ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE DIURNO Settore Economico: Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi informatici Aziendali - Relazioni Internaz. per il Marketing - Turismo Settore tecnologico: Costruzione Ambiente e Territorio SERALE Ragioneria Sirio Geometra Sirio Via Padre Luigi Vaiani RHO (MI) Tel Fax C. F COD. MECC. MITD52000A 5 A Turismo Dirigente scolastico: Prof.ssa Maria Lamari Rho Via P. Vaiani 18; Tel ; Fax ; 1

2 Documento del Consiglio di Classe Classe 5 A TRM Anno Scolastico 2014/2015 Indice 1-Profilo dello studente p.4 2-Presentazione del Consiglio di Classe p. 5 2a Il Consiglio di Classe p. 5 2b Modalità di lavoro p c Strumenti di verifica p. 6 2f1 POF - Criteri di valutazione pp f2 POF - Criteri generali per l attribuzione del voto di condotta 2f3 POF - Criteri per l assegnazione del credito scolastico 2f4 POF- Criteri per l attribuzione dei crediti formativi 2f5 Regolamento di istituto Validità dell anno scolastico 3-Presentazione della Classe p.11 3a La Classe VA TRM pp b Le tematiche pluridisciplinari trattate p.13 3c Le principali attività extracurriculari p d Le prove simulate d Esame svolte p.15 3e Gli obiettivi trasversali conseguiti p f Relazione finale sulla Classe p.18 4-Programmazione didattica svolta dai singoli Docenti p.19 e seg. 4a Italiano 4b Storia 4c Diritto e legislazione turistica 4d D.T.A. 4e Geografia 4f Inglese 4g Francese 2

3 4h Spagnolo 4i Tedesco 4l Arte 4m Matematica 4n Educazione fisica 5-Libri di testo Firme del consiglio di classe 6-Prove simulate di Esame e griglie varie Allegato 1-1 prova simulata Allegato 2-2 prova simulata Allegato 4 - griglie varie 3

4 1 - Profilo dello studente Il Perito nel Turismo ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilista e fiscale, oltre a competenze specifiche nel comparto delle aziende del settore turistico. Opera nel sistema produttivo con particolare attenzione alla valorizzazione e fruizione del patrimonio paesaggistico, artistico, culturale, artigianale, enogastronomico. Integra le competenze dell ambito gestionale e della produzione di servizi/prodotti turistici con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa. Opera con professionalità ed autonomia nelle diverse tipologie di imprese turistiche. È in grado di: o Collaborare nella gestione organizzativa dei servizi secondo parametri di efficienza, efficacia e qualità; o Esprimere le proprie competenze nel lavoro organizzato e di gruppo con responsabilità e contributo personale; o Operare con flessibilità in vari contesti sapendo affrontare il cambiamento; o Interagire senza pregiudizi con persone di altre nazionalità, sia nella vita quotidiana che nell ambito professionale di competenza, grazie alla consapevolezza delle diversità insite nei rispettivi codici culturali. o Operare per obiettivi e per progetti; o Documentare opportunamente il proprio lavoro; o Individuare, selezionare e gestire le fonti di informazione; o Elaborare, interpretare e rappresentare efficacemente dati con il ricorso a strumenti informatici e software gestionali; o Adottare, nei confronti delle informazioni e dei dati da elaborare, un atteggiamento di curiosità critica, corredato dall attitudine a verificarne l attendibilità e la validità anche attraverso l analisi comparativa; o Operare con visione non settoriale e sistemica; o Comunicare con linguaggi appropriati e con codici diversi; o Comunicare in tre lingue straniere; o Formulare ipotesi e previsioni, supportate da argomentazioni razionali; o Operare nella produzione e gestione di servizi e/o prodotti turistici con particolare attenzione alla valorizzazione del territorio; o Definire con soggetti pubblici e privati l immagine turistica del territorio e i piani di qualificazione per lo sviluppo dell offerta integrata; o Analizzare le tendenze del mercato e proporre opportune politiche di marketing rispetto a specifiche tipologie di imprese turistiche; o Avvalersi di tecniche di comunicazione multimediale per la promozione del turismo integrato. 4

5 2- Presentazione del Consiglio di Classe Coordinatore: Maria Grazia Pastorino Segretario: Marco Tozzo TABELLA A 2a - Il Consiglio di classe Disciplina Docente Continuità didattica dalla IV alla V Continuità didattica nel triennio Supplente V anno Italiano e storia V. Vita Si Si No Arte e territorio R. Arpiani Si Si No Geografia tur. M. Dell Acqua Si Si No Diritto e legislazione tur. M. G. Pastorino Si Si No D.T.A. M. Tozzo Si Si No Matematica C. Stevanella Si Si No Inglese M.T. Piva Si Si No Francese C. Palermo Sì Si No Spagnolo A. Marotta Si No No Tedesco L. Sale No No No Educazione Fisica T. Acquarelli Si Si No Religione E. Re Si Si No 2b - Modalità di lavoro del Consiglio di Classe Modalità Italiano e storia Arte Inglese Franc. Tedesco Spagnolo Geo D.T.A Matem. Diritto Lezione frontale x x x x x x x x x x Lezione Partecipata x x x x x x x x x Problem solving x x x x 5

6 Metodo intuitivo x x x x x x x x Lavoro di gruppo x x x x x x x x x Discussione guidata x x x x x x x x x Simulazione x x x x x x x x x x Laboratorio/ L.I.M. x x x x x x x x x x Strumenti utilizzati Italiano e storia 2c - Strumenti di verifica del Consiglio di classe Arte Inglese Franc. Tedesco Spagnolo Geo D.T.A Matem. Diritto Interrogazione Lunga x x x x x x x x x x Interrogazione Breve x x x x x x x x x Griglia di osservazione Prova di laboratorio x x x x x x Componimento problema x x x x x x x x Questionario x x x x x Relazione x Esercizi x x x x x x x 6

7 2F.1 P.O.F. - CRITERI DI VALUTAZIONE (Omissis) La valutazione, affinché possa essere efficace e funzionale al processo di crescita didattico-educativo, deve rispettare nelle specifiche verifiche i seguenti parametri decisi in Collegio Docenti e adottati da ciascun docente: le verifiche devono essere coerenti nella tipologia e nel livello con la relativa sezione di lavoro svolto vi deve essere una adeguata e costante distribuzione delle prove nel corso dell anno scolastico i criteri di valutazione devono essere esplicitati alla classe, unitamente agli obiettivi, in modo che lo studente partecipi più consapevolmente e attivamente al processo didattico la comunicazione della valutazione delle prove deve essere la più tempestiva possibile, così da consentire agli studenti ed alle famiglie una percezione precisa del livello di preparazione raggiunto e un costante ed efficace controllo del proprio processo formativo. La valutazione può essere: in itinere, dopo ogni interrogazione e\o verifiche intermedia, alla fine del 1 quadrimestre finale, allo scrutinio del 2 quadrimestre La formulazione della valutazione intermedia di fine quadrimestre delle abilità e delle conoscenze (voto unico, voto scritto e orale, voto pratico) è lasciata alla delibera dei dipartimenti disciplinari. La modalità del voto unico è stata scelta dai dipartimenti di Scienze Integrate Chimica, Fisica, Informatica e di Matematica solo per la classe quinta Sirio geometra; quella del voto grafico dal dipartimento di Tecniche di Rappresentazioni Grafiche del biennio tecnologico. Per tutte le altre discipline la modalità di valutazione si esprime con un voto per lo scritto e uno per l orale. Per la formulazione delle valutazioni delle conoscenze e delle abilità (verifiche scritte, interrogazioni, prove pratiche) è utilizzata la gamma di misurazione che va da 1 a 10, in base ai seguenti criteri: Voto Criteri 1 nessuna conoscenza nessuna comprensione nessuna produzione 2-3 comprensione gravemente lacunosa conoscenza gravemente lacunosa produzione lacunosa e con gravissimi errori espressione molto difficoltosa 4 comprensione parziale e frammentaria conoscenza confusa e disordinata produzione incompleta e disorganizzata espressione limitata e parziale, nel complesso poco organica 5 comprensione superficiale conoscenza superficiale produzione limitata e parziale nel complesso poco organica espressione non organica dei contenuti 6 comprensione accettabile conoscenza schematica ed essenziale produzione semplice ma corretta espressione semplice ma chiara di contenuti 7 comprensione completa ed abbastanza approfondita conoscenza organica e abbastanza articolata produzione corretta espressione corretta 8 comprensione completa ed approfondita conoscenza e padronanza dei contenuti produzione corretta con uso appropriato del linguaggio specifico 7

8 9 comprensione completa ed approfondita conoscenza e padronanza completa ed approfondita dei contenuti produzione logica, corretta con uso appropriato del linguaggio specifico e rielaborazione personale espressione logica e accurata. espressione organica dei contenuti 10 comprensione completa e concettuale conoscenza e padronanza completa ed approfondita dei contenuti produzione logica, corretta con uso appropriato del linguaggio specifico e rielaborazione personale con apporti originali espressione logica ed accurata con spunti concettuali capacità di attualizzare i contenuti e/o di fare dei collegamenti interdisciplinari e/o di progettare autonomamente 2F.2 P.O.F. - CRITERI GENERALI PER L ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA Il Collegio dei Docenti del 7 ottobre 2014 ha stabilito la seguente griglia per l attribuzione del voto di condotta, precisando che per l attribuzione sarà necessario che siano presenti almeno due degli indicatori caratterizzanti il voto. 10 ECCELLENTE Comportamento formale ineccepibile; comportamento scolastico contrassegnato dal massimo impegno e dal massimo grado di partecipazione all attività scolastica. Nessun atto di disciplina. 9 OTTIMO Comportamento formale ineccepibile; comportamento scolastico contrassegnato da buon impegno e buona partecipazione all attività scolastica. Nessun atto di disciplina. 8 BUONO Comportamento formale ineccepibile; comportamento scolastico contrassegnato da buon impegno, ma con qualche discontinuità; partecipazione all attività scolastica senza particolari spunti di intensità. Nessun atto di disciplina. 7 DISCRETO Comportamento formale vivace ma senza eccessi e facilmente controllabile; qualche discontinuità nell impegno scolastico e nella frequenza. Nessun giorno di sospensione. 6 SUFFICIENTE Comportamento al limite della sufficienza; ha offerto motivi per frequenti richiami sia alla disciplina formale sia all impegno scolastico; ha provocato danni alle strutture inferiori a 50 euro; ha subito note per gravi infrazioni. 5 INSUFFICIENTE Responsabilità per ripetute mancanze disciplinari; danni al patrimonio superiore a 50 euro; offese a persone; mancanze abituali agli impegni scolastici; atti di violenza e di bullismo. Allontanamento dall attività scolastica per più di quindici giorni. Per la valutazione di RELIGIONE vengono formulati i giudizi secondo la seguente griglia: giudizio sigla gravemente insufficiente G.I.; Insufficiente I; Sufficiente S; Discreto D; Buono B; Ottimo O; eccellente E 2F.3 P.O.F. - CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO Per le classi III, IV e V in sede di scrutinio finale, oltre ai voti per le singole materie e a quello di condotta, viene attribuito anche un punteggio per il credito scolastico che, sommato nei tre anni, costituirà il punteggio di base cumulabile con quello conseguito nelle prove degli Esami di Stato. La media dei voti conseguiti (incluso il voto d condotta) inserisce automaticamente lo studente in una fascia di punteggio predefinita dal M.P.I; all interno di ogni fascia c è una banda di oscillazione di 1 punto, come indicato dallo schema seguente: TABELLA A (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) 8

9 Criteri per l assegnazione del punteggio superiore al minimo della banda. Il Consiglio di classe potrà attribuire il punteggio superiore, del minimo della banda di oscillazione individuata dalla media M, in presenza di almeno una delle seguenti situazioni: Media aritmetica, nella parte decimale, superiore o uguale a 0,5; Partecipazione ad attività di orientamento e ad altre organizzate dalla Scuola; Crediti formativi deliberati dal collegio dei docenti e valutati positivamente dal consiglio di classe di appartenenza (vedi i criteri per l attribuzione dei crediti formativi). Nel caso in cui lo studente ottiene il giudizio di ottimo alla fine dello stage estivo, l integrazione potrà avvenire o ai primi consigli di classe di settembre o allo scrutinio finale. Nota importante: L integrazione del punteggio rispetto al minimo della banda di oscillazione non può comunque superare la banda di oscillazione stessa, salvo quanto previsto dal c. 4 art. 11 del D.P.R. n. 323/1998 per le classi quinte. 2F.4 P.O.F. - CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEI CREDITI FORMATIVI I criteri per la valutazione dei Crediti Formativi a norma, dell art.1, c.1, del D.M.49/00, si basano sulla valutazione delle esperienze che danno luogo all acquisizione di crediti formativi. Esse si svolgono al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona e alla crescita umana, civile e culturale. IL Collegio dei docenti in data 4 maggio 2009 ha stabilito gli ambiti specifici in cui possono essere acquisiti i crediti formativi: Attività culturali Attività ricreative Attività artistiche Ambiente Volontariato Solidarietà Cooperazione Sport Stage linguistico Svolgimento, anche per periodi limitati, di attività lavorativa che non comprometta il rispetto delle scadenze e degli impegni scolastici, nonché del rendimento. Affinché la documentazione dei crediti formativi possa essere valutata dal Consiglio di Classe, lo studente deve farsi rilasciare da parte dell ente presso il quale ha realizzato l esperienza, un attestazione che contenga: i dati indispensabili per riconoscere l ente certificatore e una breve descrizione dell esperienza; il tempo impegnato (minimo 30 ore) nell esperienza e i risultati conseguiti; il timbro dell ente e la firma del responsabile in originale; tutto deve pervenire in segreteria entro il secondo lunedì di maggio per essere sottoposto all analisi del Consiglio di Classe; Il Consiglio di Classe delibera se riconoscere o meno il credito formativo, valutando il valore qualitativo dell esperienza rispetto alla formazione personale, civile e sociale dello studente anche in coerenza con il tipo di corso cui si riferisce l Esame di Stato. 2F.5 REGOLAMENTO DI ISTITUTO - VALIDITA ANNO SCOLASTICO Visto l art. 14 c. 7 del D.P.R.122/09, che dispone: A decorrere dall'anno scolastico di entrata in vigore della riforma della scuola secondaria di secondo grado, ai fini della validità dell'anno scolastico, compreso quello relativo all'ultimo anno di corso, per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, è richiesta a frequenza di almeno tre quarti dell'orario annuale personalizzato. Le istituzioni scolastiche possono stabilire, per casi eccezionali, analogamente a quanto previsto per il primo ciclo, motivate e straordinarie deroghe al suddetto limite. Tale deroga è prevista per assenze documentate e continuative, a condizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati. Il mancato conseguimento del limite minimo di frequenza, comprensivo delle 9

10 deroghe riconosciute, comporta l'esclusione dallo scrutinio finale e la non ammissione alla classe successiva o all'esame finale di ciclo. Vista la Circolare n.20 Prot. n del 4 marzo 2011, avente come oggetto la validità dell anno scolastico per la valutazione degli alunni nella scuola secondaria di primo e secondo grado, si dispone quanto segue: art. 1. definizione Le attività didattiche vanno computate nel monte ore delle discipline e regolarmente riportate nel registro personale del docente (alternanza scuola lavoro, stage linguistici, uscite didattiche, viaggi di istruzione, coinvolgimento in attività di accoglienza, orientamento ecc. svolte in orario scolastico). art. 2. alternanza scuola lavoro Le ore svolte in alternanza, in maniera aggiuntiva rispetto a quelle curriculari, costituiscono un bonus per lo studente da scomputare dalle assenze legate alle discipline di indirizzo. art. 3. assegnazione di Non Classificato allo scrutinio finale a) La assegnazione di NC anche in una sola disciplina allo scrutinio finale implica la esclusione dal medesimo e la conseguente non ammissione alla classe successiva o allo Esame di Stato. b) In presenza di valutazioni del II quadrimestre solo parziali, ma largamente negative, si assegna l insufficienza. art. 4. Tipologie di assenza per assegnazione di deroga In caso di superamento del tetto di assenze del 25%, le tipologie di assenza che consentono di esaminare l eventuale deroga riguardano: a) gravi ragioni di salute dello studente (incluse terapie, cure programmate, trapianti) documentate con certificazione ASL, che riporti gli esatti giorni continuativi di assenza dello studente; b) provvedimenti cautelativi a tutela dello studente minorenne, adottati dai competenti uffici comunali o giudiziari, debitamente documentati; c) donazioni documentate di sangue o di organi da parte dello studente; d) partecipazione dello studente a riti, culti religiosi di confessioni con cui lo Stato italiano ha siglato apposite intese; e) gravi ragioni di salute dei familiari dello studente documentate con certificazione ASL (parenti entro il 2 grado) coincidente con le assenze dello studente; f) gravi motivi personali e/o di famiglia, dovuti a separazione o divorzio dei genitori o morte (parenti entro il 2 grado) oppure gravi provvedimenti dell autorità giudiziaria riguardanti parenti entro il 2 grado, coincidenti con le assenze dello studente; g) attività agonistica sportiva dello studente documentata, organizzata da federazioni riconosciute dal Coni e coincidente con le assenze dello stesso. h) problematiche di lavoro documentate (corso serale), coincidenti con le assenze dello stesso. Sarà cura del C.d.C. decurtare i giorni d assenza per i motivi sopra riportati dal totale di quelle effettuate durante l a.s.. Si precisa che la documentazione di cui a punti precedenti deve essere completa, datata e riportare l esatta indicazione del periodo di assenza che deve effettivamente coincidere con le assenze dello studente. Tale documentazione deve essere prodotta in concomitanza con l evento a cui si riferisce e non tardivamente. Verrà consegnata al coordinatore di classe e, in sua assenza, al segretario verbalizzante per poi essere inserita nel fascicolo personale dello studente conservato a cura della Segreteria didattica. Ai sensi di quanto citato in premessa, le motivazioni vanno esplicitate, documentate e verbalizzate nei CdC. In caso di superamento del tetto del 25% l incidenza dei periodi lunghi documentati deve essere pari o superiore al 50% del totale delle assenze. 10

11 Numero Studenti: 24 Femmine: 20 Maschi: Presentazione della Classe Provenienza Provenienza dallo stesso Istituto: 24 Promozione classe precedente: 24 Ripetenti classe V: nessuno Abbandoni o ritiri anno scolastico 2014/15: 1 TABELLA B 3a - La Classe VA TRM Studente Anno di nascita Inserimento nella classe Provenienza Debiti formativi classe IV Bondesan Sofia 1996 Dalla terza Itcs Mattei Bottini Carla 1995 Dalla terza Itcs Mattei Budai Dalila 1996 Dalla terza Itcs Mattei Caputo Valentina Castoldi Federica Colombini Gloria Coppola Valentina Cruz Leon Rossanna Elizabeth De Polli Mariam Rebecca 1995 Dalla quarta Itcs Mattei 1996 Dalla terza Itcs Mattei 1995 Dalla terza Itcs Mattei Diritto e leg. tur. spagnolo 1995 Dalla terza Itcs Mattei Inglese Diritto e leg. tur Dalla terza Itcs Mattei 1996 Dalla terza Itcs Mattei 11

12 Geniale Sara 1996 Dalla terza Itcs Mattei Lomuscio Martina Lorusso Federico Nicola Marchisio Christian Messina Jessica Mostafa Nagham 1996 Dalla terza Itcs Mattei 1994 Dalla terza Itcs Mattei 1996 Dalla terza Itcs Mattei 1995 Dalla terza Itcs Mattei Diritto e leg. tur. Storia 1996 Dalla terza Itcs Mattei Orlandi Sharon 1996 Dalla terza Itcs Mattei Pini Camilla 1996 Dalla terza Itcs Mattei Raggi Linda 1995 Dalla terza Itcs Mattei Renda Elisa 1995 Dalla terza Itcs Mattei Salvador Stephanie Schiro Leonardo 1996 Dalla terza Itcs Mattei 1996 Dalla terza Itcs Mattei Diritto e leg. tur. Francese Spagnolo Scinico Maria Veronica 1996 Dalla terza Itcs Mattei Seggio Cono 1996 Dalla terza Itcs Mattei Vaccaro Francesca 1996 Dalla terza Itcs Mattei 12

13 3b - Le tematiche pluridisciplinari trattate Marketing, promozione e pubblicità Comunicazione DTA, Francese, Inglese, Tedesco, Geografia Laboratoriale LIM e laboratori informatici e linguistici Presentazioni di città e itinerari Francese, Inglese, Spagnolo, Tedesco, Geografia, DTA Laboratoriale LIM e laboratori informatici e linguistici Beni culturali Diritto e Legislazione tur., Arte Laboratoriale LIM e laboratori informatici e linguistici 3c - Le principali attività extracurriculari TABELLA C Tipo di attività Anno di corso Durata Mini stage di guida per un giorno Tutti gli anni dalla 2^ in poi 2-4 gg. Stage facoltativo estivo III (Bottini, Budai, Cruz) Variabile (4 o più settimane) Stage facoltativo estivo Stage linguistico di Inglese a Edimburgo Stage linguistico di Inglese a Dublino IV (Bondesan, Budai, Castoldi, Cruz, De Polli, Geniale, Pini, Orlandi,Raggi, Salvador, Seggio, Schiro, Vaccaro) III (Tutti gli studenti tranne Coppola, Cruz, Messina, Mostafa, Pini, Renda, Salvador, Seggio) III (Caputo) Variabile (4 o più settimane) 7gg. 7gg. Stage linguistico di Tedesco IV ( Bondesan, Castoldi, Cruz, 7 gg. 13

14 Stage linguistico estivo di spagnolo Salvador) IV ( Lorusso, Lomuscio, Scinico) 7gg. B.I.T. V 1 giorno Expo 2015 Milano Ci Siamo V 1 giorno Expo Junior V 3 giorni Visita all Expo V 1 giorno Hostess per vari eventi (mostre, convegni ecc.) Partecipazione come Ciceroni alle giornate FAI a Cornaredo III, IV, V V (Cruz, Lorusso, Messina, Orlandi, Seggio) Varie giornate 2 giorni Libertà, regole e trasgressione V 1 giorno Uscite e convegni per attività di orientamento Corso di perfezionamento linguistico Randstad con madrelingua Corso di perfezionamento linguistico certificazione di Inglese (First) con madrelingua Corso di perfezionamento linguistico certificazione di Spagnolo con madrelingua Clil di geografia Inglese sugli Usa con madrelingua Spettacolo Poesie in musica in Spagnolo IV e V V IV e V V V V Varie giornate 18 ORE 20 lezioni da 1.30 minuti in IV 10 lezioni da 2 ore in V 15 ore 4 ore 1 giorno Legenda: P.S. Si Specifica che la tabella sopra riprodotta non indica le varie uscite didattiche (visite guidate a monumenti, musei ecc.; uscite didattiche a teatro ecc. effettuate nel corso del triennio) 14

15 3d - Le prove simulate d Esame svolte TABELLA D Tipo di prova Materie coinvolte Durata Tipologia Data III Matematica, Inglese, Storia, Francese/Tedesco, 2 ore 3 quesiti aperti per disciplina con risposta in 10 righe III Francese/Tedesco, Spagnolo, Diritto e leg.tur, D.T.A. 2 ore 3 quesiti aperti per disciplina con risposta in 10 righe I Italiano 6 ore Prova ministeriale degli anni precedenti II Inglese 6 ore Prova ministeriale degli anni precedenti e - Gli obiettivi trasversali conseguiti Tabella E Tipo di obiettivo Non conseguito Conseguito Parzialmente conseguito Rispetto delle scadenze Pronta e autonoma focalizzazione dei contenuti Rielaborazione personale, curiosità, interpretazione e analisi comparativa di X X X 15

16 contenuti e dati Formulazione di ipotesi e previsioni supportate da argomentazioni razionali Padronanza dei codici specifici delle differenti discipline Rigore metodologico Capacità di svincolarsi da un metodo di apprendimento manualistico X X X X Atteggiamenti responsabili, propositivi e costruttivi a livello di lavoro individuale e di gruppo X Organizzazione autonoma del proprio lavoro X Capacità di documentare il proprio lavoro individuando, reperendo e selezionando fonti anche con strumenti telematici Collaborazione con i compagni Capacità di collaborare e operare nella produzione e gestione di servizi e/o prodotti turistici con particolare attenzione alla valorizzazione del territorio secondo parametri di efficienza, efficacia e qualità X X X 16

17 Capacità di relazionarsi con gli altri e di interagire senza pregiudizi con chiunque Capacità di operare per obiettivi e per progetti X X 17

18 3f - Relazione finale sulla Classe La classe VAT è formata da ventiquattro studenti tutti provenienti dalla IVA, ad eccezione della studentessa Vetere, iscrittasi a questo Istituto solo a partire dall anno scolastico 2014/15 e ritiratasi a fine II quadrimestre. Gli studenti denotano un buon livello di socializzazione e di integrazione, in ragione del loro atteggiamento disponibile e dimostrano di aver contribuito a creare un clima amichevole, sereno e costruttivo nella maggior parte delle discipline. Numerosi di questi studenti hanno partecipato, su base volontaria, con entusiasmo e impegno a svariate attività in qualità di guide, hostess, accompagnatori, ecc. in occasione di eventi e manifestazioni di varia portata, compreso Expo Junior. La capacità di collaborare proficuamente è emersa anche in occasione dello svolgimento dei lavori di gruppo, effettuati per alcune discipline, per i quali gli studenti hanno dimostrato di saper rispettare le consegne, auto organizzarsi e condividere obiettivi e materiali didattici, sviluppando creatività e buone abilità nella realizzazione di prodotti multimediali. L interesse, la partecipazione attiva e costruttiva hanno caratterizzato un buon numero di studenti originando talvolta una certa vivacità che non è però mai degenerata, come si evince dalla mancata adozione di provvedimenti disciplinari sanzionatori da parte dei Docenti all intera classe. Per quanto concerne il profilo didattico complessivo i risultati sono differenziati, in quanto gli studenti si dividono in tre gruppi: un primo gruppo che, per impegno discontinuo e/o fragilità in termini di abilità e capacità denota un quadro didattico caratterizzato da una preparazione sufficiente; un secondo gruppo con valutazioni complessivamente discrete o più che discrete e un livello di preparazione adeguato, per finire un terzo gruppo che si distingue per un profitto pienamente soddisfacente imputabile a impegno, interesse, curiosità, rigore e metodologico, buone capacità di analisi, sintesi e una certa tendenza a rielaborare in maniera autonoma i contenuti e le informazioni apprese. 18

19 4 - Programmazione didattica svolta dai singoli Docenti DOCENTE: VALERIA VITA 4a- DISCIPLINA: ITALIANO Competenze Fornire un quadro esauriente delle correnti letterarie e degli autori più significativi delle epoche prese in considerazione. Conoscenza dei rapporti tra testi appartenenti ad uno stesso autore o ad autori diversi. Conoscenza dei diversi linguaggi e modalità espressive in relazione alle mutate ideologie. Conoscenza dei principali movimenti culturali presenti nell età moderna. Conoscere i tratti salienti del mal di vivere. Conoscenze Elementi e principali culturali e storici della tradizione letteraria del secondo Ottocento: Il Positivismo; Carducci; Il Naturalismo francese: Zola; Il Verismo italiano; Giovanni Verga Il Decadentismo; La poesia simbolista Gabriele d Annunzio; Giovanni Pascoli Luigi Pirandello; Italo Svevo Ungaretti; Montale Neorealismo Metodologia Lezione frontale; Lezione frontale e discussione guidata DOCENTE: VALERIA VITA 4B- DISCIPLINA: STORIA Competenze 1. Cogliere i rapporti di causa ed effetto sia diacronici sia sincronici 2. Istituire collegamenti e confronti, ravvisando analogie e diversità 3.Acquisire la consapevolezza che il giudizio storico sugli avvenimenti è formulato in base ai documenti che si hanno a disposizione e che il ritrovamento di nuovi documenti può portare alla modificazione di tale giudizio. 4. Imparare a leggere la realtà e a saperla interpretare. Conoscenze 19

20 Quadro storico del secondo Ottocento: Il Positivismo Situazione storica e sociale dell Europa e dell Italia di fine 800 e inizi 900: L Italia del secondo Ottocento. I governi dell Italia unita. La civiltà industriale: Individuare le caratteristiche principali di un economia di mercato ed un economia pianificata. I due conflitti mondiali: Individuazione delle forze sociali che operano nella direzione del nazionalismo. Identificazione e ricostruire delle dinamiche politiche dell epoca che hanno segnato gli avvenimenti del processo che ha portato allo scoppio della prima guerra mondiale, individuandone le conseguenze politiche, sociali ed economiche. Identificare il processo che ha portato allo scoppio della seconda guerra mondiale. Comprendere varie fasi dello sviluppo dell equilibrio bipolare che si è delineato dopo la seconda guerra mondiale. Il totalitarismo: Riconoscere le ideologie e le dinamiche che hanno portato alla rivoluzione comunista. Individuare i tratti strutturali tipici di un regime totalitario. Il secondo dopoguerra Definire il concetto di decolonizzazione. Dalla guerra Fredda alla caduta del muro di Berlino Accenno alla guerra del Vietnam Accenno al Movimento giovanile del '68 Metodologia Lezione frontale; Lezione frontale e discussione guidata 4c- DISCIPLINA: DIRITTO E ELEGISLAZIONE TURISTICA DOCENTE: MARIA GRAZIA PASTORINO COMPETENZE QUINTO ANNO utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica, con particolare riferimento a quella del settore turistico interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi di gestioni e flussi informativi CONOSCENZE Tipologie di turismo, in particolare turismo culturale Fonti interne ed esterne della legislazione turistica: inquadramento tra le fonti dell ordinamento italiano e relativa gerarchia L amministrazione pubblica del turismo: organi ed enti italiani preposti al turismo (Ministero ed enti pubblici strumentali di portata nazionale: Enit, Osservatorio del Turismo, Aci, Cai; enti pubblici strumentali di portata locale: Apt, Iat, Stl) Enti privati italiani del turismo (pro-loco, CTS, CTO, Touring club, FAI) Enti pubblici internazionali del turismo (In particolare OMT, Ue e iniziative Commissione Ue; Unesco e lista Beni Unesco) Fondi strutturali Ue di finanziamento del settore Legislazione in materia di beni culturali e ambientali (in particolare normativa nazionale ossia Codice Cult, classificazione del beni e relativa tutela; tutela internazionale, fonti internazionali, Onu e Unesco) Disciplina giuridica del commercio elettronico (definizione, fonti normative, tipologie, implicazioni, imprese turistiche nel web, diritto di autore, privacy, contratti a distanza, modalità di stipula e tutela del consumatore on line Privacy (definizione, tipologie di dati, trattamento dei dati personali, Garante della privacy, Registro delle opposizioni) Normativa nazionale per la tutela del consumatore ai sensi del Codice civile, del Codice del Consumo del 2005 e del Codice del turismo del 2011: contratti per adesione, clausole vessatorie, diritto di recesso, garanzie del consumatore, concorrenza sleale, pratiche commerciali scorrette, IAP, AGCM. 20

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it NEL BLU I NOSTRI SERVIZI: - Corsi aziendali - Traduzioni - Traduzioni con

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli