PARTE II REGOLAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE (RTDG )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE II REGOLAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2019 (RTDG 2014-2019)"

Transcript

1 Teso Uno delle dsposzon della regolazone della qualà e delle arffe de servz d dsrbuzone e msura del gas per l perodo d regolazone (TUDG) PARTE II REGOLAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE (RTDG ) Versone approvaa on la delberazone 573/2013/R/gas 1

2 INDICE SEZIONE I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI 6 Arolo 1 Defnzon... 6 Arolo 2 Obblgh nformav n apo alle mprese dsrbur a fn arffar.. 9 Arolo 3 Defnzone e pubblazone delle arffe Arolo 4 Rhese d refa Arolo 5 Crer d applazone delle arffe Arolo 6 Modalà d alolo de oeffen d onversone de volum msura per l gas naurale Arolo 7 Modalà d alolo de oeffen d onversone de volum msura per gas dvers dal gas naurale Arolo 8 Dveo d applazone d orrspev non espressamene prevs nella presene RTDG Arolo 9 Dsposzon n maera d rasparenza de fluss nformav verso uen della ree e len fnal Arolo 10 Tasso d remunerazone del apale nveso Arolo 11 Tasso d rduzone annuale de os unar ronosu a operura de os operav Arolo 12 Maggorazone a operura degl exra-os onness on l esensone degl obblgh d verfa de dsposv d onversone Arolo 13 Meansmo d gradualà per l degrado de onrbu applable nel perodo SEZIONE II REGOLAZIONE TARIFFARIA SERVIZI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE 19 TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI 19 Arolo 14 Ambo oggevo d applazone TITOLO 2 TARIFFA DI RIFERIMENTO 19 Arolo 15 Tarffa d rfermeno per l servzo d dsrbuzone Arolo 16 Tarffa d rfermeno per l servzo d msura Arolo 17 Tarffa d rfermeno relava alla ommeralzzazone de servz d dsrbuzone e d msura Arolo 18 Dsposzon per le loalà n avvameno TITOLO 3 VINCOLI AI RICAVI AMMESSI 22 Arolo 19 Composzone del vnolo a rav ammess d mpresa Arolo 20 Composzone del vnolo a rav ammess a operura de os del servzo d dsrbuzone Arolo 21 Vnolo a operura de os enralzza del servzo d dsrbuzone Arolo 22 Vnol a rav ammess a operura de os d loalà relav al servzo d dsrbuzone Arolo 23 Vnolo a rav ammess a operura de os del servzo d msura Arolo 24 Vnol a rav ammess a operura de os d enralzza relav al servzo d msura

3 Arolo 25 Vnol a rav ammess a operura de os d loalà relav al servzo d msura Arolo 26 Vnol a rav ammess a operura de os operav relav alla ommeralzzazone de servz d dsrbuzone e d msura TITOLO 4 TARIFFE OBBLIGATORIE 25 Arolo 27 Tarffa obblgaora per servz d dsrbuzone e msura Arolo 28 Ambo arffaro TITOLO 5 MECCANISMI DI PEREQUAZIONE 27 Arolo 29 Perequazone Arolo 30 Perequazone de rav relav al servzo d dsrbuzone Imporo a onsunvo Arolo 31 Perequazone de os relav al servzo d msura Arolo 32 Perequazone de rav relav al servzo d dsrbuzone Impor n aono Arolo 33 Quanfazone ed erogazone de sald d perequazone TITOLO 6 AGGIORNAMENTO DELLE COMPONENTI DELLA TARIFFA DI RIFERIMENTO 31 ope Arolo 34 Aggornameno delle omponen ( ds) d, r a operura de os operav del servzo d dsrbuzone avv Arolo 35 Aggornameno della omponene ( ds) ope, b ope Arolo 36 Aggornameno delle omponen ( ns), ( ra), (o) a operura de os operav de servz d ommeralzzazone e d msura ope, v Arolo 37 Aggornameno della omponene ( ns) ap Arolo 38 Aggornameno delle omponen ( en) a operura de os d apale enralzza rem rem Arolo 39 Aggornameno delle omponen ( ds) e ( ms) a operura de os d apale d loalà amm amm Arolo 40 Aggornameno delle omponen ( ds) e ( ms) a operura de os d apale d loalà Arolo 41 Aggornameno delle omponen a operura de os enralzza per l ssema d eleleura/elegesone e de os de onenraor Arolo 42 Crer per la valorzzazone de nuov nvesmen Arolo 43 Dsposzon n maera d dsmsson d grupp d msura n auazone delle Dreve per la messa n servzo de grupp d msura del gas TITOLO 7 AGGIORNAMENTO ANNUALE DELLE TARIFFE OBBLIGATORIE 36 Arolo 44 Aggornameno annuale delle arffe obblgaore TITOLO 8 DISPOSIZIONI PARTICOLARI 36 Arolo 45 Ronosmeno maggor oner dervan dalla presenza d anon d onessone

4 SEZIONE III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSETTO DEL SERVIZIO DI MISURA 38 TITOLO 1 SOGGETTI RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI MISURA GAS NATURALE 38 Arolo 46 Responsablà per nsallazone e manuenzone de msuraor Arolo 47 Responsablà per raola, valdazone e regsrazone da d msura Arolo 48 Dsposzon relav a da d msura raol Arolo 49 Conservazone delle rlevazon SEZIONE IV DISTRIBUZIONE DI GAS DIVERSI DAL NATURALE A MEZZO DI RETI CANALIZZATE 40 TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI 40 Arolo 50 Ambo d applazone TITOLO 2 OPZIONI TARIFFARIE 40 Arolo 51 Opzon arffare per servz d dsrbuzone e msura Arolo 52 Perodo d avvameno TITOLO 3 AGGIORNAMENTO ANNUALE DELLE OPZIONI TARIFFARIE 41 Arolo 53 Aggornameno annuale delle opzon arffare SEZIONE V PRESTAZIONI PATRIMONIALI IMPOSTE 42 Arolo 54 Dsposzon general Arolo 55 Esazone delle omponen SEZIONE VI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CASSA CONGUAGLIO E ULTERIORI ONERI 43 Arolo 56 Con d gesone Arolo 57 Fondo per msure ed nerven per l rsparmo energeo e lo svluppo delle fon rnnovabl nel seore del gas naurale Arolo 58 Cono per la qualà de servz gas Arolo 59 Cono per la perequazone arffara dsrbuzone gas Arolo 60 Cono per la ompensazone delle agevolazon arffare a len del seore gas n sao d dsago Arolo 61 Fondo d garanza a sosegno della realzzazone d re d elersaldameno Arolo 62 Fondo ronosmeno fornor ulma sanza Arolo 63 Cono oner onness all nerveno d nerruzone dell almenazone del puno d ronsegna Arolo 64 Cono per servz d ulma sanza Arolo 65 Cono per la operura del meansmo per la promozone della rnegozazone de onra plurennal d approvvgonameno d gas naurale Arolo 66 Cono per la gradualà della omponene d ommeralzzazone della venda al deaglo gas Arolo 67 Alre dsposzon

5 SEZIONE VII CONTRIBUTI PER PRESTAZIONI DELLE IMPRESE DISTRIBUTRICI 47 Arolo 68 Conrbu per l avazone della fornura e per la dsavazone della fornura su rhesa del lene fnale

6 SEZIONE I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Arolo 1 Defnzon 1.1 A fn dell nerpreazone e dell applazone delle dsposzon onenue nella presene Pare II del Teso Uno della regolazone della qualà e delle arffe de servz d dsrbuzone e msura del gas, relava alla Regolazone arffara de servz d dsrbuzone e msura del gas per l perodo d regolazone (d seguo: RTDG ), s applano le defnzon d u all arolo 2 del dereo legslavo 23 maggo 2000, n. 164, e le seguen defnzon: ala pressone è la pressone relava del gas superore a 5 bar (1 a, 2 a e 3 a spee, defne dal dereo 16 aprle 2008, pubblao l 8 maggo 2008 sul Supplemeno Ordnaro n. 115 alla Gazzea Uffale n. 107, de Mnser dello svluppo eonomo e dell nerno (d seguo: dereo 16 aprle 2008); ambo gas dvers è l ambo d deermnazone delle opzon arffare per l servzo d dsrbuzone d gas dvers dal gas naurale formao dall nseme delle loalà gas dvers apparenen alla medesma regone e serve dalla medesma mpresa dsrbure; anno d prma fornura è l anno n u è saa regsraa la prma fornura d gas n una loalà, ndpendenemene dalla olarà della gesone; avazone della fornura è l avvo dell almenazone del puno d ronsegna, a seguo o d un nuovo onrao d fornura, o d modfa delle ondzon onraual, o d subenro ad una fornura preessene dsavaa, araverso nerven lma al gruppo d msura, nlusa l evenuale nsallazone del gruppo d msura o sua sosuzone; Auorà è l Auorà per l energa elera e l gas, sua a sens della legge 14 novembre 1995, n. 481; bassa pressone è la pressone relava del gas, defna per l gas naurale dal dereo 16 aprle 2008 e per gas d perolo lquefa dalla norma UNI EN 9860 edzone febbrao 2006: o non superore a 0,04 bar (7 a spee) nel aso n u l gas dsrbuo sa gas naurale o gas manfaurao; o non superore a 0,07 bar (7 a spee) nel aso n u l gas dsrbuo sa gas d perolo lquefao; Cassa è la Cassa onguaglo per l seore elero; esp n eserzo sono esp, presen nel blano, aqus dall eserno o realzza nernamene, ovvero d propreà del Comune olare del servzo o d alra soeà d apal apposamene osua a sens della normava vgene, nsalla e ulzzabl per lo sopo per l quale sono sa aqus o realzza, he non sano sa oggeo d radazon o dsmsson, ovvero oggeo d suessv nerven d sosuzone anorhé non rada e/o 6

7 dsmess e per qual l fondo d ammorameno alolao a fn regolaor non abba gà opero l valore lordo degl sess; ondzon sandard d un gas sono a fn arffar la emperaura d 15 C e la pressone assolua d 1,01325 bar; Dreve per la messa n servzo de grupp d msura del gas sono le dreve per la messa n servzo de grupp d msura del gas approvae on la delberazone dell Auorà 22 oobre 2008, ARG/gas 155/08, ome suessvamene modfae e negrae; Drezone Infrasruure è la Drezone Infrasruure, Unbundlng e Cerfazone dell Auorà; dsavazone della fornura su rhesa del lene fnale è la sospensone dell almenazone del puno d ronsegna a seguo della dsdea del onrao da pare del lene fnale on sgllaura o rmozone del gruppo d msura; dsrbuzone del gas naurale è l servzo d u all arolo 4, omma 4.16, della delberazone n. 11/07, v ompresa la ommeralzzazone del servzo d dsrbuzone; dsrbuzone, msura e venda d alr gas a mezzo d re è l avà d u all arolo 4, omma 4.20, della delberazone n. 11/07; fon onabl obblgaore sono l blano d eserzo, l lbro esp, l lbro gornale, l lbro degl nvenar e ogn alro doumeno onable enuo a sens d legge. Nel aso d esp d propreà dell ene loale, s presa he osusono evdenze onabl rondubl alla defnzone d fone onable obblgaora gl esra del ono del parmono ovvero delle relave srure nvenaral; gruppo d msura, o msuraore, è la pare dell mpano d almenazone del lene fnale he serve per l nereazone, per la msura del gas e per l ollegameno all mpano nerno del lene fnale; è omprensvo d un evenuale orreore de volum msura; gruppo d rduzone è l omplesso (assemao) osuo da regolaor d pressone, da appareh auslar, da ubazon, da raord e pezz speal, aven la funzone d rdurre la pressone del gas analzzao da un valore d pressone n enraa varable a un valore d pressone n usa predeermnao, fsso o varable; gruppo d rduzone fnale è: o un gruppo d rduzone avene la funzone d ulma rduzone della pressone per almenare len fnal araverso una ree d bassa pressone; o è un gruppo d rduzone nsallao presso l puno d ronsegna n re n meda pressone per l almenazone d sngol pun d ronsegna n bassa pressone o meda pressone; mpano d dervazone d uenza o allaameno è l omplesso d ubazon on dsposv ed elemen aessor he osusono le nsallazon neessare a fornre l gas al lene fnale; l mpano d dervazone d uenza o allaameno ha nzo dall organo d presa (ompreso) e s esende fno al gruppo d msura (esluso) e omprende l evenuale gruppo d rduzone; n assenza del gruppo d msura, l mpano d dervazone d uenza o allaameno s esende fno all organo d nereazone ermnale (nluso) della dervazone sessa; 7

8 mpresa dsrbure è l soggeo he esera l servzo d dsrbuzone e d msura del gas; leura d swh è la leura effeuaa n oasone del ambo d fornore; loalà è l unà errorale mnma d rfermeno a fn delle deermnazon arffare. La loalà d norma onde on l erroro d un sngolo omune. Qualora n uno sesso omune sano presen re d dsrbuzone del gas naurale non neronnesse, la loalà è la pare del erroro del omune serva da una sngola ree d dsrbuzone non neronnessa; loalà gas dvers è l omune o la pare d esso servo dalla sngola mpresa dsrbure d gas dvers dal naurale; meda pressone è la pressone relava del gas, defna per l gas naurale dal dereo 16 aprle 2008 e per gas d perolo lquefa dalla norma UNI EN 9860 edzone febbrao 2006: o superore a 0,04 bar e non superore a 5 bar (4 a, 5 a e 6 a spee) nel aso n u l gas dsrbuo sa gas naurale o gas manfaurao; o superore a 0,07 bar e non superore a 5 bar (4 a, 5 a e 6 a spee) nel aso n u l gas dsrbuo sa gas d perolo lquefao; msura del gas naurale è l avà d u all arolo 4, omma 4.17, della delberazone n. 11/07; perodo d avvameno è l perodo nerorrene ra la daa d prma fornura del gas e l 31 dembre del seondo anno suessvo all anno d prma fornura; proesso d aggregazone soeara è l aquszone d ram d mpresa da pare d alra mpresa dsrbure, la fusone d due o pù mprese dsrbur o l norporazone d un mpresa dsrbure da pare d alra mpresa dsrbure. Sono esluse da quesa defnzone le aquszon d pahe azonar e le rasformazon d sogge gurd; puno d onsegna dell mpano d dsrbuzone, o puno d onsegna, è: o per l gas naurale, l puno ondene on l puno d ronsegna della ree d rasporo, dove vene reso dsponble all mpresa dsrbure l gas naurale; o per gas dvers dal naurale, è l puno d almenazone dell mpano d dsrbuzone; puno d neronnessone è l puno d neronnessone ra due mpan d dsrbuzone ges da mprese dsrbur dverse; puno d ronsegna dell mpano d dsrbuzone, o puno d ronsegna, è l puno d onfne ra l mpano d dsrbuzone e l mpano del lene fnale, dove l mpresa d dsrbuzone ronsegna l gas naurale per la fornura al lene fnale; RQDG è l eso negrao della Regolazone della qualà servz d dsrbuzone e msura del gas per l perodo d regolazone , approvao on la delberazone dell Auorà 12 dembre /2013/R/gas; RTDG è l eso negrao della Regolazone delle arffe de servz d dsrbuzone e msura del gas per l perodo d regolazone ; sandard mero ubo è a fn arffar l mero ubo d gas rfero alle ondzon sandard; 8

9 arffe sono, a sens dell arolo 2, omma 17, della legge n. 481/95 prezz massm unar de servz al neo dell mpose; TIVG è l Teso Inegrao delle avà d venda al deaglo d gas naurale e gas dvers da gas naurale dsrbu a mezzo d re urbane, allegao alla delberazone ARG/gas 64/09, ome suessvamene modfao e negrao; dereo-legge 1 oobre 2007, n. 159 è l dereo-legge 1 oobre 2007, n. 159, onvero on modfhe dalla legge 29 novembre 2007, n. 222 e suessvamene modfao dalla legge 24 dembre 2007, n. 244; dereo legslavo n. 28/11 è l dereo legslavo 3 marzo 2011, n. 28, reane Auazone della dreva 2009/28/CE sulla promozone dell uso dell energa da fon rnnovabl, reane modfa e suessva abrogazone della dreva 2001/77/CE e 2003/30/e ; dpr n. 412/93 è l dereo del Presdene della Repubbla 26 agoso 1993, n. 412, pubblao nel Supplemeno ordnaro alla Gazzea Uffale, Sere generale n. 242 del 14 oobre 1993 e suessve modfhe e negrazon; delberazone n. 170/04 è la delberazone dell Auorà 29 seembre 2004, n. 170, ome suessvamene modfaa e negraa; delberazone n. 11/07 è la delberazone dell Auorà 18 gennao 2007, n. 11, ome suessvamene modfaa e negraa; delberazone GOP 35/08 è la delberazone dell Auorà 23 gugno 2008 GOP 35/08; delberazone ARG/gas 64/09 è la delberazone dell Auorà 4 gugno 2009, ARG/gas 65/09; delberazone ARG/gas 42/11 è la delberazone dell Auorà 11 aprle 2011, ARG/gas 42/11; TIT è l Teso negrao delle dsposzon dell Auorà per l erogazone de servz d rasmssone, dsrbuzone, e msura dell energa elera per l perodo d regolazone , approvao on la delberazone dell Auorà 29 dembre 2011, ARG/el 199/11, ome suessvamene modfao e negrao; RTTG è la pare II del Teso Uno della regolazone della qualà e delle arffe de servz d rasporo e dspaameno del gas naurale per l perodo (TUTG), relava alla Regolazone delle arffe per l servzo d rasporo e dspaameno del gas naurale per l perodo d regolazone (RTTG), approvao on delberazone dell Auorà 13 novembre 2013, 514/2013/R/gas. Arolo 2 Obblgh nformav n apo alle mprese dsrbur a fn arffar 2.1 A fn dell aggornameno arffaro annuale delle arffe d rfermeno e delle arffe obblgaore per servz d dsrbuzone e msura del gas naurale e delle opzon arffare gas dvers, n asun anno a parre dall anno 2014, asuna mpresa dsrbure rasmee all Auorà, aenendos alle modalà e alle empshe dsplnae on deermna del Dreore della Drezone Infrasruure dell Auorà, una rhesa d deermnazone delle arffe. 9

10 2.2 Le mprese dsrbur sono enue a omunare all Auorà, rame l prooollo nformao denomnao Anagrafa Terrorale Dsrbuzone Gas, enro qund (15) gorn dal suo verfars, ogn varazone relava alle loalà serve e al po d gas dsrbuo. 2.3 L Auorà verfa, anhe medane onroll a ampone: a) la orrspondenza del valore degl nremen parmonal omuna a sens delle dsposzon d u al omma 2.1 on valor rpora sulle fon onabl obblgaore de sogge proprear; b) la pernenza e la orrea mpuazone degl nremen parmonal d u alla preedene leera a) rspeo all avà d dsrbuzone e msura del gas. 2.4 Nel aso d esp d propreà d sogge dvers dall mpresa dsrbure, la medesma mpresa dsrbure è obblgaa ad aqusre una dharazone d verdà soosra dal legale rappresenane del soggeo proprearo, onenene l mpegno a rendere dsponbl, su rhesa dell Auorà, le fon onabl obblgaore relave agl nremen parmonal omuna a sens delle dsposzon d u al omma La manaa omunazone delle nformazon d u al omma 2.1, ovvero l manao rspeo de ermn e delle modalà d nvo prevse dalla deermna del Dreore della Drezone Infrasruure dell Auorà, omporano la non nlusone de nuov nvesmen al fne dell aggornameno arffaro annuale per l anno +1 e per gl ann suessv, fno ad oemperanza delle rhamae dsposzon, senza onguaglo. 2.6 Qualora la manaa omunazone delle nformazon d u al omma 2.1 abba per oggeo da fs relav al numero d pun d ronsegna: rem amm le omponen ( ds), ( ds), d u al suessvo Arolo 15, sono fssae par al valore mnmo, esluso l prmo dele, alolao dall Auorà per le loalà aven la medesma densà e apparenen al medesmo ambo arffaro n relazone alle qual s è proeduo al alolo punuale sulla base de da rasmess; rem amm le omponen ( ms) e ( ms), d u al suessvo Arolo 16, sono fssae par al valore mnmo alolao dall Auorà per le loalà n relazone alle qual s è proeduo al alolo punuale sulla base de da rasmess, esluso l prmo dele; la omponene o 3 delle opzon gas dvers, d u al suessvo Arolo 51 è posa par a zero; le omponen o 1 delle opzon gas dvers, d u al suessvo Arolo 51, sono alolae assumendo l valore mnmo, esluso l prmo dele, alolao dall Auorà per le loalà gas dvers aven la medesma densà e apparenen al medesmo ambo arffaro n relazone alle qual s è proeduo al alolo punuale sulla base de da rasmess; τ 1 (ms) delle opzon gas dvers, d u al suessvo Arolo 51, sono fssae par al valore mnmo alolao dall Auorà per le loalà n relazone alle qual s è proeduo al alolo punuale sulla base de da rasmess, esluso l prmo dele. 10

11 2.7 Qualora, a seguo d verfhe speve o alr aeramen, emerga he le srafazon d da relav a esp non sano supporae da da rpora nelle fon onabl obblgaore, s applano: on rfermeno a da relav ad ann aneeden l 2012, le dsposzon dell arolo 7 della RTDG ; on rfermeno a da relav ad ann suessv al 2011, le dsposzon del omma 2.5. Arolo 3 Defnzone e pubblazone delle arffe 3.1 A deorrere dall anno 2014, l Auorà defnse e pubbla, enro l 15 dembre d asun anno: le arffe obblgaore per servz d dsrbuzone e msura del gas naurale, da applare nell anno suessvo alle aual o poenzal onropar d onra relav a servz d u all Arolo 14; le opzon arffare per servz d dsrbuzone e msura d gas dvers, da applare nell anno suessvo alle aual o poenzal onropar d onra relav a servz d u all Arolo 50; ap ope le omponen ( en) e ( ds) d, r della arffa d rfermeno TVD, relave al servzo d dsrbuzone del gas naurale, d u all Arolo 15; ope, b ope, v ope le omponen ( ns), ( ns) e ( ra) della arffa d rfermeno TVM, relave al servzo d msura del gas naurale, d u all Arolo 16; la arffa d rfermeno COT, relava al servzo d ommeralzzazone de servz d dsrbuzone e d msura del gas naurale, d u all Arolo 17; mpor d perequazone bmesrale n aono d u al omma A deorrere dall anno 2014, l Auorà defnse e pubbla: enro l 31 marzo dell anno n va provvsora le arffe d rfermeno, relave all anno TVD, d u all Arolo 15, e TVM, d u all Arolo 16, alolae sulla base de da parmonal pre-onsunv relav all anno -1; enro l 15 dembre dell anno n va defnva, le arffe d rfermeno, relave all anno TVD, d u all Arolo 15, e TVM, d u all Arolo 16, alolae sulla base de da parmonal onsunv relav all anno Enro 30 (rena) gorn dalla daa d pubblazone delle arffe da pare dell Auorà, le mprese dsrbur pubblano a loro vola, sul propro so nerne le arffe obblgaore e le opzon arffare relave a servz eroga. Le medesme devono essere alresì rese dsponbl presso propr uff aper al pubblo. 11

12 Arolo 4 Rhese d refa 4.1 Le rhese d refa d da relav a nremen parmonal e onrbu possono essere presenae dalle mprese all Auorà n asun anno del perodo regolaoro, seondo le modalà defne on deermna del Dreore della Drezone Infrasruure, nelle seguen fnesre: 1 febbrao 15 febbrao; 1 seembre 15 seembre. 4.2 Le rhese d refa d da relav a nremen parmonal e onrbu, qualora omporno vanagg per len fnal, sono aeae on deorrenza dall anno arffaro a u è rferble l errore. 4.3 Le rhese d refa d da parmonal, qualora omporno vanagg per le mprese dsrbur sono aeae on deorrenza dall anno arffaro suessvo a quello della rhesa d refa. 4.4 Le rhese d refa d da fs sono aeae per l anno arffaro a u è rferble l errore. 4.5 Le rhese d refa d da parmonal o fs omporano l applazone d una ndennà ammnsrava a aro dell mpresa dsrbure he rhede la refa, par all 1% della varazone del lvello de rav aes ausao dalla medesma refa, on un mnmo d euro; 4.6 Qualora la varazone del lvello de rav aes non sa deermnable, s appla un ndennà ammnsrava d euro. 4.7 L ndennà ammnsrava è applaa dalla Cassa ed è versaa sul Cono per la perequazone arffara dsrbuzone gas d u al omma Arolo 5 Crer d applazone delle arffe 5.1 Le arffe obblgaore e le opzon arffare sono applae dall mpresa dsrbure n manera non dsrmnaora a ue le aual e poenzal onropar d onra per servz d dsrbuzone e msura del gas. 5.2 Le omponen arffare espresse n euro/puno d ronsegna per anno, sono addebae n quoe mensl alolae dvdendo per dod medesm mpor e arroondando l rsulao on rero ommerale alla quara fra demale. 5.3 In nessun aso può essere rheso l pagameno de orrspev on rfermeno al perodo suessvo alla essazone dell erogazone del servzo. Nel aso d essazone, subenro, volura o nuova onnessone, nel mese n u la essazone, l subenro o la nuova onnessone s verfano, le omponen arffare espresse n euro/puno d ronsegna per anno devono essere molplae, a fn della deermnazone degl mpor dovu per l medesmo mese, per un oeffene par al rapporo ra l numero d gorn d duraa del onrao nel medesmo anno e 365 (reenosessananque). 12

13 Arolo 6 Modalà d alolo de oeffen d onversone de volum msura per l gas naurale 6.1 Nel aso n u n un puno d ronsegna l gruppo d msura nsallao non sa doao d apparehaura per la orrezone delle msure alle ondzon sandard, la orrezone a fn arffar de volum msura avvene seondo le dsposzon d u a omm seguen. 6.2 Per asun puno d ronsegna doao d un gruppo d msura non provvso d apparehaure d orrezone de volum, la orrezone alle ondzon sandard de quanav msura avvene medane l applazone d un oeffene alolao seondo la seguene formula: dove: on: K ( p + p ) b m p = ; pr Tr K T = ; T m C = K p * K T 5 5,2559 p b = 1,01325*(1 2,25577*10 * H ) è la pressone baromera assolua, espressa n bar, dove H, deermnaa seondo rer nda nel suessvo omma 6.3, rappresena: o per pun d ronsegna ne qual la pressone relava d msura è nferore o uguale a 0,025 bar, l aludne sul lvello del mare del Comune nel quale è ubao l puno d ronsegna; o per pun d ronsegna ne qual la pressone relava d msura è superore a 0,025 bar, è l aludne meda per fasa almera. La fasa almera è, per asun omune, l nseme delle zone he s rovano ad aludn omprese all nerno d un nervallo d dslvello massmo par a 200 m. L esremo superore (nluso) d asuna fasa almera n ( FA seguene formula: sup COM FAn = A n*200 on: sup n ) è deermnao seondo la COM A è l aludne sul lvello del mare del Comune nel quale è ubao l puno d ronsegna; n è l numero he denfa la fasa almera. Per onvenzone la fasa almera nella quale è ompresa l aludne sul lvello del mare del Comune è denfaa on l numero 0. Le fase almerhe d aludne meda superore a quella del Comune sono numerae 13

14 progressvamene on numer ner posv a parre da 1. Le fase almerhe d aludne meda nferore a quella del Comune sono numerae progressvamene on numer ner negav a parre da 1; pm è la pressone relava d msura onvenzonale, par a: o 0,020 bar, per pun d ronsegna ne qual la pressone relava d msura onvenzonale è nferore o uguale a 0,025 bar; o la pressone d araura dell mpano d rduzone fnale della pressone del gas a mone del gruppo d msura, per pun d ronsegna ne qual la pressone relava d msura è superore a 0,025 bar; nel aso n u la msura avvenga a pressone non regolaa, l mpresa d dsrbuzone nsalla un apparehaura donea per la orrezone delle msure; pr è la pressone assolua d rfermeno, par a 1,01325 bar; Tr è la emperaura assolua d rfermeno, par a 288,15 Kelvn; T m è la emperaura assolua d msura onvenzonale, espressa n Kelvn, alolaa seondo la seguene formula: GG T m = 273, ng essendo paramer GG e ng rspevamene l numero de grad gorno del Comune e l numero de gorn d eserzo dell mpano, deermna seondo rer d u al suessvo omma A fn della deermnazone de paramer d u al omma 6.1 s fa rfermeno: a) per la defnzone della zona lmaa d apparenenza, dell aludne H e del numero de grad gorno GG d asun Comune, all allegao A del dpr n. 412/93; b) per la deermnazone del numero d gorn d eserzo dell mpano ng, a valor nda nella Tabella Nel aso d presenza d apparehaure per la orrezone della sola pressone o della sola emperaura, relav oeffen K p e K T assumono valore par a 1. GG 6.5 I valor del oeffene C, de oeffen K p e K T, del rapporo e del ng paramero p b d u al omma 6.2, sono arroonda alla sesa fra demale on rero ommerale. 14

15 Arolo 7 Modalà d alolo de oeffen d onversone de volum msura per gas dvers dal gas naurale 7.1 A fn della orrezone de quanav msura de gas dvers dal gas naurale s applano le dsposzon d u all Arolo 6, onsderando seguen valor d pressone relava d msura onvenzonale p : 0,020 bar per pun almena n bassa pressone on msele d gas naurale o d gas d perolo lquefa on ara e per gas manfaura; 0,030 bar per le msele d gas d perolo lquefa e per gl alr p d gas. 7.2 A fn della deermnazone della pressone baromera assolua p b, espressa n bar, d u al omma 6.2, s assume l aludne sul lvello del mare del Comune nel quale è ubao l puno d ronsegna per u pun d ronsegna ne qual la pressone relava d msura è nferore o uguale a 0,035 bar. Per gl alr pun d ronsegna s denfano le fase almerhe d apparenenza d asun puno d ronsegna, seondo quano prevso nel medesmo omma 6.2. m Arolo 8 Dveo d applazone d orrspev non espressamene prevs nella presene RTDG I sogge responsabl del servzo d msura non sono auorzza ad addebare orrspev he non sano regola nella presene RTDG per presazon forne nell ambo dello svolgmeno del medesmo servzo. Arolo 9 Dsposzon n maera d rasparenza de fluss nformav verso uen della ree e len fnal 9.1 In relazone a quano prevso dall Arolo 6 e dall Arolo 7, doumen d faurazone del servzo d dsrbuzone devono rporare: a) la quanà d gas dsrbuo ome msuraa, espressa n mer ub; b) l valore assuno dal oeffene orrevo C nel puno d ronsegna; ) la quanà d gas dsrbuo espressa n sandard mer ub. 9.2 In relazone a quano prevso dall Arolo 45 le mprese dsrbur fornsono deagl relav agl addeb della omponene arffara anon omunal per sngolo puno d ronsegna servo agl uen del servzo d dsrbuzone. 15

16 Arolo 10 Tasso d remunerazone del apale nveso 10.1 Per l perodo d regolazone 1 gennao dembre 2019 l asso d remunerazone del apale nveso è fssao par a: a) 6,9% per l servzo d dsrbuzone e 7,2% per l servzo d msura, on rfermeno al benno ; b) valor da deermnars enro l 30 novembre 2015, a fn dell applazone nel benno ; ) valor da deermnars enro l 30 novembre 2017, a fn dell applazone nel benno A fn degl aggornamen d u al preedene omma 10.1, leere b) e ) l Auorà proede all adeguameno del asso d rendmeno delle avà prve d rsho rspeo al valore par a 4,41%, alolao sulla base della meda de rendmen lord del BTP deennale benhmark rlevao dalla Bana d Iala nel perodo novembre 2012-oobre 2013, ulzzao nel alolo de ass d remunerazone d u al preeden omma 10.1, leera a) L adeguameno bennale del asso d rendmeno delle avà prve d rsho, d u al omma 10.2, vene effeuao sulla base della meda de rendmen lord del BTP deennale benhmark rlevao dalla Bana d Iala on rfermeno: al perodo novembre 2014-oobre 2015 per l adeguameno he deorre dall 1 gennao 2016; al perodo novembre 2016-oobre 2017 per l adeguameno he deorre dall 1 gennao Arolo 11 Tasso d rduzone annuale de os unar ronosu a operura de os operav 11.1 Il asso d rduzone annuale de os unar ronosu a operura de os operav del servzo d dsrbuzone, da applare per gl aggornamen delle arffe on effaa fno all anno 2016, è fssao: per le mprese dsrbur apparenen alla lasse dmensonale fno a pun d ronsegna serv, par al 2,5%; per le mprese dsrbur apparenen alla lasse dmensonale olre e fno a pun d ronsegna serv, par al 2,5%; per le mprese dsrbur apparenen alla lasse dmensonale olre pun d ronsegna serv, par al 1,7% Il asso d rduzone annuale de os unar ronosu a operura de os operav relav al servzo d msura e al servzo d ommeralzzazone, da applare per gl aggornamen delle arffe on effaa fno all anno 2016, è fssao par a 0%. 16

17 11.3 I ass d rduzone annuale de os unar ronosu a operura de os operav de servz d dsrbuzone, msura e ommeralzzazone, d u a preeden omm 11.1 e 11.2, sono aggorna enro l 30 novembre 2016 a fn della loro applazone a valere dall 1 gennao 2017 sulla base d uno spefo proedmeno da avvars nel orso dell anno Arolo 12 Maggorazone a operura degl exra-os onness on l esensone degl obblgh d verfa de dsposv d onversone 12.1 I os unar ronosu a operura de os operav d nsallazone e manuenzone de grupp d msura d lasse maggore d G6 onform a requs delle Dreve per la messa n servzo de grupp d msura del gas sono maggora medane applazone della omponene,. CVER un 12.2 Il valore della omponene CVER un, per l anno 2014 è fssao par a 60,00 Euro Per gl aggornamen delle arffe on effaa fno all anno 2016 l valore della omponene CVER un, è aggornao applando l asso d varazone medo annuo, rfero a dod mes preeden, de prezz al onsumo per le famgle d opera e mpega, rlevao dall Isa La omponene CVER un, è soggea a una revsone enro l 30 novembre 2016 a fn della sua applazone a valere dall 1 gennao Arolo 13 Meansmo d gradualà per l degrado de onrbu applable nel perodo La quoa annua d degrado per asuna mpresa dsrbure per la quale s appla l regme d degrado graduale d u al omma 2.2., leera b), della delberazone 573/2013/R/gas è alolaa n base alla seguene formula: QA CONT CONT = ST kg1 kg2 kd 2011, dove: CONT ST 2011, è lo sok d onrbu pubbl e prva essene al 31 dembre 2011; kg 1 è l oeffene d rlaso mmedao, rporao nella Tabella 2. Tale CONT oeffene esprme la quoa d ST 2011, soggea a rlaso nel orso del quaro perodo d regolazone; kg 2 è l oeffene d modulazone delle quoe d degrado, rporao nella Tabella 2; k d è l oeffene d degrado, fssao par a 0,

18 13.2 L ammonare dello sok d onrbu pubbl e prva da onsderare a fn della deermnazone del apale nveso nel perodo d regolazone per le mprese dsrbur per le qual s appla l regme d degrado graduale d u al omma 2.2., leera b), della delberazone 573/2013/R/gas è alolao n base alla seguene formula: CONT CONT ST = ST2011, kg1 QA, CONT 13.3 Le regole d u a preeden omm s applano sa a onrbu d loalà, sa a onrbu enralzza, ome defn nella RTDG

19 SEZIONE II REGOLAZIONE TARIFFARIA SERVIZI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Arolo 14 Ambo oggevo d applazone 14.1 La presene Sezone II rea le dsposzon aven ad oggeo la regolazone de orrspev per la remunerazone de seguen servz d pubbla ulà: a) dsrbuzone del gas naurale da meanodoo e a mezzo arro bombolao; b) msura del gas naurale La regolazone de orrspev d u al omma 14.1 è rfera a presazon rese nel rspeo delle ondzon e de lvell d qualà de servz defn nella RQDG e ne od d ree. TITOLO 2 TARIFFA DI RIFERIMENTO Arolo 15 Tarffa d rfermeno per l servzo d dsrbuzone 15.1 La arffa d rfermeno per l servzo d dsrbuzone è denomnaa arffa TVD ed è omposa, n asun anno dalle seguen omponen: a) b) ap ( en), espressa n euro per puno d ronsegna, a operura della remunerazone del apale nveso e degl ammoramen relav a mmoblzzazon enralzzae, ome rporaa nella Tabella 4; rem ( ds), espressa n euro per puno d ronsegna, a operura della remunerazone del apale nveso relavo alle mmoblzzazon maeral d loalà propre del servzo d dsrbuzone, per le loalà a regme nell anno ; 19

20 ) d) amm ds) (, espressa n euro per puno d ronsegna, a operura degl ammoramen relav alle mmoblzzazon maeral d loalà propre del servzo d dsrbuzone, per le loalà a regme nell anno ; ope ( ds) d, r, espressa n euro per puno d ronsegna, a operura de os operav relav al servzo d dsrbuzone forno nelle loalà a regme nell anno. Tale omponene è dfferenzaa n base alla densà d e alla lasse dmensonale r, relava al permero servo da asuna mpresa dsrbure nell anno -1, ome ndvduao sulla base della onfgurazone omunaa n sede d raola da. I valor della omponene sono rpora nella Tabella 3. Arolo 16 Tarffa d rfermeno per l servzo d msura 16.1 La arffa d rfermeno per l servzo d msura è denomnaa arffa TVM ed è omposa dalle seguen omponen: a) b) ) d) e) rem ( ms), espressa n euro per puno d ronsegna, a operura della remunerazone del apale nveso relavo alle mmoblzzazon maeral d loalà propre del servzo d msura, per le loalà a regme nell anno ; amm ( ms), espressa n euro per puno d ronsegna, a operura degl ammoramen relav alle mmoblzzazon maeral d loalà propre del servzo d msura, per le loalà a regme nell anno ; ope, b ( ns), espressa n euro per puno d ronsegna, a operura de os operav relav alle funzon d nsallazone e manuenzone d u grupp d msura d lasse nferore o uguale a G6 e de grupp d msura d lasse maggore a G6 non onform a requs delle Dreve per la messa n servzo de grupp d msura del gas. I valor della omponene sono rpora nella Tabella 4; ope, v ( ns), espressa n euro per puno d ronsegna, a operura de os operav relav alle funzon d nsallazone e manuenzone de grupp d msura d lasse maggore d G6 onform a requs delle Dreve per la messa n servzo de grupp d msura del gas. I valor della omponene sono rpora nella Tabella 4; ope ( ra), espressa n euro per puno d ronsegna, a operura de os operav relav alla funzone d raola, valdazone e regsrazone delle msure. I valor della omponene sono rpora nella Tabella 4; TEL,, espressa n euro, a operura de os enralzza per l ssema d eleleura/elegesone, he rova applazone lmaamene agl ann 2014 e 2015;, espressa n euro a operura de os de onenraor, he rova applazone lmaamene agl ann 2014 e f) g) CON, 20

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO DSPLNA DLLO SAMBO SUL POSTO Regole Tecniche Determinazione del contributo in conto scambio a decorrere dall anno 2013 ai sensi dell articolo 12 dell Allegato A alla delibera 570/2012/R/efr - DZON n. 1

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) Valido dall 1 gennaio 2015 Versione modificata con le deliberazioni

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2013/37 del 30 dicembre 2013 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato: tariffa per gli anni 2012 e 2013 - applicazione

Dettagli

Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa)

Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa) Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa) Massimiliano Viglian1 Solu1on Specialist Applica1on Division CBT Comunicazione integrata

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas)

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Direzione Consumatori e Utenti Seminario online - organizzazioni PMI 5 marzo 2014

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2013 6/2013/R/COM DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI TARIFFARIE E RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAGLI EVENTI SISMICI VERIFICATISI NEI GIORNI DEL 20

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

39100 Bolzano/Bozen Viale Druso/Drususallee 289 Nr.Str./Cod.fisc.: 80002160218

39100 Bolzano/Bozen Viale Druso/Drususallee 289 Nr.Str./Cod.fisc.: 80002160218 REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Isttuto Comprensvo d scuola prmara e secondara d prmo grado n lngua talana BOLZANO II DON BOSCO REPUBLIK ITALIEN AUTONOME PROVINZ BOZEN SUDTIROL

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA

DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA ED Educare Digitale DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA p. 1 Testimonianze ore 15:20 15:30 Corso Pia7aforma Dida;ca (Learning Management System) M A in Direzione aziendale e Ges;one

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Capitolo 3 Il trattamento statistico dei dati

Capitolo 3 Il trattamento statistico dei dati Capolo 3 Il raameo sasco de da 3. - Geeralà Nel descrere feome, occorre da u lao elaborare de modell (coè delle relazo maemache fra le gradezze, che coseao d descrere e preedere l feomeo) e dall alro dars

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

GLI SPECIALISTI NELLA PROTEZIONE CONTRO FULMINI E SOVRATENSIONI I PIONIERI NELLA PROTEZIONE UN AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI SOLUZIONI INTEGRALI

GLI SPECIALISTI NELLA PROTEZIONE CONTRO FULMINI E SOVRATENSIONI I PIONIERI NELLA PROTEZIONE UN AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI SOLUZIONI INTEGRALI PROTEZIONE CONTRO I FULMINI E LE Cirprotec PROTEZIONE ESTERNA Gli specialisti nella Protezione contro Fulmini e Sovratensioni Gamma completa di sis temi per la pr otezione esterna contro i fulmini: Parafulmini

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli