LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli"

Transcript

1 LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al ) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della Legge 388/2000. Quadro di sintesi Caratteristiche: consente di ottenere, per tutto il periodo di adozione, una serie di vantaggi e semplificazioni d natura contabile e fiscale. Durata: tale regime può essere adottato per un periodo massimo di 3 anni, ossia quello di adozione e i due successivi. Requisito soggettivo Soggetti destinatari: Contribuenti minimi: Persone fisiche che decidono di intraprendere un attività artistica o professionale o di impresa e che rispettino alcune condizioni. Soggetti esclusi: Altri soggetti (es. società di persone, società di capitali, cooperative, ecc.). Ulteriori requisiti di accesso 1. il contribuente non deve aver esercitato negli ultimi tre anni attività artistica o professionale ovvero d'impresa, anche in forma associata o familiare; 2. l'attività da esercitare non deve costituire, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo. Unica eccezione esclusa riguarda il caso in cui l'attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell'esercizio di arti o professioni; 3. il contribuente non deve realizzare 1 : a) un ammontare di compensi superiore a ,41 euro, se è lavoratore autonomo; b) un ammontare di ricavi superiore a ,41 euro, se titolare di impresa avente per oggetto prestazione di servizi 2 ; 1 E opportuno precisare che l art. 13, comma 2, lett. C), della L. 388/2000 non prevede che l ammontare dei compensi o ricavi debba essere ragguagliato ad anno. In tal senso si è espressa l Amministrazione finanziaria rispondendo ad uno specifico quesito (cfr. circ. 55/E del 20 giugno 2002). 2 Le attività di prestazioni di servizi sono quelle richiamate dall art. 3 del D.P.R. 633/72, ai commi da 1 a 3 e al comma 4, lett. a), b), e), f) e h) (cfr. circ. 1/E del 3 gennaio 2001)

2 c) un ammontare di ricavi superiore a ,83 euro, se titolare di impresa avente per oggetto altre attività; 4. qualora venga proseguita un'attività' d'impresa svolta in precedenza da altro soggetto, l'ammontare dei relativi ricavi, realizzati nel periodo d'imposta precedente quello di riconoscimento del predetto beneficio, non deve essere superiore a ,41 euro per le imprese aventi per, oggetto prestazioni di servizi ovvero a ,83 euro per le imprese aventi per oggetto altre attività; 5. occorre adempiere regolarmente gli obblighi previdenziali, assicurativi e amministrativi. Adempimenti IVA: obblighi ed esoneri Nel regime delle nuove iniziative produttive l IVA è dovuta secondo le regole ordinariamente previste, ossia quale differenza tra l IVA a debito sorta sulle operazioni attive e l IVA a credito sorta sulle operazioni passive. L eventuale eccedenza a debito dovrà essere versata 3. Il contribuente che si avvale di tale regime contabile è, tuttavia, esonerato da taluni adempimenti. Si riportano gli obblighi e gli esoneri in materia di IVA: Obblighi: conservazione in ordine cronologico dei documenti ricevuti ed emessi (art. 22 del D.P.R. 600/1973); fatturazione e certificazione dei corrispettivi; dichiarazione annuale IVA; versamento annuale IVA (senza interessi). Esoneri: registrazione e tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini IVA; liquidazioni e versamenti periodici IVA; versamento dell acconto IVA 4. comunicazione IVA: 28 febbraio 5 versamento annuale IVA : 16 marzo 6 dichiarazione annuale IVA: 31 luglio 7 Scadenze IVA 3 In caso di saldo IVA a credito, il contribuente potrà chiederne il rimborso o utilizzarlo in compensazione secondo le regole ordinarie. 4 Il contribuente è esonerato dal versamento dell acconto IVA anche nel primo anno di fuoriuscita dal regime, mancando il dato storico al quale commisurare l acconto o al quale raffrontare il dato previsionale (Ris. 157/E del 23 dicembre 2004). 5 Si rammenta che l obbligo di presentazione della comunicazione annuale dati IVA, in generale, riguarda i titolari di partita IVA, tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale IVA, salvo esclusioni specificatamente disciplinate (es. persone fisiche che hanno realizzato nell'anno d imposta cui si riferisce la comunicazione un volume di affari uguale o inferiore a ,84 euro ancorché tenuti a presentare la dichiarazione annuale). 6 E opportuno evidenziare che sull IVA versata a saldo non sono dovuti gli interessi dell 1% (cfr. circ. 59/E del 18 giugno 2001). In caso di dichiarazione unificata (ossia presentazione della dichiarazione IVA all interno di Unico) il versamento può essere eseguito anche il 16 giugno con maggiorazione dello 0,40% per mese o frazione di mese a partire dal 16 marzo fino al 16 giugno; è dovuta un ulteriore maggiorazione dello 0,40% laddove si decida di posticipare il pagamento al 16 luglio. 7 Si ricorda che l unica modalità di presentazione consentita ai titolari di partita IVA è quella telematica

3 Versamento annuale IVA Il termine di versamento del saldo IVA a debito annuale è quello ordinario del 16 marzo e deve essere effettuato in via telematica mediante il modello F-24 indicando il codice tributo ESEMPIO Importo: Anno di imposta: 2008 Numero di rate prescelto: ,00 Euro SEZIONE ERARIO IMPOSTE DIRETTE - IVA RITENUTE ALLA FONTE ALTRI TRIBUTI E INTERESSI codice tributo rateazione/regione/ prov./mese rif. anno di riferimento importi a debito versati (1) 6099 (2) 0101 (3) 2008 (4) 4.000,00 (5) importi a credito compensati codice ufficio codice atto TOTALE A(6) B (7) (8) (9) (10) SALDO (A - B) (1) codice tributo: indicare 6099 (2) rateazione/regione/prov/mese rif: rata che si paga (due cifre) e numero di rate prescelto (due cifre), nell esempio 0101 (3) anno di riferimento: anno d imposta per cui si effettua il pagamento, nell esempio 2008 (4) importi a debito versati: indicare l'importo a debito, nell esempio 4.000,00 (5) importi a credito compensati: non compilare (6) TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario (7) TOTALE B: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, non compilare se non sono presenti importi a credito (8) SALDO (A - B): indicare il saldo (TOTALE A - TOTALE B) (9) codice ufficio: non compilare (10) codice atto: non compilare Dichiarazione annuale IVA Nella compilazione della dichiarazione IVA valgono le regole ordinarie. Tuttavia, il regime in questione presenta le seguenti particolarità: quadro VH: non va compilato 8 quadro VL: non vanno indicati gli interessi dell 1% in quanto non dovuti quadro VO: va utilizzato qualora il contribuente decida di esercitare una specifica opzione Adempimenti Imposte dirette: obblighi ed esoneri Obblighi: conservazione in ordine cronologico dei documenti ricevuti ed emessi (art. 22 del D.P.R. 600/1973); versamento in acconto e saldo dell IRAP; versamento a saldo dell imposta sostitutiva; tenuta delle scritture contabili e dei libri richiesti ai sensi della normativa sul lavoro e relativi obblighi del sostituto d imposta previsti dall art. 21 del D.P.R. 600/73; redazione del prospetto riepilogativo dei beni ammortizzabili. 8 Il contribuente che si avvale di tale regime è esonerato dai versamenti periodici IVA

4 Esoneri: registrazione e tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini delle imposte sui redditi; registrazione e tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini IRAP; versamento delle addizionali IRPEF (regionali e comunali) Imposte dirette: determinazione del reddito Il contribuente che aderisce a questo regime è soggetto, relativamente alle imposte dirette, ad imposta sostitutiva e ad IRAP. Il reddito è determinato in modo analitico secondo i criteri ordinari previsti dal D.P.R. 917/86 (T.U.I.R) per il reddito di lavoro autonomo (art. 54 ss.), nel caso dei professionisti, o per il reddito d impresa (art. 66 ss.), nel caso di imprenditori. REDDITO = RICAVI - COSTI I costi sono deducibili se: inerenti all attività esercita; idoneamente documentati 9. Nel calcolo del reddito, occorre, anzitutto distinguere la tipologia di contribuente. LAVORATORE AUTONOMO Vale il criterio di cassa, per cui i compensi sono imponibili se incassati e le spese sono deducibili se sostenute. IMPRENDITORE Vale il criterio della competenza economica, per cui i ricavi e costi sono rispettivamente imponibili e deducibili nel periodo di imposta in cui si verifica la loro competenza economica. Si ha riguardo, cioè, del momento di maturazione delle operazioni gestionali, prescindendo da quello in cui si è verificato l incasso o pagamento. In proposito è utile rammentare che: Competenza dei ricavi Ricavi da cessioni di beni mobili: sono di competenza dell esercizio in cui è avvenuta la consegna o la spedizione dei beni. Ricavi da prestazione di servizi: sono di competenza dell esercizio in cui la prestazione è ultimata. Ai fini della determinazione del competenza, nel caso di lavori condotti su più anni occorre riferirsi ai cosiddetti stadi di avanzamento dei lavori. 9 Occorre, pertanto, conservare la documentazione anche se non sussiste l obbligo della sua registrazione

5 Così, ad esempio, qualora un professionista presta (e termina) un servizio di consulenza (prestazione di servizi) nel dicembre del 2008 che gli viene pagato nel 2009, il relativo ricavo è di competenza del Competenza dei costi I costi sostenuti sono di competenza dell esercizio in cui: si è verificato il corrispondente ricavo (es. costo di acquisto di un bene è di competenza dell esercizio in cui il medesimo viene venduto; il costo di acquisto di un bene strumentale è di competenza, pro quota, degli esercizi in cui esso viene utilizzato, in ragione dell utilità che lo stesso rilascia al processo produttivo); è stato utilizzato il servizio ad esso connesso (es. consulenza); è noto che il ricavo non si realizzerà più o il servizio non potrà più essere utilizzato. La competenza economica dei costi richiama il concetto di utilità economica rilasciata (in termini di ricavi ottenuti o utilizzi eseguiti). Così, a titolo esemplificativo, il costo di una merce acquistata e venduta nel 2008, anche se pagata nel 2009, è di competenza del Il reddito così determinato non concorre alla determinazione del reddito complessivo ai fini IRPEF 10, essendo soggetto ad imposta sostitutiva. Si tratta di una delle agevolazioni che caratterizza il regime in argomento. Il prospetto degli ammortamenti 11 Il contribuente, come altrove precisato, è tenuto alla sola conservazione delle fatture e non anche alla loro registrazione; si ravvisa, tuttavia, la necessità di avvalersi in ogni caso di conteggi sia pure di natura extracontabile di ausilio alla determinazione del reddito. In proposito, è utile evidenziare che l Amministrazione finanziaria, con circ. n. 59/E del 18 giugno 2001, è intervenuta precisando, che nel caso di acquisti di beni ammortizzabili, non è sufficiente la mera conservazione delle fatture per giustificarne la deduzione delle quote di ammortamento in dichiarazione dei redditi. Occorre, adottare un prospetto che riepiloghi i beni ammortizzabili e i illustri i criteri di calcolo delle quote di ammortamento dedotte, evidenziando: il costo di acquisizione il coefficiente di ammortamento applicato la quota di ammortamento dell anno il fondo di ammortamento il residuo da ammortizzare. Tale prospetto deve essere prodotto entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi del periodo di imposta interessato. Si riporta, a titolo, esemplificativo, un prospetto riepilogativo dei beni ammortizzabili. 10 In altre parole, il reddito, così determinato, non deve essere indicato nel rigo RN1 del modello unico. 11 Questo aspetto è rivolto agli esercenti impresa per i quali il criterio di determinazione del reddito è quello della competenza economica

6 PROSPETTO RIEPILOGATIVO DEI BENI AMMORTIZZABILI DATI AMMINISTRATIVI DATI CONTABILI N. fattura data descrizione bene costo di acquisto costo fiscalmente deducibile % q/ta ammortamento Fondo amm. Residuo da ammortizzare Imposta sostitutiva: calcolo Il regime delle nuove iniziative produttive prevede, in sostituzione dell IRPEF (calcolata secondo aliquote progressive) e delle relative addizionali 12, la soggezione ad un imposta sostitutiva. Sull imposta sostitutiva non sono dovuti acconti di imposta. IMPOSTA SOSTITUTIVA = reddito X aliquota del 10% Di conseguenza, i redditi prodotti in questo regime non sono soggetti a ritenuta di acconto IRPEF 13 ; al riguardo, occorre che il contribuente manifesti al committente apposita attestazione. Si riporta esempio di attestazione da rilasciare. ATTESTAZIONE DI ESONERO DALL APPLICAZIONE DELLA RITENUTA DI ACCONTO redatta in base alla circolare 8/E DEL 26 gennaio 2002 Il sottoscritto nato a il residente in C.F. P. IVA DICHIARA Che si avvale del regime delle nuove iniziative produttive (art. 13 L. 388/2000) e pertanto RICHIEDE La non applicazione della ritenuta di acconto IRPEF sul compenso percepito, essendo il medesimo assoggettato ad imposta sostitutiva. Data sottoscrizione In caso di fuoriuscita dal regime, il contribuente dovrà manifestarlo al committente presentando un attestazione analoga ma dal contenuto opposto. 12 Il contribuente è pertanto esonerato anche dalle addizionali IRPEF (cfr. circ. n. 1/E del 3 gennaio 2001). 13 Cfr. circ. n. 8/E del 26 gennaio

7 E utile rammentare, tuttavia, che l Amministrazione finanziaria, con circ. 8/E del 26 gennaio 2001, ha precisato che i redditi soggetti ad imposta sostitutiva devono essere conteggiati qualora si voglia verificare il superamento della soglia di reddito ( 2.849,51) oltre la quale non si è più fiscalmente a carico. Esempio di fattura La fattura del contribuente che aderisce al regime in argomento, per effetto dell esonero dall applicazione della ritenuta di acconto, sarà di questo tipo: nome cognome (contribuente) via e n. civico C.A.P. E città C.F. P. IVA Ft. n. del.. Importo IVA (%..) Totale da pagare Importo non soggetto a ritenuta d acconto ai sensi dell art. 13 della L. 388/2000. Spett. le (dati committente) Imposta sostitutiva: versamento Il termine di versamento dell imposta sostitutiva è quello ordinario del 16 giugno e deve essere effettuato in via telematica mediante il modello F-24 indicando il codice tributo ESEMPIO Importo: 6.000,00 Euro Anno di imposta: 2008 Numero di rate prescelto: 1 SEZIONE ERARIO IMPOSTE DIRETTE - IVA RITENUTE ALLA FONTE ALTRI TRIBUTI E INTERESSI codice tributo rateazione/regione/ prov./mese rif. anno di riferimento importi a debito versati (1) 4025 (2) 0101 (3) 2008 (4) 6.000,00 (5) importi a credito compensati codice ufficio codice atto TOTALE A(6) B (7) (8) (9) (10) SALDO (A - B) (1) codice tributo: indicare 4025 (2) rateazione/regione/prov/mese rif: rata che si paga (due cifre) e numero di rate prescelto (due cifre), nell esempio 0101 (3) anno di riferimento: anno d imposta per cui si effettua il pagamento, nell esempio 2008 (4) importi a debito versati: indicare l'importo a debito, nell esempio 6.000,00 (5) importi a credito compensati: non compilare - 7 -

8 (6) TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario (7) TOTALE B: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, non compilare se non sono presenti importi a credito (8) SALDO (A - B): indicare il saldo (TOTALE A - TOTALE B) (9) codice ufficio: non compilare (10) codice atto: non compilare IRAP: calcolo Il calcolo dell IRAP è effettuato secondo le regole ordinarie. L aliquota per il 2008 è del 3,9%. Si riporta schema esemplificativo di determinazione dell IRAP rinviando alla disciplina specifica contenuta nel D.Lgs. 446/97. RICAVI (o compensi) -- Costi (meno quelli indeducibili, es. interessi passivi) = Valore della produzione netta -- Ulteriori deduzioni riconosciute = BASE IMPONIBILE IRAP = base imponibile X aliquota del 3,9% IRAP: versamento Con riferimento all IRAP, il contribuente è tenuto al versamento del saldo IRAP risultante dalla dichiarazione e dell acconto. Il termine di versamento è quello ordinario del 16 giugno e deve essere effettuato in via telematica mediante il modello F-24 indicando il codice tributo 3800 per il saldo e i codici 3812 e 3813 rispettivamente per il versamento della prima rata di acconto e della seconda rata (o unica soluzione). ESEMPIO Si riporta esempio del versamento del saldo IRAP. Importo: Anno di imposta: 2008 Regione competente per l imposta : Lazio Numero di rate prescelto: ,00 Euro SEZIONE REGIONI codice regione codice tributo rateazione/ mese rif. anno di riferimento importi a debito versati (1) 0 8 (2) 3800 (3) 0101 (4) 2008 (5) 3.000,00 (6) importi a credito compensati SALDO (E - F) TOTALE E(7) F(8) (9) Campi del modello F24 come compilare il campo (1) codice regione: codice della regione (Tabella Codici delle Regioni e delle Province Autonome), nell'esempio 08 (2) codice tributo: indicare 3800 (3) rateazione/mese rif: rata che si paga (due cifre) e numero di rate prescelto (due cifre), nell esempio

9 (4) anno di riferimento: anno d imposta per cui si effettua il pagamento, nell esempio 2008 (5) importi a debito versati: indicare l'importo a debito, nell esempio 3.000,00 (6) importi a credito compensati: non compilare (7) TOTALE E: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Regioni (8) TOTALE F: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Regioni, non compilare se non sono presenti importi a credito (9) SALDO (E - F): indicare il saldo (TOTALE E - TOTALE F) Modello unico Il modello UNICO, utilizzato per la dichiarazione dei redditi soggetti ad imposta sostitutiva e ad IRAP, deve essere presentato in via telematica entro il 31 luglio. QUADRI MODELLO UNICO da compilare IMPOSTA SOSTITUTIVA LAVORATORE AUTONOMO Modello unico persone fisiche: quadro RE Dopo aver riepilogato i compensi incassati e le spese sostenute e aver determinato nel rigo RE21 l utile/perdita, occorre procedere alla determinazione dell imposta sostitutiva al rigo RE22. In caso di reddito negativo, il contribuente è tenuto alla compilazione della sola colonna 1 del rigo RE22 con il codice riservato all applicazione del regime delle nuove iniziative produttive e non anche della colonna 2, ossia quella dedicata all indicazione dell imposta. IMPRENDITORE Modello unico persone fisiche: quadro RG Dopo aver riepilogato i ricavi realizzati e i costi sostenuti e aver determinato nel rigo RG26 il reddito d impresa, occorre procedere alla determinazione dell imposta sostitutiva al rigo RG27. In caso di reddito negativo, il contribuente è tenuto alla compilazione della sola colonna 1 del rigo RG27 con il codice riservato all applicazione del regime delle nuove iniziative produttive e non anche della colonna 2, ossia quella dedicata all indicazione dell imposta. IRAP Modello unico persone fisiche: quadro IQ relativo all IRAP Aspetti previdenziali Ai fini del calcolo dei contributi, si prende la stessa base imponibile utilizzata per il calcolo dell imposta sostitutiva, ossia il reddito d impresa o di lavoro autonomo. Sono dovuti anche gli acconti previdenziali. Gli artigiani, i commercianti e i professionisti iscritti alla gestione separata INPS devono compilare il quadro RR del Modello Unico ai fini della determinazione dei contributi previdenziali dovuti

10 Deducibilità dei contributi previdenziali pagati. Gli oneri previdenziali devono essere indicati nel quadro RP del Modello Unico per poter essere dedotti dal reddito complessivo. Ciò, tuttavia, è possibile solamente in presenza di ulteriori redditi in aggiunta a quelli soggetti ad imposta sostitutiva. Viceversa, il contribuente vedrà svanire la possibilità di dedurre gli oneri previdenziali. Sanzioni Il contribuente che adotta il regime in questione senza averne i requisiti incorre in una sanzione che va dal 100% al 200% della maggiore imposta risultante dall applicazione delle aliquote ordinarie IRPEF

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero 32/2010 Pagina 1 di 10 L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero : 32/2010 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ADEMPIMENTI REGIME FISCALE DEI

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012 Premessa Normativa Questo regime è disciplinato dalla legge 244-2007 e vi possono accedere i Contribuenti persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:-hanno

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo

Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo Numero 8/2012 Pagina 1 di 7 Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo Numero : 8/2012 Gruppo : AGEVOLAZIONI Oggetto : REGIME DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE E LAVORATORI IN MOBILITÀ

Dettagli

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI 1 In che cosa consiste il regime dei minimi Tassazione del reddito con aliquota del 5% quale IMPOSTA SOSTITUTIVA dell'imposta sui redditi (IRPEF)

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana IL REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (art. 13 legge n. 388/2000) GENNAIO 2008 SOGGETTI AMMESSI Possono beneficiare del regime agevolato in esame: le

Dettagli

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi MAP Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi A cura di Piercarlo Bausola Dottore Commercialista in Torino La Legge di Stabilità per il 2015 (L. 23/12/2014, n. 190), pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

LA LIBERA PROFESSIONE

LA LIBERA PROFESSIONE LA LIBERA PROFESSIONE PRINCIPI DELLE RILEVAZIONI CONTABILI La determinazione del reddito di professionisti ed artisti avviene in modo analitico. Nel regime analitico il reddito è costituito dalla differenza

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015

Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015 scadenzario documenti visure cciaa quesiti news e rassegna stampa approfondimenti affiliazioni Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015 Foglio di calcolo

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI ART. 1 C. 96 E SEGG. L. 244/2007; ART. 27, DL 98/2011; PROVV. ENTRATE DEL22/12/2011; CM N. 17 DEL 30/5/2012; ART. 13, L. 388/2000 Sintesi: si riepilogano le principali

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 06/06/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 06/06/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 06/06/2014 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF INFORMATIVA N. 111 26 APRILE 2013 DICHIARAZIONI IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF Art. 27, DL n. 98/2011 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2012, n. 17/E Istruzioni mod. UNICO 2013 PF Informativa

Dettagli

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati 20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it FINANZIARIA 2008 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI Dott. Davide Toscano Technical meeting del 31/01/2008 1 La legge n.

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI Art. 27, commi 1, 2 e 3, D.L. 6 luglio 2011, n.98 Enrico Licciardello Catania 9 febbraio 2012 Dottore Commercialista AGA Hotel

Dettagli

DEFINIZIONE DEFINIZIONE

DEFINIZIONE DEFINIZIONE DEFINIZIONE 55. SEMPLIFICAZIONI PER I CONTRIBUENTI MINORI DEFINIZIONE DEFINIZIONE I contribuenti minori possono beneficiare di alcune semplificazioni in materia di IVA, ricollegate al differimento dei

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile NUOVO REGIME FORFETARIO DEI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) L'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23.12.2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015), ha introdotto a partire dal 2015

Dettagli

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

Studio Paolo Simoni Dottori Commercialisti Associati

Studio Paolo Simoni Dottori Commercialisti Associati Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Bologna, 28/01/2013 Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE A pochi giorni dalla definitiva conversione in legge della Finanziaria 2008, l Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 73/E del 21.12.2007

Dettagli

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 PERSONE FISICHE CHE HANNO INIZATO L'ATTIVITA' D'IMPRESA, D'ARTE O PROFESSIONE A PARTIRE DAL 1 GENNAIO

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI FRUIBILITÀ DELL AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA 1 1 NUOVO REGIME AGEVOLATO PER GLI AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della L. 23.12.2014 n. 190

Dettagli

Roma, 26 febbraio 2008

Roma, 26 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ufficio del Direttore Centrale Roma, 26 febbraio 2008 OGGETTO: Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi Articolo 1, commi da 96

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza. (DDL Legge di stabilità 2015)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza. (DDL Legge di stabilità 2015) News per i Clienti dello studio del 19 Dicembre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza (DDL Legge di stabilità 2015) La legge di stabilità per il 2015, in materia

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Il caso della settimana

Il caso della settimana N. 22 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno (Bg) P.Iva e C.F. 03252150168 Giugno 11.06.2010 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371

Dettagli

RISOLUZIONE N.80/E QUESITO

RISOLUZIONE N.80/E QUESITO RISOLUZIONE N.80/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 luglio 2012 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fatture di importo inferiore a 300,00 euro - Annotazione cumulativa anche

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

CIRCOLARE N. 15 / 2015.

CIRCOLARE N. 15 / 2015. Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 4 dicembre 2015. CIRCOLARE N. 15 / 2015. L ACCONTO IVA 2015 Come noto, nel mese di dicembre scade il versamento dell acconto IVA, relativamente: al mese di dicembre,

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo. STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it MANOVRA CORRETTIVA LUGLIO 2011 MODIFICHE AL REGIME

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi

Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi Focus di pratica professionale di Fabio Garrini Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi Nuova denominazione, ma poche novità sostanziali: questo potrebbe essere in estrema sintesi il commento riassuntivo

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 08/06/2016

Direzione Centrale Entrate. Roma, 08/06/2016 Direzione Centrale Entrate Roma, 08/06/2016 Circolare n. 97 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 07/06/2013 Circolare n. 88 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Roma. Roma, 07 febbraio 2007

Roma. Roma, 07 febbraio 2007 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Roma Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 febbraio 2007 Oggetto: Articolo 25-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Ritenute sui corrispettivi

Dettagli

I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF

I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF INFORMATIVA N. 180 18 GIUGNO 2015 DICHIARAZIONI I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF DPCM 9.6.2015 Istruzioni mod. UNICO 2015 PF Documento esplicativo CIPAG 28.5.2015 Come noto i soggetti esercenti

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI E FISCALI

SCELTA DEL REGIME FISCALE ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI E FISCALI SCELTA DEL REGIME FISCALE ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI E FISCALI si riepilogano i regimi fiscali e contabili fruibili per il 2013 a beneficio di coloro che: intendono iniziare una nuova attività d impresa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 123/E

RISOLUZIONE N. 123/E RISOLUZIONE N. 123/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 novembre 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi in

Dettagli

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali U.D. 2 Il sistema delle rilevazioni aziendali Paragrafo 7 Gli obblighi contabili delle imprese pag. 204 Paragrafo 7.2 Il regime dei contribuenti

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving 26-06-2012, Camera di Commercio di Pisa Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving relatore: Dott. MASSIMO ANTONINI Dottore commercialista - Revisore contabile Membro

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 riferimento: i) ai soggetti che iniziano l attività nel 2016; ii) ai soggetti già in attività nel 2015 in relazione alle scelte per il 2016. Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

Tipologie di contribuenti

Tipologie di contribuenti DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI Tipologie di contribuenti Il mondo dei contribuenti Persone Fisiche viene analizzato sia nella sua completezza che considerando i soli titolari di partita iva. Tutti i contribuenti

Dettagli

Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione

Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione A partire dal 1 gennaio 2015, per le persone fisic he che fruiranno del nuovo regime forfettario, è previsto un regime IVA analogo a quello

Dettagli

L ACCONTO IVA 2015 METODI PER LA DETERMINAZIONE ACCONTO IVA 2015 STORICO PREVISIONALE OPERAZIONI EFFETTUATE METODO STORICO

L ACCONTO IVA 2015 METODI PER LA DETERMINAZIONE ACCONTO IVA 2015 STORICO PREVISIONALE OPERAZIONI EFFETTUATE METODO STORICO L ACCONTO IVA 2015 Come noto, nel mese di dicembre scade il versamento dell acconto IVA, relativamente: al mese di dicembre, per i contribuenti mensili; al quarto trimestre, per i contribuenti trimestrali

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (IRAP)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (IRAP) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (IRAP) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI... 4 LA

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 Studio FAZIO ANNA (rag. Commercialista revisore contabile) Telefono: 0574 23889 Via Matilde Serao 29 - PRATO Ai gentili clienti Loro sedi Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE SCADENZARIO PER LE ASD Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così come stabilito dall art.7

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 Circolare informativa per la clientela n. 15/2014 dell'8 maggio 2014 SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 SOMMARIO 1. TERMINI di VERSAMENTO... 2 2. MODALITÀ di VERSAMENTO... 3 3. RATEAZIONE... 6 4. DETERMINAZIONE

Dettagli

Circolare n. 10 INDICE. Del 8 Settembre 2013

Circolare n. 10 INDICE. Del 8 Settembre 2013 Circolare n. 10 Del 8 Settembre 2013 Regime di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità (c.d. nuovi contribuenti minimi ) - Chiarimenti della circ. Agenzia delle Entrate 30.5.2012

Dettagli

Ufficio Relazioni con gli Iscritti

Ufficio Relazioni con gli Iscritti Istruzioni per la compilazione della riferita al reddito professionale prodotto nel 2013 e per il pagamento dei contributi a saldo (ai sensi degli art. 7, 10 e 11 del Regolamento dell ENPAP) Iscritti titolari

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 2/2016

NOTA OPERATIVA N. 2/2016 NOTA OPERATIVA N. 2/2016 OGGETTO: I Maxi ammortamenti. - Introduzione La Legge di Stabilità n. 208 del 28 dicembre 2015 (Legge di Stabilità 2016 pubblicata nella GU n. 302 del 30 dicembre 2015) ha introdotto

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli

Il regime fiscale dell Avvocato: Dott. Roberto Sarti

Il regime fiscale dell Avvocato: Dott. Roberto Sarti Il regime fiscale dell Avvocato: Il reddito I regimi agevolati I contribuenti minimi Dott. Roberto Sarti Paratore Pasquetti & Partners 1 Il reddito inquadramento Reddito dell Avvocato inteso come Studio

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO TELEMATICO

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO TELEMATICO Istruzioni per la compilazione della comunicazione telematica del reddito professionale e per il pagamento dei contributi a saldo REDDITI ANNO 2014 INDICE INTRODUZIONE 1. Chi deve compilare e inviare la

Dettagli

Scadenziario Febbraio 2015

Scadenziario Febbraio 2015 Studio Creanza & Partners Creanza rag. Flavio D Onofrio rag. Loredana Stramazzo dott.ssa Caterina Scadenziario Febbraio 2015 1 Domenica Soggetti con partita Termine iniziale per la presentazione telematica

Dettagli

Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014. In questa Circolare

Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014. In questa Circolare Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014 In questa Circolare 1. Termini di versamento 2. Modalità di versamento 3. Rateazione 4. Determinazione degli

Dettagli

Minimi, tetto per i professionisti a 30.000 euro

Minimi, tetto per i professionisti a 30.000 euro Minimi, tetto per i professionisti a 30.000 euro attività. Aumento delle soglie di ricavi e compensi, riformulazione in meius delle cause di inapplicabilità del regime (avvantaggiati gli autonomi che percepiscono

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012 IRAP Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili contenute nelle tabelle disponibili attraverso la navigazione

Dettagli