Forum Pubblica Amministrazione Convegno ITS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Forum Pubblica Amministrazione Convegno ITS"

Transcript

1 Contributo AISCAT al: Forum Pubblica Amministrazione Convegno ITS Roma 8 maggio 2001 Infomobilità come interfaccia tra operatori e utenti degli Intelligent transport systems ing. Massimo Schintu Il quadro di riferimento Preliminarmente alla descrizione del sistema autostradale italiano e dei suoi assetti, è utile sottolineare alcuni cenni relativi al sistema dei trasporti nel suo complesso. Un sistema che, è bene ricordarlo, deve provvedere alle necessità di un paese a conformazione prevalentemente montuosa, ed in gran parte circondata dal mare. Le ragioni in base alle quali il trasporto italiano si fonda essenzialmente sulla rete autostradale, possono così riassumersi: - limitatezza della rete stradale ordinaria - vetustà della rete ferroviaria e scarsa estensione delle linee AV (è in funzione solo la Roma - Firenze, inaugurata nel 1992; la Milano - Napoli sarà completata nel 2006) - inadeguatezza della rete ferroviaria nel soddisfare le esigenze commerciali ed industriali del paese, costantemente evolutesi negli ultimi 20 anni - elevata propensione all'uso del veicolo quale mezzo di spostamento per motivi privati od autotrasporto - la dinamicità del settore autostradale che, già nel periodo , portò alla realizzazione del 70% della rete attuale - competitività di costi La rete stradale principale, comprensiva di quella autostradale, si estende su un totale di 168mila km, dettagliata nel prospetto a seguire: Tabella 1 Lo sviluppo della mobilità stradale in Italia TIPO DI ARTERIA variazione Strade provinciali ,8% Strade statali ,9% Autostrade ,7% Autostrade a pedaggio ,0% Mobilità aut.le a pedaggio ,5% Parco circolante (milioni) 29,9 43,0 43,8%

2 Nel paese dove le autostrade videro la luce (la prima autostrada nel mondo, da Milano ai grandi laghi del Nord Italia, fu inaugurata nel 1924), esse attualmente rappresentano il 2% del totale della rete totale extraurbana, ed accolgono il 30% del volume medio di traffico in Italia. Nel periodo il parco circolante italiano (più di 43 milioni di veicoli, di cui oltre 31,4 milioni di autovetture: dopo la Germania, la più alta concentrazione di mezzi a motore in un paese europeo) è cresciuto di ben 4 milioni di unità. Malgrado il tasso di crescita annua sia quantificato al 2,8% (stima ACI), è evidente dalla tabella 1 come ad esso non faccia riscontro una crescita adeguata della rete stradale e, in particolare, di quella autostradale - meno di 300 chilometri in 10 anni contro i circa della Francia nello stesso periodo. Per quanto riguarda il traffico il dato è, se possibile, ancora più macroscopico; infatti le percorrenze complessive espresse in veicoli per chilometro, sulla sola rete a pedaggio sono aumentate del 35,5%, il che corrisponde a milioni di percorrenze in più di cui il 41,1% effettuate da mezzi commerciali. A livello gestionale, la peculiarità che caratterizza la rete autostradale italiana è l'essere frazionata in una pluralità di operatori. Ulteriore elemento distintivo di tale peculiarità è la presenza dominante di un grande gestore (Autostrade Spa), cui compete la gestione di circa il 50% della rete. Il restante 50% è suddiviso in arterie o tratte gestite dall'anas e da 22 diverse società concessionarie, oltre ad una società che gestisce una rete in conto dell'anas stessa, comprendendo anche i gestori dei tunnel sotto le Alpi. Oltre ad essere la più estesa in assoluto, la rete di Autostrade è al tempo stesso quella di maggiore importanza per il sistema dei trasporti: a tale gestore competono infatti, tra le altre, le dorsali A1 Milano-Napoli e A14 Bologna-Taranto ed il tratto Milano-Brescia della A4 (sul quale si rilevano i più intensi flussi di traffico d'europa). Dal 1966 le società concessionarie autostradali italiane hanno nell'aiscat un elemento di coordinamento, rappresentanza e tutela dei loro interessi. Il piano nazionale della telematica stradale e il comparto autostradale Credo si possa affermare senza alcuna retorica che nell'ambito del settore autostradale italiano si sia sviluppata sin dall'inizio degli anni '90 la consapevolezza che il controllo e la gestione di flussi di traffico della rilevanza di cui si è detto, il perseguimento di una efficace azione di riduzione della sinistrosità, nonché l'innalzamento del livello di qualità del servizio sono tutti obiettivi che impongono l'introduzione e l'uso estensivo di nuove tecnologie - in sintesi lo sviluppo della telematica stradale. Infatti l'aiscat diede il suo fattivo appoggio già alla redazione del primo piano nazionale della telematica stradale nel 1996 comprendendone la portata e volendo contribuire a calare il piano stesso nel necessario ambito di progettualità complessiva e aderenza alla realtà operativa dei gestori di autostrade. Nel quadro delle indicazioni che possono essere estrapolate dal piano, ho ritenuto importante soffermarmi, in questa sede, sugli aspetti dell evoluzione dell infomobilità che rappresenta certamente il più forte 2

3 anello di congiunzione tra il gestore della strada in senso lato l Amministrazione e l utente che, almeno nel caso delle autostrade a pedaggio, andrebbe considerato un cliente, così da impostare correttamente il rapporto che si deve stabilire tra le due diverse entità ai fini del pieno soddisfacimento delle esigenze del secondo, nel rispetto delle possibilità del primo. I servizi TTI istituzionali in Italia È intorno alla prima metà degli anni sessanta che i primi notiziari radiofonici sul traffico fecero la loro comparsa nei palinsesti della RAI, quale broadcaster pubblico. Denominati inizialmente "Buon viaggio", assunsero forma organica nel 1981, mutando nome della sigla ("Onda Verde") e sistema di raccolta delle informazioni. Il primo TIC italiano è la sala operativa dell'aci, a Roma. Nel 1990, all'interno del nuovo centro RAI di Saxa Rubra, si assiste alla nascita del CCISS - Viaggiare Informati, primo NTIC (National traffic informaton centre) mirato alla copertura dell'intera rete stradale ed autostradale italiana. Il CCISS non è un organismo a sé stante: è un consorzio diretto dall''ispettorato Generale Circolazione e Sicurezza Stradale del Ministero LLPP con l'apporto del Servizio di Polizia Stradale e coordinato dalla RAI al quale hanno fino ad oggi preso parte, in base ad un Protocollo d'intesa, attualmente in fase di profondo ripensamento, altri soggetti istituzionali e privati: Arma dei Carabinieri, Autostrade, Aiscat, Aci ed Anas. Pur ispirato nelle linee generali al CNIR (il NTIC francese), non ne ha le medesime funzionalità: il CCISS dovrebbe fungere solo da agenzia di informazioni sugli eventi connessi alla mobilità ed alla sicurezza stradale, operando come collettore dei dati pervenuti dai gestori di reti (concessionarie autostradali, Anas e principali municipalità) ed operatori (organi di polizia). Nella tabella 2, sono descritte sinteticamente le funzionalità del CCISS, ed i suoi canali distributivi cui deve, naturalmente, aggiungersi il servizio TMC attualmente in fase di sperimentazione (v. il paragrafo relativo). Ma le differenze tra il CNIR e il CCISS sono molto più profonde e legate sia alla "filosofia" che sta dietro alla loro realizzazione e operatività, sia alla organizzazione complessiva. Infatti il sistema francese prevede che lo Stato, attraverso una cooperazione tra il Ministero dell'interno e quello dei Trasporti - sotto la responsabilità e il coordinamento della Polizia - funga esclusivamente da collettore delle notizie su traffico e viabilità, lasciando ai gestori delle reti stradali - su una frequenza messa a disposizione dallo Stato - ed agli operatori dei media il compito di diffondere notizie validate e coerenti. Invece, nel nostro Paese questo processo di capillare diffusione viene compresso, quando non ostacolato a causa della composizione troppo eterogenea della compagine CCISS che tende ad ampliarne oltre le sue possibilità i compiti mentre sarebbe il caso di ricondurli ad un modello tipo quello francese. Inoltre non va sottovalutato il problema dei costi dell'informazione che crescono in maniera esponenziale con il miglioramento delle caratteristiche di tempestività e completezza, dato che il livello generale raggiunto dalla qualità della vita e le pressanti necessità legate ad un traffico stradale in continua crescita fanno si che l'infomobilità debba puntare su standard 3

4 qualitativi estremamente elevati per poter assolvere validamente alla sua funzione di ausilio per la sicurezza degli utenti di strade e autostrade. Ma non sempre il gestore stradale è in grado di rispondere a queste esigenze con risorse interne, quindi diviene necessario, prima ancora che opportuno, far si che almeno una parte dei costi sostenuti a questo fine siano coperti mediante forme di tariffazione di servizi specifici a valore aggiunto, mentre quella che si potrebbe definire informazione base - purché corretta e tempestiva - viene messa gratuitamente a disposizione di tutti. Tabella 2 - I canali distributivi del CCISS-Viaggiare Informati Radio TV Telefonia Teletext Internet Il notiziario "Onda Verde" è trasmesso periodicamente sui seguenti canali: - Radio Uno, Radio Due e Radio Tre - Programma Isoradio (al CCISS in questo caso compete la viabilità ordinaria e quella autostradale non servita da Isoradio mediante un bollettino riepilogativo ogni 30') - Radio Vaticana (frequenza romana: sperimentale per il Giubileo) - Frequenza FM (sulla rete metropolitana RAI dell'area di Roma l'informazione sul traffico viene diffusa in occasione dei grandi eventi) Dagli studi del CCISS sono trasmessi notiziari inseriti all'interno delle edizioni dei TG diffusi sulle tre reti analogiche ad orari prestabiliti e (ogni 30') sul canale satellitare RaiNews24. I notiziari hanno collocazione autonoma in occasione di circostanze eccezionali per la circolazione. Gli eventi sono visualizzati graficamente attraverso il sistema semiautomatico "Vista". Il servizio "1518" permette di conoscere le condizioni della viabilità nazionale (digitando la cifra 1), e quelle relative all'area di Roma (digitando la cifra 2). In quest'ultimo caso gli operatori si connettono al TIC della STA. Gli operatori Anas aggiornano 24 ore su 24 il servizio Televideo RAI pertinente alla rete stradale ordinaria, ed a quella autostradale gestita direttamente dall'ente di Stato. I dati sulla viabilità visualizzati sulle pagine del Televideo RAI sono accessibili dai siti Web di Radio Rai (www.radio.rai.it) e del Televideo (www.televideo.rai.it). I servizi TTI autostradali È nella seconda metà degli anni ottanta che il settore autostradale italiano, pur costantemente coinvolto nelle attività istituzionali, concretizza delle linee di azione specifiche finalizzate alla gestione dei servizi TTI nel proprio ambito, giungendo ad attivarsi prima di altri gestori di infrastrutture e, con impegno ben maggiore, nell'individuazione di soluzioni specifiche. Ciò avviene, inizialmente, d'intesa con la RAI nel "Progetto Appennino" (1987): sul tratto Bologna - Firenze vengono poste le basi per la futura rete in isofrequenza che, con il nome definitivo di "Isoradio" (il canale FM 4

5 dedicato alle esigenze degli automobilisti), inizia le sue trasmissioni nel Nello stesso anno, presso la sede di Roma, la Società Autostrade inaugura il "Centro Informazioni". Si tratta di un NTIC vero e proprio dal quale è possibile raccogliere e diffondere - tramite tutti i media allora disponibili - notizie pertinenti la rete gestita da Autostrade Spa. Un anno prima della nascita del NTIC "istituzionale" (CCISS), il maggiore gestore autostradale si è dunque già dotato di una propria struttura autonoma. Le evidenti criticità del CCISS, l'intensa - ed imprevista - crescita dei traffici autostradali e l'esigenza di implementare la tempestività nei servizi TTI rappresentano, congiuntamente alle nuove prospettive del maggiore gestore autostradale italiano, il concorso di circostanze che, nel 1998, porta alla realizzazione del nuovo Centro di Produzione Multimediale (CPM). Il Centro di Produzione Multimediale della società AUTOSTRADE Inaugurato nel 1999, il CPM risponde all'esigenza di allestire uno strumento polifunzionale, ad elevata efficienza, cui demandare la gestione della mobilità dell'intero comparto autostradale italiano, e non soltanto della rete Autostrade. Dotato di tutti gli apparati necessari alle attuali esigenze di comunicazione dei vari media (vedi tabella 2), consente all'utenza della rete di poter programmare i propri viaggi ed itinerari. L'importanza del CPM va ben oltre l'esser compreso in un articolato complesso di iniziative relative ai servizi TTI; la possibilità di raccogliere e coordinare dati e notizie non solo sulla mobilità autostradale, ma anche su quella ordinaria e multimodale (reti ferroviarie, navali, trasporti pubblici, ecc.), potrebbe fare del gestore autostradale il coordinatore (o "cabina di regìa") della mobilità generale dell'intero paese. È una struttura che, per le sue modalità innovative, non ha precedenti in Europa e si pone all'avanguardia negli ITS. Il CPM è dotato di Vidiwall, postazioni radio e TV, 3 TVCC ed un mixer audio-video; si presenta come un sistema modulare in grado di espandersi nel prossimo futuro con altri servizi TTI a livello nazionale ed internazionale. Un server centrale multimediale raccoglie le informazioni di base, rilevate sulla rete autostradale con tutti i sistemi disponibili (radiomobili, sensori, telecamere), e le fornisce in modo continuo ed automatico a 4 sottosistemi di produzione (Radio, Televisione, Teletext, Internet). Tra le potenzialità più significative vi è quella, tra le più rilevanti a livello internazionale, di poter realizzare direttamente i bollettini radiofonici e televisivi, "confezionandoli" automaticamente sulla base degli input ricevuti. Secondo gli orari e le esigenze delle emittenti radiotelevisive, vengono predisposti, in tempo reale e in modo pressoché automatico, i vari aggiornamenti e le previsioni sul traffico. Lo stesso evento sulla circolazione può essere diffuso automaticamente, ed in tempo reale, anche attraverso i sistemi audiotext e teletext, e, in un prossimo futuro, lo sarà anche attraverso la messaggistica GSM-SMS/Wap, il Web e naturalmente, le nuove tecnologie paneuropee (TMC, DAB). Il sistema informativo espressamente progettato a supporto del CPM si interfaccia con il Sistema Informativo Viabilità (SIV) per le informazioni provenienti dalle nove Direzioni di Tronco di Autostrade Spa (e dalle altre società concessionarie del gruppo). Tale sistema è inoltre compatibile con lo 5

6 standard europeo Datex, direttamente connesso con il sistema RETICA: ciò permette di comunicare con le altre società concessionarie italiane e, potenzialmente, anche con i gestori di infrastrutture europei dei paesi confinanti con l'italia. Tutti questi sistemi prelevano le informazioni dal Traffic Information Pool (TIP), una sorta di unico "front-end" di tutto il settore autostradale italiano. Tabella 3 - I canali distributivi del Centro di Produzione Multimediale (CPM) Radio TV Telefonia Teletext Internet I notiziari sono diffusi, senza soluzione di continuità, sul programma "Isoradio" (realizzato in collaborazione con la RAI) e, sul network privato RTL 102.5, attraverso i notiziari "Viaradio" I bollettini informativi (trasmessi sulle reti Mediaset in collocazioni dedicate) sono confezionati automaticamente da uno studio di regìa televisiva ubicato all'interno del CPM. Il CPM sarà in grado di inviare dati sulla viabilità attraverso la funzione SMS. Al sistema sono naturalmente collegati gli operatori del call centre societario (accessibile al numero ). Dal CPM sono aggiornati 24 ore su 24 il Televideo (RAI) e Mediavideo (Mediaset). I dati sulla viabilità sono visualizzati in tempo reale sul sito e, in futuro, anche su telefonia portatile Wap. Il centro informativo autostradale Viaggiando della SUS Anche le Concessionarie del quadrante nord orientale hanno ritenuto di dotarsi di un Centro Informativo Autostradale, denominato Viaggiando e istituito dalla S.U.S. offre alla clientela un tempestivo servizio di informazioni in tempo reale sulla percorribilità e sulla sicurezza dei tratti autostradali in concessione alle Società autostradali socie (Autovie Venete Spa Società delle Autostrade di Venezia e Padova Spa Autostrada Brescia-Verona-Vicenza-Padova Spa Autostrade Centro Padane Spa), sulle aree di servizio e di parcheggio, sulle condizioni e sulle previsioni metereologiche, l importo di pedaggi e dettagli sugli itinerari, nonché preziose indicazioni sulla viabilità esterna all autostrada e su importanti manifestazioni a carattere culturale e turistico organizzate sul territorio e raggiungibili dai principali caselli della rete di competenza. In modo rapido e preciso Viaggiando è in grado di soddisfare le richieste informative della clientela, la quale può inoltrare ogni tipo di richiesta utilizzando un numero verde (800 / ), oppure visitando il sito internet (www.viaggiando-sus.it). Il Centro Viaggiando, sorto nell estate del 1999 nei pressi del casello autostradale di Cessalto, è attualmente attivo con 15 operatori front line che, alternati con tre turnazioni di otto ore, prestano servizio 24 ore su 24. Gli operatori del call-centre sono collegati direttamente alle centrali operative delle società autostradali, dalle quali ricevono in tempo reale i dati sulla viabilità e i ragguagli su eventuali turbative in atto. Sono altresì in grado di rispondere prontamente su altri aspetti legati al mondo 6

7 autostradale: dalle forme di pagamento dei pedaggi (Telepass, Telepass Family, Viacard di conto corrente, Viacard a scalare, Fastpay) alle variabili inerenti i sistemi di pagamento, ed ancora ricevere le informazioni basilari necessarie per viaggiare in Europa (indicazioni riguardanti l assistenza meccanica e sanitaria, i documenti indispensabili, le indicazioni sulle norme di guida, sui limiti di velocità e i divieti). Gli standard europei: lo stato dell'arte Nel campo dell infomobilità sono disponibili due standard a livello europeo, precisamente il protocollo di comunicazione DATEX-Net e quello inerente al servizio RDS-TMC. Per quanto riguarda il primo, sulla base delle specifiche funzionali rese disponibili dalla DG XIII della Commissione Europea alla fine del 1996, sviluppate da una task-force guidata da ERTICO per rendere interoperabili diversi sistemi e per lo scambio dati di traffico in tempo reale in tutta Europa, è stato sviluppato il sistema RETICA all'interno del Settore autostradale dalla SINELEC SpA che è, attualmente, in disponibilità di tutte le Concessionarie italiane oltre che presso l Ufficio Relazioni con il Pubblico dell ANAS e, prossimamente, presso i Centri Operativi Autostradali della Polstrada; ciò con l obiettivo di promuovere questo sistema come il punto di contatto comune tra tutte le parti nella catena dell'informazione sul traffico a livello nazionale. Il Centro di Controllo del Traffico autostradale di Torino sarà provvisto, quindi, di un sistema di comunicazioni complesso basato sul software RETICA e di molti altri servizi come il controllo a distanza delle condizioni del traffico tramite sistemi video e di localizzazione satellitare per tutti i veicoli istituzionali ed aziendali appartenenti agli operatori coinvolti. L AISCAT ha attivato lo sviluppo del software RETICA nell ambito del progetto HANNIBAL, iniziato nel gennaio del 1996 ed inserito nel 4 Programma Quadro di ricerca e sviluppo dell Unione Europea con riferimento ad applicazioni tecnologiche innovative lungo il corridoio autostradale Parigi-Trieste. Partendo dal presupposto che a livello nazionale si debba assumere un sistema di scambio dati compatibile con il livello europeo anche per consentire un adeguato sviluppo della telematica applicata ai trasporti, RETICA può essere considerato appunto come l'integrazione degli scopi europei e italiani; infatti il settore ha ritenuto prioritario attivare un sistema di scambio di dati ed informazioni non solo in grado di sostenere messaggi pan-europei ma anche e soprattutto, nel caso dell'italia, di gestire scambio di informazioni nazionali, regionali e locali tra operatori stradali. Il progetto HANNIBAL si è concluso con successo - i sistemi Francese e Italiano, oltre agli altri sistemi DATEX compatibili sviluppati in altri Paesi europei, sono attualmente in grado di scambiarsi informazioni di rilievo sugli eventi che interessano le loro reti autostradali e dopo una importante fase dimostrativa, RETICA sta per essere utilizzato come base per realizzare lo scambio dei dati di traffico e transitabilità finalizzato all imminente attuazione di servizi RDS-TMC in Italia. Tutte le Concessionarie italiane implementeranno il sistema RETICA nei loro centri di controllo del traffico e, come parte di SERTI IV, verrà 7

8 progettato un Centro Operativo Autostradale di valenza regionale in Piemonte e Valle d'aosta. Il centro, gestito dalla Polizia Stradale e dalle Concessionarie autostradali, sarà il primo in Italia che opererà sulle competenze di dieci diverse Società concessionarie ai fini del coordinamento della operatività della Polizia Stradale, del 118 e delle altre figure istituzionali coinvolte nel processo di sicurezza della circolazione; il tutto con una sostanziale ricaduta sull efficienza della funzione infomobility. Naturalmente, l'integrazione degli strumenti tecnologici esistenti e delle procedure con quelle nuove fornite da RETICA (e di conseguenza l'addestramento del personale) saranno gli obiettivi e, ad un tempo, le criticità principali di questo progetto. Nell'ambito del Piano Nazionale della Telematica applicata al trasporto stradale, RETICA consentirà quindi l'interoperabilità non solo tra le diverse Società concessionarie autostradali, ma anche con gli altri sistemi dei fornitori di informazioni come l'aci, la polizia stradale, l'anas, i Carabinieri, ecc., in quanto dotati di sistemi compatibili con le specifiche DATEX-Net. Passando al secondo punto, a tutt'oggi, diversamente da alcuni Paesi europei, lo sviluppo del servizio RDS-TMC non è andato oltre la fase sperimentale. Conclusa la prima fase (avviata nel 1996) del Piano Nazionale della Telematica, il cui obiettivo principale consisteva proprio nella predisposizione ai servizi di informazione sul traffico basati sull'rds-tmc, gli sforzi si sono concentrati sullo sviluppo della rete di trasmissioni. Il sistema, presentato ufficialmente nel giugno 1998 (conferenza illustrativa del progetto Corvette, Venezia), è attivo - sia pure discontinuamente - dal 1 luglio Si prevedeva in origine il completamento, entro il 1999, delle principali arterie nel Nord Italia per poi ultimare, nel 2002, l'intera copertura sul territorio nazionale, in rispondenza agli orizzonti temporali stabiliti dal Piano stesso. Allo stato attuale, nell'attesa del rinnovo del protocollo d'intesa del CCISS, non è dunque pensabile che il servizio TMC possa essere avviato estensivamente a breve termine, anche se alcuni distributori hanno iniziato a commercializzare - senza alcuna pubblicità sulle funzionalità del servizio, o comunque con scarsa chiarezza - dei ricevitori TMC. Comunque, il comparto autostradale, in funzione del suo profondo coinvolgimento nei progetti di ricerca europei, si è dotato di sistemi compatibili con questo standard - almeno sotto il profilo della composizione dei messaggi scambiati - ed auspica certamente che i sistemi che verranno sviluppati in Italia mantengano le necessarie caratteristiche di compatibilità. 8

9 Tabella 4 - Lo sviluppo dello standard Datex tra gli operatori italiani Ente, società, organismo Tratta coperta Chilometraggio Ubicazione fisica nodo Datex ASTM Autostrada A4 Torino - Milano 127 Torino Torino Milano SITAF - Società Italiana A32 Torino - Bardonecchia 72 Susa (TO) Traforo Autostradale Fréjus Tunnel del Fréjus (tratto italiano) 6,5 SATAP Società Autostrada A21 Torino - Piacenza 165 Villanova d'asti (AT) Torino Piacenza SALT Società A12 Sestri - Livorno (e dir. SP) 113 Lido di Camaiore (MS) Autostrada Ligure Toscana A11/A12 Viareggio - Lucca 41 Autostrada dei Parchi A24 Roma - L'Aquila - Teramo 166 Roma A25 Torano - Pescara 115 Autostrada dei Fiori A10 Savona - Ventimiglia 113 Imperia Autostrada del Brennero A22 Modena - Pso Brennero 314 Trento Autostrada Brescia-Padova A4 Brescia - Padova 146 Verona A31 Vicenza - Piovene R. 36 SUS Servizi Utenza Stradale Autovie Venete Totale 193,9 Cessalto (TV) A4 Venezia Mestre - Trieste 125,9 A23 Palmanova - Udine 18,5 A28 Portogruaro - Sacile 49,5 Autostrada Brescia Padova Totale 182 A4 Brescia - Padova 146 A31 Vicenza - Piovene 36 Rocchette Totale 88,6 Autostrade Centro Padane 88,6 A21 Piacenza - Brescia Totale 41,5 Autostrade di Venezia e Padova 23 A4 Padova - Venezia Mestre 9,1 A4 Tangenziale Ovest di Mestre 9,4 Raccordo Tang. - Aeroporto VE 504 km Totale estesa Polizia Stradale Compartimento di Torino Viabilità primaria Piemonte Rete autostradale delle Regioni Piemonte e Val d'aosta Torino Anas Grande Raccordo Anulare 70 Roma Autostrada Roma - Fiumicino 18,5 Viabilità primaria Lazio 2584 ACI - Movitrack Copertura satellitare nazionale - Ivrea (TO) TOTALE Rete autostradale Rete di viabilità primaria Totale rete viaria (su 6487) 5434 (su 46009) 7673 km Copertura 34,5% Copertura 12% Copertura 14,6% 1 Il computo finale della rete autostradale servita da nodi Datex Retica è ottenuto dalla somma del totale dei km di rete coperti (2290), defalcato dal totale dei km gestiti dalle concessionarie dell'area Nord Ovest (373), collegate con la Sala Operativa del Compartimento di Torino della Polizia Stradale ( = 1917 km). Si è quindi tenuto conto che la rete autostradale di competenza dalla centrale SUS di Cessalto comprende le tratte gestite dalla Autostrada Brescia Padova (per complessivi 182 km), naturalmente non considerate nel computo finale. 9

10 Stante il totale della rete viaria (autostrade e strade statali) in km , consegue che al momento poco più di un settimo di essa (il 14,6%) è servito da nodi Datex secondo il progetto Retica. Una percentuale che, qualora si prendesse a riferimento la sola viabilità ordinaria primaria, costituita da strade statali e da superstrade ( km), scenderebbe al 12%. Considerando invece la sola rete autostradale (6.487 km), detta percentuale si attesta su oltre un terzo di essa, collocandosi al 34,5%. Ad eccezione dei contesti dell'autostrada dei Parchi e del Compartimento Anas di Roma, l'area territoriale coperta è essenzialmente quella del Nord Italia. Nell'armonizzazione della parte Nord Ovest (confinante con la Francia e, nella parte settentrionale, con la Svizzera), AISCAT è coinvolta in un ruolo prioritario. La centrale SUS, oltre a coordinare i dati provenienti da quattro importanti concessionarie del Nord Est, è a sua volta interfacciata con il nodo Datex dell'autostrada del Brennero (Trento). Un caso a sé stante è rappresentato da Movitrack, società di servizi di infomobilità del gruppo ACI che, attualmente, gestisce anche i sistemi di informazione sul traffico lungo la A22 (Autostrada del Brennero), curati dal content provider Radio Traffic di Milano e diffusi attraverso media tradizionali a livello locale (emittenti radiofoniche commerciali, teletext regionale RAI, telefonia). Ipotesi di scenari futuri Nonostante il difficoltoso avvio dei servizi TTI paneuropei, ed il permanere dell'infomobilità radiofonica come unico servizio fondamentale disponibile, si è determinata anche in Italia una situazione di "stasi", di cui si potranno forse avvantaggiare gestori di servizi basati su soluzioni non standardizzate (c.d. "stand-alone solutions"). La società Autostrade ha invece in fase di sperimentazione avanzata un apparato ETC (Telepass Mentor) in grado di coniugare tali funzionalità con quelle, più specifiche e "personalizzate", dell'infomobilità. Una sperimentazione simile, pur essendo finalizzata alla prevenzione del fenomeno nebbia, è operativa nel Nord Est (progetto Deep View, con 200 trial-users). Si auspica quindi che il comparto autostradale operando in regime di complementarietà con gli altri service provider possa giovarsi della volontà, da parte dell autorità centrale, di coordinare le varie iniziative attraverso il CCISS. In tale contesto sarebbe possibile che lo Stato, non operando direttamente secondo logiche e con modalità che non gli sarebbero congeniali, favorisse in un settore estremamente dinamico come quello dei media una sana concorrenzialità tra i vari operatori e potesse concentrare le proprie risorse sul controllo della qualità del prodotto fornito al pubblico. Infatti, il coinvolgimento del settore privato potrà certo dare un grande slancio al piano di sviluppo di questo genere di applicazioni; prima, però, è necessario pianificare la sua partecipazione definendo una gerarchia strutturale dei flussi di informazione, dato che non tutte le informazioni sul traffico sono collegate alla sicurezza e di conseguenza possono non fare parte di un servizio pubblico di base. 10

11 Ci si aspetta quindi che servizi a valore aggiunto possano essere attivati al più presto, ma nel frattempo è necessario costituire un insieme di regole di base nonché strutturare un servizio pubblico di qualità che contribuisca al raggiungimento di condizioni di sicurezza adeguate. 11

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

Premessa. previsione degli scenari più probabili per le tratte autostradali interessate;

Premessa. previsione degli scenari più probabili per le tratte autostradali interessate; LINEE GUIDA PER LA GESTIONE COORDINATA DELLE EMERGENZE INVERNALI SU AREE GEOGRAFICHE VASTE CON INTERESSAMENTO DI PIÙ CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI *EDIZIONE 2014-2015* Premessa Il presente documento si prefigge

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

La Provincia di Milano e l infomobilità

La Provincia di Milano e l infomobilità FORUM PA 9 maggio 2006 Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale La Provincia di Milano e l infomobilità Arch.. Francesco Pierri Direttore del Settore Mobility Manager d Area

Dettagli

L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità

L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità Piero Bergamini Responsabile Direzione Servizi Evoluti Autostrade// per l italia Telematic Trends Torino 10 Novembre 2004 1 La rete in gestione Gruppo

Dettagli

INFOMOBILITY TELEMATIC TRENDS

INFOMOBILITY TELEMATIC TRENDS INFOMOBILITY TELEMATIC TRENDS TAVOLA ROTONDA Creare contenuti di valore per i servizi di Infomobilità Dr. PISERCHIA - PERSPECTIVE s.r.l. Torino 10-11 11 Novembre 2004 PREMESSA: IL MERCATO ICT e ITS Secondo

Dettagli

Sistema di Monitoraggio e Controllo del Traffico nell area Nord-est della Provincia di Milano

Sistema di Monitoraggio e Controllo del Traffico nell area Nord-est della Provincia di Milano S S S M S S Provincia di Milano U.O. Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale M M S M S M S M M M Localizzazione dei dispositivi Legenda Rete provinciale Altri enti M S M S PM alta priorità PM

Dettagli

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci confetra - nota congiunturale sul trasporto merci a cura del Centro Studi Confetra Marzo 2014 Periodo di osservazione gennaio-dicembre 2013 NOTA METODOLOGICA La nota congiunturale Confetra sul trasporto

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPOSIZIONE DEI MESSAGGI

LINEE GUIDA PER LA COMPOSIZIONE DEI MESSAGGI Gruppo di Lavoro Nazionale PANNELLI A MESSAGGIO VARIABILE LINEE GUIDA PER LA COMPOSIZIONE DEI MESSAGGI Manuale Operatore Progetto Co-finanziato Coordinamento tecnico nazionale PANNELLI A MESSAGGIO VARIABILE

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015 PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015 Attività, assistenza, informazione e servizi per incrementare l efficienza dell arteria e affrontare l esodo estivo. Stop a cantieri e TIR. Trento,

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 Chi è TTS Italia TTS Italia è l Associazione Nazionale per

Dettagli

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora 2 Workshop Nazionale - Osservatori per gli incidenti stradali: dai dati alle azioni Strumenti per le politiche di sicurezza Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale La prevenzione degli

Dettagli

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 Agosto 2015: previsioni di traffico nella direttrice Milano - Trieste Autostrade A4 da Padova Est a Venezia Est e A57 Tangenziale di Mestre Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

Nota Congiunturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 2011. a cura del Centro Studi Confetra. Anno XV - febbraio 2012

Nota Congiunturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 2011. a cura del Centro Studi Confetra. Anno XV - febbraio 2012 Nota Congiunturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 211 a cura del Centro Studi Confetra Anno XV - febbraio 212 Nota congiunturale sul trasporto merci Anno XVII - marzo 214

Dettagli

Più tecnologia ICT nella gestione delle infrastrutture stradali in Global Service

Più tecnologia ICT nella gestione delle infrastrutture stradali in Global Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Più tecnologia ICT nella gestione delle infrastrutture stradali in Global Service 18 giugno 2007 Ing. Patrizia DAVANTI 1 La globalizzazione

Dettagli

Info Anas. L informazione fa bene alle tue vacanze.

Info Anas. L informazione fa bene alle tue vacanze. Info Anas. L informazione fa bene alle tue vacanze. Esodo Estivo 2011 Itinerari, informazioni e consigli utili per viaggiare www.stradeanas.it 800 290 092 numero verde SA-RC La Nuova Salerno-Reggio Calabria

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

latvdelle autostrade news viabilità sport pubblicità spettacolo meteo turismo informazione cinema cultura musica

latvdelle autostrade news viabilità sport pubblicità spettacolo meteo turismo informazione cinema cultura musica latvdelle autostrade news viabilità sport pubblicità spettacolo meteo turismo informazione cinema cultura musica latvdelle autostrade È la tv che trasmette nelle aree di servizio presenti lungo la rete

Dettagli

L Scc della Rete Sarda

L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in

Dettagli

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana Nuove soluzioni per la mobilitàurbana I-BUS : Piattaforma di gestione flotte BUS Turistici Firenze 20/04/2012 Agenda Presentazione Autostrade Tech Autostrade Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici

Dettagli

XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO

XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO Il miglioramento della gestione con un nuovo segnalamento stradale Roberto Arditi SINA (Gruppo ASTM-SIAS) Roma 18-19 febbraio 2005 Crescente

Dettagli

GRUPPO SINA SINA SPA. Il Territorio come Valore

GRUPPO SINA SINA SPA. Il Territorio come Valore GRUPPO SINA SINA SPA Il Territorio come Valore Gruppo ARGO Il Gruppo ARGO Il Gruppo ARGO è riconosciuto come leader nei settori del trasporto, della logistica integrata, dell energia e delle telecomunicazioni,

Dettagli

Il transponder più conosciuto: il Telepass Ing. Piero Bergamini

Il transponder più conosciuto: il Telepass Ing. Piero Bergamini Il transponder più conosciuto: il Telepass Ing. Piero Bergamini 11 novembre 2004 1 Il gruppo Autostrade Gruppo Autostrade Attività autostradali in Italia Sviluppo Internazionale Servizi integrati per mobilità

Dettagli

La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza

La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza Ing. Andrea Manfron AISCAT AISCAT e la rete L AISCAT è l Associazione

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 I.C.S. Iniziativa Car Sharing La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 IL CAR SHARING Il CAR SHARING è un servizio di mobilità che consente di acquistare

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Progetto DESTINATION

Progetto DESTINATION CONFERENZA FINALE Progetto DESTINATION TORINO 5 FEBBRAIO 2014 UNA RETE PER IL MONITORAGGIO DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA Fabio Borghetti Politecnico di Milano Luca Bonura 5T S.r.l. I collaboratori

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE COORDINAMENTO E SVILUPPO. Coordinatore, Responsabile della Direzione Tecnica Coordinamento e Sviluppo

DIREZIONE CENTRALE COORDINAMENTO E SVILUPPO. Coordinatore, Responsabile della Direzione Tecnica Coordinamento e Sviluppo INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome CHRISTIANO COSTANTINI Luogo e data di Nascita VITTORIO VENETO (TV) 16/07/1951 Indirizzo ufficio Via C. Baseggio, 5-30174 Mestre Venezia Telefono ufficio 041 29077819

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

Le soluzioni di Car sharing per la mobilità urbana sostenibile

Le soluzioni di Car sharing per la mobilità urbana sostenibile Le soluzioni di Car sharing per la mobilità urbana sostenibile Maria Pia FANTI, Agostino Marcello MANGINI, Giorgio IACOBELLIS Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione, Politecnico di Bari

Dettagli

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015)

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Grandi opere Le Autostrade. Proseguono i lavori di progettazione e realizzazione delle terze corsie dell Autostrada del

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Comitato operativo per la viabilità Piano di gestione delle criticità nella circolazione stradale in caso di neve ELENCO DI DISTRIBUZIONE UFFICI

Dettagli

[I RAPPORTO SULLO STATO DELLE INFRASTRUTTURE IN ITALIA: CRITICITÀ DI OGGI, PRIORITÀ DI DOMANI] febbraio 2011

[I RAPPORTO SULLO STATO DELLE INFRASTRUTTURE IN ITALIA: CRITICITÀ DI OGGI, PRIORITÀ DI DOMANI] febbraio 2011 2011 I Rapporto sullo stato delle infrastrutture in Italia: criticità di oggi, priorità di domani Report finale 31/12/2010 Progetto finanziato da Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere e

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

Relazione sulle attività e sui progetti nazionali riguardanti i settori prioritari

Relazione sulle attività e sui progetti nazionali riguardanti i settori prioritari DIRETTIVA 2010/40/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 7 luglio 2010 Relazione sulle attività e sui progetti nazionali riguardanti i settori prioritari Il Contributo dell Italia Data: Settembre

Dettagli

Circolare prot. n. 300/A/380/10/131S/7 Roma, 12 gennaio 2010

Circolare prot. n. 300/A/380/10/131S/7 Roma, 12 gennaio 2010 MINISTERO DELL'INTERNO Dipartimento della Pubblica Sicurezza Direzione Centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i reparti speciali della Polizia di Stato Circolare prot.

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

AUTOSTRADE SICURE sono possibili, indispensabili per l economia e la salute

AUTOSTRADE SICURE sono possibili, indispensabili per l economia e la salute AUTOSTRADE SICURE sono possibili, indispensabili per l economia e la salute aggiornato al 9 luglio 2011 Premesso che: chi non si è trovato imbottigliato in autostrada si deve ritenere un miracolato, quindi,

Dettagli

Un progetto per il Paese

Un progetto per il Paese Un progetto per il Paese ASSISE 2011 La funzione di Unindustria Introduzione Lo sviluppo dell 'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino rappresenta uno degli obiettivi più importanti per la crescita

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE 2013.

NOTA CONGIUNTURALE 2013. NOTA CONGIUNTURALE 213. I dati connturali sul trasporto merci 213 rilevati dal Centro Studi Confetra mostrano l arresto del trend negativo del traffico delle merci. La modesta positività dei risultati

Dettagli

PIN Talk Road safety toward 2020. The key-players della sicurezza stradale: quale ruolo e quali impegni per raggiungere l obiettivo del 2020

PIN Talk Road safety toward 2020. The key-players della sicurezza stradale: quale ruolo e quali impegni per raggiungere l obiettivo del 2020 PIN Talk Road safety toward 2020 The key-players della sicurezza stradale: quale ruolo e quali impegni per raggiungere l obiettivo del 2020 Sicurezza stradale: un fattore strategico nelle scelte e nelle

Dettagli

Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Teoria e Tecnica della Circolazione a.a. 2010-2011 ITS Intelligent Transport Systems SISTEMI DI TRASPORTO INTELLIGENTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Mobilità nazionale

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

PREMESSA. Parte speciale del Piano Neve Prefettura U.T.G. di Trieste- edizione 2014

PREMESSA. Parte speciale del Piano Neve Prefettura U.T.G. di Trieste- edizione 2014 PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE CRITICITÀ DERIVANTI DA EVENTUALE LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE DEL MEZZI PESANTI IN SLOVENIA Parte Speciale del Piano Neve della Prefettura UTG di Trieste (ed. 2014) 1 PREMESSA

Dettagli

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale DOCUMENTO DI SINTESI Sommario: 1.Campo d intervento... 2.Obiettivi...

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità Pubblicazione

Dettagli

Trieste, 17 giugno 2011

Trieste, 17 giugno 2011 2011 Il SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio 1 Trieste, 17 giugno 2011 Fotografia della

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE

Ufficio Territoriale del Governo PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE Prefettura di Lecco Ufficio Territoriale del Governo PREMESSA PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE Il progetto attua l art. 2, punto 5 del paragrafo dedicato al Potenziamento del

Dettagli

Gli aeroporti. Paola Monti. Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012

Gli aeroporti. Paola Monti. Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012 Gli aeroporti Paola Monti Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012 Dotazione, realizzazione, programmazione come si declina per

Dettagli

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005 CAR SHARING SERVICE Assessore: Ing. Giovanni Avanti Cosa è il Car Sharing? Il Car Sharing è un servizio di condivisione dell auto nato in Svizzera alla fine degli anni 80 e sviluppatosi in tutta Europa

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto. Milano 7 Febbraio 2011

Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto. Milano 7 Febbraio 2011 Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto Milano 7 Febbraio 2011 Per realizzare le infrastrutture strategiche - al minor costo possibile - nel minor tempo possibile -

Dettagli

Gli ITS per la Gestione della Mobilità

Gli ITS per la Gestione della Mobilità Gli ITS per la Gestione della Mobilità Innovazione al servizio dell Utente Telematica Trasporti e Sicurezza Soluzioni al Servizio dell Utente Introduzione è uno dei Paesi Europei a più alta densità di

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

5. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

5. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 5. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Qualche auto in meno, ma il traffico rimane. Dal 1996 al 1999 il parco veicoli di Torino è costantemente aumentato* (tabella 1), mentre nel 2 si è registrata una lieve flessione,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

Alessandro Ferri Via Olindo Guerrini 21 I 00137 ROMA Roma, 7 ottobre 1963 Tel +39 06 87081618 @Fax +39 06 233233357

Alessandro Ferri Via Olindo Guerrini 21 I 00137 ROMA Roma, 7 ottobre 1963 Tel +39 06 87081618 @Fax +39 06 233233357 Alessandro Ferri Via Olindo Guerrini 21 I 00137 ROMA Roma, 7 ottobre 1963 Tel +39 06 87081618 @Fax +39 06 233233357 formazione Mobile +39 335 8419733 Skype ferri.itstrade E-mail ferri.itstrade@gmail.com

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Infrastrutture ferroviarie strategiche definite dalla Legge Obiettivo n. 443/01 Tratta AV/AC Milano-Verona Lotto funzionale Treviglio Brescia Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Ottobre

Dettagli

ELENCO DELLE ESPERIENZE PIU' SIGNIFICATIVE DI MEMEX

ELENCO DELLE ESPERIENZE PIU' SIGNIFICATIVE DI MEMEX Via Cairoli, 30-57123 Livorno (Italy) Tel. +39 0586 211646 Fax +39 0586 211777 memex@memexitaly.it www.memexitaly.it P.I. 01121180499 ELENCO DELLE ESPERIENZE PIU' SIGNIFICATIVE DI MEMEX SISTEMI ITS Sistemi

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Direttiva sulla circolazione stradale in periodo invernale e in caso di emergenza neve Prot. RU \ 1580 16.01.2013 A tutti gli Enti proprietari di strade

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2015-2016 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-7

Dettagli

INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO...

INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO... INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO... 7 5 I RISULTATI DELLE SIMULAZIONI SCENARIO ATTUALE... 12

Dettagli

Applicazioni ITS nel TRASPORTO

Applicazioni ITS nel TRASPORTO Applicazioni ITS nel TRASPORTO Comune di Genova Ing. Daniele Villani Direzione Mobilità Uff. Progetti Speciali - Territorio 240 km 2 ; 630.000 abitanti - Area centrale 276.000 abitanti e 28 km 2 di area

Dettagli

Pubblica Amministrazione. Progetto. Il Social Digital Signage della. Obiettivo del progetto

Pubblica Amministrazione. Progetto. Il Social Digital Signage della. Obiettivo del progetto Progetto Il Social Digital Signage della Pubblica Amministrazione presentato da Obiettivo del progetto Mettere a disposizione delle organizzazioni pubbliche lombarde una piattaforma digitale composta da

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio PTA DESTINATION PERCORSI TRANSFRONTALIERI CONDIVISI Convegno di chiusura Milano, 26 ottobre 2015 Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio Matteo Vischi 1 FESR Conoscere i TMP identificare eventuali

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA VI LEGISLATURA (M. 308-A) RELAZIONE DELLA 3 a COMMISSIONE PERMANENTE (AFFARI ESTERI) (RELATORE BROSIO) SUL DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro degli Affari Esteri di concerto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VIII INDAGINE CONOSCITIVA IN MATERIA DI CONCESSIONI AUTOSTRADALI AUDIZIONE AISCAT

CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VIII INDAGINE CONOSCITIVA IN MATERIA DI CONCESSIONI AUTOSTRADALI AUDIZIONE AISCAT CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VIII INDAGINE CONOSCITIVA IN MATERIA DI CONCESSIONI AUTOSTRADALI AUDIZIONE AISCAT INDICE 1. INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE DEL SETTORE...1 2. CRITICITA DEL SETTORE CHE DEVONO

Dettagli

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere 42 Legge Obiettivo Rapporto grandi opere Primo bilancio, a 10 anni dall entrata in vigore delle Legge Obiettivo, sullo stato di attuazione delle opere strategiche in Italia: a cura della Fondazione Fastigi,

Dettagli

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Pag. 2/6 1 LA FASE INFORMATIVA 1.1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Con l accezione Mobility Management si intende affermare un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda che sviluppa

Dettagli

Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie.

Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie. Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie. Relatori: dott. Ivan Fava arch. Cecilia Pavan Servizio Trasporto Pubblico Locale Direzione

Dettagli

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Percorso di Capacity Building Progetto STREETS Catania 03/04 dicembre 2014 Giuseppe Anzaldi Regione Siciliana Dipartimento

Dettagli

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e,

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e, I principali riflessi del Libro bianco sulla mobilità regionale, locale e urbana in Italia Carlo Carminucci, Isfort Roma, 17 giugno 2011 Dove eravamo rimasti: la mobilità locale nella programmazione europea.

Dettagli

IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO

IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO L Scc del Brennero L Scc del Brennero IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in uso in

Dettagli

Nota Congiunturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 2011. a cura del Centro Studi Confetra. Anno XV - febbraio 2012

Nota Congiunturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 2011. a cura del Centro Studi Confetra. Anno XV - febbraio 2012 Nota Connturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 211 a cura del Centro Studi Confetra Anno XV - braio 212 Nota connturale sul trasporto merci Anno xviii - zo 215 1 NOTA METODOLOGICA

Dettagli

Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio. Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto Elettrico nel Comune di Perugia

Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio. Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto Elettrico nel Comune di Perugia 104 Convegno Nazionale AEIT Mobilità e Trasporto Elettrico per l'italia di domani - Roma, 13-14 giugno 2012 Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Giornata Nazionale dell Economia

Giornata Nazionale dell Economia Giornata Nazionale dell Economia Logistica e Infrastrutture al servizio del Territorio 15 Maggio 2008 1 ALCUNE RIFLESSIONI DI CONTESTO IL VALORE AGGIUNTO DELLA LOGISTICA LA PROVINCIA DI LATINA 2 A PROPOSITO

Dettagli

Informativa ai sensi dell art. 103 CCNL 19 gennaio 2012

Informativa ai sensi dell art. 103 CCNL 19 gennaio 2012 Informativa ai sensi dell art. 103 CCNL 19 gennaio 2012 Nuova articolazione di orario di lavoro e di sportello Vicenza, 28 ottobre 2013 Progetto Come noto, nell ambito del Settore del Credito, si stanno

Dettagli

Il Traffic Operation Centre della Regione Piemonte

Il Traffic Operation Centre della Regione Piemonte Il Traffic Operation Centre della Regione Piemonte Piero Boccardo Presidente 5T srl Chi siamo 5T è una società privata a totale partecipazione pubblica che progetta, realizza e gestisce sistemi ITS (Intelligent

Dettagli

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013. Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013. Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate PRESIDENZA DELLA REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013 Informazioni sulle azioni di comunicazione

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Infrastrutture ritardo incolmabile. Presentato il primo Rapporto Uniontrasporti sulle grandi opere Roma, 14 aprile 2011 Quarant anni fa, l Italia aveva una dotazione complessiva

Dettagli

Company Profile. Corporate. iheartmedia

Company Profile. Corporate. iheartmedia About Us Clear Channel Italia è una Media Company leader nel settore dell Out-of- Home presente in Italia dal 1999 con sedi a Milano, Padova, Roma, Napoli, Bari e Palermo. Oltre 250 sono le risorse che

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

Best Practice on User Information

Best Practice on User Information Best Practice on User Information Senigallia Italy 16/07/2013 MARCHE REGION Speaker: Gabriele Frigio Marche Region ELETTRONICA E TELEMATICA NELL ORGANIZZAZIONE DEL TPL SU GOMMA Al fine di incentivare l

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE Silvia Brini Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) silvia.brini@isprambiente.it

Dettagli

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA 8 Congresso Nazionale CIRIAF Atti (Perugia 4/5 aprile 2008) SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA Fabio Maria Ciuffini 1, Michele Goretti 2, Leonardo Naldini 3 1 Studio Ciuffini

Dettagli

IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO?

IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO? IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO? (scheda a cura di Andrea Wehrenfennig, Legambiente Friuli-Venezia Giulia, aggiornata al 15.5.27) In soli 2 anni, dal 198 al, i mezzi pesanti

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli