dei servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dei servizi www.autostradafacendo.it"

Transcript

1 Autocamionale della Cisa promuove la campagna per la sicurezza stradale Mettiti alla guida della tua vita! Scegli un comportamento responsabile carta 2014 dei servizi 1

2 2

3 INDICE 1.1 Premessa 1.2 La Società 1.3 Il contesto infrastrutturale e l autostrada in cifre 1.4 Il Miglioramento 1.5 I principi fondamentali 1.6 Il pedaggio Il calcolo e le modalità di pagamento del pedaggio I principali documenti di viaggio 1.7 I servizi La mobilità La manutenzione L informazione per il viaggiatore Le informazioni conoscitive dell infrastruttura I servizi per il comfort del viaggiatore L assistenza all esazione La soddisfazione dell utente 2.1 La Qualità 2.2 Gli Indicatori di qualità 3.1 La tutela dell utente 3.2 Indirizzi e numeri utili INDICE I dati di seguito riportati sono aggiornati al 31/12/13 3

4 PREMESSA Premessa Gentile Cliente, abbiamo il piacere di presentarle la carta dei servizi della Autocamionale della Cisa S.p.A. La presente carta dei servizi segue sia la direttiva del Ministero n. 102 del 19 Febbraio 2009, sia le istruzioni operative della Struttura di Vigilanza Concessioni Autostradali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT - SVCA) ed è stata redatta, non solo come adempimento dell art. 31 della Convenzione Unica, ma soprattutto nel convincimento che possa costituire un occasione di crescita aziendale interna e di comunicazione di valore verso l esterno. Una carta dei servizi, quindi, quale strumento di gestione, di informazione, di comunicazione degli obiettivi e di dialogo con i Clienti. Va peraltro evidenziato che la peculiarità del settore in cui operiamo, fa sì che vi siano componenti del servizio, la cui qualità è dipendente, anche e soprattutto, da fattori esterni. In particolare, sul tema della sicurezza, la Società, insieme ad altri importanti partner pubblici e privati è promotrice della campagna Mettiti alla guida della tua vita che mira alla sensibilizzazione degli utenti della strada al fine di promuovere comportamenti adeguati alle reali condizioni di circolazione e dell infrastruttura così come previsto dal principio informatore della circolazione. Al fine di promuovere questa iniziativa, la presente edizione della carta dei servizi è stata arricchita con una selezione del materiale grafico utilizzato dalla campagna informativa. Confidiamo infine che la Carta dei Servizi possa essere uno strumento di ascolto e di dialogo con tutti gli Utenti dell infrastruttura e possa contribuire ad avvicinare sempre di più l Azienda ai suoi Clienti, d ora innanzi più informati e più consapevoli dell obiettivo - con uomini e mezzi - di fornire loro il migliore dei servizi; fiduciosi anche, visto l importante ruolo che rivestono i Clienti stessi nella riuscita del servizio, della loro collaborazione. Buon Viaggio

5 1.2 La Società L Autocamionale della Cisa S.p.A. è una Società per azioni, costituita nel 1950, nella quale sono presenti enti pubblici, istituti di credito ed azionisti privati. L azionista di riferimento è SIAS (Società Iniziative Autostradali e Servizi S.p.A.), che controlla inoltre le seguenti Società concessionarie autostradali: SATAP p.a. (tratte A4 Torino-Milano e A21 Torino-Piacenza) Società Autostrada Ligure Toscana p.a. Società Autostrade Valdostane S.p.A. Autostrada Torino-Savona Autostrada Torino-Ivrea-Valle d Aosta S.p.A. Autostrada dei Fiori S.p.A. Società Autostrada Asti-Cuneo S.p.A. In base alla Convenzione Unica del 3 marzo 2010, l Autocamionale della Cisa è concessionaria dell ANAS per la costruzione e l esercizio, fino al 31 dicembre 2031, dell autostrada A15 Parma La Spezia (km 101 in esercizio) e del prolungamento per Nogarole Rocca (km 83 in programma), per complessivi 184 km. Ad Anas, in data 01/10/2012, è subentrato il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per le infrastrutture, gli affari generali ed il personale - Struttura di Vigilanza sulle Concessioni Autostradali (di seguito MIT-SVCA), ai sensi del combinato disposto dell art.11, comma 5, del D.L. 216/2011 e dell art. 36, comma 4, del D.L. 98/2011 La Sede sociale ed operativa della Concessionaria è sita in prossimità della stazione autostradale di Parma Ovest, in Frazione Pontetaro di Noceto (PR). L organico della Società è composto attualmente di 185 persone, la maggioranza delle quali opera direttamente in autostrada, 24 ore su 24 (Pronto Intervento, Esazione, Personale Tecnico). La Concessionaria esplica la propria attività di esercizio e gestione dell infrastruttura in collaborazione con altri enti e soggetti, ognuno dei quali responsabile della propria specifica attività: l la Polizia Stradale che, sulla base di una specifica Convenzione stipulata con la Concessionaria, opera in permanenza in autostrada svolgendo i propri compiti istituzionali; l l l l i Vigili del Fuoco e il 118 con i rispettivi compiti di istituto; ACI-GLOBAL S.p.A. e VAI-EUROP ASSISTANCE S.p.A. per i servizi di Soccorso meccanico; le Società petrolifere e le Società di ristorazione, che provvedono all erogazione dei servizi di distribuzione del carburante e di ristoro sulle aree di servizio; Il CCISS ONDA VERDE che provvede a trasmettere le notizie sul traffico. LA SOCIETÀ 5

6 IL CONTESTO INFRASTRUTTURALE Il contesto infrastrutturale e l autostrada in cifre Sestri Levante SS 523 Varese Ligure Passo di Cento Croci SS 523 Passo del Brattello Vezzano Ligure LA SPEZIA Solignano Passo della Cisa Pontremoli SS 62 Aulla SS 330 SS 308 SS 62 FIDENZA SS 357 Fornovo SS 62 SS 9 PARMA AUTOSTRADA A15 TIBRE SVINCOLI A15 ALTRE AUTOSTRADE PERCORSI ALTERNATIVI AEROPORTI CAPITANERIE CONFINI REGIONALI Le informazioni conoscitive dell infrastruttura Sul sito internet è consultabile una mappa schematizzata della tratta autostradale di competenza con evidenziati i nominativi e la progressiva chilometrica dei numerosi viadotti, gallerie, cavalcavia, aree di servizio, aree di sosta comprese quelle verdi attrezzate, parcheggi agli svincoli ove presenti, e l ubicazione dei pannelli a messaggio variabile. Viabilità alternativa Lungo il tracciato dell Autostrada della Cisa esistono i seguenti percorsi alternativi: l la S.S. n 62 della Cisa che attraverso il passo della Cisa collega Parma con S. Stefano di Magra; l la S.P. n 357 R Ponte Recchio Fornovo che unisce la S.S. n 9 (via Emilia) in località Castelguelfo con Fornovo; l l l la S.P. n 308 R di Fondovalle Taro che unisce Fornovo con Ghiare di Berceto; la S.P. n 523 R del Colle di Cento Croci che da Ghiare di Berceto sale a Berceto; la S.P. n 20 del passo del Bratello che collega Borgotaro con Pontremoli.

7 L Autostrada in cifre L Autostrada della Cisa ha inizio dall innesto con l autostrada del Sole, posto fra le uscite di Fidenza e Parma dell A1, si raccorda dopo Km 101 con l autostrada Ligure - Toscana a S. Stefano di Magra; attraversa tre regioni ( Emilia - Romagna, Toscana e Liguria) ed interessa tre Province (Parma, Massa - Carrara e La Spezia). Il percorso è caratterizzato da n 99 fra ponti e viadotti della lunghezza complessiva di circa Km 19 per carreggiata e da n 18 gallerie, comprese le artificiali, della lunghezza complessiva di circa Km 7,5 per carreggiata. 101 km. di rete gestita 18 gallerie 60 piazzole di sosta 8 aree di parcheggio di cui 3 dotate di servizi igienici automatici, di area attrezzata a giochi bambini e gazebo per picnic TRAFFICO REGOLARE 8 aree di serivizio 16 pannelli a messaggio variabile in itinere 1 centro servizi 51 spartineve 99 viadotti 110 colonnine SOS di cui 18 in galleria 4 stazioni di rilevamento traffico 2 pattuglie Polizia Stradale 79 telecamere 5 webcam TRAFFICO REGOLARE 11 pannelli a messaggio variabile agli accessi 9 stazioni di rilevamento meteo 15 spargisale Le gallerie più lunghe (Valico di m, Puntamonte di m e Cucchero m) sono dotate di impianti di ventilazione, rilevamento incendi e sistema di videosorveglianza; la Valico inoltre è dotata di impianto di spegnimento incendio. Gli accessi intermedi all autostrada dalla viabilità ordinaria, con i relativi svincoli, sono sei: Parma Ovest (in frazione Pontetaro), Fornovo, Borgotaro (in località Ghiare di Berceto), Berceto, Pontremoli ed Aulla. Sul sito internet e all interno della presente Carta dei Servizi, si può trovare una rappresentazione grafica che contiene le principali informazioni relative a ponti, gallerie, ecc. LA COMPOSIZIONE DELLA RETE 7

8 IL MIGLIORAMENTO 1.4 Il Miglioramento La Convenzione con MIT-SVCA prevede la realizzazione di importanti interventi lungo la tratta in esercizio relativi a: l adeguamento delle barriere di sicurezza alla normativa vigente; l posa in opera di barriere antirumore; l adeguamento di viadotti autostradali alla normativa antisismica ed alle recenti norme tecniche sulle costruzioni; l miglioramento della viabilità di adduzione ai caselli autostradali; l potenziamento e riqualificazione ambientale delle aree di parcheggio; l opere di mitigazione ambientale lungo il tracciato autostradale; l adeguamento degli impianti di illuminazione delle gallerie; l sistemi informativi di viabilità e traffico. Per un approfondimento relativo alla pianificazione dei cantieri, si rimanda al successivo capitolo relativo alla mobilità. E stata affidata la realizzazione del primo lotto funzionale, dall interconnessione A15-A1 fino all autostazione Trecasali Terre Verdiane. 8

9 1.5 I principi fondamentali* l l l l Uguaglianza - Autocamionale della Cisa svolge la propria attività rispettando il principio di uguaglianza dei diritti dei Clienti, senza alcuna distinzione per motivi riguardanti sesso, razza, lingua, religione e opinioni politiche. Autocisa, inoltre, si impegna a garantire la parità di trattamento, a parità di condizioni della prestazione erogata, sia tra le diverse aree geografiche sia fra le diverse categorie di Clienti. Imparzialità - Autocamionale della Cisa si impegna a svolgere le proprie attività oggetto di concessione in modo obiettivo, giusto ed imparziale. Continuità - L Autocamionale della Cisa si impegna al mantenimento della funzionalità delle infrastrutture autostradali gestite in concessione attraverso la manutenzione e la riparazione tempestiva delle stesse. Fanno eccezione i casi di interruzione o di funzionamento irregolare dovuti a cause di forza maggiore e/o comunque non imputabili al Concessionario. Autocisa rende disponibili risorse e tecnologie per trasmettere al pubblico le principali informazioni sulla viabilità ed il traffico autostradale nelle tratte in concessione. Partecipazione - Autocamionale della Cisa riconosce che è un diritto dei propri Clienti usufruire di prestazioni qualitativamente efficienti. Per questo favorisce l informazione più ampia presso la propria Clientela, anche attraverso terzi, circa il controllo e la verifica della funzionalità delle prestazioni fornite. I PRINCIPI FONDAMENTALI l l l Efficienza ed Efficacia - Autocamionale della Cisa fornisce le proprie attività oggetto di concessione in modo efficiente, cioè con diligenza, e in modo efficace, il più utile possibile ai propri Clienti. Autocisa si impegna a mantenere e migliorare l efficienza e l efficacia delle prestazioni offerte. Cortesia e Trasparenza - Autocamionale della Cisa si impegna a svolgere la propria attività con la massima cortesia da parte dei propri dipendenti nei rapporti con il pubblico e ad assicurare la massima disponibilità e accessibilità delle informazioni sulle attività che svolge. Tutela della Riservatezza - Autocamionale della Cisa si impegna a garantire la riservatezza dei propri Clienti. Il Cliente ha il diritto di essere informato sulle modalità di trattamento dei propri dati personali con linguaggio semplice e comprensibile e di esprimere un consenso libero, differenziato e revocabile in relazione alle diverse possibilità di utilizzo dei dati anche da parte di terzi autorizzati. * Come riconosciuto nelle premesse della Direttiva 102/2009, il settore della viabilità autostradale è specifico e non assimilabile ai servizi pubblici di cui all art. 1 della Legge 146/1990; non tutti i principi indicati nella Direttiva della Presidenza dei Ministri del sono quindi applicabili per le attività delle concessionarie autostradali. 9

10 IL CALCOLO DEL PEDAGGIO 1.6 Il pedaggio Il calcolo e le modalità di pagamento del pedaggio Il pedaggio si calcola moltiplicando la tariffa unitaria ( /km) di competenza di Autocamionale della Cisa, maggiorata dell importo di cui alla Legge 102/2009, per i km, considerando che oltre ai km tra casello e casello sono conteggiati i km degli svincoli, delle bretelle di adduzione e dei tratti autostradali liberi prima e dopo il casello, costruiti e gestiti dalla concessionaria. Ai fini dell esazione pedaggio l autostrada della Cisa è parte integrante della rete autostradale interconnessa insieme ad altre 18 Concessionarie. Va precisato che la tariffa unitaria è commisurata in base alle caratteristiche dell infrastruttura (autostrada di pianura o di montagna) e al tipo di veicolo utilizzato secondo il sistema di classificazione attualmente in uso in Italia e denominato Assi-Sagoma rappresentato nella seguente figura. Le tariffe dei pedaggi in vigore sono pubblicate sul sito internet della Società e possono essere richieste al Centro Servizi o all Ufficio Pedaggi presso la Sede di Noceto (PR). L adeguamento tariffario annuale viene disposto, per ciascuna Società Concessionaria, attraverso specifico Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il ministero dell Economia e delle Finanze, sulla base di quanto stabilito nella Convenzione con MIT-SVCA. Per quanto riguarda l Autocamionale della Cisa, la formula della Convenzione Unica tiene conto del 70% del tasso di inflazione (indice NIC) degli ultimi 12 mesi (periodo 1 luglio - 30 giugno) antecedenti la data di presentazione della richiesta di adeguamento tariffario, nonché del parametro relativo alla remunerazione dei nuovi investimenti realizzati. L adeguamento della Tariffa si applica indistintamente a tutte le tratte di competenza, tuttavia, a causa dell arrotondamento finale, il pedaggio per le singole percorrenze può risultare superiore, inferiore o nullo rispetto alla variazione tariffaria unitaria. Classificazione veicoli e convogli categoria classe caratteristiche esempi LEGGERI A a 2 assi con altezza sul primo < 1,3 m. - - < 1, m. m B a 2 assi con altezza sul primo >1,3 m. >1, m. m 10 PESANTI costruiti a 3 assi costruiti a 4 assi costruiti a 5 o più assi

11 Per il pagamento del pedaggio è possibile scegliere sistemi dinamici come il Telepass e il Telepass Family, oppure utilizzare le tessere Viacard di Conto Corrente o a Scalare d importo, le Carte di Credito accettate (il cui logo è riportato sul macchinario) o le carte Bancomat aderenti al circuito Fast-Pay. In tutte le autostazioni, ad eccezione di Borgotaro e Berceto, sono installate Casse Automatiche in grado di accettare, oltre alle tessere, anche monete e banconote nei tagli da 5 centesimi fino a 100 Euro e di dare il resto. Le modalità di pagamenti possibili nei diversi tipi di pista segnaletica verticale tipo di pista CON OPERATORE CON CASSA AUTOMATICA SENZA OPERATORE PAGAMENTO CON CARTE TELEPASS segnaletica orizzontale pagamento con pagamento con CONTANTE, VIACARD, CARTE DI CREDITO, BANCOMAT CONTANTE, VIACARD, CARTE DI CREDITO, BANCOMAT VIACARD, CARTE DI CREDITO, BANCOMAT TELEPASS, TELEPASS FAMILY IL CALCOLO DEL PEDAGGIO PAGAMENTO CON CARTE PROMISCUA TELEPASS VIACARD, CARTE DI CREDITO, BANCOMAT, TELEPASS, TELEPASS FAMILY 11

12 I PRINCIPALI DOCUMENTI DI VIAGGIO I principali documenti di viaggio Il biglietto ordinario Gli utenti sprovvisti di apparato Telepass, entrando in autostrada (sistema chiuso), ritirano dalle apposite macchine emettitrici un biglietto denominato biglietto ordinario. Il biglietto rende possibile l individuazione della stazione di entrata. codice emettitore A15 giorno progressivo da inizio anno ora e minuti di entrata codice stazione di entrata biglietto progressivo PARMA OVEST pista entrata NUMERO TESSERA NON LETTO DALLA CONVALIDATRICE DA COMPILARE SOLO A CURA DEGLI ESENTI A NORMA DI LEGGE classe entrata modalità emissione CLASSE 151 AUTOCAMIONALE DELLA CISA Gruppo SIAS S.p.A TAB MERCI NO 12 Ente esente a norma di legge (art. 373 Reg. C.d.S.) NOME E COGNOME DEL CONDUCENTE TIPO VEICOLO TARGA VEICOLO N. TESSERA POLIZIA STRADALE FIRMA Biglietto ordinario bande magnetiche per la registrazione dei dati

13 Lo scontrino di pedaggio in pista manuale Rappresenta la ricevuta dell avvenuto pagamento in piste di uscita con riscossione manuale. La ricevuta viene rilasciata dall esattore su richiesta dell utente. L attestato di transito in porta self service In uscita nelle piste automatiche dedicate o con cassa viene rilasciato un attestato di transito, mediante la selezione di apposito pulsante. Sia l attestato di transito emesso in porta self service che lo scontrino di pedaggio emesso in porta manuale non costituiscono titolo valido ai fini fiscali. La fatturazione dei pedaggi pagati per contanti o con carte bancarie deve essere richiesta presso la sede della Società o nel Centro Servizi, compilando un apposito modulo corredato dai suddetti scontrini pedaggio in originale. I moduli possono essere richiesti presso la Sede della Società, nel Centro Servizi o scaricati dal Sito internet all indirizzo Attenzione: l attestato di transito emesso in porta self-service può costituire un rapporto di Mancato Pagamento Pedaggio; in tal caso, ad indicare il pedaggio non corrisposto, compare la lettera R sotto la dicitura MODALITA PAGAMENTO. Per il saldo dei pedaggi non corrisposti vedi pagina 25. SCONTRINO giallo:scontrino giallo :08 Pagina 1 ATTESTATO DI TRANSITO IN PORTA SELF-SERVICE AUTOCAMIONALE DELLA CISA Gruppo SIAS S.p.A. PARMA ENTRATA USCITA PORTA ANNO E GIORNO ORA E MINUTI ESATTORE I PRINCIPALI DOCUMENTI DI VIAGGIO CLASSE PEDAGGIO * MODALITÀ PAGAMENTO SALDO PRECEDENTE O TARGA VEICOLO CARTA ISO NUMERO TESSERA O MANCATO PAGAMENTO TIPO VEICOLO TARGA VEICOLO DOCUMENTO NON VALIDO AI FINI FISCALI Scontrino di pedaggio in piste manuali Attestato di transito in porta self service 13

14 LA MOBILITÀ GEN TRAFFICO ANNO 2013 (veicoli Km) FEB MAR APR MAG GIU PESANTI LEGGERI TOTALE LUG AGO SET OTT NOV Totale Leggeri Pesanti ANDAMENTO DEL TRAFFICO DAL 2003 AL 2013 (veicoli Km) GEN FEB MAR APR 2005 MAG 2006 GIU PESANTI LEGGERI TOTALE 2007 LUG 2008 AGO SET 2009 OTT 2010 Totale Leggeri 2011 Pesanti NOV DIC 2012 DIC I servizi La mobilità I grafici seguenti sintetizzano le caratteristiche della mobilità lungo la tratta di compentenza. Per quanto riguarda i dati relativi all incidentalità si suggerisce di far riferimento alla sezione dedicata del sito AISCAT (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori) Sul sito internet sono pubblicate le previsioni di traffico relative ai weekend di maggior esodo nonché i divieti di circolazione. Il servizio si basa essenzialmente sull interazione tra: L infrastruttura, ovvero l autostrada, con le opere civili (ponti, gallerie, sovrappassi ecc.) e gli impianti (PMV, SOS, TVCC). Il personale che gestisce tutte le attività sia dirette che indirette che formano e garantiscono il servizio. Alla riuscita del servizio contribuisce anche il comportamento del Cliente dell autostrada. La Concessionaria, al fine di garantire la mobilità di persone e cose, svolge le seguenti funzioni: l assicurare la percorribilità della tratta autostradale e delle sue pertinenze in condizioni di sicurezza e nel rispetto del Codice della Strada; l ripristinare l erogazione del servizio stesso nel caso si verifichi un evento turbativo, tale da limitare la regolare percorribilità o la sicurezza; l assicurare la disponibilità di un organizzazione in grado di fornire, in qualunque momento, assistenza (intervento del personale A15 e dei mezzi di soccorso in caso di evento turbativo) ed adeguata informazione.

15 Centro informativo Autostradale L obiettivo prioritario dell Autocamionale della Cisa S.p.A. è offrire, per quanto possibile, un servizio di qualità, dando assistenza a ciascun Cliente nel suo viaggio sull autostrada in concessione, compatibilmente con le diverse situazioni realizzabili. Per questo il C.I.A. riceve le seguenti informazioni: l le comunicazioni radio degli operatori autostradali; l le chiamate di soccorso meccanico, sanitario ed antincendio; l le immagini dalle telecamere poste lungo la tratta autostradale; l la situazione dei cantieri in opera; l i rilievi del sistema contatraffico; l le condizioni meteo; in base alle quali effettua le seguenti attività: l informa e richiede, in base alle indicazioni ricevute ed a specifiche procedure, l intervento della Polizia Stradale, dei mezzi di soccorso e dei nuclei addetti al Pronto Intervento; l informa i Centri di smistamento delle notizie sulla viabilità; l inserisce le informazioni sui pannelli a messaggio variabile e sui sistemi informatici (televideo, sito ecc ); l risponde alle chiamate telefoniche degli utenti per informazioni sul traffico e sulle condizioni ambientali. LA MOBILITÀ Di particolare rilievo è stata l attivazione di un sistema di centralino telefonico dotato di risponditore automatico aggiornato con le informazioni in tempo reale generate dal sistema di gestione autostradale del C.I.A. Sono di ausilio alle attività del C.I.A.: l un sistema di monitoraggio meteorologico composto di n 9 stazioni di rilevamento delle condizioni meteo; l n 110 colonnine di chiamata soccorso in viva voce; l n 79 telecamere lungo il tracciato autostradale. 15

16 LA MOBILITÀ Gestione del Traffico Detta attività, alla quale partecipano varie componenti aziendali, è prevalentemente svolta dal personale operante nelle sezioni operative, in modo particolare dalle squadre di Pronto Intervento, in continuo pattugliamento lungo l autostrada; tali operatori sono inseriti in un costante processo di aggiornamento professionale per garantire un servizio sempre più qualificato nei confronti della clientela. Concorrono in detta attività anche le officine di soccorso meccanico ACI - GLOBAL S.p.A. e VAI - Europ Assistance S.p.A., operanti 24 ore su 24 con officine ubicate in prossimità di ogni casello autostradale che vengono attivate dal C.I.A. ogni qualvolta giunga una richiesta di soccorso meccanico. Polizia Stradale La Concessionaria ha in essere una specifica Convenzione con il Ministero dell Interno che garantisce una presenza costante in autostrada di pattuglie della Polizia Stradale. Sulla tratta di competenza della A15 operano principalmente le pattuglie delle sottosezioni di Berceto e di Pontremoli, coordinate dal C.O.A. (Centro Operativo Autostradale) che ha sede presso la sezione di Polizia Stradale di Parma. 16 Soccorso Sanitario La società ha in atto dei protocolli d intesa con il servizio di soccorso sanitario (118 di Parma, La Spezia e Massa - Carrara) per l attivazione immediata dei soccorsi all arrivo di una richiesta di urgenza sanitaria (auto medica, ambulanze ed elisoccorso).

17 Operazioni invernali Nel periodo invernale, al fine di assicurare idonee condizioni di sicurezza e transitabilità in presenza di condizioni meteorologiche avverse, la Società gestisce un servizio di manutenzione invernale. Il servizio è articolato in due fasi: quella di pianificazione, legata alla valutazione dei dati previsionali delle condizioni meteorologiche, e quella di gestione operativa della flotta di lame e spargitori. Il servizio di previsione meteo a 24 ore, sulla base dei dati provenienti dalle centraline meteo, collocate lungo l autostrada, della mappatura termica del tratto autostradale e dei modelli meteo del centro di calcolo, fornisce alla Concessionaria indicazioni utili, relativamente alla possibilità di formazione di ghiaccio e di precipitazioni nevose, al fine di poter organizzare tempestivamente il personale e i mezzi necessari. Gli interventi di prevenzione della formazione di ghiaccio, vengono effettuati utilizzando idonee attrezzature per lo spargimento di cloruro di sodio, mentre, in caso di nevicata viene utilizzato anche cloruro di calcio. I depositi dei suddetti fondenti, nonché le attrezzature utilizzate per il loro spargimento, sono ubicati presso gli appositi centri di manutenzione dei caselli di Parma Ovest, Fornovo, Borgotaro, Berceto, Pontremoli e Aulla, nei quali risiedono anche le lame ed i mezzi spargisale. Per lo svolgimento delle operazioni invernali la Società dispone attualmente di 51 lame e di 15 spargitori. Programmazione cantieri Un attività importante agli effetti di un efficace gestione del traffico è la programmazione dei cantieri che comportano la parzializzazione di corsia e/o deviazione di carreggiata. La pianificazione dei lavori di manutenzione durante l arco dell anno consente di sospendere gli stessi in occasione di particolari periodi di punta quali le festività Pasquali, del 25 Aprile, del 1 Maggio e del 2 Giugno e durante gli esodi estivi, onde evitare disagi all utenza. In particolare è prevista, salvo casi eccezionali, la sospensione dei cantieri nei seguenti periodi di punta: l dal giovedì prima di Pasqua fino al martedì dopo Pasqua; l durante i fine settimana, dal venerdì pomeriggio al lunedì mattina, del periodo da Pasqua a Settembre. Prima dell installazione dei cantieri di lunga durata che permangono durante i weekend (che avviene all incirca dopo la ripresa dell anno scolastico nel mese di settembre) la Concessionaria si impegna a diffondere a mezzo stampa tale situazione al fine di avvisare l utenza circa i possibili disagi. LA MOBILITÀ 17

18 LA MOBILITÀ 18 Notizie riguardanti la presenza di cantieri lungo l autostrada sono disponibili sul sito La Concessionaria, sulla base della pianificazione dei cantieri, emette, con cadenza settimanale, un comunicato, denominato AUTOCISA INFORMA, nel quale sono evidenziati i principali cantieri in essere durante il fine settimana e sono diffusi i numeri di telefono da contattare in caso di necessità, detto comunicato viene: l inviato agli organi di informazione (giornali e TV locali); l inviato a tutti gli iscritti alla newsletter di Autocisa; l pubblicato sul sito web. Autorizzazioni per transiti eccezionali Il cliente interessato a richiedere ed ottenere il rilascio dell autorizzazione per transiti o trasporti eccezionali, può consultare telefonicamente l ufficio preposto (durante l orario d ufficio 9,00 13,00 e 14,00 17,00 dal lunedì al venerdì) formando i numeri telefonici o , fax o in alternativa potrà consultare il sito nelle pagine relative ai transiti e/o trasporti eccezionali. E possibile ottenere autorizzazioni per transiti e/o trasporti eccezionali che interessano tratte autostradali gestite anche da altre società concessionarie interconnesse. Le richieste di autorizzazione possono essere inoltrate anche attraverso il sito previa adesione al contratto Autornet, che è possibile sottoscrivere inviando specifica domanda alla ditta Mirama it); dal momento dell attivazione del servizio, il richiedente può controllare lo stato di avanzamento delle pratiche di autorizzazione per transiti e/o trasporti eccezionali tramite internet.

19 1.7.2 La manutenzione La manutenzione è l attività fondamentale che permette di conservare e mantenere efficiente l infrastruttura autostradale. La pianificazione ed il controllo dei processi di manutenzione ed ammodernamento hanno l obiettivo primario della conformità del servizio reso dalle infrastrutture e dagli impianti alle condizioni prestabilite, inclusi i requisiti derivanti da leggi e regolamenti. I settori salienti sono i seguenti: Opere d Arte La maggior parte del tracciato autostradale si sviluppa lungo l Appennino Tosco-Emiliano, per il superamento del quale si è resa necessaria la costruzione di un numero rilevante di opere d arte (complessivamente n 132 fra ponti, viadotti e cavalcavia) e di gallerie (n 18). A queste si aggiungono numerose opere minori (muri di sostegno, sottovia, ponticelli), opere idrauliche (scogliere, pozzi drenanti), opere di presidio dei versanti. Le gallerie e le opere d arte, realizzate prevalentemente fra la fine degli anni 60 e l inizio degli anni 70, richiedono un intensa attività di controllo, anche tramite attrezzature speciali (by-bridge per l accesso all intradosso dei viadotti; piattaforme mobili per l ispezione al rivestimento delle gallerie). In base a tale attività di controllo vengono pianificati gli interventi di manutenzione sia di tipo preventivo che di tipo conservativo. Pavimentazione La pavimentazione autostradale è realizzata con conglomerato bituminoso che, in molti tratti, è del tipo drenante e fonoassorbente. Viene effettuato annualmente un controllo dell intera pavimentazione, per verificarne l aderenza trasversale (CAT) e la regolarità (IRI), che anche per l anno 2013 rimangono posizionati in una fascia di elevata prestazione. Segnaletica Sia la segnaletica orizzontale che quella verticale sono realizzate con materiali ad elevata rifrangenza. Questo permette di poter individuare sia i segnali che le strisce in tutte le diverse condizioni ambientali. Ogni anno viene svolto un programma mirato di ripasso della segnaletica orizzontale e di imbiancatura delle pareti delle gallerie per garantire la massima visibilità all interno delle stesse. Lo stato della segnaletica verticale viene frequentemente monitorato dal personale e dalle imprese appaltatrici addette alla manutenzione. Barriere di sicurezza E in corso di attuazione un piano di miglioramento graduale delle barriere di sicurezza. E già stato completato l intervento relativo alle barriere spartitraffico. Sono in corso di esecuzione gli interventi relativi alle barriere laterali ed alle barriere su viadotto. Manutenzione del Verde Ai fini di decoro e prevenzione incendi viene effettuata la manutenzione delle aree a verde del corpo autostradale (scarpate, banchine, spartitraffico, aree di parcheggio, ecc.). Illuminazione Gli impianti di illuminazione delle gallerie sono stati progressivamente rinnovati negli ultimi anni utilizzando moderni criteri illuminotecnici (tecnica controflusso in cui il conducente può riconoscere la sagoma di eventuali ostacoli per contrasto) e lampade al sodio alta pressione. L illuminazione può essere assente in caso di temporanea mancanza di alimentazione della rete, soprattutto in occasione di forti temporali. Ventilazione Tra le gallerie della autostrada della Cisa ve ne sono tre di lunghezza superiore ai 1000 m. (Valico, Cucchero e Puntamonte) che sono dotate LA MANUTENZIONE 19

20 LA MANUTENZIONE 20 di impianti di elettroventilazione longitudinale in grado di espellere i fumi ed i gas prodotti dai veicoli in circolazione. Inoltre tutte le tre gallerie sono dotate di impianti di rilevamento incendi e setti divisori con passaggi di emergenza in corrispondenza dei bypass. La galleria Valico è anche dotata di un sistema di spegnimento incendi. Esazione pedaggio In ogni stazione, sia in ingresso che in uscita, è disponibile almeno una pista Telepass per il pagamento senza sosta al Casello. In ogni stazione è inoltre possibile pagare con carte viacard, Bancomat Fast-Pay e di credito convenzionate. Nei caselli di Parma Ovest, Fornovo, Pontremoli ed Aulla sono presenti casse automatiche, che consentono il pagamento con tessera e in contanti e di dare il resto. S.O.S. Lungo il tracciato sono installate n. 110 colonnine SOS, di cui n. 18 in galleria. Le colonnine all aperto consentono la possibilità di richiedere il soccorso medico ed il soccorso meccanico; le colonnine in galleria consentono inoltre di richiedere il soccorso antincendio.da tutte le colonnine indistintamente può essere inoltre attivato un collegamento fonico con il Centro Informativo Aziendale, attraverso il quale comunicare con gli operatori. Pannelli a messaggio variabile Sull Autostrada vi è un sistema di informazione all utenza con pannelli a messaggio variabile comprensivo di n 16 portali con pannelli a messaggio variabile ubicati in itinere lungo il tracciato autostradale e n 11 postazioni ubicate all intersezione tra gli svincoli dei caselli autostradali e la viabilità ordinaria (prima degli ingressi) per fornire agli utenti informazioni utili sulla transitabilità prima di entrare in autostrada. L impianto è gestito direttamente dal Centro Informativo Aziendale e grazie agli schermi con pittogramma, l informazione è trasferita efficacemente anche agli utenti stranieri. Sistema contatraffico l sistema di monitoraggio del traffico è composto di 2 stazioni di rilevamento per carreggiata, una al Km ed una al Km 100, che permette di conoscere i flussi di traffico in ingresso ed in uscita dal nastro autostradale e consente quindi di ipotizzare eventuali problemi alla circolazione stradale quali il formarsi di code, rallentamenti, ecc.. Sistema di videosorveglianza Lungo l autostrada sono al momento installate n. 79 telecamere, di cui n. 32 all aperto e le rimanenti nelle tre gallerie più lunghe (10 in galleria Valico sud, 10 in galleria Valico nord, 6 in galleria Cucchero sud, 7 in galleria Cucchero nord, 7 in galleria Puntamonte sud e 7 in galleria Puntamonte nord) per il costante monitoraggio del traffico. Tutte le telecamere sono a colori, quelle all aperto sono dotate di zoom e di brandeggio azionabili dal C.I.A., quelle in galleria ad ottica fissa. Tutte le immagini sono trasferite al C.I.A. Nel corso del 2013 sono state installate 5 webcam disponibili sul sito internet. Sistema di rilevamento condizioni meteorologiche Lungo l autostrada sono funzionanti n. 9 centraline di rilevamento dati meteo. Tali centraline, distribuite nei punti più significativi dell autostrada, consentono al C.I.A. di avere disponibili in tempo reale i seguenti parametri: temperatura dell aria e dell asfalto, umidità dell aria, visibilità, direzione e velocità del vento (media e massima), intensità della pioggia, ecc., stato dell asfalto con allarmi, al fine di prevenire la formazione del ghiaccio. Copertura telefonica mobile Il tracciato autostradale attualmente è coperto dal segnale di telefonia mobile degli operatori Wind, Tim e Omnitel. Nel caso della rete Tim la copertura include anche le gallerie, mentre per Wind e Omnitel attualmente la copertura del segnale nelle gallerie è parziale.

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

ITALIANO GUIDA IN SICUREZZA, SEI IN A22!

ITALIANO GUIDA IN SICUREZZA, SEI IN A22! ITALIANO GUIDA IN SICUREZZA, SEI IN A22! CARTA DEI SERVIZI 2015 CARTA DEI SERVIZI 2015 LA PRESENTE CARTA DEI SERVIZI SEGUE LA DIRETTIVA DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI N. 102 DEL 19

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Il Sottoscritto. chiede. dichiara:

Il Sottoscritto. chiede. dichiara: P.G. n. del Comune di Vicenza Settore Interventi Sociali Ufficio Prestazioni al Cittadino timbro e firma per ricevuta RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER IL RIENTRO DEI VENETI NEL MONDO (ART. 8, L.R. 2/2003) Il

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE 1 1. Cos è la Carta della qualità dei servizi La realtà sempre più completa ed articolata delle pubbliche amministrazioni, se da un lato consente di offrire servizi diversificati alla cittadinanza, dall

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori PRESENTAZIONE La presente pubblicazione si inserisce nell'ambito delle iniziative

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA DELL OPERATORE SU STRADA INDICE POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI PER L ESECUZIONE DELLE MANOVRE

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli