DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZIONE E TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZIONE E TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "ENRICO FALCK" VIA BALILLA, SESTO SAN GIOVANNI - TEL.02/ / FAX 02/ Sede Coordinata: COLOGNO MONZESE- Via Leonardo da Vinci 1- Tel. 02/ Fax 02/ DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZIONE E TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI A.S. 2012/2013

2 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "ENRICO FALCK" VIA BALILLA, SESTO SAN GIOVANNI - TEL.02/ / FAX 02/ Sede Coordinata: COLOGNO MONZESE- Via Leonardo da Vinci 1- Tel. 02/ Fax 02/ INDICE Profilo professionale p. 4 Programmazione didattica a. s Attività Coordinate e comuni p Profilo della classe... p Presentazione del consiglio di classe... p Composizione della classe p Modalità di lavoro consiglio di classe... p Alternanza Scuola-Lavoro... p Iniziative complementari - integrative... p Corrispondenza tra voti e livelli... p Livelli di sufficienza... p Calendari delle simulazioni prefissati..... p Attribuzione credito scolastico pregresso..... p Argomenti proposti dai candidati per il colloquio... p Le firme del documento di classe...p.19

3 13. Programmazioni disciplinari dei singoli docenti...p.20 -Allegato 1. (Simulazione Prima Prova e Criteri di valutazione) -Allegato 2. (Simulazione Seconda Prova e Criteri di valutazione) -Allegato 3. (Simulazione Terza Prova e Criteri di valutazione) -Allegato 4. Alternanza Scuola-Lavoro

4 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "ENRICO FALCK" VIA BALILLA, SESTO SAN GIOVANNI - TEL.02/ / FAX 02/ Sede Coordinata: COLOGNO MONZESE- Via Leonardo da Vinci 1- Tel. 02/ Fax 02/ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.S. 2012/2013 COORDINATE E ATTIVITÀ COMUNI Classe 5 E Tecnico dei servizi turistici PROFILO PROFESSIONALE In un contesto economico - produttivo generale, che evidenzia incessanti innovazioni tecnologiche e rapidi cambiamenti non solo nel campo del lavoro, ma anche negli usi e costumi, nelle abitudini di vita e nei consumi, a causa della rapida obsolescenza delle nozioni e delle abilità di ordine meramente esecutivo, data la necessità di acquisire grande flessibilità e capacità di adattamento, l'intervento formativo nel settore turistico deve porsi nell'ottica dell'innovazione e dell'approccio alla complessità in una dimensione di conoscenze e competenze non parziale, settoriale o puramente localistica, ma globale e sensibile alle molteplici influenze, che interagiscono dinamicamente nella determinazione del fenomeno turistico. L'evoluzione del prodotto turistico, in termini di moltiplicazione delle opportunità e di segmentazione delle modalità di fruizione del prodotto stesso, si accompagna ad un complessivo innalzamento dei livelli culturali: il che richiede operatori che non solo conoscano in modo approfondito le caratteristiche del fenomeno turistico nelle sue molteplici articolazioni, ma che siano innanzitutto in possesso di un'ampia cultura di base, di spirito di iniziativa, di senso critico, di capacità di recepire il cambiamento e di adattarsi ad esso, di doti di concretezza, di disponibilità e di interesse a comprendere le richieste e le esigenze che provengono dal mondo esterno. In tale prospettiva, pertanto, la formazione di operatori del quadro intermedio di secondo livello, innestandosi direttamente sui risultati conseguiti nel triennio di qualifica nel profilo di"operatore dell'impresa turistica", richiede: a) in termini di conoscenze: un'ampia ed essenziale cultura di base storica geografica, giuridico - economica, politica, artistica, ecc.;. la conoscenza scritta e parlata di due lingue straniere; la consapevolezza del ruolo delle articolazioni, delle implicazioni economiche del settore turistico; la conoscenza approfondita dei prodotti turistici, delle fasce di possibile utenza, dei modi per accrescere l'interesse e la fruibilità del prodotto senza snaturarlo; la conoscenza degli elementi fondamentali della struttura organizzativa delle varie imprese turistiche; la conoscenza del canali di commercializzazione e del marketing; 4

5 la padronanza delle tecniche operative di base, con particolare attenzione all'utilizzo degli strumenti informatici; b) in termini di capacità e di comportamenti: la capacità di leggere e di interpretare autonomamente eventi, problematiche, tendenze del mondo circostante; la padronanza dei mezzi espressivi e di comunicazione, parlati, scritti, telematici; buone capacità comunicative, non solo in termini di espressione linguistica (in italiano o nelle lingue straniere), ma anche di comunicazione non verbale; la flessibilità e la disponibilità al cambiamento;. la capacità di impegnarsi a fondo per raggiungere un obiettivo; adeguate doti di precisione, attenzione, concentrazione;. un comportamento improntato alla tolleranza, all'autocontrollo ed al senso della misura;. la consapevolezza del proprio ruolo unita a doti di affidabilità. La definizione delle abilità e dei requisiti professionali di base trova una specificazione ulteriore nell'identificazione dei profili relativi alle singole specializzazioni. 5

6 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.S COORDINATE E ATTIVITA COMUNI Classe 5 E Tecnico dei servizi turistici QUADRO ORARIO Materie di insegnamento N. ore S/o/ p Area comune Italiano 4 S/o Storia 2 O Matematica ed informatica 3 S/o Lingua Francese 3 S/o Educazione fisica 2 P I.R.C. (per chi si avvale) 1 P Area di indirizzo Tecnica turistica 6 (2 in compresenza.) S/o/p Lingua Inglese 3 S/o Geografia turistica 2 O Storia dell Arte e Beni culturali 2 O Tecniche di comunic. e relaz. 2 (1 in compresenza.) O Tecnica dei servizi tre ore in compresenza. - ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Vedere programmazione p Referente: Prof.ssa Ferramosca 6

7 1. PROFILO DELLA CLASSE DATI RIGUARDANTI I PROGRESSI E I RISULTATI DEL IV E V ANNO (BIENNIO POST- QUALIFICA) La classe V E, che si accinge ad affrontare l Esame di Stato, è composta da 12 alunni, 9 femmine e 3 maschi, provenienti dalla IV E del precedente anno scolastico presso lo stesso Istituto. Alla fine del quarto anno solo quattro alunni sono stati promossi in V senza debito formativo; otto alunni hanno invece sostenuto le prove volte ad accertare il recupero del debito, con esito sufficiente. Una sola alunna è stata bocciata. Il rispetto delle regole dell istituto appare non generalizzato né interiorizzato dalla totalità degli alunni, lo dimostrano le numerose assenze e ritardi, che per alcuni sono stati al limite del consentito; ad essi si aggiungono assenze strategiche soprattutto nelle prime e ultime ore, volte ad evitare interrogazioni e verifiche. Tale situazione è stata più volte ripresa e discussa dal corpo docenti, e fatta presente a genitori e Dirigente. La classe, dunque, ha raggiunto solo in parte gli obiettivi prefissati nella maggior parte delle discipline, e ha potuto ottenere, nel complesso delle aree disciplinari, solo risultati mediamente sufficienti, fatta eccezione per due alunne che si contraddistinguono per frequenza assidua, impegno costante e discreto. Per quanto riguarda gli alunni diversamente abili, occorre segnalare che un alunna ha usufruito nel corso del biennio post - qualifica dell apporto di insegnanti di sostegno e, per la sua preparazione, si rinvia all apposito allegato riservato. Il consiglio di classe, in accordo con la famiglia, ha fissato un percorso didattico differenziato 1. Due alunni hanno partecipato nel corso del primo anno di iscrizione ai laboratori linguistici di Lingua per lo studio tenuti dalla Cooperativa Icaro 2000 e dalla Cooperativa Contrasti presso la nostra sede. Ciò ha consentito loro di migliorare il modo di esprimersi sia in forma orale e sia in forma scritta Globalmente, l impegno nello studio e il rispetto delle consegne non sono sempre stati pienamente sufficienti nel corso dell anno, lo stesso si può dire per la partecipazione all attività didattica in classe; il metodo di studio resta ancora mnemonico in molte discipline, in alcuni casi per lacune pregresse, in altri per scarso impegno personale. Complessivamente sia nell espressione orale che in quella scritta gli alunni dimostrano di aver ancora delle lacune da colmare. Considerata, quindi, la situazione della classe, in accordo coi colleghi del C.d. C., si è deciso di fissare e valutare il raggiungimento degli obiettivi minimi per quanto riguarda conoscenze, competenze e abilità in tutte le discipline e di effettuare approfondimenti e collegamenti pluridisciplinari nei lavori di fine anno di alcune studentesse. Occorre, inoltre, far osservare che alcuni docenti sono cambiati nel passaggio dalla classe IV alla V, e ciò naturalmente ha influito, specie nella fase iniziale, sulla tempistica dell apprendimento e dell assimilazione dei concetti fondamentali. All inizio dell anno scolastico, il consiglio di classe aveva, comunque, determinato comuni strategie di intervento per il recupero delle lacune, e griglie di valutazione condivise, il più possibile uniformi. Nel corso dei consigli di classe, dunque, il corpo docente ha potuto constatare che gli obiettivi socio-educativi trasversali, la puntualità e la precisione nell esecuzione dei compiti affidati non sono stati in tutti i casi interiorizzati, con risultati sufficienti, ma non in tutte le materie. 1 Cfr. Ordinanza Ministeriale n. 40 dell'8 aprile 2009 che prevede condizioni specifiche di svolgimento degli esami per gli studenti con disabilità. Le norme si rifanno alle Ordinanze Ministeriali n.26 del 15 marzo 2007 e n.30 del 10 marzo 2008, nonché al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 30 aprile 2008, riguardante proprio l'accessibilità agli strumenti didattici e formativi a favore degli alunni disabili. Le nuove norme per l'esame di Stato prestano particolare attenzione agli studenti con disturbi specifici di apprendimento (Dsa) e alle modalità di svolgimento delle prove per gli alunni con disabilità. L'articolo prevede infatti che i candidati che hanno seguito un percorso didattico differenziato e sono stati valutati dal consiglio di classe con l attribuzione di voti e di un credito scolastico relativi unicamente allo svolgimento di tale piano possono sostenere prove differenziate coerenti con il percorso svolto finalizzate solo al rilascio dell attestazione di cui all art. 13 del D.P.R. n. 323/1998. I testi delle prove scritte sono elaborati dalle commissioni sulla base della documentazione fornita dal consiglio di classe. Per detti candidati il riferimento all effettuazione delle prove differenziate va indicato solo nella attestazione e non nei tabelloni affissi all albo dell istituto. 7

8 Per quanto concerne, poi, il profilo professionale, si rammenta che gli alunni hanno partecipato alle attività di Alternanza Scuola - Lavoro, alla cui programmazione si rinvia di seguito. I momenti di effettivo coinvolgimento durante il percorso di apprendimento si sono verificati durante il periodo di Alternanza Scuola Lavoro, in occasione degli Open Day del nostro Istituto e durante il percorso di orientamento in uscita. Per la preparazione dell Esame di Stato sono state approntate due simulazioni della Prima Prova, due della Seconda Prova e due della Terza Prova e sono state fornite continuamente da tutti i docenti puntuali indicazioni sulla preparazione della prove d esame e delle mappe concettuali e degli elaborati di approfondimento con cui gli studenti intendono iniziare il colloquio. OBIETTIVI FORMATIVI E TRASVERSALI REALMENTE RAGGIUNTI OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivo raggiunto da Tutti La maggioranza Alcuni 1.Partecipazione responsabile e impegnata X alle attività proposte dal consiglio di classe 2. Abitudine a collaborare con gli altri, X imparando ad accogliere tesi differenti e contrastanti 3. Consapevolezza delle proprie attitudini Umane e professionali anche ai fini Dell orientamento post-diploma X OBIETTIVI TRASVERSALI Obiettivo raggiunto da Tutti La maggioranza Alcuni 1.Conoscenza dei contenuti delle discipline. X 2.Capacità di leggere e comprendere, analizzare e sintetizzare le informazioni ricevute, individuando l idea centrale e X gli sviluppi logici, sia nella produzione scritta che in quella orale. 3.Capacità di riconoscere come gli stessi argomenti trovino una propria collocazione nell ambito di diverse discipline, riuscendo a coglierne alcuni elementi unificanti. X 8

9 4.Capacità di rielaborare gli argomenti in X modo autonomo e personale. 2. PRESENTAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E COMPOSIZIONE DELLA CLASSE TAB 1.1 CONTINUITÀ DIDATTICA MATERIE DOCENTE DALLA 3 DALLA 4 DALLA 5 Italiano * Cattaneo Rossana X Storia * Cattaneo Rossana X Matematica * Maria Cristina Recalcati X Francese Carmelo Cantarella X Ed. Fisica Di Fino Lorenzo X Tec. Turistica Sfameni Maria X Inglese Dondoni Mariarosa X X Geografia Mariagrazia Di Stasio X Tecnica dei servizi * Bruna Dosso Serena Aliberti Storia dell arte Marilena Scarpino/ Ilaria Torelli Religione Marra Daniela X Tec. comunicazione * Bruna Dosso Serena Aliberti X X Sostegno * * Dorotea Mistretta Leonardo De Feo X Con * sono contrassegnati i docenti che compongono la commissione. 9

10 TAB.1.2 COMPOSIZIONE DELLA CLASSE ELENCO ALUNNI provenienza DALLA 4 E DA ALTRA RIPETENTE INTERNO RIPETENTE ESTERNO GIORNI DI ASSENZA al 10/05/12 * 1 BARBANTI ALICE X 42 2 CARCERERI ISKRA LAURA X 28 3 CARRILLO CONTRERAS ADRIANA X 29 4 CASTRIOTTA SARA X 28 5 COSTELLA NICOLE X 50 6 DELL ORTO GIULIA X 3 7 DI STEFANO MARCO X 38 8 LO MONACO ERIKA MARIA X 49 9 NGOM ABDOU X SANTACROCE MARIA X 38 GIULIA 11 SOTO BARRIENTOS LUIS X TARANTINO MARTINA X 15 * Giorni di assenza fino al 9 maggio Cfr. C.M. n. 85 Prot sulla frequenza dei tre quarti dell orario annuale personalizzato e i successivi chiarimenti del DPR 122/2009 della C.I. n. 216 del 09/03/2011 sul limite massimo di assenze consentite (25% del totale) calcolati sulla base del monte ore annuale della classe (somma delle singole discipline). TAB 1.3 N. Alunno con percorso differenziato Codice alunno D.O.G. Percorso differenziato (v. allegato riservato) 10

11 SITUAZIONE PREGRESSA ISCRITTI CLASSE IV PROMOSSI ALLA CLASSE V SENZA DEBITO CON DEBITO/I TAB 1.5 STRATEGIE PER IL RECUPERO IN ITINERE MATERIA Tutte le materie STRATEGIE ADOTTATE Ripasso sistematico degli argomenti fatti e ulteriori esercitazioni TAB 1.6 OBIETTIVI DEL CONSIGLIO DI CLASSE E STRATEGIE ATTIVATE PER IL LORO CONSEGUIMENTO Obiettivi formativi/comportamentali Rafforzamento senso di responsabilità ed interesse per il mondo esterno Acquisizione di un approccio propositivo ed attivo al lavoro svolto nella classe Senso di responsabilità nell ottemperanza ai doveri scolastici (regolarità nella frequenza, puntualità alle lezioni, rispetto delle scadenze). Strategie Momenti di discussione in classe; approfondimenti di carattere personale proposti dai docenti Valorizzazione di principi, concretamente applicati, di solidarietà e tolleranza Controllo costante delle assenze e dei ritardi e dialogo costante con le famiglie Partecipazione attenta e produttiva. Stimolazione attraverso argomenti di attualità e lettura del quotidiano Organizzazione autonoma, puntuale e cosciente del lavoro sia a casa che a scuola. Acquisizione di un metodo di lavoro continuo e sistematico. Acquisizione di una capacità di auto-valutazione delle proprie abilità, nonché dei propri limiti. Formazione di un gruppo classe affiatato che collabori per il comune raggiungimento degli obiettivi fissati. Controllo puntuale delle verifiche in itinere e sommative. Favorire stili di apprendimento attraverso la varietà e l uso di schemi, tabelle, grafici, documenti Correzione degli errori, proposta di recupero, incentivazione aree di debolezza e di motivazione Cooperative learning e lavori di gruppo in alcune materie Obiettivi cognitivi Strategie Consolidare un proficuo metodo di studio personale. Indicare anche questo aspetto quale elemento della valutazione Favorire l attitudine ad uno studio autonomo e di rielaborazione dei contenuti delle varie materie Differenziare il più possibile la forma in cui si pongono le domande durante le interrogazioni orali. 11 Favorire il superamento dello studio mnemonico a Favorire una rielaborazione personale attraverso test semi-

12 favore di un approccio più ragionato Consolidare le capacità di collegare le informazioni e operare confronti tra contenuti e aree disciplinari. Approfondire e riorganizzare in modo personale alcuni dei contenuti appresi. Saper comunicare efficacemente utilizzando linguaggi specifici di ciascuna disciplina. strutturati o attraverso percorsi logici guidati. Far cogliere gli elementi impliciti nella comunicazione. Soluzioni di problemi pratici. Far emergere i punti di contatto e i collegamenti fra le varie discipline, quando e dove possibile. Favorire la rielaborazione autonoma dei concetti appresi, facendo svolgere approfondimenti individuali. Insistere sull ampliamento del lessico formalizzato e terminologicamente appropriato. 3. MODALITÀ DI LAVORO CONSIGLIO DI CLASSE E STRUMENTI DI VERIFICA 3.1 MODALITÀ E STUMENTI MATERIE LEZIONE FRONTALE LEZIONE PARTECI - PATA LAVORO PER GRUPPI UTILIZZO AULA VIDEO UTILIZZO AULA INFORMATICA Italiano X X X X X Storia X X X X X Matematica X X Francese X X X X X Tecnica Com. e rel. X X X X X Tecnica Turistica X X X Inglese X X Geografia X X X Tecnica dei servizi X X X X X Storia arte X X X X Ed. Fisica X X X X X Religione X X X X X 12

13 3.2 STRUMENTI DI VERIFICA MATERIE INTERRO- GAZIONI LUNGHE INTERRO- GAZIONI BREVI PROBLE- MA / ESERCI- ZIO SCRITTO PROVE STRUT - TURATE VERIFI-CHE IN ITINERE E SOMMATI- VE Italiano X X X X X Storia X X X X X Matematica X X X X Francese X X X X X Ed. Fisica X Tecnica Turistica X X X X Inglese X X X Geografia X X X X Tecnica dei servizi X X Storia arte X X X X Tecnica Com. e rel. X X X X X 4. ALTERNANZA SCUOLA -LAVORO DOCENTE CON FUNZIONE DI REFERENTE PER L ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: Prof. ssa Ferramosca Docente Formatore nominata per la sede di Cologno M.se : Prof.ssa Ferramosca L alternanza scuola-lavoro è una modalità didattico-formativa regolamentata dal decreto legislativo n. 77/2005, attuativo dell art.4 della L. n. 53/2003 di riforma al sistema scolastico. Si propone di orientare e sostenere un ingresso consapevole degli allievi nella realtà lavorativa, mediante l acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro. Questa innovativa metodologia didattica rappresenta la strada verso una fattiva alleanza tra il mondo della scuola e quello del lavoro: la scuola diventa più aperta al territorio e l impresa esercita un ruolo formativo primario verso i giovani, in un contesto che vede il concorso e la collaborazione di diversi attori alla realizzazione delle iniziative di alternanza scuola-lavoro (associazioni d imprese, Camera di Commercio, enti pubblici e privati ecc.) La 5 E indirizzo Turistico ha praticato, nel terzo anno, stage presso aziende/enti pubblici; nel quarto anno stage e terza area e, quest anno, stage presso agenzie di viaggi, hotels ed enti di promozione turistica comunali dal 14 gennaio 2013 al 26 gennaio

14 FORMAT DI PROGETTAZIONE: Competenze, abilità e conoscenze nella classe 5^ turistica Competenze, abilità e conoscenze da acquisire nella classe quinta turistica Competenze Abilità Conoscenze Interagire con il sistema informativo aziendale anche attraverso l uso di strumenti informatici e telematici per la compilazione di un bilancio di un impresa turistica Effettuare semplici rilevazioni delle operazioni di gestione delle imprese turistiche con utilizzo di strumenti informatici e programmi applicativi Tipologia e finalità delle rilevazioni contabili delle imprese turistiche Le finalità informative e la struttura del bilancio Collaborare alla redazione di un bilancio di esercizio di un impresa ricettiva e di un impresa di viaggi Attività realizzate Due settimane di stages presso agenzie turistiche e Hotels o agenzie promozione eventi Comune di Cologno M.ze dal 14 gennaio 2013 al 26 gennaio 2013 (Tutor della classe Prof.ssa Cristina Recalcati) AFOL NORD MILANO (Incontro con operatore sui Centri Impiego e Città dei Mestieri) incontro sabato 13 (8:30-10:30) e venerdì 19 aprile 2013 (8:30-10:30) Il Quotidiano in classe: lettura commentata di articoli tratti da Corriere della Sera, Il Giorno, Il Sole 24 ore. 14

15 5. INIZIATIVE COMPLEMENTARI - INTEGRATIVE USCITE DIDATTICHE Mostra Body Worlds presso La fabbrica del vapore, via Procaccini 4, Milano-17 dicembre 2012 Giornata della memoria: film La chiave di Sara presso Cineteatro Peppino Impastato, via Volta, Cologno Monzese 30 gennaio 2013 Viaggio di istruzione a Vienna e Praga dal 18 al 22 marzo 2013 Partecipazione orientamento in ingresso con alunni scuole medie. Sfameni). (v. Referente prof. ssa Progetto: educazione alla legalità, organizzata da ANPI e Libera, Casa contro le Mafie monologo drammatizzato Migra di Angela Villa; incontro con Fortunato Zinni, Agnese Moro, Margherita Asta. Corso sulla sicurezza: 2h ATTIVITÀ INTEGRATIVE Incontro con AVIS: 23 aprile dalle 8:00 alle 9:00 Attività di orientamento in uscita in collaborazione con AFOL NORD MILANO: 13 aprile 2013 e 19 aprile 2013 dalle 8.30 alle (Presentazione servizi per l impiego; curriculum vitae, canali e piano di ricerca, colloquio di selezione), PROGETTO ESAGONO AFOL NORD MILANO: (bilancio di competenze): SPORTELLO PER COLLOQUI INDIVIDUALI: oltre al lavoro con gruppi, il progetto Esagono prevede azioni di counselling individuale. Al termine degli interventi gli orientatori sono presenti a scuola 2 giornate, nel mese di Maggio 2013 per colloqui individuali su prenotazione. Attività di orientamento in uscita e Alternanza Scuola Lavoro Partecipazione attività sportive dell Istituto (Torneo scolastico) il 7 maggio CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI POSSESSO CONOSCENZE POSSESSO ABILITÀ OPERATIVE USO LINGUAGGIO DEL CAPACITÀ RIELABORATIVA NULLO 3 GRAVEMENTE INSUFFICIENTE 4 INSUFFICIENTE 5 SUFFICIENTE 6 DISCRETO 7 BUONO 8 OTTIMO 9/10 15

16 7.LIVELLI DI SUFFICIENZA a. PARTECIPAZIONE SOSTANZIALMENTE POSITIVA MA DA SOLLECITARE b. IMPEGNO SOSTANZIALMENTE POSITIVO c. METODO DI STUDIO SOSTANZIALMENTE POSITIVO ANCHE SE NON SEMPRE ORGANIZZATO PROFITTO: a) conoscenza Completa ma non approfondita b) comprensione Ha compreso il significato e le relazioni semplici ed essenziali c) applicazione Utilizza correttamente gli elementi basilari d) analisi Individua le relazioni più semplici tra singoli elementi e) sintesi Riconduce ad una unità organica gli elementi più semplici f) autonomia di giudizio Se guidato valuta in modo oggettivo g) uso del linguaggio Semplice, senza gravi errori 8. SIMULAZIONE PRIMA PROVA 8 gennaio 2013 e 26 marzo 2013 V. ALLEGATI (tipologia a-b-c-d) 9.SIMULAZIONE SECONDA PROVA 19 febbraio 2013 e 3 maggio 2013 V. ALLEGATI 10.SIMULAZIONE TERZE PROVE 5 aprile 2013; 10 maggio 2013 v. ALLEGATI TIPOLOGIA B MATERIE CONTENUTI Domande aperte Inglese o TOURISM (LETTURA STIMOLO CON TRE DOMANDE APERTE) o Tipologia B : tre domande aperte Domande aperte Francese o HOTEL DES BAINS (LETTURA STIMOLO CON TRE DOMANDE APERTE) o LA VALLEE DE LA JAQUES-CARTIER (LETTURA STIMOLO CON TRE DOMANDE APERTE) Domande aperte Matematica o Tre esercizi Domande aperte Tecnica delle Comunicazione o LA PSICANALISI DI FREUD o L IMPORTANZA DELLA SEGMENTAZIONE DEI DIPENDENTI o FORME PUBBLICITARIE, CAMPAGNE PUBBLICITARIE o CICLO DI VITA DI UN PRODOTTO Per la terza prova è stata prevista una durata di due ore e mezza 16

17 11.ATTRIBUZIONE CREDITO SCOLASTICO PREGRESSO ALUNNI TOTALE CREDITI (III E IV ANNO) 1 BARBANTI ALICE 9 2 CARCERERI ISKRA LAURA 9 3 CARRILLO CONTRERAS ADRIANA 9 4 CASTRIOTTA SARA 9 5 COSTELLA NICOLE 10 6 DELL ORTO GIULIA 13 7 DI STEFANO MARCO 8 8 LO MONACO ERIKA MARIA 9 9 NGOM ABDOU 9 10 SANTACROCE MARIA GIULIA 8 11 SOTO BARRIENTOS LUIS 9 12 TARANTINO MARTINA 13 17

18 12.ARGOMENTI PROPOSTI DAI CANDIDATI PER IL COLLOQUIO ALUNNI ARGOMENTO 1 BARBANTI ALICE IL DISAGIO GIOVANILE 2 CARCERERI ISKRA LAURA 3 CARRILLO CONTRERAS ADRIANA IL LAVORO LO SFRUTTAMENTO MINORILE 4 CASTRIOTTA SARA IL TURISMO SOSTENIBILE 5 COSTELLA NICOLE IL FUMETTO E L ANIMAZIONE 6 DELL ORTO GIULIA I MIEI CINQUE ANNI AL FALCK 7 DI STEFANO MARCO LA APPLE 8 LO MONACO ERIKA MARIA IL TURISMO NELL ITALIA DEL SUD 9 NGOM ABDOU WEB MARKETING 10 SANTACROCE MARIA GIULIA 11 SOTO BARRIENTOS LUIS 12 TARANTINO MARTINA LE DONNE L IMMIGRAZIONE IL MALTRATTAMENTO SUGLI ANIMALI 18

19 Il Consiglio di classe AS E Materie Docenti Firme 19

20 ITALIANO STORIA MATEMATICA LINGUA INGLESE LINGUA FRANCESE ECONOMIA E TECNICA TURISTICA GEOGRAFIA TURISTICA TECNICA DELLA COMUNICAZIONE STORIA DELL'ARTE TECNICA DEI SERVIZI RELIGIONE EDUCAZIONE FISICA SOSTEGNO R. CATTANEO R. CATTANEO M.C. RECALCATI M. DONDONI C. CANTARELLA M. SFAMENI M. DI STASIO B. DOSSO/ S. ALIBERTI I. TORELLI B. DOSSO/ S. ALIBERTI D. MARRA L. DI FINO D. MISTRETTA/ L. DE FEO Cologno Monzese, 10 maggio 2013 IPSCT E. FALCK SEDE COORDINATA COLOGNO MONZESE a.s PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO V E TURISTICO DOCENTE: PROF. SSA ROSSANA CATTANEO OBIETTIVI MINIMI POTENZIAMENTO DELLA CAPACITÁ DI COMPRENSIONE a. Analisi di testi specifici (generi, saggistica). -saper individuare i principali nuclei tematici all interno di una o più opere

21 - saper individuare nel testo le principali caratteristiche fondamentali del genere di appartenenza - saper individuare le principali figure retoriche: metafore, sinestesie, enjambements, anafore, onomatopee, allitterazioni. - saper individuare nel testo narrativo l intreccio e il punto di vista b. Sintesi e schematizzazioni dei testi sulla base di criteri interpretativi -saper collocare autori ed opere studiati e saperli mettere a confronto POTENZIAMENTO DELLA CAPACITÁ COMUNICATIVA a. Produzione di testi orali adeguati alla varietà delle situazioni e delle funzioni comunicative -saper esporre oralmente con correttezza grammaticale, sintattica e utilizzo linguaggio adeguato. b. Produzione di varie tipologie di testi scritti, diversificati nella loro destinazione e finalità. -saper produrre testi scritti secondo le tipologie dell Esame di stato OBIETTIVI SUPERIORI POTENZIAMENTO DELLA COMPETENZA METALINGUISTICA a.affinamento della consapevolezza del funzionamento dei codice linguistico. b.acquisizione della terminologia specifica, relativa allo studio dei fenomeni letterari. POTENZIAMENTO DELLA COMPETENZA LETTERARIA E DELLA CAPACITÁ DI FRUIZIONE ESTETICA (PIACERE DEL TESTO) a.acquisizione di strumenti e metodi per la lettura e l'interpretazione dei testi. b.conoscenza di un'ampia e varia tipologia di testi letterari. c.conoscenza ampia della produzione letteraria e delle tematiche del Novecento (attraverso la predisposizione di U.D. da somministrare fin dalla classe terza) d.riconoscimento della polivalenza e polisemia del testo letterario come prodotto estetico e come documento socio culturale.

22 e.sensibilizzazione alla consapevolezza dell'esistenza di un sistema letterario europeo e sopranazionale. METODOLOGIA Sono previsti vari approcci metodologici realizzati mediante Moduli, in cui ha prevalso, di volta in volta, l'elemento storico-culturale, il genere letterario, la monografia (autore e/o opera), il tema. Si è ribadita la centralità del testo, sul quale si è svolto il lavoro di analisi interpretativa, tematica e stilistica, guidato dall'insegnante o affidato al lavoro degli studenti. In relazione a quanto detto, si è previsto l'utilizzo delle seguenti modalità didattiche: 1. Lezione frontale di inquadramento storico-culturale, di tipo tematico, di diversa tipologia di analisi critica 2. Didattica attiva: Relazioni individuali c/o di gruppo. Esercitazioni di autocorrezione. Letture domestiche consigliate e guidate dall'insegnante con schede e discussione. Confronto/discussione di gruppo. Elaborazione individuale c/o di gruppo di tematiche di approfondimento. In particolare, per quanto riguarda il potenziamento delle abilità di scrittura, si prevedono: test, questionari, commenti letterari, letture di brani di critica letteraria. L'insegnante ha avuto cura, inoltre, di date indicazioni sulla struttura del tema letterario che prevede la centralità dell'analisi testuale e diversi approcci critici. STRUMENTI Testo in adozione: AAVV, Paesaggi della Scrittura, dal novecento ai giorni nostri, ed. Laterza Fotocopie opere letterarie non disponibili nel testo adottato. Spettacoli teatrali e film. (DVD) Uscite didattiche. VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Produzione orale: Interventi durante le discussioni. Relazioni preventivamente progettate e organizzate. Lettura, analisi e interpretazione di testi letterari, sulla base di griglie. 2. Produzione scritta: Saggi brevi di commento a testi Schemi di sintesi e relazioni... Saggio argomentativo su temi letterari, storici, di attualità, ecc.. SCANSIONE DELLE VERIFICHE Almeno tre verifiche scritte e tre verifiche orali per quadrimestre RECUPERO Il recupero delle conoscenze e delle capacità è stato programmato generalmente in itinere. CONOSCENZA DELLA CLASSE

23 La classe è composta da 12 alunni, di cui 9 femmine e 3 maschi, tutti provenienti dallo stesso istituto. Il livello di preparazione raggiunto in italiano appare più che sufficiente e discreto solo per alcune persone.. La maggior parte degli studenti ha assimilato i contenuti generali ed ha raggiunto gli obiettivi minimi, ma non sempre è in grado di rielaborare le conoscenze acquisite e si rilevano, soprattutto allo scritto, diverse difficoltà pratiche. Alcuni allievi faticano ad utilizzare con scioltezza la terminologia specifica della disciplina. La classe è apparsa interessata solo in alcuni casi alle tematiche affrontate; qualcuno infatti ha seguito le lezioni con passività e senza particolare interesse. Molti studenti ancora utilizzano un metodo di studio mnemonico e dimostrano difficoltà nella rielaborazione dei contenuti. A livello disciplinare il dialogo educativo appare sufficiente e gli allievi hanno avuto un rapporto abbastanza corretto con la docente. MODULO 1. LA CULTURA POSITIVISTA TRA OTTO E NOVECENTO. U.d. 1. Positivismo: naturalismo e verismoi 1. Naturalismo: Flaubert e Zola 2. Verismo, darwinismo sociale e questione meridionale

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli