So schlagen wir mit ganzer Wucht/Die Feinde krumm und klein.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "So schlagen wir mit ganzer Wucht/Die Feinde krumm und klein."

Transcript

1 Università degli Studi di Cagliari Scuola di Dottorato in Studi Filologici e Letterari Ciclo XXII So schlagen wir mit ganzer Wucht/Die Feinde krumm und klein. La costruzione della propaganda nei Supplementi letterari della «Tiroler Soldaten-Zeitung» L-FIL-LET/14 CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE Presentata da: Maria Rita Murgia Coordinatore Dottorato: Relatore: Prof. Laura Sannia Prof. Mauro Pala Esame finale anno accademico

2 Indice Introduzione p. 4 Il Kriegspressequartier e la propaganda per i soldati p. 7 Per una breve storia del Kriegspressequartier p. 7 La Filmstelle p. 10 La propaganda nell Italia occupata p. 11 La Pressegruppe p. 13 La propaganda per i soldati p. 14 Gli spettacoli collettivi: il teatro da campo p. 16 Case del soldato e letture di trincea p. 17 I giornali per i soldati p. 18 Il giornale della Prima armata p. 18 La guerra e i due volti della censura p. 21 La Berichterstattergruppe e la militarizzazione dei corrispondenti di guerra p. 21 Le condizioni di lavoro dei Berichterstatter p. 22 La censura governativa p. 23 L esperienza dei Kriegsmaler p. 24 Il Tirolo in guerra p. 26 Il bastione Tirolo e la mobilitazione dei Landesschützen p. 26 I provvedimenti anti-irredentisti dell amministrazione militare p. 29 La propaganda nel Tirolo in guerra p. 34 La «Tiroler Soldaten-Zeitung» p. 38 Giornale di trincea o giornale per soldati? p. 38 Il giornale della prima armata arriva in Tirolo p. 41 Il supplemento letterario di trincea p. 45 Il foglio di propaganda p. 49 1

3 Il mondo secondo i Supplementi letterari della Tsz p. 55 Das Heilige Land Tirol. Il legame del Tirolo con la Chiesa Cattolica p. 56 Il cattolicesimo politico in Tirolo nella seconda metà del XIX secolo p. 58 Il Kulturkampf tirolese p. 59 La divisione: conservatori vs cristiano-sociali p. 64 Turismo e Cattolicesimo p. 66 Le ansie del potere. Dimensione dell ansia p. 66 La reazione difensiva come aggressione p. 69 Masse und Macht p. 71 Mantenimento del potere e Feindschaftserwartung p. 72 La strumentalizzazione del Cattolicesimo politico in Tirolo p. 73 La mitizzazione del passato p. 75 La nazione Tirolo come espressione di identità culturale p. 76 Il difficile rapporto del Tirolo con il governo viennese p : anno chiave della devozione ad Hofer p. 84 Il corpo degli Schützen tirolesi p. 85 Le poesie del Supplemento letterario. Temi e motivi p. 88 I miti e simboli della piccola patria tirolese p. 95 Andreas Hofer, gli antenati e i fatti del 1809 p. 95 Altri personaggi-simbolo p.101 La motivazione religiosa: morte eroica e favore divino p.105 Il paesaggio alpino e il mito del Tirolo p.126 Guerra e vita in alta quota p.133 I corpi dell esercito e i loro simboli p.147 Gioventù,virilità, arditezza p.163 Der feige, welsche Wicht: definizione del gruppo negativo p.170 Espressioni e parole chiave dell autorappresentazione p.189 Espressioni e parole chiave dell eterorappresentazione p.190 2

4 Il supporto visivo p.193 Il soldato p.195 La vita al fronte p.196 Il paesaggio di montagna p.211 Vignette umoristiche p.216 Indice titoli e data delle immagini p.221 L ultimo periodo del giornale p.225 La Nazione austro-ungarica p.228 Allegato 1 p.232 Allegato 2 p.239 Allegato 3 p.241 Indice contenuti Gedichte 1915 p.241 Indice contenuti Gedichte1916 p.248 Bibliografia p.257 3

5 Introduzione La Prima guerra mondiale ha consistentemente e ininterrottamente attirato l'attenzione di numerosi studiosi sia europei che extraeuropei. Con l'andare del tempo e con l'aumentare del numero di studi ad essa dedicati, se possibile, questo interesse internazionale è andato crescendo. In particolare, ultimamente il mondo della ricerca vuole addentrarsi in ambiti e aspetti di questo evento che ancora non sono stati considerati. Il nuovo, rinato interesse per la Grande Guerra è ampiamente dovuto anche alla presenza di nuovi metodi di studi nella ricerca storica. Gli studi più datati hanno sì preparato il terreno per i dibattiti attuali, lasciando comunque molte domande irrisolte. Anche gli studiosi e gli storici delle generazioni passate si concentrarono sulle questioni diplomatiche, politiche e, alle volte, economiche, ma per lo più il loro interesse si è orientato sugli aspetti strettamente militari del conflitto. Gli studi più recenti sulla storia delle moderne tecniche di guerra, al contrario, hanno esplorato maggiormente la sua dimensione sociale: i ruoli sessuali, la cultura e le mentalità, per nominare solo alcune delle nuove aree d interesse. I nuovi approcci hanno sfidato i metodi e gli ambiti di ricerca da tempo stabiliti e la storia militare è proprio una di quelle. Persino l'analisi delle battaglie e delle campagne, focus tradizionale della storia militare, hanno subito una rivisitazione alla luce degli orientamenti più recenti. Punto di partenza per un indagine "moderna" è dunque considerare la totalità dell'evento, che ne richiede l'analisi degli aspetti economici e finanziari, come anche di quelli civili e psicologici; chiede l'analisi dell'interazione tra guerra e società, uno studio delle mentalità, non solo però delle élite culturali, ma anche la considerazione di gruppi sociali più ampi e quindi degli individui ordinari. La guerra totale domandò la mobilitazione di tutte le forme di vita pubbliche e private per la vittoria, non solo sul campo di battaglia, perciò essa richiede una storia che sia totale, o che cerchi di esserlo, in quest ottica tutti i metodi di ricerca a disposizione sono necessari per cogliere l'enorme complessità di questo evento. In questo lavoro si prenderà in considerazione un tassello importante per lo studio e la comprensione dei processi culturali che hanno caratterizzato la storia della guerra mondiale: i giornali, patrimonio fondamentale e mezzo indispensabile per accedere alla storia delle mentalità. All incrocio fra la storia militare e la storia della stampa, che prende in 4

6 considerazione non più soltanto la stampa quotidiana cittadina, ma anche le pubblicazioni apparentemente periferiche, si colloca una esperienza finora poco indagata, ma il cui esame potrebbe rivelarsi assai fruttuoso per l indagine totale di cui si parlava sopra. Ci si riferisce qui in particolare alla gran quantità di piccoli e grandi giornali di trincea, del fronte, del campo che venivano distribuiti alle truppe durante il conflitto. Particolare attenzione sul versante della propaganda era stata posta dall Impero austroungarico che aveva organizzato la mobilitazione degli scrittori tramite un apposito ufficio, il Kriegspressquartier di Vienna, dove lavorarono noti intellettuali quali Franz Blei, Franz Theodor Csokor, Egon Erwin Kisch, Hugo von Hofmannstahl, Alfred Polgar, Rainer Maria Rilke, Franz Werfel e Stefan Zweig. La Literarische Gruppe del Kriegsarchiv pubblicava diversi giornali come ad esempio «Heimat» e, a partire dal marzo 1917, quindi con un po di ritardo, il mensile illustrato «Donauraum», il cui scopo era fornire un affresco della vita e della cultura della Duplice Monarchia. Tra le esperienze di propaganda non legate al Kriegspressquartier vi è la «Tiroler Soldaten- Zeitung» (d ora in poi Tsz), giornale settimanale pubblicato dal Landesverteidigungskommando del Tirolo. Non si trattava di un corrivo foglio di trincea, come molti tra quelli prodotti da singole unità o comandi. Si trattava bensì di un settimanale dalla grafica raffinata (curata da Hans Joseph Weber-Tyrol e Arthur Nikodem), che ospitava pagine di pubblicità, e, dato straordinario, un supplemento letterario al quale collaborano anche alcuni significativi scrittori tirolesi. La Tsz si caratterizza anche per una particolare attenzione e cura dell aspetto iconografico: il giornale, infatti, riproduce le opere di numerosi artisti e Kriegsmaler fra cui Albin Egger- Lienz. Nella parte finale delle sue pubblicazioni il giornale viene diretto nientemeno che da Robert Musil, all epoca già noto e affermato scrittore. Della la Tsz, giornale del quale nonostante il tempo e gli eventi è rimasto superstite quasi tutto il corpus, è in corso di pubblicazione l edizione elettronica, in un DVD realizzato assieme al Progetto CIRCE della Facoltà di Lettere dell Università di Trento, che raccoglie tutto il pubblicato. Alla ricostruzione completa questa storia mancavano due tasselli importanti: l edizione italiana e ungherese. Si sapeva infatti da un rapporto riservato del 30 giugno 1916 che il giornale si pubblicava non solo in tedesco, ma a intervalli più ampi e regolarmente anche in ungherese e in italiano. Tuttavia fino a poco tempo fa non si era riusciti a reperire in nessuna biblioteca né l edizione ungherese del giornale, la «Tiroli Katona Ujság» (traduzione letterale di «Tiroler Soldaten-Zeitung»), né quella italiana, pubblicata con il titolo «Giornale del 5

7 Soldato Tirolese». Le ricerche promosse dallo Centro Studi sulla Storia dell'europa Orientale in diversi archivi e biblioteche hanno avuto successo e in Ungheria sono stati finalmente ritrovati i numeri della «Tiroli Katona Ujság» 1, e una copia del «Giornale del Soldato Tirolese». Partendo dall analisi dei Supplementi Letterari 2, ospitati con regolarità dal giornale per le truppe austriache dislocate in Tirolo ed interessante esempio di letteratura dal basso e propaganda che si intrecciano, per lo più costituiti da poesie che mirano a definire la propria identità in contrapposizione a quella del nemico, si offrirà un piccolo contributo per la ricostruzione di questa importante pubblicazione, per la storia della mentalità in Tirolo durante gli anni della guerra, per le più generali vicende della propaganda di guerra nella Duplice Monarchia e più ampiamente per lo studio del conflitto. Scopo di questo lavoro è pertanto l identificazione e l analisi di alcuni esempi concreti di auto ed etero rappresentazione collettiva. Altro compito è cercare di inquadrare queste rappresentazioni nella verità storica e giudicarne l attinenza alla realtà dei fatti, fin dove è possibile, anche grazie alla giusta e necessaria distanza temporale. 1 Cfr. Davide Zaffi, Un ungherese in Tirolo: La Tiroli Katona Ujság, CSSEO, Working Paper N 125, Ottobre «Literarische Beilage zur Tiroler Soldaten-Zeitung» 6

8 Il Kriegspressequartier e la propaganda per i soldati Allo scoppio del primo conflitto mondiale, Stato ed esercito, in tutti i Paesi coinvolti, erano preparati a gestire un apparato censorio e propagandistico concepito per una guerra di breve durata. Non a caso, nella Monarchia absburgica, i due organismi che avrebbero gestito la censura, sul versante civile il Kriegsüberwachungsamt e su quello militare il Kriegspressequartier, erano stati concepiti durante le allora recenti crisi balcaniche. Ad una struttura propagandistica centrale per i civili e per i soldati, non si era pensato affatto. Con l inaspettato e indefinito prolungarsi della guerra, l apparato censorio si rivelò inadeguato a svolgere azioni di influenza positiva sull opinione pubblica: la necessità di una propaganda efficace ed organizzata si avvertì soltanto in ambito militare, a partire dal Per una breve storia del Kriegspressequartier Il Kriegspressequartier (di seguito abbreviato con la sigla Kpq) 3, durante il conflitto fu il punto di contatto fra tutti i principali attori della comunicazione nella Monarchia: ministeri, giornali, alte sfere militari e società civile. I suoi molteplici compiti si possono ricondurre a tre funzioni principali: 1. coordinamento della propaganda austro-ungarica; 2. organo esecutivo della censura militare; 3. raggruppamento e controllo dei corrispondenti di guerra. Queste macro-funzioni offrono delle linee di demarcazione ideali per due trattazioni separate dell argomento, necessarie anche alla luce della complessità strutturale del Kpq. Nella prima, che occuperà buona parte del presente capitolo, se ne descriverà l attività propriamente propagandistica attraverso esempi. Nella seconda si parlerà di come presso il Kpq vennero 3 Letteralmente Quartiere della stampa di guerra. Il termine è già stato tradotto in questo modo da Angelo Schwarz, La prima propaganda è quella per gli occhi, in G. Corni E. Bucciol A. Schwarz, Inediti della Grande guerra Immagini dell invasione austro-germanica in Friuli e nel Veneto orientale, Portogruaro (Ve), ed. Ediciclo, 1990, p. 253, nota 8. Per una bibliografia più dettagliata sul Kpq si vedano: Peter Brouceck, Das Kriegspressequartier und die literarische Gruppen in Kriegsarchiv , in K. Amann, Hubert Lengauer, Österreich und der große krieg, , Vienna, Brandstätter, 1989, p. 132 e segg. e le dissertazioni di K. Mayer, Die Organisation des Kriegspressequartier beim k.u.k. AOK im ersten Weltkrieg , Vienna, 1963 H. Schmölzer, Die Propaganda des Kriegspressequartiers im ersten Weltkrieg , Vienna, In italiano si veda il contributo di N. Dacrema, Kriegspressequartier: la fucina della persuasione, in M. Libardi, F. Orlandi, Kriegsmaler. Pittori al fronte nella Grande Guerra, Trento, Nicolodi, 2004, pp

9 accreditati e irreggimentati i corrispondenti di guerra, nonché della doppia censura cui furono sottoposti e verrà data anche qualche coordinata sul corpo speciale dei Kriegsmaler. L allestimento di un apposito quartiere alla stampa era stato previsto già nelle Mobilisierungsinstruktionen del 1909: la struttura, alle dirette dipendenze dell Armeeoberkommando (Comando supremo, abbreviato in seguito con la sigla Aok), avrebbe dovuto occuparsi dell accreditamento dei rappresentanti della stampa nazionale ed estera. La sua costituzione sarebbe dovuta avvenire anche nel caso di una mobilitazione parziale e senza ulteriori disposizioni 4. Il 28 luglio 1914, il giorno stesso della dichiarazione di guerra alla Serbia, il Kpq si costituì a Vienna sotto il comando del colonnello (Oberst) Maximilian von Hoen, allora direttore del Kriegsministeriums Pressestelle (Ufficio stampa del Ministero della guerra) 5. Dalla prima destinazione, Dukla (nei Carpazi orientali) a Rodaun (in prossimità di Vienna) dove ricevette una sede permanente all inizio del 17, il Quartiere venne sempre tenuto lontano sia dal fronte operativo che dall Aok, per impedire qualsiasi fuga d informazioni 6. A due mesi dalla sua nascita, il Kpq si articolava in tre unità: 1. Kommandantur und Adjutantur (Comando e Aiuto), acquartierati presso l Aok e incaricati, fra l altro, di censurare i servizi dei corrispondenti di guerra destinati ai giornali; 2. Platzkommando (Comando di Piazza), dove stazionavano gli ufficiali addetti alla custodia dei corrispondenti; 3. Berichterstattergruppe, cioè il Gruppo dei corrispondenti di guerra, stazionati presso il Comando di Piazza 7. L epoca in cui comandò il colonnello von Hoen, nonostante la crescita dell organico e la creazione nel 15 di una Kunstgruppe 8 (Gruppo artistico) comprendente fotografi, disegnatori e cineoperatori, fu caratterizzata da improvvisazione e da una certa indifferenza per il lavoro svolto, nonché da una cronica carenza di fondi 9. 4 I. Stiassny-Baumgartner, Roda Rodas Tätigkeit im Kriegspressequartier, Phil. Diss., Wien, 1982, pp P. Broucek, Das Kriegspressequartier und die literarischen Gruppen im Kriegsarchiv , in K. Amann H. Lengauer (Hrsg.), Österreich und der Grosse Krieg, op. cit., p Stiassny-B., op. cit., p H. Schmölzer, Die Propaganda des Kriegspressequartiers im ersten Weltkrieg , op. cit., p Fu nell ambito della Kunstgruppe che nacque e si sviluppò l esperienza dei Kriegsmaler di cui si parlerà in generale in seguito e più dettagliatamente lungo tutto il lavoro. Per una bibliografia sui Kriegsmaler si vedano L. Popelka, I Kriegsmaler durante la prima guerra mondiale, in Luigi Chiais (a cura di) I monti pallidi, Novara, De Agostini, 1989, pp e sempre di Popelka, Artisti nella guerra. I Kriegsmaler austro-ungarici , in «Annali. Museo Storico della Guerra», n. 0, 1990, pp Stiassny-B., op. cit., p

10 Nell ambito della rivoluzione interna all Aok 10, ordinata dal nuovo imperatore Carlo I, il 15 marzo 1917 von Hoen venne sostituito dal colonnello Wilhelm Eisner-Bubna, reduce pluridecorato dal fronte isontino e membro del Kpq già dall estate del 16: deciso a fare del Quartiere un efficace strumento di propaganda attiva, il nuovo comandante ne riorganizzò la struttura e diede per la prima volta ai suoi sottoposti direttive chiare e dettagliate 11. Con la contemporanea acquisizione delle competenze in materia di propaganda all estero 12, gran parte delle attività propagandistiche della Monarchia vennero rapidamente a concentrarsi nel Kpq, che nei propositi del nuovo comandante avrebbe dovuto diventare un Ministero dell informazione vero e proprio 13. Il nuovo Comando iniziò il suo lavoro con la diramazione del primo Ordine di servizio completo che il quartiere avesse mai ricevuto, e in cui vennero finalmente definiti con precisione i compiti che avrebbe dovuto assolvere da allora in poi. Questi compiti consistevano in: - In der positiven Einflussnahme auf die Presse des In- und nach Möglichkeit des Auslandes in einem der österreichisch-ungarischen Wehrmacht günstigen Sinne. - In einer prohibitiven Tätigkeit als oberste militärische Zensurstelle, um alles der Kriegführung und der Wehrmacht Abträgliche hintanzuhalten. - Die Verbindung zwischen der Obersten Heeresleitung und damit der Wehrmacht und der Presse herzustellen. - In der Erhaltung der Fühlung mit den militärischen Pressestellen der verbündeten Staaten. - In der aktiven Propaganda im In- und Auslande für das Heer und die Flotte. - In der Förderung aller Aktionen, die geeignet erscheinen, Ruhm und ansehen der Monarchie zu mehren. - In einer Abwehr der gegen die Monarchie und die Wehrmacht gerichteten feindlichen Propaganda Rivoluzione di cui fecero le spese i due Comandanti supremi dell esercito, cioè l arciduca Federico e il Feldmaresciall Conrad von Hötzendorf, rispettivamente Armeeoberkommandant (in pratica il rappresentante ufficiale della famiglia imperiale presso l Aok) e Chef des Generalstabs (Capo di stato maggiore). Per questi ed altri dati sulla guerra rimando all enciclopedico: Österreichisches Bundesministerium für Landesverteidigung und vom Kriegsarchiv (Hrsg.), Österreich-Ungarns letzer Krieg , Band VI, Unter der Leitung von Edmund Glaise von Horstenau, Vienna, Verlag der Militärwissenschaftlichen Mitteilungen, 1936, pp Stiassny-B., op. cit., pp Schmölzer, op. cit., pag Amann-Lengauer, op. cit., pag Stiassny-B., op. cit, p. 18. I compiti consistevano nell influenza positiva della stampa nazionale e di quella estera, nell esercizio della censura militare, come organo supremo della stessa, nel curare i rapporti fra Aok e 9

11 Indicazioni distanti anni luce dal mero accreditamento dei rappresentanti della stampa, di cui parlavano le Mobilisierungsinstruktionen del Eisner-Bubna, sostenuto peraltro finanziariamente dal rinnovato Aok come mai era successo a von Hoen, riuscì in poco più di un anno a fare del Kpq, almeno de facto, quel Ministero dell informazione che aveva in mente. Per dare un idea del suo attivismo è sufficiente vedere com erano organizzati gli 880 membri effettivi del Kpq nell ottobre del 1918, a poche settimane dal suo scioglimento (iniziato in novembre e completato in dicembre): 1. Kommandantur und Adjutantur 2. Zensurgruppe 3. Inlandstelle 4. Auslandstelle 5. Propagandagruppe 6. Pressegruppe 7. Kunstgruppe 8. Lichtbildestelle 9. Filmstelle 10. I-(Italien) Stelle 11. Kriegsberichterstattgruppe 12. Administrativer Apparat 15 Per comprendere come funzionassero in concreto le sezioni dell apparato propagandistico comandato da Eisner-Buba è bene osservarne nel dettaglio alcune: propongo di seguito una breve analisi della Filmstelle dell I-(Italien) Stelle e della Pressegruppe. La Filmstelle L attività di propaganda cinematografica del Kpq iniziò già nell agosto del 14, quando von Hoen affidò a ditte private la produzione di film di propaganda interna per l esercito: dall organizzazione delle proiezioni per le truppe si occupavano i rispettivi comandi. stampa, nel tenere i contatti con gli uffici stampa dei paesi alleati, nella propaganda attiva, nella Monarchia e all estero, a favore dell esercito e della flotta, nel sostegno di ogni attività che possa accrescere la reputazione della Monarchia, nella prevenzione della propaganda nemica. 15 Ossia: 1. Comando e Aiuto, 2. Gruppo di censura, 3. Ufficio interni, 4. Ufficio esteri, 5. Gruppo di propaganda, 6. Gruppo stampa, 7. Gruppo artistico, 8. Gruppo fotografico, 9. Ufficio cinematografico, 10. Ufficio Italia, 11. Gruppo dei corrispondenti, 12. Apparato amministrativo. Cfr. Schmölzer, op. cit., p

12 Il nuovo comandante, oltre ad istituire la Filmstelle a cui vennero assegnati operatori professionisti abili al servizio di truppa, la dotò anche di laboratori di montaggio, sviluppo e stampa: istituì in sostanza presso il Kpq una casa di produzione con un proprio laboratorio. Il Kpq non cessò comunque di collaborare con la cinematografia esterna al mondo militare come testimonia questa breve lista che riassume le iniziative di produzione e distribuzione che la Filmstelle coordinò nell ultimo anno e mezzo di conflitto: 1. La Sascha Kriegsfilmwoche (Settimana di guerra Sascha), una sorta di cineregionale settimanale ripreso dagli operatori del Kpq, ma montato e distribuito dalla ditta Sascha di Vienna, già sotto contratto durante il Comando von Hoen, 2. Un film documentario mensile artisticamente elaborato, montato e prodotto nei laboratori della Filmstelle, 3. Dai 300 ai 400 metri al mese di pellicole documentarie sui campi di prigionia e i territori occupati, 4. Riprese dell industria di guerra e dell agricoltura, 5. Drammi o commedie propagandistiche prodotte dal Kpq, 6. Vedute delle bellezze della Monarchia e filmati di propaganda dinastica. Gran parte di questo materiale era destinato alla proiezione nelle retrovie e nei territori occupati, proiezioni che erano organizzate dall Ufficio centrale per il cinema da campo, una sottoripartizione della Filmstelle. Della distribuzione all estero si occupava l Auslandstelle, mentre di quella nella Monarchia l Inlandstelle che si limitava a cedere i film, attraverso regolari contratti di vendita, a ditte private che li distribuivano autonomamente 16. La propaganda nell Italia occupata Gli sforzi austroungarici per contrastare l efficace propaganda dell Intesa nei paesi neutrali si concentrarono soprattutto in Svizzera e nei Paesi Scandinavi: con la collaborazione di corrispondenti di affermati quotidiani nazionali, personale diplomatico e influenti uomini d affari il Ministero degli esteri prima e il Kpq dal 17 organizzarono regolarmente 16 Per tutte le informazioni presenti nel paragrafo cfr. Schmölzer, op. cit. 11

13 manifestazioni propagandistiche quali mostre fotografiche, conferenze e balli di beneficenza 17. Non mancarono però le iniziative ad hoc rivolte ai territori occupati sul fronte orientale e, a partire dal novembre 1917, anche nel Veneto orientale e nel Friuli. Prima di Caporetto le attività propagandistiche rivolte all Italia erano consistite nel lancio sopra le trincee italiane di volantini inneggianti la diserzione e nella redazione di un settimanale in lingua italiana distribuito a Trieste, «L eco del Litorale»: di queste attività, compresa la difesa dalla propaganda italiana, si occupò dall 11 maggio 17 un apposita ripartizione del Kpq, cioè la I- Stelle 18. Dopo Caporetto la I-Stelle moltiplicò le sue attività e si avvalse della collaborazione attiva dell Amministrazione militare del Feldmareschall Boroévic. Nei primi mesi dell occupazione le parole dei volantini e dei manifesti rivolti a friulani e veneti erano tese a differenziare il popolo soldato, obbediente e innocente, dai governanti guerrafondai : sarebbe solo contro questi ultimi, colpevoli di ogni male, e non contro i primi che l esercito austroungarico avrebbe combattuto 19. Con il passare del tempo e con l insorgere dei primi casi di resistenza passiva e di sabotaggio 20 il tono dei messaggi si fece minaccioso e marziale. Accanto a queste iniziative, dal primo gennaio 1918, venne pubblicato in lingua italiana (da subito come settimanale, a partire da maggio come quotidiano) la «Gazzetta del Veneto», con una tiratura di circa 5000 copie: della redazione si occupava un apposita Expositur (Delegazione) del Kpq acquartierata presso il Comando delle zone occupate. Dal giugno dello stesso anno venne poi allegata alla «Gazzetta» la «Domenica della Gazzetta», un supplemento illustrato fatto ad imitazione della popolare «Domenica del Corriere» 21. Il giornale e il supplemento venivano stampati nella tipografia che era stata del «Giornale di Udine» e che veniva utilizzata anche per stampare catechismi, libri di preghiere e il «Tagblatt für Venetien und Friaul», un foglio in tedesco rivolto soprattutto ai quadri dell Amministrazione militare Un resoconto dettagliato di queste attività si trova nel secondo capitolo della dissertazione della Schmölzer (op. cit., Kapitel II) 18 K. Paupié, Handbuch der Österreichischen Pressegeschichte, Band II, Vienna, Wilhelm Braumüller Verlag, 1960, p C. Mayerhofer, Die österreichische Militärverwaltung in den besetzen Gebieten Italiens. Oktober November 1918, Phil. Diss., Vienna, 1970, p Documentati da Mario Bernardi in: Di qua e di là del Piave Da Caporetto a Vittorio Veneto, Milano, Mursia, Mayerhofer, op. cit., pp Ibid. 12

14 Amministrazione che, come già detto, si dimostrò estremamente collaborativa nella conduzione della propaganda nei territori occupati, rappresentando un eccezione nel panorama dei rapporti fra militari operativi e gli imbrattacarte del Kpq che erano di norma molto tesi. A testimonianza di questa collaborazione vanno citati due esempi su tutti: il primo riguarda la Aktion Propagandabriefe (Azione lettere di propaganda) che consisteva nel contrabbando autorizzato sulla sponda occidentale del Piave di posta proveniente dai territori occupati. Le lettere venivano accettate sottobanco, a mo di favore, proprio dagli ufficiali della Nachrichtenstelle di Udine (la Delegazione del Kpq) che aveva ideato l iniziativa con il pieno sostegno del comando. Le lettere venivano sottoposte naturalmente a censura e venivano contrabbandate per essere recapitate in Italia solo se si rivelavano favorevoli agli occupanti. L azione ebbe un tale successo da dovere essere sospesa nel luglio 18 perché le lettere da vagliare erano troppe 23. Dal Feldmareschall Boroévic in persona venne progettato invece, all inizio del 1918, un opuscolo (mai realizzato) che avrebbe dovuto contrastare la propaganda nemica circa la durezza dell occupazione austroungarica in Italia. La Pressegruppe Già durante il comando von Hoen alcuni addetti del Kpq si dedicavano a tenere i rapporti con le testate austriache e con quelle testate straniere che non avevano inviato corrispondenti nella Monarchia rifornendole di informazioni ufficiose, commenti e notizie di ogni tipo. Ogni settimana poi gli addetti a queste mansioni si occupavano della redazione della rivista «Österreichisch-Ungarisch Kriegsberichte», un settimanale illustrato redatto in tedesco e in ungherese destinato al mercato interno, e della pubblicazione del quotidiano «La marche sur Trieste» in lingua francese, redatto nello stile colorato e accattivante dell Intesa, distribuito in Svezia, Svizzera e addirittura contrabbandato in Francia e Italia 24. Ampliando e riorganizzando le due redazioni, Eisner-Bubna creò la Pressegruppe che venne articolato in un settore addetto alla stampa interna e un altro a quella estera, così si intensificarono sia i rapporti con la stampa che l attività pubblicistica. Accanto alle testate appena menzionate, dal marzo 1917, vennero pubblicate: «Donauland», un mensile illustrato per il mercato interno e quello dei paesi neutrali; «Berichte über die Propagandatätigkeit des 23 Mayerhofer, op. cit., pp Paupié, op. cit., Band II, pp

15 Kriegspressequartier», una rivista sulla propaganda sia di casa che alleata; e il mensile «Volk und Heer». Il numero delle testate redatte dal Kpq sale a dodici se si considerano i progetti, dalla vita breve o brevissima, in cui s impegnarono singoli o piccoli gruppi di redattori, come, ad esempio, «Berichte aus dem Felde», redatto dal solo Karl Egli e che contò appena due uscite 25. Oggi, purtroppo, di buona parte di queste testate sono rimasti soltanto i nomi, che Kurt Paupié ha trascritto dai pochi atti superstiti del Kpq: documenti preziosi sfuggiti ad una distruzione ordinata da personaggi fiduciosi di potersi costruire una verginità nella nuova Repubblica, cancellando il proprio passato di Kriegshetzer (istigatori di guerra). La propaganda per i soldati Allo scoppio del conflitto, l esercito si percepiva come, e probabilmente era a tutti gli effetti, la principale garanzia contro la dissoluzione della Monarchia plurinazionale, in cui a livello politico le forze centrifughe avevano oramai preso il sopravvento su quelle centripete. Naturalmente per esercito si deve intendere il Corpo ufficiali, l élite che più di ogni altra incarnava e sosteneva l ideale dinastico-militaresco su cui ancora si fondava la legittimità dello stato absburgico 26. Dotato di un codice morale improntato alla lealtà alla Corona e al patriottismo antinazionalista, ma soprattutto di una lingua d ordinanza unica, l Armeedeutsch (tedesco dell esercito), il Corpo ufficiali si percepiva come l elemento d ordine e di armonia per eccellenza, contrapposto al caos della società civile: tanto più che dalle alte sfere della gerarchia era richiesta agli ufficiali di ogni ordine e grado un assoluta astinenza dalla politica, esecrata come il peggiore dei mali 27. In realtà liberalismo, materialismo e nazionalismo si erano ormai fatti strada in quello che l arciduca Alberto aveva descritto come «un istituto morale per l incremento del patriottismo 25 Ivi, pp P. Broucek, Konservatorismus in den Armeen des Hauses Österreich und der Republik Österreich, in R. Rill U. Zellenberg (a cura di), Konservatorismus in Österreich, Leopold Stocker Verlag, Graz-Stuttgart, 1999, pp Stiassny-B., op. cit., p

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

Progetto La prima guerra mondiale 1914-1918. Trentino, Italia, Europa (2013-2015)

Progetto La prima guerra mondiale 1914-1918. Trentino, Italia, Europa (2013-2015) Progetto La prima guerra mondiale 1914-1918. Trentino, Italia, Europa (2013-2015) Istituto Storico Italo Germanico-FBK / Dipartimento di Lettere e Filosofia -Università di Trento Responsabili: Paolo Pombeni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

IL "SA GUE DEI VI TI" ALLA FI E DELLA PRIMA GUERRA MO DIALE I TRE TI O.

IL SA GUE DEI VI TI ALLA FI E DELLA PRIMA GUERRA MO DIALE I TRE TI O. IL "SA GUE DEI VI TI" ALLA FI E DELLA PRIMA GUERRA MO DIALE I TRE TI O. U CAPITOLO TUTTO DA APPROFO DIRE E' noto che la fine di ogni guerra comporta soprusi orrendi contro gli sconfitti. E il tragico e

Dettagli

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA APERTURA DELLA MOSTRA LA GUARDIA DI FINANZA NELLA GRANDE GUERRA 1915-1918. IL LUNGO CAMMINO VERSO VITTORIO VENETO VENEZIA, PALAZZO DUCALE 9

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime Contestualizzazione: La guerra ha prodotto anche un esaltazione di se stessa (attraverso la propaganda di

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

Raccontare la Grande Guerra per immagini

Raccontare la Grande Guerra per immagini Raccontare la Grande Guerra per immagini 19 ottobre 2011 Dr. Marco Mondini ISIG- FBK mondini@fbk.eu I testi e i dati contenuti nella presentazione sono da considerarsi proprietà intellettuale dell autore.

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

La vita quotidiana durante la guerra

La vita quotidiana durante la guerra La vita quotidiana durante la guerra 1936: il discorso di Giuseppe Motta Ascoltiamo il discorso pronunciato da Giuseppe Motta, allora Consigliere federale, e quindi leggiamo il testo qui sotto riportato

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 1. Accesso al sito La consultazione di AMAtI è subordinata alla registrazione al sito. Per registrarsi è necessario contattare la redazione all indirizzo francesca.simoncini@unifi.it.

Dettagli

Per scuole medie superiori. Materie coinvolte: - Storia - Filosofia - Discipline artistiche e letterarie

Per scuole medie superiori. Materie coinvolte: - Storia - Filosofia - Discipline artistiche e letterarie Kit didattico tratto dalle esperienze educative del Centro per l Educazione alla Cittadinanza, dell Istituto per la Memoria Nazionale e del Museo dell Insurrezione di Varsavia, con riferimento al progetto

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI

Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI 2014 Finalità della biblioteca La biblioteca del Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto si propone di raccogliere, conservare e valorizzare

Dettagli

Società Dante Alighieri B E R L I N

Società Dante Alighieri B E R L I N SOCIETA DANTE ALIGHIERI E. V. Gesellschaft für italienische Sprache und Kultur Nollendorfstraße 24 10777 Berlin +49 (0)30-883 14 01 info@societadanteberlin.eu OGGETTO: Conferenza dal titolo La diffusione

Dettagli

Santi medievali in guerra.

Santi medievali in guerra. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche Corso di Laurea in Storia dell Arte Santi medievali in guerra. Giovanna, Giorgio e Francesco

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

MittelEuropa. Definizione del Brand

MittelEuropa. Definizione del Brand MittelEuropa Definizione del Brand Definizione del brand Cenni storici. L impero Austro-Ungarico. I simboli dell Austro-Ungheria. Un impero, due corone L Impero austro-ungarico (detto anche più semplicemente

Dettagli

Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato

Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato Caprera, 16 dicembre 1877 "Desidero che l utilissima scoperta del professor Michela sia messa in opera." Giuseppe Garibaldi Questa lettera è uno dei tanti

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna CULTURA Attività culturali e sociali varie Il dominio di riferimento delle statistiche culturali è definito e articolato sulla base del quadro generale raccomandato dall

Dettagli

Storia del campo di concentramento di Mauthausen

Storia del campo di concentramento di Mauthausen Hans Maršálek Storia del campo di concentramento di Mauthausen Documentazione 9. Sono sano sto bene 65 9. Sono sano sto bene A certi prigionieri era permesso, una volta al mese, di scrivere una lettera

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

Guida alla redazione della tesi di laurea

Guida alla redazione della tesi di laurea Guida alla redazione della tesi di laurea Premessa Con questa Guida si forniscono alcuni consigli e poche regole queste ultime vincolanti sia per gli studenti sia per i docenti, tanto per le materie di

Dettagli

La Storia del Reportage

La Storia del Reportage La Storia del Reportage La Storia del Reportage Un genere fotografico che fornisce informazioni e si occupa d indagare e documentare vari aspe7 della realtà, sos;tuendo alla parola scri

Dettagli

Museo Storico della Fanteria

Museo Storico della Fanteria COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE Museo Storico della Fanteria Manifestazioni ed eventi B envenuti al Museo della Fanteria. 000185 Roma P.zza S. Croce in Gerusalemme, 9 - Metropolitana San Giovanni Accesso

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo 1 Corso di Laurea in Musica e Spettacolo (Classe delle Lauree in Scienze e tecnologie delle Arti figurative, della Musica, dello Spettacolo e della Moda, classe 23) Regolamento didattico Art. 1. Denominazione

Dettagli

I CARRI DA CUCINA DEL REGIO ESERCITO ITALIANO:

I CARRI DA CUCINA DEL REGIO ESERCITO ITALIANO: I CARRI DA CUCINA DEL REGIO ESERCITO ITALIANO: Privilegiato sistema dell Ing. Carlo Pedrone a cura di Angelo Nataloni Carro da cucina dell esercito americano Un problema della massima importanza nella

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero PREMESSA La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

Parigi, 14 novembre 1970

Parigi, 14 novembre 1970 Convenzione UNESCO concernente le misure da adottare per interdire e impedire l illecita importazione, esportazione e trasferimento di proprietà dei beni culturali Parigi, 14 novembre 1970 La Conferenza

Dettagli

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL NAZISMO IL NAZISMO IL NAZISMO LO STALINISMO LO STALINISMO IL TOTALITARISMO: è un regime che non si limita

Dettagli

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO Il giorno 16 aprile, noi della classe III H abbiamo avuto la possibilità di poter incontrare la professoressa Nadia Olivieri, dell Istituto della storia della Resistenza

Dettagli

GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA VALLARSA I SENTIERI RACCONTANO ALL ALBA DEL 24 MAGGIO TERRA, STORIA, MEMORIA

GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA VALLARSA I SENTIERI RACCONTANO ALL ALBA DEL 24 MAGGIO TERRA, STORIA, MEMORIA GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA Manifestazioni di commemorazione Mostra Il Pasubio di carta, scoprimento cippo, inaugurazione targa 23 maggio, dalle ore 10 alle ore 17 Campogrosso e Pian delle Fugazze,

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo 53 La riscoperta dell isola di Sant Erasmo Venezia e Murano, il Lido e Chioggia, Burano e Torcello. Da secoli, i luoghi simbolici per eccellenza della laguna custodiscono la storia, la cultura, la tradizione

Dettagli

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario L organizzazione delle pubbliche amministrazioni dopo la riforma del Titolo

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Musei e Paesaggi culturali

Musei e Paesaggi culturali La Carta di Siena Musei e Paesaggi culturali Proposta da ICOM Italia il 7 luglio 2014 alla Conferenza Internazionale di Siena 1. Il paesaggio italiano Il paesaggio italiano è il Paese che abitiamo e che

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 «VITA NOSTRA» Il periodico «Vita Nostra» venne istituito, con delibera del Consiglio di amministrazione, per celebrare il 60 anniversario della

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO #IOLEGGOPERCHÉ 2016 IL PROGETTO, LA DINAMICA, GLI ATTORI UNA NUOVA MISSIONE PER I MESSAGGERI DELLA LETTURA: SVILUPPARE E RILANCIARE LE BIBLIOTECHE SCOLASTICHE

Dettagli

TARIFFARIO 2007. (Consiglio Nazionale Riunione del 20 e 21 Dicembre 2006)

TARIFFARIO 2007. (Consiglio Nazionale Riunione del 20 e 21 Dicembre 2006) TARIFFARIO 2007 COMPENSI MINIMI PER LE PRESTAZIONI PROFESSIONALI GIORNALISTICHE NEI QUOTIDIANI, NEI PERIODICI, ANCHE TELEMATICI, NELLE AGENZIE, NELLE EMITTENTI RADIOTELEVISIVE E NEGLI UFFICI STAMPA (Consiglio

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

FOTO. Facoltà di Lettere XXXXX e Filosofia. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. Percorsi Formativi

FOTO. Facoltà di Lettere XXXXX e Filosofia. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. Percorsi Formativi Percorsi Formativi Facoltà di Lettere XXXXX e Filosofia Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo aperti lunedì, martedì,

Dettagli

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 6 Non appena si è avviato il progetto, le prime iniziative che la Spazio - Lavoro ha intrapreso sono state quelle relative alla preparazione del territorio nel

Dettagli

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione In epoca moderna la scelta dello spazio teatrale si è indirizzata verso la definizione e la creazione di edifici particolari, che

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone)

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) IL TERRITORIO I paesi alpini in Europa sono sette: Italia, Francia, Austria, Germania, Slovenia,Croazia. Completamente all interno delle Alpi troviamo la Svizzera, l Austria

Dettagli

Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna

Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna Laterza, 2014 Pagine 234 ISBN 978 8858111055 I padroni dei libri. 2014 Laterza Assaggio di lettura: pagine 203-205

Dettagli

Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto

Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto Kalima (Parola) si propone di stringere una serie di accordi

Dettagli

Gli studi del cristianesimo in Cina

Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina costituiscono sia un tema vecchio che un orrizonte assai nuovo. Essi hanno percorso le due ultime dinastie dei Ming e dei Qing come

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra ISTITUTO REGIONALE PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Gaetano Dato Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra 1938-1993 Quaderni 31 Con il contributo di

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

LA COMPRENSIONE TRA LE COMUNITÀ LINGUISTICHE IN SVIZZERA VISTA DALLA STAMPA SCRITTA

LA COMPRENSIONE TRA LE COMUNITÀ LINGUISTICHE IN SVIZZERA VISTA DALLA STAMPA SCRITTA LA COMPRENSIONE TRA LE COMUNITÀ LINGUISTICHE IN SVIZZERA VISTA DALLA STAMPA SCRITTA Rapporto sul convegno del 19 marzo 1998 fra rappresentanti della stampa, dell Ufficio federale della cultura e del Forum

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA. 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False

Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA. 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False Antichi imperi in crisi... All'inizio del Novecento: V F L'impero asburgico è governato da

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 185 186 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

UnitÀ di apprendimento 9 RaCConti di StoRia: la PRiMa guerra Mondiale

UnitÀ di apprendimento 9 RaCConti di StoRia: la PRiMa guerra Mondiale 94 lezioni digitali UnitÀ di apprendimento 9 RaCConti di StoRia: la PRiMa guerra Mondiale tempi In aula: da 6 a 8 ore luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività è necessaria

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Che cosa si impara nel capitolo 2

Che cosa si impara nel capitolo 2 Che cosa si impara nel capitolo 2 Si può valutare e confrontare il contenuto, ad esempio di tre diversi settimanali, riducendo gli aspetti qualitativi a valori numerici: quante pagine sono dedicate alla

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

originale; i mutamenti della struttura prosodica; le indicazioni di scena e le descrizioni paratestuali; i componimenti in versi (sonetti e ballate);

originale; i mutamenti della struttura prosodica; le indicazioni di scena e le descrizioni paratestuali; i componimenti in versi (sonetti e ballate); Introduzione Questo lavoro rappresenta un tentativo di ricostruzione sistematica della storia della ricezione di Molière nei territori di lingua e in quelli di prevalente cultura tedesca nel XVII e XVIII

Dettagli

Definizione dei ruoli all interno del gruppo Brain storming circa l attività dell anno

Definizione dei ruoli all interno del gruppo Brain storming circa l attività dell anno ASSOCIAZIONE CULTURALE DIOCESANA LA NUOVA REGALDI Area umanistica LA CATEGORIA DI CULTURA E L OPERATORE CULTURALE SINTESI DELLA RIUNIONE DEL 12 SETTEMBRE 2003 Definizione dei ruoli all interno del gruppo

Dettagli

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo.

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. ...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. Proprio come all inizio del principato augusteo l Africa che si presentava agli occhi dei visitatori europei ed ai nostri occhi di occupanti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli