UN GIORNALE INTERCULTURALE Il caso de Il Tamburo di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN GIORNALE INTERCULTURALE Il caso de Il Tamburo di Bologna"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Specialistica in Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica UN GIORNALE INTERCULTURALE Il caso de Il Tamburo di Bologna Tesi di laurea specialistica in Comunicazione e informazione sociale Relatore Prof. Pina Lalli Presentata da F. Gaia Farina Correlatore Prof. Mauro Sarti Sessione II Anno accademico 2006/2007 1

2 Indice Introduzione 7 I. Contesto e arene pubbliche dell informazione L immigrazione reale Identikit dei cittadini immigrati Gli immigrati e l economia Italiana Gli immigrati e l illegalità: sbarchi e criminalità Analisi dei dati L immigrazione mediale L immigrazione nei media Pratiche giornalistiche e immigrazione Rappresentazioni mediali e rappresentazioni collettive I problemi sociali e la loro ribalta nelle arene comunicative Arene comunicative e discorso sull immigrazione 47 II. Il giornalismo sociale e i media multiculturali Il giornalismo sociale Il lento emergere del sociale Misure alternative Il giornalismo sociale nel Temi e pratiche Il civic journalism Media multiculturali Prime indagini Contenuti, lingue utilizzate e target dei media multiculturali Evoluzione del fenomeno e tipologie Due modelli a confronto: Metropoli e Stranieri in Italia Uno sguardo all Europa Meeting dei media multiculturali Il primo incontro dei media multiculturali Il secondo meeting dei media multiculturali Il terzo Meeting Italiano dei media multiculturali I media multiculturali nel Conclusioni e analisi Teoria, deontologia e legislazione Il concetto di Interesse pubblico e il servizio pubblico italiano Codici deontologici e normative Libertà di stampa possibilità per i giornalisti stranieri 108 2

3 III. Felsimedia e la Regione Emilia Romagna Il contesto regionale Immigrazione in Emilia Romagna Le politiche regionali per la partecipazione dei migranti I difetti del giornalismo locale in Italia Media multiculturali in Emilia Romagna Felsimedia Associazionismo e immigrazione a Bologna La nascita del progetto comunicativo Asteriscoradio.com La Coop. Soc. Felsimedia Conclusioni 139 IV. Il Tamburo mensile dell intercultura a Bologna Le pratiche redazionali Il percorso etnografico Il tamburo I collaboratori Nessuno è indispensabile, tutti fondamentali Come nascono le notizie? Vicinanza con il lettore distribuzione mirata Le correzioni: strategia di inclusione e uniformità Modalità di socializzazione e senso di appartenenza Analisi degli articoli Cenni metodologici La prima pagina: foto-notizia, box, Il Punto, le lettere alla redazione Tipologia degli articoli e canone narrativo Argomenti La rappresentazione degli immigrati ne Il Tamburo Analisi 181 Conclusioni 185 Bibliografia 189 Allegati 201 Nota metodologica 203 Interviste 209 Fotografie 3

4 Abstract Si potrebbe dire che in Italia esistono due migrazioni. Una è costituita dai processi di mobilità geografica che da decenni coinvolgono il nostro paese, modificando la composizione della sua popolazione e contribuendo a cambiare la vita sociale 1. La seconda(...) è quella che appare a intervalli regolari nel discorso pubblico italiano e che conduce in buona parte una vita propria, indipendentemente dalle caratteristiche dei processi migratori reali. 2 Utilizza slogan, posizioni, parole e topoi retorici per conferire un illusione di profondità a quanto si afferma e, soprattutto, per ottenere un adeguata copertura giornalistica 3. E proprio da questa considerazione che prende avvio il mio lavoro di ricerca. Dalla convinzione della necessità di sviluppare un discorso pubblico migliore sulla società italiana in relazione ai fenomeni migratori. Un discorso che inizi a trattare le migrazioni come un fenomeno plurale e complesso, non riducibile alla mera steriotipizzazione fatta dai media. Un discorso che inizi a pensare all Italia come un Paese in cui convivono culture e stili di vita differenti e che riesca ad armonizzare questa società grazie anche ad una corretta rappresentazione delle sue molteplici facce. Un mutamento che va accompagnato a processi di elaborazione e auto-riflessione pubblica, rispetto al quale i media rappresentano oggi l arena privilegiata e quasi naturale 4. I mass media italiani, come sottolineato nell elaborato, non sempre riescono a fornire un supporto per un discorso informato e completo sull immigrazione. Proprio su questa base, ho deciso di concentrare il mio lavoro su un settore nascente dell informazione: i media multiculturali. Negli ultimi anni, infatti, si stanno diffondendo alcuni media promossi dagli immigrati stessi, da alcune associazioni o dalle istituzioni che potrebbero mettere in dubbio il ruolo predominante dei media mainstream nella costruzione del discorso pubblico sull immigrazione. La mia analisi quindi si è concentrata su una specifica iniziativa multiculturale, il mensile Il Tamburo di Bologna. La scelta di questo giornale è stata stimolata da alcune sue caratteristiche specifiche: innanzi tutto la lingua utilizzata, l italiano, una scelta coraggiosa se accostata all obiettivo di riferirsi agli immigrati. Secondariamente l intento dichiarato de Il Tamburo di riferirsi ad un pubblico differenziato: immigrati di ogni provenienza e italiani nativi. Infine la composizione della redazione: il posto di rilievo assunto da due 1 Decimo, F., Sciortino, G., (a cura di) Reti migranti, Bologna, Il Mulino, 2006, p.7 2 Ibidem 3 Ivi p.9 4 Morcellini, M., Fuori luogo. I migranti alle porte della cittadella mediale, in Problemi dell informazione, a XXX n.1, marzo 2005 p. 37 4

5 cittadini di origine camerunese, il direttore e il caporedattore, e la composizione mista dei collaboratori, italiani e stranieri. Il lavoro di ricerca ha tentato di comprendere se e come i media multiculturali, e nello specifico Il Tamburo nel territorio bolognese, possano rappresentare arene rinnovate di pubblica discussione e quanto questi media possano fornire agli immigrati stessi le informazioni utili per integrarsi e partecipare al dibattito pubblico e agli italiani una conoscenza appropriata della realtà che li circonda. Nello specifico l elaborato è stato diviso in due parti: la prima, contestuale e riflessiva, volta a delineare il quadro in cui le iniziative multiculturali prima e Il Tamburo poi si sono sviluppate. La seconda, dedicata all analisi di caso effettuata con una ricerca partecipata all interno della redazione de Il Tamburo e sui suoi contenuti. All osservazione etnografica, svolta dal maggio all agosto del 2007, sono state affiancate interviste aperte a quattro dei collaboratori della redazione. Inoltre, per comprendere meglio le peculiarità di questa arena comunicativa, è stata essenziale l analisi degli argomenti trattati nelle pagine del giornale 5. Il primo capitolo, di natura introduttiva, ha tentato di fornire il quadro dell incidenza del fenomeno migratorio in Italia, attraverso dati e statistiche aggiornate. A questo quadro è stato affiancato quello che, invece, i mass media tradizionali presentano quotidianamente. L incongruenza fra le due immigrazioni mi ha spinta ad analizzarne sia le ragioni, individuandole nel processo di produzione dell informazione, sia le conseguenze, supportate dalle diverse teorie sugli effetti dei media. La conclusione del capitolo, quindi, si è concentrata sull emergere di istanze comunicative diverse da quelle tradizionali seguendo un modello teorico che descrive le modalità con cui i problemi pubblici riescono a farsi strada nelle arene comunicative 6. Nel secondo capitolo, quindi, si è proceduto a delineare, nel contesto italiano, le tendenze ed esperienze di giornalismo sociale. All interno di questo settore sono state rintracciate le pratiche e i temi che lo caratterizzano rispetto ai media mainstream sottolineando il cammino che nel panorama giornalistico italiano è stato compiuto dal terzo settore per dotarsi di mezzi e strumenti al fine di acquisire visibilità. I media multiculturali sono stati analizzati come una delle declinazioni del giornalismo sociale, caratterizzati dall essere prodotti da immigrati e/o a loro diretti. Tali iniziative sono spesso promosse da associazioni, enti istituzionali o, come nel caso specifico della mia analisi, dagli stessi immigrati. All interno di questo settore ho rintracciato le caratteristiche comuni a tutti i media che lo compongono e le differenze fondamentali fra essi sottolineando anche l emergere di una attenzione del mondo commerciale al target costituito dagli immigrati. Ho poi seguito il loro cammino comune, all interno della Piattaforma dei Media Multiculturali e il processo di istituzionalizzazione del 5 Cfr nota metodologica allegata alla tesi in versione completa. 6 Cfr. Hilgartner S., Bosk C.L., The Rise and Fall of Social Problems: A Public Arenas Model, in American Journal of Sociology, vol. 94, 1988, pp

6 settore, i contatti stabiliti, i limiti legislativi, le barriere giuridiche ed economiche che ne condizionano l esistenza. Dal terzo capitolo si entra nello specifico dell analisi sul territorio regionale e poi cittadino. Dopo aver analizzato l incidenza del fenomeno migratorio in Emilia Romagna, mi sono concentrata sulle politiche locali per l integrazione e la promozione dei media multiculturali. L analisi delle caratteristiche dei media multiculturali presenti in Regione mi hanno poi condotta a descrivere la nascita di uno specifico prodotto: Il Tamburo, un mensile promosso da due cittadini camerunesi a Bologna ed edito dalla Cooperativa sociale Felsimedia. Le caratteristiche della cooperativa e il percorso che ha portato alla sua costituzione sono essenziali per comprendere i valori e le pratiche produttive che animano Il Tamburo. Nell ultimo capitolo, quindi, forte di tutte le considerazioni condotte in precedenza, l analisi è andata a delineare Il Tamburo, mensile dell intercultura a Bologna. Le pratiche redazionali sono state indagate grazie all osservazione etnografica da me effettuata all interno della redazione. Ad esse è stata poi affiancata l analisi delle interviste effettuate ai collaboratori del giornale e successivamente l analisi del contenuto dello stesso. Intento finale della ricerca è di comprendere le modalità in cui Il Tamburo ha portato avanti il suo discorso, l evoluzione di questa esperienza di comunicazione nel tempo, i vari rapporti che ha intessuto e le strategie che i suoi promotori hanno utilizzato per rafforzare i rapporti con il territorio. Nello stesso tempo l intento è rintracciare al suo interno le pratiche che favoriscono un miglioramento del discorso pubblico sull immigrazione e che forniscono ai cittadini immigrati e nativi, in questo caso nel territorio bolognese, uno spunto di riflessione nuovo. Dalla ricerca, Il Tamburo è risultato essere un giornale che non si limita ad essere la voce degli immigrati. Il Tamburo, infatti, si pone come un giornale per molti versi generalista, vario e multiforme nell intento di promuovere il dialogo fra italiani e immigrati e fra immigrati stessi. Certo, due sono i principali obiettivi della linea editoriale: la proposta di un immagine diversa dell immigrazione e l offerta di informazioni di servizio per gli immigrati. Se l offerta di informazioni di servizio è motivata dalla convinzione che l informazione stia alla base di un percorso di autodeterminazione da parte dei cittadini immigrati, l intenzione di ribaltare l attuale rappresentazione dell immigrazione introduce invece un discorso più complesso che presuppone la costruzione di un dialogo con la società. Un dialogo che, nel nostro specifico caso, è stato portato avanti in modo strategico nel territorio bolognese dai promotori del giornale, due operatives, che attraverso un processo di legittimazione e di lavoro sul territorio hanno intessuto rapporti con le istituzioni locali, le associazioni, le comunità straniere, i giornalisti, l Università. 6

7 Il perseguimento di questi fini è stato possibile grazie ad una strategia: anche per Il Tamburo, infatti, è stato ed è necessario attirare l attenzione dei lettori che, come suggeriscono Hilgartner e Bosk 7, è una risorsa scarsa, soprattutto in una situazione di forte concorrenza di notizie. Il Tamburo, pertanto, non ha denunciato i soprusi o promosso un atteggiamento di pietismo verso gli immigrati, ma ha tentato di costruire un immagine che - seguendo la definizione proposta da Moscovici a proposito delle rappresentazioni sociali 8 - potremmo definire familiare dell immigrato. Grazie a questa strategia, denominata positivazione, il cittadino immigrato può vedersi rappresentato e riconoscersi nel giornale, e il cittadino italiano ha modo di vedere confermato quanto da alcuni anni questa parte ha modo di osservare: l immigrato, cioè, non è più il deviante ma il commerciante sotto casa o il commercialista a cui rivolgersi. Il frame proposto per inserire la figura dell immigrato si distacca nettamente dalla drammatizzazione dei media mainstream e propone un immagine vicina al lettore, sia fisicamente sia idealmente. Al di là dei contenuti sono interessanti anche le pratiche con cui sono costruite le notizie all interno del Il Tamburo : le fonti utilizzate sono fonti di prossimità, i cittadini ai quali il giornale viene distribuito, gli amici o l esperienza diretta dei redattori. Questo implica da una parte una vicinanza maggiore al soggetto rappresentato e pertanto una maggiore adesione del soggetto alla rappresentazione. Il giornale si rivolge quindi al cittadino: un cittadino che si riscontra come tale per il fatto di trovare uno spazio praticabile (e non solo travalicabile) d impegno e coinvolgimento nella notizia, nell informazione 9. E attraverso il suo appello stimola alla partecipazione nel territorio locale e alla condivisione di spazi e idee. Lo spazio pubblico, seguendo questo discorso, non s identificherebbe con una sfera pubblica riconducibile soltanto a funzioni imposte dalla mercificazione dell informazione commerciale, ma mostrerebbe la sua capacità di trovare zone di pluralità seppur parcellizzate, minoritarie e frammentate, in cui si sviluppano discorsi diversi. Arene parziali, dove i problemi competono per emergere al pari delle definizioni dei problemi stessi. Arene in grado di influenzarsi a vicenda: quanto più un problema si sviluppa nelle diverse arene tanto più avrà l opportunità di rimanere a lungo nel discorso pubblico. La sfida per Il Tamburo è quella di non rimanere un informazione di nicchia e di stimolare interessamenti da più parti al suo discorso, possibilità che dipende dallo scenario organizzativo e culturale che lo circonda come dalle strategie che attiva per attirare l attenzione sul suo discorso. 7 Ibidem. 8 S. Msocovici, Le rappresentazioni sociali, Il Mulino, Bologna, Lalli, P. L informazione specializzata: il caso di Redattore Sociale, in Lalli, P. (a cura di). Imparziali ma non indifferenti. Il giornalismo di Redattore sociale, agenzia di stampa quotidiana, Homless Book, Faenza, p.19. 7

8 L analisi di un esperienza giovane e limitata come Il Tamburo ha quindi permesso di aprire una finestra sul complesso mondo dei media prodotti da e per immigrati e di rintracciare partendo da una singola esperienza, alcune caratteristiche del settore, buone prassi, pregi, punti di forza o difetti. Si tratta, infatti, di un settore in espansione in conseguenza della volontà di partecipazione dei cittadini stranieri e per i crescenti interessi economici che questo target richiama. La società multiculturale si configura come un dato di fatto, non prenderne atto sarebbe miope, interesse di tutti è valorizzare le iniziative di dialogo fra culture che vedono nei media un terreno privilegiato. 8

9 Bibliografia Ambrosini, M., 2005 Sociologia delle migrazioni, Il Mulino, Bologna Belluati, M., Grossi, G., e Viglongo, E., 1995 Mass media e società multietnica, Anabassi Milano Boltanski, L., 2000 Lo spettacolo del dolore, Raffaello Cortina Editore, Milano Capecchi, S., 2004 L audience attiva., Carrocci Editore S.p.a., Roma Cardano, M., 2003 Tecniche di ricerca qualitativa, Carrocci Editore S.p.a., Roma Castronuovo, V., Tranfaglia, N., 1994 La stampa italiana nell età della televisione, Laterza, Bari Cefai, D., 2002 La construction des problèmes publics. Définition de situations dans des arènes publiques. Cerase, A., 2005 Notizie clandestine. Una ricerca sulla rappresentazione mediale degli immigrati, in Problemi dell informazione a xxx n.1 marzo Colombo, E., 2002 Le società multiculturale, Carrocci Editore S.p.a., Roma Corte, M., 2006 Comunicazione e giornalismo interculturale, Cedam, Padova Corte, M., 2002 Stranieri e mass media. Stampa, immigrazione Pedagogia interculturale, Cedam, Padova Cottle, S., 1997 Television end ethnic minorities. Producers perspective, Aldershot, Averbury Dal Lago, A., 2004 Non-persone. L esclusione dei migranti in una società globale, Giangiacomo Feltrinelli Editore S. p.a., Milano De Certeau, M., 2005.L invenzione del quotidiano, Edizioni Lavoro, Roma De Fleur, M., Ball-Rokeach, S., 1995 Teorie della comunicazione di massa, Il Mulino, Bologna Decimo, F., Sciortino, G, (a cura di) 2006 Reti migranti, Il Mulino, Bologna Gili, G., 2001 Il problema della manipolazione: peccato originale dei media?, Franco Angeli S.r.l., Milano Habermas, J., 2005 Storia e critica dell opinione pubblica, Laterza, Roma-Bari Hallin, D., Mancini, P., 2004 Modelli di giornalismo, Laterza, Bari Hilgartner, S., Bosk, C.L., 1988 The Rise and Fall of Social Problems: A Public Arenas Model, in American Journal of Sociology, vol. 94, pp Kapuscinski, R., 2003 Il cinico non è adatto a questo mestiere, Edizioni e/o, Roma Lalli, P., (a cura di) 2003 Imparziali ma non indifferenti. Il giornalismo di Redattore sociale, agenzia di stampa quotidiana, Homless Book, Faenza Lemieux, C, Mauvaise Presse. Une sociologie compréhensive du travail journalistique et de ses critiques, Paris, Editions Métailié Lippman, W., 1999 L opinione pubblica, Roma, Donzelli 9

10 Martino, V., Binotto, M., 2004 Fuori luogo. L immigrazione e i media italiani, Luigi Pellegrini editori, Roma McQuail, D., 2001 Sociologia dei media, Il Mulino, Bologna Morcellini, M., 2005 Fuori luogo. I migranti alle porte della cittadella mediale in Problemi dell informazione XXX n.1 Martino V Cittadini di una società multiculturale. La prospettiva del pubblico, In Problemi dell informazione XXX n.1 Moscovici, S., Farr, R. M.,(a cura di) 1989 Le rappresentazioni sociali, Il Mulino, Bologna Norman, L., McClean, D., 2005 Media e società nel mondo contemporaneo, Il Mulino, Bologna Panarese, P., 2005 Il racconto dell immigrazione. Cronaca di un male diffuso, in Problemi dell informazione XXX n.1 Papuzzi, A., 2003 Professione giornalista, Donzelli, Roma Pedretti, A., 2003 Piccolo è bello locale è meglio, in Problemi dell informazione a. XXVIII n. 1 marzo 2003 Ramonet, I., 1999 La tirannia della comunicazione, Asteriscos, Editors Sarti, M., 2007 Il giornalismo sociale, Carrocci Editore S.p.a., Roma Sofia, C., 2004 Analisi di contenuto, comunicazione, media. Evoluzioni, applicazioni e tecniche, Franco Angeli, Milano Sorrentino, C., 2003 Il giornalismo in Italia, Carrocci Editore S.p.a., Roma Sorrentino, C., 2006 Il campo giornalistico, Carrocci Editore S.p.a., Roma Thompson, J. B, Mezzi di comunicazione e modernità. Una teoria sociale dei media, Bologna, Il Mulino Ziglio, C., 2000 Etnografia delle professioni: il caso della polizia di stato, Armando Editori, Roma Rapporti Caritas Migrantes 2006 Dossier statistico immigrazione XVI rapporto annuale Caritas Migrantes 2004 Dossier statistico immigrazione XIV rapporto annuale Cnel 2006 Rapporto sul mercato del lavoro Censis, 2003 Tuning into Diversity. Immigrati e minoranze etniche nei media Corecom 2006 Immigrati da informare. L informazione e la comunicazione istituzionale per la popolazione immigrata. a cura di Bruno Di Bernardo, Lorenza Maluccelli, Valèeie Donati, Laura Marchetti. Rapporto sulla sicurezza, Ministero dell Interno 2006 Cospe Medim Rad 2006 Media e informazione pratiche e realtà della diversità in Italia. Cospe 2006 Consulenza per lo sviluppo di azioni a supporto di una rete regionale di iniziative di comunicazione interculturale 10

11 Cospe 2006 Indagine sulle iniziative di comunicazione interculturale nelle Regione Emilia Romagna Cospe 2002 L offerta multiculturale nella stampa la tv e la radio in Italia Istat 2006 Bilancio demografico nazionale Osservatorio delle Immigrazioni della Provincia di Bologna, 2006 Immigrati in provincia di Bologna i numeri e le tendenze. Osservatorio delle Immigrazioni della Provincia di Bologna,2003 L associazionismo degli immigrati in provincia di Bologna Osservatorio delle Immigrazioni della Provincia di Bologna, 2005 Immigrati in provincia di Bologna: i numeri e le tendenze Percorsi di cittadinanza n. 9, supplemento mensile a aut e aut a cura delle consulte provinciali per l immigrazione e per la pace. Intervista a Marcello Maneri. Regione Emilia-Romagna (a cura di), 2006 Sesto rapporto sull immigrazione straniera in regione, Bologna, CLUEB Regione Emilia-Romagna, Direzione generale risorse finanziarie e strumentali e Direzione generale sanità e politiche sociali (a cura di), L immigrazione straniera in Emilia-Romagna - dati , Bologna, CLUEB (Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna), 2006 Sitografia (ultime date di consultazione: ottobre 2007) I siti di Felsimedia http//:www.iltamburo.it http//:www.asteriscoradio.com Media multiculturali e progetti Cospe http//:www.cospe.it Emilia Romagna Altri media di e per immigrati http//:www.migranews.it http//:www.stranieriinitalia.it 11

12 Altri siti consultati http//:www.redattoresociale.it x.html prile_2007.pdf 12

Interventi sussidiari e forme organizzative protagoniste

Interventi sussidiari e forme organizzative protagoniste ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica e sociale Interventi sussidiari e forme organizzative

Dettagli

Comunicare con una mostra. Pratiche culturali di integrazione

Comunicare con una mostra. Pratiche culturali di integrazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Scienze della Comunicazione pubblica, sociale e politica Comunicare con una mostra Pratiche culturali di integrazione

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA FACOLTÀ DI LINGUA E CULTURA ITALIANA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN COMPETENZE TESTUALI PER L EDITORIA E I MEDIA DUE UOMINI E QUATTRO STRANIERI MEDIA E IMMIGRAZIONE

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

SEMINARI E LABORATORI UNIVERSITARI

SEMINARI E LABORATORI UNIVERSITARI SEMINARI E LABORATORI UNIVERSITARI ANNO SCOLASTICO 2006/2007 in collaborazione con INDICE DEI SEMINARI E DEI LABORATORI UNIVERSITARI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE: PROGRAMMA DI BOLOGNA FACOLTA DI

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÁ DI LETTERE E FILOSOFIA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÁ DI LETTERE E FILOSOFIA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÁ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica. FORZE DELL ORDINE E PARTECIPAZIONE ONLINE.

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Abstract dell elaborato di tesi in Storia e Filosofia dei Diritti Umani di Beatrice Gabrielli: IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Corso di laurea in Culture e Diritti

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. sulla comunicazione interculturale

PROTOCOLLO D INTESA. sulla comunicazione interculturale PROTOCOLLO D INTESA sulla comunicazione interculturale tra Regione Emilia-Romagna, Ordine dei Giornalisti dell Emilia-Romagna, Co.Re.Com dell Emilia-Romagna, Consulta regionale per l integrazione sociale

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato UNA RICERCA DI MARKETING NEL SETTORE VITIVINICOLO. IL CASO CANTINA DI MONTALCINO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell informazione, della comunicazione e dell editoria TESI DI LAUREA IN Sociologia della

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA SUSSIDIARIETÀ ORIZZONTALE E IL CROWDFUNDING: UN BINOMIO POSSIBILE?

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA SUSSIDIARIETÀ ORIZZONTALE E IL CROWDFUNDING: UN BINOMIO POSSIBILE? ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea in SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E SOCIALE LA SUSSIDIARIETÀ ORIZZONTALE E IL CROWDFUNDING: UN BINOMIO

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN  PSICOLOGIA  MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO FINALITA : il corso propone di fornire agli studenti le nozioni di base della Medicina del lavoro al fine di

Dettagli

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE Perché diventare Partner de il Circolo dei lettori Nato a Torino nell ottobre del 2006, il Circolo dei lettori è il primo spazio pubblico italiano dedicato ai lettori e alla

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Carla Roverselli Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Fatema Mernissi: educare a superare i confi ni ISBN: 9788867092307 Prima edizione: dicembre 2015 2015 - Editoriale Anicia s.r.l. Via

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista ComuniCare nformazione Società di comunicazione ed organizzazione eventi del mondo ANCI ditoria Comunicazione eventi publicrelations Informazione Editoria - Anci Rivista omunicazione Public Relations Congressi

Dettagli

CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55

CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55 CORSO INTENSIVO DI ALTA FORMAZIONE MEDIAZIONE INTERCULTURALE E GESTIONE DEI SERVIZI PER L IMMIGRAZIONE CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55 DA LUNEDÌ 25 A VENERDÌ 29 MAGGIO 2015 in partnership

Dettagli

MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE

MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE Saltatori di muri.la convivenza offre e richiede molte possibilità di conoscenza reciproca. Affinché possa svolgersi con pari dignità e senza

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

1992-93, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l informazione e l editoria, Roma, 1994.

1992-93, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l informazione e l editoria, Roma, 1994. BIBLIOGRAFIA AA.VV., Professionisti della cultura. Formazione, strategie e sbocchi dei laureati in Lettere e Filosofia, Franco Angeli, Milano, 1987. AA.VV., Digesto, UTET, Torino, 1992. AA.VV., Cultura,

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza

Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza Luigi Palestini Maria Augusta Nicoli Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale

Dettagli

LABORATORIO DI FORMAZIONE-INTERVENTO SULL INTERCULTURALITÀ

LABORATORIO DI FORMAZIONE-INTERVENTO SULL INTERCULTURALITÀ NOTIZIE MIGRANTI LABORATORIO DI FORMAZIONE-INTERVENTO SULL INTERCULTURALITÀ LA DESCRIZIONE DEL PERCORSO DI FORMAZIONE-INTERVENTO Un PERCORSO FORMATIVO, orientato alla realizzazione di un PROJECT WORK (lavoro

Dettagli

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale Marketing e Comunicazione del settore bancario

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli La Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), fondata nel 1950, rappresenta

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario.

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. L attuale quadro normativo sulla libera professione prevede la possibilità di esercizio dell attività

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Venezia interculturale: percorsi per diventare cittadini del mondo SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale attività interculturali

Dettagli

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO ALLEGATO 3 Incontri con esperto del Comune di Terni Assessorato alla Cooperazione Internazionale- sugli Otto Obiettivi del Millennio GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO Proposta formativa educativa per le scuole

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi Claudia de Medici Bolzano Il 14 dicembre 2010 con delibera della Giunta Provinciale l Istituto De Medici è diventato

Dettagli

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali:

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali: Piano locale per la prevenzione delle dipendenze 2011/2012 Premessa La DGR 9/937 del 1 dicembre 2010 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2011,

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca

Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca 1. PRESENTAZIONE Uno degli scopi del progetto di ricerca Informare,

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea triennale in Scienze umanistiche per la comunicazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea triennale in Scienze umanistiche per la comunicazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea triennale in Scienze umanistiche per la comunicazione LA RETE SOCIALE PER COMUNICARE L'AMBIENTE: SOCIAL NETWORK ED ECOLOGIA

Dettagli

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE.

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE. ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea specialistica in: Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

ROMA TRE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI

ROMA TRE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI Correlatore Prof.

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA

OSSERVATORIO ECO-MEDIA OSSERVATORIO ECO-MEDIA Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli Il prodotto giornale: specificità e attributi Non immagazzinabile Consumo

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Calendario degli incontri

Calendario degli incontri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Corso di Laurea Interfacoltà in COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO in collaborazione con UNIEXPORT PADOVA e CONFINDUSTRIA PADOVA Seminario di studio I processi di delocalizzazione

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

anno V, n. 2, 2015 data di pubblicazione: 1 luglio 2015

anno V, n. 2, 2015 data di pubblicazione: 1 luglio 2015 F. Antonelli, E. Rossi (cur.), Homo dignus. Cittadinanza, democrazia e diritti in un mondo in trasformazione, Wolters Kluver Italia Cedam, Roma - Padova, 2014, pp. XIII-146 Homo Dignus. Cittadinanza, democrazia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Contrasto alla mafia

CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Contrasto alla mafia SOGGETTI PROMOTORI CORSO DI ALTA FORMAZIONE Contrasto alla mafia FONDAZIONE UMG UNIVERSITA DI CATANZARO in collaborazione con Libera, Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. La Fondazione Magna Graecia,

Dettagli

Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione. anno 2015

Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione. anno 2015 Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione anno 2015 CONVEGNO Quello che presentiamo è il primo Piano Formativo che il CROAS propone alla comunità professionale

Dettagli

Storie di migranti a fumetti.

Storie di migranti a fumetti. Storie di migranti a fumetti. Il fumetto nelle scuole come strumento di sensibilizzazione e informazione per la diffusione dei contributi positivi dell immigrazione Settembre 2005 UN FUMETTO ALLA SCOPERTA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Pubblicato all Albo Ufficiale d Ateneo il giorno 06/12/2005 BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MARKETING E COMUNICAZIONE INTERCULTURALE A.A. 2005/2006 L Università degli Studi

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

L evento, gratuito, è previsto a Roma per il prossimo 10 novembre. In allegato troverà il programma e le modalità di iscrizione.

L evento, gratuito, è previsto a Roma per il prossimo 10 novembre. In allegato troverà il programma e le modalità di iscrizione. Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari IL SEGRETARIO GENERALE A TUTTI I SOCI Milano, 26 ottobre 2011 MM/dg Caro Socio, mi è molto gradito segnalarle un importante Seminario, sulla

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Il Libro Bianco del sistema trasfusionale italiano: gli esiti della ricerca e le prospettive emerse

Il Libro Bianco del sistema trasfusionale italiano: gli esiti della ricerca e le prospettive emerse Il Libro Bianco del sistema trasfusionale italiano: gli esiti della ricerca e le prospettive emerse Prof. Giorgio Fiorentini Dott.ssa Alessia Anzivino Dott.ssa Francesca Calò 1 Agenda Agenda La legislazione

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI 1. PREMESSA DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le azioni

Dettagli

IL PROGETTO MIGRANT FRIENDLY HOSPITALS NELLA REGIONE VALLE D AOSTA

IL PROGETTO MIGRANT FRIENDLY HOSPITALS NELLA REGIONE VALLE D AOSTA IL PROGETTO MIGRANT FRIENDLY HOSPITALS NELLA REGIONE VALLE D AOSTA 3 Laboratorio formativo progettuale Reggio Emilia, 29-30 gennaio 2009 ANALISI DEL CONTESTO DATI STATISTICI Fonte: Dossier Caritas Migrantes

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

Master di II livello in Grafica Digitale per il Giornalismo

Master di II livello in Grafica Digitale per il Giornalismo Master di II livello in Grafica Digitale per il Giornalismo OBIETTIVI: Il Master si presenta nel panorama nazionale come corso di formazione e sperimentazione avanzata in grado di fornire le conoscenze

Dettagli

Presentazione del corso. Laboratorio di tecniche e linguaggi del giornalismo Proff. Federica Dal Falco, Marco Quintavalle, Elena Valentini

Presentazione del corso. Laboratorio di tecniche e linguaggi del giornalismo Proff. Federica Dal Falco, Marco Quintavalle, Elena Valentini Presentazione del corso Innovazione Atelier e di analisi Web e dei Interface modelli design di giornalismo Laboratorio di tecniche e linguaggi del giornalismo Proff. Federica Dal Falco, Marco Quintavalle,

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

"In Testa ai miei pensieri"

In Testa ai miei pensieri "In Testa ai miei pensieri" Documento tecnico e proposte operative per l adolescenza a Bologna documento cittadino Premessa Il presente documento è il frutto del confronto che si è avviato all interno

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. C al bando di ammissione pubblicato in data 22/10/2014 ART.1 - TIPOLOGIA L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. l a.a. 2014/2015, presso il Collegio Universitario S.Caterina da Siena,

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

LA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

LA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE LA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE STRUTTURA GENERALE DEI CORSI DI LAUREA E SISTEMA DEI "CREDITI" In base alla riforma universitaria (D.M. 3.11.99 n. 509) l impegno dello studente (frequenza

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli