INCONTRO. T R A C I T T à. sette itinerari tra il Cardeto e la città. Progettazione, realizzazione e impaginazione grafica a cura di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCONTRO. T R A C I T T à. sette itinerari tra il Cardeto e la città. Progettazione, realizzazione e impaginazione grafica a cura di"

Transcript

1 Progettazione, realizzazione e impaginazione grafica a cura di P U N T O D I INCONTRO T R A C I T T à E N A T U R A sette itinerari tra il Cardeto e la città Fotografie di Ancona di...

2 Un museo a cielo aperto/un museo a cielo aperto Il Parco del Cardeto occupa un area di circa 35 ettari estendendosi dal Colle Cappuccini al Colle Cardeto e comprendendo l avvallamento che separa le due alture. La presenza umana nell area risale alla preistoria, infatti numerosi ritrovamenti di materiale dell epoca del bronzo e del ferro e la scoperta di tombe picene hanno dimostrato che il sito ha ospitato i primi insediamenti della città. Stradelli e affacci sul mare suggestivi, laddove c erano rovi infestanti e rifiuti. Passeggiate tra batterie e fortificazioni, testimonianze dell insediamento militare costituito in epoca napoleonica. C è l ex convento dei Cappuccini trasformato in caserma, sotto il Faro, che l Università pensa come un collegio di eccellenza, sede di master post laurea. C è la zona archeologica e del cimitero ebraico, con un progetto in corso di riscoperta e recupero delle steli e dei cippi funerari. C è la recuperata area dell antico faro, che dopo una laboriosa opera di bonifica è punto di riferimento ormai stabile di spettacoli estivi all aperto. Il Parco del Cardato è oggi un vero e proprio Museo a cielo aperto, un patrimonio di tutti i cittadini di Ancona e non solo. Il Parco del Cardeto occupa un area di circa 35 ettari estendendosi dal Colle Cappuccini al Colle Cardeto e comprendendo l avvallamento che separa le due alture. La presenza umana nell area risale alla preistoria, infatti numerosi ritrovamenti di materiale dell epoca del bronzo e del ferro e la scoperta di tombe picene hanno dimostrato che il sito ha ospitato i primi insediamenti della città. Stradelli e affacci sul mare suggestivi, laddove c erano rovi infestanti e rifiuti. Passeggiate tra batterie e fortificazioni, testimonianze dell insediamento militare costituito in epoca napoleonica. C è l ex convento dei Cappuccini trasformato in caserma, sotto il Faro, che l Università pensa come un collegio di eccellenza, sede di master post laurea. C è la zona archeologica e del cimitero ebraico, con un progetto in corso di riscoperta e recupero delle steli e dei cippi funerari. C è la recuperata area dell antico faro, che dopo una laboriosa opera di bonifica è punto di riferimento ormai stabile di spettacoli estivi all aperto. Il Parco del Cardato è oggi un vero e proprio Museo a cielo aperto, un patrimonio di tutti i cittadini di Ancona e non solo. ingressodelbirarelli ingressodelfaro ingressocardeto ingressomartelli ingressovolturno

3 Un museo a cielo aperto/ Itinerari Questo Un museo a cielo aperto, una passeggiata tra natura, storia e cultura. Tra il mare e le colline. Tra le tracce di un antico passato e i percorsi naturalistici all interno del Parco del Cardeto Franco Scataglini, la tradizione enogastronomica e i vini eccellenti. Benvenuti in una città dalla storia millenaria, un sito capace di sedurre, trattenere, coccolare chi vi si accosta. A chi giunge dal mare la città si mostra in tutta la sua scenografica bellezza, favorita dalla naturale disposizione che ne segna la storia millenaria. Venite a scoprire le strade strette e tortuose, dominate dal Duomo affacciato sul mare, le vie ampie e rettilinee, le zone verdi. I vecchi rioni, arrampicati sulle colline come intorno al palcoscenico di un teatro, si affacciano sull arco del porto, il vero cuore storico ed economico del capoluogo marchigiano. Sette percorsi diversi, per chi ha molto tempo e per chi ne ha poco, per chi vuole scoprire tutte le meraviglie della città e per chi vuole assaporarle poco alla volta. Per chi vuole tuffarsi nel verde e per chi vuole passeggiare tra i prestigiosi negozi del centro. Per chi ha scelto di camminare tra la storia e chi, invece, preferisce costeggiare romanticamente il mare. Attraversare Ancona a piedi è un esperienza unica. Sia per quelli che arrivano da altre città che per coloro che vi ci abitano. Scopritelo attraverso questi percorsi. Tra città e storia Tra città e storia 1 Tra mare e storia Tra mare e storia 2 Tra baci e natura Tra baci e natura 3 4 Da mare e mare Da mare e mare Tra shopping e tramonto Tra shopping e tramonto 5 6 Dal cardeto al passetto Dal cardeto al passetto 7 Dal verde alla movida Dal verde alla movida

4 Tra città e storia 3 ORE 5 KM DA INGRESSO MARTELLI A INGRESSO BIRARELLI Passeggiare tra i vicoli di Ancona, dal cuore della città ai panorami mozzafiato del Parco del cardeto. Il verde, il mare, la storia. Sentire l eco del tuo passo tra gli antichi palazzi, assaporare le origini dell antica civiltà dorica. Per contemplarne le opere, i colori e sentirti a casa. Passeggiare tra i vicoli di Ancona, dal cuore della città ai panorami mozzafiato del Parco del cardeto. Il verde, il mare, la storia. Sentire l eco del tuo passo tra gli antichi palazzi, assaporare le origini dell antica civiltà dorica. Per contemplarne le opere, i colori e sentirti a casa. Uno / Uno 4) DUOMO DI SAN CIRIACO 5) CHIESA DI SAN GREGORIO 6) ANFITEATRO ROMANO 7) PALAZZO VESCOVILE 10) CHIESA DI S. PELLEGRINO E FILIPPO NERI 11) MUSEO ARCHEOLOGICO 12) PALAZZO ANZIANI 13) CHIESA DEL GESÙ 14) CHIESA DI S.FRANCESCO 15) VICOLO DELLA STORTA 17) PINACOTECA 19) EX CASERMA VILLAREY 20) CHIESA DI SANTA MARIA DELLA PIAZZA 21) LOGGIA DEI MERCANTI 22) PALAZZO BENINCASA 23) TEATRO DELLE MUSE 24) PALAZZO DEL GOVERNO - PREFETTURA 25) PIAZZA DEL PAPA 27) MUSEO DELLA CITTà 28) CHIESA DI SAN DOMENICO 29) FONTANA DEL CALAMO 33) CIMITERO MONUMENTALE EBRAICO 34) PIAZZA CAVOUR 35) FARO 36) CHIESA CONVENTO DEI CAPPUCCINI 38) EX POLVERIERA CASTELFIDARDO 39) FORTEZZA NAPOLEONICA 40) PIAZZA ROMA PIAZZA DEL PLEBISCITO VIACATENA VICOLO DELLA STORTA VIA PIZZECOLLI VIA FERRETTI VIA DEL GUASCO VIA BIRARELLI PARCO DEL CARDETO VIA INDIPENDENZA CORSO GARIBALDI CORSO MAZZINI

5 Tra mare e storia 3 ORE 5 KM Due / due DA INGRESSO MARTELLI A INGRESSO BIRARELLI Partire dal Cardeto per arrivare alla Mole Vanvitelliana, passando per il porto, è il modo migliore per conoscere il cuore pulsante di Ancona, il vecchio quartiere degli Archi, le abitudini e le tradizioni portuali della città. Sullo sfondo, la colline dominate dal Duomo. Partire dal Cardeto per arrivare alla Mole Vanvitelliana, passando per il porto, è il modo migliore per conoscere il cuore pulsante di Ancona, il vecchio quartiere degli Archi, le abitudini e le tradizioni portuali della città. Sullo sfondo, la colline dominate dal Duomo. 1) BASAMENTO VECCHIA LANTERNA 2) PORTA CLEMENTINA 3) ARCO TRAIANO 8) RESTI ANTICO ARSENALE 9) CASA DEL CAPITANO 12) PALAZZO ANZIANI 13) CHIESA DEL GESÙ 16) PORTELLA SAN MARIA 20) CHIESA DI SANTA MARIA DELLA PIAZZA 21) LOGGIA DEI MERCANTI 22) PALAZZO BENINCASA 23) TEATRO DELLE MUSE 30) CHIESA DEL SAN SACRAMENTO 32) CHIESA SAN AGOSTINO 42) PORTA PIA 45) PARCO CITTADELLA - CAMPO TRINCERATO CARDETO VIA BIRARELLI VICOLO DEI TRIBUNALI PIAZZA STRACCA PIAZZA ALIGHIERI LUNGOMARE VANVITELLI SCALA MOLO NORD BANCHINA SAURO NAZARIO LARGO DOGANA VIA LOGGIA VIA XXIX SETTEMBRE LARGO CADUTI SUL MARE LAZZARETTO MOLE VANVITELLIANA

6 Tra baci e natura 3 ORE 5 KM tre / three DA INGRESSO MARTELLI A INGRESSO BIRARELLI Innamorarsi è più bello nel verde del Parco del Cardeto. Scoprirai che in città esiste un posto dove i pensieri scorrono più lenti, e ci si può sussurrare ancora tenere parole d amore. Con un panorama mozzafiato davanti e un profumo di primavera inebriante lì, ai tuoi piedi. Innamorarsi è più bello nel verde del Parco del Cardeto. Scoprirai che in città esiste un posto dove i pensieri scorrono più lenti, e ci si può sussurrare ancora tenere parole d amore. Con un panorama mozzafiato davanti e un profumo di primavera inebriante lì, ai tuoi piedi. 21) LOGGIA DEI MERCANTI 22) PALAZZO BENINCASA 23) TEATRO DELLE MUSE 24) PALAZZO DEL GOVERNO - PREFETTURA 25) PIAZZA DEL PAPA 26) PORTA FARINA o SAN PIETRO 27) MUSEO DELLA CITTà 28) CHIESA DI SAN DOMENICO 29) FONTANA DEL CALAMO 30) CHIESA DEL SAN SACRAMENTO 31) CHIESA DI SAN BIAGIO 34) PIAZZA CAVOUR 40) PIAZZA ROMA 46) PIAZZA DIAZ 47) VILLE LIBERTY 48) PASSETTO - MONUMENTO E SCALINATA CARDETO VIA BIRARELLI VIA DEL GUASCO PIAZZA DEL DUOMO

7 Tra mare e mare 3 ORE 5 KM quattro / four DA INGRESSO MARTELLI A INGRESSO BIRARELLI Benvenuti in una città dalla storia millenaria, caduta e rialzatasi più volte. Un luogo capace di sedurre, trattenere e coccolare chi vi si accosta. Venitene a scoprire le strade strette e tortuose, dominate dal Duomo affacciato sul mare, le vie ampie e rettilinee, le zone verdi e i vecchi rioni, arrampicati sulle colline. Dal mare al mare, passando per il verde e per la storia. Benvenuti in una città dalla storia millenaria, caduta e rialzatasi più volte. Un luogo capace di sedurre, trattenere e coccolare chi vi si accosta. Venitene a scoprire le strade strette e tortuose, dominate dal Duomo affacciato sul mare, le vie ampie e rettilinee, le zone verdi e i vecchi rioni, arrampicati sulle colline. Dal mare al mare, passando per il verde e per la storia. 6) ANFITEATRO ROMANO 13) CHIESA DEL GESÙ 14) CHIESA DI SAN FRANCESCO 18) PALAZZO EX CAMERATA 19) EX CASERMA VILLAREY 23) TEATRO DELLE MUSE 24) PALAZZO DEL GOVERNO - PREFETTURA 25) PIAZZA DEL PAPA 26) PORTA FARINA o SAN PIETRO 27) MUSEO DELLA CITTà 28) CHIESA DI SAN DOMENICO 33) CIMITERO MONUMENTALE EBRAICO 35) FARO 36) CHIESA CONVENTO DEI CAPPUCCINI 37) BASTIONE SAN PAOLO 38) EX POLVERIERA CASTELFIDARDO 39) FORTEZZA NAPOLEONICA VIA LOGGIA VIA CATENA VIA PIZZECOLLI VIA FERRETTI GABRIELE SCALONE NAPPI VIA DEL GUASCO VIA BIRARELLI CARDETO VIA PANORAMICA PASSETTO(GROTTE DEL PASSETTO) VIALE DELLA VITTORIA LARGO XXIV MAGGIO PIAZZA CAVOUR CORSO GARIBALDI PIAZZA DELLA REPUBBLICA

8 Tra shopping e tramonto E 3 OR 5 KM DA INGRESSO MARTELLI A INGRESSO BIRARELLI Cosa c è di meglio di una giornata di shopping nei negozi più cool del centro che si conclude con una passeggiata nel Parco del Cardeto? Il verde ad Ancona, è più vicino di quello che pensi. Vieni a vedere il tramonto nel Parco del Cardeto. Scoprirai che fare shopping non è mai stato così romantico. Cosa c è di meglio di una giornata di shopping nei negozi più cool del centro che si conclude con una passeggiata nel Parco del Cardeto? Il verde ad Ancona, è più vicino di quello che pensi. Vieni a vedere il tramonto nel Parco del Cardeto. Scoprirai che fare shopping non è mai stato così romantico. cinque / five 4) DUOMO DI SAN CIRIACO 5) CHIESA DI SAN GREGORIO 6) ANFITEATRO ROMANO 7) PALAZZO VESCOVILE 10) CHIESA DI S. PELLEGRINO E FILIPPO NERI 11) MUSEO ARCHEOLOGICO 12) PALAZZO ANZIANI 13) CHIESA DEL GESÙ 14) CHIESA DI S.FRANCESCO 19) EX CASERMA VILLAREY 20) CHIESA DI SANTA MARIA DELLA PIAZZA 21) LOGGIA DEI MERCANTI 22) PALAZZO BENINCASA 23) TEATRO DELLE MUSE 24) PALAZZO DEL GOVERNO - PREFETTURA 30) CHIESA DEL SAN SACRAMENTO 31) CHIESA DI SAN BIAGIO 33) CIMITERO MONUMENTALE EBRAICO 34) PIAZZA CAVOUR 35) FARO 36) CHIESA CONVENTO DEI CAPPUCCINI 37) BASTIONE SAN PAOLO 38) EX POLVERIERA CASTELFIDARDO 39) FORTEZZA NAPOLEONICA 46) PIAZZA DIAZ 48) PASSETTO - MONUMENTO E SCALINATA PIAZZA CAVOUR CORSO MAZZINI VIA DEGLI OREFICI PIAZZA PLEBISCITO VIA MATTEOTTI VIA CARDETO CARDETO PIAZZALE MARTELLI VIA INDIPENDENZA LARGO CAPPELLI CORSO AMENDOLA PASSETTO VIALE DELLA VITTORIA LARGO XXIV MAGGIO PIAZZA CAVOUR CORSO GARIBALDI PIAZZA DELLA REPUBBLICA

9 Dal cardeto al passetto 3 ORE 5 KM DA INGRESSO MARTELLI A INGRESSO BIRARELLI Lungo il Passetto scoprirai che la linea dell orizzonte, ad Ancona, assume colori e contorni differenti. L azzurro del cielo, in certi giorni di primavera, val bene una passeggiata. Le sfumature del mare cambiano, lungo un percorso che offre diversi punti di luce e di vista. Lungo il Passetto scoprirai che la linea dell orizzonte, ad Ancona, assume colori e contorni differenti. L azzurro del cielo, in certi giorni di primavera, val bene una passeggiata. Le sfumature del mare cambiano, lungo un percorso che offre diversi punti di luce e di vista. cinque / five 4) DUOMO DI SAN CIRIACO 5) CHIESA DI SAN GREGORIO 6) ANFITEATRO ROMANO 7) PALAZZO VESCOVILE 19) EX CASERMA VILLAREY 33) CIMITERO MONUMENTALE EBRAICO 35) FARO 36) CHIESA CONVENTO DEI CAPPUCCINI 37) BASTIONE SAN PAOLO 38) EX POLVERIERA CASTELFIDARDO 39) FORTEZZA NAPOLEONICA CARDETO VIA PANORAMICA PASSETTO

10 Dal verde alla movida 3 ORE 5 KM cinque / five DA INGRESSO MARTELLI A INGRESSO BIRARELLI Una giornata trascorsa nel verde, a passeggiare e respirare aria buona diventa ancora più bella se si conclude con un aperitivo nei locali tipici della movida anconetana. Dal Cardeto a Piazza del Plebiscito, riconosciuta da tutti gli anconetani come Piazza del Papa. Natura e divertimento non sono mai stati così vicini. Una giornata trascorsa nel verde, a passeggiare e respirare aria buona diventa ancora più bella se si conclude con un aperitivo nei locali tipici della movida anconetana. Dal Cardeto a Piazza del Plebiscito, riconosciuta da tutti gli anconetani come Piazza del Papa. Natura e divertimento non sono mai stati così vicini. 19) EX CASERMA VILLAREY 38) EX POLVERIERA CASTELFIDARDO 39) FORTEZZA NAPOLEONICA 47) VILLE LIBERTY 48) PASSETTO - MONUMENTO E SCALINATA CARDETO VIA BIRARELLI VIA FANTI VIA MATTEOTTI PIAZZA PLEBISCITO

11 1 2 3 Basamento vecchia Lanterna Il basamento reggeva una lanterna costruita su iniziale progetto del Vanvitelli in testa al Molo Nord alla fine del settecento. La lanterna fu colpita e distrutta dalla flotta piemontese nel Negli anni 30 l edificio fu riadattato per ospitare la sede della Sanità marittima portuale. Oggi ospita i Vigili del fuoco del porto. Il basamento reggeva una lanterna costruita su iniziale progetto del Vanvitelli in testa al Molo Nord alla fine del settecento. La lanterna fu colpita e distrutta dalla flotta piemontese nel Arco Clementino A un altro benefattore della città, papa Clemente XII, è dedicato l arco edificato nel 1738 dal Vanvitelli al termine della cinta muraria, come ideale porta d ingresso alla città per chi proveniva dal Molo nord. La sua costruzione si inseriva all interno dei più vasti lavori che all architetto erano stati affidati dal papa (tra i quali anche il prolungamento del molo antistante, nonché la realizzazione del Lazzaretto), indispensabili dopo la concessione alla città dello statuto di porto franco. è in pietra d Istria, con gradevoli effetti di chiaroscuro creati dalle modanature dell ordine dorico, e si richiama stilisticamente all arco romano che lo precede. In origine era prevista la collocazione sull attico della statua del papa che campeggia ora in piazza del Plebiscito. La sua costruzione si inseriva all interno dei più vasti lavori che all architetto erano stati affidati dal papa (tra i quali anche il prolungamento del molo antistante, nonché la realizzazione del Lazzaretto), indispensabili dopo la concessione alla città dello statuto di porto franco. è in pietra d Istria, con gradevoli effetti di chiaroscuro creati dalle modanature dell ordine dorico, e si richiama stilisticamente all arco romano che lo precede. In origine era prevista la collocazione sull attico della statua del papa che campeggia ora in piazza del Plebiscito. Arco Traiano Realizzato nel 115 d.c. da Apollodoro di Damasco in onore di Traiano, grande fautore della rinascita del porto di Ancona, in passato era ornato con statue e fregi scomparsi nel corso dei secoli. L opera, che mantiene ancora lo slancio e l eleganza di un tempo, è stata recentemente restaurata e sottoposta ad un intervento di illuminazione che ne ha esaltato il profilo e valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco L opera, che mantiene ancora lo slancio e l eleganza di un tempo, è stata recentemente restaurata e sottoposta ad un intervento di illuminazione che ne ha esaltato il profilo e valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco 4 5 Duomo di San Ciriaco è uno dei monumenti emblema di Ancona, sia per la posizione geografica che per il significato storico e religioso. è una delle chiese più importanti delle Marche e d Italia. Il colle dove sorge si chiamava nell antichità promontorio Cumero, nome composto dalle parole greche Kuma e Oro, che insieme significano monte opposto al mare. La chiesa è edificata sui resti di un tempio antico dedicato alla Venere Euplea, la Venere della buona navigazione. La sagoma dell edificio, a forma cruciforme e a pianta centrale, è sovrastata dalla cupola a dodici facce slanciate e voltata alla gotica. Gli esperti parlano di una tra le più antiche e perfette cupole in Italia. Consigliata anche una visita al Museo Diocesano, all interno dell ex Palazzo Vescovile (pregevoli gli arazzi fiamminghi su disegni di Pieter Pave Rubens). La chiesa ha una facciata tripartita nella quale spicca alla sommità di un ampia scalinata il protiro romanico-gotico, dell arco a tutto sesto sorretto da 4 colonne, due più antiche, in marmo, poggianti su grandi leoni in granito rosso di Verona e due più esili in pietra, aggiunte successivamente dal Vanvitelli. L opera, che mantiene ancora lo slancio e l eleganza di un tempo, è stata recentemente restaurata e sottoposta ad un intervento di illuminazione che ne ha esaltato il profilo e valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco L opera, che mantiene ancora lo slancio e l eleganza di un tempo, è stata recentemente restaurata e sottoposta ad un intervento di illuminazione che ne ha esaltato il profilo e valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco restaurata e sottoposta ad un intervento di illuminazione che ne ha esaltato il profilo e valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco valorizzato la posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco San Gregorio Illuminatore (ex San Bartolomeo) Le Monache Benedettine Armene acquistarono il complesso di S.Bartolomeo, chiesa e convento, nel Le alterne vicende delle soppressioni e restaurazioni avevano ridotto il convento a luogo di pena, mentre la chiesa, rimasta aperta al culto, era officiata dai Minori Conventuali perché nel loro convento di San Francesco delle Scale era stato organizzato il Civico Ospedale. In quel complesso le monache non vi rimasero a lungo: nel 1860 il convento ritornò alla precedente destinazione di stabilimento giudiziario ospitando l ergastolo ed i discoli, corrispondente a quello che oggi chiamiamo carcere minorile. La chiesa venne acquistata nel 1898 per l istituto fondato dal sac. Giuseppe Birarelli, oggi denominato Istituto Giovagnoni-Birarelli per l assistenza alle minorenni orfane o comunque bisognose. La sua costruzione si inseriva all interno dei più vasti lavori che all architetto erano stati affidati dal papa (tra i quali

12 6 anche il prolungamento del molo antistante, nonché la realizzazione del Lazzaretto), indispensabili dopo la concessione alla città dello statuto di porto franco. è in pietra d Istria, con gradevoli effetti di chiaroscuro creati dalle modanature dell ordine dorico, e si richiama stilisticamente all arco romano che lo precede. In origine era prevista la collocazione sull attico della statua del papa che campeggia ora in piazza del Plebiscito. Anfiteatro Romano L anfiteatro costruito in età augustea (I sec. a.c. - I sec. d.c.) sorge sulla sella naturale tra i colli Guasco e di Cappuccini. Di forma ellittica, l imponente struttura era larga 73 m e lunga 93 m, con 20 gradinate che potevano contenere fino a spettatori. Era dotato di quattro ingressi, dei quali resta il monumentale Arco Bonarelli, in blocchi d arenaria, ben visibile nell adiacente piazza del Senato. Da via Birarelli è possibile ammirarne i resti, riportati alla luce da scavi archeologici ancora in corso. Abbandonato in età tardo-imperiale, l Anfiteatro venne utilizzato prima come cava di materiale da costruzione, poi come carcere e infine inglobato nella chiesa di San Gregorio e nel Convento di San Bartolomeo. Da ammirare i resti del mosaico che sono visibili da via Pio II. Si suppone che la sua costruzione sia iniziata durante il periodo di Ottaviano Augusto verso la fine del I sec. a.c., modificata poi durante il periodo di Traiano (I sec. d.c.). Forse la sua parte più interna, a conci quadrati, apparteneva ad un teatro del periodo greco. La sua trasformazione più radicale, stando agli indizi architettonici, appartiene appunto all epoca di Traiano o dei Flavi. è diventato un luogo di incontro dove ascoltare poesie e lirica. L Anfiteatro costruito in età augustea (I sec. a.c. - I sec. d.c.) sorge sulla sella naturale tra i colli Guasco e di Cappuccini. Di forma ellittica, l imponente struttura era larga 73 m e lunga 93 m, con 20 gradinate che potevano contenere fino a spettatori. Era dotato di quattro ingressi, dei quali resta il monumentale Arco Bonarelli, in blocchi d arenaria, ben visibile nell adiacente piazza del Senato. Da via Birarelli è possibile ammirarne i resti, riportati alla luce da scavi archeologici ancora in corso. Abbandonato in età tardo-imperiale, l Anfiteatro venne utilizzato prima come cava di materiale da costruzione, poi come carcere e infine inglobato nella chiesa di San Gregorio e nel Convento di San Bartolomeo. Da ammirare i resti del mosaico che sono visibili da via Pio II. Si suppone che la sua costruzione sia iniziata durante il periodo di Ottaviano Augusto verso Palazzo vescovile Ha canoni estetici e decorativi del Settecento ed ingloba quasi certamente strutture romane e altomedioevali. è stato sede prima dei Consoli e poi del Podestà, attorno al Donato dal Comune ai Conti Cortesi, dopo una serie di passaggi perviene in proprietà ai Ferretti e poi viene acquisito alla Curia Vescovile con l intervento della Camera Apostolica. Gli storici ricordano che gli emblemi del Palazzo, ancora nel XVI secolo erano i simboli araldici del leone e del leopardo. Ha canoni estetici e decorativi del Settecento ed ingloba quasi certamente strutture romane e altomedioevali. è stato sede prima dei Consoli e poi del Podestà, attorno al Donato dal Comune ai Conti Cortesi, dopo una serie di passaggi perviene in proprietà ai Ferretti e poi viene acquisito alla Curia Vescovile con l intervento della Camera Apostolica. Magazzini porto di Traiano I magazzini del porto traianeo, presumibilmente risalenti al d.c. erano a servizio di varie attività portuali: le spedizioni di merci (sono stati trovate anfore e contenitori vari) e immagazzinamento, attività di cantieristica e rifornimento di acqua alle navi che sostavano, come dimostrano le cisterne rinvenute. I magazzini del porto traianeo, presumibilmente risalenti al d.c. erano a servizio di varie attività portuali: le spedizioni di merci (sono stati trovate anfore e contenitori vari). Casa del capitano Quasi nascosta tra le mura, percorrendo la banchina portuale, si trova una casa medioevale fortunatamente rimasta intatta tra le macerie provocate dai bombardamenti. L eleganza e la sobria decorazione l hanno fatta impropriamente denominare la sede del Capitano del Porto. In realtà tale carica, come risulta da lapidi esistenti, era esercitata da tre consiglieri. L eleganza e la sobria decorazione l hanno fatta impropriamente denominare la sede del Capitano del Porto. In realtà tale carica, come risulta da lapidi esistenti, era esercitata da tre consiglieri.

13 10 11 Chiesa di S.Pellegrino e Filippo Neri o degli Scalzi Affaccia su piazza del Senato ma è adiacente a palazzo Ferretti con il quale un tempo era collegata così che la nobile famiglia potesse assistere alle funzioni in forma privata. Edificata nel 1706 su progetto dell architetto Bartoli divenuto poi carmelitano scalzo, sorge dove anticamente era stata edificata la chiesa medievale di San Salvatore. La cupola poggia su lesene e grandi arcate. L interno ha una unica navata; è a pianta circolare, con quattro cappelli sull asse principale. Ha l altare principale ridefinito nell 800, mentre nei due altari laterali settecenteschi sono contenute le statue a stucco di Gioacchino Varlè. Tra le opere d arte che la chiesa può mostrare, notiamo nell altare maggiore, una scultura in legno policromo di stile bizantino raffigurante il Cristo e attribuibile al XII-XIII secolo. Tra le tele d ispirazione religiosa si riconosce una S. Teresa ascritta al Solimena. Affaccia su piazza del Senato ma è adiacente a palazzo Ferretti con il quale un tempo era collegata così che la nobile famiglia potesse assistere alle funzioni in forma privata. Edificata nel 1706 su progetto dell architetto Bartoli divenuto poi carmelitano scalzo, sorge dove anticamente era stata edificata la chiesa medievale di San Salvatore. La cupola poggia su lesene e grandi arcate. L interno ha una unica navata; è a pianta circolare, con quattro cappelli sull asse principale. Ha l altare principale ridefinito nell 800, mentre nei due altari laterali settecenteschi sono contenute le statue a stucco di Gioacchino Varlè. Museo Archeologico Rappresenta senza dubbio il Museo più importante della regione. Quasi i reperti esposti, tutti provenienti da scavi sul territorio e in grado di fornire informazioni preziose sulla vita quotidiana, gli strumenti di coccio e vasellame, le armi, gli ornamenti. Trentadue sale e ogni sala è una scoperta dove rari capolavori venuti dalla preistoria si trovano a dialogare con arredi e decori altrettanto insigni del Rinascimento e del Barocco. Pregevole una statuina rarissima in calcite chiamata Venere rinvenuta nella Gola di Frasassi e risalente al Paleolitico. è uno dei più prestigiosi musei archeologici italiani in particolare per la preistoria ancor più per la civiltà picena. Il museo è ospitato nelle sale del Palazzo Ferretti che domina il mare, bellissimo esempio di architettura del 500. Il progetto è di Antonio da Sangallo ma la costruzione originaria venne ampliata due secoli dopo dal Vanvitelli. Pregevoli sono i fregi e gli affreschi di Pellegrino Tibaldi, i caminetti con talamoni, i soffitti a cassettoni. Nel piano nobile del palazzo sono presenti famosi affreschi di Pellegrino Tibaldi e la sistemazione della facciata è opera del Vanvitelli. è uno dei più prestigiosi musei archeologici italiani in particolare per la preistoria ancor più per la civiltà picena. Il museo è ospitato nelle sale del Palazzo Ferretti che domina il mare, bellissimo esempio di architettura del 500. Il progetto è di Antonio da Sangallo ma la costruzione originaria venne ampliata due secoli dopo dal Vanvitelli. Pregevoli sono i fregi e gli affreschi di Pellegrino Tibaldi, i caminetti con talamoni, i soffitti a cassettoni. Nel piano nobile del palazzo sono presenti famosi affreschi di Pellegrino Tibaldi e la sistemazione della facciata è opera del Vanvitelli. Palazzo degli Anziani Il Palazzo degli Anziani, sede storica delle magistrature civiche, sorge in Piazza Benvenuto Stracca, di fronte alla Chiesa del Gesù. Si ritiene che il Palazzo sia stato costruito nel 1258: il Vasari riporta che esso fu rinnovato da Margheritone di Arezzo nel 1270, in stile romanico-gotico. Il palazzo ha subito nei secoli diverse modifiche sia per adeguarlo a diverse esigenze che a causa di terremoti e incendi. Fu sede degli Anziani e Regolatori che amministravano la città. Oggi conserva elementi duecenteschi: due ordini di finestre ad archetti incrociati, gli arconi ogivali nella parte orientata verso il porto, le logge ogivali e i pannelli scolpiti su Piazza Stracca. Quattrocentesche sono le finestre superiori, cinquecentesca la facciata barocca, che conserva tracce di due ordini di finestre ogivali, già decorate di bassorilievi trecenteschi. Le sale interne sono ampie e signorili. Fu sede degli Anziani e Regolatori che amministravano la città. Oggi conserva elementi duecenteschi: due ordini di finestre ad archetti incrociati, gli arconi ogivali nella parte orientata verso il porto, le logge ogivali e i pannelli scolpiti su Piazza Stracca. Quattrocentesche sono le finestre superiori, cinquecentesca la facciata barocca, che conserva tracce di due ordini di finestre ogivali, già decorate di bassorilievi trecenteschi. Le sale interne sono ampie e signorili. Le sale interne sono ampie e signorili. Le sale interne sono ampie e signorili. Le sale interne sono ampie e signorili. Chiesa del Gesù La Chiesa, eretta nel 1605 dal Conte Nappi, deve la sua fisionomia al genio Luigi Vanvitelli al quale l ordine dei Gesuiti affidò nel 1743 il progetto di ristrutturazione della preesistente chiesa seicentesca per farne la propria sede in città. Il dislivello fra la piazza e la chiesa è superato da una scala le cui rampe si svolgono entro un semiellisse; la facciata è curva e protetta dal pronao a pianta rettangolare. Nell interno è evidente la grandiosità e la ricchezza dovute all aula Dei. La sua pianta è a croce latina, con quattro cappelle laterali, due per parte, più quelle alle estremità del braccio trasversale. La Chiesa, eretta nel 1605 dal Conte Nappi, deve la sua fisionomia al genio Luigi Vanvitelli al quale l ordine dei Gesuiti affidò nel 1743 il progetto di ristrutturazione della preesistente chiesa seicentesca per farne la propria sede in città. Il dislivello fra la piazza e la chiesa è superato da una scala le cui rampe si svolgono entro un semiellisse; la facciata è curva e protetta dal pronao a pianta rettangolare. Nell interno è evidente la grandiosità e la ricchezza dovute.

14 14 15 Chiesa di S. Francesco alle Scale Domina l irregolare piazza omonima dall alto di una gradinata con un grande effetto scenografico. L edificio ebbe una vicenda architettonica assai tribolata. La prima fondazione della chiesa e dell annesso convento risale al 1323 a opera dei Francescani, che la dedicarono a Santa Maria Maggiore. A metà del 400 la chiesa ebbe l attuale intitolazione e venne realizzato il portale che abbellisce la facciata. Una radicale ristrutturazione dell edificio, non sempre rispettosa, venne realizzata tra il 1777 e il 1790 a opera di Francesco Maria Ciarrafoni. Poi ebbe inizio la decadenza, suggellata dall esproprio e dalla destinazione del complesso a scopi militari e ospedalieri in epoca napoleonica (1798) e subito dopo l unità d Italia (1861). La chiesa fu ripristinata e riaperta nel 1953 e poi nuovamente consolidata dopo il terremoto del Il grandioso portale fu realizzato dal dalmata Giorgio Orsini detto Giorgio da Sebenico (1454). Il portale è chiuso tra due pilastri ornati di statue di santi che reggono un grande baldacchino culminante con una fioritura di pinnacoli. Di grande vigore espressivo sono le venti teste (tra cui due leonine) che ornano gli stipiti e l architrave. Il bassorilievo nella lunetta raffigura San Francesco che riceve le stimmate. A destra della facciata i resti di un portale rinascimentale dal quale si accedeva al Convento. Domina l irregolare piazza omonima dall alto di una gradinata con un grande effetto scenografico. L edificio ebbe una vicenda architettonica assai tribolata. La prima fondazione della chiesa e dell annesso convento risale al 1323 a opera dei Francescani, che la dedicarono a Santa Maria Maggiore. A metà del 400 la chiesa ebbe l attuale intitolazione e venne realizzato il portale che abbellisce la facciata. Una radicale ristrutturazione dell edificio, non sempre rispettosa, venne realizzata tra il 1777 e il 1790 a opera di Francesco Maria Ciarrafoni. Poi ebbe inizio la decadenza, suggellata dall esproprio e dalla destinazione del complesso a scopi militari e ospedalieri in epoca napoleonica (1798) e subito dopo l unità d Italia (1861). La chiesa fu ripristinata e riaperta nel 1953 e poi nuovamente consolidata dopo il terremoto del Il grandioso portale fu realizzato dal dalmata Giorgio Orsini detto Giorgio da Sebenico (1454). A destra della facciata i resti di un portale rinascimentale dal quale si accedeva al Convento. Vicolo della Storta è l antica strada che da Piazza San Francesco arriva a via Saffi: il nome deriva dall andamento variabile della strada che rendeva più breve la discesa verso il porto. Di recente è stata recuperata dall Amministrazione comunale è l antica strada che da Piazza San Francesco arriva a via Saffi: il nome deriva dall andamento variabile della strada che rendeva più breve la discesa verso il porto Portella della Dogana o Santa Maria Il nome deriva dagli uffici doganali dell antico Comune Anconetano e dalla retrostante chiesa di S.Maria della Piazza. Il nome deriva dagli uffici doganali dell antico Comune Anconetano e dalla retrostante chiesa di S.Maria della Piazza. Pinacoteca Ospitata nel Palazzo Bosdari dal 1973, è intitolata al pittore anconetano Francesco Podesti: grazie a un lascito di cartoni e bozzetti permise a un gruppo di suoi concittadini di istituire intorno al 1880 il primo nucleo della raccolta museale. Oltre a capolavori della pittura anconetana e marchigiana, come la Circoncisione e la Dormitio Virginis (fine XIV-inizio XV secolo) di Carlo da Camerino e Quattro Santi in estasi e Angeli Musicanti di Andrea Lilli, la collezione espone una magnifica sezione di pittori veneti, al cui territorio la città dorica fu legata nei secoli da costanti rapporti. Capolavori assoluti sono in tal senso la Madonna col Bambino di Carlo Crivelli (XVI sec), la Sacra Conversazione di Lorenzo Lotto (XVI sec.), il Ritratto di Francesco Arsilli di Sebastiano del Piombo, l Immacolata Concezione e Santa Palazia del Guercino. Pregevole la cosiddetta Pala Gozzi di Tiziano (1520). Una sezione espositiva all ultimo piano del palazzo costituisce la Galleria d Arte Moderna che presenta opere di autori contemporanei. Oltre a capolavori della pittura anconetana e marchigiana, come la Circoncisione e la Dormitio Virginis (fine XIV-inizio XV secolo) di Carlo da Camerino e Quattro Santi in estasi e Angeli Musicanti di Andrea Lilli, la collezione espone una magnifica sezione di pittori veneti, al cui territorio la città dorica fu legata nei secoli da costanti rapporti. Capolavori assoluti sono in tal senso la Madonna col Bambino di Carlo Crivelli (XVI sec), la Sacra Conversazione di Lorenzo Lotto (XVI sec.), il Ritratto di Francesco Arsilli di Sebastiano del Piombo, l Immacolata Concezione e Santa Palazia del Guercino. Pregevole la cosiddetta Pala Gozzi di Tiziano (1520).

15 18 19 Palazzo ex Camerata Il Palazzo Camerata è situato sull antica via di San Pietro, oggi via Fanti. Di originario impianto cinquecentesco, fu rinnovato nel Settecento senza subire particolari trasformazioni. Al piano terreno sono ancora apprezzabili vari elementi decorativi (portalini in pietra e altre strutture). La facciata, incompiuta, è caratterizzata da un severo portale bugnato in pietra calcarea bianca, come i cantonali. è uno dei pochissimi palazzi anconetani che abbiano conservato l altana (costruzione a loggia sul tetto). La famiglia Camerata, originaria della città di Bergamo, si era stabilita in Ancona nel Cinquecento e nel 1596, come si desume da un manoscritto dell Albertini, aveva due possidenze, relative a due rami della famiglia. Nel 1639 Lorenzo e Carlo Antonio Camerata vengono aggregati alla nobiltà anconetana con breve del Papa Urbano VIII. Al piano terreno sono ancora apprezzabili vari elementi decorativi (portalini in pietra e altre strutture). La facciata, incompiuta, è caratterizzata da un severo portale bugnato in pietra calcarea bianca, come i cantonali. è uno dei pochissimi palazzi anconetani che abbiano conservato l altana (costruzione a loggia sul tetto). La famiglia Camerata, originaria della città di Bergamo, si era stabilita in Ancona nel Cinquecento e nel 1596, come si desume da un manoscritto dell Albertini, aveva due possidenze, relative a due rami della famiglia. Ex caserma Villarey L edificio si presenta come un quadrato di quasi 100 metri di lato e segue lo schema classico della corte militare con cortile interno. L aspetto architettonico segue lo schema eclettico neo-quattrocentesco di gran parte dell edilizia militare piemontese, di cui tuttavia la caserma Villarey costituisce cronologicamente un prototipo rispetto a numerose altre realizzazioni. Gli elementi caratteristici sono il bugnato piatto del basamento, le finestre binate con cornice di sopralto a tutto sesto, la muratura a secco con contenimenti in pietra bianca del Conero e pietra rosa del Furlo. Oggi la struttura è sede della prestigiosa facoltà di Economia. L aspetto architettonico segue lo schema eclettico neo-quattrocentesco di gran parte dell edilizia militare piemontese, di cui tuttavia la caserma Villarey costituisce cronologicamente un prototipo rispetto a numerose altre realizzazioni. Gli elementi caratteristici sono il bugnato piatto del basamento, le finestre binate con cornice di sopralto a tutto sesto, la muratura a secco con contenimenti in pietra bianca del Conero e pietra rosa del Furlo Chiesa di Santa Maria della Piazza Insieme alla Cattedrale è l edificio religioso più interessante della città (e tra i più interessanti della Regione) sia per i suoi pregi artistici sia per l importanza storica che ha rivestito nei secoli. L attuale chiesa, romanica, fu realizzata nei primi decenni del XIII secolo su chiese preesistenti. Assai singolare è la facciata, ha una struttura tripartita, incompiuta nella parte superiore, mentre l inferiore presenta un prezioso rivestimento in marmo dalmata, dovuto al Maestro Filippo ( ), interamente corso da quattro ordini di arcatelle in pietra con alcuni inserti decorativi (da notare la figura di orante, al centro, di gusto bizantineggiante, il busto dell arcangelo Gabriele alla sua sinistra). I fianchi della chiesa sono ornati da lesene e fasce di archetti con strette monofore (in quello di destra è un portale gotico del sec. XIII con un bassorilievo nella lunetta). Dà accesso alla chiesa un ampio portale strombato di gusto pugliese, incorniciato da un fregio riccamente decorato. L interno semplice e spoglio come nella tradizione romanica, presenta tre navate, divise da pilastri ottagonali e tetto a capriate. Alcuni gradini precedono il presbiterio, sopraelevato nel 1233 e terminante nell alta abside dove si trova un Crocifisso ligneo del XVI secolo. Sul pavimento lastre di cristallo aprono scorci sui resti sotterranei della chiesa paleocristiana. Nella cripta, resti di affreschi dei secoli VIII-IX e mosaici pavimentali del IV e VI secolo. Assai singolare è la facciata, ha una struttura tripartita, incompiuta nella parte superiore, mentre l inferiore presenta un prezioso rivestimento in marmo dalmata, dovuto al Maestro Filippo ( ), interamente corso da quattro ordini di arcatelle in pietra con alcuni inserti decorativi (da notare la figura di orante, al centro, di gusto bizantineggiante, il busto dell arcangelo Gabriele alla sua sinistra). I fianchi della chiesa sono ornati da lesene e fasce di archetti con strette monofore (in quello di destra è un portale gotico del sec. XIII con un bassorilievo nella lunetta). Dà accesso alla chiesa un ampio portale strombato di gusto pugliese, incorniciato da un fregio riccamente decorato. L interno semplice e spoglio come nella tradizione romanica, presenta tre navate, divise da pilastri ottagonali e tetto a capriate. Alcuni gradini precedono il presbiterio, sopraelevato nel 1233 e terminante nell alta abside dove si trova un Crocifisso ligneo del XVI secolo. Sul pavimento lastre di cristallo aprono scorci sui resti sotterranei della chiesa paleocristiana. Loggia dei Mercanti Città di traffici e commerci, Ancona avvertì per tempo la necessità di dotarsi di un luogo in cui si potessero esporre le mercanzie provenienti da oltremare e condurre le contrattazioni per la loro compravendita. A questo scopo, verso la fine del XIV secolo il senato degli Anziani deliberò che si procedesse alla costruzione di una loggia coperta in questo sito, a due passi dal molo pubblico e dalla dogana. Nel 1443 i lavori erano sostanzialmente terminati, anche se la loggia aveva in origine una struttura assai più semplice e grezza rispetto all attuale. Fu tra il 1451 e il 1459 che Giorgio da Sebenico decorò la facciata, ispirandosi allo stile gotico fiorito veneziano. In essa si distinguono in particolare le quattro statue

16 22 allegoriche delle virtù del buon mercante cristiano: la Speranza, la Fortezza, la Giustizia, e la Carità (in quest ultima sembra che vi sia l influsso di Jacopo della Quercia); sopra il portale al centro della campata mediana spicca il Cavaliere in assalto, stemma della città caro agli anconetani. Rovinata da un brutto incendio verso la metà del XVI secolo, necessitò di interventi di ripristino, affidati a Pellegrino Tibaldi: questi ridisegnò l ordine basamentale, arricchendolo dei caratteristici mascheroni manieristici, impostò il fronte posteriore, verso il mare e decorò l interno, costituito da un unica grande sala, affrescando il soffitto (gli affreschi sono andati perduti durante i bombardamenti del 1943). Lo stesso Tibaldi avviò la modellazione dell apparato statuario in gesso,che incombe arditamente sul visitatore dagli angoli della stanza, poi portato a termine da Gioacchino Varlè Città di traffici e commerci, Ancona avvertì per tempo la necessità di dotarsi di un luogo in cui si potessero esporre le mercanzie provenienti da oltremare e condurre le contrattazioni per la loro compravendita. A questo scopo, verso la fine del XIV secolo il senato degli Anziani deliberò che si procedesse alla costruzione di una loggia coperta in questo sito, a due passi dal molo pubblico e dalla dogana. Fu tra il 1451 e il 1459 che Giorgio da Sebenico decorò la facciata, ispirandosi allo stile gotico fiorito veneziano. In essa si distinguono in particolare le quattro statue allegoriche delle virtù del buon mercante cristiano: la Speranza, la Fortezza, la Giustizia, e la Carità (in quest ultima sembra che vi sia l influsso di Jacopo della Quercia); sopra il portale al centro della campata mediana spicca il Cavaliere in assalto, stemma della città caro agli anconetani. Rovinata da un brutto incendio verso la metà del XVI secolo, necessitò di interventi di ripristino, affidati a Pellegrino Tibaldi: questi ridisegnò l ordine basamentale, arricchendolo dei caratteristici mascheroni manieristici, impostò il fronte posteriore, verso il mare e decorò l interno, costituito da un unica grande sala, affrescando il soffitto (gli affreschi sono andati perduti durante i bombardamenti del 1943). Palazzo Benincasa Parallelamente alla realizzazione della facciata della Loggia dei Mercanti, intorno alla metà del XV secolo Giorgio da Sebenico attese anche alla costruzione di questo palazzo privato. L incarico gli fu affidato da Dionisio Benincasa, ricco armatore e commerciante, che intendeva in questo modo unificare le diverse proprietà che allora possedeva sul lato mare della via (suo è lo stemma dentellato con l arme della famiglia che appare in facciata). Originariamente il pianterreno del palazzo era aperto da un portico, il cui disegno ancora si indovina dietro gli archi ogivali murati; sopra di esso si sviluppavano due piani, corsi sulla facciata da due ordini di bifore. Nel XVIII secolo il palazzo fu rialzato di un piano e i nuovi soffitti furono affrescati da Giuseppe Pallavicini, con una serie di interessanti vedute di Ancona. Parallelamente alla realizzazione della facciata della Loggia dei Mercanti, intorno alla metà del XV secolo Giorgio da Sebenico attese anche alla costruzione di questo palazzo privato. L incarico gli fu affidato da Dionisio Benincasa, ricco armatore e commerciante, che intendeva in questo modo unificare le diverse proprietà che allora possedeva sul lato mare della via (suo è lo stemma dentellato con l arme della famiglia che appare in facciata). Originariamente il pianterreno del palazzo era aperto da un portico, il cui disegno ancora si indovina dietro gli archi ogivali murati Teatro delle Muse In stile neoclassico, situato in Piazza della Repubblica, a ridosso dell area portuale, fu costruito tra il 1822 e il 1826 su progetto dell architetto Pietro Ghinelli, presenta un elegante facciata scandita da sei colonne ioniche. La facciata neoclassica è di impianto palladiano e presenta un severo basamento sottolineato da sei arcate in pietra bianca che sorreggono il piano superiore scandito da sei colonne ioniche in pietra d Istria. Nel timpano il bassorilievo che narra le scene mitologiche di Apollo e le Nove Muse. Opera del De Maria. In stile neoclassico, situato in Piazza della Repubblica, a ridosso dell area portuale, fu costruito tra il 1822 e il 1826 su progetto dell architetto Pietro Ghinelli, presenta un elegante facciata scandita da sei colonne ioniche. La facciata neoclassica è di impianto palladiano e presenta un severo basamento sottolineato da sei arcate in pietra bianca che sorreggono il piano superiore scandito da sei colonne ioniche in pietra d Istria Palazzo del Governo - Prefettura è stato dalla seconda metà del XIV secolo la sede e il simbolo del potere politico-amministrativo della città. Dopo l incendio del Palazzo degli Anziani nel 1381, si presentò l urgenza di trovare una nuova sede per tale magistratura. La scelta cadde sull attuale ubicazione, più vicina al nuovo baricentro cittadino ai piedi del colle. Dopo la cessazione dell autonomia comunale (1532), il palazzo divenne sede dei governatori pontifici e, dopo il 1860, della Prefettura. La primitiva costruzione, risalente agli ultimi decenni del XIV secolo, venne ampliata verso il porto una prima volta nel 1447, a opera di un certo Mastro Montenegrino, e quindi nel 1484 da Pietro Amoroso, su disegno di Francesco di Giorgio Martini. è a quest ultimo intervento che si deve l attuale aspetto rinascimentale dell edificio, sottolineato dal caratteristico taglio delle grandi finestre e dai marcapiani. All Amoroso si deve anche il doppio portale dalle linee classicheggianti che si apre sulla sinistra della semplice facciata, eretto sui resti di una porta urbica del XIII secolo. è stato dalla seconda metà del XIV secolo la sede e il simbolo del potere politico-amministrativo della città. Dopo l incendio del Palazzo degli Anziani nel 1381, si presentò l urgenza di trovare una nuova sede per tale magistratura. La scelta cadde sull attuale ubicazione, più vicina al nuovo baricentro cittadino ai piedi del colle. Dopo la cessazione dell autonomia comunale (1532), il palazzo divenne sede dei governatori pontifici e, dopo il 1860, della Prefettura. La primitiva costruzione, risalente agli ultimi decenni del XIV secolo, venne ampliata verso il porto una prima volta nel 1447, a opera di un certo Mastro Montenegrino, e quindi nel 1484 da Pietro Amoroso, su disegno di Francesco di Giorgio Martini.

17 25 Piazza del Plebiscito (detta Piazza del Papa) Piazza del Plebiscito è l accogliente salotto della città, uno dei suoi gioielli a livello storico e sociale. Gli anconetani la chiamano con familiarità piazza del Papa per la marmorea statua di Clemente XII (1738) realizzata da Agostino Cornacchini. Risale agli ultimi decenni del XV secolo, la fontanella sulla destra della strada che sale alla chiesa: è detta dei Decapitati per le teste riprodotte nel fregio che una tradizione, priva di fondamento, identifica con quelle dei giovani nobili trucidati nel 1534 perché avevano congiurato contro il dominio della Chiesa. Oltre alla Chiesa di San Domenico sulla piazza si affacciano il Palazzo del Governo, sede della Prefettura e Palazzo Mengoni-Ferretti, sede della Biblioteca Comunale. Una prima organizzazione di questo spazio si ebbe alla fine del XIV secolo, in concomitanza con il progressivo ampliamento della città a inglobare l abitato extramurario del colle Astagno e il conseguente spostamento del baricentro cittadino verso l avvallamento tra i due colli. Sulla piazza si affacciano la Chiesa di San Domenico, il Palazzo del Governo, il Museo della Città, l Atelier dell Arco Amoroso, le fontane del secolo XIV e XIX. Periodicamente nella naturale scenografia della piazza, che di sera costituisce una suggestiva cornice, si svolgono manifestazioni e feste. Piazza del Plebiscito è l accogliente salotto della città, uno dei suoi gioielli a livello storico e sociale. Gli anconetani la chiamano con familiarità piazza del Papa per la marmorea statua di Clemente XII (1738) realizzata da Agostino Cornacchini. Risale agli ultimi decenni del XV secolo, la fontanella sulla destra della strada che sale alla chiesa: è detta dei Decapitati per le teste riprodotte nel fregio che una tradizione, priva di fondamento, identifica con quelle dei giovani nobili trucidati nel 1534 perché avevano congiurato contro il dominio della Chiesa. Oltre alla Chiesa di San Domenico sulla piazza si affacciano il Palazzo del Governo, sede della Prefettura e Palazzo Mengoni-Ferretti, sede della Biblioteca Comunale. Una prima organizzazione di questo spazio si ebbe alla fine del XIV secolo, in concomitanza con il progressivo ampliamento della città a inglobare l abitato extramurario del colle Astagno e il conseguente spostamento del baricentro Museo della città Occupa gli spazi già dell ospedale di San Tommaso di Canterbury (sec.xiii) e dell ex pescheria risalente al Il museo racconta le vicende plurimillenarie di Ancona attraverso reperti, plastici, dipinti, stampe, riproduzioni fotografiche e documenti audiovisivi. Occupa gli spazi già dell ospedale di San Tommaso di Canterbury (sec.xiii) e dell ex pescheria risalente al 1817 riproduzioni fotografiche e documenti audiovisivi.. Chiesa di San Domenico Rialzata sul piano circostante, la chiesa ( ) domina l intera piazza del Papa della scalinata che vi dà accesso. è costruzione settecentesca di Carlo Marchionni e subito colpisce per la facciata, dove il rosso dei mattoni della parte superiore, incompiuti, contrasta con i marmi della parte inferiore, corsa da lesene e colonne. L interno della chiesa è ricco di statue del Varlè che ha decorato le cappelle laterali con nove statue a stucco e con medaglioni che recano le effigi di beati e santi domenicani. Merita una visita per due importanti capolavori che custodisce: una Crocifissione del Tiziano (1518) e una Annunciazione del Guercino (1656). Rialzata sul piano circostante, la chiesa ( ) domina l intera piazza dall alto della scalinata che vi dà accesso. è costruzione settecentesca di Carlo Marchionni e subito colpisce per la facciata, dove il rosso dei mattoni della parte superiore, incompiuti, contrasta con i marmi della parte inferiore, corsa da lesene e colonne. L interno della chiesa è ricco di statue del Varlè che ha decorato le cappelle laterali con nove statue a stucco e con medaglioni che recano le effigi di beati e santi domenicani. 26 Casermaggi Dietro la caserma Villarey sorgono alcuni manufatti militari di servizio che risalgono anch essi alla seconda metà dell ottocento: i casermaggi, cuore baricentrico del parco, comprendono sia la cosiddetta Infermeria quadrupedi che sono di proprietà dell Università e da questa saranno sistemati come centro servizi per studenti, e i casermaggi veri e propri, il grande edificio a C per i quali l Amministrazione comunale sta pensando a una ristrutturazione che li destini a sedi di associazioni, zona espositiva, bar. Dietro la caserma Villarey sorgono alcuni manufatti militari di servizio che risalgono anch essi alla seconda metà dell ottocento: i casermaggi, cuore baricentrico del parco, comprendono sia la cosiddetta Infermeria quadrupedi che sono di proprietà dell Università e da questa saranno sistemati come centro servizi per studenti 29 Fontana del Calamo Opera eseguita su disegno di Pellegrino Tibaldi è la fontana del Calamo, detta delle Tredici Cannelle, in riferimento al numero delle bocche d acqua ornate con mascheroni di satiri e fauni in bronzo. L imponente sistema copriva una cisterna romana e si appoggiava sull antica struttura collegata alle alte cisterne sotterranee. Opera eseguita su disegno di Pellegrino Tibaldi è la fontana del Calamo, detta delle Tredici Cannelle, in riferimento al numero delle bocche d acqua ornate con mascheroni di satiri e fauni in bronzo.

18 Chiesa del S. Sacramento La ventata di rinnovamento che muove la vita anconetana nella seconda metà del secolo XVIII, frutto del benessere arrecato dalla franchigia portuale, indusse la Confraternita a non essere da meno rispetto alle altre iniziative che avevano dato nuovo volto alla chiesa o che erano in procinto di realizzarlo. Tra il 1771 e il 1776 la chiesa fu soggetta a ristrutturazione e ampliamenti ad opera di Francesco Maria Ciarrafoni. Al Ciarrafoni è da iscriversi anche il campanile che, con la curiosa cuspide a chiocciola, richiama l architettura borrominiana di S.Ivo alla Sapienza di Roma. L interno della chiesa è ricco di quadri, statue ed affreschi. La ventata di rinnovamento che muove la vita anconetana nella seconda metà del secolo XVIII, frutto del benessere arrecato dalla franchigia portuale, indusse la Confraternita a non essere da meno rispetto alle altre iniziative che avevano dato nuovo volto alla chiesa o che erano in procinto di realizzarlo. Tra il 1771 e il 1776 la chiesa fu soggetta a ristrutturazione e ampliamenti ad opera di Francesco Maria Ciarrafoni. Al Ciarrafoni è da iscriversi anche il campanile che. Chiesa di S.Biagio La chiesa è ad una navata con presbiterio absidato. Oltre al maggiore ha quattro altari, due su ogni lato. è coperta da una ampia volta a botte lunettata. La chiesa è ad una navata con presbiterio absidato. Oltre al maggiore ha quattro altari, due su ogni lato. Chiesa di S.Agostino Attualmente chiusa al pubblico la chiesa fu edificata dai monaci Agostiniani nel XIV secolo e per lungo tempo venne considerata una delle tappe irrinunciabili per i pellegrini diretti a Roma. Il magnifico portale lapideo è in stile gotico fiorito veneziano, opera di Giorgio Orsini da Sebenico. Da notare il bassorilievo che orna la lunetta dove domina la scena di S.Agostino che mostra la Sacra Scrittura agli eretici. Ai lati due colonne corinzie scanalate sorreggono le statue dei santi a tutto tondo incorniciate. Attualmente chiusa al pubblico la chiesa fu edificata dai monaci Agostiniani nel XIV secolo e per lungo tempo venne considerata una delle tappe irrinunciabili per i pellegrini diretti a Roma. Il magnifico portale lapideo è in stile gotico fiorito veneziano, opera di Giorgio Orsini da Sebenico. Da notare il bassorilievo che orna la lunetta dove domina la scena di S.Agostino che mostra la Sacra Scrittura agli eretici Cimitero Monumentale Ebraico All interno del Parco del Cardeto Franco Scataglini sorge l antico cimitero israelitico noto come Campo degli Ebrei uno dei più grandi e antichi d Europa. Un primo riferimento al Campo degli Ebrei risulta in documenti del 1428 quando nel Consiglio comunale del 7 novembre viene concesso a Sabbatuccio Venturello e Mosè di Beniamino un terreno fuori Porta San Pietro, da destinare a cimitero. Nel 1462 il Consiglio degli Anziani concede a Messhullam Signoretti la facoltà di ampliare il cimitero sul terreno adiacente a quello già adibito a tale uso. A seguito dell aumento della popolazione ebraica si rese necessario un nuovo ampliamento per cui nel luglio del 1711 la Comunità acquista, dal Convento di San Francesco alle Scale, un altro appezzamento di terreno situato nella stessa località dei primi denominato Possessione del Giardino. L antico Campo degli Ebrei mq di terreno affacciato sul mare, scandito da cespugli, arbusti e da un boschetto di olmi - si estende dal cinquecentesco Baluardo dei Cappuccini terminando a ridosso della città, dove si trovano le vecchie caserme e i resti del muro di cinta costruito nell Ottocento. Le tombe presenti sono distribuite lungo la superficie inclinata; nell area a monte, sotto il Baluardo dei Cappuccini, trovano collocazione le più antiche. Altre lapidi ritrovate coprono quasi l intero periodo in cui il cimitero e stato in uso. All interno del Parco del Cardeto Franco Scataglini sorge l antico cimitero israelitico noto come Campo degli Ebrei uno dei più grandi e antichi d Europa. Un primo riferimento al Campo degli Ebrei risulta in documenti del 1428 quando nel Consiglio comunale del 7 novembre viene concesso a Sabbatuccio Venturello e Mosè di Beniamino un terreno fuori Porta San Pietro, da destinare a cimitero. Nel 1462 il Consiglio degli Anziani concede a Messhullam Signoretti la facoltà di ampliare il cimitero sul terreno adiacente a quello già adibito a tale uso. A seguito dell aumento della popolazione ebraica si rese necessario un nuovo ampliamento per cui nel luglio del 1711 la Comunità acquista, dal Convento di San Francesco alle Scale, un altro appezzamento di terreno situato nella stessa località dei primi denominato Possessione del Giardino. Piazza Cavour Vasto e arioso spazio di aiuole, tigli, palme. Nel centro il monumento a Cavour di Aristodemo Costoli (1868) nel cui basamento sono i bassorilievi con il congresso di Parigi e la proclamazione del Regno d Italia. Vasto e arioso spazio di aiuole, tigli, palme. Nel centro il monumento a Cavour di Aristodemo Costoli (1868) nel cui basamento sono i bassorilievi con il congresso di Parigi.

19 Vecchio Faro Innalzato nel 1859 per volontà del Pontefice Pio IX e costituito da una torre in mattoni alta 16 metri, è rimasto in servizio fino al 1973, anno in cui è entrato in funzione il nuovo faro. Situato all interno del Parco del Cardeto Franco Scataglini, l attuale Faro costruito nel 1965 è spostato una ventina di metri a Sud Est rispetto alla Vecchia. Chiesa convento dei Cappuccini La chiesa di Santa Caterina e il convento dei Cappuccini fanno parte di un complesso costruito nel 1621 che fu sede dei frati fino al 1860 quando fu trasformato in caserma. Venne utilizzato fino al 1972 come sede della Polizia di Stato e poi abbandonato. Di proprietà dell Università Politecnica delle Marche, diventerà un centro di studi e ricerca di eccellenza. La chiesa di Santa Caterina e il convento dei Cappuccini fanno parte di un complesso costruito nel 1621 che fu sede dei frati fino al 1860 quando fu trasformato in caserma. Venne utilizzato fino al 1972 come sede della Polizia di Stato e poi abbandonato. Bastione S.Paolo Sul Colle dei Cappuccini si trovano le testimonianze storiche più antiche che partono dai resti della Rocca Papale di S. Cataldo costruita nel 1355 su volere del cardinale Egidio Albornoz per affermare il potere papale sulla città e distrutta a furor di popolo nel 1383, alla Chiesa di Santa Caterina o dei Cappuccini con annesso convento realizzati nel 1621, che fu sede dei Frati Cappuccini fino al 1860 allorchè fu trasformato in caserma, al Faro Fresnel del 1859 costruito per volontà del Pontefice Pio IX, al Cimitero degli Inglesi situato sul bastione sud-est delle antiche mura detto anche Bastione di S. Paolo al Cassero, realizzato lungo il tracciato delle vecchie mura del XII secolo. La costruzione del Bastione fu iniziata nel 1540 su progetto di Antonio da Sangallo il giovane e di Bartolomeo De Rocchi. Recentemente l Amministrazione Comunale ha provveduto a ripristinare gli antichi tracciati sotterranei che si presentano ora integri e interamente percorribili con visite guidate. Sul Colle dei Cappuccini si trovano le testimonianze storiche più antiche che partono dai resti della Rocca Papale di S. Cataldo costruita nel 1355 su volere del cardinale Egidio Albornoz per affermare il potere papale sulla città e distrutta a furor di popolo nel 1383, alla Chiesa di Santa Caterina o dei Cappuccini con annesso convento realizzati nel 1621, che fu sede dei Frati Cappuccini fino al 1860 allorchè fu trasformato in caserma, al Faro Fresnel del 1859 costruito per volontà del Pontefice Pio IX, al Cimitero degli Inglesi situato sul bastione sud-est delle antiche mura detto anche Bastione di S. Paolo al Cassero, realizzato lungo il tracciato delle vecchie mura del XII secolo. Ex Polveriera Castefidardo L ex polveriera, situata all interno del Parco del Cardeto Franco Scataglini, un tempo edificio bellico, è destinata a diventare un contenitore culturale (con auditorium, saletta conferenze, percorso espositivo). L ex polveriera, situata all interno del Parco del Cardeto Franco Scataglini, un tempo edificio bellico, è destinata a diventare un contenitore culturale. Forte Cardeto Costituito in epoca napoleonica, ebbe il battesimo del fuoco durante l assedio austro-russo del 1799 che lo vide al centro di aspri combattimenti. Potenziato dopo l annessione al regno d Italia, fu sede di postazioni militari fino al Costituito in epoca napoleonica, ebbe il battesimo del fuoco durante l assedio austro-russo del 1799 che lo vide al centro di aspri combattimenti. Piazza Roma Corso Garibaldi si allarga in Piazza Roma. Al centro della piazza è la Fontana dei Cavalli di Lorenzo Daretti con sculture di Gioacchino Varlè. Corso Garibaldi si allarga in Piazza Roma. Al centro della piazza è la Fontana dei Cavalli di Lorenzo Daretti con sculture di Gioacchino Varlè.

20 41 42 Cimitero degli Inglesi La chiesa di San Francesco ad Alto è la prima chiesa eretta in Ancona per ospitarvi i fraticelli seguaci di San Francesco, e fu lo stesso Santo di Assisi a suggerire alle autorità locali il luogo ove avrebbe desiderato sorgesse il piccolo complesso monastico e cioè ad alto, indicando infatti il luogo posto sulla sommità del colle Astagno. Questo accadde nel 1219 quando San Francesco si trovava ad Ancona per imbarcarsi alla volta dell Egitto per predicare la parola di Cristo presso il Sultano. Nel settembre 1861, i Frati Osservanti furono allontanati dal convento di S.Francesco ad Alto. Il bel tempio di S.Francesco ad Alto, dopo la soppressione seguita all unità d Italia del 1860 fu trasformato in Ospedale Militare, fino al 1957, anno in cui fu soppresso. I lavori di restauro, hanno fatto emergere l antico chiostro quattrocentesco sito nella sede del Distretto Militare. La chiesa di San Francesco ad Alto è la prima chiesa eretta in Ancona per ospitarvi i fraticelli seguaci di San Francesco, e fu lo stesso Santo di Assisi a suggerire alle autorità locali il luogo ove avrebbe desiderato sorgesse il piccolo complesso monastico e cioè ad alto, indicando infatti il luogo posto sulla sommità del colle Astagno. Questo accadde nel 1219 quando San Francesco si trovava ad Ancona per imbarcarsi alla volta dell Egitto per predicare la parola di Cristo presso il Sultano. Nel settembre 1861, i Frati Osservanti furono allontanati dal convento di S.Francesco ad Alto. Porta Pia Fu realizzata tra il il 1787 e il 1789 da Filippo Marchionni come coronamento dell apertura della nuova più agevole via d accesso alla città voluta da Pio VI cui fu dedicata. In pietra d Istria sul fronte esterno presenta un prospetto barocco. Più sobrio il fronte interno in blocchi di arenaria opera di Daretti. Fu realizzata tra il il 1787 e il 1789 da Filippo Marchionni come coronamento dell apertura della nuova più agevole via d accesso alla città voluta da Pio VI cui fu dedicata. In pietra d Istria sul fronte esterno presenta un prospetto barocco Lazzaretto - Mole Vanvitelliana Situato nelle acque del porto in una posizione strategica e suggestiva, al di fuori delle vecchie mura della città antica e unita alla terraferma da un ponticello, il Lazzaretto o Mole Vanvitelliana, è una fortezza pentagonale realizzata dal celebre architetto Luigi Vanvitelli per volere di Papa Clemente XII. Progettata in funzione della riorganizzazione urbana di Ancona e per garantire l immunità da epidemie, l interno della Mole ospita al centro, una graziosa edicola del Vanvitelli dedicata a San Rocco dove venivano celebrate le funzioni religiose. Ha svolto per la città svariate funzioni: zona di sosta per persone e merci che provenivano da zone sospette, ospedale, caserma, magazzino doganale, magazzino dei Tabacchi. Da alcuni anni la Mole è stata restaurata in alcuni settori ospita manifestazioni culturali, festival musicali e mostre d arte prestigiose. Situato nelle acque del porto in una posizione strategica e suggestiva, al di fuori delle vecchie mura della città antica e unita alla terraferma da un ponticello, il Lazzaretto o Mole Vanvitelliana, è una fortezza pentagonale realizzata dal celebre architetto Luigi Vanvitelli per volere di Papa Clemente XII. Progettata in funzione della riorganizzazione urbana di Ancona e per garantire l immunità da epidemie, l interno della Mole ospita al centro, una graziosa edicola del Vanvitelli dedicata a San Rocco dove venivano celebrate le funzioni religiose. Ha svolto per la città svariate funzioni: zona di sosta per persone e merci che provenivano. Fortezza Cittadella Collocata su uno dei punti più alti della città storica la Fortezza è testimonianza del passaggio dal concetto quattrocentesco di città ideale a quello cinquecentesco di città fortificata. Costituiva il principale strumento di difesa nel punto di entrata alla città (l attuale piazza Sangallo) e le sue mura furono, dalla fine del settecento, collegate tramite fortificazioni a Porta Pia. La Fortezza deriva il suo nome da Antonio da Sangallo che la costruì per conto di Papa Clemente VII ( ). Il Forte Sangallo è strutturato a pianta stellare ed è dotato di cinque bastioni, orientati in cinque punti diversi, che possedevano nomi suggestivi: Gregoriano, del Cavaliere a Basso, della Campana, del Barberino della Punta e del Giardino e che circondavano il punto più alto del colle sul quale esisteva una precedente rocca. La Fortezza era collegata militarmente con il Bastione del Cassero collocato sul Colle dei Cappuccini. Insieme costituivano i punti di maggiore resistenza offensiva e difensiva della città cinquecentesca. Il Forte era strategicamente rinforzato con il Campo Trincerato e le mura di cinta. Collocata su uno dei punti più alti della città storica la Fortezza è testimonianza del passaggio dal concetto quattrocentesco di città ideale a quello cinquecentesco di città fortificata. Costituiva il principale strumento di difesa

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Opera d Arte società cooperativa, è

Opera d Arte società cooperativa, è LE PROPOSTE DIDATTICHE DI OPERA D ARTE Per la scuola, per i gruppi, per le associazioni, per la terza età, per i singoli, per chiunque voglia consolidare o arricchire le proprie conoscenze sulla storia

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa.

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa. COPYRIGHT TutiicontenutidelepaginecostituentiilpresentedocumentosonoCopyright 2008.Tutiidiritiriservati. Icontenutiqualiadesempio,cartografie,testi,graficiicone,sonodiesclusivaproprietàdiGeoplans.r.l.esonoprotetidaleleggiitalianeedinternazionalisuldiritod

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

1836. Altari e cappelle dal 1770 al 1779. 1770-1780 (con registrazioni posteriori) Volume cartaceo, cm 21.5x28.5, leg. in cartone, contenente 10

1836. Altari e cappelle dal 1770 al 1779. 1770-1780 (con registrazioni posteriori) Volume cartaceo, cm 21.5x28.5, leg. in cartone, contenente 10 ALTARI E CAPPELLE Inventariazione realizzata da Marzia Comino e Giuliana di Brazzà nel 2005 per conto dell Archivio Storico Diocesano a cura dell Istituto Pio Paschini per la Storia della Chiesa in Friuli

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

SERVIZIO URBANO DI ANCONA

SERVIZIO URBANO DI ANCONA SERVIZIO URBANO DI ANCONA FERIALE INVERNALE SCUOLE APERTE IN VIGORE DAL 03/11/2014 AL 22/12/2014 " DAL 07/01/2015 AL 01/04/2015 " DAL 08/04/2015 AL 30/04/2015 " DAL 04/05/2015 AL 30/05/2015 " DAL 03/06/2015

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

OLTREPO PAVESE- DAL PARCO DEL TICINO ALLE VALLI DEL VINO

OLTREPO PAVESE- DAL PARCO DEL TICINO ALLE VALLI DEL VINO Questo itinerario intende condurvi alla scoperta delle Valli dell Oltrepò celebri per le produzioni viticole, idealmente costruito per permettervi di scoprire oltre alle bellezze del territorio anche l

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti 2014/2015 Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia / Arachova Delfi / Kalambaka / Meteore / Salonicco / Filippi / Kavala / Vergina / Termopili

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Itinerari romani. Comune di Roma Turismo. 6 Tra boschi e acquedotti. Il Celio

Itinerari romani. Comune di Roma Turismo. 6 Tra boschi e acquedotti. Il Celio Itinerari romani Comune di Roma Turismo 6 Tra boschi e acquedotti Il Celio Roma per te Collana di informazioni del Comune di Roma Realizzazione a cura: Testi: Coordinamento editoriale: Progetto grafico

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Bando di concorso per opere d arte

Bando di concorso per opere d arte MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PER IL LAZIO ABRUZZO E SARDEGNA Bando di concorso per opere d arte Art. 1 Oggetto del concorso Il Provveditorato

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

ISEO. Iseo è un piccolo centro turistico sulla sponda sud

ISEO. Iseo è un piccolo centro turistico sulla sponda sud ISEO Iseo è un piccolo centro turistico sulla sponda sud sud-orientale orientale del lago d'iseo con poco più di 9.000 abitanti. Ad una ventina di chilometri a nord del capoluogo provinciale Brescia, il

Dettagli