.agenziademanio.it Campania dre_campania@pce.agenziademanio.it

Dettagli

Scritto da Administrator Venerdì 05 Agosto :00 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Dicembre :27

Scritto da Administrator Venerdì 05 Agosto :00 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Dicembre :27 Quando il cittadino non può usufruire delle prestazioni del proprio medico di famiglia (la sera, la notte, i giorni prefestivi e festivi ) l assistenza medica gli viene offerta dai medici di Guardia Medica

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Parte A - Analisi del territorio

Parte A - Analisi del territorio Provincia Regionale di Messina PROGRAMMA POLIENNALE DI SVILUPPO ECONOMICO SOCIALE 2013-2015 Parte A - Analisi del territorio Aggiornamento a Settembre 2012 1 INDICE Premessa... 3 A. Analisi... 5 Analisi

Dettagli

Parte A) COMUNI E RELATIVI SCARICHI. Vedi Grafico n 1

Parte A) COMUNI E RELATIVI SCARICHI. Vedi Grafico n 1 Riepilogo della situazione dei sistemi depurativi a servizio delle reti fognanti dei 108 Comuni ricadenti nel territorio Città Metropolitana di Messina Parte A) COMUNI E RELATIVI SCARICHI Vedi Grafico

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA

********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA ********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE * * * * * * SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA LEADER+ 2000-2006 REGIONE SICILIA GAL NEBRODI PLUS STUDIO DI SETTORE

PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA LEADER+ 2000-2006 REGIONE SICILIA GAL NEBRODI PLUS STUDIO DI SETTORE PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA LEADER+ 2000-2006 REGIONE SICILIA GAL NEBRODI PLUS STUDIO DI SETTORE Introduzione dei sistemi di gestione per la qualità e dei sistemi di gestione ambientale nelle pmi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO Dipartimento del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo Servizio 3 - Servizi turistici regionali, Distretti

Dettagli

ECOSICILY - PARCHI, RISERVE E TERRE DEI NORMANNI

ECOSICILY - PARCHI, RISERVE E TERRE DEI NORMANNI COMUNE DI MESSINA COMUNE DI CASTELL UMBERTO DISTRETTO TURISTICO TEMATICO DELLA REGIONE SICILIANA ECOSICILY - PARCHI, RISERVE E TERRE DEI NORMANNI ALLEGATO 3 - STUDIO SULLA PERIMETRAZIONE DEL DISTRETTO

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA

********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA ********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE * * * * * * SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO

Dettagli

LT1_SIC_02 L accessibilità territoriale dei servizi sanitari

LT1_SIC_02 L accessibilità territoriale dei servizi sanitari Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro per la Coesione Territoriale Ministero della Salute Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale Direzione generale

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Sport di classe 2015/ Disponibilità Messina

Sport di classe 2015/ Disponibilità Messina Sport di classe 2/21 - Disponibilità N. disponibilità Cod.Istituto Cod.Plesso Denominazione Comune I-II III-IV-V Pluri Totali N. Classi 1 MEIC8V MEIC8V IST.COM.N.S.FRANC.DI PAOLA 2 2 2 MEIC8E MEIC8E I.C.

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI

IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI (Il testo viene riportato solo a scopo informativo e non se ne garantisce la rispondenza al testo della stampa ufficiale) DECRETO 24 dicembre 2003. Zone agricole svantaggiate situate nel territorio della

Dettagli

Titolo del progetto:

Titolo del progetto: Università degli Studi di Messina Comune di Taormina Associazione di Solidarietà Familiare e Promozione Sociale AMICIS L IDEA PROGETTUALE IN SINTESI Abbattere le barriere socio-culturali tra persone di

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 26 NOVEMBRE N. 51

REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 26 NOVEMBRE N. 51 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA SUPPLEMENTO ORDINARIO PALERMO - VENERDÌ 26 NOVEMBRE 2004 - N. 51 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

DAL 28 FEBBRAIO E DAL 1 MARZO 2010

DAL 28 FEBBRAIO E DAL 1 MARZO 2010 DAL 28 FEBBRAIO E DAL 1 MARZO 2010 BUS E TRENI REGIONALI SICILIA TRENI DI LUNGA PERCORRENZA: COLLEGAMENTI CON LA SICILIA VARIAZIONI ORARIO Da domenica 28 febbraio e da lunedì 1 marzo 2010 verranno modificati

Dettagli

POSTI DI POTENZIAMENTO RIPARTITI PER INSEGNAMENTO E COMUNE CLASSE DI CONCORSO COMUNE Totale A006-ARTE DELLA CERAMICA MILAZZO 1 A006-ARTE DELLA

POSTI DI POTENZIAMENTO RIPARTITI PER INSEGNAMENTO E COMUNE CLASSE DI CONCORSO COMUNE Totale A006-ARTE DELLA CERAMICA MILAZZO 1 A006-ARTE DELLA POSTI DI POTENZIAMENTO RIPARTITI PER INSEGNAMENTO E COMUNE CLASSE DI CONCORSO COMUNE Totale A006-ARTE DELLA CERAMICA A006-ARTE DELLA CERAMICA Totale 1 A007-ARTE DELLA FOTOGR. E GRAFICA PUBBL. A007-ARTE

Dettagli

Zonizzazione e Matrici OD

Zonizzazione e Matrici OD Zonizzazione e Matrici OD Ipotesi di discretizzazione dello spazio (zonizzazione) Il territorio fisico sul quale si espletano la domanda e l offerta di trasporto si assume suddiviso in unità discrete (zone

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INTEGRATIVA AL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE ADOTTATO CON DETERMINA SINDACALE

RELAZIONE TECNICA INTEGRATIVA AL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE ADOTTATO CON DETERMINA SINDACALE Legge n. 190 del 23 dicembre 2014,commi 611 e ss Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato Legge di stabilità 2015 RELAZIONE TECNICA INTEGRATIVA AL PIANO OPERATIVO DI

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Banda Larga nelle aree rurali

Banda Larga nelle aree rurali Avanzamento Aggiornamento al 31 marzo 2015 1 Sicilia, la terra del tuo futuro. Aggiornamento cantieri di lavoro al 31 marzo 2015 Misura 321/B - Servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MESSINA DI MESSINA Elenco dei professionisti iscritti all'albo

COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MESSINA DI MESSINA Elenco dei professionisti iscritti all'albo COLLEGIO DEI GEOTRI E GEOTRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SSINA DI SSINA STATO COGNO E NO CORRISPONDENZA DIPLOMA ESA DI STATO ABATE MARILENA VIA MANCARI, 28 CAPO D'ORLANDO 98071 CAPO D'ORLANDO - 31/07/2001

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013 Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 213 Dott. Riccardo Borghero Dirigente Area Affari Economici Camera di Commercio I.A.A. di Verona 135 IMPRESE

Dettagli

COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MESSINA DI MESSINA Elenco dei professionisti iscritti all'albo

COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MESSINA DI MESSINA Elenco dei professionisti iscritti all'albo COLLEGIO DEI GEOTRI E GEOTRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SSINA DI SSINA STATO COGNO E NO CORRISPONDENZA DIPLOMA ESA DI STATO ABATE MARILENA VIA MANCARI, 28 CAPO D'ORLANDO 98071 CAPO D'ORLANDO - 31/07/2001

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA Con la forte contrazione dei prestiti bancari avvenuta in questi ultimi anni, soprattutto nei confronti delle imprese di piccola dimensione,

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il decreto-legge 18 giugno 1986, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1986, n. 462, che all articolo 10 ha previsto l istituzione dell Ispettorato Centrale Repressione Frodi

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

www.aziendasicilianatrasporti.it

www.aziendasicilianatrasporti.it Struttura Territoriale Nord - Messina pag. 1 pag. 2 MESSINA - A/20 - OLIVARELLA - BARCELLONA P.G. BARCELLONA P.G. - OLIVARELLA - dir. S.LUCIA - ROMETTA - VILLAFRANCA - A/20 - MESSINA pag. 3 MILAZZO - BARCELLONA-TONNARELLA-PORTOROSA-FURNARI-FALCONE

Dettagli

TRASMISSIONE DI RELAZIONI

TRASMISSIONE DI RELAZIONI REGIONI TRASMISSIONE DI RELAZIONI 2 varie 2 In materia di accesso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche (Doc. CCI): 3 In materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio (Doc.

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA 1 Dipartimento Politiche Scolastiche e Sociali I^ U.O. COMPETENZE SCOLASTICHE Distribuzione degli Istituti d istruzione secondaria sul territorio della Provincia di Messina.

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

ELENCO ELETTORI DEL SINDACO E DELLA GIUNTA METROPOLITANA

ELENCO ELETTORI DEL SINDACO E DELLA GIUNTA METROPOLITANA CITTA1 METROPOLITANA DI L.R. n. 15 del 4 Agosto 2015 Ufficio Elettorale D. A. Regionale Autonomie Locali e Funzione Pubblica n. 224 del 5.10.2015 ELENCO ELETTORI DEL SINDACO E DELLA GIUNTA METROPOLITANA

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

ARCHIVIO DI STATO DI MESSINA

ARCHIVIO DI STATO DI MESSINA ARCHIVIO DI STATO DI MESSINA Via XXIV Maggio is. 291, n. 18 (cod. Post. 98100); tel. 090/771006, 772007. Consistenza totale: voll., bb. e regg. 42.941; fasce. 1.793; pergg. 665. Biblioteca: voli, 3.133,

Dettagli

FARMACIE CONVENZIONATE RICADENTI NELL AMBITO TERRITORIALE DELL AZIENDA U.S.L. n.5

FARMACIE CONVENZIONATE RICADENTI NELL AMBITO TERRITORIALE DELL AZIENDA U.S.L. n.5 FARMACIE CONVENZIONATE RICADENTI NELL AMBITO TERRITORIALE DELL AZIENDA U.S.L. n.5 ACQUEDOLCI LATTERI M. Via Ricca Salerno, 12-0941/726572 ALCARA LI FUSI STURIALE N. Via S. Pantaleone, 16-0941/793021 ALI'

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

(provincia Regionale di Messina

(provincia Regionale di Messina SCHACHTER X ^ " * y'""^ * ' J?j5tfJ"wS^ ^/^* ^Ti./ * (provincia Regionale di Messina (Denominata "LiBero Consorzio Comunale " ai sensi detta L.%, n. 8/2014 Direzione: VIIA Sviluppo Economico Servizio:

Dettagli

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 31 DICEMBRE Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT

GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT 21 marzo 2011 GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT In occasione della Giornata mondiale dell acqua, istituita dall ONU e celebrata ogni 22 marzo, l Istat fornisce un quadro di sintesi

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

GRADUATORIA DEI DOCENTI TITOLARI SU POSTI CURRICULARI E DOP RICHIEDENTI IL RIENTRO E/O L'UTILIZZO. Punti Scuola/Comune. Punti per altri Comuni

GRADUATORIA DEI DOCENTI TITOLARI SU POSTI CURRICULARI E DOP RICHIEDENTI IL RIENTRO E/O L'UTILIZZO. Punti Scuola/Comune. Punti per altri Comuni Scuola/Comune di Rientro Punti per altri Comuni Cognome Nome Cl. di Scuola di Tit. BARBIERI MARIA A028 ROCCALUMERA TAORMINA 122,00 Scuola/Comune di Rientro Punti per Altri Comuni Punti Docente DOP Punti

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli