I Consorzi di filiera

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Consorzi di filiera"

Transcript

1 1 La gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio è disciplinata dal D.lgs 22/1997, (Titolo II artt ), in attuazione della Direttiva 94/62/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 dicembre 1994 sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio, modificata dalla Direttiva 2004/12/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio. La recente normativa comunitaria prevede che vengano raggiunti specifici obiettivi di recupero e di riciclaggio dei rifiuti di imballaggio. In particolare gli Stati membri devono adottare le misure necessarie per realizzare gli obiettivi, schematizzati nelle tabelle seguenti, su tutto il loro territorio: Obiettivi di recupero degli imballaggi Direttiva 2004/12/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio Tipologia rifiuto Scadenza Quantitativo Operazione almeno il 50 % e fino Recupero o 30 giugno 2001 Rifiuti di imballaggio al 65 % in peso Incenerimento con 31 dicembre 2008 almeno il 60 % in peso recupero di energia Materiali di imballaggio contenuti nei rifiuti di imballaggio (con un minimo del 15 % in peso per ciascun materiale di imballaggio) 30 giugno dicembre 2008 almeno il 25 % e fino al 45 % in peso almeno il 55 % e fino all'80 % in peso Riciclo Obiettivi di riciclaggio dei materiali contenuti nei rifiuti di imballaggio (entro il 31/12/2008) Direttiva 2004/12/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio Tipologia rifiuto Quantitativo Vetro 60 % Carta e Cartone 60 % Metalli 50 % Plastica (tenuto conto esclusivamente dei materiali riciclati sotto forma di plastica) 22,5 % Legno 15 % Per garantire il raggiungimento degli obiettivi globali di recupero e di riciclaggio dei rifiuti di imballaggio nonché il necessario raccordo con l'attività di raccolta differenziata effettuata dalle pubbliche amministrazioni, è stato istituito il CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi. 1 I contenuti del presente capitolo sono stati elaborati partendo dai dati e dalle informazioni presenti nei siti internet dei Consorzi di filiera. OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 101

2 Il CONAI svolge molteplici funzioni di programmazione ed indirizzo in accordo con le Regioni e con le Pubbliche Amministrazioni interessate: promuove accordi di programma e ne garantisce l attuazione con le Regioni e gli Enti Locali per favorire il riciclaggio e il recupero dei rifiuti di imballaggio; assicura la necessaria cooperazione tra tutti i consorzi di filiera; garantisce il necessario raccordo tra l'amministrazione pubblica, i consorzi e gli altri operatori economici; organizza, in accordo con le pubbliche amministrazioni, le campagne di informazione; ripartisce tra i produttori e gli utilizzatori i costi della raccolta differenziata, del riciclaggio e del recupero dei rifiuti di imballaggi primari, o comunque conferiti al servizio di raccolta differenziata. Tale ripartizione dei costi viene effettuata in proporzione alla quantità totale e alla tipologia del materiale di imballaggio immesso sul mercato nazionale, al netto delle quantità di imballaggi usati riutilizzati nell'anno precedente per ciascuna tipologia di materiale. Il sistema CONAI si basa sull attività di sei Consorzi rappresentativi dei materiali: CONSORZIO NAZIONALE ACCIAIO - Consorzio Nazionale per il Riciclo ed il Recupero degli imballaggi in acciaio; CIAL - Consorzio Imballaggi Alluminio; COMIECO - Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a Base Cellulosica; RILEGNO - Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclaggio degli Imballaggi in Legno; COREPLA - Consorzio per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica; COREVE - Consorzio Recupero Vetro. Tali consorzi sono specifici per tipologia di materiale e sono costituiti essenzialmente dalle imprese produttrici di imballaggi e dagli utilizzatori. I sei consorzi hanno l obiettivo di razionalizzare ed organizzare la raccolta, il riciclaggio ed il recupero degli imballaggi usati e dei rifiuti di imballaggi conferiti al servizio pubblico, secondo criteri di efficacia, efficienza ed economicità. I mezzi finanziari per il funzionamento dei predetti Consorzi sono costituiti dai proventi delle attività e dai contributi dei soggetti partecipanti. Ciascun Consorzio mette a punto e trasmette al Consorzio Nazionale Imballaggi ed all'osservatorio Nazionale Rifiuti un proprio Programma specifico di prevenzione che costituisce la base per l'elaborazione del Programma Generale. Ogni anno i Consorzi trasmettono al Consorzio Nazionale Imballaggi l'elenco degli associati ed una relazione sulla gestione ed i risultati conseguiti nel recupero e nel riciclo dei rifiuti di imballaggio. In tale relazione possono essere evidenziati i problemi inerenti il raggiungimento degli scopi istituzionali e le eventuali proposte di adeguamento della normativa. L attività di ciascun Consorzio è disciplinata da un apposito statuto ed attuata da uno specifico regolamento. OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 102

3 Consorzio Nazionale Acciaio Consorzio Nazionale per il Riciclo ed il Recupero degli imballaggi in acciaio Al Consorzio Nazionale Acciaio, cui aderiscono circa 250 imprese, partecipano fornitori e importatori di materiale in acciaio per imballaggio, tali consorziati sono distinti in tre categorie di appartenenza: fabbricanti di imballaggi; produttori ed importatori di materiale in acciaio; utilizzatori che producono e riempiono imballaggi in acciaio e utilizzatori che importano imballaggi in acciaio pieni. Il Consorzio Nazionale Acciaio ha l obiettivo di promuove l attivazione e la gestione di accordi con Enti locali, gestori del servizio e recuperatori per la raccolta differenziata sotto forma di convenzioni, assicurare il corretto conferimento da parte delle aziende, verificare i flussi di raccolta e di destinazione del materiale e sostenere, per quanto possibile, la riduzione dei rifiuti a monte. Gli imballaggi in acciaio sono tutti i manufatti in acciaio destinati al contenimento o al confezionamento di altri materiali. In particolare rientrano in questa categoria i seguenti imballaggi: 1. Scatolame per alimenti 2. Bombolette per alimenti e per prodotti destinati all igiene personale 3. Chiusure metalliche per vasetti di vetro in genere 4. Tappi corona applicati sulle bottiglie in vetro 5. Scatole in acciaio da confezione regalo Nella provincia dell Aquila, purtroppo, non risulta attiva alcuna convenzione per l anno Nell intera regione Abruzzo sono presenti 2 ditte associate, una in Provincia di Pescara e l altra in Provincia di Chieti, ed una sola ditta consorziata in Provincia di Chieti. CIAL Consorzio Imballaggi Alluminio Il Consorzio Imballaggi Alluminio raggruppa le maggiori aziende di produzione e di trasformazione di imballaggi in alluminio che coprono oltre il 95% del prodotto immesso sul OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 103

4 mercato nazionale. Partecipano al Consorzio le imprese produttrici e gli utilizzatori di imballaggi in alluminio. Tali soggetti sono distinti in tre categorie: produttori e importatori di alluminio destinato alla fabbricazione di imballaggi; fabbricanti, trasformatori ed importatori di imballaggi vuoti in alluminio; utilizzatori di imballaggi in alluminio compresi quelli che provvedono direttamente alla produzione di imballaggi in alluminio ed al loro riempimento. Il Consorzio è stato costituito per il raggiungimento degli obiettivi di riciclaggio e di recupero dei rifiuti di imballaggi in alluminio (immessi sul mercato nazionale) con particolare riguardo per quelli conferiti al servizio pubblico e provenienti dalla raccolta differenziata. Il Consorzio svolge le proprie attività in stretto collegamento ed in costante collaborazione con l Osservatorio Nazionale sui Rifiuti e con il CONAI ai quali trasmette un proprio Programma Specifico di Prevenzione. Gli imballaggi in alluminio possono essere rigidi, semirigidi, flessibili e accoppiati e consistono essenzialmente in: 6. Lattine per bevande 7. Scatole per alimenti 8. Bombole aerosol 9. Chiusure per bottiglie e vasi 10. Tubetti 11. Vaschette 12. Foglio sottile Nella provincia dell Aquila nel corso del 2003 risultano attive 3 convenzioni, una con una ditta privata, una con una società a completo capitale pubblico ed una con un Amministrazione Comunale e coprono un territorio di 12 Comuni. COMIECO Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a Base Cellulosica Al Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica aderiscono circa aziende, rappresentate principalmente dalle cartiere, dagli importatori di carta per imballaggi e dai fabbricanti di imballaggi in carta, cartone e cartoncino, sacchi e shopper. La finalità di Comieco è il riciclo e il recupero energetico degli imballaggi di origine cellulosica, per garantire il OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 104

5 raggiungimento degli obiettivi previsti dalla normativa vigente. I Soci di Comieco sono produttori, importatori, trasformatori di materiale e di imballaggi cellulosici e recuperatori. Il Consorzio stipula con le Amministrazioni locali apposite convenzioni per la raccolta differenziata, e gestisce volontariamente, d'intesa con CONAI, il sistema della raccolta e dell'avvio a riciclo di carta e cartone provenienti dalla raccolta comunale anche attraverso la rete di piattaforme dislocate su tutto il territorio nazionale. Il sistema è finanziato, per quanto concerne la raccolta differenziata organizzata dai Comuni, con il contributo ambientale, che dal 1 ottobre 1998 è applicato in fattura su tutti gli imballaggi immessi al consumo in Italia. Nell ambito delle convenzioni stipulate con Enti e Comuni, Comieco offre un utile supporto per la realizzazione di campagne di sensibilizzazione dei cittadini, ad integrazione dei corrispettivi economici riconosciuti per il servizio di raccolta. Il Consorzio attiva anche campagne nazionali di promozione della raccolta differenziata e di riciclo nonché di valorizzazione dell uso di carta, cartone e cartoncino. Comieco promuove, infine, un marchio ecologico registrato, da utilizzare sui singoli imballaggi, per certificare l appartenenza al sistema nazionale. In Provincia dell Aquila al 2003 risultano attive 6 convenzioni a copertura di 37 Comuni. RILEGNO Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclaggio degli Imballaggi in Legno. Al Consorzio aderiscono circa aziende fra cui fornitori di materiali, fabbricanti di imballaggi ortofrutticoli, di pallet e di imballaggi industriali, utilizzatori che importano imballaggi in legno pieni, utilizzatori che provvedono direttamente sia alla produzione sia al riempimento, tutti gli Enti e le imprese che riciclano rifiuti di imballaggio in legno. In collaborazione con il CONAI, Rilegno coordina e promuove la raccolta, il recupero e il riciclaggio dei rifiuti di imballaggio di legno. Il Decreto Ronchi fissava nel 50% l'obiettivo di raccolta per il 2002, Rilegno è riuscito a riciclare quasi il 60% degli imballaggi immessi al consumo superando così gli obiettivi prefissati. La gestione del sistema di raccolta degli imballaggi legnosi è regolata attraverso la stipula di apposite convenzioni con aziende private o pubbliche. In provincia dell Aquila è stata firmata una sola convenzione a copertura di 20 Comuni. OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 105

6 COREPLA Consorzio per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica. Il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio ed il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica conta più di aziende associate ed è il più grande fra i Consorzi del settore in Italia e il secondo in Europa. Aderiscono al Consorzio produttori e importatori di materie plastiche per imballaggio, utilizzatori che fabbricano e riempiono imballaggi in plastica, utilizzatori che importano imballaggi in plastica pieni e riciclatori di rifiuti di imballaggi in plastica. Il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggi in plastica é stato avviato in oltre Comuni italiani, la popolazione coinvolta sfiora il 90%, valore che si conferma di eccellenza a livello europeo. Compito del Corepla é l'estensione dell'attività di raccolta, recupero e riciclo alla maggior parte degli imballaggi in plastica, oltre naturalmente ai contenitori in plastica per liquidi già attiva fin dal 1991 (con l'ex Consorzio Replastic). Il Consorzio promuove e sostiene attivamente la rete di centri di conferimento e di selezione, con l'obiettivo di rendere sempre più agevole e meno dispendioso il passaggio del materiale dai Comuni e dalle aziende che effettuano la raccolta differenziata alle imprese che selezionano, trasformano e valorizzano i rifiuti di imballaggi in plastica. In provincia dell Aquila al 2003 risultano attive 8 convenzioni con il consorzio Corepla con soggetti pubblici e privati, a copertura di 88 Comuni. COREVE Consorzio Recupero Vetro Il Consorzio per il Recupero del Vetro ha per scopo il raggiungimento degli obiettivi di riciclo e di recupero dei rifiuti di imballaggio in vetro prodotti sul territorio nazionale. Al Coreve, cui aderiscono circa 100 imprese, che costituiscono il 100% del mercato, partecipano produttori e importatori di imballaggi in vetro, utilizzatori che producono in proprio imballaggi e provvedono al loro riempimento, nonché importatori di imballaggi in vetro pieni. Tali soggetti sono distinti in quattro categorie: i produttori di materiale di imballaggio in vetro; i produttori di imballaggi in vetro; gli importatori di imballaggi in vetro vuoti; OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 106

7 gli utilizzatori che producono imballaggi in vetro e provvedono al loro riempimento, e gli utilizzatori che importano imballaggi pieni in vetro. Il Consorzio, che opera all interno del sistema CONAI, collabora con gli altri cinque Consorzi di filiera, razionalizzando, gestendo e promuovendo il ritiro dei rifiuti in vetro provenienti dalla raccolta differenziata effettuata dal servizio pubblico e predispone il Programma specifico di prevenzione che trasmette al CONAI per l elaborazione delle linee guida da seguire nelle attività di prevenzione e recupero dei rifiuti di imballaggio in vetro. Infine garantisce l avvio al riciclo del materiale raccolto. Nel territorio della provincia dell Aquila si registra uno scarso numero di convenzioni attive al Sebbene la raccolta differenziata del vetro risulta attiva in 104 Comuni (sui 108 totali), il numero delle convenzioni attive al 31 Dicembre 2003 è pari a 3, a copertura di soli 11 Comuni. OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 107

8 Accordo quadro ANCI - CONAI L'Accordo Quadro Anci - CONAI è stato siglato l'8 luglio 1999 tra il Consorzio Nazionale Imballaggi e l'associazione Nazionale dei Comuni Italiani. L'accordo stabilisce le modalità con cui il Sistema CONAI - Consorzi di Filiera partecipa alla spesa necessaria per la raccolta dei rifiuti di imballaggio conferiti al servizio di raccolta pubblica. Tale accordo stabilisce: a) l'entità dei costi della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio da versare ai Comuni, determinati sulla base della tariffa di cui all'articolo 49 del d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22 secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicità di gestione del servizio medesimo; b) gli obblighi e le sanzioni posti a carico delle parti contraenti; c) le modalità di raccolta dei rifiuti da imballaggio in relazione alle esigenze delle attività di riciclaggio e di recupero. L'accordo è completato da cinque allegati tecnici relativi ai seguenti materiali: acciaio, alluminio, carta, legno e plastica. Ognuno di questi allegati definisce dettagli delle relative convenzioni, attraverso le quali viene data attuazione all'accordo. Le convenzioni vengono firmate tra il relativo Consorzio di Filiera e il Comune o il gestore del servizio della raccolta differenziata da esso delegato. Il Comune che avvia la raccolta differenziata ha tre diverse opzioni con cui accedere alla convenzione: Se esso gestisce in economia il servizio della raccolta differenziata è il soggetto deputato alla firma della convenzione, Se esso affida in concessione il servizio della raccolta differenziata può dare delega all'azienda concessionaria a firmare la convenzione, Se esso affida in concessione il servizio della raccolta differenziata può comunque firmare direttamente la convenzione. La convenzione prevede che il soggetto convenzionato si impegni a consegnare i rifiuti provenienti da raccolta differenziata al relativo Consorzio presso una piattaforma che viene prescelta in base alle esigenze di entrambi i soggetti contraenti. Parimenti il Consorzio si impegna a prendere in carico il materiale e a pagare un corrispettivo per ogni chilogrammo di materiale conferito. Il corrispettivo è funzione della qualità del materiale conferito e di eventuali prestazioni aggiuntive. La convenzione definisce inoltre altri particolari, quali le modalità di raccolta, il trattamento delle frazioni estranee, le responsabilità in merito alle campagne di comunicazione e informazione, ecc. Relativamente alla raccolta differenziata per i rifiuti di imballaggi in vetro, i Comuni possono stipulare una Convenzione che, pur non rientrando tra quelle di cui all'accordo Quadro, è impostata secondo le medesime modalità e i medesimi principi delle cinque convenzioni sopra descritte, ed è disciplinata dal Decreto Ministeriale 4 agosto OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 108

9 FRAZIONE RD Numero di convenzioni attive Numero di Comuni coperti da convenzione Legno 1 20 Carta e cartone L Aquila Comuni coperti da convenzione Aielli, Bisegna, Cappadocia, Carsoli, Celano, Cerchio, Collarmele, Collelongo, Gioia dei Marsi, Lecce nei Marsi, Magliano de' Marsi, Ortona dei Marsi, Ortucchio, Pereto, Pescina, Rocca di Botte, Rocca di Mezzo, San Benedetto dei Marsi, Trasacco, Villavallelonga Aielli, Avezzano, Bisegna, Cappadocia, Carsoli, Celano, Collarmele, Collelongo, Gioia dei Marsi, Lecce nei Marsi, Luco dei Marsi, Oricola, Ortona dei Marsi, Ortucchio, Pereto, Pescina, Rocca di Botte, Rocca di Mezzo, San Benedetto dei Marsi, Scurcola Marsicana, Trasacco, Villavallelonga. Enti Convenzionati Effe System s.r.l. Aciam S.p.A A.S.M. S.p.A - L'Aquila 3 Pratola Peligna, Raiano, Roccacasale Co.Ge.Sa. 1 Sulmona Comune di Sulmona 1 Sante Marie GEA di Martinelli & C sas 9 Balsorano, Canistro, Capistrello, Castellafiume, Civita d'antino, Civitella Roveto, Morino, San Vincenzo Valle Roveto, Tagliacozzo SEGEN S.p.A Vetro L'Aquila Balsorano, Canistro, Capistrello, Castellafiume, Civita D'Antino, Civitella Roveto, Morino, Sante Marie, San Vincenzo Valle Roveto GEA di Martinelli & C sas A.S.M. S.p.A - L'Aquila 1 Sulmona Comune di Sulmona Alluminio 3 10 Plastica 8 88 Balsorano, Canistro, Capistrello, Castellafiume, Civita d'antino, Civitella Roveto, Luco dei Marsi, Morino, San Vincenzo Valle Roveto, Tagliacozzo SEGEN S.p.A 1 Sulmona Comune di Sulmona 1 Sante Marie Acciano, Aielli, Alfedena, Avezzano, Balsorano, Barete, Barisciano, Barrea, Bisegna, Cagnano Amiterno, Calascio, Canistro, Capestrano, Capistrello, Capitignano, Caporciano, Cappadocia, Carapelle Calvisio, Carsoli, Castel del Monte, Castel di Ieri, Castel di Sangro, Castellafiume, Castelvecchio Calvisio, Castelvecchio Subequo, Celano, Cerchio, Civita D'Antino, Civitella Roveto, Collarmele, Collelongo, Collepietro, Corfinio, Fagnano Alto, Fontecchio, Fossa, Gagliano Aterno, Gioia dei Marsi, Goriano Sicoli, L'aquila, Lecce nei Marsi, Luco dei Marsi, Lucoli, Massa d'albe, Molina Aterno, Montereale, Morino, Navelli, Ocre, Ofena, Opi, Oricola, Ortona dei Marsi, Ortucchio, Ovindoli, Pereto, Pescina, Pettorano sul Gizio, Pizzoli, Poggio Picenze, Prata D'Ansidonia, Pratola Peligna, Raiano, Roccacasale, Rocca di Botte, Rocca di Cambio, Rocca di Mezzo, Roccaraso, San Benedetto dei Marsi, San Benedetto in Perillis, San Demetrio ne' Vestini, San Pio delle Camere, Sante Marie, Sant'Eusanio Forconese, Santo Stefano di Sessanio, San Vincenzo Valle Roveto, Scanno, Scoppito, Scurcola Marsicana, Secinaro, Sulmona, Tagliacozzo, Tione degli Abruzzi, Tornimparte, Trasacco, Villa Santa Lucia degli Abruzzi, Villa Sant'Angelo, Villavallelonga GEA di Martinelli & C sas Marsia Ecoaspa ASM L'Aquila Pavind di Tirimacco Marco Segen S.p.A Comune di Sulmona Comune di Cerchio Tecnologie Ambiente OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 109

10 OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI 110

15 01 01 Imballaggi in carta e cartone. La raccolta della carta in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DELLA CARTA IN PROVINCIA DELL'AQUILA

15 01 01 Imballaggi in carta e cartone. La raccolta della carta in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DELLA CARTA IN PROVINCIA DELL'AQUILA CARTA E CARTONE CODICI CER DESCRIZIONE 15 01 01 Imballaggi in carta e cartone 20 01 01 Carta e cartone La raccolta della carta in Provincia dell'aquila 160.000 148.984,12 134.369,82 120.000 80.000 40.000

Dettagli

Batterie ed Accumulatori

Batterie ed Accumulatori 107 Visualizza la tabella dei Comuni della Provincia dell Aquila 108 CODICI CER BATTERIE ED ACCUMULATORI DESCRIZIONE 20 01 33* batterie e di cui alle voci 16 06 01, 16 06 02 e 16 06 03 nonché batterie

Dettagli

SISMA ABRUZZO 6 APRILE 2009 STIMA QUANTIFICAZIONE MACERIE (aggiornamento al 19 luglio 2010)

SISMA ABRUZZO 6 APRILE 2009 STIMA QUANTIFICAZIONE MACERIE (aggiornamento al 19 luglio 2010) SISMA ABRUZZO 6 APRILE 2009 STIMA QUANTIFICAZIONE MACERIE (aggiornamento al 19 luglio 2010) PREMESSA 1. DETERMINAZIONE DEL VALORE MEDIO DI QUANTITATIVO DI MACERIE RISPETTO AL VOLUME VUOTO PER PIENO DEL

Dettagli

VETRO. La raccolta del vetro in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DEL VETRO IN PROVINCIA DELL'AQUILA. RU Indifferenziati t/a

VETRO. La raccolta del vetro in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DEL VETRO IN PROVINCIA DELL'AQUILA. RU Indifferenziati t/a VETRO CODICI CER DESCRIZIONE 15 01 07 Imballaggi in vetro 20 01 02 La raccolta del vetro in Provincia dell'aquila 160.000 148.984,12 134.369,82 120.000 80.000 40.000 14.614,30 2663,83 Rifiuti Totali Prodotti

Dettagli

ELENCO COMUNI E FUNZIONARI RESPONSABILI

ELENCO COMUNI E FUNZIONARI RESPONSABILI ACCIANO AQ Rosanna TUTERI 67041 AIELLI AQ Emanuela CECCARONI 67030 ALFEDENA AQ Maria RUGGERI 67030 ANVERSA DEGLI ABRUZZI AQ Rosanna TUTERI 67030 ATELETA AQ Rosanna TUTERI 67051 AVEZZANO AQ Emanuela CECCARONI

Dettagli

METALLI. La raccolta dei metalli in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DEI METALLI IN PROVINCIA DELL AQUILA

METALLI. La raccolta dei metalli in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DEI METALLI IN PROVINCIA DELL AQUILA CODICI CER METALLI DESCRIZIONE 15 01 04 Imballaggi metallici 20 01 40 Metallo La raccolta dei metalli in Provincia dell'aquila 160.000 148.984,12 134.369,82 120.000 80.000 40.000 14.614,30 2.570,30 Rifiuti

Dettagli

POR FESR 2007-2013. Ambiti: L aquila; Avezzano; Sulmona

POR FESR 2007-2013. Ambiti: L aquila; Avezzano; Sulmona POR FESR 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI (PIT): Ambiti: L aquila; Avezzano; Sulmona BANDO Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle PMI per progetti di innovazione tecnologica,

Dettagli

Avviso. Quick Impact Projects

Avviso. Quick Impact Projects Avviso Quick Impact Projects Interventi di micro finanza ad impatto rapido per lo start up di nuove imprese nel centro Abruzzo Invito a presentare proposte per l avvio di nuove attività imprenditoriali

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Per le elaborazioni ed i calcoli del livello di RD dei rifiuti urbani raggiunto in ATO, anche quest anno, si è scelto di seguire la procedura proposta dalla Direttiva Regionale

Dettagli

CONTRIBUTO ASSEGNATO. PROPRIETA' E DESCRIZIONE INTERVENTO Provincia III PIANO INTERVENTI EDIFICI SCOLASTICI DELIBERA CIPE 47/2009

CONTRIBUTO ASSEGNATO. PROPRIETA' E DESCRIZIONE INTERVENTO Provincia III PIANO INTERVENTI EDIFICI SCOLASTICI DELIBERA CIPE 47/2009 1 COMUNE DI AIELLI - Edificio materna, elementare e media AQ 940.000,00 2 COMUNE DI ALFEDENA - messa in sicurezza materna e elementare AQ 300.000,00 3 COMUNE DI ANVERSA DEGLI ABRUZZI - Scuola dell'infanzia

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata La Raccolta Differenziata La percentuale di raccolta differenziata è l indice maggiormente utilizzato per valutare i risultati conseguiti nella gestione dei servizi di raccolta dei rifiuti urbani ed è

Dettagli

Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali DATI STATISTICI INDICATORI GRAFICI

Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali DATI STATISTICI INDICATORI GRAFICI Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali DATI STATISTICI INDICATORI GRAFICI Tab. 1 Provincia dell'aquila - Indicatori strutturali POPOLAZIONE Popolazione residente (mgl di unità) Popolazione

Dettagli

ALLEGATO ZONIZZAZIONE PSR 2014-2020

ALLEGATO ZONIZZAZIONE PSR 2014-2020 ALLEGATO ZONIZZAZIONE PSR 2014-2020 1 Indice 1. ZONE RURALI SECONDO ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020... 3 2. ELENCO COMUNI SECONDO ZONIZZAZIONE ADP 2014-2020... 4 3. AREE NATURA 2000... 10 4. AREE ELEGGIBILI

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE 2015-16 Approvato con Decreto Presidenziale n. 21 del 31/08/2015

CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE 2015-16 Approvato con Decreto Presidenziale n. 21 del 31/08/2015 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA Settore Ambiente ed Urbanistica Servizio Tutela e Gestione Faunistica CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE 2015-16 Approvato con Decreto Presidenziale n. 21 del 31/08/2015

Dettagli

IL PENDOLARISMO IN ABRUZZO. Gli spostamenti dei lavoratori e degli studenti della regione

IL PENDOLARISMO IN ABRUZZO. Gli spostamenti dei lavoratori e degli studenti della regione IL PENDOLARISMO IN ABRUZZO Gli spostamenti dei lavoratori e degli studenti della regione A cura di: Servizio per l Informazione Statistica Ufficio Sistema Informativo Statistico Via L. Da Vinci, 6 67100

Dettagli

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d DMC Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo Ragione Sociale Consorzio Soc. Coop. A R.L.P.A. Capitale Sociale Euro 100.000,00 Legale Rappresentante Giagnoli Ottaviana Comuni del territorio coinvolto

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti. Il Caso di Studio dell Acciaio. Riciclaggio e Ciclo di Recupero

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti. Il Caso di Studio dell Acciaio. Riciclaggio e Ciclo di Recupero Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio dell Acciaio Riciclaggio e Ciclo di Recupero Rev. 1 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DELL ACCIAIO...3 3. IL

Dettagli

Misura 3.1. Tutela delle risorse ambientali - Azione 3.1.2 Gestione dei rifiuti - Intervento, 1a) GRADUATORIA. Titolo progetto

Misura 3.1. Tutela delle risorse ambientali - Azione 3.1.2 Gestione dei rifiuti - Intervento, 1a) GRADUATORIA. Titolo progetto REGIONE ABRUZZO Misura 3.1. Tutela delle risorse ambientali - Azione 3.1.2 Gestione dei rifiuti - Intervento, 1a) GRADUATORIA ALL.3 N progr. N ente Prov richiesto assegnato 1 53 Comune di San Demetrio

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata L articolo 24, comma 2 bis del D. Lgs 22/97 prevede l emanazione di un apposito Decreto Ministeriale per stabilire una metodologia e criteri di calcolo delle percentuali di raccolta differenziata omogenei

Dettagli

La frazione secca: il sistema CONAI e i Consorzi di Filiera

La frazione secca: il sistema CONAI e i Consorzi di Filiera La frazione secca: il sistema CONAI e i Consorzi di Filiera La Raccolta Differenziata della frazione secca si riferisce prevalentemente, per quanto non esclusivamente, alla raccolta dei rifiuti di imballaggio.

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

PIANO DI SVILUPPO LOCALE Rimodulazione settembre 2011 GRAN SASSO VELINO: UN IDENTITA MASSICCIA

PIANO DI SVILUPPO LOCALE Rimodulazione settembre 2011 GRAN SASSO VELINO: UN IDENTITA MASSICCIA PIANO DI SVILUPPO LOCALE Rimodulazione settembre 2011 GRAN SASSO VELINO: UN IDENTITA MASSICCIA REGIONE ABRUZZO PSR 2007-2013 La proposta di Piano di Sviluppo Locale consiste in un documento con pagine

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

1 0 COMUNE DI AIELLI - Edificio materna, elementare e media AQ 789600 2 0 COMUNE DI ANVERSA DEGLI ABRUZZI - Scuola dell'infanzia AQ 320000 3 0 COMUNE

1 0 COMUNE DI AIELLI - Edificio materna, elementare e media AQ 789600 2 0 COMUNE DI ANVERSA DEGLI ABRUZZI - Scuola dell'infanzia AQ 320000 3 0 COMUNE PROPRIETA' E DESCRIZIONE INTERVENTO Provincia TOTALE ASSEGNATO 1 COMUNE DI AIELLI - Edificio materna, elementare e media AQ 7896 2 COMUNE DI ANVERSA DEGLI ABRUZZI - Scuola dell'infanzia AQ 32 3 COMUNE

Dettagli

Campagne di misura del radon nelle abitazioni ed in altri edifici della Regione Abruzzo. Prospetto riassuntivo dei dati disponibili (aprile 2012)

Campagne di misura del radon nelle abitazioni ed in altri edifici della Regione Abruzzo. Prospetto riassuntivo dei dati disponibili (aprile 2012) Campagne di misura del radon nelle abitazioni ed in altri edifici della Regione Abruzzo Prospetto riassuntivo dei dati disponibili (aprile 2012) 0. Premessa Il radon è un gas naturale radioattivo che esala

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

L AQUILA. Castello dei Sangro Comune: Anversa degli Abruzzi Come arrivare: http://g.co/maps/ygupz Info: Municipio tel. 0864-49115

L AQUILA. Castello dei Sangro Comune: Anversa degli Abruzzi Come arrivare: http://g.co/maps/ygupz Info: Municipio tel. 0864-49115 L AQUILA Castello dei Sangro Comune: Anversa degli Abruzzi Come arrivare: http://g.co/maps/ygupz Info: Municipio tel. 0864-49115 Castello Orsini-Colonna Comune: Avezzano Come arrivare: http://g.co/maps/5547m

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici

Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici Università Iuav di Venezia 8 9 Aprile 2010 SICUREZZA E CONSERVAZIONE NEL RECUPERO DEI BENI CULTURALI COLPITI DA SISMA Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici Città

Dettagli

ALTITUDINE DEI COMUNI MONTANI (metri dal livello del mare) REGIONE ABRUZZO. Altitudine Comunale. Altitudine Minima. Altitudine Massima

ALTITUDINE DEI COMUNI MONTANI (metri dal livello del mare) REGIONE ABRUZZO. Altitudine Comunale. Altitudine Minima. Altitudine Massima 1 A Amiternina BARETE AQ 800 705 1.531 2 A Amiternina CAGNANO AMITERNO AQ 841 733 1.805 3 A Amiternina CAMPOTOSTO AQ 1.420 1.017 2.270 4 A Amiternina CAPITIGNANO AQ 916 817 1.603 5 A Amiternina FOSSA AQ

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE 2014-2015 Approvato con Delibera di Giunta n. 72 del 04/09/2014

CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE 2014-2015 Approvato con Delibera di Giunta n. 72 del 04/09/2014 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA Settore Ambiente ed Urbanistica Servizio Tutela e Gestione Faunistica CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE 2014-2015 Approvato con Delibera di Giunta n. 72 del 04/09/2014

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Terremoto: ABI Abruzzo, attivo numero verde 800002266 su bancomat funzionanti

Terremoto: ABI Abruzzo, attivo numero verde 800002266 su bancomat funzionanti COMMISSIONE REGIONALE ABRUZZO COMUNICATO STAMPA Terremoto: ABI Abruzzo, attivo numero verde 800002266 su bancomat funzionanti La Commissione regionale ABI Abruzzo informa che sul territorio è attivo il

Dettagli

(Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 44 del 31/07/2001, modificato con Deliberazione n. 30 del 25/05/2006)

(Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 44 del 31/07/2001, modificato con Deliberazione n. 30 del 25/05/2006) Amministrazione Provinciale dell Aquila Statuto (Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 44 del 31/07/2001, modificato con Deliberazione n. 30 del 25/05/2006) TITOLO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Argomento: Sisma Abruzzo. Quesito

Argomento: Sisma Abruzzo. Quesito Argomento: Sisma Abruzzo 1- Una ditta che ha chiesto la sospensione contributiva e quindi non versa il contributo a proprio carico né quello del personale dipendente, all atto del licenziamento di un lavoratore

Dettagli

REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO

REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Regione Lazio Provincia di Rieti COMUNE di BORGOROSE REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Realizzazione con il sistema del promotore art. 153 e seguenti del

Dettagli

Indice Raccolta dati: nuovo sistema di gestione automatizzato... 2 La Produzione di Rifiuti Urbani... 10 La Raccolta Differenziata...

Indice Raccolta dati: nuovo sistema di gestione automatizzato... 2 La Produzione di Rifiuti Urbani... 10 La Raccolta Differenziata... Indice Raccolta dati: nuovo sistema di gestione automatizzato...2 Data base per la gestione dei dati...4 La Produzione di Rifiuti Urbani...10 La Raccolta Differenziata...17 Raccolta Differenziata: un dovere

Dettagli

Chi è Rilegno la responsabilità condivisa

Chi è Rilegno la responsabilità condivisa Chi è Rilegno la responsabilità condivisa Nell ordinamento ambientale nazionale il Decreto Ronchi (D.Lgs. 22/97) ha introdotto un nuovo orientamento nella gestione dei rifiuti, vocato alla prevenzione,

Dettagli

COMUNE DI BALSORANO. ( Provincia Di L Aquila ) C.F. 00211900667 - SEDE : Piazza T. Baldassarre n 13-67052 BALSORANO

COMUNE DI BALSORANO. ( Provincia Di L Aquila ) C.F. 00211900667 - SEDE : Piazza T. Baldassarre n 13-67052 BALSORANO COMUNE DI BALSORANO ( Provincia Di L Aquila ) C.F. 00211900667 - SEDE : Piazza T. Baldassarre n 13-67052 BALSORANO DETERMINAZIONE SINDACALE n. 1 del 28.05.2015 OGGETTO: DEFINIZIONE E APPROVAZIONE DEL PIANO

Dettagli

Elenco dei Comuni appartenenti alla sezione di Tesoreria provinciale dello Stato di L'Aquila - Cod. Sez. 401

Elenco dei Comuni appartenenti alla sezione di Tesoreria provinciale dello Stato di L'Aquila - Cod. Sez. 401 Elenco 1/AQ alla Determinazione n.471 del.9/11/2007 L'Aquila - Cod. Sez. 401 da 1 AQ Aielli 7.829,00 211,38 211,38 304237 2 AQ Alfedena 9.732,00 262,76 262,76 304238 3 AQ Anversa degli Abruzzi 4.156,90

Dettagli

LA CARICA DELLE TASSE LOCALI IN ABRUZZO A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali

LA CARICA DELLE TASSE LOCALI IN ABRUZZO A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LA CARICA DELLE TASSE LOCALI IN ABRUZZO A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ADDIZIONALI REGIONALI IRPEF Con la manovra salva Italia, che ha aumentato dello 0,33% l aliquota base delle Addizionali

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica Bologna, 16 Ottobre 2007 Rilegno la mission e il sistema consortile LA

Dettagli

CORSO DI Logistica Industriale. Facoltà di Ingegneria. IMBALLAGGI E AMBIENTE La gestione degli imballaggi pre e post-consumo. Dott.

CORSO DI Logistica Industriale. Facoltà di Ingegneria. IMBALLAGGI E AMBIENTE La gestione degli imballaggi pre e post-consumo. Dott. CORSO DI Logistica Industriale Facoltà di Ingegneria IMBALLAGGI E AMBIENTE La gestione degli imballaggi pre e post-consumo Dott. Eugenio Bora CONAI Anno 2009-2010 1 La gestione degli imballaggi pre e post-consumo

Dettagli

CONAI obbligo di iscrizione

CONAI obbligo di iscrizione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 21 25 OTTOBRE 2014 CONAI obbligo di iscrizione Copyright 2014 Acerbi & Associati ASSOCIAZIONE

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO dell'area GAL Gran Sasso Velino

PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO dell'area GAL Gran Sasso Velino UNIONE EUROPEA PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO dell'area GAL Gran Sasso Velino PSR ABRUZZO 2007/2013. ASSE IV LEADER. MISURA 413 - QUALITA DELLA VITA, DIVERSIFICAZIONE ATTIVITA

Dettagli

Provincia dell AQUILA

Provincia dell AQUILA Regione Abruzzo Assessorato alle Politiche Sociali Piano Regionale di Azione per i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza 2004-2006 Provincia dell AQUILA Azienda Unità Sanitaria Locale dell Aquila- Avezzano-

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Seminario sulla raccolta differenziata e sulla qualità dei materiali La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Porto S. Elpidio,

Dettagli

CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi

CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi File di servizio 1) Cosa è il CONAI 2) Come funziona 3) Alcuni numeri 3 4) accordo CONAI/ANCI 5) Criticità 6) ODG da presentare in tutte le Province e Comuni CONAI

Dettagli

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione 2013

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione 2013 EASY CONAI Edizione 2013 Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Introduzione CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, è un Consorzio privato senza fini di lucro, a cui

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO)

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO) 1. OGGETTO DELL ALLEGATO ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO) L allegato si riferisce ai rifiuti da imballaggio a base cellulosica primari o comunque conferiti al gestore del

Dettagli

Direzione centrale Entrate. Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali. Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione centrale Entrate. Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali. Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione centrale Entrate Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 21 Aprile 2009 Circolare n. 59 Allegato 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Legno Riciclaggio e Ciclo di Recupero 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL LEGNO...3 3. IL RUOLO DI RILEGNO...5

Dettagli

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Il sistema Conai. Raccolta e riciclo dei rifiuti di imballaggio nella regione Emilia Romagna Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Bologna, 5 febbraio 2010 Il sistema Conai I risultati del quinquennio

Dettagli

Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Versione sintetica

Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Versione sintetica Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Versione sintetica Sintesi principali adempimenti CONAI Al fine di consentire ad ogni impresa di disporre degli elementi essenziali per individuare

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Riccardo Passigato Vice-Direttore Generale Gestione Operativa Materie

Dettagli

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi Riferimenti normativi: D.Lgs

Dettagli

Il Caso di Studio della Plastica

Il Caso di Studio della Plastica Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio della Plastica Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DELLA PLASTICA...4 3. IL RUOLO DEL

Dettagli

ALLEGATO "A" ENTE LOCALE. DIREZIONE QUALITA' DELLA VITA Servizio Sport, Impiantistica Sportiva Ufficio Impiantistica Sportiva e Attività Comunitarie

ALLEGATO A ENTE LOCALE. DIREZIONE QUALITA' DELLA VITA Servizio Sport, Impiantistica Sportiva Ufficio Impiantistica Sportiva e Attività Comunitarie LEGGE 06/03/1987, 65 - Art.1, comma 1, lett.b) - Finanziamento opere con ex somme piano nazionale anno 1989/90 (Euro 6.140.000,00) - Attuazione D.G. 28/11/2003, n.1078. Prospetto interventi - I^ graduatoria,

Dettagli

RISERVE PARCHI, LAGHI

RISERVE PARCHI, LAGHI PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE Lo storico Parco d Abruzzo, istituito nel 1923, esempio di salvaguardia e tutela per tutto il Paese, oggetto di studio anche all estero. Qui sono ancora oggi conservati

Dettagli

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie :

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie : COREPLA, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica, nasce con il Decreto Legislativo 22/97 per organizzare la raccolta dei rifiuti di imballaggi

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio:

La gestione dei rifiuti di imballaggio: La gestione dei rifiuti di imballaggio: la soluzione CONAI Pierluigi Gorani gorani@conai.org Torino, 19 marzo 2013 INDICE 1. Il Problema Produzione di rifiuti: origini e dimensioni del problema Il cambiamento

Dettagli

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD San Costanzo (PU), 15 aprile 2014 Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio CONAI è il sistema privato per la gestione degli imballaggi

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N. 436.. Seduta del 23.09.2014 OGGETTO: DELEGA ALLA DITTA SAP S.R.L. PER LA SOTTOSCRIZIONE DELLE CONVENZIONI

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione dicembre 2015

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione dicembre 2015 EASY CONAI Edizione dicembre 2015 Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Conai e il sistema consortile CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, è un Consorzio privato senza

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Il Nuovo Accordo Anci-Conai 2014-2019 2019 Una nuova fase della raccolta e del recupero degli imballaggi RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Torino 30 Marzo 2015 Chi è Rilegno LA MISSION RILEGNO Nato

Dettagli

Il giorno 18 Gennaio dell'anno 2011, presso la Regione Toscana, sono presenti,

Il giorno 18 Gennaio dell'anno 2011, presso la Regione Toscana, sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, CONAI, ANCI, ANCI-Toscana; Confservizi Cispel Toscana; COREVE, REVET S.p.A, LA REVET VETRI S.r.l. FINALIZZATO ALLA RACCOLTA MONOMATERIALE DEL VETRO NONCHE ALLA

Dettagli

1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI

1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI PIATTAFORMA RIFIUTI ARGOMENTI: 1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI 3. I RISULTATI DA RAGGIUNGERE 4. CONCLUSIONI 1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO PIANO DI MARKETING TERRITORIALE DELL AREA GRAN SASSO-VELINO

PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO PIANO DI MARKETING TERRITORIALE DELL AREA GRAN SASSO-VELINO UNIONE EUROPEA PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO SEZIONE: PIANO DI MARKETING TERRITORIALE DELL AREA GRAN SASSO-VELINO PSR ABRUZZO 2007/2013. ASSE IV LEADER. MISURA 413 - QUALITA DELLA

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

ELENCO IMPIANTI CHE EFFETTUANO ATTIVITÀ DI RECUPERO DEI RIFIUTI INERTI 1 (Aggiornato al 09 Settembre 2014)

ELENCO IMPIANTI CHE EFFETTUANO ATTIVITÀ DI RECUPERO DEI RIFIUTI INERTI 1 (Aggiornato al 09 Settembre 2014) ELENCO IMPIANTI CHE EFFETTUANO ATTIVITÀ DI RECUPERO DEI RIFIUTI INERTI 1 (Aggiornato al 09 Settembre 2014) Si evidenzia che le Ditte sono state inserite nell elenco sulla base di provvedimenti di autorizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008 CIRCOLARE N. 43/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 maggio 2008 OGGETTO: Rifiuti e rottami trattamento fiscale ai fini IVA N. 127-sexiesdecies, della Tabella A Parte III allegata al DPR

Dettagli

dichiara di possedere i requisiti di cui all articolo 5 dello Statuto e di appartenere alla seguente categoria e relativa componente:

dichiara di possedere i requisiti di cui all articolo 5 dello Statuto e di appartenere alla seguente categoria e relativa componente: Domanda di adesione Da inviare a: CdA CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.59904315 1 1.1 Ragione Sociale 1.2 Via/Piazza PEC 1.3

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA ZONA ARANCIO ZONA VERDE EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA I cambiamenti di orari e modalità di conferimento per un servizio ancora più puntuale ed efficiente. Per un centro cittadino

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Romandini Elicio

CURRICULUM VITAE. Romandini Elicio CURRICULUM VITAE COGNOME E NOME Romandini Elicio DATI ANAGRAFICI Nato a S. Egidio alla V.ta (TE) il 6/09/1951 ed ivi residente in Via C. Battisti, 186 TITOLO DI STUDIO ISCRIZIONE ALL ALBO ESPERIENZE DI

Dettagli

CONAI GUIDA ALL ADESIONE E ALL APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE. Dicembre 2005

CONAI GUIDA ALL ADESIONE E ALL APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE. Dicembre 2005 CONAI GUIDA ALL ADESIONE E ALL APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE 2006 Dicembre 2005 CONAI GUIDA ALL ADESIONE E ALL APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE 2006 La Guida al Contributo Conai 2006 viene

Dettagli

I Progetti Natalizi di Raccolta Differenziata Dicembre 2012 Gennaio 2013

I Progetti Natalizi di Raccolta Differenziata Dicembre 2012 Gennaio 2013 I Progetti Natalizi di Raccolta Differenziata Dicembre 2012 Gennaio 2013 Napoli, 13 Dicembre 2012 NON ROMPERE LE SCATOLE..RICICLALE! 2 Il Comune di Napoli e ASIA hanno implementato il servizio di raccolta

Dettagli

IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO

IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO CAPITOLO 4 IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO 367 IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO 4.1 LE FONTI DEI DATI La principale fonte di informazioni sul ciclo degli imballaggi

Dettagli

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA Assessorat du Territoire et de l Environnement Assessorato Territorio e ambiente I NUOVI

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 413 del 03/12/2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di

Dettagli

Conai. guida all adesione e all applicazione del. Contributo Ambientale

Conai. guida all adesione e all applicazione del. Contributo Ambientale Conai guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale dicembre 2004 2005 Conai guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale 2005 Le principali novità introdotte da questa

Dettagli

La raccolta differenziata... ti segue in vacanza!

La raccolta differenziata... ti segue in vacanza! La raccolta differenziata... ti segue in vacanza! Diventa protagonista dell estate e regala un atto d amore alle nostre località turistiche. Basta un piccolo gesto e tanta buona volontà. Presso gli stabilimenti

Dettagli

La gestione degli imballaggi: il Sistema CONAI obblighi e opportunità per le imprese. Milano, 25 febbraio 2016

La gestione degli imballaggi: il Sistema CONAI obblighi e opportunità per le imprese. Milano, 25 febbraio 2016 La gestione degli imballaggi: il Sistema CONAI obblighi e opportunità per le imprese Milano, 25 febbraio 2016 La corretta gestione degli imballaggi è responsabilità di produttori e utilizzatori La Direttiva

Dettagli

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti,

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, REVET S.p.A E COREPLA PER IL MIGLIORAMENTO E L INCREMENTO DEL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI MISTI IN PLASTICA Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso

Dettagli

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 CHI SIAMO Ancitel Energia e Ambiente è la società del Gruppo ANCI, controllata da Ancitel S.p.A., nata nel 2007 per realizzare progetti e servizi per i Comuni italiani

Dettagli

PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE

PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE LA PREVENZIONE: LA PRIMA OPPORTUNITÀ La produzione di rifiuti rappresenta una perdita di risorse materiali e d'energia. Circa un terzo delle risorse usate in Europa viene

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata La Raccolta Differenziata Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Il Regolamento comunale è un insieme di norme utili a salvaguardare il decoro di Roma e a garantire una corretta

Dettagli

Rifiuto che va rifiuto che viene recuperato!

Rifiuto che va rifiuto che viene recuperato! Provincia di bergamo settore ambiente Rifiuto che va rifiuto che viene recuperato! Un opuscolo per farci conoscere quanto e come i nostri rifiuti raccolti in modo differenziato vengono nuovamente utilizzati

Dettagli

consentire la possibilità di usufruire di servizi di telemedicina, tele-commercio, telelavoro, e-learning, telecontrollo, teleconferenza ecc.

consentire la possibilità di usufruire di servizi di telemedicina, tele-commercio, telelavoro, e-learning, telecontrollo, teleconferenza ecc. REGIONE ABRUZZO PSR 2007/2013 MIS. 321 Azione B) Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT) Motivazioni dell intervento Nel panorama regionale esistono alcune aree, soprattutto quelle più

Dettagli