Apostolo San Pietro, dittico di Pietro e Paolo, legno dipinto, III- IV sec d.c., da San Giovanni in Laterano, Cappella del Sancta Sanctorum, Roma,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Apostolo San Pietro, dittico di Pietro e Paolo, legno dipinto, III- IV sec d.c., da San Giovanni in Laterano, Cappella del Sancta Sanctorum, Roma,"

Transcript

1

2 Caro studente o sconosciuto internauta, Come ogni rivista che si rispetti anche la nostra proporrà dei numeri speciali. Il loro contenuto non è farina del nostro sacco, ma come da migliore tradizione corsara, esso è frutto del nostro saccheggio. Ci auguriamo che il perdono di Dio e degli uomini per questa nostra azione non tardi. Come sola giustificazione la nostra natura di corsarigentiluomini, che ci impedisce di trarre ogni lucro da quanto fatto. Questo primo special è dedicato alle memorie dei Santi Pietro e Paolo custodite nella Città di Roma. Come Roma ha reso grande il mondo antico, così il cristianesimo, attraverso la presenza di Pietro e Paolo, ne ha suggellato il titolo di Città Eterna Venite post nobis

3 La mostra dedicata agli apostoli Pietro e Paolo, nell'anno giubilare che segna l'inizio del terzo millennio cristiano, intende puntare l'attenzione alle origini della storia che segna la centralità della chiesa di Roma. A essa, sin dagli inizi, le comunità cristiane hanno guardato come al proprio punto di riferimento, perché in essa avevano dato la testimonianza del sangue gli apostoli Pietro e Paolo. L'uno per aver ricevuto il mandato da Cristo risorto (Mt. 16, 19); l'altro per essere l'apostolo delle Genti, costituiscono "le colonne" della Chiesa, ne attestano l'unico fondamento, che è Cristo, ne indicano l'universalità. I luoghi della memoria vennero segnalati sin dalle prime generazioni cristiane come patrimonio di riferimento e di irradiazione per la vita di tutta la Chiesa; il pellegrinare presso quei luoghi venne vissuto come evento privilegiato di un rapporto vivo ed efficace con coloro che più da vicino avevano seguito e testimoniato Cristo. Nel rapporto familiare con gli apostoli, il popolo cristiano ha cercato, conservato, custodito segni e tradizioni il cui significato possiamo comprendere attraverso i resti materiali e le fonti scritte, nel loro inesauribile intreccio di immagini e richiami. A Roma, per la percezione della continuità viva del ministero di Pietro attraverso il suo successore, è continuato attraverso tutti i secoli l'itinerario della fede e della conversione.

4 Sin dalla metà del I secolo a.c. si hanno testimonianze sulla consistenza della comunità giudaica presente a Roma: Cicerone allude a una "moltitudine di Giudei" (Pro Flacco 28). Frequenti legazioni inviate dalla Giudea a Roma e attività commerciali ne determinarono l'origine e lo sviluppo. Vi si aggiunsero i prigionieri tratti a Roma dalle campagne militari e certamente vi affluirono, da varie provenienze, ebrei della diaspora. Dalle iscrizioni ritrovate in diversi cimiteri romani, si ha notizia di ben tredici sinagoghe e si ha ragione di pensare che il termine indicasse, più che il luogo di culto, diverse comunità che si riconoscevano dal nome del loro protettore. Giulio Cesare fu amico dei giudei e lo furono personaggi della famiglia di Augusto, nonché Poppea, potente alla corte di Nerone e poi sua moglie. Ma al tempo di questo imperatore (54-68), il filosofo Seneca -critico severo della vita di corte -scriveva con poca simpatia delle osservanze giudaiche, soprattutto di quella del sabato (De superstitione, di cui parla Agostino nel libro VI della Città di Dio). Intorno alla metà del I secolo si calcola che i giudei residenti in Italia, ma concentrati principalmente a Roma, potessero essere tra trentamila e sessanta mila. Gli imperatori Tiberio e Claudio furono loro tutt altro che favorevoli, secondo le notizie che abbiamo dallo storico Svetonio, Quest ultimo, in particolare, narra nella sua Vita dell Imperatore Claudio (25,4), che nell anno 49 il sovrano espulse da Roma i Giudei a causa di agitazioni venutesi a creare nel loro ambiente. Aggiunge inoltre che si trattava di disordini nati a causa di un personaggio di nome Chrestos. Interpretando questo nome come una deformazione di Christos, la notizia è stata considerata spesso come l'indicazione più antica della diffusione a Roma del messaggio cristiano, per mezzo di comunicazione spontanea, inizialmente, nell'ambiente della comunità giudaica. Interpretazioni diversificate del messaggio evangelico avrebbero generato divergenze e conseguenti disordini. Ma, in assenza di altri riscontri, questa particolare notizia è da considerare generica. In testi da non intendere come cronache, ma tuttavia indicativi dell'universalità del messaggio cristiano, si possono rintracciare alcuni indizi riguardo alle prime adesioni al Vangelo: tra i giudei e proseliti provenienti da molte regioni dell'impero e presen ti a Gerusalemme il giorno di Pentecoste,

5 quando Pietro pronunciò il suo discorso e si ebbero le prime conversioni, gli Atti degli Apostoli segnalano anche "forestieri romani" (Atti 2, 10). Si può intravedere l'avvio della prima diffusione del cristianesimo: attraverso la mobilità tra le province e la capitale, i primi recettori dell'annuncio evangelico ne divennero i comunicatori, anche se in forma incipiente, nell'ambiente dei giudei e dei proseliti. Dagli Atti degli Apostoli conosciamo inoltre Aquila, un giudeo giunto a Corinto dall'italia, con sua moglie Priscilla, in seguito al decreto di espulsione dei giudei da Roma emanato dall'imperatore Claudio (49). Presso di loro, a Corinto, abitò e lavorò Paolo (Atti 18,2-3). Si può pensare a un loro successivo ritorno a Roma e alla loro testimonianza come cristiani nella capitale (cfr. Rom. 16,3). Nel Nuovo Testamento, d'altra parte, non mancano indizi di adesione a Cristo anche da parte di personaggi chiaramente provenienti dal paganesimo e protagonisti di mobilità tra le province e Roma, in ragione del loro lavoro: si pensi a episodi, di carattere emblematico, come quello del centurione che, dopo avere assistito ai momenti drammatici della morte di Gesù in croce, esclamò: "Veramente quest'uomo era il Figlio di Dio!" (Mc. 15, 39); e al racconto degli Atti degli Apostoli riguardo al centurione Cornelio, della coorte italica di stanza a Cesarea di Palestina: egli, "uomo giusto e timorato di Dio", si rivolge a Pietro per essere istruito insieme ai suoi familiari e ai suoi amici, e dall'apostolo riceve il battesimo (Atti 10, 1-48). l cristiani a Roma intorno al 56 "La fama della vostra fede si espande in tutto il mondo" Con queste parole, all'inizio della Lettera ai. Romani O, 8), l'apostolo Paolo si rivolge ai cristiani di Roma verso il ed esprime il desiderio -che più volte gli è stato difficile realizzare -di recarsi presso di loro per comunicare i doni spirituali ricevuti, per la reciproca edificazione nella fede e per estendere l'annuncio del Vangelo (Rom. 1,10-14). La comunità cristiana di Roma, a quella data, è pertanto già consistente e viva anche se bisognosa di essere fortificata dall' insegnamento dell'apostolo (cfr. Rom. 1,11). Paolo, tuttavia, non riuscì ancora a realizzare il suo desiderio. A Roma egli giunse solo durante la primavera del 61, nella condizione di prigioniero, condottovi dopo l'arresto avendo egli chiesto di avvalersi del diritto di essere giudicato nella capitale in qualità di cittadino romano (cfr. Atti 28, 19). A Roma la comunità giudaica, dopo l'espulsione del 49, si era ricostituita rapidamente, e sono i giudei coloro a cui per primi si rivolge Paolo, così come aveva sempre fatto in ogni tappa delle sue missioni. Dopo appena tre giorni dal suo arrivo nella capitale, l'apostolo -in condizione di "arresti domiciliari" e in attesa di giudizio - convocò i più in vista tra i giudei (Atti 28, l7): "Fissatogli un giorno, vennero in molti da lui nel suo alloggio; egli dal mattino alla sera espose loro accuratamente, rendendo la sua testimonianza, il regno di Dio, cercando di convincerli riguardo a Gesù, in base alla Legge di Mosè e ai Profeti. Alcuni aderirono alle cose da lui dette, ma altri non vollero credere e se ne andavano discordi tra loro" (Atti 28, 23-25). Apostolo San Pietro, dittico di Pietro e Paolo, legno dipinto, III- IV sec d.c., da San Giovanni in Laterano, Cappella del Sancta Sanctorum, Roma,

6 Fronte di sarcofago con vittorie, geni stagionali e menorah Fine del III-inizi IV secolo. Marmo bianco 69x126x6 cm Roma, Museo Nazionale Romano Vetro dorato con decorazione giudaica IV secolo Vetro (fondo verdastro, piede incolore) e foglia d'oro, h 0,5 cm (max), Ø 11 cm max) Città del Vaticano, Musei Vaticani

7 L'arrivo di Paolo a Roma Gli Atti degli Apostoli ci narrano in dettaglio il viaggio di Paolo da Cesarea di Palestina a Roma (capp ). L'ultima tappa si compie da Pozzuoli alla capitale; prima di giungervi, egli riceve una duplice gradita accoglienza: "l fratelli di Roma, avendo avuto notizie di noi, ci vennero incontro fino al Foro di Appio e alle Tre Taverne. Paolo, al vederli, rese grazie a Dio e prese coraggio. Arrivati a Roma, fu concesso a Paolo di abitare per suo conto con un soldato di guardia" (Atti 28,15-16). Le località nominate lungo il percorso della via Appia sono di difficile localizzazione. L'ingresso a Roma avvenne attraverso la Porta Capena, oggi San Sebastiano. Paolo ai cristiani di Roma perché non vi sia alcuna divisione nella Chiesa "Ciascuno di noi cerchi di compiacere il prossimo nel bene, per edificarlo. Cristo infatti non cercò di piacere a se stesso... Ora, tutto ciò che è stato scritto prima dì noi, è stato scritto per nostra istruzione perché in virtù della perseveranza e della consolazione che ci vengono dalle Scritture teniamo viva la nostra speranza. E il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti ad esempio di Cristo Gesù, perché con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio Padre del Signore nostro Gesù Cristo. Accoglietevi perciò gli uni gli altri come Cristo accolse voi, per la gloria di Dio. Dico infatti che Cristo si è fatto servitore dei circoncisi in favore della veracità di Dio, per compiere le promesse dei padri; le nazioni pagane invece glorificano Dio per la sua misericordia, come sta scritto: 'Per questo ti celebrerò tra le nazioni pagane e canterò inni al tuo nome' [salmo 18, 50]. E ancora: Rallegratevi, o nazioni, insieme al suo popolo [Deuteron ,43]; (Rom. 15, 2-10) Lapide sepolcrale di "Calevius" 400, Marmo grigio venato a grana fine, 24,7 x 25 x 3 cm Urbino, Galleria Nazionale delle Marche, Museo Lapidario

8 In quest'epoca cambia la religiosità tradizionale pagana, sentita come insufficiente a rispondere alle domande religiose ed esistenziali dei fedeli. Parallelamente allo scetticismo filosofico delle classi alte si diffondono i culti misterici, cioè praticati da iniziati, spesso di provenienza orientale, come per esempio il culto di Iside e di Serapide dall'egitto, quello di Cibele dall'asia Minore, quello del Sole Invitto dalla Siria, quello di Mitra con radici persiane. Si assiste a una sorta di sperimentalismo religioso che tende a unire divinità differenti in una stessa figura, a conferire a una divinità titoli e attributi caratteristici di altre, ad associare culti originariamente senza rapporto. In termini tecnici tutto ciò si definisce "sincretismo". Questa spiritualità viene anche teorizzata: alla fine del IV secolo Simmaco, leader dei senatori pagani, sostiene che la ragione non può riconoscere il vero Dio e che quindi "non si può giungere per una soia via a un così profondo mistero". È un'implicita polemica con i cristiani, che si richiamano invece alla Rivelazione e che considerano Cristo unica via (Gv. 14,6). A livello più popolare, l'inquietudine spirituale si mostra anche nella maggiore frequenza del ricorso agli amuleti, che talvolta uniscono al repertorio simbolico pagano anche elementi di origine ebraica o cristiana. Nello stesso periodo nasce una letteratura che, partendo da personaggi storici, come Apollonio di Thyana e Apuleio, li trasforma in personaggi mitici, in maghi-filosofi e in "santoni" pagani autori di miracoli, talvolta in contrapposizione con Cristo. Anche nell'arte funeraria si colgono riflessi di queste tendenze: guadagnano fortuna i sarcofagi che rappresentano il defunto tra filosofi e muse in un contesto idilliaco: una sorta di "Arcadia" ante litteram. Anche i fanciulli si trovano raffigurati come filosofi, in quanto la sapienza è ormai un'illuminazione donata dall'alto, più che il risultato di un esercizio intellettuale. Queste tendenze artistiche saranno reinterpretate dai cristiani, che utilizzeranno il paesaggio bucolico per alludere al Paradiso e l'immagine del sapiente illuminato e carismatico per sviluppare le iconografie del Cristo e dei santi.

9 Bustino di Giove Sabazia II-IlI secolo Bronzo, realizzato per fusione, h 25 cm Città del Vaticano. Musei Vaticani. Antiquarium del Museo Gregoriano Etrusco

10 Gemma Corniola, 2,1 x 1,5 x 0,5 cm Roma, Anriquariuln Comunale

11 Frammento di sarcofago con il mito di Prometeo Prima metà del III secolo Marmo pario, 35 x 42 x 7/9 cm Città del Vaticano, Pontificia Commissione di Archeologia Sacra

12 Il "Miracolo della pioggia" La scena rappresenta un episodio avvenuto tra il 172 e il 173, durante le campagne di Marco Aurelio contro i Quadi: un'abbondante pioggia improvvisa (qui personificata) salva i soldati romani assetati e accerchiati. È la prima volta che un evento miracoloso compare nell'arte romana. Il primo a parlare di questo episodio è Tertulliano (197), che l'attribuisce alle preghiere dei soldati cristiani presenti nell'esercito, seguito da altri autori cristiani. Tra i pagani, invece, Cassio Dione (inizi del III secolo) riferisce che Marco Aurelio avrebbe attribuito il prodigio genericamente agli dei -in accordo con la visione stoica di quest'imperatore -mentre altri ne davano il merito al mago egiziano Arnoufis, che avrebbe pregato "l'hermes dell'aria"; forse il dio egiziano Thot in vesti ellenizzate. Più tardi il retore Temistio (381) attribuisce il miracolo alle preghiere dello stesso Marco Aurelio e infine il poeta Claudiano ( ) chiama in causa le arti magiche del mago caldeo Giuliano il Teurgo. Benché si Tratti di una vicenda minore, è interessante in quanto mostra le interpretazioni che cristiani e pagani danno della storia a partire da diverse prospettive teologiche. In ambito pagano, inoltre, convivono spiegazioni parallele che ricordano il discorso già citato del senatore Simmaco sulle molte vie necessarie per giungere alla divinità. È evidente, la ricerca del meraviglioso e l'interesse per figure di maghi o comunque di personaggi che partecipano del soprannaturale. «Miracolo della pioggia»: Rilievo dalla Colonna Antonlino Fine del Il secolo Calco in gesso alabastrino, 140 x 210 x 40 cm Roma, Museo della Civiltà Romana

13 Negazione di Pietro V o VI secolo Avorio, 17,7 h X 4,6 X 0,6 cm (h max) Parigi, Musée du Louvre, Département des Objets d'art Un anno cruciale: il 64 Lo storico Tacito, che descrive a tinte fosche la personalità dell'imperatore Nerone, narra che questi, nel 64, preso da istrionica follia fece incendiare Roma e poi, per distogliere da sé l'odio del popolo, incolpò i cristiani, sui quali peraltro già circolavano pregiudizi e dicerie infamanti. Fu così che, secondo questa fonte: "Si cominciò a colpire coloro che confessavano la loro fede e poi, sempre dietro la loro confessione, molti altri che furono incolpati non del crimine dell'incendio, ma di odio contro il genere umano. Non ci si accontentava di farli perire: se ne fece un trastullo vestendoli di pelli di bestie perché fossero sbranati dai cani oppure furono legati a croci o pali di materie infiammabili e, a sera, rischiaravano le tenebre come torce. Nerone aveva offerto i suoi giardini per questo spettacolo e dava giochi nel circo, dove a volte vestito da cocchiere si mescolava alla folla, altre volte partecipava alla corsa sul suo cocchio. Così, quantunque questa gente fosse colpevole e degna di grandi castighi, si aveva pietà di loro perché si sapeva che non per interesse pubblico, ma per crudeltà di uno solo li si faceva sparire» (Tacito, Annali 15,44)

14 Alla fine del I secolo Intorno all'anno 95, con un testo per molti aspetti importante in relazione alla comunità cristiana di Roma, Clemente, terzo nella lista dei successori degli apostoli nella capitale, si riferisce all'esempio di coloro che hanno subito persecuzioni in tempi a lui vicinissimi e nell'arco della sua generazione. In particolare, con solennità, fa memoria di coloro che egli indica come le "colonne più grandi e più giuste", e che "furono perseguitate e lottarono sino alla morte": "Veniamo agli atleti vicinissimi a noi. Prendiamo i nobili esempi della nostra generazione. Per gelosia e invidia le più grandi e le più giuste colonne furono perseguitate e lottarono fino alla morte. Mettiamoci dinanzi agli occhi i buoni Apostoli: Pietro, che per un'ingiusta gelosia sopportò non una o due, ma molte sofferenze e così, resa testimonianza, raggiunse il posto a lui dovuto della gloria. A causa di gelosia e discordia Paolo mostrò come si consegua il premio della pazienza. Sette volte caricato di catene, esiliato, lapidato, fattosi araldo in Oriente e in Occidente, ottenne l'eccellente fama della sua fede. Dopo avere insegnato la giustizia a tutto il mondo, giunto ai confini dell'occidente, resa testimonianza dinanzi ai governanti, lasciò così il mondo e raggiunse il luogo santo, divenendo un grandissimo modello di pazienza. A questi uomini che vissero santamente, si aggiunse una grande moltitudine di eletti i quali, soffrendo per gelosia molti oltraggi e tormenti, furono un esempio veramente splendido fra noi" (Clemente Romano, Lettera ai cristiani di Corinto, 5, l -6, 1). Le situazioni di grande sofferenza per i cristiani a cui allude Clemente sono da riferire sia a episodi recenti, sotto l'imperatore Domiziano a lui contemporaneo, sia e soprattutto a quelle - ormai emblematiche -della persecuzione neroniana, ancora vive come eventi che hanno segnato la sua generazione. Clemente indica come elementi scatenanti della persecuzione il falso zelo, la gelosia e l'invidia anche perché intende porre in guardia i cristiani da discordie e divisioni. A quali problemi allude circa la situazione di questi nel loro ambiente di origine e all'interno della comunità? Sono possibili interpretazioni e ipotesi diverse: denunce e delazioni originate da contrasti tra giudei e cristiani? Tra pagani e cristiani? Diversi orientamenti all'interno delle prime generazioni cristiane? Ma chiaro è il riferimento all'estrema testimonianza degli apostoli Pietro e Paolo e a quella di numerosi altri cristiani. Apostolo San Paolo, dittico di Pietro e Paolo, legno dipinto, III- IV sec d.c., da San Giovanni in Laterano, Cappella del Sancta Sanctorum, Roma, Biblioteca Apostolica Vaticana

15 Roma sede della tradizione degli apostoli Pietro e Paolo Negli ultimi due decenni del II secolo, Ireneo fu vescovo di Lione, in Gallia. Egli era asiatico, ma era venuto in Occidente e, nel 177, a Roma presso il papa Eleutero, inviato dalla chiesa di Lione. Nella sua importante opera Contro le eresie, egli fissa il criterio, già individuato prima di lui, per stabilire la retta fede. Questo consiste nella tradizione che, attraverso la successione dei vescovi, è in grado di risalire agli apostoli. Egli riprende così un elenco della successione apostolica a Roma, elaborato già prima di lui e lo prolunga fino al180 circa: Poiché sarebbe troppo lungo enumerare le successioni di tutte le chiese, prenderemo la chiesa grandissima e antichissima e a tutti nota, la chiesa fondata e stabilita a Roma dai due gloriosissimi apostoli Pietro e Paolo....Dopo aver fondato ed edificato la chiesa, i beati apostoli affidarono a Lino il servizio dell' episcopato... A lui succede Anacleto. Dopo di lui, al terzo posto a partire dagli apostoli, riceve in sorte l'episcopato Clemente, il quale aveva visto gli apostoli stessi e si era incontrato con loro ed aveva ancora nelle orecchie la loro predicazione e negli orecchi e davanti agli occhi la loro tradizione. E non era il solo, perché allora restavano ancora molti che erano stati ammaestrati dagli apostoli "Con quest'ordine e queste successioni è giunta fino a noi la tradizione che è nella chiesa a partire dagli apostoli, e la predicazione della verità. E questa è la prova più completa che è una e la medesima la fede vivificante degli apostoli, conservata e trasmessa nella verità" (Ireneo di Lione, Contro le eresie III, 3, 2-3). L'immagine del pastore tracciata in nome di Pietro "Esorto i presbiteri che sono tra voi come presbitero anch'io, testimone delle sofferenze di Cristo e anche partecipe della gloria che sarà manifestata: pascete il gregge di Dio che vi è affidato, sorvegliandolo non per forza, ma di buon animo; non spadroneggiando sulle persone a voi affidate, ma facendovi modelli del gregge. E quando apparirà il Pastore supremo, riceverete la corona della gloria che non appassisce" (I Lettera di Pietro, 5,1-4). Ireneo prosegue nell'elenco della successione con i nomi di Evaristo, Alessandro, Sisto, Telesforo (martire), Igino, Pio, Aniceto, Sotere, Eleutero. Quindi conclude: Lampada con Pietro nel miracolo della fonte Fine del IV secolo Bronzo, 17,5 X 15 cm Firenze, Museo Archeologico Nazionale

16 Placchetta con Pietro e Paolo V secolo (?) Avorio, 6,5 x 5 x 0,9 cm Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia, Antiquarium Stabia no Due frammenti di sarcofago "ad alberi" Secondo terzo del IV secolo Marmo, 61 x 46 cm (primo frammento), 24 x 41 cm (secondo frammento ) Roma, catacombe di San Sebastiano, Museo delle sculture

17 I volti e le idee Eusebio di Cesarea ricorda che, in antico, in certi luoghi dell'oriente cristiano circolavano delle icone del Cristo, di Pietro e Paolo (Hist. Eccl. 20). In realtà le prime immagini dei Principi degli Apostoli, che appaiono sin dal III secolo, hanno caratteri fisionomici estremamente anonimi. Soltanto in epoca costantiniana, nell'ambito delle scene che riproducono il collegio apostolico, Pietro e Paolo iniziano ad acquisire una connotazione ritrattistica. I ritratti dei Principi degli Apostoli sono rappresentazioni ideali, di pura ricostruzione, eppure nei tratti dei loro volti è facile indovinare il carattere dei due personaggi, il loro atteggiamento dottrinale, il loro pensiero. Il ritratto di Pietro si impronta a una grande solidità e a una potenza espressiva, dai tratti spesso marcati e decisi, con capigliatura ricca, aderente al capo, talora candida, la barba corta e mossa. Quello di Paolo proviene da una vera e propria contrapposizione con quello di Pietro e si propone con il volto di un ispirato filosofo, con la barba quasi incolta e appuntita. Questo ritratto si allinea perfettamente alla descrizione riportata dagli Atti apocrifi di Paolo e Tecla (Erbetta II, p. 259), in cui l'apostolo delle Genti è ricordato "piccolo di statura, testa calva, gambe curve, corpo ben formato, sopracciglia congiunte, naso un po' sporgente, pieno di bontà. Talora sembrava un uomo, talaltra il volto di un angelo La Legge e le chiavi Durante il IV secolo si fa strada una iconografia più complessa, che ricrea l'atmosfera della corte imperiale. In questo ambito, il Cristo è rappresentato come un imperatore e i Principi degli Apostoli assumono il ruolo di primi dignitari. La scena della Traditio Legis, che si ispira alla consegna della Legge a Mosè, vuole significare la continuità della Chiesa che dal Cristo passa direttamente a Pietro attraverso un rotolo svolto, dove è scritto: Dominus legem dat Un concetto simile esprime la scena della Traditio clavium che, però, si ispira a un preciso luogo evangelico: "A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cicli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli" (ML 16, 19). Testa marmorea IV secolo Marmo Città del Vaticano, Museo del Collegio Teutonico

18 La concordia degli apostoli Alla fine del IV secolo nascono degli schemi iconografici con un significato politicoreligioso, che si riferisce specialmente al concetto della concordia apostolorum. Pietro e Paolo vengono rappresentati simmetricamente, per esprimere la solidarietà e l'unità tra le chiese d'oriente e d'occidente, ma anche tra le due parti dell'impero. In questo contesto nasce anche l'iconografia dell'abbraccio degli apostoli, che si ispira agli scritti apocrifi e che vede Pietro e Paolo uniti in un abbraccio alle porte di Roma, prima del martirio. Tale incontro ci paria della riunione di due vite condotte, sino a quel momento, separatamente e di una riconciliazione, dopo i contrasti ideologici che si evincono dalla Lettera ai Galati 2, Statuina di bronzo di Paolo IV-V secolo Bronzo, h 9,4 cm Cagliari, Soprintendenza Archeologica di Cagliari

19 Vetro dorato con Pietro, Paolo, Agnese IV secolo Vetro (fondo verdastro, piede incolore) e foglia d'oro, Ø 8,6 cm (max) Città del Vaticano, Monumenti Musei e Gallerie Pontificie, Museo Sacro Lampada a forma di nave con Pietro e Paolo Fine del IV -inizi del V secolo Bronzo. 22,4 X 22.3 X 17 cm Firenze, Museo Archeologico Nazionale

20 Lastra di chiusura di loculo di Asellus con raffigurazione di S.Pietro e S.Paolo, marmo, IV sec d.c., dalla catacomba di Sant'Ippolito, Roma, Musei Vaticani

21 Tavola eburnea con apostolo Roma, primo terzo del V secolo Avorio, 12 (h max) x 7 x 0,9 cm Parigi, Musée du Louvre, Département des Objets d'art Vaso di Emesa Fine del VI secolo argento, h 45 cm, Ø27 cm (max) Parigi, Musée du Louvre, Département des Antiquités Grecques, Romaines et Etrusques

22 Il culto dei due apostoli a Roma Il culto di Pietro e Paolo assume a Roma un significato e un rilievo del tutto particolare. L'erudito cristiano Gaio verso il 200 ricorda "i trofei di coloro che fondarono questa chiesa" (in Eusebio, Hist. Eccl. II, 25, 7). L'importanza di questa fonte per la "preistoria" delle due basiliche di San Pietro in Vaticano e di San Paolo sulla via Ostiense è chiara. Dal discorso di Gaio si ricava con chiarezza anche un'idea accettata già in quell'epoca senza discussione: la coscienza che la Chiesa di Roma si fonda sulla testimonianza e sul martirio dei due apostoli. I luoghi romani legati alla memoria e al culto di Pietro e Paolo sono numerosi e in molti casi legati alle narrazioni agiografiche sugli apostoli. Per cogliere l'essenziale ci si limiterà ai luoghi fondamentali dove la tradizione può vantare una maggiore antichità. Questa sezione della mostra si concentra perciò sulle due basiliche sorte sui luoghi di cui parla Gaio. A esse ne va aggiunta una terza che, benché non abbia restituito traccia di tombe che possano aver accolto i resti dei due apostoli, pure sorge su un luogo di culto di grande antichità, nel quale fin dall'inizio Pietro e Paolo furono venerati congiuntamente. Si tratta della Basilica Apostolorum sulla via Appia, oggi meglio nota con il nome di San Sebastiano, al di sotto della quale gli scavi hanno mostrato tracce di un culto risalente alla metà del III secolo. Confrontare la storia e l'architettura di queste tre basiliche permette di comprendere meglio l'importanza che la chiesa di Roma dei primi secoli attribuiva ai suoi patroni, ma anche di afferrare qualcosa del significato e del ruolo fondamentale che i due martiri rivestono nella riflessione cristiana in rapporto alla Chiesa universale. Placchetta votiva rappresentante due occhi e una croce VI-VII secolo Lamina d'oro sbalzata e incisa, peso 6,5 gr circa, 4 x 6,1 cm Città del Vaticano, Fabbrica di San Pietro

23 Frammenti di intonaco con graffiti dalla "triclia" di San Sebastiano Seconda metà del III -primi decenni del IV secolo Roma, catacomba di San Sebastiano Iscrizione frammentaria V secolo Lastra calcarea, 48x41x8cm Cartagine, Musée de Carthage

24 Il trofeo di Gaio Al tempo del papa Zefirino ( ), un presbitero romano di nome Gaio indica la presenza a Roma della memoria del martirio degli apostoli Pietro e Paolo come criterio-guida per i individuare la linea della retta tradizione. Ce lo riferisce lo storico Eusebio di Cesarea, che scrive tra il 315 e il 325 circa (Hist. Eccl ): "Leggete le vostre memorie. Vi troverete che per primo Nerone perseguitò i cristiani... e spinse la presunzione fino ad assassinare gli apostoli. Narrano che a Roma, sotto il suo regno, a Paolo fu tagliata la testa e similmente Pietro fu crocifisso. La narrazione confermata dal fatto che tuttora i nomi di Pietro e di Paolo si trovano nei cimiteri di questa città. Ciò afferma un ecclesiastico di nome Gaio, che visse al tempo di Zefirino, vescovo dei romani. Egli dichiara espressamente: 'Io ti posso mostrare i trofei degli apostoli. Se vorrai recarti sul Vaticano o sulla via Ostiense, troverai i trofei di coloro che fondarono questa chiesa.'" Con "Trofeo" Gaio intende un monumento che ricorda la vittoria sulla morte ottenuta dagli apostoli con il loro martirio. Troppo poco si sa del trofeo sulla tomba di Paolo, mentre gli scavi condotti sotto la basilica di San Pietro nel hanno rimesso in luce un monumento. datato da alcuni mattoni bollati degli anni che viene unanimemente identificato con il trofeo di Pietro di cui parla Gaio. Nella fase originaria esso è costituito da un muro coperto di intonaco rosso, in cui è un a nicchia, tagliata a metà altezza da una lastra marmorea sorretta da due colonnine le demolizioni successive impediscono di conoscere esattamente l'aspetto di coronamento: quello proposto nel plastico ricostruttivo è solo indicativo e ipotetico L'edicola costituisce la monumentalizzazione della tomba di Pietro e allo stesso tempo è il più antico esempio di culto di un martire cristiano. Gli scavi hanno dato origine a diverse interpretazioni e ipotesi su cui il dibattito è ancora aperto. Resta un dato che non può essere sottovalutato, che cioè il monumento in questione veniva considerato dalla Chiesa di Roma testimonianza della sepoltura dell'apostolo solo un secolo dopo la morte di questi, un periodo di tempo di tre generazioni in cui un ricordo può essere trasmesso con un solo passaggio da nonno a nipote. Modello del Trofeo di Gaio

25 La capsella di Samagher La cassetta reliquiario in avo rio fu rinvenuta a Samagher (Pola, Croazia ) sotto l'altare della chiesa di Sant'Ermagora nel Essa risa le al ed è un documento di straordinario valore, ma di complessa lettura. Sul coperchio è una Traditio Legis: Cristo affida a Pietro un rotolo aperto contenente la Legge, mentre a sinistra Paolo alza il braccio in atto di acclamazione. Sotto gli apostoli, le pecore che uscivano dalle porte di due città simboleggiano i fedeli provenienti dalla Chiesa ex circumcisione (dal popolo ebreo) e da quella ex gentibus (dal paganesimo), raddoppiando così il messaggio già implicito in Pietro e Paolo. L'immagine probabilmente riproduce il mosaico nell'abside della basilica di San Pietro, dedicato da Costanzo II ( ), figlio di Costantino. Sul lato posteriore è la memoria di San Pietro il monumento costantiniano sulla tomba dell'apostolo -ricostruibile anche grazie agli scavi degli anni Si riconosce il baldacchino su colonne tortili che coronava la memoria, verso la quale si dirige una coppia di fedeli. Il lato frontale raffigura l etimasia, il trono vuoto -immagine della presenza di Dio -Sotto cui è l'agnello, immagine apocalittica di Cristo, mentre ai lati sono sei apostoli, forma abbreviata per alludere all'intero collegio apostolico con Pietro (a destra) e Paolo (a sinistra) in prima fila. Sul lato minore di destra è una sorta di baldacchino poligonale; sul lato opposto si vede un passaggio a tre archi con il varco centrale chiuso da un cancello. Queste tre scene sono di discussa identificazione: si è proposto di riconoscervi elementi di alcune delle principali basiliche romane (Santa Croce, San Giovanni, San Paolo). L interpretazione più verosimile riconosce nella coppia al centro delle varie scene due sposi: essi visitano la tomba di Pietro per chiedere la grazia di un figli e, ottenutala, portano il bimbo al battesimo o a un pellegrinaggio in luoghi santi. Al ritorno la stessa coppia avrebbe donato la cassetta, come contenitore di reliquie ottenute a Roma. Capsella di Samagher Circa Avorio intagliato, accessori d'argento, 18,5 h x 20,S x 16,1 cm (h con pieducci e coperchio) Venezia, Museo Archeologico Nazionale

26 San Pietro L'attuale basilica di San Pietro è stata completamente ricostruita nel corso del Rinascimento e non conserva più nulla delle strutture paleocristiane e medievali. Il plastico presenta una ricostruzione della prima basilica verso la metà del V secolo. Essa si alzava su un alto podio, reso necessario dalla pendenza del colle. Fu costruita negli anni venti del IV secolo per volere dell'imperatore Costantino sull' arco di una necropoli pagana in cui era stato sepolto l'apostolo Pietro. La tomba di quest'ultimo si trovava al centro dell'abside e aveva condizionato posizione e orientamento della chiesa. La basilica era composta da cinque navate e un transetto preceduti da un atrio quadrato circondato da portici. Sul fianco destro si trovava l'obelisco che ornava la spina del circo di Caligola e di Nerone. Il circo era stato sepolto già verso la fine del II secolo, ma l'obelisco rimase al suo posto fino al 1586, quando fu trasferito nell'attuale posizione per ordine di Sisto V. Scavi alla base dell'obelisco hanno mostrato che il circo era già stato invaso da tombe pagane nella seconda metà del II secolo. All'inizio del III fu costruito un grande sepolcro circolare, quello immediatamente dietro all'obelisco, che all'inizio del VI secolo fu trasformato da papa Simmaco in un ingresso laterale della basilica e dedicato all'apostolo Andrea, fratello di Pietro. All'inizio del V secolo fu costruita la seconda rotonda, in asse con il transetto, come tomba imperiale in cui furono sepolti l'imperatore Onorio (morto nel 423) e sua moglie Maria (morta nel ). Nel 755 questa rotonda fu dedicata il Santa Petronilla, che -secondo una leggenda - sarebbe stata la figlia di Pietro. All'angolo del quadriportico d'ingresso, infine, si trovava la sagrestia, utilizzata anche come luogo di sepolture pontificie a partire da Leone Magno (morto nel 461).

27 San Paolo Fuori le Mura La prima basilica, di dimensioni modeste, fu costruita dall'imperatore Costantino lungo la via Ostiense, al di sopra di una necropoli pagana nella quale era stato sepolto l'apostolo Paolo. Di queste sepolture e della basilica si conoscono solo pochissime tracce, viste durante lavori condotti nell'ottocento (nuovi sondaggi sono stati condotti e hanno dato luogo a nuove scoperte pubblicate in occasione dell anno paolino di cui quest articolo non tiene conto). Per volere degli imperatori Valentiniano II, Teodosio e Arcadio, l'edificio fu ricostruito completamente a partire dal 384 o,386. Mantenendo il luogo dell'altare al di sopra della tomba dell'apostolo, fu capovolto l'orientamento per disporre di maggiore spazio. La seconda basilica si ispirava quella di San Pietro sia per le dimensioni, sia per la struttura (cinque navate con transetto e atrio porticato antistante). Questa forma architettonica non era più stata utilizzata per nessun'altra basilica nei circa settant'anni che separano le due chiese. La ricostruzione si deve alla modestia del primo edificio, che non sembrava degno dell'importanza che veniva attribuita all'apostolo Paolo, la cui figura era sentita come complementare a quella di Pietro e di pari importanza. La basilica paleocristiana si conservò con poche modifiche importanti fino al disastroso incendio del L'attuale ricostruzione riproduce sostanzialmente le forme antiche, documentate da rilievi e vedute anteriori alla distruzione.

28 La "Basilica Apostolorum" (San Sebastiano) Al terzo miglio della via Appia si estendono le catacombe di San Sebastiano, al di sopra delle quali si trova la basilica paleocristiana, mascherata oggi dalla chiesa seicentesca che ne riutilizza la navata centrale. Essa porta oggi il nome medioevale di San Sebastiano, ma originariamente era nota come Basilica Apostolorum. Nel I secolo a.c. in questo punto era un avvallamento con cave di pozzolana, definito con termine derivato dal greco ad catacumbas. A metà circa del II secolo tutta l'area fu interrata per realizzare la cosiddetta "piazzola", destinata a sepolture. In questa fase appaiono i primi segni del cristianesimo. Intorno alla metà del III secolo la piazzola, subì un ulteriore interro di sei metri, su cui venne costruita la cosiddetta triclia: un complesso formato da un cortile con un portico e un secondo cortile a un livello inferiore. La struttura doveva servire per i refrigeria, i rituali "pic-nic" funerari che si svolgevano in onore di Pietro e Paolo, nell'anniversario del loro martirio, il 29 giugno, cosicché il complesso fu definito anche Memoria Apostolorum. Questo culto popolare fu istituzionalizzato presumibilmente nel 258, stando alla data che appare nella depositio martyrum della prima metà del IV secolo, nel catalogo liberiano e nel martirologio geronimiano. Del culto sono testimoni le centinaia di graffiti, con invocazioni ai due apostoli, lasciati sulle pareti della triclia dai pellegrini. Costantino, o al più tardi i suoi figli, seppellirono la triclia per costruire, in corrispondenza della memoria, una basilica circiforme, ovvero uno di quei particolari monumenti che oscillano - in quanto alla funzione -tra l'edificio di culto, il contenitore funerario e la sede di una venerazione martiriale. Si tratta quindi di una "basilica-cimitero", con tombe multiple dislocate su tutto il pavimento e lungo le pareti e con mausolei addossati lungo il perimetro esterno, come è illustrato dal plastico ricostruttivo. Papa Damaso ( ) pose nella basilica l'iscrizione contenente uno dei suoi epigrammi dedicato ai Principi degli Apostoli: "Tu che vai cercando i nomi di Pietro e Paolo, devi sapere che i santi dimorarono qui in passato. Questi apostoli ce li mandò l'oriente, volentieri lo riconosciamo; ma in virtù del martirio (seguendo Cristo, su per le stelle, giunsero nelle regioni celesti e nel regno dei giusti), Roma ebbe il privilegio di rivendicarli suoi cittadini. Questo voleva dire Damaso in vostra lode, o nuove stelle" Basilica di S. Sebastiano (SS. Apostolorum), di età costantiniana. Veduta del deambulatorio absidale e delle arcate su pilastri della navata centrale

29

30 «Petros eni» di Lorenzo Bianchi Quando l imperatore Costantino, verso il 320, decise di edificare una basilica ad corpus sul luogo della tomba di Pietro, sepolto immediatamente al di fuori del circo che segnava il limite settentrionale degli horti di Nerone (i giardini dove era avvenuto, a seguito dell incendio di Roma dell anno 64, il martirio dei primi cristiani di Roma e dello stesso Pietro), non sfruttò, come sarebbe stato più ovvio e più sicuro per la solidità della nuova costruzione, lo spazio piano tra Gianicolo e Vaticano che era stato occupato dal circo, ma volle fare corrispondere il punto centrale della Basilica, all intersezione tra navata centrale e transetto, con la sepoltura dell apostolo; e con un grandioso lavoro ingegneristico realizzò una vasta piattaforma artificiale, da un lato tagliando le pendici del colle Vaticano, dall altro seppellendo e utilizzando come fondamenta le strutture della necropoli sviluppatasi lungo il lato settentrionale del circo tra I e IV secolo. Anche l asse dell edificio costantiniano non tiene conto, come sarebbe stato più facile, di quello che corre grosso modo nella stessa direzione della necropoli e del circo, ma se ne distanzia, sia pur di poco, perché fu determinato con assoluta esattezza dalla tomba di Pietro, e più precisamente dal monumento che Costantino vi aveva fatto costruire sopra. Il sepolcro dell apostolo è infatti, oltre che il punto di attrazione, anche l esatto fulcro topografico di tutto ciò che nel corso dei secoli gli si è sviluppato attorno, dalle sepolture dei primi fedeli cristiani, alle installazioni per i pellegrini nel primo Medioevo, alle strade, alle mura della civitas Leoniana edificate dopo il sacco dei Saraceni dell 846, fino al moderno quartiere di Borgo. Anche la costruzione della nuova Basilica, fondata da papa Giulio II il 18 aprile 1506, pur se comportò la demolizione di quella costantiniana e delle sue aggiunte medievali, tuttavia rispettò rigorosamente la centralità del sepolcro di Pietro: l attuale altare maggiore, che risale a papa Clemente VIII (1594), si trova esattamente sopra a quello medievale di papa Callisto II (1123), che a sua volta ingloba il primo altare di papa Greogrio Magno (590 circa), costruito sul monumento costantiniano che custodisce la tomba di Pietro. E il culmine della cupola di Michelangelo si trova esattamente a perpendicolo sopra di essa. «Petros eni», «Pietro è qui». Titolo della mostra tenutasi tra il 2006 e il 2007, richiama il testo greco del famosissimo frammento di intonaco rosso graffito rinvenuto nei pressi della tomba dell apostolo, custodito ora dalla Fabbrica di San Pietro. Un piccolissimo frammento delle dimensioni di cm 3,2 x 5,8, ma importantissimo, poiché nelle due righe in cui si leggono le lettere PETROS ENI appare il nome di Pietro, presente proprio nel luogo che la tradizione da sempre conosce come quello della sua sepoltura. La storia di questo graffito è singolare. Di esso non si fa menzione nella pubblicazione ufficiale preparata dai quattro curatori degli scavi archeologici voluti da papa Pio XII e svoltisi tra il 1939 e il Affresco dalla Basilica Vaticana raffigurante l'apostolo Pietro

31 1949 sotto la direzione di monsignor Ludwig Kaas, segretario della Reverenda Fabbrica di San Pietro (M. Apollonj Ghetti, A. Ferrua, E. Josi, E. Kirschbaum, Esplorazioni sotto la Confessione di San Pietro in Vaticano, voll. I-II, Città del Vaticano 1951). Scavi che, confermando la tradizione unanime, riportarono alla luce la tomba dell apostolo. Fu inizialmente rinvenuto il monumento che Costantino aveva eretto a protezione della sepoltura, sigillandola all interno di un parallelepipedo alto circa tre metri, fasciato di marmo pavonazzetto e porfido. È quello di cui ci parla Eusebio di Cesarea, che di Costantino era contemporaneo, descrivendolo così: «Uno splendido sepolcro davanti alla città, al quale accorrono, come a un grande santuario e tempio di Dio, innumerevoli schiere da ogni parte dell Impero romano» (Eusebio, Teophania 47). Il lato anteriore del monumento costantiniano aveva un apertura che corrisponde all attuale Nicchia dei Palli, nelle Grotte Vaticane; quello posteriore, rimesso parzialmente in luce, è tuttora visibile dietro l altare della Cappella Clementina. Scavando lungo i lati del monumento costantiniano, al di sotto di esso si giunse a rinvenire la tomba di Pietro. Apparve una piccola edicola, appoggiata a un muro intonacato e dipinto in rosso (il cosiddetto muro rosso ), formata da una mensa sorretta da due colonnine di marmo con una nicchia in corrispondenza dello spazio fra le due colonnine; sul pavimento, al di sotto di un chiusino, una tomba nella nuda terra. L edicola, databile al II secolo, venne da subito identificata dagli scavatori con il Trofeo di Gaio, noto da un passo di Eusebio di Cesarea che riporta le parole del presbitero romano Gaio, pronunciate alla fine del II secolo o all inizio del III (per la precisione, negli anni del pontificato di papa Zefirino, tra il 198 e il 217) in risposta all eretico Proclo che, seguace del frigio Montano, vantava la presenza a Ierapoli di Frigia della tomba dell apostolo Filippo. Dice dunque Gaio: «Io posso mostrarti i trofei [tà trópaia] degli apostoli [Pietro e Paolo]. Se vorrai recarti nel Vaticano o sulla via di Ostia, troverai i trofei di coloro che fondarono questa Chiesa [di Roma]» (Eusebio, Historia ecclesiastica II, 25, 7). La parola trópaion, che indica il trofeo della vittoria, fa allusione alla reale presenza delle spoglie di Pietro: poiché si riferisce propriamente al corpo del martire in cui si è manifestata la grazia di Gesù Cristo e non al solo monumento che lo contiene. Ma la tomba che gli scavatori rinvennero si rivelò vuota. Fu lo stesso papa Pio XII a dare l annuncio del ritrovamento della tomba, a conclusione del Giubileo del 1950: «Nei sotterranei della Basilica Vaticana ci sono i fondamenti della nostra fede? La conclusione finale dei lavori e degli studi risponde un chiarissimo sì: la tomba del Principe degli apostoli è stata ritrovata» (Pio XII, Discorsi e radiomessaggi, Milano 1961, XII, p. 379). E qui comincia, dopo la fine degli scavi, una seconda fase delle indagini. Il monumento costantiniano aveva inglobato anche un altra struttura, un muro perpendicolare al muro rosso ; la sua costruzione, avvenuta probabilmente nel corso del III secolo e comunque posteriormente all edicola, aveva comportato lo spostamento della colonnina di destra. Questo muro presentava sulla parete opposta all edicola numerosissimi graffiti sovrapposti l uno all altro, e per questa caratteristica aveva ricevuto dagli scavatori il nome di muro g, cioè muro dei graffiti. Sulla parete coperta dai graffiti si notavano ancora segni di pittura, e dunque essa doveva essere originariamente appartenuta a un ambiente interno. Dentro il muro era stato ricavato in antico, sicuramente dopo l apposizione dei graffiti e prima della definitiva sistemazione del monumento

32 Una delle colonnine del Trofeo di Gaio Il muro rosso Il muro dei graffiti (muro G)

33 costantiniano, un ripostiglio parallelepipedo foderato di marmo sul fondo e, fino ad una certa altezza, sui quattro lati, uno dei quali, quello occidentale, andava a terminare sul muro rosso. Il ripostiglio venne scoperto dagli scavatori prima della tomba terragna sottostante: si era nel novembre del Dalle testimonianze di chi scavò non è chiaro se all interno di esso sia stata fatta una immediata ricognizione, oppure questa sia avvenuta successivamente, quando esso era forse già stato svuotato la sera stessa della sua scoperta di parte del materiale che conteneva, come ricostruì in seguito Margherita Guarducci con la testimonianza diretta del sampietrino che aveva eseguito l operazione. Il padre Antonio Ferrua affermerà di aver visto, il giorno seguente alla scoperta, il ripostiglio vuoto. Certo è che, come si seppe vari anni dopo il completamento e la pubblicazione degli scavi, proprio da lì proveniva il frammento con il graffito PETROS ENI, inciso sulla parete del muro rosso al di sopra della lastrina marmorea che copriva il lato occidentale del ripostiglio. Come detto, del frammento graffito non si fa menzione nella pubblicazione ufficiale degli scavi. Secondo quanto in seguito scrisse il padre Engelbert Kirschbaum, esso fu sicuramente visto durante gli scavi ancora al suo posto originario, sul muro rosso, ma non si riuscì a decifrarlo. Il frammento sarebbe stato trovato da Ferrua dopo la pubblicazione degli scavi (quindi dopo il novembre 1951), già distaccato dal muro rosso (E. Kirschbaum, Die Gräber der Apostelfürsten, Frankfurt am Main 1957, p. 68). Ma è lo stesso Ferrua che parla delle circostanze del suo ritrovamento, e lo data precisamente al 2 agosto 1951, dichiarando di averlo raccolto con le sue mani nel ripostiglio all interno del muro g : «Com è che si trovava là quel frammento? Qualcuno, alcuni giorni prima, aveva voluto esplorare la natura dei muri che circondano la cassetta a sud e a ovest, e lavorando con lungo scalpello su quello di ovest, il famoso muro rosso, ne staccò quanto poté del caratteristico intonaco, che per lui aveva l unico torto di celargli la struttura viva di un muro così importante, in un punto così delicato. Trovai dunque un bel mucchietto di frantumi dentro la cassetta e senza tanto pensarci ne raccolsi il pezzo maggiore per esaminarne la natura [...]. Con cura ravvolsi in uno straccio il frammento e me lo portai a casa dove lo pulii per bene, lo esaminai accuratamente e fotografai» (A. Ferrua, Memorie dei SS. Pietro e Paolo nell epigrafia, in Saecularia Petri et Pauli [Studi di antichità cristiana, 28], Città del Vaticano 1969, pp ). Lo stesso Ferrua pubblicò per la prima volta la trascrizione del frammento sul quotidiano Il Messaggero del 16 gennaio 1952 (e subito dopo in La Civiltà Cattolica, 103, 1952, I, p. 25, fig. 3), disegnandolo sulla destra dell edicola identificata con il trofeo di Gaio, nel punto dove originariamente si trovava. Lo presentò poi per la prima volta in fotografia al Congresso internazionale di Archeologia cristiana di Aix en Provence nel 1954, per restituirlo infine verso la metà dell anno seguente a monsignor Pietro Principi, nuovo segretario della Reverenda Fabbrica di San Pietro (monsignor Kaas era morto il 15 agosto 1952). Dal momento della sua prima pubblicazione, cominciò ad occuparsi del frammento, che testimoniava senza possibilità di equivoco il nome di Pietro proprio accanto alla sua sepoltura, Margherita Guarducci: a lei si deve la traduzione delle sette lettere graffite con Pietro è qui, grazie all interpretazione di ENI come forma abbreviata del verbo ENESTI. Ella datò inizialmente il graffito al II secolo, per poi ricredersi e attribuirlo all epoca di Costantino, al momento cioè della

34 Il frammento del muro rosso con l iscrizione PETROS ENI

35 costruzione del ripostiglio nel muro g, prima della realizzazione del monumento costantiniano e della sigillatura dentro di questo della tomba di Pietro. E solo vari anni dopo la conclusione degli scavi i suoi studi, compiuti tra il 1952 e il 1965, sui graffiti del muro g decifrati come invocazioni a Cristo, Maria e Pietro, portarono anche, dopo complesse e articolate ricerche condotte con rigore scientifico, al riconoscimento di quanto era stato contenuto nel ripostiglio, cioè le reliquie di Pietro, lì trasferite dalla prima tomba terragna sottostante (tra le numerosissime pubblicazioni in proposito si vedano in particolare M. Guarducci, Le reliquie di Pietro sotto la Confessione della Basilica Vaticana, Città del Vaticano 1965; Ead., Le reliquie di Pietro sotto la Confessione della Basilica Vaticana: una messa a punto, Roma 1967; Ead., Le reliquie di Pietro in Vaticano, Roma 1995). Rinvenute in una cassetta nei locali delle Grotte Vaticane, dove erano state deposte da chi le aveva estratte dal ripostiglio, le reliquie, dopo essere state analizzate, risultarono pertinenti a un solo uomo, di corporatura robusta, morto in età avanzata. Erano incrostate di terra e mostravano di essere state avvolte in un panno di lana colorato di porpora e intessuto d oro; rappresentavano frammenti di tutte le ossa del corpo a esclusione del sia pur minimo frammento di quelle dei piedi. Particolare, questo, veramente singolare, che non può non richiamare alla mente la circostanza (e gli esiti sul corpo, cioè il distacco dei piedi) della crocifissione inverso capite (a testa in giù), attestataci da un antica tradizione a significare l umiltà di Pietro; una circostanza, questa, perfettamente rispondente a quanto storicamente ben noto: l usanza romana, cioè, di rendere spettacolari, per la soddisfazione del popolo, le esecuzioni capitali dei condannati a morte. Il loro cadavere, privato del diritto di sepoltura, veniva lasciato giacere sul luogo del supplizio. Così avvenne per Pietro, messo a morte confuso fra tanti altri e sepolto nell umile terra probabilmente in fretta, nel luogo più vicino in cui fu possibile quando si poté recuperarne il corpo. Le reliquie identificate da Margherita Guarducci come quelle di Pietro furono riconosciute come tali da papa Paolo VI che il 26 giugno 1968, ricollegandosi alle parole pronunciate nel 1950 da papa Pio XII, diede l annuncio durante l udienza pubblica nella Basilica Vaticana: «Nuove indagini pazientissime e accuratissime furono in seguito eseguite con risultato che noi, confortati dal giudizio di valenti e prudenti persone competenti, crediamo positivo: anche le reliquie di san Pietro sono state identificate in modo che possiamo ritenere convincente, e ne diamo lode a chi vi ha impiegato attentissimo studio e lunga e grande fatica. Non saranno esaurite con ciò le ricerche, le verifiche, le discussioni e le polemiche. Ma da parte nostra ci sembra doveroso, allo stato presente delle conclusioni archeologiche e scientifiche, dare a voi e alla Chiesa questo annuncio felice, obbligati come siamo a onorare le sacre reliquie, suffragate da una seria prova della loro autenticità [...] e nel caso presente tanto più solleciti ed esultanti noi dobbiamo essere, quando abbiamo ragione di ritenere che siano stati rintracciati i pochi, ma sacrosanti, resti mortali del Principe degli apostoli» (Paolo VI, Insegnamenti, VI, Città del Vaticano 1969, pp ). Fatte ricollocare il giorno successivo all interno del ripostiglio del muro g, le reliquie da pochi anni sono state rese nuovamente visibili ai fedeli.

36 Paolo è qui Di Giovanni RICCIARDI Storia della Basilica ostiense. Fin dai giorni successivi al martirio dell Apostolo il luogo in cui sorge fu oggetto di particolare venerazione A Roma, lungo la via Ostiense, due miglia fuori dalla cinta delle Mura Aureliane, sorge la Basilica di San Paolo. È qui che, secondo una ininterrotta tradizione, riposano le spoglie dell Apostolo delle genti. Paolo, come è noto, trovò il martirio a Roma quasi certamente nell anno 67. Secondo la tradizione attestata in numerosi martirologi e atti apocrifi, la notte seguente la sua decapitazione, alcune donne, tra cui una certa Lucina, presero il suo corpo per dargli sepoltura in un podere di proprietà della stessa Lucina ( praedium Lucinae ). Effettivamente, sul tratto della via Ostiense che fiancheggia la Basilica è stato trovato un complesso cimiteriale, i cui resti sono venuti alla luce a più riprese. «Le prime scoperte di cui si abbia notizia» scrive Paolo Liverani, topografo di Roma antica «si verificarono già nel 1707 nella vigna posta di fronte al monastero, sul lato opposto della via, seguite dai rinvenimenti, purtroppo scarsamente documentati, avvenuti durante i lavori del 1838 e del 1850 sotto alla "Confessione" della Basilica». Questi ultimi lavori si erano resi necessari per il rovinoso incendio che distrusse parte della Basilica il 26 luglio del 1823, ma che comunque non intaccò il sepolcro di Paolo. Accanto al quale, e in tutta l area occupata dalla Basilica, furono rinvenute altre tombe. Il sepolcro di Paolo dunque doveva trovarsi all interno di una vasta necropoli, sviluppatasi tra il I secolo a.c. e il IV d.c. Nel corso di questo periodo, anche per effetto della diffusione del cristianesimo, si passò dalla sepoltura per incinerazione i resti del defunto venivano custoditi in piccole urne disposte in nicchie lungo le pareti dei columbaria all inumazione in fosse. Entrambe le tipologie funerarie sono presenti nel cimitero ostiense. Era una necropoli per persone di bassa condizione sociale, a quanto si ricava dalle iscrizioni funerarie rinvenute: schiavi, liberti, militari. Il dato archeologico concorda perciò senza difficoltà con la tradizione. Fra l altro molti cristiani, come era uso nei primi tempi della Chiesa, si facevano seppellire vicino alle tombe dei martiri, cosa che a maggior ragione può essere avvenuta intorno alla tomba di Paolo. La «memoria» paolina e la Basilica costantiniana Fin dai giorni immediatamente successivi al martirio, il luogo fu certamente oggetto di una particolare devozione da parte dei cristiani di Roma, che eressero un piccolo monumento sepolcrale ( cella memoriae ) per favorire la venerazione dell Apostolo. È di questa «edicola» che parla Gaio quando invitava a visitare il «trofeo» di Paolo «sulla via di Ostia». Dopo l editto di tolleranza del 313, l imperatore Costantino comandò che venisse eretta una Basilica per meglio custodire e venerare le spoglie di Paolo. La Basilica costantiniana, costruita in pochi anni, non corrisponde però a quella attuale. Durante gli scavi compiuti nel 1850 per fondare le colonne del nuovo ciborio donate a Gregorio XVI dal viceré d Egitto, l architetto Paolo Belloni rinvenne un frammento di muro che credette di poter identificare come parte dell abside di questa primitiva Basilica, orientata in maniera contraria all attuale. La sua facciata sarebbe stata dunque disposta, contrariamente alla Basilica odierna, sulla via Ostiense, il cui tracciato coincideva grosso modo con quello attuale. La strada e le colline antistanti costituiscono un limite oggettivo all ampiezza dell edificio, perché il suo punto focale e la sua stessa ragion d essere, la tomba di Paolo, è situato a poca distanza dalla strada stessa. Per questo motivo la Basilica

37 costantiniana avrebbe avuto dimensioni piuttosto limitate. Ma il problema della reale consistenza della prima Basilica è ancora da risolvere. La Basilica dei tre imperatori Sul finire del IV secolo, gli imperatori Valentiniano II, Teodosio e Arcadio decisero di riedificare la Basilica, rendendola più ampia e grandiosa. Ci è stata conservata la lettera con cui si dispone l inizio dei lavori. Indirizzata al praefectus urbis, Sallustio, è databile tra il 383 e il 386. La nuova costruzione si estese con l abside verso la via Ostiense e il fronte in direzione del Tevere. Per avere un idea del rapporto di proporzione fra le due chiese (se si accetta l ipotesi del Belloni), basti pensare che la lunghezza della Basilica costantiniana corrisponderebbe grosso modo alla larghezza del transetto della nuova. Ma il cuore della nuova Basilica dei tre imperatori, intoccabile e intatto fin da Costantino, non poteva non rimanere lo stesso di quella precedente: l altare della "Confessione", sotto il quale si trovava il monumento che custodiva il corpo dell Apostolo. La sua ubicazione costituì il solo elemento preesistente immutabile per gli architetti della nuova Basilica. Scrive a proposito l architetto (e archeologo) Bruno Maria Apollonj Ghetti: «Nella Basilica dei tre imperatori c è un anomalia che balza subito alla vista e cioè la posizione dell altare. Questo è decisamente fuori posto. Sappiamo infatti che nelle nostre basiliche paleocristiane l altare era collocato immediatamente fuori della proiezione dell arco absidale. Nella Basilica dei tre imperatori l altare sta invece sul ciglio del presbiterio e questo perché, come si conviene ad una basilica cimiteriale ad corpus, fu conservato sempre sul luogo della tomba». La tomba di Paolo Come era fatta la tomba di Paolo? Del monumento sepolcrale parla il Liber pontificalis (l antica raccolta delle biografie dei vescovi di Roma), in un brano la cui redazione risale al VI secolo. Secondo questa fonte, Costantino edificò la chiesa su richiesta di papa Silvestro ( eodem tempore fecit Constantinus Basilicam Beato Apostolo ex suggestione Silvestri episcopi ), e fece chiudere il corpo di Paolo in una cassa di bronzo ( cuius corpus ita recondit in aere ) di forma cubica che misurava cinque piedi romani per lato, corrispondenti all incirca ad 1,48 metri. Questa cassa dovrebbe dunque trovarsi in un area posta al di sotto del pavimento della Basilica costantiniana, a sua volta più basso rispetto al livello di quella dei tre imperatori. La cassa bronzea era contenuta e protetta da un ambiente murato, sopra il quale poggiava un secondo vano, che il Liber pontificalis denomina domus regalis. Qui era posta una grande croce d oro del peso di 150 libbre in mensurae locus così dice il testo cioè della stessa misura della camera sepolcrale sottostante. La croce portava pure un iscrizione in lettere di colore nero ( ex litteris nigellis ). Sopra questo vano, detto pure arca della "Confessione", poggiava l altare. La sistemazione della "Confessione" paolina non fu mai modificata nel corso dei secoli, se non marginalmente, quando papa Gregorio Magno, alla fine del VI secolo, fece sollevare il pavimento del presbiterio e vi fece scavare sotto una cripta che giungeva a ridosso di uno dei muri della camera sepolcrale; addossato a questo muro aveva fatto costruire un altare. La cripta andò poi distrutta in epoca moderna. Ma la "memoria" paolina è rimasta intatta fino ai giorni nostri senza che nessuno l abbia mai toccata. Neppure il rovinoso incendio del 1823 arrivò a minacciare l altare della "Confessione" e quanto si trova sotto di esso. Mentre la Basilica veniva ricostruita sul modello della precedente, furono eseguiti scavi nell area della "Confessione", ma non si poté esaminare a fondo la tomba dell Apostolo, per esplicito divieto del papa Gregorio XVI. Solo l architetto Virginio Vespignani, colui che curò la riedificazione della Basilica nella forma che oggi vediamo, poté osservare da vicino ciò che era rimasto precluso agli occhi di tutti per secoli,

38 durante gli scavi del gennaio 1838, prima che il procedere dei lavori richiudesse la zona sepolcrale una seconda volta, e farne dei disegni. «Si tratta di schizzi» scrive Margherita Cecchelli «con qualche appunto e alcune misurazioni, raccolti poi in un taccuino e in un album della collezione di Rodolfo Lanciani [il maggior topografo di Roma antica, n.d.r.], conservata nella biblioteca di Palazzo Venezia. I dati offerti da questo materiale, peraltro noto solo in parte, non sono spesso chiaramente decifrabili, per cui abbisognerebbe rivederlo e pubblicarlo integralmente. [ ] Infatti, a tutt oggi, una definizione dello status originario della tomba dell Apostolo non si riesce a focalizzare». Da allora, nessuno scavo è stato mai tentato per chiarire integralmente la storia di uno dei monumenti più cari alla memoria della Chiesa. La devozione delle reliquie "per contatto" La memoria paolina per tutto il Medioevo fu oggetto di una inesauribile devozione, come dimostra la lastra marmorea che ancora oggi chiude l arca e funge da base per l altare. Nell iscrizione incisa su di essa si legge: PAULO APOSTOLO MART («a Paolo apostolo e martire»). La forma delle lettere, l assenza delle parole SANCTO o BEATO che appaiono regolarmente nelle epigrafi cristiane dalla seconda metà del IV secolo in poi, la posizione dell attributo dopo il nome tipica dell età immediatamente successiva alle persecuzioni convinsero lo storico gesuita Hartmann Grisar, colui che forse più puntualmente ha studiato, alla fine del secolo scorso, le testimonianze sul sepolcro paolino, che doveva trattarsi di una iscrizione di epoca costantiniana, contemporanea alla costruzione della primitiva Basilica. Studiosi più recenti la datano invece al V secolo. Il Grisar studiò analiticamente la lastra e chiarì il significato dei tre fori, uno circolare e due rettangolari, che la attraversano. Ad essi corrispondevano tre pozzetti comunicanti tra di loro, usati per tutto il Medioevo per ottenere reliquie "per contatto". Calando degli oggetti attraverso i pozzetti li si metteva cioè a contatto diretto con il sepolcro dell Apostolo. Di questo uso, attestato anche sulla tomba di Pietro, esistono infatti molteplici testimonianze documentarie. Una delle più antiche è contenuta in una lettera a papa Ormisda del 519, in cui i legati dell imperatore Giustiniano chiedono reliquie degli apostoli Pietro e Paolo da portare a Costantinopoli per una nuova chiesa voluta dal sovrano. Nella lettera si chiede che gli oggetti siano calati «ad secundam cataractam», cioè nel pozzetto più profondo, perché arrivassero il più possibile a contatto con il sacro corpo dell Apostolo. Nel 394 un analoga richiesta di reliquie degli apostoli per la costruzione di una chiesa a Calcedonia deve essere intesa probabilmente nel medesimo senso: reliquie "per contatto". Dal lavoro del Grisar in poi, altri studiosi, nel nostro secolo, si sono occupati della memoria apostolica di Paolo. Ma nessuno di loro ha potuto aggiungere novità di grande rilievo per l impossibilità di effettuare scavi e indagini sistematiche e mirate. Il "trofeo" che l imperatore amico dei cristiani volle per l Apostolo dei pagani forse è ancora intatto, come lui l aveva voluto. Jean Barbault, Veduta della Basilica di S. Paolo fuori delle mura, 1748

39 Nota sul Sarcofago di San Paolo dell archeologo Giorgio Filippi La basilica sorge sul sepolcro dell Apostolo nella via Ostiense, ove alla fine del II secolo il presbitero romano Gaio, nella citazione di Eusebio, segnalava l esistenza del tropaion eretto a testimonianza del martirio di Paolo. Nel luogo si avvicendarono, nel corso del IV secolo, due edifici, quello "costantiniano" e quello "dei tre imperatori", legati al pellegrinaggio devozionale alla tomba dell Apostolo e utilizzati per scopi cimiteriali e liturgici. L unica documentazione riferibile alla situazione archeologica del monumento consiste in pochi disegni e schizzi con misure, di interpretazione talvolta enigmatica, redatti dagli architetti Virginio Vespignani ( ) e Paolo Belloni ( ), dopo l incendio del 1823, durante gli scavi per la nuova confessione (1838) e la posa delle fondamenta del baldacchino di Pio IX (1850). I resti archeologici allora rinvenuti non furono più visibili successivamente perché in parte distrutti e in parte obliterati dall attuale Confessione. Che la Basilica di S. Paolo fosse sorta sulla tomba dell Apostolo è un dato incontrovertibile nella tradizione storica, mentre l identificazione del sepolcro originario è una questione rimasta aperta. La Cronaca del Monastero parla di un grande sarcofago marmoreo rinvenuto durante i lavori di ricostruzione della basilica dopo l incendio del 1823, nell area della Confessione, sotto le due lastre iscritte PAVLO APOSTOLO MART[YRI], di cui però non esiste traccia nella documentazione di scavo, a differenza degli altri sarcofagi che furono scoperti e rilevati nella stessa occasione, tra cui il famoso "dogmatico" oggi conservato nei Musei Vaticani. Le indagini archeologiche nell area tradizionalmente considerata il luogo di sepoltura dell Apostolo, iniziate nel 2002 e terminate il 22 settembre 2006, hanno permesso di riportare alla luce un importante contesto stratificato, formato dall abside della basilica costantiniana, inglobata nel transetto dell edificio dei Tre Imperatori: sul pavimento di quest ultimo, sotto l altare papale, è stato riscoperto quel grande sarcofago del quale si erano perse le tracce e che veniva considerato fin dall epoca teodosiana la Tomba di S. Paolo. Tali esplorazioni avevano il fine di verificare la consistenza e lo stato di conservazione dei resti della basilica costantiniana e teodosiana sopravvissuti alla ricostruzione dopo l incendio e di proporne la valorizzazione a fini devozionali. Dal 2 maggio al 17 novembre di quest anno si è ultimato, nell area della Confessione, il Progetto di accessibilità alla Tomba di S. Paolo. Dopo aver smontato l Altare di S. Timoteo si è scavata l area sottostante per riportare alla luce, sull intera superficie di circa 5 mq, l abside della basilica costantiniana. Per raggiungere i resti del IV secolo si è scavato materialmente dentro il nucleo murario della moderna platea di fondazione che aderisce perfettamente alle strutture antiche, sia in fondazione che in elevato, fino a raggiungere il punto di distacco tra la parte antica e quella moderna rilevabile dal differente colore della malta, rosata quella del XIX secolo e grigia quella del IV secolo.

40 Poiché la quota del transetto dei Tre Imperatori, sul quale giace il sarcofago di S. Paolo, è più alta rispetto al piano dell attuale Confessione, è evidente che qui il piano è stato demolito in occasione dei lavori del XIX secolo. Il massetto invece si conserva, resecato a forma di gradino, dietro l altare di Timoteo, dove è strutturalmente incorporato nel muro moderno che delimita il lato est della Confessione. Al momento dei lavori del XIX secolo, poiché la cresta dell abside presentava probabilmente alcune parti instabili, queste furono rimosse avendo prodotto l effetto di un gradino nell emplecton, di circa 10 cm. di altezza e pari a due file di mattoni, che inizia sul bordo interno dell abside della quale ricalca l andamento curvilineo. Sulla fronte del gradino si vedono le impronte lasciate nell opera cementizia dai mattoni da cortina rimossi. Per raggiungere la quota pavimentale costantiniana si è rimossa la metà sud del settore absidale. Nello scavo non si sono rinvenuti altri reperti archeologici se non resti di murature. Per aumentare la visuale sul sarcofago di S. Paolo si è allargato fino a m. 0,70 il vano attraverso la muratura del XIX secolo già aperto durante i lavori del È stato possibile rilevare le dimensioni del sarcofago: cassa lunga circa m. 2,55, larga circa m. 1,25 e alta m. 0,97; coperchio alto circa m. 0,30 e spesso nel bordo anteriore m. 0,12. La porzione dell abside scoperta costituisce l unica testimonianza visibile della Basilica attribuita comunemente a Costantino. Rimane aperto il problema topografico del rapporto tra la basilica e il pavimento stradale rinvenuto nel 1850 immediatamente ad ovest dell abside costantiniana. Il Belloni vi riconobbe l antica via Ostiense, che sarebbe stata trasferita nella sede attuale per ordine dei Tre Imperatori, ma non rilevò la quota di quel selciato. A questo riguardo risulta di particolare interesse la scoperta, all interno dell abside costantiniana, di alcuni grandi blocchi di basalto reimpiegati come materiale da costruzione nelle fondazioni della basilica dei Tre Imperatori. Per quanto riguarda la pianta della basilica costantiniana, poiché non abbiamo altri elementi al di fuori delle nuove misurazioni dell abside, è prematuro fare nuove ipotesi, salvo che confermare le modeste dimensioni dell edificio. Il piano di cocciopisto scoperto sopra la quota di rasura dell abside costantiniana corrisponde al transetto dei Tre Imperatori (390 d.c.) sul quale poggia il grande sarcofago che segnalava la Tomba dell Apostolo all epoca della costruzione della nuova grande basilica, ed era delimitato da un podio presbiteriale monumentale, come lascerebbe supporre la poderosa platea di fondazione spessa m. 1,66, che grava direttamente sul pavimento dell abside costantiniana. Non è escluso che all interno di tale fondazione possano esservi i resti del tropaion eretto sulla tomba dell Apostolo Paolo. Si può ritenere che tra il 1838 e il 1840 nell area della Confessione sia stato rimosso o demolito tutto ciò che poggiava sul pavimento dei Tre Imperatori. Per gettare le fondazioni del nuovo presbiterio e dell altare papale fu persino spostato il sarcofago di S. Paolo. Nell area indagata non sono stati finora rinvenuti, tra il livello pavimentale del 390 e la fondazione del 1840 resti di strutture riferibili ad altre epoche.

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51 Basilica di S. Sebastiano (SS. Apostolorum), di età costantiniana. Veduta dall abside verso ovest

52 ... Prof. Andrea Monda. Prof. Mario Sissa "È certo, come lo è sempre stato, che la vita è un dono di Dio immensamente prezioso e immensamente apprezzato, e chiunque può averne la prova puntando una pistola contro la tempia di un pessimista. Solo certi nostri contemporanei non vogliono che gli si punti contro nessuno problema ed evitano le semplici domande quasi fossero pistolettate". (G.K. Chesterton, La mia fede)

53

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Castel Madama, 8 novembre 2013 Il racconto In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11)

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11) QUATTORDICESIMO INCONTRO CRISTO È VERAMENTE RISORTO : QUESTA È LA FEDE DI PAOLO, QUESTA È LA NOSTRA FEDE 1 Cor 15,1-11 ACCOGLIENZA E PRESENTAZIONE DELL INCONTRO PREGHIERA INIZIALE Lettore: Dio nostro,

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

LA STORIA 1: DAI VANGELI AL MANDYLION.

LA STORIA 1: DAI VANGELI AL MANDYLION. 1 LA STORIA 1: DAI VANGELI AL MANDYLION. 1. Nuovo Testamento. L'autenticità storica dei Vangeli e del Nuovo Testamento risulta appurata al di là di ogni ragionevole dubbio, a partire dall'accurata analisi

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

1. IL PROBLEMA DI GESU' Gesù di Nazaret é un personaggio che interessa, che non lascia indifferenti; é un personaggio che da duemila anni suscita le

1. IL PROBLEMA DI GESU' Gesù di Nazaret é un personaggio che interessa, che non lascia indifferenti; é un personaggio che da duemila anni suscita le 1. IL PROBLEMA DI GESU' Gesù di Nazaret é un personaggio che interessa, che non lascia indifferenti; é un personaggio che da duemila anni suscita le più diverse reazioni, che vanno dall'ammirazione al

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore I Vangeli non includono la Madonna nel gruppo di donne che la domenica si è recata a lavare il corpo del Signore. La sua assenza apre alla speranza

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA"

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA MADRE DELL'EUCARISTIA MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA" Via delle Benedettine, 91-00135 ROMA Tel. 063380587; 063387275 Fax 063387254 Internet: http://www.madredelleucaristia.it E-mail: mov.imp.test@madredelleucaristia.it

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

6 Il regno: già o non ancora?

6 Il regno: già o non ancora? 6 Il regno: già o non ancora? Gesù (probabilmente) non introdusse molte novità preoccupanti riguardo alla Legge; egli predicava il regno di Dio (o dei cieli, come diceva un pio israelita quale Matteo,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994).

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). Giovanni 1:18 Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). (1) Introduzione (2) Esegesi e analisi testo (3) Contributi di vari studiosi

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli