"La tecnica pittorica prima del Quattrocento"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""La tecnica pittorica prima del Quattrocento""

Transcript

1 "La tecnica pittorica prima del Quattrocento" Durante il Medioevo era stata perfezionata la tecnica della tempera, composta da pigmento colorato mescolato a un agglutinante colloso (quasi sempre costituito dall'albume dell'uovo che veniva sciacquato e mescolato ad alcune gocce di aceto, che lo rendevano più fluido e meno deperibile). Il fondo della pittura veniva preparato su una tela incollata sopra un supporto formato da assi di legno ben stagionate inchiodate tra loro. Mani di gesso mescolato a colla proteica ( di pelle di guanti, cartilagine di coniglio, ritagli di pergamena o liscia di pesce) venivano stese e rasate ripetutamente fino ad ottenere una superficie molto liscia. Una iprimitura, o strato liquido di una sostanza trasparente, serviva a ridurre l'assorbimento della superficie nel caso in cui venisse utilizzata la pittura a olio. Quando il fondo era pronto veniva tracciato il disegno preparatorio, trasportato da un disegno o cartone in cui venivano bucati i contorni per far passare la polvere di carbone filtrata da un sacchetto sulla faccia esterna. In alternativa si poteva incidere leggermente con una punta metallica i contorni del disegno sullo strato di gesso e colla della preparazione. Cominciava a questo punto la pittura vera e propria, mescolando il pigmento con la tempera a uovo. Piccole quantità di pigmento venivano bagnate con gocce di tempera e mescolate con il pennello per essere poi stese in campiture trasparenti. Per ottenere una campitura compatta bisognava passare molte mani aspettando che ogni volta lo strato asciugasse. Il tuorlo dell'uovo o le colle animali, che si usavano per fissare i pigmenti con la tempera, davano opacità alle velature riducendone la profondità. La lucentezza finale era data alle verniciature, eseguite stendendo sul dipinto uno strato di resina disciolta in solventi. La più raccomandata era la resina di ginepro che veniva disciolta in acqua ragia, oppure l'albume dell'uovo. Questa tecnica era lenta e portava a risultati fissi: campiture opache ben separate tra loro e soprattutto tinte primarie (giallo, blu, rosso), in cui i pigmenti erano raramente mescolati per evitare la loro reazione chimica. Le sfumature erano molto difficili e i pittori agivano con piccole quantità di pigmento puro mescolato continuamente all'uovo che asciugava in pochissimo tempo. Questa produzione era meccanica, perfino per la costruzione di un volto si eseguiva una procedura rigida e sempre uguale a se stessa. La pittura aveva un connotato meccanico legato alla tecnica esecutiva. Da secoli, in alternativa, si conosceva il vantaggio dell'olio come legante dei pigmenti. Ma era un procedimento lungo perché l'olio richiedeva tempi di asciugatura lunghi e non si poteva dipingere sulle parti non ancora essiccate. In compenso l'olio permetteva di ottenere velature e sfumature diverse, con esso, usato come legante, si potevano mescolare più pigmenti. La lucentezza era il pregio principale della velatura oleosa, insieme alla sua profondità immateriale. Con la scoperta degli oli di lino e di papavero si potevano ridurre i tempi, Pagina 1 di 12

2 furono i pittori Fiamminghi a scoprirne i vantaggi. Durante il Medioevo la rappresentazione pittorica era dotata di un vocabolario rigido nel quale i colori e i gesti significavano la devozione religiosa condivisa da tutti. L'azzurro del manto di Maria, il giallo dorato del manto di Giuseppe, il rosso della veste di Cristo erano attributi simbolici della purezza, della regalità, della passione, i colori erano identici in ogni bottega e in ogni quadro. I committenti erano interessati alla comprensibilità del quadro molto più che alla sua singolarità. 1 RAFFAELLO E LA DIVINA ARMONIA. UNA FINESTRA APERTA SUL RINASCIMENTO 1.1 " Il figlio di Giovanni" La casa dove Raffaello Sanzio nasce (1483) è a pochi passi dal palazzo costruito per il duca Federico da Montefeltro a Urbino, un piccolo centro con un'economia neppure avvicinabile a quella di molte altre città italiane, poli industriali e bancari, ma che può vantare la virtù e la ricchezza di un signore senza confronti in Italia. Il duca riunisce intorno a se una corte raffinata e colta, composta da gentiluomini, intellettuali e artisti. Giovanni Santi, il padre di Raffaello, è un celebre pittore, si occupa dell'allestimento di feste, realizza scenari teatrali per la corte e conduce anche la più importante bottega di Urbino. E' proprio in questo momento che inizia una trasformazione artistica, la tradizione ha messo appunto una tecnica esecutiva affinata nei secoli e ormai al suo apice di perfezione ma non più sufficiente a soddisfare le esigenze sia dei committenti che degli artisti. L'Umanesimo inizia così a scoprire l'antico, i letterati iniziano a tradurre testi antichi e i pittori a rappresentarli. Gli artisti fiamminghi rappresentano la natura mentre i pittori italiani utilizzano la prospettiva per rispondere alle esigenze di un maggiore realismo. Intorno al 1470 queste due tendenze si incontrano proprio a Urbino, attirati dalla raffinatezza di Federico da Montefeltro erano confluiti Piero Della Francesca, portando il suo disegno e le sue architetture prospettiche, e le opere di Jean van Eyck, con le sfumature morbide prodotte dagli oli. Giovanni Santi assorbe da questi eccellenti pittori tutto quello che può servire alla sua professione. La bottega del pittore è il luogo migliore dove crescere, qui il piccolo Raffaello può apprendere con facilità tutti i segreti di questa professione. Una bottega quattrocentesca è più simile a una piccola fabbrica che a uno studio come lo conosciamo noi moderni. Un luogo fortemente gerarchizzato, dove ognuno ha mansioni precise ed è responsabile di un piccolo frammento dell'impresa, sotto l'occhio attento del maestro. Raffaello passa i suoi primi dieci anni di vita prendendo dimestichezza con i colori e le matite. Presto all'interno della bottega del padre viene ritagliato un piccolo spazio gestito dal giovane. I disegni di Raffaello iniziano ad essere conosciuti e apprezzati nella corte di Federico. Nel 1494 Giovanni Santi muore lasciando orfano un ragazzo di appena undici anni, la madre e la sorella erano morte tre anni prima. Raffaello è già in grado di eseguire con una certa fermezza dipinti sempre più complessi e Pagina 2 di 12

3 grazie all'aiuto dello zio paterno Bartolomeo rileva la bottega del padre. 1.2 "Città di Castello" Alla fine del quattrocento i Vitelli, signori di Città di Castello, stringono i propri legami con i Montefeltro. Raffaello si reca a Città di Castello sotto la protezione di Federico che lo introduce nella migliore società locale. Baronci, uno degli uomini più influenti della città, gli commissiona una Pala D'Altare rappresentante il trionfo di San Nicola. L'opera di gran successo è purtroppo andata distrutta nel terremoto del La buona riuscita dell'opera frutta a Raffaello un altro incarico prestigioso: il Gonfalone della Confraternita della Santissima Trinità (1500), sempre a Città di Castello. Gli stendardi portati in processione diverse volte all'anno, opere molto importanti ma molto difficili da realizzare. Vengono realizzati su due tele incollate impregnate con un preparato molto ricco di colla, al posto del gesso, perché devono mantenere la morbidezza. La difficoltà di esecuzione è data dal fatto che il colore viene legato alla colla per cui il tipo di pittura deve essere veloce, sulla tela ancora umida. Su una faccia rappresenta la Trinità con ai piedi della croce San Rocco e San Sebastiano, mentre sull'altra faccia dipinge la creazione di Eva, con il padreterno che furtivamente estrae la costola a Adamo addormentato. In quest opera le citazioni del paterne sono molte, soprattutto nel paesaggio azzurrato che si apre al centro della scena con l'orizzonte luminoso che allontana l'occhio tra le rocce. La velocità del dipinto non manca, però di dettagli si può notare nella foglia di fico che copre la nudità di Adamo, chiaro richiamo alla cultura fiamminga del padre. Ciò che stupisce di quest opera, nonostante il pessimo stato di conservazione, è la qualità degna di un dipinto su tavola. La pastosità degli incarnati visibili nel volto del Padreterno, il realismo con cui scava e ombreggia l'arcata sopracciliare, i colori ricercati come il lilla del perizoma di Cristo sono una novità assoluta nella pittura umbra e smentiscono definitivamente la leggenda vasariana di un discepolato presso il Perugino. L'ansiano maestro ha in mano il mercato umbro e Raffaello deve competere direttamente con lui. I Gavari, un'altra potente famiglia di Città di Castello, commissionano in seguito una Pala per la Cappella si San Girolamo, adibita a Cappella funeraria del capofamiglia, nella chiesa di San Domenico. Il soggetto commissionatogli è una Crocifissione. Il dipinto viene eseguito su sei assi di pioppo stagionato legate in senso verticale, la base viene preparata con diversi strati di gesso e colla. Raffaello solitamente usa un fondo giallo per smorzare i contrasti. Il disegno preparatorio viene realizzato a mano libera direttamente sulla Tavola, senza l'utilizzo dello spolvero. La ricercatezza e la preziosità dei pigmenti devono essere consoni al committente, Raffaello Pagina 3 di 12

4 utilizza l'oro per realizzare il sole e l'argento per la luna. Il grande crocefisso è collocato in un paesaggio aperto e limpido, le forme e la luce si sfumano dolcemente, sono lontane dalla secchezza del segno quattrocentesco. La figura del cristo è portata in alto per non avere interferenze dal paesaggio. La testa è inclinata senza mostrare l'abbandono che gli avrebbe tolto regalità. Il corpo è abbandonato ma non sofferente, bello di proporzioni seppure ancora nervosamente calligrafico. Le figure ai piedi della croce in perfetta simmetria, sembrano assorte in una meditazione più che in tragedia. La conquista più matura della pala sta nella densità sfumata del colore, nei panneggi, nella scelta dei contrasti delicati ma anche nella lucentezza della carni, per le quali l'artista non usa più le terre chiare ma il bianco scaldato dal vermiglione e le lacche che sfumano impercettibilmente, creando rossori sui volti delle donne. Filippo Albizzini incarica Raffaello di eseguire la pala con lo Sposalizio della Vergine datata1504. In questo periodo c'è un clima ferocemente competitivo, tra i committenti ancora più che tra gli artisti, e questo spiega perché Filippo chiede a Raffaello una pala con lo stesso soggetto commissionato al Perugino solo pochi anni prima, nel 1499, per un altare del Duomo di Perugia. Attraverso la sfida tra Raffaello e il vecchio maestro umbro per la rappresentazione dello Sposalizio della Vergine, entrano in competizione i due committenti e perfino le due città vicine. Raffaello riprende nel dettaglio la composizione del Perugino ma la rielabora rendendola straordinariamente moderna. Le analogie tra i due dipinti sono numerose: entrambi sono olio su tavola, a forma arcuata nella parte superiore. I due artisti collocano in primo piano i personaggi, al centro vi sono gli sposi con il sacerdote, dal lato dello sposo vengono ci sono gli uomini, mentre dal lato della sposa vengono posizionate le donne. Le due tavole sono tuttavia speculari, il Perugino colloca gli uomini a sinistra mentre Raffaello li colloca a destra. Il gruppo del Perugino si sviluppa in una fila parallela alla tavola, le figure sono schiacciate, quasi sovrapposte. Raffaello dispone le sue figure in cerchio ognuna è sottolineata spazialmente da una circolazione aerea da un livello di dettaglio molto più accentuata. Sullo sfondo di tutte e due le opere domina un tempio posizionato su di una scalinata. Perugino realizza il suo tempio su di una pianta ottagonale, con un portico ogni due lati. Raffaello dipinge un tempio con sedici lati, più vicino alla forma circolare, circondato da un porticato di archi e colonne, che da più ariosità all'edificio. Inoltre Raffaello dispone il tempio su di una scalinata più alta contribuendo a dare uno slancio maggiore alla costruzione. E' probabile che Raffaello si sia ispirato al Tempietto di San Pietro in Montecitorio del Bramante, di cui il pittore può aver visto il progetto. I due artisti sono originari di Urbino ed una profonda amicizia lega Raffaello con l'anziano Bramante. In entrambe i dipinti il senso prospettico è realizzato introducendo una pavimentazione a Pagina 4 di 12

5 scacchiera, meno decisa nel dipinto del Perugino, più marcata in quello di Raffaello. Inoltre in quest'ultimo le linee prospettiche coincidono con gli spigoli della scalinata e dunque, sebbene parallele, sembrano snodarsi a raggiera, creando una sensazione di circolarità, in tema con la scelta del tempio a sedici lati. Altra differenza tra le due opere è il punto di vista, Perugino lo colloca all'altezza degli occhi dei personaggi mentre Raffaello più in alto in modo da lasciare all'osservatore la vista delle tarsie marmoree della piazza. Sanzio innova la scena ambientandovi piccoli episodi di vita quotidiana dell'epoca. Il paesaggio è meno astratto, viene illuminato attentamente da una luce naturale. La sfida viene vinta clamorosamente da Raffaello. 1.3 "Raffaello a Firenze" Nel vasto e vivace orizzonte culturale della Firenze dei primi anni del cinquecento, tra il 1504 ed il 1508, Raffaello arricchisce enormemente il proprio linguaggio figurativo diventando così uno dei maggiori esponenti del Rinascimento Maturo. Quando Raffaello arriva a Firenze la signoria aveva commissionato la decorazione della pareti della Sala del Maggior Consiglio a Palazzo Vecchio ai due maggiori esponenti della pittura, mettendoli in competizione diretta : Leonardo ( la battaglia di Anghiari:il suo intento è quello di effettuare una pittura a olio che possa incorporarsi con l'intonaco, per non aspettare i lunghi tempi dell'asciugatura Leonardo cerca di isolare l'intonaco con la pece. L'affresco viene fissato al muro con l'utilizzo del calore, ma quando l'artista cerca di fissarlo il dipinto si scioglie) e Michelangelo (la battaglia di Cascina, di cui realizza solo il cartone preparatorio, che è andato distrutto). Leonardo rappresenta la figura dell'artista, filosofo e scienziato al tempo stesso. L'approccio scientifico allo studio naturale finalizzato all'arte rappresenta totalmente la contemporaneità. Il disegno di Leonardo fatto con la matita nera e la sanguigna sfumata ottenendo effetti chiaroscurali impressiona Raffaello. Anche il ritratto della gioconda lascia dei segni nel pittore, la figura rappresentata in obliquo e l'espressione delle donne di Leonardo ha lo stesso effetto sul pittore. Michelangelo attacca violentemente tutte le speculazioni leonardesche sui sentimenti e le attitudini, nonché l'atmosfera sfumata. Lui è concentrato sull'anatomia maschile e sulla capacità di esprimere la forza e il sentimento della virilità attraverso la bellezza delle proporzioni. Raffaello sposa la potenza plastica delle madonne scolpite nei tondi di marmo, il pittore può studiare iltondo Doni e iltondo Taddei visto che queste opere sono state realizzate per due dei mecenati per cui esegue dei dipinti. Raffaello lavora per famiglie dell'aristocrazia mercantile fiorentina, eseguendo per loro alcuni ritratti. Fra questi il ritratto del facoltoso mercante e mecenate Agnolo Doni, 1505, qui Raffaello si rifà alla tradizione realistica, biografico - civile più che psicologica, del busto-ritratto fiorentno e ai modelli leonardeschi ( di cui trascura la complessità espressiva per concentrare la propria attenzione sulla fusione atmosferica fra il personaggio e l'ambiente circostante). La figura eretta, tagliata sotto la vita e disposta leggermente di tre quarti domina lo spazio, mentre le direttrici segnate dal bordo della camicia e dalla curva delle braccia introducono alla veduta del paesaggio in lontananza creando un accordo tra il primo piano e lo sfondo. Pagina 5 di 12

6 I volumi appaiono come bloccati entro i confini nitidi e spezzati; questo principio di organizzazione formale verrà trasformato grazie al suggerimento, offerto dalle opere di Leonardo, di una nuova flessibilità di ritmi compositivi, che Raffaello sperimenta nell'elaborazione del tema vinciniano e michelangiolesco della Madonna con il Bambino. La raffigurazione del gruppo sacro spesso arricchita da altre figure, è in questi anni il principale terreno di prova del giovane pittore. La prima opera rivelatrice di una forte influenza leonardesca è La Madonna col Bambino fra due Santi, , detta Madonna di Terranova. I tre fanciulli collegati nella parte inferiore della tavola dai ritmi curvi dei gesti e degli sguardi, conferiscono alla composizione un movimento aggraziato. In altri dipinti come la Madonna detta La bella giardiniera, Raffaello abbandona le composizioni vinciane per attingere ad un vigore plastico e a una fermezza monumentale di volumi suggeriti dalle opere di Michelangelo; ciò che resta dell'influenza leonardesca è un mezzo per approfondire quella ricerca di naturalezza e armonia espressiva che rappresenta il maggior contributo offerto dal giovane Raffaello al Rinascimento maturo. Punto di arrivo di questa ricerca è la Madonna Tempi, 1508, che nel tenero nodo dei personaggi sintetizza una limpida geometria strutturale con un'impressione di assoluta spontaneità e umana concretezza. Anche nella Pala D'Altare La Madonna del Baldacchino, Raffaello stabilisce tra le figure un'animata circolazione di moti e di sguardi che conferisce naturalezza e umanità ai personaggi. Tale soluzione Raffaellesca assieme alla nuova grandiosa ambientazione architettonica e al respiro spaziale creato dalle figure scalate in profondità, fa di questo dipinto un modello per le pale d'altare fiorentino del secondo decennio del secolo. Nella pala con il Trasporto di Cristo (o Pala Baglioni) Sanzio articola le singole figure e i gruppi secondo tese cadenze dinamiche riconducibili ai ritmi michelangioleschi, mentre l'accentuata espressività dei volti rivela, assieme all'influenza leonardesca, la conoscenza di raffigurazioni classiche, forse dello stesso Laoconte ritrovato a Roma nel 1506 e riecheggiato nel viso del terzo portatore a sinistra. Il soggetto è uno dei più drammatici tra quelli affrontati da Raffaello, abituato a tematiche più serene. Si tratta di un tema voluto dalla nobildonna perugina Atalanta Baglioni, come omaggio in ricordo del figlio Grifonetto, ucciso nel Si è ipotizzato che il trasportatore al centro sia un ritratto di Grifonetto, e la madonna addolorata allude al dolore di Atalanta. Lo schema della composizione è classico ma Raffaello trasforma la citazione. Con atteggiamenti più naturali nei personaggi. La donna seduta che sorregge la madonna riprende la torsione della Madonna nel Tondo Doni. 1.4 "Roma" All'inizio del cinquecento il Papa Giuliano della Rovere, salito al soglio pontificio con il nome di Giulio II ( ), elabora un ambizioso programma di iniziative culturali e artistiche che mirano a dare un'immagine monumentale a Roma. Il significato delle imprese artistiche avviate dal pontefice rappresentano i temi centrali Pagina 6 di 12

7 dell'umanesimo, tanto da apparire ad i contemporanei come la realizzazione degli ideali di quella cultura. La nuova Roma apparirà come la solenne continuazione della città imperiale, dove passato e presente si congiungono per dare a essa una prospettiva universale. La ricchezza di contenuti storici e culturali offerta dalla corte papale, l'importanza delle commissioni e il mecenatismo principesco del pontefice sono tali da attirare a Roma gli artisti più importanti del momento. Il quadro della committenza romana è dominato da Giulio II per lui intervengono: Bramante, Michelangelo( per l'ambizioso progetto del suo Mausoleo, per gli affreschi nella Cappella Sistina) e Raffaello (per gli affreschi nelle stanze Vaticane). Giulio II viene succeduto da Leone X ( ) che approfondisce i suoi interessi di archeologia, e usa la sua autorità per approfondire cultura e arte. L'artista di punta è Raffaello che oltre a svolgere la consueta attività pittorica compie lavori di urbanistica e edilizia (dal 1514 è anche Maestro della fabbrica di San Pietro). Sanzio viene incaricato di sovrintendere agli scavi archeologici e conservare le antichità di Roma. Lo studio delle antichità è ora il centro delle attività dell'artista, Raffaello concepisce la conoscenza del mondo greco-romano come una necessità civile e morale per chi voglia operare nel presente: eletta a modello della cultura umanistica, l'antichità rappresenta la realizzazione di quegli ideali di pienezza e armonia di vita a cui l'età moderna nuovamente aspira e anche nell'arte classica hanno trovato la loro più alta e compiuta espressione. Fra le grandi imprese di Giulio II si colloca la decorazione di un nuovo appartamento papale. Il programma iconografico della prima stanza (certamente studiato da un teologo), con funzione di biblioteca e studio privato del Papa, affrescato da Raffaello ( ) si propone di rappresentare le tre massime categorie dello spirito umano: il vero, il bene e il bello. Il VERO soprannaturale è illustrato nella Disputa del SS: Sacramento (o la teologia), quello razionale nella Scuola di Atene (o la filosofia); il BENE è espresso nella rappresentazione delle Virtù cardinali e Teologali e della Legge mentre il BELLO nel Parnaso con Apollo e le Muse. Gli affreschi della Volta si legano alle scene sottostanti; le figure allegoriche della Teologia, Filosofia, Giustizia e Poesia alludono, infatti, alle facoltà dello spirito dipinte sulle corrispettive pareti. Sulle pareti lunghe si fronteggia la Disputa del SS: Sacramento e la Scuola di Atene ; sulle due pareti più piccole, con le finestre, si fronteggiano Virtù cardinali, Teologali e della Legge e il Parnaso. Queste quattro scene corrispondono anche alle quattro facoltà delle università medievali, rispettivamente la Teologia, la Filosofia, la Giurisprudenza e la Poesia. Il vero Teologico e il vero razionale, la rivelazione cristiana e la sapienza antica si affrontano nelle due scene della Disputa del SS: Sacramento e la Scuola di Atene, e la loro concordanza si esprime attraverso un sistema simmetrico di corrispondenze compositive. In entrambe la prospettiva è utilizzata come principio di gerarchia. L'impostazione centralizzata e simmetrica individua nel fuoco prospettico il nucleo ideale delle rappresentazioni, che nella Disputa del SS. Sacramento è costituito dall'ostia consacrata, e nella Scuola di Atene dalle figure dei due sommi filosofi dell'antichità. Platone e Aristotele i cui gesti simboleggiano i massimi sistemi del pensiero classico, l'idealismo e il realismo. Platone, dipinto con le sembianze di Leonardo, regge in mano la sua opera Timeo ed indica il Pagina 7 di 12

8 cielo con un dito ( indica la necessità dell'uomo a stringere un rapporto con dio), mentre Aristotele regge l'etica e rivolge il palmo della mano verso terra rivolgendosi al mondo terreno e alla volontà dell'uomo di studiare il mondo della natura e di essere in contatto con essa. Attorno a loro ed ad altri filosofi e matematici sono raccolti in gruppi i loro seguaci. All'estrema sinistra c'è Epicuro, alle cui spalle è presente Federico Gonzaga fanciullo. Al centro, in primo piano, c'è Eraclito con le sembianze di Michelangelo che appoggia il gomito su un grande blocco, mentre all'estrema destra troviamo Euclide, con i tratti di Bramante, che disegna a terra. Unica donna della scena, sulla sinistra, è la matematica di Alessandria Ipazia, che sembra anche essere l'unico personaggio della scena con cui l'osservatore possa entrare in comunicazione nessun altro infatti volge lo sguardo verso di lui. Infine, i due giovani che si trovano all'estrema destra, in vesti contemporanee all'epoca della creazione dell'affresco, sono degli autoritratti di Raffaello stesso con l'amico e collega Sodoma. Gli studiosi pensano che il ritratto di Eraclito sia stato aggiunto in seguito, ad opera compiuta. Infatti nella Pinacoteca Ambrosiana a Milano è conservato il cartone finale disegnato di proprio pugno da Raffaello, dove non compare la figura di Eraclito. Probabilmente l'autore, dopo aver visto gli affreschi della Cappella Sistina si è sentito in dovere di aggiungere il ritratto del suo rivale nell'affresco, dandogli le sembianze di un filosofo greco. Nella Disputa l'asse centrale raccoglie le figure del Padre, del Figlio tra la vergine e il San Giovannino e dello Spirito Santo i cui raggi dorati creano un collegamento visivo e concettuale tra la Trinità e l'eucarestia. attorno a questo perno ruotano tre grandi emicicli sovrapposti lungo i quali è raccolta come in un'abside una moltitudine di personaggi terreni e celesti, uniti nella celebrazione corale dell'incoronazione del Verbo. Nella Scuola di Atene una gigantesca navata che sviluppa le sue campate come solenni archi di trionfo assicura un impianto unitario alla folla rappresentata. La poesia è rappresentata nel Parnaso, dove le figure di Apollo tra le muse Ed i poeti antichi e moderni illustrano l'accordo tra mondo classico e spiritualità cristiana. L'occasione per un grande affresco di soggetto classico è data a Raffaello dal ricchissimo banchiere Agostino Chigi, che durante un'assenza del papa era riuscito ad assicurarsi un'opera del pittore. Sanzio interviene nella decorazione di una grande sala della villa La Farnesina, progettata da Baldassarre Peruzzi, con un affresco il cui soggetto si rifà alla descrizione di un antico dipinto raffigurante il trionfo di Galatea (1511). Al ritorno del Papa Raffaello riprende i lavori in Vaticano. La situazione d incertezza in cui versa la Santa sede spinge il papa Giulio II a cercare negli affreschi della seconda stanza, destinata alle pubbliche udienze, un'esplicita rappresentazione dell'appoggio divino della Chiesa nel corso della sua storia e un'esaltazione della propria politica universalistica. Raffaello abbandona il tono di chiarezza dimostrativa con cui aveva trattato i temi della Stanza della Segnatura, e affronta i soggetti storici della Stanza di Eliodoro ( ), riuscendo a sviluppare una rappresentazione drammatica. Questo cambiamento di stile è probabilmente dovuto anche al fatto che Raffaello vede la Cappella Sistina. Le figure vengono rappresentate con un nuovo potenziamento eroico e compare anche un dinamismo compositivo chiaroscurale. Pagina 8 di 12

9 Nell'episodio della Cacciata di Eliodoro dal Tempio, tratto dall'antico Testamento, lo spazio creato dalla profonda e tenebrosa navata solcata da lampi dorati crea una forte illusione di sfondamento della parete. La scena si articola lungo due direttrici distinte, quella di sinistra formata dai personaggi protesi a osservare l'evento miracoloso, l'altra, quella di destra, costituita dai messi divini che con moto impetuoso atterrano l'empio di Eliodoro. Esse creano nella composizione delle violente tensioni dinamiche che danno efficacia alla flagranza dell'intervento divino. La suggestione emotiva della Liberazione di San Pietro da carcere è dovuta al trattamento della luce, che diviene la protagonista dell'immagine. Ai momenti successivi all'azione corrisponde una diversa caratterizzazione delle fonti luminose-, il freddo chiarore della luce lunare, il balenare delle fiaccole e dei riflessi metallici delle corazze, lo splendore emanato dall' angelo- che contrastano con le tenebre della cella e della notte e, nel contempo, siglano l'unità della composizione senza più bisogno di schemi geometrici di supporto. Il nuovo stile di Raffaello mira ora a istituire con lo spettatore un'intensa comunicazione emotiva. Negli anni romani l'attività di ritrattista di Raffaello rappresenta un momento minore del suo lavoro, sono soltanto manifestazioni di affetto o gesti di obbligo nei confronti di grandi mecenati. Nell'esecuzione dei ritratti il pittore riprende schemi già presenti nei suoi periodi precedenti introducendo variazioni tese ad animare dall'interno i personaggi. Nel ritratto di Giulio II ( ) la dignità del personaggio nasce dalla rappresentazione immediata della personalità fisica e psicologica dell'uomo. Risalta lo sguardo abbassato carico di tutta la tensione emotiva e di tutta la stanchezza del vegliardo. Il punto di vista rialzato e il taglio diagonale della Figura e della stanza posto in evidenza dall'angolo delle pareti suscitano nell'osservatore la sensazione di trovarsi in piedi a fianco del Pontefice. Nel Ritratto di BaldassarreCastiglione ( ) il taglio del braccio e delle mani sono inconsueti, fissando l'altezza dello sguardo del gentiluomo crea una sensazione di intimità.. La carica emotiva del dipinto deriva dal rapporto stabilito con il riguardante e dall'espressione di vitalità trattenuta. Il ritratto è dimostrazione della stima di Sanzio nei confronti di Castiglione. Nelle immagini sacre il processo di umanizzazione delle figure divine, iniziato da Raffaello con le Madonne fiorentine, giunge in questi anni a produrre un effetto d intensa vicinanza e concreta presenza dei personaggi. Il nuovo Papa Leone X è un'amante del lusso e della cultura grazie a questo Raffaello può allargare il campo delle proprie esperienze. Nella terza stanza dell'appartamento papale ( ), destinata ai pranzi di cerimonia, Raffaello trae dai nuovi orientamenti culturali uno stimolo per l'invenzione artistica. I soggetti prescelti si riferiscono a episodi dei regni di Leone III e Leone IV, allusivi ad avvenimenti del papato di Leone X e volti a rafforzare l'idea del potere della Chiesa Cattolica. La tensione che aveva sostenuto la rappresentazione delle prime due sale lascia il posto alla celebrazione del Papa regnante. La scena Dell'incendio di Borgo (1514) raffigura l'intervento di Leone IV che impartendo la benedizione estingue un incendio divampato nel quartiere romano di Borgo. L'evento è rappresentato in tre momenti distinti, coordinati grazie ai diversi orientamenti direzionali di architetture che e figure che collegano i due gruppi in primo piano, dando il Pagina 9 di 12

RAFFAELLO. Autoritratto, 1506 ca

RAFFAELLO. Autoritratto, 1506 ca Vol II, pp. 446-459 459 RAFFAELLO Autoritratto, 1506 ca 1483-1520 1520 LA VITA 1483 nasce a Urbino figlio di un pittore Va a bottega dal padre e si educa alla corte dei Montefeltro Allievo del Perugino

Dettagli

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA Madonna del Granduca, 1506, Galleria Palatina, Palazzo Pitti, Firenze Il dipinto è così denominato perché fu acquistato dal granduca di Toscana Ferdinando III nel 1799, per

Dettagli

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine La vita e le opere Per capire bene alcuni aspetti dell arte del primo Rinascimento, proviamo ad analizzare

Dettagli

111028_GoriRaffaello, Pagina 1 di 6

111028_GoriRaffaello, Pagina 1 di 6 111028_GoriRaffaello, Pagina 1 di 6 RAFFAELLO Nato a Urbino il 28 marzo del 1483 e figlio del pittore Giovanni Santi, Raffaello può essere ricordato come colui che ha fatto dello della bellezza e dell

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore. Titolo. Datazione 1597-1598 Dimensioni 47 x 62 cm Tecnica

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore. Titolo. Datazione 1597-1598 Dimensioni 47 x 62 cm Tecnica SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO A - DATI PRELIMINARI Autore Michelangelo Merisi detto il Caravaggio (ca 1571-1610) Titolo Canestra di frutta Datazione 1597-1598 Dimensioni 47 x 62 cm Tecnica Olio su tela

Dettagli

LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli. Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo

LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli. Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo Dati informativi dell opera Tipologia: Dipinto Autore: Sandro Botticelli (Alessandro Filipepi, Firenze1445-1510)

Dettagli

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331 MANESIOMO e RINASCIMENTO Vol II, pp. 322-331 331 XV-XVI XVI Rinascimento Scoperte geografiche e nuovo impulso a commercio ed economia ridanno fiducia nella scienza,, nella ragione e nell esperienza, quindi

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: BOPS080005@ISTRUZIONE.IT PROGRAMMA SVOLTO a.s.

Dettagli

Dal rinascimento al manierismo

Dal rinascimento al manierismo Dal rinascimento al manierismo Gia da Da Vinci, Bramante, Michelangelo e i grandi del rinascimento si ha un certo superamento della perfezione e dell equilibrio classico caratteristici dell arte e dell

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445 LEONARDO DA VINCI Vol II, pp. 436-445 445 1452-1519 1519 la vita 1452 nasce a Vinci 1469 va a bottega dal Verrocchio 1476 è accusato di sodomia e assolto 1482 si trasferisce a Milano e lascia incompiuta

Dettagli

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569. Titolo. Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569. Titolo. Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO A - DATI PRELIMINARI Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569 Titolo Nozze di contadini Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica Olio su tavola Materiali

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Prepareremo con le nostre mani i pigmenti puri al tuorlo d uovo, lavoreremo con mine di piombo o di stagno lumeggiate a biacca e tanto altro

Prepareremo con le nostre mani i pigmenti puri al tuorlo d uovo, lavoreremo con mine di piombo o di stagno lumeggiate a biacca e tanto altro L'Associazione Culturale ARS ARTIS è stata fondata nel 2014 da un gruppo di giovani animati dal desiderio di rendere l'arte, quella con la "A" maiuscola, accessibile a tutti, anche a chi fino ad oggi ha

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC

LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC Di certo da oltre 400 anni, è stata ed è ancora, la tela più bella e affascinante conservata a Triggiano. Ma come già ampiamente descritto nel

Dettagli

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Istituto Comprensivo «G.B.Toschi» Baiso Concorso di idee io amo i beni culturali 2012-2013 L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Una stanza per l arte Lo Studiolo Lo studiolo è un ambiente

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

PICCOLI ARTISTI CRESCONO

PICCOLI ARTISTI CRESCONO SCUOLA DELL' INFANZIA PARITARIA LEONARDO ZANNIER FOSSALTA DI PORTOGRUARO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA: PICCOLI ARTISTI CRESCONO Anno scolastico 2014/2015 PREMESSA La scelta di lavorare con il colore è motivata

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro.

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro. Exposition Mantegna 26 septembre 2008-5 janvier 2009 Percorso per bambini Andrea Mantegna è un artista che ha dato molta importanza ai dettagli. Guardare da vicino la sua pittura aiuta a capire il suo

Dettagli

L arte come gioco di forme e colori. a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea

L arte come gioco di forme e colori. a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea L arte come gioco di forme e colori a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea Le forme di Kandiskij Scrive Kandinskij: Oggi il punto può significare qualche volta nella pittura più di una

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

11-e. TARDO RINASCIMENTO

11-e. TARDO RINASCIMENTO 11-e. TARDO RINASCIMENTO RAFFAELLO SANZIO Raffaello (Urbino 1483 - Roma 1520) insieme a Leonardo e Michelangelo è al vertice della stagione artistica rinascimentale. Pur attivo anche come architetto, Raffaello

Dettagli

Guerrino Bardeggia. Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100. servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli

Guerrino Bardeggia. Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100. servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli Guerrino Bardeggia Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100 servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli E sempre più difficile individuare esattamente cosa sia Arte. Dall impressionismo

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COLORI

IL SIGNIFICATO DEI COLORI IL SIGNIFICATO DEI COLORI Per scegliere il colore delle pareti di casa bisogna prima apprendere il significato di ognuno, questa guida ti aiuterà ad avere più consapevolezza sull effetto che si può ottenere.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA I percorsi proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi all interno della Pinacoteca di Brera sono condotti grazie all ausilio di materiale didattico, appositamente

Dettagli

IL PLATONISMO RINASCIMENTALE

IL PLATONISMO RINASCIMENTALE IL PLATONISMO RINASCIMENTALE Il recupero della cultura classica durante l'umanesimo portò alla riscoperta dei testi di Platone. Questa fu favorita anche da alcune circostanze storiche: Concilio di Ferrara

Dettagli

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino -E BIANCA MARIA? -E BIANCA SFORZA? -E UN ALTRA PERSONA? -E OPERA DI LEONARDO? -E OPERA

Dettagli

Esempi di restauro di opere d arte. Francesco Morante

Esempi di restauro di opere d arte. Francesco Morante Esempi di restauro di opere d arte Francesco Morante Il Laocoonte La scultura di età ellenistica nota come il Gruppo del Laocoonte, fu ritrovata a Roma nel 1506, nei pressi della Domus Aurea. Il gruppo

Dettagli

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate La Venaria Reale Ogni volta, lo stupore della bellezza Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate Dall 11 ottobre 2014 all 8 febbraio 2015 Mostra compresa nel percorso di visita Teatro di Storia e Magnificenza

Dettagli

Cinquecento Michelangelo Scultura

Cinquecento Michelangelo Scultura Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, Pietà, 1497-1499. Marmo, altezza 174 cm, larghezza 195 cm. Roma, Basilica di San Pietro. 1 Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, David, 1501-1504.

Dettagli

LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente.

LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente. LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente. La mostra è indubbiamente bella, emozionante e suggestiva nonché ricca; si tratta, però, di una ricchezza dovuta

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Scuola di Pittura e Disegno

Scuola di Pittura e Disegno CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA Viale Appio Claudio 289 (Metro A Giulio Agricola) Tel: 06.71546212 3462179491 www.erbasacra.com; erbasacra@erbasacra.com Scuola di Pittura e Disegno Docente: Arch. Carlo Floris

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE

DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE In occasione della mostra Raffaello: la Madonna del Divino Amore (17 marzo 28 giugno 2015) il Dipartimento

Dettagli

CORSI DI PITTURA. DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta

CORSI DI PITTURA. DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta CORSI DI PITTURA DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta Il corso è aperto a tutti, anche a chi non ha mai disegnato o dipinto. L'obiettivo di questo corso è la scoperta delle qualità interpretative di ognuno.

Dettagli

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso La cornice La cornice che racchiude attualmente la pala è opera seicentesca (si ipotizza una data intorno al 1623): lavoro complesso e fastoso a testimonianza della grande considerazione in cui era tenuto

Dettagli

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa Tecniche e Colori Esperto: Oriana Sessa Teoria dei colori Il coloreè una grandezza tridimensionale e la sola ruota dei colori non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia,

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Cos è il Piano di Gestione Obbligo principale di un sito UNESCO è quello di

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI CLASSE TERZA TURISMO Libro di testo: Itinerario nell arte vol. 1, a cura di Cricco e Di Teodoro. 1) Il problema della creazione artistica. La definizione di arte. 2) Il mondo primitivo e le prime manifestazione

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e

Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e dall opera di Alberti e di Piero della Francesca. Nella

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed. Impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedutmo, Romanticmo ed. Impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed Impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem. MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.it I Musei di Palazzo dei Pio si compongono di due percorsi, il

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Ottocento Realismo e Macchiaioli

Ottocento Realismo e Macchiaioli Entro un vasto ambiente sono riunite, attorno al pittore, numerose persone, raccolte in due gruppi distinti. A sinistra sono rappresentati vari personaggi, indicanti ciascuno una categoria sociale o un

Dettagli

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Per gruppi di catechismo e oratori PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Il, inaugurato nel novembre 2001, sorge nei Chiostri di Sant Eustorgio, uno dei luoghi più significativi della città per quanto

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

GIOTTO Autore Giotto? Data 1295-1299 circa Tecnica affresco Dimensioni 230 270 cm. Notevolissima, per l epoca, è l ambientazione architettonica

GIOTTO Autore Giotto? Data 1295-1299 circa Tecnica affresco Dimensioni 230 270 cm. Notevolissima, per l epoca, è l ambientazione architettonica GIOTTO Autore Giotto? Data 1295-1299 circa Tecnica affresco Dimensioni 230 270 cm Notevolissima, per l epoca, è l ambientazione architettonica di una stanza illusionisticamente aperta nella parete, che

Dettagli

Il ciclo degli affreschi di Assisi

Il ciclo degli affreschi di Assisi Giotto ad Assisi Il ciclo degli affreschi di Assisi la fonte iconografica a cui attingono gli affreschi della basilica di Assisi è un testo scritto da Bonaventura Da Bagnoregio sulla vita di San Francesco.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Istituto Superiore Arturo Checchi Fucecchio

Istituto Superiore Arturo Checchi Fucecchio MARCO VOLTERRANI V D A.S. 2010-2011 Istituto Superiore Arturo Checchi Fucecchio Arturo Checchi Tramonto a Perugia Indice : 1- Schedatura dell opera scelta 2- Confronto con altra opera dello stesso artista,ma

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 30 giugno 2002 La domenica con Gesù Tempo Ordinario Domenica 30 giugno 2002 Accogliere Gesù L'artista della settimana Loredana Sommaiuolo Colori in movimento "Abbasso

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

LISTA DELLE OPERE IN MOSTRA. Raffaello Dama col Liocorno, 1505 ca. Olio su tavola, 65x 51 cm Roma, Galleria Borghese

LISTA DELLE OPERE IN MOSTRA. Raffaello Dama col Liocorno, 1505 ca. Olio su tavola, 65x 51 cm Roma, Galleria Borghese LISTA DELLE OPERE IN MOSTRA Dama col Liocorno, 1505 ca. Olio su tavola, 65x 51 cm Roma, Galleria Borghese Ritratto di giovane donna (La Fornarina), 1518 1519 Olio su tavola, 85 x 60 cm Roma, Galleria Nazionale

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 PIENZA: la città ideale di Paolo Castellani febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 Su una collina allungata a dominio della Val d Orcia, persa in una sinfonia di colli dolcissimi e di bianchi calanchi, tra file

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli