Scritture Metropolitane Biblioteche del Comune di Modena Kult Virtual Press Walter Martinelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scritture Metropolitane Biblioteche del Comune di Modena Kult Virtual Press Walter Martinelli"

Transcript

1

2 La collana di e-book Scritture Metropolitane nasce dalla collaborazione tra le Biblioteche del Comune di Modena e Kult Virtual Press e si propone di incoraggiare e promuovere la creatività e la comunicazione attraverso la scrittura e l'illustrazione. Il progetto è rivolto principalmente ai giovani autori, ma coinvolge anche scrittori professionisti che aderiscono all'iniziativa accogliendone gli obiettivi di apertura, condivisione e scambio di contenuti ed esperienze. I volumi sono distribuiti gratuitamente su internet all'indirizzo Info e contatti: Referente del progetto: Walter Martinelli Responsabile Biblioteche decentrate del Comune di Modena tel.:

3 Copyright I tarocchi della cattedrale, di Federico Manicardi con la consulenza di Patrizia Curti e Walter Martinelli Collana: Scritture Metropolitane Ottobre 2005 Prima edizione in formato e-paperback Eidzioni Kult Virtual Press - Responsabile editoriale Marco Giorgini, Via Malagoli, 23 - Modena Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 1

4 I tarocchi della cattedrale di Federico Manicardi con la consulenza di Patrizia Curti e Walter Martinelli Le immagini riprodotte nell'e-book sono parziali. Il mazzo dei 22 Arcani Maggiori è in vendita a 10 nei bookshop del Comune di Modena. 2

5 Introduzione Alle origini Il Diavolo e l'acqua Santa Gli arcani illustrati Le carte Gli autori Sommario 3

6 Mi sono applicato soprattutto a guardare i tarocchi con attenzione, con l'occhio di chi non sa cosa siano, e a trarne suggestioni e associazioni, a interpretarli secondo un'iconologia immaginaria. Quando le carte affiancate a caso mi davano una storia in cui riconoscevo un senso, mi mettevo a scriverla. Così Calvino ne Il castello dei destini incrociati esprime il suo atteggiamento verso le carte da gioco che aveva potuto ammirare in uno dei più affascinantii e antichi esemplari conosciuti: il mazzo Pierpont-Morgan Visconti-Sforza, quattrocentesco, quasi completo, consistente in carte di grande dimensione con raffinate illustrazioni a mano, fondo punzonato in argento, figure in lamina d'oro. Calvino, che si lascia guidare da associazioni libere tra le diverse carte del mazzo per costruire i suoi racconti, si colloca quindi nella lunga scia degli estimatori dei tarocchi, che fin dall'inizio non erano certamente solo i nobili come i Visconti, ma anche il popolo e persino i religiosi: già negli anni Venti del '400 san Bernardino da Siena predicava contro le carte da gioco, definite creazione degli infedeli e ingegnoso strumento del diavolo per indurre al peccato le anime elette votate a Dio ; indirettamente si ha quindi conferma di una diffusione che già all'epoca - quindi subito dopo le origini del gioco, collocate nell'italia del nord tra Medioevo e Rinascimento - doveva essere ampia. Se l'invenzione della stampa a caratteri mobili da metà Quattrocento doveva portare alla possibilità di produrre materiali in grande quantità rispetto all'esecuzione a mano, dobbiamo fare un balzo di circa tre secoli per incontrare quella che è stata definita la prima industria di immagini : la famiglia Remondini a Bassano del Grappa, che accosta alla stampa di edizioni curate per la Repubblica di Venezia una grande produzione di stampe popolari comprendente soggetti sacri, immagini cavalleresche, soldatini da ritagliare, ritratti di personaggi, calendari, carta per rivestimenti ed anche carte da gioco. Grazie ai venditori ambulanti la diffusione di queste stampe arriva in tutta Europa, dalla Spagna alla Russia; la curiosità che 4

7 Introduzione destano le immagini, soprattutto gli Arcani maggiori, fa sì che sempre più alla funzione di gioco si aggiunga e si sovrapponga un uso divinatorio. Oggi, ancora quasi tre secoli dopo, i procedimenti tecnici sono di nuovo cambiati, e i tarocchi che qui presentiamo prendono origine dalla produzione di tre e-book sul Duomo di Modena (ideazione di Walter Martinelli, testi di Patrizia Curti e grafica di Federico Manicardi). L'interesse per questa associazione, inedita ma evidentemente abbastanza lineare, tra iconografia dei tarocchi da un lato, e dall'altro Duomo come libro di pietra, repertorio di immagini antiche e simboliche, ha convinto della opportunità di ricavare da queste premesse elettroniche un più tradizionale prodotto a stampa, che può essere semplicemente letto o concretamente utilizzato per gli scopi sui quali si sofferma il testo di Martinelli. Quello che rimane costante nei secoli è il fascino degli Arcani, che dopo aver ispirato tanti illustratori ora si associano alle sculture del Duomo di Modena per colpire la creatività di Manicardi, e dare origine a esseri e personaggi di volta in volta mitologici, onirici, iper moderni. Le parole di Calvino ben si adattano quindi a esprimere lo stupore che dalle origini fino ad oggi accompagna chi osserva i tarocchi, cui ci permettiamo di aggiungere l'ammirazione per quella meravigliosa fonte di immagini fantasiose e simboliche che è la Cattedrale di Modena. Meris Bellei Direttrice delle Biblioteche del Comune di Modena 5

8 Alle origini Per risalire alle origini dei Tarocchi del Duomo, dobbiamo tornare indietro di qualche anno, al 2004, quando le Biblioteche del Comune di Modena in collaborazione con Memo (Multicentro educativo) realizzavano il primo di tre di e-book sul Duomo di Modena. Gli e-book, editi sotto l'etichetta Scritture Metropolitane erano firmati da Patrizia Curti per i testi e Federico Manicardi (allora studente liceale) per la grafica con la mia partecipazione in qualità di curatore. Negli anni che seguirono il 'dinamico trio' firmò per Scritture Metropolitane oltre agli e-book sulle tre porte del duomo, un paio di raccolte di giochi sempre ispirati alla cattedrale e sempre in formato elettronico. Licenziato il volume sulla Porta dei Principi (la terza ad essere presa in esame) erano maturi i tempi per una conclusione speciale del progetto. Un'opera finale che unisse mistero, storia, arte e creatività, qualcosa di più tangibile di un e-book, ma al tempo stesso inafferrabile, come un mazzo di tarocchi, 22 lame (gli arcani maggiori) liberamente ispirate alla cattedrale medievale di Modena. Fu così che al di fuori di ogni progetto didattico e di documentazione, il gruppo di lavoro ormai consolidato, il 'dinamico trio', si auto-commissionò la realizzazione dei tarocchi del Duomo di Modena (il mondo lo chiedeva!). La difficoltà e la sfida del progetto stava nel bilanciare correttamente l'estetica creativa del disegnatore, il rigore storico delle citazioni e dei rimandi alla cattedrale e l'aspetto simbolico ed esoterico delle carte. Il prodotto finale doveva essere (ed è) un'opera d'arte ispirata ai bassorilievi del Duomo di Modena e quindi con precisi elementi storico-artistici da rispettare, ma rimaneva un mazzo di tarocchi, le carte della divinazione, il libro che, a dire di tanti studiosi, racchiude nel suo simbolismo i segreti stessi delle dottrine iniziatiche. 6

9 Alle origini Dall'Egitto alla Cabala, dai Rosacroce agli Alchimisti, le più antiche e importanti scuole misteriche hanno riconosciuto la profonda validità esoterica delle 22 lame degli Arcani Maggiori. Le carte che andavamo a definire dovevamo poter essere utilizzate per il loro scopo principe: la divinazione, la lettura del percorso iniziatico, dall'apprendistato alla realizzazione della grande opera, sia attraverso i segni e i simboli evidenti sugli arcani, che attraverso elementi più sottili come i colori e la composizione grafica. Il mio compito stava nel vigilare che l'opera mantenesse il contenuto simbolico, nei suoi elementi essenziali, lasciando libero l'estro creativo e affidando alle capacità divinatorie del consultante l'interpretazione delle (inconsce?) scelte cromatiche e compositive dell'autore. Carta per carta ho indicato quali erano gli elementi simbolici e i significati principali, chiedendo le modifiche necessarie a rispettare i contenuti 'nascosti' dei diversi arcani. Anche le scelte dei riferimenti alla cattedrale non sono casuali, come ad esempio la scelta di utilizzare la figura di Adamo per la carta del Bagatto, o di Artù nel Carro o della mandorla mistica nel Giudizio. Credo che il risultato finale abbia rispettato le consegne che il gruppo stesso si era dato, ma credo che l'unico modo per verificare la bontà del nostro lavoro, al di là del valore artistico dell'opera, sia di utilizzare le carte! Come? Come per tutti gli oggetti e gli strumenti di ricerca esoterica: osservateli, disponeteli sul tavolo su due file da 11, raggruppateli per insiemi, confrontateli, concentatevi su ogni carta e guardate. Lasciate che ogni carta vi trasmetta il proprio contenuto nascosto e se le sentirete, utilizzatele, consultatele, lasciate che vi parlino. E diteci com'è andata! Walter Martinelli 7

10 Il Diavolo e l'acqua Santa Da sempre gli artisti si sono cimentati con i tarocchi, una sfida culturale raccolta da pittori e illustratori, affascinati da queste esoteriche carte, soprattutto dagli Arcani Maggiori, simboli allegorici,specchio ed emblema di un mistero aperto a modi diversi di interpretazione e a molteplici suggestioni. Federico Manicardi,studente dell'accademia di Belle Arti di Bologna, lega la magia degli Arcani Maggiori a quella delle sculture esterne del Duomo di Modena,banco di prova su cui si è cimentato fin dai tempi della scuola superiore illustrando e.book destinati al mondo della scuola. Ogni carta - insieme alle specifiche caratteristiche di cui dà conto Walter Martinelli - contiene rimandi al capolavoro dell'arte romanica, eretto a partire dal 1099 per dare una casa degna della sua grandezza al protettore di Modena, San Geminiano. All'architetto Lanfranco si affiancò lo scultore Wiligelmo che nella facciata ha inserito la narrazione biblica, dalla creazione di Adamo all'arca di Noè, oltre ad eseguire la decorazione del portale principale, dei bassorilievi e dei capitelli che seguono un preciso programma dottrinario ed escatologico. Altri maestri,interpreti dei modelli di Wiligelmo, proseguirono i cicli scultorei nella Porta dei Principi, nella Porta della Pescheria, nelle fiancate e nelle absidi. A questa prima fase costruttiva seguì l'intervento di maestranze provenienti da Campione, sul lago di Lugano,che operarono dalla seconda metà del XII secolo fino ai primi decenni del XIV. Si deve a loro, per quanto riguarda l'esterno della cattedrale, l'apertura del rosone e delle porte laterali nella facciata e della Porta Regia su Piazza Grande, unitamente all'aggiunta del transetto. Le rappresentazioni dell'immaginario di Wiligelmo entrano negli Arcani di Manicardi, che fonde. e trasfigura, invertendo o moltiplicando l'ordine delle parti. di questo universo di simboli ispirato a molteplici fonti e a una fitta rete di rimandi. Si inizia con il Matto, che fa eco a un bassorilievo posto sulla facciata, 8

11 Il diavolo e l'acqua santa rimasto fino ad ora un mistero anche per gli studiosi. Adamo, le mani di Dio, il bastone di Caino delle lastre del Genesi, le monete inserite nella profonda strombatura della Porta Regia, il calice donato a San Geminiano della Porta dei Principi e la spada dei cavalieri della Tavola Rotonda sono citati nel Bagatto. Nella Luna e nella Torre rivive il castello di Artù circondato dall'acqua del rilievo della lunetta della Pescheria, scolpito prima della testimonianza scritta di Goffredo di Monmouth. Artù,quale incarnazione di forze dalla valenza positiva prende il posto di San Geminiano come auriga nella carta del Carro, ripresa della porta Regia, preceduta dai quattro gradini, con il doppio protiro e i leoni stilofori che stringono tra gli artigli una preda. Ritroviamo la postura del profeta Isaia nella Papessa; la Temperanza richiama l'angelo della facciata, la Giustizia si atteggia come l'arcangelo Gabriele che svetta nella parte alta dell'abside con l'asta al posto della spada. Il Diavolo rinvia all'architrave della Porta dei Principi, come peraltro l'imperatrice, che evoca la moglie di Gioviano collocata su un suppedaneo - donna di potenza straordinaria (forse Matilde di Canossa) - mentre l' asta e lo scudo sono rubati ai cavalieri di Artù. L'Imperatore, seduto su un trono ove campeggiano i sofferenti telamoni della Porta della Pescheria, con in testa la corona di Gioviano, ha lo scettro che trasfigura il calice donato dalla coppia imperiale a San Geminiano dopo la liberazione dell'amata figlia dal demonio. L'arco che accoglie come un vero e proprio baldacchino il Papa, ripropone la rappresentazione di San Pietro negli stipiti interni della porta di Principi. Nell'Innamorato il genietto reggifiaccola della facciata principale in veste di Cupido sovrasta la trasfigurazione di un capitello dell'abside; l'eremita è Mosè - al posto della lampada tiene le luminose tavole della legge di Dio - primo profeta dello stipite destro della Porta Principale,qui collocato su un delle due torrette disposte in posizione assiale alle colonne, l'architettura che lo incornicia. Sulla Ruota, il rosone aperto nella facciata dai Campionesi - identico il numero di raggi - si appoggiano la manticora, favoloso mostro dell'india, il cinocefalo con il corpo umano e il muso di cane, e il centauro dello stipite 9

12 Il diavolo e l'acqua santa esterno della Porta Principale. La Forza ripropone Sansone che smascella il leone della facciata, mentre nell'appeso si riconosce il busto di un telamone rovesciato cui fanno corona microformelle dell'architrave della Porta della Pescheria. La Morte cita il mese di Giugno che impugna una grande falce, parte del ciclo sito negli stipiti interni della Porta della Pescheria, focalizzato, come tutti i calendari medievali, sui lavori agricoli sentiti come mezzo di redenzione, speranza di futura salvezza. Federico Manicardi gioca con il cassettonato a rosette dell'architrave della porta della Pescheria nelle Stelle e con un rimando all'eva della creazione; nel Sole spiccano i fori ove venivano inserite le travi per creare le impalcature su cui risplende come un sole la decorazione sita sopra una finestrella dell'abside. Il Giudizio espone la scritta in esametri leonini nella formella della Porta dei Principi che racconta le esequie di San Geminiano. La mandorla della facciata, presente anche nella carta successiva, e il suonatore di corno del tralcio della Porta dei Principi eletto ad angelo che risveglia i morti, completano lo schema iconografico. Il Mondo infine allude a una delle metope poste sui salienti, la strana creatura seduta sui talloni uscita dal Liber monstrorum,a cui si affiancano i simboli de quattro evangelisti nella parte superiore della facciata, sopra il rosone. Il racconto di Federico Manicardi esprime piena consapevolezza sulle virtù del libro di pietra medievale di essere aperto per molteplici chiavi e livelli di lettura per le sue storie meravigliose: la densità di dotti riferimenti storici e artistici - ho citato i fondamentali- non pregiudica la possibilità di abbandonarsi in totale libertà all'incanto delle forme, al fascino dei colori e dei disegni degli esseri usciti da moderni e antichi bestiari, che si arrampicano e precipitano dai tralci e dai capitelli, invertiti e capovolti rispetto alla realtà del monumento, trasfigurati dalla raffinata mano dell'artista. I Tarocchi di Manicardi sono anche un invito a guardare con curiosa attenzione le sculture della cattedrale alla scoperta dei tantissimi riferimenti e citazioni evidenti e nascosti. Ognuno tuttavia potrà vederci ciò che vuole. 10

13 Il diavolo e l'acqua santa Patrizia Curti 11

14 Gli arcani illustrati Illustrare i tarocchi attingendo al repertorio figurativo di una Cattedrale romanica come il Duomo di Modena è stato un compito a tratti arduo: non sempre i rilievi scultorei si prestavano a essere tradotti all'interno delle 22 carte. Ci si è trovati di fronte all'assenza quasi totale di figure femminili nell'opera di Wiligelmo quando invece ritornano frequentemente nell'iconografia degli Arcani; partendo da questo limite ho manipolato alcune figure in modo molto libero, sfruttando il non visto, come nel caso della Papessa: per trasformare uno dei profeti della Porta Principale in una sacerdotessa. Pur giocando con la composizione per legare i singoli soggetti alla loro simbologia ho voluto conservare il fascino di queste imponenti sculture dai corpi rozzi con un marcato chiaroscuro, la deformazione espressiva e la puntuale ripresa di alcuni dettagli e delle posture che le caratterizzano. L'uso del collage mi ha permesso di scaldare le immagini altrimenti troppo grafiche e sospese; suggerendo così un'atmosfera d'ambiente, ricca di drappi, preziosi vestiti e pesanti tendaggi, entro la quale ho sempre immaginato il mondo rarefatto dei tarocchi. Ferderico Manicardi 12

15 1. Il Bagatto 13

16 2. La Papessa 14

17 3. L'Imperatrice 15

18 4. L'Imperatore 16

19 5. Il Papa 17

20 6. L'Innamorato 18

21 7. Il Carro 19

22 8. La Giustizia 20

23 9. L'Eremita 21

24 10. La Ruota 22

25 11. La Forza 23

26 12. L'Appeso 24

27 13. La Morte 25

28 14. La temperanza 26

29 15. Il Diavolo 27

30 16. La Torre 28

31 17. Le Stelle 29

32 18. La Luna 30

33 19. Il Sole 31

34 20. Il Giudizio 32

35 21. Il Mondo 33

36 Il Matto 34

37 Gli autori Federico Manicardi, illustratore, ha realizzato le immagini degli serie di e-book I mille volti dell immaginario medievale sul Duomo modenese, editi nella collana «Scritture Metropolitane» delle Biblioteche del Comune di Modena e presentata all edizione 2005 di Docet (Fiera del Libro di Bologna). Ha disegnato I tarocchi della cattedrale, pubblicati da Artestampa per le Biblioteche del Comune di Modena (aprile 2009). Patrizia Curti svolge attività di ricerca in ambito storico-artistico con particolare attenzione alle arti maggiori e alle arti applicate di area estense. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni tra cui varie a carattere divulgativo rivolte soprattutto ai giovani. Ha collaborato alla realizzazione de I tarocchi della cattedrale, pubblicati da Artestampa per le Biblioteche del Comune di Modena (aprile 2009). Walter Martinelli, Responsabile delle Biblioteche decentrate del Comune di Modena, è l'ideatore e il curatore del progetto Scritture Metropolitane. 35

38 Creative Commos legal code Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Tu sei libero: di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire o recitare l'opera Alle seguenti condizioni: Attribuzione. Devi riconoscere il contributo dell'autore originario. Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per scopi commerciali. Non opere derivate. Non puoi alterare, trasformare o sviluppare quest'opera. In occasione di ogni atto di riutilizzazione o distribuzione, devi chiarire agli altri i termini della licenza di quest'opera. Se ottieni il permesso dal titolare del diritto d'autore, è possibile rinunciare ad ognuna di queste condizioni. Le tue utilizzazioni libere e gli altri diritti non sono in nessun modo limitati da quanto sopra Questo è un riassunto in linguaggio accessibile a tutti del Codice Legale (la licenza integrale). Disclaimer The Commons Deed is not a license. It is simply a handy reference for understanding the Legal Code (the full license) it is a human-readable expression of some of its key terms. Think of it as the user-friendly interface to the Legal Code beneath. This Deed itself has no legal value, and its contents do not appear in the actual license. Creative Commons is not a law firm and does not provide legal services. Distributing of, displaying of, or linking to this Commons Deed does not create an attorney-client relationship. 36

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997)

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) Corso di formazione per insegnanti 2 incontro Francesca Piccinini Coordinatrice del sito UNESCO di Modena 22 ottobre 2013 Modena nel

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Fantastiche matite - illustrazione e fumetto fantasy a Modena, AA.VV. Edito da Zona Holden Collana Fahrenheit 2570

Fantastiche matite - illustrazione e fumetto fantasy a Modena, AA.VV. Edito da Zona Holden Collana Fahrenheit 2570 Fantastiche matite - illustrazione e fumetto fantasy a Modena, AA.VV. Edito da Zona Holden Collana Fahrenheit 2570 Raccolta proposta come Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

BAMBINI LIBRI D ARTE BIBLIOTECHE EXPO2015 SEMINARE UN LIBRO L IMMAGINAZIONE CHE NUTRE

BAMBINI LIBRI D ARTE BIBLIOTECHE EXPO2015 SEMINARE UN LIBRO L IMMAGINAZIONE CHE NUTRE SEMINARE UN LIBRO L IMMAGINAZIONE CHE NUTRE Progetto per Expo2015/Educational Biblioteche di Milano e provincia 2014-2015 L IDEA UN WORKSHOP DI CREAZIONE DI LIBRI D ARTE Il lavoro prevede la creazione

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

I sarcofagi cristiani. Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali

I sarcofagi cristiani. Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Dalla tetrarchia all età di Costantino i sarcofagi a grandi pastorali Dalla tetrarchia all età di Costantino

Dettagli

IL SOFTWARE E LA SUA TUTELA

IL SOFTWARE E LA SUA TUTELA IL SOFTWARE E LA SUA TUTELA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006/2007 DOCENTI:PROF.BRUNO TROISI DOTT.MASSIMO FARINA AUTORE:ENRICO LOI

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

TaroT Corso di Tarocchi di I Livello

TaroT Corso di Tarocchi di I Livello TaroT Corso di Tarocchi di I Livello Nell'ambito delle discipline esoteriche, cioè basate sulla ricerca di una conoscenza segreta, i Tarocchi costituiscono molto di più di un mazzo di carte: essi sono

Dettagli

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA I percorsi proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi all interno della Pinacoteca di Brera sono condotti grazie all ausilio di materiale didattico, appositamente

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD DI APPRENDIMENTO Riconoscere ed usare gli elementi del linguaggio visivo Usare creativamente il

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso La cornice La cornice che racchiude attualmente la pala è opera seicentesca (si ipotizza una data intorno al 1623): lavoro complesso e fastoso a testimonianza della grande considerazione in cui era tenuto

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

2013 EDITION. Frasi da Startup. Raffaele Gaito

2013 EDITION. Frasi da Startup. Raffaele Gaito 2013 EDITION 100 Frasi da Startup Raffaele Gaito INDICE Indice... 1 Autore.... 2 Licenza... 3 Ringraziamenti.... 4 Prefazione. 5 Introduzione.... 6 Le Frasi..... 7 Aspiranti Startupper.. 7 Competitor..

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE. Evoluzione della normativa italiana e componenti di base

LA FIRMA DIGITALE. Evoluzione della normativa italiana e componenti di base LA FIRMA DIGITALE Evoluzione della normativa italiana e componenti di base UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006 / 2007 DOCENTI: PROF.

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

La firma digitale. Autore: Monica Mascia

La firma digitale. Autore: Monica Mascia La firma digitale Università degli studi di Cagliari Facoltà di giurisprudenza Diritto privato dell informatica A.A. 2006/2007 Docenti: prof. Bruno Troisi Dott. Massimo Farina Autore: Monica Mascia Che

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Progetto Educazione All'Immagine A.S. 2015-2016 Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Introduzione Obiettivi Il progetto che propongo si rivolge

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE. ARTE e IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE. ARTE e IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ARTE e IMMAGINE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA - L alunno utilizza le conoscenze e le

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA

Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA www.copyleft-italia.it www.aliprandi.org www.array.eu Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA qualche informazione su di me Copyleft-Italia: www.copyleft-italia.it Array

Dettagli

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 e i Database Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 Versione 0.99 Dicembre 2005 OpenOffice.org 2.0 & i Database - 2005 Filippo Cerulo Soft.Com Sas www.softcombn.com

Dettagli

Romanico Idee - concorso parte del progetto RomaniComo - didattica multimediale del territorio

Romanico Idee - concorso parte del progetto RomaniComo - didattica multimediale del territorio Romanico Idee - concorso parte del progetto RomaniComo - didattica multimediale del territorio con il sostegno della Provincia di Como - Assessorato alla Cultura e Regione Lombardia progetto realizzato

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Linux e le economie di rete

Linux e le economie di rete Linux e le economie di rete Come creare valore con il software libero. Abstract: La tecnologia cambia ma le regole dell'economia no. Con questa citazione si apre uno dei libri diventato un must dell'economia

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE ARTISTICA FINALITA La disciplina mira nelle sue varie articolazioni, alla maturazione delle capacità di esprimersi e di comunicare

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Mostra Personale Enrico Crucco

Mostra Personale Enrico Crucco Mostra Personale Enrico Crucco Dal 03 al 09 Maggio 2013 Ragazza con libro e funghi - olio su tela 70x90-2013 2 Uomo, donna, bambino - acquerello su carta 50x70 Cosa ti spinge a fare arte? R. Ci sono svariati

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

SEGRETI PER IL SUCCESSO

SEGRETI PER IL SUCCESSO Produzioni Aurora SEGRETI PER IL SUCCESSO Segreti per il successo è una collezione di proverbi, consigli e detti ispiranti: proprio la cosa giusta per motivarti all inizio della giornata. 24 AGOSTO Dove

Dettagli

Presentazione degli itinerari diocesani

Presentazione degli itinerari diocesani Presentazione degli itinerari diocesani I tre spaccapietre Mi sto ammazzando di fatica Devo mantenere mia moglie e i miei figli Sto costruendo una cattedrale Che cosa stai facendo? Un edizione rinnovata

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Progetto didattico rivolto agli studenti del secondo ciclo della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado

Progetto didattico rivolto agli studenti del secondo ciclo della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado Delegazione di Milano Via Turati, 6 20121 Milano Tel. e fax 02 6592330 Progetto didattico rivolto agli studenti del secondo ciclo della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado NEL SEGNO DELL

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 e i Database Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 Versione 0.99 Dicembre 2005 OpenOffice.org 2.0 & i Database - 2005 Filippo Cerulo Soft.Com Sas www.softcombn.com

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

I Tarocchi dal gioco alla divinazione

I Tarocchi dal gioco alla divinazione Il metodo delle cinque carte o del giudice Questo metodo è particolarmente adatto quando il consultante si trova in una situazione poco chiara e cerca una risposta ai suoi dubbi. Dopo aver mischiato le

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

Nido Integrato Pesciolino Rosso

Nido Integrato Pesciolino Rosso Trivignano - Venezia Via Chiesa 18/C 30174 Tel. Fax 041-909271 - Scuola Paritaria - sito internet: WWW.REGINAPACE.IT Scuola dell Infanzia REGINA DELLA PACE Nido Integrato PESCIOLINO ROSSO PROGETTO EDUCATIVO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA ESPRIMERSI E COMUNICARE L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi. Rielabora

Dettagli

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331 MANESIOMO e RINASCIMENTO Vol II, pp. 322-331 331 XV-XVI XVI Rinascimento Scoperte geografiche e nuovo impulso a commercio ed economia ridanno fiducia nella scienza,, nella ragione e nell esperienza, quindi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 Accademia degli Euteleti DELLA CITTÀ DI SAN MINIATO Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 a cura di Federico Tognoni Premessa di Mara Roani Introduzione di Lucia Tongiorgi Tomasi Edizioni ETS www.edizioniets.com

Dettagli

Titolo del progetto: Murales

Titolo del progetto: Murales Titolo del progetto: Murales RILEVAZIONE BISOGNI Considerando che l operatività manuale può essere una risorsa per tutti gli alunni ed in particolare per gli alunni DVA e considerando anche che nell istituto

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

. A. p Premessa i S l i b E t i g

. A. p Premessa i S l i b E t i g Premessa Dall origine dei tempi l uomo ha sempre cercato di interpretare il mondo che lo circondava, di dare delle risposte all incredibile e misterioso meccanismo universale di cui faceva parte, di penetrare

Dettagli

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 Mercoledì 27 Gennaio 2010 il Rotary Club Padova, guidato dal suo Presidente Pier Luigi Cereda, ha avuto il

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Ins.te Barbara Infante

Ins.te Barbara Infante PROGRAMMAZIONE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA - Scuola dell infanzia - I.C.S. Via dei Garofani Triennio 2014/15-2015/16-2016/17 Ins.te Barbara Infante - ANNI 3 - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

UN ALFABETO MISTERIOSO

UN ALFABETO MISTERIOSO UN ALFABETO MISTERIOSO Oggi in classe i bambini hanno trovato una strana iscrizione sulla lavagna: Mattia, il più studioso, riconosce subito i simboli della scrittura utilizzata nell antico Egitto: il

Dettagli

BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta

BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta Come in una storia, che permette letture sempre nuove e personali, la Bibbia si offre al lettore secondo lo stile del tempo in cui viene vissuta. Ogni lettura

Dettagli