Nero su Bianco. L immagine dell immigrazione nella stampa locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nero su Bianco. L immagine dell immigrazione nella stampa locale"

Transcript

1 Nero su Bianco L immagine dell immigrazione nella stampa locale Rapporto di Ricerca - Cronaca di Lucca

2 Ufficio Pastorale Caritas Diocesi di Lucca Piazzale Arrigoni, Lucca Tel Fax in collaborazione con: Fondazione Volontariato e Partecipazione Per la ricerca, il pensiero e l innovazione sociale via Catalani, Lucca Tel Fax

3 Indice Prefazione! pag. 5 La rappresentazione dell'immigrazione nei media italiani! pag. 9 L'immagine dell'immigrazione nei giornali locali: la ricerca! pag. 19 Metodologia! pag Bianco su Bianco 1.1 L assenza e la presenza! pag Il giornale non è un megafono! pag L informazione di servizio! pag I temi caldi delle prime pagine! pag I temi freddi delle prime pagine! pag Nero su Nero 2.1 La cornice del quadro! pag La scena del delitto! pag Le buone notizie! pag La voce delle fonti! pag. 52 3

4 3. Nero su Bianco 3.1 Parole e Persone! pag Protagonisti e comparse! pag La presenza nelle fotografie! pag L inquadratura ed il fuori campo! pag. 65 Riflessioni conclusive: oltre i giochi di parole! pag. 75! Allegato: La Carta di Roma! pag. 79! Allegato: Tabelle! pag. 82! Bibliografia! pag. 103!! Ringraziamenti! pag

5 Prefazione Da anni la Caritas diocesana di Lucca attraverso il lavoro dell Osservatorio sulle povertà e le risorse, si preoccupa di restituire un nome e un volto a quanti si rivolgono ai suoi punti di ascolto. Prova a riproporre all attenzione di quanti condividono le stesse piazze, le stesse strade le vicende di quanti vengono relegati nell unica facile quanto fuorviante definizione di poveri o di marginali. Tra costoro, nell idea di tutti, ci sono soprattutto gli immigrati. Quelli di cui si sente così tanto parlare. Nell idea di tanti, quegli immigrati lì oltre a essere poveri e marginali, hanno un surplus di pericolosità, di mala intenzione, costituiscono una generica minaccia, il possibile punto di crisi di un agognato tranquillo convivere. Tra coloro che di solidarietà si occupano, tra le stesse comunità dei cristiani, davanti agli immigrati, al problema immigrati, gli atteggiamenti da tenere, ma più ancora il sentire profondo, l emozione in discussione diventa equivoca, si tinge di sospetto. Eppure, i dati delle ricerche sociali da anni ormai si sono confrontate con le dimensioni del fenomeno, sia in termini quantitativi che in termini qualitativi e per anni si sono prese la briga di smentire il luogo comune del sono brutti, sporchi, cattivi e puzzano. Lo dice la Caritas Migrantes, lo dice l ISTAT, lo dicono gli organi economici, in primis la Banca d Italia, andando a considerare anche soltanto il mero contributo economico che gli immigrati assicurano al nostro paese in termini di PIL, di crescita, di produttività. Eppure, il dato di realtà non è il dato della percezione tra le nostre comunità. E non è un problema da poco, considerando che alla fin fine le nostre città, i nostri quartieri, la nostra politica sono figli molto più della percezione, dell emozione di chi li vive, delle sue ansie e delle sue aspettative che non dalla realtà dei fatti. Se su tutte le sensazioni, quella che si impone è la paura, vivremo in città disegnate dalla paura. 5

6 Così scrive Zigmun Bauman in Paura liquida, (Laterza, 2008): La paura più temibile è la paura priva di un indirizzo e di una causa chiari; la paura che ci perseguita senza una ragione, la minaccia che dovremmo temere e che si intravede ovunque, ma non si mostra mai chiaramente. "Paura" è il nome che diamo alla nostra incertezza: alla nostra ignoranza della minaccia, o di ciò che c'è da fare per arrestarne il cammino o, se questo non è in nostro potere, almeno per affrontarla. Ma da dove nasce questa generica paura? C è una fabbrica delle nostre inquietudini? Se sì, quanto l informazione, la comunicazione, i suoi meccanismi prima che le sue intenzioni, il modo in cui originano le notizie prima che il dettaglio delle notizie concorrono alla nostra percezione? E come? Per questo, diventa a nostro parere semplicemente irrinunciabile provare proprio a ridare a ciò che viene tenuto al margine e connotato come negativo la centralità della scena, spostare il fuoco della lente, cogliere il dettaglio di quanto viene lasciato fuori dal flusso quotidiano e pacifico del nostro raccontare. E ancor più irrinunciabile è capire le regole implicite, che sottendono al racconto che ci viene fatto, a ciò che diventa notizia e che scambiamo con la realtà. Il senso di questo primo, sperimentale lavoro di osservazione sui media locali che Caritas Lucca propone ha questo significato. Disvelare la rappresentazione, tornare a confrontarci sui termini di questa, accostarci alle pagine dei quotidiani, al quotidiano diluvio di informazioni in un modo che sia proporzionale al loro reale senso, senza commissionare a quelle colonne la responsabilità di restituirci l immagine fedele del mondo che viviamo. Questa non è la loro intenzione e non è il loro mestiere. I giornali raccontano le notizie, non la realtà. C è molto di non detto sui giornali riguardo agli immigrati, c è tutto quello che non fa notizia, ma che si svolge nelle carni e nelle ossa delle nostre strade: la lenta costruzione di un convivere che ormai da trent anni si realizza e che è la silenziosa realtà che non salirà mai agli onori delle cronache. 6

7 Confrontarsi sulla rappresentazione dell immigrazione è il primo passo di un lavoro che ci proponiamo rigoroso. Significa per noi raccontarci soprattutto le fondamenta del muro della percezione, sempre granitico, sempre inflessibile, sempre monotono e sempre sicuro, come tutti i muri hanno la cattiva vocazione di essere. Nella società degli eventi, delle televisioni, del chiacchiericcio globale, occuparsi di povertà e discutere tutti quanti di nuovo insieme su come ci raccontiamo le trasformazioni del nostro vivere insieme, da quali fili li facciamo tirare, sono le due facce della stessa medaglia, due nomi della stessa passione, irrinunciabili entrambi. Direttore Ufficio Pastorale Caritas della Diocesi di Lucca Donatella Turri 7

8 8

9 La rappresentazione dell'immigrazione nei media italiani di Giulio Sensi La rappresentazione mediatica dei temi legati all'immigrazione è stata a lungo studiata in Italia in concomitanza con l'emergere di problematiche sociali derivanti dalla crescita della popolazione migrante nel Paese. A partire dagli anni '80 i media hanno svolto un ruolo cruciale nel determinare un'immagine stereotipata e semplicistica, spesso caricaturale, di nuovi protagonisti della vita sociale. Si pensi alla celebre espressione vu cumprà, che sembrava quasi sparita dal linguaggio comune, ma è stata ripresa da diversi mezzi di informazione negli ultimi anni, creata dai media per raccontare un fenomeno inedito come quello dell'emergere degli ambulanti soprattutto nei contesti vacanzieri e nelle spiagge. Questa espressione trovò fortuna mediatica proprio per la sua capacità di sintetizzare sarcasmi e inquietudini rispetto all' invasione dei nuovi italiani. L'arrivo di cittadini stranieri e il loro inserimento nel tessuto sociale e lavorativo provoca innegabili inquietudini e insicurezze crescenti e spesso la funzione dei mass media, in particolare la televisione, risulta quella di legittimare atteggiamenti discriminatori (a partire dal linguaggio e dalla creazione di stereotipi) latenti. Questo in una società, come quella italiana, che pur essendo caratterizzata da molto impegno solidale anche nei confronti dei migranti, contiene dei tratti di inquietudine verso gli stranieri che spesso si trasformano in vera e propria xenofobia incoraggiata dai media stessi. Negli ultimi anni le trasformazioni sociali hanno reso più articolato il rapporto fra immigrazione, società e mass media, con il risultato di consegnare al tema una visibilità senza precedenti. Ha scritto il sociologo Mario Morcellini 1 : Rispetto ad altri momenti storici, si deve infatti ai fenomeni di globalizzazione e alla pervasività del sistema mediale un effetto determinante nel potenzia- 1 Articolo di Mario Morcellini a commento di M. Binotto, V. Martino, Fuori luogo. L'immigrazione e i media italiani, Pellegrini Editore, Su 9

10 re l imponenza reale e percepita dei fenomeni migratori, in un gioco serrato di immagini e di reciproche proiezioni tra realtà e rappresentazione, oltre che tra ideologie e punti di vista spesso antagonisti tesi a confrontarsi nello spazio pubblico. Una dinamica che vede i riflettori della comunicazione costantemente e spesso impietosamente puntati sui migranti, fino a farne attori di assoluto primo piano nella quotidiana 'messa in scena' della società italiana e del suo cambiamento. Nella comprensione di queste dinamiche, gli studi culturali e comunicativi la loro peculiare 'cassetta degli attrezzi' debbono candidarsi a occupare un posto assolutamente strategico. Non è infatti più sufficiente limitarsi all analisi macroeconomica e demografica dei fenomeni migratori, ma diviene determinante esaminare il modo in cui una società elabora e interagisce ogni giorno con le immagini dell immigrazione prima ancora che con i referenti di tali rappresentazioni attraverso le reti dei media e della comunicazione interpersonale. L immigrazione tira infatti in campo un fitto intreccio di dinamiche culturali che attengono alla vita quotidiana e alla sfera propriamente micro-sociale: modelli simbolici e di interazione che chiamano direttamente in causa le responsabilità della comunicazione e dei suoi protagonisti. Ciò anche e soprattutto nei confronti delle nuove generazioni e, dunque, della stessa disposizione interculturale da parte di quelli che saranno gli adulti di domani. Il focus delle recenti ricerche su media e immigrazione si è concentrato sull'asse criminalità/sicurezza, a partire da una duplice considerazione, facilmente intuibile, ma anche quantificata con diversi casi studio: l'attenzione mediatica complessiva sul tema immigrazione è in gran parte data da fatti di cronaca nera; all'interno della cronaca nera stessa, gran parte delle notizie riportate dai media riguardano cittadini immigrati. Questa tendenza è al tempo stesso accentuata e determinata dall'insistenza del ceto politico a commentare, stigmatizzare, utilizzare a fini politici questi fatti e le questioni connesse, con il risultato di porle in primo piano nell'agenda dei media. Tale agenda è spesso dettata dal calendario che la politica stessa le impone, essendo in Italia molto influenzata dal ceto politico, per ragioni storiche la cui analisi esula dall'obiettivo del presente lavoro. La trattazione preponderante del tema immigrazione come collegato a mere questioni di ordine pubblico è una tendenza rilevata già diversi 10

11 anni fa, allorquando il tema divenne materia politica di primo piano nei confronti elettorali e post-elettorali. Risale alla fine degli anni '90 la ripresa della teorizzazione da parte del sociologo Alessandro Dal Lago della figura dell'imprenditore morale, legata all'atteggiamento attivo da parte del ceto politico e dei cittadini nel cercare vantaggi e consensi cavalcando il tema della sicurezza così declinato 2. Scrive Dal Lago: Nel modello della tautologia del pericolo un ruolo strategico è assunto dal cittadino nella veste di 'imprenditore morale' o 'definitore soggettivo della situazione', colui che offre incessantemente ai media la 'voce' e giustifica la trasformazione di una risorsa simbolica generica in un frame morale e sociale dominante 3. Secondo Dal Lago, a rendere fertile il campo della sperimentazione di questo processo sarebbe stata la crisi della Prima Repubblica in quanto caratterizzata dalla ridefinizione morale e legale della vita pubblica. A cogliere abilmente a proprio vantaggio il cambiamento di paradigma è stato soprattutto il partito della Lega Nord, partendo dal caso di Tangentopoli per consolidarlo con l'aggiunta di contenuti specifici in momenti e contesti diversi 4. Altri studi hanno dimostrato come i temi immigrazione, criminalità e insicurezza si pongano come una sorta di continuum con diversi gradi di astrazione che rendono tali termini sostanzialmente intercambiabili nel lessico mediatico e sociale 5. Marcello Maneri, sociologo e docente all'università Bicocca di Milano, fa risalire alla metà degli anni '90 il periodo in cui i media hanno introdotto sistematicamente una narrazione tendente ad accentuare, 2! Alessandro Dal Lago, Non persone: l'esclusione dei migranti in una società globale, Feltrinelli, ! Dal Lago, op. cit., pag. 76 4! Ivi, pag. 77 5! Marcello Maneri, Il panico morale come dispositivo di trasformazione dell'insicurezza, in Rassegna di Sociologia n. 1, gennaio-marzo 2001, pag

12 in maniera più marcata, il legame fra immigrazione - sicurezza - criminalità - percezione dell'insicurezza. Da quel momento la tendenza si è rafforzata fino ad acutizzarsi nei casi che hanno visto coinvolti come autori veri o presunti cittadini di origine straniera: la strage di Erba nel dicembre del 2006, l'uccisione di Vanessa Russo nell'aprile del 2007, l'omicidio Reggiani nell'ottobre 2007, il cosiddetto progrom di Ponticelli nel maggio del 2008, la violenza della Caffarella nel febbraio del 2009, solo per citarne alcuni 6. Questi fatti inaugurano veri e propri cicli di attenzione che possono durare anche diverse settimane ed andare ben oltre la copertura del caso stesso e sono accentuati nei momenti di campagne elettorali. Come quella del 2008 che è anche il periodo in cui una ricerca della Sapienza Università di Roma, indagine condotta da Mario Morcellini, ha preso a riferimento per analizzare a livello quantitativo e qualitativo della trattazione sui media italiani dei temi dell'immigrazione e dell'asilo 7. La ricerca, primo lavoro di monitoraggio dell'osservatorio istituito dalla Carta di Roma di cui parleremo in seguito, ha analizzato, nei primi sei mesi del 2008, telegiornali e quotidiani italiani (1084 servizi televisivi e 1540 articoli). Dalla ricerca emerge una strettissima correlazione fra immigrazione e cronaca nera nei media italiani: le notizie di cronaca nera o giudiziaria coprono, nel caso della televisione, il 60% degli spazi. In 76 casi su 100 protagonisti sono le persone straniere autrici o vittime di reato. In punti percentuale gli stranieri sono più presenti degli italiani come autori di fatti criminali. La gigantografia scrivono i curatori della ricerca nell'introduzione a pag. 2 - è un processo fotografico che consiste nell alterazione delle forme e delle dimensioni di una stessa rappresentazione, con l evidente scopo di catturare l attenzione e di enfatizzare un aspetto a danno di altri lasciati sullo sfondo. È esattamente questo il processo che si intravede nell immagine 6! Per una ricostruzione sistematica di questi casi si veda AA.VV., Libro Bianco sul razzismo in Italia, a cura di Lunaria 7! La sintesi della ricerca, nata per verificare il rispetto dei codici deontologici di cui si sono dotati i giornalisti e di cui parleremo in seguito, è scaricabile dal sito della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, 12

13 dell immigrazione. Intanto, per larga parte, si tratta di una fotografia, un fotogramma immobile ormai da trent anni di un fenomeno che è invece in perenne movimento. - Secondo i ricercatori - i media sembrano accontentarsi di questa immagine statica e apparentemente immutabile. Hanno scelto un particolare, un aspetto da ingrandire e esaltare. È l aspetto nero, tenebroso, presente in ogni fenomeno umano, quello problematico, quello legato al linguaggio del delitto, alle emozioni del dolore, alle paure dell invasione e del degrado. Una gigantografia, quella dell immigrazione e della presenza straniera in Italia, appiattita sulla dimensione dell emergenza, della sicurezza e di una visione naturalmente problematica del fenomeno. - Un'immagine che appare - congelata, ancorata a modalità, notizie e stili narrativi e a tic e stereotipi esasperatamente uguali. Su tutto domina l etichetta di clandestinità che, prima di ogni altro termine, definisce l immigrazione in quanto tale. Rom e rumeni sono il gruppo etnico e la nazionalità più frequentemente citati nei titoli di tg. Nei titoli dei quotidiani le questioni relative all immigrazione sembrano persino più vincolate alla condizione giuridica dell immigrato e agli episodi di cronaca nera. Le parole, dunque, contribuiscono a tematizzare la presenza degli immigrati in Italia con un riferimento forte alla minaccia costituita dagli stranieri alla sicurezza degli italiani. Soffermiamoci un istante su questo punto: le parole contribuiscono a tematizzare la presenza. Il giornalista e attivista sociale Lorenzo Guadagnucci si è reso promotore insieme ad altri giornalisti (Beatrice Montini, Carlo Gubitosa, Zenone Sovilla) di un gruppo chiamato Giornalisti contro il razzismo che nel 2008 ha lanciato il primo appello intitolato I media rispettino il popolo rom. Era il momento apice dell'attenzione su fatti di cronaca in cui erano coinvolti cittadini rom. Dalla campagna è nato un sito (www.giornalismi.info/mediarom) che ha fornito (come vedremo a pag. 56) anche un glossario ad uso dei giornalisti. Dall'esperienza di Giornalisti contro il razzismo è nato un libro, scritto da Guadagnucci e intitolato Parole sporche. Il giornalista ricostruisce e riflette sul senso di un'iniziativa rivolta ai giornalisti, ma anche alla società civile, e la contestualizza ai fatti che si sono susseguiti soprat- 13

14 tutto fra il 2007 e il L'analisi spazia dal senso delle parole che vengono intese discriminanti senza provocare un minimo dubbio (come clandestino, extracomunitario, vu cumprà) alla linea di confine che esiste fra la percezione del pericolo e la sicurezza intesa come risposta ad un'emergenza. Parole sporche illustra i meccanismi, più che le colpe, che creano una inevitabile conseguenza: quella di legittimare, se non causare, le spinte xenofobe già presenti, come abbiamo visto, nella nostra società 8. Aldilà dell'analisi dei linguaggi, dei dati assoluti e relativi, della quantità e qualità delle notizie, appare particolarmente utile mettere a confronto le notizie e le tendenze spesso date per scontate con i dati reali. Un'operazione svolta nel 2009 da una ricerca congiunta nell'ambito del Dossier Statistico Immigrazione da Caritas/Migrantes e Agenzia Redattore Sociale, che si è proposta di fornire un contributo originale sul tema. La ricerca ha preso le mosse dall analisi della letteratura precedente in materia, cercando poi di trovare dei complementi, sia attraverso nuovi dati sia attraverso un'analisi rigorosamente basata sui dati di diverse fonti. Le principali questioni che poneva erano tre: la prima è se l aumento della criminalità fosse dovuto in maniera proporzionale a quello della popolazione residente; la seconda se gli stranieri regolarmente residenti avessero un tasso di criminalità superiore a quello degli italiani; la terza se gli stranieri irregolari avessero un tasso di criminalità così abnorme come emergeva 9. Uno dei dati di partenza è la riflessione sul senso di insicurezza che innegabilmente riguarda il nostro Paese. Secondo il rapporto Demos Unipolis del , su questo senso di insicurezza influiscono quattro ordini di ragioni: la perifericità sociale, tipica dei ceti più bassi; il capitale sociale, che porta a essere meno 8! Guadagnucci, L. (2010), Parole sporche, Altreconomia. 9! L'estratto della ricerca è consultabile sul sito 10! L'Osservatorio europeo sulla sicurezza è un progetto promosso da Fondazione Unipolis, Demos & Pi e Osservatorio di Pavia. Info su: 14

15 paurosi quanto più si è proficuamente inseriti in reti di relazioni amicali; l'eccessiva esposizione ai media, in particolare alla televisione, che genera angoscia; il fattore politico, che esercita un notevole influsso. La popolazione è comunque preoccupata che una presenza più forte degli immigrati generi una minaccia per l'incolumità personale e per i propri beni. La gente si legge nella ricerca di Caritas e Redattore Sociale a pag. 4 - è portata a pensare che la maniera di vivere degli immigrati sia difficilmente conciliabile con la nostra e nei loro confronti, anche quando il colpevole non viene colto in flagrante, è forte la tentazione di una reazione immediata, quando non addirittura il ricorso alla vendetta, del tutto contrario all equilibrio riparatore della giustizia, anche se talvolta, più che di criminalità vera e propria, si tratta delle difficoltà tipiche della convivenza interetnica. Sono interrogativi che circolano e ai quali bisogna rispondere. Per farlo, serve una buona dose di cautela nell interpretare i dati, senza lasciarsi condizionare né dai toni allarmistici né dalla propensione a sottovalutare la questione. In questo studio il fenomeno della criminalità degli immigrati viene esaminato secondo la metodologia, denominata nel Dossier Caritas/ Migrantes, della circolarità delle fonti statistiche in cui si osserva: Gli archivi giudiziari (quello dell Istat e quello del Ministero dell Interno) vengono presi in considerazione nei dati più recenti e nelle serie storiche, per poi attuare collegamenti con statistiche connesse e andare ai riferimenti transnazionali, cercando di trovare all interno degli stessi numeri il principio interpretativo, nella convinzione che i numeri, organicamente utilizzati, siano auto correttivi e possano facilitare una lettura il più possibile oggettiva della realtà senza il bisogno di mutuare ipotesi interpretative dall esterno. In sintesi la ricerca consente di affermare che è sbagliato, anche se ricorrente, inquadrare l immigrazione sotto l ottica della criminalità, anche se i comportamenti delittuosi si riscontrano anche all interno di quella popolazione. Ricerche come quelle della Caritas stanno contribuendo a cambiare gli approcci ed hanno posto il rapporto fra media e immigrazione al cen- 15

16 tro di una riflessione che ha portato risultati concreti nel mondo del giornalismo. Oggi trattare i temi connessi con l'immigrazione in maniera unilaterale e con termini inadeguati e attribuzioni false è una prassi deontologicamente scorretta per i giornalisti che si sono dotati di un "Protocollo deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti" (In Allegato a pag.79). Il protocollo, l'ultimo in senso cronologico dei diversi codici che l'ordine dei giornalisti istituito nel 1963 ha elaborato per adempiere all'articolo 2 della legge istitutiva dell'ordine (il rispetto della verità sostanziale dei fatti osservati), è stato adottato nel giugno del 2008 dal Consiglio Nazionale dell'ordine dei Giornalisti dopo essere stato approvato dal Consiglio Nazionale della Federazione della Stampa. Noto anche come Carta di Roma, ha recepito le preoccupazioni espresse dall'alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e l'esigenza di un'informazione accurata e corretta dopo i ripetuti fatti di cronaca degli ultimi anni. La Carta di Roma si rifà alla Carta dei doveri del giornalista, con particolare riguardo al dovere fondamentale di rispettare la persona e la sua dignità e di non discriminare nessuno per la razza, la religione, il sesso, le condizioni fisiche e mentali e le opinioni politiche - ed ai princìpi contenuti nelle norme nazionali ed internazionali sul tema. Esorta i giornalisti ad osservare la massima attenzione al trattamento delle informazioni dei soggetti richiedenti asilo, i rifugiati, le vittime della tratta ed i migranti nel territorio della Repubblica Italiana ed altrove. A livello concreto invita in particolare a: adottare termini giuridicamente appropriati sempre al fine di restituire al lettore ed all utente la massima aderenza alla realtà dei fatti, evitando l uso di termini impropri; evitare la diffusione di informazioni imprecise, sommarie o distorte riguardo a richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti; tutelare i richiedenti asilo, i rifugiati, le vittime della tratta ed i migranti che scelgono di parlare con i giornalisti; interpellare, quando ciò sia possibile, esperti ed organizzazioni specializzate in materia, per poter fornire al pubblico l informazione in un contesto chiaro e completo, che guardi anche alle cause dei fenomeni. 16

17 Oltre a inserire tali temi tra gli argomenti trattati nelle attività di formazione dei giornalisti, dalle scuole di giornalismo ai seminari per i praticanti, l'ordine dei Giornalisti e la Federazione Nazionale della Stampa Italiana si sono impegnati a promuovere periodicamente seminari di studio e a promuovere, d intesa anche con l UNHCR, l istituzione di un Osservatorio autonomo ed indipendente che, insieme con istituti universitari e di ricerca e con altri possibili soggetti titolari di responsabilità pubbliche e private in materia, monitorizzi periodicamente l evoluzione del modo di fare informazione su richiedenti asilo, rifugiati, vittime di tratta, migranti e minoranze. L'Osservatorio Carta di Roma (www.cartadiroma.org) è uno strumento che ha l intento di valorizzare le esperienze di ricerca diffuse su tutto il territorio nazionale e che coinvolge numerose Università italiane. Pubblica annualmente un rapporto che compie un bilancio sull'attuazione della Carta. Dai primi risultati emerge come l'atteggiamento dei media nei confronti dei migranti stia nei fatti rispettando maggiormente i principi della Carta di Roma. Dopo la prima ricerca (promossa dalla Sapienza Università di Roma e di cui abbiamo parlato), la seconda (svolta dal gennaio all'aprile 2010) ha fatto emergere un quadro modificato, pur senza dimenticare il contesto politico e sociale che in due anni è cambiato 11. L'associazione fra immigrazione e criminalità pare essere meno presente (l'ipotesi avanzata dall'osservatorio è che comunque ci sia anche una minore insistenza da parte dei politici a cavalcare il tema) e l'attenzione dei media è stata catalizzata da singoli fatti come quello della rivolta di Rosarno del gennaio 2010 la quale ha causato però il prepotente ritorno della parola clandestino (e talvolta addirittura negro ) nei giornali italiani. Da menzionare l'importanza che l'osservatorio Carta di Roma rivolge all'informazione locale: da una prima ricerca dell'istituto Paralleli di Torino sulla stampa piemontese è emerso che i media locali hanno un maggior bilanciamento tra "bad news e good news" in materia di immigrazione e una maggiore attenzione ad argomenti come la multiculturalità e l'intercultura. Una tendenza che fa ben sperare e che è da 11! Osservatorio Carta di Roma, Il tempo delle rivolte, luglio

18 approfondire, vista anche l'alta copertura di spazi (sicuramente maggiore rispetto alle cronache nazionali) che i giornali locali forniscono alla cronaca nera e giudiziaria. La Carta di Roma ha avuto il merito di decodificare una necessità di regolamentazione che però non nasce dal mondo del giornalismo, ma dalla proposta del Portavoce dell'alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Laura Boldrini, in particolare, lo abbiamo visto, all'indomani della strage di Erba. Gli aspetti maggiormente positivi sono due: il riconoscere l'esistenza di un sistema da guarire e la fornitura diretta di strumenti di correzione. I quali, ed è il punto di maggiore debolezza, non esplicitano però alcuni aspetti chiave: il fatto che i media rappresentino quasi esclusivamente il fenomeno migratorio come fonte di allarme sociale e problema per la sicurezza; il mancato invito alla cautela nell'utilizzo della parola clandestino ; l'assenza di un riferimento a quanto sia pericoloso insistere molto (soprattutto nei titoli) sulla provenienza etnica di autori o accusati di reati. Oltre a questi evidenti limiti, risulta ancora incerto l'impatto della Carta di Roma all'interno del mondo giornalistico che in parte continua a seguire logiche ancora lontane dalla Carta stessa. Per questo è auspicabile che sul tema non si chiuda il sipario e che strumenti come questi siano considerati alla stregua di cantieri aperti e non come un capitolo chiuso del giornalismo italiano. Anche per tale ragione, e per non coltivare sfiducia fra la società e i media, ma contribuire a costruirla, è stata promossa la presente ricerca. 18

19 L'immagine dell'immigrazione nei giornali locali: la ricerca di Arianna Mencaroni Che cos è un immagine? Difficile dare una definizione sintetica. Per immagine si intende in primo luogo ciò che è visibile ed evidente, come un paesaggio o un quadro. Ma si utilizza questo termine anche per ciò che è invisibile e latente. Quando si presenta in forma di ricordo si dice infatti che è un immagine stampata nella memoria. Quando si presenta in forma di aspettativa si parla di immagine del futuro. Etimologia della parola IMMAGINE: Il Visibile: Latino:! Imago Tedesco:!Bild, Gestalt Inglese:! Picture, Figure, Shape L invisibile Greco:! Eidolon Tedesco:!Schattenbild Inglese:! Phantom Per esempio per fare una fotografia dobbiamo decidere che cosa fotografare e come fotografarlo, ovvero dobbiamo scegliere un inquadratura. Il risultato è una scena in cui c è un ambientazione, probabilmente alcuni personaggi principali e secondari ed un azione in corso, immortalata. Guardando questa fotografia immediatamente riconosciamo l azione che si svolge. Altrettanto immediatamente la fotografia riesce a suscitare in noi altre immagini, richiamando i ricordi o le idee, intese come attribuzione di significato all evento inquadrato. Ovvero un immagine è definita dall avere una cornice che discrimina ciò che è in scena da ciò che sta fuori dalla scena. Nell analisi delle cronache locali di tre testate Il Tirreno, La Nazione, Il Nuovo Corriere, (cronaca Piana di Lucca), nel periodo di aprile/maggio/giugno 2010, si evince che gli immigrati o l immigrazione raramente entrano in scena. In rapporto alla superficie totale dei periodici, gli articoli occupano uno spazio marginale. 19

20 L immigrato è un personaggio pressoché assente, una comparsa piuttosto che un protagonista della stampa locale. E, quando compare, solitamente è perchè si trovava sulla scena di un delitto per furto, spaccio di droga o omicidio. E generalmente il colpevole dell atto delittuoso, è un uomo, ed è originario dei paesi dell Est Europa o del Maghreb. L uomo appare già dietro le sbarre ma in secondo piano. In primo piano ci sono i protagonisti, polizia o carabinieri, che lo hanno catturato, che appunto ristabiliscono l ordine e la tranquillità nella quotidianità della comunità. Tale immagine risponde di una ritualità narrativa e produttiva della notizia che si articola secondo il punto di vista delle forze dell ordine, le principali fonti di informazioni sull immigrazione. Questi tipo di rappresentazione pertanto è il veicolo di uno sguardo unipolare sul fenomeno, prendendo in prestito le categorie interpretative formulate dal Gruppo di Ricerca Migracom, Migrazione e Comunicazione, dell Università Autonoma di Barcellona e diretto dal Prof. Nicolás Lorite García. Infatti, secondo questa prospettiva di studio, lo sguardo unipolare osserva e presenta il fenomeno da una sola ed univoca angolatura a differenza dello sguardo multipolare che compone una visione poliedrica composta da molteplici facce del fenomeno. Nel nostro studio risulta che l immigrazione è presentata principalmente da un unica prospettiva da cui si può ascoltare ed osservare in primo piano la voce e la figura delle fonti istituzionali e, sullo sfondo, la presenza degli immigrati, muta e quasi mai a fuoco. Le denominazioni utilizzate per indicare i soggetti immigrati delle notizie sono, in genere, rispettose della deontologia e dei protocolli giornalistici che indicano i termini più appropriati per non discriminare, stereotipizzare e criminalizzare gli immigrati e le minoranze etniche nei media. L uso delle fotografie invece è una questione più complessa, data anche l assenza di protocolli giornalistici specifici rivolti al trattamento dell immigrazione. Si riscontra un trattamento coerente con le norme sulla privacy che regolamenta l utilizzo delle immagini nei media. Il loro impiego però 20

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA FACOLTÀ DI LINGUA E CULTURA ITALIANA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN COMPETENZE TESTUALI PER L EDITORIA E I MEDIA DUE UOMINI E QUATTRO STRANIERI MEDIA E IMMIGRAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali ACE PROTEGGE LA RISERVATEZZA DEI TUOI DATI Ace European Group Ltd. fin dalla sua nascita ha deciso di ispirare la propria azione ai valori della sicurezza, della trasparenza e della qualità. Il risultato

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA PRIMARIA

LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA DON ANDREA SANTORO Via G. Matteotti, 24 04015 Priverno (LT) 0773 905266 ltee08000q@istruzione.it www.1circolo.priverno.lt.it ANNO SCOLASTICO 2010/2011 LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 promosso dalle Associazioni di volontariato E pas e temp, Unasam (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale) e Associazione Club degli alcolisti in

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città Anche se l espressione flussi elettorali viene spesso usata impropriamente per intendere qualsiasi analisi

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

I media e la politica

I media e la politica I media e la politica Rapporto media e politica 1) Media subordinati al sistema politico 2) Media che influenzano il sistema politico 3) Rapporto di negoziazione e reciproca influenza tra media e politica

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO Obiettivi generali del progetto sono: Rinforzare le abilità personali utilizzando metodologie che

Dettagli

I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES)

I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES) E inoltre sicuramente utile leggere il capitolo che segue: I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES) a cura di Andrea Saroldi, tratto da: Guida all economia solidale progetto Economia Solidale Economia Partecipata

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore Ruolo, caratteristiche, criticità 1 La definizione Terzo Settore nasce per identificare tutto ciò che non appartiene né al Primo settore, ossia alla sfera pubblica (stato, regioni, enti locali, altri enti)

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES TRACES è un progetto di ricerca internazionale finanziato dalla Commissione Europea che studia il rapporto tra ricerca

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura Corso di formazione specialistica su dialogo, tecnologie e comunicazione globale promosso dalla rete nazionale di scuole Rete Dialogues (retedialogues.it) Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura INTRODUZIONE

Dettagli

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria di Valentina Fiorillo * Lo scorso novembre il Garante per la protezione dei dati personali ha adottato un provvedimento prescrittivo

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Corso di Laurea Specialistica in PSICOLOGIA CLINICA DINAMICA Elaborato Finale PERICOLOSITA SOCIALE UNO STUDIO ETNOGRAFICO CONDOTTO ALL INTERNO DEL

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa 1 Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa I media sono il modo in cui vediamo la realtà, sono la nostra principale fonte di informazione; oltre a rilassarci

Dettagli

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media Pag. 2 di 7 SCOPO L Azienda USL 7 di Siena, all interno delle attività della, prevede la gestione dell informazione verso i mass media (stampa, radiofonici, televisivi ed on line). Nella complessa rete

Dettagli

I media. Sport, media e genere.

I media. Sport, media e genere. INTRODUZIONE Nell anno 2012/2013 la nostra scuola, il Liceo Marconi di Foggia, ci ha offerto la possibilità di partecipare ad un corso formativo al fine di ampliare la nostra conoscenza su quello che è

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe)

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Mod. S/MON SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Ente: CARITAS ITALIANA Cod. Ente: NZ01752 Elementi obbligatori del sistema

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio Obiettivi, contenuti, modalità della valutazione del movimento Prof. Mancini Roberto Valutare gli aspetti qualitativi del movimento Considerare con

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Sommario L idea e gli obiettivi... 1 La funzione degli RLS tra limiti e opportunità... 2 Il KIT OMERO... 4 Pari

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO

PIANO ANNUALE DI LAVORO Istituto Comprensivo via Latina 303 - Roma Piano annuale di lavoro MOD-102 Rev. 1 Data: 03/09/12 Totale pagine: 6 PIANO ANNUALE DI LAVORO Docenti Materia Classi Sezione a. s. Tutti Materie Letterarie Seconde

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. sulla comunicazione interculturale

PROTOCOLLO D INTESA. sulla comunicazione interculturale PROTOCOLLO D INTESA sulla comunicazione interculturale tra Regione Emilia-Romagna, Ordine dei Giornalisti dell Emilia-Romagna, Co.Re.Com dell Emilia-Romagna, Consulta regionale per l integrazione sociale

Dettagli

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio 8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio In conclusione, qualunque sia il giudizio che si può esprimere in merito ai sondaggi d opinione, resta il fatto che essi sono difficilmente

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e l emigrazione

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e l emigrazione OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e l emigrazione Il Gazzettino, 14.12.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli