Esame di Stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame di Stato 2013-2014"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Fabio Besta di Orte LICEO SCIENTIFICO Don Delfo Gioacchini DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe 5 sez. B Esame di Stato Orte, 15 maggio 2014

2 INDICE Composizione del Consiglio di Classe Elenco dei candidati Premessa Presentazione della classe Obiettivi generali Obiettivi cognitivi specifici Livello cognitivo raggiunto dalla classe Mezzi e strumenti di lavoro Metodologie di insegnamento/apprendimento Attività e progetti Strumenti di verifica e criteri di valutazione Comunicazioni agli studenti e trasmissione delle formazioni Tipologie relative alla terza prova scritta Griglie di valutazione delle prove scritte e del colloquio Contenuti analitici delle discipline curriculari e relazioni finali Allegati: programmazione del Consiglio di Classe, esempi di terza prova, attestati inerenti il credito formativo/scolastico

3 CONSIGLIO DI CLASSE MATERIA DOCENTE CONTINUITA DIDATTICA ITALIANO E LATINO Primavera Marina dalla Terza LINGUA INGLESE Buzzavo Maria Vittoria dalla Quinta STORIA E FILOSOFIA Bassanelli Antonella dalla Terza DISEGNO E STORIA DELL ARTE Lucente Lidia dalla Prima GEOGRAFIA ASTRONOMICA Broglia Augusta dalla Seconda MATEMATICA E FISICA Bonifazi Antonella dalla Terza RELIGIONE Elmi Maria Grazia dalla Prima EDUCAZIONE FISICA Ralli Fiorella dalla Prima

4 ELENCO DEI CANDIDATI 1. BALDASSARRA Marco 2. BLASI Martina 3. BORGHESI Ivan 4. BORIA Veronica 5. BRACCI Alessandro 6. BRACCI Cinzia 7. BUTNIK Svadyslav 8. CAGNETTI Chiara 9. CATALANI Giulia 10. CIANCHELLA Francesco 11. COSTANTINI Francesca 12. DOBRYNIN Nikita 13. FATTORELLO Grazia 14. GALLO Tommaso 15. GREGORI Aurora 16. HODIUC Polina 17. MASI Paolo 18. MILIONI Marica 19. PACCHIAROTTI Giorgio 20. PORRI Enrico 21. PROIETTI Martina 22. QUINTARELLI Felisia 23. SAGRETTI Tonino 24. SANTINI Lorenzo 25. SAVARESE Sveva 26. TRANQUILLI Simone 53

5 PREMESSA Il Consiglio della classe 5 sez. B, nella seduta del 9 maggio 2014, sulla base della programmazione didattico - educativa annuale, in attuazione degli obiettivi culturali e formativi specifici dell'indirizzo scientifico, nell'ambito delle finalità generali contenute nel Piano dell offerta formativa elaborato dal Collegio dei docenti, e in attuazione delle disposizioni contenute nella normativa vigente sugli Esami di Stato, elabora ed approva all'unanimità, il presente documento destinato alla Commissione di esame. Esso contiene le informazioni complessive sulla classe, gli obiettivi raggiunti al termine del corrente anno scolastico (in termini di conoscenze, competenze e capacità all'interno delle singole discipline), i contenuti disciplinari, i metodi, i mezzi, gli spazi, i tempi del percorso formativo, i criteri e gli strumenti e le strategie attuate per il recupero, i criteri e gli strumenti di verifica e di valutazione, simulazioni di prove, nonché ogni altro elemento significativo ai fini dello svolgimento degli esami di Stato. 54

6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe formata all inizio di questo anno scolastico da 29 alunni, venticinque provenienti dalla precedente classe quarta a cui si sono aggiunti quattro alunni non ammessi all ultimo Esame di Stato, è attualmente composta da 26 unità (13 maschi e 13 femmine) poiché due alunni, alla fine del trimestre, hanno fatto richiesta di nulla osta per evidenti difficoltà scolastiche, mentre un altra alunna, per motivi familiari, dal mese di ottobre non ha più frequentato la scuola. Tutti gli alunni, ad eccezione di un solo elemento, provengono da comuni limitrofi. La fisionomia del gruppo-classe ha molto risentito della fusione di due classi parallele, avvenuta alla fine del terzo anno di corso; non sono mancati momenti di difficoltà relazionale o momenti di disturbo, in genere legati a singoli episodi occasionali, opportunamente contenuti e controllati. In qualche allievo, caratterialmente più difficile, si sono riscontrati atteggiamenti polemici, talvolta di sgradevole supponenza che, in determinate circostanze, hanno reso impegnativa la gestione della classe sul piano dell attenzione e della partecipazione e hanno inevitabilmente rallentato il ritmo didattico. La frequenza per la maggior parte della classe è stata piuttosto regolare, fatta eccezione per qualche alunno che ha gestito la propria presenza all attività didattica in modo del tutto personale ed opportunistico. All interno della classe, fatta eccezione per un piccolo gruppo che si è sempre impegnato in modo sistematico e costante, si è evidenziata, nel trimestre, una scarsa propensione per le attività scolastiche e un disinteresse per il recupero delle lacune e delle insufficienze, nonostante i ripetuti inviti allo studio da parte di tutto il corpo docente. Questo atteggiamento ha creato difficoltà nello svolgimento dei programmi, limitando fortemente i risultati del profitto. Nel pentamestre l impegno e la partecipazione di un buon numero di allievi si sono fatti più regolari, ma non sempre sono stati raggiunti i risultati attesi a causa della difficoltà a mantenere un ritmo di studio costante e un controllo attento degli argomenti studiati. 55

7 Tutto ciò ha determinato un livello medio di apprendimento più che sufficiente, ferma restando la presenza di qualche alunno in difficoltà nel profitto finale complessivo a causa di incertezze e conoscenze frammentarie, anche se per lo più vicine alla sufficienza e comunque commisurate alle capacità. Gli alunni che spiccano, in rapporto alla media della classe, sono pochi e comunque mai da considerarsi eccellenti. La maggior parte degli allievi ha condiviso i percorsi educativi e formativi con interesse; non tutti, però, hanno maturato un buon metodo di studio: alcuni si sono applicati in modo superficiale e discontinuo, altri in modo scolastico, poco consapevole o carente di rielaborazione, altri ancora hanno indirizzato i loro sforzi verso obiettivi semplicemente esecutivi più che partecipativi e creativi. Anche per tali motivazioni i livelli delle conoscenze, delle capacità e delle competenze, in relazione alle varie discipline, risultano diversificati. Tutti i docenti del Consiglio di classe hanno effettuato attività di recupero in itinere, inoltre alcuni allievi sono stati inseriti nei corsi di recupero pomeridiani attivati dalla scuola stessa, secondo le decisioni assunte dal Consiglio di classe in sede di scrutinio alla fine del trimestre. A tal proposito va sottolineato che la realizzazione delle attività programmate dall insegnante di Lettere per il recupero e/o approfondimento del programma, nonché lo sviluppo sistematico dello stesso, hanno subito un arresto decisamente significativo in questa fase dell anno scolastico, a causa di un infortunio accorso alla medesima insegnante. 56

8 OBIETTIVI GENERALI Sulla base di quanto progettato nell iniziale PIANO EDUCATIVO DIDATTICO (allegato n 1) si ritiene che la classe abbia globalmente raggiunto i seguenti obiettivi: Comportamentali Coinvolgimento degli allievi in ogni fase dell'attività didattica, sì che essi, nel rapporto dialettico insegnamento - apprendimento, potessero proporsi come referenti attivi e non destinatari passivi; Presa di coscienza dei diritti e dei doveri di ciascuno studente nella scuola, nella famiglia, nella società; Rapporto con gli insegnanti e con i compagni fondato sul rispetto reciproco, la solidarietà e la tolleranza; Consolidamento di un metodo di studio valido per l'approccio a qualsiasi tipo di apprendimento. Cognitivi Acquisizione dei contenuti essenziali propri delle singole discipline; Sviluppo delle capacità logiche, argomentative ed espressive, sia scritte, sia orali; Sviluppo capacità analitiche e sintetiche, al fine di cogliere i singoli argomenti disciplinari nelle loro globalità e specificità, passando dal particolare all universale e viceversa; Potenziamento delle capacità di elaborazione personale dei contenuti culturali; Promozione di un atteggiamento di apertura critica e non di passiva accettazione delle diverse problematiche discusse. 57

9 OBIETTIVI COGNITIVI SPECIFICI In termini di conoscenza: Conoscenza della lingua italiana, della sua grammatica e della sua organizzazione semantica e lessicale, anche in relazione con la lingua latina. Conoscenza dei testi rappresentativi delle letterature italiana e latina e delle loro implicazioni storiche e culturali. Conoscenza delle strutture morfosintattiche della lingua inglese per la comunicazione e l interpretazione dei testi. Conoscenza dei diversi orientamenti del pensiero, per quanto riguarda la ricerca filosofica. Conoscenza dei principali avvenimenti che hanno caratterizzato la storia dell'800 e del 900. Conoscenza delle coordinate storico-culturali con cui e per cui si producono le opere d'arte. Conoscenza delle tematiche fondamentali dell Analisi Matematica. Conoscenza degli elementi fondamentali di Astronomia e Scienze della Terra In termini di competenza: Competenza nel riconoscimento e nell'interpretazione delle strutture linguistiche, nonché degli elementi fondamentali delle tematiche culturali; utilizzo del lessico di base. Competenza nell'uso della lingua italiana e inglese, sia dal punto di vista della comprensione che della produzione. Competenza nella produzione di un testo argomentativo. Competenza nella traduzione scritta e orale, in lingua italiana, di testi latini. Competenza nella produzione di testi scritti di diverso tipo. Competenza nell'applicazione dei procedimenti e delle formule studiate. Competenza nel riprodurre i contenuti essenziali degli argomenti disciplinari nella esposizione orale e scritta. In termini di capacità: Capacità di comprensione di un testo attraverso l individuazione dei nessi logici, del tema centrale e delle idee portanti. 58

10 LIVELLO COGNITIVO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Per quanto riguarda l acquisizione di conoscenze e abilità specifiche, il profilo della maggior parte della classe si è caratterizzato sia per le incertezze e le fragilità nelle competenze comunicative, sia nell apprendimento delle opportune strategie per la risoluzione dei problemi, nonché nel metodo di lavoro, spesso poco organico ed efficace perché caratterizzato da un approccio allo studio prevalentemente meccanico e poco riflessivo. Si distinguono, d altra parte, alcuni studenti che nel corso del quinquennio hanno mostrano un impegno sempre costante ed un interesse crescente per quasi tutte le discipline, raggiungendo un buon livello di preparazione, sia rispetto ai contenuti disciplinari in loro possesso sia sul piano delle capacità linguistiche. La classe nel complesso ha acquisito, per quanto a livelli diversificati, gli obiettivi trasversali indicati nel Documento di Programmazione. Si rinvia alle relazioni dei singoli docenti per quanto attiene agli obiettivi specifici delle discipline. 59

11 MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE NEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO e APPRENDIMENTO Fonte principale e punto di riferimento costante, nello studio di tutte le discipline, sono stati i libri di testo: si è, comunque, lasciata agli allievi la facoltà di attingere le proprie conoscenze ad altre fonti, purché rispondenti alla organizzazione dei contenuti e alla efficacia della trattazione. Si è fatto, inoltre, ricorso a fotocopie, riviste, monografie, materiale documentario e opere di consultazione fornite dalla Biblioteca di Istituto, tecnologie multimediali, uso della calcolatrice, attrezzi sportivi esistenti in palestra. Tutto ciò per integrare la conoscenza dei nuclei tematici di maggiore interesse o per rispondere alla curiosità intellettuale degli allievi più motivati. Il lavoro è stato svolto prevalentemente nelle aule. Nella didattica delle lingue straniere, costante è stato l uso del laboratorio linguistico, per le prove d ascolto, la visione di films, lo sviluppo di abilità nella conversazione. La docente di Lingua Francese si è avvalsa del lettore madrelingua per potenziare le abilità interpretative e traduttive attraverso esercitazioni guidate, analisi delle strutture morfosintattiche e ricodificazione del testo. Il docente di Educazione Fisica pur conservando la consistenza delle lezioni pratiche, svolte in palestra e al campo di calcetto, ha effettuato lezioni teoriche di importanza e interesse basilari per le esigenze degli studenti. 60

12 METODOLOGIE DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO I docenti della classe hanno privilegiato le seguenti metodologie di insegnamento/apprendimento: Lezione frontale con esposizione da parte del docente delle linee distintive dell argomento. Approfondimento attraverso esempi e testi, stimolando le osservazioni dei ragazzi e il raggiungimento di un ipotesi interpretativa (problem solving). realizzazione di mappe concettuali, di percorsi culturali interdisciplinari e di lavori di gruppo specie in sede di recupero Lezione interattiva, aperta alla discussione problematica per evitare l apprendimento ricettivo e nozionistico. Ulteriore controllo e sistemazione dell ipotesi e verifica della comprensione. Uso dei laboratori, visione di filmati, CD-Rom, internet. Per quanto concerne lo specifico dei criteri metodologici, degli strumenti didattici e dei criteri di valutazione delle prove si rimanda ai singoli programmi disciplinari. 61

13 ATTIVITA E PROGETTI Al fine di qualificare ancor più il sistema insegnamento-approfondimento delle conoscenze, sono stati offerti agli studenti progetti formativi trasversali, nonché attività extracurricolari, che hanno fornito ulteriori strumenti ed occasioni di impegno e di riflessione, e che si sono protratti e sono variati nel corso di tutto il quinquennio. Infatti si può rilevare che 10 alunni hanno frequentato i corsi relativi alla Patente Europea del computer, conseguendo la certificazione finale; 15 hanno frequentato un corso di approfondimento della lingua inglese; circa 10 elementi hanno frequentato il corso per l acquisizione di competenze nell uso del programma CAD. Molti studenti hanno partecipato ai Giochi di Archimede e 5 elementi hanno superato la selezione e quindi hanno partecipato alla fase provinciale svoltasi a Viterbo. Quattro alunni si sono distinti per le capacità in ambito musicale e artistico ed hanno contribuito fattivamente alla realizzazione di momento conviviali di aggregazione quali l assemblea degli studenti e delle studentesse, le manifestazioni di fine anno scolastico e le attività di accoglienza delle scuole medie. Uno di loro frequenta lezioni e sostiene esami presso il Conservatorio di Terni. Tutti hanno partecipato a vari momenti di orientamento universitario i quali sono stati di notevole interesse e importanza per una scelta motivata e consapevole per gli studi universitari. Tra le altre iniziative proposte dal Piano dell'offerta Formativa, si segnala le attività di circle-time tenuto da una psicologa inserite nel progetto Educazione alla salute: prevenzione ai disagi giovanili e benessere a scuola. 62

14 STRUMENTI DI VERIFICA E CRITERI DI VALUTAZIONE a) Strumenti di verifica Allo scopo di misurare l andamento del processo educativo e per avere costanti informazioni sui ritmi di apprendimento, sulla rispondenza della classe agli obiettivi didattici e sui risultati raggiunti, le verifiche nell ambito delle diverse discipline sono state frequenti, se pur diverse nella forma e nelle finalità: a quelle di tipo conoscitivo, volte ad accertare l acquisizione di abilità operative e la validità del metodo seguito, si sono affiancate quelle di tipo valutativo, periodiche e finali, per l assegnazione del voto di profitto. Esse sono state realizzate attraverso prove scritte (elaborati di italiano secondo le tipologie degli Esami di Stato; temi letterari, storici e di attualità; saggi di traduzione dal latino; traduzioni in lingua e dalla lingua inglese; questionari a scelta multipla e semistrutturati; analisi testuale; risoluzione di problemi) e prove orali di vario tipo (interrogazioni, discussioni, commenti), il cui numero, mai inferiore a due per quadrimestre in ciascun ambito, è dipeso dai tempi di assimilazione degli allievi e dalla loro risposta agli insegnamenti impartiti. Pertanto, alle operazioni di accertamento del conseguimento degli obiettivi è stato collegato il momento della valutazione, per la quale si è tenuto conto, oltre che della maturazione intellettuale e psichica globale dello studente, anche dei seguenti elementi: - acquisizione corretta dei vari contenuti disciplinari; - esposizione chiara, precisa e coerente; - capacità di riflessione, di elaborazione personale, di sintesi e di autonomia critica. Inoltre, dovendo la valutazione essere formativa oltre che sommativa, ciascun docente, nel formulare il proprio giudizio di merito sugli allievi, ha sempre fatto riferimento a : - livelli di partenza - grado di partecipazione all attività didattica - interesse evidenziato - impegno riposto nello studio - comportamento 63

15 b) Criteri di valutazione Si è raggiunta l intesa per esprimere i voti nelle diverse materie con un unico metro, pertanto le valutazioni, trimestrali e di fine anno, hanno tenuto conto dei risultati oggettivi delle prove sommative, ma adeguando ad essi i progressi nell apprendimento, l impegno, la partecipazione, l interesse e il metodo di studio. La scala di valutazione adottata dal Consiglio di classe è docimologica. Nella tabella di seguito illustrata vengono indicati i valori di massima rispondenti ai risultati ottenuti dagli studenti nelle singole prove. GRIGLIA DI VALUTAZIONE VOTO 1-3 Molto scarso VOTO 4 scarso VOTO 5 mediocre VOTO 6 sufficiente VOTO 7 discreto VOTO 8 buono VOTO 9-10 ottimo Non conosce gli argomenti e commette gravi errori Dimostra scarsa partecipazione, conosce frammentarie e superficiali, manca di autonomia di giudizio Partecipa; conosce ed espone in modo disorganico con errori non gravi; manca di autonomia sulla rielaborazione; Partecipa e conosce le basi della disciplina; comprende i contenuti, sa risolvere situazioni problematiche semplici ed effettuare analisi parziali; Si impegna, comprende ed espone in modo ordinato; sa applicare ed è autonomo nella sintesi anche se con qualche imprecisione Mostra iniziativa personale; possiede conoscenze approfondite, comprende e sintetizza correttamente valutando autonomamente; applica le regole senza errori. Mostra impegno assiduo; conosce in modo ampio e completo, comprende e rielabora con correttezza formale, logica e con coerenza; attua collegamenti applicando quanto appreso 64

16 COMUNICAZIONI AGLI STUDENTI E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI Gli insegnati hanno opportunamente portato a conoscenza degli alunni sia la programmazione di classe con gli obiettivi educativi didattici prefissati, sia le programmazioni individuali. Agli alunni sono stati sempre comunicati e motivati i risultati delle verifiche scritte e orali e gli elementi determinanti la valutazione (impegno, interesse, partecipazione, progressi rispetto ai livelli iniziali). Gli insegnanti hanno curato i rapporti con le famiglie sia con colloqui settimanali antimeridiani che con due colloquio pomeridiano, inoltre, nei limiti del possibile, hanno soddisfatto le richieste delle famiglie, anche se al di fuori dell orario consentito. In particolare i docenti si sono resi maggiormente disponibili con quelle famiglie i cui figli hanno mostrato un impegno discontinuo e non adeguato, avvisandole tempestivamente, con lettera o fonogramma, di situazioni particolari. A partire dall anno scolastico in corso, grazie all adozione del registro elettronico, le famiglie hanno potuto controllare, in tempo reale, l andamento didattico e disciplinare dei propri figli, intervenendo prontamente ogni qual volta se ne sia ravvisata la necessità. Il presente documento di classe sarà pubblicato e affisso all albo nelle seguenti forme: - digitale, pubblicata sul sito ufficiale della scuola e su dvd - cartacea, in cinque copie per affissione all Albo dell Istituto consegna ai candidati consegna agli atti consegna alla Commissione d Esame consegna al Dirigente Scolastico 65

17 TIPOLOGIE RELATIVE ALLA TERZA PROVA SCRITTA Per quanto riguarda la terza prova scritta, prevista dalla nuova normativa sugli Esami di Stato (D.M. 20/11/2000 art.1), i docenti hanno privilegiato la tipologia M (questa tipologia prevede la possibilità di cumulare quesiti a risposta singola con quelli a risposta multipla: tipologia B numero 8 quesiti a risposta aperta più tipologia C numero 16 quesiti a risposta multipla). Gli insegnanti, nell arco dell anno scolastico, hanno somministrato tre simulazioni della terza prova scritta privilegiando, ai fini educativi didattici, le materie scientifiche, linguistiche, letterarie, artistiche e storico-filosofiche prefissandosi di accertare i seguenti obiettivi: 1) possesso di conoscenze e competenze; 2) uso pertinente dei singoli linguaggi scientifici; 3) attitudine alla osservazione critica: 4) capacità di integrare e confrontare conoscenze relative a discipline diverse per esprime un personale punto di vista su un problema; 5) capacità di leggere e comprendere il significato di un brano in lingua inglese e di produrre brevi messaggi in lingua; 6) capacità di cogliere realtà e fenomeni letterari e storico-filosofici nella loro dimensione territoriale e temporale. Per la valutazione della terza prova scritta è stata predisposta una griglia, da utilizzare in ambiente informatico, e che produce risultati in automatico con l introduzione degli appositi dati numerici. 66

18 GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE E DEL COLLOQUIO Per la correzione e la valutazione delle tre prove scritte e del colloquio il Consiglio di Classe ha predisposto le seguenti griglie di valutazione: prova scritta di italiano articolo, saggio breve prova scritta di italiano tema storico prova scritta di italiano analisi testuale letteraria prova scritta di italiano tema libero prova scritta di matematica prova scritta multidisciplinare colloquio 67

19 PROVA SCRITTA DI ITALIANO Saggio breve articolo di giornale INDICATORI Comprensione delle consegne, aderenza alle richieste e corretta interpretazione di documenti e dati a corredo dell argomento. Contenuti: qualità delle interrelazioni stabili e fra dati testuali ed extratestuali, elaborazione critica e personale e, nell articolo di giornale, attualizzazione dell argomento. Capacità di organizzare il testo: coesione, coerenza, organicità di argomentazione e taglio più o meno personale della trattazione. Competenza linguistica, morfosintattica e ortografica; registro linguistico coerente con l argomento e col destinatario PUNTEGGIO MASSIMO LIVELLO VALUTAZIONE 4 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 5 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo PUNTEGGIO 1 2 2,5 3 3, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 4 4,5 5 TOTALE Voto complessivo indicatore 68

20 INDICATORI Comprensione ed aderenza alla traccia Qualità dei contenuti e approfondimenti, elaborazione critica e personale Capacità di organizzare il testo: coesione, coerenza, organicità di argomentazione. Competenza linguistica, morfosintattica e ortografica; padronanza del lessico specifico della disciplina PROVA SCRITTA DI ITALIANO Tema di argomento storico LIVELLO VALUTAZIONE PUNTEGGIO MASSIMO 4 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 5 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo PUNTEGGIO 1 2 2,5 3 3, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 4 4,5 5 TOTALE Voto complessivo indicatore 69

21 PROVA SCRITTA DI ITALIANO Analisi del testo INDICATORI Comprensione del testo ed aderenza alle specifiche richieste. Contenuti : qualità dell analisi e approfondimenti. Capacità di organizzare il testo: coesione, coerenza, organicità di argomentazione. Competenza linguistica, morfosintattica e ortografica. PUNTEGGIO MASSIMO LIVELLO VALUTAZIONE 4 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 5 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo PUNTEGGI O 1 2 2,5 3 3, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 4 4,5 5 TOTALE Voto complessivo indicatore 70

22 PROVA SCRITTA DI ITALIANO Tema di ordine generale INDICATORI Comprensione ed aderenza alla traccia Qualità dei contenuti e approfondimenti, elaborazione critica e personale. Capacità di organizzare il testo: coesione, coerenza, organicità di argomentazione. Competenza linguistica, morfosintattica e ortografica. PUNTEGGIO MASSIMO LIVELLO VALUTAZIONE 4 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 5 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo PUNTEGGIO 1 2 2,5 3 3, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 4 4,5 5 TOTALE Voto complessivo indicatore 71

23 PROVA SCRITTA DI MATEMATICA Definizione del punteggio grezzo Esercizi Problema Quesito Quesito Quesito Quesito Quesito Totale Sei Punti 7,5 Punti 1,5 Punti 1,5 Punti 1,5 Punti 1,5 Punti 1,5 Punti 15 DESCRITTORE PROBLEMA QUESITO Non eseguito 0,2 0 Solo impostato Correttamente impostato e risolto parzialmente e con errori di calcolo Correttamente impostato e risolto o parzialmente o con lievi errori Completo e corretto 7.1-7, Problema 1 Problema 2 a b c d Media /punteggio grezzo PROBLEMA Quesiti (al massimo n. 5) Totale punteggio grezzo.. Punteggio in quindicesimi../15 Il punteggio viene ottenuto arrotondando il punteggio grezzo per eccesso o per difetto all intero più vicino; il valore 0,5 viene arrotondato all unità. Giudizio Livelli valutativi Molto scarso Scarso Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Ottimo 72

24 TERZA PROVA: griglia automatica xls CANDIDATO CLASSE quinta VOTO ASSEGNATO ALLA PROVA 0 MATERIE INGLESE GEOGRAFIA ASTRONOMICA STORIA ARTE STORIA QUESITI A RISPOSTA SINGOLA CONOSCENZA CONTENUTI CAPACITA' LOGICHE COMPETENZE ESPRESSIVE N QUESITI A B C D E A B C D E A B C D E ESATTI 1 0,00 2 0,00 1 0,00 2 0,00 1 0,00 2 0,00 1 0,00 2 0,00 N QUESITO punti QUESITI RISPOSTA SINGOLA PUNTI= 0,00 TOTALE PUNTI PROVA= 0,00 N RISPOSTE ESATTE= 0 PUNTI= 0 QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA Tabella CONOSCENZA CONTENUTO A Conosce l'argomento e lo sviluppa in modo approfondito 4 1 di Corrispondenza 1-5 B Conosce l'argomento e lo sviluppa in modo adeguato C Individua l'argomento pur trattandolo con qualche incertezza D Comprensione parziale dell'argomento e sviluppo limitato E mancata risposta 0, CAPACITA' LOGICHE DI ORIENTAMENTO E SINTESI A Ha saputo svolgere considerazioni rigorose e conseguenziali B Il testo è coerente e coeso C Il testo è presentato in modo adeguato nei suoi aspetti essenziali D L'esposizione dell'argomento è frammentaria e l'applicazione delle conoscenze è scarsa E mancata risposta 0, COMPETENZE LOGICHE ESPRESSIVE A Utilizza un linguaggio completo,appropriato e un lessico ricco B Utilizza un linguaggio adeguato C Presenta qualche improprietà lessicale che non pregiudica la comprensione D Linguaggio non appropriato e lessico non sempre corretto 1 E mancata risposta 0,3 VOTO/15 = Il punteggio massimo assegnato a ciascun quesito a risposta singola sono 4. I punti assegnati a ciascun quesito a risposta multipla sono 2. Il voto finale si ottiene per mezzo della tabella di corrispondenza. 73

25 COLLOQUIO (compresa la discussione degli elaborati) Indicatori Scala di valutazione Livelli valutativi Punti in 30mi Conoscenza dei contenuti culturali affrontati in tutte le discipline e livello di approfondimento degli stessi Padronanza dei linguaggi specifici e competenza nell utilizzo delle conoscenze acquisite, ai fini della soluzione di eventuali problemi proposti Capacità argomentative e critiche, nonché di operare collegamenti pluridisciplinari attraverso un linguaggio chiaro e appropriato Documentata e approfondita Eccellente 10 Ampia e completa Ottimo 9 Sicura Buono 8 Diligente e consapevole Discreto 7,5 Soddisfacente Sufficiente 7 Superficiale Mediocre 5 Incerta e incompleta Insufficiente 4 Frammentaria Gravemente Insuf 3-1 Accurata Eccellente 10 Sicura Ottimo 9 Consapevole Buono 8 Diligente Discreto 7 Soddisfacente Sufficiente 6.5 Accettabile Mediocre 5 Incerta Insufficiente 4 Limitata Gravemente Insuf 3-1 Spiccate Eccellente 10 Notevoli Ottimo 9 Appropriate Buono 8 Adeguate Discreto 7 Soddisfacenti Sufficiente 6,5 Approssimative Mediocre 5 Limitate Insufficiente 4 Scarse Gravemente Insuf 3-1 /30 74

26 CONTENUTI ANALITICI DELLE DISCIPLINE CURRICULARI E RELAZIONI FINALI Vengono di seguito riportate le relazioni finali di ciascun docente e i programmi disciplinari nelle materie seguenti di questo anno scolastico, - Lingua e lettere italiane - Latino - Matematica - Fisica - Scienze della terra - Inglese - Storia - Filosofia - Disegno e storia dell arte - Educazione fisica - Religione Eventuali variazioni inerenti ai singoli programmi verranno segnalate ed aggiunte nel verbale e nel documento di classe in sede di scrutinio finale. 75

27 PROGRAMMA LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Romanticismo:Genesi e caratteri generali. Il Romanticismo in Italia Madame de Stael, Sulla maniera e sull utilità delle tradizioni Pietro Giordani, Un Italiano risponde al discorso della De Stael Giovanni Berchet, da la Lettera Semiseria di Grisostomo - Giacomo Leopardi: Biografia,poetica,produzione letteraria Dallo Zibaldone: La teoria del piacere Dai Canti: L ultimo canto di Saffo Il passero solitario L infinito A Silvia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio Canto notturno di un pastore errante dell Asia La sera del dì di festa Ad Angelo mai L Ultimo Leopardi: Il ciclo di Aspasia A se stesso La ginestra Dalle Operette Morali: Dialogo della Natura e di un Islandese - Alessandro Manzoni: Biografia,poetica,produzione letteraria Dalle Osservazioni sulla Morale Cattolica: Religione e idee moderne Dalla Lettre à M.Chauvet: Il fine della poesia Dalla Lettera sul Romanticismo: L utile,il vero,l interessante Dagli Inni Sacri: La Pentecoste (vv ) Dalle Odi: Il Cinque Maggio Dall Adelchi: La morte di Ermengarda (atto IV,coro) Lettura Integrale de I Promessi Sposi 76

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli