ORARI SETTIMANA SANTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORARI SETTIMANA SANTA"

Transcript

1 ORARI SETTIMANA SANTA SABATO 28/03: Ore 18.00: S. Messa della Passione DOMENICA 29/03 : Ore 09.00: S. Messa della Passione ( A Castelletto); Ore 10.15: Processione delle Palme e S. Messa; Ore 18.00: S. Messa della Passione; LUNEDI 30/03: Ore 09.00: S. Messa; Per Altre celebrazioni vedasi foglietto settimanale MARTEDI 31/03: Ore 09.00: S. Messa; Per Altre celebrazioni vedasi foglietto settimanale MERCOLEDI 01/04 :Ore 09.00: S. Messa; Per Altre celebrazioni vedasi foglietto settimanale GIOVEDI 02/04: GIOVEDI SANTO: Ore : S. Messa della CENA DEL SIGNORE; VENERDI 03/04 : VENERDI SANTO : Ore 16.00: Solenne Via Crucis; Ore 20.30: Celebrazione della PASSIONE DEL SIGNORE SABATO 04/04 : SABATO SANTO: Ore 20.30: VEGLIA PASQUALE. DOMENICA 05/04: DOMENICA DI RISURREZIONE: Ore 9.oo S.Messa (a Castelletto) " S.Messa; " 18.oo S.Messa. LUNEDÌ' DELL ANGELO 06/04 : Ore 9.oo: S.Messa (a Castelletto); " 10.15: S.Messa (in parrocchiale).

2 SIMBOLI CRISTIANO-PASQUALI La PASQUA CRISTIANA nasce da quella ebraica e in essa s innesta, dandole però un nuovo valore, un significato di "completamento". La Pasqua cristiana infatti non ha al suo centro la "memoria" della liberazione dalla "schiavitù d'egitto", ma il MISTERO PASQUALE DI CRISTO. "Mistero", cioè progetto di Dio Padre sul Figlio suo. Gesù Cristo, a nostro favore, per la nostra "liberazione". Mistero che si è realizzato con la Passione, Morte, Sepoltura, Risurrezione e Ascensione al Cielo del Signore nostro Gesù Cristo, il Figlio del Dio vivente. La nostra partecipazione a questo MISTERO, nel quale veniamo inseriti con il Battesimo, trova il suo momento fondamentale nella Santa MESSA (almeno domenicale), cioè nella EUCARISTIA. La simbologia cristiana della Pasqua accoglie in parte quella ebraica (Agnello immolato; Uova; ecc..) ma ne aggiunge di nuove, come il CERO PASQUALE acceso, ecc... Per questo vogliamo presentare, per questa Pasqua annuale, alcuni SIMBOLI EUCARISTICI e CRISTOLOGICI (=che riguardano il Cristo Gesù...), propri della tradizione pasquale cristiana II PELLICANO. Il pellicano è un uccello acquatico, che vive di pesce...pesce che egli predigerisce prima di passarlo dal suo becco a quello dei suoi pulcini. Questo fatto aveva portato gli etologi antichi a ritenere che il pellicano offrisse da mangiare ai suoi piccoli il suo sangue e la sua carne, strappati col becco dal suo petto. Questo ha portato i primi cristiani a vedere nel "pellicano" lo stesso Gesù, che nutre i suoi "pulcini" ("i credenti in lui"), con la sua carne e il suo sangue (Eucaristia o Comunione...*). CESTO di PANE con PESCE: Lo si trova spesso sulle porticine dei Tabernacoli, o sulle predelle degli altari, cristiani. Questo simbolo non vuoi richiamare il digiuno o, soprattutto, l'astinenza (penitenziale) della Quaresima. Certamente si rifà alla "moltiplicazione dei pani e dei pesci" operata da Gesù in un luogo deserto. Ma nel senso profondamente eucaristico che Gesù proporrà ai Giudei (vedi Giovanni 6, 22-58), dove il PANE, in questo caso, va interpretato come promessa della Eucaristia, del DONO del suo CORPO e suo SANGUE. Il pesce invece si prestò come un distintivo per i primi cristiani. Per riconoscersi tra loro usavano appunto disegnare un pesce. Il vocabolo greco che corrisponde all'italiano pesce, è anch'esso formato da 5 lettere alfabetiche, le quali formano un acrostico che ci da una definizione di Gesù: (si pronuncia come il nostro i) E' la iniziale greca del nome di Gesù: "lesous) ( (leggi CH aspirato). E'la iniziale del participio passato CH(istòs"), che significa "consacrato con olio); (leggi come la TH inglese) E' la iniziale del greco "TH)eou" (pronuncia theù), che significa "di Dio") (Leggi come la U francese). E' l'iniziale del termine greco Ujòs, che significa "FIGLIO"; (leggi S). E' la iniziale del greco Soler, che significa "salvatore". Così si forma la frase: GESÙ / CRISTO / DI DIO / FIGLIO / SALVATORE: una vera e propria

3 professione di Fede in Gesù. MONIGRAMMA DI CRISTO: che riportiamo qui sotto. Questo "segno" (monigramma) lo troviamo (non solo ma) spesso Esso non è formato dalla due lettere alfabetiche latine (pi) e X (ics), per indicare, come pensa la devozione popolare, PAX (cioè PACE): la pace... eterna che si augura ai defunti. Ma da due lettere dell'alfabeto greco: X (chi; : pronuncia CH aspirato) che è la prima lettera del vocabolo CH(ristòs) / vedi sopra). P (rho, pronuncia R), che è la seconda lettera dello stesso Ch(R)stòs. Perciò questo monogramma significa CRISTO. Quando viene posto nei cimiteri, esso indica che coloro che lì sono sepolti, essendo credenti in Cristo, il Risorto, credevano anche nella RISURREZIONE DELLA CARNE, e sono in attesa di risorgere con Cristo. In questo senso è un simbolo propriamente "cristiano" della Pasqua '' L ANGOLO DEI RAGAZZI A Michele, un giorno, gli scappò di dire una bugia, e il naso gli si allungò di un centimetro. "Come mai ti è cresciuto il naso?", gli chiese la mamma. "E stata Marianna, che me lo ha tirato". Quest'altra bugia gli fece crescere il naso di un altro centimetro. Poi, per nascondere anche la seconda bugia, fu costretto a dirne un* altra, e poi un'altra, e così di seguito, fino a quando il naso raggiunse il metro. Poi non crebbe più, perché Michele si stancò di dire bugie. Però quanti fastidi gli dava quel naso. Per aprire una porta, doveva girare la testa da una parte o verso l'alto, e tutti lo prendevano in giro. La polizia poi lo obbligo a mettersi, sulla punta del naso, il cartello riservato ai cariche sporgenti. Il fatto ebbe vasta eco, tanto che anche i giornali e le Tv ne parlarono. I papa e le mamme portavano i figli a vedere Michele, per far loro vedere come si diventa a dire le bugie. Anche intere scolaresche furono condotte a vederlo. E quando erano davanti a quel naso così famoso, i genitori e gli insegnanti cominciarono a dire, per scoraggiare ogni desiderio di dire bugie:

4 "La prossima volta, toccherà a tè!"; "Prometti di non dire mai bugie!". "Sta attento a non fare la stessa fine di Michele!" e via dicendo. Questo durò per un certo tempo, fino a quando Pierino non passò da quelle parti, e volle anche lui vedere Michele. Come lo vide si accorse che sulla punta del naso di lui, c'era una scritta: "Fra un attimo il naso di Michele tornerà normale, perché inizierà a crescere quello di quel bugiardo di...". Non riuscì a finire di leggere perché il naso di Michele era già tornato come quello di qualsiasi altro bambino. Pierino, intanto, si tastò il naso e, buon per lui, era ancora normale. (Liberamente preso da "Storie", di Luigi Ferraresso) ANGOLO UMORISTICO - PIERINO chiede alla sua compagna di banco:"tu dove sei nata?". "In ospedale", risponde lei. E lui: "Oh, poverina, eri già ammalata?". - La maestra chiede a PIERINO: "Quanto fa 2x2?". "Quattro!". "Bravo Pierino, eccoti 4 caramelle". "No, no, signora maestra, mi sono sbagliato: fa 44". - La maestra chiede a Pierino: "Cosa succede a un pezzo di ferro se viene esposto all aria?". "Si arruginisce!". "Bravo Pierino, e a un pezzo d'oro?". "Sparisce". - Come si chiama il cinese più dormiglione? Go Un Son. E il vogatore che si è fermato a metà gara? Remo Stanco. - Qual è il colmo per un istrice? Avere una spina nel cuore. E per una fata?» Prendersi il colpo della strega! E per un maniaco della pulizia? Bere solo caffè macchiato! - E* il tempo della fienagione e l'erba sta per essere tagliata. La mucca cerca di consolarla: "Foraggio! Foraggio!" - A un torneo tra insetti. "Chi ha vinto, allora?" "I ragni. Hanno fatto ben 4 reti". - "Io sogno sempre di guadagnare 200mila Euro al mese, come il mio papa". "Urea! Guadagna così tanto il tuo papa?". "No. Però lo sogna anche lui". - Un signore, al ristorante, si fa portare un tacchino intero. Il suo vicino di tavola, perplesso, gli chiede: "Ma non lo mangerà tutto da solo?". "NO, no. Aspetto il contorno".

5 OMAGGIO A MARIA Il 1 gennaio, come ogni anno abbiamo celebrato l "Omaggio alla Madre, Maria Santissima, per la sua divina Maternità". Diamo qui sotto, anonime, le "preghiere" riportate dietro all immagine di Maria, la Madre. Grazie, Maria, perché ci sei, per il tuo esempio e perché, attraverso te, arriviamo prima al Figlio tuo. Ti preghiamo per la pace e la serenità dei cuori di tutti i tuoi figli. O Maria Santissima, prega e veglia su tutti i tuoi figli, e aiutali a superare i momenti difficili che incontrano nella loro vita. Amen. Cara Madonna, fa che quest'anno vada tutto bene e che sia un bell'anno. Maria, Madre di Gesù, ti prego per le mie famiglie: aiutaci a vivere in pace e serenità. Grazie. Maria, Madre di Gesù, ti affido la mia famiglia e tutte le persone care che mi aiutano a crescere nella fede. Sotto la tua protezione troviamo rifugio, S.Madre di Dio. Non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta. Madonna santa, aiuta tutti i bambini del mondo. O Madre del divin redentore, tu sei la tutta bella, la tutta santa, la mamma di tutti noi, tuoi figli, redenti da tuo Figlio: a te affido la mia vita. A te affido l'italia e il mondo intero; stendi il tuo manto su di noi e proteggici. Grazie, mamma. Amen. Cara mamma Maria, la tua famiglia a per noi un grande esempio di amore. Abbiamo tanto bisogno di te e della tua tenerezza. Aiutaci, perché anche nelle nostre famiglie ci sia quella fede che ci rende capaci di cogliere sempre la presenza di Dio. O Vergine Maria, Madre della Misericordia, Salute degli infermi. Rifugio dei peccatori, Consolatrice degli afflitti, tu conosci i nostri bisogni, le nostre pene, le nostre sofferenze, i mostri desideri! Ottienici con la tua materna intercessione le grazie che ti domandiamo. Aiutaci ad avere sempre più fede nel tuo Figlio, Gesù. Grazie, Maria, per averci donato Gesù. Ti prego per la mia famiglia e per tutte le famiglie della nostra Comunità: aiutaci a ritrovare la via che porta a lui, la quale è la più bella, più gradevole e più sicura, affinché possiamo crescere nella fede e nell'amore e vivere con più coerenza e testimonianza il vangelo, riscoprendo sempre, negli eventi della vita, i segni della tua provvidenza. Cara Maria, quest'anno ho fatto un Natale un po' migliore degli altri, perché c'era mia sorella a portare felicità (e anche scompiglio) in questa casa. Però sono contento che sia arrivata e ringrazio tè e Gesù del dono che avete fatto alla mia famiglia. Maria, ti prego di aiutarmi per la scuola e di trascorrere un anno felice. Grazie.

6 Santa Maria, ti prego per perdonarmi per le brutte parole e per le offese a mia mamma. Santissima Madre di Dio, grazie a te che sei stata subito disponibile a diventare la mamma di Gesù, nostro Salvatore. Aiutami ad essere una mamma saggia, autorevole e nello stesso tempo discreta e amorosa nel consigliare i miei figli anche se sono adulti. Veglia su di loro perché abbiano a vivere la fede, la speranza e la carità che in famiglia hanno respirato fin da bambini. Grazie. Come sei bella. Maria, e quanto ci ami. Con il tuo amore di madre aiutaci a fare le scelte giuste, che ci rendano belli e fecondi come te. Maria, affido a te i miei figli e le loro famiglie, che sappiano imitare la piccola famiglia di Nazaret. Grazie. Aiutaci a iniziare bene la scuola e a volerci bene. CRONISTORIA PARROCCHIALE (dal al ) 05.12: Sab.: Durante la s.messa delle 18.oo, ricordiamo Santa BARBARA, molto invocata dai nostri minatori, soprattutto dal 1870 circa in poi , Mar.: NEVICATA durante la notte e in mattinata. In paese ne è caduta 5 cm. circa : Dom. Il nostro GRUPPO GIOVANISSIMI, a cui appartengono un paio di studenti dell Alberghiero di Tonezza, organizzano un "Mercatino dolciario" di beneficenza : Dom. Oggi benediciamo i GESU' BAMBINI dei presepi familiari , Gio. SANTO NATALE (con la s.messa della Notte...). Nel pomeriggio viene inaugurata la MOSTRA "DEI 100 PRESEPI", nella chiesa di S.Margherita (vedi anche articolo a parte) , Sab.: PRIMA VERA NEVICATA DI STAGIONE: da mezzogiorno; ne cadono cm : Dom.: CONCERTO DI NATALE in chiesa, con il complesso vocale trentino "FREEDOM GOSPEL CHOIR" 30.12, Mar.: Nell ambito della preparazione alle grandi cerimonie in ricordo dell' inizio della 1^ GUERRA MONDIALE, presso il Museo archeologico di

7 Castelletto, viene presentato il libro "LA PARTENZA PER IL PROFUGATO, Altopiano Sette Comuni 1916", di Nico Lobbia e Sergio Bonato. 1.01, Gio.: Nello spirito della OTTAVA DI NATALE, rinnoviamo l' OMAGGIO A MARIA, la Ss.ma MADRE DI DIO". (Vedi articolo apposito) , Gen. 1^ GITA A PRESEPI, che ci porta nelle province di Venezia e Pordenone (Vedi articolo a parte) , Sab.: Presso il Museo Archeologico, il monologo teatrale "FIORI FRAGILI - ORTIGARA 1917", recitato dall'autore, Riccardo Bonetti : Ven. PIOGGIA battente nel pomeriggio e per tutta la notte, (poi ritorna il sole) ; Mer.: NEVE umida al mattino, poi un po' di pioggia , Dom.: 2^ GITA a PRESEPI, nel pomeriggio: a Scaldaferro (VI) e a S.Pietro in Gu (PD) (Vedi articolo) 30.01, Ven.: Ancora 5 cm. di NEVE e vento freddo , Dom. GIORNATA DELLA VITA: Festeggiamo tutti i bambini nati negli ultimi 6 anni, e le loro famiglie , Gio.: NEVICA tutto il giorno; poi nevischio fino a sabato , Dom: Nel ricordo di S.Biagio (la sua festa era martedì 3), celebriamo la BENEDIZIONE DELLA FRUTTA...Giornata di sole, ma fredda , Ven. Dopo alcuni giorni quasi primaverili, oggi ciclo grigio e nebbioso, che porterà un po' di neve il giorno dopo, sabato , Lun. Giornata splendida. Seguiranno alcuni giorni discreti ; Dom.: NEVICATA (15-20 cm.) : Mar.: Altra NEVICATA (20 cm.). Seguiranno poi giorni secchi, ma freddi e un po' ventosi Sab.: Questa sera, in località Cavieri, viene acceso un gran falò, per il MERTZO.

8 CENTENARI e CINQUANTENARI RIGUARDANTI ANCHE LA NOSTRA COMUNITÀ : 400 anniversario della fondazione della Parrocchia di Pedescala: Fino a tale data la popolazione di Pedescala faceva parte della Parrocchia di S.Gertrude in Rotzo. Nel 1569 gli uomini di Pedescala avevano chiesto e ottenuto il permesso di costruirsi una chiesa. Nel 1571 il vescovo Nicolo Ormaneto, in visita pastorale, potè entrare nella nuova chiesa intitolata a S.Antonio di Padova. Con altri successivi passaggi, si arrivò alla costituzione della nuova parrocchia (il 18 sett. 1615, appunto) dalla nascita della 4^ ROGAZIONE Nel corso della sua prima Visita Pastorale, il vescovo S.Gregorio Barbarigo, in questa data, proibì che la processione del Corpus Domini raggiungesse la cima dell' Altaburg, come avveniva da tempo. La popolazione di Rotzo, obbedì, ma nello stesso tempo spostò la processione all Altaburg al giorno della Ascensione, inserendola nel clima delle Rogazioni che avevano luogo i 3 giorni prima dell'ascensione. Allora questa festa veniva celebrata di giovedì, e perciò la 3 Rogazioni avevano luogo il lunedì, martedì e mercoledì precedenti). Questa 4^ rogazione venne abolita nel 1939 (forse con le stesse motivazioni del 1665). Nel secondo dopoguerra, le 3 Rogazioni/ legate al mondo agricolo, andarono scomparendo un po' dappertutto, A Rotzo, la 4^ Rogazione venne ripresa nel 1994 (21.05), inizialmente con grande successo, che andò poi scemando negli anni successivi. Delle prime 3 originarie rogazioni, a Rotzo non rimangono che poche tracce: qualche capitello e croce campestre dalla ABOLIZIONE DEL PENSIONATICO da parte della REPUBBLICA di VENEZIA. Il pensionatico (in cimbro: bisadénego) consisteva nel diritto acquisito dai pastori delle nostre montagne, di portare, durante la stagione invernale, le loro greggi, in pianura. Questa abolizione comportò il;lento ma inesorabile passaggio dall'allevamento ovino a quello bovino BICENTENBARIO della DEFINITIVA SCOMPARSA della REGGENZA SETTE COMUNI VICENTINI. In questa data infatti venne costituito il Regno LombardoVeneto, con i territori dei precedenti Ducato di Milano e Repubblica di Venezia (compreso quindi anche il nostro Altopiano). Questo Regno entrava a far parte dell' Impero Austroungarico, nella persona del re, che era l'imperatore d'austria. L' Altopiano dei Sette Comuni (Reggenza) venne a formare il 6 distretto della provincia di Vicenza, con capoluogo Asiago, con un regio commissario e la pretura di 2^classe. I beni consortili vennero affidati alla gestione di un funzionario del Regno. Con questa decisione del Congresso di Vienna, nonostante l'impegno dei rappresentanti altopianesi, morì la speranza di ricostituire la Reggenza, che di fatto aveva cessato di esistere il CENTENARIO della ENTRATA in GUERRA ( mondiale) dell ITALIA (e perciò anche del nostre Altopiano Vedi articolo a parte.

9 ANNI DALL'ENTRATA NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE DELL' ITALIA. Iniziamo con questo numero, una breve "cronistoria" di come la nostra Comunità di Rotzo e il suo territorio vennero coinvolti nel 1 conflitto mondiale. In questo 1 numero, p arleremo delle premesse e di ciò che avvenne nel 1915 (primo anno di guerra). 1906: Inizia la costruzione del Forte di Cima Campolongo, il punto più alto nel nostro territorio, m : 22.05: Viene emanato il decreto che istituiva la "zona di guerra : una fascia di territorio larga dai 10 ai 40 Km, lungo la linea del fronte : II comandante delle Truppe alpine Altopiano, generale Oro, emana due proclami, che praticamente comandano il coprifuoco notturno su tutto l'altopiano Alle ore (del mattino), 5 minuti prima del tempo prefissato, dal Forte Verena partono i primi due colpi di cannone, che danno inizio così al conflitto. Alle ore gli fanno eco gli altri forti, in particolare, per quel che ci riguarda, il Forte Campolongo e le batterie di artiglieria poste nei boschi tra Verena e Campolongo. Verso sera il Forte Campolongo riceve l'ordine di concentrare i suoi tiri sul Forte Luserna (che, alla fine, subirà pesanti distruzioni) 27.05: II Forte Campolongo riceve ordini di concentrare i suoi tiri sul Forte Belvedere di Lavarone. 30,05. Il Forte Campolongo subisce le prime perdite: 2 morti e 8 feriti, dovuti allo scoppio di un suo cannone da 149. I morti furono: Caporale Marchesin Sebastiano, classe 1892, da Bolzano Vicentino; e Saggin Pietro, classe 1895, da Monticello Conte Otto (VI). I loro corpi vennero sepolti il giorno dopo nel cimitero di Rotzo. MAGGIO-GIUGNO: Perché esposti ai tiri diretti dei Forti Belvedere e Luserna gli abitati di S.Pietro e Pedescala vengono sgomberati. E' il 1 episodio di profugato. Molti vennero ospitati a Rotzo presso parenti e amici. 1.06: II Forte Campolongo deve concentrare la sua attività sul Forte Busa Verle, ma con parsimonia: iniziano infatti a scarseggiare i proiettili : II Forte Campolongo viene incaricato di "cercare" e colpire le batterie austriache da 305, nascoste nei boschi tra Busa Verle e Luserna. Le zone militari vengono interdette ai non militari. Si inizia infatti a temere opera di spionaggio, soprattutto tra la popolazione e, soprattutto, il clero locale. La Stazione dei Carabinieri di Casara Campolongo viene spostata a Castelletto di Rotzo : Altri 2 morti e 2 feriti per il Forte Campolongo, questa volta per colpi nemici. I morti furono: Pamato Desiderio, classe 1893, da Malo (VI) e Catelan Alessandro, classe 1894, da Olmo di Vicenza. Furono sepolti anch'essi nel Cimitero di Rotzo. NB.: I nomi di questi 4 caduti sono ricordati attualmente da una targa posta nel cortile del Forte : Un proiettile nemica da 305, penetra ed esplode all'interno del Forte Verena provocando la morte di una quarantina di uomini, tra ufficiali e soldati, la gran parte provenivano dalla provincia di Vicenza : I caduti del Forte Verena vengono trasportati e sepolti, solennemente, nel cimitero di Rotzo NB.: Tutti costoro, più i 4 caduti del Forte Campolongo verranno trasferiti al Monumento Ossario di Asiago il

10 26.06 L' arciprete di Rotzo (don Francesco Zeccchinati), il suo cappellano (don Bortolo Fortunato) e il curato di Mezzaselva (don Vito Scalabrin) vengono richiamati dalle autorità militari con sospetto di spionaggio a favore del nemico. In effetti, per giustificare il fatto che gli Austro--ungarici colpivano con molta precisione vari obiettivi, si ipotizzò che questo, non per la loro bravura e preparazione, avvenisse da segnali provenienti dai paesi dello stesso Altopiano. Nell'ambito di questa "caccia alle streghe", la mentalità liberal-massonica, dominante nelle alte sfere militari, trovò sfogo sui preti dell'altopiano. Tre di essi furono arrestati: il 1 /07, don Andrea Grandotto, parroco di Cesuna; il fu la volta di don Pietro Vezzaro, parroco di Camporovere; il don LeoniIdo Berto, cappellano di Canove. Trasferiti a Verona, furono processati e assolti. Ciononostante vennero mandati al confino negli Abruzzi. L'anno dopo, aprile 1916, poterono rientrare ma nel padovano : I comandi militari italiani, devono constatare l'inefficacia della "Guerra dei forti". Tanti i motivi: l'inferiorità della artiglieria italiana, sia per il calibro che per la gittata delle bocche da fuoco; sia per le irregolarità (ferro e cemento scarsi) nella costruzione dei forti; sia per l'anacronismo degli stessi, "troppo statici" e perciò colpibili, rispetto alla nuova tattica di movimento, che permetteva di spostare qua e là le batterie, rendendole difficilmente individuabili...per tutto questo, in data odierna (02.07), viene dato l'ordine di smantellare il Forte Campolongo (altri erano già stati disarmati o lo saranno a breve) : Colpito da grossi calibri nemici, il Forte Campolongo viene messo fuori combattimento. Ma, dato l'ordine del 02.07, non vi furono ne perdite umane ne di materiali bellici Sempre nell'ambito della ricerca di spie su cui scaricare gli insuccessi militari, viene processato per disfattismo e spionaggio il sacrestano di Rotzo, Slaviero Vincenzo. Egli infatti aveva svelato la vera causa (E9. della messa fuori combattimenti) del Forte Verena e, aveva detto che andando così le cose, ben presto gli Austrungarici" avrebbero vinto la guerra, e i nostri avrebbero dovuto, a capo chino, ritornare a lavorare nelle miniere tedesche : Sotto Albaredo viene trovato il cadavere del soldato Busnardi Primo, di Marsango (PD), allontanatesi dal suo reparto il : Sotto Albaredo, viene trovato il corpo dell'artigliere Canale Augusto, di Tonezza, allontanatesi ai primi di settembre. Sul fronte dell' Isonzo muore il compaesano COSTA ANTONIO Vux, di Angelo Antonio, nato il , celibe. La sua salma verrà trasferita a Rotzo il : In Val d'adige (Rovereto) cade il fante STEFANI CARLO ANTONIO, di Gio.Maria Paolo, celibe, nato il : Sul Fronte Isonzo,/il fante SPAGNOLO (Spagnol) Matteo di Giacomo, coniugato, nato il Bibliografia principale: Libri canonici della Parrocchia di Rotzo (VI) Il Forte Campolongo di Malatesta Diario di un prete internato (d. Andrea Grandotto, )

11 1^ e 4^ di COPERTINA Nella 1^ pagina di copertina, abbiamo riportato una foto della "Croce del Croisle". Di per sé, in cimbro, "Croisle" significa "piccola croce". "Croisle" è innanzitutto il toponimo che denomina la parte del monte che si trova sopra la 1^ strada (o strada del Raut), a ovest del 1 tornante della strada per Campolongo. Il nome di questo luogo deve doversi alla "Piccola croce" dove facevano sosta le Rogazioni. Questa "piccola croce", andata dimenticata. Nel 2011, il nuovo proprietario del terreno, l'ha risistemata a circa 500 metri della strada (dal tornante), una ventina di metri sopra strada. Per la 4" di copertina abbiamo scelto la foto che rappresenta la cosiddetta "Madonna di Khenshiro", che si trova nel bosco sopra Castelletto, dove termina una deviazione della strada della Ganna. E' lì dal 2001, ad opera di alcuni amici per ricordare un ragazzo, che per motivi di allergie, passò alcuni anni a Castelletto. Egli si trovava spesso a giocare con altri bambini in questo luogo. Egli era poi un grande appassionato dei Cartoons giapponesi, il cui eroe si chiamava Kenshiro. AMICIAD Un breve racconto di YANGUE (Antonio) e ModjeMagi (Gilbert) in CIAD Chi scrive è Yangue e, per la prima volta, ha potuto conoscere e vivere con la gente di questo angolo d Africa : il Ciad. In verità sono Antonio e sopranominato Yangue che in lingua Sara significa tutto o niente ed è usato come interlocuzione, come colui che è alla ricerca di qualcosa, potrebbe essere ricondotto a cosa generico. ModjeMagi è un altro termine molto utilizzato che potrebbe essere tradotto come un saluto amichevole. Il CIAD è un Paese del Centro Africa, ufficialmente una Repubblica ma guidato da un Capo di Stato Militare, confinante con diversi Stati alquanto pericolosi. Di dimensione quattro volte il nostro Paese e metà desertico. Gli 11 milioni di abitanti vivono per la maggior parte al Sud dove è predominante l attività dell agricoltura. Domenica 11 gennaio 2015 finalmente arriva il giorno di questo viaggio desiderato da tempo ed a Venezia in Aeroporto con ModjeMagi ci accompagna un nutrito gruppo di Amici. Al checkin con le valige fuori peso troviamo un addetto che ci risparmia la penale. Dopo lo scalo a Parigi in serata arriviamo a Ndjamena la Capitale ai confini del deserto: un polveron da matti! La tappa a Ndjamena mi da la possibilità di vedere una città caotica dove tutto gira attorno ai vari mercati: mai vista tanta confusion!

12 Da qui partiamo per Koumra, verso il sud del Paese a circa 650 km. Alloggiamo dalle Suore della Parocchia S. Teresa. Qui mi fermo con il diario per addentrami e soffermarmi su punti che mi hanno colpito : - I Padri Gesuiti guidati da Padre Gherardi, bresciano è in Ciad pensate dal 1958, hanno contribuito in modo significativo allo sviluppo di quest area del Sud con un grande lavoro sia a livello Ospedaliero che Istruttivo e Sociale. - E un popolo di non fumatori, anche se si trovano gli ambulanti che vendono le sigarette ai lati delle strade ma non c è alcuna pubblicità delle ditte produttrici. - L energia elettrica c è solo per l illuminazione di qualche strada principale in città e solamente quando è previsto l arrivo o il passaggio di qualche personalità. - Lentamente si stanno istallando i pannelli solari, è solo un problema finanziario perché il sole non manca ed è una energia pulita e sfruttabile. - Di veloce si riscontra il sistema di comunicazione interna con il cellulare che tutti posseggono; Internet e messaggi funzionano molto poco ed a tratti. Viene spontanea la domanda: come fanno a caricare i telefonini senza elettricità? Si va presso un baldacchino che detiene un generatore e lì lasciano il telefono da ricaricare. E una delle tante Start-up aziendali: un tavolone con centinaia di telefoni sotto carica! - Dalle 6 alle 7 del mattino è bellissimo vedere i ragazzi che si incamminano per andare a scuola, percorrendo anche lunghe distanze con un quadernetto in mano, infradito, tutti in ordine con la divisa della propria scuola e vai..!!!!! Hanno il vantaggio/svantaggio di non avere una cartella colma e pesante di testi come i nostri ragazzi! - Le Biciclette, se si possono chiamare così sono dei veri rocheoti sono utilizzabili solo in parte per il problema strade con sabbia. Chi ha la possibilità si prende la Moto, sono come le nostre vecchie Morini 125; altrimenti se ti devi spostare Taxi ma attenzione te li raccomando sono dei furgoncini da 6-8 posti dove salgono persone. - L Ospite è accolto sempre con la sacra stretta di mano, con Lapia e guardandosi negli occhi. - Denaro ne circola poco ed è in uso il baratto per la vita di ogni giorno. Le donne con i loro recipienti sul capo fanno lunghi spostamenti a piedi per vendere i propri prodotti e gli uomini con i sacchi di miglio nei carretti che fanno altrettanto. - L alimentazione non è equilibrata ma non mi sembra che si soffra la fame, tutto il lavoro che si vede durante la giornata è finalizzato per procurarsi il cibo; - Le Famiglie sono alquanto numerose 7-8 figli con reddito molto basso e si vive con un euro al giorno; - Trattasi di un popolo povero ma alquanto dignitoso. Non si trova un Ciadiano sui barconi della morte perché troppo orgoglioso della propria terra e non parte all avventura lasciando la famiglia in balia della povertà; - La vita in Villaggio è contornata da diversi usi, tradizioni, costumi e le persone adulte in molti casi sono analfabete in quanto isolate dai centri abitati. Per fortuna lo Stato sta investendo nell istruzione e ci sono strutture più vicine ai Villaggi, di conseguenza i bimbi possono frequentare almeno le scuole elementari (6 anni);

13 - Approvvigionamento dell acqua: in città c è la possibilità di utilizzo dell acqua proveniente dall acquedotto ma pochi si possono permettere di pagarla; altrimenti si utilizzano i pozzi e magari lontani dalla propria casa. Pensate che, comunque, l acqua c è sempre per lavarsi le mani prima di ogni pasto (si mangia con le mani). - Come esigenza primaria nasce il problema dell Igiene e di una educazione mirata nei vari villaggi: lo sviluppo sociale ed economico necessita di tempi molto lunghi africani, lontani dal nostro operare. - La terra, se sfruttata, è in grado di produrre cibo in quantità sufficiente a sfamare il popolo. I progetti agricoli assumono, quindi, un importanza basilare per lo sviluppo del territorio. Auguro a tutti quelli che mi leggono di Provare le mie stesse emozioni e un grazie molto sentito a tutti coloro che aiutano e collaborano con AMICIAD. I nostri aiuti si vedono ed arrivano direttamente al cuore di questa gente esaltando la loro dignità. Yangue (Antonio) P.S.: altri dettagli li potrete leggere nel prossimo numero e/o attraverso un video in corso di montaggio e che sarà a disposizione di tutti gli Amici che ci seguono. - Il commercio dei prodotti agricoli è solo ed unicamente interno e non c è alcun mezzo per poter esportare prodotti, è un Paese senza sbocco al mare. - Sono orgoglioso di essere uno degli artefici della nascita della Cooperativa Agricola LA FOI VIVANTE che sarà operativa dalla prossima stagione della semina (Aprile/Maggio) di miglio, cotone, arachidi e sesamo. - Durante i 20 giorni di permanenza, Amiciad rappresentata da Yangue e ModjeMagi ha seguito tutti gli aspetti legali e tecnici fino alla prima Assemblea preparatoria con l iscrizione di circa 30 Soci alla Cooperativa. Ora tocca a loro : sgalmarete e mantelina, come dise il Geometra! Al mio ritorno gli Amici mi chiedono : com è andata? Rispondo tutto bene. Non riesco a descrivere e fare una sintesi di questo viaggio in una terra piena di contrasti e di amore, bisogna provare!

14 ROTZO NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE Riportiamo la Relazione dell Arciprete di Rotzo Don Bellino Zotti alla Curia di Padova riguardante le vicende della Seconda Guerra Mondiale. Don Bellino venne a Rotzo a guerra finita, le notizie sono desunte dalla Cronistoria parrocchiale come riportate dall Arciprete Don Giacomo Brandalise (morto il 2 giugno 19244) e dal sostituto provvisorio Padre Luigi Cipelli. Parte morale Durante il periodo della guerra furono in parrocchia 14 sfollati, alloggiati in casa di parenti e conoscenti. I prigionieri furono 24; gli internati 15. Nei giorni della liberazione una particolare opera di assistenza è stata fatta ai profughi di Pedescala, costretti riparare quassù per fuggire alle barbarie delle truppe tedesche in ritirata. Hanno trovato in paese aiuti ed affettuosa assistenza. Fino al maggio del 1944 la popolazione fu lasciata indisturbata. Ma col 21 maggio incominciò la serie spaventosa dei rastrellamenti Primo rastrellamento da parte della milizia stradale. Furono condotti in prigione ad Asiago una trentina di uomini. Alcuni vennero subito rilasciati; altri trattenuti per otto giorni Secondo rastrellamento da parte dei tedeschi e russi. Vennero arrestati una ventina di uomini. Alcuni vennero rilasciati liberi dopo 8 giorni; altri mandati in Germania; altri mandati come ostaggi nelle carceri di Thiene. Questi ultimi rimasero in prigione due mesi e mezzo Nella notte dal 24 al 25 luglio il podestà Spagnolo Matteo e il vice segretario Pellizzari Giuseppe furono arrestati da un reparto di partigiani. Solo nell'ottobre del 1945 si seppe che furono uccisi nei pressi di San Pietro Valdastico. Trovati, furono riportati a Rotzo, ove si fecero solenni funerali e sepolti in questo cimitero Terzo rastrellamento effettuato da un reparto di Brigate nere di stanza a Roana. Furono arrestati due giovani partigiani Da una squadra di Brigate nere vennero arrestati altri cinque giovani che assieme agli altri del giorno precedente furono condotti nelle carceri di Padova. Processati, uno (Pellizzari Bruno) fu condannato alla fucilazione, effettuata a Chiesanuova il 20 gennaio; gli altri, condannati a trenta anni di reclusione. Liberati nei giorni dell'insurrezione poterono raggiungere subito le proprie case Quarto rastrellamento da parte delle forze repubblicane. Venne circondato un accampamento di partigiani, vicino a Rotzo. Aperto il fuoco, si ebbero dei feriti da parte dei patrioti. Alcuni poterono fuggire alla cattura: uno fu portato dai repubblicani all'ospedale di Thiene; un altro, rimasto gravemente ferito, venne fucilato sul posto Una squadra di partigiani arrestò in paese due individui, vestiti in borghese, che poi risultarono due elementi della SS italiana. Furono fucilati in un bosco vicino al paese Da un gruppo di partigiani venne arrestato un individuo vestito in borghese. Ci disse di essere vicentino. Per sospetto venne fucilato sullo Spitz di Rotzo Nei pressi di Castelletto di Rotzo avvenne uno scontro fra un reparto di partigiani e una compagnia di Russi. Rimasero uccisi nel combattimento due patrioti: Dal Pozzo Matteo e Stefani Alfeo.

15 Nei combattimenti avvenuti nelle vicinanze di Castelletto per la difesa del paese, rimase ucciso un patriota di Mantova Un tedesco e un padovano, vestiti in borghese, furono arrestati da una pattuglia di partigiani. Riconosciuti come spie, vennero fucilati nelle vicinanze del paese. Furono assistiti dal sacerdote e ricevettero i sacramenti della confessione e olii santi". Parte materiale In effetti la parrocchia non ha subito danni materiali; solo è stata fatta minaccia di bruciare il paese perché, oltre che i partigiani, furono trovate delle armi. Solo per interessamento del reverendo padre economo don Luigi Cipelli fu scongiurato tale pericolo. Parte personale Di fronte alle empie prodezze del Casadei e della sua degna Brigata nera, svolse opera profondamente sacerdotale l'economo padre don Luigi Cipelli, che a tutti si impose con la forza della sua parola e della sua bontà. Rotzo, 19 giugno 1946 L'arciprete don Bellino Zotti (Pierantonio Gios, Clero, guerra e resistenza nelle relazioni dei parroci) Don Sergio Stefani GITA PRESEPI ANDAR PER PRESEPI E bello andar per presepi! Rientra nella nostra tradizione cristiana ed imprime all atmosfera natalizia gioia e festosità. Belle sono le luci, le luminarie fastose delle città e dei centri commerciali, gli addobbi appariscenti, gli alberi di Natale colorati e illuminati di mille lucine, gli effetti luminosi ma il presepe è qualcosa di più. E, per noi cristiani, la rappresentazione di una nascita importante, del Messia, di Gesù. E diviene quindi espressione di fede, pura poesia. Il presepio è un antica tradizione che si rinnova ogni anno e che sembrava quasi passato di moda qualche anno fa, ma che oggi sembra riprendere importanza e si rinnova in varie iniziative sia cristiane sia culturali nel nostro ambiente e in tutta Italia. Da qualche anno la parrocchia di Rotzo organizza un itinerario per ANDAR PER PRESEPI, portandoci in varie località; quest anno ci siamo recati a Ceggia di Venezia e in provincia di Pordenone nei paesi di Polcenigo e di Poffabro. Ceggia penso sia conosciuta da pochi di noi. E un centro in provincia di Venezia a pochi chilometri dal mare e il suo nome significa proprio riva del mare ; di origine romana, vanta numerose testimonianze del passaggio e dello stanziamento dell antico popolo come il ponte e il ritrovamento di antichi reperti: monete, anfore e pietre marmoree. Passarono poi in queste terre le invasioni barbariche e Ceggia fece parte della Serenissima Repubblica di Venezia, poi del Lombardo Veneto e infine

16 divenne Italia. Ora si trova in una zona prettamente agricola e vi si sono affermate numerose attività imprenditoriali. E nota in provincia per un rinomato Carnevale con carri allegorici e mascherati di notevole fattura. A Ceggia, si tiene la rassegna dei Presepi artigianali provenienti da varie parti del mondo con una mostra nell antico oratorio Bragadin che dà sulla piazza del paese e con altre natività, senza dimenticare quella sull acqua del canale Piavon dedicata a chi è stato colpito dalle recenti alluvioni. I presepi che abbiamo ammirato a Ceggia, come nelle altre località, sono stati allestiti con vari materiali e tutti hanno dimostrato la creatività e l inventiva di coloro che li hanno preparati La seconda tappa ci ha portato a Polcenigo, paese alle sorgenti del fiume Livenza per la visita ai 100 Presepi all aperto lungo le antiche vie del centro storico. Polcenigo è un piccolo centro in provincia di Pordenone dove si trovano le sorgenti del fiume Livenza in località Gorgazzo, sorgenti impetuose, irruenti, profonde e spettacolari. Oltre cento presepi erano collocati su davanzali, su finestrelle, in piccoli angoli, nei giardini, nelle corti per dar luce ad un patrimonio architettonico di interesse storico come in effetti si rivela questo antico borgo medioevale. Le natività erano rappresentate in vari modi e con vari materiali per dare testimonianza di una grande tradizione che a tutt oggi ancora esiste ed è vissuta da tanti. Alla sera le luci illuminano il percorso e accompagnano il suggestivo cammino dei presepi. Verso sera eccoci a Poffabro, sempre in provincia di Pordenone, ad ammirare i 150 presepi all aperto che sono approntati in vari angoli del paese, aggrappato su una ripida montagna, sfruttando antiche abitazioni che si arrampicano sulle rocce. Il suo nome significa Prato dei fabbri, è sorto con un architettura spontanea, con le pietre tagliate dal vivo, con balconi di legno, con elementi architettonici poveri, essenziali e molto austeri. E considerato uno dei 100 borghi più belli d Italia proprio per la particolarità di un architettura povera, severa e fantasiosa. Poffabro è una piccola frazione di Frisanco in provincia di Pordenone a 525 metri di altitudine in Val Colvera, nelle prealpi Carniche, ai margini del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane. Nell arrivare mi sono chiesta come mai esistesse questo paese in un posto così isolato, silenzioso, solitario, arroccato. La risposta è venuta presto, infatti, fino a non molto tempo fa, vi si lavorava il ferro ed, essendo la zona ricca di acque, i fabbri vi trovarono le condizioni necessarie al loro lavoro. A Natale, le finestre, i cortiletti, i volti, i porticati, gli angolini nascosti e dimenticati si animano e vengono abbelliti dei più svariati presepi per fare diventare il paese Presepio fra i presepi, come è stato definito. Molte quindi sono state le rappresentazioni della sacra natività allestite in vari modi, con vari materiali e in svariati angoli del piccolo centro, illuminate con luci forti o appena soffuse e, tutte, a ricordarci la nascita di Gesù e le nostre radici cristiane e per invitarci ad elevare un pensiero al Cielo. Molti presepi rappresentano scorci di paesi e di ambienti rurali ormai per noi sorpassati, ma ci ricordano modelli di vita che significavano genuinità e calore umano. Ogni natività comunque rappresenta la passione e l inventiva

17 di uomini e donne che dedicano tempo e fatica per far rivivere tradizione e sentimento e per dare a tutto un significativo messaggio di fratellanza. L invito infatti è quello di guardare oltre le forma, i colori, le scene, le armonie per intravedere in ogni rappresentazione della nascita di Gesù il sacro e l invito all amicizia e alla pace. A sera, ormai buio fatto, il ritorno verso casa, tutti insieme, nel pullman a raccontarci impressioni e sensazioni della giornata vissuta in armonia e affiatamento con nello spirito e nella mente senza dubbio qualcosa in più. LUCIANA CERA SCALDAFERRO e S.PIETRO in GU Il giorno 25/01/2015 la parrocchia di Rotzo ha organizzato la seconda gita dei presepi.la corriera è partita dal parcheggio accanto alla chiesa alle e si è diretta verso Tresche Conca,dove ci aspettava il parroco di Rotzo. Essendo stata la mia prima volta in una corriera a due piani,ho dovuto abituarmi ad essere più in alto del solito;all inizio non è stato facile,ma,poi,era come essere sempre stati a quella altezza. Dopo essere discesi per la strada del Costo,ci siamo recati a Scaldaferro,una frazione di Pozzoleone,in provincia di Vicenza,dove si trova il famoso santuario mariano e,adiacente,il presepio. Per andare a vedere l opera, siamo dovuti entrare in una sala buia,dove,sullo sfondo,si estendeva in tutta la sua bellezza la creazione degli abitanti del posto. C erano molte statuine,alcune grandi ed alcune piccole che si muovevano e,grazie ad una voce registrata,veniva spiegato come funzionava il presepio e perchè è stato costruito. Dopo aver ammirato il presepio ed aver scattato qualche fotografia,siamo scesi al piano inferiore,dove si trovavano alcune fotografie di luoghi sacri della religione cristiana e da dove si poteva vedere il presepio da un altra posizione e,dulcis in fundo,ammirare l immenso e complesso meccanismo che faceva muovere le statuette. Dopo essere usciti dall edificio,alcuni di noi sono andati a visitare la chiesa di fronte, mentre,altri,si sono recati a comprare dolciumi o a bere qualcosa nel bar vicino. Alle ci siamo rimessi in viaggio per recarci a San Pietro in Gù,dove avremmo assistito alla esecuzione del presepio vivente. Quando siamo arrivati al paese di San Pietro in Gù,ci è stato concesso un po di tempo libero;chi in bar,chi in chiesa e chi nel museo di scienze naturali,un po tutti abbiamo girovagato per la cittadina. All orario prestabilito,ci siamo avviati all entrata delle tribune,per vedere il presepio vivente. Dopo aver ricevuto i biglietti ed esserci sistemati negli spalti,ci siamo goduti per una buona quantità di tempo il caldo generato dall impianto presente nella tenda. Quando si sono aperte le tende,abbiamo potuto ammirare in tutta la sua grandezza l allestimento circostante:c erano palazzi reali,case in periferia,locande,tempi e,persino,un lago con un ponte sovrastante e delle pecore in un recinto. Poco dopo aver visto questa meraviglia,lo spettacolo è iniziato:all inizio sono usciti tutti i personaggi,in una lunga

18 sfilata e abbiamo potuto notare che c erano anche dei bambini,poi sono usciti,per poter dare inizio alla rappresentazione. Successivamente,è rientrato in scena un uomo,secondo me un profeta,che ha iniziato a parlare del Natale e del suo significato reale,facendo un confronto tra quello che pensiamo noi e quello che è veramente. Poi,gli attori hanno recitato la vita di Abramo e dei suoi figli,quella di Giuseppe,il re dei sogni,quella di Mosè,il liberatore dalla schiavitù e,lentamente,hanno presentato l apparizione dell angelo a Maria,il viaggio a Betlemme sino a giungere alla nascita di Gesù e alla sua presentazione al tempio di Gerusalemme. Lo spettacolo è durato circa un oretta ma è stato ricco di emozione e di stupore. Finito lo spettacolo,la gente locale ci ha offerto un po di cioccolata calda,vin brulè e l opportunità di salire al tempio da loro costruito e di visitare gli edifici usati durante la esibizione. Dopo questo piccolo rinfresco e questo giro turistico al palazzo di Erode e alla reggia del faraone,ci siamo recati in una pizzeria poco distante da lì,dove abbiamo cenato con pizze con nomi tradizionali ma anche buffi e stravaganti. In seguito,dopo un ora e mezza circa tra chiacchierate e risate,siamo ritornati in corriera e ci siamo avviati verso casa. Chi ascoltando musica,chi chattando e chi addirittura dormendo,siamo giunti nuovamente al parcheggio a fianco della chiesa di Rotzo verso le circa. É stata una giornata carica di emozioni e vissuta in compagnia degli amici più cari e dei propri compaesani. FERRARESI Matteo LA PAGINA DI VANIA Ho una nuova passione: camminare con le ciaspole. Nei giorni scorsi infatti sono andata a Campolongo con Giorgio, Antonio e Alessia e insieme a loro ho fatto una bella camminata con le ciaspole. Mi è piaciuto molto camminare sulla neve, e al termine della camminata ho bevuto una bella tazza di thè caldo al Rifugio Campolongo con Valter. Spero di poterci tornare ancora, anche se ormai la stagione invernale sta finendo e come sapete sto già aspettando con gioia il 1 aprile quando compirò gl i anni. Buona Pasqua a Tutti da LA PAGINA DI TIBERIO Una fumata Bianca CERATO Vania Con questo canto si può Cantare quando che saremo ad una gita Parrocchiale di Rotzo Per ascoltare in questa Occasione e quando che ci sarà ad una gita che viene programmato Dalle nostre e tantissime gite e dei alcuni Santuari durante il Periodo di Aprile e il Mese di Maggio e soprattutto con il Mese Di Luglio e si farà con questo Canto di una Cantante che si chiama Ferrarese Alida con il Canto di Una fumata Bianca e per questo Canto si potrà a scrivere anche con il nostro Libretto dell Altar Burg la Voce che esce Proprio durante il Tempo di Pasqua con il n di 94 libretto e finalmente poi si potrà per Cantare insieme con lei nel suo C. D. Ha cominciato il suo viaggio, in terra di Cracovia, L'uomo vestito di Bianco, entrato nella Storia. Quanta dolcezza e corraggio,

19 in quei suoi occhi chiari. Una passione nel cuore... Voleva far L'Attore! Tutte le Strade davvero portano a Roma, Quando il Signore del ciclo non ti abbandona, ( Umile Prete Operaio che Scrivi poesie ) Gli han detto ( IL Tempo è arrivato che devi partire RIT : Una fumata Bianca nel ciclo si levo E dal balcone di quella Piazza al mondo lui Parlo Una fumata Bianca nel ciclo si levo e tutto il Mondo profondamente di lui S'innamorò. Un viaggiatore che a tutti, Parlava il suo sorriso, e Finalmente crollava, IL Muro di Berlino, sempre la stessa Preghiera, alla Madonna nera, perché accendesse nei Cuori, una speranza nuova. hi quell' abbraccio al fratello che lo ha ferito, C'era il Messaggio più bello del suo Cammino, Dio lo ha chiamato al suo fianco una sera D'Aprile, anche le stelle hanno pianto a vederlo partire. RIT : Una Fumata Bianca nel Ciclo si levo, E dal balcone di quella Piazza al Mondo lui Parlo, Una Fumata bianca nel cielo si Levo, e tutto il Mondo profondamente di lui S'innamorò; ORCH, Una Fumata Bianca nel Cielo si levo, e tutto il Mondo profondamente di lui S'innamorò, e tutto il mondo profondamente di lui S'innamorò. TESI DI LAUREA L'ASPETTO NUTRIZIONALE NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A TRATTAMENTO DIALITICO: RELAZIONE EDUCATIVA DELL'INFERMIERE Lo scorso 5 dicembre ho concluso il corso triennale di Laurea in Infermieristica. Le varie esperienze di studio e di tirocinio mi hanno portato a sviluppare un particolare interesse per una malattia cronica: l'insufficienza renale, oggi considerata un rilevante problema di salute pubblica. L'insufficienza renale cronica (IRC) è un deterioramento progressivo ed irreversibile delle funzioni escretorie ed endocrine del rene, per cui viene a mancare la capacità dell'organismo di mantenere l'equilibrio idroelettrolitico e metabolico. La progressione della malattia è lenta e richiede mesi o anni; l'età media dei casi prevalenti dei pazienti in dialisi è di circa 67,5 anni. L'incapacità dell'organismo di mantenere un equilibrio metabolico ed idroelettrolitico fa si che con il tempo si instauri una sindrome data dall'accumulo di sostanze di scarto nel sangue; ciò si associa a segni e sintomi, di vario genere (manifestazioni cardiovascolari, sintomi dermatologici, sintomi gastrointestinali, sintomi neurologici), che si ripercuotono su tutto l'organismo. Le persone colpite da IRC devono sottoporsi a una terapia fisica sostitutiva della funzionalità renale: l'emodialisi. Questa terapia permette di rimuovere i liquidi e i prodotti di scarto del metabolismo, che si accumulano nel sangue. Con questa procedura è possibile far deviare il sangue, ricco di sostanze tossiche, attraverso un accesso vascolare

20 appositamente confezionato, dal circolo fisiologico e fatto passare attraverso un filtro o rene artificiale dove viene depurato per poi essere nuovamente immesso in circolo. Le sedute emodialitiche vengono effettuate a cadenza trisettimanale, a giorni alterni, con una durata che va dalle tre alle cinque ore. Le persone con IRC iniziando la terapia dialitica si trovano a dover cambiare le loro abitudini di vita, tra le quali anche l'alimentazione, passando da un regime alimentare predialitico "restrittivo" ad un regime alimentare "libero". Questo può indurre a pensare che l'inizio del trattamento sostitutivo possa essere la soluzione alle problematiche legate alla loro condizione e ciò li può spingere ad ignorare i consigli dietetici non in accordo con le loro abitudini. Questa convinzione li porta verso lo sviluppo di complicanze. L'infermiere, come professionista che si prende carico del paziente durante il trattamento, in collaborazione con altre figure professionali, ha un ruolo fondamentale nell'accompagnare il paziente a prendere consapevolezza della sua condizione e guidarlo attraverso il suo percorso, in modo da renderlo consapevole delle scelte da compiere. L'obiettivo della mia tesi è stato quello di ricercare nelle migliori evidenze scientifiche, se l'educazione nutrizionale può prevenire la progressione delle complicanze legate alla malattia renale e favorire l'aderenza (il grado in cui il comportamento di una persona, nell'assumere i farmaci, nel seguire una dieta e/o nell'apportare cambiamenti al proprio stile di vita, corrisponde alle raccomadaziioni concordate con i sanitari) al regime dietetico.dalla ricerca è risultato che se i pazienti riescono a seguire in modo adeguato la terapia nutrizonale, considerata supporto e parte integrante della terapia dialitica, possono prevenire le complicanze legate alla malattia, migliorare la qualità della vita e aumentare l'aspettativa di vita. Nonostante questi dati la terapia nutrizionale è un problema rilevante per i pazienti con IRC, sottoposti a trattamento dialitico. Le percentuali di non-aderenza al regime dietetico, riscontrate in letteratura sono elevate (dal 25% all'86%): i pazienti riferiscono che l'aderenza al regime dietetico è la parte più complessa del trattamento, ritengono che le restrizioni dietetiche siano non delle regole da seguire ma degli "ostacoli da aggirare" in quanto vanno ad influenzare le loro abitudini alimentari e il loro stile di vita. Da questo ne consegue che è un aspetto fondamentale da presidiare, prestando particolare attenzione ai giovani maschi, fumatori e privi di supporto sociale. Favorendo l'aderenza alle restrizioni dietetiche e idriche si possono migliorare vari aspetti: pressione arteriosa, progressione delle complicanze cardiache, delle complicanze legate all'iperfosfatemia, all'iperpotassiemia, raggiumgimento del peso secco (peso ideale). Ho poi preso in considerazione alcuni studi che trattavano degli interventi educativi, dai quali è emerso: il ruolo dell'infermiere è fondamentale nell'aspetto educativo, quindi è necessario favorire gli interventi educativi da parte degli infermieri, con lo scopo di consolidare il selfmanagement, l'aderenza, le conoscenze, i cambiamenti comportamentali;gli infermieri devono enfatizzare l'importanza dell'aderenza e delle complicanze legate alla non-aderenza, e prima di stabilire gli interventi educativi da

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC ctüüévv{ t w fa TÇwÜxt Parrocchia di S. Andrea Sommacampagna féååtvtåñtzçt Domenica 21 marzo 2010 WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC 12 BRUCIAMO I BIGLIETTINI Bruciamo i nostri peccati, con il perdono non ci sono

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

Settimanale Parrocchia OGNISSANTI Milano Anno pastorale 2011-2012. Domenica 19 febbraio 2012. ULTIMA DOMENICA DOPO L'EPIFANIA "del perdono"

Settimanale Parrocchia OGNISSANTI Milano Anno pastorale 2011-2012. Domenica 19 febbraio 2012. ULTIMA DOMENICA DOPO L'EPIFANIA del perdono IL RICHIAMO Settimanale Parrocchia OGNISSANTI Milano Anno pastorale 2011-2012 Domenica 19 febbraio 2012 ULTIMA DOMENICA DOPO L'EPIFANIA "del perdono" Vangelo del giorno: Luca 18,9-14 In quel tempo. Il

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO ARCIPRETURA MARIA SS. ASSUNTA E SAN PIETRO APOSTOLO SAN PIETRO DI CARIDA PROGRAMMA PASQUA 2014 SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE

Dettagli

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ All inizio del nuovo anno pastorale 2014-2015 viene distribuito alla comunità il Calendario Pastorale, segno del cammino comunitario e strumento utile per la programmazione delle diverse attività della

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014

Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 OTTOBRE 2013 Martedi 1 Ore 20.45: Preghiera del Gruppo La Casa Mercoledi 2 Giovedi 3 Venerdi 4 Sabato 5 Domenica 6 Lunedi 7 Martedi 8 Mercoledi 9 Adorazione

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014

CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014 CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014 Settembre 2013 17 martedì Inizio Catechismo, Inizio preghiera Gesù Risorto 18 mercoledì 19 giovedì Incontro Catechisti Ore 17,30 22 domenica Inaugurazione nuovo anno

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ Carissimi, A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO SETTEMBRE - OTTOBRE 2015 tutte le nostre feste comunitarie in questo tempo ci invitano a innalzare lo sguardo alla Madonna: al Santuario per

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

Progetto Pastorale Parrocchiale

Progetto Pastorale Parrocchiale Progetto Pastorale Parrocchiale E' il desiderio dì vivere come Chiesa il nostro rapporto con Dio: Padre - Figlio - Spirito, e con ogni persona, in una comunione sempre più vera e intensa, perché ognuno

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 CENTRO PARROCCHIALE OSNAGO PROGRAMMA DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 È Natale È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 01/4/2013 LUNEDÌ DELL ANGELO Letture: Atti 2, 14. 22-23 Salmo 16 (15) Vangelo: Matteo 28, 1-15 NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN! Ci mettiamo alla Presenza del Signore,

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Con noi divise il pane

Con noi divise il pane Comunità pastorale S. Martino in Lambrate - SS. Nome di Maria in Milano Con noi divise il pane Calendario del Percorso 2015-16 Cari genitori, di seguito avete il calendario di questo primo anno del percorso

Dettagli

Settembre 2009. FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù

Settembre 2009. FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù Settembre 2009 dal 5 al 13 FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù 8 Martedì 4 giorni catechisti (ore 15.00 al Palladium) Riscoprire l iniziazione cristiana Consiglio Pastorale Decanale

Dettagli

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno È lieta di presentarvi LA VOCE DEGLI ANTA Numero 10, Ottobre 2015 Autunno La terra si veste del giallo delle foglie in autunno. Il vento raccoglie i sussurri dei trepidi uccelli e gioca coi rami avvizziti

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli