Giulio Viviani ITINERARI IN CATTEDRALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giulio Viviani ITINERARI IN CATTEDRALE"

Transcript

1 Giulio Viviani ITINERARI IN CATTEDRALE Pellegrinaggio alla chiesa cattedrale di San Vigilio in Trento in occasione dell Ottavo Centenario dell inizio della sua costruzione per volontà del Principe Vescovo Federico Vanga Trento, Introduzione Con il termine CHIESA si intende normalmente l edificio sacro, la casa tra le case, che in ogni città e villaggio caratterizza la presenza dei cristiani e il loro radunarsi in preghiera alla presenza di Dio, del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Tale espressione (in greco: ecclesia; in ebraico: qaal) indica però anzitutto la comunità dei fedeli, il popolo di Dio, convocato e radunato dal Signore, che forma e rende presente nel mondo e nella storia la Chiesa di Cristo. Al riguardo la costituzione dogmatica sulla Chiesa Lumen gentium del Concilio Ecumenico Vaticano II che si era aperto proprio 50 anni fa l 11 ottobre precisa che la Chiesa è, in Cristo, il sacramento, ossia il segno e lo strumento dell intima unione con Dio e dell unità di tutto il genere umano (n. 1); inoltre afferma che l eterno Padre, i credenti in Cristo, li ha voluti chiamare a formare la santa Chiesa (n. 2) e così la Chiesa universale si presenta come un popolo che deriva la sua unità dall unità del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo (n. 4). È sempre interessante ricordare che, anche nella grafia, si è soliti indicare come Chiesa con la C maiuscola, l insieme dei fedeli, e chiesa con la c minuscola l edificio sacro in cui essi si radunano. La Chiesa, comunità parrocchiale, diocesana, universale, si manifesta, appare realmente e concretamente, quando il popolo di Dio è convocato e radunato, soprattutto nel giorno di domenica in assemblea eucaristica, particolarmente nella propria chiesa: punto di arrivo del cammino di chi ha accolto l annuncio del Vangelo e punto di partenza per vivere nel tempo la carità e testimoniare nel mondo l amore di Dio. La chiesa edificio è dunque simbolo del popolo di Dio, che, come scrive l apostolo Pietro nella sua prima lettera, è costituito da pietre vive: Avvicinandovi a lui, pietra viva, rifiutata dagli uomini ma scelta e preziosa davanti a Dio, quali pietre vive siete costruiti anche voi come edificio spirituale, per un sacerdozio santo e per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, mediante Gesù Cristo. Si legge infatti nella Scrittura: Ecco, io pongo in Sion una pietra d angolo, scelta, preziosa, e chi crede in essa non resterà deluso. Onore dunque a voi che credete; ma per quelli che non credono la pietra che i costruttori hanno scartato è diventata pietra d angolo e sasso d inciampo, pietra di scandalo. Essi v inciampano perché non obbediscono alla Parola. A questo erano destinati. Voi invece siete stirpe eletta, sacerdozio regale, nazione santa, popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere ammirevoli di lui, che vi ha chiamato dalle tenebre alla 1

2 sua luce meravigliosa. Un tempo voi eravate non-popolo, ora invece siete popolo di Dio; un tempo eravate esclusi dalla misericordia, ora invece avete ottenuto misericordia (1Pt 2, 4-10). Sulla stessa linea anche San Paolo da parte sua precisa: Così dunque voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio, edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra d angolo lo stesso Cristo Gesù. In lui tutta la costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore; in lui anche voi venite edificati insieme per diventare abitazione di Dio per mezzo dello Spirito (Ef 2, 19-22). L'Apostolo delle genti ci invita, inoltre, ad una precisa identificazione tra edificio ed assemblea, tra tempio e popolo di Dio, quando dice: Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? Se uno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui. Perché santo è il tempio di Dio, che siete voi (1Cor 3, 16-17). Tempio, dimora di Dio (cfr anche Gv 14, 18-23) è ogni singolo cristiano, ma anche e soprattutto i cristiani insieme. Ogni chiesa viene normalmente dedicata a Dio con uno speciale rito di dedicazione (una volta detto di consacrazione), che ricalca quanto avviene per ogni cristiano con i riti dell iniziazione cristiana. Anche l edificio, in questa solenne liturgia ricca di segni, di testi biblici e di preghiere, viene asperso con l acqua battesimale, viene unto con l olio profumato del crisma (e di questo sono memoria le 4 o 12 croci sulle pareti della chiesa), e sul suo Altare, unto, incensato, illuminato e adornato, si celebra la Santa Eucaristia. Il Catechismo della Chiesa Cattolica (al n. 1186) ci aiuta ulteriormente a cogliere il significato del tempio sacro: Infine, la chiesa ha un significato escatologico. Per entrare nella casa di Dio bisogna varcare una soglia, simbolo del passaggio dal mondo ferito dal peccato al mondo della vita nuova al quale tutti gli uomini sono chiamati. La chiesa visibile è simbolo della casa paterna verso la quale il popolo di Dio è in cammino e dove il Padre «tergerà ogni lacrima dai loro occhi» (Ap 21,4). Per questo la chiesa è anche la casa di tutti i figli di Dio, aperta e accogliente. Guardando più da vicino a quella chiesa che è per i fedeli della nostra diocesi la Cattedrale di San Vigilio, è bello considerala dal punto di vista espresso con molta chiarezza dall ecclesiologia (il discorso sulla Chiesa) scaturita dal Concilio Vaticano II: La diocesi è una porzione del popolo di Dio affidata alle cure pastorali del Vescovo, coadiuvato dal suo presbiterio, in modo che, aderendo al suo pastore, e da questi radunata nello Spirito Santo per mezzo del Vangelo e dell Eucaristia, costituisca una Chiesa particolare nella quale è presente e opera la Chiesa di Cristo, una, santa, cattolica e apostolica (Decreto Christus Dominus sull ufficio pastorale dei Vescovi, n. 11). La principale manifestazione della Chiesa locale si ha quando il Vescovo, come grande sacerdote del suo gregge, celebra l Eucaristia soprattutto nella chiesa cattedrale, circondato dal suo presbiterio e dai ministri, con la partecipazione piena e attiva di tutto il popolo santo di Dio. Questa Messa, chiamata stazionale, manifesta l unità della Chiesa locale e la diversità dei ministeri attorno al Vescovo e alla Sacra Eucaristia. Quindi ad essa siano convocati quanti più fedeli è possibile, i presbiteri concelebrino con il Vescovo, i diaconi prestino il loro servizio, gli accoliti e i lettori esercitino le loro funzioni (Ceremoniale episcoporum, n. 119). 2

3 *** Il nome di CATTEDRALE deriva dal fatto che, nella chiesa in cui risiede e celebra il Vescovo di una diocesi, ivi si trova sempre la sua Cattedra, il seggio da cui presiede le più solenni liturgie e da cui annuncia, trasmette e spiega la Parola di Dio e dà comunicazione degli eventi più importanti per la Chiesa a lui affidata. La Cattedra diventa quindi simbolo del Magistero, cioè l insegnamento ufficiale, che un Vescovo è tenuto ad offrire alla Chiesa locale di cui è Pastore a nome di Cristo e della Chiesa universale. Nel rito dell ordinazione del Vescovo, infatti, il nuovo Pastore appena ordinato e rivestito delle sue insegne, è invitato dall Ordinante a sedersi sulla Cattedra nel gesto dell Insediamento nella sua Cattedrale. Al riguardo nell attuale Direttorio per il ministero pastorale dei Vescovi ( ) al n. 156, troviamo scritto: Tra i templi della diocesi, il posto più importante spetta alla chiesa cattedrale, che è segno di unità della Chiesa particolare, luogo dove si realizza il momento più alto della vita della diocesi e si compie pure l atto più eccelso e sacro del munus sanctificandi del Vescovo, che comporta insieme, come la liturgia stessa che egli presiede, la santificazione delle persone e il culto e la gloria di Dio. La Cattedrale è anche il segno del magistero e della potestà del Pastore della diocesi. Il Vescovo deve provvedere affinché le funzioni liturgiche della Cattedrale si svolgano con il decoro, il rispetto delle rubriche e il fervore comunitario che si addicono a quella che è madre delle chiese della diocesi e a tal fine esorti il Capitolo dei canonici. Il testo dell attuale Ceremoniale episcoprum (il libro che contiene le indicazioni che presentano e spiegano le celebrazioni liturgiche presiedute dal Vescovo) descrive in modo estremamente chiaro la funzione della chiesa cattedrale e della Cattedra del Vescovo, senza bisogno di ulteriori particolari spiegazioni: 42. La chiesa cattedrale è quella nella quale si trova la cattedra del Vescovo, segno del magistero e della potestà del Pastore della Chiesa particolare, nonché segno dell unità di coloro che credono in quella fede che il Vescovo proclama come pastore del gregge. In essa, nei giorni più solenni, il Vescovo presiede la liturgia e, a meno che motivi di carattere pastorale non inducano a fare diversamente, consacra il sacro crisma e celebra le sacre ordinazioni. 44. Per questo la chiesa cattedrale giustamente deve essere considerata il centro della vita liturgica della diocesi. 45. Nell animo dei fedeli sia inculcato nelle forme più opportune l amore e la venerazione verso la chiesa cattedrale. A questo fine giovano molto l annuale celebrazione della sua dedicazione e i pellegrinaggi che i fedeli, distribuiti soprattutto per parrocchie o secondo le regioni della diocesi, compiranno per farvi devotamente visita. 46. La chiesa cattedrale sia dimostrazione esemplare alle altre chiese della diocesi di quanto è prescritto nei documenti e libri liturgici circa la disposizione e l ornamentazione delle chiese. 47. La cattedra, di cui più sopra al n. 42, sia unica e fissa, collocata in modo tale che il Vescovo appaia veramente il presidente dell intera assemblea dei fedeli. Il Papa Paolo VI nella Costituzione Apostolica Mirificus eventus del 7 dicembre 1965, con la quale indiceva un Giubileo al termine del Concilio Ecumenico Vaticano II, parlando del nostro tema, scriveva: 3

4 La cattedrale della diocesi, che spesso è luminosa espressione d'arte e di pietà dei secoli passati, e contiene non di rado mirabili opere d'arte, si distingue specialmente per la sua dignità (come dice il nome vetusto) di contenere la cattedra del Vescovo, che è fulcro di unità, di ordine, di potestà, e di autentico magistero in unione con Pietro. Inoltre la cattedrale, nella maestà delle sue strutture architettoniche, raffigura il tempio spirituale che interiormente si edifica in ciascuna anima, nello splendore della grazia, secondo il detto dell'apostolo: Voi infatti siete il tempio del Dio vivente (2 Cor 6, 16). La cattedrale poi è anche possente simbolo della Chiesa visibile di Cristo, che in questa terra prega, canta e adora; di quel Corpo Mistico, in cui le membra diventano compagine di carità, alimentata dalla linfa della grazia; e, come si legge nella festa della Dedicazione nel rito Ambrosiano: Questa è la madre di tutti, divenuta più sublime per il numero dei figli. Ogni giorno genera a Dio nuovi figli, per virtù dello Spirito Santo. Il mondo tutto è pieno dei suoi tralci. Innalza fino al regno celeste le sue propaggini, sostenute dal legno. Essa è quella sublime città eretta sulla sommità del monte, visibile da tutti, e per tutti luminosa (Messale Ambrosiano, Prefazio della festa della Dedicazione della chiesa). Lo spazio che le mura della nostra Cattedrale ritagliano nella città di Trento, quasi un luogo "deserto", separato dalle vie e dalle piazze, è uno ambito di incontro, di ascolto, di comunione, di preghiera, non per pochi o per qualcuno, ma per la Chiesa locale, la diocesi, nella sua totalità. Essa rivela la cura e l amore che i nostri Vescovi nei secoli hanno avuto per questo tempio. Ma una Cattedrale è sempre una realtà viva, è il risultato della volontà comunitaria di molti, in epoche diverse: popolo di Dio, Pastori, autorità civili e sociali, gruppi e singoli, hanno contribuito alla sua costruzione, al suo abbellimento e al suo mantenimento. Chi decise di costruire questo tempio e chi lo realizzò 800 anni fa, sapeva quello che voleva e non si scoraggiò di fronte alle difficoltà. Anche oggi esso è simbolo religioso e civico di una comunità sociale, civile e religiosa, che si identifica con la sua Cattedrale, posta al centro della sua città capoluogo. *** A questo tempio, nel nostro caso la Cattedrale di San Vigilio, nella città di Trento, è dato anche popolarmente il nome di DUOMO. Il termine, che deriva dalla parola latina domus, significa semplicemente casa, a definire la casa di Dio, la grande casa che l uomo costruisce a Dio tra le sue case: Tu non rifiuti che noi ti dedichiamo una dimora costruita dalle mani dell uomo per la celebrazione dei santi misteri (Prefazio della Dedicazione). Potremmo dire la casa per eccellenza, la casa di Dio stesso, che le cittadinanze, le confraternite, le corporazioni amavano ornare, decorare e arricchire con generosità e munificenza. Essa si presenta come un simbolo per la città, che spesso nella storia le ha affiancato scuole di vari ordini e gradi - da quelle per fanciulli fino alle università -, cenobi per ecclesiastici, opere di carità e di accoglienza per i poveri e i pellegrini, fabbriche artistiche e artigianali, ecc. In ogni città, di solito, alla chiesa più importante, anche se non è Cattedrale, perché non è sede vescovile, si dà il titolo di duomo. Spesso sulla facciata delle nostre chiese è riportata anche la scritta D.O.M., che indica la dedicazione di quella casa specificatamente e unicamente a Dio, anche se con il titolo di qualche Santo, della Madonna o dei misteri della salvezza. Tale sigla è la sintesi dell espressione latina Deo Optimo Maximo (a Dio, ottimo e massimo). Un modulo pagano che esaltava la grandezza e la magnificenza dell imperatore, riconosciuto come una divinità, ma che per noi è diventato espressione di riferimento a Dio, a cui solo compete l onore e la gloria, a cui è offerta e dedicata la casa più bella tra le nostre case, anche in ogni città e villaggio della nostra regione tridentina. 4

5 *** Alla Cattedrale di San Vigilio spetta anche l attributo di METROPOLITANA. A dire il vero nella nostra diocesi tale definizione non è molto usata e conosciuta. Metropoli, da cui metropolitana, è un titolo antico che designa la città madre, centro di una regione; per noi significa Chiesa madre, matrice di altre comunità cristiane con le loro chiese e cappelle. Nel nostro caso è il riconoscimento del titolo attribuito dalla Santa Sede nel 1964 all Arcidiocesi di Trento e al suo Pastore, in quel tempo Mons. Alessandro Maria Gottardi, primo Arcivescovo Metropolita della provincia ecclesiastica Tridentina. Trento è dunque sede metropolitana della provincia ecclesiastica Tridentina e la Cattedrale ne è la sua sede ufficiale. Il suo Pastore ha il titolo di Arcivescovo Metropolita e la Metropolia ha come unica sede suffraganea la sorella e vicina diocesi di Bolzano Bressanone (Bozen und Brixen). Già nel 1929, con il Vescovo Mons. Celestino Endrici, la sede di Trento era stata elevata e insignita del titolo Arcivescovile (ma allora non Metropolitana). Il titolo di chiesa madre per la Cattedrale richiama la scritta posta sulla Cattedrale di Roma, la Basilica del Santissimo Salvatore e dei Santi Giovanni Battista ed Evangelista al Laterano: Ecclesia caput et mater omnium ecclesiarum urbis et orbis (questa è la chiesa capo e madre di tutte le chiese della città di Roma e del mondo). Nella sua realtà territoriale anche la nostra Cattedrale è capo e madre delle chiese dell intera arcidiocesi tridentina, che nel Vescovo riconoscono il fulcro dell unità e il garante della comunione. *** Il 18 maggio 1913 (cento anni fa) alla nostra Cattedrale venne anche concesso dalla Santa Sede il titolo di BASILICA minore, indicando così un particolare onore offerto a questo insigne e storico tempio, che ospitò il Concilio di Trento ( ), e nello stesso tempo esprimendo una particolare comunione con la sede apostolica romana, associandola alle quattro grandi basiliche romane di San Pietro, San Paolo, San Giovanni e Santa Maria Maggiore e con il loro Pastore, il Papa, Vescovo di Roma e Sommo Pontefice della Chiesa universale. Il termine greco Basilica, che significa casa del re o meglio dimora regale, ben si addice ad una chiesa in cui una degna architettura e un prezioso ornamento sono a gloria di Dio e dei suoi Santi e ad onore del popolo santo di Dio. Nella nostra Diocesi solo altre due chiese hanno ricevuto il titolo di basilica minore, entrambe il 16 novembre 1973: la chiesa di Santa Maria Maggiore in Trento, intitolata al mistero dell Assunzione di Maria al Cielo, luogo della primitiva ed antica Cattedrale dei tempi di San Vigilio, e quella dei Santi Martiri Sisinio, Martirio ed Alessandro a Sanzeno in Val di Non, sorta sul posto stesso del martirio dei nostri primi evangelizzatori. Di quest ultima già scriveva San Vigilio a San Simpliciano: Per voto riverente noi pensiamo di costruire una basilica su quel luogo, dove essi meritarono di essere i primi testimoni della fede gloriosa. *** La gestione amministrativa, liturgica e organizzativa della Cattedrale è affidata al Capitolo Metropolitano di San Vigilio, composto da nove sacerdoti diocesani, chiamati 5

6 Canonici. Le antiche e secolari cariche prevedono tra loro alcune autorità: il Decano, il Preposito, l Arcidiacono, il Penitenziere e il Teologo. Ad essi sono associati anche altri sacerdoti come Canonici Onorari; sono inoltre previsti dei collaboratori chiamati Cappellani corali. La Cattedrale è anche sede della Parrocchia cittadina di San Vigilio, guidata da un Parroco, nominato dall Arcivescovo. Essa negli ultimi anni è stata associata alla vicina parrocchia di Santa Maria Maggiore. La comunità parrocchiale ha garantito in questi anni l assidua presenza del popolo di Dio e il servizio liturgico, come quello del Coro, dei lettori, dei ministranti e di ministri straordinari della Santa Comunione. Le celebrazioni, quotidiane e festive, che in essa si tengono sono sempre aperte anche al notevole afflusso di fedeli sia della città che delle valli, come pure ai numerosi turisti e pellegrini di passaggio per Trento, la storica "Città del Concilio". *** Il Santo titolare della nostra Cattedrale è il Vescovo Vigilio, venerato come Vescovo e martire. Egli è il terzo Vescovo della sede di Trento, eletto dopo il 381 e deceduto nell anno 400. Quando nella nostra regione il nome di Dio era ancora forestiero e non v era alcun elemento che facesse apparire il segno del cristianesimo (Vigilio a Giovanni Crisostomo), egli fu il grande evangelizzatore e noi, per grazia di Dio, diventammo cristiani. Abbiamo testimonianze insigni del suo ministero in alcuni documenti storici. Alla sua nomina, infatti, egli ricevette una lettera augurale e di riconoscimento del Vescovo di Milano Ambrogio. In occasione della morte dei suoi collaboratori di origine cappadoce, il diacono Sisinio, il lettore Martirio e l ostiario Alessandro (29 maggio 397), il Vescovo Vigilio scrisse due lettere: una a Simpliciano, Vescovo di Milano, l altra a Giovanni Crisostomo a Costantinopoli, per illustrarne il martirio e inviare le loro reliquie. In quest anno 2012 si celebra l ottavo centenario della volontà decisiva del Vescovo Federico Vanga di dare inizio ai lavori di una nuova chiesa cattedrale di San Vigilio, quella attuale, come ricorda l'iscrizione di una lapide, affidandone il 29 febbraio 1212 il compito ad Adamo di Arogno. L epigrafe, redatta su pietra probabilmente alla fine del 1300, venne collocata nella parete esterna absidale del duomo verso sud. Le dimensioni dell odierna Cattedrale, che è a croce latina con tre navate, sono di 72 metri di lunghezza, 24 di larghezza (12 la navata centrale) e 26 di altezza (19 le navate laterali). Molte sono le pubblicazioni uscite in questi anni, sia dal punto di vista storico sia da quello artistico, sulla nostra Cattedrale. Grande merito per la ricerca storica e archeologica va dato al Canonico Prof. Dott. Mons. Iginio (Antonio) Rogger, che fin dagli anni 60 del secolo scorso, ha promosso gli scavi archeologici e lo studio della basilica paleocristiana e dei successivi ampliamenti e delle sue modificazioni. A questi studi di vari valenti autori ed esperti si rimanda per gli approfondimenti necessari. Qui ci si limita a invogliare e avviare i fedeli e i pellegrini a compiere un itinerario di fede, aiutati dalla storia, dall arte e dall architettura di questa nostra bella e amata chiesa cattedrale. Possiamo riconoscerla nella sua verità come è descritta e illustrata dallo splendido testo del II prefazio della Messa del Comune della dedicazione della chiesa: 6

7 Nel tuo amore per l umanità, Signore, Padre santo, hai voluto abitare là dove è raccolto il tuo popolo in preghiera per fare di noi il tempio dello Spirito Santo, in cui risplenda la santità dei tuoi figli. Questa Chiesa, misticamente adombrata nel segno del tempio, tu la santifichi sempre come sposa del Cristo, madre lieta di una moltitudine di figli, per collocarla accanto a te rivestita di gloria. *** Vengono proposte sette schede con alcuni itinerari per comprendere, per meditare, per approfondire e per pregare, in diverse modalità e dimensioni, quello che le pietre vive della Cattedrale di San Vigilio in Trento, offrono al pellegrino, al fedele, al visitatore in quest anno giubilare: 1. itinerario liturgico (i luoghi della celebrazione) 2. itinerario artistico spirituale (una riflessione su alcuni simboli) 3. itinerario cristologico (con Gesù il Cristo) 4. itinerario mariano (con la Beata Vergine Maria) 5. itinerario agiografico (con i Santi) 6. itinerario tra le tombe e le epigrafi (dei Vescovi e di altri dignitari ivi sepolti) 7. itinerario storico (una breve panoramica di una storia che continua). 7

8 1. itinerario liturgico La nostra chiesa cattedrale di San Vigilio, come ogni chiesa, come ogni Cattedrale, è anzitutto un luogo di culto, uno spazio per la preghiera, un ambiente in cui si celebrano i divini misteri, soprattutto l Eucaristia, per la gloria di Dio e la santificazione degli uomini. Scriveva nel 2001, nella presentazione per un volume sull antica basilica di San Vigilio in Trento, l Arcivescovo Luigi Bressan: È con viva emozione che scendiamo a pregare o visitare quei luoghi, che predicano con la loro presenza, poiché quelle pietre e quelle tombe rievocano secoli di vita, di arte, di competenze tecniche e soprattutto di fede; mostrano l evolversi del culto e dell architettura; riflettono la vita della città e le vicende della sua gente. In questa linea è proposto questo breve itinerario liturgico nella Cattedrale. Ogni giorno in duomo, infatti, si celebra la Santa Messa, sia al mattino che alla sera, sia all Altare maggiore, sia nel transetto dei Martiri, un luogo più raccolto per un gruppo più ristretto di persone. A volte le celebrazioni possono avvenire anche nella cripta. Quotidianamente si celebra l Ufficio Divino: i nove Canonici del Capitolo di San Vigilio pregano con il popolo di Dio le Lodi mattutine e alla sera i Vespri. Inoltre, nella Cattedrale è sempre disponibile la presenza di sacerdoti per celebrare individualmente il Sacramento della Riconciliazione. Vale la pena ricordare che qui svolge il suo ruolo, secondo quanto prescritto dal Codice di Diritto Canonico (can. 508), anche il Canonico Penitenziere. Più volte lo stesso Arcivescovo presiede l Eucaristia in questa sua chiesa cattedrale, celebra i Sacramenti dell Iniziazione cristiana (Battesimo, Confermazione ed Eucaristia) per gli adulti e impartisce il Sacramento della Confermazione ai ragazzi della diocesi. Entrando dalla porta detta del Vescovo o dei leoni, che si affaccia sulla piazza del Duomo, il nostro itinerario liturgico nella Cattedrale prende l avvio sulla sinistra, nel transetto nord, detto di San Giovanni, dove si trova il fonte battesimale. È un opera di Francesco Oradini (+ 1754), che fino agli anni 70 del secolo scorso si trovava in fondo al duomo, esattamente sotto il campanile (e prima ancora nell altro angolo). Trasportato qui, per volontà dell'arcivescovo Alessandro Maria Gottardi, e inserito su un ottagono, che indica e proietta la nostra vita di figli di Dio nell eternità ( l ottavo giorno ), questo luogo, diventato il Battistero della Cattedrale, ci ricorda e ci fa pensare al nostro Battesimo ed è punto di riferimento per tutti coloro che si riconoscono figli di questa Chiesa di Trento e in comunione con il suo Vescovo. Dal Battesimo, che ci ha liberati dal peccato e ci ha dato una nuova dignità, scaturisce per noi tutta la vita sacramentale e l appartenenza al Popolo di Dio, alla Chiesa. È significativo che il fonte battesimale si trovi nel transetto detto di San Giovanni, l Apostolo che in tutta la sua prima lettera ci ricorda esplicitamente la verità del nostro essere diventati figli di Dio: Chiunque crede che Gesù è il Cristo, è stato generato da Dio (5, 1); ma forse anche in riferimento e collegamento a Giovanni Battista, il Precursore di Cristo, che proponeva un battesimo di penitenza e di conversione. Qui il Vescovo celebra il Sacramento del Battesimo, soprattutto nella notte della Veglia Pasquale. Salendo i gradini del presbiterio troviamo gli altri luoghi che sono strettamente legati alla celebrazione della Santa Eucaristia. Anzitutto l Altare barocco, che conquista subito l attenzione di chi entra in duomo: da una parte perché la sua imponenza richiama il nostro sguardo; d altra parte perché la sua architettura fa subito pensare al baldacchino del Bernini nella basilica vaticana a Roma. È un opera tutta in marmo (il baldacchino del 8

9 Bernini è in marmo e in bronzo), progettata da Cristoforo Benedetti e realizzata negli anni , come ex voto della città di Trento, scampata dalle cannonate del generale Vendome durante la guerra di successione spagnola (1703); essa è attribuita ai fratelli Domenico e Antonio Sartori di Castione (Mori, Trento), con le sculture (angeli, insegne vescovili, ecc.) di Francesco Oradini e Giovanni Battista Fattori. Sulla base delle colonne, la dedica della cittadinanza è rivolta al Vescovo San Vigilio, ma anche al suo successore, il Beato Adelpreto. Su quell Altare si celebra quotidianamente la liturgia eucaristica, nella quale, per opera dello Spirito Santo, pane e vino divengono il Corpo e il Sangue del Signore. Da quella mensa il popolo di Dio viene nutrito nella Comunione eucaristica per diventare un solo corpo e un solo spirito, un cuor solo e un anima sola e un sacrificio a Dio gradito. Soprattutto nelle solennità e in numerose altre occasioni è lo stesso Vescovo che presiede in quel luogo santo ed elevato la liturgia eucaristica, non come un invitato speciale, non come un ospite d onore, ma come il vero e proprio titolare, il grande sacerdote della Chiesa di Dio pellegrina in Trento. Sotto l Altare in una preziosa e solenne urna di stile gotico, rivestita di squame in pietre dure, sono conservate le Reliquie di San Vigilio. Un altra urna, di tipo processionale in argento del 1631, è conservata al Museo diocesano. La riforma liturgica ha trovato in questo modello di Altare e nella sua centralità per tutta l assemblea, la possibilità di una celebrazione con tutti i fedeli circumstantes, a cui è dato di vedere la celebrazione dei divini misteri e di parteciparvi con fede e consapevolezza. Attorno all Altare, che occupa gran parte del presbiterio, si trovano gli altri elementi per la celebrazione: la Cattedra del Vescovo, l ambone, la sede del celebrante e dei concelebranti. Attualmente per il Vescovo si usa una Cattedra lignea dei tempi dell Arcivescovo Celestino Endrici (opera e dono degli Artigianelli, nel 1929). Essa è addossata al pilastro che regge il tiburio, quasi ad indicare la responsabilità del Pastore che regge, in nome di Cristo, la Chiesa di Trento. Da quel luogo il Vescovo espone la sana dottrina con il suo Magistero, particolarmente nelle omelie delle celebrazioni più importanti. Da quel luogo egli presiede la celebrazione della Messa e i diversi riti nel corso dell anno liturgico, compresa la Liturgia delle Ore, le solenni ordinazioni, i riti per l Iniziazione Cristiana degli adulti, la celebrazione del Sacramento della Confermazione e altre liturgie. Nel futuro sarà bello e opportuno poter realizzare una Cattedra più degna di questa basilica, in pietra e con gli ornamenti che ne indichino visibilmente il valore, la funzione e il ruolo. L ambone, questo luogo felicemente ritrovato dopo la riforma liturgica, tenacemente voluta dal Concilio Vaticano II, non è una semplice riedizione del pulpito (luogo della predica e degli avvisi al popolo), ma lo spazio proprio dell annuncio, della proclamazione o del canto della Parola di Dio, soprattutto del Vangelo di Cristo. Anche in questo caso la nostra Cattedrale, per il momento e motivatamente per la ristrettezza degli spazi, non presenta un ambone degno del suo ruolo. L attuale piccolo ambone in marmo racchiude un antica pietra con un bassorilievo rappresentante un angelo con il libro della Parola di Dio, il simbolo dell evangelista Matteo. Da quell ambone ormai da oltre trent anni si proclama la Parola di Dio, che da quel luogo, accolta nelle menti e nei cuori dei fedeli, si irradia in opere e parole per tutta la Diocesi. 9

10 Anche il luogo di chi presiede la celebrazione, quando non c è il Vescovo, per ora è un semplice sgabello posto su una predella, di fronte alla Cattedra. Da lì il celebrante, che può essere il Decano del Capitolo, il Parroco, o un altro sacerdote, guida le celebrazioni liturgiche. Accanto si trovano i posti per i Canonici, i concelebranti, i diaconi, gli accolti e i ministranti. Nella capiente navata centrale, in quelle laterali e nei transetti laterali, un ampio spazio si apre a contenere l assemblea dei fedeli che ivi si raduna per le celebrazioni: per loro, per il popolo di Dio, la Cattedrale è stata costruita come spazio sacro ampio e accogliente, attorno all Altare del Signore. Così infatti proclama la solenne Preghiera di dedicazione: Qui la santa assemblea riunita intorno all Altare celebri il memoriale della Pasqua e si nutra al banchetto della Parola e del Corpo di Cristo. Dietro al presbiterio, nell abside, è collocato l antico coro ligneo con gli stalli per i Canonici e la sede centrale destinata al Vescovo. Era anticamente il luogo proprio per la preghiera dell Ufficio Divino. Oggi viene utilizzato per i concelebranti nelle solenni e partecipate concelebrazioni. Nella sua parte centrale in basso trova posto la schola cantorum, che normalmente è il coro della parrocchia. Ivi ha il suo spazio anche l organo, con le canne e la consolle, che con il suo suono sostiene i canti e rende più solenni le celebrazioni. Percorrendo le navate laterali si trovano alcuni confessionali dove normalmente si celebra individualmente il Sacramento della Riconciliazione. Nella navata verso sud si affaccia un altro luogo importante del nostro duomo: la cappella del Santissimo Sacramento. Come solitamente avviene in tutte le Cattedrali, infatti, l Eucaristia non è custodita sull Altare maggiore o in presbiterio, ma in una apposita cappella laterale. Anche in questo la Cattedrale è di esempio e di testimonianza sulla collocazione del tabernacolo con il Santissimo Sacramento. Nella nostra Cattedrale questo luogo per la riserva eucaristica è un vero gioiello di arte e di pietà: il tabernacolo è al centro di una serie di elementi che narrano la storia della salvezza, che si compie nel mistero della Redenzione. In alto domina il bassorilievo marmoreo con la scena del peccato dei progenitori, che rimanda sotto allo stupendo e rinomato Crocifisso ligneo, con la Madonna e San Giovanni; ai lati le tele del Natale e della Risurrezione; nella cupola i numerosi affreschi sulla Passione del Signore e le sue profezie veterotestamentarie. Tutto serve ad illustrare e a far convergere l attenzione e la preghiera sulla presenza eucaristica, viva memoria della sua passione, che ci dona la vita divina e il pegno della gloria futura (antifona attribuita a San Tommaso d'aquino). I ritrovati ambienti della cripta di Santa Massenza e dell aula San Vigilio, sotto la Cattedrale, si presentano oggi come due luoghi comunicanti e distinti: spazio di preghiera e di celebrazioni per piccoli gruppi la prima, e ambiente cimiteriale, il secondo. Nel luogo, dove un reticolato di 75 tombe, con varie e interessanti epigrafi, custodiva i resti mortali di numerose persone, ora riposano le spoglie dei Vescovi di Trento. Due tavole marmoree li ricordano con l elenco dei 120 Vescovi che hanno preceduto l attuale Pastore sulla Cattedra di Trento, assicurandone la Successione apostolica. *** Il nostro itinerario liturgico non può dimenticare, infine, oltre ai luoghi anche i tempi che scandiscono la vita e le celebrazioni nel corso dell Anno Liturgico in questa 10

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE RIFLESSIONE SULL AVVENTO Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL 20 SIGNORE INTRODUZIONE Accogliamo dal Signore un nuovo Anno di grazia, di

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Terminato il canto d ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE.

RITO DELLA MESSA. Terminato il canto d ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Quando il popolo si è radunato, il sacerdote con i ministri si reca all altare; intanto si esegue il CANTO D INGRESSO. Giunto all altare,il sacerdote con i ministri

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO PER AFFIDARE IL POPOLO ITALIANO ALLA VERGINE MARIA MATER UNITATIS PROPOSTA PER LE CHIESE PARTICOLARI a cura dell Ufficio Liturgico Nazionale - CEI CANTO INIZIALE: Vergine

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

CERIMONIALE DEI VESCOVI

CERIMONIALE DEI VESCOVI CERIMONIALE DEI VESCOVI CERIMONIALE DEI VESCOVI CONGREGAZIONE PER IL CULTO DIVINO Prot. n. CD 1300/84. DECRETO Dopo la revisione di quasi tutti i libri liturgici su disposizione del concilio ecumenico

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE Sabato Mariano, 7 dicembre 2014 LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE P. Alberto Valentini, SMM La speranza biblica non è un vago sentimento, una semplice tensione verso un futuro, sognato migliore,

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa CO.PER.LI.M DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa Elaborato di Liturgia a cura di ROBERTA FRAMEGLIA Roma- Frascati, 2002-2003 PREFAZIONE Questa breve analisi

Dettagli

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE Documento preparatorio Città del Vaticano 2013 I Il Sinodo: famiglia ed evangelizzazione

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29)

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) QUARESIMA-PASQUA 2015 ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) Tutte le opere dell'uomo proseguono inesorabilmente condotte dal tempo che mai si arresta. Anche l'anno pastorale corre veloce sui binari della

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Conferenza Episcopale Italiana Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l annuncio e la catechesi ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Lettera alle comunità, ai presbiteri e ai catechisti

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Venuta del Paraclito 15, 26 In quel tempo. Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre,

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To)

Dettagli

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Quaderni di spiritualità 1. Liberare la santità di Piccotti Mariano e Vissani

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI 1. Il rinnovamento della catechesi, pubblicato nel 1970 sotto la spinta del Concilio Vaticano II, ha segnato decisamente,

Dettagli

LA COMUNIONE EUCARISTICA AI MALATI DATA DA UN MINISTRO STRAORDINARIO

LA COMUNIONE EUCARISTICA AI MALATI DATA DA UN MINISTRO STRAORDINARIO LA COMUNIONE EUCARISTICA AI MALATI DATA DA UN MINISTRO STRAORDINARIO 44 1 2 43 42 3 È veramente cosa buona è giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre, qui e in ogni luogo, a te,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA

IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA Numeri 5/6 1 luglio 2004 IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA Nota pastorale dell Episcopato italiano Introduzione Pag. 129 I. Comunicare e vivere il Vangelo tra la gente in un

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA

ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA La spinta, il coraggio, lo spunto alla Chiesa per vivere in uscita, evangelizzatrice,

Dettagli

Ad gentes 1 www.olir.it

Ad gentes 1 www.olir.it DECRETO Ad gentes SULL ATTIVITÀ MISSIONARIA DELLA CHIESA PROEMIO 1. Inviata per mandato divino alle genti per essere «sacramento universale di salvezza» la Chiesa, rispondendo a un tempo alle esigenze

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli