Ersilia Di Tullio, Pietro Gordini Nomisma Agricoltura e Industria Alimentare THE LEGISLATIVE RESPONSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ersilia Di Tullio, Pietro Gordini Nomisma Agricoltura e Industria Alimentare THE LEGISLATIVE RESPONSE"

Transcript

1 Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare LA RISPOSTA NORMATIVA Il Libro Bianco per la Sicurezza Alimentare, unitamente al Reg. 178/2002 che ne rappresenta lo specchio operativo, intende soddisfare le esigenze di tutela e di trasparenza manifestate dai cittadini europei, affrontando per la prima volta in modo trasversale il problema della sicurezza dei prodotti alimentari. Ersilia Di Tullio, Pietro Gordini Nomisma Agricoltura e Industria Alimentare THE LEGISLATIVE RESPONSE The White Paper on food safety together with the Regulation 178/2002, which represents the operating phase, intends to satisfy the European citizens' claims of protection and transparency, facing the problem, for the first time, from different points. The main news of such regulations is the establishment of an European Authority for Food Safety and the oncept traceability: the starting point is the final con-sumer, thus leading to the imple-mentation of a system that enables to trace back the whole production chain in order to verify that the product obtained and related pro-cessing techniques, working condi-tions and raw materials of origin etc, have been properly monitored in each stage of the chain. Nel corso degli ultimi anni i temi legati alla sicurezza dei prodotti alimentari hanno occupato un ampio spazio sulle prime pagine dei giornali e sugli schermi televisivi. Il verificarsi in rapida successione di importanti scandali alimentari dal vino al metanolo, al pollo alla diossina, fino ad arrivare ai più recenti casi della BSE e dell afta epizootica, nonché alla situazione di incertezza generata dalle discordanti informazioni in merito agli OGM ha scosso profondamente la pubblica opinione. Il dibattito pubblico che ne è derivato è, infatti, stato caratterizzato, da un lato, da tecnicismi di difficile comprensione e, dall altro, da informazioni sommarie e imprecise che hanno generato presso i consumatori una forte confusione e conseguentemente, dato la delicatezza del tema trattato, una profonda diffidenza nei confronti della sicurezza dei prodotti alimentari. Consumatori sensibilizzati Un contributo decisivo al progressivo disorientamento dei consumatori nelle proprie scelte alimentari è riconducibile alle carenze e all inadeguatezza del sistema di comunicazione tra soggetti istituzionali deputati alla vigilanza e i singoli cittadini. Nonostante, infatti, la presenza di un importante corpus normativo nazionale e comunitario a sostegno della salubrità delle produzioni alimentari e del sistema di garanzie da questo offerto, in occasione dei singoli eventi (il caso della mucca pazza ne è un emblema) è mancata la tempestività nel fornire le adeguate indicazioni, la concordanza fra le diverse voci e, infine, la completezza delle informazioni. Allo stesso tempo però la scoperta della possibilità di anomalie legate alle produzioni agro-industriali ha reso i cittadini più responsabili e decisamente più sensibili verso la problematica della sicurezza alimentare e in particolare verso il mondo della produzione e della commercializzazione dei prodotti alimentari. Questa presa di coscienza è sfociata nella richiesta alle autorità nazionali e comunitarie di un maggior grado di tutela e di maggiore trasparenza lungo tutta la filiera di produzione e commercializzazione, che si è tradotta in un adeguamento del sistema normativo esistente (in particolare da parte dell Unione Europea), con l obiettivo di ridefinire i principi di base della politica alimentare comunitaria e innalzare il livello delle garanzie istituzionali offerte, secondo un approccio che pone al centro della discussione la tutela della salute dei consumatori. Cambia l approccio legislativo Come evidenziato dalle recenti indagini condotte presso i consumatori europei (riportate nel box a fianco), la maggior parte di essi ritiene che un prodotto alimentare possa definirsi sicuro quando esista un adeguato controllo da parte delle autorità nazionali e comunitarie. Sulla base del grado di favore con cui queste istituzioni sono considerate dai consumatori è stata proprio l Unione Europea a fare proprie le esigenze manifestate dai cittadini comunitari, definendo nel gennaio del 2000 un quadro generale di riferimento in grado di fissare i principi e le linee d azione strategiche da

2 seguire per ottemperare alle richieste provenienti dalla comunità. Questo quadro generale è noto come Libro Bianco per la Sicurezza Alimentare. Tuttavia è opportuno precisare come il Libro Bianco non rappresenti solamente il primo risultato prodotto dalla legislazione alimentare comunitaria. È necessario in questo senso considerare come tale impianto sia sostanzialmente figlio dell onda emotiva suscitata dagli scandali alimentari degli ultimi anni 90 e pertanto presenti un livello di sistematicità e approfondimento che è difficilmente riscontrabile in altre produzioni normative. Nonostante ciò, il legislatore comunitario aveva già a disposizione un importante impianto di norme in tema di sicurezza alimentare, anche se l approccio seguito nella loro predisposizione era differente rispetto a quello seguito dal Libro Bianco. Inizialmente l Ue aveva preferito seguire un approccio legislativo cosiddetto verticale, con l emanazione cioè di alcune disposizioni per singola categoria di prodotto, in modo da disciplinare le produzioni ritenute più a rischio. In seguito, e fino al Libro Bianco, con la necessità di armonizzare le diverse discipline nazionali nel minor tempo possibile, l Ue si è indirizzata verso un approccio di tipo orizzontale, emanando delle disposizioni che potessero essere applicate trasversalmente a tutte le produzioni alimentari. Le direttive sul controllo igienico sanitario Come evidenzia la tabella, il sistema normativo in tema di legislazione alimentare preesistente al Libro Bianco si presentava già in modo piuttosto articolato. Accanto alla normativa verticale, un utile richiamo va alle Direttive 89/397/Cee e 93/43/Cee relative al controllo dei prodotti alimentari e all igiene degli stessi, in quanto è stato con queste disposizioni che per la prima volta si è toccato, in modo trasversale, il problema della sicurezza dei prodotti alimentari. Pur non facendo esplicito riferimento al problema della sicurezza alimentare, entrambe le disposizioni comunitarie hanno assunto come principio ispiratore, da un lato, la prevenzione dei rischi per la pubblica salute e la protezione degli interessi dei consumatori e, dall altro, la definizione di norme generali di igiene dei prodotti alimentari (intendendo per igiene tutte le misure atte a garantire la sicurezza e l integrità dei prodotti alimentari). La finalità prefissata dalla Dir. 89/397/Cee veniva poi perseguita attraverso l implementazione di un sistema di controlli e ispezioni da parte delle autorità sanitarie sulle condizioni igieniche degli impianti, sulla materie prime utilizzate, sui prodotti finiti, ecc. riguardanti tutte le fasi della produzione, della fabbricazione, della lavorazione, del magazzinaggio, del trasporto, della distribuzione, del commercio, dell importazione (art.1, comma 5). La Dir. 93/43/CEE dal canto suo ha prescritto per tutte le aziende operanti nel settore agro-industriale (con riferimento a tutte le fasi successive alla produzione primaria) l obbligo di definire un sistema di autocontrollo igienico-sanitario documentato, basato sul sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici (HACCP; Hazard Analysis and Control Critical Point). La svolta del Libro Bianco Il Libro Bianco sulla Sicurezza Alimentare del 12 gennaio 2000 rappresenta, pertanto, l ultima tappa compiuta dalla legislazione alimentare secondo il nuovo approccio orizzontale inaugurato dal legislatore comunitario (e corrispondentemente costituisce la prima tappa in riferimento allo specifico tema della sicurezza alimentare). Il Libro Bianco, infatti, è stato redatto tenendo ben presente come fosse necessario ristabilire la fiducia del pubblico nei suoi approvvigionamenti alimentari, prendendo consapevolezza della scarsa percezione presso i consumatori del sistema di controlli che era stato disegnato dalla normativa precedente e rispondendo alle nuove esigenze manifestate a seguito del protrarsi di scandali alimentari più o meno gravi, garantendo un controllo senza soluzione di continuità lungo tutta la filiera. Tra i tanti temi toccati dal Libro Bianco, due possono essere considerati come veri e propri punti di svolta nella politica alimentare comunitaria e richiedono pertanto una particolare attenzione. Si tratta innanzitutto della proposta di costituire un Autorità europea per la sicurezza alimentare, che, secondo le indicazioni del Libro Bianco avrebbe come finalità operativa la responsabilità sia nel campo della valutazione del rischio che della comunicazione sulle tematiche relative alla sicurezza degli alimenti. Si viene così a identificare un soggetto univoco con la responsabilità di comunicazione del rischio sulla sicurezza dei prodotti alimentari, evitando la confusione derivante dalla presenza di voci diverse e non univoche presso i consumatori. Il compito operativo dell azione indipendente di questa Autorità consiste, inoltre, nel formulare pareri scientifici, raccogliere e analizzare le diverse informazioni e comunicare direttamente con i consumatori sui temi di propria responsabilità. Il secondo elemento

3 che connota il Libro Bianco come uno strumento d indirizzo strategico innovativo e che imprime una svolta decisiva alla politica alimentare comunitaria è rappresentato dall introduzione del concetto di rintracciabilità. Questo tema risulta innovativo in quanto disegna uno schema di controllo sulla catena alimentare che si differenzia dal tradizionale sistema di monitoraggio da monte a valle sul prodotto alimentare, secondo cui ciascun operatore deve stabilire con esattezza il soggetto che lo segue immediatamente lungo la filiera. La rintracciabilità prevede invece il percorso esattamente inverso: definendo come punto di partenza il consumatore finale, viene pertanto implementato un sistema che consente di poter risalire a ritroso lungo tutta la filiera, per verificare che, in ogni anello della catena alimentare, il prodotto ottenuto sia stato adeguatamente monitorato con riferimento ai metodi di lavorazione, agli ambienti di lavorazione, alle materie prime da cui deriva, ecc. Il Reg. 178, e strumento operativo L istituzione dell Autorità alimentare europea e la rintracciabilità dei prodotti alimentari, oltre a costituire il cuore innovativo del Libro Bianco, rappresentano allo stesso tempo gli assi portanti del Reg. Ce 178 del 28 gennaio Questo regolamento rappresenta in concreto lo specchio operativo del Libro Bianco poiché se da un lato ne riflette, facendoli propri, i principi ispiratori, dall altro lato dà attuazione pratica alle linee d azione fissate in linea di principio, in particolare istituendo di fatto l Autorità per la sicurezza alimentare e disponendo la realizzazione della rintracciabilità dei prodotti, elementi che, uscendo dall ambito puramente programmatico, divengono così gli strumenti più immediati e concreti al servizio dei cittadini per salvaguardare la sicurezza alimentare. È in questo senso che il regolamento in questione finisce per diventare, come si legge all articolo 1, comma 1, la base per garantire un livello elevato di tutela della salute umana e degli interessi dei consumatori in relazione agli alimenti. L Autorità Alimentare europea ha stabilito attualmente la sua sede provvisoria a Bruxelles (in attesa della scelta definitiva che dovrebbe ricadere su una delle due città candidate Parma ed Helsinki) e ha nominato nello scorso luglio i 15 membri componenti il Consiglio di Amministrazione. A metà settembre si è tenuto il primo incontro dello stesso Consiglio che, oltre ad aver nominato il presidente e i due vicepresidenti del CdA, ha dato l avvio (perlomeno formale) all attività dell Autorithy. Infine è del 1 ottobre la nomina del Direttore esecutivo dell Autorità, che ha dato un ulteriore stimolo all operatività di questa istituzione. Il Reg. 178/2002 prevede, all art. 18, l obbligo della rintracciabilità dal 1 gennaio Pertanto attualmente sia i soggetti istituzionali del sistema agro-alimentare sia gli stessi operatori economici si stanno confrontando per identificare le migliori modalità di implementazione dello strumento. Un utile esempio proviene dall esperienza del settore della carni bovine, nel quale questo strumento aveva trovato attuazione (Reg. 1760/2000) già prima del Reg. 178/2002 a seguito della pressione generata dalla crisi della mucca pazza. La garanzia della certificazione Ma in tema di sicurezza alimentare, importanti rassicurazioni per la tutela dei consumatori possono, inoltre, provenire dalla certificazione dei prodotti agro-alimentari, tanto quella disposta a livello comunitario, quanto quella attivata volontariamente dai singoli produttori o distributori. Con riferimento alla prima, basta ricordare come i prodotti marchiati Dop, Igp, Stg (disciplinati dai Regg. Ce 2081 e 2082 del 1992 e Reg. Ce 2092 del 1991) possono senz altro offrire al consumatore una garanzia in più in merito alla sicurezza alimentare poiché prodotti secondo rigorosi disciplinari di produzione, attentamente verificati a livello istituzionale (Regioni, Mipaf e Commissione europea) e il cui rispetto deve poi essere certificato da un ente indipendente e debitamente autorizzato. La stessa attenzione è, inoltre, prevista per la certificazione dei prodotti biologici. Accanto a queste certificazioni regolamentate a livello europeo, esiste, inoltre, il sistema di certificazione volontaria che può rispondere a specifiche esigenze di sicurezza e qualità. In tale ambito sono stati attivati nuovi schemi di certificazione dei prodotti (per esempio attestanti l assenza in un alimento di OGM) o dei processi produttivi, fino ad arrivare alla definizione di schemi di certificazione di tutta la filiera.

4 Le principali novità introdotte dal Libro Bianco e dal Reg. 178 sono l istituzione di un Autorità europea per la sicurezza alimentare, attualmente con sede a Bruxelles, e la definizione del concetto di rintracciabilità del prodotto. Il Libro Bianco per la Sicurezza Alimentare PRINCIPIO ISPIRATORE Basare la politica della sicurezza alimentare su un approccio completo ed integrato considerando l intera catena alimentare ( dai campi alla tavola ). FINALITÀ PERSEGUITA Trasformare la politica alimentare dell Ue in uno strumento proattivo, dinamico, coerente e completo al fine di assicurare un elevato livello di salute umana e tutela dei consumatori. PRIORITÀ STRATEGICHE Istituire un Autorità europea per la sicurezza alimentare; Istituire un approccio dai campi alla tavola della legislazione alimentare richiedendo la rintracciabilità dei percorsi dei mangimi e degli alimenti; stabilire il principio che i produttori di mangimi, gli agricoltori e operatori dell alimentare hanno la responsabilità primaria sulla sicurezza dei prodotti; che gli Stati Membri devono garantire la sorveglianza ed il controllo su questi soggetti; che la Commissione deve valutare la capacità di controllo degli Stati Membri. Il Regolamento Ce 178/2002 Istituisce l Autority alimentare europea Offre consulenza e assistenza scientifica e tecnica, favorisce la comunicazione con i cittadini, individua e definisce i rischi emergenti nel campo della sicurezza alimentare È composta dal Consiglio di Amministrazione, direttore esecutivo, foro consultivo, comitato scientifico e gruppi esterni I membri del comitato scientifico agiscono in modo indipendente da qualsiasi influenza esterna nell interesse pubblico Si impegna ad agire in modo trasparente rendendo pubblici documenti, risultati e pareri Definisce la rintracciabilità dei prodotti È disposta in tutte le fasi della produzione, trasformazione, distribuzione la rintracciabilità di alimenti, mangimi, animali Gli operatori devono riuscire a individuare i fornitori di alimenti, mangimi, animali Alimenti e mangimi immessi sul mercato della Ce devo no essere adeguatamente etichettati per agevolarne la rintracciabilità Gli operatori devono disporre di sistemi per individua re i fornitori mettendo a disposizione le informazioni alle autorità richiedenti La norma UNI Si tratta di una norma generale, pubblicata dall UNI nell aprile 2001,che definisce i principi e specifica i requisiti per l attuazione di un sistema di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari, in grado di documentare la storia di un prodotto, attraverso l identificazione e la registrazione dei flussi materiali e dell organizzazione che accompagnano la formazione, la commercializzazione e la fornitura del prodotto. La conformità del progetto di filiera alla norma dovrà essere attestata da organismi accreditati Sincert. I soggetti che beneficeranno dei finanziamenti previsti dalla Legge della Regione Emilia-Romagna n 33/2002 potranno detrarre le spese relative alla tariffa dell organismo di certificazione per la concessione del primo certificato di conformità. Disposizioni UE Dir. 92/46/Cee, 92/47/Cee Dir. 94/65/Cee Dir. 91/497/Cee, 91/498/Cee Dir. 92/5/Cee Dir. 89/437/Cee Dir. 91/493/Cee Dir. 91/492/Cee Disposizioni UE Dir. 85/374/Cee Dir. 89/397/Cee Dir. 92/59/Cee Dir. 93/43/Cee Reg. Ce 178/2002 NORMATIVA VERTICALE Produzioni disciplinate Latte Carni macinate Carni fresche Prodotti a base di carne Ovoprodotti Prodotti della pesca Molluschi NORMATIVA ORIZZONTALE Argomenti disciplinati Responsabilità per danno da prodotti difettosi Controllo ufficiale dei prodotti alimentari Sicurezza generale dei prodotti Igiene dei prodotti alimentari Principi e requisiti generali della legislazione alimentare Autorità europea per la sicurezza alimentare Procedure nel campo della sicurezza alimentare

5 Tra paure e istanze Il consumatore italiano risulta il più preoccupato, in Europa, riguardo alla salubrità degli alimenti e ritiene, ancor più degli altri, che produttori e distributori debbano essere i primi responsabili, accanto alle istituzioni pubbliche, dei controlli da effettuare lungo tutta la filiera. Per chiarire gli atteggiamenti e la percezione dei consumatori riguardo ai temi della sicurezza alimentare, è utile il confronto con i risultati di alcune recenti indagini svolte a livello europeo, che forniscono, inoltre, una chiave di lettura relativa al nostro Paese. Un primo elemento da sottolineare è che, sebbene la soglia di attenzione e di preoccupazione sia elevata, la percezione che l impiego di cibi non sicuri sia la principale causa di effetti negativi sulla salute umana, se rapportata ad altri fattori in grado di esercitare un influenza su quest ultima, riguarda una quota non predominante di cittadini Fonte: CIAA 2002 European Food Survey What do European consumers think about their food?, campione di interviste per paese in Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia e Olanda. I timori sulla sicurezza alimentare In particolare, generano maggiore timore il fumo e l alcool, indicati come la principale causa di danni alla salute dal 38% degli intervistati, seguiti a distanza da inquinamento e stress (rispettivamente 20% e 18%), mentre solo l 11% del campione indica come primo fattore la sicurezza alimentare ed il 7% il trasporto. Gli italiani però mostrano alcune sostanziali differenze rispetto alle dinamiche europee concentrando i loro timori prevalentemente sull inquinamento (33%) e mettendo sullo stesso piano lo stress, i rischi alimentari, fumo e alcool (rispettivamente 18%, 17% European Food Survey e 16%). Pertanto le preoccupazioni relative alla What do European consumers think about their food? sicurezza alimentare raggiungono in Italia il valore più elevato rispetto ad altri paesi dell Ue (Gran Bretagna, Francia, Germania e Olanda). Una seconda chiave di lettura della percezione

6 delle garanzie di sicurezza alimentari è offerta dalle valutazioni dei consumatori rispetto alla salubrità degli alimenti consumati in passato (circa 20 anni prima) e quelli attualmente disponibili. La quota del campione europeo che segnala una minore sicurezza dei prodotti alimentari oggi in commercio è pari al 38%, ma la maggioranza 58% - si esprime per un sistema di garanzia di efficacia superiore al passato o equivalente (rispettivamente 37% prodotti più sicuri rispetto a 20 anni prima e 20% stesso livello di garanzia). Nel caso dell Italia emerge una presa di posizione più netta: se, da un lato, la quota di intervistati che si sente maggiormente garantita sale di 2 punti percentuali, dall altro, si rafforza considerevolmente la percentuale di coloro che hanno un vissuto positivo legato al passato (43%), a scapito di chi si esprime per una sostanziale equivalenza. Nel complesso quindi i consumatori italiani mostrano, rispetto a quanto avviene in altri paesi europei, una maggiore attenzione ai temi della sicurezza alimentare, una maggiore preoccupazione ed anche una tendenza a prendere posizioni più nette sul tema. Le garanzie richieste Ma accanto a questi indicatori del grado di emergenza associato alla salubrità degli alimenti, un importante aspetto da chiarire è legato al tipo di garanzie che il consumatore richiede per raggiungere maggiore serenità nel consumo. L Euro-barometro sulla sicurezza alimentare con un campione di interviste in tutti i Paesi dell Ue ha fornito in merito alcune importanti indicazioni. In linea generale, è opinione diffusa che il maggiore o minore grado di sicurezza offerto da un prodotto alimentare dipenda in misura consistente dalla frequenza e dalla severità dei controlli effettuati dalle pubbliche autorità, comunitarie e nazionali. In particolare il 66% dei cittadini lega la sicurezza di un pro dotto alla presenza di controlli nazionali e il 43% la associa all intervento comunitario. I consumatori italiani, pur coerenti con la necessità di un confronto con una istituzione pubblica, mostrano una maggiore fiducia (63%) sul piano comunitario rispetto a quello nazionale (45%). Tuttavia, parallelamente a queste esigenze di intervento istituzionale, è forte presso i consumatori europei la consapevolezza che un quadro rinnovato di fiducia non può non passare attraverso una graduale responsabilizzazione del mondo della produzione (fase agricola e trasformazione industriale). Circa il 33% dei cittadini ritiene un prodotto sicuro in presenza di un controllo diretto effettuato dagli stessi produttori e dal sistema distributivo, sia organizzato (29%) che di piccolo dettaglio (30%). In prospettiva futura quasi il 60% del campione europeo ritiene che un rafforzamento del sistema di controlli a livello dei produttori possa garantire maggiore sicurezza ai prodotti alimentari. Tale dato nel nostro paese sale addirittura al 65% e conferma così in misura maggiore la centralità da attribuirsi ai controlli effettuati a monte della filiera. Gli spunti che si possono trarre dalle indicazioni provenienti da queste indagini confermano lo scenario delineato: da un lato, infatti, emerge un consumatore divenuto necessariamente più sensibile e quindi più consapevole nei riguardi delle proprie scelte alimentari. Dall altro lato, però, gli stessi consumatori chiedono, accanto al soggetto istituzionale, una maggiore responsabilizzazione dei produttori e distributori, in maniera tale che quando il rischio si manifesti ad un livello intermedio della filiera, sia possibile evitare una sua propagazione lungo tutta la catena. È proprio sulla base di queste considerazione che negli ultimi anni, parallelamente alla scoperta delle problematiche connesse alla sicurezza alimentare, si è fatta sempre più pressante la richiesta di un adeguato impianto normativo, che non solo tenga conto della necessità di un sistema di controlli a valle sul prodotto finale, ma che possa in qualche modo definire un monitoraggio costante lungo tutta la filiera. Queste esigenze, tanto complesse quanto, allo stesso tempo, legittime, si sono poi sintetizzate in un unico termine, che negli ultimi tempi rientra spesso nei dibattiti pubblici e nelle parole di esperti e legislatori: rintracciabilità.

Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera

Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera Irene Canfora 1.- La costruzione del sistema europeo della sicurezza alimentare è avvenuta con il reg. 178/02 che ha definito i principi

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA)

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) 1 Scopo e campo di applicazione della ISO 22000 SCOPO: si applica quando una organizzazione delle filiera

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

CERTIQUALITY. Area Certificazione di Prodotto. Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004

CERTIQUALITY. Area Certificazione di Prodotto. Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004 CERTIQUALITY Area Certificazione di Prodotto Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004 CERTIQUALITY E ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI PROFITTO SOCI FONDATORI SOCI ORDINARI 13 ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA SOCI DI

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CONFORMITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE Il ruolo di SINCERT

CERTIFICAZIONE DI CONFORMITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE Il ruolo di SINCERT Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it Relazione SINCERT Febbraio 2004 CERTIFICAZIONE DI CONFORMITÀ NEL SETTORE

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE 1 L'EVOLUZIONE della POLITICA COMUNITARIA in TEMA DI ARMONIZZAZIONE E TUTELA QUALITATIVA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Il Mercato Interno Europeo e La

Dettagli

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe?

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Simona Gullace CERTIFICAZIONE Procedura volontaria mediante la quale una terza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE AGRICOLTURA E PRODUZIONE AGROALIMENTARE AUDIZIONE INFORMALE DISEGNO DI LEGGE IN MATERIA DI SEMPLIFICAZIONE, RAZIONALIZZAZIONE E COMPETITIVITÀ AGRICOLE DEL SETTORE AGRICOLO,

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE 1 L'obbedienza da parte di un produttore, agli standard fissati dalle norme volontarie viene garantita e certificata attraverso una: Certificazione

Dettagli

Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY. Food Certification, Inspection & Services

Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY. Food Certification, Inspection & Services INNOVATION Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY Food Certification, Inspection & Services il mercato Il RINA si rivolge al mercato dell Agroalimentare

Dettagli

D. Cartabellotta 1, G. Manzone 2, B. Messina 3, G. Russo 3. Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana 2

D. Cartabellotta 1, G. Manzone 2, B. Messina 3, G. Russo 3. Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana 2 La Certificazione di Prodotto e di Sistema: strumento per la tutela e la valorizzazione della Qualità delle materie prime e dei prodotti della Filiera Cerealicola D. Cartabellotta 1, G. Manzone 2, B. Messina

Dettagli

5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria

5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria 5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria L impatto della globalizzazione dei mercati sia sulla sicurezza degli alimenti sia sulla salute delle popolazioni animali è stato considerevole. Il sistema

Dettagli

LA QUALITA COME STRATEGIA PER L AGRO-ALIMENTARE ITALIANO

LA QUALITA COME STRATEGIA PER L AGRO-ALIMENTARE ITALIANO DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO Direzione Generale dello Sviluppo Rurale Ufficio POSR II Osservatorio sulle politiche strutturali LA QUALITA COME STRATEGIA PER L AGRO-ALIMENTARE ITALIANO Ottobre

Dettagli

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Tesi congressuale 2 SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Ufficio di Coordinamento - Consigliere Nazionale Coordinatore: Dott. Agr. Cosimo Damiano CORETTI - Presidente

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE

IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE Federico Comellini Direzione Qualità Ispettore Carni VERONA 10 febbraio 2006 1 TUTTI I PRODOTTI A

Dettagli

CATALOGO CORSI 2015. In.Co.S srl International Consultant Service Via Guastalla 6 10124 Torino Italy info@incos-consulting.com Mob: +39 349 2577085

CATALOGO CORSI 2015. In.Co.S srl International Consultant Service Via Guastalla 6 10124 Torino Italy info@incos-consulting.com Mob: +39 349 2577085 CATALOGO CORSI 2015 INDICE CORSI APPROVATI DA ENTE DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACCREDITATO ISO/IEC 17024... 3 ISO 9001:08 SISTEMI DI GESTIONE QUALITÀ... 4 ISO 22000:05 SISTEMI DI GESTIONE DELLA

Dettagli

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo igienico che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto

Dettagli

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita -

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - LA FIDUCIA DEL CONSUMATORE NEI CONFRONTI DEL COMPARTO PRODUTTIVO SI E NOTEVOLMENTE RIDOTTA NEGLI ULTIMI ANNI Industrializzazione

Dettagli

CATALOGO CORSI AREA AGROALIMENTARE

CATALOGO CORSI AREA AGROALIMENTARE CATALOGO CORSI AREA AGROALIMENTARE Anno 2013 Per tutte le aziende della filiera agro-alimentare, la gestione dei rischi legati alla Qualità, Salute & Sicurezza, Ambiente è diventata un importante priorità.

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE ALLEGATO 1 ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2002, n. 282. Modalità di vigilanza in caso di autocontrollo. Formazione del personale alimentarista. Valutazione delle

Dettagli

Coordinamento verticale e tracciabilità un analisi della filiera lattiero-casearia

Coordinamento verticale e tracciabilità un analisi della filiera lattiero-casearia Alessandro Banterle / Stefanella Stranieri Coordinamento verticale e tracciabilità un analisi della filiera lattiero-casearia ARACNE Copyright MMV ARACNE EDITRICE S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

La rintracciabilità e gli schemi internazionali di certificazione (BRC, IFS, e ISO 22000)

La rintracciabilità e gli schemi internazionali di certificazione (BRC, IFS, e ISO 22000) La rintracciabilità e gli schemi internazionali di certificazione (BRC, IFS, e ISO 22000) Fiera di Cremona - Ottobre 2005 CERMET è nato nel 1985 per valorizzare l'immagine dell'azienda Italia rafforzando

Dettagli

Definizione di tracciabilità

Definizione di tracciabilità Definizione di tracciabilità Spegnere il Telefonino!! Tracciabilità Reg.(CE) ) 178/2002 Programma per 8 e 16 ore Decreto Regione Liguria 793/2012 e Regolamento CE 852/2004 Ente Ligure di Formazione divisione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RINTRACCIABILITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

LINEE GUIDA PER LA RINTRACCIABILITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI 24/03/2005 LINEE GUIDA PER LA RINTRACCIABILITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI 12 dicembre 2003 SOMMARIO A) Finalità delle Linee-Guida di Federalimentare sulla rintracciabilità dei prodotti alimentari... 2 B)

Dettagli

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011 Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori Marzo 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area di residenza

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

SISTEMA DI RINTRACCIABILITA IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE

SISTEMA DI RINTRACCIABILITA IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE 2 25/10/2010 RQ LTM 1 di 11 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

ISO 22000 ed. 05: solo una nuova norma o uno strumento di governo degli standard di prodotto esistenti?

ISO 22000 ed. 05: solo una nuova norma o uno strumento di governo degli standard di prodotto esistenti? ISO 22000 l unica norma universale per il Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare ISO 22000 ed. 05: solo una nuova norma o uno strumento di governo degli standard di prodotto esistenti? Cremona,

Dettagli

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE Con la nascita della Comunità Europea, uno dei problemi derivanti dal libero scambio e dal transito delle merci, anche alimentari, su tutto il

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

La rintracciabilità nell ambito delle certificazioni di qualità e le attestazioni di origine. Dott. Agr. Lorenzo Moretti

La rintracciabilità nell ambito delle certificazioni di qualità e le attestazioni di origine. Dott. Agr. Lorenzo Moretti La rintracciabilità nell ambito delle certificazioni di qualità e le attestazioni di origine Dott. Agr. Lorenzo Moretti QUALITÀ IN EUROPA Merceologica Nutrizionale Ambientale Di origine Igienico-sanitaria

Dettagli

1. Il decreto Legislativo 155/97

1. Il decreto Legislativo 155/97 CAPITOLO III IL SISTEMA H.A.C.C.P. 1. Il decreto Legislativo 155/97 Il Decreto Legislativo 155/97 stabilisce le regole generali che devono essere osservate da tutti i produttori e responsabili della filiera

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI Premessa La Regione Piemonte considera la qualità delle produzioni uno degli strumenti fondamentali per favorire il consolidamento

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Consulenza e organizzazione aziendale, consulenza e servizi nel settore ICT

Consulenza e organizzazione aziendale, consulenza e servizi nel settore ICT Consulenza e organizzazione aziendale, consulenza e servizi nel settore ICT e-mail : info.itgolasolutions@gmail.com Q Sistemi Qualità consulenza e formazione La nostra società è composta da un Team di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE

MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE DICEMBRE 2006 INDICE 1. PRESENTAZIONE... 3 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 3 3. PARTE I LA SICUREZZA

Dettagli

Parola di Basta la sua parola?

Parola di Basta la sua parola? Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale Principi e obiettivi della certificazione Parola di Basta la sua parola? Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale Principi e obiettivi della

Dettagli

Le norme ISO 9000 e l agroalimentare

Le norme ISO 9000 e l agroalimentare Le norme ISO 9000 e l agroalimentare a cura del CENTRO ITALIANO SERVIZI DALLA TERRA ALLA TAVOLA, Parma Come deve agire un azienda per soddisfare i propri clienti? Sicuramente deve evitare di disattendere

Dettagli

Igiene e tracciabilità nella produzione mangimistica: applicazione dei Regolamenti comunitari 178/2002 e 183/2005 Il Reg. 183/2205/CE sull igiene dei mangimi Ing. Gaetano Manzone 1 IERI 2 DLGS 123/99 OBBLIGO

Dettagli

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 5 e 6 dicembre 2002 Progetti di legge regionali e nazionali A cura Dr. G. Fantozzi Osservatorio Legislativo Interregionale Roma 5/6 dicembre 2002 Progetti di

Dettagli

IL SISTEMA HACCP (applicazione e norme di riferimento)

IL SISTEMA HACCP (applicazione e norme di riferimento) IL SISTEMA HACCP (applicazione e norme di riferimento) Cosa è l'haccp L'HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) è un metodo d autocontrollo igienico finalizzato a tutelare la salute del consumatore.

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI Isabella d Adda QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING Arezzo, 28 Settembre 2012 Fatturato di 127 miliardi

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SISTEMA DI RINTRACCIABILITA NELLE FIERE AGRO- ALIMENTARE BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SISTEMA DI RINTRACCIABILITA NELLE FIERE AGRO- ALIMENTARE BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 4 2.1 SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ... 4 2.2 FILIERA AGRO... 4 2.3 RINTRACCIABILITÀ DI FILIERA... 4 2.4 FILIERA AGRO

Dettagli

procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto del vitto ai degenti dell ICR VdQ secondo il metodo HACCP

procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto del vitto ai degenti dell ICR VdQ secondo il metodo HACCP MANUALE di AUTOCONTROLLO redatto secondo il METODO HACCP per le fasi di TRASPORTO e DISTRIBUZIONE del VITTO ai degenti dell Istituto Clinico Riabilitativo Villa delle Querce di Nemi UOC di Riabilitazione

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... (Prov. ) il.. e residente in... (Prov ) Via /P.zza... n... CAP..., C.F... P.IVA.., e-mail...

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... (Prov. ) il.. e residente in... (Prov ) Via /P.zza... n... CAP..., C.F... P.IVA.., e-mail... Allegato A AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA LONG LIST di collaboratori da impegnare in attività didattiche nell ambito del percorso di Istruzione Tecnica Superiore per: Tecnico per il controllo,

Dettagli

Food Safety Management System La Norma Uni En Iso 22000:2005

Food Safety Management System La Norma Uni En Iso 22000:2005 Programme ENPI Italia Tunisia 2007 2013 Projet AGROMED QUALITY ref. 024 Activité d.1.1: Organisation d activités de formation frontale et à distance à Tunis et à Caltanissetta sur la qualité, la traçabilité

Dettagli

13.3 Sistemi di gestione ambientale

13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3.1 La certificazione ambientale Il continuo incremento della produzione industriale e l espansione delle aree urbane comportano un aumento della pressione antropica

Dettagli

COMITATO DI ACCREDITAMENTO

COMITATO DI ACCREDITAMENTO Via P.A. Saccardo,9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Requisiti minimi per la certificazione

Dettagli

Hazard Analysis and Critical Control Point

Hazard Analysis and Critical Control Point Hazard Analysis and Critical Control Point E entrato in vigore il REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004 riguardanti l igiene dei prodotti alimentari sia

Dettagli

SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Libro bianco sulla sicurezza alimentare 1) OBIETTIVO Descrivere un insieme di azioni necessarie a completare e modernizzare

Dettagli

Certificazione di prodotto regolamentata e volontaria Riesi (Caltanissetta) 11 Febbraio 2014

Certificazione di prodotto regolamentata e volontaria Riesi (Caltanissetta) 11 Febbraio 2014 1 Programme ENPI Italia Tunisia 2007 2013 Projet AGROMED QUALITY ref. 024 Activité d.1.1: Organisation d activités de formation frontale et à distance à Tunis et à Caltanissetta sur la qualité, la traçabilité

Dettagli

1 SAFETY FOR FOOD (S4F)

1 SAFETY FOR FOOD (S4F) 1 SAFETY FOR FOOD (S4F) Cisco Systems Italy srl e Penelope SpA, hanno studiato lo stato dell arte del settore industriale agroalimentare attraverso l analisi del contesto socio-economico, l approfondimento

Dettagli

Origine delle materie prime in etichetta?

Origine delle materie prime in etichetta? Origine delle materie prime in etichetta? Un Dossier per chiarire le ragioni del no di Federalimentare alla proposta di indicare obbligatoriamente l origine geografica delle materie prime in etichetta.

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE

MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE DICEMBRE 2006 INDICE 1. PRESENTAZIONE...4 2. TERMINI E DEFINIZIONI...5 3. PARTE I LA SICUREZZA

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMA INFORMATIVO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMA INFORMATIVO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE Elementi distintivi QUALITÀ, EFFICIENZA, FLESSIBILITÀ, INNOVATIVITÀ sono gli elementi distintivi dei sistemi informativi-gestionali KeQualità sviluppati

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione 01 Revisione 03 Data 31 agosto 2015

Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione 01 Revisione 03 Data 31 agosto 2015 Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione Revisione 03 31 agosto 25 è un progetto di un marchio di Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione Revisione 03 31 agosto

Dettagli

Marketing Sustainable Agriculture: An analysis of the potential role of new food supply chains in sustainable rural development

Marketing Sustainable Agriculture: An analysis of the potential role of new food supply chains in sustainable rural development European Commission THE FIFTH FRAMEWORK PROGRAMME 1998-2002 QUALITY OF LIFE AND MANAGEMENT OF LIVING RESOURCES Marketing Sustainable Agriculture: An analysis of the potential role of new food supply chains

Dettagli

La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare

La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare alimentare Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendale Facoltà di Economia Università di Pavia E-mail msassi@eco. @eco.unipv. La soglia della

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Torino, Aprile 2015-Giugno 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

La Piattaforma la Piattaforma La Piattaforma

La Piattaforma la Piattaforma  La Piattaforma In un mercato globale è sempre più importante conoscere ciò che si sta per acquistare, la provenienza delle materie prime e la catena produttiva (o filiera di produzione) associata al prodotto che si intende

Dettagli

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 IL PIANO DI AUTOCONTROLLO GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE PREDISPONGONO, ATTUANO E MANTENGONO UNA O PIÙ PROCEDURE PERMANENTI, BASATE SUI PRINCIPI DEL SISTEMA

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. Appendice Settore Agroalimentare Pagina 1/5 APPENDICE I SETTORE AGROALIMETARE 1 - Obiettivo Il presente

Dettagli

IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA

IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA Bologna, 8 giugno 2007 DOTT. SALVATORE SQUARCIONE 1 1 LEGGE 6 APRILE 2007, N. 46 ART.5 BIS CHI PROVVEDE ALL ATTUAZIONE

Dettagli

La qualità certificata nel sistema agroalimentare siciliano Rapporto 2004

La qualità certificata nel sistema agroalimentare siciliano Rapporto 2004 La qualità certificata nel sistema agroalimentare siciliano Rapporto 2004 OESAAS Osservatorio sull Economia del Sistema AgroAlimentare della Sicilia REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE

Dettagli

éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli.

éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli. éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli. Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione

Dettagli

BioEcologiCAStudio Dott. Giuseppe Castriota

BioEcologiCAStudio Dott. Giuseppe Castriota BioEcologiCAStudio Dott. Giuseppe Castriota Sede Sede Via Via Pollino Pollino 6 6 87012 87012 Castrovillari Castrovillari CS CS Tel/fax: Tel/fax: 0981489684 0981489684 Cell: Cell: 3476647725 3476647725

Dettagli

La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva

La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva Cremona, 26 ottobre 2007 Clementina Clementi- food technical development 1 La norma internazionale sulla sicurezza alimentare

Dettagli

«mezzi di informazione e di allerta in materia di sicurezza alimentare la comunicazione del rischio ai consumatori»

«mezzi di informazione e di allerta in materia di sicurezza alimentare la comunicazione del rischio ai consumatori» «mezzi di informazione e di allerta in materia di sicurezza alimentare la comunicazione del rischio ai consumatori» Milano 28 marzo 2014 Avv. Paolo Martinello Presidente Altroconsumo REGOLAMENTO (CE) N.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE L 253/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.9.2013 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE del 24 settembre 2013 relativo alla designazione e alla sorveglianza degli organismi

Dettagli

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Igino Andrighetto Direttore Generale Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. Professore

Dettagli

GMP e HACCP. I principali rischi di aziende non certificate sono:

GMP e HACCP. I principali rischi di aziende non certificate sono: GMP e HACCP Tramite un accurata selezione dei fornitori, con molti anni di esperienza sul mercato farmaceutico e cosmetico, tutti i prodotti ESSENS possono esporre il certificato d origine GMP riconosciuto

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Settembre 2006

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME?

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME? Le norme volontarie sono emesse da Enti di Normazione, questi sono nazionali o europei: ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE

Dettagli

Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN.

Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN. Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN. Giuliano Marchesin C o n s o r z i o I t a l i a Z o o t e c n i c a Mercoledì 24 Giugno 2015,

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

AMBIENTE, SICUREZZA, QUALITÀ IL SISTEMA DI SOLUZIONI PER IMPRESE ED ENTI PUBBLICI

AMBIENTE, SICUREZZA, QUALITÀ IL SISTEMA DI SOLUZIONI PER IMPRESE ED ENTI PUBBLICI AMBIENTE, SICUREZZA, QUALITÀ IL SISTEMA DI SOLUZIONI PER IMPRESE ED ENTI PUBBLICI NON SOLO TANTI PROFESSIONISTI, MA UNA SQUADRA CHE COOPERA SU OGNI PROGETTO Oikos è nata nel 1989 quando offrire consulenze

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA PER PER L IDEAZIONE DI UN IMMAGINE COORDINATA E PER LA REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E PROMOZIONE PIEMONTE AGRIQUALITA PREMESSA CAPITOLATO

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Il settore agroalimentare 3 INTRODUZIONE ALLA QUALITÀ 3. Il concetto di qualità 3. L assicurazione della qualità 8 IL SISTEMA PER LA QUALITÀ 12

Il settore agroalimentare 3 INTRODUZIONE ALLA QUALITÀ 3. Il concetto di qualità 3. L assicurazione della qualità 8 IL SISTEMA PER LA QUALITÀ 12 Il settore agroalimentare 3 INTRODUZIONE ALLA QUALITÀ 3 Il concetto di qualità 3 L assicurazione della qualità 8 IL SISTEMA PER LA QUALITÀ 12 Caratteristiche e componenti 12 L infrastruttura del Sistema

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2504 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RAVA, VIOLANTE, MONTECCHI, ROSSIELLO, PREDA, BOR- RELLI, SANDI, NANNICINI, STRAMACCIONI,

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

AIUTI ALLA FILIERA CORTA

AIUTI ALLA FILIERA CORTA ALLEGATO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE AGRICOLTURA AIUTI ALLA FILIERA CORTA BANDO PER IMPRENDITORI AGRICOLI ASSOCIATI PER LA VENDITA DIRETTA MEDIANTE CONSEGNA A DOMICILIO INDICE. 1. Premessa 2. Disposizioni

Dettagli