Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento #: Doc_a8_(9_b).doc"

Transcript

1 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni in conglomerato armato. In particolare, si utilizzeranno i grafici di interazione (in forma adimensionale) riportati nei paragrafi (per sezioni rettangolari piene); (per sezioni circolari piene) e (per sezioni circolari cave). Si ricorda che viene denominato diagramma d interazione di calcolo f d (N Rd ; M Rd ) 0 nel piano M Rd ; N Rd il luogo dei punti ammissibili per la sollecitazione di flessione composta presa in esame: sono permesse solo sollecitazioni di calcolo M ; N corrispondenti a punti S d compresi all interno di tale diagramma o, al massimo, su punti della sua frontiera. Nell utilizzo dei suddetti diagrammi di interazione (in forma adimensionale), sia per il progetto che per la verifica, verrà assunta in questo paragrafo la seguente convenzione sui segni delle sollecitazioni: sollecitazioni assiali negative (< 0) se di trazione: n < 0 e n Rd < 0 ; sollecitazioni assiali positive (> 0) se di compressione: n > 0 e n Rd > 0 ; sollecitazioni flettenti positive (> 0) se tendono le fibre inferiori: m > 0 e m Rd > 0. Nota. Come già precedentemente accennato, si approfitta per rimarcare che la scelta della particolare convenzione usata per i segni delle forze e delle tensioni è generalmente arbitraria. Pertanto, in questa sede, nell utilizzo degli abachi dei domini di interazione, verrà utilizzata la suddetta convenzione. I diagrammi di rottura utilizzati per il progetto e la verifica fanno riferimento ai seguenti due valori indicativi di resistenza di calcolo dell acciaio: barre lisce: f yd 3200daN / cm 2 ; barre ad aderenza migliorata: f yd 4000daN / cm 2. Se l acciaio utilizzato presenta un valore della resistenza di progetto f yd differente dai valori riportati negli abachi, si converrà di riferirsi all abaco con f yd più vicino al valore reale e di utilizzare la curva di resistenza corrispondente all effettivo valore del rapporto: f yd in luogo di quella corrispondente alla resistenza di progetto f yd evidenziata nell abaco. Ogni abaco utilizzato, per prefissati valori dei parametri F f / F f ; h / h h / h e f yd, fornisce una serie di curve di rottura della sezione in funzione dei diversi valori del rapporto meccanico dell armatura tesa (inferiore): f F f b h f yd. ESEMPIO 1 (progetto condizionato). Sia data una trave in c.a. di sezione 30 cm x 50 cm. Supponendo un ricoprimento delle armature più esterne pari a c 2,5 cm e una staffatura con barre di diametro di 8 mm, si progettino le armature (che si vogliono simmetriche: 1 ) per una sollecitazione di flessione semplice retta pari a: M 32 tm 3, dancm (asse della sollecitazione parallelo al lato maggiore). Per i materiali, si supponga un R ck 25 per il conglomerato e f yk 430 MPa per gli acciai delle armature (aderenza migliorata). 502

2 SOLUZIONE. Calcolo resistenze di progetto materiali: conglomerato: 110 dan / cm 2 (tab. 9.2); acciai: f yd 3740daN / cm 2 (tab. 9.4). Essendo le armature ad aderenza migliorata, si utilizzeranno solo abachi relativi ad una resistenza di progetto degli acciai pari a f yd 4000daN / cm 2. Calcolo distanza baricentri armature longitudinali dai casseri: h h c + staffe + long / 2 (2,5 cm) + (0,8 cm) + (2,6 cm)/2 4,60 cm ; avendo ipotizzato, per semplicità e sicurezza, un diametro massimo delle armature di 26 mm. Calcolo altezza utile (minima) della sezione: h H h (50 cm) (4,6 cm) 45,40 cm. Risulta, quindi: h h h (4,60 cm) h (45, 40 cm) 0,101. Si impiegheranno solo abachi relativi a 0,10. Calcolo sollecitazioni adimensionali di progetto: N n 0 (flessione semplice); b h m M (3, dancm) b h 2 (30 cm) (45, 40 cm) 2 (110daN / cm 2 ) 0,471. Caratteristiche abaco scelto (vedere figura al paragrafo ): sezione: rettangolare piena; resistenza di progetto acciai: f yd 4000daN / cm 2 ; distanza baricentro armature (adimensionale): 0,10 ; rapporto armature: 1 (simmetriche). Si riporta, per comodità di lettura nella figura , l abaco con le caratteristiche suddette. 503

3 Nota per la composizione: prego disporre figura su singola pagina per agevolare la lettura!! ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_122.tif Figura Abaco diagrammi di rottura per sezione rettangolare piena con armatura doppia simmetrica. 504

4 Come si può vedere dalla figura , la sollecitazione di progetto, arrotondata al valore m 0, 48 > 0,471 per agevolare la lettura sull abaco, si trova compresa tra le due curve corrispondenti ai seguenti rapporti meccanici di armatura (inferiore): f 0,500 e f 0,625. Poiché il punto della sollecitazione di progetto (n ; m ) (0,00; 0, 47) si trova immediatamente al di sopra della curva relativa a f 0,500, per il progetto delle armature si può considerare una qualsiasi curva f > 0,500 che faccia ricadere il punto (0,00; 0, 47) all interno del diagramma di rottura. Maggiore è il valore di f scelto, maggiore è ovviamente il coefficiente di sicurezza a rottura che si fornisce alla sezione. Si sceglie, ad esempio, la curva compresa nel mezzo tra i due valori f 0,500 e f 0,625 (CS 1,16 1 ); pertanto, si calcola (vedere curva di rottura tratteggiata in figura ): 0, ,625 f 0, Come si può notare dalla figura, il punto della sollecitazione ricade all interno del campo di rottura 2; abbastanza prossimo alla retta di massima duttilità ( c sup +3,5 e f inf 10 ). Di conseguenza, la sezione presenterà le seguenti deformazioni unitarie: c sup <+3,5 (compressione); f inf 10 (trazione). In funzione della resistenza di progetto degli acciai ( f yd 3740daN / cm 2 ), utilizzando il rapporto effettivo tra le resistenze di progetto dei materiali, si trova: f yd (3740daN / cm2 ) (110daN / cm 2 ) 34. Si calcola, infine, l area di armatura (inferiore) effettiva da impiegare: F f f b h b h f 0, 563 (30 cm) (45,40 cm) 22,55 cm 2. f yd 34 Essendo, inoltre, F f / F f 1, si ha direttamente: F f 22,55 cm 2. Le suddette armature sono realizzabili praticamente ponendo su una stessa fila: F f F f (5,30 cm 2 )+ 3 (4,52 cm 2 ) 24,16 cm 2 > 22,55 cm 2. Si riporta, nella figura la carpenteria esecutiva della sezione progettata. Come si può vedere, le barre disposte rispettano le prescrizioni delle distanze tra le barre ma non consentono il passaggio del vibratore. 505

5 ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_123.tif Figura Carpenteria esecutiva della sezione progettata. Volendo consentire il passaggio del vibratore, per le sole armature superiori si adotta la medesima armatura simmetrica precedente, ma disposta su doppio registro ( sul primo strato a contatto con il tratto orizzontale della staffa e 2 24 sul secondo strato a contatto con i due bracci verticali della staffa e poggianti su un distanziatore da 26 mm). ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_124.tif Figura Carpenteria sezione con armatura su doppio registro per il passaggio del vibratore. In questo modo, supponendo per semplicità e per sicurezza che la distanza relativa tra i baricentri dei due strati orizzontali delle barre d armatura sia pari a due volte il diametro massimo (26 mm), si ha (vedere figura ): h h c + staffa + g (2,5cm)+ (0,8cm) + [(2,6cm)+ (2 2,6cm)] / 2 7,20 cm L altezza utile (minima), utilizzata per semplicità e sicurezza nel calcolo, è: h H h H h (50 cm) (7,20 cm) 42,80 cm. Il nuovo valore della sollecitazione flettente adimensionale risulta: M m (3, dancm) 0, 530. b h 2 (30 cm) (42,80 cm) 2 (110 dan / cm 2 ) Osservando la figura , il dominio di rottura relativo a f 0,625 interseca l asse delle ordinate nel punto (0,00; 0,56): m Rd 0,560 > m 0,530. Pertanto, la nuova sollecitazione di flessione semplice è equilibrata da una sezione armata con: f f 0,625. L area necessaria dell armatura è quindi: F f f b h b h f 0, 625 (30 cm) (42,80 cm) 23,60 cm 2. f yd 34 L armatura effettivamente presente è: F f F f (5,30 cm 2 )+ 3 (4,52 cm 2 ) 24,16 cm 2 > 23,60 cm 2 ; la sezione è verificata a rottura. OSSERVAZIONI. Nell uso degli abachi in funzione del rapporto di armatura inferiore, il coefficiente di sicurezza a rottura può valutarsi immediatamente in funzione della distanza della sollecitazione di progetto dalla frontiera del dominio di rottura scelto (quest ultima tratteggiata nella figura ). In particolare, nel caso della sezione in figura , il coefficiente di sicurezza è: 506

6 CS 0R 0S 1,16 1. Mentre, nel caso della sezione in figura , il relativo coefficiente di sicurezza è: CS 0R 0S 1,03 1. ESEMPIO 2 (procedura di verifica). Sia data una trave in c.a. di sezione 30 cm x 50 cm, confezionata con un calcestruzzo R ck 25 e acciai ad aderenza migliorata f yk 430 MPa, e armata con F f 4 22 e F f 2 22 (vedere dettagli in figura ). ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_125.tif Figura Dettagli sezione da verificare. Verificare la sezione a rottura, sapendo che la sollecitazione flettente di calcolo è: M 22 tm 2, dancm (asse della sollecitazione parallela al lato maggiore). SOLUZIONE. Calcolo resistenze di progetto materiali: conglomerato: 110 dan / cm 2 (tab. 9.2); acciai: f yd 3740daN / cm 2 (tab. 9.4). Essendo le armature ad aderenza migliorata, si utilizzeranno solo abachi relativi ad una resistenza di progetto degli acciai pari a f yd 4000daN / cm 2. Distanza baricentro armature longitudinali dai casseri (vedere figura ): h h 4,6cm; Calcolo altezza utile sezione: h H h (50 cm) (4,6 cm) 45,40 cm. Risulta, quindi: h h h h (4,6cm) (45, 4cm) 0,101. Si impiegheranno solo abachi relativi a 0,10. Calcolo sollecitazioni adimensionali di progetto: N n 0 ; b h M m (2, dancm) b h 2 (30 cm) (45, 40 cm) 2 (110daN / cm 2 ) 0,32. Calcolo rapporto meccanico di armatura inferiore effettivo: ( f ) eff (F ) f eff b h f yd 4 (3,80 cm 2 ) (30 cm) (45, 4cm) (3740daN / cm2 ) 0, 379. (110daN / cm 2 ) 507

7 Caratteristiche abaco scelto (vedere figura al paragrafo ): sezione: rettangolare piena; resistenza di progetto acciai: f yd 4000daN / cm 2 ; distanza baricentro armature (adimensionale): 0,10 ; rapporto armature: 0, 50. Si riporta, per comodità di lettura nella figura , l abaco con le caratteristiche suddette. 508

8 Nota per la composizione: prego disporre figura su singola pagina per agevolare la lettura!! ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_126.tif Figura Abaco diagrammi di rottura per sezione rettangolare piena con armatura doppia dissimmetrica. 509

9 Come si può notare dalla figura , il punto della sollecitazione di progetto (n ; m ) (0,00; 0, 32) si trova all interno del dominio di rottura relativo a f 0,375 (riportato in forma tratteggiata nella figura). Pertanto, la sezione è verificata a rottura essendo: ( f ) eff 0, 379 > f 0, 375. Un ordine di grandezza del coefficiente di sicurezza a rottura può ricavarsi direttamente dal rapporto: ( f ) eff 1,01. f In particolare, il punto suddetto ricade nel campo di rottura 2 e risulta allineato alla retta di massima duttilità ( c sup +3,5 e f inf 10 ): la sezione presenta a rottura la massima duttilità possibile. Il coefficiente di sicurezza a rottura risulta: CS 0R 0S 1,05 1. ESEMPIO 3 (progetto condizionato). Sia data la sezione 30 cm x 50 cm di un pilastro in c.a., sottoposto alle seguenti sollecitazioni di progetto: N 50 t 5, dan (compressione); M 24 tm 2, dancm (asse della sollecitazione parallelo al lato maggiore). Supponendo che il pilastro sia confezionato con un conglomerato R ck 25 e con acciai ad aderenza migliorata f yk 430 MPa, progettare le armature (che si vogliono simmetriche: 1,00 ), sapendo che il ricoprimento delle armature più esterne è pari a c 3,0 cm e che le staffe si prevedono con diametro di 8 mm. SOLUZIONE. Calcolo resistenze di progetto materiali: conglomerato: 110 dan / cm 2 (tab. 9.2); acciai: f yd 3740daN / cm 2 (tab. 9.4). Calcolo distanza baricentro armature longitudinali dai casseri: h h c + staffe + long / 2 (3,0 cm) + (0,8 cm) + (2,6 cm)/2 5,10 cm ; Calcolo altezza utile sezione resistente: h H h (50 cm) (5,10 cm) 44,90 cm ; risultando: h h h (5,10 cm) h (44, 90 cm) 0,114. Si impiegheranno solo abachi relativi a 0,10. Calcolo sollecitazioni adimensionali di progetto: N n (5, dan) 0, 34 ; b h (30 cm) (44,9cm) (110daN / cm 2 ) m M b h 2 (2, dancm) 0, 36. (30 cm) (44,9cm) 2 (110daN / cm 2 ) Caratteristiche abaco scelto (vedere figura al paragrafo ): sezione: rettangolare piena; resistenza di progetto acciai: f yd 4000daN / cm 2 ; distanza baricentro armature (adimensionale): 0,10 ; rapporto armature: 1 (simmetriche). Si riporta, per comodità di lettura nella figura , l abaco con le caratteristiche suddette. 510

10 Nota per la composizione: prego disporre figura su singola pagina per agevolare la lettura!! ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_127.tif Figura Abaco diagrammi di rottura per sezione rettangolare piena con armatura doppia dissimmetrica. 511

11 Come si può vedere dalla figura , il punto della sollecitazione di progetto (n ; m ) (0,34; 0, 36) si trova all interno al dominio di rottura relativo ad un rapporto meccanico di armatura inferiore pari a f 0,375 (indicato in forma tratteggiata nella figura). In particolare il punto suddetto ricade nella parte centrale del campo di rottura 3. Pertanto, l allungamento unitario degli acciai inferiori risulterà come valore medio dei corrispondenti valori che caratterizzano gli estremi del campo 3: f inf 10 + yd 10 1, L area di armatura inferiore corrispondente al suddetto dominio di rottura si calcola: F f f b h 0, 375 (30 cm) (44,9cm) (110 dan / cm 2 ) f yd (3740daN / cm 2 ) 14,86 cm 2. Essendo l abaco scelto relativo ad un armatura simmetrica ( 1,00 ), si dispongono: F f F f (5, 30 cm 2 ) 15,93 cm 2 > 14,86 cm 2. La sezione risulta, quindi, verificata a rottura con un coefficiente di sicurezza a rottura pari a circa: CS 0R 0S 1, 3. Si riporta nella figura la carpenteria esecutiva della sezione progettata. ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_128.tif Figura Carpenteria esecutiva sezione progettata. ESEMPIO 4 (procedura di verifica). Sia dato un pilastro di sezione 30 cm x 30 cm, confezionato con un conglomerato R ck 25 e con acciai ad aderenza migliorata f yk 430 MPa. Sia dotato di armatura simmetrica, schematizzabile ai fini della sicurezza con (vedere dettagli in figura ). F f F f

12 ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_129.tif Figura Dettagli sezione tipo pilastro da verificare. Verificare a rottura il pilastro, tenendo conto che le sollecitazioni ultime di progetto sono: N 40 t 4, dan (compressione); M 9tm 9, dancm. SOLUZIONE. Calcolo resistenze di progetto materiali: conglomerato: 110 dan / cm 2 (tab. 9.2); acciai: f yd 3740daN / cm 2 (tab. 9.4). Calcolo altezza utile sezione resistente: h H h (30 cm) (4,4cm) 25,60 cm ; avendo letto h h 4, 40 cm nello schema di figura Risulta, quindi: h h h h (4,4cm) 0, 172. (25, 6cm) Si impiegheranno solo abachi relativi a 0,10. Calcolo sollecitazioni adimensionali di progetto: N n (4, dan) 0, 47 ; b h (30 cm) (25, 6cm) (110daN / cm 2 ) M m (9, dancm) 0, 42. b h 2 (30 cm) (25, 6cm) 2 (110daN / cm 2 ) Calcolo rapporto meccanico di armatura inferiore effettivo: ( f ) eff (F ) f eff b h f yd 3 (3,80 cm 2 ) (30 cm) (45, 4cm) (3740daN / cm2 ) 0, 505. (110daN / cm 2 ) Caratteristiche abaco scelto (vedere figura al paragrafo ): sezione: rettangolare piena; resistenza di progetto acciai: f yd 4000daN / cm 2 ; distanza baricentro armature (adimensionale): 0,10 ; rapporto armature: 1,00 (simmetriche). Si riporta, per comodità di lettura nella figura , l abaco con le caratteristiche suddette. 513

13 Nota per la composizione: prego disporre figura su singola pagina per agevolare la lettura!! ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_130.tif Figura Abaco diagrammi di rottura per sezione rettangolare piena con armatura doppia simmetrica. 514

14 Come si può notare dalla figura , il punto della sollecitazione di progetto (n ; m ) (0,47; 0,42) si trova all interno del dominio di rottura relativo a f 0,375 (riportato in forma tratteggiata nella figura). Pertanto, la sezione risulta verificata a rottura (all interno del campo di rottura 4, con carattere di rottura bilanciata: c sup +3,5 e f inf yd ) essendo: ( f ) eff 0, 505 > f 0, 375. Una stima del coefficiente di sicurezza a rottura viene subito dal rapporto: ( f ) eff f 1,30 circa. ESEMPIO 5 (progetto condizionato). Si debbano progettare le armature longitudinali di un palo in c.a., infisso e gettato in opera, di diametro 600 mm. Si supponga che il conglomerato debba essere un R ck 35 e che gli acciai delle armature siano ad aderenza migliorata f yk 430 MPa. Avendo previsto una staffatura circolare di diametro 14 mm con un ricoprimento netto di c 5,0 cm, le armature longitudinali del palo siano progettate per le seguenti sollecitazioni ultime di progetto: N 173 t 1, dan (compressione); M 41 tm 4, dancm. SOLUZIONE. Calcolo resistenze di progetto materiali: conglomerato: 153daN / cm 2 (tab. 9.2); acciai: f yd 3740daN / cm 2 (tab. 9.4). Il diametro delle barre longitudinali per pali infissi e gettati in opera dipende essenzialmente dal peso del maglio usato e dal tipo di terreno. Pertanto, in questa sede, per un palo di diametro 600 mm si utilizzeranno barre del diametro di 20 mm. Calcolo distanza baricentro armature longitudinali dal rivestimento esterno del palo: r c + staffe + long / 2 (5,0cm)+ (1,4cm)+ (2,0cm)/ 2 7, 4cm. Distanza baricentro armature longitudinali dall asse del palo: r f D 2 r (60 cm) (7,4cm) 22,6cm; 2 Risulta, quindi: r f (22,6 cm) 0, 75. D / 2 (60 cm)/2 Si utilizza l abaco relativo a 0,80. Calcolo sollecitazioni adimensionali di progetto (sezione circolare piena): N n D 2 / 4 (1, dan ) 0, 40 ; (153daN / cm 2 ) 3,141 (60 cm) 2 / 4 m M D 3 / 8 (4, dancm) 0, 32. (153daN / cm 2 ) 3,141 (60 cm) 3 / 8 Caratteristiche abaco scelto (vedere figura al paragrafo ): sezione: circolare piena; resistenza di progetto acciai: f yd 4000daN / cm 2 ; distanza baricentro armature (adimensionale): 0,80 ; rapporto armature concentrate e diffuse: 0 (assenza armature concentrate). Si riporta, per comodità di lettura nella figura , l abaco con le caratteristiche suddette. 515

15 Nota per la composizione: prego disporre figura su singola pagina per agevolare la lettura!! ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_131.tif Figura Abaco diagrammi di rottura per sezione circolare piena con armatura diffusa e assenza di armatura concentrata. 516

16 Come si può notare nella figura , il punto della sollecitazione di progetto (n ; m ) (0,40; 0, 32) risulta all interno della curva di rottura (riportata in forma tratteggiata in figura) relativa al rapporto meccanico di armatura diffusa pari a fdiff 0,300. In particolare, il suddetto punto si trova all interno del campo di rottura 3 e prossimo alla retta di rottura bilanciata ( c sup +3,5 e f inf yd ). La corrispondente area di armatura (totale) diffusa risulta: F fdiff fdiff D2 4 f (60 cm)2 cd 0, 300 3,141 (153daN / cm 2 ) f yd 4 (3740 dan / cm 2 ) 34,7cm2. Pertanto, disponendo la sezione risulta verificata: (3,14 cm 2 ) 37,68 cm 2 > 34,7cm 2. Un valore orientativo del coefficiente di sicurezza a rottura è stimabile dal rapporto: 37,68 cm2 CS 1, ,7cm 2 Si riporta nella figura la carpenteria esecutiva della sezione tipo del palo. ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_132.tif Figura Carpenteria esecutiva sezione tipo del palo progettato. ESEMPIO 6 (procedura di verifica). Si debba verificare a rottura un palo in c.a., infisso e gettato in opera, di diametro 500 mm (vedere dettagli in figura ). 517

17 ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_133.tif Figura Dettagli sezione del palo da verificare. Si supponga che il conglomerato debba essere un R ck 35 e che gli acciai delle armature siano ad aderenza migliorata f yk 430 MPa. Avendo previsto una staffatura circolare di diametro 12 mm con un ricoprimento netto di c 5,0 cm, le sollecitazioni ultime di progetto sono: N 180 t 1, dan (compressione); M 24 tm 2, dancm. SOLUZIONE. Calcolo resistenze di progetto materiali: conglomerato: 153daN / cm 2 (tab. 9.2); acciai: f yd 3740daN / cm 2 (tab. 9.4). Calcolo distanza baricentro armature longitudinali dal rivestimento esterno del palo: r c + staffe + long / 2 (5,0cm)+ (1,2cm) + (1,8cm)/ 2 7, 1cm. Distanza baricentro armature longitudinali dall asse del palo: r f D 2 r (50 cm) (7,1cm) 17,9cm ; 2 Risulta, quindi: r f (17, 9cm) D / 2 (50 cm)/ 2 0,72. Si utilizza l abaco relativo a 0,80. Calcolo sollecitazioni adimensionali di progetto (sezione circolare piena): N n D 2 / 4 (1, dan) (153daN / cm 2 ) 3,141 (50 cm) 2 / 4 0,60 ; M m D 3 / 8 (2, dancm) (153daN / cm 2 ) 3,141 (50 cm) 3 / 8 0,32. Calcolo rapporto meccanico armature diffuse (assenza di armature concentrate): F fdiff fdiff D 2 / 4 f yd 8 (2,54 cm 2 ) 3,141 (50 cm) 2 / 4 (3740daN / cm 2 ) 0, 25. (153daN / cm 2 ) Caratteristiche abaco scelto (vedere figura al paragrafo ): sezione: circolare piena; resistenza di progetto acciai: f yd 4000daN / cm 2 ; distanza baricentro armature (adimensionale): 0,80 ; 518

18 rapporto armature concentrate e diffuse: 0 (assenza armature concentrate). Si riporta, per comodità di lettura nella figura , l abaco con le caratteristiche suddette. Nota per la composizione: prego disporre figura su singola pagina per agevolare la lettura!! ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_134.tif Figura Abaco diagrammi di rottura per sezione circolare piena con armatura diffusa e assenza di armatura concentrata. 519

19 Come si può vedere dalla figura, il punto della sollecitazione di progetto (n ; m ) (0,60; 0, 32) risulta immediatamente all esterno del dominio di rottura relativo a fdiff 0,250 ; pertanto la sezione non è verificata a rottura. ESEMPIO 7 (progetto condizionato). Si debbano progettare le armature di una pila da ponte di sezione circolare cava, avente un diametro esterno D 200 cm e un diametro interno D int 160 cm e quindi uno spessore del fusto di 20 cm. I baricentri delle barre longitudinali delle armature siano distribuiti uniformemente lungo due circonferenze in prossimità, rispettivamente, del bordo esterno e del bordo interno della sezione cava. Si ipotizzi un conglomerato R ck 30 e degli acciai ad aderenza migliorata f yk 430 MPa. Si ipotizzi, infine, che la condizione allo stato limite ultimo per carico permanente, carico accidentale su una sola campata, frenatura e vento sia rappresentato dalle seguenti sollecitazioni di progetto: N 1000 t 1, dan (compressione); M 1100 tm 1, dancm. Nella disposizione delle armature lungo linee di circonferenza, si verifichi che la distanza mutua tra i baricentri delle barre longitudinali non sia minore di 75 mm. SOLUZIONE. Calcolo resistenze di progetto materiali: conglomerato: 132daN / cm 2 (tab. 9.2); acciai: f yd 3740daN / cm 2 (tab. 9.4). Calcolo parametro di posizionamento geometrico del baricentro dell armatura diffusa all interno della sezione circolare cava: D D int 1 D (160 cm) int 1 0, 20. D D (200 cm) Si utilizzerà il solo abaco con 0,20. Calcolo sollecitazioni adimensionali di progetto: N n D 2 / 4 (1, dan) 0, 24 ; (132daN / cm 2 ) 3,141 (200 cm) 2 / 4 m M D 3 / 8 (1, dancm) (132daN / cm 2 ) 3,141 (200 cm) 3 / 8 0,27. Caratteristiche abaco scelto (vedere figura al paragrafo ): sezione: circolare cava; resistenza di progetto acciai: f yd 4000daN / cm 2 ; parametro posizionamento armature: 0,20. Si riporta, per comodità di lettura nella figura , l abaco con le caratteristiche suddette. 520

20 Nota per la composizione: prego disporre figura su singola pagina per agevolare la lettura!! ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_135.tif Figura Abaco diagrammi di rottura per sezione circolare cava con armatura diffusa. 521

21 Come si può vedere dalla figura , il punto della sollecitazione di progetto (n ; m ) (0,23; 0,26) si trova immediatamente all interno del dominio di rottura caratterizzato da un rapporto meccanico di armatura diffusa pari a fdiff 0,400 (riportato in forma tratteggiata in figura). In particolare, il punto della sollecitazione di progetto si trova allineato alla retta relativa alla rottura bilanciata ( c sup +3,5 e f inf yd ) nel campo di rottura 3. L area corrispondente (totale, interna ed esterna) di armatura longitudinale diffusa di calcola in funzione di fdiff 0,400 : F fdiff fdiff D2 4 f (200 cm)2 cd 0, 400 3,141 (132daN / cm2 ) f yd 4 (3740 dan / cm 2 ) 518 cm2. Distribuendo l armatura diffusa su due file (interna ed esterna) si pone: F fdiff (5, 30 cm 2 ) 540,6 cm 2 > 518 cm 2. In questo modo, distribuendo uniformemente le due file di armature si trova che l interasse minimo tra le barre longitudinali nella fila interna è di 106 mm; mentre, l interasse relativo alle armature della fila esterna è di 116 mm. Nella figura viene riportata una proposta di carpenteria esecutiva della sezione progettata della pila. ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_136.tif Figura Proposta di carpenteria esecutiva di una pila da ponte a sezione circolare cava. (Le armature trasversali al taglio devono intendersi orientative). ESEMPIO 8 (procedura di verifica). Sia data la medesima sezione da ponte e i medesimi materiali ipotizzati nell esempio precedente (vedere particolari carpenteria esecutiva in figura ). Si verifichi la sezione nella combinazione allo stato limite ultimo, per carico permanente, carico accidentale su entrambe le campate, frenata e vento, rappresentato dalle seguenti sollecitazioni di progetto: N 1400 t 1, dan (compressione); M 700 tm 7, dancm. SOLUZIONE. Assumendo le medesime resistenze di progetto dei materiali definite nell esempio precedente, si ha: N n D 2 / 4 (1, dan) 0, 34 ; (132daN / cm 2 ) 3,141 (200 cm) 2 / 4 522

22 m M D 3 / 8 (7, dancm) (132daN / cm 2 ) 3,141 (200 cm) 3 / 8 0,17. Nota per la composizione: prego disporre figura su singola pagina per agevolare la lettura!! ILLUSTRAZIONI\ARTS Tiff(cap 10)\Figura 10_137.tif Figura Abaco diagrammi di rottura per sezione circolare cava con armatura diffusa. 523

23 Come si può vedere nella figura , il punto della sollecitazione di progetto (n ; m ) (0,34; 0,17) cade all interno del dominio di rottura, relativo al rapporto meccanico di armatura fdiff 0,400 (riportato in figura in forma tratteggiata): anche per questa combinazione di carico la sezione è verificata a rottura. 524

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V AGGIORNAMENTO 22/09/2012 DOMINIO DI RESISTENZA Prendiamo in considerazione la trave rettangolare

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO

SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO Tipologie correnti di scale Progetto di gradini portanti Progetto della trave a ginocchio Esecutivi: piante,

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI. 2 Il calcestruzzo armato 2.4 La flessione composta

ESERCIZI SVOLTI. 2 Il calcestruzzo armato 2.4 La flessione composta ESERCIZI SVOLTI Costruire la frontiera del dominio di resistenza della sezione rettangolare di mm con armatura simmetrica A s,tot + 6, copriferro mm, impiegando calcestruzzo classe C /. Resistenza di calcolo

Dettagli

16.3 Stato limite di fessurazione. 16.3.1 Generalità

16.3 Stato limite di fessurazione. 16.3.1 Generalità 16.3 Stato limite di fessurazione 16.3.1 Generalità Nel capitolo precedente si è accennato al fatto che le verifiche di resistenza delle sezioni in calcestruzzo armato si effettuano considerando il calcestruzzo

Dettagli

NORMATIVE DI RIFERIMENTO

NORMATIVE DI RIFERIMENTO INDICE 1. PREMESSA 3 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO 4 3. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI 5 4. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI 6 4.1 Sopraelevazione del fondo vasca della Piscina 6 4.2 Vasca di Compensazione 8

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI Il Manuale della Presagomatura 13 2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI 2.1 Ancoraggi Le barre di armatura, i fili o le reti elettrosaldate devono essere ancorate in modo tale da consentire

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Flessione composta Spoleto, 21 maggio 2004 Aurelio Ghersi Verifica di sezioni soggette flessione composta 1 Verifica tensioni ammissibili h d c n A s x σ c

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Flessione composta Spoleto, 21 maggio 2004 Aurelio Ghersi Verifica di sezioni soggette flessione composta Verifica tensioni ammissibili c A s σ c max σ s /

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri (arch. Lorena Sguerri) Prescrizioni di normativa per le armature dei pilastri La normativa (D.M. 09/01/96, par.5.3.4) fornisce

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Progetto delle armature longitudinali del solaio

Progetto delle armature longitudinali del solaio prof. Renato Giannini Progetto delle armature longitudinali del solaio (arch. Lorena Sguerri) orrezioni del diagramma di momento flettente Prescrizioni di normativa specifiche per il solaio Progetto delle

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO Si dimensioni un pilastro nelle tre diverse tecnologie: legno, acciaio e cemento armato. Osservando una generica pianta di carpenteria, il pilastro centrale sarà quello maggiormente

Dettagli

LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità

LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità Introduzione al cemento armato precompresso (c.a.p.) Gli stati di coazione e il concetto di pre-sollecitazione Lo stato di precompressione nel c.a.p

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Disposizioni costruttive per edifici in c.a.

Disposizioni costruttive per edifici in c.a. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 28 novembre 2003

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO (DM. 14 gennaio 2008)

RELAZIONE DI CALCOLO (DM. 14 gennaio 2008) PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NAGO TORBOLE RELAZIONE DI CALCOLO (DM. 14 gennaio 2008) PROGETTO: Progetto di riqualificazione centro sportivo-ricreativo comunale Le Busatte 2^ stralcio: ampliamento della

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo Norme Tecniche per le Costruzioni D.M. 16 gennaio 2008 Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo 4.3.1 Valutazione della sicurezza Definizione: Le strutture composte sono costituite da parti realizzate

Dettagli

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO!

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! Sostituisce la brochure del 10/ 01 05 / 06 Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! www.peikko.it 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 3 2. DIMENSIONI E MATERIALI... 4 3. PRODUZIONE... 5 3.1 Metodi di produzione... 5 3.2

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

La nuova normativa sismica. Edifici in cemento armato

La nuova normativa sismica. Edifici in cemento armato La nuova normativa sismica Ordinanza 3274 del 20 marzo 2003 e 3431 del 3 maggio 2005 Edifici in cemento armato Prof. Ing. Gennaro Magliulo Conglomerato: Caratteristiche dei materiali Rbk > = 25 Mpa (250

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI 3 PROF. MODENA ING. PIPINATO COSTRUZIONE EX NOVO DI UN CONDOMINIO

Dettagli

Generalità e note di teoria

Generalità e note di teoria Capitolo 1 Generalità e note di teoria In questo capitolo sono riportate alcune note delle teorie utilizzate, riguardanti: Verifiche di resistenza. Dati del problema e convenzioni. Ipotesi fondamentali.

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

idomini MANUALE UTENTE

idomini MANUALE UTENTE idomini MANUALE UTENTE Introduzione al software per la determinazione dei domini di resistenza di sezioni in cemento armato e cemento armato rinforzato con FRP. COPYRIGHT idomini e tutta la relativa documentazione

Dettagli

Progettazione di edifici in cemento armato in zona sismica Esempi pratici

Progettazione di edifici in cemento armato in zona sismica Esempi pratici Progettazione di edifici in cemento armato in zona sismica Esempi pratici Esempio di calcolo Individuazione dei telai oggetto di studio Telaio T1 Pilastrata P1 Telaio T2 Materiali usati Esempio di calcolo

Dettagli

Allegato S-0 - Relazione di calcolo

Allegato S-0 - Relazione di calcolo Allegato S-0 - Relazione di calcolo 1. PREMESSA 1.1 Descrizione delle opere Il nuovo progetto prevede la demolizione del precedente fabbricato, la realizzazione di quattro nuovi blocchi, comprendenti ciascuno

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i.

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i. Ingegnere BIAGIO D AMATO E03b Via I.Lodato, 9 84025 Eboli (SA) tel 339.2183301 fax 0828.330614 biagiodamato@tiscali.it LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA Liceo Scientifico Statale

Dettagli

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI Convenzione di ricerca con Fixolite-Isobloc Prove di laboratorio tipologia prova 3a - spess=14cm INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PROGRAMMA DI PROVA E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Dettagli

5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi

5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi Geostru Software www.geostru.com geostru@geostru.com CAPITOLO 5 METODO DEGLI STATI LIMITE ULTIMI 5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi Le brevi note che seguono riguardano i principali

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE A/A 2008-2009 SCALE IN CEMENTO

FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE A/A 2008-2009 SCALE IN CEMENTO A/A 2008-2009 PROGETTO DI SCALE IN CEMENTO ARMATO A/A 2008-2009 CONTENUTO LEZIONE Generalità sulle scale e tipologie Scala con trave a ginocchio modellazione e calcolo sollecitazioni Progetto dei gradini

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO INDICE 1. INTRODUZIONE pag.. DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO pag. 3. EFFETTI DELLE AZIONI pag. 4 4. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI VERTICALI pag. 5 5. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI TRASVERSALI pag.

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE INDICE INDICE... 1 1. Conglomerati cementizi... 2 1.1 Conglomerato cementizio magro... 2 1.2 Conglomerato cementizio per strutture di fondazione... 2 1.3 Conglomerato cementizio per strutture in elevazione...

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9 R4M engineering INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. CHIUSURA DEL FORO SCALA A CHIOCCIOLA ESISTENTE... 4 1.2. CHIUSURA CAVEDI IMPIANTISTICI ESISTENTI... 5 1.3. AMPLIAMENTO DELLA VASCA... 6 1.4. ORDITURA PORTANTE

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata)

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) Software VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) (Manuale d uso - Versione 1.0.0) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente

Dettagli

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a:

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a: COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente i files dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009)

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009) 6. Unioni bullonate (aggiornamento 24-09-2009) 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate 6.1.1 Classificazione dei bulloni NTC - D.M. 14-1-2008 1 N.B. Il primo numero x 100 = f ub il secondo per il primo =f

Dettagli

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo Monografia A Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo A.1 Introduzione 1 A.2 Aderenza 2 A.3 Lunghezza di ancoraggio 4 A.4 Parametri che influenzano l aderenza 5 A.5 Progettazione secondo la normativa

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

Prima combinazione di carico... 39 Seconda combinazione di carico... 39 Terza combinazione di carico... 40. Inviluppo dei diagrammi dei momenti...

Prima combinazione di carico... 39 Seconda combinazione di carico... 39 Terza combinazione di carico... 40. Inviluppo dei diagrammi dei momenti... Edoardo M. Marino e Cristina Stuto Progetto di elementi strutturali in cemento armato SECONDO LE INDICAZIONI DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (D.M. 14/01/008) E DELLA NORMATIVA EUROPEA (EUROCODICE

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE 7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE Come per l analisi del comportamento longitudinale della struttura anche in questo caso è necessario analizzare il percorso di tensione. Esso si basa su tre passi

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO - Classiicazione e veriica sezioni - Modelli sismo-resistenti dissipativi per le strutture in acciaio - Veriiche per gli elementi dissipativi - Applicazione della Gerarchia

Dettagli

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Costruzioni in legno Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Bozza del 18/5/21 Costituzione del tronco Bozza del 18/5/21 Difetti Bozza del 18/5/21 Relazione tra Umidità, Umidità relativa e Temperatura

Dettagli

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI Comune di Villa Castelli Provincia di Brindisi RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI (ai sensi dell art. 4 della legge n 1086 del 5/11/1971) OGGETTO: ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ED IGIENE

Dettagli

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone -

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone - PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA Parco Naturale Adamello Brenta Via Nazionale, 24 38080 Strembo TN Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE Giuseppe Stagnitto Erica Barzoni ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Applicazioni ed approfondimenti del Corso di FONDAMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Appunti a cura degli studenti INDICE I - RICHIAMI

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

Sforzo normale e flessione

Sforzo normale e flessione Capitolo 4 Sforzo normale e flessione La condizione di sollecitazione più generale che produce tensioni normali è la combinazione di sforzo normale e flessione. La flessione semplice, esaminata nel capitolo

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO SCALA

RELAZIONE DI CALCOLO SCALA RELAZIONE DI CALCOLO SCALA La presente relazione è relativa alla verifica con il metodo delle tensioni ammissibili di una scala di collegamento verticale, del tipo a soletta rampante, realizzata in c.a.

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Analisi limite di un telaio

Analisi limite di un telaio Analisi limite di un telaio Si consideri il portale sotto, tre volte iperstatico, dotato di un momento limite superiore ed inferiore costante e pari a M0 Si assuma inoltre che lo sforzo normale (ed il

Dettagli

Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche

Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche plizzari@ing.unibs.it Università di Brescia Corso di Tecnica delle Costruzioni Verifica di una struttura esistente Corso Tecnica delle Costruzioni 2/71 Comportamento

Dettagli

Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A.

Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A. Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria D.I.S.T.A.R.T. Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A. Appunti dai seminari tenuti dal ing. Ferretti XVII ciclo del dottorato

Dettagli

I MATERIALI DEL CEMENTO ARMATO

I MATERIALI DEL CEMENTO ARMATO Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Corso di Tecnica delle Costruzioni 2 Dott. Ing. Antonio Brencich Lezione n. 2 I MATERIALI

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

Solaio. Analisi di solai in laterocemento. La definizione del solaio. Newsoft Centro Metropolis, Rende 0984 463798 463884 www.newsoft-eng.

Solaio. Analisi di solai in laterocemento. La definizione del solaio. Newsoft Centro Metropolis, Rende 0984 463798 463884 www.newsoft-eng. Newsoft SOLAIO Scheda Tecnica Solaio Analisi di solai in laterocemento Solaio è un programma per la progettazione di solai continui in latero-cemento a nervature parallele, gettate in opera o realizzate

Dettagli

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti)

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in

Dettagli

Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio)

Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio) Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio) Generalità Poco si trova in letteratura (eccezion fatta per Bowles, Fondazioni, ed. McGraw-Hill) riguardo le fondazioni con carico fortemente

Dettagli

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria.

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. Politecnico di Torino Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. III parte Pag. 1 Le componenti dell azione sismica devono essere considerate come agenti simultaneamente,

Dettagli

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

SOMMARIO 1. PREMESSA 1 2. CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI 1 3. FONDAZIONI 2 4. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 5 5. IPOTESI DI CARICO 6 6.

SOMMARIO 1. PREMESSA 1 2. CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI 1 3. FONDAZIONI 2 4. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 5 5. IPOTESI DI CARICO 6 6. SOMMARIO 1. PREMESSA 1 2. CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI 1 3. FONDAZIONI 2 4. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 5 5. IPOTESI DI CARICO 6 6. TIPOLOGIA DI PRODUZIONE 6 7. MODALITA DI POSA IN OPERA 7 8.

Dettagli

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi:

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Capitolo 4 Esempi guidati Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Analisi di una sezione rettangolare in c.a. soggetta

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli