TELERIMBORSATI 1. RIMBORSO 2. RIDUZIONE DELLE TARIFFE OBIETTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TELERIMBORSATI 1. RIMBORSO 2. RIDUZIONE DELLE TARIFFE OBIETTIVO"

Transcript

1 TELERIMBORSATI OBIETTIVO 1. RIMBORSO 2. RIDUZIONE DELLE TARIFFE 1

2 COMMISSIONE DEL 3/11/2014 Fonti slide HERA commissione del 3/11/ % 61,7% 75% 38%

3 La Tariffa Le tariffe teleriscaldamento applicate da HERA sono omogeneizzate a livello di Gruppo Esistono due tipologie di tariffe: Monomia: rapportata al solo consumo effettivo, applicata ai clienti con bassi consumi e basso impegno di potenza contrattuale (consumi fino a kwh/anno e impianti con potenza inferiore a 30 kwt). Si tratta tipicamente di utenti domestici con consegna individuale; Binomia: applicata ai clienti con consumi ed impegno di potenza contrattuale superiori a quelli fissati come valore limite per la tariffa monomia, per i quali la tariffa è spezzata in una componente variabile con il consumo, ed una quota fissa, per l impegno d i potenza, indipendente dal consumo effettivo.

4 DEFINIZIONE IMPIANTO TERMICO DPR 412/93 art.1 comma 1 lettera f f) per impianto termico, un impianto tecnologico destinato alla climatizzazione degli ambienti con o senza produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari o alla sola produzione centralizzata di acqua calda per gli stessi usi, comprendente i sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e di controllo; sono quindi compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento, mentre non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, radiatori individuali, scaldacqua unifamiliari;

5 ALCUNE DEFINIZIONI di LEGGE L.n.90 del 4 Agosto 2013 Modifica Dpr412 La definizione di Impianto termico "impianto termico": Impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti,con o senza produzione di acqua calda sanitaria, Indipendentemente dal vettore energetico utilizzato,comprendente eventuali sistemi di produzione,distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento. Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe,caminetti, Apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante;tali apparecchi,se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kw. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate»

6 Esempio di Impianto Termico con caldaia a gas

7 Stesso Impianto privo di qualsiasi tipo di generatore di calore

8 Stesso Impianto con allacciamento al TELERISCALDAMENTO Ingresso Teleriscaldamento

9 Trattamento dell acqua come da DPR 59/2009 Obbligo anche solo nel casi di cambio del generatore di calore con durezza oltre i 15 F se con produzione di acqua calda sanitaria ( 25 F se solo riscaldamento,imola in media arriva a 50 F) per potenze > 100 kw

10 DEFINIZIONE PROPRIETARIO DPR 412/93 art.1 comma 1 lettera j j) per proprietario dell'impianto termico, chi è proprietario, in tutto o in parte, dell'impianto termico; nel caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati amministrati in condominio e nel caso di soggetti diversi dalle persone fisiche gli obblighi e le responsabilità posti a carico del proprietario dal presente regolamento sono da intendersi riferiti agli Amministratori;

11 Esercizio e manutenzione degli impianti termici DPR 412/93 art.11 comma 1 1. L'esercizio e la manutenzione degli impianti termici sono affidati al proprietario, definito come alla lettera j) dell'art.1, comma 1, o per esso ad un terzo, avente i requisiti definiti alla lettera o) dell'art. 1, comma 1, che se ne assume la responsabilità.

12 Esercizio e manutenzione degli impianti termici DPR 412/93 art.11 comma Gli impianti termici che provvedono alla climatizzazione invernale degli ambienti in tutto o in parte mediante l'adozione di macchine e sistemi diversi dai generatori di calore, macchine e sistemi quali ad esempio le pompe di calore, le centrali di cogenerazione al servizio degli edifici, gli scambiatori di calore al servizio delle utenze degli impianti di teleriscaldamento, gli impianti di climatizzazione invernale mediante sistemi solari attivi, devono essere muniti di libretto di centrale predisposto,secondo la specificità del caso dall'installatore dell'impianto ovvero, per gli impianti esistenti, dal responsabile dell'esercizio e della manutenzione; detto libretto dovrà contenere oltre alla descrizione dell'impianto stesso, l'elenco degli elementi da sottoporre a verifica, i limiti di accettabilità di detti elementi in conformità alle leggi vigenti, la periodicità prevista per le verifiche; un apposito spazio dovrà inoltre essere riservato all'annotazione degli interventi di manutenzione straordinaria. Per la parte relativa ad eventuali generatori di calore il libretto di centrale si atterrà alle relative disposizioni già previste nel presente regolamento.

13

14 GENERATORE di CALORE Caldaia Standard o /a Temperatura scorrevole Caldaia a Condensazione in batteria Scambiatore Teleriscaldamento

15 RENDIMENTO MEDIO STAGIONALE Il rendimento di produzione medio stagionale è il rapporto fra il calore utile prodotto dal generatore nella stagione di riscaldamento e l energia fornita nello stesso periodo sotto forma di combustibile ed energia elettrica. GENERATORI di CALORE A TEMPERATURA COSTANTE GENERATORI A TEMPERATURA SCORREVOLE GENERATORI di CALORE A CONDENSAZIONE

16 Rendimento medio stagionale (fonte ASSOTERMICA)

17 TRATTAMENTO ACQUA DPR 59/2009 DPR 59/2009 Art. 4 comma 14,a Obbligo anche solo nel casi di cambio del generatore di calore con durezza oltre i 15 F se con produzione di acqua calda sanitaria ( 25 F se solo riscaldamento,imola in media arriva a 50 F) per potenze > 100 kw Addolcitore Per impianti 100 kw oltre 15 F se con acqua calda e 25 F se solo climatizzazione Pompa Dosatrice/Dosatore

18 PRODUZIONE ACQUA CALDA Boiler

19 ALTRI COMPONENTI IMPIANTO TERMICO Circolatori Vasi di espansione

20 TERMOREGOLAZIONE

21 CONTABILIZZAZIONE Obbligatori in caso di ristrutturazione/trasformazione impianto DLgs 192/2005 DPR 59/2009 art. 4 comma 2 e,comma 10 Obbligatorio al primo intervento di ristrutturazione dell impianto,comunque in ogni caso entro il 31/12/2016 legge-regionale n.7 art 25 comma 2

22 Per usufruire del servizio Teleriscaldamento il cliente deve sostenere due tipi di costi: Contributo di allacciamento : costo di accesso al servizio; Tariffa : costo per la fruizione del servizio.

23 Contributo di Allacciamento Per usufruire del Servizio Teleriscaldamento al cliente è richiesto un importo una tantum, di prima attivazione del servizio: il contributo di allacciamento.

24 Secondo lo standard HERA esistono tre tipologie di allacciamento: Allacciamento da rete primaria con unico scambiatore Allacciamento da rete primaria con doppio scambiatore Allacciamento da rete secondaria senza scambiatore

25 Il valore del contributo di allacciamento dipende: dalla tipologia di fornitura: da rete primaria o secondaria (con o senza scambiatore); dalla potenza termica richiesta dall utente;

26

27 Metodi di calcolo e Formule tariffarie Tariffa Monomia Pm = K1 * K2 * (Tm gas/pci )* n * 860 * C?

28 K1, K2 : sono coefficienti moltiplicativi di perequazione, che sono inseriti nella formula per tener conto dell incidenza dei costi evitati dall utente teleriscaldamento rispetto all utente gas (manutenzione e conduzione caldaie, ammortamento impianto, controllo fumi...) e rendere quindi equivalenti i costi finali dei due diversi servizi; (i valori attuali di questi due parametri sono rispettivamente 1,10 e 1,05); Tm : gas è il prezzo medio del gas metano (consumo annuo di riferimento assunto pari a stmc) nel bacino tariffario di riferimento; Pci : Potere calorifico inferiore del gas; (8.250 kcal/smc); n : rendimento medio stagionale di una caldaia a gas per riscaldamento e produzione di acqua sanitaria; (assunto pari a 80%); 860 : fattore di conversione da Kcal a KWh; C : coefficiente adeguamento IVA, che tiene conto dei diversi regimi Iva che ci sono tra TLR e gas metano; (si assume pari a 1,091 per i consumi ad uso domestico che hanno IVA agevolata al 10%, e pari a 1 per consumi ad uso non domestico e domestico che hanno aliquota IVA piena al 20%).

29 Tariffa Binomia La tariffa binomia è composta di due parti: quota fissa e quota variabile. Quota Fissa: è una quota unitaria annua, che viene applicata per ogni kwt di potenza impegnata dall utente, indipendentemente dal consumo effettivo, a fronte della disponibilità degli impianti e della rete che HERA deve contrattualmente garantire. Qf = K1 * (T gas /Pci * n) * 860 * C * K2?

30 K1 : è un coefficiente moltiplicativo di perequazione, che è inserito nella formula per tener conto dell incidenza dei costi evitati dall utente teleriscaldamento rispetto all utente gas (manutenzione e conduzione caldaie, ammortamento impianto, controllo fumi...) e rendere quindi equivalenti i costi finali dei due diversi servizi; (il valore attuale di K1 è 1,13); T gas : è il prezzo del gas metano, parametrato agli scaglioni di riferimento dell effettivo consumo, nel bacino tariffario di riferimento; Pci : Potere calorifico del gas; (8.250 kcal / smc); n : rendimento medio stagionale di una caldaia a gas per riscaldamento e produzione di acqua sanitaria; (assunto pari a 80%); 860 : fattore di conversione da Kcal a KWh; C : coefficiente adeguamento IVA, che tiene conto dei diversi regimi Iva che ci sono tra TLR e gas metano; (si assume pari a 1,091 per i consumi ad uso domestico che hanno IVA agevolata al 10%, e pari a 1 per consumi ad uso non domestico o domestico che hanno aliquota IVA piena al 20% ); K2 : coefficiente di trasformazione utilizzato per il calcolo della quota portata espressa in mc/h.

31 Quota variabile: è la quota che varia in funzione dell effettivo consumo. Qv = K * (T gas /Pci * n )* 860 * C * 0,8?

32 K : è un coefficiente moltiplicativo di perequazione, che è inserito nella formula per tener conto dell incidenza dei costi evitati dall utente teleriscaldamento rispetto all utente gas (manutenzione e conduzione caldaie, ammortamento impianto, controllo fumi...) e rendere quindi equivalenti i costi finali dei due diversi servizi; (il valore attuale di K1 è 1,13); T gas : è il prezzo del gas metano, parametrato agli scaglioni di riferimento dell effettivo consumo, nel bacino tariffario di riferimento; n : rendimento medio stagionale di una caldaia a gas per riscaldamento e produzione di acqua sanitaria; (assunto pari a 80%); 860 : fattore di conversione da Kcal a KWh; C : coefficiente adeguamento IVA, che tiene conto dei diversi regimi Iva che ci sono tra TLR e gas metano; (si assume pari a 1,091 per i consumi ad uso domestico che hanno IVA agevolata al 10%, e pari a 1 per consumi ad uso non domestico o domestico che hanno aliquota IVA piena al 20% ); 0,8 : coefficiente di riduzione della quota variabile all 80% del totale.

33 TARIFFE 1 APRILE 2015 TLR IMOLA-FAENZA CASTEL BOLOGNESE

34 TARIFFE DEL 1 APRILE 2015 QUOTA FISSA ANNUALE Va moltiplicato ogni anno per la potenza impegnata Va aggiunto ogni anno

35

36 Un esempio reale come ritiene HERA

37 ANALIZZIAMO AD ESEMPIO IL COMUNICATO HERA DEL 1 APRILE 2015 SULLA VARIAZIONE TRIMESTRALE MEDIA DEI PREZZI di TUTTA LA RETE HERA TLR Lo scambiatore è stato ridotto di circa un 30% Perché fare un confronto con una caldaia vecchia? Gli piace vincere facile? Viene messo in evidenza un risparmio a favore del TLR del 8,9 %

38 A cosa è dovuto questo risparmio pari a 8,9 % Potenza Impegnata annuale Incominciamo precisando che il TLR usufruisce di Iva agevolata pari al 10% e che il MTN è soggetto all Iva al 22%.

39 Se la caldaia ha un rendimento pari all 80% probabilmente ha oltre 10 anni e sicuramente è già stata ammortizzata pertanto non andrebbe considerato

40 Tutti i componenti dell impianto termico sono solo a carico dell impianto a gas? Risposta, NO!!!

41 PRIMA VALUTAZIONE di risparmio pari a un 8,9 % Un risparmio dell 8,9 % non copre neppure il vantaggio dell IVA agevolata al 10% Forse se il MTN avesse un IVA al 10% sarebbe più conveniente lo stesso

42 SECONDA VALUTAZIONE Prendiamo il caso reale pubblicizzato sul volantino stessa potenza 180 KW e il caso del comunicato trimestrale 187 KW Improvvisamente ci accorgiamo che nel caso reale i costi di ammortamento,e manutenzione ordinaria e straordinaria del medesimo impianto sono notevolmente inferiori CASO REALE VOLANTINO COMUNICATO TRIMESTRALE HERA Ammortamento caldaia circa 1000 Ammortamento caldaia Manutenzione ordinaria straordinaria circa 2000 Manutenzione ordinaria 3025 Manutenzione straordinaria 750 Totale 3000 Totale 5499 Differenza =

43 RISULTATO COSTO IMPIANTO MTN 26035, = 23586,2 COSTO TLR 23713, ,00 (noleggio) = 23888,9 Differenza a favore del MTN 23888, ,2 = 302,7 Pari a circa l 1,3 % in meno

44 TIRANDO LE SOMME Riassumendo L Impianto a MTN in conclusione risulta più vantaggioso dell 1,3 % pur risentendo di un IVA al 22%, nonostante il confronto abbia preso come riferimento una caldaia con rendimento medio stagionale dell 80%,aggravandola di costi di ammortamento ormai già ammortizzati non invece considerati invece per l allaccio al TLR e aggravandola di costi di esercizio e manutenzione comunque elevati visti i contratti di manutenzione che offre il mercato.

45 CONCLUSIONI Si può concludere che un esame attento dei dati porta a evidenziare che non esiste un vantaggio del TLR sul MTN. Pertanto la TRASPARENZA e LA PUBBLICITA di HERA nei confronti del TLR potrebbe aver portato o portare i cittadini IMOLESI a una scelta che diversamente non avrebbero fatto.

Tariffe Teleriscaldamento

Tariffe Teleriscaldamento Tariffe Teleriscaldamento 1 Premessa La presente relazione è finalizzata ad illustrare sinteticamente le principali valutazioni economiche di costo complessivo del servizio, per il cliente finale del teleriscaldamento,

Dettagli

Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione"

Art. 1 A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione" QUESITO N. 2 Quali impianti devono essere muniti del libretto? Ad esempio se ho

Dettagli

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Manutenzione degli impianto di riscaldamento 19/06/2007 Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Legge 10/91 Oggetto: uso razionale dell energia Finalità: ridurre i consumi energetici e migliorare la compatibilità ambientale

Dettagli

E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria,

E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato

Dettagli

Hera SpA - Teleriscaldamento. Analisi tariffaria del servizio di TLR per la Città di Ferrara

Hera SpA - Teleriscaldamento. Analisi tariffaria del servizio di TLR per la Città di Ferrara Advisory - Strategy Hera SpA - Teleriscaldamento Analisi tariffaria del servizio di TLR per la Città di Ferrara AVVISO Importanti informazioni destinate a qualsivoglia soggetto che non sia stato autorizzato

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici Comune di Lodi La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira Indice CAMPAGNA OBBLIGATORIA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? 4 GLI IMPIANTI TERMICI,

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni Linee guida per il regolamento delle ispezioni degli impianti termici degli edifici ai sensi del D.P.R. n. 74/2013. Domenico Prisinzano Torino, 14 ottobre 2014 Esercizio e manutenzione

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Venerdì 23

Dettagli

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Recepimento D.P.R. 16 aprile 2013 n. 74 e del D.M. 10 febbraio 2014 Confartigianato Sondrio 6 novembre 2014 Regione Lombardia

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 Il NUOVO libretto di centrale. Quali sono gli adempimenti a carico dell amministratore condominiale e quali a carico del manutentore della centrale termica. D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 D.M. 10 febbraio

Dettagli

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici INDICE Che cosa s intende per impianto termico...4 Che cosa si intende genericamente per caldaietta...4 Impianto termico non utilizzato...4 ALCUNE

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2015 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del

Dettagli

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Bologna, 19 novembre 2014 Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Risparmio energetico? Benvenuto nel Club! DPR 74/2013 (1) Regolamento recante definizione dei

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Dott. Ing. Michele Baleani M. +39 349 2807769 0F. +39 071 7231280 We Plan Ingegneria è costituito da un gruppo di giovani

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina le procedure per l'effettuazione

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti Nuovi Decreti Impianti Termici Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti 1.1 Ambiti di intervento e finalità Definizioni: Esercizio: attività che dispone e coordina, nel

Dettagli

La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi

La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Martedì, 14 ottobre 2014 Regione Piemonte

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Normativa Tecnica

Dettagli

OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO

OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO CUNEO 3 novembre 2014 Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Il nuovo

Dettagli

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea NORMATIVA Release 01/03/2015 LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l installazione

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * il Catasto degli Impianti Termici (CIT) sostituisce il l Sistema Informativo di Gestione degli Impianti Termici (SIGIT); * 15

Dettagli

Detrazione 55% Ed. Ottobre 2009

Detrazione 55% Ed. Ottobre 2009 1 AGEVOLAZIONE DEL 55% PER FINESTRE COMPRENSIVE DI INFISSI INDICE 2 CHI PUÒ BENEFICIARE DELL AGEVOLAZIONE CONDIZIONI BASE DEFINIZIONI TEMPI DELL INVESTIMENTO MISURA DELL AGEVOLAZIONE RIPARTO DELL AGEVOLAZIONE

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA?

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? 1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? Tab. 1 - Impianti soggetti a controllo di efficienza energetica In base a quanto stabilito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74 ss.mm.ii,

Dettagli

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI Guida per l esercizio, controllo e manutenzione degli impianti termici Realizzato da ENEA nell ambito delle attività di informazione e formazione del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Scheda tecnica n. 26T Installazione di sistemi centralizzati per la climatizzazione invernale e/o estiva di edifici ad uso civile

Scheda tecnica n. 26T Installazione di sistemi centralizzati per la climatizzazione invernale e/o estiva di edifici ad uso civile Scheda tecnica n. 26T Installazione di sistemi centralizzati per la climatizzazione invernale e/o estiva di edifici ad uso civile 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento

Dettagli

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Studio del caso nella provincia di Forlì Luca Golfera, Marco Pellegrini, Augusto Bianchini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di

Dettagli

INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFORMAZIONI PER I CITTADINI 1 INDICE Pagina Informazioni per i cittadini: Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Cosa si intende per impianto termico... 4 Responsabile dell impianto termico... 4 Il Libretto di Impianto

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw PROVINCIA DI POTENZA Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw dd rf f rt t 54+ à+àddedefff àf N 1 DEFINIZIONI impianto termico: un impianto tecnologico

Dettagli

Incontri informativi con gli operatori tecnici. DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74

Incontri informativi con gli operatori tecnici. DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74 PROVINCIA DI GENOVA DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA Ufficio Impianti Termici Incontri informativi con gli operatori tecnici DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013,

Dettagli

Definizioni (articolo 1, comma 3):

Definizioni (articolo 1, comma 3): Allegato 1 Definizioni (articolo 1, comma 3): a) accertamento: è l insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle opere e gli

Dettagli

ALLEGATO A (ART 2) DLGS 192/2005 ALL A (ART 2) CON MODIFICHE DM

ALLEGATO A (ART 2) DLGS 192/2005 ALL A (ART 2) CON MODIFICHE DM 1 ALLEGATO A (ART 2) DLGS 192/2005 ALL A (ART 2) CON MODIFICHE DM 2013 ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica JPE2010 ha ottenuto la certificazione secondo la UNI CEI 11352, la norma italiana che stabilisce i requisiti per le società che svolgono il ruolo di Energy Service Company Jpe 2010 S.c.r.l. E.S.Co. Via

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale

Termotecnica Pompe di Industriale Termotecnica Pompe di Industriale Calore Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile TECNOLOGIA A POMPA DI CALORE Milano, 24/05/2013 C.R. ENEA di CASACCIA Referente

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015 n. 19 NORME IN MATERIA DI ESERCIZIO E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI Rossano Basili Esercizio e manutenzione degli impianti termici:

Dettagli

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti 2 Ambiti di intervento per il miglioramento dell efficienza Dispersioni dell involucro (coibentazione)

Dettagli

LINEE GUIDA DEL NUOVO CONTO TERMICO

LINEE GUIDA DEL NUOVO CONTO TERMICO LINEE GUIDA DEL NUOVO CONTO TERMICO CONTO TERMICO POMPE DI CALORE ELETTRICHE E A GAS A) Requisiti necessari per accedere all'incentivo per pompe di calore elettriche o a gas Sostituzione parziale o integrale

Dettagli

Fiscal News N. 48. Risparmio energetico: immobili interessati. La circolare di aggiornamento professionale 12.02.2014

Fiscal News N. 48. Risparmio energetico: immobili interessati. La circolare di aggiornamento professionale 12.02.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 48 12.02.2014 Risparmio energetico: immobili interessati Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 55% A seguito delle modifiche apportate all

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. COMUNE DI LECCE Regolamento per l esecuzione degli accertamenti e delle ispezioni per il controllo del rendimento di combustione e dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici (adempimenti

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 248 Anno 45 20 ottobre 2014 N. 305 DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014

nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014 I nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014 nutenzione di cui necessita l'impianto da loro installato o in manutenzione, per garantire la sicurezza delle persone e delle cose; b. con quale

Dettagli

Guida alla lettura delle bollette del teleriscaldamento per uso domestico. Quartiere Giardino (Modena)

Guida alla lettura delle bollette del teleriscaldamento per uso domestico. Quartiere Giardino (Modena) Guida alla lettura delle bollette del teleriscaldamento per uso domestico Quartiere Giardino (Modena) Sommario Acqua calda Il calcolo degli importi per l acqua calda Acqua calda singole unità Acqua calda

Dettagli

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI AGIRE Agenzia Veneziana per l Energia ing. Michele Chieregato L AGENZIA VENEZIANA PER L ENERGIA FONTI RINNOVABILI EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N ALLEGATO 3 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA APPROVATO DAL CONSIGLIO PROVINCIALE IN DATA 1 DICEMBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto -

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

POMPE DI CALORE A.C.S.

POMPE DI CALORE A.C.S. GUIDA PRATICA POMPE DI CALORE A.C.S. Sintesi delle cose da sapere Rev. 02 06 Nov. 2013 Pagina : 1/6 Pompe di Calore per Acqua Calda Sanitaria (ACS) Generalità Le pompe di calore per Acqua Calda Sanitaria

Dettagli

COMUNE ACQUI TERME (AL)

COMUNE ACQUI TERME (AL) COMUNE ACQUI TERME (AL) INTEGRAZIONE SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO CITTADINO CON ANNESSO POLO TECNOLOGICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA ED ELETTRICA, A SERVIZIO DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA O PERTINENZA

Dettagli

Contabilizzazione del calore

Contabilizzazione del calore 14 Contabilizzazione del calore La nuova UNI 10200 Lo scorso febbraio è stata pubblicata la UNI 10200, norma tecnica dal titolo Impianti termici centralizzati di climatizzazione invernale e produzione

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

Premessa 2. Definizioni 3. Essere in regola 6. Vantaggi della manutenzione 7. Impianti termici ed enti locali 8

Premessa 2. Definizioni 3. Essere in regola 6. Vantaggi della manutenzione 7. Impianti termici ed enti locali 8 CARTA DEI SERVIZI Indice Premessa 2 Definizioni 3 Essere in regola 6 Vantaggi della manutenzione 7 Impianti termici ed enti locali 8 Ispezione degli impianti termici da parte di Publicontrolli 10 Ubicazione

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Pompe di calore a CO 2. Innovazione, acqua calda e COP record

Pompe di calore a CO 2. Innovazione, acqua calda e COP record Pompe di calore a CO 2. Innovazione, acqua calda e COP record Pisa - 17 luglio 2014 Pompa di calore aria/acqua per applicazioni di tipo residenziale all in one Michele Viola Termal Hot Wave MITSUBISHI

Dettagli

Impianti di climatizzazione invernale. WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. Novità per utilizzatori ed operatori

Impianti di climatizzazione invernale. WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. Novità per utilizzatori ed operatori Impianti di climatizzazione invernale Novità per utilizzatori ed operatori Ing. Alfredo Marrocchelli - Ricercatore ENEA UTEE - REDI WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. 1 Introduzione Punto della

Dettagli

ROMAENERGIA Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma

ROMAENERGIA Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma RomaEnergia REGIONE LAZIO Dipartimento territorio Direzione regionale Ambiente e Cooperazione tra i popoli Area Pianificazione in Materia di Uso Razionale dell Energia e di Utilizzo delle Fonti Rinnovabili

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza Venerdì 23 marzo 2012 IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Relatore: Ing. Maurizio Landolfi Consumi energetici

Dettagli

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 ENERGY 4 YOU SRL La Storia Energy 4 You è una società fondata nel 2005 e attiva nella vendita di energia elettrica

Dettagli

D.G.R. 30 settembre 2008, n. 35-9702

D.G.R. 30 settembre 2008, n. 35-9702 D.G.R. 30 settembre 2008, n. 35-9702 DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 28 MAGGIO 2007 N. 13 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI (ART. 21, COMMA 1, LETTERE H, I, J, K, L, M, O) (B.U.R. n. 41 del 9

Dettagli

Risoluzione 303/E-15/7/2008 dell Agenzia delle Entrate Risoluzione 340/E 1/8/2008 dell Agenzia delle Entrate

Risoluzione 303/E-15/7/2008 dell Agenzia delle Entrate Risoluzione 340/E 1/8/2008 dell Agenzia delle Entrate 2 Gli interventi realizzati da un impresa di costruzione sugli immobili merce non possono beneficiare della detrazione del 55% (ora 65%) Risoluzione 303/E-15/7/2008 dell Agenzia delle Entrate Una Società

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

ALLEGATO A. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

ALLEGATO A. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici ALLEGATO A Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici 1. Principali riferimenti legislativi e normativi LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 Norme

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

IL TELERISCALDAMENTO

IL TELERISCALDAMENTO IL TELERISCALDAMENTO 1. COS è IL TELERISCALDAMENTO? 1.1 Come funziona 1.2 Stato attuale del teleriscaldamento: in Italia, in Europa e nel Mondo 2. VANTAGGI 2.1 Vantaggi per il cittadino-utente 2.2 Vantaggi

Dettagli

Impianti termici: esercizio e manutenzione

Impianti termici: esercizio e manutenzione Impianti termici: esercizio e manutenzione Quadro normativo: Esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici degli edifici. Legge 10/91 D.lgs 192/05 e s.m.i.; D.P.R. n.

Dettagli

TARIFFA D1. Tariffa elettrica speciale per pompe di calore

TARIFFA D1. Tariffa elettrica speciale per pompe di calore TARIFFA D1 Tariffa elettrica speciale per pompe di calore DELIBERA AEEG 607/2013/R/EEL Lo scorso 23/12 l AEEG ha emesso una delibera relativa al rilascio di una nuova tariffa di rete per la fornitura di

Dettagli

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009)

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI D ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE

SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE Il presente documento si propone di approfondire i sistemi di generazione del fluido termovettore per riscaldare e raffrescare le civili abitazioni, con

Dettagli

menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO

menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO Il riscaldamento degli edifici avviene tradizionalmente mediante impianti di combustione ( gas metano, gasolio, carbone ). Recentemente sono stati introdotti sistemi

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Art.1) Premessa Art.2) Definizioni Art.3) Individuazione del Servizio responsabile energia Art.4) Impianti soggetti

Art.1) Premessa Art.2) Definizioni Art.3) Individuazione del Servizio responsabile energia Art.4) Impianti soggetti COMUNE DI LECCE Regolamento per l esecuzione del controllo del rendimento di combustione e dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici. (adempimenti connessi all attuazione della Legge

Dettagli

Ispezione, controllo e manutenzione degli impianti termici dalla legge 10/91 al

Ispezione, controllo e manutenzione degli impianti termici dalla legge 10/91 al Ispezione, controllo e manutenzione degli dalla legge 10/91 al DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74 (Gazzetta Ufficiale N. 149 del 27 Giugno 2013) Ing. Camillo Calvaresi ACEER

Dettagli

Art.9 Ispezioni sugli impianti termici

Art.9 Ispezioni sugli impianti termici Art.8 Controllo dell'efficienza energetica degli impianti termici Art.8 Controllo dell'efficienza energetica degli impianti termici 7. I generatori di calore per i quali, durante le operazioni di controllo,

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti Dott. Ing. Pietro Marforio Sistema edificio/impianto Per soddisfare il fabbisogno di energia termica di un edificio,

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DEL CON- TROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

I L T E L E R I S C A L D A M E N T O G U I D A A L S E R V I Z I O

I L T E L E R I S C A L D A M E N T O G U I D A A L S E R V I Z I O I L T E L E R I S C A L D A M E N T O G U I D A A L S E R V I Z I O Il Teleriscaldamento Guida al servizio Il teleriscaldamento fu negli anni 80 una scelta di avanguardia che aveva l obiettivo di governare

Dettagli

Regolamento per la Certificazione Energetica degli Edifici

Regolamento per la Certificazione Energetica degli Edifici Regolamento per la Certificazione Energetica degli Edifici In vigore dal 15.11.2010 Rina Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Italy Tel. +39 01053851 Fax: +39 0105351000 www.rina.org CAPITOLO 1

Dettagli

SCARICO DEI FUMI A TETTO E A PARETE (Legge 3 agosto 2013, n. 90)

SCARICO DEI FUMI A TETTO E A PARETE (Legge 3 agosto 2013, n. 90) I Quaderni del RUE Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano SCARICO DEI FUMI A TETTO E A PARETE (Legge 3 agosto 2013, n. 90) Disposizione tecnico-organizzativa (DTO

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per ristrutturazioni edilizie e riqualificazioni energetiche. Ing Giovanni Di Giacomo

Soluzioni impiantistiche per ristrutturazioni edilizie e riqualificazioni energetiche. Ing Giovanni Di Giacomo Soluzioni impiantistiche per ristrutturazioni edilizie e riqualificazioni energetiche Ing Giovanni Di Giacomo Giovanni.digiacomo7@tin.it g.digiacomo@pec.ording.roma.it 1 Ristrutturazioni edilizie Tipologia

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

conto energia termico

conto energia termico conto energia FV FER TO certificati verdi detrazioni fiscali 50% e 65% certificati bianchi o TEE conto energia termico decreto ministeriale 28 dicembre 2012 incentivazione della produzione di energia termica

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto di Riscaldamento ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto di Riscaldamento ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014

PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014 PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014 Premessa Il Progetto per la realizzazione di una infrastruttura di servizio di

Dettagli

Il fabbisogno di acqua calda. E = 1.16 V dt (Wh) (es: vasca da bagno di 160 l scaldata di 30 C assorbe 5.56 kwh)

Il fabbisogno di acqua calda. E = 1.16 V dt (Wh) (es: vasca da bagno di 160 l scaldata di 30 C assorbe 5.56 kwh) Il fabbisogno di acqua calda Il fabbisogno di acqua calda si valuta in termini energetici per scaldare 1 l di acqua di 1 C occorrono 1.16 Wh determinato il volume di acqua da scaldare (V in litri) e l'innalzamento

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 18 GENNAIO 2008. Sommario. Testo coordinato della d.g.r. 5 dicembre 2007 - n. 8/6033

MILANO - VENERDÌ, 18 GENNAIO 2008. Sommario. Testo coordinato della d.g.r. 5 dicembre 2007 - n. 8/6033 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 18 GENNAIO 2008 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVIII - N. 14 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino

Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino La contabilizzazione dell energia termica negli impianti di riscaldamento: aspetti tecnici e gestionali Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino 1 Premessa (1) I tradizionali impianti

Dettagli

Interventi sugli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Stima dei potenziali risparmi

Interventi sugli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Stima dei potenziali risparmi Interventi sugli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Stima dei potenziali risparmi Gianfranco Cellai DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE Il ruolo dell edificio e degli impianti Assicurare

Dettagli

CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI

CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI Impianti termici centralizzati: i nuovi obblighi di contabilizzazione, le tecnologie possibili e i modelli

Dettagli