CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA"

Transcript

1 CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Quei dolori che l huomo patisce e fa patire alla madre nel suo nascimento. Uno sguardo storico 1. De morbis mulierum - Le malattie delle donne Da quando nel Cinquecento cominciano ad essere stampati dei libri di materia medica che parlano della cura del corpo femminile e quindi di argomenti ostetrici e ginecologici, quei testi si chiameranno de morbis mulierum, sulle malattie delle donne. Si tratta inizialmente soprattutto di edizioni di classici della medicina - greci e arabi oltre che latini - che tradotti nella lingua universale che era allora il latino, e diffusi tramite la stampa da poco inventata, divulgavano quelle conoscenze antiche nei luoghi del sapere e della formazione medica. La tradizione filosofico-medica delinea e definisce forme di pensiero di lunga durata sul corpo femminile, che marcheranno profondamente la mentalità dell occidente. Il pensiero medico per lunghi secoli ha infatti avuto come centro d interesse e di studio l uomo, maschio e adulto. Per differenza si sono definiti gli ambiti del sapere medico che si occupano di donne. La principale differenza fra uomo e donna medicalmente e storicamente riscontrata è sostanzialmente la capacità femminile di generare. La medicina dotta dalla classicità greca almeno fino al pensiero medico cinquecentesco ma in moltissimi casi per molto tempo ancora - non si distacca da questo modello (fatte salve alcune eccezioni, in particolare i testi di medicina scritti da donne). Le opere dei grandi medici dell antichità greca e romana, e le traduzioni e interpretazioni che ne portarono in Europa occidentale il pensiero islamico durante il Medio Evo, andarono ad incrementare la cultura dei sapienti e a formare i medici nelle università. Sono dunque i trattati medici ostetrico-ginecologici dotti, del Cinque-Seicento, a far emergere l immagine-modello di corpo femminile, e di donna, che caratterizzano la storia della medicina dotta e la cultura occidentali: è una donna fatta per procreare, da curare se non genera. Il ruolo della stampa è stato anche in questo caso fondamentale per la circolazione di opere dotte su le malattie delle donne; il precedente pensiero medievale occidentale generalmente non le aveva ritenute degne di interesse medicofilosofico. Ho voluto fare questa breve e per nulla esaustiva introduzione, solo per sottolineare che nella storia del pensiero medico la diversità femminile rispetto all uomo cioè, ripeto, quel giovane maschio adulto che è oggetto di studio e modello di umanità nel pensiero medico viene trascritta in termini di malattia. Malattie delle donne nei testi medici antichi per secoli si intendono: mestruazioni, gravidanza, parto, allattamento, puerperio (non solo le affezioni e le patologie legate a quei periodi/fenomeni del corpo femminile). È nel contesto di questa forma di pensiero che vanno inserite le mie riflessioni sul dolore del parto. È un dolore che si inserisce in un quadro che è per il pensiero medico - quello di uno stato di perenne e naturale malattia e, come vedremo, debolezza. Al tempo stesso però 1

2 il parto, e il suo dolore, sono manifestazioni di forza, potenza e violenza del corpo. «Questo dato di base, che è al centro dell esperienza del parto», che posto ha avuto storicamente nell idea e nella realtà del parto? «Dolore e parto si chiedeva Mireille Laget nel 1981 possono essere dissociati nelle strutture mentali?» (Laget 156). Detto questo, tuttavia, vorrei subito sfatare un luogo comune, e cioè che fosse realmente diffusa la concezione del dolore del parto come punizione divina inflitta al genere femminile in conseguenza del peccato originale, o del peccato sessuale della concupiscenza. Senza nulla togliere al significato religioso (e poi anche ideologicamente interpretato) della condanna biblica, dal punto di vista storico non va però confuso un monito che viene da un testo sacro con la pratica quotidiana dei parti, con il diffuso modo di pensare, non solo dei medici ma anche delle donne. Ciò non toglie che anche il parto felice secondo la morale tradizionale debba essere doloroso. Bisogna soffrire per diventare madre, si pensava e si diceva. Quel che emerge però dalla lettura di tante opere, soprattutto di ostetricia pratica, che più di altre lasciano trapelare tratti della vita reale delle donne, l avvicinarsi del parto era vissuto con timore e angoscia, paura del dolore e paura di non sopravvivere alla prova (e anche di non vedere sopravvivere il bambino). Quel dolore era accettato come la pioggia e la tempesta, perché era inevitabile; accettato con fatalismo, rassegnazione, e con la messa in atto di tecniche, pratiche, riti, preghiere. Perché era, oggi diremmo, naturale. Non ho trovato traccia nelle mie fonti di assunzione di colpa per il peccato originale. Le donne mi pare che avessero molto altro a cui pensare. Dico subito che nemmeno nel pensiero medico il dolore del parto veniva generalmente presentato come condanna biblica; benché mai ci si pose il problema, in ambito medico di poterlo diminuire. Solo in Francia, nel periodo rivoluzionario, si pensò, ma a livello del tutto teorico e non certo come vera preoccupazione medica, di sconfiggere generalmente il dolore: durante la Rivoluzione francese, che si poneva l obiettivo di distruggere tutti i miti sostenuti dalla cristianità, si arrivò a pensare che l uomo avrebbe avuto il sopravvento sulla sofferenza: grande utopia che consisteva nel credere nell abolizione della malattia e del dolore come testimonianza di giustizia sociale e di equilibrio nel mondo (Laget, 162). Tuttavia, invece, fino agli anni Cinquanta del Novecento, i progressi in campo ostetrico hanno mirato a rendere più sicuro il parto, per la madre e per il bambino, senza mai porsi l obiettivo di diminuire il dolore del parto; il dolore era considerato - come è stato detto - un «accessorio passeggero» (Laget), del parto stesso. La tradizione popolare consolava dicendo, come a Venezia: «el mal de partorir, xé un mal desmentegon». Un dolore molto umano, per questo anche simbolico della condizione umana, rappresentativo di altri sforzi dolorosi, e per questo il concetto di parto divenne luogo di usi metaforici. Anche ai giorni nostri usiamo il termine parto per un opera che è costata molta fatica, se non dolore, e ha dato un prodotto: un parto letterario, artistico e non solo. Molte sono le scene di parto nella storia dell arte. Ma il dolore della partoriente è stato descritto dai medici, dai letterati, non tanto dagli artisti. Con qualche eccezione. Alcuni di voi conosceranno la partoriente ritratta dal Bernini in un monumento al centro 2

3 del potere della cristianità. Le fasi del (dolore) del parto sono raffigurate in una sequenza di immagini del viso di una giovane partoriente, e con lo scatto conclusivo del volto del neonato. Otto facciate dei quattro basamenti su cui poggiano le colonne dell altare del Bernini in San Pietro, raffigurano i momenti salienti della gestazione. Fino al parto. Lo stemma di Urbano VIII, che commissionò l opera, si gonfia come un ventre gravido.una scena di parto rappresentata nel luogo sacro per eccellenza, la Basilica di San Pietro, sotto lo sguardo ignaro di milioni di fedeli. La scena è da considerarsi unica nel panorama scultoreo sacro. [In sequenza sono scolpite le diverse fasi della gravidanza, dal concepimento alla nascita di un neonato.] Una scena dall alta valenza simbolica, non a caso scolpita sui basamenti del baldacchino del Bernini, esattamene sopra la tomba dell apostolo Pietro. Un simbolismo tanto colto da non essere capito già dagli stessi contemporanei del Bernini che passarono sotto silenzio la scena considerandola scandalosa e scurrile. (Sabrina Corarze) Poco si sa della storia di questo bassorilievo. La più antica testimonianza che ho trovato è quella del medico Emilio Curatulo in un testo del 1901, dove afferma che l artista volle omaggiare l affezionata nipote che stava partorendo mentre lui si trovava impegnato nella costruzione del baldacchino di San Pietro ( ). Altri vogliono che si tratti della sua amante, o addirittura della papessa Giovanna. Poco importa. Importa invece che il genio dell artista abbia voluto di sottecchi inserire il tema delle doglie del parto in un monumento destinato alla somma potenza cristiana, nel centro del Vaticano. E il volto della partoriente è di una sconcertante e quotidiana umanità. 2. Il dolore del parto: come ne parlano le fonti di medicina pratica Come parlano gli scritti di medicina pratica del dolore del parto? Le testimonianze sui mali reali delle donne e gli atteggiamenti delle partorienti ci giungono più dai discorsi dei medici che da quelli delle donne. Racconti di medici che ci paiono tutto sommato credibili e fedeli testimoni. Non molti anni prima dei bassorilievi del Bernini, l autore di un famoso testo di ostetricia pratica, il secondo in lingua italiana (e che perciò poteva essere letto anche alle donne analfabete che non avrebbero inteso il latino, lingua allora..) apre appunto il suo libro sull assistenza al parto cominciando dal dolore. È il Il capitolo s intitola: Quei dolori che l huomo patisce e fa patire alla madre nel suo nascimento, insieme con l argomento dell opera. E inizia con l incipit: Gran meraviglia pare, che l huomo, per sua natura nobilissimo, e per la stupenda compositione del corpo detto dai greci picciolo mondo il microcosmo -, e per le rare qualità dell animo [ ] riputato imagine divina, nel suo nascimento nondimeno più di ogni altro animale infelice si scuopra, così per rispetto della partoriente, la quale soffre dolori quasi insopportabili, come per rispetto suo, che è concetto e nascente, oltre i dolori più che molti, incorre in pericoli infiniti di morte, cosa che non accade nel nascimento di altri animali [Mercurio, Comare, 1]. Gli antichi filosofi, sulla cui scia si inserisce il nostro testimone, attribuiscono i grandi dolori del parto alla natura stessa delle donne, che secondo la teoria umorale che resterà in auge dalla classicità fino almeno alla rivoluzione scientifica, le vedeva dotate di una struttura fisica «umida e fredda», con conseguenti caratteristiche di debolezza - «debole e fiacca» - (caratteristiche che giustificheranno per secoli nel pensiero occidentale la definizione scientifica dell inferiorità femminile). Tornando ai filosofi e ai dolori del 3

4 parto, è questa natura «umida e fredda» ad essere la causa «di tanti guai e affanni» della madre nel parto. Quella madre che È debolissima, e frigidissima, e il parto è attione faticosissima, nella quale ha bisogno di molta forza, e perciò non potendo ella con la forza contrastare a tanta fatica, è necessario che molto patisca.[ ] Sicché essendo la donna di natura debole, patisce estremamente nel parto tanto pieno di fatiche. [salto la questione ozio ]. Quest autore si dilunga sui pregi intellettuali e spirituali delle donne, non volendo infatti abbracciare il pensiero di molti che sostenevano un indiscussa inferiorità femminile; ma quanto alla potenza fisica, non c è dubbio che la donna sia debole, anche per lui. Come peraltro è il neonato, e parlando di quest ultimo viene introdotto un elemento che presto sparirà dagli scritti dei medici, rimanendo invece nel sottofondo della cultura popolare (per tornare molto tempo dopo nel dibattito scientifico), e cioè la convinzione che lo stesso bambino soffra nel venire al mondo. E infatti, Il patimento del parto è cagionato non solo dalla natura debole della partoriente, ma anco dalla natura della creatura, imperciò che [ ] ha l huomo nel ventre materno il capo (data la proporzione) più grossa [sic] d ogni altro animale, e questo è il primo a uscire fuori del parto naturale; però, essendo più grosso di ogni altro membro, e dovendo uscire per luoghi tanto angusti, e stretti, non può fare di meno, che non apporti dolori estremi a sé, come alla madre. Nell opera da cui ho letto queste citazioni, l autore ha dedicato fin qui quattro fitte pagine a descrivere i perché dei dolori nel parto. In una dozzina di righe riassume il pensiero di quelli che definisce i teologi. I teologi poi ancora essi hanno ragionato di questo fatto altamente, e hanno detto che la madre partoriente, e il figlio nascendo in questo atto, sono soggetti a mille pericoli di morte, e ad altrettanti affanni per il peccato originale, [ ] avendo detto il grande Iddio alla donna: nel dolore partorirai i tuoi figliuoli, e io moltiplicherò i tuoi parti, ma ancora moltiplicherò i tuoi affanni». Dodici righe contro quattro fitte pagine fanno propendere per l ipotesi che questo autore, peraltro molto religioso [ ], fosse più attento a un interpretazione medica e pratica che non alla condivisione della ricerca di cause ultime e punizioni divine. Soffre la madre e soffre il bambino. In un altro testo si parla del neonato come di un bambino stanchissimo «per gli enormi patimenti che soffrì nel nascere» (??). Non mi posso dilungare su questo punto, ma voglio almeno ricordare il saggio del 2010 La douleur du nouveau-né et du foetus del medico anestesista Jamil Hamza, professore universitario e responsabile del reparto di rianimazione dll ospedale st. Vincent de Paul di Parigi cito Il dolore del neonato è stato a lungo negato e a volte lo è ancora in certi dibattiti scientifici o in riviste prestigiose; il dolore del feto è messo in dubbio. E necessario avere conoscenze scientifiche e basi razionali per poter affermare che si tratta proprio di dolore, e è necessario identificare gli aspetti fisiologici per poterne parlare e per sapere come trattare. 4

5 Ma anche solo restando alle doglie delle donne, gli uomini del lontano passato in genere poco sanno, sia di quei dolori che di quei momenti d angoscia, perché come ben esprime il grande dotto bagnacavallese Tomaso Garzoni, nel 1586 gli uomini stanno fuori dalla porta, da dove «si sente lo strepito e i gridi sì della madre, come del bambino che esce fuori» [cit. in: Pancino/bambino]. 3. Buone pratiche Cosa si faceva di fronte ai dolori del parto? Come anche nel caso delle vere malattie i testi di medicina pratica testimoniano il ricorso a un insieme di risorse. Nel caso del parto troviamo unzioni e massaggi sul ventre della partoriente, la presenza di donne con il compito di «consolare» e aiutare fisicamente, reggendola, la gravida, di parole di incoraggiamento da parte dell ostetrica. Si trova l invito a non gridare e a controllare la respirazione. Stando accanto alla partoriente, la levatrice «l avertisca a non gridare o piangere, ma a trattenere il fiato più che sia possibile, perché il fiato trattenuto accelera e facilita il parto mirabilmente» [Mercurio, comare, 86]. Altri documenti consigliano di far tenere in mano alla donna in travaglio del sale grosso, dicendole di schiacciarlo nei pugni quando arriva una doglia. In sintesi, si può dire che i manuali d ostetricia per la preparazione delle levatrici fra Cinquecento e Settecento, sono pieni di consigli che mirano a soddisfare un esigenza che è stata definita di «pacificazione e serenità». Così sono state riassunte da una storica: -l ostetrica deve - avere un aria allegra; - adattarsi all umore dell ammalata, essendo la partoriente in tutti i testi nominata come malata; - incoraggiarla, rassicurarla, persuaderla che sta per partorire [ ] - evitare di parlare in disparte con le vicine, di sussurrare all orecchio, di avere atteggiamenti che possano indurre inquietudine; - parlare del bambino, assicurare che sta bene; - parlare di Dio, e dell utilità della sofferenza» (Laget 161). A volte tutto questo è espresso con un po di paternalistica ironia: Sia la commare affabile, allegra, gratiosa, burliera, coragiosa, e faccia sempre buono animo alle gravide col prometterle che partoriranno un filio maschio al sicuro, e che non sentiranno molto dolore, e ch ella ben lo sa, per molti segni che ha osservato in altre, il che quantunque sia buggia, non essendo detta per danneggiare altrui, ma solo per aiutare e innanimare le partorienti, credo si possa dire senza scropolo di peccato (Scip/comare, 72). Tanto più, aggiunge quest autore, che anche Platone nella Repubblica, dice che è concesso al medico dir bugie per consolare l ammalato. Il dolore c è, come la paura; si tratta di sensazioni e sentimenti che vengono accettati e nominati, ben di più e più tranquillamente di quanto si farà nel periodo della maternità felice mitizzata e pubblicizzata dalla seconda metà del Novecento. Anche nel passato le esperienze furono molto diverse, purtroppo della maggioranza dei parti più che vere informazioni abbiamo testimonianze indirette o deboli echi. 5

6 Ma già nei primi studi a largo raggio sulla storia del parto, pubblicati quasi trent anni fa, è stata messa in evidenza la peculiarità - la storicità - dell esperienza, del vissuto del dolore nel parto, da parte di donne di appartenenze culturali diverse. Uno studio francese del 1982 cioè esattamente di trent anni fa -, confrontava le informazioni che provenivano da documenti, sul dolore nel parto, in Francia e in occidente fra Seicento e Ottocento, con diverse esperienze e espressioni del dolore che si «confrontavano» già allora nei reparti di maternità francesi, con le ondate migratorie del secolo scorso (dunque, anni 70 e 80). In Italia queste tematiche sono state registrate e problematizzate con una ventina d anni di ritardo rispetto alla Francia. Lo storico in questione, parlando del Settecento, scrive [Laget ]: man mano che la donna si avvicina al termine del parto, grida. In una società in cui l espressione di se stessi è molto pudica, le donne gridano la loro sofferenza e il loro dolore: grida, urli che fanno parte del rituale. Questa esplosione, questa perdita di controllo si comunica alle persone circostanti. La donna che partorisce non è più un giocattolo in una celebrazione tragica del dolore o, fin dall inizio, è spiritualmente prigioniera del ruolo che le è stato assegnato; attorno a lei si condivide la sua infelicità con altri gemiti, altre grida. [...] Il grido diventa un modo di comunicare, e così anche esteriorizzare il dolore e superare l angoscia. Ma la donna meridionale non grida più delle altre? I medici del XX secolo che fanno partorire donne immigrate dicono volentieri di quelle che urlano: «è un iberica!». Oggi si legge negli studi e si sente raccontare da ostetriche e ginecologi quanto siano diversi i comportamenti delle donne in travaglio provenienti da culture e paesi diversi (perché le cinesi non gridano? Mi ha chiesto una giovane ostetrica durante un ncontro formativo in Friuli). La cultura del dolore, della sua espressione, non sono state e non sono tutte uguali, fanno parte della storia delle società e delle culture. Oggi la scienza fornisce spiegazioni. Voglio citare il saggio di Monique Valentino, altro medico anestesista, sulla percezione dolorosa durante il parto al di là dell innervazione. Dice: «I fenomeni meccanici non spiegano da soli i dolori provati dalle donne.ogni dolore è soggettivo, cioè è provato da un soggetto attraverso il filtro della sua storia personale, familiare, sociale, del suo gruppo culturale, e della sua appartenenza religiosa». Durante il parto, invasa dalla violenza delle contrazioni uterine che vengono dall interno del suo corpo «ogni partoriente produce un dolore che appartiene solo a lei». Società e culture che tuttavia in tempi lontani hanno saputo mischiare anche frammenti di tradizioni e riti, fra oriente e occidente, fra lato sud e lato nord del Mediterraneo, in modi per noi oggi impensabili. La rosa di Gerico C è un amuleto vegetale utilizzato nel passato come talismano per il buon andamento del parto, il cui nome più comune fra XVI e XIX secolo è «rosa di Gerico»; a Venezia si diceva «rosa della Madonna», altrove «rosa di Fatima». Il suo nome scientifico è anastatica hierochuntica. Si tratta di una infiorescenza che quando è secca ha l aspetto di un bocciolo legnoso di rametti che, chiusi su se stessi, producono una forma vagamente sferica. Se messa a contatto con l acqua l infiorescenza si schiude, si apre e rinverdisce. Per l analogia che suggerisce con l apertura della bocca dell utero durante il parto, l amuleto si diffuse 6

7 nell Europa d età moderna e rimase poi localmente nelle tradizioni fino a tempi recenti. Testimoni del Settecento raccontano di levatrici che all inizio del parto ponevano accanto alla partoriente un vaso con dell acqua dove, all inizio del travaglio, veniva appunto posta la rosa di Gerico. Col passare delle ore il suo dischiudersi avrebbe agevolato il buon andamento del parto. L habitat della rosa non è però l Europa - dove è stata appunto osservata dai medici nelle stanze delle partorienti - bensì il lato sud del Mediterraneo. Come avrà fatto a diffondersi l amuleto e il suo uso? Quali percorsi di navi, strade e culture, hanno portato in Europa quel «fiore» miracoloso? Potremmo chiamare questa una pratica transmediterranea, nell ipotesi (in realtà non dimostrata), che nel lato sud del Mediterraneo, da dove è stata introdotta in Europa la rosa di Gerico venisse utilizzata nello stesso modo. Com è potuto accadere che donne francesi o italiane, veneziane, volessero la «rosa di Gerico» accanto a sé nel travaglio del parto? (dato che, appunto, la «rosa» non cresceva il Italia, né il Francia, né in Spagna quella pianta, bensì in Nord Africa, in Asia Minore, Arabia, Israele ). Tracce di conoscenze e pratiche di paesi lontani che si affacciano sul mare Mediterraneo si trovano in usi e gesti di cui a volte non si conosce l origine. Il pensiero analogico, la conoscenza delle proprietà di erbe e minerali, il commercio in antico regime di amuleti, pietre e piante, parlano di percorsi di comunicazione che sono confluiti in diversificati modi di fare conoscenza. Avranno le donne dell Europa cristiana di tre secoli fa vissuto il travaglio del parto con la stessa sofferenza, le stesse manifestazioni di paura e angoscia, con richieste d aiuto simili a quelle espresse dalle partorienti coeve della Tunisia del Marocco dell Egitto, del Libano? Voglio concludere con un informazione che viene del presente, dall altro lato questa volta dell ocean. Sul quotidiano la Repubblica del (?) giugno 2012 in un trafiletto (che non sarà sfuggito a molti di voi) si legge: Una nuova figura professionale si sta facendo largo oltreoceano: il fotografo del parto, quello sì, più del matrimonio, un momento storico nella vita di una madre, bene o male anche di suo marito ma soprattutto del bimbo che viene ala luce. [ ] Ma esattamente di che cosa? Di quali primi piani di quali dettagli? Non dico da «schiaffare in Facebook» come chiede il giornalista, ma io più all antica mi chiedo: quale foto sarà incorniciata? Un immagine del tipo di quelle del Bernini? Il volto contratto dal dolore e la bocca aperta che emette un grido? (e la foto dove sarà collocata?) 7

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel.

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel. www.schiel.biz by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. Adios Ventilos! o Perché si sono estinte le valvole. Editore: Schiel

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA"

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA MADRE DELL'EUCARISTIA MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA" Via delle Benedettine, 91-00135 ROMA Tel. 063380587; 063387275 Fax 063387254 Internet: http://www.madredelleucaristia.it E-mail: mov.imp.test@madredelleucaristia.it

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli