CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA"

Transcript

1 CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Quei dolori che l huomo patisce e fa patire alla madre nel suo nascimento. Uno sguardo storico 1. De morbis mulierum - Le malattie delle donne Da quando nel Cinquecento cominciano ad essere stampati dei libri di materia medica che parlano della cura del corpo femminile e quindi di argomenti ostetrici e ginecologici, quei testi si chiameranno de morbis mulierum, sulle malattie delle donne. Si tratta inizialmente soprattutto di edizioni di classici della medicina - greci e arabi oltre che latini - che tradotti nella lingua universale che era allora il latino, e diffusi tramite la stampa da poco inventata, divulgavano quelle conoscenze antiche nei luoghi del sapere e della formazione medica. La tradizione filosofico-medica delinea e definisce forme di pensiero di lunga durata sul corpo femminile, che marcheranno profondamente la mentalità dell occidente. Il pensiero medico per lunghi secoli ha infatti avuto come centro d interesse e di studio l uomo, maschio e adulto. Per differenza si sono definiti gli ambiti del sapere medico che si occupano di donne. La principale differenza fra uomo e donna medicalmente e storicamente riscontrata è sostanzialmente la capacità femminile di generare. La medicina dotta dalla classicità greca almeno fino al pensiero medico cinquecentesco ma in moltissimi casi per molto tempo ancora - non si distacca da questo modello (fatte salve alcune eccezioni, in particolare i testi di medicina scritti da donne). Le opere dei grandi medici dell antichità greca e romana, e le traduzioni e interpretazioni che ne portarono in Europa occidentale il pensiero islamico durante il Medio Evo, andarono ad incrementare la cultura dei sapienti e a formare i medici nelle università. Sono dunque i trattati medici ostetrico-ginecologici dotti, del Cinque-Seicento, a far emergere l immagine-modello di corpo femminile, e di donna, che caratterizzano la storia della medicina dotta e la cultura occidentali: è una donna fatta per procreare, da curare se non genera. Il ruolo della stampa è stato anche in questo caso fondamentale per la circolazione di opere dotte su le malattie delle donne; il precedente pensiero medievale occidentale generalmente non le aveva ritenute degne di interesse medicofilosofico. Ho voluto fare questa breve e per nulla esaustiva introduzione, solo per sottolineare che nella storia del pensiero medico la diversità femminile rispetto all uomo cioè, ripeto, quel giovane maschio adulto che è oggetto di studio e modello di umanità nel pensiero medico viene trascritta in termini di malattia. Malattie delle donne nei testi medici antichi per secoli si intendono: mestruazioni, gravidanza, parto, allattamento, puerperio (non solo le affezioni e le patologie legate a quei periodi/fenomeni del corpo femminile). È nel contesto di questa forma di pensiero che vanno inserite le mie riflessioni sul dolore del parto. È un dolore che si inserisce in un quadro che è per il pensiero medico - quello di uno stato di perenne e naturale malattia e, come vedremo, debolezza. Al tempo stesso però 1

2 il parto, e il suo dolore, sono manifestazioni di forza, potenza e violenza del corpo. «Questo dato di base, che è al centro dell esperienza del parto», che posto ha avuto storicamente nell idea e nella realtà del parto? «Dolore e parto si chiedeva Mireille Laget nel 1981 possono essere dissociati nelle strutture mentali?» (Laget 156). Detto questo, tuttavia, vorrei subito sfatare un luogo comune, e cioè che fosse realmente diffusa la concezione del dolore del parto come punizione divina inflitta al genere femminile in conseguenza del peccato originale, o del peccato sessuale della concupiscenza. Senza nulla togliere al significato religioso (e poi anche ideologicamente interpretato) della condanna biblica, dal punto di vista storico non va però confuso un monito che viene da un testo sacro con la pratica quotidiana dei parti, con il diffuso modo di pensare, non solo dei medici ma anche delle donne. Ciò non toglie che anche il parto felice secondo la morale tradizionale debba essere doloroso. Bisogna soffrire per diventare madre, si pensava e si diceva. Quel che emerge però dalla lettura di tante opere, soprattutto di ostetricia pratica, che più di altre lasciano trapelare tratti della vita reale delle donne, l avvicinarsi del parto era vissuto con timore e angoscia, paura del dolore e paura di non sopravvivere alla prova (e anche di non vedere sopravvivere il bambino). Quel dolore era accettato come la pioggia e la tempesta, perché era inevitabile; accettato con fatalismo, rassegnazione, e con la messa in atto di tecniche, pratiche, riti, preghiere. Perché era, oggi diremmo, naturale. Non ho trovato traccia nelle mie fonti di assunzione di colpa per il peccato originale. Le donne mi pare che avessero molto altro a cui pensare. Dico subito che nemmeno nel pensiero medico il dolore del parto veniva generalmente presentato come condanna biblica; benché mai ci si pose il problema, in ambito medico di poterlo diminuire. Solo in Francia, nel periodo rivoluzionario, si pensò, ma a livello del tutto teorico e non certo come vera preoccupazione medica, di sconfiggere generalmente il dolore: durante la Rivoluzione francese, che si poneva l obiettivo di distruggere tutti i miti sostenuti dalla cristianità, si arrivò a pensare che l uomo avrebbe avuto il sopravvento sulla sofferenza: grande utopia che consisteva nel credere nell abolizione della malattia e del dolore come testimonianza di giustizia sociale e di equilibrio nel mondo (Laget, 162). Tuttavia, invece, fino agli anni Cinquanta del Novecento, i progressi in campo ostetrico hanno mirato a rendere più sicuro il parto, per la madre e per il bambino, senza mai porsi l obiettivo di diminuire il dolore del parto; il dolore era considerato - come è stato detto - un «accessorio passeggero» (Laget), del parto stesso. La tradizione popolare consolava dicendo, come a Venezia: «el mal de partorir, xé un mal desmentegon». Un dolore molto umano, per questo anche simbolico della condizione umana, rappresentativo di altri sforzi dolorosi, e per questo il concetto di parto divenne luogo di usi metaforici. Anche ai giorni nostri usiamo il termine parto per un opera che è costata molta fatica, se non dolore, e ha dato un prodotto: un parto letterario, artistico e non solo. Molte sono le scene di parto nella storia dell arte. Ma il dolore della partoriente è stato descritto dai medici, dai letterati, non tanto dagli artisti. Con qualche eccezione. Alcuni di voi conosceranno la partoriente ritratta dal Bernini in un monumento al centro 2

3 del potere della cristianità. Le fasi del (dolore) del parto sono raffigurate in una sequenza di immagini del viso di una giovane partoriente, e con lo scatto conclusivo del volto del neonato. Otto facciate dei quattro basamenti su cui poggiano le colonne dell altare del Bernini in San Pietro, raffigurano i momenti salienti della gestazione. Fino al parto. Lo stemma di Urbano VIII, che commissionò l opera, si gonfia come un ventre gravido.una scena di parto rappresentata nel luogo sacro per eccellenza, la Basilica di San Pietro, sotto lo sguardo ignaro di milioni di fedeli. La scena è da considerarsi unica nel panorama scultoreo sacro. [In sequenza sono scolpite le diverse fasi della gravidanza, dal concepimento alla nascita di un neonato.] Una scena dall alta valenza simbolica, non a caso scolpita sui basamenti del baldacchino del Bernini, esattamene sopra la tomba dell apostolo Pietro. Un simbolismo tanto colto da non essere capito già dagli stessi contemporanei del Bernini che passarono sotto silenzio la scena considerandola scandalosa e scurrile. (Sabrina Corarze) Poco si sa della storia di questo bassorilievo. La più antica testimonianza che ho trovato è quella del medico Emilio Curatulo in un testo del 1901, dove afferma che l artista volle omaggiare l affezionata nipote che stava partorendo mentre lui si trovava impegnato nella costruzione del baldacchino di San Pietro ( ). Altri vogliono che si tratti della sua amante, o addirittura della papessa Giovanna. Poco importa. Importa invece che il genio dell artista abbia voluto di sottecchi inserire il tema delle doglie del parto in un monumento destinato alla somma potenza cristiana, nel centro del Vaticano. E il volto della partoriente è di una sconcertante e quotidiana umanità. 2. Il dolore del parto: come ne parlano le fonti di medicina pratica Come parlano gli scritti di medicina pratica del dolore del parto? Le testimonianze sui mali reali delle donne e gli atteggiamenti delle partorienti ci giungono più dai discorsi dei medici che da quelli delle donne. Racconti di medici che ci paiono tutto sommato credibili e fedeli testimoni. Non molti anni prima dei bassorilievi del Bernini, l autore di un famoso testo di ostetricia pratica, il secondo in lingua italiana (e che perciò poteva essere letto anche alle donne analfabete che non avrebbero inteso il latino, lingua allora..) apre appunto il suo libro sull assistenza al parto cominciando dal dolore. È il Il capitolo s intitola: Quei dolori che l huomo patisce e fa patire alla madre nel suo nascimento, insieme con l argomento dell opera. E inizia con l incipit: Gran meraviglia pare, che l huomo, per sua natura nobilissimo, e per la stupenda compositione del corpo detto dai greci picciolo mondo il microcosmo -, e per le rare qualità dell animo [ ] riputato imagine divina, nel suo nascimento nondimeno più di ogni altro animale infelice si scuopra, così per rispetto della partoriente, la quale soffre dolori quasi insopportabili, come per rispetto suo, che è concetto e nascente, oltre i dolori più che molti, incorre in pericoli infiniti di morte, cosa che non accade nel nascimento di altri animali [Mercurio, Comare, 1]. Gli antichi filosofi, sulla cui scia si inserisce il nostro testimone, attribuiscono i grandi dolori del parto alla natura stessa delle donne, che secondo la teoria umorale che resterà in auge dalla classicità fino almeno alla rivoluzione scientifica, le vedeva dotate di una struttura fisica «umida e fredda», con conseguenti caratteristiche di debolezza - «debole e fiacca» - (caratteristiche che giustificheranno per secoli nel pensiero occidentale la definizione scientifica dell inferiorità femminile). Tornando ai filosofi e ai dolori del 3

4 parto, è questa natura «umida e fredda» ad essere la causa «di tanti guai e affanni» della madre nel parto. Quella madre che È debolissima, e frigidissima, e il parto è attione faticosissima, nella quale ha bisogno di molta forza, e perciò non potendo ella con la forza contrastare a tanta fatica, è necessario che molto patisca.[ ] Sicché essendo la donna di natura debole, patisce estremamente nel parto tanto pieno di fatiche. [salto la questione ozio ]. Quest autore si dilunga sui pregi intellettuali e spirituali delle donne, non volendo infatti abbracciare il pensiero di molti che sostenevano un indiscussa inferiorità femminile; ma quanto alla potenza fisica, non c è dubbio che la donna sia debole, anche per lui. Come peraltro è il neonato, e parlando di quest ultimo viene introdotto un elemento che presto sparirà dagli scritti dei medici, rimanendo invece nel sottofondo della cultura popolare (per tornare molto tempo dopo nel dibattito scientifico), e cioè la convinzione che lo stesso bambino soffra nel venire al mondo. E infatti, Il patimento del parto è cagionato non solo dalla natura debole della partoriente, ma anco dalla natura della creatura, imperciò che [ ] ha l huomo nel ventre materno il capo (data la proporzione) più grossa [sic] d ogni altro animale, e questo è il primo a uscire fuori del parto naturale; però, essendo più grosso di ogni altro membro, e dovendo uscire per luoghi tanto angusti, e stretti, non può fare di meno, che non apporti dolori estremi a sé, come alla madre. Nell opera da cui ho letto queste citazioni, l autore ha dedicato fin qui quattro fitte pagine a descrivere i perché dei dolori nel parto. In una dozzina di righe riassume il pensiero di quelli che definisce i teologi. I teologi poi ancora essi hanno ragionato di questo fatto altamente, e hanno detto che la madre partoriente, e il figlio nascendo in questo atto, sono soggetti a mille pericoli di morte, e ad altrettanti affanni per il peccato originale, [ ] avendo detto il grande Iddio alla donna: nel dolore partorirai i tuoi figliuoli, e io moltiplicherò i tuoi parti, ma ancora moltiplicherò i tuoi affanni». Dodici righe contro quattro fitte pagine fanno propendere per l ipotesi che questo autore, peraltro molto religioso [ ], fosse più attento a un interpretazione medica e pratica che non alla condivisione della ricerca di cause ultime e punizioni divine. Soffre la madre e soffre il bambino. In un altro testo si parla del neonato come di un bambino stanchissimo «per gli enormi patimenti che soffrì nel nascere» (??). Non mi posso dilungare su questo punto, ma voglio almeno ricordare il saggio del 2010 La douleur du nouveau-né et du foetus del medico anestesista Jamil Hamza, professore universitario e responsabile del reparto di rianimazione dll ospedale st. Vincent de Paul di Parigi cito Il dolore del neonato è stato a lungo negato e a volte lo è ancora in certi dibattiti scientifici o in riviste prestigiose; il dolore del feto è messo in dubbio. E necessario avere conoscenze scientifiche e basi razionali per poter affermare che si tratta proprio di dolore, e è necessario identificare gli aspetti fisiologici per poterne parlare e per sapere come trattare. 4

5 Ma anche solo restando alle doglie delle donne, gli uomini del lontano passato in genere poco sanno, sia di quei dolori che di quei momenti d angoscia, perché come ben esprime il grande dotto bagnacavallese Tomaso Garzoni, nel 1586 gli uomini stanno fuori dalla porta, da dove «si sente lo strepito e i gridi sì della madre, come del bambino che esce fuori» [cit. in: Pancino/bambino]. 3. Buone pratiche Cosa si faceva di fronte ai dolori del parto? Come anche nel caso delle vere malattie i testi di medicina pratica testimoniano il ricorso a un insieme di risorse. Nel caso del parto troviamo unzioni e massaggi sul ventre della partoriente, la presenza di donne con il compito di «consolare» e aiutare fisicamente, reggendola, la gravida, di parole di incoraggiamento da parte dell ostetrica. Si trova l invito a non gridare e a controllare la respirazione. Stando accanto alla partoriente, la levatrice «l avertisca a non gridare o piangere, ma a trattenere il fiato più che sia possibile, perché il fiato trattenuto accelera e facilita il parto mirabilmente» [Mercurio, comare, 86]. Altri documenti consigliano di far tenere in mano alla donna in travaglio del sale grosso, dicendole di schiacciarlo nei pugni quando arriva una doglia. In sintesi, si può dire che i manuali d ostetricia per la preparazione delle levatrici fra Cinquecento e Settecento, sono pieni di consigli che mirano a soddisfare un esigenza che è stata definita di «pacificazione e serenità». Così sono state riassunte da una storica: -l ostetrica deve - avere un aria allegra; - adattarsi all umore dell ammalata, essendo la partoriente in tutti i testi nominata come malata; - incoraggiarla, rassicurarla, persuaderla che sta per partorire [ ] - evitare di parlare in disparte con le vicine, di sussurrare all orecchio, di avere atteggiamenti che possano indurre inquietudine; - parlare del bambino, assicurare che sta bene; - parlare di Dio, e dell utilità della sofferenza» (Laget 161). A volte tutto questo è espresso con un po di paternalistica ironia: Sia la commare affabile, allegra, gratiosa, burliera, coragiosa, e faccia sempre buono animo alle gravide col prometterle che partoriranno un filio maschio al sicuro, e che non sentiranno molto dolore, e ch ella ben lo sa, per molti segni che ha osservato in altre, il che quantunque sia buggia, non essendo detta per danneggiare altrui, ma solo per aiutare e innanimare le partorienti, credo si possa dire senza scropolo di peccato (Scip/comare, 72). Tanto più, aggiunge quest autore, che anche Platone nella Repubblica, dice che è concesso al medico dir bugie per consolare l ammalato. Il dolore c è, come la paura; si tratta di sensazioni e sentimenti che vengono accettati e nominati, ben di più e più tranquillamente di quanto si farà nel periodo della maternità felice mitizzata e pubblicizzata dalla seconda metà del Novecento. Anche nel passato le esperienze furono molto diverse, purtroppo della maggioranza dei parti più che vere informazioni abbiamo testimonianze indirette o deboli echi. 5

6 Ma già nei primi studi a largo raggio sulla storia del parto, pubblicati quasi trent anni fa, è stata messa in evidenza la peculiarità - la storicità - dell esperienza, del vissuto del dolore nel parto, da parte di donne di appartenenze culturali diverse. Uno studio francese del 1982 cioè esattamente di trent anni fa -, confrontava le informazioni che provenivano da documenti, sul dolore nel parto, in Francia e in occidente fra Seicento e Ottocento, con diverse esperienze e espressioni del dolore che si «confrontavano» già allora nei reparti di maternità francesi, con le ondate migratorie del secolo scorso (dunque, anni 70 e 80). In Italia queste tematiche sono state registrate e problematizzate con una ventina d anni di ritardo rispetto alla Francia. Lo storico in questione, parlando del Settecento, scrive [Laget ]: man mano che la donna si avvicina al termine del parto, grida. In una società in cui l espressione di se stessi è molto pudica, le donne gridano la loro sofferenza e il loro dolore: grida, urli che fanno parte del rituale. Questa esplosione, questa perdita di controllo si comunica alle persone circostanti. La donna che partorisce non è più un giocattolo in una celebrazione tragica del dolore o, fin dall inizio, è spiritualmente prigioniera del ruolo che le è stato assegnato; attorno a lei si condivide la sua infelicità con altri gemiti, altre grida. [...] Il grido diventa un modo di comunicare, e così anche esteriorizzare il dolore e superare l angoscia. Ma la donna meridionale non grida più delle altre? I medici del XX secolo che fanno partorire donne immigrate dicono volentieri di quelle che urlano: «è un iberica!». Oggi si legge negli studi e si sente raccontare da ostetriche e ginecologi quanto siano diversi i comportamenti delle donne in travaglio provenienti da culture e paesi diversi (perché le cinesi non gridano? Mi ha chiesto una giovane ostetrica durante un ncontro formativo in Friuli). La cultura del dolore, della sua espressione, non sono state e non sono tutte uguali, fanno parte della storia delle società e delle culture. Oggi la scienza fornisce spiegazioni. Voglio citare il saggio di Monique Valentino, altro medico anestesista, sulla percezione dolorosa durante il parto al di là dell innervazione. Dice: «I fenomeni meccanici non spiegano da soli i dolori provati dalle donne.ogni dolore è soggettivo, cioè è provato da un soggetto attraverso il filtro della sua storia personale, familiare, sociale, del suo gruppo culturale, e della sua appartenenza religiosa». Durante il parto, invasa dalla violenza delle contrazioni uterine che vengono dall interno del suo corpo «ogni partoriente produce un dolore che appartiene solo a lei». Società e culture che tuttavia in tempi lontani hanno saputo mischiare anche frammenti di tradizioni e riti, fra oriente e occidente, fra lato sud e lato nord del Mediterraneo, in modi per noi oggi impensabili. La rosa di Gerico C è un amuleto vegetale utilizzato nel passato come talismano per il buon andamento del parto, il cui nome più comune fra XVI e XIX secolo è «rosa di Gerico»; a Venezia si diceva «rosa della Madonna», altrove «rosa di Fatima». Il suo nome scientifico è anastatica hierochuntica. Si tratta di una infiorescenza che quando è secca ha l aspetto di un bocciolo legnoso di rametti che, chiusi su se stessi, producono una forma vagamente sferica. Se messa a contatto con l acqua l infiorescenza si schiude, si apre e rinverdisce. Per l analogia che suggerisce con l apertura della bocca dell utero durante il parto, l amuleto si diffuse 6

7 nell Europa d età moderna e rimase poi localmente nelle tradizioni fino a tempi recenti. Testimoni del Settecento raccontano di levatrici che all inizio del parto ponevano accanto alla partoriente un vaso con dell acqua dove, all inizio del travaglio, veniva appunto posta la rosa di Gerico. Col passare delle ore il suo dischiudersi avrebbe agevolato il buon andamento del parto. L habitat della rosa non è però l Europa - dove è stata appunto osservata dai medici nelle stanze delle partorienti - bensì il lato sud del Mediterraneo. Come avrà fatto a diffondersi l amuleto e il suo uso? Quali percorsi di navi, strade e culture, hanno portato in Europa quel «fiore» miracoloso? Potremmo chiamare questa una pratica transmediterranea, nell ipotesi (in realtà non dimostrata), che nel lato sud del Mediterraneo, da dove è stata introdotta in Europa la rosa di Gerico venisse utilizzata nello stesso modo. Com è potuto accadere che donne francesi o italiane, veneziane, volessero la «rosa di Gerico» accanto a sé nel travaglio del parto? (dato che, appunto, la «rosa» non cresceva il Italia, né il Francia, né in Spagna quella pianta, bensì in Nord Africa, in Asia Minore, Arabia, Israele ). Tracce di conoscenze e pratiche di paesi lontani che si affacciano sul mare Mediterraneo si trovano in usi e gesti di cui a volte non si conosce l origine. Il pensiero analogico, la conoscenza delle proprietà di erbe e minerali, il commercio in antico regime di amuleti, pietre e piante, parlano di percorsi di comunicazione che sono confluiti in diversificati modi di fare conoscenza. Avranno le donne dell Europa cristiana di tre secoli fa vissuto il travaglio del parto con la stessa sofferenza, le stesse manifestazioni di paura e angoscia, con richieste d aiuto simili a quelle espresse dalle partorienti coeve della Tunisia del Marocco dell Egitto, del Libano? Voglio concludere con un informazione che viene del presente, dall altro lato questa volta dell ocean. Sul quotidiano la Repubblica del (?) giugno 2012 in un trafiletto (che non sarà sfuggito a molti di voi) si legge: Una nuova figura professionale si sta facendo largo oltreoceano: il fotografo del parto, quello sì, più del matrimonio, un momento storico nella vita di una madre, bene o male anche di suo marito ma soprattutto del bimbo che viene ala luce. [ ] Ma esattamente di che cosa? Di quali primi piani di quali dettagli? Non dico da «schiaffare in Facebook» come chiede il giornalista, ma io più all antica mi chiedo: quale foto sarà incorniciata? Un immagine del tipo di quelle del Bernini? Il volto contratto dal dolore e la bocca aperta che emette un grido? (e la foto dove sarà collocata?) 7

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944)

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) Posizione della Santa Chiesa Queste apparizioni della Madre di Dio non hanno ancora ottenuto il verdetto di autentica

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO Duemila anni di mito dell infanzia saggi Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08073-6 Prima edizione BUR Saggi novembre 2015 Realizzazione

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Caro amico del Forum,

Caro amico del Forum, LA NAVE DEI FOLLI Caro amico del Forum, in questa lettera vogliamo raccontarti il nostro rumoroso, gioioso, folle progetto e chiedere a te un prezioso contributo. Il progetto si chiama La Nave dei Folli.

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

L accompagnamento del morente in RSA

L accompagnamento del morente in RSA Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita L accompagnamento del morente Massimo Petrini Centro di Promozione e Sviluppo dell Assistenza Geriatrica Facoltà di Medicina e Chirurgia A.Gemelli

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa

Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa in preparazione all Incontro Mondiale delle Famiglie di Milano 2012 L IDEA - I più piccoli sono sempre i primi a gioire e sempre pronti

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL FENOMENO DELL UDIRE VOCI Se lei ha, o ha avuto,

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati.

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati. IL MINIDIZIONARIO Tutti i diritti sono riservati. CIAO A TUTTI, IL MIO NOME È MARCO E PER LAVORO STO TUTTO IL GIORNO SU INTERNET. TEMPO FA HO AIUTATO MIA NONNA A CONNETTERSI CON SUO FIGLIO IN CANADA E

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Il consultorio e il pap-test: la voce alle ostetriche

Il consultorio e il pap-test: la voce alle ostetriche Il consultorio e il pap-test: la voce alle ostetriche Daniela Mantovanelli Annamaria Barbi Marisa Ferri Sonia Maistrello L ostetrica.ieri E considerata una delle più antiche professioni al mondo Nel 1500

Dettagli

MASCHI CONTRO FEMMINE

MASCHI CONTRO FEMMINE MASCHI CONTRO FEMMINE OBIETTIVO Analizzare le immagini stereotipate legate all appartenenza di genere, riflettere sulle motivazioni dei diversi comportamenti di uomini e donne e sulla propria identità

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli