Esame di Stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame di Stato 2013-2014"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Fabio Besta di Orte LICEO SCIENTIFICO Don Delfo Gioacchini DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe 5 sez. B Esame di Stato Orte, 15 maggio 2014

2 INDICE Composizione del Consiglio di Classe Elenco dei candidati Premessa Presentazione della classe Obiettivi generali Obiettivi cognitivi specifici Livello cognitivo raggiunto dalla classe Mezzi e strumenti di lavoro Metodologie di insegnamento/apprendimento Attività e progetti Strumenti di verifica e criteri di valutazione Comunicazioni agli studenti e trasmissione delle formazioni Tipologie relative alla terza prova scritta Griglie di valutazione delle prove scritte e del colloquio Contenuti analitici delle discipline curriculari e relazioni finali Allegati: programmazione del Consiglio di Classe, esempi di terza prova, attestati inerenti il credito formativo/scolastico

3 CONSIGLIO DI CLASSE MATERIA DOCENTE CONTINUITA DIDATTICA ITALIANO E LATINO Primavera Marina dalla Terza LINGUA INGLESE Buzzavo Maria Vittoria dalla Quinta STORIA E FILOSOFIA Bassanelli Antonella dalla Terza DISEGNO E STORIA DELL ARTE Lucente Lidia dalla Prima GEOGRAFIA ASTRONOMICA Broglia Augusta dalla Seconda MATEMATICA E FISICA Bonifazi Antonella dalla Terza RELIGIONE Elmi Maria Grazia dalla Prima EDUCAZIONE FISICA Ralli Fiorella dalla Prima

4 ELENCO DEI CANDIDATI 1. BALDASSARRA Marco 2. BLASI Martina 3. BORGHESI Ivan 4. BORIA Veronica 5. BRACCI Alessandro 6. BRACCI Cinzia 7. BUTNIK Svadyslav 8. CAGNETTI Chiara 9. CATALANI Giulia 10. CIANCHELLA Francesco 11. COSTANTINI Francesca 12. DOBRYNIN Nikita 13. FATTORELLO Grazia 14. GALLO Tommaso 15. GREGORI Aurora 16. HODIUC Polina 17. MASI Paolo 18. MILIONI Marica 19. PACCHIAROTTI Giorgio 20. PORRI Enrico 21. PROIETTI Martina 22. QUINTARELLI Felisia 23. SAGRETTI Tonino 24. SANTINI Lorenzo 25. SAVARESE Sveva 26. TRANQUILLI Simone 53

5 PREMESSA Il Consiglio della classe 5 sez. B, nella seduta del 9 maggio 2014, sulla base della programmazione didattico - educativa annuale, in attuazione degli obiettivi culturali e formativi specifici dell'indirizzo scientifico, nell'ambito delle finalità generali contenute nel Piano dell offerta formativa elaborato dal Collegio dei docenti, e in attuazione delle disposizioni contenute nella normativa vigente sugli Esami di Stato, elabora ed approva all'unanimità, il presente documento destinato alla Commissione di esame. Esso contiene le informazioni complessive sulla classe, gli obiettivi raggiunti al termine del corrente anno scolastico (in termini di conoscenze, competenze e capacità all'interno delle singole discipline), i contenuti disciplinari, i metodi, i mezzi, gli spazi, i tempi del percorso formativo, i criteri e gli strumenti e le strategie attuate per il recupero, i criteri e gli strumenti di verifica e di valutazione, simulazioni di prove, nonché ogni altro elemento significativo ai fini dello svolgimento degli esami di Stato. 54

6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe formata all inizio di questo anno scolastico da 29 alunni, venticinque provenienti dalla precedente classe quarta a cui si sono aggiunti quattro alunni non ammessi all ultimo Esame di Stato, è attualmente composta da 26 unità (13 maschi e 13 femmine) poiché due alunni, alla fine del trimestre, hanno fatto richiesta di nulla osta per evidenti difficoltà scolastiche, mentre un altra alunna, per motivi familiari, dal mese di ottobre non ha più frequentato la scuola. Tutti gli alunni, ad eccezione di un solo elemento, provengono da comuni limitrofi. La fisionomia del gruppo-classe ha molto risentito della fusione di due classi parallele, avvenuta alla fine del terzo anno di corso; non sono mancati momenti di difficoltà relazionale o momenti di disturbo, in genere legati a singoli episodi occasionali, opportunamente contenuti e controllati. In qualche allievo, caratterialmente più difficile, si sono riscontrati atteggiamenti polemici, talvolta di sgradevole supponenza che, in determinate circostanze, hanno reso impegnativa la gestione della classe sul piano dell attenzione e della partecipazione e hanno inevitabilmente rallentato il ritmo didattico. La frequenza per la maggior parte della classe è stata piuttosto regolare, fatta eccezione per qualche alunno che ha gestito la propria presenza all attività didattica in modo del tutto personale ed opportunistico. All interno della classe, fatta eccezione per un piccolo gruppo che si è sempre impegnato in modo sistematico e costante, si è evidenziata, nel trimestre, una scarsa propensione per le attività scolastiche e un disinteresse per il recupero delle lacune e delle insufficienze, nonostante i ripetuti inviti allo studio da parte di tutto il corpo docente. Questo atteggiamento ha creato difficoltà nello svolgimento dei programmi, limitando fortemente i risultati del profitto. Nel pentamestre l impegno e la partecipazione di un buon numero di allievi si sono fatti più regolari, ma non sempre sono stati raggiunti i risultati attesi a causa della difficoltà a mantenere un ritmo di studio costante e un controllo attento degli argomenti studiati. 55

7 Tutto ciò ha determinato un livello medio di apprendimento più che sufficiente, ferma restando la presenza di qualche alunno in difficoltà nel profitto finale complessivo a causa di incertezze e conoscenze frammentarie, anche se per lo più vicine alla sufficienza e comunque commisurate alle capacità. Gli alunni che spiccano, in rapporto alla media della classe, sono pochi e comunque mai da considerarsi eccellenti. La maggior parte degli allievi ha condiviso i percorsi educativi e formativi con interesse; non tutti, però, hanno maturato un buon metodo di studio: alcuni si sono applicati in modo superficiale e discontinuo, altri in modo scolastico, poco consapevole o carente di rielaborazione, altri ancora hanno indirizzato i loro sforzi verso obiettivi semplicemente esecutivi più che partecipativi e creativi. Anche per tali motivazioni i livelli delle conoscenze, delle capacità e delle competenze, in relazione alle varie discipline, risultano diversificati. Tutti i docenti del Consiglio di classe hanno effettuato attività di recupero in itinere, inoltre alcuni allievi sono stati inseriti nei corsi di recupero pomeridiani attivati dalla scuola stessa, secondo le decisioni assunte dal Consiglio di classe in sede di scrutinio alla fine del trimestre. A tal proposito va sottolineato che la realizzazione delle attività programmate dall insegnante di Lettere per il recupero e/o approfondimento del programma, nonché lo sviluppo sistematico dello stesso, hanno subito un arresto decisamente significativo in questa fase dell anno scolastico, a causa di un infortunio accorso alla medesima insegnante. 56

8 OBIETTIVI GENERALI Sulla base di quanto progettato nell iniziale PIANO EDUCATIVO DIDATTICO (allegato n 1) si ritiene che la classe abbia globalmente raggiunto i seguenti obiettivi: Comportamentali Coinvolgimento degli allievi in ogni fase dell'attività didattica, sì che essi, nel rapporto dialettico insegnamento - apprendimento, potessero proporsi come referenti attivi e non destinatari passivi; Presa di coscienza dei diritti e dei doveri di ciascuno studente nella scuola, nella famiglia, nella società; Rapporto con gli insegnanti e con i compagni fondato sul rispetto reciproco, la solidarietà e la tolleranza; Consolidamento di un metodo di studio valido per l'approccio a qualsiasi tipo di apprendimento. Cognitivi Acquisizione dei contenuti essenziali propri delle singole discipline; Sviluppo delle capacità logiche, argomentative ed espressive, sia scritte, sia orali; Sviluppo capacità analitiche e sintetiche, al fine di cogliere i singoli argomenti disciplinari nelle loro globalità e specificità, passando dal particolare all universale e viceversa; Potenziamento delle capacità di elaborazione personale dei contenuti culturali; Promozione di un atteggiamento di apertura critica e non di passiva accettazione delle diverse problematiche discusse. 57

9 OBIETTIVI COGNITIVI SPECIFICI In termini di conoscenza: Conoscenza della lingua italiana, della sua grammatica e della sua organizzazione semantica e lessicale, anche in relazione con la lingua latina. Conoscenza dei testi rappresentativi delle letterature italiana e latina e delle loro implicazioni storiche e culturali. Conoscenza delle strutture morfosintattiche della lingua inglese per la comunicazione e l interpretazione dei testi. Conoscenza dei diversi orientamenti del pensiero, per quanto riguarda la ricerca filosofica. Conoscenza dei principali avvenimenti che hanno caratterizzato la storia dell'800 e del 900. Conoscenza delle coordinate storico-culturali con cui e per cui si producono le opere d'arte. Conoscenza delle tematiche fondamentali dell Analisi Matematica. Conoscenza degli elementi fondamentali di Astronomia e Scienze della Terra In termini di competenza: Competenza nel riconoscimento e nell'interpretazione delle strutture linguistiche, nonché degli elementi fondamentali delle tematiche culturali; utilizzo del lessico di base. Competenza nell'uso della lingua italiana e inglese, sia dal punto di vista della comprensione che della produzione. Competenza nella produzione di un testo argomentativo. Competenza nella traduzione scritta e orale, in lingua italiana, di testi latini. Competenza nella produzione di testi scritti di diverso tipo. Competenza nell'applicazione dei procedimenti e delle formule studiate. Competenza nel riprodurre i contenuti essenziali degli argomenti disciplinari nella esposizione orale e scritta. In termini di capacità: Capacità di comprensione di un testo attraverso l individuazione dei nessi logici, del tema centrale e delle idee portanti. 58

10 LIVELLO COGNITIVO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Per quanto riguarda l acquisizione di conoscenze e abilità specifiche, il profilo della maggior parte della classe si è caratterizzato sia per le incertezze e le fragilità nelle competenze comunicative, sia nell apprendimento delle opportune strategie per la risoluzione dei problemi, nonché nel metodo di lavoro, spesso poco organico ed efficace perché caratterizzato da un approccio allo studio prevalentemente meccanico e poco riflessivo. Si distinguono, d altra parte, alcuni studenti che nel corso del quinquennio hanno mostrano un impegno sempre costante ed un interesse crescente per quasi tutte le discipline, raggiungendo un buon livello di preparazione, sia rispetto ai contenuti disciplinari in loro possesso sia sul piano delle capacità linguistiche. La classe nel complesso ha acquisito, per quanto a livelli diversificati, gli obiettivi trasversali indicati nel Documento di Programmazione. Si rinvia alle relazioni dei singoli docenti per quanto attiene agli obiettivi specifici delle discipline. 59

11 MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE NEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO e APPRENDIMENTO Fonte principale e punto di riferimento costante, nello studio di tutte le discipline, sono stati i libri di testo: si è, comunque, lasciata agli allievi la facoltà di attingere le proprie conoscenze ad altre fonti, purché rispondenti alla organizzazione dei contenuti e alla efficacia della trattazione. Si è fatto, inoltre, ricorso a fotocopie, riviste, monografie, materiale documentario e opere di consultazione fornite dalla Biblioteca di Istituto, tecnologie multimediali, uso della calcolatrice, attrezzi sportivi esistenti in palestra. Tutto ciò per integrare la conoscenza dei nuclei tematici di maggiore interesse o per rispondere alla curiosità intellettuale degli allievi più motivati. Il lavoro è stato svolto prevalentemente nelle aule. Nella didattica delle lingue straniere, costante è stato l uso del laboratorio linguistico, per le prove d ascolto, la visione di films, lo sviluppo di abilità nella conversazione. La docente di Lingua Francese si è avvalsa del lettore madrelingua per potenziare le abilità interpretative e traduttive attraverso esercitazioni guidate, analisi delle strutture morfosintattiche e ricodificazione del testo. Il docente di Educazione Fisica pur conservando la consistenza delle lezioni pratiche, svolte in palestra e al campo di calcetto, ha effettuato lezioni teoriche di importanza e interesse basilari per le esigenze degli studenti. 60

12 METODOLOGIE DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO I docenti della classe hanno privilegiato le seguenti metodologie di insegnamento/apprendimento: Lezione frontale con esposizione da parte del docente delle linee distintive dell argomento. Approfondimento attraverso esempi e testi, stimolando le osservazioni dei ragazzi e il raggiungimento di un ipotesi interpretativa (problem solving). realizzazione di mappe concettuali, di percorsi culturali interdisciplinari e di lavori di gruppo specie in sede di recupero Lezione interattiva, aperta alla discussione problematica per evitare l apprendimento ricettivo e nozionistico. Ulteriore controllo e sistemazione dell ipotesi e verifica della comprensione. Uso dei laboratori, visione di filmati, CD-Rom, internet. Per quanto concerne lo specifico dei criteri metodologici, degli strumenti didattici e dei criteri di valutazione delle prove si rimanda ai singoli programmi disciplinari. 61

13 ATTIVITA E PROGETTI Al fine di qualificare ancor più il sistema insegnamento-approfondimento delle conoscenze, sono stati offerti agli studenti progetti formativi trasversali, nonché attività extracurricolari, che hanno fornito ulteriori strumenti ed occasioni di impegno e di riflessione, e che si sono protratti e sono variati nel corso di tutto il quinquennio. Infatti si può rilevare che 10 alunni hanno frequentato i corsi relativi alla Patente Europea del computer, conseguendo la certificazione finale; 15 hanno frequentato un corso di approfondimento della lingua inglese; circa 10 elementi hanno frequentato il corso per l acquisizione di competenze nell uso del programma CAD. Molti studenti hanno partecipato ai Giochi di Archimede e 5 elementi hanno superato la selezione e quindi hanno partecipato alla fase provinciale svoltasi a Viterbo. Quattro alunni si sono distinti per le capacità in ambito musicale e artistico ed hanno contribuito fattivamente alla realizzazione di momento conviviali di aggregazione quali l assemblea degli studenti e delle studentesse, le manifestazioni di fine anno scolastico e le attività di accoglienza delle scuole medie. Uno di loro frequenta lezioni e sostiene esami presso il Conservatorio di Terni. Tutti hanno partecipato a vari momenti di orientamento universitario i quali sono stati di notevole interesse e importanza per una scelta motivata e consapevole per gli studi universitari. Tra le altre iniziative proposte dal Piano dell'offerta Formativa, si segnala le attività di circle-time tenuto da una psicologa inserite nel progetto Educazione alla salute: prevenzione ai disagi giovanili e benessere a scuola. 62

14 STRUMENTI DI VERIFICA E CRITERI DI VALUTAZIONE a) Strumenti di verifica Allo scopo di misurare l andamento del processo educativo e per avere costanti informazioni sui ritmi di apprendimento, sulla rispondenza della classe agli obiettivi didattici e sui risultati raggiunti, le verifiche nell ambito delle diverse discipline sono state frequenti, se pur diverse nella forma e nelle finalità: a quelle di tipo conoscitivo, volte ad accertare l acquisizione di abilità operative e la validità del metodo seguito, si sono affiancate quelle di tipo valutativo, periodiche e finali, per l assegnazione del voto di profitto. Esse sono state realizzate attraverso prove scritte (elaborati di italiano secondo le tipologie degli Esami di Stato; temi letterari, storici e di attualità; saggi di traduzione dal latino; traduzioni in lingua e dalla lingua inglese; questionari a scelta multipla e semistrutturati; analisi testuale; risoluzione di problemi) e prove orali di vario tipo (interrogazioni, discussioni, commenti), il cui numero, mai inferiore a due per quadrimestre in ciascun ambito, è dipeso dai tempi di assimilazione degli allievi e dalla loro risposta agli insegnamenti impartiti. Pertanto, alle operazioni di accertamento del conseguimento degli obiettivi è stato collegato il momento della valutazione, per la quale si è tenuto conto, oltre che della maturazione intellettuale e psichica globale dello studente, anche dei seguenti elementi: - acquisizione corretta dei vari contenuti disciplinari; - esposizione chiara, precisa e coerente; - capacità di riflessione, di elaborazione personale, di sintesi e di autonomia critica. Inoltre, dovendo la valutazione essere formativa oltre che sommativa, ciascun docente, nel formulare il proprio giudizio di merito sugli allievi, ha sempre fatto riferimento a : - livelli di partenza - grado di partecipazione all attività didattica - interesse evidenziato - impegno riposto nello studio - comportamento 63

15 b) Criteri di valutazione Si è raggiunta l intesa per esprimere i voti nelle diverse materie con un unico metro, pertanto le valutazioni, trimestrali e di fine anno, hanno tenuto conto dei risultati oggettivi delle prove sommative, ma adeguando ad essi i progressi nell apprendimento, l impegno, la partecipazione, l interesse e il metodo di studio. La scala di valutazione adottata dal Consiglio di classe è docimologica. Nella tabella di seguito illustrata vengono indicati i valori di massima rispondenti ai risultati ottenuti dagli studenti nelle singole prove. GRIGLIA DI VALUTAZIONE VOTO 1-3 Molto scarso VOTO 4 scarso VOTO 5 mediocre VOTO 6 sufficiente VOTO 7 discreto VOTO 8 buono VOTO 9-10 ottimo Non conosce gli argomenti e commette gravi errori Dimostra scarsa partecipazione, conosce frammentarie e superficiali, manca di autonomia di giudizio Partecipa; conosce ed espone in modo disorganico con errori non gravi; manca di autonomia sulla rielaborazione; Partecipa e conosce le basi della disciplina; comprende i contenuti, sa risolvere situazioni problematiche semplici ed effettuare analisi parziali; Si impegna, comprende ed espone in modo ordinato; sa applicare ed è autonomo nella sintesi anche se con qualche imprecisione Mostra iniziativa personale; possiede conoscenze approfondite, comprende e sintetizza correttamente valutando autonomamente; applica le regole senza errori. Mostra impegno assiduo; conosce in modo ampio e completo, comprende e rielabora con correttezza formale, logica e con coerenza; attua collegamenti applicando quanto appreso 64

16 COMUNICAZIONI AGLI STUDENTI E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI Gli insegnati hanno opportunamente portato a conoscenza degli alunni sia la programmazione di classe con gli obiettivi educativi didattici prefissati, sia le programmazioni individuali. Agli alunni sono stati sempre comunicati e motivati i risultati delle verifiche scritte e orali e gli elementi determinanti la valutazione (impegno, interesse, partecipazione, progressi rispetto ai livelli iniziali). Gli insegnanti hanno curato i rapporti con le famiglie sia con colloqui settimanali antimeridiani che con due colloquio pomeridiano, inoltre, nei limiti del possibile, hanno soddisfatto le richieste delle famiglie, anche se al di fuori dell orario consentito. In particolare i docenti si sono resi maggiormente disponibili con quelle famiglie i cui figli hanno mostrato un impegno discontinuo e non adeguato, avvisandole tempestivamente, con lettera o fonogramma, di situazioni particolari. A partire dall anno scolastico in corso, grazie all adozione del registro elettronico, le famiglie hanno potuto controllare, in tempo reale, l andamento didattico e disciplinare dei propri figli, intervenendo prontamente ogni qual volta se ne sia ravvisata la necessità. Il presente documento di classe sarà pubblicato e affisso all albo nelle seguenti forme: - digitale, pubblicata sul sito ufficiale della scuola e su dvd - cartacea, in cinque copie per affissione all Albo dell Istituto consegna ai candidati consegna agli atti consegna alla Commissione d Esame consegna al Dirigente Scolastico 65

17 TIPOLOGIE RELATIVE ALLA TERZA PROVA SCRITTA Per quanto riguarda la terza prova scritta, prevista dalla nuova normativa sugli Esami di Stato (D.M. 20/11/2000 art.1), i docenti hanno privilegiato la tipologia M (questa tipologia prevede la possibilità di cumulare quesiti a risposta singola con quelli a risposta multipla: tipologia B numero 8 quesiti a risposta aperta più tipologia C numero 16 quesiti a risposta multipla). Gli insegnanti, nell arco dell anno scolastico, hanno somministrato tre simulazioni della terza prova scritta privilegiando, ai fini educativi didattici, le materie scientifiche, linguistiche, letterarie, artistiche e storico-filosofiche prefissandosi di accertare i seguenti obiettivi: 1) possesso di conoscenze e competenze; 2) uso pertinente dei singoli linguaggi scientifici; 3) attitudine alla osservazione critica: 4) capacità di integrare e confrontare conoscenze relative a discipline diverse per esprime un personale punto di vista su un problema; 5) capacità di leggere e comprendere il significato di un brano in lingua inglese e di produrre brevi messaggi in lingua; 6) capacità di cogliere realtà e fenomeni letterari e storico-filosofici nella loro dimensione territoriale e temporale. Per la valutazione della terza prova scritta è stata predisposta una griglia, da utilizzare in ambiente informatico, e che produce risultati in automatico con l introduzione degli appositi dati numerici. 66

18 GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE E DEL COLLOQUIO Per la correzione e la valutazione delle tre prove scritte e del colloquio il Consiglio di Classe ha predisposto le seguenti griglie di valutazione: prova scritta di italiano articolo, saggio breve prova scritta di italiano tema storico prova scritta di italiano analisi testuale letteraria prova scritta di italiano tema libero prova scritta di matematica prova scritta multidisciplinare colloquio 67

19 PROVA SCRITTA DI ITALIANO Saggio breve articolo di giornale INDICATORI Comprensione delle consegne, aderenza alle richieste e corretta interpretazione di documenti e dati a corredo dell argomento. Contenuti: qualità delle interrelazioni stabili e fra dati testuali ed extratestuali, elaborazione critica e personale e, nell articolo di giornale, attualizzazione dell argomento. Capacità di organizzare il testo: coesione, coerenza, organicità di argomentazione e taglio più o meno personale della trattazione. Competenza linguistica, morfosintattica e ortografica; registro linguistico coerente con l argomento e col destinatario PUNTEGGIO MASSIMO LIVELLO VALUTAZIONE 4 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 5 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo PUNTEGGIO 1 2 2,5 3 3, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 4 4,5 5 TOTALE Voto complessivo indicatore 68

20 INDICATORI Comprensione ed aderenza alla traccia Qualità dei contenuti e approfondimenti, elaborazione critica e personale Capacità di organizzare il testo: coesione, coerenza, organicità di argomentazione. Competenza linguistica, morfosintattica e ortografica; padronanza del lessico specifico della disciplina PROVA SCRITTA DI ITALIANO Tema di argomento storico LIVELLO VALUTAZIONE PUNTEGGIO MASSIMO 4 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 5 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo PUNTEGGIO 1 2 2,5 3 3, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 4 4,5 5 TOTALE Voto complessivo indicatore 69

21 PROVA SCRITTA DI ITALIANO Analisi del testo INDICATORI Comprensione del testo ed aderenza alle specifiche richieste. Contenuti : qualità dell analisi e approfondimenti. Capacità di organizzare il testo: coesione, coerenza, organicità di argomentazione. Competenza linguistica, morfosintattica e ortografica. PUNTEGGIO MASSIMO LIVELLO VALUTAZIONE 4 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 5 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo PUNTEGGI O 1 2 2,5 3 3, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 4 4,5 5 TOTALE Voto complessivo indicatore 70

22 PROVA SCRITTA DI ITALIANO Tema di ordine generale INDICATORI Comprensione ed aderenza alla traccia Qualità dei contenuti e approfondimenti, elaborazione critica e personale. Capacità di organizzare il testo: coesione, coerenza, organicità di argomentazione. Competenza linguistica, morfosintattica e ortografica. PUNTEGGIO MASSIMO LIVELLO VALUTAZIONE 4 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 3 grav. Insuff. Insuff. Suff. Buono Ottimo 5 grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto Buono Ottimo PUNTEGGIO 1 2 2,5 3 3, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 4 4,5 5 TOTALE Voto complessivo indicatore 71

23 PROVA SCRITTA DI MATEMATICA Definizione del punteggio grezzo Esercizi Problema Quesito Quesito Quesito Quesito Quesito Totale Sei Punti 7,5 Punti 1,5 Punti 1,5 Punti 1,5 Punti 1,5 Punti 1,5 Punti 15 DESCRITTORE PROBLEMA QUESITO Non eseguito 0,2 0 Solo impostato Correttamente impostato e risolto parzialmente e con errori di calcolo Correttamente impostato e risolto o parzialmente o con lievi errori Completo e corretto 7.1-7, Problema 1 Problema 2 a b c d Media /punteggio grezzo PROBLEMA Quesiti (al massimo n. 5) Totale punteggio grezzo.. Punteggio in quindicesimi../15 Il punteggio viene ottenuto arrotondando il punteggio grezzo per eccesso o per difetto all intero più vicino; il valore 0,5 viene arrotondato all unità. Giudizio Livelli valutativi Molto scarso Scarso Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Ottimo 72

24 TERZA PROVA: griglia automatica xls CANDIDATO CLASSE quinta VOTO ASSEGNATO ALLA PROVA 0 MATERIE INGLESE GEOGRAFIA ASTRONOMICA STORIA ARTE STORIA QUESITI A RISPOSTA SINGOLA CONOSCENZA CONTENUTI CAPACITA' LOGICHE COMPETENZE ESPRESSIVE N QUESITI A B C D E A B C D E A B C D E ESATTI 1 0,00 2 0,00 1 0,00 2 0,00 1 0,00 2 0,00 1 0,00 2 0,00 N QUESITO punti QUESITI RISPOSTA SINGOLA PUNTI= 0,00 TOTALE PUNTI PROVA= 0,00 N RISPOSTE ESATTE= 0 PUNTI= 0 QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA Tabella CONOSCENZA CONTENUTO A Conosce l'argomento e lo sviluppa in modo approfondito 4 1 di Corrispondenza 1-5 B Conosce l'argomento e lo sviluppa in modo adeguato C Individua l'argomento pur trattandolo con qualche incertezza D Comprensione parziale dell'argomento e sviluppo limitato E mancata risposta 0, CAPACITA' LOGICHE DI ORIENTAMENTO E SINTESI A Ha saputo svolgere considerazioni rigorose e conseguenziali B Il testo è coerente e coeso C Il testo è presentato in modo adeguato nei suoi aspetti essenziali D L'esposizione dell'argomento è frammentaria e l'applicazione delle conoscenze è scarsa E mancata risposta 0, COMPETENZE LOGICHE ESPRESSIVE A Utilizza un linguaggio completo,appropriato e un lessico ricco B Utilizza un linguaggio adeguato C Presenta qualche improprietà lessicale che non pregiudica la comprensione D Linguaggio non appropriato e lessico non sempre corretto 1 E mancata risposta 0,3 VOTO/15 = Il punteggio massimo assegnato a ciascun quesito a risposta singola sono 4. I punti assegnati a ciascun quesito a risposta multipla sono 2. Il voto finale si ottiene per mezzo della tabella di corrispondenza. 73

25 COLLOQUIO (compresa la discussione degli elaborati) Indicatori Scala di valutazione Livelli valutativi Punti in 30mi Conoscenza dei contenuti culturali affrontati in tutte le discipline e livello di approfondimento degli stessi Padronanza dei linguaggi specifici e competenza nell utilizzo delle conoscenze acquisite, ai fini della soluzione di eventuali problemi proposti Capacità argomentative e critiche, nonché di operare collegamenti pluridisciplinari attraverso un linguaggio chiaro e appropriato Documentata e approfondita Eccellente 10 Ampia e completa Ottimo 9 Sicura Buono 8 Diligente e consapevole Discreto 7,5 Soddisfacente Sufficiente 7 Superficiale Mediocre 5 Incerta e incompleta Insufficiente 4 Frammentaria Gravemente Insuf 3-1 Accurata Eccellente 10 Sicura Ottimo 9 Consapevole Buono 8 Diligente Discreto 7 Soddisfacente Sufficiente 6.5 Accettabile Mediocre 5 Incerta Insufficiente 4 Limitata Gravemente Insuf 3-1 Spiccate Eccellente 10 Notevoli Ottimo 9 Appropriate Buono 8 Adeguate Discreto 7 Soddisfacenti Sufficiente 6,5 Approssimative Mediocre 5 Limitate Insufficiente 4 Scarse Gravemente Insuf 3-1 /30 74

26 CONTENUTI ANALITICI DELLE DISCIPLINE CURRICULARI E RELAZIONI FINALI Vengono di seguito riportate le relazioni finali di ciascun docente e i programmi disciplinari nelle materie seguenti di questo anno scolastico, - Lingua e lettere italiane - Latino - Matematica - Fisica - Scienze della terra - Inglese - Storia - Filosofia - Disegno e storia dell arte - Educazione fisica - Religione Eventuali variazioni inerenti ai singoli programmi verranno segnalate ed aggiunte nel verbale e nel documento di classe in sede di scrutinio finale. 75

27 PROGRAMMA LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Romanticismo:Genesi e caratteri generali. Il Romanticismo in Italia Madame de Stael, Sulla maniera e sull utilità delle tradizioni Pietro Giordani, Un Italiano risponde al discorso della De Stael Giovanni Berchet, da la Lettera Semiseria di Grisostomo - Giacomo Leopardi: Biografia,poetica,produzione letteraria Dallo Zibaldone: La teoria del piacere Dai Canti: L ultimo canto di Saffo Il passero solitario L infinito A Silvia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio Canto notturno di un pastore errante dell Asia La sera del dì di festa Ad Angelo mai L Ultimo Leopardi: Il ciclo di Aspasia A se stesso La ginestra Dalle Operette Morali: Dialogo della Natura e di un Islandese - Alessandro Manzoni: Biografia,poetica,produzione letteraria Dalle Osservazioni sulla Morale Cattolica: Religione e idee moderne Dalla Lettre à M.Chauvet: Il fine della poesia Dalla Lettera sul Romanticismo: L utile,il vero,l interessante Dagli Inni Sacri: La Pentecoste (vv ) Dalle Odi: Il Cinque Maggio Dall Adelchi: La morte di Ermengarda (atto IV,coro) Lettura Integrale de I Promessi Sposi 76

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE _I SEZIONE A DISCIPLINA: SCIENZE DOCENTE: _DE TOMMASO MARIANGELA

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE PIANO DI LAVORO DOCENTE MATERIA DESTINATARI ANNO SCOLASTICO 2013-14 Olga Pecorari SCIENZE NATURALI CLASSE PRIMA BES LICEO DELLE SCIENZE UMANE OP.ECONOMICO-SOCIALE COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 Triennio Questa programmazione è stata elaborata dal Dipartimento di Greco-Latino, tenuti presenti il D.P.R.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INDIRIZZO DI STUDI CLASSICO CLASSE III A AREA SCIENTIFICA, MATEMATICA E TECNOLOGICA DISCIPLINA FISICA

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Prof. Franca Decolle Materia matematica e fisica N.ro ore settimanali 3+3 N.ro ore complessivamente svolte Classe 3C 1. Presentazione sintetica della classe; L attività didattica

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. DI

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate FONDAZIONE MALAVASI SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: prof. Alessandro Boselli CLASSE IV SEZ. A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 CLASSE: 1Bcat MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE Prof. MORARA MARCO 1. LIVELLI DI PARTENZA. 1.1. Composizione La classe si compone di 15 studenti (2 femmine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F Pagina 1 di 6 Disciplina: Fisica Classe I Sezione F A.S. 2015/2016 Docente Lombardi Sara INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI E DEFINIZIONE DELLE LINEE COMPORTAMENTALI Nello studio della disciplina terrò presenti

Dettagli

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Sezione associata Liceo scientifico Alberti a. s. 2015-2016 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE V A Sezione / indirizzo Scientifico Scienze Applicate Linguistico docente materia ore settimanali di lezione Gota

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 TRIENNIO BROCCA LICEO SOCIO PSICO - PEDAGOGICO TRIENNIO BROCCA LICEO LINGUISTICO FINALITA GENERALI Il Progetto Brocca individua le seguenti finalità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli