XXVIII Convegno SISP. Università di Perugia Dipartimento di Scienze Politiche e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXVIII Convegno SISP. Università di Perugia Dipartimento di Scienze Politiche e"

Transcript

1 XXVIII Convegno SISP Università di Perugia Dipartimento di Scienze Politiche e Università per Stranieri di Perugia Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Settembre 2014 Sezione 8: RELAZIONI INTERNAZIONALI Intelligence, globalizzazione e interesse nazionale: il caso italiano. Paper for discussion: "Sicurezza economica nazionale in tempi di guerre economiche" Proponente: Marco Moschetta Corporate Finance Consulting Via Gerso 2/b 6900 Lugano Switzerland Tel Skype: marcomoschetta7000 https://twitter.com/marcomoschetta 1

2 Sommario: Sommario Le origini euro-atlantiche dell Euro L ingresso dell Italia nell Euro e la promessa di risanamento Le origini della Grande Crisi Finanziaria globale L intervento di salvataggio della Fed Uno spill-over della Grande Crisi USA: la Crisi dell Euro Perché l Italia non ha fatto default ed è ancora nell Euro La finanza globale come Sistema Complesso #moneywars Money war game Un attacco finanziario all Italia La sicurezza economica nazionale

3 1. Le origini euro-atlantiche dell Euro Esiste un filo rosso, continuo e mai interrotto, tra Piano Marshall, OECE (poi OECD), ECSC 1 (CECA, in Italiano), CEE-UE ed Euro. Nel luglio del 1947, poco dopo il discorso del Generale Marshall ad Harvard, la Conferenza per la Cooperazione Economica Europea si riunì a Parigi per studiare l implementazione dell ingente piano di aiuti e ricostruzione al quale, in gran parte, dobbiamo l Europa di oggi. Il Dipartimento di Stato americano mise in chiaro, in quell occasione, che il piano di aiuti sarebbe stato condizionato ad un disegno di sistematica cooperazione tra i paesi destinatari, che avrebbe poi posto le premesse di un progetto di unione politica. Allora lo sforzo economico USA fu di circa 17 miliardi di dollari, quando il PIL USA era di 225 miliardi. Si trattò di qualcosa come il 7,7% del PIL, una somma che oggi sarebbe pari a 1,3 trilioni di dollari. Date le condizioni disastrate in cui si trovavano le economie europee all epoca, tali paragoni in % sul PIL non possono che sottostimare gli effetti del Piano. Tale iniziativa si configurava anche come un attacco di guerra economica nei confronti dell URSS, che avrebbero avuto gioco facile all espansione economica e culturale in Europa (e nella devastata Germania, in particolare), se fosse passata la linea isolazionista e massimalista rappresentata dal Piano Morgenthau, che, con scarsa comprensione delle dinamiche geo-economiche, puntava ad una riduzione punitiva della Germania a paese agro-pastorale. L altro filo rosso geo-economico riguarda il ruolo delle élites politiche ed economiche tedesche nel sistema di ri-organizzazione dell Europa post-bellica. La Questione Tedesca rappresentò uno degli elementi fondanti della CEE-UE. Ne troviamo traccia nella ECSC (CECA), organizzazione sovranazionale destinata a inserire in un quadro continentale l enorme potenziale economico tedesco nell industria pesante; e nella presenza di una controversa leadership tedesca 2 nell Istituzione che ha operato come incubatore dell EMI (European Monetary Institute) che è poi diventato ECB (European Central Bank): la BIS (Bank of International Settlements). La BIS a sua volta nacque per risolvere un altra Questione Tedesca, quella delle riparazioni successive alla prima Guerra Mondiale (Piano Dawes, 1928); ed è anch essa sfuggita alla liquidazione forzata, promossa negli USA proprio dal Segretario del Tesoro Henry Morgenthau. Sempre alla Questione Tedesca, più di recente, è legata la nascita dell Euro, almeno secondo alcune fonti riportate, tra gli altri, dall autorevole Der Spiegel 3 che cita documenti de-classificati del Ministero degli Esteri tedesco riferiti ai giorni precipitosi che portarono alla riunificazione alla fine del 1989, quando venne trovato l accordo per il progetto di Unione Monetaria e l inizio dell Europa a guida franco-tedesca. Al di là di considerazioni legate alle facilitazioni degli scambi e di eliminazione del rischio di cambio, l adesione all Euro rappresentò per l Italia una porta verso l Europa di serie A. I parametri di Maastricht, che prescrivono condizioni di gestione conservativa e prudente della politica monetaria e fiscale, non avrebbero consentito al Paese di entrare a far parte della moneta unica, in particolare per il parametro del rapporto tra debito e PIL: per Maastricht, tale rapporto 1 European Community of Steel and Carbon. 2 Cfr Adam Le Bor, Tower of Basel; pp. 73 ss. 3 Der Spiegel International, The Price of Unity: Was the Deutsche Mark Sacrificed for Reunification? Di Michael Sauga, Stefan Simons and Klaus Wiegrefe; 30 Settembre

4 non dovrebbe eccedere il 60%, mentre l Italia del 1998 aveva un rapporto debito / PIL di oltre il 114%. A livello puramente finanziario, con il sì a Maastricht (Ricordiamo a stragrande maggioranza: 403 favorevoli, 46 contrari e 18 astenuti) l Italia perde il controllo della propria valuta ma entra in un sistema monetario tra i più forti e credibili al mondo. L Euro si guadagna ben presto, infatti, la credibilità degli investitori internazionali, diventando la principale alternativa al dollaro come valuta di riserva (Cfr Figura 1). Figura 1 2. L ingresso dell Italia nell Euro e la promessa di risanamento L ingresso dell Italia nell Euro avviene quindi nell ambito di una promessa di un percorso di risanamento e riduzione del debito che, in teoria, apparirebbe facilitato dall immediato calo del costo del finanziamento del debito pubblico, che passa dal 10,5% (media ) al 5% (media ). Tale promessa di risanamento, come abbiamo visto, trova le proprie origini storiche e geopolitiche nella collocazione Euro-Atlantica del Paese, che è uno dei fondamenti della sua modernità (nel bene e nel male, si obietterà). Quello che è invece successo è purtroppo cosa nota, ed è sintetizzato nella Figura 2 in basso. Mentre il costo del finanziamento del debito pubblico, come previsto, si è quasi dimezzato, lo stock di debito si è ridotto solo nel 1997/98, nel 2000 e nel 2002/03, e di percentuali non molto significative (la migliore performance, a parte il 2013, è stata quella del 1997, anno in cui il debito si è ridotto del 1,9%). I governi di destra e di sinistra hanno speso integralmente tutto il cospicuo risparmio di interessi derivante dall ingresso nell Euro, stimabile in circa 30/40 miliardi l anno per il periodo Questa pacifica ignoranza della promessa che il Paese aveva fatto con la ratifica del Trattato di 4

5 Maastricht è costata molto in termini di fiducia dei mercati, di maggior indebitamento, di maggiori sprechi e oneri della macchina statale e di maggiore tassazione per cittadini e imprese. Se i governi avessero tesaurizzato (invece di spendere e disperdere) anche solo il 50% del risparmio di spesa per interessi, l Italia sarebbe arrivata al 2011 con un debito di miliardi circa (il 110% del PIL) invece che di miliardi (>119% del PIL). Anche qualora vi fosse stata una crisi dello spread, sarebbe stata meno severa, e il Paese vi sarebbe arrivato con un maggiore potenziale di crescita derivante dal minore peso fiscale (stimabile in circa 1% di PIL solo per la quota derivante da risparmi da interessi sul minor stock di debito, nell ipotesi molto conservativa - che la produttività delle risorse rilasciate nell economia privata sia uguale a quella delle risorse rilasciate nell economia pubblica). Figura 2 Mettendo da parte i se e i ma e inquadrando invece la posizione dell Italia nel contesto dei mercati internazionali in quel fatidico 2011, occorre fare un passo indietro e occuparsi di un altra, più grande bolla finanziaria quella dei mercati americani nel periodo

6 3. Le origini della Grande Crisi Finanziaria globale La politica ha le sue responsabilità nella Grande Crisi Finanziaria, segnatamente per due atti entrambi relativi agli USA: il rigetto della legislazione Glass Steagall, che dal 1930 separava le attività bancarie commerciali ordinarie dalle più rischiose attività di investment banking; e l American Dream Downpayment Assistance Act di George Bush, con cui il governo USA si proponeva di assistere, nell ambito di una Aggressive Housing Initiative, anche le famiglie che non avevano alcun risparmio a versare l anticipo per la stipula del mutuo. Questi eventi, all inizio degli anni 2000 e a seguito dello sboom dei titoli internet e degli attacchi del 11 settembre, hanno dato inizio alla più grande speculazione immobiliare della storia. I mercati americani sono entrati, a partire da quel periodo, in una spirale di crescita finanziata da debito che nel periodo ha creato un enorme bolla immobiliare e finanziaria. Mentre nel periodo il debito pubblico italiano cresceva di circa il 3,5% l anno, il trend di crescita del debito privato USA e dei vari strumenti ad esso legati (prevalentemente Residential Mortgage Backed Securities) è stato di oltre 5 volte superiore. E stata proprio questa bolla di debito che ha portato al collasso, nel 2008, la Lehman Bros (Figura 3). Per analogia, e con risultati di poco difformi, possiamo utilizzare l espansione dell indebitamento di Lehman come proxy della crescita del debito di tutto il sistema finanziario privato americano. Figura 3 La crisi dei mutui sub-prime ha avuto portata e ripercussioni tali che possiamo dire che dal 2008 il mondo è entrato in una nuova fase. Il fallimento della Lehman ne ha segnato la cuspide evidenziando il moral hazard indotto da un sistema di incentivi distorto e dai concetti rivelatisi poi errati della parcellizzazione del rischio e del too big to fail. 6

7 Un analisi statica della situazione alla metà del 2007 avrebbe permesso di stimare in circa 600 / 700 miliardi di dollari l ammontare della perdita cumulata del mercato sub-prime. Cifre importanti, si, ma non tali almeno in teoria di destabilizzare un economia da oltre 16 trilioni di dollari come gli USA. E invece gli effetti moltiplicativi di: - modelli di rischio sbagliati (VAR) basati sulla bell curve (distr. normale) - moltiplicazione dell esposizione data dalle securitization - rischio-controparte e interconnessione globale - derivati hanno portato il mondo vicino al collasso finanziario globale a poche settimane dal fallimento Lehman ed hanno innescato la crisi economica più grave dal La Grande Crisi Finanziaria, come è stata definita, ha avuto anch essa ripercussioni globali, per ragioni simili a quelle che causarono la diffusione anche in Europa della Crisi del L intervento di salvataggio della Fed La reazione delle autorità monetarie statunitensi si è materializzata con la più grande attività di stimolo monetario che il mondo abbia mai subito. Se, da un lato, questo ha evitato che la crisi toccasse i livelli drammatici del 1929 in termini di perdita di occupazione e servizi sociali; dall altro l immissione nel sistema finanziario internazionale di quantitativi ingentissimi di dollari ha creato squilibri tali che sono stati descritti come currency wars. Per dare la misura di questo stimolo, ricordiamo che la Fed nel settembre 2008 aveva in bilancio titoli a garanzia per circa 600 miliardi di USD. Dopo una serie di interventi di stimolo all economia, nell Aprile del 2014, la Fed si ritrova con oltre miliardi di USD di titoli all attivo (Cfr. Figura 4 dal sito della Federal Reserve). Questo enorme stimolo monetario ha trovato il suo contraltare nel valore dell oro, passato da circa 900 USD/oz nell autunno del 2008 ad oltre USD/oz nel maggio Quello che si è verificato, in sintesi, è stato un massiccio debasement del valore del dollaro USA, realizzato per salvare i bilanci dei colossi bancari di Wall Street e per cercare di ridare fiato all economia per il tramite del canale export. Questo salvataggio, se aveva delle implicazioni moralmente riprovevoli (tirare fuori le castagne dal fuoco ai c.d. banksters), è stato comunque necessario per evitare il collasso del sistema: ricordiamo che proprio dopo il weekend (14-15 settembre 2008) in cui Lehman venne lasciata andare, la Fed dovette intervenire, il 16 settembre, con il più grande salvataggio privato della storia per evitare il collasso del gigante assicurativo AIG che era esposto sul mercato tramite Credit Default Swaps emessi a fronte di Collateralized Debt Obligations (in sostanza, assicurazioni sul default di pacchetti di mutui) per oltre 440 miliardi di dollari. Per prevenire il collasso della Società l intervento della Fed fu di 85 miliardi di dollari nella forma di una linea di credito che permettesse a AIG di rispondere positivamente alle margin calls 4 dei suoi creditori. Poche ore dopo aver dovuto tenere una linea di austerità con Lehman la Fed si trovò a sconfessare se stessa in maniera drammatica e massiccia. In barba alla linea di tutela della taxpayer money di Henry Paulson 5. 4 Per margin call si intende la richiesta, da parte di un creditore, di una integrazione della garanzia erogata in forma di deposito cash, pena la perdita del beneficio del credito e l onere al rientro delle somme prestate. 5 Paulson Never Once Considered Using Taxpayer Money for Lehman; The Wall Street Journal, 16 September

8 Figura 4 5. Uno spill-over della Grande Crisi USA: la Crisi dell Euro L Europa è stata colpita duramente da queste dinamiche tipicamente finanziarie, a cui si è sommato l effetto di anni di politiche di spesa pubblica in deficit e delle prime ondate dell inversione della curva demografica, che ha pesato (e peserà ancora nei prossimi decenni) sui sistemi previdenziale e sanitario. L Italia si è ritrovata, a metà del 2011, ad essere uno dei link deboli del sistema ed ha rischiato, per la prima volta, di dover ricorrere all aiuto del FMI. La Grande Crisi Finanziaria del , in cui ci troviamo tuttora, ha avuto il seguente trend di cause ed effetti (Cfr. Figura 5 infra): un trend di lungo periodo, complesso ed esponenziale, ha creato accumuli enormi di debito presso le economie iper-finanziarizzate del settore anglo sassone. L eccesso di debito, il cui flusso si è interrotto bruscamente nel 2008, in condizioni di interconnessione finanziaria globale ha creato la stretta creditizia delle principali economie sviluppate. In una condizione di decrescita delle masse monetarie, queste economie hanno subito un deciso rallentamento dell attività economica, che a sua volta ha influito negativamente sui proventi fiscali degli stati. I governi si sono trovati all inizio a reagire con politiche di deficit spending (le usuali) ma in una situazione di costi crescenti del finanziamento del debito questo ha provocato (per gli stati eccessivamente indebitati, come l Italia) la crisi dello spread. 8

9 Figura 5 Nel periodo gennaio-giugno 2011, ad esempio, mentre BCE e UE negoziavano un ulteriore pacchetto di aiuti per la Grecia, gli analisti di Deutsche Bank si accorsero di un fatto che era sotto gli occhi di tutti ma nessuno aveva ancora considerato: il debito pubblico italiano era già al 120% del PIL, ossia era il II^ più importante dopo la Grecia. La Deutsche Bank iniziò quindi a vendere, per tutto il I semestre 2011, titoli italiani, riducendo le proprie posizioni da oltre 8 miliardi di Euro a 1 miliardo. La notizia venne resa pubblica dal Financial Times il 26 luglio 2011 ( Deutsche hedges Italian risk ) e fu accompagnata da un balzo dei rendimenti dei titoli italiani (da 150 a 289 b.p. di spread sul Bund) e dalla crescita del Credit Default Swap su questi titoli (da 124 a 274 b.p.). Da notare che l articolo del FT fu accompagnato da una dichiarazione diplomatica di Stefan Krause, il Direttore Finanziario di DB, che collegava le vendite italiane al portafoglio di BTP che DB si era ritrovata in dote dall acquisizione di Postbank. Per la serie la pezza è peggio del buco! Nel volger di qualche mese, i titoli dei giornali divennero pieni di accostamenti retorici che più o meno preconizzavano la fine imminente e tragica dell Euro, mentre economisti di levatura riempivano metri quadri di giornali e pagine web con analisi sugli (ovvi, evidenti, ma non tali da provocarne il collasso) squilibri di natura economica dell unione monetaria, mentre il peso del debito italiano oggettivamente too big to bail iniziava a fare davvero paura ai mercati. Anche un diligente studente del secondo anno di economia sa che l Europa non è una area valutaria ottimale 6, ma a coloro che si focalizzavano solo sulle convenienze economiche di breve e medio periodo sfuggiva il fatto che la UE non è solo una unione economica e che l Euro non è solo uno strumento valutario. 6 In breve, dicesi area valutaria ottimale una zona geografica in cui vi è piena mobilità dei fattori della produzione, non vi sono barriere legislative, linguistiche, orografiche, valutarie etc. alla libera circolazione di merci e servizi; dove vi è una politica economica e sociale unica o quantomeno simile, dove vi sono situazioni di simmetria nell indebitamento pubblico e nei deficit degli stati etc. 9

10 E così vivemmo il 2011 e buona parte del 2012: l Euro in calo costante vs. il dollaro USA (che pure veniva immesso nel sistema monetario globale in quantitativi mai visti in precedenza) e i vari pundits di matrice prevalentemente anglo sassone, puntualmente accompagnati da qualche Tafazzi italiano, che dicevano che l Euro sarebbe crollato perché sarebbe crollata l Italia. Ci volle l intervento, ormai più di moral suasion che di portafoglio, di Mario Draghi, che nel luglio 2012 fermò le speculazioni (finanziarie e intellettuali) affermando che: 1) La tutela della valuta europea è tra le priorità della BCE, e che; 2) La BCE, in quanto istituto di emissione (se pur anomalo) dispone di un potere finanziario incomparabilmente superiore a quello di chiunque voglia mettersi a speculare contro la valuta europea (o contro il debito italiano, che più o meno venivano visti come la stessa cosa). Credo che la Figura 6 in basso, che riporta il tasso di cambio EUR / USD, dia la misura del legame tra crisi del debito (prevalentemente italiano, ma anche spagnolo e greco) e crisi dell Euro, mostrando l inversione di marcia rappresentata dell intervento BCE. Figura 6 6. Perché l Italia non ha fatto default ed è ancora nell Euro Il mantenimento dell Italia all interno dell Euro (e delle sue origini euroatlantiche, come indicato all inizio) è invece dipeso da un intervento esogeno, non-trasparente ma massiccio della BCE. Dalla Figura 7 (Tratta da Panorama, Ecco chi possiede il debito pubblico italiano, 29 aprile 2014) si apprende che, tra la metà del 2011 e la metà del 2012 circa un 13% di debito italiano (una somma 10

11 di circa 240 miliardi di euro) è passato da detentori esteri a detentori italiani, prevalentemente banche nazionali, finanziate dalla BCE. Figura 7 Data questa dipendenza da fattori esogeni, per di più sottratti 7 a controllo democratico o processi decisionali trasparenti, ci si chiede se non sia arrivato il momento di attivare nel nostro Paese un forum permanente di analisi strategica geo-economica e geo-finanziaria. Quantomeno per sapere da quale parte potrà arrivare, e che forma potrà assumere, una nuova dirompente minaccia alla stabilità finanziaria del paese e per creare le condizioni in cui, qualora ancora se ne presentasse la necessità, possa ancora arrivare una scialuppa di salvataggio sostanziale, come quella delle grandi immissioni di liquidità del o di moral suasion, come il whatever it takes di Draghi del luglio La finanza globale come Sistema Complesso L architettura finanziaria globale si regge tuttora sulle stesse premesse che ne hanno generato la crisi, nel Esse sono: 1. Grandi istituzioni private scarsamente regolamentate, e altamente interconnesse tra di loro; 2. Diffusi e perversi incentivi che rendono quasi obbligatoria la focalizzazione sul conto economico e sulla creazione di valore per gli azionisti in un ottica di breve periodo; 3. Un enorme mercato dei derivati; 4. Strumenti e veicoli finanziari complicati, difficilmente comprensibili e dalla rischiosità / pricing difficilmente determinabili. 5. Premesse teoriche infondate (la teoria dei mercati efficienti, che ha come corollario il corretto pricing del rischio; e la teoria della distribuzione normale, per cui gli eventi estremi sarebbero estremamente rari c.d. black swan events). 7 Una delle ragioni del salvataggio dell Italia è molto probabilmente una condizione di dipendenza reciproca: il Paese ha bisogno del salvataggio della BCE; la quale a sua volta non può permettersi il fallimento di un paese della dimensione dell Italia senza essere trascinata anch essa nell aftershock di mercato che conseguirebbe ad una situazione di crisi catastrofica del debito italiano. 11

12 Più volte a livello di G20, FMI, Banca Mondiale, Financial Stability Board e BIS, si è stressata la necessità che almeno alcune delle cause di squilibrio sistemico vengano affrontate e quanto meno corrette. Su invito del G20, ad esempio, il FMI si è pronunciato per una semplificazione delle Systemically Important Institutions - SIIs - leggi le grandi banche internazionali - o per la revisione del monitoraggio sui mercati dei derivati e per regole più stringenti sullo Shadow Banking Sector (gli investment vehicles, le securitizations e i derivati). Resta però il fatto che il potere legislativo non è in grado di opporre resistenza alle lobbies che hanno un interesse, tipicamente rappresentato dai conti economici e dai salari e bonus dei vertici delle SIIs, a che tutto rimanga com è attualmente, in una situazione in cui l espansione del rischio trova sempre una rete finanziaria nel bail-out delle banche centrali. Che è proprio quello che continua ad accadere, anche se apparentemente le immense iniezioni di liquidità hanno spostato il problema dal rischio sistemico di fallimenti a catena al rischio di deflazione-stagnazione. Le ingenti immissioni di liquidità non hanno ancora trovato un termine nelle dichiarazioni delle banche centrali, e continuano a riversarsi nel prezzo dei titoli finanziari, che sta raggiungendo e superando le vette del 2007 (Cfr. Figura 8, l indice S&P 500). Il prezzo dei titoli, inoltre, appare ancor più slegato dai fondamentali dell economia, e può essere letto anche come un generale deprezzamento della valuta di riferimento, il dollaro USA. Figura 8 La Grande Crisi Finanziaria è stata paragonata 8 ad un accumulo di neve in quota, su un pendio scosceso, che entra in crisi e genera un catastrofico mutamento di stato: una valanga. Un accumulo di neve in quota presenta le caratteristiche di un sistema complesso: è soggetto ad un 8 James Rickards, Currency Wars, Chapter 10: Currencies, Capital and Complexity; Portfolio / Penguin,

13 equilibrio sempre meno stabile a mano a mano che la sua massa cresce, ed ha delle dinamiche interne (di temperatura, fluidità, relazione tra le proprie parti) che non rispondono a delle logiche di causa ed effetto riproducibili in laboratorio (sarebbe, se lo fosse, un sistema complicato non complesso ). Le immissioni di liquidità della Fed (che proseguono al ritmo di 60/70 miliardi di USD al mese) possono essere paragonate alla neve che si accumula, in vari strati, in quota. Gli eventi interni al sistema finanziario (acquisti e vendite di titoli, andamento di qualche mercato dei derivati ritenuto come critico come per esempio il mercato dei Credit Default Swaps) o gli eventi esterni ad esso (politici, sociali, bellici, tecnologici) si combinano tra di loro e, fino a quando non si arriva ad uno stato critico, danno come risultato le oscillazioni quotidiane dei mercati. 8. #moneywars Le opinioni pubbliche non hanno mai pienamente apprezzato il processo di unificazione europea, ed oggi non comprendono il livello di complessità delle economie finanziarizzate in cui si trovano a vivere. La Grande Crisi Finanziaria ha prodotto una enorme compressione del reddito disponibile nelle maggiori economie sviluppate (basti ricordare che il tasso di disoccupazione è balzato, tra il 2008 e il 2009 negli USA dal 4,5 % al 10%, mentre nella Eurozona è passato dal 6,5% al 11,5% nel periodo ) che è andata, per la prima volta dal dopoguerra, a comporsi ad una massiccia riduzione dei livelli di welfare a causa proprio dalla crisi del debito sovrano e delle necessità di risanare i bilanci. Negli USA le condizioni di recessione (recessione dei redditi privati, delle possibilità di impiego, dei salari per chi ha un impiego, delle prospettive di accesso all American Dream, dell uguaglianza sociale e di opportunità) hanno provocato un attacco senza precedenti all establishment finanziario di Wall Street, riconosciuto (a ragione, ad avviso di chi scrive) come il responsabile del global meltdown. Le Banche Centrali a livello globale, tramite la loro presenza nel Financial Stability Board, sembrano concordare con le accuse del movimento Occupy Wall Street, anche se con toni meno accessi (ovviamente) e con una sfumatura di auto-tutela proprio del business finanziario privato. Sintetizzando opinioni diffuse a livello di governi (G20) e di istituzioni finanziarie globali (IMF, BIS), la ricetta del Financial Stability Board propone di ridurre il rischio finanziario sistemico attraverso una serie di provvedimenti, quali: 1. Riduzione delle dimensioni dei bilanci delle SIIs tramite regole di riserva più stringenti; 2. Maggiore supervisione dello shadow banking sector, della speculazione (degli hedge funds), delle agenzie di rating e dei mercati dei derivati OTC; 3. Attenzione al problema too big to fail e attivazione di un sistema per risolvere le crisi delle SIIs senza utilizzo di risorse pubbliche; 4. Sistema di controllo internazionale sui paradisi fiscali, sul riciclaggio internazionale e sul finanziamento del terrorismo. Il FSB non parla apertamente (ancora) di rigetto del Glass-Steagall Act, anche se questa indicazione si percepisce chiaramente nel linguaggio dei comunicati ufficiali del G20, del Fmi e di molte banche centrali. 13

14 Quello che sta avvenendo, in particolare per quanto riguarda gli USA, è che le banche centrali, tramite il FSB, stanno cercando di promuovere un intervento del Congresso al fine di limitare il potenziale di creazione di disordine finanziario delle grandi istituzioni finanziarie private. OWS e i banchieri centrali sono meno lontani di quanto possa apparire. Figura 9 In Europa, ed in Italia in particolare, si assiste ad un movimento di protesta che trova le sue radici nelle stesse condizioni di riduzione delle aspettative vissute negli USA. Tutta la discussione (e la critica) sul Patto di Stabilità non tiene conto del fatto che l Italia, proprio per colpa del suo Congresso, ha rischiato a sua volta di far saltare gli equilibri finanziari macro a causa della sua condizione di debito fuori controllo. Come negli USA, anche in Italia la apparentemente fondata percezione di guerra finanziaria contro l uomo della strada trova il suo alleato nei banchieri centrali (della ECB) che, pur nella loro privilegiatissima torre d avorio, stanno cercando di regolamentare i livelli di spesa a tutela dell attuale equilibrio economico continentale e a tutela della collocazione geo-economica (e geopolitica e geo-strategica) dell Europa a livello globale. Specialmente vs. le economie emergenti e gli assi valutari in formazione (Rublo Yuan, valute del Golfo). 14

15 Una notazione quantitativa dovrebbe però far riflettere: se negli USA l intervento di bail-out è stato di oltre 3 trilioni di dollari, e non ha ancora trovato una conclusione definita; in Europa l espansione massima del LTRO (Long Term Refinancing Operation) è stata di 1,4 trilioni di dollari, ed un processo di rientro di queste somme si è avviato già dalla metà del 2012, per cui alla data odierna l ammontare totale del LTRO in attivo alla BCE è inferiore ad 1 trilione di dollari. 9. Money war game L Applied Physics Laboratory è uno dei gioielli del sistema strategico degli USA. Fondato nel 1942, dopo l attacco di Pearl Harbour, il Laboratorio ha l obiettivo di sfruttare l immenso potenziale scientifico e tecnologico del Paese per migliorarne le capacità difensive e offensive. Uno dei primi progetti seguiti dall APL riguardò una testata per un missile antiaereo destinato alla difesa navale. Da quel momento in poi, il laboratorio si è occupato di vari progetti di trasferimento tecnologico dal mondo civile a quello della difesa. Nel 2009, in una sessione di due giornate (17 e 18 Marzo) l APL ha tenuto un war game finanziario 9, utilizzando le strutture fisiche e tecnologiche con cui il laboratorio tiene le sue ordinarie sessioni di war gaming cinetico. I partecipanti a questo war game erano esperti di politica internazionale, economisti e operatori dei mercati finanziari. Il gioco consisteva nella creazione di 5 team in rappresentanza di altrettante aree strategiche del pianeta (Gli USA, l Europa, la Russia, la Cina e l area del sud-est del Pacifico) a cui veniva attribuito, all inizio, un certo ammontare di risorse (PIL, riserve, import ed export, curva demografica etc). Il war game ebbe inizio con una mossa a sorpresa del team Russia con la quale la Banca Centrale Russa dichiarava la creazione di una Gold Dolar Bank a Londra che avrebbe emesso Gold Dolars a fronte di depositi di oro presso camere di sicurezza localizzate in Svizzera e a Singapore. Da quel momento, inoltre, la Banca Centrale Russa dichiarava che le esportazioni russe avrebbero dovuto essere pagate solo tramite Gold Dolar e che era attivo un tender per cui la Banca avrebbe acquistato infiniti quantitativi di oro fisico pagandoli in USD o titoli del Tesoro USA al valore di mercato dell oro così come riportato da Bloomberg (Cfr press release fittizia della Bank of Russia, Figura 10). La reazione degli altri teams a questa prima mossa fu di pressoché totale distacco, nella convinzione che l oro rappresentasse per il sistema dei pagamenti internazionali niente più di un reperto storico, come i vecchi certificati azionari in filigrana che si vedono appesi negli uffici di qualche commercialista o avvocato d affari nostalgico. Una discussione venne attivata all interno del Team Cina, sull opportunità o meno di aderire alla proposta russa e di acquistare Gold Dolars. Prevalse il parere ortodosso di evitare di spendere preziosa valuta internazionale, pronta ad essere utilizzata per gli scambi, con un esperimento proveniente da un Paese così atipico e dedicato ad un oggetto ormai lontano dal sistema delle transazioni internazionali. Dopo un rapido dibattito interno, addirittura, il Team Cina decise di vendere quasi tutte le sue riserve di oro, circa tonnellate, in una transazione privata con il Team Russia, di fatto raddoppiando, con scarso effetto sul prezzo spot dell oro, la dotazione di oro del Team. Il war game finisce con un lieve vantaggio del Team Russia e con qualche credito al suo esperimento di gold standard bank. Quello che successe però mentre il war game era ancora 9 Citato da James Rickards, Currency Wars, Portfolio Penguin 2011; pp. 6 ss. 15

16 aperto provocò uno shock nei player: proprio all inizio del secondo giorno vi fu una dichiarazione di Putin che auspicava la fine del sistema di scambi internazionali basati sul dollaro, dichiarazione che venne ripresa e supportata dalla Cina nel corso del G20 del settembre successivo. Non abbiamo notizia di war games più sofisticati e successivi a questo di cui parla Rickards, ma sappiamo che molto del brainstorming effettuato in quell occasione ha trovato riscontro nella realtà degli anni seguenti. Figura 10 16

17 10. Un attacco finanziario all Italia Il documento programmatico di bilancio dell Italia nel prevede un deficit pari al 1,8% del PIL, in calo rispetto al 2,9% programmato per il 2013 (il consuntivo è stato -3,2%). Tale documento era stato preparato sulla base di un PIL in crescita del PIL del 2014 di 0,8%, mentre sappiamo che il tendenziale ad oggi è pari ad un 0,1%. Sul fronte delle spese, il documento programmatico 2014 prevede spese complessive (al lordo degli interessi passivi pari a 84 miliardi) per 806 miliardi, mentre alla data del 30 giugno 2014 pare che i dati tendenziali siano peggiori del previsto: uscite previste per l esercizio pari a 825 miliardi 11. Ipotizzando che negli ultimi 5 mesi dell anno il Governo sia stato in grado, tra risparmi e rinvii di spesa, a riportare la spesa pubblica nell ambito degli 805,5 miliardi previsti, il calo del PIL comporta (a causa di minori entrate fiscali proporzionate al PIL stesso e maggiori costi, in particolare, degli ammortizzatori sociali) una previsione (modello elaborato dall autore) di deficit pari a circa il 4,1% del PIL per l esercizio Questo deficit genera un ulteriore incremento del rapporto debito / PIL (mia previsione) al 136,2% per l esercizio Si tratta di dati molto lontani rispetto agli impegni del Patto di Stabilità. Immaginiamo ora il seguente scenario (Cfr Figura 11): il riacutirsi della crisi Ucraina, combinato a nuovi attacchi e al dilagare dei focolai di crisi in Medi Oriente inizia a rallentare la crescita in tutta Europa, ed in particolare in Italia anche nel A metà del 2015, degli istituti di ricerca privati rilasciano proiezioni di crescita negativa del PIL ed una proiezione di crescita del debito pubblico al 144% per la fine dell esercizio. All inizio dell anno il Governo è riuscito a varare un pacchetto di riforme più di facciata che di sostanza, e la stagnazione dell economia fa crescere i dubbi degli investitori internazionali sulla sostenibilità del debito pubblico italiano. La crisi di governo in Italia preoccupa i mercati, mentre lo Spiegel apre con una caricatura di Renzi dietro un carretto dei gelati e la didascalia Ciao Bello. Le élites economiche, finanziarie e politiche tedesche decidono che è giunta l ora di staccare la spina ai PIIGS e all Euro nella sua attuale configurazione, tentando di riorientare tutto il sistema di potere economico europeo attorno a Francoforte. Per affondare l Euro si sceglie di silurare l Italia, il suo anello più debole: si attiva un mix di vendite di titoli, annunci stampa e utilizzo di derivati da parte di fondi hedge controllati e operativi da tempo per attività di mercato nascoste. Parte di questa mossa passa tramite un nuovo conservative consensus nella BCE, dove vengono fermate le mani di Draghi che vorrebbe intervenire a tutela dell Euro nella sua attuale configurazione e della posizione dell Italia. Le dimissioni violente di Draghi portano definitivamente l Italia verso la strada del default / uscita dall Euro, con Bankitalia che studia un Piano di Emergenza mentre il Paese è praticamente fuori dal circuito finanziario globale dopo il ritiro di una importante asta di titoli di debito pubblico. 10 Cfr Ministero del Tesoro, Documento di Economia e Finanze 2014, Tabella II.1-3, pag Gianni Trovati, Il Sole 24 Ore; Spesa pubblica: balzo del 7,8% nel 2014; 6 agosto

18 L attacco all Italia, e la sua uscita dall euro, sono costati qualche miliardi di euro in perdite in c/capitale da parte delle banche che hanno operato il dumping di titoli di valore nominale di circa 60/70 miliardi. Con ulteriori investimenti per circa 8 / 10 miliardi gli investitori attaccanti hanno finanziato l acquisto dei Credit Default Swaps che hanno lanciato sul mercato un ulteriore segnale di panico: qualcuno si sta coprendo in maniera massiccia contro un possibile default dell Italia, realizzando una classica profezia che si auto-avvera. Questo attacco può essere stato preparato anche tramite l uso di trolls che operando sui vari social network hanno diffuso notizie e rumours propedeutici all operazione. Con una disponibilità di 15 / 20 miliardi, in sintesi, si potrebbe riuscire, date le opportune condizioni congiunturali, a realizzare un progetto di attacco all Italia con conseguenze devastanti per il Paese. Il successo di un attacco del genere riconfigurerebbe il sistema di potenza europeo in maniera radicale, rappresentando, per alcuni in Germania, l equivalente di una Operazione Barbarossa geo-economica. Figura La sicurezza economica nazionale Le conseguenze di un attacco del genere all Italia, qualora avesse successo, sarebbero incalcolabili. In sintesi, potremmo parlare dell estromissione del Paese dal consesso che guida l Unione Europea e la marginalizzazione e l impoverimento economico e finanziario per cittadini, imprese, Stato. La sicurezza nazionale non è mai stata così legata alla sicurezza finanziaria come oggi, specie per nazioni ad elevato indebitamento e alta dipendenza dai flussi (e dalla fiducia) finanziari globali. Dagli anni 80 in poi l Italia ha cercato di creare crescita e benessere tramite la spesa pubblica, nella (falsa) teoria (para) keynesiana che per ogni Euro di crescita del debito vi fosse una più che proporzionale crescita del reddito. Quello che emerge dall analisi dei dati è che (Figura 12), invece, il moltiplicatore reale nel corso del periodo di grande espansione del debito sia stato inferiore all unità, attestandosi a circa 0,6. Ciò significa che per ogni euro in più di spesa pubblica il prodotto 18

19 nazionale è aumentato di soli 0,6. Risultato: un inesorabile e continua crescita dell indebitamento. In barba agli impegni di Maastricht. La ricerca del consenso elettorale, unita ad una visione miope o a nessuna visione del Paese come potenza continentale hanno generato un mostro di de-responsabilizzazione che ha distrutto la competitività del Paese. Figura 12 Dalle analisi di competitività del World Economic Forum, infatti, il ritratto dell Italia è perfettamente rispondente all esperienza di investitori, imprenditori e operatori d affari: un paese con un ottimo livello di sviluppo umano, buone infrastrutture ed un grande mercato potenziale, ma frenato da scarsa fiducia e qualità delle istituzioni, basso sviluppo del mercato finanziario, tassazione elevata, complessa e non adeguata al livello dei servizi e bassa efficienza del mercato del lavoro. 19

20 A tutti questi elementi su cui qualche attento diplomatico italiano ha dedicato attenzione 12 aggiungerei l assoluta mancanza di un dibattito italiano sulle opportunità e le minacce per la sicurezza nazionale nell ambito dell attuale (post prima ondata di globalizzazione?) scenario geoeconomico globale. Nel 2007 le prima pagine dei giornali italiani erano piene di commenti editoriali ed analisi di bilancio riguardanti l avventura dei Capitani Coraggiosi lanciati da Berlusconi e Tremonti al salvataggio di Alitalia e dell Onore Nazionale. Sempre in quell anno, senza alcuna riflessione pubblica, si consumò la cessione (passata per fusione) della Borsa Italiana SpA al London Stock Exchange. Ciò significa che, fino al 2007, per attivare il processo di quotazione e l ammissione in borsa di una società italiana si passava attraverso un gestore di mercato controllato dall Italia e il cui top management era italiano. Oggi rimane la grande sala di rappresentanza dell amministratore delegato di Borsa Italiana a Palazzo Mezzanotte, ma l azienda è controllata da soci (banche, prevalentemente) inglesi. Le decisioni ultime su chi ammettere in borsa vengono prese a Londra. Stimolare la creazione di un tessuto imprenditoriale dinamico e competitivo, ed affiancarlo con una presenza istituzionale efficace, competente e snella e creare un ambiente favorevole al capitale di rischio (venture capital, private equity, IPO) dovrebbe essere un elemento di supporto della sicurezza economica nazionale e di creazione di forza lavoro stabile e di valore aggiunto sostenibile. L esempio Alitalia Borsa Italiana, e il modo in cui l Italia ha trattato il proprio bilancio nel periodo successivo all ingresso dell Euro mostrano che al di là di qualche episodio di lip service i boiardi che governano i grandi partiti nazionali non hanno alcun interesse a farsi davvero carico di questi temi. Negli ultimi 15 anni uno stuolo di aziende italiane di grandissimo prestigio internazionale sono state cedute (Figura 13) segnalando, oltre al noto nanismo dell imprenditoria italiana, anche una diffusa sfiducia degli imprenditori italiani nella possibilità di continuare a fare business nel Paese. Vi sono anche casi in cui, famiglie imprenditoriali molto ricche, abbiano de-investito nei loro business principali, che a volte avevano il potenziale di diventare dei global brands, per ritirarsi a vita privata e investire in attività che generano rendite, a volte all ombra dello stato. Quello che è andato perduto, non si recupera. Vi sono peraltro casi molto interessanti di terze generazioni imprenditoriali che hanno fatto tesoro della ricchezza culturale e di immagine dell Italia per veicolare all estero prodotti e servizi di qualità. Credo sia questa la strada da incentivare e promuovere, ovviamente considerando le ben note riforme come un pre-requisito, per migliorare le condizioni di sicurezza economica e sociale dell Italia. 12 Tommaso Coniglio; L imperativo della competitività. Sicurezza nazionale ed economia di mercato nell era della globalizzazione; Franco Angeli, 2007; con prefazione di Carlo Jean. 20

Intelligence, globalizzazione e interesse nazionale: il caso italiano. XXVIII Convegno SISP Perugia, 12 settembre 2014 Marco Moschetta

Intelligence, globalizzazione e interesse nazionale: il caso italiano. XXVIII Convegno SISP Perugia, 12 settembre 2014 Marco Moschetta Intelligence, globalizzazione e interesse nazionale: il caso italiano. XXVIII Convegno SISP Perugia, 12 settembre 2014 Marco Moschetta 1947: Europe must move together Our whole concept of the unification

Dettagli

i dossier UN MATRIMONIO DI INTERESSE Il lato oscuro del rapporto instauratosi tra la Bce e il sistema bancario italiano www.freefoundation.

i dossier UN MATRIMONIO DI INTERESSE Il lato oscuro del rapporto instauratosi tra la Bce e il sistema bancario italiano www.freefoundation. 54 i dossier www.freefoundation.com UN MATRIMONIO DI INTERESSE Il lato oscuro del rapporto instauratosi tra la Bce e il sistema bancario italiano 16 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 L euforia

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino La crisi (origini) Le cause americane: Anni di politica monetaria espansiva

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50.

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Analisi andamento del mercato dell'oro Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Non e un caso che l oro si sia rivalutato del 408% in $ del

Dettagli

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI

IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI 54 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI Editoriale de Il Giornale, 16 aprile 2012 16 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Ora è ufficiale.

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm BEGHELLI ELISABETTA CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm Analista di Bilancio Aiaf CTU Tribunale di Cuneo Albo PF iscrizione nr 13491 1 LO SCENARIO ECONOMICO

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE Comunicato stampa Bank of America Merrill Lynch Financial Centre 2 King Edward Street London EC1A 1HQ Per ulteriori informazioni: Ana Iris Reece Gonzalez Donatella Cifarelli Brunswick tel: 02 9288 6200

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A.

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. ETICA PER L ECONOMIA E LA FINANZA Possono convivere Etica e finanza? Se rivolgiamo l attenzione ai fatti accaduti nelle

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE Pellini Stefania - Pupo Rosina -Tarantini Thomas Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Corso di Politica Economica Avanzato

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore AGGIUNGI UN GRECIA, IN AZIENDA TORNA LA RACMA? D Sull orlo del collasso finanziario, il più debole dei paesi europei è di fronte a scelte difficili, anche di politica monetaria. Il modello argentino attuato

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO?

RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO? www.fondazioneistud.it RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO? Ivo Pezzuto Milano, 9 Luglio 2015 i.pezzuto@gmail.com https://twitter.com/ivopezzuto Scenari globali Scenari globali Quadro geopolitico

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

8 febbraio 2013 Roberto Russo

8 febbraio 2013 Roberto Russo Facciiamo chiiarezza sull Monte deii Paschii! 8 febbraio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Il Monte dei Paschi di Siena negli ultimi venti giorni è stato al centro di una campagna mediatica senza precedenti

Dettagli

UNA POLITICA RECESSIVA dovuta a un eccesso di

UNA POLITICA RECESSIVA dovuta a un eccesso di A UN PAS DAL BARATRO La crisi dopo quasi quattro anni dal crack di Lehman Brothers. Tra speculazioni, debiti pubblici e recessioni proviamo a fare una radiografia della vulnerabilità globale Ivan Centomani

Dettagli

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano di Sergio Portatadino, Pöyry Energy Consulting La sensazione di vivere in un periodo di cambiamento storico pervade anche i mercati energetici e l emblema

Dettagli

INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente.

INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente. INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente. La vera origine della Crisi. La crisi che ci troviamo ad affrontare

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Divergenze P. Gautry, capo economista

Divergenze P. Gautry, capo economista 2015 Divergenze P. Gautry, capo economista Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com www.ubp.com La crescita

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Gregorio De Felice Chief economist Milano, 25 settembre 2014 Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi Napoli, 4 dicembre 28 Crisi finanziaria e recessione globale La situazione

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

Dettagli

IFMA (Italian Financial Markets Advisors)

IFMA (Italian Financial Markets Advisors) IFMA (Italian Financial Markets Advisors) Tobin Tax Una proposta alternativa Siamo in presenza di una tassa che danneggia il sistema economico con una flessione del PIL e che, con ragionevole certezza,

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli