Circolare 2008/40 Assicurazione sulla vita. Assicurazione sulla vita. Destinatari LBCR LSA LBVM LICol LRD Altri

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circolare 2008/40 Assicurazione sulla vita. Assicurazione sulla vita. Destinatari LBCR LSA LBVM LICol LRD Altri"

Transcript

1 Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società in accomandita per ICC SICAF Banche depositarie Gestori patrimoniali di ICC Distributori Rappresentanti di ICC esteri Altri intermediari OAD IFDS Assoggettati OAD Società di audit Agenzie di rating Circolare 2008/40 Assicurazione sulla vita Assicurazione sulla vita Riferimento: Data: 20 novembre 2008 Entrata in vigore: 1 gennaio 2009 Ultima modifica: Circ. FINMA 08/40 «Assicurazione sulla vita» 28 agosto 2013 [le modifiche sono contrassegnate con un * ed elencate alla fine del documento] Concordanza: sostituisce la Direttiva UFAP 1/2008 «Assicurazione sulla vita» del 3 ottobre 2008 Basi legali: LFINMA art. 7 cpv. 1 lett. b, 29 Allegato 1: Allegato 2: LSA art. 4, 16, 25 cpv. 2, 36, 37 OS art , 117, , 130, , LCA art. 90, 91 La questione del rischio biometrico minimo nell assicurazione sulla vita Spiegazioni sulla formula per il calcolo dei valori di liquidazione Destinatari LBCR LSA LBVM LICol LRD Altri X Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0) , fax +41 (0)

2 Indice I. Introduzione nm. 1-5 II. III. Tariffazione dei contratti di assicurazione sulla vita al di fuori della previdenza professionale Calcolo dei valori di liquidazione in caso di trasformazione e di riscatto di contratti di assicurazione sulla vita al di fuori della previdenza professionale nm nm A. Disposizioni generali nm B. Valore di liquidazione nm C. Trasformazione del contratto di assicurazione nm D. Riscatto del contratto di assicurazione nm IV. Partecipazione alle eccedenze nell assicurazione sulla vita nm A. Disposizioni generali nm B. Partecipazione alle eccedenze al di fuori della previdenza professionale nm C. Partecipazione alle eccedenze nella previdenza professionale nm V. Disposizioni finali nm /29

3 I. Introduzione Considerate le prescrizioni legali vigenti nel settore assicurativo, la presente circolare illustra la prassi seguita dalla FINMA per quanto riguarda: 1 la tariffazione dei contratti di assicurazione sulla vita al di fuori della previdenza professionale; il calcolo dei valori di liquidazione in caso di trasformazione e di riscatto di contratti di assicurazione sulla vita; 2 3 partecipazione alle eccedenze nell assicurazione sulla vita. 4 Le spiegazioni sono riportate in corsivo. 5 II. Tariffazione dei contratti di assicurazione sulla vita al di fuori della previdenza professionale A. Art. 1 Scopo 1 Gli art. 1-9 della presente circolare hanno come scopo l attuazione, in particolare, degli art dell Ordinanza sulla sorveglianza (OS; RS ). 2 Essi definiscono i requisiti minimi per la tariffazione dei contratti di assicurazione sulla vita e i principi da adottare. 6 7 B. Art. 2 Campo di applicazione Gli art. 1-9 della presente circolare si applicano a: 8 a. assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni (ramo assicurativo A2), altre assicurazioni sulla vita (ramo assicurativo A3) come pure operazioni di capitalizzazione (ramo assicurativo A6) e operazioni tontinarie (ramo assicurativo A7); 9 b. assicurazioni per l invalidità gestite nel quadro dell assicurazione sulla vita. 10 Gli art. 1-9 della presente circolare non si applicano all assicurazione collettiva sulla vita nel quadro della previdenza professionale (ramo assicurativo A1). Le relative disposizioni sono contenute nella Circ. FINMA 08/13 «Tariffazione assicurazione di rischio previdenza professionale». I suddetti art. 1-9 non si applicano nemmeno all assicurazione contro gli infortuni (ramo assicurativo A4) né all assicurazione contro le malattie (ramo assicurativo A5). I suddetti art. 1-9 si applicano soprattutto alla previdenza privata vincolata (pilastro 3a) e libera (pilastro 3b) C. Art. 3 Principi (art. 120 OS) 1 Affinché un prodotto di assicurazione sulla vita possa rientrare nei rami assicurativi A2 e A3 è 14 3/29

4 necessario che sia assicurato un rischio biometrico minimo; ciò significa che una parte minima della prestazione assicurativa deve dipendere dal rischio di incapacità di guadagno, di invalidità, di decesso o di vita oppure da altri rischi biometrici della persona assicurata. 2 La parte minima della prestazione assicurativa che dipende dal rischio biometrico (sinteticamente «parte minima») ammonta, prima del 60esimo anno di età della persona assicurata, all'1% della provvisione matematica lorda, mentre nelle assicurazioni vincolate a partecipazioni all 1% del valore delle partecipazioni. Dai 60 anni in poi, la parte minima diminuisce in modo lineare fino a diventare pari a zero a 80 anni. Inoltre, la parte minima non può superare un tetto massimo assoluto di CHF Per i nuovi prodotti, i valori definiti possono al massimo essere inferiori del 25% ai due valori medi riportati nell allegato 1 per il calcolo di base del rischio biometrico dai 25 ai 60 anni e per durate di assicurazione dai 10 ai 30 anni. La condizione relativa al rischio biometrico espressa nella prima frase di questo paragrafo è ritenuta soddisfatta qualora venga rispettato uno dei due valori medi. 3 L'impresa di assicurazione attribuisce le assicurazioni sulla vita con quota di risparmio, nell'ambito delle quali lo stipulante assume il rischio di investimento del capitale, in capo all assicurazione vincolata a partecipazioni (ramo assicurativo A2). 4 Nel quadro dell assicurazione sulla vita legata a quote di fondi (rami assicurativi A2.1, A2.2 e A2.3) occorre sottolineare che, ai sensi dell art. 81 cpv. 1 OS, il patrimonio vincolato per la quota di risparmio dei contratti assicurativi dei rami assicurativi A2.1, A2.2 e A2.3 può essere costituito solo con quote di investimenti collettivi di capitale aperti che rientrano nella legge federale del 23 giugno 2006 sugli investimenti collettivi di capitale (LICol; RS ). 5 Un operazione di capitalizzazione (ramo assicurativo A6) è un accordo scritto fra l impresa di assicurazione sulla vita e lo stipulante concernente l assunzione dei valori patrimoniali e la loro gestione secondo un metodo matematico. Tale operazione termina alla data convenuta o al decesso della persona assicurata. 6 Per poter attribuire un prodotto di assicurazione sulla vita al ramo assicurativo A7 (operazioni tontinarie), occorre allestire un piano che preveda la capitalizzazione comune dei contributi versati nell ambito dei contratti di assicurazione e che regoli la distribuzione del capitale costituito ai superstiti o ai successori legali delle persone decedute. 7 L impresa di assicurazione attribuisce alle operazioni di capitalizzazione (ramo assicurativo A6) i contratti che assicurano in modo insufficiente il rischio biometrico ai sensi del cpv. 2. Le operazioni di capitalizzazione non possono essere ritenute assicurazioni. 8 L impresa di assicurazione utilizza esclusivamente basi e modelli tariffari riconosciuti in ambito attuariale. 9 Nel quadro della tariffazione, l impresa di assicurazione tiene debito conto della compensazione dei rischi nella comunità di assicurati e nel tempo. 10 I modelli di tariffazione definiti dall'impresa di assicurazione devono rispettare illimitatamente le seguenti disposizioni: a. regolamentazioni sulle provvisioni tecniche nell assicurazione sulla vita ai sensi dell art. 16 della Legge sulla sorveglianza degli assicuratori (LSA; RS ) e degli art OS; b. regolamentazioni sui valori di liquidazione ai sensi dell art. 127 OS, menzionate agli art della presente circolare; /29

5 c. regolamentazioni sulla partecipazione alle eccedenze ai sensi degli art OS, menzionate agli art della presente circolare; 26 Nota relativa agli abusi 27 Nell ambito dei contratti di assicurazione sulla vita sono consentite strutture tariffarie individuali nel quadro dell art. 117 cpv. 2 OS. 28 Nota relativa alle garanzie in caso di vita 29 Lo scopo della prescrizione di cui al cpv. 3 è garantire che, all atto del conferimento del denaro da collocare nella quota di risparmio di un assicurazione sulla vita, l impresa di assicurazione sulla vita accordi una garanzia in caso di vita o conceda allo stipulante un diritto di scelta per quanto riguarda l investimento del denaro. Per i prodotti contrattualmente vincolati a portafogli di investimento interni o prodotti legati a fondi con un unico fondo disponibile, la decisione del cliente a favore del prodotto stesso è già considerata come esercizio del diritto di scelta Aspetti fiscali 32 L attribuzione di un prodotto all assicurazione sulla vita in senso stretto non comporta automaticamente agevolazioni o esenzioni fiscali sugli accrediti di interessi (interesse tecnico e quote di eccedenze). Le questioni fiscali competono all Amministrazione federale delle contribuzioni. 33 Nota relativa al rischio biometrico minimo (cpv. 2) 34 In allegato alla presente circolare sono illustrati due metodi per la misurazione del rischio biometrico che consentono di confrontare approssimativamente i diversi modelli di assicurazione sulla vita più frequentemente usati per quanto riguarda l incidenza del rischio biometrico. 35 D. Art. 4 Basi per la tariffazione determinate dal mercato al di fuori della previdenza professionale (art. 121 OS) 1 Il tasso massimo di interesse tecnico deve essere rispettato. La FINMA definisce mensilmente il massimale del tasso di interesse tecnico consentito e lo pubblica sul suo sito Internet ( 2 Nel caso in cui la FINMA riduca il massimale, l adeguamento del tasso di interesse tecnico per i contratti di nuova stipula deve avvenire entro i sei mesi successivi. 3 Se il 60% della media mobile decennale del tasso di interesse di riferimento si situa per tre mesi consecutivi al di sopra o al di sotto di ¼% del tasso di interesse tecnico massimo in vigore, la FINMA può adeguare il massimale. 4 Il tasso di riferimento è il tasso di interesse di cassa definito dalla Banca nazionale svizzera per le obbligazioni della Confederazione svizzera di una durata di 10 anni /29

6 Osservazione 40 È possibile allestire offerte con un tasso di interesse tecnico superiore al tasso di interesse tecnico massimo ridotto solo qualora la data di inizio dell assicurazione rientri nel termine di adeguamento di sei mesi comunicato dalla FINMA. 5 Previa richiesta motivata dell impresa di assicurazione, la FINMA può autorizzare tassi di interesse tecnici più elevati per singoli prodotti o per durate contrattuali prestabilite. La FINMA concede queste eccezioni in particolare nei seguenti casi: a. contratti a versamento unico con una durata per la quale sono disponibili investimenti di capitale congruenti in termini temporali, effettivamente acquistati e detenuti per la rispettiva durata contrattuale; b. offerte speciali che comportano perdite iniziali finanziate tramite fondi liberi dell impresa di assicurazione; occorre osservare le regolamentazioni sulle provvisioni tecniche nell assicurazione sulla vita e le basi applicabili per il calcolo del fabbisogno di provvisioni; c. contratti con garanzie che prevedono una formula chiara e verificabile per lo stipulante per quanto riguarda il tasso di interesse tecnico, in cui il tasso di interesse tecnico segue, nell arco della durata contrattuale, l andamento della curva degli interessi o del tasso del portafoglio di investimento alla base del contratto E. Art. 5 Tavole di mortalità e altre basi biometriche e statistiche (art. 122 OS) 1 Sono considerate basi statistiche utilizzabili quelle riconosciute dalla FINMA relative a mortalità, invalidità e altri rischi biometrici misurati. L impresa di assicurazione è autorizzata a impiegare anche dati statistici rilevati dall effettivo degli assicurati come pure dati statistici segmentati. 2 I dati rilevati dall effettivo degli assicurati devono essere confrontati con le basi statistiche riconosciute dalla FINMA e, se necessario, adeguati mediante una procedura statistica autorizzata dalla FINMA stessa. Le basi così ottenute devono essere prudenti e tenere conto, in particolare, di eventuali tendenze registrate e di imprecisioni nella misurazione In caso di segmentazione dei dati statistici utilizzati occorre informare la FINMA al riguardo L attuario responsabile accerta che le basi biometriche utilizzate vengano verificate periodicamente e, se necessario, sostituite con dati aggiornati al più tardi dopo 10 anni. 49 F. Art. 6 Classi tariffarie e tariffazione empirica (art. 123 e 124 OS) È consentito l'utilizzo di classi tariffarie e di una tariffazione empirica. Quest ultima è ammessa sulla base dell andamento dei sinistri dei singoli contratti nell'ambito dell'assicurazione collettiva. La tariffazione empirica (conto delle entrate e delle uscite, formula relativa agli utili, sistema bonus/malus) deve tener conto della struttura contrattuale, delle prestazioni assicurate, del numero di assicurati, dell andamento dei sinistri credibilizzato e dell andamento dei costi. L andamento dei sinistri del singolo contratto nell assicurazione individuale sulla vita non può essere considerato. 50 6/29

7 G. Art. 7 Verifica annuale delle basi tariffarie Secondo l art. 120 cpv. 2 OS le imprese di assicurazione sono tenute ad esaminare annualmente, tramite analisi statistiche, l adeguatezza delle basi per la tariffazione. 51 Nota 52 La FINMA verifica puntualmente il rispetto di questa disposizione. 53 H. Art. 8 Esempi di calcolo per le assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni 1 Se, nell ambito delle assicurazioni vincolate a partecipazioni, prima della stipulazione l impresa di assicurazione informa lo stipulante circa il possibile andamento futuro del valore delle partecipazioni, è tenuta a fornirgli più esempi di calcolo di possibile evoluzione futura delle partecipazioni, considerando i prelievi attuariali previsti dal contratto e vari rendimenti. Uno di questi scenari deve basarsi su una stima giustificata dello sviluppo dei mercati. Gli altri scenari devono illustrare, con un ventaglio equilibrato di casi più o meno favorevoli, la variabilità del possibile andamento futuro del valore. Vanno inoltre specificate le ipotesi assunte per determinare il rendimento degli investimenti di capitale sottostanti. 2 L impresa di assicurazione deve comunicare esplicitamente allo stipulante che gli esempi di calcolo si basano su ipotesi non garantite e che l'andamento dei valori nel passato non è indicativo per lo sviluppo futuro. È inoltre tenuta a precisare che dagli esempi di calcolo non scaturiscono obblighi contrattuali di alcun tipo. 3 Se, nell ambito delle assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni, le prestazioni di rischio assicurate e i premi di rischio dipendono dall andamento effettivo del valore delle partecipazioni, lo stipulante deve essere debitamente informato in merito alle eventuali ripercussioni negative I. Art. 9 Obblighi di informazione supplementari nell ambito di assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni (rami assicurativi A2.1, A2.2 e A2.3) Prima della conclusione del contratto di assicurazione, l impresa di assicurazione deve informare lo stipulante seguendo le prescrizioni contenute negli art LICol, valide per le informazioni che la direzione del fondo o la SICAV devono trasmettere a coloro che effettuano investimenti collettivi di capitale aperti. Devono essere tenute in debito conto le disposizioni di esecuzione corrispondenti, in particolare gli art e nonché gli allegati 1 3 alla OICol 1. 57* 1 Ordinanza del 22 novembre 2006 sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza sugli investimenti collettivi, OICol; RS ) 7/29

8 III. Calcolo dei valori di liquidazione in caso di trasformazione e di riscatto di contratti di assicurazione sulla vita al di fuori della previdenza professionale A. Disposizioni generali a) Art. 10 Scopo 1 Le disposizioni di cui agli art della presente circolare hanno per obiettivo la concretizzazione dei requisiti in materia di vigilanza ai fini dell approvazione dei valori di liquidazione. 2 Esse non si applicano ai valori di liquidazione concessi volontariamente dall impresa di assicurazione (cfr. art. 127 cpv. 1 seconda frase OS). 3 Per richiedere l approvazione dei valori di liquidazione occorre trasmettere alla FINMA i documenti necessari per la valutazione, cioè i tariffari e le condizioni generali di assicurazione. 4 I valori di liquidazione approvati dovranno essere sottoposti nuovamente all approvazione da parte della FINMA esclusivamente nel caso in cui viene modificata la definizione di valori di liquidazione b) Art. 11 Campo di applicazione Le disposizioni di cui agli art della presente circolare si applicano alle assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni (ramo assicurativo A2), alle altre assicurazioni sulla vita (ramo assicurativo A3), ad eccezione dell assicurazione per l invalidità, come pure alle operazioni di capitalizzazione (ramo assicurativo A6) e alle operazioni tontinarie (ramo assicurativo A7). 62 Spiegazioni 63 Le assicurazioni di rischio, finanziate con premi periodici, che prevedono aspettative di prestazioni in caso di decesso non possono essere riscattate, ma possono essere esonerate dai premi. In questo contesto si applicano pertanto gli art e per le disposizioni generali e gli art per la trasformazione. Se i premi sono già stati pagati per il resto della durata dell assicurazione, la copertura assicurativa deve essere necessariamente accordata fino al termine del contratto. Le assicurazioni contro gli infortuni (ramo A4) e le assicurazioni contro le malattie (ramo A5) non sottostanno agli art della presente circolare. L assicurazione collettiva sulla vita nel quadro della previdenza professionale (ramo A1) è soggetta a una regolamentazione particolare. Al momento dell entrata in vigore della presente circolare, si tratta della Circ. FINMA 08/12 «Principio della porta girevole previdenza professionale» B. Valore di liquidazione a) Art. 12 Definizione 1 Il calcolo del valore di liquidazione si fonda sulla provvisione matematica di inventario, 67 8/29

9 determinata secondo le basi tecniche utilizzate per il calcolo dei premi del rispettivo contratto. 2 In caso di trasformazione del contratto di assicurazione sulla vita, il valore di liquidazione corrisponde alla provvisione matematica di inventario, con eventuale deduzione delle spese di acquisizione non ammortizzate (valore di liquidazione in caso di trasformazione). 3 In caso di riscatto del contratto di assicurazione sulla vita, il valore di liquidazione corrisponde alla provvisione matematica di inventario, con eventuale deduzione delle spese di acquisizione non ammortizzate e di un importo per il rischio di tasso (valore di liquidazione in caso di riscatto) b) Art. 13 Principi, basi e metodi di calcolo 1 Il valore di liquidazione è equo quando vi è un equilibrio tra gli interessi della comunità degli stipulanti restanti e gli interessi dello stipulante a cui si riferisce la liquidazione. 2 Nel calcolo, l impresa di assicurazione tiene conto di tutte le componenti del contratto di assicurazione, ad eccezione di quelle delle assicurazioni invalidità, incapacità di guadagno, infortuni e malattie incluse nel contratto. Queste ultime possono consistere, per esempio, in rendite di invalidità differite o in indennità giornaliere in caso di malattia, infortunio o degenza ospedaliera. 3 L impresa di assicurazione può impiegare basi tecniche e metodi diversi da quelli utilizzati per il calcolo del premio per il contratto di assicurazione, a condizione che portino in ogni caso a risultati almeno equivalenti. L impresa di assicurazione è tenuta a motivare tale scelta nei confronti della FINMA. 4 In caso di trasformazione o di riscatto parziale, un eventuale rendita di invalidità in corso continua a restare valida, a meno che il contratto di assicurazione non preveda una liquidazione in capitale della rendita. In caso di riscatto totale, nel calcolo del valore di liquidazione è necessario tenere debito conto di un eventuale rendita di invalidità in corso, a meno che il contratto di assicurazione non preveda la continuazione del pagamento di tale rendita c) Art. 14 Deduzione per spese di acquisizione non ammortizzate 1 In caso di trasformazione o di riscatto, l impresa di assicurazione è autorizzata a effettuare una deduzione per le spese di acquisizione non ammortizzate. 2 Il tasso di zillmerizzazione, alla base della deduzione delle spese di acquisizione non ammortizzate, si riferisce al valore attuale dei premi lordi. Esso non deve superare il tasso delle spese di acquisizione compreso nella tariffa e restare comunque entro il 5%. Il tetto massimo del 5% riguarda unicamente le assicurazioni a capitalizzazione, con modalità di pagamento del premio a scelta. 3 Il calcolo del valore attuale dei premi lordi avviene secondo le stesse basi tecniche utilizzate nel calcolo del premio per il rispettivo contratto. Per le assicurazioni senza tasso di interesse tecnico definito, il tasso di sconto corrisponde al tasso di interesse massimo consentito alla stipulazione del contratto secondo l'art. 121 OS. 4 Per l applicazione della deduzione di zillmerizzazione massima di cui al cpv. 2 viene determinata una provvisione matematica lorda calcolata sulla base delle spese di acquisizione e di amministrazione modificate. In questo calcolo, le spese di acquisizione modificate /29

10 ammontano al massimo al 5% del valore attuale dei premi lordi. La parte residua della somma delle spese di acquisizione e delle spese di amministrazione modificate è definita come importo annuale costante per l'intera durata contrattuale e il suo valore attuale corrisponde al valore attuale delle spese complessive, dedotto il valore attuale delle spese di acquisizione modificate. Questa regolamentazione si applica a prescindere dalla modalità di pagamento del premio. Il metodo di calcolo della provvisione matematica lorda modificata è illustrato nell allegato 2. 5 La provvisione matematica lorda modificata deve considerare la limitazione delle spese di acquisizione deducibili secondo il cpv. 4 per la deduzione della parte non ammortizzata anche nel caso in cui l onere dei costi non venga ripartito in modo uniforme sull intera durata. 6 Qualora l applicazione di quanto previsto al cpv. 5 porti a risultati manifestamente inaccettabili dovuti alle caratteristiche specifiche di un prodotto, in casi eccezionali motivati la FINMA può autorizzare una deroga a tale disposizione, a condizione che sia garantita una liquidazione altrettanto adeguata. 7 In caso di trasformazione o di riscatto parziale, la deduzione è ammessa soltanto sulla parte del contratto effettivamente trasformata o riscattata d) Art. 15 Deduzione per il rischio di tasso di interesse 1 In caso di riscatto l impresa di assicurazione, oltre alla deduzione secondo l art. 14 cpv. 1 della presente circolare, può effettuare una deduzione per il rischio di tasso di interesse, a prescindere dalla modalità di finanziamento del contratto di assicurazione (premi periodici o versamento unico). La deduzione per il rischio di tasso di interesse consente all impresa di assicurazione di compensare, in caso di riscatto, eventuali perdite dovute a un rialzo dei tassi di interesse subite in occasione della vendita di attivi. Tale deduzione non è consentita in caso di riscatto di contratti di assicurazioni vincolati a partecipazioni senza garanzia del capitale alla scadenza. 2 La deduzione è determinata in base alla provvisione matematica di inventario. Per il calcolo, l impresa di assicurazione deve tenere conto soprattutto di: a. tassi di interesse di 2 grado attuali e storici, propri dell impresa; 83 oppure b. tassi di interesse attuali e storici del mercato dei capitali; 84 e, in entrambi i casi, c. durata residua del contratto Agli aventi diritto devono essere forniti, su richiesta, tutti gli elementi necessari affinché la deduzione per il rischio di tasso risulti comprensibile a un esperto in materia. 86 e) Art. 16 Garanzia Qualora, nel quadro di un contratto di assicurazione sulla vita vincolato a partecipazioni, l impresa di assicurazione accordi garanzie finanziarie e queste vengono considerate ai fini della tariffazione, queste garanzie devono essere incluse in modo adeguato anche nel calcolo dei valori di liquidazione /29

11 f) Art. 17 Quote di eccedenze assegnate 1 Il valore di liquidazione di quote di eccedenze assegnate, integrate nella provvisione matematica dell assicurazione originaria, viene calcolato in modo analogo al valore di liquidazione dell assicurazione originaria. 2 Se, in caso di accumulo con interessi delle quote di eccedenze assegnate, per la remunerazione si applica un tasso di interesse garantito almeno uguale al tasso di interesse tecnico del contratto di assicurazione, nel calcolo del valore di liquidazione deve essere considerato il valore delle quote di eccedenze assegnate più gli interessi maturati fino alla data del calcolo, meno l'eventuale deduzione per il rischio di tasso di cui all art. 15. Se sulle quote di eccedenze assegnate non viene corrisposta alcuna garanzia di interesse o se la garanzia è inferiore al tasso di interesse tecnico, non è possibile procedere alla deduzione per il rischio di tasso di interesse g) Art. 18 Premi non utilizzati 1 Il valore di liquidazione della parte del premio relativa al periodo successivo alla data di trasformazione o di riscatto è uguale alla rispettiva parte di premio, a meno che quest ultima abbia contribuito alla costituzione della provvisione matematica di inventario. 2 Se la parte di premio è confluita nella provvisione matematica di inventario, il suo valore di liquidazione corrisponde alla parte del premio di costo e di rischio dopo la data di trasformazione o di riscatto h) Art. 19 Obbligo di informazione precontrattuale 1 Prima della conclusione del contratto di assicurazione, l impresa di assicurazione deve informare lo stipulante per iscritto sui seguenti punti: 92 a. le modalità di trasformazione e di riscatto nonché le relative conseguenze a livello giuridico; 93 b. la definizione delle basi biometriche, il tasso di interesse tecnico e le regole per la determinazione del valore di liquidazione in caso di trasformazione e di riscatto; 94 c. il metodo di calcolo della deduzione per il rischio di tasso di cui all'art. 15; 95 d. la presentazione dell andamento dei valori di trasformazione e di riscatto prima della deduzione per il rischio di tasso e prima delle deduzioni e spese di terzi; nell ambito delle assicurazioni vincolate a partecipazioni occorre allestire un calcolo dell'andamento in cui figuri lo sviluppo futuro dei valori e la relativa motivazione; e. genere delle deduzioni e spese di terzi, generate nell ambito del riscatto, e indicazioni sulla loro entità Spiegazioni 98 La definizione delle basi biometriche di cui alla lettera b deve essere strutturata in maniera da illustrare chiaramente la comunità di assicurati alla base del rilevamento dei dati e il periodo di misurazione /29

12 Alla lettera e si intende il genere di deduzioni e spese di terzi e non l ammontare effettivo, poiché le deduzioni e le spese di terzi non sono prevedibili nel corso della durata. 100 i) Art. 20 Obblighi di informazione 1 Su richiesta, l impresa di assicurazione comunica all'avente diritto il valore di trasformazione o di riscatto. Se l avente diritto richiede ulteriori dati per il calcolo del valore di trasformazione o di riscatto, l'impresa di assicurazione è tenuta a trasmettergli le seguenti informazioni: 101 a. provvisione matematica di inventario; 102 b. deduzione per spese di acquisizione non ammortizzate; 103 c. deduzione per il rischio di tasso; 104 d. eventuali averi di eccedenze accumulati; 105 e. importo pro rata della quota di eccedenza per l anno di assicurazione in corso; 106 f. premio non ancora utilizzato Tali dati devono essere comunicati in modo da risultare comprensibili a un esperto in materia. 108 C. Trasformazione del contratto di assicurazione a) Art. 21 Valore di trasformazione 1 In caso di cessazione del pagamento dei premi, il valore di trasformazione corrisponde alla prestazione assicurativa residua esente da premi. Per il calcolo del valore di trasformazione, il valore di liquidazione al momento della trasformazione (art. 12 cpv. 2) viene diminuito dell importo dei premi ancora dovuti e utilizzato come versamento unico di inventario a favore della prestazione assicurativa esente da premi. 2 Il valore di liquidazione in caso di trasformazione e il versamento unico di inventario vengono calcolati secondo le stesse basi tecniche utilizzate per il calcolo dei premi del contratto precedente. 3 Se il contratto di assicurazione lo prevede, la trasformazione può essere effettuata in un'assicurazione di altro tipo. In questo caso, il versamento unico di inventario per la prestazione assicurativa esente da premi può avvenire secondo le basi deroganti definite nelle condizioni generali del contratto oggetto di trasformazione b) Art. 22 Assicurazione trasformata L assicurazione trasformata deve essere dello stesso tipo dell'assicurazione sulla vita originaria. Eventuali eccezioni sono consentite soltanto se: 112 a. la differenza viene tecnicamente motivata nei confronti della FINMA; e 113 b. se tale differenza è contemplata nelle condizioni generali di assicurazione /29

13 Nota 115 Le condizioni generali di assicurazione applicabili al contratto trasformato corrispondono a quelle del contratto precedente. 116 c) Art. 23 Sostituzione della trasformazione tramite riscatto Ai sensi dell'art. 90 cpv. 1 della Legge sul contratto di assicurazione (LCA; RS ) è obbligatorio accordare il diritto alla trasformazione se i premi sono stati pagati per almeno tre anni. Se la provvisione matematica disponibile è positiva, l impresa di assicurazione deve concedere un valore di trasformazione calcolato con l aiuto dell art. 21. L impresa di assicurazione può offrire allo stipulante il riscatto del valore di trasformazione. Se lo stipulante accetta il riscatto, l impresa di assicurazione può effettuare una deduzione per il rischio di tasso in conformità all art. 15, a condizione che ciò sia stato menzionato nell offerta D. Riscatto del contratto di assicurazione a) Art. 24 Principio 1 L importo erogato corrisponde al valore di liquidazione in caso di riscatto, dedotti i premi ancora dovuti. Per evitare l antiselezione, il valore di liquidazione in caso di riscatto ammonta tuttavia al massimo alla somma delle prestazioni per gli eventi la cui insorgenza è certa. 2 La parte del valore di liquidazione in caso di riscatto che non può essere versata come indicato al cpv. 1, deve essere trasformata. A questa parte si applicano le disposizioni relative alla trasformazione del contratto di assicurazione. 3 La deduzione per il rischio di tasso è consentita unicamente sulla parte versata del valore di liquidazione. 4 In deroga a quanto previsto al cpv. 2, la FINMA può approvare un importo massimo fino al quale è possibile procedere al versamento anziché alla trasformazione b) Art. 25 Riscatto parziale del contratto di assicurazione 1 In caso di riscatto parziale del contratto di assicurazione con riduzione dei premi convenuti alla stipulazione del contratto si applica per analogia l'art. 24. I premi ridotti non devono comprendere le spese di acquisizione già ammortizzate con il riscatto parziale. 2 In caso di riscatto parziale del contratto di assicurazione senza riduzione dei premi convenuti alla stipulazione del contratto, le spese di acquisizione già ammortizzate con il riscatto parziale devono essere considerate nel calcolo della nuova prestazione assicurativa c) Art. 26 Liquidazione della quota di eccedenze finale In caso di trasformazione o di riscatto del contratto di assicurazione di capitalizzazione, trascorsa almeno la metà della durata contrattuale pattuita, l'impresa di assicurazione è tenuta ad accreditare allo stipulante almeno il 50% della provvisione per la quota di eccedenze finale. Tale quota aumenta in modo costante fino al termine della durata contrattuale pattuita arrivando al 100% /29

14 IV. Partecipazione alle eccedenze nell assicurazione sulla vita A. Disposizioni generali a) Art. 27 Scopo Gli art della presente circolare hanno come scopo l applicazione delle prescrizioni in materia di vigilanza sulla partecipazione alle eccedenze (art. 130, e OS). 126 b) Art. 28 Campo di applicazione 1 Gli art della presente circolare si applicano ai rami A1, A2 e A3 ai sensi dell allegato 1 OS. 2 Ai sensi della presente circolare, per partecipazione alle eccedenze si intendono unicamente quelle in cui l impresa di assicurazione può influenzare l ammontare delle quote assegnate agli stipulanti Principi basilari 129 Nell'ambito di un contratto di assicurazione sulla vita è possibile concordare una partecipazione alle eccedenze dipendente dai risultati. Lo scopo della partecipazione alle eccedenze è consentire allo stipulante di beneficiare delle eccedenze conseguite. La partecipazione alle eccedenze viene prelevata dal fondo delle eccedenze dell impresa di assicurazione e assegnata ai contratti di assicurazione aventi diritto alle eccedenze. Il fondo delle eccedenze serve a perequare, nel corso degli anni, i prelievi per la partecipazione alle eccedenze, in modo da evitare oscillazioni così forti come quelle dei risultati di esercizio. A determinate condizioni può fungere da ammortizzatore dei rischi c) Art. 29 Piano delle eccedenze (art. 137 cpv. 1 e art. 153 cpv. 1 OS) 1 L assegnazione delle quote di eccedenze agli stipulanti deve avvenire secondo un piano delle eccedenze. 2 A tale scopo l impresa di assicurazione suddivide il suo portafoglio di contratti di assicurazione sulla vita aventi diritto alle eccedenze in sottoportafogli, ciascuno dei quali con coperture simili. Tale suddivisione può avvenire anche per tassi di interesse tecnico, diversi generi di rischio, vincoli a investimenti o in base ad altri criteri. Ad ogni sottoportafoglio deve essere assegnata, secondo metodi attuariali riconosciuti, una parte della partecipazione complessiva alle eccedenze, tenendo conto del contributo al risultato di ogni singolo sottoportafoglio. 3 L assegnazione ai singoli contratti di assicurazione all interno di un sottoportafoglio non deve comportare disparità sostanziali di trattamento, non giustificabili sotto il profilo giuridico o attuariale (art. 117 cpv. 2 OS) d) Art. 30 Rapporti alla FINMA (art. 25 LSA) Nell ambito del rapporto di sorveglianza annuo (art. 25 cpv. 2 LSA), l impresa di assicurazione redige un rapporto dettagliato relativo alle eccedenze che contiene, in particolare, informazioni sulla suddivisione del portafoglio in sottoportafogli, sul sistema di ripartizione delle eccedenze /29

15 ai vari sottoportafogli e all interno di essi, sulla scelta dei parametri per le eccedenze e sull'ammontare delle eccedenze assegnate ai singoli sottoportafogli. Occorre inoltre effettuare una stima delle fonti di utili e di perdite, che può avvenire sulla base di una segmentazione più approssimativa. B. Partecipazione alle eccedenze al di fuori della previdenza professionale a) Art. 31 Fondo delle eccedenze (art. 136 OS) 1 Ogni anno viene destinato al fondo delle eccedenze un importo che può essere anche pari a zero. 2 In seguito all attribuzione di tale importo, dal fondo delle eccedenze deve essere prelevato ogni anno almeno il 20% da assegnare ai contratti di assicurazione aventi diritto alle eccedenze al più tardi nell anno successivo. 3 L impresa di assicurazione può effettuare prelievi dal fondo delle eccedenze esclusivamente nel quadro dell assegnazione delle eccedenze o per compensare importi mancanti ai sensi dell art. 136 cpv. 5 OS. Il prelievo annuo rispecchia quindi solo in parte l andamento degli affari nell esercizio in questione. Gli esercizi più positivi e quelli meno positivi vengono perequati. 4 Non vengono gestiti tramite il fondo delle eccedenze gli importi assegnati a contratti di assicurazione aventi diritto alle eccedenze il cui ammontare non può essere stabilito dall impresa di assicurazione b) Art. 32 Assegnazione delle quote di eccedenze (art. 137 OS) 1 L assegnazione delle eccedenze ai sottoportafogli deve avvenire in base a metodi attuariali riconosciuti. Sono ammesse le seguenti procedure: a. la classificazione gerarchica dei sottoportafogli e la distribuzione delle eccedenze a partire dal livello gerarchico più alto a quello più basso in base al contributo al risultato di ogni singolo sottoportafoglio; b. la definizione dei parametri di eccedenza (tassi di eccedenza per interesse, rischio o spese) per ogni sottoportafoglio, in base alle sue caratteristiche specifiche, come l andamento dei sinistri o altri fattori che incidono sul risultato; le differenze fra i vari sottoportafogli o rispetto all assegnazione complessiva devono essere giustificabili sotto il profilo attuariale; c. altri metodi o varianti, a condizione che siano giustificabili sotto il profilo attuariale La partecipazione alle eccedenze è formata da componenti di interesse, rischio e spese che devono essere determinate per ogni sottoportafoglio nel quadro dell assegnazione delle eccedenze. Le componenti delle eccedenze possono risultare negative ed essere compensate reciprocamente. Tuttavia, per ogni sottoportafoglio e per ogni contratto, la somma delle componenti delle eccedenze come pure la quota della partecipazione alle eccedenze correnti e la quota finale di eccedenze devono essere pari o superiori a zero /29

16 3 All interno dei sottoportafogli l assegnazione delle eccedenze ai singoli contratti deve avvenire, in linea di massima, in modo proporzionale rispetto ai parametri di riferimento premio di rischio per decesso e invalidità, premio di costo e provvisione matematica. 4 Per motivi particolari, segnatamente motivi tecnici (p. es. sistema di gestione) o sistematici (p. es. rendite da eccedenze), è possibile procedere secondo metodi diversi dai principi sopra menzionati (p. es. metodi meccanici). Deve essere comunque garantito che nell assegnazione ai contratti all interno dei sottoportafogli non si verifichino disparità sostanziali di trattamento non giustificabili sotto il profilo giuridico o attuariale (art. 117 cpv. 2 OS). 5 Eventuali modifiche delle modalità di assegnazione (p. es. sostituzione della quota corrente di eccedenze con quella finale oppure cambiamento del tipo di utilizzo) sono considerate, fra l'altro, modifiche del sistema ai sensi dell art. 137 cpv. 3 OS c) Art. 33 Eccedenza finale (art. 138 OS) 1 Per l eccedenza finale prevista alla scadenza del contratto viene costituita una provvisione individuale relativa al contratto stesso mediante prelievo dal fondo delle eccedenze. 2 Il diritto al termine dell intera durata dell assicurazione è pari alla provvisione individuale per la quota di eccedenze finale al momento della scadenza del contratto. Nel periodo antecedente alla scadenza del contratto, la provvisione individuale non può essere ridotta. 3 La provvisione per la quota finale di eccedenze è un impegno che rientra nell importo legale del patrimonio vincolato e non può entrare in linea di conto per la copertura del margine di solvibilità. 4 La provvisione per la quota finale di eccedenze liberatasi in seguito a decesso, trasformazione o riscatto va a confluire nel fondo delle eccedenze, sempre che non sia stata accreditata allo stipulante. L operazione non deve avvenire per ogni singolo contratto, ma può essere effettuata nel quadro dell'attribuzione annua al fondo delle eccedenze. La liquidazione del diritto all eccedenza finale in caso di riscatto e conversione è disciplinata dall art d) Art. 34 Prescrizioni varie 1 Nell ambito dell'assegnazione delle eccedenze, l'impresa di assicurazione può considerare la concordanza specifica per il singolo prodotto tra gli impegni assicurativi e i valori patrimoniali afferenti (ALM) 2, specialmente in caso di versamenti unici e premi periodici. L impresa di assicurazione può inoltre quantificare e computare anche eventuali differenze nelle spese di garanzia, per esempio per impegni elevati o esigui relativi agli interessi oppure per contratti con o senza deduzione per il rischio di tasso in caso di riscatto (art. 15). 2 Se prima della stipulazione di un contratto di assicurazione di capitalizzazione l'impresa di assicurazione informa lo stipulante circa l'ammontare delle eventuali future partecipazioni alle eccedenze, è tenuta a fornirgli più esempi di calcolo al riguardo con diversi tassi di interesse. Uno degli scenari deve basarsi su parametri aggiornati. Gli altri scenari devono illustrare, con un ventaglio equilibrato di casi più o meno favorevoli, la variabilità del possibile andamento futuro del valore. I tassi di interesse utilizzati devono essere indicati ALM: asset liability management o gestione di attivi/passivi. 16/29

17 Esempi di calcolo unilateralmente favorevoli o irrealistici in quanto esageratamente positivi ingannano lo stipulante per quanto riguarda le effettive opportunità offerte dalla prestazione complessiva del contratto. Sono quindi ritenuti abusi ai sensi dell art. 117 cpv. 1 lett. a OS. 3 L impresa di assicurazione è tenuta a comunicare esplicitamente allo stipulante che gli esempi di calcolo si basano su ipotesi non garantite e che i rendimenti conseguiti in passato non sono indicativi per lo sviluppo futuro. È tenuta inoltre a precisare che dagli esempi di calcolo non scaturiscono obblighi contrattuali di alcun tipo. 4 L attribuzione di eccedenze più elevate rispetto ad altri stipulanti, nell ottica di conformarsi a esempi di calcolo emessi precedentemente, si traduce in una sostanziale disparità di trattamento non giustificabile ai sensi dell art. 117 cpv. 2 OS. Questa regola non si applica alla partecipazione alle eccedenze di rendite in corso. 5 In caso di versamenti unici, le partecipazioni alle eccedenze per rischio e spese si basano in genere sui premi di rischio e sulle spese annuali calcolati. Sono ammesse approssimazioni con riserva del divieto di abuso. 6 Una partecipazione anticipata alle eccedenze è ammessa a condizione che si basi su valori relativamente stabili. La partecipazione alle eccedenze anticipata deve fare riferimento a un solo anno e va definita analogamente alla partecipazione alle eccedenze posticipata. La partecipazione alle eccedenze anticipata è possibile, per esempio, in caso di assicurazioni di decesso pure a premio annuo. La partecipazione alle eccedenze anticipata può essere conteggiata con il premio annuo e) Art. 35 Informazione nelle basi contrattuali 1 Nell ambito delle basi contrattuali, l impresa di assicurazione fornisce allo stipulante, in modo chiaro e comprensibile, le informazioni ai sensi dell art. 130 OS. 2 Le informazioni relative all assegnazione delle eccedenze includono in particolare la descrizione dei principi per l assegnazione della partecipazione alle eccedenze prelevata dal fondo delle eccedenze. Devono inoltre essere descritte le modalità di distribuzione della quota di eccedenze finale in caso di riscatto e decesso f) Art. 36 Informazione annuale degli stipulanti L impresa di assicurazione deve consegnare ogni anno agli stipulanti un conteggio verificabile della partecipazione alle eccedenze che deve contenere in particolare le seguenti indicazioni: a. basi aggiornate per il calcolo della partecipazione alle eccedenze e principi per la relativa assegnazione; b. ammontare della partecipazione alle eccedenze; 166 c. per contratti con eccedenza finale: situazione del diritto minimo alla quota di eccedenza finale alla scadenza dell intera durata contrattuale e situazione della quota della provvisione per l eccedenza finale garantita in caso di riscatto; d. per contratti con accumulo con interessi delle quote di eccedenze: situazione del conto eccedenze e del tasso di interesse di accumulo aggiornato; /29

18 e. per contratti con quota di risparmio: distinzione almeno tra le componenti eccedenti di interesse e le altre come pure indicazione del tasso di remunerazione totale della provvisione matematica. Laddove possibile e opportuno, si raccomanda di operare, per tutti i contratti, una distinzione della partecipazione alle eccedenze in base alle componenti interesse, rischio e spese C. Partecipazione alle eccedenze nella previdenza professionale a) Art. 37 Partner contrattuali nella previdenza professionale Le disposizioni che seguono disciplinano l assegnazione delle eccedenze ai partner contrattuali diretti dell'impresa di assicurazione (stipulante). 171 Vi rientrano in particolare gli istituti di previdenza e i titolari di polizze di libero passaggio. 172 b) Art. 38 Fondo delle eccedenze (art OS) 1 Per i contratti stipulati nell'ambito della previdenza professionale, il fondo delle eccedenze è suddiviso in due parti: una parte è destinata ai contratti con quota minima obbligatoria, l'altra a casi particolari ai sensi dell'art. 146 OS. 2 L assegnazione degli importi accreditati al fondo delle eccedenze agli stipulanti secondo l art. 152 cpv. 2 OS deve essere presentato alla FINMA in forma adeguata, per esempio mediante un conteggio per tranche. L accredito al fondo delle eccedenze per i contratti con quota minima obbligatoria e il prelievo straordinario per coprire un eventuale saldo negativo ai sensi dell art. 150 OS sono disciplinati nella Circ. FINMA 08/36 «Contabilità previdenza professionale» c) Art. 39 Assegnazione delle quote di eccedenze (art. 153 OS) 1 L assegnazione agli istituti di previdenza deve avvenire secondo un metodo applicabile in modo coerente anche ai contratti affiliati e alle relative polizze degli assicurati. 2 In linea di massima, l assegnazione delle eccedenze avviene analogamente alle prescrizioni dell'art. 32 relative ai contratti al di fuori della previdenza professionale. 3 Nell'ambito dell assegnazione delle eccedenze è possibile tenere conto dell andamento dei sinistri credibilizzato in funzione dell entità e della durata di osservazione dall ottica collettiva come pure dell esperienza relativa ai costi. In ambito collettivo le componenti di eccedenza negative possono essere compensate con quelle positive. Le disposizioni di questo capoverso non regolano la distribuzione della partecipazione alle eccedenze assegnata a un istituto di previdenza su contratti affiliati d) Art. 40 Informazione nelle basi contrattuali 1 Nell ambito delle basi contrattuali, l impresa di assicurazione fornisce allo stipulante, in modo chiaro e comprensibile, le informazioni ai sensi dell art. 130 OS /29

19 2 Le informazioni relative all assegnazione delle eccedenze includono in particolare la descrizione dei principi per l assegnazione della partecipazione alle eccedenze prelevata dal fondo delle eccedenze. 181 e) Art. 41 Informazione annuale degli stipulanti L impresa di assicurazione deve consegnare ogni anno agli stipulanti un conteggio verificabile relativo alla partecipazione alle eccedenze che deve contenere in particolare le seguenti indicazioni: a. le basi aggiornate per il calcolo della partecipazione alle eccedenze e i principi per la relativa distribuzione; b. l ammontare della partecipazione alle eccedenze; 184 c. per i contratti con quota di risparmio: distinzione almeno tra le componenti eccedenti di interesse e le altre come pure indicazione del tasso di remunerazione totale della provvisione matematica. Si raccomanda di operare per tutti i contratti una distinzione della partecipazione alle eccedenze in base alle componenti interesse, rischio e spese. L informazione degli stipulanti in merito al conto di esercizio è disciplinata nella Circ. FINMA 08/36 «Contabilità previdenza professionale» V. Disposizioni finali Art. 42 Entrata in vigore e disposizioni transitorie 1 La presente circolare entra in vigore il 1 gennaio Sostituisce tutte le direttive dell ex UFAP relative al tasso di interesse tecnico nell assicurazione individuale sulla vita, in particolare quella dell 11 giugno Si applica ai contratti di assicurazione stipulati per nuovi prodotti lanciati sul mercato a partire dal 1 luglio 2009, a condizione che i capoversi seguenti non contengano disposizioni divergenti. 4 Per i contratti di assicurazione relativi a prodotti esistenti già al 1 gennaio 2009 si applicano le prescrizioni di cui agli art sulle stipulazioni effettuate dal 1 gennaio Le prescrizioni sulla partecipazione alle eccedenze nell assicurazione sulla vita valgono anche per i contratti già in essere dal 1 gennaio 2010, con riserva dei cpv. 6, 7 e 8 seguenti. 6 Le norme relative all informazione degli stipulanti sulla partecipazione alle eccedenze secondo gli art. 35, 36, 40 e 41 vanno adottate, per contratti nuovi e contratti esistenti, entro il 1 gennaio Le informazioni sulla suddivisione del portafoglio in sottoportafogli, sul sistema di ripartizione delle eccedenze ai vari sottoportafogli e all'interno di essi, sui parametri scelti per le eccedenze e sull ammontare delle eccedenze assegnate ai singoli sottoportafogli, come pure sulla stima /29

20 delle fonti di utili e di perdite devono essere fornite alla FINMA per la prima volta nel quadro del rapporto sulle eccedenze dettagliato (cfr. art. 30) per l anno 2008 nel 2 semestre Se tale rapporto non può essere trasmesso entro i termini previsti, occorre inoltrare alla FINMA una domanda che propone un altra procedura motivata. 8 La distinzione delle componenti di eccedenza tra eccedenza di interesse e altra eccedenza nel calcolo dell assegnazione delle eccedenze a livello di contratto (cfr. art. 32) e nell'ambito dell'informazione annua degli stipulanti (cfr. art. 36) non è necessaria, in deroga al cpv. 6, per i contratti stipulati prima del 1 gennaio 2011 con sistemi di eccedenza meccanici. 9 Le regole per gli esempi di calcolo relativi alle assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni secondo l art. 8 e per gli esempi di calcolo relativi alle possibili partecipazioni alle eccedenze future secondo l art. 34 devono essere attuate entro il 1 gennaio 2011 per i contratti di nuova stipula. 10 Nell ambito dei contratti in essere con eccedenze finali, le imprese di assicurazione costituiscono provvisioni per la quota di eccedenze finale. L accumulo può avvenire in modo graduale sull arco di diversi anni. Le imprese di assicurazione devono inoltrare alla FINMA entro il 30 giugno 2009 un piano che illustri come vengono alimentate tali provvisioni /29

Indice. I. Scopo nm. 1. II. Campo di applicazione nm. 2-3. III. Principi nm. 4-11. IV. Costituzione delle provvisioni tecniche nm.

Indice. I. Scopo nm. 1. II. Campo di applicazione nm. 2-3. III. Principi nm. 4-11. IV. Costituzione delle provvisioni tecniche nm. Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2008/12 Principio della porta girevole previdenza professionale

Circolare 2008/12 Principio della porta girevole previdenza professionale Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2008/42 Riserve tecniche assicurazione contro i danni. Riserve tecniche nell assicurazione contro i danni

Circolare 2008/42 Riserve tecniche assicurazione contro i danni. Riserve tecniche nell assicurazione contro i danni Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2011/3 Riserve tecniche riassicurazione. Riserve tecniche nella riassicurazione

Circolare 2011/3 Riserve tecniche riassicurazione. Riserve tecniche nella riassicurazione Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 24 marzo 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza sull assicurazione vita del 29

Dettagli

Revisione interna nel settore assicurativo

Revisione interna nel settore assicurativo Circolare 2008/35 Revisione interna assicuratori Revisione interna nel settore assicurativo Riferimento: Circ. FINMA 08/35 «Revisione interna assicuratori» Data: 20 novembre 2008 Entrata in vigore: 1 gennaio

Dettagli

Riconoscimento degli istituti di valutazione del merito creditizio (agenzie di rating del credito)

Riconoscimento degli istituti di valutazione del merito creditizio (agenzie di rating del credito) Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST)

Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST) Circolare 2013/2 Facilitazioni SST Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST) Riferimento: Circ. FINMA 2013/xy «Facilitazionii SST» Data: 6 dicembre 2012 Entrata in vigore: 1 gennaio

Dettagli

Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche

Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche Margine di fondi propri e pianificazione del capitale nel settore bancario Riferimento: Circ. FINMA 11/2 «Margine di fondi

Dettagli

Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni

Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni Dipartimento federale delle finanze DFF Ufficio federale delle assicurazioni private UFAP Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni Stato: 1 maggio 2008 1. Situazione

Dettagli

Rendiconto sulla solvibilità I di gruppi e conglomerati assicurativi

Rendiconto sulla solvibilità I di gruppi e conglomerati assicurativi Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circ. FINMA 10/3 «Assicurazione malattie ai sensi della LCA»

Circ. FINMA 10/3 «Assicurazione malattie ai sensi della LCA» Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e cong. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Condizioni generali per l assicurazione individuale sulla vita

Condizioni generali per l assicurazione individuale sulla vita Condizioni generali per l assicurazione individuale sulla vita (Edizione 2007 - EEL005I5) Indice 1 Basi del contratto 2 Obbligo d avviso 2.1 Conseguenze dovute alla reticenza 3 Diritto di revoca 4 Inizio

Dettagli

Condizioni generali di assicurazione (CGA) per le assicurazioni vita collettive al di fuori della previdenza professionale

Condizioni generali di assicurazione (CGA) per le assicurazioni vita collettive al di fuori della previdenza professionale Condizioni generali di assicurazione (CGA) per le assicurazioni vita collettive al di fuori della previdenza professionale (ramo assicurativo A3.4 secondo l allegato 1 dell Ordinanza sulla sorveglianza,

Dettagli

Circolare 2008/36 Contabilità previdenza professionale. Contabilità nel quadro della previdenza professionale

Circolare 2008/36 Contabilità previdenza professionale. Contabilità nel quadro della previdenza professionale Banche Gruppi e congl finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private (Ordinanza FINMA sulla sorveglianza delle assicurazioni, OS-FINMA) Modifica

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita (Ordinanza sull assicurazione contro i danni, OADa) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza

Dettagli

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (Ordinanza sul libero passaggio, OLP) 831.425 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2012) Il Consiglio

Dettagli

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (Ordinanza sul libero passaggio, OLP) 831.425 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio

Dettagli

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale Rapporto dell UFAP sul rilevamento dei dati e sulla pubblicazione dei conti d esercizio 2005 della previdenza professionale delle imprese svizzere di assicurazione sulla vita 1. Primo conto d esercizio

Dettagli

A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca (art. 37a cpv. 6 della Legge sulle banche [LBCR; RS 952.0])

A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca (art. 37a cpv. 6 della Legge sulle banche [LBCR; RS 952.0]) Le domande più frequenti (FAQ) Garanzie dei depositi Applicazione delle disposizioni legali e normative (Aggiornato al 27 luglio 2012) A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 29 novembre 1993 1 sull

Dettagli

L avere di vecchiaia del pensionato è rimunerato con il tasso di interesse tecnico.

L avere di vecchiaia del pensionato è rimunerato con il tasso di interesse tecnico. Tasso di interesse tecnico per la determinazione dell aliquota di conversione della rendita nella previdenza professionale sovrabbligatoria 11.2003 / UFAP Ramo Vita I. Compendio L aliquota di conversione

Dettagli

Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione

Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione (RPIC) Modifica del 26 giugno 2012 Approvata dal Consiglio federale

Dettagli

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Perizia attuariale relativa alla Cassa pensioni della Confederazione (CPC) Riassunto Autore:

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale

Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione dicembre 2009) La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Regolamento

Dettagli

Gli assicuratori sulla vita e l'attività della previdenza professionale

Gli assicuratori sulla vita e l'attività della previdenza professionale Gli assicuratori sulla vita e l'attività della previdenza professionale I. Compendio Il sistema svizzero delle assicurazioni sociali poggia sostanzialmente su tre pilastri: l'avs, la previdenza professionale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER L ASSICURAZIONE INDIVIDUALE SULLA VITA

CONDIZIONI GENERALI PER L ASSICURAZIONE INDIVIDUALE SULLA VITA Edizione 2014 CONDIZIONI GENERALI PER L ASSICURAZIONE INDIVIDUALE SULLA VITA INDICE 1. Basi del contratto 2 2. Obbligo d avviso 2 2.1 Conseguenze dovute alla reticenza 2 3. Diritto di revoca 2 4. Inizio

Dettagli

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013)

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla liquidità delle banche (Ordinanza sulla liquidità, OLiq) 952.06 del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 2, 10 capoverso

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 13 febbraio 2015 Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 Laupenstrasse 27, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax

Dettagli

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari (Ordinanza sui fondi propri, OFoP) Modifica del Il Consiglio federale svizzero, ordina: I

Dettagli

Leggi, ordinanze e circolari

Leggi, ordinanze e circolari Informazioni specifiche Fiscalità negli investimenti collettivi di capitale Dicembre 2009 I Introduzione Gli aspetti di diritto fiscale svolgono un ruolo chiave per tutti coloro che operano sul mercato

Dettagli

Ordinanza sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private

Ordinanza sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private Ordinanza sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private (Ordinanza sulla sorveglianza, OS) Modifica del 25 marzo 2015 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 9 novembre 2005

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Piano di pagamento flessibile con garanzia

Piano di pagamento flessibile con garanzia TwinStar Income Plus / TwinStar Income Piano di pagamento flessibile con garanzia Con TwinStar Income Plus e TwinStar Income, AXA vi offre una soluzione previdenziale sicura con un allettante potenziale

Dettagli

Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale.

Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza, allestito e spedito dal vostro istituto di previdenza del personale (fondazione) ogni

Dettagli

Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza

Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale Il certificato di previdenza Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale Il certificato di previdenza contiene molte informazioni preziose

Dettagli

Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche

Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche Fatti soggetti ad autorizzazione o ad obbligo di notifica in ambito di borse, banche, commercianti di valori mobiliari e società di audit

Dettagli

Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni)

Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni) Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni) concernente il contratto di affiliazione alla Cassa di previdenza della Confederazione Allegato II 2007-1963 5229 SLA prestazioni generali

Dettagli

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (Ordinanza sul libero passaggio, OLP) 831.425 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2009) Il Consiglio

Dettagli

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE RENDITE VITALIZIE DIFFERITE

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE RENDITE VITALIZIE DIFFERITE Edizione 2014 CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE RENDITE VITALIZIE DIFFERITE INDICE 1. Definizioni 2 1.1 Periodo di rendita 2 1.2 Riserva matematica di inventario 2 1.3 Riserva matematica sufficiente 2 1.4

Dettagli

Interessante potenziale di rendimento Poiché il vostro investimento viene allocato in fondi di prim ordine, potete inoltre

Interessante potenziale di rendimento Poiché il vostro investimento viene allocato in fondi di prim ordine, potete inoltre TwinStar Income Plus / TwinStar Income Piano di pagamento flessibile con garanzia/ Con TwinStar Income Plus e TwinStar Income, AXA vi offre una soluzione previdenziale sicura con un allettante potenziale

Dettagli

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE ASSICURAZIONI SULLA VITA AGGANCIATE A PARTI DI FONDI

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE ASSICURAZIONI SULLA VITA AGGANCIATE A PARTI DI FONDI Editionen 2014 CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE ASSICURAZIONI SULLA VITA AGGANCIATE A PARTI DI FONDI INDICE 1. Definizioni 2 1.1 Parti acquisite 2 1.2 Riserva matematica 2 1.3 Valore di riscatto 2 1.4 Valori

Dettagli

Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni)

Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni) Allegato II Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni) concernente il contratto di affiliazione alla Cassa di previdenza della Confederazione del 15 giugno 2007 (Stato 1 gennaio 2014)

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 01 aprile 2016

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 01 aprile 2016 CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 aprile 2016 OGGETTO: Problematiche relative alla tassazione di capitali percepiti in caso di morte in dipendenza di contratti di assicurazione vita

Dettagli

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI Edizione 2014 CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI INDICE 1. Definizioni 2 1.1 Emittente 2 1.2 Prodotto strutturato

Dettagli

Apertura di un conto di libero passaggio ai sensi dell'art. 10 OLP

Apertura di un conto di libero passaggio ai sensi dell'art. 10 OLP Copia la fondazione di libero passaggio Freizügigkeitsstiftung der Migros Bank Apertura di un conto di libero passaggio ai sensi dell'art. 10 OLP Il conto verrà aperto dopo di che la sua prestazione di

Dettagli

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza privata e limitazione della deduzione degli interessi passivi

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza privata e limitazione della deduzione degli interessi passivi Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle contribuzioni AFC Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Imposta federale diretta Berna,

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale

Gestori di investimenti collettivi di capitale Comunicazione FINMA 34 (2012), 23 gennaio 2012 Gestori di investimenti collettivi di capitale Mercati Einsteinstrasse 2, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A205545/GB-M/M-AM1

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV 1 ) 961.611 del 29 novembre 1993 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del 18

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Convenzione di previdenza

Convenzione di previdenza (per uso interno, lasciare in bianco p.f.) Numero del conto di previdenza Originale per la Fondazione Convenzione di previdenza Visto l art. 82 LPP, l intestatario/a della previdenza stipula con la la

Dettagli

Ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa

Ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa Ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa (OReSA) del 20 novembre 2013 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 95 capoverso 3 e 197 numero 10 della Costituzione

Dettagli

INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013

INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013 dicembre 2012 Agli Assicurati dell Istituto di previdenza del Cantone Ticino INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (, LICol) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

partecipazione al rendimento trasparente

partecipazione al rendimento trasparente Realizzate il vostro obiettivo di risparmio a colpo sicuro. Assicurazione risparmio con partecipazione al rendimento trasparente Desiderate costituire un capitale di risparmio importante, per finanziare

Dettagli

PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITA' (art. 28 comma 1 del Regolamento)

PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITA' (art. 28 comma 1 del Regolamento) Allegato I Società... PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITA' (art. 28 comma 1 del Regolamento) Esercizio... (valori in migliaia di euro) Rami per i quali è stato determinato il margine di solvibilità

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

Circolare 2013/9 Distribuzione di investimenti collettivi di capitale

Circolare 2013/9 Distribuzione di investimenti collettivi di capitale Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale Edizione gennaio 2015 2 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza sugli investimenti collettivi, OICol) 951.311 del 22 novembre 2006 (Stato 1 gennaio 2014) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del

Dettagli

del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008)

del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008) Ordinanza sul «Fondo di garanzia LPP» (OFG) 831.432.1 del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 56 capoversi 3 e 4, 59 capoverso 2 e 97 capoverso 1 della

Dettagli

Informazioni precontrattuali

Informazioni precontrattuali Allianz Suisse Società di Assicurazioni sulla Vita SA Informazioni precontrattuali Gentile cliente, La ringraziamo per l interesse dimostrato per le nostre assicurazioni sulla vita. Prima di procedere

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Allestimento di un rapporto sulla quota di liquidità a breve termine ed esigenze qualitative in materia di gestione del rischio di liquidità

Allestimento di un rapporto sulla quota di liquidità a breve termine ed esigenze qualitative in materia di gestione del rischio di liquidità Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Ordinanza sugli obblighi di attestazione per le partecipazioni di collaboratore

Ordinanza sugli obblighi di attestazione per le partecipazioni di collaboratore Ordinanza sugli obblighi di attestazione per le partecipazioni di collaboratore (Ordinanza sulle partecipazioni di collaboratore, OParC) del 27 giugno 2012 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli

Dettagli

La polizza di libero passaggio della Basilese

La polizza di libero passaggio della Basilese La polizza di libero passaggio della Basilese Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2012 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione sul prodotto Informazione sul prodotto

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

Assicurazione di capitali con premio unico

Assicurazione di capitali con premio unico Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni LIG 29 lett. b LIFD 20 I lett. a Cfr. in merito a questo tema anche la circolare no. 24 sulle assicurazioni di capitali con premio unico (periodo fiscale

Dettagli

Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPP) (Finanziamento degli istituti di previdenza

Dettagli

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI IL CONSULENTE: TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE L Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare 8/E del 1 aprile 2016 con cui fornisce dei chiarimenti

Dettagli

CCNL & Diritto del lavoro. Regolamentazioni e possibilità di ottimizzazione

CCNL & Diritto del lavoro. Regolamentazioni e possibilità di ottimizzazione CCNL & Diritto del lavoro Regolamentazioni e possibilità di ottimizzazione Indice Sfruttare il potenziale di risparmio del CCNL! 3 Contratto di lavoro con periodo di prova 5 Durata del lavoro 6 Durata

Dettagli

Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (OPP 2) Modifica del 19 settembre 2008 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 18 aprile 1984 1 sulla

Dettagli

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 Definizioni - PIP: piani individuali pensionistici di tipo assicurativo attuati mediante contratti di assicurazione sulla vita;

Dettagli

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI 00187 Roma - Via Sicilia, 57 tel. 06 3236373 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ATTUARI 00186 Roma Via del Corea, 3 tel. 06 3210350 REGOLE APPLICATIVE DEI PRINCIPI ATTUARIALI

Dettagli

Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni

Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni LIG 89, 92 Le società holding ai sensi dell art. 89 cpv. 1 LIG sono persone giuridiche il cui scopo consiste principalmente nella gestione permanente di

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

PREVIDENZA OGGI E DOMANI. ASCOM PENSIONSKASSE (APK) BREVE GUIDA

PREVIDENZA OGGI E DOMANI. ASCOM PENSIONSKASSE (APK) BREVE GUIDA PREVIDENZA OGGI E DOMANI. ASCOM PENSIONSKASSE (APK) BREVE GUIDA PREVIDENZA GLOBALE TRE È IL NUMERO PERFETTO In Svizzera la previdenza globale si fonda su tre pilastri Come lavoratori dipendenti siete assicurati

Dettagli

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv)

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) Il presente Supplemento forma parte integrante e necessaria dei Fascicoli informativi QUALITY

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

Tellco fondazione d investimento

Tellco fondazione d investimento Regolamento della Tellco fondazione d investimento valevoli dal 01.01.2011 Tellco fondazione d investimento Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6431 Svitto t + 41 41 819 70 30 f + 41 41 819 70 35 tellco.ch

Dettagli

Ipoteche. Finanziamenti su misura

Ipoteche. Finanziamenti su misura Ipoteche Finanziamenti su misura Verso l acquisto di una casa di proprietà? Il sogno di una casa tutta propria ha inizio con la ricerca di un immobile adeguato. Un analisi accurata delle vostre esigenze

Dettagli

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 01.03.2013 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Legge federale sulle banche e le casse di risparmio

Legge federale sulle banche e le casse di risparmio Legge federale sulle banche e le casse di risparmio (Legge sulle banche, LBCR) (Rafforzamento della stabilità nel settore finanziario; too big to fail) Modifica del 30 settembre 2011 L Assemblea federale

Dettagli

Luglio 2014 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari

Luglio 2014 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari Luglio Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari Sommario Introduzione... 2 1. Ambito di applicazione... 3 2. Requisiti minimi... 3 2.1 Mezzi propri... 3 2.2 Ammortamento...

Dettagli

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria (OAIF) 955.071 del 18 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l

Dettagli

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di risparmio supplementare 1 valido dal 1 0 gennaio 2015

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di risparmio supplementare 1 valido dal 1 0 gennaio 2015 Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich Regolamento Piano di risparmio supplementare valido dal 0 gennaio 05 Indice DISPOSIZIONI GENERALI... 3. Cerchia delle persone assicurate... 3. Scopo... 3.3

Dettagli

Condizioni generali d assicurazione. Polizze di libero passaggio. Edizione 2013. Tanto facile. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia.

Condizioni generali d assicurazione. Polizze di libero passaggio. Edizione 2013. Tanto facile. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia. Condizioni generali d assicurazione Polizze di libero passaggio Edizione 2013 Tanto facile. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia.ch Indice 1 Stipulazione dell assicurazione 3 2 Prestazioni

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

PIANO DI PREVIDENZA F10

PIANO DI PREVIDENZA F10 REGOLAMENTO 1 a PARTE PIANO DI PREVIDENZA F10 A partire dal 1 gennaio 2012, per tutte le persone assicurate nel piano di previdenza F10 entra in vigore l ordinamento per la previdenza professionale ai

Dettagli