CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA"

Transcript

1 CLAUDIA PANCINO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Quei dolori che l huomo patisce e fa patire alla madre nel suo nascimento. Uno sguardo storico 1. De morbis mulierum - Le malattie delle donne Da quando nel Cinquecento cominciano ad essere stampati dei libri di materia medica che parlano della cura del corpo femminile e quindi di argomenti ostetrici e ginecologici, quei testi si chiameranno de morbis mulierum, sulle malattie delle donne. Si tratta inizialmente soprattutto di edizioni di classici della medicina - greci e arabi oltre che latini - che tradotti nella lingua universale che era allora il latino, e diffusi tramite la stampa da poco inventata, divulgavano quelle conoscenze antiche nei luoghi del sapere e della formazione medica. La tradizione filosofico-medica delinea e definisce forme di pensiero di lunga durata sul corpo femminile, che marcheranno profondamente la mentalità dell occidente. Il pensiero medico per lunghi secoli ha infatti avuto come centro d interesse e di studio l uomo, maschio e adulto. Per differenza si sono definiti gli ambiti del sapere medico che si occupano di donne. La principale differenza fra uomo e donna medicalmente e storicamente riscontrata è sostanzialmente la capacità femminile di generare. La medicina dotta dalla classicità greca almeno fino al pensiero medico cinquecentesco ma in moltissimi casi per molto tempo ancora - non si distacca da questo modello (fatte salve alcune eccezioni, in particolare i testi di medicina scritti da donne). Le opere dei grandi medici dell antichità greca e romana, e le traduzioni e interpretazioni che ne portarono in Europa occidentale il pensiero islamico durante il Medio Evo, andarono ad incrementare la cultura dei sapienti e a formare i medici nelle università. Sono dunque i trattati medici ostetrico-ginecologici dotti, del Cinque-Seicento, a far emergere l immagine-modello di corpo femminile, e di donna, che caratterizzano la storia della medicina dotta e la cultura occidentali: è una donna fatta per procreare, da curare se non genera. Il ruolo della stampa è stato anche in questo caso fondamentale per la circolazione di opere dotte su le malattie delle donne; il precedente pensiero medievale occidentale generalmente non le aveva ritenute degne di interesse medicofilosofico. Ho voluto fare questa breve e per nulla esaustiva introduzione, solo per sottolineare che nella storia del pensiero medico la diversità femminile rispetto all uomo cioè, ripeto, quel giovane maschio adulto che è oggetto di studio e modello di umanità nel pensiero medico viene trascritta in termini di malattia. Malattie delle donne nei testi medici antichi per secoli si intendono: mestruazioni, gravidanza, parto, allattamento, puerperio (non solo le affezioni e le patologie legate a quei periodi/fenomeni del corpo femminile). È nel contesto di questa forma di pensiero che vanno inserite le mie riflessioni sul dolore del parto. È un dolore che si inserisce in un quadro che è per il pensiero medico - quello di uno stato di perenne e naturale malattia e, come vedremo, debolezza. Al tempo stesso però 1

2 il parto, e il suo dolore, sono manifestazioni di forza, potenza e violenza del corpo. «Questo dato di base, che è al centro dell esperienza del parto», che posto ha avuto storicamente nell idea e nella realtà del parto? «Dolore e parto si chiedeva Mireille Laget nel 1981 possono essere dissociati nelle strutture mentali?» (Laget 156). Detto questo, tuttavia, vorrei subito sfatare un luogo comune, e cioè che fosse realmente diffusa la concezione del dolore del parto come punizione divina inflitta al genere femminile in conseguenza del peccato originale, o del peccato sessuale della concupiscenza. Senza nulla togliere al significato religioso (e poi anche ideologicamente interpretato) della condanna biblica, dal punto di vista storico non va però confuso un monito che viene da un testo sacro con la pratica quotidiana dei parti, con il diffuso modo di pensare, non solo dei medici ma anche delle donne. Ciò non toglie che anche il parto felice secondo la morale tradizionale debba essere doloroso. Bisogna soffrire per diventare madre, si pensava e si diceva. Quel che emerge però dalla lettura di tante opere, soprattutto di ostetricia pratica, che più di altre lasciano trapelare tratti della vita reale delle donne, l avvicinarsi del parto era vissuto con timore e angoscia, paura del dolore e paura di non sopravvivere alla prova (e anche di non vedere sopravvivere il bambino). Quel dolore era accettato come la pioggia e la tempesta, perché era inevitabile; accettato con fatalismo, rassegnazione, e con la messa in atto di tecniche, pratiche, riti, preghiere. Perché era, oggi diremmo, naturale. Non ho trovato traccia nelle mie fonti di assunzione di colpa per il peccato originale. Le donne mi pare che avessero molto altro a cui pensare. Dico subito che nemmeno nel pensiero medico il dolore del parto veniva generalmente presentato come condanna biblica; benché mai ci si pose il problema, in ambito medico di poterlo diminuire. Solo in Francia, nel periodo rivoluzionario, si pensò, ma a livello del tutto teorico e non certo come vera preoccupazione medica, di sconfiggere generalmente il dolore: durante la Rivoluzione francese, che si poneva l obiettivo di distruggere tutti i miti sostenuti dalla cristianità, si arrivò a pensare che l uomo avrebbe avuto il sopravvento sulla sofferenza: grande utopia che consisteva nel credere nell abolizione della malattia e del dolore come testimonianza di giustizia sociale e di equilibrio nel mondo (Laget, 162). Tuttavia, invece, fino agli anni Cinquanta del Novecento, i progressi in campo ostetrico hanno mirato a rendere più sicuro il parto, per la madre e per il bambino, senza mai porsi l obiettivo di diminuire il dolore del parto; il dolore era considerato - come è stato detto - un «accessorio passeggero» (Laget), del parto stesso. La tradizione popolare consolava dicendo, come a Venezia: «el mal de partorir, xé un mal desmentegon». Un dolore molto umano, per questo anche simbolico della condizione umana, rappresentativo di altri sforzi dolorosi, e per questo il concetto di parto divenne luogo di usi metaforici. Anche ai giorni nostri usiamo il termine parto per un opera che è costata molta fatica, se non dolore, e ha dato un prodotto: un parto letterario, artistico e non solo. Molte sono le scene di parto nella storia dell arte. Ma il dolore della partoriente è stato descritto dai medici, dai letterati, non tanto dagli artisti. Con qualche eccezione. Alcuni di voi conosceranno la partoriente ritratta dal Bernini in un monumento al centro 2

3 del potere della cristianità. Le fasi del (dolore) del parto sono raffigurate in una sequenza di immagini del viso di una giovane partoriente, e con lo scatto conclusivo del volto del neonato. Otto facciate dei quattro basamenti su cui poggiano le colonne dell altare del Bernini in San Pietro, raffigurano i momenti salienti della gestazione. Fino al parto. Lo stemma di Urbano VIII, che commissionò l opera, si gonfia come un ventre gravido.una scena di parto rappresentata nel luogo sacro per eccellenza, la Basilica di San Pietro, sotto lo sguardo ignaro di milioni di fedeli. La scena è da considerarsi unica nel panorama scultoreo sacro. [In sequenza sono scolpite le diverse fasi della gravidanza, dal concepimento alla nascita di un neonato.] Una scena dall alta valenza simbolica, non a caso scolpita sui basamenti del baldacchino del Bernini, esattamene sopra la tomba dell apostolo Pietro. Un simbolismo tanto colto da non essere capito già dagli stessi contemporanei del Bernini che passarono sotto silenzio la scena considerandola scandalosa e scurrile. (Sabrina Corarze) Poco si sa della storia di questo bassorilievo. La più antica testimonianza che ho trovato è quella del medico Emilio Curatulo in un testo del 1901, dove afferma che l artista volle omaggiare l affezionata nipote che stava partorendo mentre lui si trovava impegnato nella costruzione del baldacchino di San Pietro ( ). Altri vogliono che si tratti della sua amante, o addirittura della papessa Giovanna. Poco importa. Importa invece che il genio dell artista abbia voluto di sottecchi inserire il tema delle doglie del parto in un monumento destinato alla somma potenza cristiana, nel centro del Vaticano. E il volto della partoriente è di una sconcertante e quotidiana umanità. 2. Il dolore del parto: come ne parlano le fonti di medicina pratica Come parlano gli scritti di medicina pratica del dolore del parto? Le testimonianze sui mali reali delle donne e gli atteggiamenti delle partorienti ci giungono più dai discorsi dei medici che da quelli delle donne. Racconti di medici che ci paiono tutto sommato credibili e fedeli testimoni. Non molti anni prima dei bassorilievi del Bernini, l autore di un famoso testo di ostetricia pratica, il secondo in lingua italiana (e che perciò poteva essere letto anche alle donne analfabete che non avrebbero inteso il latino, lingua allora..) apre appunto il suo libro sull assistenza al parto cominciando dal dolore. È il Il capitolo s intitola: Quei dolori che l huomo patisce e fa patire alla madre nel suo nascimento, insieme con l argomento dell opera. E inizia con l incipit: Gran meraviglia pare, che l huomo, per sua natura nobilissimo, e per la stupenda compositione del corpo detto dai greci picciolo mondo il microcosmo -, e per le rare qualità dell animo [ ] riputato imagine divina, nel suo nascimento nondimeno più di ogni altro animale infelice si scuopra, così per rispetto della partoriente, la quale soffre dolori quasi insopportabili, come per rispetto suo, che è concetto e nascente, oltre i dolori più che molti, incorre in pericoli infiniti di morte, cosa che non accade nel nascimento di altri animali [Mercurio, Comare, 1]. Gli antichi filosofi, sulla cui scia si inserisce il nostro testimone, attribuiscono i grandi dolori del parto alla natura stessa delle donne, che secondo la teoria umorale che resterà in auge dalla classicità fino almeno alla rivoluzione scientifica, le vedeva dotate di una struttura fisica «umida e fredda», con conseguenti caratteristiche di debolezza - «debole e fiacca» - (caratteristiche che giustificheranno per secoli nel pensiero occidentale la definizione scientifica dell inferiorità femminile). Tornando ai filosofi e ai dolori del 3

4 parto, è questa natura «umida e fredda» ad essere la causa «di tanti guai e affanni» della madre nel parto. Quella madre che È debolissima, e frigidissima, e il parto è attione faticosissima, nella quale ha bisogno di molta forza, e perciò non potendo ella con la forza contrastare a tanta fatica, è necessario che molto patisca.[ ] Sicché essendo la donna di natura debole, patisce estremamente nel parto tanto pieno di fatiche. [salto la questione ozio ]. Quest autore si dilunga sui pregi intellettuali e spirituali delle donne, non volendo infatti abbracciare il pensiero di molti che sostenevano un indiscussa inferiorità femminile; ma quanto alla potenza fisica, non c è dubbio che la donna sia debole, anche per lui. Come peraltro è il neonato, e parlando di quest ultimo viene introdotto un elemento che presto sparirà dagli scritti dei medici, rimanendo invece nel sottofondo della cultura popolare (per tornare molto tempo dopo nel dibattito scientifico), e cioè la convinzione che lo stesso bambino soffra nel venire al mondo. E infatti, Il patimento del parto è cagionato non solo dalla natura debole della partoriente, ma anco dalla natura della creatura, imperciò che [ ] ha l huomo nel ventre materno il capo (data la proporzione) più grossa [sic] d ogni altro animale, e questo è il primo a uscire fuori del parto naturale; però, essendo più grosso di ogni altro membro, e dovendo uscire per luoghi tanto angusti, e stretti, non può fare di meno, che non apporti dolori estremi a sé, come alla madre. Nell opera da cui ho letto queste citazioni, l autore ha dedicato fin qui quattro fitte pagine a descrivere i perché dei dolori nel parto. In una dozzina di righe riassume il pensiero di quelli che definisce i teologi. I teologi poi ancora essi hanno ragionato di questo fatto altamente, e hanno detto che la madre partoriente, e il figlio nascendo in questo atto, sono soggetti a mille pericoli di morte, e ad altrettanti affanni per il peccato originale, [ ] avendo detto il grande Iddio alla donna: nel dolore partorirai i tuoi figliuoli, e io moltiplicherò i tuoi parti, ma ancora moltiplicherò i tuoi affanni». Dodici righe contro quattro fitte pagine fanno propendere per l ipotesi che questo autore, peraltro molto religioso [ ], fosse più attento a un interpretazione medica e pratica che non alla condivisione della ricerca di cause ultime e punizioni divine. Soffre la madre e soffre il bambino. In un altro testo si parla del neonato come di un bambino stanchissimo «per gli enormi patimenti che soffrì nel nascere» (??). Non mi posso dilungare su questo punto, ma voglio almeno ricordare il saggio del 2010 La douleur du nouveau-né et du foetus del medico anestesista Jamil Hamza, professore universitario e responsabile del reparto di rianimazione dll ospedale st. Vincent de Paul di Parigi cito Il dolore del neonato è stato a lungo negato e a volte lo è ancora in certi dibattiti scientifici o in riviste prestigiose; il dolore del feto è messo in dubbio. E necessario avere conoscenze scientifiche e basi razionali per poter affermare che si tratta proprio di dolore, e è necessario identificare gli aspetti fisiologici per poterne parlare e per sapere come trattare. 4

5 Ma anche solo restando alle doglie delle donne, gli uomini del lontano passato in genere poco sanno, sia di quei dolori che di quei momenti d angoscia, perché come ben esprime il grande dotto bagnacavallese Tomaso Garzoni, nel 1586 gli uomini stanno fuori dalla porta, da dove «si sente lo strepito e i gridi sì della madre, come del bambino che esce fuori» [cit. in: Pancino/bambino]. 3. Buone pratiche Cosa si faceva di fronte ai dolori del parto? Come anche nel caso delle vere malattie i testi di medicina pratica testimoniano il ricorso a un insieme di risorse. Nel caso del parto troviamo unzioni e massaggi sul ventre della partoriente, la presenza di donne con il compito di «consolare» e aiutare fisicamente, reggendola, la gravida, di parole di incoraggiamento da parte dell ostetrica. Si trova l invito a non gridare e a controllare la respirazione. Stando accanto alla partoriente, la levatrice «l avertisca a non gridare o piangere, ma a trattenere il fiato più che sia possibile, perché il fiato trattenuto accelera e facilita il parto mirabilmente» [Mercurio, comare, 86]. Altri documenti consigliano di far tenere in mano alla donna in travaglio del sale grosso, dicendole di schiacciarlo nei pugni quando arriva una doglia. In sintesi, si può dire che i manuali d ostetricia per la preparazione delle levatrici fra Cinquecento e Settecento, sono pieni di consigli che mirano a soddisfare un esigenza che è stata definita di «pacificazione e serenità». Così sono state riassunte da una storica: -l ostetrica deve - avere un aria allegra; - adattarsi all umore dell ammalata, essendo la partoriente in tutti i testi nominata come malata; - incoraggiarla, rassicurarla, persuaderla che sta per partorire [ ] - evitare di parlare in disparte con le vicine, di sussurrare all orecchio, di avere atteggiamenti che possano indurre inquietudine; - parlare del bambino, assicurare che sta bene; - parlare di Dio, e dell utilità della sofferenza» (Laget 161). A volte tutto questo è espresso con un po di paternalistica ironia: Sia la commare affabile, allegra, gratiosa, burliera, coragiosa, e faccia sempre buono animo alle gravide col prometterle che partoriranno un filio maschio al sicuro, e che non sentiranno molto dolore, e ch ella ben lo sa, per molti segni che ha osservato in altre, il che quantunque sia buggia, non essendo detta per danneggiare altrui, ma solo per aiutare e innanimare le partorienti, credo si possa dire senza scropolo di peccato (Scip/comare, 72). Tanto più, aggiunge quest autore, che anche Platone nella Repubblica, dice che è concesso al medico dir bugie per consolare l ammalato. Il dolore c è, come la paura; si tratta di sensazioni e sentimenti che vengono accettati e nominati, ben di più e più tranquillamente di quanto si farà nel periodo della maternità felice mitizzata e pubblicizzata dalla seconda metà del Novecento. Anche nel passato le esperienze furono molto diverse, purtroppo della maggioranza dei parti più che vere informazioni abbiamo testimonianze indirette o deboli echi. 5

6 Ma già nei primi studi a largo raggio sulla storia del parto, pubblicati quasi trent anni fa, è stata messa in evidenza la peculiarità - la storicità - dell esperienza, del vissuto del dolore nel parto, da parte di donne di appartenenze culturali diverse. Uno studio francese del 1982 cioè esattamente di trent anni fa -, confrontava le informazioni che provenivano da documenti, sul dolore nel parto, in Francia e in occidente fra Seicento e Ottocento, con diverse esperienze e espressioni del dolore che si «confrontavano» già allora nei reparti di maternità francesi, con le ondate migratorie del secolo scorso (dunque, anni 70 e 80). In Italia queste tematiche sono state registrate e problematizzate con una ventina d anni di ritardo rispetto alla Francia. Lo storico in questione, parlando del Settecento, scrive [Laget ]: man mano che la donna si avvicina al termine del parto, grida. In una società in cui l espressione di se stessi è molto pudica, le donne gridano la loro sofferenza e il loro dolore: grida, urli che fanno parte del rituale. Questa esplosione, questa perdita di controllo si comunica alle persone circostanti. La donna che partorisce non è più un giocattolo in una celebrazione tragica del dolore o, fin dall inizio, è spiritualmente prigioniera del ruolo che le è stato assegnato; attorno a lei si condivide la sua infelicità con altri gemiti, altre grida. [...] Il grido diventa un modo di comunicare, e così anche esteriorizzare il dolore e superare l angoscia. Ma la donna meridionale non grida più delle altre? I medici del XX secolo che fanno partorire donne immigrate dicono volentieri di quelle che urlano: «è un iberica!». Oggi si legge negli studi e si sente raccontare da ostetriche e ginecologi quanto siano diversi i comportamenti delle donne in travaglio provenienti da culture e paesi diversi (perché le cinesi non gridano? Mi ha chiesto una giovane ostetrica durante un ncontro formativo in Friuli). La cultura del dolore, della sua espressione, non sono state e non sono tutte uguali, fanno parte della storia delle società e delle culture. Oggi la scienza fornisce spiegazioni. Voglio citare il saggio di Monique Valentino, altro medico anestesista, sulla percezione dolorosa durante il parto al di là dell innervazione. Dice: «I fenomeni meccanici non spiegano da soli i dolori provati dalle donne.ogni dolore è soggettivo, cioè è provato da un soggetto attraverso il filtro della sua storia personale, familiare, sociale, del suo gruppo culturale, e della sua appartenenza religiosa». Durante il parto, invasa dalla violenza delle contrazioni uterine che vengono dall interno del suo corpo «ogni partoriente produce un dolore che appartiene solo a lei». Società e culture che tuttavia in tempi lontani hanno saputo mischiare anche frammenti di tradizioni e riti, fra oriente e occidente, fra lato sud e lato nord del Mediterraneo, in modi per noi oggi impensabili. La rosa di Gerico C è un amuleto vegetale utilizzato nel passato come talismano per il buon andamento del parto, il cui nome più comune fra XVI e XIX secolo è «rosa di Gerico»; a Venezia si diceva «rosa della Madonna», altrove «rosa di Fatima». Il suo nome scientifico è anastatica hierochuntica. Si tratta di una infiorescenza che quando è secca ha l aspetto di un bocciolo legnoso di rametti che, chiusi su se stessi, producono una forma vagamente sferica. Se messa a contatto con l acqua l infiorescenza si schiude, si apre e rinverdisce. Per l analogia che suggerisce con l apertura della bocca dell utero durante il parto, l amuleto si diffuse 6

7 nell Europa d età moderna e rimase poi localmente nelle tradizioni fino a tempi recenti. Testimoni del Settecento raccontano di levatrici che all inizio del parto ponevano accanto alla partoriente un vaso con dell acqua dove, all inizio del travaglio, veniva appunto posta la rosa di Gerico. Col passare delle ore il suo dischiudersi avrebbe agevolato il buon andamento del parto. L habitat della rosa non è però l Europa - dove è stata appunto osservata dai medici nelle stanze delle partorienti - bensì il lato sud del Mediterraneo. Come avrà fatto a diffondersi l amuleto e il suo uso? Quali percorsi di navi, strade e culture, hanno portato in Europa quel «fiore» miracoloso? Potremmo chiamare questa una pratica transmediterranea, nell ipotesi (in realtà non dimostrata), che nel lato sud del Mediterraneo, da dove è stata introdotta in Europa la rosa di Gerico venisse utilizzata nello stesso modo. Com è potuto accadere che donne francesi o italiane, veneziane, volessero la «rosa di Gerico» accanto a sé nel travaglio del parto? (dato che, appunto, la «rosa» non cresceva il Italia, né il Francia, né in Spagna quella pianta, bensì in Nord Africa, in Asia Minore, Arabia, Israele ). Tracce di conoscenze e pratiche di paesi lontani che si affacciano sul mare Mediterraneo si trovano in usi e gesti di cui a volte non si conosce l origine. Il pensiero analogico, la conoscenza delle proprietà di erbe e minerali, il commercio in antico regime di amuleti, pietre e piante, parlano di percorsi di comunicazione che sono confluiti in diversificati modi di fare conoscenza. Avranno le donne dell Europa cristiana di tre secoli fa vissuto il travaglio del parto con la stessa sofferenza, le stesse manifestazioni di paura e angoscia, con richieste d aiuto simili a quelle espresse dalle partorienti coeve della Tunisia del Marocco dell Egitto, del Libano? Voglio concludere con un informazione che viene del presente, dall altro lato questa volta dell ocean. Sul quotidiano la Repubblica del (?) giugno 2012 in un trafiletto (che non sarà sfuggito a molti di voi) si legge: Una nuova figura professionale si sta facendo largo oltreoceano: il fotografo del parto, quello sì, più del matrimonio, un momento storico nella vita di una madre, bene o male anche di suo marito ma soprattutto del bimbo che viene ala luce. [ ] Ma esattamente di che cosa? Di quali primi piani di quali dettagli? Non dico da «schiaffare in Facebook» come chiede il giornalista, ma io più all antica mi chiedo: quale foto sarà incorniciata? Un immagine del tipo di quelle del Bernini? Il volto contratto dal dolore e la bocca aperta che emette un grido? (e la foto dove sarà collocata?) 7

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

pagina precedente 41

pagina precedente 41 pagina precedente 41 Marta Campiotti Il cerchio delle donne Marta Campiotti (Varese, 1956). Laureata in Filosofia alla Statale di Milano e diplomata in Ostetricia a Firenze. Nel 1984 si trasferisce a Livigno,

Dettagli

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia R A F F A E L L A M I C H I E L I Segretario Nazionale Società Italiana Medicina Generale Nonostante il titolo della mia relazione sia Il ruolo di sentinella

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

FRANCA RIGHI. A colloquio con I MUSEI DELLA PSICHIATRIA. Reggio Emilia: Centro di Documentazione di storia della psichiatria CARLO LIVI.

FRANCA RIGHI. A colloquio con I MUSEI DELLA PSICHIATRIA. Reggio Emilia: Centro di Documentazione di storia della psichiatria CARLO LIVI. REPORTAGE Reggio Emilia: Centro di Documentazione di storia della psichiatria CARLO LIVI I MUSEI DELLA PSICHIATRIA A colloquio con FRANCA RIGHI Psicologa Il Centro di documentazione di storia della psichiatria

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

La donna che curava le donne

La donna che curava le donne La donna che curava le donne TROTULA DE RUGGIERO alias La Medichessa Vi dico di una donna filosofa di nome Trotula che visse a lungo e fu assai bella in gioventù e dalla quale i medici traggono grande

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti.

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti. PRESENTAZIONE Dalla relazione svolta dal card. Carlo M. Martini a Camaldoli, luglio 2002, al convegno Cristianesimo e democrazia nel futuro dell Europa. La Bibbia divenga il libro del futuro dell Europa

Dettagli

RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4. La dignità della procreazione

RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4. La dignità della procreazione RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4 La dignità della procreazione Non è sicuramente casuale che Giovanni Paolo II, nella Lettera alle famiglie, cominci a trattare della procreazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e l eutanasia

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e l eutanasia OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e l eutanasia Il Gazzettino, 23.11.2010 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio telefonico

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

I luoghi e i linguaggi della relazione di cura

I luoghi e i linguaggi della relazione di cura A.C.O.S. Regione Lazio U.C.F.I. sezione di Roma I luoghi e i linguaggi della relazione di cura Nobile Collegio Chimico Farmaceutico, Roma, 26 Ottobre 2013. I luoghi e i linguaggi della relazione di cura

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio 6 - La storia della conoscenza La misura del tempo Quando gli uomini hanno voluto misurare il tempo, in tutte le epoche e in tutte le parti del

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo Mente&Cibo Premaman Chi siamo Antropica Gruppo Interdisciplinare per lo Sviluppo Umano è un associazione culturale, senza fini di lucro e indirizzi di carattere politico, che si propone di promuovere la

Dettagli

SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE

SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE 1 SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE Varese, 22 novembre 2013 Obiettivi 2 Approfondire i concetti di salute, malattia e morte nelle loro peculiarità culturali Favorire il dialogo interculturale

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti].

Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti]. Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti]. 2. Cosa è una nota bibliografica. E una nota documentale?

Dettagli

Paola Serranò UOCP ASP Reggio Calabria Federazione cure palliative

Paola Serranò UOCP ASP Reggio Calabria Federazione cure palliative Paola Serranò UOCP ASP Reggio Calabria Federazione cure palliative Definizione cure palliative art 2 Quando le terapie causali sono terminate e la malattia evolve, perde progressivamente di importanza

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

School News EDIZIONE DI NATALE

School News EDIZIONE DI NATALE School News La scuola secondo gli studenti ESCLUSIVA SUL TERRORISMO EDIZIONE DI NATALE ATTACCHI TERRORISTICI Parigi, Bataclan, Stade de France: tutti luoghi attaccati dal terrorismo, ma proviamo a non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Il ruolo del partner nella gestione del dolore

Il ruolo del partner nella gestione del dolore Il ruolo del partner nella gestione del dolore Intervista a Julie Bonapace A A R T I C O L O a cura di Amina Contin RP cercato quindi di capire da cosa nascevano queste crisi familiari che portavano poi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

Associazione Laici Cattolici Italiani

Associazione Laici Cattolici Italiani Associazione Laici Cattolici Italiani ALCI FINALITÀ L associazione laici cattolici italiani è una libera associazione a carattere volontario, senza alcuna finalità di lucro motivata dalla decisione dei

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Caro amico del Forum,

Caro amico del Forum, LA NAVE DEI FOLLI Caro amico del Forum, in questa lettera vogliamo raccontarti il nostro rumoroso, gioioso, folle progetto e chiedere a te un prezioso contributo. Il progetto si chiama La Nave dei Folli.

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO

1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO 1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO Tempo di realizzazione delle attività Incontro di un ora Obiettivi Far scoprire ai ragazzi la diversità e l unicità di ogni essere umano Favorire la conoscenza e la maggior

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Nel nome dei Figli. Seconda edizione

Nel nome dei Figli. Seconda edizione Nel nome dei Figli Seconda edizione Questo libro è come un seme. Se ne condividi il senso aiutaci a diffonderlo. Contatto Autore: info@figlipersempre.com www.nelnomedeifigli.it Vittorio Vezzetti NEL NOME

Dettagli

INTRODUZIONE. Abstract

INTRODUZIONE. Abstract INTRODUZIONE Ed era calata la sera. E Almitra, la veggente, disse: «Benedetti siano questo giorno, questo luogo e il tuo spirito che ci ha parlato». Ed egli rispose: «Ero io a parlare? Non ero forse anch

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli