Piano di Formazione 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Formazione 2013"

Transcript

1 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per le Risorse Umane del Ministero, Acquisti e Affari Generali Ufficio III Piano di Formazione 2013 Attività formative destinate al personale amministrativo

2 Sommario 1. Premessa CONTESTO OBIETTIVI E STRUMENTI PER ATTUARLI 3 2. Programmazione dei corsi 5 3. Interventi su scala nazionale 6 INTERVENTI DA REALIZZARE NEL Area socio-organizzativa Area giuridico-amministrativo-contabile Area delle tecnologie per l automazione d ufficio e la comunicazione 7 4. Interventi per gli Uffici Centrali 7 INTERVENTI GIÀ REALIZZATI NEL 2012 DA PROSEGUIRE NEL Area delle tecnologie per l automazione d ufficio e la comunicazione 7 INTERVENTI DA REALIZZARE NEL bis Area delle tecnologie per l automazione d ufficio e la comunicazione 8 5. Distribuzione temporale dei corsi 9 6. Le risorse finanziarie Tabelle di dettaglio dei corsi 12 Pag. 2 di 15

3 1. Premessa 1.1 Contesto Con il corrente anno, si conclude il triennio formativo , riguardante la programmazione degli interventi formativi destinati a tutto il personale amministrativo - aree funzionali e dirigenti - in servizio presso gli uffici centrali e periferici del MIUR. Anche per l anno in corso, il Piano di formazione triennale - che rimane guida di riferimento per le linee generali - è soggetto, in coerenza con gli obiettivi strategico/operativi di questa Amministrazione, ai previsti aggiornamenti. Il Piano di formazione 2013 nasce, pertanto, dalla descritta esigenza di integrare il piano di formazione triennale, adeguandolo agli obiettivi prioritari dell Amministrazione, strettamente correlati ai processi di innovazione in atto e, quindi, allo sviluppo del contesto normativo, tecnologico, organizzativo di riferimento. Il suddetto Piano di formazione si pone in termini di continuità rispetto all attività formativa svolta nel 2012, sia per i principi guida che l hanno ispirato (..accrescimento dell efficienza/efficacia dei singoli uffici e, quindi, al miglioramento dei servizi.. ), sia nel portare a compimento le iniziative già programmate. 1.2 Obiettivi e strumenti per attuarli Gli obiettivi da perseguire anche nel 2013 dovranno riguardare, in particolare, il sostegno ed il potenziamento delle politiche di innovazione tecnologica per il miglioramento dei servizi, nonché il potenziamento delle competenze specifiche ed i comportamenti relazionali dei destinatari della formazione in un sistema di formazione organico e condiviso. In un ottica di economicità e di diffusione capillare della formazione sul territorio, gli strumenti da adottare riguarderanno principalmente: metodologie didattiche on-line, utilizzo adeguato delle migliori pratiche e, soprattutto, tavoli di confronto, forum, focus group, che prevedano scambi di esperienze professionali maturate nei singoli settori di appartenenza e condivisione di strumenti operativi comuni. Pag. 3 di 15

4 Di seguito, una tabella sintetica degli obiettivi da perseguire: Oggetto Piano di formazione triennale Obiettivo Per quanto non specificato nel Piano annuale 2013 si fa riferimento al Piano triennale; in particolare per quanto riguarda: L indagine sui fabbisogni formativi Il sistema di monitoraggio Il sistema di valutazione Le modalità e le metodologie formative Piano della performance Contribuire, attraverso il sistema nazionale di formazione, condiviso e organico, alla valorizzazione dei processi formativi come leva per innovare l amministrazione attraverso il perseguimento delle priorità strategiche istituzionali. Ottimizzare una politica formativa, omogenea su tutto il territorio nazionale, anche con particolare riguardo ad alcuni aspetti del sistema di monitoraggio. Contribuire, attraverso la formazione, al miglioramento delle prestazioni in termini di qualità. Contribuire, attraverso processi formativi mirati, a valorizzare le competenze e le capacità di sviluppo professionale del personale, favorendo, inoltre, un interazione tra il personale stesso e la dirigenza. Rapporto di valutazione delle attività formative destinate al personale Amministrativo del MIUR - Anno 2012 Tale documento fornisce, come di consueto, dati sintetici relativi alla formazione svolta su tutto il territorio nell anno 2012, ed inoltre analizza sia gli eventuali elementi di successo, che gli eventuali gap, ossia gli scostamenti tra i risultati attesi e quelli ottenuti, avvalendosi di strumenti appropriati di misurazione dei risultati, quali, la valutazione ex post ed, in particolare: Gradimento Apprendimento Impatto sui partecipanti In tal senso, la valutazione viene intesa come un attività che accompagna tutto il processo della formazione, con costanti attività di analisi dei cambiamenti che intervengono in itinere, allo scopo di migliorare, con adeguati interventi correttivi, i meccanismi ed i processi di gestione. Pag. 4 di 15

5 Direttiva n. 10/2010 del Ministero per la pubblica amministrazione e per l innovazione Direttiva generale del MIUR sull azione amministrativa e la gestione Anno 2012 Direttiva generale del MIUR sull azione amministrativa e la gestione Anno 2013 Atto di indirizzo concernente l individuazione delle priorità politiche del MIUR per l anno 2013 La formazione del personale della Pubblica Amministrazione costituisce una leva strategica per la modernizzazione dell'azione amministrativa e per la realizzazione di effettivi miglioramenti qualitativi dei servizi ai cittadini e alle imprese. Tra gli obiettivi: l'obiettivo di informare l'attività amministrativa ai principi di sana gestione, da perseguire anche attraverso il corretto ed efficace utilizzo delle risorse dedicate allo sviluppo delle competenze del personale pubblico. Tra gli obiettivi previsti, lo sviluppo e l incremento dei servizi del sistema informativo del MIUR, volti alla semplificazione e snellimento dei procedimenti amministrativi, attraverso la dematerializzazione dei provvedimenti, l utilizzo della rete internet e l applicazione diffusa del codice dell amministrazione digitale, dovrà sicuramente essere sostenuto da specifici interventi formativi volti a conferire e/o potenziare le competenze e le conoscenze degli addetti allo specifico settore. Tra gli obiettivi strategici indicati dalla Direttiva generale del MIUR per l anno 2013 rientra, in particolare Favorire il sostegno ed il potenziamento delle politiche di innovazione tecnologica Coerente anche con la strategia dell Unione Europea per il 2020, con il suddetto atto si intende assicurare la piena operatività dell Amministrazione nella prosecuzione delle azioni per l ottimizzazione della produttività, l efficienza e la trasparenza dell Amministrazione. 2. Programmazione dei corsi Sulla base degli obiettivi evidenziati in premessa, questa Direzione Generale si propone di realizzare, anche nell anno 2013, due tipologie di intervento: corsi su scala nazionale che consentano una gestione omogenea, sia sul piano didattico che organizzativo, dei percorsi formativi maggiormente richiesti o che rivestano importanza strategica per l Amministrazione; corsi per gli Uffici dell Amministrazione centrale che permettano la valorizzazione delle specifiche competenze di tali uffici. Pag. 5 di 15

6 3. Interventi su scala nazionale Interventi da realizzare nel Area socio-organizzativa RELAZIONI SINDACALI Tale percorso formativo è destinato al personale amministrativo che prende parte attiva alla contrattazione in rappresentanza dell Amministrazione. I contenuti del iniziativa riguardano in particolare: evoluzione del contesto normativo (dalla legge 300/1970 al D.lgs. 165/2001), ambiti di operatività dei Rappresentanti sindacali nello svolgimento delle loro attività nel settore pubblico; la contrattazione collettiva; la contrattazione integrativa; rappresentanza sindacale unitaria, natura della stessa e titolarità delle prerogative sindacali; costituzione e funzionamento delle RSU; profili processuali della vertenza sindacale; repressione della condotta antisindacale; la posizione della funzione pubblica. 3.2 Area giuridico-amministrativo-contabile IL MIGLIORAMENTO DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E LO SVILUPPO INDIVIDUALE DEI COLLABORATORI: QUALI LEVE D INTERVENTO PER IL DIRIGENTE? Tale progetto formativo riguarda la pianificazione e la programmazione dell attività amministrativa, con particolare riferimento al Ciclo della Performance (pianificazione e controllo di gestione, aspetti psico-relazionali, motivazione e valorizzazione del personale, ecc), alla luce delle disposizioni normative di riferimento. Detta iniziativa, destinata, in una fase iniziale, al personale dell area dirigenziale in servizio presso gli uffici centrali e periferici del MIUR, verrà esteso al personale delle aree funzionali del MIUR, in modalità on-line. CONTABILITA FINANZIARIA ED ECONOMICO ANALITICA AD INTEGRAZIONE TRA I DUE SISTEMI Detto percorso formativo, a carattere teorico-pratico, è destinato al personale addetto allo specifico settore presso gli Uffici periferici del MIUR. Tale tema riveste una particolare importanza in relazione alla complessa attività economicafinanziaria che richiede un attenzione particolare riguardo a procedure, previsione e gestione efficiente delle risorse assegnate al bilancio, anche nell ambito dei vincoli posti dalle annuali manovre finanziarie. Pag. 6 di 15

7 3.3 Area delle tecnologie per l automazione d ufficio e la comunicazione OPEN GOVERNMENT, TRASPARENZA E AUTOMAZIONE D UFFICIO Alla luce dell atto di indirizzo del Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per l anno 2012, i contenuti formativi proposti riguardano le principali novità introdotte dal nuovo Codice dell Amministrazione Digitale (CAD - Decreto legislativo n. 235/2010), in particolare le tematiche dell open government e quelle della decertificazione, mettendo in luce i profili sia giuridici che operativi di queste novità. La finalità è quella di approfondire le innovazioni introdotte nelle modalità di trattare i dati in possesso del MIUR, sia affrontando il cambiamento sostanziale di prospettiva introdotto dal passaggio all amministrazione digitale, sia esponendo le modalità operative che vengono introdotte dal nuovo codice. Destinatario è il personale della terza area funzionale che dovrà gestire il cambiamento generato dalle innovazioni normative e dai programmi di indirizzo del MIUR. 4. Interventi per gli Uffici Centrali Interventi già realizzati nel 2012 da proseguire nel Area delle tecnologie per l automazione d ufficio e la comunicazione FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SULL INFORMATIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI, PROTOCOLLO ASP E APPLICAZIONE DEL CAD Detto intervento formativo destinato agli addetti del settore specifico, in servizio presso gli uffici centrali e periferici del MIUR, già espletato nel 2012, viene esteso ad ulteriori unità di personale, a seguito di nuove esigenze rappresentate da alcuni Uffici centrali. CORSO DI AGGIORNAMENTO EXCEL AVANZATO Nell ambito degli interventi formativi correlati all area tematica delle tecnologie per l automazione d ufficio, prevista dal Piano di Formazione triennale , tale iniziativa, rivolta nel 2012 soltanto al personale della Direzione generale per gli Ordinamenti scolastici, su esplicita richiesta della stessa, nel corrente anno viene estesa anche al personale della Direzione generale per le risorse umane, acquisti e affari generali. Pag. 7 di 15

8 Interventi da realizzare nel bis Area delle tecnologie per l automazione d ufficio e la comunicazione CORSI ECDL Il progetto formativo ECDL finalizzato al conseguimento del Diploma ECDL Core è destinato al personale della Direzione generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione in quanto espressamente richiesto dalla Direzione stessa. Pag. 8 di 15

9 5. Distribuzione temporale dei corsi Attività Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Relazioni sindacali da definire Il miglioramento della performance organizzativa e lo sviluppo individuale dei collaboratori: quali leve d intervento per il dirigente? Open government, trasparenza e automazione d ufficio Gestione dei flussi documentali, protocollo ASP e CAD Corso di Excel avanzato Contabilità finanziaria ed economico-analitica - corso di aggiornamento base ed avanzato Corso ECDL Pag. 9 di 15

10 6. Le risorse finanziarie In questo capitolo vengono riportate le disponibilità finanziarie per l anno 2013, finalizzate alla formazione del personale degli Uffici centrali e periferici del MIUR. Con Decreto del Ministro del 2 gennaio artt. 1, 2, 3 e 4 - sono state assegnate ai vari Centri di responsabilità le risorse finanziarie concernenti la formazione e l aggiornamento del personale amministrativo - esercizio finanziario 2013 in gestione esclusiva e/o pro-quota. Con Decreto del Capo Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali n. 1, del 10 gennaio 2013, sono state ripartite e assegnate le risorse finanziarie concernenti la formazione e l aggiornamento del personale amministrativo afferente ai capitoli 1170/8 e 1173/8 - esercizio finanziario in gestione esclusiva e/o pro-quota. Con Decreto del Capo Dipartimento per l istruzione n. 2 del 10 gennaio 2013 sono state ripartite e assegnate le risorse finanziarie concernenti la formazione e l aggiornamento del personale amministrativo afferente al capitolo 1396/6 - esercizio finanziario in gestione esclusiva e/o pro-quota. Al fine di evitare la ripetizione di adempimenti identici, con conseguente contenimento dei costi, si è ritenuto di affidare ad un unica struttura di servizio la gestione delle risorse aventi la medesima natura, comuni a più Centri di responsabilità. Pertanto, con Decreto Interministeriale, in corso di perfezionamento, ai sensi dell art. 4 del D.Lgs. n. 279/97, la Direzione Generale per le risorse umane del Ministero, acquisti e affari generali è stata individuata - per l anno finanziario struttura di servizio per la gestione unificata delle risorse finanziarie relative alla formazione e all aggiornamento del personale amministrativo del MIUR, in termini di competenza, residui e cassa. Anche per l anno 2013 continuano a trovare applicazione le norme di cui al Decreto legge del 31/5/2010, n. 78 convertito dalla legge 30/7/2010, n er quanto sopra premesso, vengono indicate di seguito le risorse finanziarie e i relativi capitoli di bilancio concernenti le spese per la formazione e l aggiornamento del personale amministrativo in servizio presso gli Uffici centrali e periferici del MIUR per l esercizio finanziario 2013, per un ammontare complessivo di ,00. Pag. 10 di 15

11 Formazione e aggiornamento personale amministrativo E.F Capitolo Ufficio/Direzione Generale Assegnazione 1173/8 Direzione Generale per le risorse umane del Ministero, acquisti e affari generali , /8 Dipartimento per la programmazione 3.116, /8 1170/8 Direzione Generale per le risorse umane del Ministero, acquisti e affari generali Direzione Generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi , , /8 1170/8 1396/6 1396/6 Direzione Generale per la politica finanziaria e per il bilancio 4.369,00 Direzione Generale per gli affari internazionali 5.319,00 Dipartimento per l istruzione 6.461,00 Direzione Generale per il personale scolastico , /6 1396/6 1396/6 Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e per l autonomia scolastica Direzione Generale per l istruzione e la formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle regioni Direzione Generale per lo studente, l integrazione e la partecipazione e la comunicazione , , , /4 Direzione Generale per la politica finanziaria e per il bilancio ,00 TOTALE ,00 Pag. 11 di 15

12 7. Tabelle di dettaglio dei corsi RELAZIONI SINDACALI Destinatari Finalità Durata Modalità di erogazione Ente erogante Organizzazione Progetto Sedi di svolgimento Personale dirigenziale e delle aree funzionali degli uffici centrali e periferici del MIUR Fornire aggiornamenti sulla specifica materia, con particolare riferimento a: evoluzione del contesto normativo (dalla legge 300/1970 al D.lgs. 165/2001). da definire Blended Formez P.A. Ufficio III - D. G. Risorse Umane e Formez Ufficio III - D. G. Risorse Umane e Formez Sede centrale e sedi periferiche IL MIGLIORAMENTO DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E LO SVILUPPO INDIVIDUALE DEI COLLABORATORI: QUALI LEVE D INTERVENTO PER IL DIRIGENTE? Destinatari Finalità Durata Modalità di erogazione Ente erogante Organizzazione Progetto dirigenti e aree funzionali Sostenere i processi connessi al rinnovato quadro normativo in tema di organizzazione, qualità dei servizi e valutazione della performance, fornendo contenuti e strumenti pratici di lavoro. 3 gg. 18 h blended MIUR MIUR Gruppo di Lavoro Sedi di svolgimento Sede centrale - v.le Trastevere, 76/A Pag. 12 di 15

13 OPEN GOVERNMENT E DECERTIFICAZIONE Destinatari Finalità Durata Modalità di erogazione Ente erogante Organizzazione Progetto Sedi di svolgimento III area funzionale Fornire conoscenze e strumenti per affrontare l evoluzione normativa nel settore dell amministrazione digitale periodo settembre/dicembre blended Ente gestore servizi informatici MIUR RTI: HP Enterprise Services Italia srl Selex ES SpA Ufficio III - D. G. Risorse Umane/RTI: HP Enterprise Services Italia srl Selex ES SpA Ufficio III - D. G. Risorse Umane/ RTI: HP Enterprise Services Italia srl Selex ES SpA Sede centrale e sedi periferiche FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SULL INFORMATIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI, PROTOCOLLO ASP E PEC Destinatari Finalità Durata Modalità di erogazione Ente erogante Organizzazione Progetto Sedi di svolgimento Addetti al settore presso gli uffici centrali e periferici del MIUR Rendere più efficace, efficiente ed economica l informatizzazione dei flussi documentali del MIUR Una giornata teorico pratica (normativa e applicativi) + 1 giornata pratica (operatività) In presenza D.G. risorse umane/d.g. sistemi informativi D.G. risorse umane/d.g. sistemi informativi D.G. sistemi informativi/ Sede centrale e sedi periferiche Pag. 13 di 15

14 CORSO DI AGGIORNAMENTO EXCEL AVANZATO Destinatari Personale della Direzione acquisti e affari generali generale per le risorse umane, Finalità Durata Modalità di erogazione Ente erogante Organizzazione Progetto Sede del corso formazione e aggiornamento nell area tematica delle tecnologie per l automazione d ufficio, 2 edizioni -quattro giornate d aula 16 h In presenza Auselda AED Group SpA Ufficio III - D. G. Risorse Umane Società esterna/miur MIUR - v.le Trastevere CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICO-ANALITICA ED INTEGRAZIONE TRA I DUE SISTEMI Destinatari Finalità Personale dirigenziale e delle aree funzionali degli uffici periferici del MIUR che operano nel settore Aggiornare e sviluppare le conoscenze in materia, al fine di gestire in modo efficiente le risorse assegnate in un contesto economico-politico di contenimento della spesa pubblica Durata da gennaio a dicembre 2013 Modalità di erogazione Ente erogante Organizzazione Progetto Sede del corso In presenza Scuola Superiore Economia e Finanze Vanoni Ufficio III - D. G. Risorse Umane S.S.E.F./MIUR Sedi regionali S.S.E.F./sedi regionali MIUR Pag. 14 di 15

15 CORSI ECDL Destinatari Finalità Durata Modalità di erogazione Ente erogante Organizzazione Progetto Sede del corso personale della Direzione generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione conseguimento del Diploma ECDL Core 1 edizione 14 giornate d aula suddivise in 7 moduli, intervallati da 4 sessioni d esami In presenza Auselda AED Group SpA Ufficio III - D. G. Risorse Umane Auselda/MIUR MIUR - v.le Trastevere Pag. 15 di 15

Piano di Formazione Triennio 2015-2017

Piano di Formazione Triennio 2015-2017 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Piano di Formazione Triennio 2015-2017 Attività

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

CORSO DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 CORSO DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero dell Istruzione dell

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI.

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. Sistema M.A.Ga. è un'applicazione cloud che integra un insieme

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O N. 15 DEL REG. DATA: 09/07/2013 OGGETTO: Decreto Lgs.vo

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 La Relazione sulla performance prevista dall art. 10, comma 1, lettera b), del decreto legislativo n. 150 del 2009 costituisce lo strumento mediante il quale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

Il Ministro della Difesa

Il Ministro della Difesa Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106 il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; il r.d. 23 maggio 1924 n.827, che

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33) Finalità del Piano Con il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, l ATC di

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 PRESENTAZIONE INIZIATIVA DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO FA1-AA-PRE-TRASPARENZA-SCUOLE-1.0 VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/23-10-2013

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) ISTITUTO SUPERIORE VERONA - TRENTO I.T.T. VERONA TRENTO - I.PIA. MAJORANA MEIS027008 IST. D'ISTRUZ. SUPERIORE IITI "VERONA TRENTO" MESSINA Via U. Bassi Is. 148 - Tel. ( 090 ) 29.34.854-29.34.070 - Fax

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REDATTA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2011/2012. Il DIRIGENTE SCOLASTICO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REDATTA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2011/2012. Il DIRIGENTE SCOLASTICO Ai Revisori dei Conti Alle RSU dell Istituto Sede Spett.le A.R.A.N. Via del Corso, 476 00186 Roma integrativo@pec.aranagenzia.it Spett.le C.N.E.L. Viale Davide Lubin, 2 00196 Roma trasmissionecontratti@cnel.it

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell' Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento dell' Istruzione e della Formazione Professionale MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA

Dettagli

LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA

LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA Dall amministrazione segreta all open government: Il programma triennale per la trasparenza e l integrità Cagliari, 14 aprile 2011 Avvocato

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Maria BRAMANTI Indirizzo Telefono Ufficio 02-6448-6123. E-mail mariaelena.bramanti@unimib.

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Maria BRAMANTI Indirizzo Telefono Ufficio 02-6448-6123. E-mail mariaelena.bramanti@unimib. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maria BRAMANTI Indirizzo Telefono Ufficio 02-6448-6123 E-mail mariaelena.bramanti@unimib.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI

AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Direzione Generale Università degli Studi di Pavia AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI ANNO 2016 Premessa Il presente

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1 INDICE

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PARTE I IL BUDGET DELLO STATO PER IL TRIENNIO 2013-2015 SIGNIFICATO E PRINCIPALI NOVITÀ'

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PARTE I IL BUDGET DELLO STATO PER IL TRIENNIO 2013-2015 SIGNIFICATO E PRINCIPALI NOVITÀ' Camera dei Deputati - 10 - Senato della Repubblica PARTE I IL BUDGET DELLO STATO PER IL TRIENNIO 2013-2015 SIGNIFICATO E PRINCIPALI NOVITÀ' ILLUSTRAZIONE DEI VALORI ECONOMICI PAGINA BIANCA Camera dei Deputati

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 104 13/01/2014 Identificativo Atto n. 9 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche FINALITA fornire una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea offrire un limitato numero di ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI 1. Premessa Con raccomandazione del 27/10/2011 - digitalizzazione e accessibilità dei contenuti culturali e sulla conservazione digitale - la

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===-----

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===----- REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE -----===ooo===----- 1 UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL BELICE REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE art. 1- Principi generali 1. L Unione dei Comuni Valle del Belice (che d

Dettagli

Lo sviluppo delle Risorse Umane: coniugare regole, talenti e merito

Lo sviluppo delle Risorse Umane: coniugare regole, talenti e merito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Lo sviluppo delle Risorse Umane: coniugare regole, talenti e merito 1 Dalla amministrazione alla direzione del personale Negli ultimi dieci anni il rapporto di lavoro

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2011 2013 1 SOMMARIO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 4 1. SELEZIONE DEI DATI DA PUBBLICARE... 5 2. MODALITÀ DI PUBBLICAZIONE DEI DATI... 11 3. INIZIATIVE

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Regione del Veneto

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Regione del Veneto REGIO NE DELVENETO CONFINDUSTRIA Veneto PROTOCOLLO D'INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto (di seguito denominato

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

Gli indicatori di qualità gestionale Anna Armone

Gli indicatori di qualità gestionale Anna Armone PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Sviluppo delle competenze dei dirigenti scolastici e dei DSGA nella programmazione e gestione di attività e progetti

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA Anni 2011-2013 (approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 440 del 22/11/2011) 1 SOMMARIO ART. 1- PRINCIPI 3 ART.

Dettagli

L idea di buona scuola e di buona dirigenza interna al Sistema Nazionale di Valutazione

L idea di buona scuola e di buona dirigenza interna al Sistema Nazionale di Valutazione L idea di buona scuola e di buona dirigenza interna al Sistema Nazionale di Valutazione USR per la Lombardia: ottobre 2014 Damiano Previtali Per me la garanzia di una buona scuola è: un buon Direttore

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Prot. n.6128 A/19a, 24 Settembre 2015 Atto di Indirizzo del Dirigente scolastico al Collegio dei docenti per l elaborazione del Piano dell offerta formativa Triennio 2016-2019 Il Dirigente Scolastico VISTO

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei sistemi informativi di monitoraggio della Regione Azioni di miglioramento:

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. B.SPAVENTA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA" Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA

IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA Dott.ssa Maria Letizia Melina Direttore Generale per gli Studi, la Statistica, ed i Sistemi Informativi Panoramica del sistema informativo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. A seguito della prima edizione della Newsletter del Progetto Monitoraggio ("Progetto"),

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli