Edgardo Franzosini. Sul Monte Verità. Romanzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edgardo Franzosini. Sul Monte Verità. Romanzo"

Transcript

1 Edgardo Franzosini Sul Monte Verità Romanzo

2 I protagonisti di questa storia sono persone, se non proprio tutte, per la gran parte realmente esistite. Le circostanze nelle quali agiscono sono invece assolutamente immaginarie. Sito & estore Twitter twitter.com/ilsaggiatoreed Facebook Edgardo Franzosini, 2014 Edizione pubblicata in accordo con Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (PNLA)

3 Sul Monte Verità a mio figlio Sergio

4

5 i Fu solo per un caso se una mattina di aprile di diversi anni fa Fu solo per un caso se una mattina di aprile di diversi anni fa venni a sapere che Else Beer era morta, in un letto di ospedale, all età di centodue anni. Quel giorno i quotidiani italiani, per non so quale questione sindacale, non erano usciti. Nelle edicole, il ripiano in prima fila solitamente destinato alle pile dei giornali nazionali era stato occupato da alcune copie di quotidiani stranieri, non necessariamente i più autorevoli e nemmeno i più diffusi. La Gazzetta del Ticino riportava la notizia della morte di Else Beer nella pagina della «Cronaca dal Locarnese», dedicandole una trentina di righe su due colonne dal titolo: «Addio all ultima monteveritana», proprio a fianco di un trafiletto che dava conto della decisa presa di posizione dell Ordine dei farmacisti del Canton Ticino contro l invio dei medicinali per posta. Avevo conosciuto Else Beer ormai più di vent anni fa. Un pomeriggio di agosto ero andato a farle visita nel suo piccolo appartamento di Ascona. Fu lei che mi parlò di Alceste Paleari, l eremita del culto della noce di cocco e di quel culto forse 7

6 unico adepto trovato morto un giorno sul Monte Verità, ai piedi di una palma. Della sua palma. Ritagliai l articolo e la fotografia che lo accompagnava. Ritraeva un gruppo di persone che lavorava con fervore in un giardino coltivato a frutta. Ognuno di loro indossava una tunica bianca che arrivava ai piedi. Accanto a un filare di alberi bassi e frondosi si riconoscevano Henri Oedenkoven, Ida Hofmann e Lotte Hattemer, vale a dire i fondatori, assieme ai fratelli Gräser, della comunità. Oedenkoven e la Hofmann, con una gerla sulle spalle, coglievano frutti da un ramo, mentre Lotte Hattemer innaffiava il piede dell albero. La didascalia sotto la foto precisava: «Lavori di giardinaggio sul Monte Verità nel 1906». 8

7 ii Era la fine di agosto e le nuvole in cielo sembravano annunciare la pioggia Era la fine di agosto e le nuvole in cielo sembravano annunciare la pioggia. Noemi, un amica che lavorava alla Televisione della Svizzera Italiana, mi aspettava alla stazione di Lugano. Eravamo d accordo che avremmo trascorso insieme il fine settimana e che avremmo visitato Casa Anatta. Questo edificio che il Giornale svizzero dei maestri falegnami in un numero uscito nel 1930 aveva lodato per le sue pareti doppie e le sue volte a botte, arrivando a definirlo la più originale casa in legno di tutta la Confederazione ospitava da alcuni anni la mostra permanente sulla storia del Monte Verità. «Ti ho anche combinato un incontro con l ultima persona ancora in vita di quel calderone di matti» mi aveva detto Noemi al telefono. Da un po di tempo mi interessavo alle vicende di coloro che all inizio del Novecento avevano abitato la collina di Ascona. Persone furiosamente eccentriche. Qualcuno, senza illudersi, credo, di riuscire a indicarle tutte, si era azzardato a compilare un elenco di quei personaggi suddiviso per categorie: teosofi, 9

8 antroposofi, anarchici, occultisti, astrologi, mistici, vegetariani, adoratori del sole, naturisti, digiunatori, rabdomanti, evocatori di demoni lunari, massoni, esperantisti, maghi bianchi, maghi neri, dadaisti eccetera eccetera. Ma c era stato chi li aveva considerati semplicemente individui in preda alla pazzia. Debole pazzia in alcuni, più accesa in altri. Uomini che si coricavano per dormire sotto coltri di terra e che al mattino, per sprimacciare e rincalzare il proprio letto, usavano zappa e rastrello. Altri che avevano abolito asole e bottoni per sostituirli, più utilmente a parere loro, con noccioli di pesca, ghiande e gusci di noce. Altri che avevano assunto quale obiettivo della loro rivolta contro la società quello di trasformare radicalmente l ortografia (maiuscole, minuscole, accenti, apostrofi, punti, virgole, parentesi erano considerati limitazioni allo sviluppo della personalità) e di cambiare la calligrafia (pance e gobbe delle b e delle q venivano ritenute null altro che convenzioni). Noemi, il corpo minuto, i capelli biondo chiari, il viso dall espressione spiritosa, mi venne incontro nell atrio della stazione. «Mi ha appena chiamato il mio capo al telefono» disse appena salimmo sulla sua auto. «Devo dare una mano in redazione questo pomeriggio, pare sia urgente.» Poi aggiunse mettendo in moto: «Da Else ci dovrai andare da solo». Mentre percorrevamo la strada che portava a Locarno, Noemi mi parlò di Else Beer. Else, mi raccontò, era arrivata sul Monte Verità alla fine della Prima guerra mondiale assieme a Rudolf von Laban, il teorico della danza libera, della danza assoluta. Sulla collina di Ascona von Laban aveva costruito un teatro all aperto e fondato una scuola che aveva chiamato Schule für Kunst. 10

9 «Il balletto prima di lui era tutto concentrato sulle punte dei piedi. Von Laban fece in modo di coinvolgere il resto del corpo. Più precisamente la schiena.» Aveva cominciato, continuò Noemi, studiando i movimenti che la gente compiva quotidianamente in casa, per la strada, o negli uffici. Aveva poi girato per un certo periodo le fabbriche di Manchester e di Birmingham per misurare la qualità cinetica del lavoro a cottimo. Si era messo infine a studiare le danze dei dervisci e perfino i gesti disarmonici dei malati di mente. L auto di Noemi correva ora entro una cerchia di monti vasta e ombrosa, attraversando una piana un tempo occupata dalle acque del Lago Maggiore. Acque poi ritiratesi per l accumulo secolare dei sedimenti che il Ticino aveva trasportato e depositato via via sui margini. «Lunghe e lente montagne» dissi io indicando la cresta regolare di un monte. «Come?» «Così le chiama Borges in un libro intitolato Atlas, Atlante Lo conosci?» domandai a Noemi. Il libro era uscito quell anno o forse l anno prima. Le montagne ticinesi «lunghe e lente» Borges le aveva vedute in occasione di un suo soggiorno in Svizzera, durante il quale aveva vissuto per un anno a Lugano. Nello stesso libro, la quartultima «voce», Staubach, dava allo scrittore la possibilità di osservare: «Ci sono tante cose nella molteplice Svizzera che c è spazio anche per il terribile». «A proposito» esclamò Noemi allungando un braccio verso il 11

10 sedile posteriore «questo è per te», e mi porse un volume dalla copertina nera. Il libro aveva per titolo Monte Verità e per ponderoso sottotitolo Antropologia locale come contributo alla riscoperta di una topografia sacrale moderna. Il curatore era Harald Szeemann, uno svizzero geniale a cui si doveva la creazione del Museo del Monte Verità. Szeemann nelle prime pagine del libro, che mi misi subito a sfogliare, definiva la zona in cui si era sviluppata l esperienza dei monteveritani un «triangolo delle Bermuda dello spirito». A suo parere la singolarità di questo territorio poteva risalire a questioni di tipo geologico. Poteva cioè essere in qualche modo legata ai giacimenti di metallo ferroso che si trovano sotto la baia di Ascona e che la rendono una zona dal magnetismo particolarmente elevato. Szeemann lamentava che non fosse mai stata analizzata scientificamente la reciproca influenza tra le anomalie magnetiche della crosta terrestre e il campo magnetico del corpo umano. L ipotesi dell esistenza di un campo magnetico specifico all uomo veniva prospettata, a dire il vero, da Szeemann come una pura eventualità, ma ciò non gli impediva di aggiungere che senza opportune ricerche «non era possibile escludere nulla». L ideatore del Museo di Casa Anatta accennava inoltre al fatto che gli aerei che sorvolavano il Monte Verità, a causa appunto delle forti radiazioni terrestri, perdevano talvolta la rotta. La smentita della Swissair, di cui con onestà rendeva conto, non sembrava convincerlo del tutto. Noemi mi invitò a pranzo in un grotto di Brione, un paese appena sopra Locarno. A tavola, davanti a squisiti filetti di pesce persico con un contorno di verdure cotte al vapore, il principale 12

11 argomento di conversazione fu ovviamente il Monte Verità. Noemi ammise che, quando rifletteva su esperienze di quel genere, faticava a stabilire la linea che separava, disse, «la profondità di spirito dalla stupidità». Nel caso poi dei monteveritani non riusciva a liberarsi del tutto dalla sensazione di avere a che fare con qualcuno da cui emanava «un diffuso, fastidioso sentore di misticismo mondano». Era anche a causa di questi dubbi, di questa diffidenza, che, quando le era stato chiesto di occuparsi, per un programma televisivo, di uno dei tanti personaggi che avevano legato il proprio nome alla collina di Ascona, Noemi aveva scelto Erich Mühsam, l anarchico, l «ebreo rosso», impiccato dai nazisti a Berlino. «Sul Monte Verità» disse Noemi «Mühsam arrivò sperando di trovare un luogo di raccolta per tutti gli individui inadatti a diventare utili membri della società. Gli spiriti indomiti, li chiamava. Meglio se delinquenti» Terminammo il pranzo con un dessert dei Grigioni a base di pere aromatizzate alla cannella, nocciole, mandorle e uva secca. Dalle finestre del grotto le nuvole apparivano di un biancastro uniforme. Ci alzammo da tavola ma, prima di avviarci verso l uscita, Noemi volle telefonare a Else Beer, per confermare il nostro incontro del pomeriggio. «Buongiorno, Else» disse. Quando mi passò la cornetta, udii dall altro capo del filo una voce squillante che scandiva a una a una le parole che pronunciava. Dopo tanti anni, l inflessione tedesca era appena avvertibile. L ultima monteveritana mi diede appuntamento per le tre e mezzo a casa sua. «Parlerò volentieri di quegli anni» disse Else. «Anni che mi 13

12 sono cari come un vecchio abito che non si indossa più, ma con il quale» aggiunse con un tono improvvisamente malinconico «si è comunque già deciso di voler essere sepolti» «A questo pomeriggio allora»

13 iii Ad Ascona gli alberghi erano o troppo cari per le mie tasche o al completo Ad Ascona gli alberghi erano o troppo cari per le mie tasche o al completo. Noemi mi aveva trovato una sistemazione a Moscia, una piccola frazione a ridosso di Ascona. «A Moscia» disse Noemi mentre con l auto infilava una strada che scendeva ripida verso Locarno «è cominciato Eranos Sai, le sessioni» Non c era bisogno che Noemi mi spiegasse cosa fossero. Qualche settimana prima, sfogliando una rivista, mi era capitato di leggere un lungo articolo che si occupava dell argomento. I convegni di Eranos avevano avuto inizio verso gli anni trenta, grazie a un olandese nata in Inghilterra: Olga Fröbe-Kapteyn. Oltre a essere una perfetta cavallerizza, la Fröbe aveva curiosità intellettuali che spaziavano dalla storia delle religioni alla psicologia, passando per le filosofie orientali, la teosofia e l etnologia. «Vestita di preferenza con lunghe tuniche bianche, il corpo sottile, i capelli elegantemente arricciati», si era fatta costruire a Moscia tre case al centro di un grande giardino in cui crescevano piante di eucalipto, di rododendro, di azalea, nonché 15

14 un frondoso cedro del Libano sotto le cui foglie, color grigio blu, troneggiava un tavolo di pietra circolare. L incontro con Rudolf Otto, «il teologo» spiegava l articolo «che ha indagato l intima essenza del sacro, dandone una definizione destinata a diventare celebre: mysterium tremendum et fascinans», l aveva convinta ad aprire una volta all anno le sue case e il suo giardino a convegni (la Fröbe preferiva chiamarle «sessioni») durante i quali si potesse dialogare, «in un variegato intreccio di lingue ma anche di discipline», su temi che avevano a che fare, per lo più, «con la ricerca delle fonti generative: quelle mitiche e quelle spirituali» della vita umana. «Eranos» era una parola greca il cui significato sembrava sfuggire a una precisa interpretazione. Non era propriamente un banchetto, ma non era neppure un semplice consesso di amici e, men che meno, un solenne convivio. Károly Kerényi ne aveva proposto a un certo punto una traduzione forse un po disinvolta, ma che molti finirono per ritenere la più convincente: «pic-nic». Se era difficile stabilire il significato esatto della parola «Eranos», un compito ancora più problematico era cercare di definire il senso di quegli incontri. A Carl Gustav Jung un giorno era stata mostrata una fotografia. Ritraeva la grande tavola di pietra grigia posta all ombra del cedro. I raggi del sole cadendo tra le foglie dell albero formavano sottili spirali di luce. Attorno alla tavola erano disposte solo sedie vuote. «L immagine perfetta dei convegni» aveva sentenziato. Altri avevano paragonato le sessioni di Eranos a un «circolo del Rinascimento». Quanto a Olga Fröbe, a chi le faceva domande sul significato di quei convegni consigliava semplicemente, se volevano tentare di capirci qualcosa, di camminare almeno una volta per il suo giardino. 16

15 Noemi mi lasciò davanti all albergo e mi diede appuntamento per l indomani mattina. Il tempo di salire nella mia camera, di appoggiare il bagaglio ai piedi del letto e il libro di Szeemann sopra il comodino ed ero di nuovo in strada alla ricerca, come mi aveva suggerito Noemi, di un supermercato, o di un negozio che vendesse cibo per animali. Verso le tre, reggendo un sacchetto di plastica pieno di scatolette, presi un autobus, e in pochi minuti raggiunsi Ascona. Else Beer abitava in una casa gialla che sorgeva, appena un po più alta delle altre, in uno dei tortuosi vialetti che portavano al lungolago. La casa aveva fasce, lesene e spigoli di mattoncini rossi. Salendo due rampe di scale arrivai davanti alla porta del suo appartamento. Prima che potessi premere il campanello, la porta si aprì. «Buongiorno» disse sorridendo un uomo dal corpo minuto e dalla pelle bruno-dorata. «Else visite» gridò rivolto verso l interno. Poi fece un inchino deferente col capo e infilò le scale. Else Beer apparve sulla porta. Aveva un caschetto di ispidi capelli bianchi. Il suo sguardo conservava ancora, nonostante l età, un luccicante brillio di altera civetteria. «Prego» disse invitandomi a entrare. Guardando il sacchetto di plastica che le porgevo aggiunse: «È gentile da parte sua». Al collo portava una collana d ambra. Il corpo magro era avvolto in un lungo abito ormai logoro. «Viene dal Purang» disse Else accennando col capo alla porta di ingresso. «Lavora come uomo delle pulizie in un cinema di Locarno. È arrivato da noi quando era ancora un ragazzo, dopo l intervento dei cinesi in Tibet Lo sa che la Sviz- 17

16 zera è la nazione occidentale che ospita il maggior numero di tibetani?» Si riferiva evidentemente all uomo che avevo appena visto uscire. «Si chiama Tze-Cho, mentre il cognome» aggiunse «è decisamente elvetico: Mayr. Le autorità hanno chiesto a tutti i tibetani che non avevano un cognome, ed erano la maggioranza, visto che nel loro paese è un privilegio concesso a poche famiglie, di scegliersene uno svizzero. Del resto il nome non ha per loro molto valore. Sembra che dopo avvenimenti importanti, come ad esempio dopo una lunga malattia, se lo cambino» La Beer mi fece accomodare in un locale con un divano dalla fodera sdrucita che occupava quasi tutta una parete. La polvere, notai, aveva disegnato sulle tendine bianche delle finestre tremolanti aloni di sporco. Nella stanza il profumo dolciastro che emanava dal corpo della padrona di casa sembrava coprire qualsiasi altro odore. «Ai primi tibetani che sono arrivati in Svizzera, ospiti della Croce Rossa, all inizio degli anni sessanta» riprese Else, che sembrava avere un grande interesse a raccontarmi la storia di Tze-Cho, «il paese era piaciuto subito. Per via delle montagne, innanzitutto. Del resto quando pensavano agli edifici sacri che erano stati distrutti nel loro paese si consolavano dicendo che tutte le cime coperte di neve erano invece rimaste intatte. Pare che non pochi di quelli tra loro che non hanno voluto lasciare il Tibet siano fuggiti su montagne sempre più alte, su cime sempre più inaccessibili ai soldati dell esercito di occupazione e qualcuno di loro abbia anche simulato la pazzia, si sia esibito in incredibili stravaganze allo scopo di confondere le autorità cinesi, che alla fine hanno preferito lasciarli in pace» 18

17 Alle pareti della stanza erano appesi diversi quadri e qualche fotografia. Il quadro più grande si trovava sul muro di fronte a noi. «Dunque lei si interessa al Monte Verità?» mi domandò Else in tono dolce e insinuante. «Sì» ammisi «da qualche tempo» Else scosse la testa. «Per tanti il Monte Verità è stato solo una stravagante colonia di espatriati, di psicopatici, ognuno dei quali era in preda a un proprio personale sogno, o delirante o semplicemente puerile niente di più. Un eterogenea comunità di matti visionari, insomma.» «Di emarginati, si direbbe oggi.» «Sì. Per lo più inoffensivi. Che si tenevano lontano dal mondo e dalle sue attività. Io ho sempre pensato che per spiegare quel che è stato il Monte Verità non ci sia definizione migliore di questa: una grande rupe primordiale nel mezzo di un prato ben coltivato. Per prato ben coltivato intendo naturalmente il mondo occidentale all inizio del secolo, un mondo e un epoca spiritualmente allo stremo Ma io non le ho ancora offerto nulla. Gradisce un bicchiere di vino forse?» Mentre Else raggiungeva la cucina ne approfittai per alzarmi dal divano e osservare più da vicino il grande quadro. Vi era raffigurato, su uno sfondo di nuvole, un edificio di pietra grigia, una costruzione a metà tra un castello medievale e un tempio ellenistico. Al centro svettava una torretta ottagonale con finestre ad arco e bifore, mentre nel giardino che la circondava si intravedeva una specie di peristilio sorretto da colonne scanalate. Di lì a poco Else tornò reggendo nelle mani due piccoli boccali di ceramica colmi sino all orlo di vino bianco. Vedendomi 19

18 interessato al dipinto disse: «Le piace? È l Elisarion, o più esattamente il Sanctuarium Artis Elisarion. Si trova non lontano da qui, a Minusio. È stata l abitazione di Elisàr von Kupffer. Lui stesso l ha ideata e costruita». Elisàr von Kupffer, mi disse la Beer, era stato un pittore, un poeta, un architetto e un filosofo. Era nato in Estonia. Il padre, medico oculista e filosofo anch egli, era l autore di un libro, al cui concepimento non era stata estranea l ebbrezza che gli procuravano le foglie d oppio. «Il libro aveva per titolo Due testimoni della rivelazione divina: il Cosmo e l Uomo. Elisàr lo lesse a dodici anni e fu colpito da alcuni concetti che, variamente rielaborati, avrebbe utilizzato poi nella formulazione di un suo personale sistema filosofico: il Clarismo.» La Beer alzò tre dita della mano: «Vedere chiaramente, pensare chiaramente, agire chiaramente! Così rispondeva Elisàr a chi gli chiedeva di illustrare i princìpi del suo sistema». Un gatto dalla pancia gonfia e che si reggeva a malapena sulle zampe sbucò da sotto il divano e si arrampicò sino al ventre di Else, che prese a carezzarlo teneramente. Ci fu una breve pausa di silenziosa attesa, poi la donna mi domandò: «Lei viene dall Italia, da Milano, mi ha detto Noemi». «Sì, Milano» annuii. «Quell uomo era anche lui milanese, un suo concittadino» disse indicando una fotografia appesa a una parete a lato della porta. «La stacchi dal muro, per favore, e me la porti qui.» La fotografia, montata in una cornice di legno, ritraeva un gruppo di donne e di uomini, forse una dozzina in tutto, davanti alle acque di un lago sopra il quale incombevano nere montagne. 20

19 Eseguivano una specie di danza: le braccia alte sopra la testa o distese in avanti, una gamba sollevata in aria, i corpi inarcati. «Un bel gruppo di Balabiott» disse Else ridendo. «Così gli abitanti di qui chiamavano i monteveritani, e significa nel loro dialetto quelli che ballano nudi. Il primo, l uomo con i baffetti, è Rudolf von Laban, poi ci sono la Perrottet, Katja Wulff, la Lederer che ha in mano un gong, ci sono io» Alcuni erano completamente nudi. Altri avevano un drappo chiaro arrotolato attorno alle anche e sotto l inguine. Ma c era anche chi indossava una tunica che arrivava sino alle caviglie. Componevano un immagine insieme ridicola e solenne. Per ottenerla avevo l impressione che dovessero essere rimasti in posa, immobili per qualche tempo. Si intuiva una notevole tensione dei muscoli del corpo, unita allo sforzo di mantenere almeno nell espressione del viso l apparenza della naturalezza. Una sola figura del gruppo, la penultima a destra, non aveva potuto, o forse voluto, restare ferma. La sua immagine era sfocata. Il suo corpo aveva perso consistenza, era diventato come fumo. «Paleari, Alceste Paleari, questo era il suo nome, è quello lì» disse Else. «È il penultimo quello che si è mosso. La foto è stata scattata il mattino dopo la grande Festa del Sole. Io e Alceste ci eravamo conosciuti qualche anno prima a Monaco nella Scuola di von Laban.» Parlando si carezzava la guancia solcata da piccole rughe. «Paleari, l eremita del culto della noce di cocco, fu trovato morto un giorno ai piedi di una palma. La testa sfracellata contro una delle sei grosse pietre scure che erano disposte in cerchio ai piedi dell albero. La sua vicenda è stata singolare Capisce quel che voglio dire? strana e singolare anche» 21

20 «Anche per il Monte Verità?» «Sì, certo. Singolare a cominciare dal fatto che Paleari fu il solo, credo, che arrivò sul Monte Verità provenendo dal Sud, dall Italia D.H. Lawrence, che prima di mettersi alla ricerca di una montagna sacra nel Nuovo Messico si fermò per qualche tempo su questa collina, ha scritto una volta che quando si cammina bisogna andare o a occidente o a sud, e che camminare verso nord è come camminare in un vicolo cieco, verso un muro tutti in effetti arrivavamo da nord Hermann Hesse la chiamava la mia Honolulu anche Hesse è stato sul Monte Verità. A quell epoca aveva qualche problema con l alcol» Else appoggiò delicatamente il boccalino di ceramica per terra, si portò le mani al mento, poi disse: «Per noi questa collina era era Tahiti, era la Nuova Guinea. Benché si tratti, in fondo, sempre della Svizzera, del Canton Ticino, e la vegetazione abbia una netta prevalenza di castagni, di felci e di muschio, e il terreno sia coltivato a vigna, e vi siano orti dove in inverno risulta difficile curare ortaggi e piante. Eppure, inspiegabilmente, un gran numero di palme ha messo radici nella Confederazione. E proprio nel cantone ticinese. E la gran parte fiorisce e prospera sopra le colline che si affacciano sul lago. Alberi magnifici: il tronco squamoso, un pennacchio di foglie verdi e lucenti, i piccoli frutti a grappolo. Non è la specie da cocco, ma quella che viene chiamata palma di san Pietro, o di san Pietro martire, o anche palma da scope. La cosa più stupefacente è stata la capacità che hanno avuto queste piante esotiche di contendere spazio vitale alle piante indigene, fino a sostituirsi a esse». Else guardò oltre i vetri della finestra. «Le racconterò la storia di Alceste Paleari» 22

21 iv L eremita del culto della noce di cocco fu trovato morto L eremita del culto della noce di cocco fu trovato morto un giorno di giugno del 1933 ai piedi di una palma, della sua palma. Indossava soltanto un paio di pantaloni di tela che gli arrivavano ai polpacci. Lucidi per la sporcizia. La testa sfracellata contro una grossa pietra scura. Il suo corpo, che per statura e robustezza poteva considerarsi appena sopra la media, era riverso a terra, in una posizione che lo faceva sembrare enorme, gigantesco. Le ipotesi che vennero avanzate furono tre. Paleari poteva essere caduto dalla cima dell albero per una disgrazia, essersi gettato per sua volontà a testa in giù, o ancora essere stato ucciso con quella stessa pietra sulla quale era appoggiata la sua testa. Per accertare come si erano svolti i fatti fu aperta un inchiesta. Autorità competente era il Corpo di Gendarmeria Cantonale, il delegato della stazione di Brissago, Gualtiero Biasca, venne incaricato delle indagini. Biasca, oltre ad avere compiti di sorveglianza sui forestieri, gli accattoni, i vagabondi e, in ge- 23

22 nerale, le persone sospette, aveva inoltre, quale delegato, la responsabilità dello svolgimento delle indagini preliminari in caso di infortuni o di delitti. Biasca era un ometto piccolo e tondo, vestito sempre con ricercatezza: abito scuro, panciotto traversato dalla catena d oro dell orologio, camicia con il colletto rigido. Benché respingere al confine gli stranieri senza mezzi o privi di recapito o ritenuti in qualche modo pericolosi fosse la sua principale occupazione, svolgeva l incarico con umanità e buonsenso. Si raccontava che anni prima si fosse rifiutato di arrestare e quindi di consegnare all autorità giudiziaria tre operai italiani che, dopo aver assistito a un comizio in piazza Indipendenza a Lugano, si erano diretti verso l edificio che ospitava il Regio Consolato d Italia, avevano asportato dal muro lo stemma consolare e lo avevano gettato nelle acque del lago. Gliene era sopravvenuto qualche fastidio, che non gli aveva impedito tuttavia di venire nominato, di lì a qualche anno, delegato di Polizia, il giorno che il Consiglio di Stato aveva deciso di istituire una Delegazione a Brissago. «Un posto modesto ma gradito» aveva commentato Biasca. Poiché il morto era cittadino italiano, dovette occuparsi di questa vicenda anche la Polizia del suo paese. Da Como arrivò, il giorno dopo la scoperta del cadavere di Paleari, un ispettore di Pubblica Sicurezza. Si chiamava Mapelli. Era piuttosto giovane e di bell aspetto. Fumava a piccoli sbuffi dei sigari toscani. Il caso volle che i due già si conoscessero. Biasca mi raccontò che qualche anno prima avevano frequentato, a Milano, lo stesso corso di aggiornamento sul «Segnalamento descrittivo». Al corso erano stati ammessi anche agenti della Gendarmeria 24

23 Cantonale, «visto l intensificarsi nei due sensi della frontiera ticinese» mi spiegò Biasca «dei passaggi clandestini». Dopo aver esaminato, pare senza alcun significativo profitto, il rapporto del medico legale, i due poliziotti decisero, quale prima iniziativa, di ispezionare il luogo nel quale Paleari aveva trascorso in solitudine gli ultimi quindici anni della sua vita e nel quale era stato trovato cadavere. Ad assistere al sopralluogo si radunò una piccola folla di curiosi. Biasca e Mapelli, assieme a tre agenti, perlustrarono la caverna da cima a fondo, alla luce di una lampada elettrica, senza trovare alcunché. Niente per lo meno che potesse aiutare le indagini. Del resto Paleari non possedeva nulla, a parte una scatola di latta. Quando l aprirono vi trovarono, credo, quello che Alceste aveva voluto mostrarmi un giorno: un temperino, un piccolo ago con del filo, una copia del Ramo d oro di Frazer, una farfalla di bronzo e una fotografia sbiadita di un uomo e di una donna che sorridono davanti all ingresso di un edificio, a fianco di una targa di marmo su cui si legge: english vegetarian society. I due poliziotti presero poi a esaminare la palma. Paleari nel corso degli anni ne aveva ripulito da cima a fondo il fusto, staccando a uno a uno i residui di vecchie foglie e strappando con cura i ciuffi di quella barba stopposa che lo ricopriva. Sulla corteccia, resa liscia da questa operazione, aveva poi inciso con la punta del suo temperino un gran numero di frasi. Biasca e Mapelli le trascrissero tutte scrupolosamente nonostante la difficoltà di separarle, di stabilire dove finisse una e iniziasse l altra. Biasca avvicinava il viso al fusto dell albero e leggeva ad alta voce: «Non fermarti in pianura Genesi, 19,17!». Mapelli 25

24 annotava le parole su un taccuino. «Che splendore ieri!» scandiva subito dopo Biasca. E ancora: «Danzare è arrestare per un attimo la vita delle stelle veloci». Quando si trattò di decifrare le parole scritte da Paleari nella parte più alta della palma, a uno degli agenti fu chiesto di cercare nei dintorni una scala. L uomo tornò di lì a mezz ora portando in bilico su una spalla una lunga scala di legno. La appoggiò al fusto della palma e, mentre i suoi colleghi la reggevano ai due lati, salì fino all ultimo piolo. «Era un albero e crollò. Era un leone e si perse d animo» urlava l agente con le mani a imbuto davanti alla bocca. «L alto conosce il basso, il basso non conosce l alto.» E poi: «Per tutta la notte d intorno, andammo vagando sinor, torniamo alla luce del giorno, con dolci ghirlande di fior». Terminata quella lunga opera di decrittazione, Biasca e Mapelli si misero a osservare le sei pietre ai piedi della palma. Solo una di esse sembrò ai due poliziotti degna di interesse: la grande pietra contro la quale la testa di Paleari si era sfracellata, macchiata ancora dal sangue e dalla materia cerebrale schizzata via dal suo cranio. La esaminarono da vicino. La toccarono, prima l uno e poi l altro, sfiorandola appena con la punta delle dita. Di comune accordo decisero di prelevarla per poter eseguire altre verifiche. L avvolsero con cautela dentro un panno, quindi gli agenti la sollevarono da terra e con fatica la portarono giù per il sentiero che scendeva verso Ascona. Si dovette quindi ricostruire le ultime ore di vita di Alceste Paleari. Quel giorno Alceste aveva messo piede fuori della sua grotta con ogni probabilità verso metà mattina. Col caldo o col freddo l eremita del culto della noce di cocco indossava sempre 26

25 un unico paio di calzoni di cotone. Nient altro. Il torso era nudo, i piedi scalzi. Nessun copricapo. Lo vide il portalettere. «In meditazione, forse,» raccontò ai due inquirenti, «come accadeva spesso quando, andando a Losone a consegnare la posta, per fare più in fretta tagliavo per di là. Con la schiena appoggiata contro il tronco della palma e con le gambe incrociate.» Era una specie di preparazione che avveniva nella più perfetta immobilità e nella concentrazione più profonda al momento in cui si sarebbe arrampicato lungo il fusto con l agilità di un animale e avrebbe raggiunto la cima della palma. Se il portalettere era stato presumibilmente l ultima persona a vedere Alceste Paleari vivo, era toccato invece in sorte a Karl Vester di scoprirne il cadavere. Vester era un monteveritano che, da anni ormai, percorreva tutti i giorni la collina di Ascona e i paesi intorno con appesa al braccio una grossa cesta di vimini, vendendo il pane che egli stesso impastava e cuoceva. Preparato con farina mescolata al cruschello, aveva la forma di una pagnotta bassa e rettangolare, con una crosta ben cotta. Dopo aver fatto fermentare l impasto per una notte, Vester lo cuoceva per due ore in un forno di pietra, alla fiamma viva della legna. Nella cesta, sotto le forme di pane, Vester aveva sempre tre libri. Uno era il Walden ovvero La vita nei boschi di Henry David Thoreau, che Karl considerava la sua Bibbia; gli altri erano i due volumi del dizionario italiano-tedesco Rigutini Bulle. Il dizionario gli serviva per tenere fede alla promessa che aveva fatto a se stesso di non pronunciare mai più una sola parola in tedesco. 27

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità.

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. L ALBERO DELLA VITA Presentazione: L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. Nella tradizione ebraica si narra che Dio mise nel giardino dell

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Diritti internazionali Atlantyca S.p.A., via Leopardi 8 20123 Milano foreignrights@atlantyca.it www.atlantyca.com

Diritti internazionali Atlantyca S.p.A., via Leopardi 8 20123 Milano foreignrights@atlantyca.it www.atlantyca.com 2015 Atlantyca Dreamfarm s.r.l., Italia Per l edizione italiana 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Fabbri Editori: maggio 2015 www.fabbrieditori.eu ISBN 978-88-915-1548-3 Progetto e realizzazione

Dettagli

Un dollaro e ottantasette centesimi.

Un dollaro e ottantasette centesimi. Un dollaro e ottantasette centesimi. ERA TUTTO. E sessanta centesimi erano in pennies. Pennies risparmiati uno o due alla volta, contendendoli al droghiere e al fruttivendolo e al macellaio, finché, di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Comprensione di semplici testi

Comprensione di semplici testi PERCORSI DIDATTICI Comprensione di semplici testi di: Mavale scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 6-8 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper leggere e comprendere semplici

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG C è qualcosa che riesci a ricordare (che ti riesce di ricordare)?, chiese lei. Qualcosa che ti ha colpito. Qualcosa di strano o di particolare? No, in effetti no.,

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE L amore nell amore Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo Rimola Tutti i diritti riservati L amore è: passione, possessione, ossessione, liberazione

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Salam! Essendo rimasto tanti anni nella mia tomba, devo ancora abituarmi a tutto. Anche a carta e penna.

Salam! Essendo rimasto tanti anni nella mia tomba, devo ancora abituarmi a tutto. Anche a carta e penna. Salam! Il mio nome è Attar, racconto questa storia. Mentre scrivo queste parole sono alla scrivania del mio studio e guardo fuori. Il sole brilla sulle piccole finestre delle case. Sento Rosalina in cucina.

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli