Nero su Bianco. L immagine dell immigrazione nella stampa locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nero su Bianco. L immagine dell immigrazione nella stampa locale"

Transcript

1 Nero su Bianco L immagine dell immigrazione nella stampa locale Rapporto di Ricerca - Cronaca di Lucca

2 Ufficio Pastorale Caritas Diocesi di Lucca Piazzale Arrigoni, Lucca Tel Fax in collaborazione con: Fondazione Volontariato e Partecipazione Per la ricerca, il pensiero e l innovazione sociale via Catalani, Lucca Tel Fax

3 Indice Prefazione! pag. 5 La rappresentazione dell'immigrazione nei media italiani! pag. 9 L'immagine dell'immigrazione nei giornali locali: la ricerca! pag. 19 Metodologia! pag Bianco su Bianco 1.1 L assenza e la presenza! pag Il giornale non è un megafono! pag L informazione di servizio! pag I temi caldi delle prime pagine! pag I temi freddi delle prime pagine! pag Nero su Nero 2.1 La cornice del quadro! pag La scena del delitto! pag Le buone notizie! pag La voce delle fonti! pag. 52 3

4 3. Nero su Bianco 3.1 Parole e Persone! pag Protagonisti e comparse! pag La presenza nelle fotografie! pag L inquadratura ed il fuori campo! pag. 65 Riflessioni conclusive: oltre i giochi di parole! pag. 75! Allegato: La Carta di Roma! pag. 79! Allegato: Tabelle! pag. 82! Bibliografia! pag. 103!! Ringraziamenti! pag

5 Prefazione Da anni la Caritas diocesana di Lucca attraverso il lavoro dell Osservatorio sulle povertà e le risorse, si preoccupa di restituire un nome e un volto a quanti si rivolgono ai suoi punti di ascolto. Prova a riproporre all attenzione di quanti condividono le stesse piazze, le stesse strade le vicende di quanti vengono relegati nell unica facile quanto fuorviante definizione di poveri o di marginali. Tra costoro, nell idea di tutti, ci sono soprattutto gli immigrati. Quelli di cui si sente così tanto parlare. Nell idea di tanti, quegli immigrati lì oltre a essere poveri e marginali, hanno un surplus di pericolosità, di mala intenzione, costituiscono una generica minaccia, il possibile punto di crisi di un agognato tranquillo convivere. Tra coloro che di solidarietà si occupano, tra le stesse comunità dei cristiani, davanti agli immigrati, al problema immigrati, gli atteggiamenti da tenere, ma più ancora il sentire profondo, l emozione in discussione diventa equivoca, si tinge di sospetto. Eppure, i dati delle ricerche sociali da anni ormai si sono confrontate con le dimensioni del fenomeno, sia in termini quantitativi che in termini qualitativi e per anni si sono prese la briga di smentire il luogo comune del sono brutti, sporchi, cattivi e puzzano. Lo dice la Caritas Migrantes, lo dice l ISTAT, lo dicono gli organi economici, in primis la Banca d Italia, andando a considerare anche soltanto il mero contributo economico che gli immigrati assicurano al nostro paese in termini di PIL, di crescita, di produttività. Eppure, il dato di realtà non è il dato della percezione tra le nostre comunità. E non è un problema da poco, considerando che alla fin fine le nostre città, i nostri quartieri, la nostra politica sono figli molto più della percezione, dell emozione di chi li vive, delle sue ansie e delle sue aspettative che non dalla realtà dei fatti. Se su tutte le sensazioni, quella che si impone è la paura, vivremo in città disegnate dalla paura. 5

6 Così scrive Zigmun Bauman in Paura liquida, (Laterza, 2008): La paura più temibile è la paura priva di un indirizzo e di una causa chiari; la paura che ci perseguita senza una ragione, la minaccia che dovremmo temere e che si intravede ovunque, ma non si mostra mai chiaramente. "Paura" è il nome che diamo alla nostra incertezza: alla nostra ignoranza della minaccia, o di ciò che c'è da fare per arrestarne il cammino o, se questo non è in nostro potere, almeno per affrontarla. Ma da dove nasce questa generica paura? C è una fabbrica delle nostre inquietudini? Se sì, quanto l informazione, la comunicazione, i suoi meccanismi prima che le sue intenzioni, il modo in cui originano le notizie prima che il dettaglio delle notizie concorrono alla nostra percezione? E come? Per questo, diventa a nostro parere semplicemente irrinunciabile provare proprio a ridare a ciò che viene tenuto al margine e connotato come negativo la centralità della scena, spostare il fuoco della lente, cogliere il dettaglio di quanto viene lasciato fuori dal flusso quotidiano e pacifico del nostro raccontare. E ancor più irrinunciabile è capire le regole implicite, che sottendono al racconto che ci viene fatto, a ciò che diventa notizia e che scambiamo con la realtà. Il senso di questo primo, sperimentale lavoro di osservazione sui media locali che Caritas Lucca propone ha questo significato. Disvelare la rappresentazione, tornare a confrontarci sui termini di questa, accostarci alle pagine dei quotidiani, al quotidiano diluvio di informazioni in un modo che sia proporzionale al loro reale senso, senza commissionare a quelle colonne la responsabilità di restituirci l immagine fedele del mondo che viviamo. Questa non è la loro intenzione e non è il loro mestiere. I giornali raccontano le notizie, non la realtà. C è molto di non detto sui giornali riguardo agli immigrati, c è tutto quello che non fa notizia, ma che si svolge nelle carni e nelle ossa delle nostre strade: la lenta costruzione di un convivere che ormai da trent anni si realizza e che è la silenziosa realtà che non salirà mai agli onori delle cronache. 6

7 Confrontarsi sulla rappresentazione dell immigrazione è il primo passo di un lavoro che ci proponiamo rigoroso. Significa per noi raccontarci soprattutto le fondamenta del muro della percezione, sempre granitico, sempre inflessibile, sempre monotono e sempre sicuro, come tutti i muri hanno la cattiva vocazione di essere. Nella società degli eventi, delle televisioni, del chiacchiericcio globale, occuparsi di povertà e discutere tutti quanti di nuovo insieme su come ci raccontiamo le trasformazioni del nostro vivere insieme, da quali fili li facciamo tirare, sono le due facce della stessa medaglia, due nomi della stessa passione, irrinunciabili entrambi. Direttore Ufficio Pastorale Caritas della Diocesi di Lucca Donatella Turri 7

8 8

9 La rappresentazione dell'immigrazione nei media italiani di Giulio Sensi La rappresentazione mediatica dei temi legati all'immigrazione è stata a lungo studiata in Italia in concomitanza con l'emergere di problematiche sociali derivanti dalla crescita della popolazione migrante nel Paese. A partire dagli anni '80 i media hanno svolto un ruolo cruciale nel determinare un'immagine stereotipata e semplicistica, spesso caricaturale, di nuovi protagonisti della vita sociale. Si pensi alla celebre espressione vu cumprà, che sembrava quasi sparita dal linguaggio comune, ma è stata ripresa da diversi mezzi di informazione negli ultimi anni, creata dai media per raccontare un fenomeno inedito come quello dell'emergere degli ambulanti soprattutto nei contesti vacanzieri e nelle spiagge. Questa espressione trovò fortuna mediatica proprio per la sua capacità di sintetizzare sarcasmi e inquietudini rispetto all' invasione dei nuovi italiani. L'arrivo di cittadini stranieri e il loro inserimento nel tessuto sociale e lavorativo provoca innegabili inquietudini e insicurezze crescenti e spesso la funzione dei mass media, in particolare la televisione, risulta quella di legittimare atteggiamenti discriminatori (a partire dal linguaggio e dalla creazione di stereotipi) latenti. Questo in una società, come quella italiana, che pur essendo caratterizzata da molto impegno solidale anche nei confronti dei migranti, contiene dei tratti di inquietudine verso gli stranieri che spesso si trasformano in vera e propria xenofobia incoraggiata dai media stessi. Negli ultimi anni le trasformazioni sociali hanno reso più articolato il rapporto fra immigrazione, società e mass media, con il risultato di consegnare al tema una visibilità senza precedenti. Ha scritto il sociologo Mario Morcellini 1 : Rispetto ad altri momenti storici, si deve infatti ai fenomeni di globalizzazione e alla pervasività del sistema mediale un effetto determinante nel potenzia- 1 Articolo di Mario Morcellini a commento di M. Binotto, V. Martino, Fuori luogo. L'immigrazione e i media italiani, Pellegrini Editore, Su 9

10 re l imponenza reale e percepita dei fenomeni migratori, in un gioco serrato di immagini e di reciproche proiezioni tra realtà e rappresentazione, oltre che tra ideologie e punti di vista spesso antagonisti tesi a confrontarsi nello spazio pubblico. Una dinamica che vede i riflettori della comunicazione costantemente e spesso impietosamente puntati sui migranti, fino a farne attori di assoluto primo piano nella quotidiana 'messa in scena' della società italiana e del suo cambiamento. Nella comprensione di queste dinamiche, gli studi culturali e comunicativi la loro peculiare 'cassetta degli attrezzi' debbono candidarsi a occupare un posto assolutamente strategico. Non è infatti più sufficiente limitarsi all analisi macroeconomica e demografica dei fenomeni migratori, ma diviene determinante esaminare il modo in cui una società elabora e interagisce ogni giorno con le immagini dell immigrazione prima ancora che con i referenti di tali rappresentazioni attraverso le reti dei media e della comunicazione interpersonale. L immigrazione tira infatti in campo un fitto intreccio di dinamiche culturali che attengono alla vita quotidiana e alla sfera propriamente micro-sociale: modelli simbolici e di interazione che chiamano direttamente in causa le responsabilità della comunicazione e dei suoi protagonisti. Ciò anche e soprattutto nei confronti delle nuove generazioni e, dunque, della stessa disposizione interculturale da parte di quelli che saranno gli adulti di domani. Il focus delle recenti ricerche su media e immigrazione si è concentrato sull'asse criminalità/sicurezza, a partire da una duplice considerazione, facilmente intuibile, ma anche quantificata con diversi casi studio: l'attenzione mediatica complessiva sul tema immigrazione è in gran parte data da fatti di cronaca nera; all'interno della cronaca nera stessa, gran parte delle notizie riportate dai media riguardano cittadini immigrati. Questa tendenza è al tempo stesso accentuata e determinata dall'insistenza del ceto politico a commentare, stigmatizzare, utilizzare a fini politici questi fatti e le questioni connesse, con il risultato di porle in primo piano nell'agenda dei media. Tale agenda è spesso dettata dal calendario che la politica stessa le impone, essendo in Italia molto influenzata dal ceto politico, per ragioni storiche la cui analisi esula dall'obiettivo del presente lavoro. La trattazione preponderante del tema immigrazione come collegato a mere questioni di ordine pubblico è una tendenza rilevata già diversi 10

11 anni fa, allorquando il tema divenne materia politica di primo piano nei confronti elettorali e post-elettorali. Risale alla fine degli anni '90 la ripresa della teorizzazione da parte del sociologo Alessandro Dal Lago della figura dell'imprenditore morale, legata all'atteggiamento attivo da parte del ceto politico e dei cittadini nel cercare vantaggi e consensi cavalcando il tema della sicurezza così declinato 2. Scrive Dal Lago: Nel modello della tautologia del pericolo un ruolo strategico è assunto dal cittadino nella veste di 'imprenditore morale' o 'definitore soggettivo della situazione', colui che offre incessantemente ai media la 'voce' e giustifica la trasformazione di una risorsa simbolica generica in un frame morale e sociale dominante 3. Secondo Dal Lago, a rendere fertile il campo della sperimentazione di questo processo sarebbe stata la crisi della Prima Repubblica in quanto caratterizzata dalla ridefinizione morale e legale della vita pubblica. A cogliere abilmente a proprio vantaggio il cambiamento di paradigma è stato soprattutto il partito della Lega Nord, partendo dal caso di Tangentopoli per consolidarlo con l'aggiunta di contenuti specifici in momenti e contesti diversi 4. Altri studi hanno dimostrato come i temi immigrazione, criminalità e insicurezza si pongano come una sorta di continuum con diversi gradi di astrazione che rendono tali termini sostanzialmente intercambiabili nel lessico mediatico e sociale 5. Marcello Maneri, sociologo e docente all'università Bicocca di Milano, fa risalire alla metà degli anni '90 il periodo in cui i media hanno introdotto sistematicamente una narrazione tendente ad accentuare, 2! Alessandro Dal Lago, Non persone: l'esclusione dei migranti in una società globale, Feltrinelli, ! Dal Lago, op. cit., pag. 76 4! Ivi, pag. 77 5! Marcello Maneri, Il panico morale come dispositivo di trasformazione dell'insicurezza, in Rassegna di Sociologia n. 1, gennaio-marzo 2001, pag

12 in maniera più marcata, il legame fra immigrazione - sicurezza - criminalità - percezione dell'insicurezza. Da quel momento la tendenza si è rafforzata fino ad acutizzarsi nei casi che hanno visto coinvolti come autori veri o presunti cittadini di origine straniera: la strage di Erba nel dicembre del 2006, l'uccisione di Vanessa Russo nell'aprile del 2007, l'omicidio Reggiani nell'ottobre 2007, il cosiddetto progrom di Ponticelli nel maggio del 2008, la violenza della Caffarella nel febbraio del 2009, solo per citarne alcuni 6. Questi fatti inaugurano veri e propri cicli di attenzione che possono durare anche diverse settimane ed andare ben oltre la copertura del caso stesso e sono accentuati nei momenti di campagne elettorali. Come quella del 2008 che è anche il periodo in cui una ricerca della Sapienza Università di Roma, indagine condotta da Mario Morcellini, ha preso a riferimento per analizzare a livello quantitativo e qualitativo della trattazione sui media italiani dei temi dell'immigrazione e dell'asilo 7. La ricerca, primo lavoro di monitoraggio dell'osservatorio istituito dalla Carta di Roma di cui parleremo in seguito, ha analizzato, nei primi sei mesi del 2008, telegiornali e quotidiani italiani (1084 servizi televisivi e 1540 articoli). Dalla ricerca emerge una strettissima correlazione fra immigrazione e cronaca nera nei media italiani: le notizie di cronaca nera o giudiziaria coprono, nel caso della televisione, il 60% degli spazi. In 76 casi su 100 protagonisti sono le persone straniere autrici o vittime di reato. In punti percentuale gli stranieri sono più presenti degli italiani come autori di fatti criminali. La gigantografia scrivono i curatori della ricerca nell'introduzione a pag. 2 - è un processo fotografico che consiste nell alterazione delle forme e delle dimensioni di una stessa rappresentazione, con l evidente scopo di catturare l attenzione e di enfatizzare un aspetto a danno di altri lasciati sullo sfondo. È esattamente questo il processo che si intravede nell immagine 6! Per una ricostruzione sistematica di questi casi si veda AA.VV., Libro Bianco sul razzismo in Italia, a cura di Lunaria 7! La sintesi della ricerca, nata per verificare il rispetto dei codici deontologici di cui si sono dotati i giornalisti e di cui parleremo in seguito, è scaricabile dal sito della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, 12

13 dell immigrazione. Intanto, per larga parte, si tratta di una fotografia, un fotogramma immobile ormai da trent anni di un fenomeno che è invece in perenne movimento. - Secondo i ricercatori - i media sembrano accontentarsi di questa immagine statica e apparentemente immutabile. Hanno scelto un particolare, un aspetto da ingrandire e esaltare. È l aspetto nero, tenebroso, presente in ogni fenomeno umano, quello problematico, quello legato al linguaggio del delitto, alle emozioni del dolore, alle paure dell invasione e del degrado. Una gigantografia, quella dell immigrazione e della presenza straniera in Italia, appiattita sulla dimensione dell emergenza, della sicurezza e di una visione naturalmente problematica del fenomeno. - Un'immagine che appare - congelata, ancorata a modalità, notizie e stili narrativi e a tic e stereotipi esasperatamente uguali. Su tutto domina l etichetta di clandestinità che, prima di ogni altro termine, definisce l immigrazione in quanto tale. Rom e rumeni sono il gruppo etnico e la nazionalità più frequentemente citati nei titoli di tg. Nei titoli dei quotidiani le questioni relative all immigrazione sembrano persino più vincolate alla condizione giuridica dell immigrato e agli episodi di cronaca nera. Le parole, dunque, contribuiscono a tematizzare la presenza degli immigrati in Italia con un riferimento forte alla minaccia costituita dagli stranieri alla sicurezza degli italiani. Soffermiamoci un istante su questo punto: le parole contribuiscono a tematizzare la presenza. Il giornalista e attivista sociale Lorenzo Guadagnucci si è reso promotore insieme ad altri giornalisti (Beatrice Montini, Carlo Gubitosa, Zenone Sovilla) di un gruppo chiamato Giornalisti contro il razzismo che nel 2008 ha lanciato il primo appello intitolato I media rispettino il popolo rom. Era il momento apice dell'attenzione su fatti di cronaca in cui erano coinvolti cittadini rom. Dalla campagna è nato un sito (www.giornalismi.info/mediarom) che ha fornito (come vedremo a pag. 56) anche un glossario ad uso dei giornalisti. Dall'esperienza di Giornalisti contro il razzismo è nato un libro, scritto da Guadagnucci e intitolato Parole sporche. Il giornalista ricostruisce e riflette sul senso di un'iniziativa rivolta ai giornalisti, ma anche alla società civile, e la contestualizza ai fatti che si sono susseguiti soprat- 13

14 tutto fra il 2007 e il L'analisi spazia dal senso delle parole che vengono intese discriminanti senza provocare un minimo dubbio (come clandestino, extracomunitario, vu cumprà) alla linea di confine che esiste fra la percezione del pericolo e la sicurezza intesa come risposta ad un'emergenza. Parole sporche illustra i meccanismi, più che le colpe, che creano una inevitabile conseguenza: quella di legittimare, se non causare, le spinte xenofobe già presenti, come abbiamo visto, nella nostra società 8. Aldilà dell'analisi dei linguaggi, dei dati assoluti e relativi, della quantità e qualità delle notizie, appare particolarmente utile mettere a confronto le notizie e le tendenze spesso date per scontate con i dati reali. Un'operazione svolta nel 2009 da una ricerca congiunta nell'ambito del Dossier Statistico Immigrazione da Caritas/Migrantes e Agenzia Redattore Sociale, che si è proposta di fornire un contributo originale sul tema. La ricerca ha preso le mosse dall analisi della letteratura precedente in materia, cercando poi di trovare dei complementi, sia attraverso nuovi dati sia attraverso un'analisi rigorosamente basata sui dati di diverse fonti. Le principali questioni che poneva erano tre: la prima è se l aumento della criminalità fosse dovuto in maniera proporzionale a quello della popolazione residente; la seconda se gli stranieri regolarmente residenti avessero un tasso di criminalità superiore a quello degli italiani; la terza se gli stranieri irregolari avessero un tasso di criminalità così abnorme come emergeva 9. Uno dei dati di partenza è la riflessione sul senso di insicurezza che innegabilmente riguarda il nostro Paese. Secondo il rapporto Demos Unipolis del , su questo senso di insicurezza influiscono quattro ordini di ragioni: la perifericità sociale, tipica dei ceti più bassi; il capitale sociale, che porta a essere meno 8! Guadagnucci, L. (2010), Parole sporche, Altreconomia. 9! L'estratto della ricerca è consultabile sul sito 10! L'Osservatorio europeo sulla sicurezza è un progetto promosso da Fondazione Unipolis, Demos & Pi e Osservatorio di Pavia. Info su: 14

15 paurosi quanto più si è proficuamente inseriti in reti di relazioni amicali; l'eccessiva esposizione ai media, in particolare alla televisione, che genera angoscia; il fattore politico, che esercita un notevole influsso. La popolazione è comunque preoccupata che una presenza più forte degli immigrati generi una minaccia per l'incolumità personale e per i propri beni. La gente si legge nella ricerca di Caritas e Redattore Sociale a pag. 4 - è portata a pensare che la maniera di vivere degli immigrati sia difficilmente conciliabile con la nostra e nei loro confronti, anche quando il colpevole non viene colto in flagrante, è forte la tentazione di una reazione immediata, quando non addirittura il ricorso alla vendetta, del tutto contrario all equilibrio riparatore della giustizia, anche se talvolta, più che di criminalità vera e propria, si tratta delle difficoltà tipiche della convivenza interetnica. Sono interrogativi che circolano e ai quali bisogna rispondere. Per farlo, serve una buona dose di cautela nell interpretare i dati, senza lasciarsi condizionare né dai toni allarmistici né dalla propensione a sottovalutare la questione. In questo studio il fenomeno della criminalità degli immigrati viene esaminato secondo la metodologia, denominata nel Dossier Caritas/ Migrantes, della circolarità delle fonti statistiche in cui si osserva: Gli archivi giudiziari (quello dell Istat e quello del Ministero dell Interno) vengono presi in considerazione nei dati più recenti e nelle serie storiche, per poi attuare collegamenti con statistiche connesse e andare ai riferimenti transnazionali, cercando di trovare all interno degli stessi numeri il principio interpretativo, nella convinzione che i numeri, organicamente utilizzati, siano auto correttivi e possano facilitare una lettura il più possibile oggettiva della realtà senza il bisogno di mutuare ipotesi interpretative dall esterno. In sintesi la ricerca consente di affermare che è sbagliato, anche se ricorrente, inquadrare l immigrazione sotto l ottica della criminalità, anche se i comportamenti delittuosi si riscontrano anche all interno di quella popolazione. Ricerche come quelle della Caritas stanno contribuendo a cambiare gli approcci ed hanno posto il rapporto fra media e immigrazione al cen- 15

16 tro di una riflessione che ha portato risultati concreti nel mondo del giornalismo. Oggi trattare i temi connessi con l'immigrazione in maniera unilaterale e con termini inadeguati e attribuzioni false è una prassi deontologicamente scorretta per i giornalisti che si sono dotati di un "Protocollo deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti" (In Allegato a pag.79). Il protocollo, l'ultimo in senso cronologico dei diversi codici che l'ordine dei giornalisti istituito nel 1963 ha elaborato per adempiere all'articolo 2 della legge istitutiva dell'ordine (il rispetto della verità sostanziale dei fatti osservati), è stato adottato nel giugno del 2008 dal Consiglio Nazionale dell'ordine dei Giornalisti dopo essere stato approvato dal Consiglio Nazionale della Federazione della Stampa. Noto anche come Carta di Roma, ha recepito le preoccupazioni espresse dall'alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e l'esigenza di un'informazione accurata e corretta dopo i ripetuti fatti di cronaca degli ultimi anni. La Carta di Roma si rifà alla Carta dei doveri del giornalista, con particolare riguardo al dovere fondamentale di rispettare la persona e la sua dignità e di non discriminare nessuno per la razza, la religione, il sesso, le condizioni fisiche e mentali e le opinioni politiche - ed ai princìpi contenuti nelle norme nazionali ed internazionali sul tema. Esorta i giornalisti ad osservare la massima attenzione al trattamento delle informazioni dei soggetti richiedenti asilo, i rifugiati, le vittime della tratta ed i migranti nel territorio della Repubblica Italiana ed altrove. A livello concreto invita in particolare a: adottare termini giuridicamente appropriati sempre al fine di restituire al lettore ed all utente la massima aderenza alla realtà dei fatti, evitando l uso di termini impropri; evitare la diffusione di informazioni imprecise, sommarie o distorte riguardo a richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti; tutelare i richiedenti asilo, i rifugiati, le vittime della tratta ed i migranti che scelgono di parlare con i giornalisti; interpellare, quando ciò sia possibile, esperti ed organizzazioni specializzate in materia, per poter fornire al pubblico l informazione in un contesto chiaro e completo, che guardi anche alle cause dei fenomeni. 16

17 Oltre a inserire tali temi tra gli argomenti trattati nelle attività di formazione dei giornalisti, dalle scuole di giornalismo ai seminari per i praticanti, l'ordine dei Giornalisti e la Federazione Nazionale della Stampa Italiana si sono impegnati a promuovere periodicamente seminari di studio e a promuovere, d intesa anche con l UNHCR, l istituzione di un Osservatorio autonomo ed indipendente che, insieme con istituti universitari e di ricerca e con altri possibili soggetti titolari di responsabilità pubbliche e private in materia, monitorizzi periodicamente l evoluzione del modo di fare informazione su richiedenti asilo, rifugiati, vittime di tratta, migranti e minoranze. L'Osservatorio Carta di Roma (www.cartadiroma.org) è uno strumento che ha l intento di valorizzare le esperienze di ricerca diffuse su tutto il territorio nazionale e che coinvolge numerose Università italiane. Pubblica annualmente un rapporto che compie un bilancio sull'attuazione della Carta. Dai primi risultati emerge come l'atteggiamento dei media nei confronti dei migranti stia nei fatti rispettando maggiormente i principi della Carta di Roma. Dopo la prima ricerca (promossa dalla Sapienza Università di Roma e di cui abbiamo parlato), la seconda (svolta dal gennaio all'aprile 2010) ha fatto emergere un quadro modificato, pur senza dimenticare il contesto politico e sociale che in due anni è cambiato 11. L'associazione fra immigrazione e criminalità pare essere meno presente (l'ipotesi avanzata dall'osservatorio è che comunque ci sia anche una minore insistenza da parte dei politici a cavalcare il tema) e l'attenzione dei media è stata catalizzata da singoli fatti come quello della rivolta di Rosarno del gennaio 2010 la quale ha causato però il prepotente ritorno della parola clandestino (e talvolta addirittura negro ) nei giornali italiani. Da menzionare l'importanza che l'osservatorio Carta di Roma rivolge all'informazione locale: da una prima ricerca dell'istituto Paralleli di Torino sulla stampa piemontese è emerso che i media locali hanno un maggior bilanciamento tra "bad news e good news" in materia di immigrazione e una maggiore attenzione ad argomenti come la multiculturalità e l'intercultura. Una tendenza che fa ben sperare e che è da 11! Osservatorio Carta di Roma, Il tempo delle rivolte, luglio

18 approfondire, vista anche l'alta copertura di spazi (sicuramente maggiore rispetto alle cronache nazionali) che i giornali locali forniscono alla cronaca nera e giudiziaria. La Carta di Roma ha avuto il merito di decodificare una necessità di regolamentazione che però non nasce dal mondo del giornalismo, ma dalla proposta del Portavoce dell'alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Laura Boldrini, in particolare, lo abbiamo visto, all'indomani della strage di Erba. Gli aspetti maggiormente positivi sono due: il riconoscere l'esistenza di un sistema da guarire e la fornitura diretta di strumenti di correzione. I quali, ed è il punto di maggiore debolezza, non esplicitano però alcuni aspetti chiave: il fatto che i media rappresentino quasi esclusivamente il fenomeno migratorio come fonte di allarme sociale e problema per la sicurezza; il mancato invito alla cautela nell'utilizzo della parola clandestino ; l'assenza di un riferimento a quanto sia pericoloso insistere molto (soprattutto nei titoli) sulla provenienza etnica di autori o accusati di reati. Oltre a questi evidenti limiti, risulta ancora incerto l'impatto della Carta di Roma all'interno del mondo giornalistico che in parte continua a seguire logiche ancora lontane dalla Carta stessa. Per questo è auspicabile che sul tema non si chiuda il sipario e che strumenti come questi siano considerati alla stregua di cantieri aperti e non come un capitolo chiuso del giornalismo italiano. Anche per tale ragione, e per non coltivare sfiducia fra la società e i media, ma contribuire a costruirla, è stata promossa la presente ricerca. 18

19 L'immagine dell'immigrazione nei giornali locali: la ricerca di Arianna Mencaroni Che cos è un immagine? Difficile dare una definizione sintetica. Per immagine si intende in primo luogo ciò che è visibile ed evidente, come un paesaggio o un quadro. Ma si utilizza questo termine anche per ciò che è invisibile e latente. Quando si presenta in forma di ricordo si dice infatti che è un immagine stampata nella memoria. Quando si presenta in forma di aspettativa si parla di immagine del futuro. Etimologia della parola IMMAGINE: Il Visibile: Latino:! Imago Tedesco:!Bild, Gestalt Inglese:! Picture, Figure, Shape L invisibile Greco:! Eidolon Tedesco:!Schattenbild Inglese:! Phantom Per esempio per fare una fotografia dobbiamo decidere che cosa fotografare e come fotografarlo, ovvero dobbiamo scegliere un inquadratura. Il risultato è una scena in cui c è un ambientazione, probabilmente alcuni personaggi principali e secondari ed un azione in corso, immortalata. Guardando questa fotografia immediatamente riconosciamo l azione che si svolge. Altrettanto immediatamente la fotografia riesce a suscitare in noi altre immagini, richiamando i ricordi o le idee, intese come attribuzione di significato all evento inquadrato. Ovvero un immagine è definita dall avere una cornice che discrimina ciò che è in scena da ciò che sta fuori dalla scena. Nell analisi delle cronache locali di tre testate Il Tirreno, La Nazione, Il Nuovo Corriere, (cronaca Piana di Lucca), nel periodo di aprile/maggio/giugno 2010, si evince che gli immigrati o l immigrazione raramente entrano in scena. In rapporto alla superficie totale dei periodici, gli articoli occupano uno spazio marginale. 19

20 L immigrato è un personaggio pressoché assente, una comparsa piuttosto che un protagonista della stampa locale. E, quando compare, solitamente è perchè si trovava sulla scena di un delitto per furto, spaccio di droga o omicidio. E generalmente il colpevole dell atto delittuoso, è un uomo, ed è originario dei paesi dell Est Europa o del Maghreb. L uomo appare già dietro le sbarre ma in secondo piano. In primo piano ci sono i protagonisti, polizia o carabinieri, che lo hanno catturato, che appunto ristabiliscono l ordine e la tranquillità nella quotidianità della comunità. Tale immagine risponde di una ritualità narrativa e produttiva della notizia che si articola secondo il punto di vista delle forze dell ordine, le principali fonti di informazioni sull immigrazione. Questi tipo di rappresentazione pertanto è il veicolo di uno sguardo unipolare sul fenomeno, prendendo in prestito le categorie interpretative formulate dal Gruppo di Ricerca Migracom, Migrazione e Comunicazione, dell Università Autonoma di Barcellona e diretto dal Prof. Nicolás Lorite García. Infatti, secondo questa prospettiva di studio, lo sguardo unipolare osserva e presenta il fenomeno da una sola ed univoca angolatura a differenza dello sguardo multipolare che compone una visione poliedrica composta da molteplici facce del fenomeno. Nel nostro studio risulta che l immigrazione è presentata principalmente da un unica prospettiva da cui si può ascoltare ed osservare in primo piano la voce e la figura delle fonti istituzionali e, sullo sfondo, la presenza degli immigrati, muta e quasi mai a fuoco. Le denominazioni utilizzate per indicare i soggetti immigrati delle notizie sono, in genere, rispettose della deontologia e dei protocolli giornalistici che indicano i termini più appropriati per non discriminare, stereotipizzare e criminalizzare gli immigrati e le minoranze etniche nei media. L uso delle fotografie invece è una questione più complessa, data anche l assenza di protocolli giornalistici specifici rivolti al trattamento dell immigrazione. Si riscontra un trattamento coerente con le norme sulla privacy che regolamenta l utilizzo delle immagini nei media. Il loro impiego però 20

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Ricerca nazionale su immigrazione e asilo nei media italiani

Ricerca nazionale su immigrazione e asilo nei media italiani Sintesi del rapporto di ricerca Ricerca nazionale su immigrazione e asilo nei media italiani Direzione Mario Morcellini Coordinamento Marco Binotto, Marco Bruno, Valeria Lai Gruppo di ricerca Arije Antinori,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA Carte deontologiche - La Carta di Treviso La Carta di Treviso La Carta di Treviso è il documento che impegna i giornalisti italiani a norme di comportamenti deontologicamente corrette nei confronti dei

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 ottobre

srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 ottobre srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 ottobre Proroga della durata dei permessi di soggiorno per motivi umanitari: ulteriori informazioni Introduzione Circolare dell'8

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

dare voce a chi non ne ha

dare voce a chi non ne ha Un Progetto per la Coesione Sociale dare voce a chi non ne ha Nota riguardante la Prima Fase Finanziato tramite il Bando Volontariato 2008 1 INTRODUZIONE Per la Consulta delle Organizzazioni del Volontariato

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli