UN GIORNALE INTERCULTURALE Il caso de Il Tamburo di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN GIORNALE INTERCULTURALE Il caso de Il Tamburo di Bologna"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Specialistica in Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica UN GIORNALE INTERCULTURALE Il caso de Il Tamburo di Bologna Tesi di laurea specialistica in Comunicazione e informazione sociale Relatore Prof. Pina Lalli Presentata da F. Gaia Farina Correlatore Prof. Mauro Sarti Sessione II Anno accademico 2006/2007 1

2 Indice Introduzione 7 I. Contesto e arene pubbliche dell informazione L immigrazione reale Identikit dei cittadini immigrati Gli immigrati e l economia Italiana Gli immigrati e l illegalità: sbarchi e criminalità Analisi dei dati L immigrazione mediale L immigrazione nei media Pratiche giornalistiche e immigrazione Rappresentazioni mediali e rappresentazioni collettive I problemi sociali e la loro ribalta nelle arene comunicative Arene comunicative e discorso sull immigrazione 47 II. Il giornalismo sociale e i media multiculturali Il giornalismo sociale Il lento emergere del sociale Misure alternative Il giornalismo sociale nel Temi e pratiche Il civic journalism Media multiculturali Prime indagini Contenuti, lingue utilizzate e target dei media multiculturali Evoluzione del fenomeno e tipologie Due modelli a confronto: Metropoli e Stranieri in Italia Uno sguardo all Europa Meeting dei media multiculturali Il primo incontro dei media multiculturali Il secondo meeting dei media multiculturali Il terzo Meeting Italiano dei media multiculturali I media multiculturali nel Conclusioni e analisi Teoria, deontologia e legislazione Il concetto di Interesse pubblico e il servizio pubblico italiano Codici deontologici e normative Libertà di stampa possibilità per i giornalisti stranieri 108 2

3 III. Felsimedia e la Regione Emilia Romagna Il contesto regionale Immigrazione in Emilia Romagna Le politiche regionali per la partecipazione dei migranti I difetti del giornalismo locale in Italia Media multiculturali in Emilia Romagna Felsimedia Associazionismo e immigrazione a Bologna La nascita del progetto comunicativo Asteriscoradio.com La Coop. Soc. Felsimedia Conclusioni 139 IV. Il Tamburo mensile dell intercultura a Bologna Le pratiche redazionali Il percorso etnografico Il tamburo I collaboratori Nessuno è indispensabile, tutti fondamentali Come nascono le notizie? Vicinanza con il lettore distribuzione mirata Le correzioni: strategia di inclusione e uniformità Modalità di socializzazione e senso di appartenenza Analisi degli articoli Cenni metodologici La prima pagina: foto-notizia, box, Il Punto, le lettere alla redazione Tipologia degli articoli e canone narrativo Argomenti La rappresentazione degli immigrati ne Il Tamburo Analisi 181 Conclusioni 185 Bibliografia 189 Allegati 201 Nota metodologica 203 Interviste 209 Fotografie 3

4 Abstract Si potrebbe dire che in Italia esistono due migrazioni. Una è costituita dai processi di mobilità geografica che da decenni coinvolgono il nostro paese, modificando la composizione della sua popolazione e contribuendo a cambiare la vita sociale 1. La seconda(...) è quella che appare a intervalli regolari nel discorso pubblico italiano e che conduce in buona parte una vita propria, indipendentemente dalle caratteristiche dei processi migratori reali. 2 Utilizza slogan, posizioni, parole e topoi retorici per conferire un illusione di profondità a quanto si afferma e, soprattutto, per ottenere un adeguata copertura giornalistica 3. E proprio da questa considerazione che prende avvio il mio lavoro di ricerca. Dalla convinzione della necessità di sviluppare un discorso pubblico migliore sulla società italiana in relazione ai fenomeni migratori. Un discorso che inizi a trattare le migrazioni come un fenomeno plurale e complesso, non riducibile alla mera steriotipizzazione fatta dai media. Un discorso che inizi a pensare all Italia come un Paese in cui convivono culture e stili di vita differenti e che riesca ad armonizzare questa società grazie anche ad una corretta rappresentazione delle sue molteplici facce. Un mutamento che va accompagnato a processi di elaborazione e auto-riflessione pubblica, rispetto al quale i media rappresentano oggi l arena privilegiata e quasi naturale 4. I mass media italiani, come sottolineato nell elaborato, non sempre riescono a fornire un supporto per un discorso informato e completo sull immigrazione. Proprio su questa base, ho deciso di concentrare il mio lavoro su un settore nascente dell informazione: i media multiculturali. Negli ultimi anni, infatti, si stanno diffondendo alcuni media promossi dagli immigrati stessi, da alcune associazioni o dalle istituzioni che potrebbero mettere in dubbio il ruolo predominante dei media mainstream nella costruzione del discorso pubblico sull immigrazione. La mia analisi quindi si è concentrata su una specifica iniziativa multiculturale, il mensile Il Tamburo di Bologna. La scelta di questo giornale è stata stimolata da alcune sue caratteristiche specifiche: innanzi tutto la lingua utilizzata, l italiano, una scelta coraggiosa se accostata all obiettivo di riferirsi agli immigrati. Secondariamente l intento dichiarato de Il Tamburo di riferirsi ad un pubblico differenziato: immigrati di ogni provenienza e italiani nativi. Infine la composizione della redazione: il posto di rilievo assunto da due 1 Decimo, F., Sciortino, G., (a cura di) Reti migranti, Bologna, Il Mulino, 2006, p.7 2 Ibidem 3 Ivi p.9 4 Morcellini, M., Fuori luogo. I migranti alle porte della cittadella mediale, in Problemi dell informazione, a XXX n.1, marzo 2005 p. 37 4

5 cittadini di origine camerunese, il direttore e il caporedattore, e la composizione mista dei collaboratori, italiani e stranieri. Il lavoro di ricerca ha tentato di comprendere se e come i media multiculturali, e nello specifico Il Tamburo nel territorio bolognese, possano rappresentare arene rinnovate di pubblica discussione e quanto questi media possano fornire agli immigrati stessi le informazioni utili per integrarsi e partecipare al dibattito pubblico e agli italiani una conoscenza appropriata della realtà che li circonda. Nello specifico l elaborato è stato diviso in due parti: la prima, contestuale e riflessiva, volta a delineare il quadro in cui le iniziative multiculturali prima e Il Tamburo poi si sono sviluppate. La seconda, dedicata all analisi di caso effettuata con una ricerca partecipata all interno della redazione de Il Tamburo e sui suoi contenuti. All osservazione etnografica, svolta dal maggio all agosto del 2007, sono state affiancate interviste aperte a quattro dei collaboratori della redazione. Inoltre, per comprendere meglio le peculiarità di questa arena comunicativa, è stata essenziale l analisi degli argomenti trattati nelle pagine del giornale 5. Il primo capitolo, di natura introduttiva, ha tentato di fornire il quadro dell incidenza del fenomeno migratorio in Italia, attraverso dati e statistiche aggiornate. A questo quadro è stato affiancato quello che, invece, i mass media tradizionali presentano quotidianamente. L incongruenza fra le due immigrazioni mi ha spinta ad analizzarne sia le ragioni, individuandole nel processo di produzione dell informazione, sia le conseguenze, supportate dalle diverse teorie sugli effetti dei media. La conclusione del capitolo, quindi, si è concentrata sull emergere di istanze comunicative diverse da quelle tradizionali seguendo un modello teorico che descrive le modalità con cui i problemi pubblici riescono a farsi strada nelle arene comunicative 6. Nel secondo capitolo, quindi, si è proceduto a delineare, nel contesto italiano, le tendenze ed esperienze di giornalismo sociale. All interno di questo settore sono state rintracciate le pratiche e i temi che lo caratterizzano rispetto ai media mainstream sottolineando il cammino che nel panorama giornalistico italiano è stato compiuto dal terzo settore per dotarsi di mezzi e strumenti al fine di acquisire visibilità. I media multiculturali sono stati analizzati come una delle declinazioni del giornalismo sociale, caratterizzati dall essere prodotti da immigrati e/o a loro diretti. Tali iniziative sono spesso promosse da associazioni, enti istituzionali o, come nel caso specifico della mia analisi, dagli stessi immigrati. All interno di questo settore ho rintracciato le caratteristiche comuni a tutti i media che lo compongono e le differenze fondamentali fra essi sottolineando anche l emergere di una attenzione del mondo commerciale al target costituito dagli immigrati. Ho poi seguito il loro cammino comune, all interno della Piattaforma dei Media Multiculturali e il processo di istituzionalizzazione del 5 Cfr nota metodologica allegata alla tesi in versione completa. 6 Cfr. Hilgartner S., Bosk C.L., The Rise and Fall of Social Problems: A Public Arenas Model, in American Journal of Sociology, vol. 94, 1988, pp

6 settore, i contatti stabiliti, i limiti legislativi, le barriere giuridiche ed economiche che ne condizionano l esistenza. Dal terzo capitolo si entra nello specifico dell analisi sul territorio regionale e poi cittadino. Dopo aver analizzato l incidenza del fenomeno migratorio in Emilia Romagna, mi sono concentrata sulle politiche locali per l integrazione e la promozione dei media multiculturali. L analisi delle caratteristiche dei media multiculturali presenti in Regione mi hanno poi condotta a descrivere la nascita di uno specifico prodotto: Il Tamburo, un mensile promosso da due cittadini camerunesi a Bologna ed edito dalla Cooperativa sociale Felsimedia. Le caratteristiche della cooperativa e il percorso che ha portato alla sua costituzione sono essenziali per comprendere i valori e le pratiche produttive che animano Il Tamburo. Nell ultimo capitolo, quindi, forte di tutte le considerazioni condotte in precedenza, l analisi è andata a delineare Il Tamburo, mensile dell intercultura a Bologna. Le pratiche redazionali sono state indagate grazie all osservazione etnografica da me effettuata all interno della redazione. Ad esse è stata poi affiancata l analisi delle interviste effettuate ai collaboratori del giornale e successivamente l analisi del contenuto dello stesso. Intento finale della ricerca è di comprendere le modalità in cui Il Tamburo ha portato avanti il suo discorso, l evoluzione di questa esperienza di comunicazione nel tempo, i vari rapporti che ha intessuto e le strategie che i suoi promotori hanno utilizzato per rafforzare i rapporti con il territorio. Nello stesso tempo l intento è rintracciare al suo interno le pratiche che favoriscono un miglioramento del discorso pubblico sull immigrazione e che forniscono ai cittadini immigrati e nativi, in questo caso nel territorio bolognese, uno spunto di riflessione nuovo. Dalla ricerca, Il Tamburo è risultato essere un giornale che non si limita ad essere la voce degli immigrati. Il Tamburo, infatti, si pone come un giornale per molti versi generalista, vario e multiforme nell intento di promuovere il dialogo fra italiani e immigrati e fra immigrati stessi. Certo, due sono i principali obiettivi della linea editoriale: la proposta di un immagine diversa dell immigrazione e l offerta di informazioni di servizio per gli immigrati. Se l offerta di informazioni di servizio è motivata dalla convinzione che l informazione stia alla base di un percorso di autodeterminazione da parte dei cittadini immigrati, l intenzione di ribaltare l attuale rappresentazione dell immigrazione introduce invece un discorso più complesso che presuppone la costruzione di un dialogo con la società. Un dialogo che, nel nostro specifico caso, è stato portato avanti in modo strategico nel territorio bolognese dai promotori del giornale, due operatives, che attraverso un processo di legittimazione e di lavoro sul territorio hanno intessuto rapporti con le istituzioni locali, le associazioni, le comunità straniere, i giornalisti, l Università. 6

7 Il perseguimento di questi fini è stato possibile grazie ad una strategia: anche per Il Tamburo, infatti, è stato ed è necessario attirare l attenzione dei lettori che, come suggeriscono Hilgartner e Bosk 7, è una risorsa scarsa, soprattutto in una situazione di forte concorrenza di notizie. Il Tamburo, pertanto, non ha denunciato i soprusi o promosso un atteggiamento di pietismo verso gli immigrati, ma ha tentato di costruire un immagine che - seguendo la definizione proposta da Moscovici a proposito delle rappresentazioni sociali 8 - potremmo definire familiare dell immigrato. Grazie a questa strategia, denominata positivazione, il cittadino immigrato può vedersi rappresentato e riconoscersi nel giornale, e il cittadino italiano ha modo di vedere confermato quanto da alcuni anni questa parte ha modo di osservare: l immigrato, cioè, non è più il deviante ma il commerciante sotto casa o il commercialista a cui rivolgersi. Il frame proposto per inserire la figura dell immigrato si distacca nettamente dalla drammatizzazione dei media mainstream e propone un immagine vicina al lettore, sia fisicamente sia idealmente. Al di là dei contenuti sono interessanti anche le pratiche con cui sono costruite le notizie all interno del Il Tamburo : le fonti utilizzate sono fonti di prossimità, i cittadini ai quali il giornale viene distribuito, gli amici o l esperienza diretta dei redattori. Questo implica da una parte una vicinanza maggiore al soggetto rappresentato e pertanto una maggiore adesione del soggetto alla rappresentazione. Il giornale si rivolge quindi al cittadino: un cittadino che si riscontra come tale per il fatto di trovare uno spazio praticabile (e non solo travalicabile) d impegno e coinvolgimento nella notizia, nell informazione 9. E attraverso il suo appello stimola alla partecipazione nel territorio locale e alla condivisione di spazi e idee. Lo spazio pubblico, seguendo questo discorso, non s identificherebbe con una sfera pubblica riconducibile soltanto a funzioni imposte dalla mercificazione dell informazione commerciale, ma mostrerebbe la sua capacità di trovare zone di pluralità seppur parcellizzate, minoritarie e frammentate, in cui si sviluppano discorsi diversi. Arene parziali, dove i problemi competono per emergere al pari delle definizioni dei problemi stessi. Arene in grado di influenzarsi a vicenda: quanto più un problema si sviluppa nelle diverse arene tanto più avrà l opportunità di rimanere a lungo nel discorso pubblico. La sfida per Il Tamburo è quella di non rimanere un informazione di nicchia e di stimolare interessamenti da più parti al suo discorso, possibilità che dipende dallo scenario organizzativo e culturale che lo circonda come dalle strategie che attiva per attirare l attenzione sul suo discorso. 7 Ibidem. 8 S. Msocovici, Le rappresentazioni sociali, Il Mulino, Bologna, Lalli, P. L informazione specializzata: il caso di Redattore Sociale, in Lalli, P. (a cura di). Imparziali ma non indifferenti. Il giornalismo di Redattore sociale, agenzia di stampa quotidiana, Homless Book, Faenza, p.19. 7

8 L analisi di un esperienza giovane e limitata come Il Tamburo ha quindi permesso di aprire una finestra sul complesso mondo dei media prodotti da e per immigrati e di rintracciare partendo da una singola esperienza, alcune caratteristiche del settore, buone prassi, pregi, punti di forza o difetti. Si tratta, infatti, di un settore in espansione in conseguenza della volontà di partecipazione dei cittadini stranieri e per i crescenti interessi economici che questo target richiama. La società multiculturale si configura come un dato di fatto, non prenderne atto sarebbe miope, interesse di tutti è valorizzare le iniziative di dialogo fra culture che vedono nei media un terreno privilegiato. 8

9 Bibliografia Ambrosini, M., 2005 Sociologia delle migrazioni, Il Mulino, Bologna Belluati, M., Grossi, G., e Viglongo, E., 1995 Mass media e società multietnica, Anabassi Milano Boltanski, L., 2000 Lo spettacolo del dolore, Raffaello Cortina Editore, Milano Capecchi, S., 2004 L audience attiva., Carrocci Editore S.p.a., Roma Cardano, M., 2003 Tecniche di ricerca qualitativa, Carrocci Editore S.p.a., Roma Castronuovo, V., Tranfaglia, N., 1994 La stampa italiana nell età della televisione, Laterza, Bari Cefai, D., 2002 La construction des problèmes publics. Définition de situations dans des arènes publiques. Cerase, A., 2005 Notizie clandestine. Una ricerca sulla rappresentazione mediale degli immigrati, in Problemi dell informazione a xxx n.1 marzo Colombo, E., 2002 Le società multiculturale, Carrocci Editore S.p.a., Roma Corte, M., 2006 Comunicazione e giornalismo interculturale, Cedam, Padova Corte, M., 2002 Stranieri e mass media. Stampa, immigrazione Pedagogia interculturale, Cedam, Padova Cottle, S., 1997 Television end ethnic minorities. Producers perspective, Aldershot, Averbury Dal Lago, A., 2004 Non-persone. L esclusione dei migranti in una società globale, Giangiacomo Feltrinelli Editore S. p.a., Milano De Certeau, M., 2005.L invenzione del quotidiano, Edizioni Lavoro, Roma De Fleur, M., Ball-Rokeach, S., 1995 Teorie della comunicazione di massa, Il Mulino, Bologna Decimo, F., Sciortino, G, (a cura di) 2006 Reti migranti, Il Mulino, Bologna Gili, G., 2001 Il problema della manipolazione: peccato originale dei media?, Franco Angeli S.r.l., Milano Habermas, J., 2005 Storia e critica dell opinione pubblica, Laterza, Roma-Bari Hallin, D., Mancini, P., 2004 Modelli di giornalismo, Laterza, Bari Hilgartner, S., Bosk, C.L., 1988 The Rise and Fall of Social Problems: A Public Arenas Model, in American Journal of Sociology, vol. 94, pp Kapuscinski, R., 2003 Il cinico non è adatto a questo mestiere, Edizioni e/o, Roma Lalli, P., (a cura di) 2003 Imparziali ma non indifferenti. Il giornalismo di Redattore sociale, agenzia di stampa quotidiana, Homless Book, Faenza Lemieux, C, Mauvaise Presse. Une sociologie compréhensive du travail journalistique et de ses critiques, Paris, Editions Métailié Lippman, W., 1999 L opinione pubblica, Roma, Donzelli 9

10 Martino, V., Binotto, M., 2004 Fuori luogo. L immigrazione e i media italiani, Luigi Pellegrini editori, Roma McQuail, D., 2001 Sociologia dei media, Il Mulino, Bologna Morcellini, M., 2005 Fuori luogo. I migranti alle porte della cittadella mediale in Problemi dell informazione XXX n.1 Martino V Cittadini di una società multiculturale. La prospettiva del pubblico, In Problemi dell informazione XXX n.1 Moscovici, S., Farr, R. M.,(a cura di) 1989 Le rappresentazioni sociali, Il Mulino, Bologna Norman, L., McClean, D., 2005 Media e società nel mondo contemporaneo, Il Mulino, Bologna Panarese, P., 2005 Il racconto dell immigrazione. Cronaca di un male diffuso, in Problemi dell informazione XXX n.1 Papuzzi, A., 2003 Professione giornalista, Donzelli, Roma Pedretti, A., 2003 Piccolo è bello locale è meglio, in Problemi dell informazione a. XXVIII n. 1 marzo 2003 Ramonet, I., 1999 La tirannia della comunicazione, Asteriscos, Editors Sarti, M., 2007 Il giornalismo sociale, Carrocci Editore S.p.a., Roma Sofia, C., 2004 Analisi di contenuto, comunicazione, media. Evoluzioni, applicazioni e tecniche, Franco Angeli, Milano Sorrentino, C., 2003 Il giornalismo in Italia, Carrocci Editore S.p.a., Roma Sorrentino, C., 2006 Il campo giornalistico, Carrocci Editore S.p.a., Roma Thompson, J. B, Mezzi di comunicazione e modernità. Una teoria sociale dei media, Bologna, Il Mulino Ziglio, C., 2000 Etnografia delle professioni: il caso della polizia di stato, Armando Editori, Roma Rapporti Caritas Migrantes 2006 Dossier statistico immigrazione XVI rapporto annuale Caritas Migrantes 2004 Dossier statistico immigrazione XIV rapporto annuale Cnel 2006 Rapporto sul mercato del lavoro Censis, 2003 Tuning into Diversity. Immigrati e minoranze etniche nei media Corecom 2006 Immigrati da informare. L informazione e la comunicazione istituzionale per la popolazione immigrata. a cura di Bruno Di Bernardo, Lorenza Maluccelli, Valèeie Donati, Laura Marchetti. Rapporto sulla sicurezza, Ministero dell Interno 2006 Cospe Medim Rad 2006 Media e informazione pratiche e realtà della diversità in Italia. Cospe 2006 Consulenza per lo sviluppo di azioni a supporto di una rete regionale di iniziative di comunicazione interculturale 10

11 Cospe 2006 Indagine sulle iniziative di comunicazione interculturale nelle Regione Emilia Romagna Cospe 2002 L offerta multiculturale nella stampa la tv e la radio in Italia Istat 2006 Bilancio demografico nazionale Osservatorio delle Immigrazioni della Provincia di Bologna, 2006 Immigrati in provincia di Bologna i numeri e le tendenze. Osservatorio delle Immigrazioni della Provincia di Bologna,2003 L associazionismo degli immigrati in provincia di Bologna Osservatorio delle Immigrazioni della Provincia di Bologna, 2005 Immigrati in provincia di Bologna: i numeri e le tendenze Percorsi di cittadinanza n. 9, supplemento mensile a aut e aut a cura delle consulte provinciali per l immigrazione e per la pace. Intervista a Marcello Maneri. Regione Emilia-Romagna (a cura di), 2006 Sesto rapporto sull immigrazione straniera in regione, Bologna, CLUEB Regione Emilia-Romagna, Direzione generale risorse finanziarie e strumentali e Direzione generale sanità e politiche sociali (a cura di), L immigrazione straniera in Emilia-Romagna - dati , Bologna, CLUEB (Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna), 2006 Sitografia (ultime date di consultazione: ottobre 2007) I siti di Felsimedia http//:www.iltamburo.it http//:www.asteriscoradio.com Media multiculturali e progetti Cospe http//:www.cospe.it Emilia Romagna Altri media di e per immigrati http//:www.migranews.it http//:www.stranieriinitalia.it 11

12 Altri siti consultati http//:www.redattoresociale.it x.html prile_2007.pdf 12

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Antonino Gaudesi. Curriculum vitae. Informazioni personali. Settore professionalegaudesi. Esperienza professionale. Data di nascita 21/07/1961

Antonino Gaudesi. Curriculum vitae. Informazioni personali. Settore professionalegaudesi. Esperienza professionale. Data di nascita 21/07/1961 Curriculum vitae Antonino Gaudesi Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) GAUDESI ANTONINO Cittadinanza ITALIANA Data di nascita 21/07/1961 Sesso MASCHILE Settore professionalegaudesi COMUNICAZIONE/PUBBLICHE

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Ricerca nazionale su immigrazione e asilo nei media italiani

Ricerca nazionale su immigrazione e asilo nei media italiani Sintesi del rapporto di ricerca Ricerca nazionale su immigrazione e asilo nei media italiani Direzione Mario Morcellini Coordinamento Marco Binotto, Marco Bruno, Valeria Lai Gruppo di ricerca Arije Antinori,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

un FUTURO possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7

un FUTURO possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7 un FUTURO possibile un futuro possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7 Integrazione: un processo che coinvolge tutti. Documento sull

Dettagli

Notizie fuori dal ghetto. Primo rapporto annuale Associazione Carta di Roma

Notizie fuori dal ghetto. Primo rapporto annuale Associazione Carta di Roma Notizie fuori dal ghetto Primo rapporto annuale Associazione Carta di Roma Edizioni Ponte Sisto 2013 Via di Monserrato 109 00186 Roma tel. 066832623 fax 0668801707 www.edizionipontesisto.it info@edizionipontesisto.it

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli FACOLTA' DI LETTERE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN STORIA DELL ARTE TESI DI LAUREA IN STORIA DELL ARTE CONTEMPORANEA IL LUOGO DEL PARADOSSO: IL GIARDINO

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli