DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI PRELIMINARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI PRELIMINARE"

Transcript

1 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI PRELIMINARE (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Committente Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione committente Italia lavoro S.p.A. Ing. Luca Marzi Azienda appaltatrice Oggetto dell appalto RISCHI DA INTERFERENZA Attività di conduzione, gestione, sanificazione degli impianti di condizionamento d aria e ventilazione, di manutenzione relativi agli impianti elettrici, rete dati fonia, all impianto di riscaldamento, condizionamento ed all impianto idrico-sanitario e per la manutenzione delle infrastrutture edili della sede legale di Italia Lavoro S.p.A. sita in via Guidubaldo del monte, 60 - Roma SI Contratto/i appalto n anno 2009 Contratti di appalto vari dell anno Ultimo aggiornamento: Maggio 2009

2 INDICE 1. SEZIONE IDENTIFICATIVA DEI RISCHI DEGLI AMBIENTI DI LAVORO Premessa Descrizione delle attività oggetto dell appalto e Individuazione delle aree interessate INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI NELLE AREE INTERESSATE DALL APPALTO E DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ADOTTATE VALUTAZIONE DEI RISCHI ED ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE Introduzione Individuazione delle interferenze ed eliminazione o riduzione dei rischi Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 2 di 23

3 1. Sezione Identificativa dei Rischi degli ambienti di lavoro 1.1 Premessa Il presente Documento è stato elaborato allo scopo di ottemperare ai disposti di legge in materia di sicurezza nella gestione degli appalti. In particolare l elaborato in questione rappresenta il cosiddetto Documento unico di valutazione dei rischi di cui all art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/08, che il Datore di Lavoro Committente è tenuto a redigere, al fine di eliminare o ridurre i possibili rischi per la sicurezza e salute dei lavoratori, derivanti dalle interferenze conseguenti allo svolgimento di lavori in appalto, all interno della propria unità produttiva. Si intendono per interferenti le seguenti tipologie di rischi: Tipo A: esistenti nel luogo di lavoro del committente, ove è previsto che debba operare l appaltatore, ulteriori rispetto a quelli specifici dell attività propria dell appaltatore; Tipo B: derivanti da sovrapposizioni di più attività svolte da operatori di appaltatori diversi; Tipo C: immessi nel luogo di lavoro del committente dalle lavorazioni dell appaltatore; Tipo D: derivanti da modalità di esecuzione particolari richieste esplicitamente dal committente (che comportino pericoli aggiuntivi rispetto a quelli specifici dell attività appaltata). 1.2 Descrizione delle attività oggetto dell appalto e Individuazione delle aree interessate L appalto ha per oggetto i servizi di conduzione, gestione, sanificazione degli impianti di condizionamento d aria e ventilazione, di manutenzione relativi agli impianti elettrici, rete dati fonia, all impianto di riscaldamento, condizionamento ed all impianto idricosanitario e per la manutenzione delle infrastrutture edili della sede legale di Italia Lavoro S.p.A. sita in via Guidubaldo del monte, 60 Roma. Il servizio comprende tutte le attività previste in contratto. Le attività comportano l utilizzo di attrezzature di esclusiva pertinenza dell appaltatore. L elenco esaustivo delle attrezzature, si allega al contratto di appalto. Tutte le attrezzature devono essere sempre custodite dal personale della ditta appaltatrice all interno del locale assegnato da Italia Lavoro. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 3 di 23

4 La ditta aggiudicatrice dell appalto si dovrà impegnare a controllare il puntuale rispetto delle prescrizioni e modalità lavorative previste in questo DUVRI, nonché delle eventuali prescrizioni mediche contenute nei certificati di idoneità alla mansione dei propri lavoratori. In caso di emergenza, i lavoratori della ditta stessa, dovranno attenersi alle indicazioni degli addetti alla squadra di gestione delle emergenze e quindi evacuare ordinatamente dallo stabile a mezzo di assistenza del personale interno. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 4 di 23

5 2. INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI NELLE AREE INTERESSATE DALL APPALTO E DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ADOTTATE In base a quanto previsto dall art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08, il Datore di Lavoro Committente è tenuto ad informare l impresa appaltatrice o il lavoratore autonomo sui rischi specifici esistenti nell ambiente di lavoro in cui sono destinati ad operare. Questo capitolo contiene informazioni in merito alle situazioni che possono costituire un rischio per i lavoratori esterni, nonché l individuazione delle relative misure di prevenzione e protezione adottate dal Committente. In virtù di quanto sopra riportato la seguente relazione riguarda l analisi di dettaglio dello stabile di Italia Lavoro in oggetto. Di seguito vengono riportate le aree omogenee che saranno interessate dalle attività descritte nel capitolato di gara: Uffici Archivi/Magazzini CED Collegamenti orizzontali e verticali (corridoi e scale) Autorimessa Locali tecnici Coperture Si riportano di seguito le schede riepilogative dei rischi presenti nei luoghi di lavoro del committente suddivisi per aree specifiche di lavoro. Per ciascun rischio sono indicate le dall Azienda. relative misure di prevenzione adottate Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 5 di 23

6 AREE: Tutte le aree Classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Impianti elettrici Elementi in tensione Contatti diretti ed indiretti Gli impianti sono dotati dei requisiti minimi di sicurezza previsti dalla normati- Utenze elettriche Cavi elettrici e rischio di incendio va vigente. Oltre alle usuali apparecchiature di ufficio in alcuni ambienti possono essere presenti alcune utenze elettriche personali, quali forni, piastre, microonde, etc. In alcuni ambienti possono essere presenti cavi elettrici in prossimità delle utenze. Qualsiasi intervento su impianti elettrici o utenze deve essere esplicitamente richiesto o autorizzato. Prestare attenzione ad eventuali cavi elettrici per evitarne il danneggiamento. Strutturale Porte e finestre Abrasioni e taglio Vengono svolti gli interventi di ordinaria manutenzione di porte e finestre. Strutturale Manutenzione Rischi per la sicurezza legati all integrità delle strutture Sistemi di prevenzione e protezione antincendio Compartimentazioni antincen- Dispositivi dio Le pavimentazioni sono adeguate e vengono mantenute in buone condizioni. Misure generali di gestione dell emergenza Propagazione dell incendio E vietato intervenire sulle citate strutture indicate se non espressamente incaricati o autorizzati Vengono effettuati interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione delle strutture. E vietato manomettere l integrità e l efficienza del sistema di apertura delle porte REI. Tutte le porte REI prive di elettrocalamita devono essere mantenute chiuse Incendio Sono presenti mezzi estinguenti in numero adeguato e vengono verificati periodicamente. Tali dispositivi sono adeguatamente segnalati. Rischi per la sicurezza legati alla gestione delle emergenze non adeguata Divieto di manomettere, anche temporaneamente, i dispositivi di protezione attiva e passiva contro gli incendi, con particolare riferimento alla rimozione/spostamento dei mezzi di estinzione, alla ostruzione delle vie di fuga ed uscite di emergenza con materiali e attrezzature. Divieto di fumare ed utilizzare fiamme libere, appositamente segnalato

7 AREE: Uffici Classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Misure organizzative e gestionali Immagazzinamento degli oggetti Arredi Disposizione e tipologia di arredi e attrezzature Impianti di aerazione Microclima Illuminamento Idoneità della qualità dell aria Idoneità climatizzazione Idoneità valori illuminamento Cadute di gravi Negli uffici sono presenti scaffalature per lo stoccaggio di materiale vario. Intralcio al passaggio Urto accidentale Rischi per la salute legati alla qualità dell aria Rischi per la salute legati al microclima Rischi per la salute e la sicurezza legati ai livelli di illuminamento Le scaffalature risultano idoneamente ancorate. E vietato l utilizzo di dette scaffalature per lo stoccaggio delle proprie attrezzature di lavoro se non espressamente autorizzato. In alcuni uffici la presenza di cavi può causare difficoltà di passaggio in caso di trasporto di attrezzature di lavoro. Verificare la necessità di creare passaggi per eventuali lavorazioni che richiedono maggiori spazi. Vengono svolti con regolarità interventi di ordinaria manutenzione e degli impianti di aerazione. In tutti gli ambienti di lavoro sono presenti idonee condizioni microclimatiche. I livelli di illuminamento dei locali sono tali da garantire idonee condizioni di sicurezza I dispositivi di illuminamento vengono idoneamente manutenuti Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 7 di 23

8 AREE: Magazzini/Archivi Classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Misure organizzative e gestionali Misure organizzative e gestionali Sistemi di prevenzione e protezione antincendio Immagazzinamento degli oggetti Immagazzinamento degli oggetti Materiale infiammabili e/o combustibile Vie ed uscite di emergenza Cadute di gravi Nei magazzini sono presenti scaffalature per lo stoccaggio di materiale vario. Le scaffalature risultano idoneamente ancorate. E vietato l utilizzo di dette scaffalature per lo stoccaggio delle proprie attrezzature di lavoro se non espressamente autorizzato. Intralcio al passaggio I locali sono gestiti in maniera da permettere il movimento agevole delle persone. E possibile che si presentino situazioni in cui lo stoccaggio temporaneo di alcuni oggetti possa rendere poco agevole spostarsi con dei carichi all interno dei magazzini. Vietato depositare oggetti al di fuori dagli spazi segnalati e dalle apposite scaffalature/armadi. Innesco incendio E vietato l utilizzo di fiamme libere se non espressamente autorizzato. Ostruzione delle vie di fuga Le via di fuga risultano idonee. Divieto di ostruzione delle vie di fuga ed uscite di emergenza con materiali e attrezzature. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 8 di 23

9 AREE: Collegamenti orizzontali e verticali Classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Sistemi di prevenzione e protezione antincendio Vie ed uscite di emergenza Segnaletica emergenza di Ostruzione delle vie di fuga Le via di fuga risultano idonee. Divieto di ostruzione delle vie di fuga ed uscite di emergenza con materiali e attrezzature. Difficoltà di esodo Le vie di fuga sono segnalate ma in alcune zone la cartellonistica di salvataggio è in fase di integrazione. E obbligatorio, prima di iniziare le attività, prendere visione dei percorsi di esodo. Strutture Scale Scivolamento, cadute I corpi scala risultano dotati di dispositivi antisdrucciolo. Detti dispositivi sono oggetto di periodica manutenzione. Si raccomanda comunque prudenza e attenzione nell utilizzo delle scale. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 9 di 23

10 AREE: Locali tecnici Classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Impianti Organi in movimento Urti, abrasioni, taglio Ingresso consentito solo se accompagnati da personale autorizzato. Divieto di accesso al locale con abiti/attrezzature con parti che possono rimanere impigliate nelle parti in movimento. Impianti Elementi in tensione Cavi elettrici Contatti diretti ed indiretti e rischio di incendio Gli impianti sono dotati dei requisiti minimi di sicurezza previsti dalla normativa vigente. Oltre alle usuali apparecchiature di ufficio in alcuni ambienti possono essere presenti alcune utenze elettriche personali, quali forni, piastre, microonde, etc. In alcuni ambienti possono essere presenti cavi elettrici in prossimità delle utenze. Qualsiasi intervento su impianti elettrici o utenze deve essere esplicitamente richiesto o autorizzato. Prestare attenzione ad eventuali cavi elettrici per evitarne il danneggiamento. Vengono regolarmente effettuate le manutenzioni ordinarie e straordinarie e le verifiche periodiche sugli impianti previste dalla normativa. Strutture Idoneità dei pavimenti Scivolamento Possibile presenza di tracce di combustibile a terra o di oli usati per la manutenzione stessa. Impianti Vari Vari E presente la segnaletica di sicurezza in prossimità dei locali tecnici. Rispettare le prescrizioni riportate in particolare relative all obbligo di utilizzo dei Dispositivi di protezione individuale. DPI da indossare presso i locali tecnici: Scarpe di sicurezza - UNI En 2233 Tutti gli altri dispositivi indicati dalla segnaletica presente nel locale tecnico Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 10 di 23

11 AREE: Locali tecnici:centrale termica classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Sistemi di prevenzione e protezione antincendio Sostanze infiammabili e/o combustibili Innesco incendio Presenza di idonei mezzi di estinzione portatili Presenza di appositi sistemi di intercettazione del flusso di combustibile, in caso di emergenza, idoneamente segnalati Presenza di dispositivi di interruzione dell alimentazione elettrica per il funzionamento dell impianto Divieto di utilizzo di fiamme libere Impianti Elementi ustionanti Scottature e Ustioni I bruciatori sono idoneamente compartimentati Divieto di manomissione delle compartimentazioni stagne dei bruciatori e obbligo di ripristino delle condizioni iniziali di sicurezza in caso di interventi AREE: Locali tecnici:cabina di trasformazione classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Impianti elettrici Presenza di elementi in tensione Folgorazione Interdizione accesso a personale non autorizzato mediante apposita segnaletica. Dotazioni per gli interventi sui trasformatori di idoneo grado di isolamento e certificate (pedana isolante). Presenza degli schemi dei circuiti elettrici riferibili ai trasformatori. Presenza di mezzi di estinzione idonei per tipologia di estinguente alla specifica classe di incendio. DPI minimi da indossare nell area: Calzature di sicurezza UNI En 2233 Tutti gli altri dispositivi indicati dalla segnaletica presente nel locale tecnico Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 11 di 23

12 AREE: Autorimessa classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Sistemi di prevenzione e protezione antincendio Dispositivi antincendio Incendio Sono presenti estintori portatili opportunamente segnalati Sono presenti rilevatori di fumo e viene periodicamente verificato il loro funzionamento E presente il Certificato di prevenzione incendio per l autorimessa che ha una capienza superiore a 9 autoveicoli. E consentito il parcheggio solo nelle aree indicate segnalate dalle striscie. AREE: Copertura classe del rischio Fattore di rischio Rischio Elemento specifico di valutazione /Misure di Prevenzione e Protezione Strutture Altezza parapetti e protezioni Caduta I parapetti presenti sulla copertura hanno altezza idonea. Idoneità della pavimentazione Idoneità delle scale Caduta e scivolamento La pavimentazione delle aree viene mantenuta in buone condizioni e risulta essere adeguata. Caduta La scala per il raggiungimento della copertura risulta essere a norma. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 12 di 23

13 3. Valutazione dei Rischi ed eliminazione delle interferenze 3.1 Introduzione In questo capitolo, così come previsto dal D.Lgs 81/08, vengono individuati i possibili rischi interferenti, derivanti da sovrapposizioni di più attività svolte da operatori di appaltatori diversi, immessi nel luogo di lavoro del committente dalle lavorazioni dell appaltatore, derivanti da modalità di esecuzione particolari richieste esplicitamente dal committente (che comportino pericoli aggiuntivi rispetto a quelli specifici dell attività appaltata). I rischi specifici dell ambiente di lavoro e le relative misure di prevenzione e protezione sono stati individuati precedentemente. In questo capitolo non sono contemplati i rischi propri delle attività dell'appaltatore medesimo, il quale farà, altresì, osservare al proprio personale il divieto di accedere ad impianti, reparti e luoghi diversi da quelli in cui deve essere eseguito il servizio, l utilizzo di attrezzature non previste e non autorizzate e farà rispettare, ove venga prescritto, un determinato itinerario di entrata e uscita. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Dicembre 2008 pagina 13 di 23

14 3.2 Individuazione delle interferenze ed eliminazione o riduzione dei rischi L accesso in sede è subordinato all invio e all accettazione da parte di Italia Lavoro S.p.A. di: 1. elenco dei dipendenti che lavoreranno presso la nostra sede; Si riporta di seguito una tabella riepilogativa dei possibili rischi interferenti correlati allo svolgimento delle attività previste dal contratto d appalto, nelle diverse aree interessate dal servizio, fatto salvo che l Appaltatore dovrà visionare quanto riportato nel presente documento, al fine di avere una più ampia visione delle caratteristiche dei luoghi, delle attività ivi svolte e dei rischi esistenti. Per ciascuna attività sono altresì individuati le misure da porre in atto per eliminare e/o ridurre i cosiddetti rischi interferenti e gli eventuali dispositivi di protezione individuali che devono essere utilizzati da chiunque abbia accesso all area oggetto dell intervento (ad eccezione di quelli propri dell attività dell appaltatore). Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 14 di 23

15 Tabella 1 Individuazione delle interferenze ed eliminazione o riduzione dei rischi Attività dell appaltatore Soggetto interferente Aree Rischi Interferenti Misure da porre in atto DPI Utilizzo di attrezzature per lo svolgimento delle attività Area interessata dall intervento e zone limitrofe Urto, inciampo, intralcio alle vie di fuga per posizionamento errato delle attrezzature Da parte del committente - Creazione di spazi adeguati all attività da svolgere. Da parte dell appaltatore - Divieto di lasciare incustodita l attrezzatura - Verificare lo spegnimento dell attrezzatura, quando elettrica, e il disinserimento dalla spina in caso non sia utilizzata - Divieto di utilizzo di macchine ed attrezzature se non autorizzato - Corretto utilizzo delle macchine che non alteri le condizioni di sicurezza. - Attività ordinarie di manutenzione che comportino smontaggio di macchine/impianti, di pannelli del controsoffitto, interventi su murature, uso di scale, ecc. Area interessata dall intervento e zone limitrofe Elettrocuzione, urto, inciampo, macchine, polveri Da parte del committente - Allontanamento di tutto il personale estraneo dalla stanza per il tempo necessario allo svolgimento delle attività da parte della ditta. - Divieto dei lavoratori o altre ditte di uso, rimozione, spostamento delle attrezzature dell appaltatore. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 15 di 23

16 Attività dell appaltatore Soggetto interferente Aree Rischi Interferenti Misure da porre in atto DPI - Se necessario, rimozione delle attrezzature e apparati che potrebbero danneggiarsi o creare pericoli in caso di urto/contatto con particelle, schizzi, ecc, prodotti dalle attività dell appaltatore. Da parte dell impresa appaltatrice - Segnalazione e perimetrazione dell area di lavoro. - Controllo del divieto di accesso alle aree di lavoro e del passaggio presso le scale o altre vie da parte dei lavoratori o altre ditte. - Obbligo di lasciare l ambiente di lavoro nelle condizioni nelle quali è stato consegnato. - In caso di lavori che comportino la necessità di isolamento di tratti di tubazioni o distacchi locali di corrente elettrica, vigilanza sui quadri/dispositivi di sezionamento per prevenire riallacci di acqua/corrente elettrica non previsti, anche tramite apposita segnaletica. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 16 di 23

17 Attività dell appaltatore Soggetto interferente Aree Rischi Interferenti Misure da porre in atto DPI Attività di demolizione Attività con produzione di polveri Area interessata dall intervento e zone limitrofe Area interessata dall intervento e zone limitrofe Proiezione di materiale Dispersione di polveri durante le attività Da parte dell appaltatore Divieto di transito ai non addetti ai lavori durante le attività di demolizione. Apposizione di cartellonistica indicante tale divieto o delimitazione della zona che potrebbe essere interessata dalla proiezione delle schegge. Da parte del committente - Chiusura delle porte dei locali adiacenti nel momento in cui vengono svolte attività con produzione di polveri. Da parte della impresa appaltatrice - Pulizia nel caso di attività particolarmente polverose che causino elevato impolveramento dei locali. - Pulizia con aspiratori e/o panni umidi delle macchine e delle aree circostanti; - Attività con utilizzo di attrezzature e macchinari rumorosi (Leq superiore ad 85 db(a)) Area interessata dall intervento e zone limitrofe Rumore Da parte del committente - Chiusura dei locali adiacenti nel momento in cui vengono svolte attività rumorose. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 17 di 23

18 Attività dell appaltatore Soggetto interferente Aree Rischi Interferenti Misure da porre in atto DPI Attività con uso di prodotti chimici Trasporto macchinari utili per lo svolgimento delle attività Tutte le attività Area interessata dall intervento e zone limitrofe Tutte le aree oggetto dell appalto Tutte le aree oggetto dell appalto Scivolamenti per passaggio su pavimento bagnato o per sversamenti accidentali a terra dei prodotti Ostruzione delle vie di fuga Vari rischi dovuti alla presenza di ambiente insalubre Da parte delle imprese appaltatrici - Si raccomanda, per quanto possibile, di concentrare le operazioni più rumorose in orari in cui non è presente il personale nei locali adiacenti. - Prevedere l utilizzo di pannelli fonoassorbenti se l attività rumorosa ha una lunga durata. Da parte del committente - Garantire l aerazione dei locali interessati e delle zone limitrofe. Da parte delle imprese appaltatrici - Segnalazione delle aree bagnate e immediata pulizia delle zone su cui si sono verificati sversamenti accidentali Da parte delle imprese appaltatrici Divieto di posizionare i macchinari in corrispondenza delle vie di esodo comuni Da parte delle imprese appaltatrici Bonifica e riordino degli ambienti al termine delle lavorazioni. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 18 di 23

19 Attività dell appaltatore Soggetto interferente Aree Rischi Interferenti Misure da porre in atto DPI Tutte le attività che richiedono la messa fuori uso di impianti (es. attività di manutenzione impianto elettrico) Tutte le attività con produzione di rifiuti Tutte le attività Ingresso e uscita dalla sede con automezzi Tutte le aree oggetto dell appalto Tutte le aree oggetto dell appalto Tutte le aree oggetto dell appalto Area di passaggio esterna Vari rischi per la sicurezza dovuti alla presenza temporanea di impianti non funzionanti Vari rischi dovuti alla presenza di rifiuti non correttamente stoccati Caduta di materiale Investimenti, incidenti Da parte delle imprese appaltatrici - Segnalazione di impianti temporaneamente fuori uso per lo svolgimento delle attività o per messa in sicurezza. - Delimitazione e Segnalazione di impianti per i quali non è possibile ripristinare a breve termine le condizioni di sicurezza. Da parte del committente - Collaborare con l appaltatore per definire spazi adeguati allo stoccaggio dei rifiuti Da parte delle imprese appaltatrici - Delimitazione e segnalazione materiale di risulta e rifiuti nelle aree concordate con il Committente. Da parte delle imprese appaltatrici Depositare il materiale in uso o di risulta in modo opportuno e tale che ne sia garantita la stabilità. Da parte del Committente - Gestione da parte della portineria degli accessi degli automezzi in sede. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 19 di 23

20 Attività dell appaltatore Soggetto interferente Aree Rischi Interferenti Misure da porre in atto DPI Attività di sanificazione e i- gienizzazione Attività di sanificazione e i- gienizzazione Eventuali utenti delle strutture o delle aree esterne Eventuali utenti delle strutture o delle aree esterne Tutte le aree oggetto dell appalto Tutte le aree oggetto dell appalto Vari rischi dovuti alla presenza di ambiente insalubre Dispersione di polveri durante lo svolgimento delle attività Tali accessi devono essere autorizzati Da parte dell appaltatore - Divieto di entrare se non autorizzati dalla portineria. - Dare sempre precedenza ai pedoni e verificare l assenza di personale e- straneo nelle aree di manovra dei mezzi e dei macchinari. - Mantenere una velocità massima di 10 km/h. Da parte dell appaltatore - Bonifica degli ambienti al termine delle lavorazioni. - Interdire l accesso alle a- ree di lavorazione nel caso di utilizzo di prodotti chimici aerodispersi. - Delimitare le aree interessate da lavorazioni che comportano l utilizzo di prodotti chimici aerodispersi mediante apposita cartellonistica Da parte del committente - Locali aerati Da parte dell appaltatore - Interrompere attività qualora le condizioni di aerazione (presenza di polvere e/o sostanze chimiche ae- Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 20 di 23

21 Attività dell appaltatore Soggetto interferente Aree Rischi Interferenti Misure da porre in atto DPI Tutte le attività Uso attrezzature elettriche Eventuali utenti delle strutture o delle aree esterne Tutte le aree oggetto dell appalto Tutte le aree oggetto dell appalto Incendio Contatti diretti ed indiretti e rischio di incendio rodisperse) non dovessero consentirne lo svolgimento - Pulizia con aspiratori e/o panni umidi degli arredi e delle aree circostanti. In caso di utilizzo di sostanze chimiche assicurarsi che sia mantenuta efficiente l aerazione Da parte del committente - Informazione sui numeri utili degli enti di soccorso e- sterni. Da parte dell appaltatore - Fornitura al committente delle schede di sicurezza di eventuali prodotti utilizzati. - Adeguato trasporto (contenitori chiusi) e stoccaggio in zone aerate dei prodotti infiammabili - Divieto di fumo in aree di stoccaggio di prodotti infiammabili. Da parte delle imprese appaltatrici - Qualsiasi intervento su impianti elettrici o utenze deve essere esplicitamente richiesto o autorizzato. - Verificare con il Supervisore committente che Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 21 di 23

22 Attività dell appaltatore Soggetto interferente Aree Rischi Interferenti Misure da porre in atto DPI l assorbimento di eventuali utenze elettriche utilizzate sia compatibile con la potenza dell impianto elettrico. Prestare attenzione ad eventuali cavi elettrici presenti nell area per evitarne il danneggiamento. Le variazioni tecniche ed organizzative in corso d opera non prevedibili a priori che possano introdurre variazioni nelle attività previste nel capitolato/contratto d appalto con conseguenti modifiche nella valutazione dei rischi interferenti, verranno valutate tramite riunioni di coordinamento e/o sopralluoghi al seguito dei quali si procederà con: compilazione di apposito verbale da allegare al DUVRI; aggiornamento del DUVRI in caso di variazioni sostanziali. La ditta che si aggiudicherà l appalto dovrà altresì impegnarsi a far osservare al proprio personale il divieto di accedere ad impianti, reparti e luoghi diversi da quelli in cui deve essere eseguito il servizio oggetto dell appalto, e farà rispettare, ove venga prescritto, un determinato itinerario di entrata e uscita. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 22 di 23

23 Inoltre, la ditta appaltatrice dichiara di aver adempiuto - per tutto il personale occupato presso i nostri uffici - a quanto prescritto dalla normativa in materia di Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81). La ditta dichiara, inoltre, che i prodotti e i macchinari usati per l esecuzione dei lavori, sono conformi a quanto prescritto dalle norme di settore e non contengono prodotti allergizzanti. La ditta Per il Datore di lavoro Italia Lavoro S.p.A. Danilo Mattoccia Ing. Luca Marzi RSPP di Italia Lavoro S.p.A. Documento Unico di Valutazione ed eliminazione delle interferenze preliminare Maggio 2009 pagina 23 di 23

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Appalto per Servizio di connettività Committente: ISTITUTO DEL MERCATO AGRICOLO ED AGROALIMENTARE

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08) Appalto: AFFIDAMENTO DELL APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE, NONCHÉ DI PULIZIA E GIARDINAGGIO DELLA SEDE DELL ENPAPI,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Appalto per i servizi di vigilanza Committente: ISTITUTO DEL MERCATO AGRICOLO ED AGROALIMENTARE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Appalto per i servizi di pulizia e disinfezione, ordinaria e straordinaria e per la fornitura

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE

SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE Pag. 1 SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3, D.Lgs. n. 81/20008) 1. PREMESSA Il presente

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (L.123/07 - art. 26 del D.Lgs. 81/08) STAZIONE APPALTANTE:

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) (Art. 26 comma 3, 5 D lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) APPALTO PULIZIA UFFICI COMUNALI, UFFICI GIUDIZIARI, R.S.A. L. ACCORSI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI Palazzo comunale, Parco delle Rimembranze Sinnai Biblioteca

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO COMUNE DI PASIAN DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ALLEGATO A D.U.V.R.I. (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE) (art. 26, comma 3, D.Lgs. n.

Dettagli

INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE. (Artt. 26 comma 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81)

INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE. (Artt. 26 comma 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) Documento preventivo per il DUVRI (Documento Unico di valutazione dei rischi

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO ALLEGATO D DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO CONTRATTO. DATORE DI LAVORO COMMITTENTE : MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO Attività di gestione dei CRM/CRZ Via A. Rosmini, 5/b -38066 Riva del Garda Redazione: febbraio 2012 DECRETO

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 Oggetto MANUTENZIONE COMPLETA DEGLI IMPIANTI ELEVATORI INSTALLATI NEGLI EDIFICI DELLA

Dettagli

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno)

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DEL TERRITORIO COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I. D.U.V.R.I. DOCU M E N T O UNICO DI VALUTAZIO N E DEI RISC HI DA INTERFE R E N Z E (ART. 26 DEL D.LG S N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI PER IL TRIENNIO 01/07/2010 30/06/2013 Premessa

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c. 3 ter DEL D.LGS. 81/2008 e s.m.i.

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c. 3 ter DEL D.LGS. 81/2008 e s.m.i. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISTO DI AUTOBUS CLASSE I Allegato 7 DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c.

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N.

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CIG Z7C0D7B416 1 Premessa Il presente documento unico di valutazione

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO TECNICO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m. Committente Datore di lavoro committente Ditta appaltatrice Datore di lavoro della

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca UTC D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE (art. 26 comma 3 del

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA 1 PREMESSA Secondo l art.26 Dlgs 81/08 comma 3 e s.m.i., il datore di lavoro committente promuove la cooperazione e il coordinamento

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATI DI PORTINERIA, PULIZIA E TAGLIO ERBA PRESSO LA STAZIONE RADIOASTRONOMICA DI NOTO DELL INAF - ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA Codice CIG: 45294604A2

Dettagli

FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP

FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP Agente della Riscossione per le province siciliane DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (ai sensi dell art. 26, Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL

Dettagli

APPALTO PULIZIA STABILI DI ERP DI PROPRIETA ATC PERIODO ( )

APPALTO PULIZIA STABILI DI ERP DI PROPRIETA ATC PERIODO ( ) AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO EX IACP Allegato D _ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) (Art. 26 comma 3, 5 D lgs. 9 Aprile 2008,

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA DIPARTIMENTO CIRCOLAZIONE MONETARIA SERVIZIO BANCONOTE (855) DIVISIONE QUALITA', AMBIENTE E SICUREZZA SUL LAVORO (046) Rifer. a nota n. del Classificazione XIII 8 1 Oggetto DUVRI - Attività di dismissione

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. CLI:1608 Committente: COMUNITA MONTANA DELL ESINO-FRASASSI via DANTE, FABRIANO - (AN) 0732-6951 Ditta Appaltatrice: ragione sociale indirizzo recapito telefonico e fax OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.)

Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.) ALLEGATO G Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.) 0. PREMESSA Questo documento intende assolvere a quanto richiesto dal D.Lgs. 81/2008, art. 26, sui contratti di appalto,

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO DEL QUARTIERE FIERISTICO EX ART. 26 D.LGS.

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: SERVIZIO DI PULIZIA E MANUTENZIONE AREE VERDI DEL CENTRO DI ACCOGLIENZA RICHIEDENTI ASILO (Località

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. N AN.... DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 9 Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, artt. 26 e 28 D.Lgs 81/2008 Stazione appaltante/ Committente:

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Gestione in concessione del servizio Bar con punto di ristoro presso la sede della Regione Puglia

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze.

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze. SERVIZIO LAVORI PUBBLICI SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA SUL TERRITORIO COMUNALE 2013-2018 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.Lgs. 81/2008)

INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.Lgs. 81/2008) DUVRI Documento Unico Valutazione Rischio Interferenze INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.Lgs. 81/2008) Azienda Committente: Università degli

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 05 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA (Art. 26 D.Lgs. 81/08) In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DEL TEVERE E AGRO ROMANO. Servizio di Prevenzione e Protezione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro

CONSORZIO DI BONIFICA DEL TEVERE E AGRO ROMANO. Servizio di Prevenzione e Protezione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e successive modifiche e integrazioni Rappresentante legale FEDERICA LOPEZ Responsabile del servizio di prevenzione e protezione NICOLA RICCIO Indice PREMESSA... 3 COMMITTENTE...

Dettagli

COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA

COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA Allegato 7 COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER ATTIVITA DI COORDINAMENTO RELATIVO ALLE ATTIVITA DI GESTIONE

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO 1. IDENTIFICAZIONE DEL CONTRATTO... 1 2. DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE L IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER GLI ALUNNI DI SCUOLA MATERNA STATALE ED ELEMENTARE A TEMPO

Dettagli

IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I)

IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I) IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I) INFORMAZIONE SUI RISCHI PRESENTI NELL AMBIENTE DI LAVORO MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DI INTERFERENZE

Dettagli

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze redatto in relazione alle attività comprese nell appalto Servizio Ristorazione (art. 26, comma

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

AZIENDA COMMITTENTE. ACI Ufficio Provinciale di. Datore di lavoro. Indirizzo CAP CITTA telefono fax DESCRIZIONE DELL ATTIVITA OGGETTO DEL CONTRATTO:

AZIENDA COMMITTENTE. ACI Ufficio Provinciale di. Datore di lavoro. Indirizzo CAP CITTA telefono fax DESCRIZIONE DELL ATTIVITA OGGETTO DEL CONTRATTO: Informazione sui rischi presenti nell ambiente di lavoro Misure da adottare per eliminare/ridurre al minimo i rischi di interferenze (art. 26 del D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 e succ. m. i.) Pagina 1/9 Premessa

Dettagli

COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: DITTA RISTORAZIONE SCOLASTICA

COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: DITTA RISTORAZIONE SCOLASTICA Pagina 1 di 23 COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: DITTA RISTORAZIONE SCOLASTICA Premessa Il presente Documento di valutazione dei rischi DUVRI costituisce l assolvimento dell'obbligo,

Dettagli

SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI - Cig 5758593D43

SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI - Cig 5758593D43 Comune di Villasor Provincia di Cagliari Piazza Matteotti n. 1 09034 VILLASOR - Tel. 070/9648023 Fax 070/9647331 e-mail: segreteriavillasor@legalmail.it - segreteria@comune.villasor.ca.it SERVIZIO PULIZIA

Dettagli

Valutazione dei Rischi DUVRI - APPALTO PULIZIE

Valutazione dei Rischi DUVRI - APPALTO PULIZIE Valutazione dei Rischi DUVRI - APPALTO PULIZIE FQDA11006 ver. 2 Pagina: 1/10 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 PRESCRIZIONI GENERALI... 3 3 INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA... 4 3.1 PRESENZA DI OSTACOLI

Dettagli

Automobile Club d Italia

Automobile Club d Italia ALLEGATO 2 Automobile Club d Italia GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI AD USO UFFICIO E MAGAZZINO DEGLI UFFICI PROVINCIALI ACI SEDE DI MILANO, TORINO, ROMA E NAPOLI E SEDE ACI CSAI

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ente Committente COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ditta Appaltatrice DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art.

Dettagli

Regione Lazio DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) Oggetto dell appalto

Regione Lazio DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) Oggetto dell appalto Regione Lazio DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) Oggetto dell appalto SERVIZI DI VIGILANZA ARMATA, CUSTODIA-PORTIERATO E ALTRI SERVIZI PER LE

Dettagli

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL

Dettagli

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) Impresa appaltatrice: Appaltatore: Amministrazione Comunale di San Romano In Garfagnana Affidamento

Dettagli

Comune di Nonantola. Via Marconi 11 Nonantola (MO) xxxxx. xxxxx

Comune di Nonantola. Via Marconi 11 Nonantola (MO) xxxxx. xxxxx Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 9/4/8 n 81 art.26, comma 3 AFFIDAMENTO PARZIALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER IL PERIODO 1 SETTEMBRE 214 31 AGOSTO 216.

Dettagli

EUROCORPORATION Srl VIA DE CATTANI 178 FIRENZE P.IVA: 05235640488 D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHIO INTERFERENZE

EUROCORPORATION Srl VIA DE CATTANI 178 FIRENZE P.IVA: 05235640488 D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHIO INTERFERENZE D.U.V.R.I EUROCORPORATIONSrl VIADE CATTANI178 FIRENZE P.IVA:05235640488 DOCUMENTOUNICODIVALUTAZIONE RISCHIOINTERFERENZE Rev.marzo2016 INDICEANALITICODELDOCUMENTO 1. Premessa 2. Soggettidiriferimento 3.

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche SERVIZIO DI PORTINERIA PRESSO GLI IMMOBILI DELL UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DELLE INTERFERENZE ISTRUZIONE PER L APPALTATORE PERCORSI, VIE DI FUGA, USCITE DI SICUREZZA,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI INFORMAZIONE ALL APPALTATORE SUI RISCHI SPECIFICI, SUI RISCHI DA INTERFERENZA E SULLE MISURE PER RIDURLI

DOCUMENTO UNICO DI INFORMAZIONE ALL APPALTATORE SUI RISCHI SPECIFICI, SUI RISCHI DA INTERFERENZA E SULLE MISURE PER RIDURLI DOCUMENTO UNICO DI INFORMAZIONE SUI RISCHI (proc.appalti D.Lgs. 09/04/2008 n 81 e s.m.i. ART. 26) Provincia di Firenze DOCUMENTO UNICO DI INFORMAZIONE ALL APPALTATORE SUI RISCHI SPECIFICI, SUI RISCHI DA

Dettagli

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE)

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Servizio Edilizia Pubblica e Logistica. Via Dogana, 8 - Trento

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Servizio Edilizia Pubblica e Logistica. Via Dogana, 8 - Trento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica Via Dogana, 8 - Trento art. 26, Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, corretto dal d.lgs 106/2009 Obblighi connessi ai contratti

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * *

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * Allegato 9 Documento unico di valutazione dei rischi derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

DUVRI- Procedura di Sicurezza PS 1-2015 Affidamento di opere ed appalti. Comune di Bricherasio

DUVRI- Procedura di Sicurezza PS 1-2015 Affidamento di opere ed appalti. Comune di Bricherasio 2015 DUVRI- Procedura di Sicurezza PS 1-2015 Affidamento di opere ed appalti Comune di Bricherasio Sommario INTRODUZIONE... 3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 RESPONSABILITÀ... 3 ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEL

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: SERVIZIO PER L AFFIDAMENTO DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI E DI MANUTENZIONE DEI CIMITERI COMUNALI

Dettagli

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI Azienda committente Ubaldo Campagnola di Avio A.P.S.P. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Appalto/Contratto d opera Servizio

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEGRATO. (art. 26 D. Lgs. 81/2008, art. 68 allegato VIII D.Lgs. 163/2006)

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEGRATO. (art. 26 D. Lgs. 81/2008, art. 68 allegato VIII D.Lgs. 163/2006) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEGRATO (art. 26 D. Lgs. 81/2008, art. 68 allegato VIII D.Lgs. 163/2006) APPALTO DEL SERVIZIO DI SERVIZI DI IGIENE URBANA 1) FINALITA Il presente

Dettagli

Azienda : Argomento : Sezione: REGOLAMENTO ESPOSITORI E LABORATORIO Maggio 2016 PELLE PIU. 12-13-14 maggio 2016 Fortezza da Basso - Firenze

Azienda : Argomento : Sezione: REGOLAMENTO ESPOSITORI E LABORATORIO Maggio 2016 PELLE PIU. 12-13-14 maggio 2016 Fortezza da Basso - Firenze 12-13-14 maggio 2016 Fortezza da Basso - Firenze REGOLE GENERALI PER L INFORMAZIONE, LA COLLABORAZIONE ED IL COORDINAMENTO DURANTE L ALLESTIMENTO DEL LABORATORIO E DEGLI STAND ESPOSITIVI Pagina 1 di 7

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ANTHEA S.R.L. VIA DELLA LONTRA 30, 47923 RIMINI (RN) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (EX ART. 26 DEL D.LGS. 81/2008) AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. 9/04/2008 n. 81 INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI, MISURE ADOTTATE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) SERVIZIO DI MANUTENZIONE HARDWARE E SOFTWARE DEL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I.

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

C O M U N E D I SAN BENEDETTO DEL TRONTO

C O M U N E D I SAN BENEDETTO DEL TRONTO C O M U N E D I SAN BENEDETTO DEL TRONTO PROCEDURA APERTA PER APPALTO DEL SERVIZIO BIENNALE DI DERATTIZZAZIONE-DISINFESTAZIONE-FUMIGAZIONE RETE FOGNARIA - DEL TERRITORIO ED EDIFICI COMUNALI- CIG. 2474953BD0

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE (Preliminare) (Art. 26 Decreto Legislativo 81/08) GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE

Dettagli