BASILICA SAN LEONE ASSORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BASILICA SAN LEONE ASSORO"

Transcript

1 Don Giovanni Gnolfo S.D.B. BASILICA SAN LEONE ASSORO a cura di Giuseppe Nigrelli

2 Referenze fotografiche: Pino Testaì, Archivio Novagraf, Giovanni Tiralongo Seconda edizione Copyright, 2009 Edizioni Novagraf C.da Piano di Corte, Assoro (En) ISBN

3 PRESENTAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE In occasione del mio decimo anniversario di ordinazione sacerdotale e il quinto del mio parrocato, desidero presentare all attenzione dei lettori la seconda edizione aggiornata e riveduta del testo Basilica di S. Leone curato dal Professore Giuseppe Nigrelli, pubblicato nel La ricorrenza mi è gradita perché ancora una volta poniamo al centro della nostra attenzione un bene architettonico e storico di inestimabile rarità e bellezza, ritenuto da molti esperti uno scrigno d arte, dove stili diversi quello gotico siciliano, quello rinascimentale e catalano e non ultimo quello barocco seguono lo scorrere del tempo di più di ottocento anni di storia. Questa seconda edizione è impreziosita dall appendice curata dall Arch. Fabio Guarrera che descrive lo stato di conservazione della Basilica, alla luce dei risultati del Convegno Restauro e Conservazione dell Architettura Sacra svoltosi nel giugno dello scorso anno. L augurio più fervido, a quanti leggeranno questo testo, è di avvicinare il singolo lettore ad una più attenta e matura conoscenza del nostro monumento nazionale che da quasi un millennio costituisce, per la nostra comunità, il fondamento della fede cristiana. Assoro, 15 Agosto 2009 Solennità della Assunzione della Beata Vergine Maria Padre Alessandro Screpis 3

4 Al Rev. Luigi Ragusa nel XXV di Sacerdozio e I anno di Parrocato assorino La Provvidenza ha voluto che, dopo 70 anni, io potessi celebrare il mio 84 compleanno nella mia cara Assoro; Lei, gentilmente e affettuosa mente, fece coincidere il mio compleanno con le solenni celebrazioni centenarie di Don Bosco Santo a cui dedicai la mia vita (in Italia e nelle Missio ni) fin dal Come ringraziarla del tono salesiano che Ella ha impresso già nella Sua Parrocchia, dandole l ardore giovanile ed il timbro Eucaristico Mariano Papale tanto caro a Don Bosco Santo? Quod habeo Tibi do: poche note e disadorne note sulla Storia della Basilica assorina Ogni pietra di questo Monumento Nazionale è cementata da gioie e dolori di tantissimi Sacerdoti e Parroci a cui ora Lei succede. Con l augu rio che Ella continui l opera indefessa dotta e pia di questi predecessori, sot to lo sguardo benigno dell AUSILIATRICE; nella speranza che sorga presto, per opera Sua l avita chiesa dell Aiuto le cui radici affondano, forse nei mil lenni prima di Cristo. Questo è l augurio e il voto. Don Gnotfo Giovanni salesiano 5

5 PREFAZIONE Le seguenti notizie sulla storia della Basilica di San Leone di Assoro so no tratte dal vasto repertorio di appunti, documenti, indagini, etc., che il rev. p. Giovanni Gnolfo è andato raccogliendo e preservando nell arco di tanti decenni. Nonostante il missionario assorino abbia trascorso la sua esistenza sostanzialmente fuori della città natale, seguendo la lunga strada della sua vocazione che lo ha condotto nelle più svariate sedi d Italia e del Mediter raneo con un lungo periodo ( ) in Israele, Egitto, Turchia, possiamo ben dire che non c è mai stato un altro cittadino di Assoro che abbia come lui seguito le vicende della sua terra così intensamente da conoscere a fon do, per quanto è umanamente possibile conoscere sulla base dei dati ac quisiti ogni momento della sua lunghissima storia, ogni aspetto della sua civiltà, ogni reperto archeologico, bibliografico, documentario, agiografico, leggendario. Egli ha rivissuto profondamente, con amore e pietà filiale, la storia plurimillenaria della sua Assoro, cercando in tutti i modi di strapparne i va ri brandelli all oblio e affidarne la memoria ai posteri. Tutto il materiale reperibile del comprensorio assorino ha egli esa minato, studiato, documentato; tutti gli scritti dell archivio della Basilica ha sapientemente e pazientemente interpretato, trascritto e tradotto, impiegan do i suoi brevi soggiorni in patria nella frenetica ricerca di dati archeologi ci, artistici, archivistici esistenti anche nei centri vicini. E quanti sono stati i dispiaceri nel constatare l insipienza e il disamore per le cose patrie per cui tanto patrimonio viene trascurato, ignorato, disperso. Molto materiale vedeva, tra un ritorno e l altro al suo paese, scompa rire o rovinare inesorabilmente. Molti documenti d archivio, da lui prece dentemente esaminati e trascritti, sono andati smarriti o distrutti, per cui la sua paziente cura di recupero appare oltremodo meritevole e di fondamen tale importanza per gli studi futuri sulla storia di Assoro. Spesso la sua me moria prodigiosa e sempre lucida ha finito con l essere l unico sostegno di tanti documenti e notizie per cui i suoi conversari si sono sempre rivela ti una fonte inesauribile di informazioni. 7

6 Di tutto quanto riguarda la storia della sua città, l ottuagenario sacer dote ha fatto incetta in una messe enorme di appunti, notizie, stralci, pro getti, etc. che, a causa della sua vita errabonda, non ha potuto mai orga nizzare in una sistematica trattazione. La presente pubblicazione sulla storia del massimo tempio assorino non poteva non trovare una paternità più adeguata di quella di p. Gnolfo. L antico monumento è stato infatti, quasi per tutto l attuale secolo, analizza to e studiato in tutte le sue vicissitudini, nella sua architettura, nel suo ric co patrimonio artistico, in tutti gli aspetti molteplici della sua storia di otto cento anni, per cui si può dire che non c è pietra o vicenda della comples sa fabbrica che sia sfuggita alle sue attenzioni. Tutto quanto egli è andato raccogliendo sulla storia della Basilica, attingendo a tutte le fonti possibili (da Assoro a Enna, a Palermo, a Roma), costituisce una gran mole di dati, appunti, notizie, curiosità etc., che solo qualche anno fa, quando, nonostante l età avanzata, era ancora gagliardo e resistente, avrebbero potuto dar luogo ad una robusta trattazione siste matica, ampia ed esaustiva. Si è inteso con questa pubblicazione estrarre, sia pure con notevoli difficoltà, un quadro sintetico che fornisse le informazioni essenziali sulle vicende storiche, religiose, civili, artistiche del monumento sacro per il qua le si va intensificando sempre più l attenzione degli studiosi e dei turisti. Novembre 1989 Giuseppe Nigrelli N.B. La trascrizione, delle varie scritte con la loro traduzione a parte quella della cena, la criptografia della cancellata di ferro e quelle degli intercolumni, è stata curala da G. Nigrelli. 8

7 PREMESSA In epoca normanna (sec. XII) Assoro fu città demaniale, appannaggio diretto della principessa Costanza. Dopo il sisma del 1166 la vecchia città (che sorgeva sul costone Rjtu Sjggiu ) si spostava sempre più sul monte la Stella ed era quindi logico che si pensasse a costruirvi anche una chiesa. L inizio del nuovo tempio, ora Basilica, coincide con l anno in cui la princi pessa Costanza, Patrona di Assoro, sposa l imperatore tedesco Enrico VI, figlio di Federico Barbarossa (1186). La nuova chiesa assorina può considerarsi un vero dono di nozze: bollivata degli assonni alla loro principessa imperiale e regalo principesco della nuova imperatrice. La prima parrocchia di Assoro (Santu Pietru) era stata, fin dal V seco lo, al centro della vecchia città, sita nell attuale via Borgo. Essa continuò le sue funzioni parrocchiali sino al 1492: allora S. Leone fu ingrandita, dichia rata parrocchia ed agli inizi del 500 fu consacrata Basilica. In essa dobbiamo distinguere tre periodi differenti: 1 Costruzione: 1186 in puro stile gotico siciliano. 2 Ingrandimento: con apporti rinascimentali e catalani. 3 Ristrutturazione: dopo il sisma del 11/1/1693, baroccheggiante con stucchi serpottiani. 9

8 Particolare delle tre navate I tre piani della pianta basilicale 10

9 IL PRIMO SAN LEONE II primitivo tempio dovette avere soltanto le tre navate, con propor zioni 2:1 ed il transetto, senza le alette: cappelle attuali del Sacro Cuore e S. Leone. Esso doveva avere finestre gotiche, ma l altezza non doveva avere l odier na ascensionalità. Le pareti perimetrali erano ad archi incrociati, di cui re stano vestigia, visibili fra i gradini del transetto e gli altari di S. Giuseppe e S. Petronilla. Forse l attuale torre campanaria appartiene a questa prima costruzione, al meno fino alla prima meridiana, con qualche piano di coronamento rientran te (come a Monreale) abolito nella ristrutturazione di fine 400. Al primo sguardo la basilica si manifesta di stile gotico siciliano (reminiscen za e sintesi di goticismo nordico ed arabismo orientale). Lo stile ci riporta ai grandi monumenti del XII sec.: Cefalù, Mazzara, Monreale, Palermo. E specialmente a queste due ultime città che bisogna riferirsi nella lettura del S. Leone. Un prezioso documento ce ne svela il mistero: il Sovrano chia mò da Assoro un gruppo di 16 burgenses e 40 Villani per la costruzione del Duomo di Monreale (Tabul. Eccl. Monreg.; notizia confermata dal Piaz za: cfr. Arch. Carmelitani Scalzi, Roma: reg. Assoro) 1. Il confronto stilistico del S. Leone Assorino va fatto, specialmente, con la cap pella Palatina di Palermo, di cui la Basilica ha identici stilemi e quasi identiche misure. Esse erano entrambe Cappelle 1 Chi erano questi borghesi e villani? Si tratta di discendenti di quei prigionieri rimasti in Sicilia dopo la cacciata dei Saraceni: potevano essere maestranze anche di alto livello intellettuale, ridotti, secondo lo stile del tempo, allo stato di schiavitù, alcuni dei quali obbligati a stare nelle diverse Ville (casali) dipendenti da Assoro. Che Assoro sia sta ta soggiorno obbligato di saraceni rimasti in Sicilia lo sappiamo da un altro documen to (Amari, Bibl. Arabo Sicula, 1,127). Re Ruggero II affidò al Visconte Arnaldo un dato numero di prigionieri saraceni da custodire in soggiorno obbligato nel territorio Hasari. Credo che sede unica di questi saraceni prigionieri sia stato il casale di S.Gior gio, già abitato dalla tribù araba dei Banuh : nome molto diffuso anche in altre parti dell isola (Amari, Storia dei Muss. in Sicilia, Cat. 1927). Il documento del Tabularium da noi citato, parla infatti della zona Georg. Saranno state queste maestranze mede sime, prelevate da Assoro, a riportare nella terra natia gli schemi architettonici della capitale (Monreale Palermo). 11

10 Palatine, tanto è vero che le decime di quella assorina furono dal re normanno assegnate all arcivesco vo di Monreale 2. Come tutte le chiese dopo il mille, il S. Leone assorino è orientato da est ad ovest; così il sole, simbolo del Cristo, è presente dal sorgere al tramonto, inondando la chiesa di luce, che penetra dai tre finestroni rotondi, due nel l abside centrale ed uno sulla porta maggiore. La pianta primitiva fu un ve ro T ; croce latina senza le alette, forse con tre nicchie nella parete absidale ove poggiavano tre altari; quello centrale, ancora esistente e due laterali. Fra il piano inferiore delle navate ed il transetto correva un divisorio ligneo l immancabile Iconostasi di origine bizantina di cui si ha notizia anche do po la ristrutturazione di fine 400. Questo divisorio che, secondo l uso orien tale, nascondeva il Mistero ai fedeli (indegni di vedere il volto di Dio), rima se nel cuore dei credenti, educati dal liturgismo orientale; tanto è vero che, quando il divisorio fu distrutto dal sisma dell 11 gennaio 1693, l iconostasi fu sostituita da un lungo e largo telone istoriato a tiledda ; essa pendeva dall arco trionfale del Coro e fu usata fin quasi la metà del secolo presente. Gli assorini poterono ammirarla di nuovo nel Natale dell anno 1988 esposta alla fruizione del pubblico presso l aula del consiglio comunale. Appartengono a quest epoca primitiva le graziose sculture che sor reggono l altare maggiore; tre statue a tutto tondo in perfetto stile gotico rinserrate in altrettanti nicchiotti, con vesti pieghettate e fasce a tracolla su cui vi era qualche didascalia ora completamente cancellata: si tratta dei Re Magi o di tre Profeti? Forse anche in questa chiesa antica l ingresso era sul lato lungo, a sud come a Monreale; essa potrebbe essere quell arco gotizzante, nella parte sud est della navatella meridionale (fra i gradini del tran setto e l altare di S. Giuseppe). A fine 400, quest ingresso fu sostituito da un grazioso portale di stile cata lano, secondo la moda del tempo; con ghiere profonde e luminose spor genze d effetto coloristico quando il portale è illuminato. 2 La decima assorina, ricordata fin dall epoca di Dionigi di Siracusa (397 a.c.) fu continua ta in epoca romana Il re l assegnò a Monreale; a fine 400 ritornò alla matrice di Assoro. 12

11 Tutta la Basilica è una sintesi armoniosa d oriente bizantino, d occi dente latino, d influssi normanni nordici e di reminescenze meridionali (di Sicilia, Catalogna e mondo saraceno). La Basilica assorina, come tutta la Storia di Sicilia, è lo specchio di tutte le civiltà sintesi di tutte le Arti. Le statue dei Re Magi o Tre Profeti? che sorreggono l altare maggiore Il portale catalano del lato sud 13

12 RISTRUTTURAZIONE Iconti Valguarnera (venuti in Assoro dalla Catalogna nel 1397), dopo avere abitato il turrito Castello 3, s erano costruito un edificio ancora og gi chiamato il Palazzo per antonomasia. Accanto la loro nuova dimora, il conte Giovanni Valguarnera (1491) pensò di erigere anche un meraviglioso Palazzo per il Signore. Ma invece di costruire una chiesa del tutto nuova, si pensò di ingrandire la Chiesa di S. Leone, ormai, di tre secoli. Iniziata nel 1486, nel suo terzo centenario di vi ta, la nuova chiesa era già ultimata nel Un iscrizione su una trave del la navata centrale ci dice anche chi fu il benefattore del soffitto ligneo, con travi arabescate e dipinte, secondo la tradizione saracena : LULEGATU DI RUG GERU DI ROCCA NI ACCAPTAU, VIVAI ANIMA EIUS il legato (lasciato) di Ruggero di Rocca ci comprò, la sua anima viva in Dio. Su una seconda trave vi è anche la data: MCCCCLXXXX (1490) Quello stesso anno la grandiosa Basilica veniva dichiarata Parrocchia, an che se il fonte battesimale, commissionato al più grande scultore siciliano (Antonello Gagini) sarà posto nel Battistero solo nel 1514 (data incisa sullo stesso: MCCCCCXIIII). I soffitti delle navate laterali hanno una copertura semplice in legname ed anch esse hanno la didascalia in ricordo dei loro benefattori: NAVA Il tetto ligneo quattrocentesco TELLASUD: Co (n) fra 3 Costruito all epoca di Federico II (1250), esso fu dimora degli Uberti, discendenti del Farinata Ma nel 1351 il turrito castello fu sbrecciato dagli assorini contro le prepoten ze del conte Scalerò. Da allora in poi andò sempre più in rovina. 14

13 tria S.Marci (confraternita di S.Marco, esi stente nella chiesa omonima accanto a quella di S.Petronilla attuale Camposanto. NAVATELLAEST: Co (n) fratria S.Petri (confraternita di S.Pietro nella chiesa omonima, presso la parrocchia al Borgo. 4 Particolare della travatura lignea del tetto con iscrizione incisa I NUOVI ELEMENTI ARCHITETTONICI Internamente il piano inferiore del naos e quello superiore del tran setto rimasero come nella vecchia costruzione. Data la nuova altezza di tut to l edificio, il transetto ebbe, al centro, due altissime colonne che lo resero doppio. Inoltre, ai suoi lati, si aprirono le alette sul cui arco di ingresso ( ro manico e non più gotizzante) furono aperte due finestre bifore oscurate nel 700, ma visibili dai tetti morti delle cappelle alette. Anche il doppio transetto ebbe soffitto a travatura, come la nave cen trale, ma i suoi travi non furono né arabescati né dipinti. In un piano superiore al transetto fu creato il coro triabsidato. Il suo soffitto, come pure quello delle alette e dei sucessivi ingrottamenti non han no travatura alcuna, ma scandito a multiple vele; queste hanno costoloni che si incrociano in una caratteristica chiave di volta ganglio pedulo poligonale con stemmi di vario genere. Ancora in un piano superiore, dietro le absidi, corre il deambulatorio, sul la cui porta interna sud è incisa la data: Quest ultima trave, che dal 700 sorresse l organo, ora trovasi sul campanile, portatevi dopo gli eventi bellici del 1944, che, oltre all organo, distrussero il pulpito. 15

14 A questa data erano quindi funzionanti gli ingrottamenti praticati nella pare te orientale delle alette ; attuale cappella paolotta e Mater Gratiae. Verso il 1570, l ingrottamento settentrionale sarà prolungato ancora, per creare il Cappellone del SS. Crocifisso. Questa nuova cappella era già ul timata nel 1580, anno in cui in Assoro fu portato il detto simulacro. Fra gli ingrottamenti delle alette c è una differenza in profondità; la differenza do vuta alla natura del terreno (più roccioso nella cappella Paolotta ) o al fat to che la canonica (addossata trasversalmente al lato meridionale) sorse prima dell ingrottamento? Noi sappiamo che la canonica era già in funzio ne, come laboratorio per gli operai nel 1531, (atti Not. Arch. St. Enna). I costoloni delle absidi con la caratteristica chiave di volta ASCETISMO E SCENOGRAFIA Guardare la Basilica assorina dalla porta centrale è una visione indi menticabile: l occhio è smarrito in un ascenzionismo che si perde nei due archi trionfali del transetto e del coro. Questi sono sostenuti da robusti pila stri in piani differenti. Al misticismo ascenzionale si congiunge un barocchismo scenografico: i di versi tre piani della Basilica (navate, transetto, coro) 16

15 formano un vero cam po teatrale ove, in passato, si recitavano veri drammi sacri e la liturgia sce neggiata vi trovava ampio respiro. Il conte Giovanni Valguamera, per i servizi resi al Re Ferdinando il Cattoli co, ebbe la gioia di sapere che il figlio Giacomo (Jaime) era stato proposto dal Sovrano a Vescovo di Malta. Così Mons. Giacomo successe alla sede maltese a Mons. Paternò trasferito alla sede arcivescovile di Palermo. 5 II conte Giovanni non ebbe, però, la gioia di vedere consacrato il figlio nel la dignità episcopale; quel conte palatino morì nel 1491, prima della consa crazione del figlio. La cerimonia di consacrazione, da parte di altri tre Vescovi, si svolse nella chiesa assorina di S. Leone, ora ingrandita ed abbellita (1495). Per l occa sione vennero in Assoro il Vescovo residenziale di Siracusa e due Vescovi titolari ; gli stessi che ritorneranno qualche anno dopo per consacrare la chiesa con il grado di BASILICA. Il nuovo Vescovo assorino fu generoso con la chiesa del S. Leone; egli por tò da Roma, vesti e arredi sacri di finissimo gusto, calici ed incensieri d ar gento, uno in stile gotico. Fra gli altri oggetti, due alti candelieri di bronzo e il faldistorio 6 in puro stile rinascimentale, unici avanzi di tanta sacra sup pellettile del 500. Inoltre, resta ancora la cancellata di ferro con una curio sa epigrafe esornativa, formata da lettere greche e latine talvolta abbrevia te. Eccola nella sua integrità con relativa spiegazione: La cancellata di ferro del 1496 con iscrizione criptografica 5 Il Paternò era stato l ultimo Priore benedettino di Assoro. 6 Seggio senza spalliera, a doppi braccioli, riservato a chi presiede una cerimonia liturgica. 17

16 M con V sovrapposta = Melitensis Valguarnera J = Jaimus P con sbarretta trasversale, in funzione di P latino R greca ed E lati na = PRE SUL che congiunto con il precedente forma = PRESUL S rovesciata = SUA M = munificenza (a spese per munificenza) S capovolta = Sacravi! (consacrò) Altre due lettere a forma di 3 e di 6 credo siano il giorno e il mese. In ultimo altre quattro lettere a forma di rovesciato ed S indicano la da ta (Giacomo Valguarnera Vescovo di Malta fece a sue spese. Consa crò il 3/6/1496). Nel 1499 fu consacrata la chiesa di S. Leone, elevata al grado di Basilica. Lo storico evento stato registrato in apposita pergamena (Arch. Basilica) e negli scudi apposti negli intercolumni della navata centrale. Le diverse dida scalie sono state varie volte copiate e non sempre fedelmente. Noi diamo il testo delle attuali iscrizioni che risalgono a dopo il sisma dell 11/1/1693. SINISTRA DESTRA TArco 21 Aprile De Andrea Episcopo Li falciense 2 Arco Gia+imo Valguarnera Dal+Matio Episcopo Siracusano 3 Arco MCC+CC ANTONIO MCCCC EPISCOPO LXXXXIX (illegibile) HIERACENSE 4 ARCO, furono rovinati per la sovrapposizione di organo (a nord) e pulpi to (a sud) nel 700. Nei restauri del 1945, a destra nel 3 arco, fu apposto il nome del restaura tore (Di Pasquale) e quello del parroco prevosto Grippaldi e dell architetto Rosario Nicoletti (assorino) del Genio Civile di Palermo; il suo nome fu pu re inciso nell intradosso del primo arco 18

17 Iscrizioni negli intercolomni della navata centale trionfale. La facciata attuale della Basilica opera del tardo ottocento dovuta al preposito G. Pantano che la rifece nel 1863 con conci della cava comunale (angolo sud del Castello). Nell occasione si pose la seguente iscrizione in cisa sopra il portale. TEMPLUM VETUSTUM / PROSPECTO HOC REAEDIFICATUM FUIT / ANNO DOMINI MDCCCLXIII (L antico tempio fu restaurato con questo prospetto nell anno del Si gnore 1863). Lo stesso parroco fece la pavimentazione come attesta la lapide posta al centro di essa nella navata centrale. 19

18 D. (eo) O. (ptimo) M. (assimo) MARMOREO HOC PAVIMENTUM MUNIFICENTIA ET EXPENSIS HUIUS COMUNIS ASSORI DELIBERATIONE CONSILIARIA PERACTA DIE SEPTIMA IULII MDCCCXCVIII IOSEPHO MARIA PANTANO PAROCHO POSTULANTE MANUFACTUM FUIT ANNO DOMINI MCM PASQUALE GALLORINI/COSTRUI (A Dio ottimo massimo, questo pavi mento marmoreo fatto generosa mente a spese di questo comune di Assoro, su deliberazione del Consi glio comunale del 7 luglio 1898, in seguito alle richieste del parroco Giuseppe Maria Pantano, fu realiz zato nell anno del Signore 1900). SCULTURE La Basilica iniziò la sua vita all inizio del 500. In quel tempo grande scultore di Sicilia era Antonello Gagini che lasciò in Assoro diverse opere. Ne diamo l elenco in ordine cronologico: 1 SARCOFAGO del Conte Palatino (Giovanni Valguarnera 1491); tro vasi intatto nella cappella del Camposanto; esso poggia ancora su quattro cariatidi: PRUDENZA GIUSTIZIA FORTEZZA TEMPERANZA. Poggia per terra come le tombe reali ed imperiali nel Duomo di Palermo. Erano pure così i sarcofagi della Basilica, oggi banalmente sorretti da spran ghe di ferro. Delle cariatidi ne restano soltanto due, poste ad ornamento ac canto al tabernacolo. Fino agli anni sessanta del nostro secolo altre due ca riatidi ornavano l ingresso dell absidiola sud. 2 SARCOFAGO del Vescovo Giaco mo Valguarnera (ab side centrale della basilica lato sud); il Vescovo giace sul sarcofago nei suoi paludamenti epi sco pali; al di sopra una dolce Madonna veglia sul defunto (1511). 20

19 Classicheggiante ed espressivo l epitaffio: HOC ANTISTES YAJMUS VIRTUTUM CULMEN EGENUM CULTOR PRAECLARA MARMORE GENTE CUBAT. CUI (E) PISCOPI DOMINI WALGUARNERAE JAIMI MILLESIMO QUINGENTESIMO PRIMOQ (uè) RECESSIT SEPTIMA VIGESIMO MAJA NOTATA DIES (In questo marmo giace il Vescovo GIAIMO, culmine di virtù, amico dei bisognosi, di illustre stirpe. A lui va l epitaffio del reverendissimo e del Vescovo di Malta e Signore Yiamo Valguarnera. Morì nel 1501, il 27 maggio, giorno memorabile). Sarcofago del vescovo Giaimo Valguarnera Sarcofago dei fratelli Ponzio e Vitale Valguarnera 3 SARCOFAGO dei fratelli Ponzio e Vitale Valguarnera rispettivamente mor ti nel 1510 e nel 1513; anch essi figli del citato conte palatino Giovanni Val guarnera. 21

20 L epitaffio così recita: CONDUNTUR TUMULO GEMINO CORPORA FRATRUM VITALIS IUNIOR PONTIUS ALTER PONTIUS HIC PERIIT QUANDO IBANT LUSTRA T (re) CENTA BINAQUE AUGUSTINO ET RITE DICATA DIES TERNUM POST ANNUM EST VITALIS LUMINE FUNCTUS MENSIS SEPTEMBRIS UNDECIMA DIE HIS LICET ANTE DIEM PROPERASSENT STAMINA PARCE FAMA TAMEN VALGUARNERA SEMPER ERIT (In un doppio sepolcro sono accolte le salme dei fratelli, Vitale il più gio vane e Ponzio. Qui Ponzio morì mentre correva l anno, 1510, nel giorno dedicato, secondo il rito, a S. Agostino (28 agosto). Dopo tre anni Vitale fu sottratto alla luce del sole, 11 settembre. Seppur le Par che abbiano affrettato prematura mente i loro giorni, la fama dei Val guarnera resterà imperitura). La Cona marmorea del Gagini 4 CONA MARMOREA: (1515) la data incisa nella fascia inferiore: ISTUD OPUS+CRISTI POST SAECULA QUINQUE DECEM QUE TRINAQUE LUSTRACTUM EST SITQUE PERENNE PRE COR+REGENTE CLERO PETRO ET FRANCISCO STEFANO. 22

21 Quest opera fu scolpita dopo quindici secoli e tre lustri dopo Cristo (1515) mi auguro che resti perenne, reggeva il clero Pietro Panusio e Francesco Stefano. La predella della Cona chiusa fra due scene d oltretomba: Inferno, Pur gatorio con a centro gli stemmi della vecchia e nuova città (tre monti sor montati da un albero o da una stella) e quelli del Vescovo e del Conte. Al piano superiore i santi cari ad Assoro: S. Leone Vescovo (titolare della basi lica), S. Leone II, papa forse nativo di Assoro, S. Benedetto, in omaggio ai monaci benedettini che evangelizzarono la cittadina e S. Placido martire, fi glio del senatore TER TULLO che donò la villa assorina all ordine benedettino. Al centro di questi 4 eroi si innalza maestosa la Madonna Libera In ferni la Vergine tiene in mano una melograna, simbolo delle moltissime grazie che Particolari della ancona marmorea elargisce ai vivi ed ai defunti; dall alto Essa guarda le anime del purgatorio che volgono a Lei lo sguardo supplichevole. Infine, dopo alcune formelle con scene evangeliche (Maddalena con profumi, soldati dormien ti) in alto trionfa CRISTO RISORTO con bandiera spiegata. La statua attuale non sembra l originale, sarà stata rifatta dopo il sisma del SCULTURA Importantissima il Crocifisso d impasto che ogni venerdì santo si porta in processione. Esso giunse in Assoro nel 1580 (cfr. atto co stitutivo della relativa confraternita dei nudi: Arch. Basilica). Chi ne fu l auto re? Il critico tedesco Kruft attribuisce il Crocifisso assorino ad Antonello Gagini. (Opus Gaginianum, 1982, Germania). L insigne critico si basa soltanto sul confronto dell opera assorina con quella identica di Alcamo; di sicura fattu ra di Antonello Gagini (resta l atto di commissione: cfr. Di Marzo voi. II I Gagini etc.). Ma come spiegare che il Crocifisso giunse in Assoro il 1580, men tre Antonello morì nel 23

22 1536? Per questo motivo io l avevo assegnato al figlio di Antonello: Gian Domenico, che certamente fu in Assoro ove locavit unam puellam in servizio della moglie (atti not arch. st. Enna). Si potrebbe pensare che fu in quell occasione che gli commissionò la preziosa scultura d impasto, due anni prima che morisse il padre che lavorava insieme al fi glio. Sarebbero così spiegate le rassomiglianze stilistiche del Crocifisso assorino con quello di Alcamo. Crocifisso processionale d impasto attribuito a G.D. Gagini 24

23 Altri due imponenti sarcofagi, del secolo XVII, si trovano attualmen te sistemati nel cappellone del SS. Crocifisso ma provenienti dalla chiesa agostiniana di piazza Arcivu. Entrambi riportano gli stemmi dei coniugi ivi sepolti Giuseppe Valguarnera (a sini stra) e Maria del Carretto (a destra), e le iscrizioni seguenti ne esaltano le virtù. D (eo) O(ptimo) M (aximo) O COMES, AETERNIS ALTUM DECUS ADDITE FLAMMIS QUI FIDO SERVAS IN LAPIDE HOC CINERES VOLVISSENT SEXCENTA REOR TISI SAECULA PENSIS FRACTURAE NUMQUAM TAM PIA FILA DEAE VERUNI LUNA FACES HASTAM ADMIRATUS ORION IURE DECUS CAELO TRAXIT UTERO (ue) SUUM IOSEPH VALGUARNERA ET LUNA IV (A) SSORI COM (es) V (ir) C (larus) DIANA LANZA ET CENTEGLIES MATER MAESTISS (ima) P.(osuit) VIX AN, (norum) XLII OBIJT KALENDIS APRILIS A (nno) D.(omini) M D C X VIII (A Dio Ottimo Massimo. O conte, alto decoro aggiuto agli eterni splendori, che in questa ami ca lapide serbi le ceneri, se, credo, le Parche avessero continuato ad avvolgere per secoli e secoli i fili (di tua vita), giammai ne avrebbero re cisi di tanto amorevoli; ma, la Luna invero alle luci stellari e Orione all a sta mirarono; l uno e l altro, a buon diritto, trasse al cielo il proprio deco ro, Giuseppe Valguarnera e Luna, IV conte di Assoro uomo insigne. La madre, donna Lanza e Centeglies, pose. Ad appena quarantadue anni, morì alle calende di aprile 1618). (foto in basso) 25

24 D (eo) O (ptimo) M (aximo) QUID GENUS IMPERUS GRAVIDUM QUID STEMMATA PROSUNT OBSERAT HIC TUMULUS TOT MONUMENTA PATRUM INTERITU PEREUNT UNO CUM CONIUGE CONIUX NE CADAT ILLA CADENS ICTUS UTERQUE PERIT UNUS AMOR FUERAT VITAE MORS UNA FATICAT CONNUBIO FELIX ARDOR ET INTERITU VIXIT IDEM PROCERUM COR SIC UNUMQUE DUOBUS ET VITA ET MORTE PAR DECUS URNA PETIT OBIJT QUARTO IDUS APRIL (is) M D C X VII (A Dio Ottimo Massimo. A che giova la stirpe gravida di po tere, a che gli stemmi? Conserva questo tumulo tante memorie dei padri. D una sola morte perisce con la moglie il coniuge. Perché non ca da lei, quando il colpo s abbatte, en trambi periscono. Ebbero entrambi lo stesso unico cuore nobile, e nella vita e nella morte l urna reclama pa ri decoro. Morì il 10 di aprile 1617). (foto in basso) ALTARI Il 600 fu epoca eminentemente spagnolesca e barocca : l opera del Concilio di Trento chiuso nel 1563 e l opposizione al Protestantesimo ico noclasta favorirono lo svilupparsi di devozio 26

25 ni e la proliferazione di relativi altari. Anche in Assoro troviamo tracce profonde. I 3 primitivi altari del 200, nel 1534 sono già otto, di cui tre fissi, quelli citati (Arch. Arciv. Catania). Un atto notarile del Di Stefano (1531 Arch. st. Enna) ci fa sapere che nella canonica alcuni magistri scalpellini preparavano alcuni altari in pietra; credo che siano gli stessi, che nel 700 saranno ricoperti da paliotti con sim boli in perfetto stile barocchetto. Uno di essi nell attuale cappella petronilliana venne alla luce con i bombardamenti del Dopo un secolo (1634) gli altari sono ancora otto, di cui sette indulgenziati come quelli del Vaticano. La Basilica Vaticana come la nuova Matrice assorina possiede un altare con una statua di S. Pietro ed una preziosa reliquia di Santa Petronilla, tratta dal corpo della santa nel 1518, traslato da un antico mausoleo nella basilica di S. Pietro. La reliquia pervenne ad Assoro tramite il Sac. Guerrerius: essa con siste in un dente molare ed una parte della costola. Nel 1650 gli altari sono già quindici (di cui otto privilegiati già notati nel 1634). Ora per tale privilegio v è la clausola che in Basilica si devono cele brare quattordici messe giornaliere, segno evidente di clero numeroso che in quel tempo sorpassava le trenta unità esclusi i monaci. Parallelamente agli altari si moltiplicano le devozioni e le solennità. In basi lica si trovano: Altare Maggiore, del SS. Crocifisso Altari della navata nord 27

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

BASILICA SAN LEONE ASSORO

BASILICA SAN LEONE ASSORO 1 2 Don Giovanni Gnolfo S.D.B. BASILICA SAN LEONE ASSORO a cura di G. Nigrelli 3 4 Al Rev. Luigi Ragusa nel XXV di Sacerdozio e I anno di Parrocato assorino La Provvidenza ha voluto che, dopo 70 anni,

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara è ubicata nell'omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

CHIESA SANTA MARGHERITA

CHIESA SANTA MARGHERITA CHIESA SANTA MARGHERITA La Chiesa di S. Margherita, si trova nel rione "Fornillo". Costruita dalla famiglia Porcelli forse nel XVI o XVII sec. venne restaurata nella seconda metà del 700, a cura degli

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

La chiesa di San Biagio al Tegoleto

La chiesa di San Biagio al Tegoleto La chiesa di San Biagio al Tegoleto La chiesa, secolare, è sempre appartenuta al Capitolo della Cattedrale Aretina. Alcuni documenti attestano la sua esistenza già prima dell anno 1000. Varie sono state

Dettagli

Il gravoso impegnativo compito

Il gravoso impegnativo compito IRSINA: UN CASO EMBLEMATICO DELLE COMPLESSE PROBLEMATICHE DEL RESTAURO di Benedetta Di Mase BASILICATA REGIONE Notizie Il gravoso impegnativo compito della tutela, conservazione e valorizzazione di ogni

Dettagli

Vendrogno e le sue 13 chiese

Vendrogno e le sue 13 chiese Vendrogno e le sue 13 chiese Sono ben 13 le chiese nel territorio del comune di Vendrogno. Partendo dal nucleo del paese e seguendo un itinerario che si snoda attraverso tutte le frazioni, si possono incontrare

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

Chiesa Madre Santa Maria Maggiore Miglionico - (MT)

Chiesa Madre Santa Maria Maggiore Miglionico - (MT) ARCIDIOCESI DI MATERA - IRSINA Chiesa Madre Santa Maria Maggiore Miglionico - (MT) Adeguamento liturgico provvisorio del presbiterio don Giuseppe Tarasco PARROCCHIA SANTA MARIA MAGGIORE Largo Chiesa Madre,

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Il testo è tratto da: Architettura religiosa in Ortigia di Lucia Acerra stampato nel 1995 da: EDIPRINT Chiesa di san Leonardo o san biagio piazza

Il testo è tratto da: Architettura religiosa in Ortigia di Lucia Acerra stampato nel 1995 da: EDIPRINT Chiesa di san Leonardo o san biagio piazza Il testo è tratto da: Architettura religiosa in Ortigia di Lucia Acerra stampato nel 1995 da: EDIPRINT Chiesa di san Leonardo o san biagio piazza Cavalieri di Malta Posta nella piazzetta dei Cavalieri

Dettagli

DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA

DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA LA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN CARLO DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA EDIFICIO CHIESA Consacrato il 15 novembre 1941 dal Beato Cardinale Alfredo Ildefonso Schuster Arcivescovo di Milano. Sorto in quattro tempi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più

La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più LA BASILICA DI SAN ZENO La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più belle chiese romaniche esistenti in Italia. L intenso cromatismo, dato dall impiego della pietra di tufo usata sola o alternata

Dettagli

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale Centro Culturale Vita e Pace 97 98 Quindicesimo anniversario della fondazione (1999-2014) Domenica 19 ottobre 2014 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore in Borgo Vecchio di Avigliana è stato celebrato il

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

Elenco schedatura Beni mobili

Elenco schedatura Beni mobili Il Marketing dei beni culturali del Veneto Orientale Elenco schedatura Beni mobili ANNONE VENETO 1. Affresco Madonna della Pera Antica Chiesa di S. Vitale 2. Altare maggiore/candeliere marmoreo/tabernacolo/copia

Dettagli

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Adele Mormino Lina Bellanca Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Cantieri oggetto di applicazione del programma SICAR: Albergo dei Poveri Arsenale della Real Marina

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO L interno della chiesa è di stile basilicale ed è molto suggestivo anche per lo stile spoglio ed essenziale che invita al silenzio e al raccoglimento. La chiesa

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO

CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO Info e prenotazioni Ogni ultimo martedì del mese dalle ore 10:30 alle ore 12:30 Prenotazione obbligatoria Tel.: 081.2522371-373 e-mail saad.progetti@unisob.na.it per

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA INDICE PRESENTAZIONE di Don STEFANO RUSSO 5 LO SPAZIO SACRO (AMBROGIO MALACARNE) 9 Elementi naturali che richiamano l'idea del sacro 11 La caverna, santuario naturale 11 I megaliti e il loro riferimento

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

CONVEGNO il nuovo mecenatismo nell arte e nella cultura. Riflessioni e opportunità

CONVEGNO il nuovo mecenatismo nell arte e nella cultura. Riflessioni e opportunità CONVEGNO il nuovo mecenatismo nell arte e nella cultura. Riflessioni e opportunità Sabato 28 febbraio 2015 ore 16.00 Locri Sala Convegni Centro Pastorale Parlare di mecenatismo oggi ci porta a volgere

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

CHIESA DI SANTA CHIARA. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara.

CHIESA DI SANTA CHIARA. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara. Vista della chiesa prima dei lavori di restauro Vista della chiesa dopo i lavori di restauro Vista della controfacciata

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

La Basilica. di Santa Maria Assunta a. Montecatini Terme

La Basilica. di Santa Maria Assunta a. Montecatini Terme La Basilica di Santa Maria Assunta a Montecatini Terme 1 Visitiamo la Basilica La Chiesa Propositurale di Santa Maria Assunta è stata costruita secondo il progetto, vincitore di un concorso nazionale,

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Chiesa di Santa Maria

Chiesa di Santa Maria Chiesa di Santa Maria La chiesa parrocchiale di santa Maria di Vervò sorge al centro dell abitato e da essa si dipartono tutte le strade che portano nell ambiente circostante: verso il cimitero di San

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

Il Molino Stucky a Venezia - ora Hilton Molino Stucky Venice

Il Molino Stucky a Venezia - ora Hilton Molino Stucky Venice Il Molino Stucky a Venezia - ora Hilton Molino Stucky Venice Il Molino Stucky a Venezia è uno di quei siti di archeologia industriale in Italia nel quale l efficienza si è sposata con la volontà di erigere

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 NAVATA DI DESTRA IL GARGOYLE IL TIBURIO S. ANDREA BASILICA DI SANT ANDREA IN PIAZZA ROMA Fu edificata tra il 1219 e il 1227 per volere del cardinale Guala Bicchieri.

Dettagli

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Sondalo, in Valtellina, 940 metri sul livello del mare, si trova a pochi passi dai grandi centri turistiche dell'alta valle e sorge ai piedi del Parco

Dettagli