` Ç áàxüé wxäät câuuä vt \áàüâé ÉÇx

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "` Ç áàxüé wxäät câuuä vt \áàüâé ÉÇx"

Transcript

1 ` Ç áàxüé wxäät câuuä vt \áàüâé ÉÇx S C U O L A S E C O N D A R I A D I I G R A D O Giuseppe Garibaldi Via Pirandello, Trinitapoli Tel./fax: 0883/ e mail: Cod. Mecc.: FGMM C.F.: VISITA D ISTRUZIONE GROTTE DI PERTOSA CERTOSA DI PADULA Opuscolo illustrativo a cura delle classi 2^E 2^H anno scolastico Trinitapoli

2 Introduzione Tra i molti complessi monumentali monastici italiani, un posto eminente spetta senz altro alla Certosa di Padula in provincia di Salerno. Per grandiosità è di gran lunga superiore a quelle di San Martino in Napoli, di Val d Ema presso Firenze e di Pavia. Se, infatti, non può competere con quest ultima per la meravigliosa grazia del Rinascimento fiorito, ad essa contrappone la maestosità del barocco napoletano, la vastità dello stile architettonico, la giusta opposizione non di elementi decorativi, bensì di volumi costruttivi. Ruggero Bonghi, che visitò, restandone ammirato, il monumento nel 1885, scrisse in seguito questa amara constatazione: La Certosa, che da più anni è stata decretata in molte sue parti monumento nazionale, attesterà che questo onorato titolo vuole in verità dire monumento della trascuraggine della Nazione per la storia e per l arte sua. Con l augurio che la profezia possa essere smentita da prossimi avvenimenti, ci siamo proposti di dare alle stampe questo opuscoletto, arricchito di illustrazioni, lieti di aver contribuito anche se modestamente alla conoscenza dell impareggiabile Reggia del Silenzio. 1 Oggi la situazione è certamente mutata. Dal giugno del 1982, infatti, la Certosa di San Lorenzo è stata affidata alla Soprintendenza per i Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici di Salerno ed Avellino e chissà che, superata la fase provvisoria di monumento aperto per restauro, non ritorni a splendere a pieno titolo in un territorio che non faccia solo da inconsapevole e sonnolenta cornice. Tuttavia se il patrimonio culturale di una Nazione è il complesso dei suoi beni culturali ed ambientali e se fra i tanti beni rientra anche il libro in quanto parola tramandata e depositata, perché non ricordare ancora una volta, affinché non se ne perda la memoria storica, che per

3 lunghi anni solo silenzio, incuria colpevole, polvere hanno coperto un complesso monumentale di tale importanza? In tale scenario si colloca la prospettiva didattica della nostra visita d istruzione, che si arricchisce anche della visita alle grotte di Pertosa, attraverso i percorsi suggestivi danteschi. D altra parte uno dei nostri obiettivi è proprio questo: smuovere l inerzia e suscitare sulla scia di una scintilla una gran fiamma ( Poca favilla gran fiamma seconda..., DANTE, Par., canto I, v. 34). Chi voglia approfondire, ha materiale da cui attingere ma è doveroso e giusto che non si perda l eco di una voce lontana ma sempre chiara e libera. MICHELE ORLANDO MARZIA LUCERA ANGELO MAGGIO ALFONSINA SACCO 2

4 3

5 Cenni storici ALBA RADIOSA Nella ridente plaga salernitana, ai piedi di Padula, che si stende su di un conico colle, giace addormentata la casa dei Certosini, eternamente sognante la potenza e i fastigi di un tempo. Fu fondata, nell anno 1306, da Tommaso Sanseverino, conte di Marsico e contestabile del Reame di Napoli; il 27 aprile dello stesso anno il re Carlo II lo Zoppo ne confermò la fondazione con decreto scritto da Bartolomeo di Capua. Il 16 settembre l abate di Montevergine trasmise ai Certosini la propria giurisdizione. Dove sorge la Certosa c era un monastero di Benedettini, appartenente alla Badia di Montevergine chiamato Il San Lorenzo. Il Conte in un primo tempo avrebbe voluto fondare la Certosa nei suoi territori di Sanseverino presso Salerno, ma l abate di Montevergine, Guglielmo IV, avuto sentore di ciò, gli propose di edificar la nel territorio di Padula, mostrandosi disposto a cedere Il San Lorenzo in cambio dei beni dei Sanseverino. Al Conte non dispiacque la proposta ed accettò tutte le clausole imposte dall abate, impegnandosi ad osservarle ed a farle osservare dai suoi discendenti. I lavori fatti eseguire furono molti e di varia natura, perché il monastero benedettino dovette subire una radicale trasformazione. Oltre alle munifiche donazioni del conte, apportarono, negli anni successivi, validi aiuti, prodigando numerosi benefici, il Canonico Andrea Agnezio di Napoli, abate commendatario di Santa Maria di Cadossa e molte altre eminenti personalità. E notevole l atto dell Arcivescovo di Salerno, che per incoraggiare i benefattori della nuova costruzione, promise agli stessi alcune indulgenze. L esempio fu imitato da altri tre vescovi i quali incoraggiarono, come poterono, la fabbrica del colossale edificio. Quando questo fu in grado di poter ricevere i figli di San Brunone, il conte Tommaso inviò al Priore Generale di Grenoble il privilegio di donazione in cui erano espressi sentimenti di somma generosità ed elevati sensi di pietà cristiana. Il Priore Generale, commosso per l atto munifico e sincero del conte, ordinò al Priore della Certosa di Trisulti, padre Michele, di recarsi a Padula per prendere possesso dell edificio e sollecitare alcuni lavori ancora in corso. La notizia arrecò viva gioia all insigne benefattore, che, radunati tutti i vassalli e gli alti funzionari della contea, accolse con grande pompa l inviato pellegrino della nuova Certosa, infondendo nei fedeli nobili sentimenti di benevolenza. Dopo poco, riunitosi il Capitolo Generale a Grenoble, furono mandati alla Certosa, per stabilirvi l osservanza della regola, i Padri della Certosa di S. Maria del Casotto ed alcuni di Trisulti, sotto la dipendenza priorale di Giovanni Tommaso De Vito. La vita dei Certosini di Padula aveva avuto così la massima sanzione e l Ordine poteva vantare una nuova casa. L edificio fu gradatamente abbellito ed ingrandito così che poteva, a ben ragione, essere definito in seguito dal Lenormant: La plus considérable à la fois et la plus riche des Chartreuses de l Italie. 4

6 SAN BRUNONE ED I CERTOSINI Fin dai primi secoli della Chiesa, la dottrina Evangelica era penetrata negli animi di alcuni spiriti nobili, rendendoli non solo seguaci della religione cristiana, ma asceticamente uniti al Creatore, nella solitudine e nella pace di luoghi eremitici. Sant Antonio e San Pacomio sono i primi che si ritirarono sulle sommità di monti solitari; San Basilio (sec. IV) però ha maggiore importanza dei suddetti. Difatti egli diede vita ad una istituzione religiosa che prende il nome da lui, con una regola propria. Perciò è chiamato il Fondatore dei Monaci d Oriente. Nel VI secolo, in Italia, San Benedetto da Norcia diede vita all Ordine religioso più ricco di tradizioni, di Santi e di gloria. La sua regola fu apprezzatissima, in breve tempo, in tutta Europa, ed i monasteri benedettini pullularono ovunque. Monarchi, principi e governanti lessero i canoni della sapiente regola, su di essa poggiando le colonne dei loro imperi. I motti Ora et labora e Cruce et aratro sintetizzano la regola del Patriarca d Occidente. Nel corso dei secoli anime sante e devote di San Benedetto, imitando la sua regola, o prendendo da questa ispirazione, diedero vita ad altri ordini. Così nacquero i Cistercensi, i Cluniacensi, gli Olivetani, i Verginiani, i Camaldolesi ed i Certosini. Fermeremo la nostra attenzione su questi ultimi che più ci interessano. Nel 1035 nacque a Colonia Agrippina, in Germania, Brunone. Educato da religiosi di Reims, si mostrò, ancora piccolo, proclive alla scienza ed alla poesia. Diventato sacerdote iniziò il suo fecondo apostolato con la predicazione. Si recò in parecchie province e vari furono i frutti della sua parola, che guadagnò a Dio numerose conversioni. A Reims il suo nome diventava ogni giorno sempre più glorioso per simili affermazioni. Perciò l Arcivescovo Gervaso di Chateau du Loir lo chiamò a Reims e gli affidò l incarico di Cancelliere e di Scolastico della Cattedrale. Suo alunno, degno sopra gli altri di particolare menzione, fu il Papa Urbano II. 5

7 La cultura profonda e la sua norma severa di vita commossero tutti quelli che ebbero l onore di avvicinarlo. Allorché si trattò di difendere la Chiesa seppe diventare lo strenuo combattente della Fede Cristiana. Difatti, da amoroso e fedele seguace di Gregorio VII, che in quei tempi sosteneva la lotta contro le investiture, lottò contro Manasse de Gournay ed i Simoniaci che, morto 1 Arcivescovo, avevano invaso Reims, usurpandone la sede arcivescovile. In difesa della verità e del diritto sacrificò la quiete e tutte le sue dignità. Dopo questo fatto subentrò in lui l idea di una vita religiosa, ricca di penitenza e di continua preghiera. L idea, maturatasi e diventata parte essenziale del suo spirito di solitudine, fu da lui stesso manifestata a due fedeli amici, che insieme decisero di abbracciare la nuova vita religiosa. Deposto Manasse nel Concilio di Lione, la sede arcivescovile di Reims rimase vacante per due anni, finché la popolazione ed il clero chiesero Brunone per loro Arcivescovo, ma questi rifiutò e fuggì, in cerca di solitudine e di pace, con i suoi due amici, nell Abbazia di Molesmes, presso San Roberto. 6 S. Pietro Dopo quest ultima tappa nella vita monastica, che gli valse molto per meglio approfondire le proprie idee intorno alla futura famiglia religiosa, andò a Grenoble e si presentò al Vescovo di quella città, Sant Ugo, già suo discepolo, al quale manifestò le sue decisioni e le sue ardenti brame di vita contemplativa. Sant Ugo gli concesse i monti della Chartreuse, dove accompagnò l amante della solitudine, benedicendo la futura prima casa di quei Padri, figli della penitenza, che, dal primo luogo da essi abitato, si chiamarono Certosini (1084). Sei anni Brunone, con i suoi fedeli, aveva trascorsi nei monti della Chartreuse, ed il numero dei discepoli s era gradatamente accresciuto, quando nel 1090 un messaggero del papa

8 Urbano II si presentò alla porta della Certosa. Il Papa voleva a Roma Brunone che avrebbe dovuto aiutarlo nel governo della Chiesa. La notizia addolorò l amante della solitudine, che non sapeva distaccarsi dalla vita di penitenza e preghiera. Ma bisognò obbedire. Si recò a Roma con pochi discepoli. In quei tempi la Cristianità era minacciata gravemente: in Italia erano ancora recenti il ricordo e gli effetti dell usurpatore Guiberto ed i faziosi reclamavano la rivincita; in Germania Enrico IV appoggiava l antipapa; in Oriente i Musulmani atterrivano e minacciavano i Cristiani; nell Europa i principi erano discordi; a tutti questi pericoli s aggiungeva quello, non meno terribile, dell indebolimento della disciplina ecclesiastica. Dinanzi a questi problemi da risolvere si trovò Brunone, che con saggi consigli coadiuvò il Papa. In Italia furono opposti ad Enrico IV i duchi Normanni di Sicilia, Roberto e Ruggero Guiscardo alleati della Santa Sede; la disciplina ecclesiastica fu rafforzata ed il Papa stesso si recò in Francia a predicare la crociata contro l Islam. S. Brunone Per le buone opere prestate, il Papa volle ricompensare Brunone, offrendogli il seggio arcivescovile di Reggio Calabria, ma questi si rifiutò pregandolo di farlo tornare nella pace della sua Certosa. Il Papa acconsentì, a patto che fosse rimasto in Italia. Il Conte Ruggero di Calabria si fece paladino di Brunone, cedendogli un vasto possedimento della Torre, nella diocesi di Squillace in Calabria. Quivi Brunone ed i suoi seguaci fondarono la seconda Certosa che subito si popolò tutta, tanto che fu necessaria la costruzione di un altra Certosa, in un luogo vicino, che venne intitolata a Santo Stefano in Bosco. Il Papa ebbe ancora bisogno di Brunone e lo richiamò a Roma, ma infine lo lasciò libero per sempre nell osservanza della vita religiosa, nel monastero della Torre. Qui insieme alla sagace ed intelligente collaborazione di Lanuino, suo primo successore, che era già stato Priore della Grande Certosa, Brunone dettò alcune note, che poi dovevano servire come base a Don Guigo, il quale scrisse Le consuetudini dell Ordine Certosino (1134). Nel 1099 il Papa Urbano II morì, seguito a poca distanza dall insigne benefattore, il conte Ruggero. Brunone quindi si vide privato dei suoi migliori amici, ed essendosi a causa delle penitenze e privazioni indebolito abbastanza si preparò all ultimo trapasso, intensificando il già rigido tenore di vita. La domenica 6 ottobre dell anno 1101 rese la sua anima eroica a Dio. Brunone scrisse i Commenti sui Salmi e sulle Lettere di San Paolo che, a giudizio dei Benedettini della Congregazione di San Mauro, autori di una Storia letteraria di Francia, dovrebbero andare tra le mani di tutti i fedeli e particolarmente delle persone consacrate alle pubbliche preghiere, essendo lo stile conciso, semplice, robusto, chiaro, netto; ed il latino è pure buono, quanto lo può esse re quello di ogni altro scrittore del suo tempo. Nell anno 1622 Papa Gregorio XV elevò il Grande Patriarca agli onori degli altari. Varie leggende sono state create dalla fantasia dei romanzieri intorno ai certosini. Il popolo crede ancora a molte di queste leggende, forse perché, essendo l Ordine interamente consacrato alla solitudine e vivendo perciò i suoi affiliati nelle Certose, lontani da ogni rumore 7

9 mondano, un aura di mistero li ha avvolti nei secoli, dando origine così a quelle false interpretazioni sulla loro vita. Citeremo in proposito le sublimi parole di San Brunone, circa i vantaggi spirituali dell Ordine: Riguardo ai beni ed alle dolcezze che apportano la solitudine ed il silenzio del deserto a coloro che ne fanno la propria eredità, essi vengono conosciuti sol da quelli che ne fanno esperienza. Quivi è che uomini generosi ponno a loro agio rientrare nel proprio interiore, abitare seco stessi, coltivare senza posa il germe di tutte le virtù, e gustare in seno alla felicità i frutti del Paradiso. Quivi è che si possiede quello sguardo sereno che permette di vedere Dio, qui lavorasi tra i sollievi delle occupazioni; qui si riposa in un attività insonne d agitazione e di turbamento; qui ancora Dio novera le battaglie che sostengono per lui i suoi coraggiosi atleti, e loro concede quale ricompensa la pace ignota al mondo e la gioia dello Spirito Santo. L Ordine accoppia le due caratteristiche di quelli occidentali ed orientali. Difatti i monaci sono cenobiti come i Benedettini, e contemplativi e solitari ad un tempo come i primi eremiti. Perciò il Certosino si unisce alla comunità nel coro (giorno e notte), nei giorni festivi e la domenica nel refettorio, nel capitolo, al colloquio, e durante la passeggiata, detta spaziamento che dura tre ore e mezza (una volta alla settimana) fuori della Certosa. La vita eremitica del Certosino è essenzialmente contemplativa, secondo la giusta definizione di San Tommaso: Contemplativi dicuntur, non qui contemplantur, sed qui contemplationi totam vitam deputant. Perché questa vita contemplativa sia efficace e perfetta occorrono la solitudine ed il silenzio che non possono esistere se non nel chiostro e nella cella. Questa è tutto per il Certosino. In essa prega, mangia, studia e dorme. Ogni cella è munita di una piccola finestra sporgente nel chiostro dalla quale vengono dati al monaco i cibi e tutte le cose a lui necessarie. Il lavoro manuale, utile per mantenere il corpo nella sua piena energia, di solito è praticato col dipingere, scolpire, modellare, tornire, intarsiare: lavori questi che, oltre che a ricreare il corpo e lo spirito, nulla tolgono alla dottrina della contemplazione. Lo studio è raccomandato moltissimo da San Brunone, che non tralasciava mai di consigliare ai monaci il lavoro di trascrizione di codici e manoscritti. In quanto al vitto il magro assoluto è di regola e non si accordano dispense né per i viaggi, né in caso di malattia mortale. 8

10 Si aggiunge a tale astinenza il digiuno che dura otto mesi, dal 14 settembre, festa dell Esaltazione della Santa Croce, sino a Pasqua. Durante questi otto mesi, eccettuate le domeniche ed altre poche solennità, è d obbligo un solo pasto: alla sera la cena è di un pezzo di pane con poco vino ed acqua. Di solito il Certosino dorme quasi vestito su di un umile pagliericcio e con una sola coperta; veste una tunica di lana bianca con lo scapolare, le cui due parti ai fianchi sono riunite da fasce. Usa il cappuccio solo in cella, il cappello fuori della Certosa. Come i Benedettini, i monaci si distinguono in due categorie: i sacerdoti (padri) ed i laici (frati). I primi addetti esclusivamente alla contemplazione, alla preghiera, allo studio ed all esercizio delle sacre funzioni; i secondi al lavoro manuale necessario per il sostentamento dei sacerdoti. Oltre ai voti di castità, povertà ed obbedienza, è obbligatorio il voto di stabilità di corpo, riguardo cioè alla dimora prescelta della Certosa, e di spirito, riguardo alla perfezione dei tre voti essenziali. Nella distribuzione delle cariche e degli uffici è in primo luogo il Reverendo Padre che, in altri termini, è il Generale dell Ordine, dal quale dipendono tutte le Certose. Nessun segno distintivo fa palese la sua alta dignità. Seguono i Visitatori, che vengono designati dal Capitolo Generale e che debbono, in date epoche, compiere le visite alle varie case Certosine, in qualità di ispettori. Il Priore è il capo della Certosa e viene eletto dai religiosi del luogo. Il Vicario sostituisce il Priore in caso di assenza; il Procuratore è addetto alla amministrazione dei beni; il Sacrista ai servizi della chiesa; il Coadiutore accoglie i forestieri 9

11 ed ascolta le confessioni ed infine il Maestro dei Novizi, addetto alla formazione spirituale dei giovani aspiranti alla vita Certosina. Ed ora un fugace cenno sulla liturgia dei Certosini, che ci renderà maggiormente edotti del misticismo e della pietà che infiorano le azioni di questi Serafini della Chiesa militante. L illustre autore Certosino di La Grande Certosa ci dà queste spiegazioni per ciò che concerne il canto ed il modo di salmodiare dei monaci: I Certosini hanno conservato i loro libri corali senza cambiarvi una nota: ma questo modo di cantare non è del gusto di tutti. Ecco un passo dei nostri antichi Statuti, tratto dal capitolo De modo cantandi. Come l occupazione di un vero monaco è molto più di piangere che di cantare, serviamoci della nostra voce in tal guisa che essa procuri all anima quella gioia intima che viene dalle lacrime, invece delle emozioni risultanti dagli accordi di una musica armoniosa. Adunque i Certosini salmodiano con la voce melanconica del pianto. E nel canto è tutta la sacra passione che invoglia questi volontari penitenti a impetrare il perdono dal Dio giusto per le anime peccatrici e derelitte del mondo. Nessuno strumento di musica accompagna il loro pianto ed è logico, perché il pianto nasce spontaneo dal profondo del cuore e questo, quando è commosso, è più eloquente di qualsiasi strumento musicale. La Messa dei Certosini differisce in varie cerimonie da quella del Rito Romano. Così pure l Ufficio divino ed altre preghiere di carattere comune. Ciò che desta impressione, e nello stesso tempo commuove l animo di chi ascolta, è l Ufficio notturno. Alle ore undici ed un quarto o sotto la mezzanotte (secondo il grado delle feste) la campana riempie la Certosa dell onda sonora. Le celle ad una ad una sono aperte dai monaci silenziosi che, recanti piccole lanterne, illuminano il chiostro con luce fioca che a mano a mano scompare. In quell ora notturna mentre il mondo, abbagliato dalle false luci, si diverte, questi umili soldati s allineano compunti nel coro, in una oscurità quasi totale. Voci lente e calde danno inizio al canto. Non sai se questo è un gemito od una lode, tali sono la compunzione e la letizia che lo dominano. Certo quei momenti, per chi vi assiste, sono 10

12 sublimi, perché hanno la magia del sogno e la forza dell incanto. Si estinguono i lumi; unica face accesa, simbolo costante della fiamma dell amore, è la tremula lampada del Sacramento. I monaci non si distinguono più: o meglio nella loro immobilità statuaria si scorge ogni tanto il fluttuar ieratico dei panni, avvolti come nella nebbia, dietro cui voci misteriose s intrecciano solenni, concordi nel pianto e nella lode. Il profano è preso da un sacro terrore: cessano allora tutti gli appetiti mondani, i pensieri che ci legano al mondo evadono dalla mente: tutto si dimentica. Unico pensiero dominante è l eternità. Il coro termina. Le lanterne si riaccendono. I monaci ad uno ad uno si ritirano nelle celle: il chiostro si illumina ancora una volta di luce fioca, poi tutto è avvolto dalle tenebre. Sono le due. La morte è sempre presente dinanzi alla mente del Certosino. Difatti i simboli di questa sono sparsi ovunque nella Certosa. E non a caso il cimitero è situato nel Grande Chiostro. Inoltre simboli di morte si trovano nelle celle, nella chiesa e finanche in cucina. I panni che ricoprono il Certosino morto sono quelli dell Ordine: il cadavere cinto da una corda viene fissato su di un asse; il cappuccio gli copre il volto; le mani poggiano sul petto a forma di croce e la testa è leggermente sollevata da un cuscino di paglia. Dopo le funzioni religiose di rito il cadavere viene trasportato, senza cassa, nel cimitero. Qui la fossa viene aspersa di acqua santa dal celebrante, il quale dopo aver recitato le preghiere dei defunti, aspetta che il cadavere venga messo dentro; quindi getta tre pugni di terra nella fossa, che poi viene riempita dagli altri monaci. Una croce di legno sormonta la fossa, mentre per i Padri Generali la croce è di pietra. 11 TOMMASO SANSEVERINO Turgisio, discendente dei duchi di Normandia, venuto in Italia al seguito di Roberto il Guiscardo, che gli donò la contea di Sanseverino, è il capostipite della famiglia. Sarebbe troppo lungo parlare delle vicende di Turgisio e dei numerosi discendenti. Al lettore interessa sapere che Tommaso discende in linea retta da Turgisio. Padre di Tommaso fu Ruggero, ricco di virtù e prode fino all eroismo. Morto costui, nel 1285, in Marsico, di cui era signore, rimase unico erede Tommaso. Teodora d Aquino, moglie di Ruggero e madre di Tommaso, era sorella dell Angelico Dottore. Il fondatore quindi, ereditando i beni ed i feudi aviti, ereditava dalla madre preclare virtù di pietà, e dallo zio sante aspirazioni celesti. Come uomo d armi e di governo fu degno di lode e di ammirazione. Roberto d Angiò lo amò e lo protesse moltissimo. Immensi furono i benefici che gli concesse, proficue ed estese le donazioni. Sposatosi due volte ebbe complessivamente sei figli: due, Ruggero ed Enrico, dalla prima moglie Margherita, figlia del conte di Valdemonte e di Ariano; e quattro: Giacomo, Guglielmo, Roberto e Ruggero dalla seconda, Sveva d Avezzano. Tutti questi figli seguirono la carriera delle armi e del governo, fatta eccezione del primogenito Ruggero che seguì la carriera ecclesiastica, diventando prima arcivescovo di Bari e poi di Salerno. Fin dalla sua infanzia, il conte Tommaso aveva nutrito una particolare e tenera

13 devozione per l Ordine dei Certosini e sempre aveva ripetuto a se stesso ed agli amici queste parole: Fonderò per i Certosini un monastero sulle mie terre, non appena potrò farlo. Questo suo zelo di sincera devozione, come disse il re Carlo Il, divenne realtà viva e palpitante fatta d amore e di perseveranza. Seppe usare della sua ricchezza, che lo rendeva uno dei più importanti signori del tempo, accoppiando alla sua potenza, che si estendeva in tutto il Vallo di Diano ed oltre, fino a San Severino, una munificenza degna di un santo. Prove di questa sono il diploma del 28 gennaio 1306, nel quale sono enumerati i benefici, le donazioni ed i privilegi concessi ai Monaci, ed il diploma del 20 gennaio 1307, indirizzato al Priore ed ai Monaci, in cui il suo animo nobile ed estremamente caritatevole così si manifesta: Mentre noi, per fervoroso affetto al vostro Ordine, abbiamo fondato a proprie spese e dispendio la Certosa di San Lorenzo in Padula, dell Ordine Certosino nella diocesi di Capaccio, il nostro cuore è molto preoccupato e siamo angustiati da continua sollecitudine, perciò mentre siamo ancora in vita...(noi pensiamo)... di provvedere la casa stessa dei beni temporali, affinché le persone che quivi servono il Signore possano dei beni stessi convenientemente sostentarsi. Nell anno 1321, dopo aver diviso i suoi beni tra i figli, senza trascurare la Certosa, morì tra il rimpianto dei sudditi e degli affeziona ti Monaci, che lo seppellirono nella reggia austera. Sono sette secoli ormai che tranquillo riposa nella pace e nella melodia del silenzio, ripetendo al monaco certosino, che, purtroppo, è assente HOC CLAUDOR SAXO PRIMUS QUI SAXEA FIXI FUNDAMENTA DOMUS CARTHUSIANAE TUAE MARSICUS ECCE COMES THOMMASEN SANSEVERINUS AD DOMINUM PRO ME FUNDITO CORDE PRECES 12 (In questo sasso sono chiuso io che posi le fondamenta della tua casa Certosina; sono il conte di Marsico, Tommaso Sanseverino; dal profondo del cuore eleva preghiere a Dio per me). I discendenti furono di cuore non meno nobile del suo. Avendo infatti gli amministratori della casa, dopo la sua morte, mostrato freddezza ed incuria nel pagare quanto era stato stabilito da lui, i Monaci si risentirono con il figlio Guglielmo: questi, con una generosità degna del padre, colmò di benefici e donazioni i Monaci malmenati da quei figli di iniquità e disprezzatori d ubbidienza. La Famiglia Sanseverino godette grande fama e molta influenza esercitò e non a torto fu detta la prima casa del Regno. Il suo prestigio, infatti, si estendeva in quasi tutta la penisola. Ciò è dimostrato dai monumenti e dagli stemmi sparsi in molte città d Italia. E, infine, importante notare che l esempio di Tommaso fu subito imitato, in Italia, da altri munifici principi, i quali, come lui, fondarono a proprie spese magnifiche Certose, abbellendole con notevoli opere d arte e dotandole di cospicue rendite.

14 13 VERSO L INGRANDIMENTO La fabbrica della Certosa fu grandemente coadiuvata dall assistenza morale di eminenti personalità ecclesiastiche e da una costante munificenza dei fedeli. I re di Napoli, Angioini e Durazzeschi, furono tutti benevoli verso la Certosa. Il re Roberto, la regina Giovanna I, Carlo III, Ladislao, Giovanna II protessero e beneficarono il Cenobio con una larghezza che fa loro onore. Poiché molti preziosi documenti storici sono andati perduti, è impossibile narrare più dettagliatamente le gloriose vicende della Certosa. Di tutti i Priori del Cenobio non esistono dati biografici. Si sa solamente degli atti amministrativi da essi compiuti e di qualche notizia sporadica intorno al loro governo. Non potremo credere che i Monaci, così spiritualmente educati, abbiano scritto solo gli atti amministrativi priorali. Il tempo e gli eventi burrascosi hanno involato ai nostri occhi tutto ciò che fu vita vissuta con energia e santità. Tutti indistintamente furono attivi conservatori degli interessi del Cenobio e le donazioni come i privilegi furono costantemente favoriti dalla loro sagacia. La vita del Cenobio, sino all anno 1451, durante il quale sotto il priorato di Don Nicola Congo, furono dati ad esso da papa Niccolò V i beni di Pisticci, Santa Maria e San Basilio, segue tranquilla il suo cammino copioso di costruzioni e florido per le opere d arte. Dopo un secolo e mezzo dalla fondazione la bandiera Certosina veniva issata sui territori che già un tempo erano stati feudi del Sanseverino. In tal modo la creatura di sì nobile stirpe seguiva la politica e le orme di questa. Santa Maria e San Basilio di Pisticci hanno una storia

15 molto più antica del nostro Cenobio. Monarchi, principi e conti favorirono molto questi due monasteri; perciò la loro annessione alla Certosa segna per questa il periodo aureo della sua giurisdizione. Nel 1505 papa Giulio II donò la chiesa di San Demetrio presso il Basento, nel territorio di Brindisi. Sebbene tale donazione non abbia grande valore, segna per la Certosa un periodo di massima importanza; difatti questa può estendere il suo dominio più liberamente nei territori limitrofi a detta chiesa. Nel 1508 Roberto II Sanseverino vendette al Cenobio una sua ricca proprietà in Marsico, chiamata Mandranello, ed il feudo di Sant Angelo nel territorio di Sala Consilina (non si confonda il feudo di Sant Angelo con la chiesa ed il villaggio omonimi). Per detti acquisti fu necessaria la fondazione di una grangia che sorse in piazza S. Eustachio. Fu poco dopo necessaria l edificazione di un altra grangia a Saponara per l amministrazione dei nuovi acquisti in Molitemo, in San Chirico Raparo e nella stessa Saponara. La vita del Cenobio continua così rigogliosa e florida. Donazioni, privilegi e compere effettuate con danaro proprio, e ciò dimostra la considerevole ricchezza, si susseguono meravigliosamente, rafforzando la dignità austera e maestosa della sua regale costituzione. La badia benedettina di Santa Maria di Cadossa, nel territorio di Casalbuono, più antica della Certosa e coeva di Santa Maria e di San Basilio di Pisticci, con bolla papale e con la conferma priorale fu incorporata alla Certosa. Per conseguenza Casalbuono spiritualmente dipese dalla Certosa e, quando verso la fine del secolo XVI cercò di sottrarsi alla giurisdizione priorale, subentrò la Santa Sede che confermò, decretando, il diritto priorale. La Certosa, se s interessò moltissimo degli acquisti considerevoli, non trascurò quelli di minore importanza. Difatti in Teggiano, nei territori di Vibonati ed in quelli di Policastro, acquistò oliveti, querceti, case, beni mobili ed immobili. I successori di Tommaso, che moralmente potevano dire loro la Certosa, in quasi tutti gli acquisti, le oblazioni e le compere, stesero ai Monaci la loro mano ausiliatrice. Non bisogna però sottovalutare l opera benefica dei piccoli donatori che, con somma devozione a San Lorenzo ed a San Brunone, portavano periodicamente ai Monaci grano, latticini ed altro. Le più belle ed ubertose contrade del territorio di Padula arricchirono i possedimenti certosini: Rofreddo (Rio freddo), Serra rotonda, Malanotte ed il Monastero benedettino di San Nicola al Turone erano tra le più antiche proprietà del Cenobio. Anche in Eboli, Salerno e Napoli vantava diritti e possedimenti. A Salerno la fiera di San Matteo (la cui origine risale ad epoca remota) era largamente sfruttata dai Monaci di Padula, i quali vantavano presso la Corte amministrativa salernitana numerosi privilegi e cospicue risorse economiche, soprattutto perché i Sanseverino diventarono signori di questa città. In Napoli i possedimenti erano considerevoli. Molti fabbricati della Certosa erano sparsi nelle principali vie della città. Varie grange tutelavano gli interessi del Cenobio che, nel quartiere del Pendino, in Piazza degli orefici, aveva un ospizio detto pure San Lorenzo. A causa del colera (1884) furono ordinate dal Municipio di Napoli molte demolizioni per il risanamento della città e l ospizio venne atterrato dal piccone risanatore. Gli Aragonesi, succeduti agli Angioini ed ai Durazzeschi, non si mostrarono da meno di questi nella elargizione di benefici e privilegi. Colui che, tra i re Aragonesi, ebbe maggiori contatti con la Certosa fu Alfonso I. Questi, 14

16 infatti, creò per essa diritti di pascolo, pedaggio e pesca nel mare di Taranto. Gioviano Pontano, della celebre Accademia, che da lui s intitola Pontaniana, fondata da Antonio Beccadelli, detto il Panormita, sotto il governo del magnanimo Alfonso, essendo intimo dei monarchi aragonesi ed amico e confidente dei Monaci della Certosa di San Martino di Napoli (tre dei quali divennero Priori di Padula), subentrò quale intermediario tra gli intimi e gli amici a vantaggio della Certosa. La sua opera non fu priva di risultati, specie nel campo culturale. Le lotte sostenute fra re e baroni, che ebbero come teatro i territori vicini alla Certosa ed ai suoi feudi, e le guerre fra i pretendenti francesi e spagnoli non poco danno arrecarono alla tranquillità ed all arte del Cenobio. La terribile congiura dei Baroni (1485), tramata contro gli Aragonesi, ed in cui ebbero attiva parte i Sanseverino, segnò un periodo di sosta ignominiosa. Molti congiurati pagarono la loro tracotanza con la morte. Il ribelle Antonello Sanseverino riuscì a fuggire. Ma il suo atto fu tenuto presente da Federico d Aragona, re di Napoli, il quale, partendo da questa causa remota e istigato dalla ribellione del Conte che si chiuse temerariamente nel castello di Teggiano, marciò con un esercito di ventimila uomini contro di lui. Dopo sei mesi di accanita resistenza Antonello fu costretto a capitolare. Se il rigoglio finanziario ed artistico fu turbato da queste guerre, la vita intima dei Monaci conservò sempre la più intima disciplina. La Certosa, infatti, era tanto stimata dalle altre consorelle, che queste vi inviavano quei Padri o conversi poco osservatori della Regola, per le necessarie correzioni. PROSPERANDO E BENEFICANDO 15 L anno 1514 fu per tutta la Comunità una data gloriosa ed apportatrice di letizia. Difatti sino a quell epoca l Ordine ignorava dove era sepolto il corpo del Patriarca Brunone. Molte erano state le ricerche e vani i risultati. Trovandosi quell anno nella Certosa di Santo Stefano in Bosco, in Calabria, alcuni Monaci della Comunità di Padula, per affari inerenti all Ordine e missioni di carattere spirituale, pensarono di rintracciare il corpo del Fondatore. Le ricerche furono diligenti ed alacri: finalmente, dopo alcuni mesi, poterono annunziare all Ordine di aver trovato le ossa del Fondatore. Tale scoperta riempì di gioia i Monaci dell Ordine ed in tutte le Certose furono celebrate preghiere ed inni di ringraziamento. La notizia giunse fulminea a Papa Leone X che, con animo lieto e sincera ammirazione per l Ordine, beatificò il mistico Fondatore. Il cranio del Patriarca fu portato a Napoli, donde tornò solo nel 1516 racchiuso in un magnifico busto d argento che ancora oggi si ammira nella Certosa calabrese. Ecco quanto scriveva un cronista dell epoca sulla vita spirituale della Certosa: Grazie alla santità della vita dei Monaci, alla prudente amministrazione degl incaricati, al buon esempio dei conversi, all ardente carità di tutti per Dio e per il prossimo, il monastero è molto prosperato. I religiosi sono numerosi, ma quello che si consuma per l uso della casa è poco in confronto di ciò che si dà ai poveri di Gesù Cristo, a diverse persone ecclesiastiche ed agli Ordini mendicanti. Liberati dall amore per le cose di quaggiù, i Padri si dedicano tutti interamente agli Uffici divini. Se qualche volta vengono ingiustamente molestati o se vengono privati dei loro diritti, essi sopportano l ingiuria con pazienza piuttosto che d intentare dei processi.

17 E doveroso ricordare qui due nobili figure di Monaci. Giovanni di Balsamo Brancaccio, fin da quando era abate di San Nicola al Turone, aiutò finanziariamente i religiosi. Talmente si affezionò all Ordine che chiese il permesso al Papa Clemente VII d incorporare tutti i suoi benefici alla Certosa ed indossò l abito dei figli di San Brunone. Uomo pietoso, buono, affabile, seppe guadagnarsi la venerazione e la stima dei monaci; dolce ed umile con tutti era servizievole e mite secondo i dettami del Vangelo. Dopo infiniti dolori cagionati da una inguaribile infermità, morì tra il compianto generale l anno L altra figura da ricordare è quella del Priore Don Lorenzo Giordani. Durante una grande carestia che desolava Padula ed i paesi limitrofi, aprì i granai della Certosa per alleviare gli indigenti. Ai consiglieri, che cercavano di distoglierlo dal dare grano ai poveri, rispose facendo distribuire a questi tutto ciò che aveva conservato per i Monaci. La Provvidenza ne premiò la fede e la carità. Difatti una notte il granaio fu miracolosamente riempito di frumento, e gli operai di una grangia scoprirono una fossa piena d oro che permise non solo di sovvenire alle necessità impellenti, ma anche di aumentare le rendite della Comunità. Per la sua grande umiltà volle ritornare semplice religioso. Morì nell anno Molti storici, tra cui Camillo Tutini, Giovan Battista Pacichelli e Costantino Gatta parlano di una visita di Carlo V e di una colazione consumata in cantina, consistente in una frittata di mille uova. Monsignor Antonio Sacco non accetta, nella sua poderosa opera, ciò che per molti secoli fu opinione comune (ed erroneamente lo è tuttora) intorno a questa visita, perché, come afferma il medesimo: è veramente incomprensibile come i diaristi della vita di Carlo V ignorino la sua visita alla Certosa. Sono invece vere le visite di Federico II d Aragona e di Alfonso duca di Calabria, che poi successe al padre Ferrante sul trono di Napoli. Il Rinascimento, se fu la tomba dei patrii sentimenti, fu pure il periodo più ricco di artisti di ogni genere. Quelli che più di tutti venerarono l Arte, incoraggiando gli artisti, furono i Papi e i Monaci. La Certosa non poteva rimanere indifferente di fronte a tanto splendore ed a tanto pullulare di artisti. Il Rinascimento, infatti, segna il periodo aureo dell arte sua. Fu così grande la potenza raggiunta dai Monaci in questo periodo che, cosa rarissima nella storia dell Ordine, volevano fondare a proprie spese una Certosa, intitolata alla Santissima Trinità nella città di Taranto. Non sappiamo quali furono le ragioni per cui tale disegno non fu attuato. Tuttavia edificarono una fiorentissima grangia presso la chiesetta di San Marco, un tempo proprietà di Santa Maria e di San Basilio di Pisticci, che anche oggi si può ammirare. Dopo l istituzione della grangia in Taranto i Monaci, riuniti in Capitolo, nell anno 1635, sotto il Priore Giovan Battista Manducci, decretarono la compera di Montesano da tempo vagheggiata. Detta compera fu effettuata nell anno seguente, con atto notarile in cui si diceva essere stato venduto Montesano dal barone Fulvio Ambrosino in persona di Tommaso Novellino al procuratore di questi Giovan Domen. Tassone per ducati Il Priore di San Lorenzo divenne barone di Montesano, ma la baronia fu esercitata dal compratore nominale Tommaso Novellino e dai suoi eredi fino all anno L acquisto di Montesano, che si erge su di un caratteristico cocuzzolo e che dista pochi chilometri da Padula, fu molto utile alla Certosa. Tale feudo consisteva in numerosi poderi e 16

18 fabbricati, sparsi nei limitrofi territori. E opportuno, a questo punto, osservare col Sacco che tutti i feudi acquistati sono tanti corpi complessi, che entrano nel gran corpo della Certosa. Contemporanee e poco posteriori al suddetto acquisto sono le donazioni spontanee di ricche persone di Tramutola e di Sanza. Tutti questi nuovi possedimenti furono confermati dal re Ferdinando il Cattolico e dal suo successore Carlo V. ULTIME VICENDE Sino al 1500 i Monaci (sacerdoti e laici) erano in numero di trenta. Dopo la compera di Montesano, secondo alcuni cronisti del tempo, la comunità salì alla rispettabile cifra di ottantacinque Monaci. Se questa cifra è un poco esagerata, deve però considerarsi come esatta quella di sessanta. Il nostro Cenobio aiutava finanziariamente e spiritualmente molte Certose d Italia, essendo il suo tenore di vita, assai rigido, modello, guida ed emulazione per le altre comunità dell Ordine. Le continue ruberie e le incursioni dei pirati e dei Turchi nei territori in cui aveva possedimenti, come in quelli di Taranto e di Policastro, recarono molti fastidi alla Certosa, costringendo i Monaci a fortificare le loro grange con torri di difesa per tener testa ad un eventuale assalto. Padula, feudo successivamente di molti Principi della casa Sanseverino e delle famiglie Di Scocco, Cardona, Villamari, Gonzaga, D Este, Grimaldi, De Ponte, Medici, D Avalos guardava, dall alto del conico colle, la potenza certosina. Nell anno 1645, quando cioè era signore e proprietario di Padula e Buonabitacolo il marchese Diego D Avalos, il sacro regio consiglio, con apposito decreto, autorizzò la vendita di Padula e di Buonabitacolo alla Certosa. La vendita fu effettuata fra il suddetto marchese e Pietro Ferro dottore dell arte della medicina, per una somma di ducati. Nel gennaio del seguente anno questi feudi venivano incorporati alla Certosa; così la reggia augusta poteva vantare domini, possedimenti e giurisdizione in ogni luogo, vicino e lontano. Dopo questi acquisti, la Certosa pone termine all ingrandimento territoriale. Sino al fatale anno 1806 nulla d importante da segnalare. Tutto il bagliore, meravigliosamente accresciutosi in sei secoli, con la tenacia e l amore di quei venerandi Padri, che le loro energie spesero, per la vita veramente regale del Cenobio, si oscurò ad un tratto, con il sopravvenire di una nuvola plumbea apportatrice di oppressione. Nel 1806 si stabilì, funesta, nell Italia meridionale la dominazione francese, segnando la fine della vita certosina ed il tracollo di sei secoli di storia intensamente vissuta. I Monaci furono bruscamente cacciati ed i quadri, le pergamene ed i cimeli più preziosi furono strappati alla custodia di quelle mura vetuste e l edificio divenne il quartiere generale di quella buona gente. I beni ed i feudi furono incamerati e sola rimase, in mezzo a tanto squallore, la reggia austera, coperta dal velo nostalgico della storia passata. Nell anno 1818 la monotonia della reggia abbandonata fu inter rotta dai canti e dalle preghiere dei Monaci che vi fecero ritorno. Giorni di pace, di letizia e di cantici furono quelli, non solo per i monaci, ma anche per la popolazione che, tripudiando, dava il benvenuto ai figli di San Brunone. 17

19 Però con la soppressione del 1866 la vita della Certosa fu nuova mente interrotta e da quell epoca i monaci non vi hanno fatto più ritorno. I cinquecentosessanta anni di vita mistica ed intensa testimoniano a noi posteri la florida grandezza del Cenobio glorioso. Nell anno 1882 l onorevole Cesare di Gaeta la fece dichiarare Monumento Nazionale. FILO SPINATO DI DUE GUERRE Il munifico Conte, che aveva fondato a proprie spese e dispendio la Certosa, preoccupandosi in seguito di provvedere la stessa dei beni temporali, affinché le persone che ivi servivano il Signore potessero dei beni stessi convenientemente sostentarsi, non avrebbe mai immaginato che quella sua maestosa creatura sarebbe stata desti nata dalla superficiale valutazione dei posteri a campo di concentra mento peri prigionieri di guerra ( ), a sede di Comando della VII Armata nell ultima guerra, e, successivamente, a campo di prigionieri inglesi ( ), ed infine, ironia delle cose!, a campo di concentramento di italiani prigionieri degli inglesi. Nel gennaio del 1944 la Certosa, infatti, cambiò il suo nome in questo più lungo e così poco cristiano di A Civilian Internee Camp. 371 P.O.W.. Sino all agosto del 1945, quando cioè il campo fu sciolto con la parziale liberazione degli internati, oltre tremila uomini e circa duecento donne italiane e tedesche vi furono rinchiusi. La sontuosa Reggia del Silenzio era diventata la involontaria prigione di migliaia di italiani, provenienti da tutte le regioni della Penisola, dal Lazio alla Sicilia, dalle Marche alla Campania, dalla Toscana al Molise, diversi per censo ed intelletto, origini e cariche occupate, ma tutti ugualmente colpevoli dinanzi agli occhi dello straniero vittorioso, così facilmente incline a confondere il soldato valoroso come il Generale Bellomo col comune criminale di guerra. 18

20 Molti nomi di uomini che per anni, durante il regime fascista, avevamo ascoltato alla radio o letto sui giornali, erano diventati dietro la muraglia della Certosa dei numeri, e di loro ci si accorgeva soltanto quando i familiari, che avevano preso dimora nel paese per essere vicini ai loro cari, narravano le storie di ognuno, le tante peripezie subite durante un recente passato e che suonavano ormai come fantasie di un mondo lontanissimo. Così sapemmo che i personaggi più importanti reclusi nella Certosa si chiamavano Gaetano Polverelli, Orfeo Sellani, Maurizio Maraviglia, Andrea Carafa, l ing. Roger, il progettista degli incrocia tori più belli della nostra marina d anteguerra, Paolo Orano, Orsolino Cencelli, Achille Lauro, Giuseppe Frignani, Francesco Ruspoli, Massimo Tasca, Ezio Garibaldi, Giulio Quirino Giglioli, Gherardo Casini, Alberto Giannini, Valerio Pignatelli, Giorgio Vaccari, il pittore Baccio Maria Bacci, l architetto Alberto Calza Bini, il maestro De Rewisky, ecc. INIZIATIVE CULTURALI Poiché nel 1942, quando cioè la Certosa ospitava 500 prigionieri inglesi, per la maggior parte ufficiali, il Comandante italiano del Campo, colonnello Santoro, aveva cercato, nei limiti del possibile, di rendere meno tediosa e triste la vita ai reclusi, permettendo loro di allestire un teatrino nel grande refettorio, il Comandante inglese del Campo, certamente memore di ciò, cercò anch egli di alleviare ai prigionieri la vita di reclusione, consentendo loro di ascoltare conferenze, di fare lezioni, allestire un teatrino, servirsi di una biblioteca. Così il prof. Garoglio dell Università Agraria di Firenze insegnò a molti agricoltori i segreti dell enologia e della coltura dell ulivo, il prof. Spazzi diede lezioni di stenografia, il prof. Coppi insegnò francese e arabo. Giulio Quirino Giglioli, esperto di storia antica e romana, tenne molte conferenze illustrando le origini romane del Vallo di Diano, e Alberto Calza Bini fece rivivere in dotte conferenze la gloriosa storia della Casa dei Certosini. In tal modo, grazie a queste iniziative culturali che grande giovamento arrecavano agli spiriti dei più sensibili e preparati, molti poterono apprendere che in quelle mura per seicento anni si erano avvicendati centinaia di bianchi monaci, i quali, ogni sera, sotto la mezzanotte, chiamati dal suono della campana, uscivano dalle proprie celle per recarsi in chiesa a cantare le lodi di Dio sino alle due del mattino. Per 545 giorni, ogni sera, migliaia di uomini, sconvolti e sopraffatti dagli eventi, vedendo crollare speranze e ideali, si accorgevano, con dolce meraviglia, che qualcosa in ognuno, il vecchio uomo cioè, veniva sostituito dall altro, il credente. La Fede infatti tornò nei cuori di molti tra le mura della Certosa e molti furono quelli che poterono approfondire il significato del celestiale adagio per aspera ad astra. Prova di questo immenso beneficio della Fede riacquistata nel dolore e nella polvere sono la cristiana rassegnazione con la quale il generale Bellomo affrontò il plotone di esecuzione, le molte sofferenze di Paolo Orano, coraggiosamente sopportate sino alla morte, e quelle di tanti altri illustri che riposano ancora nel cimitero di Padula, sulle tombe dei quali pietose mani di ignoti fedeli depongono ogni anno, il 2 novembre, un crisantemo ed un cero. Un ex internato, così scriveva, pochi mesi dopo la liberazione sull Osservatore Romano della Domenica del 28 ottobre 1945: Nella chiesa settecentesca della Certosa di S. Lorenzo in Padula sono raccolti in preghiera gli internati dello A Civilian Internee camp.. L altare è adorno di fiori campestri. 19

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA Nei tempi antichi i pellegrini partivano per i pellegrinaggi con una lettera del parroco o del vescovo che attestava la loro intenzione di compiere un

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

In quei giorni, aumentando il numero dei discepoli, quelli di lingua greca mormorarono contro

In quei giorni, aumentando il numero dei discepoli, quelli di lingua greca mormorarono contro -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) ======================================================

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità

Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità PRIMO GIORNO Preghiamo per i veggenti Preghiera alla Regina della Pace Madre di Dio

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

IL PERDONO DI ASSISI

IL PERDONO DI ASSISI IL PERDONO DI ASSISI Il Perdono di Assisi è una manifestazione della Misericordia infinita di Dio e un segno della passione apostolica di San Francesco Indulgenza della Porziuncola 2 AGOSTO Festa della

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA a.s.2015/2016 PREMESSA Insegnare Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia significa

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico

Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico 5 Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico don Adolfo L Arco salesiano PRESENTAZIONE L Autore del presente volume non

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI

MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI Figura n. 1 Serva di Dio M. Giuseppa dei SS. Cuori. UNA MONACA ADORATRICE MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI MARIANNA FORTUNATA CHERUBINI La Monaca Adoratrice amata dalla Napoli

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II Tratto da: «DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II A CURA DI Don Angelo Viganò Indice Riscopriamo la domenica: il giorno del Signore.............. pag. 3 1. La domenica è il giorno

Dettagli

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia Arcidiocesi di Pesaro Giubileo Straordinario della Misericordia Vogliamo vivere questo Anno Giubilare alla luce della Parola del Signore: Misericordiosi come il Padre. Misericordia è la via che unisce

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli